PROTOCOLLO PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI TRA IL CONSORZIO ETIMOS, ETIMOS FOUNDATION, ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA E LA FEDERAZIONE DELLE BANCHE DI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROTOCOLLO PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI TRA IL CONSORZIO ETIMOS, ETIMOS FOUNDATION, ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA E LA FEDERAZIONE DELLE BANCHE DI"

Transcript

1 PROTOCOLLO PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI TRA IL CONSORZIO ETIMOS, ETIMOS FOUNDATION, ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA E LA FEDERAZIONE DELLE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVE ABRUZZO E MOLISE RELATIVA AL PROGETTO INIZIATIVE DI MICROCREDITO E MICROFINANZA A FAVORE DELLE POPOLAZIONI COLPITE DAL SISMA Fra Consorzio Etimos S.c. (di seguito denominato Consorzio Etimos ) con sede in Padova, via Giusto De Menabuoi, 25 (C.F ), nella persona del Presidente e Legale Rappresentante, Dott. Paolo Nicoletti, Etimos Foundation o.n.l.u.s. (di seguito denominata Etimos Foundation ) con sede in Padova, via Giusto De Menabuoi, 25 (C.F ), nella persona del Presidente e Legale Rappresentante, Ing. Marco Santori, L Associazione Bancaria Italiana (di seguito denominata ABI ), con sede in Piazza del Gesù 49, 00186, Roma, rappresentata dal Dott. Bruno Presidente, nella persona del Presidente della Commissione regionale ABI dell Abruzzo, Federazione delle Banche di Credito Cooperativo Abruzzo e Molise (di seguito denominata FEDAM ) con sede in Pescara (PE), Via Avezzano 2, P. IVA , nella persona del Presidente, On. Antonio Tancredi, di seguito congiuntamente denominate Parti e singolarmente Parte Premesso che: - Il Consorzio Etimos e Etimos Foundation, in virtù del Protocollo di Intesa sottoscritto il giorno 23 Dicembre 2009 con il Dipartimento di Protezione Civile Italiana (di seguito denominata Protezione Civile ), sono stati incaricati dalla Protezione Civile di gestire un progetto a sostegno dell inclusione finanziaria delle famiglie, delle micro e piccole imprese nonché delle associazioni aventi residenza, domicilio o sede nel territorio abruzzese. - L ABI ha promosso una serie di iniziative tendenti a favorire un corretto posizionamento dell'industria bancaria italiana in materia di microcredito, tra le quali, a livello nazionale, l Accordo Quadro ABI CEI destinato alle famiglie numerose o gravate da malattia e disabilità che abbiano perso il reddito e, a livello locale, l Accordo Quadro con la Regione Abruzzo in favore di soggetti privi di storia creditizia e capacità di presentare garanzie patrimoniali per l avvio o il consolidamento di un attività produttiva. A seguito del terremoto in Abruzzo l industria bancaria si è impegnata attivamente per favorire il finanziamento della clientela retail colpita dal sisma, attraverso l accordo con la Cassa depositi e prestiti per l erogazione dei contributi previsti dalla legge a chi ha subito danni, e ha prontamente adottato talune misure in favore delle popolazioni colpite, tra cui la sospensione dei pagamenti rateali dei mutui e degli altri finanziamenti bancari, ivi compreso il credito al consumo. Il Consorzio Etimos ha presentato alla Protezione Civile il Progetto Iniziative di microcredito e microfinanza a favore delle popolazioni colpite dal sisma (di seguito, il Progetto) che è stato finanziato dal medesimo ente pubblico. - In relazione al sopra citato Progetto, il Consorzio Etimos, ABI e FEDAM sottoscrivevano in data 22 luglio 2010 un Protocollo volto all istituzione di un Fondo patrimoniale, finalizzato a favorire l accesso al credito delle famiglie, delle micro e piccole imprese, inclusi i liberi professionisti, delle cooperative, delle associazioni ed altri soggetti operanti nel Terzo Settore, colpiti dal terremoto in Abruzzo. Secondo quanto previsto dal suddetto Protocollo del 22 luglio 2010, la gestione del Fondo - la cui dotazione patrimoniale, costituita da fondi della Protezione Civile, ammontava ad Euro era affidata al Consorzio Etimos.

2 - A seguito di trattative successivamente intercorse tra il Consorzio Etimos ed Etimos Foundation, che hanno portato all affidamento della gestione del Fondo ad Etimos Foundation, in conformità a quanto disposto dall art. 4 comma 10 del Protocollo di Intesa sottoscritto in data 23 Dicembre 2009 tra il Consorzio Etimos, Etimos Foundation e il Dipartimento di Protezione Civile Italiana, le Parti sono arrivate ad un nuovo accordo. - Il Protocollo per la disciplina dei rapporti tra il Consorzio Etimos, Associazione Bancaria Italiana e la Federazione delle Banche di Credito Cooperativo Abruzzo e Molise relativa al Progetto Iniziative di Microcredito e Microfinanza a favore delle popolazioni colpite dal sisma, precedentemente sottoscritto tra il Consorzio Etimos, ABI e FEDAM in data 22 luglio 2010 si intende pertanto risolto ed interamente sostituito dal presente Protocollo. Si conviene quanto segue: Art.1 (Oggetto) 1. E istituito presso Etimos Foundation, a beneficio delle banche e degli intermediari finanziari, come definiti al successivo articolo 3.2 (di seguito denominati cumulativamente Banche Erogatrici e singolarmente Banca Erogatrice ), un Fondo patrimoniale (da ora in poi denominato Fondo ), finalizzato a favorire l accesso al credito delle popolazioni colpite dal sisma dell aprile 2009, in particolare le famiglie, le micro e piccole imprese, inclusi i liberi professionisti, le cooperative, le associazioni ed altri soggetti operanti nel Terzo Settore. Il Fondo è costituito presso Etimos Foundation con la dotazione patrimoniale, di cui al successivo comma 3, messa inizialmente a disposizione dalla Protezione Civile, secondo quanto disposto dall art. 4 comma 10 del Protocollo di Intesa sottoscritto in data tra il Dipartimento di Protezione Civile, il Consorzio Etimos ed Etimos Foundation, il quale stabilisce che La Fondazione contabilizzerà i fondi destinati alla realizzazione del Progetto nelle proprie poste patrimoniali quali fondi vincolati destinati da terzi. 2. La gestione del Fondo è affidata a Etimos Foundation. 3. La dotazione patrimoniale del Fondo, costituito da fondi della Protezione Civile, è di Euro (di seguito Dotazione Patrimoniale ), e potrà essere integrata con successivi contributi. La suddetta somma è suddivisa come segue: Euro a copertura di finanziamenti per il target Famiglia ; Euro a copertura di finanziamenti per il target Micro e piccole imprese e liberi professionisti (di seguito target Impresa ); Euro a copertura di finanziamenti per il target Cooperative e imprese sociali ; 4. Il Fondo viene costituito a fronte di un importo totale di finanziamenti in funzione di un moltiplicatore del Fondo stesso, con un rapporto pari a 1:5 per la parte destinata al target Famiglia e al target Cooperative e imprese sociali e pari a 1:10 per la parte dedicata al target Impresa. 5. Successivamente, potranno essere prese in considerazione dalle Parti eventuali modifiche delle leve finanziarie in base a valutazioni della qualità del portafoglio. 6. In caso di inadempimento, totale o parziale, nella restituzione del finanziamento ricevuto da parte di un Soggetto finanziato, la Banca Erogatrice potrà rivalersi esclusivamente sulle somme che, al momento dell escussione della garanzia, saranno presenti nei conti / nel conto di cui al successivo comma 7 posti /posto a garanzia dei finanziamenti rientranti nel Target cui appartiene il Soggetto finanziato inadempiente. Ogni eventuale rischio da inadempimento dei Soggetti finanziati, eccedente l ammontare della garanzia offerta dal Fondo come disciplinata nel presente Protocollo, resta in ogni caso a carico

