PROTOCOLLO PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI TRA IL CONSORZIO ETIMOS, ETIMOS FOUNDATION, ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA E LA FEDERAZIONE DELLE BANCHE DI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROTOCOLLO PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI TRA IL CONSORZIO ETIMOS, ETIMOS FOUNDATION, ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA E LA FEDERAZIONE DELLE BANCHE DI"

Transcript

1 PROTOCOLLO PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI TRA IL CONSORZIO ETIMOS, ETIMOS FOUNDATION, ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA E LA FEDERAZIONE DELLE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVE ABRUZZO E MOLISE RELATIVA AL PROGETTO INIZIATIVE DI MICROCREDITO E MICROFINANZA A FAVORE DELLE POPOLAZIONI COLPITE DAL SISMA Fra Consorzio Etimos S.c. (di seguito denominato Consorzio Etimos ) con sede in Padova, via Giusto De Menabuoi, 25 (C.F ), nella persona del Presidente e Legale Rappresentante, Dott. Paolo Nicoletti, Etimos Foundation o.n.l.u.s. (di seguito denominata Etimos Foundation ) con sede in Padova, via Giusto De Menabuoi, 25 (C.F ), nella persona del Presidente e Legale Rappresentante, Ing. Marco Santori, L Associazione Bancaria Italiana (di seguito denominata ABI ), con sede in Piazza del Gesù 49, 00186, Roma, rappresentata dal Dott. Bruno Presidente, nella persona del Presidente della Commissione regionale ABI dell Abruzzo, Federazione delle Banche di Credito Cooperativo Abruzzo e Molise (di seguito denominata FEDAM ) con sede in Pescara (PE), Via Avezzano 2, P. IVA , nella persona del Presidente, On. Antonio Tancredi, di seguito congiuntamente denominate Parti e singolarmente Parte Premesso che: - Il Consorzio Etimos e Etimos Foundation, in virtù del Protocollo di Intesa sottoscritto il giorno 23 Dicembre 2009 con il Dipartimento di Protezione Civile Italiana (di seguito denominata Protezione Civile ), sono stati incaricati dalla Protezione Civile di gestire un progetto a sostegno dell inclusione finanziaria delle famiglie, delle micro e piccole imprese nonché delle associazioni aventi residenza, domicilio o sede nel territorio abruzzese. - L ABI ha promosso una serie di iniziative tendenti a favorire un corretto posizionamento dell'industria bancaria italiana in materia di microcredito, tra le quali, a livello nazionale, l Accordo Quadro ABI CEI destinato alle famiglie numerose o gravate da malattia e disabilità che abbiano perso il reddito e, a livello locale, l Accordo Quadro con la Regione Abruzzo in favore di soggetti privi di storia creditizia e capacità di presentare garanzie patrimoniali per l avvio o il consolidamento di un attività produttiva. A seguito del terremoto in Abruzzo l industria bancaria si è impegnata attivamente per favorire il finanziamento della clientela retail colpita dal sisma, attraverso l accordo con la Cassa depositi e prestiti per l erogazione dei contributi previsti dalla legge a chi ha subito danni, e ha prontamente adottato talune misure in favore delle popolazioni colpite, tra cui la sospensione dei pagamenti rateali dei mutui e degli altri finanziamenti bancari, ivi compreso il credito al consumo. Il Consorzio Etimos ha presentato alla Protezione Civile il Progetto Iniziative di microcredito e microfinanza a favore delle popolazioni colpite dal sisma (di seguito, il Progetto) che è stato finanziato dal medesimo ente pubblico. - In relazione al sopra citato Progetto, il Consorzio Etimos, ABI e FEDAM sottoscrivevano in data 22 luglio 2010 un Protocollo volto all istituzione di un Fondo patrimoniale, finalizzato a favorire l accesso al credito delle famiglie, delle micro e piccole imprese, inclusi i liberi professionisti, delle cooperative, delle associazioni ed altri soggetti operanti nel Terzo Settore, colpiti dal terremoto in Abruzzo. Secondo quanto previsto dal suddetto Protocollo del 22 luglio 2010, la gestione del Fondo - la cui dotazione patrimoniale, costituita da fondi della Protezione Civile, ammontava ad Euro era affidata al Consorzio Etimos.

2 - A seguito di trattative successivamente intercorse tra il Consorzio Etimos ed Etimos Foundation, che hanno portato all affidamento della gestione del Fondo ad Etimos Foundation, in conformità a quanto disposto dall art. 4 comma 10 del Protocollo di Intesa sottoscritto in data 23 Dicembre 2009 tra il Consorzio Etimos, Etimos Foundation e il Dipartimento di Protezione Civile Italiana, le Parti sono arrivate ad un nuovo accordo. - Il Protocollo per la disciplina dei rapporti tra il Consorzio Etimos, Associazione Bancaria Italiana e la Federazione delle Banche di Credito Cooperativo Abruzzo e Molise relativa al Progetto Iniziative di Microcredito e Microfinanza a favore delle popolazioni colpite dal sisma, precedentemente sottoscritto tra il Consorzio Etimos, ABI e FEDAM in data 22 luglio 2010 si intende pertanto risolto ed interamente sostituito dal presente Protocollo. Si conviene quanto segue: Art.1 (Oggetto) 1. E istituito presso Etimos Foundation, a beneficio delle banche e degli intermediari finanziari, come definiti al successivo articolo 3.2 (di seguito denominati cumulativamente Banche Erogatrici e singolarmente Banca Erogatrice ), un Fondo patrimoniale (da ora in poi denominato Fondo ), finalizzato a favorire l accesso al credito delle popolazioni colpite dal sisma dell aprile 2009, in particolare le famiglie, le micro e piccole imprese, inclusi i liberi professionisti, le cooperative, le associazioni ed altri soggetti operanti nel Terzo Settore. Il Fondo è costituito presso Etimos Foundation con la dotazione patrimoniale, di cui al successivo comma 3, messa inizialmente a disposizione dalla Protezione Civile, secondo quanto disposto dall art. 4 comma 10 del Protocollo di Intesa sottoscritto in data tra il Dipartimento di Protezione Civile, il Consorzio Etimos ed Etimos Foundation, il quale stabilisce che La Fondazione contabilizzerà i fondi destinati alla realizzazione del Progetto nelle proprie poste patrimoniali quali fondi vincolati destinati da terzi. 2. La gestione del Fondo è affidata a Etimos Foundation. 3. La dotazione patrimoniale del Fondo, costituito da fondi della Protezione Civile, è di Euro (di seguito Dotazione Patrimoniale ), e potrà essere integrata con successivi contributi. La suddetta somma è suddivisa come segue: Euro a copertura di finanziamenti per il target Famiglia ; Euro a copertura di finanziamenti per il target Micro e piccole imprese e liberi professionisti (di seguito target Impresa ); Euro a copertura di finanziamenti per il target Cooperative e imprese sociali ; 4. Il Fondo viene costituito a fronte di un importo totale di finanziamenti in funzione di un moltiplicatore del Fondo stesso, con un rapporto pari a 1:5 per la parte destinata al target Famiglia e al target Cooperative e imprese sociali e pari a 1:10 per la parte dedicata al target Impresa. 5. Successivamente, potranno essere prese in considerazione dalle Parti eventuali modifiche delle leve finanziarie in base a valutazioni della qualità del portafoglio. 6. In caso di inadempimento, totale o parziale, nella restituzione del finanziamento ricevuto da parte di un Soggetto finanziato, la Banca Erogatrice potrà rivalersi esclusivamente sulle somme che, al momento dell escussione della garanzia, saranno presenti nei conti / nel conto di cui al successivo comma 7 posti /posto a garanzia dei finanziamenti rientranti nel Target cui appartiene il Soggetto finanziato inadempiente. Ogni eventuale rischio da inadempimento dei Soggetti finanziati, eccedente l ammontare della garanzia offerta dal Fondo come disciplinata nel presente Protocollo, resta in ogni caso a carico