3 della Banca Erogatrice, la quale, con l adesione al presente atto a norma della successiva clausola 5, esonererà Etimos Foundation e il Consorzio Etimos da qualsivoglia responsabilità, fermi restando i limiti inderogabili di legge. 7. Per i fini di cui al precedente comma 1, la Dotazione Patrimoniale viene depositata da Etimos Foundation in conti correnti presso alcune banche, di seguito denominate congiuntamente Banche Tesoriere. Nelle Banche Tesorerie la Dotazione Patrimoniale resta vincolata al perseguimento degli obiettivi e delle finalità previsti di cui al precedente comma 1 e più in generale dal presente Protocollo. Art. 2 (Ammissibilità e tipologia di finanziamenti) 1. Solo i finanziamenti rientranti in una delle seguenti tipologie potranno beneficiare della garanzia del Fondo: Misura 1: Linea di credito solidale per famiglie; Misura 2: Linea di credito mutuo chirografario; Misura 3: Linea di credito anticipazioni. 2. Potranno beneficiare della garanzia offerta dal Fondo solo i finanziamenti, erogati dagli istituti convenzionati, in favore dei soggetti rientranti nelle seguenti categorie: Target Famiglia: singole persone e famiglie residenti nel territorio abruzzese; Target Impresa: micro e piccole imprese e liberi professionisti, operanti sullo stesso territorio, o di nuova costituzione; Target Cooperative e Imprese sociali: cooperative ed imprese sociali, associazioni e altri soggetti del Terzo Settore, operanti sullo stesso territorio, o di nuova costituzione. 3. Ai finanziamenti di cui alla Misura 1 potranno accedere esclusivamente i soggetti ricompresi nel Target Famiglia, mentre ai finanziamenti rientranti nelle Misure 2 e 3 potranno accedere esclusivamente i soggetti ricompresi nel Target Impresa e nel Target Cooperative e Imprese sociali. 4. I finanziamenti ammissibili dovranno essere per importi: Non superiori a euro per i finanziamenti compresi nella Misura 1; Non inferiori a euro e non superiori a euro per i finanziamenti compresi nella Misura 2; Non inferiori a euro e non superiori a euro per i finanziamenti compresi nella Misura La restituzione delle somme finanziate avverrà come segue: per i finanziamenti rientranti nella Misura 1, mediante rate mensili, dilazionate in un periodo di tempo non superiore a 60 mesi, comprensivo del preammortamento la cui durata non potrà superare i 12 mesi; per i finanziamenti rientranti nella Misura 2, mediante rate mensili, dilazionate in un periodo di tempo di durata non inferiore a 12 mesi e non superiore a 60 mesi, comprensivo del preammortamento la cui durata non potrà superare i 12 mesi; per i finanziamenti compresi nella misura 3, a seguito della revoca da parte della Banca erogatrice e, in ogni caso, entro e non oltre il dodicesimo mese successivo alla data di erogazione del finanziamento stesso. 6. Il tasso di interesse annuo complessivo applicato ai finanziamenti di cui al comma 1 non potrà essere superiore a: per i finanziamenti compresi nella Misura 1, all IRS di riferimento più il 2,5%; per i finanziamenti compresi nella Misura 2 la cui restituzione è dilazionata in un periodo da 12 a 18 mesi, all Euribor 3 mesi più il 2,5%;

4 per i finanziamenti compresi nella Misura 2 la cui restituzione è dilazionata in un periodo da18 a 60 mesi, all IRS di riferimento più il 2,5%; per i finanziamenti compresi nella Misura 3, all Euribor 3 mesi più uno spread pari al 2,5%. 7. Per ogni finanziamento erogato, per ciascuna delle Misure di cui al precedente comma 1, le Banche Erogatrici, come definite al successivo articolo 3 comma 2, destineranno al Fondo: per i finanziamenti superiori a 18 mesi, lo 0,6 % sull importo garantito; per i finanziamenti inferiori ai 18 mesi, lo 0,3 % sull importo garantito. Per entrambe le ipotesi di cui sopra, la destinazione al Fondo delle somme secondo le suesposte percentuali avverrà secondo modalità e termini da concordarsi tra la Banca erogatrice ed Etimos Foundation, al fine di garantire la sostenibilità di lungo periodo del Fondo stesso e la copertura delle sue spese di gestione. 8. Ai soli finanziamenti compresi nelle Misure 2 e 3 di cui al comma 1 potranno essere applicati interessi di mora il cui tasso non potrà essere superiore allo 0,8% annuo. 9. Le caratteristiche delle tipologie di finanziamenti di cui al suesteso art. 2 comma 1 sono riportate nell allegato A (Schede Prodotti Finanziari), il quale costituisce parte integrante del presente Protocollo. Art. 3 (Scopo del Fondo) 1. Lo scopo del Fondo è di fungere da garanzia a favore delle Banche Erogatrici di cui al successivo comma 2, per l ipotesi di inadempimento dei soggetti finanziati i rientranti nelle categorie di cui al menzionato art. 2, comma I soggetti che potranno avvalersi della garanzia del Fondo sono banche e intermediari finanziari iscritti nell elenco ex articolo 106 del d.lgs. 1 settembre 1993, n. 385 e successive modifiche e integrazioni (T.U.B.). 3. La garanzia del Fondo sarà a prima richiesta, diretta, incondizionata ed irrevocabile. 4. In caso di escussione, ai sensi dell art. 8 del presente Protocollo, la garanzia del Fondo coprirà quanto segue: a) per i finanziamenti di cui alla Misura 1, l 85% del singolo finanziamento, comprensivo di capitale, degli interessi contrattuali e di mora in misura non superiore al tasso legale, degli oneri determinati secondo quanto previsto in allegato A; b) per i finanziamenti di cui alle Misure 2 e 3: in caso di finanziamenti accordati a micro e piccole imprese e a liberi professionisti, il 75% del singolo finanziamento, comprensivo di capitale, degli interessi contrattuali e di mora in misura non superiore al tasso legale, degli oneri determinati, secondo quanto previsto in allegato A; in caso di finanziamenti accordati a cooperative, associazioni ed altri soggetti operanti nel Terzo Settore e Imprese Sociali, l 85% del singolo finanziamento, comprensivo di capitale, degli interessi contrattuali e di mora in misura non superiore al tasso legale, degli oneri determinati, secondo quanto previsto in allegato A. Art. 4 (Finanziamenti a start-up) 1. Qualora la richiesta di finanziamento provenga da un soggetto di nuova costituzione, indipendentemente dalla forma giuridica, il soggetto può rivolgersi a un Consorzio Fidi o ad altri soggetti garanti aderenti al presente Protocollo, attraverso sottoscrizione del modello riportato in allegato D,

5 facendosi carico autonomamente degli oneri d iscrizione e delle altre condizioni richieste da tale Consorzio Fidi, ferme restando le altre caratteristiche dei finanziamenti così come descritte all art 2, comma 4, 5, 6, 7 e 8 e all allegato A, misura 2 e 3. In simili ipotesi il Consorzio Fidi garantirà fino ad un importo pari al 50% del finanziamento, riducendo di conseguenza la garanzia fornita dal Fondo. 2. Di intesa con la Banca Erogatrice si potranno valutare, in alternativa alla garanzia dei Consorzi Fidi, ulteriori garanzie di tipo personale o reale (ad es. fideiussione, pegno, etc.) in aggiunta a quella del Fondo secondo le percentuali sopra indicate. Art. 5 (Adesione da parte dei singoli soggetti) 1. Le Banche Erogatrici interessate ad avvalersi della garanzia del Fondo, in base all articolo 3 comma 2, devono aderire al presente Protocollo inviando la propria decisione di adesione a Etimos Foundation, al Consorzio Etimos, all ABI e alla Fedam. 2. Con l adesione di cui al comma 1 del presente articolo, ciascuna Banca Erogatrice dovrà comunicare le condizioni dei finanziamenti offerti per ognuna delle tipologie di cui all art. 2, comma 1, tenuto conto di quanto stabilito all articolo 2, e l accettazione delle regole di gestione del Fondo previste dal presente Protocollo. 3. L elenco delle Banche Erogatrici e le relative condizioni di finanziamento offerte ai sensi del comma 2 saranno pubblicate nella sezione Download del sito del Progetto (www.microcreditoabruzzo.it) e nel sito internet dell ABI (www.abi.it). 4. Ciascuna Banca Erogatrice in fase di adesione indicherà un proprio referente (delegato di Protocollo) sul territorio in grado di garantire la massima fluidità della relazione con le Parti. Art. 6 (Modalità di accesso al Fondo) 1. I soggetti interessati ad ottenere i finanziamenti si rivolgeranno ai preposti uffici informativi presenti sul territorio (gli orari e i giorni di ricevimento sono consultabili nella sezione Informazioni del sito del Progetto, 2. Negli uffici informativi di cui al suddetto comma 1 sarà presente un gruppo di persone volontarie (di seguito denominati Volontari ) selezionati e previamente formati nell ambito del Progetto. I Volontari si coordineranno tra di loro e con il Referente del Consorzio Etimos per il Progetto (di seguito, Referente del Progetto). 3. I Volontari raccoglieranno la necessaria documentazione e valuteranno la sussistenza dei requisiti di cui all art. 2, comma 2, in capo ai soggetti interessati, secondo modalità che saranno concordate per iscritto con il Consorzio Etimos. L attività dei Volontari sarà coordinata dal Referente del Progetto, cui dovranno riferire dei rapporti con i soggetti interessati ai finanziamenti di cui al suesteso art. 2, con i soggetti finanziati, dell andamento dei finanziamenti e della garanzia del Fondo. In particolare i Volontari dovranno in ogni caso previamente consultare il Referente del Progetto prima di assumere iniziative ulteriori e diverse dalle disposizioni e dagli obiettivi ricevuti dal Referente stesso. 4. La Banca Erogatrice riceverà la richiesta di finanziamento accompagnata dalla documentazione di cui al comma 3 del presente articolo. La Banca Erogatrice provvederà ad effettuare la valutazione delle richieste di affidamento riservandosi la facoltà di deliberare sia in merito alla concessione dei finanziamenti richiesti, sia in merito agli importi massimi erogabili e alle condizioni applicate, seppur nel rispetto di quanto sopra espresso dalle disposizioni del presente Protocollo, a proprio insindacabile giudizio. La Banca Erogatrice comunicherà in ogni caso per iscritto le proprie determinazioni al