3 della Banca Erogatrice, la quale, con l adesione al presente atto a norma della successiva clausola 5, esonererà Etimos Foundation e il Consorzio Etimos da qualsivoglia responsabilità, fermi restando i limiti inderogabili di legge. 7. Per i fini di cui al precedente comma 1, la Dotazione Patrimoniale viene depositata da Etimos Foundation in conti correnti presso alcune banche, di seguito denominate congiuntamente Banche Tesoriere. Nelle Banche Tesorerie la Dotazione Patrimoniale resta vincolata al perseguimento degli obiettivi e delle finalità previsti di cui al precedente comma 1 e più in generale dal presente Protocollo. Art. 2 (Ammissibilità e tipologia di finanziamenti) 1. Solo i finanziamenti rientranti in una delle seguenti tipologie potranno beneficiare della garanzia del Fondo: Misura 1: Linea di credito solidale per famiglie; Misura 2: Linea di credito mutuo chirografario; Misura 3: Linea di credito anticipazioni. 2. Potranno beneficiare della garanzia offerta dal Fondo solo i finanziamenti, erogati dagli istituti convenzionati, in favore dei soggetti rientranti nelle seguenti categorie: Target Famiglia: singole persone e famiglie residenti nel territorio abruzzese; Target Impresa: micro e piccole imprese e liberi professionisti, operanti sullo stesso territorio, o di nuova costituzione; Target Cooperative e Imprese sociali: cooperative ed imprese sociali, associazioni e altri soggetti del Terzo Settore, operanti sullo stesso territorio, o di nuova costituzione. 3. Ai finanziamenti di cui alla Misura 1 potranno accedere esclusivamente i soggetti ricompresi nel Target Famiglia, mentre ai finanziamenti rientranti nelle Misure 2 e 3 potranno accedere esclusivamente i soggetti ricompresi nel Target Impresa e nel Target Cooperative e Imprese sociali. 4. I finanziamenti ammissibili dovranno essere per importi: Non superiori a euro per i finanziamenti compresi nella Misura 1; Non inferiori a euro e non superiori a euro per i finanziamenti compresi nella Misura 2; Non inferiori a euro e non superiori a euro per i finanziamenti compresi nella Misura La restituzione delle somme finanziate avverrà come segue: per i finanziamenti rientranti nella Misura 1, mediante rate mensili, dilazionate in un periodo di tempo non superiore a 60 mesi, comprensivo del preammortamento la cui durata non potrà superare i 12 mesi; per i finanziamenti rientranti nella Misura 2, mediante rate mensili, dilazionate in un periodo di tempo di durata non inferiore a 12 mesi e non superiore a 60 mesi, comprensivo del preammortamento la cui durata non potrà superare i 12 mesi; per i finanziamenti compresi nella misura 3, a seguito della revoca da parte della Banca erogatrice e, in ogni caso, entro e non oltre il dodicesimo mese successivo alla data di erogazione del finanziamento stesso. 6. Il tasso di interesse annuo complessivo applicato ai finanziamenti di cui al comma 1 non potrà essere superiore a: per i finanziamenti compresi nella Misura 1, all IRS di riferimento più il 2,5%; per i finanziamenti compresi nella Misura 2 la cui restituzione è dilazionata in un periodo da 12 a 18 mesi, all Euribor 3 mesi più il 2,5%;

4 per i finanziamenti compresi nella Misura 2 la cui restituzione è dilazionata in un periodo da18 a 60 mesi, all IRS di riferimento più il 2,5%; per i finanziamenti compresi nella Misura 3, all Euribor 3 mesi più uno spread pari al 2,5%. 7. Per ogni finanziamento erogato, per ciascuna delle Misure di cui al precedente comma 1, le Banche Erogatrici, come definite al successivo articolo 3 comma 2, destineranno al Fondo: per i finanziamenti superiori a 18 mesi, lo 0,6 % sull importo garantito; per i finanziamenti inferiori ai 18 mesi, lo 0,3 % sull importo garantito. Per entrambe le ipotesi di cui sopra, la destinazione al Fondo delle somme secondo le suesposte percentuali avverrà secondo modalità e termini da concordarsi tra la Banca erogatrice ed Etimos Foundation, al fine di garantire la sostenibilità di lungo periodo del Fondo stesso e la copertura delle sue spese di gestione. 8. Ai soli finanziamenti compresi nelle Misure 2 e 3 di cui al comma 1 potranno essere applicati interessi di mora il cui tasso non potrà essere superiore allo 0,8% annuo. 9. Le caratteristiche delle tipologie di finanziamenti di cui al suesteso art. 2 comma 1 sono riportate nell allegato A (Schede Prodotti Finanziari), il quale costituisce parte integrante del presente Protocollo. Art. 3 (Scopo del Fondo) 1. Lo scopo del Fondo è di fungere da garanzia a favore delle Banche Erogatrici di cui al successivo comma 2, per l ipotesi di inadempimento dei soggetti finanziati i rientranti nelle categorie di cui al menzionato art. 2, comma I soggetti che potranno avvalersi della garanzia del Fondo sono banche e intermediari finanziari iscritti nell elenco ex articolo 106 del d.lgs. 1 settembre 1993, n. 385 e successive modifiche e integrazioni (T.U.B.). 3. La garanzia del Fondo sarà a prima richiesta, diretta, incondizionata ed irrevocabile. 4. In caso di escussione, ai sensi dell art. 8 del presente Protocollo, la garanzia del Fondo coprirà quanto segue: a) per i finanziamenti di cui alla Misura 1, l 85% del singolo finanziamento, comprensivo di capitale, degli interessi contrattuali e di mora in misura non superiore al tasso legale, degli oneri determinati secondo quanto previsto in allegato A; b) per i finanziamenti di cui alle Misure 2 e 3: in caso di finanziamenti accordati a micro e piccole imprese e a liberi professionisti, il 75% del singolo finanziamento, comprensivo di capitale, degli interessi contrattuali e di mora in misura non superiore al tasso legale, degli oneri determinati, secondo quanto previsto in allegato A; in caso di finanziamenti accordati a cooperative, associazioni ed altri soggetti operanti nel Terzo Settore e Imprese Sociali, l 85% del singolo finanziamento, comprensivo di capitale, degli interessi contrattuali e di mora in misura non superiore al tasso legale, degli oneri determinati, secondo quanto previsto in allegato A. Art. 4 (Finanziamenti a start-up) 1. Qualora la richiesta di finanziamento provenga da un soggetto di nuova costituzione, indipendentemente dalla forma giuridica, il soggetto può rivolgersi a un Consorzio Fidi o ad altri soggetti garanti aderenti al presente Protocollo, attraverso sottoscrizione del modello riportato in allegato D,

5 facendosi carico autonomamente degli oneri d iscrizione e delle altre condizioni richieste da tale Consorzio Fidi, ferme restando le altre caratteristiche dei finanziamenti così come descritte all art 2, comma 4, 5, 6, 7 e 8 e all allegato A, misura 2 e 3. In simili ipotesi il Consorzio Fidi garantirà fino ad un importo pari al 50% del finanziamento, riducendo di conseguenza la garanzia fornita dal Fondo. 2. Di intesa con la Banca Erogatrice si potranno valutare, in alternativa alla garanzia dei Consorzi Fidi, ulteriori garanzie di tipo personale o reale (ad es. fideiussione, pegno, etc.) in aggiunta a quella del Fondo secondo le percentuali sopra indicate. Art. 5 (Adesione da parte dei singoli soggetti) 1. Le Banche Erogatrici interessate ad avvalersi della garanzia del Fondo, in base all articolo 3 comma 2, devono aderire al presente Protocollo inviando la propria decisione di adesione a Etimos Foundation, al Consorzio Etimos, all ABI e alla Fedam. 2. Con l adesione di cui al comma 1 del presente articolo, ciascuna Banca Erogatrice dovrà comunicare le condizioni dei finanziamenti offerti per ognuna delle tipologie di cui all art. 2, comma 1, tenuto conto di quanto stabilito all articolo 2, e l accettazione delle regole di gestione del Fondo previste dal presente Protocollo. 3. L elenco delle Banche Erogatrici e le relative condizioni di finanziamento offerte ai sensi del comma 2 saranno pubblicate nella sezione Download del sito del Progetto (www.microcreditoabruzzo.it) e nel sito internet dell ABI (www.abi.it). 4. Ciascuna Banca Erogatrice in fase di adesione indicherà un proprio referente (delegato di Protocollo) sul territorio in grado di garantire la massima fluidità della relazione con le Parti. Art. 6 (Modalità di accesso al Fondo) 1. I soggetti interessati ad ottenere i finanziamenti si rivolgeranno ai preposti uffici informativi presenti sul territorio (gli orari e i giorni di ricevimento sono consultabili nella sezione Informazioni del sito del Progetto, 2. Negli uffici informativi di cui al suddetto comma 1 sarà presente un gruppo di persone volontarie (di seguito denominati Volontari ) selezionati e previamente formati nell ambito del Progetto. I Volontari si coordineranno tra di loro e con il Referente del Consorzio Etimos per il Progetto (di seguito, Referente del Progetto). 3. I Volontari raccoglieranno la necessaria documentazione e valuteranno la sussistenza dei requisiti di cui all art. 2, comma 2, in capo ai soggetti interessati, secondo modalità che saranno concordate per iscritto con il Consorzio Etimos. L attività dei Volontari sarà coordinata dal Referente del Progetto, cui dovranno riferire dei rapporti con i soggetti interessati ai finanziamenti di cui al suesteso art. 2, con i soggetti finanziati, dell andamento dei finanziamenti e della garanzia del Fondo. In particolare i Volontari dovranno in ogni caso previamente consultare il Referente del Progetto prima di assumere iniziative ulteriori e diverse dalle disposizioni e dagli obiettivi ricevuti dal Referente stesso. 4. La Banca Erogatrice riceverà la richiesta di finanziamento accompagnata dalla documentazione di cui al comma 3 del presente articolo. La Banca Erogatrice provvederà ad effettuare la valutazione delle richieste di affidamento riservandosi la facoltà di deliberare sia in merito alla concessione dei finanziamenti richiesti, sia in merito agli importi massimi erogabili e alle condizioni applicate, seppur nel rispetto di quanto sopra espresso dalle disposizioni del presente Protocollo, a proprio insindacabile giudizio. La Banca Erogatrice comunicherà in ogni caso per iscritto le proprie determinazioni al