6 richiedente e al Referente del Progetto. 5. Svolta l istruttoria sulla sussistenza dei requisiti di cui al suesteso art. 2, comma 2, in capo al richiedente, la Banca Erogatrice, qualora decida di erogare il finanziamento, invierà a Etimos Foundation, secondo le modalità che saranno da questo previste nel regolamento e rese note a tutte le Banche Erogatrici aderenti, la richiesta di attivazione della garanzia del Fondo. 6. Etimos Foundation assegnerà alla richiesta/ad ogni richiesta un numero di posizione progressivo, verificherà la disponibilità nel Fondo dell importo della garanzia richiesta e comunicherà, entro 5 giorni lavorativi, all istituto di credito richiedente e al Referente del Progetto, l avvenuta concessione della garanzia. Nell ipotesi di indisponibilità delle risorse necessarie per l importo della garanzia richiesta, entro il suddetto termine di 5 giorni lavorativi Etimos Foundation rigetterà la richiesta, dandone comunicazione all istituto di credito richiedente e al Referente del Progetto. Qualora la richiesta venga rigettata per indisponibilità delle riserve necessarie alla garanzia per l importo richiesto, la domanda di garanzia verrà iscritta in una lista d attesa, e avrà la priorità rispetto alle richieste pervenute successivamente; la suddetta richiesta verrà quindi accolta al ripristino della disponibilità delle necessarie risorse nel Fondo. 7. La Banca Erogatrice, una volta acquisita la notizia dell accoglimento della domanda di garanzia, a pena della sospensione della facoltà di avvalersi della garanzia del Fondo stesso, comunicherà ad Etimos Foundation il successivo perfezionamento dell operazione di finanziamento ovvero l eventuale mancata erogazione di tale finanziamento, entro 10 giorni lavorativi da tale notizia. In caso di accoglimento della domanda di garanzia, il richiedente sarà assistito dai Volontari nel compimento dei successivi incombenti della Banca Erogatrice per il perfezionamento della richiesta di finanziamento. 8. L'efficacia della garanzia del Fondo decorrerà, in via automatica e senza ulteriori formalità, dalla data di erogazione del finanziamento. 9. Le Banche Erogatrici comunicheranno ad Etimos Foundation l eventuale avvenuta estinzione anticipata del finanziamento, in base alle modalità che saranno determinate da Etimos Foundation stessa. 10. Etimos Foundation trasmetterà trimestralmente all ABI i dati relativi all andamento dei finanziamenti in essere: il numero, l ammontare degli stessi, le garanzie concesse e la tipologia di beneficiari. Art. 7 (Partnership territoriali: accompagnamento, tutoraggio e monitoraggio dei beneficiari) 1. Al fine di ottenere la più ampia sinergia tra attori locali e innalzare il livello e la qualità delle reti fiduciarie su ogni territorio, le Parti potranno attivare le opportune partnership con enti pubblici e privati in grado di integrarne le competenze e le capacità di valutazione, accompagnamento, tutoraggio e monitoraggio dei soggetti richiedenti e beneficiari. 2. L attività di accompagnamento è finalizzata a sostenere i richiedenti nella gestione del credito ricevuto e, laddove ricorra, nell ideazione di un progetto di reinserimento lavorativo, di ripristino o di avvio di un attività imprenditoriale. Tale progetto potrà essere consegnato alla banca, insieme alla richiesta di finanziamento. Le attività di accompagnamento potranno prevedere: a) In relazione ai soggetti rientranti nel Target Famiglia, le suddette attività potranno prevedere l espletamento di tutte le procedure per la richiesta del credito e per una sua corretta e prudente gestione; potranno inoltre includere attività di orientamento ad attività di formazione o riqualificazione professionale in vista di un eventuale piano di reinserimento lavorativo;

7 b) In relazione ai soggetti rientranti nel Target impresa e nel Target Cooperative e Imprese sociali, le suddette attività potranno prevedere l espletamento di tutte le procedure per la richiesta del credito, ed inoltre attività di accompagnamento nella valutazione e realizzazione di un piano di fattibilità (business plan) della microimpresa da ripristinare o avviare e nell adempimento di tutte le procedure burocratiche collegate. 3. Le attività di tutoraggio sono finalizzate a fornire assistenza al richiedente nella fase di attuazione dei progetti di cui al comma precedente. Laddove sia ritenuto necessario, verrà predisposto un piano personalizzato di tutoraggio per il soggetto finanziato, articolato in almeno 3 incontri nel corso dei primi 12 mesi dalla data di finanziamento. Al termine di ogni incontro i Volontari invieranno una relazione dettagliata dell esito dell incontro all ente finanziatore e al Consorzio Etimos. Art. 8 (Escussione della garanzia del Fondo) 1. In caso d insolvenza, anche parziale, decorsi 15 giorni dalla data di scadenza, la Banca Erogatrice invierà al Referente del Progetto e ad Etimos Foundation un primo avviso, al fine di consentire agli stessi di adoperarsi per la verifica delle ragioni dell insolvenza e per il ripristino della regolarità del rimborso. 2. Trascorsi ulteriori 60 giorni senza il ripristino della suddetta regolarità, la Banca Erogatrice comunicherà al Soggetto Finanziato l'intimazione al pagamento dell'ammontare del capitale, degli interessi contrattuali e di mora, tramite lettera raccomandata con avviso di ricevimento. 3. L'intimazione al pagamento sarà inviata, per conoscenza, al Referente del Progetto e ad Etimos Foundation. 4. Trascorsi 60 giorni dalla data di ricevimento da parte del beneficiario dell'intimazione senza che questi abbia provveduto a pagare, la Banca Erogatrice potrà escutere la garanzia del Fondo, mediante comunicazione ad Etimos Foundation entro i successivi 90 giorni, e potrà avviare, a proprie spese, la procedura per il recupero della quota del credito e degli accessori non coperti dal Fondo. 5. Entro 15 giorni dalla data di ricevimento della suddetta comunicazione della Banca Erogatrice, Etimos Foundation provvederà alla liquidazione in favore della stessa dell'importo determinato ai sensi dell'articolo 3, comma 4, limitatamente alle disponibilità del Fondo, alla data della comunicazione ad Etimos Foundation di cui al precedente comma 4, destinate alla tipologia di finanziamento in questione e prelevando il relativo importo dai conti accesi presso una o più delle Banche Tesoriere. 6. Qualora, successivamente all escussione della garanzia del Fondo, il beneficiario del finanziamento provveda al pagamento totale o parziale del proprio debito, la Banca Erogatrice dovrà provvedere a pagare ad Etimos Foundation le somme riscosse in eccedenza rispetto al proprio credito, affinché siano versate nel Fondo. 7. Eventuali pagamenti parziali non interromperanno la decorrenza dei termini ai sensi dei commi precedenti. Art. 9 (Ripetizione delle somme pagate a titolo di garanzia) 1. A seguito dell escussione della garanzia, ai sensi dell articolo 8, commi 5 e 6, la Banca Erogatrice provvederà per conto di Etimos Foundation, in forza di apposito incarico conferitole da quest ultima, al recupero dell importo della garanzia escussa degli interessi al saggio legale dal giorno del pagamento fino alla data del rimborso ed inoltre delle spese sostenute per il recupero del credito. Le somme recuperate dalla Banca Erogatrice saranno successivamente versate nel Fondo.