6 richiedente e al Referente del Progetto. 5. Svolta l istruttoria sulla sussistenza dei requisiti di cui al suesteso art. 2, comma 2, in capo al richiedente, la Banca Erogatrice, qualora decida di erogare il finanziamento, invierà a Etimos Foundation, secondo le modalità che saranno da questo previste nel regolamento e rese note a tutte le Banche Erogatrici aderenti, la richiesta di attivazione della garanzia del Fondo. 6. Etimos Foundation assegnerà alla richiesta/ad ogni richiesta un numero di posizione progressivo, verificherà la disponibilità nel Fondo dell importo della garanzia richiesta e comunicherà, entro 5 giorni lavorativi, all istituto di credito richiedente e al Referente del Progetto, l avvenuta concessione della garanzia. Nell ipotesi di indisponibilità delle risorse necessarie per l importo della garanzia richiesta, entro il suddetto termine di 5 giorni lavorativi Etimos Foundation rigetterà la richiesta, dandone comunicazione all istituto di credito richiedente e al Referente del Progetto. Qualora la richiesta venga rigettata per indisponibilità delle riserve necessarie alla garanzia per l importo richiesto, la domanda di garanzia verrà iscritta in una lista d attesa, e avrà la priorità rispetto alle richieste pervenute successivamente; la suddetta richiesta verrà quindi accolta al ripristino della disponibilità delle necessarie risorse nel Fondo. 7. La Banca Erogatrice, una volta acquisita la notizia dell accoglimento della domanda di garanzia, a pena della sospensione della facoltà di avvalersi della garanzia del Fondo stesso, comunicherà ad Etimos Foundation il successivo perfezionamento dell operazione di finanziamento ovvero l eventuale mancata erogazione di tale finanziamento, entro 10 giorni lavorativi da tale notizia. In caso di accoglimento della domanda di garanzia, il richiedente sarà assistito dai Volontari nel compimento dei successivi incombenti della Banca Erogatrice per il perfezionamento della richiesta di finanziamento. 8. L'efficacia della garanzia del Fondo decorrerà, in via automatica e senza ulteriori formalità, dalla data di erogazione del finanziamento. 9. Le Banche Erogatrici comunicheranno ad Etimos Foundation l eventuale avvenuta estinzione anticipata del finanziamento, in base alle modalità che saranno determinate da Etimos Foundation stessa. 10. Etimos Foundation trasmetterà trimestralmente all ABI i dati relativi all andamento dei finanziamenti in essere: il numero, l ammontare degli stessi, le garanzie concesse e la tipologia di beneficiari. Art. 7 (Partnership territoriali: accompagnamento, tutoraggio e monitoraggio dei beneficiari) 1. Al fine di ottenere la più ampia sinergia tra attori locali e innalzare il livello e la qualità delle reti fiduciarie su ogni territorio, le Parti potranno attivare le opportune partnership con enti pubblici e privati in grado di integrarne le competenze e le capacità di valutazione, accompagnamento, tutoraggio e monitoraggio dei soggetti richiedenti e beneficiari. 2. L attività di accompagnamento è finalizzata a sostenere i richiedenti nella gestione del credito ricevuto e, laddove ricorra, nell ideazione di un progetto di reinserimento lavorativo, di ripristino o di avvio di un attività imprenditoriale. Tale progetto potrà essere consegnato alla banca, insieme alla richiesta di finanziamento. Le attività di accompagnamento potranno prevedere: a) In relazione ai soggetti rientranti nel Target Famiglia, le suddette attività potranno prevedere l espletamento di tutte le procedure per la richiesta del credito e per una sua corretta e prudente gestione; potranno inoltre includere attività di orientamento ad attività di formazione o riqualificazione professionale in vista di un eventuale piano di reinserimento lavorativo;

7 b) In relazione ai soggetti rientranti nel Target impresa e nel Target Cooperative e Imprese sociali, le suddette attività potranno prevedere l espletamento di tutte le procedure per la richiesta del credito, ed inoltre attività di accompagnamento nella valutazione e realizzazione di un piano di fattibilità (business plan) della microimpresa da ripristinare o avviare e nell adempimento di tutte le procedure burocratiche collegate. 3. Le attività di tutoraggio sono finalizzate a fornire assistenza al richiedente nella fase di attuazione dei progetti di cui al comma precedente. Laddove sia ritenuto necessario, verrà predisposto un piano personalizzato di tutoraggio per il soggetto finanziato, articolato in almeno 3 incontri nel corso dei primi 12 mesi dalla data di finanziamento. Al termine di ogni incontro i Volontari invieranno una relazione dettagliata dell esito dell incontro all ente finanziatore e al Consorzio Etimos. Art. 8 (Escussione della garanzia del Fondo) 1. In caso d insolvenza, anche parziale, decorsi 15 giorni dalla data di scadenza, la Banca Erogatrice invierà al Referente del Progetto e ad Etimos Foundation un primo avviso, al fine di consentire agli stessi di adoperarsi per la verifica delle ragioni dell insolvenza e per il ripristino della regolarità del rimborso. 2. Trascorsi ulteriori 60 giorni senza il ripristino della suddetta regolarità, la Banca Erogatrice comunicherà al Soggetto Finanziato l'intimazione al pagamento dell'ammontare del capitale, degli interessi contrattuali e di mora, tramite lettera raccomandata con avviso di ricevimento. 3. L'intimazione al pagamento sarà inviata, per conoscenza, al Referente del Progetto e ad Etimos Foundation. 4. Trascorsi 60 giorni dalla data di ricevimento da parte del beneficiario dell'intimazione senza che questi abbia provveduto a pagare, la Banca Erogatrice potrà escutere la garanzia del Fondo, mediante comunicazione ad Etimos Foundation entro i successivi 90 giorni, e potrà avviare, a proprie spese, la procedura per il recupero della quota del credito e degli accessori non coperti dal Fondo. 5. Entro 15 giorni dalla data di ricevimento della suddetta comunicazione della Banca Erogatrice, Etimos Foundation provvederà alla liquidazione in favore della stessa dell'importo determinato ai sensi dell'articolo 3, comma 4, limitatamente alle disponibilità del Fondo, alla data della comunicazione ad Etimos Foundation di cui al precedente comma 4, destinate alla tipologia di finanziamento in questione e prelevando il relativo importo dai conti accesi presso una o più delle Banche Tesoriere. 6. Qualora, successivamente all escussione della garanzia del Fondo, il beneficiario del finanziamento provveda al pagamento totale o parziale del proprio debito, la Banca Erogatrice dovrà provvedere a pagare ad Etimos Foundation le somme riscosse in eccedenza rispetto al proprio credito, affinché siano versate nel Fondo. 7. Eventuali pagamenti parziali non interromperanno la decorrenza dei termini ai sensi dei commi precedenti. Art. 9 (Ripetizione delle somme pagate a titolo di garanzia) 1. A seguito dell escussione della garanzia, ai sensi dell articolo 8, commi 5 e 6, la Banca Erogatrice provvederà per conto di Etimos Foundation, in forza di apposito incarico conferitole da quest ultima, al recupero dell importo della garanzia escussa degli interessi al saggio legale dal giorno del pagamento fino alla data del rimborso ed inoltre delle spese sostenute per il recupero del credito. Le somme recuperate dalla Banca Erogatrice saranno successivamente versate nel Fondo.