8 Art. 10 (Metodologia operativa) 1. Le Parti, al fine di assicurare il miglior funzionamento della garanzia del Fondo, adotteranno, nella gestione di quest ultimo, una metodologia operativa basata sul confronto, sulla progettualità e sull analisi congiunta delle problematiche, delle esigenze e degli obiettivi. 2. All attuazione del presente protocollo sovrintenderà un Comitato Tecnico composto da un delegato di Etimos Foundation, un delegato del Consorzio Etimos, un delegato dell ABI, un delegato della Federazione BCC Abruzzo-Molise. 3. Il Comitato Tecnico avrà il compito di supervisionare la gestione del Fondo. A tal fine verrà convocato da Etimos Foundation semestralmente, o quando se ne ravvisi la necessità, e valuterà le strategie di utilizzo del Fondo, oltre ad esprimere eventuali pareri sulle domande di finanziamento, sulle modalità di recupero dei crediti o sull addebito al Fondo, in caso di mancato pagamento delle rate del prestito. 4. Le Parti convengono di adottare procedure di raccolta dati e di monitoraggio degli interventi previsti dal presente Protocollo. Art. 11 (Attività di comunicazione) 1. Le Parti s impegnano a realizzare un piano di comunicazione/divulgazione/promozione dell iniziativa, coordinandosi e mettendo a disposizione le proprie risorse ed i propri strumenti di divulgazione, quali, a titolo meramente esemplificativo, siti internet e pubblicazioni 2. L ABI s impegna a promuovere presso i propri associati il presente protocollo e le modalità di adesione allo stesso. Art. 12 (Durata ed efficacia del Protocollo) 1. Il presente Protocollo avrà durata triennale a far data dalla sottoscrizione dello stesso, con espressa esclusione di ogni rinnovo tacito; esso sarà comunque produttivo di effetti, anche oltre detto periodo, per i finanziamenti erogati durante i tre anni di vigenza del presente Protocollo, per l intero periodo di durata dei medesimi. 2 Il presente Protocollo succede a quello precedentemente sottoscritto da Consorzio Etimos, ABI e Fedam il al quale si sostituisce, quindi, anche per i rapporti sorti prima della sua sottoscrizione. In ipotesi di carenza di previsioni o di disposizioni incompatibili torneranno ad applicarsi a detti rapporti, limitatamente all esigenza di disciplina dei casi di specie, le norme all uopo applicabili del precedente Protocollo datato , l efficacia delle quali sarà pertanto prorogata. Art. 13 (Varie) 1. Al fine di effettuare delle comuni verifiche sull'andamento generale e particolare del presente Protocollo saranno previsti momenti di incontro e di valutazione fra le Parti sottoscriventi, che dovranno essere concordati tra le stesse Il presente Protocollo viene steso in 3 originali ed è soggetto all imposta di registro solo in caso d uso ed in misura fissa, ai sensi degli artt. 5 e 40 del D.P.R. 26 aprile 1986, n Con la firma del presente atto Etimos Foundation succederà a Consorzio Etimos nelle garanzie da questi assunte in esecuzione del citato Protocollo di Intesa in data ABI e Fedam, con la firma del presente atto, acconsentono alla successione di Etimos Foundation a Consorzio Etimos nelle garanzie già rilasciate da quest ultimo, con liberazione del Consorzio Etimos stesso.

9 2. Con l adesione al presente atto a norma della suestesa clausola 5, ciascuna Banca Erogatrice acconsente a tale successione di Etimos Foundation nelle garanzie rilasciate da Consorzio Etimos, in esecuzione del citato Protocollo di Intesa in data , relativamente ai finanziamenti concessi dalla suddetta Banca Erogatrice, con liberazione del Consorzio Etimos stesso. Tutti gli allegati si considerano parte integrante del presente Protocollo. Allegati: 1. Allegato A: Schede prodotti finanziari; 2. Allegato B: Documentazione necessaria per accedere ai finanziamenti; 3. Allegato C: Modulo di adesione enti finanziatori; 4. Allegato D: Modulo di adesione Consorzi Fidi; 5. Convenzione tra Diocesi de L Aquila/Caritas Diocesana e Consorzio Etimos S.c. Luogo Data Consorzio Etimos S.c. (Dott. Paolo Nicoletti - Presidente) Luogo Data Etimos Foundation o.n.l.u.s. (Ing. Marco Santori - Presidente) Luogo Data Associazione Bancaria Italiana (Dott. Bruno Presidente Presidente Commissione regionale Abruzzo) Luogo Data Federazione delle Banche di Credito Cooperativo Abruzzo e Molise (On. Antonio Tancredi Presidente FEDAM)

10 A norma degli artt e 1342 del codice civile le parti dichiarano di aver letto ed approvato il presente protocollo per intero e specificamente i seguenti articoli: 1 quinto comma (possibilità di future modifiche alle leve finanziarie), 1 sesto comma (limitazione di responsabilità), 1 settimo comma (dotazione patrimoniale vincolata al perseguimento degli obiettivi), 2 primo comma (tipologie di finanziamenti), 2 secondo comma (categorie di beneficiari) 2 terzo comma (beneficiari per ogni tipologia di finanziamenti) 2 quarto comma (importo dei finanziamenti) 2 quinto comma (restituzione dei finanziamenti), 2 ottavo comma (interessi di mora), 8 sesto comma (obbligo in capo alla Banca Erogatrice di restituire le somme riscosse in eccedenza al proprio credito), 8 settimo comma (non interruzione della decorrenza dei termini a seguito di eventuali pagamenti parziali), 9 (ripetizione delle somme pagate a titolo di garanzia), 12 primo comma (durata ed efficacia del protocollo), 12 secondo comma (eventuale proroga dell efficacia di singole disposizioni del precedente protocollo sottoscritto in data 22 luglio 2010); 13 secondo e terzo comma (consenso alla successione di Etimos Foundation nelle garanzie concesse da Consorzio Etimos). Luogo Data Consorzio Etimos S.c. (Dott. Paolo Nicoletti - Presidente) Luogo Data Etimos Foundation o.n.l.u.s. (Ing. Marco Santori - Presidente) Luogo Data Associazione Bancaria Italiana (Dott. Bruno Presidente Presidente Commissione regionale Abruzzo) Luogo Data Federazione delle Banche di Credito Cooperativo Abruzzo e Molise (On. Antonio Tancredi Presidente FEDAM)

ACCORDO QUADRO PER UN PROGRAMMA NAZIONALE DI MICROCREDITO RIVOLTO ALLE FAMIGLIE IN DIFFICOLTA' A SEGUITO DELLA CRISI ECONOMICA

ACCORDO QUADRO PER UN PROGRAMMA NAZIONALE DI MICROCREDITO RIVOLTO ALLE FAMIGLIE IN DIFFICOLTA' A SEGUITO DELLA CRISI ECONOMICA ACCORDO QUADRO PER UN PROGRAMMA NAZIONALE DI MICROCREDITO RIVOLTO ALLE FAMIGLIE IN DIFFICOLTA' A SEGUITO DELLA CRISI ECONOMICA TRA La Conferenza Episcopale Italiana (di seguito CE!) rappresentata da S.Em.

Dettagli

SCHEDA ESPLICATIVA SINTETICA. sul. PRESTITO della SPERANZA II FASE

SCHEDA ESPLICATIVA SINTETICA. sul. PRESTITO della SPERANZA II FASE SCHEDA ESPLICATIVA SINTETICA sul PRESTITO della SPERANZA II FASE 1. Sintesi dei risultati della I fase 2. Breve sintesi sul contenuto del nuovo accordo-quadro CEI-ABI 3. Ruolo delle CARITAS DIOCESANE 4.

Dettagli

REQUISITI SOGGETTIVI DI AMMISSIBILITA AL PRESTITO. 1.Possono essere ammessi ai finanziamenti concessi dalla Banca ai sensi della Convenzione:

REQUISITI SOGGETTIVI DI AMMISSIBILITA AL PRESTITO. 1.Possono essere ammessi ai finanziamenti concessi dalla Banca ai sensi della Convenzione: Allegato A) REQUISITI SOGGETTIVI DI AMMISSIBILITA AL PRESTITO 1.Possono essere ammessi ai finanziamenti concessi dalla Banca ai sensi della Convenzione: Persone fisiche e famiglie che versino in situazione

Dettagli

TRA. La Banca con sede in,, rappresentata dal (nel seguito Banca) e quando congiuntamente Parti PREMESSO

TRA. La Banca con sede in,, rappresentata dal (nel seguito Banca) e quando congiuntamente Parti PREMESSO CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL FONDO REGIONALE DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO Legge Regione Piemonte del 18 maggio 2004, n. 12, art. 8 come sostituito dalla Legge Regionale del 4 dicembre 2009, n. 30,

Dettagli

IL MINISTRO PER LE POLITICHE GIOVANILI E LE ATTIVITA SPORTIVE IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO PER LE POLITICHE GIOVANILI E LE ATTIVITA SPORTIVE IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE IL MINISTRO PER LE POLITICHE GIOVANILI E LE ATTIVITA SPORTIVE di concerto IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Visto il decreto-legge 18 maggio 2006, n. 181, convertito dalla legge 17 luglio 2006,

Dettagli

Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt.

Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt. Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt. 12 e 13 CIRCOLARE n. 6/2013 approvata con delibera del 2 dicembre

Dettagli

REGIONE TOSCANA Regolamento FONDO SPECIALE RISCHI PER LA PRESTAZIONE DI GARANZIE PER LAVORATORI NON IN POSSESSO DI CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO

REGIONE TOSCANA Regolamento FONDO SPECIALE RISCHI PER LA PRESTAZIONE DI GARANZIE PER LAVORATORI NON IN POSSESSO DI CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO ALLEGATO A REGIONE TOSCANA Regolamento FONDO SPECIALE RISCHI PER LA PRESTAZIONE DI GARANZIE PER LAVORATORI NON IN POSSESSO DI CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO Art. 1 (Definizioni) 1. Nel presente regolamento

Dettagli

CENTROMARCA BANCA - CREDITO COOPERATIVO

CENTROMARCA BANCA - CREDITO COOPERATIVO CONVENZIONE PER L EROGAZIONE DI FINANZIAMENTI IN FAVORE DELLE FAMIGLIE CON NUOVI NATI O FIGLI ADOTTATI NEGLI ANNI 2009, 2010, 2011 TRA Il Dipartimento per le Politiche della Famiglia della Presidenza del

Dettagli

PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO

PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO AGGIORNATO AL 16 NOVEMBRE 2010 PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO Prodotti e servizi per il consolidamento delle passività a breve Pag. 1. Credimpresa BNL per associati Assolombarda Finanziamento per aziende

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE. In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 38 del 15/02/2010 dichiarata immediatamente NELL INTENTO

IL DIRETTORE GENERALE. In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 38 del 15/02/2010 dichiarata immediatamente NELL INTENTO Prot. n. 2471 del 22/02/2010 BANDO ANNO 2010 PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI, TURISTICHE, ARTIGIANALI E DEI SERVIZI. IL DIRETTORE

Dettagli

Provincia di Bologna Area Tecnica

Provincia di Bologna Area Tecnica Provincia di Bologna Area Tecnica Prot. 5147 OGGETTO: BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITÀ COMMERCIALI TURISTICHE ARTIGIANALI E DEI SERVIZI CON

Dettagli

Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna

Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna ALLEGATO ALLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE N.37/2007 Repertorio CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CASTEL MAGGIORE E LE ASSOCIAZIONI ASCOM E CONFESERCENTI PER L

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo Il presente bando vige in regime de minimis (ex Reg.CE 1998/2006, Reg. CE 15353/2007 ereg. CE 75/2007 ) 1 Art. 1 Finalità 1. La Camera di Commercio di Pistoia, anche al fine di sostenere il mantenimento

Dettagli

BANCA POPOLARE CALABRE DELLE PROVINCE. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito

BANCA POPOLARE CALABRE DELLE PROVINCE. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito PREMESSA La Banca Popolare delle Province Calabre Società Cooperativa per Azioni, esaltando, quale ragion d essere della

Dettagli

Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt.

Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt. Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt. 12 e 13 CIRCOLARE n. 8/2013 approvata con delibera del 2 dicembre

Dettagli

La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009

La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009 La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009 Nei mesi successivi al terremoto il Dipartimento di Protezione Civile, per gestire al meglio le offerte ricevute vis sms per il terremoto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE 1 C O M U N E D I S C I A R A P R O V I N C I A D I P A L E R M O REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE IV SETTORE : CORPO POLIZIA MUNICIPALE ED ATTIVITÀ

Dettagli

* al Comitato introdotto con delibera del Comitato Agevolazioni dell 11.10.2011.

* al Comitato introdotto con delibera del Comitato Agevolazioni dell 11.10.2011. Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST in base alla Convenzione stipulata il 16.10.1998 tra il Ministero del Commercio con l Estero (ora Ministero dello Sviluppo Economico) e la SIMEST CIRCOLARE

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE. AVVISO PUBBLICO per l attivazione del progetto Prestiti fiduciari agli studenti

PROVINCIA DI LECCE. AVVISO PUBBLICO per l attivazione del progetto Prestiti fiduciari agli studenti PROVINCIA DI LECCE AVVISO PUBBLICO per l attivazione del progetto Prestiti fiduciari agli studenti In esecuzione della deliberazione della G.P. n. 131 del 9.6.2011, dichiarata immediatamente eseguibile,

Dettagli

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA Bari, 27 ottobre 2014 Lorenzo Minnielli Obiettivi Il Fondo Microcredito d Impresa della Puglia è lo strumento con cui la Regione Puglia offre alle micro imprese

Dettagli

Proposta di convenzione tra Associazione Fondo Vivere, Banca del Monte di Lucca e Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca per il progetto di

Proposta di convenzione tra Associazione Fondo Vivere, Banca del Monte di Lucca e Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca per il progetto di Proposta di convenzione tra Associazione Fondo Vivere, Banca del Monte di Lucca e Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca per il progetto di microcredito di solidarietà ------- 1 CONVENZIONE fra Associazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AL FONDO ROTATIVO PER IL MANTENIMENTO DELL'OCCUPAZIONE IN CALABRIA SOT- TO FORMA DI FINANZIAMENTO AGEVOLATO

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AL FONDO ROTATIVO PER IL MANTENIMENTO DELL'OCCUPAZIONE IN CALABRIA SOT- TO FORMA DI FINANZIAMENTO AGEVOLATO Allegato B DIPARTIMENTO 10 REGIONE CALABRIA POR CALABRIA FSE 2007-2013 Obiettivo specifico B - Obiettivo operativo B.1 Obiettivo specifico C - Obiettivo operativo C.1 REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AL FONDO

Dettagli

FOGLI INFORMATIVI (ai sensi della delibera CICR del 4.3.2003)

FOGLI INFORMATIVI (ai sensi della delibera CICR del 4.3.2003) FOGLI INFORMATIVI (ai sensi della delibera CICR del 4.3.2003) PRESTITO MICROCREDITO CONVENZIONE ABI - CEI INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI BRESCIA,

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese mediante la concessione di una garanzia pubblica. Riferimenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA A SOSTEGNO E PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE BENEFICIARIE DELLE AGEVOLAZIONI GESTITE DA SVILUPPO ITALIA SPA PAG. PARTE I DEFINIZIONI 2 PARTE

Dettagli

La nuova iniziativa sarà denominata Sostegno prima Impresa mentre l iniziativa in essere sarà denominata Sostegno Sociale

La nuova iniziativa sarà denominata Sostegno prima Impresa mentre l iniziativa in essere sarà denominata Sostegno Sociale Allegato alla convenzione del 4/11/2011, modificato in data 25 settembre 2014 e in data 19 marzo 2015 FONDO DI GARANZIA FINALIZZATO A SOSTENERE LA NASCITA DI NUOVE IMPRESE E DI NUOVE ATTIVITÀ DI LAVORO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO ACCESSO AL MICROCREDITO IMPRENDITORIALE

AVVISO PUBBLICO ACCESSO AL MICROCREDITO IMPRENDITORIALE AVVISO PUBBLICO ACCESSO AL MICROCREDITO IMPRENDITORIALE FINALITA La Fondazione Banca del Monte di Foggia e Banca Popolare Etica intendono promuovere un programma di microcredito rivolto agli operatori

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DELL AQUILA E L ISTITUTO DI CREDITO...

CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DELL AQUILA E L ISTITUTO DI CREDITO... SCHEMA DI CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DELL AQUILA E GLI ISTITUTI DI CREDITO CHE VI ADERIRANNO PER L ATTIVAZIONE DEL FONDO A FAVORE DEI LAVORATORI COINVOLTI IN PROCESSI DI CRISI AZIENDALE CONVENZIONE TRA

Dettagli

Art. 2 Soggetti beneficiari

Art. 2 Soggetti beneficiari BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE ALLE IMPRESE COLPITE DALL ESONDAZIONE DEL FIUME SERCHIO NELLA PROVINCIA DI PISA Art. 1 Finalità

Dettagli

Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt.

Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt. Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt. 12 e 13 CIRCOLARE n. 7/2013 approvata con delibera del 2 dicembre

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 28/006. relativo al

FOGLIO INFORMATIVO N. 28/006. relativo al FOGLIO INFORMATIVO N. 28/006 relativo al MUTUO CHIROGRAFARIO AGEVOLATO CON CONTRIBUTO A CARICO PROVINCIA DI SALERNO IN CONTO INTERESSI CONVENZIONE PROVINCIA DI SALERNO /FEDERAZIONE CAMPANA BCC A SOSTEGNO

Dettagli

Foglio Informativo n. 4 approvato in data 18.09.2012 Revisione del 07.05.2013

Foglio Informativo n. 4 approvato in data 18.09.2012 Revisione del 07.05.2013 Foglio Informativo n. 4 approvato in data 18.9.212 Revisione del 7.5.213 FOGLIO INFORMATIVO FONDI EX INSICEM GARANZIA A PRIMA RICHIESTA O SUSSIDIARIA INFORMAZIONI SUL CONFIDI UNIFIDI IMPRESE SICILIA SOCIETÀ

Dettagli

FONDO DI INGEGNERIA FINANZIARIA DELLA REGIONE MARCHE

FONDO DI INGEGNERIA FINANZIARIA DELLA REGIONE MARCHE Allegato A Regione Marche Programma Operativo Marche F.S.E. 2007/2013 FONDO DI INGEGNERIA FINANZIARIA DELLA REGIONE MARCHE Intervento pubblico di garanzia sul Prestito d Onore regionale DISPOSIZIONI ATTUATIVE

Dettagli

Pagina 1. Circolare n. 3/2010

Pagina 1. Circolare n. 3/2010 Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST in base alla Convenzione stipulata il 16.10.1998 tra il Ministero del Commercio con l Estero (ora Ministero dello Sviluppo Economico) e la SIMEST DELIBERA

Dettagli

CONVENZIONE. Visti. Premesso

CONVENZIONE. Visti. Premesso CONVENZIONE L anno il giorno del mese di, in Palermo, nella sede di Via ; tra RAP spa Risorse Ambiente Palermo- (cod. fiscale 06232420825), di seguito Azienda, con sede in Piazzetta Cairoli Palermo, rappresentata

Dettagli

CITTA DI SPINEA c.a.p. 30038 Provincia di Venezia

CITTA DI SPINEA c.a.p. 30038 Provincia di Venezia CITTA DI SPINEA c.a.p. 30038 Provincia di Venezia SERVIZIO PERSONALE ED ORGANIZZAZIONE CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI SUSSIDIARIETA L anno duemilanove il giorno del mese tra Il Comune di Spinea,

Dettagli

Piano Base CAP di Tasso Multiopzione Rientro Libero. Piano Bilanciato

Piano Base CAP di Tasso Multiopzione Rientro Libero. Piano Bilanciato Abitativo e Surroga MUTUO DOMUS VARIABILE Finalità abitativa e portabilità tramite surroga Piano Base CAP di Tasso Multiopzione Rientro Libero Piano Bilanciato Scheda informativa ad esclusivo uso interno

Dettagli

FONDO GORIZIA CONFIDI GORIZIA ACCORDO PRESTITO PARTECIPATIVO CAPITALIZZAZIONE AZIENDALE

FONDO GORIZIA CONFIDI GORIZIA ACCORDO PRESTITO PARTECIPATIVO CAPITALIZZAZIONE AZIENDALE FONDO GORIZIA CONFIDI GORIZIA ACCORDO per la gestione del PRESTITO PARTECIPATIVO CAPITALIZZAZIONE AZIENDALE Visto il regolamento (CE) n. 1998/2006 della Commissione del 15 dicembre 2006 relativo; all applicazione

Dettagli

ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA

ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA COMUNICATO STAMPA PRESTITO DELLA SPERANZA A seguito della crisi economica internazionale che ha investito anche l Italia, la Conferenza Episcopale

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al Mutuo Chirografario Agevolato per le ADOZIONI INTERNAZIONALI AD8

FOGLIO INFORMATIVO relativo al Mutuo Chirografario Agevolato per le ADOZIONI INTERNAZIONALI AD8 Mutuo Chirografario Agevolato per le Adozioni Internazionali FOGLIO INFORMATIVO relativo al Mutuo Chirografario Agevolato per le ADOZIONI INTERNAZIONALI AD8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

Foglio Informativo n. 43

Foglio Informativo n. 43 INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Roma Società Cooperativa fondata nel 1954 Sede Legale, Presidenza e Direzione Generale in Via Sardegna, 129-00187 Roma Tel. 06 5286.1 - Fax 06 5286.3305

Dettagli

Foglio informativo COPIA CLIENTE

Foglio informativo COPIA CLIENTE Foglio informativo COPIA CLIENTE INFORMAZIONI SUL CONFIDI CONSORZIO FIDI FINSARDEGNA S.C. Sede legale in Viale Elmas 33,35 09122 Cagliari Telefono 070273094 070253185 070274695 Fax 070255451 email: consorzio@finsardegna.it

Dettagli

CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI

CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI SENSI DELLA LEGGE 24.4.1990 N.100, ART. 4, E SUCCESSIVE

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2014

REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2014 REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2014 Codice DB1512 D.D. 5 agosto 2014, n. 531 Legge regionale 22 dicembre 2008, n. 34, articolo 42, comma 6. Affidamento a Finpiemonte S.p.A. delle funzioni e delle attivita'

Dettagli

Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011

Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011 Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011 PROTOCOLLO D INTESA PROMOSSO DALLA PREFETTURA DI BOLOGNA TRA TRIBUNALE DI BOLOGNA, REGIONE EMILIA-ROMAGNA, PROVINCIA DI BOLOGNA, COMUNI DELLA PROVINCIA

Dettagli

L anno nel mese di il giorno.in Milano Via Vivaio, 1 TRA

L anno nel mese di il giorno.in Milano Via Vivaio, 1 TRA SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI AI DIPENDENTI DELLA CITTA' METROPOLITANA DI MILANO CON ESTINZIONE MEDIANTE L ISTITUTO DELLA DELEGAZIONE DI PAGAMENTO L anno nel mese di il giorno.in

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO DELLA SPERANZA

FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO DELLA SPERANZA INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO relativo a: PRESTITO DELLA SPERANZA Banca di Credito Cooperativo di Sassano SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale: 84038 Sassano (SA) - Via Provinciale del Corticato

Dettagli

Dati e qualifica soggetto incaricato dell offerta fuori sede

Dati e qualifica soggetto incaricato dell offerta fuori sede Cassa Lombarda S.p.A. 1 di 7 FOGLIO INFORMATIVO MUTUO CHIROGRAFARIO A TASSO VARIABILE Il presente Foglio Informativo è rivolto ai clienti non Consumatori e ai clienti Consumatori che intendono richiedere

Dettagli

PIANO DI SVILUPPO RURALE (PSR) CALABRIA 2007 2013 FONDO DI GARANZIA A FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DEL SETTORE AGRICOLO CONVENZIONE TRA

PIANO DI SVILUPPO RURALE (PSR) CALABRIA 2007 2013 FONDO DI GARANZIA A FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DEL SETTORE AGRICOLO CONVENZIONE TRA PIANO DI SVILUPPO RURALE (PSR) CALABRIA 2007 2013 FONDO DI GARANZIA A FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DEL SETTORE AGRICOLO CONVENZIONE TRA la società Fincalabra Spa, di seguito denominata Fincalabra,

Dettagli

Cassa Lombarda S.p.A. 2 di 7

Cassa Lombarda S.p.A. 2 di 7 Cassa Lombarda S.p.A. 1 di 7 FOGLIO INFORMATIVO MUTUO A TASSO VARIABILE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: CASSA LOMBARDA SPA Sede legale: Via Alessandro Manzoni, 12/14 20121 MILANO

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO COARGE SOCIETA COOPERATIVA DI GARANZIA COLLETTIVA DEI FIDI

FOGLIO INFORMATIVO COARGE SOCIETA COOPERATIVA DI GARANZIA COLLETTIVA DEI FIDI FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO AL RILASCIO DI GARANZIE DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (Provvedimento di Banca d Italia 29.7.2009) Documento versione n.5 del

Dettagli

Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER I PRESTITI PARTECIPATIVI. Pag. 1 di 8 All. 001 RIFERIMENTO: 2009-D323-00102

Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER I PRESTITI PARTECIPATIVI. Pag. 1 di 8 All. 001 RIFERIMENTO: 2009-D323-00102 Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER I PRESTITI PARTECIPATIVI Pag. 1 di 8 All. 001 RIFERIMENTO: 2009-D323-00102 1. OBIETTIVI E BENEFICIARI 1. I criteri e le modalità che seguono si riferiscono

Dettagli

Art. 1 Oggetto e procedura dell appalto. Art. 2 Norma di salvaguardia. Art. 3 Normativa di riferimento. Art. 4 Vincolatività delle offerte

Art. 1 Oggetto e procedura dell appalto. Art. 2 Norma di salvaguardia. Art. 3 Normativa di riferimento. Art. 4 Vincolatività delle offerte Università per Stranieri di Siena CAPITOLATO D ONERI APPALTO PER LA CONTRAZIONE DI UN MUTUO IPOTECARIO TRENTENNALE A TASSO FISSO PER UN IMPORTO COMPRESO FRA UN MINIMO DI EURO 13.635.204,00 ED UN MASSIMO

Dettagli

a) le finalità, gli obiettivi, gli ambiti di applicazione, i beneficiari dell intervento e i requisiti richiesti per l accesso al microcredito;

a) le finalità, gli obiettivi, gli ambiti di applicazione, i beneficiari dell intervento e i requisiti richiesti per l accesso al microcredito; Allegato alla Delib.G.R. n. 56/7 del 29.12.2009 Criteri e modalità di gestione del fondo di garanzia etica. Art. 3, comma 2, lett. e), della L.R. n. 1/2009. PREMESSA. Questa direttiva definisce i criteri

Dettagli

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Legge 662/1996 Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI L intervento pubblico di garanzia sul credito alle piccole e medie imprese LA NORMATIVA IN SINTESI Gestore unico MCC SpA Customer Relations Unit Fondo di

Dettagli

1/5 FOGLIO INFORMATIVO INIZIATIVA TOP EUROPE GARANZIA A PRIMA RICHIESTA. Foglio Informativo n. 2 approvato in data: 3.12.2014 Revisione: dicembre 2014

1/5 FOGLIO INFORMATIVO INIZIATIVA TOP EUROPE GARANZIA A PRIMA RICHIESTA. Foglio Informativo n. 2 approvato in data: 3.12.2014 Revisione: dicembre 2014 Foglio Informativo n. 2 approvato in data: 3.12.2014 Revisione: dicembre 2014 FOGLIO INFORMATIVO INIZIATIVA TOP EUROPE GARANZIA A PRIMA RICHIESTA INFORMAZIONI SUL CONFIDI UNIFIDI IMPRESE SICILIA SOCIETÀ

Dettagli

Alle riunioni è invitato a partecipare un rappresentante dell Università degli studi di Trento.

Alle riunioni è invitato a partecipare un rappresentante dell Università degli studi di Trento. 2. PROCEDIMENTO 2.1 Aspetti generali. Il coordinamento generale delle strutture competenti, nonché la verifica ed il monitoraggio degli interventi, sono espletati tramite riunioni periodiche cui partecipano:

Dettagli

FINANZIAMENTO A MEDIO-LUNGO TERMINE PRESTITO ARTIGIANCASSA

FINANZIAMENTO A MEDIO-LUNGO TERMINE PRESTITO ARTIGIANCASSA Finanziamento a medio-lungo termine ai sensi degli artt. 10 e 38 del D. Lgs. 1 settembre 1993, n. 385 eventualmente agevolato ai sensi della legge 25 luglio 1952. n. 949 e/o di altre leggi agevolative

Dettagli

Il Dirigente Carlo Chiostri

Il Dirigente Carlo Chiostri 30.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 44 di certificazione del presente decreto che prevedano scadenze successive al 30/4/2014 che pertanto risultano confermate e per le quali si

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo all offerta di garanzia

FOGLIO INFORMATIVO relativo all offerta di garanzia Pagina 1 di 5 FOGLIO INFORMATIVO relativo all offerta di garanzia INFORMAZIONI SUL CONFIDI Ifidi società cooperativa (identificata come Confidi ) Filiale di MILANO sede legale Viale Restelli, 29 tel 02.28340163

Dettagli

FONDO DI GARANZIA ROYALTIES COMUNE DI CIRO MARINA LINEE GUIDA OPERATIVE

FONDO DI GARANZIA ROYALTIES COMUNE DI CIRO MARINA LINEE GUIDA OPERATIVE UNIONE EUROPEA COMUNE DI CIRO MARINA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO BILANCIO E PROGRAMMAZIONE FONDO DI GARANZIA ROYALTIES COMUNE DI CIRO MARINA LINEE GUIDA OPERATIVE Entità e finalità del Fondo Il Fondo

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO GARANZIA ISMEA - SGFA PER LE IMPRESE AGRICOLE

DOCUMENTO INFORMATIVO GARANZIA ISMEA - SGFA PER LE IMPRESE AGRICOLE INFORMAZIONI SU COOPERFIDI ITALIA DOCUMENTO INFORMATIVO GARANZIA ISMEA - SGFA PER LE IMPRESE AGRICOLE Versione N. 9 aggiornata all 26.03.2015 Cooperfidi Italia soc. coop. Sede legale e direzione generale

Dettagli

CONVENZIONE PER IL CONCORSO NEL FINANZIAMENTO P.O.R. 1.2.4 PRESTITI RIMBORSABILI INGEGNERIA FINANZIARIA. Bando DGR n. 186 del 22/02/2013 TRA

CONVENZIONE PER IL CONCORSO NEL FINANZIAMENTO P.O.R. 1.2.4 PRESTITI RIMBORSABILI INGEGNERIA FINANZIARIA. Bando DGR n. 186 del 22/02/2013 TRA CONVENZIONE PER IL CONCORSO NEL FINANZIAMENTO P.O.R. 1.2.4 PRESTITI RIMBORSABILI INGEGNERIA FINANZIARIA Bando DGR n. 186 del 22/02/2013 la Finanziaria Ligure per lo Sviluppo Economico - FI.L.S.E. S.p.A.,

Dettagli

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO Art. 1 PREMESSE L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per i Biologi, in ottemperanza alle finalità di cui all art. 3,

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI UN SERVIZIO FINANZIARIO RELATIVO ALLA CONTRAZIONE DI UN MUTUO DECENNALE DI 750.

CAPITOLATO SPECIALE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI UN SERVIZIO FINANZIARIO RELATIVO ALLA CONTRAZIONE DI UN MUTUO DECENNALE DI 750. CAPITOLATO SPECIALE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI UN SERVIZIO FINANZIARIO RELATIVO ALLA CONTRAZIONE DI UN MUTUO DECENNALE DI 750.000,00 Procedura aperta Criterio di aggiudicazione: prezzo

Dettagli

Schema di garanzia fideiussoria per la richiesta dell anticipazione

Schema di garanzia fideiussoria per la richiesta dell anticipazione Allegato 3 fidejussione bancaria o polizza assicurativa REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO ATTIVITA PRODUTTIVE Finanziamento agevolato nell ambito dell Asse VII, Linea di Intervento 7.1.1.3 del P.O.R. F.E.S.R.

Dettagli

AVVISO 2013 PER L EROGAZIONE DI MUTUI IN FAVORE DI GIOVANI COPPIE CON CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI. Premessa

AVVISO 2013 PER L EROGAZIONE DI MUTUI IN FAVORE DI GIOVANI COPPIE CON CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI. Premessa ALLEGATO A ALLA D.G.R DEL 2013 AVVISO 2013 PER L EROGAZIONE DI MUTUI IN FAVORE DI GIOVANI COPPIE CON CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI Premessa L iniziativa s inserisce nell ambito della collaborazione attivata

Dettagli

Comune di Castenaso (Provincia di Bologna)

Comune di Castenaso (Provincia di Bologna) Comune di Castenaso (Provincia di Bologna) CONVENZIONE PER FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI L anno duemiladieci (2010) addì... del mese di..., con la presente scrittura privata da valere

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. ai sensi dell art. 116 D. lgs. 385/1993 (TUB)

FOGLIO INFORMATIVO. ai sensi dell art. 116 D. lgs. 385/1993 (TUB) FOGLIO INFORMATIVO ai sensi dell art. 116 D. lgs. 385/1993 (TUB) SEZIONE I INFORMAZIONI SUL CONFIDI Fidindustria Puglia Consorzio Fidi Sede legale: via Amendola 172/5 70126 Bari Tel.: 080 9643694-080 9643694

Dettagli

CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO

CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO L anno, il giorno del mese di in Roma Via TRA La FONDAZIONE ENASARCO, con sede in Roma, Via Antoniotto Usodimare

Dettagli

MUTUI IPOTECARI DESTINATI A PRIVATI MUTUO A TASSO FISSO

MUTUI IPOTECARI DESTINATI A PRIVATI MUTUO A TASSO FISSO Foglio Informativo n MP03 aggiornamento n 002 data ultimo aggiornamento 27.10.2003 Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli artt. 115 e segg. T.U.B. FOGLIO

Dettagli

CONTRATTO DI APPALTO DI SERVIZI FINANZIARI CATEGORIA 6 ALLEGATO II A D.LGS. 163/2006 RILASCIO DI GARANZIA - PROGETTO REGIONE PIEMONTE LOAN FOR SMES

CONTRATTO DI APPALTO DI SERVIZI FINANZIARI CATEGORIA 6 ALLEGATO II A D.LGS. 163/2006 RILASCIO DI GARANZIA - PROGETTO REGIONE PIEMONTE LOAN FOR SMES Allegato A al Disciplinare di gara CIG n. 3012971E4F CONTRATTO DI APPALTO DI SERVIZI FINANZIARI CATEGORIA 6 ALLEGATO II A D.LGS. 163/2006 RILASCIO DI GARANZIA - PROGETTO REGIONE PIEMONTE LOAN FOR SMES

Dettagli

PRESTITI PERSONALI (SPECIALPRESTITI)

PRESTITI PERSONALI (SPECIALPRESTITI) 1/6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca del Monte di Lucca spa sede legale Piazza S.Martino, 4-55100 Lucca Tel.centralino 0583-4501 fax 0583-48721 Internet : www.bmlucca.it - email: bmlucca@bmlucca.it, Iscritta

Dettagli

CONVENZIONE TRA PREMESSO

CONVENZIONE TRA PREMESSO CONVENZIONE TRA ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE (di seguito denominato INPS), nella persona di Gabriella Di Michele nata a L Aquila il 27 Febbraio 1959 e domiciliata per la carica presso INPS

Dettagli

Si precisa che il cliente, che si avvale dell offerta fuori sede, non è tenuto a riconoscere al soggetto incaricato alcun costo od onere aggiuntivo.

Si precisa che il cliente, che si avvale dell offerta fuori sede, non è tenuto a riconoscere al soggetto incaricato alcun costo od onere aggiuntivo. DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (Le condizioni di seguito pubblicizzate non costituiscono offerta al pubblico a norma dell'art. 1336 del Codice Civile)

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro tramite Agenzia Finanziatore Indirizzo Telefono Sito web BANCA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO GARANZIA A PRIMA RICHIESTA

FOGLIO INFORMATIVO GARANZIA A PRIMA RICHIESTA FOGLIO INFORMATIVO GARANZIA A PRIMA RICHIESTA INFORMAZIONI SU ARTIGIANCREDITO TOSCANO Artigiancredito Toscano Consorzio Fidi della Piccola e Media Impresa società cooperativa (in breve ACT) Sede legale

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al CREDITO DOCUMENTARIO E FINANZIAMENTO ESTERO AD USO PROMISCUO

FOGLIO INFORMATIVO relativo al CREDITO DOCUMENTARIO E FINANZIAMENTO ESTERO AD USO PROMISCUO FOGLIO INFORMATIVO relativo al CREDITO DOCUMENTARIO E FINANZIAMENTO ESTERO AD USO PROMISCUO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Cassano delle Murge e Tolve S.C. Via Vittorio Veneto

Dettagli

Protocollo d intesa PATTO PER LA CASA

Protocollo d intesa PATTO PER LA CASA Protocollo d intesa PATTO PER LA CASA Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura Compagnia delle Opere Bergamo Confindustria Bergamo ANCE Bergamo Fiaip Bergamo Confcooperative Bergamo Legacoop

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al Mutuo chirografario breve termine Finanziamento a scadenza fissa clientela al dettaglio e altra clientela

FOGLIO INFORMATIVO relativo al Mutuo chirografario breve termine Finanziamento a scadenza fissa clientela al dettaglio e altra clientela FOGLIO INFORMATIVO relativo al Mutuo chirografario breve termine Finanziamento a scadenza fissa clientela al dettaglio e altra clientela INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Anghiari e Stia Credito Cooperativo

Dettagli

COMUNICAZIONE AI LAVORATORI DI AVVIO DELL INIZIATIVA ANTICIPAZIONE SOCIALE

COMUNICAZIONE AI LAVORATORI DI AVVIO DELL INIZIATIVA ANTICIPAZIONE SOCIALE COMUNICAZIONE AI LAVORATORI DI AVVIO DELL INIZIATIVA ANTICIPAZIONE SOCIALE 1. Descrizione e finalità dell Iniziativa. Con deliberazione n. X/1018 del 5 dicembre 2013, la Giunta della Regione Lombardia

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO del 01/01/2010 Numero 6 aggiornato al 02/07/2013 Relativo al rilascio di garanzia

FOGLIO INFORMATIVO del 01/01/2010 Numero 6 aggiornato al 02/07/2013 Relativo al rilascio di garanzia FOGLIO INFORMATIVO del 01/01/2010 Numero 6 aggiornato al 02/07/2013 Relativo al rilascio di garanzia INFORMAZIONI SUL CONFIDI CONFIDI IMPRESE TOSCANE Società Cooperativa di garanzia collettiva dei fidi

Dettagli

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIO, COOPERAZIONE, RISORSE AGRICOLE E FORESTALI.

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIO, COOPERAZIONE, RISORSE AGRICOLE E FORESTALI. REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIO, COOPERAZIONE, RISORSE AGRICOLE E FORESTALI. CONVENZIONE per la disciplina e l attuazione delle operazioni previste

Dettagli

CONVENZIONE. per la disciplina delle operazioni di delegazione di pagamento di cui al D.P.R. 180/1950 Il giorno del mese di dell anno 2015 in Firenze

CONVENZIONE. per la disciplina delle operazioni di delegazione di pagamento di cui al D.P.R. 180/1950 Il giorno del mese di dell anno 2015 in Firenze CONVENZIONE per la disciplina delle operazioni di delegazione di pagamento di cui al D.P.R. 180/1950 Il giorno del mese di dell anno 2015 in Firenze TRA - L Azienda Regionale per il Diritto allo Studio

Dettagli

Il presente documento pubblicizza le condizioni applicabili alla generalità dei Clienti Consumatori

Il presente documento pubblicizza le condizioni applicabili alla generalità dei Clienti Consumatori Il presente documento pubblicizza le condizioni applicabili alla generalità dei Clienti Consumatori INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca: Banca del Fucino S.p.A. Indirizzo: Via Tomacelli 107-00186 Roma Telefono:

Dettagli

I TIPI DI MUTUO E I LORO RISCHI

I TIPI DI MUTUO E I LORO RISCHI INFORMAZIONI SULLA BANCA/INTERMEDIARIO CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CORTINA D AMPEZZO E DELLE DOLOMITI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA Sede legale e amministrativa: Corso Italia, 80 32043 Cortina

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA In data 2013 in Torino tra Provincia di Torino (di seguito Provincia ) Unicredit Banca (di seguito

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO PER IL CREDITO AL CONSUMO -A TASSO FISSO -A TASSO INDICIZZATO (EURIBOR)

MUTUO CHIROGRAFARIO PER IL CREDITO AL CONSUMO -A TASSO FISSO -A TASSO INDICIZZATO (EURIBOR) FOGLIO INFORMATIVO MUTUO CHIROGRAFARIO PER IL CREDITO AL CONSUMO Sezione I Informazioni sulla banca -A TASSO FISSO -A TASSO INDICIZZATO (EURIBOR) Alla data del 01/10/2009 BANCA DI RIPATRANSONE CREDITO

Dettagli

Fondo di garanzia a sostegno delle imprese danneggiate dalle nevicate straordinarie del febbraio 2012

Fondo di garanzia a sostegno delle imprese danneggiate dalle nevicate straordinarie del febbraio 2012 Fondo di garanzia a sostegno delle imprese danneggiate dalle nevicate straordinarie del febbraio 2012 Nell ambito del Fondo per il sostegno all accesso al credito delle imprese del Lazio (art. 20 LR 9/2005)

Dettagli

mod. CRE\MD46-01 Page 1 of 7

mod. CRE\MD46-01 Page 1 of 7 Sezione I - Informazioni sul Confidi Foglio informativo relativo alla prestazione di garanzia FIDI IMPRESA & TURISMO VENETO Società Cooperativa per Azioni Sede legale: Viale Ancona, 9 30172 MESTRE (VE)

Dettagli

REGOLAMENTO. 1.1. le Banche - anche in qualità di capofila di pool di banche con sede nel territorio della Provincia di Rimini;

REGOLAMENTO. 1.1. le Banche - anche in qualità di capofila di pool di banche con sede nel territorio della Provincia di Rimini; REGOLAMENTO PARTE I DEFINIZIONI Nelle presenti disposizioni l espressione: Fondo, indica il Fondo di garanzia a favore dei privati cittadini dipendenti delle aziende aventi sede nella Provincia di Rimini

Dettagli

CONVENZIONE. premesso che

CONVENZIONE. premesso che Allegato A CONVENZIONE....... (codice fiscale.. ), di seguito Amministrazione, nella persona di., nato il... a., in qualità di.. e.... con sede legale in..... (codice fiscale.... e iscrizione all albo

Dettagli

REGOLAMENTO SUL FINANZIAMENTO DEI POSTI DI RUOLO DI PRIMA E SECONDA FASCIA E RICERCATORI UNIVERSITARI. Art. 1 (Ambito di applicazione)

REGOLAMENTO SUL FINANZIAMENTO DEI POSTI DI RUOLO DI PRIMA E SECONDA FASCIA E RICERCATORI UNIVERSITARI. Art. 1 (Ambito di applicazione) REGOLAMENTO SUL FINANZIAMENTO DEI POSTI DI RUOLO DI PRIMA E SECONDA FASCIA E RICERCATORI UNIVERSITARI Art. 1 (Ambito di applicazione) 1. Il presente Regolamento disciplina i criteri e le procedure adottate

Dettagli

Piano Base. CAP di Tasso. Multiopzione Piano Bilanciato Rientro Libero

Piano Base. CAP di Tasso. Multiopzione Piano Bilanciato Rientro Libero Abitativo e Surroga MUTUO DOMUS VARIABILE Finalità abitativa e portabilità tramite surroga Piano Base CAP di Tasso Multiopzione Piano Bilanciato Rientro Libero Scheda informativa ad esclusivo uso interno

Dettagli

PRESTITI FIDUCIARI UNICREDIT AD HONOREM

PRESTITI FIDUCIARI UNICREDIT AD HONOREM PRESTITI FIDUCIARI UNICREDIT AD HONOREM AVVISO PER GLI STUDENTI DEI MASTER, SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE E DEI TIROCINI FORMATIVI ATTIVI (TFA) ISTITUITI E GESTITI DALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO A.A.

Dettagli

TRA PREMESSO. c) che con Determinazione Dirigenziale n. 100/DA1008 del 15 novembre 2007 è stata impegnata la somma di euro 2.932.

TRA PREMESSO. c) che con Determinazione Dirigenziale n. 100/DA1008 del 15 novembre 2007 è stata impegnata la somma di euro 2.932. CONVENZIONE PER IL CONCORSO NEL FINANZIAMENTO LEGGE REGIONALE 23/2002 Bando diretto alla concessione di prestiti agevolati mediante fondo rotativo per la realizzazione di impianti fotovoltaici di piccola

Dettagli

Azienda U.L.S.S. n. 19

Azienda U.L.S.S. n. 19 Allegato B al Disciplinare AFFIDAMENTO DI UN SERVIZIO DI FINANZIAMENTO - CONTRATTO PER UN MUTUO DECENNALE - A TASSO VARIABILE CON OPZIONE DI CONVERSIONE A TASSO FISSO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO TRIENNALE

Dettagli

Contratto di Prestito Flessibile Codice Contratto n. 01/15.00/001.00

Contratto di Prestito Flessibile Codice Contratto n. 01/15.00/001.00 Posizione N. Spettabile Cassa depositi e prestiti società per azioni Via Goito n. 4 00185 Roma Italia [LUOGO], / / 1 [DATA] Egregi Signori, con la presente Vi proponiamo la stipulazione di un contratto

Dettagli

CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEGLI AIUTI

CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEGLI AIUTI Allegato alla Delib.G.R. n. 50/27 del 10.11.2009 CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI L.R.10 gennaio 2001 n.. 2 Titolo T II DIRETTIVE DI

Dettagli