8 Art. 10 (Metodologia operativa) 1. Le Parti, al fine di assicurare il miglior funzionamento della garanzia del Fondo, adotteranno, nella gestione di quest ultimo, una metodologia operativa basata sul confronto, sulla progettualità e sull analisi congiunta delle problematiche, delle esigenze e degli obiettivi. 2. All attuazione del presente protocollo sovrintenderà un Comitato Tecnico composto da un delegato di Etimos Foundation, un delegato del Consorzio Etimos, un delegato dell ABI, un delegato della Federazione BCC Abruzzo-Molise. 3. Il Comitato Tecnico avrà il compito di supervisionare la gestione del Fondo. A tal fine verrà convocato da Etimos Foundation semestralmente, o quando se ne ravvisi la necessità, e valuterà le strategie di utilizzo del Fondo, oltre ad esprimere eventuali pareri sulle domande di finanziamento, sulle modalità di recupero dei crediti o sull addebito al Fondo, in caso di mancato pagamento delle rate del prestito. 4. Le Parti convengono di adottare procedure di raccolta dati e di monitoraggio degli interventi previsti dal presente Protocollo. Art. 11 (Attività di comunicazione) 1. Le Parti s impegnano a realizzare un piano di comunicazione/divulgazione/promozione dell iniziativa, coordinandosi e mettendo a disposizione le proprie risorse ed i propri strumenti di divulgazione, quali, a titolo meramente esemplificativo, siti internet e pubblicazioni 2. L ABI s impegna a promuovere presso i propri associati il presente protocollo e le modalità di adesione allo stesso. Art. 12 (Durata ed efficacia del Protocollo) 1. Il presente Protocollo avrà durata triennale a far data dalla sottoscrizione dello stesso, con espressa esclusione di ogni rinnovo tacito; esso sarà comunque produttivo di effetti, anche oltre detto periodo, per i finanziamenti erogati durante i tre anni di vigenza del presente Protocollo, per l intero periodo di durata dei medesimi. 2 Il presente Protocollo succede a quello precedentemente sottoscritto da Consorzio Etimos, ABI e Fedam il al quale si sostituisce, quindi, anche per i rapporti sorti prima della sua sottoscrizione. In ipotesi di carenza di previsioni o di disposizioni incompatibili torneranno ad applicarsi a detti rapporti, limitatamente all esigenza di disciplina dei casi di specie, le norme all uopo applicabili del precedente Protocollo datato , l efficacia delle quali sarà pertanto prorogata. Art. 13 (Varie) 1. Al fine di effettuare delle comuni verifiche sull'andamento generale e particolare del presente Protocollo saranno previsti momenti di incontro e di valutazione fra le Parti sottoscriventi, che dovranno essere concordati tra le stesse Il presente Protocollo viene steso in 3 originali ed è soggetto all imposta di registro solo in caso d uso ed in misura fissa, ai sensi degli artt. 5 e 40 del D.P.R. 26 aprile 1986, n Con la firma del presente atto Etimos Foundation succederà a Consorzio Etimos nelle garanzie da questi assunte in esecuzione del citato Protocollo di Intesa in data ABI e Fedam, con la firma del presente atto, acconsentono alla successione di Etimos Foundation a Consorzio Etimos nelle garanzie già rilasciate da quest ultimo, con liberazione del Consorzio Etimos stesso.

9 2. Con l adesione al presente atto a norma della suestesa clausola 5, ciascuna Banca Erogatrice acconsente a tale successione di Etimos Foundation nelle garanzie rilasciate da Consorzio Etimos, in esecuzione del citato Protocollo di Intesa in data , relativamente ai finanziamenti concessi dalla suddetta Banca Erogatrice, con liberazione del Consorzio Etimos stesso. Tutti gli allegati si considerano parte integrante del presente Protocollo. Allegati: 1. Allegato A: Schede prodotti finanziari; 2. Allegato B: Documentazione necessaria per accedere ai finanziamenti; 3. Allegato C: Modulo di adesione enti finanziatori; 4. Allegato D: Modulo di adesione Consorzi Fidi; 5. Convenzione tra Diocesi de L Aquila/Caritas Diocesana e Consorzio Etimos S.c. Luogo Data Consorzio Etimos S.c. (Dott. Paolo Nicoletti - Presidente) Luogo Data Etimos Foundation o.n.l.u.s. (Ing. Marco Santori - Presidente) Luogo Data Associazione Bancaria Italiana (Dott. Bruno Presidente Presidente Commissione regionale Abruzzo) Luogo Data Federazione delle Banche di Credito Cooperativo Abruzzo e Molise (On. Antonio Tancredi Presidente FEDAM)

10 A norma degli artt e 1342 del codice civile le parti dichiarano di aver letto ed approvato il presente protocollo per intero e specificamente i seguenti articoli: 1 quinto comma (possibilità di future modifiche alle leve finanziarie), 1 sesto comma (limitazione di responsabilità), 1 settimo comma (dotazione patrimoniale vincolata al perseguimento degli obiettivi), 2 primo comma (tipologie di finanziamenti), 2 secondo comma (categorie di beneficiari) 2 terzo comma (beneficiari per ogni tipologia di finanziamenti) 2 quarto comma (importo dei finanziamenti) 2 quinto comma (restituzione dei finanziamenti), 2 ottavo comma (interessi di mora), 8 sesto comma (obbligo in capo alla Banca Erogatrice di restituire le somme riscosse in eccedenza al proprio credito), 8 settimo comma (non interruzione della decorrenza dei termini a seguito di eventuali pagamenti parziali), 9 (ripetizione delle somme pagate a titolo di garanzia), 12 primo comma (durata ed efficacia del protocollo), 12 secondo comma (eventuale proroga dell efficacia di singole disposizioni del precedente protocollo sottoscritto in data 22 luglio 2010); 13 secondo e terzo comma (consenso alla successione di Etimos Foundation nelle garanzie concesse da Consorzio Etimos). Luogo Data Consorzio Etimos S.c. (Dott. Paolo Nicoletti - Presidente) Luogo Data Etimos Foundation o.n.l.u.s. (Ing. Marco Santori - Presidente) Luogo Data Associazione Bancaria Italiana (Dott. Bruno Presidente Presidente Commissione regionale Abruzzo) Luogo Data Federazione delle Banche di Credito Cooperativo Abruzzo e Molise (On. Antonio Tancredi Presidente FEDAM)

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese;

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DELIBERA 20 febbraio 2015. Regolamento recante disposizioni operative del Fondo di garanzia per le agevolazioni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

E ALTRI FINANZIAMENTI

E ALTRI FINANZIAMENTI Normativa sulla Trasparenza Bancaria (T. U. Leggi Bancarie D. Lvo 385/93 e norme di attuazione) E ALTRI FINANZIAMENTI FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA Foglio Informativo

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. Identità e contatti del finanziatore/ intermediario del credito Finanziatore Indirizzo Telefono Email Fax Sito web Creditis Servizi Finanziari

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI PESCIA-CREDITO COOPERATIVO SOC.COOP. Via Alberghi n. 26-51012 - PESCIA (PT) Tel. : 0572-45941 - Fax: 0572-451621 Email:

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

AFFIDAMENTI PER ANTICIPI SU FATTURE E CONTRATTI

AFFIDAMENTI PER ANTICIPI SU FATTURE E CONTRATTI DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO Il presente Foglio

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI 1. PREMESSA Il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE), attraverso la Direzione Generale per la Lotta

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo Agrobresciano Soc. Coop. Piazza Roma, 17-25016 - GHEDI (BS) Tel. : 03090441 - Fax: 0309058501 Email:

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa di Risparmio di Cento S.p.A. Sede Legale e Direzione generale: Via Matteotti 8/B - 44042 CENTO (FE) Tel. 051 6833111 - Fax 051 6833237 CODICE FISCALE, PARTITA IVA e Numero

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione: Iccrea BancaImpresa S.p.A. Sede Legale: Via Lucrezia Romana nn. 41/47-00178

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Mutui Altre Esigenze a Tasso Fisso o Variabile

Mutui Altre Esigenze a Tasso Fisso o Variabile Pag. 1/13 INFORMAZIONI SULLA BANCA Mutui Altre Esigenze a Tasso Fisso o Variabile Banca di Credito Popolare Società Cooperativa per Azioni Gruppo Bancario Banca di Credito Popolare Corso Vittorio Emanuele

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli