CITTA DI CASTANO PRIMO Provincia di Milano ASSESSORATO ALLA CULTURA. Biblioteca Comunale. Dotazione e statistiche Santi Beato Angelico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CITTA DI CASTANO PRIMO Provincia di Milano ASSESSORATO ALLA CULTURA. Biblioteca Comunale. Dotazione e statistiche 2003-2012. Santi Beato Angelico"

Transcript

1 CITTA DI CASTANO PRIMO Provincia di Milano ASSESSORATO ALLA CULTURA Biblioteca Comunale Dotazione e statistiche Santi Beato Angelico

2 Premessa Il monitoraggio dell efficienza e produttività del servizio pubblico è argomento che riscuote negli ultimi anni crescente attenzione da parte della politica e della disciplina gestionale della Pubblica Amministrazione in risposta alla pressante esigenza di ottimizzazione dell impiego delle risorse, di standardizzazione dei servizi offerti alla cittadinanza e di trasparenza dell azione amministrativa. La valutazione analitica dei servizi è strumento di pianificazione amministrativa, per tale ragione il rilevamento statistico delle dotazioni e dei risultati conseguiti dai servizi pubblici va letto alla luce di standard di riferimento che consentono di evidenziare criticità e punti di forza, e deve precedere la progettazione di interventi finalizzati, nel rispetto dei principi di efficacia, efficienza ed economicità dell azione della Pubblica Amministrazione. Il Programma regionale triennale in materia di biblioteche e archivi storici di enti locali o di interesse locale, che individua le linee di indirizzo e gli obiettivi regionali in materia di politica bibliotecaria, segnala, come riferimento per misurare la qualità del servizio, gli indicatori, gli standard e le linee guida prodotti dall IFLA (International Federation of Library Association) e dall AIB (Associazione Italiana Biblioteche). Gli standard adottati nel presente documento sono tratti dalle Linee guida per la valutazione delle biblioteche pubbliche italiane. Misure, indicatori, valori di riferimento, edito dall Associazione Italiana Biblioteche (2). Per ragioni di scorrevolezza, le citazioni dalle Linee guida sono riportate in corsivo senza ulteriore specificazione. Ringrazio Gabriele Prinelli per la selezione pittorica a soggetto lettori dipinti pubblicata sul suo blog nella quale è segnalato il dipinto riportato in copertina. 2

3 LE RISORSE Indice di superficie Indice della dotazione di personale. 3 Indice di apertura Indice di spesa Accessioni Acquisti e donazioni Indice di incremento della dotazione documentaria. 8 Indice della dotazione di periodici Consistenza delle raccolte Indice di dotazione documentaria...11 Consistenza della raccolta del materiale multimediale. 11 3

4 INDICE DI SUPERFICIE L indice di superficie mette in relazione la superficie dell area dei servizi al pubblico con la popolazione; serve a verificare l adeguatezza della sede della biblioteca a contenere documenti, servizi e spazi per gli utenti proporzionati all utenza potenziale. La Biblioteca di Castano Primo è ospitata in una struttura di 311 mq, dei quali 291 corrispondono all area dei servizi al pubblico; l indice di superficie è di,26 mq ogni 1 abitanti; lo standard AIB suggerisce,5-,7 mq ogni 1 ab. INDICE DI DOTAZIONE DEL PERSONALE L indice di dotazione del personale mette in relazione il personale con la popolazione; serve a verificare l adeguatezza della dotazione di personale della biblioteca rispetto all utenza potenziale. Questo indice si calcola in FTE (full time equivalent) ogni 2. abitanti. Con due dipendenti full-time, uno part-time, una volontaria, il personale per le pulizie e la collaborazione preziosa degli stagisti, la biblioteca raggiunge l indice di,59 fte ogni 2. abitanti. L AIB suggerisce lo standard,7-1,2 fte ogni 2. abitanti. 4

5 ORARIO DI APERTURA Lunedì: 9,-12, Martedì: 9,-12, e 15,-18, Mercoledì: 9,-12, e 15,-18, Giovedì: 9,-12, e 15,-18, Venerdì: 9,-12, e 15,-18, Sabato: 9,-12, e 15,-18, INDICE DI APERTURA L indice di apertura rileva in modo ponderato quante ore in una settimana la biblioteca è aperta nelle fasce orarie più accessibili al pubblico; serve a verificare l accessibilità effettiva della biblioteca e a valorizzare gli orari d apertura di quelle biblioteche che concentrano il maggior numero di ore d apertura nei giorni e negli orari durante i quali l utenza è più propensa ad utilizzare i servizi della biblioteca. Con 34 ore di apertura settimanale la Biblioteca di Castano Primo totalizza un indice di apertura di valore 23; lo standard AIB propone un indice di valore 27,14, equivalente mediamente a 4/6 ore di apertura settimanale. 13 8,8 8,1 1,5 9,8 1,3 11,8 12, 12,2 1,9 1,5 L indice di spesa mette in relazione la spesa per la biblioteca con l a p o p o l a z i o n e : v e r i f i c a l adeguatezza delle risorse economiche per sola gestione corrente della biblioteca rispetto alle esigenze dell utenza potenziale. Lo standard AIB indica una spesa da 13 a 18 Euro pro capite obiettivo 5

6 1% 9% 8% 7% 6% 5% 4% 3% 2% 1% % ACCESSIONI EMEROTECA AUDIOLIBRI MULTIMEDIALI LIBRI PRESCOLARI NARRATIVA RAGAZZI SAGGISTICA ADULTI Il termine accessioni indica il numero dei documenti inseriti nel fondo librario, acquistati o donati. La tabella a sinistra è incompleta per i dati relativi ai libri prescolari e all'emeroteca dal 23 al 26 perché le modalità di rilevamento in quegli anni non prevedevano queste voci; i dati relativi agli audiolibri compaiono dal 29, anno nel quale è stato costituito il fondo. I nuovi supporti entrano a far parte delle raccolte della biblioteca non appena diventano disponibili sul mercato. 6

7 acquisti ricevuti dal Sistema doni donazioni Leggo e Sostengo donazioni RCS riacquisto pregresso ACQUISTI E DONAZIONI Con il termine acquisti s intende correntemente l insieme dei volumi a stampa, degli audiovisivi e dei documenti elettronici aventi natura di monografie o rientranti in grandi opere, acquistati durante l anno solare oggetto della rilevazione. L offerta di documenti aggiornati e attuali è la principale attrattiva che le biblioteche di pubblica lettura esercitano sul pubblico, infatti il grafico che descrive l andamento dei prestiti, a pagina 19, disegna una curva simile a quella del grafico degli acquisti qui sopra: questa è una caratteristica delle biblioteche di pubblica lettura, che registrano la maggioranza dei prestiti su documenti di recente pubblicazione, mediamente di 3-5 anni. Il favore del pubblico, rilevabile tramite i prestiti, dipende anche dalle strategie di acquisto adottate dal personale, che sono finalizzate ad intercettare e soddisfare le esigenze e preferenze dell utenza. E interessante valutare il rapporto tra acquisti e doni, che qualifica l incremento del fondo documentario: per quanto i documenti donati siano inseriti nel fondo librario solo se rispondono a criteri di costruzione delle collezioni orientati a documentare la contemporaneità e a soddisfare gli interessi dell utenza, i documenti acquistati sono selezionati in modo mirato e offrono al pubblico le ultime uscite sul mercato, che sono maggiormente richieste anche in ragione delle campagne pubblicitarie messe in atto dagli editori. 7

8 25 INDICE D'INCREMENTO DELLA DOTAZIONE DOCUMENTARIA 2 15 acquisti su abitanti obiettivo L indice di incremento della dotazione documentaria mette in relazione gli acquisti della biblioteca con la popolazione; serve a verificare l impegno profuso dalla biblioteca per aumentare l offerta documentaria e per mantenerla aggiornata. L'indice di incremento della dotazione documentaria si calcolo dividendo il numero dei documenti acquistati con la popolazione, rapportato a 1. abitanti per evitare indicatori con troppe cifre decimali. Il grafico evidenzia l'andamento dell'indice dal 23 al 212, che registra una fluttuazione tra il minimo di 8 nel 23 e il massimo di 167 del 28. Gli Standard AIB propongono valori di riferimento di 2 25 accessioni ogni 1. abitanti. 8

9 PERIODICI CORRENTI Acquisti totale di cui quotidiani Doni Totale , 1, 8, 6, 4, 2, 1,2 1,57 1,74 1,62 indice di dotazione dei periodici 1,41 2,43 2,32 2,29, obiettivo L indice della dotazione dei periodici mette in relazione il numero dei periodici correnti con la popolazione; serve a verificare l adeguatezza del patrimonio di periodici vivi messi a disposizione dalla biblioteca rispetto all utenza potenziale. Si calcola moltiplicando il rapporto tra periodici correnti e abitanti per 1.. La dotazione della Biblioteca Comunale di Castano Primo è lontana dallo standard AIB, che prevede la disponibilità di 1-15 testate ogni 1. abitanti. Attualmente la dotazione di periodici è limitata anche in ragione della capacità dell espositore dell'emeroteca, che non può ospitare più di 3 testate. 2,54 2,49 1 9

10 STAMPATI Fondo moderno di cui fondo ragazzi 768 np np np np ingressi totale scartati e smarriti da verificare CONSISTENZA DELLE RACCOLTE Fondo moderno scartati e smarriti ingressi totale Lo standard AIB per la consistenza delle raccolte è di 2/3 volumi per abitante. Castano Primo contava abitanti al 31/12/212, pertanto il rapporto ideale documenti/ popolazione varia da a documenti; con documenti al termine del 212 la dotazione documentaria risulta entro gli standard ed ha un margine di crescita di 7. unità documentarie; la dimensione delle raccolte, tuttavia, non è garanzia di efficacia: è più significativo il rapporto tra nuove acquisizioni e scarti di documenti superati, inadeguati o non più rispondenti agli interessi dell'utenza. Una volta raggiunta la dimensione e la fisionomia ideale, la raccolta si stabilizza, ma la qualità del servizio è data dal tasso di rinnovo. 1

11 1,75 INDICE DI DOTAZIONE DOCUMENTARIA 1,87 1,98 2,2 1,98 2,11 2,24 2,18 2,28 2,33 L indice della dotazione documentaria mette in relazione la dotazione documentaria posseduta dalla biblioteca con la popolazione; serve a verificare l adeguatezza della collezione moderna della biblioteca in rapporto all utenza potenziale. Nel 212 l indice di dotazione documentaria è risultato di 2,33, quindi compreso nell'intervallo 2-3 documenti per abitante indicato dagli standard AIB. Il fondo multimediale, ancora limitato nel 23, è cresciuto fino a raggiungere 2.81 documenti nel 212, modificando in questo modo il profilo dell'offerta documentaria nel corso degli anni, inoltre lo stesso settore multimediale ha cambiato fisionomia: per recuperare spazio espositivo ai nuovi supporti sono state inviate alla biblioteca di deposito le musicassette e le vhs, ormai poco richieste, che risultano disponibili e recuperabili in caso di necessità, in aggiunta dal 29 sono stati inseriti gli audiolibri. 3 CONSISTENZA DELLA RACCOLTA DI MATERIALE AUDIOVISIVO Totale Cdrom/DVDrom 11

12 LE PRESTAZIONI Iscritti al prestito..13 Indice d impatto Utenti attivi per genere, utenza per fascia d età Utenza per professione, utenza per titolo di studio Utenza per nazionalità, utenti di rete, provenienza utenti...17 Utenti postazioni multimediali Prestiti, indice di prestito...19 Prestiti per collezione Prestito interbibliotecario, prestiti per tipologia di documento.21 Prestiti per aree tematiche, discipline e letterature Indice di costo dei servizi

13 ISCRITTI AL PRESTITO Si considerano iscritti al prestito tutte e solamente le persone che hanno preso in prestito almeno un documento durante l anno del rilevamento. Dal 23 al 212 il numero dei cittadini che hanno fruito del servizio bibliotecario ha oscillato entro l intervallo , con un rapporto medio tra bambini e ragazzi d età inferiore ai 14 anni su totale dell utenza del 3%, ad eccezione del 25, anno in cui il 46% degli utenti era costituito da bambini e ragazzi preadolescenti, e del 21, anno in cui solo il 23% degli utenti aveva meno di 14 anni UTENTI ATTIVI di cui adulti di cui ragazzi 13

14 3,% INDICE D'IMPATTO 25,% 25% 2,% 15,% 11,87% 1,56% 9,85% 1,21% 1,45% 11,1% 1,41% 1,85% 1,3% 1,46% 1,% 5,%,% obiettivo L indice di impatto definisce la percentuale degli iscritti al prestito sul totale della popolazione; serve a verificare l impatto della biblioteca sui suoi utenti potenziali, cioè il suo radicamento nel territorio di riferimento. Il grafico evidenzia la distanza tra l indice d impatto raggiunto finora e l obiettivo prospettato dall AIB: l indice d impatto risulta essere l elemento di maggiore criticità della Biblioteca di Castano Primo, sul quale devono focalizzarsi le strategie di gestione per gli anni a venire. Questo aspetto è caratteristico della maggioranza delle biblioteche aderenti a Fondazione Per Leggere, per questa ragione le linee programmatiche del sistema bibliotecario hanno individuato nell incremento degli utenti attivi per tutte le biblioteche un obiettivo prioritario. La fotografia dell utenza, che segue nelle prossime pagine, fa emergere che il profilo medio dell utente della Biblioteca di Castano Primo è caratterizzato da un alta scolarizzazione o da necessità dipendenti dal percorso formativo: si tratta di fasce della popolazione con consolidati comportamenti di lettura per ragioni di studio e professionali. Al fine di diminuire il divario tra l attuale indice d impatto e lo standard AIB, la biblioteca deve incrementare il proprio appeal presso altre fasce d utenza, aumentando e differenziano l offerta documentaria, adeguando la sede e gli orari di accesso del pubblico, aggiornando il personale, affiancando ai servizi strettamente biblioteconomici servizi culturali e formativi diversi. 14

15 FOTOGRAFIA DELL UTENZA UTENTI ATTIVI PER GENERE anni; anni; anni; 35-4 anni; 2 UTENZA PER FASCIA D'ETA' anni; anni; anni; anni; 158 Iscritti totale di cui maschi di cui femmine anni; anni; 68 >75 anni; 24 Le donne si confermano di anno in anno lettrici più assidue degli uomini. Il dato locale è in linea con quello nazionale pubblicato nel Report dell Istat La lettura e la produzione di libri in Italia relativo al 21 e 211, secondo il quale legge almeno un libro il 51,6% delle femmine, di ogni età, rispetto al 38,5% dei maschi. Secondo lo stesso Report la quota più alta di lettori si riscontra tra i ragazzi e le ragazze con età compresa tra 11 e 17 anni (6,5%). Anche questo dato è confermato nelle statistiche sulla nostra utenza ripartita per fascia d età; si noti che la tabella a sinistra aggrega i dati relativi all età adulta per decade a partire dai 25 anni a differenza dei dati riferiti ai bambini, adolescenti e giovani adulti, rilevati per quadriennio. Ancora molto limitata risulta l utenza in fascia d età prescolare e anziana, due categorie sulle quali dovremmo incentrare la nostra politica di promozione del servizio. 15

16 UTENZA PER PROFESSIONE 29; 2% 118; 69; 6% 1% 171; 15% 23; 2% 31; 3% 49; 4% 2; % 25; 2% 53; 4% 112; 1% 496; 42% Studenti Pensionati Casalinghe Prescolari Disoccupati Imprenditori, liberi professionisti Dirigenti, Funzionari, Quadri Impiegati Insegnanti Lavoratori Autonomi Altri Lavoratori NP Secondo il già citato Report dell Istat La lettura e la produzione di libri in Italia, a leggere di più sono laureati (dirigenti, imprenditori e liberi professionisti, direttivi, quadri), impiegati e studenti. Meno lettori si ritrovano tra chi ha conseguito la licenza elementare o nessun titolo di studio, gli operai, i ritirati dal lavoro e le casalinghe. Il quadro nazionale è rispecchiato sostanzialmente dai profili professionali e livelli di scolarizzazione della nostra utenza, che vede studenti/imprenditori/liberi professionisti/ dirigenti/funzionari e quadri/impiegati/ insegnanti totalizzare il 68% e diplomati/laureati il 74% dell utenza. UTENZA PER TITOLO DI STUDIO Licenza elementa re; 59; 6% Licenza scuola media inferiore; 165; 16% Diploma scuola media superiore ; 383; 38% Nessun titolo di studio; 29; 3% Laurea ; 373; 37% 16

17 UTENZA PER NAZIONALITA' Nazionalità straniera; 8; 7% NP; 8; 1% L utenza straniera è minoritaria, corrisponde al 7% del totale. Il numero degli utenti di rete, ossia degli utenti che fruiscono dei nostri servizi online, è in costante ascesa: il dato indica che l utenza è più propensa ad effettuare ricerche bibliografiche e richiedere documenti ad altre biblioteche piuttosto che prendere i libri e il materiale multimediale disponibile nella propria biblioteca, dando prova di consapevolezza del potenziale di servizio del sistema bibliotecario. Gli utenti che si recano in sede sono invece generalmente in calo, in particolare gli utenti interni, i cittadini castanesi. Nazionalità italiana; 1.9; 92% PROVENIENZA UTENTI UTENTI DI RETE interni esterni 17

18 Utenti postazioni multimediali Non rilevato Laurea Diploma di scuola media superiore Licenza scuola media inferiore Licenza elementare Nessun titolo di studio 3% 4% 7% 16% Il servizio di consultazione della rete tramite le postazioni multimediali è apprezzato e richiesto dall utenza, con equa distribuzione tra le persone con un titolo di studio, dalla licenza di scuola media inferiore alla laurea, anche se quest ultima fascia della popolazione ricorre meno frequentemente delle altre al servizio pubblico perché generalmente dispone di risorse proprie per ragioni professionali. 37% 33% Con il 3% del totale degli iscritti al servizio internet, i bambini in età scolare rappresentano la quota inferiore di fruitori e percentualmente molto bassa rispetto alla popolazione in età scolare, nonostante le postazioni della biblioteca siano dotate di software di filtro in grado di bloccare le pagine inadeguate per tutelare i minori in rete. Il dato suggerisce di programmare una campagna di promozione del servizio indirizzata ad insegnanti, genitori e s c o l a r i, f i n a l i z z a t a s i a all acquisizione delle competenze per navigare in internet e della conoscenza delle risorse adeguate alle esigenze degli scolari, sia alla corretta informazione sui pericoli della rete per i minori. 18

19 Prestiti Per prestiti si intende il numero totale di documenti concessi durante l anno della rilevazione agli utenti affinché possano consultarli fuori dalla biblioteca per un periodo di tempo determinato. Il numero dei prestiti di documenti effettuati annualmente è uno degli indicatori più significativi dell efficacia del servizio bibliotecario. La linea di tendenza dal 23 al 212 è in crescita , 2,5 2, 1,5 1,,5, INDICE DI PRESTITO 1,28 1,49 1,71 1,61 1,87 2, 1,95 1,9 1,8 1,97 2,5 L indice di prestito rileva il numero dei prestiti annuali rispetto alla popolazione; serve a valutare l efficacia della biblioteca e la sua capacità di promuovere l uso delle raccolte. L indice di prestito della Biblioteca di Castano Primo, è allineato allo standard individuato dall AIB (Associazione Italiana Biblioteche), che è compreso tra 1,5 e 2,5 prestiti pro capite l anno. 19

20 PRESTITI PER COLLEZIONE Narrativa Adulti Saggistica Adulti Narrativa Ragazzi Saggistica Ragazzi materiale multimediale Prescolari Prescolari da verificare Il grafico evidenzia che i nostri utenti, sia adulti sia ragazzi, prediligono la narrativa alla saggistica ed hanno dimostrato di apprezzare il materiale multimediale dal momento in cui ne è stato costituito il fondo. In costante crescita è il prestito dei periodici (emeroteca) e degli audiolibri % 1% 2% 3% 4% 5% 6% 7% 8% 9% 1% 2

21 PRESTITO INTERBIBLIOTECARIO Prestiti interni Prestito Inter Bibliotecario Nel 27, con la fusione dei cataloghi dei sistemi bibliotecari preesistenti a Fondazione Per Leggere in un unico software di gestione, è cresciuto significativamente il ricorso all interprestito in ragione della maggiore disponibilità di documenti. La linea di tendenza all incremento del ricorso al prestito interbibliotecario ha invertito la direzione nel 21, quando è cambiata la modalità di richiesta dei documenti, dalla prenotazione alla copia alla prenotazione al titolo: mentre con la prenotazione alla copia la sola biblioteca alla quale si avanza richiesta la evade, con la prenotazione al titolo tutte le biblioteche che posseggono una copia corrispondente al titolo sono tenute a soddisfare la richiesta, pertanto sono state coinvolte maggiormente le biblioteche meno dotate di documenti e con orari di apertura più limitati, prima d allora meno frequentemente opzionate dai richiedenti. Il 212 vede crescere il prestito bibliotecario per effetto della crescita complessiva del prestito. PRESTITI PER TIPOLOGIA DI DOCUMENTO Periodico; 653; 3% Videocassett Altro; 24; % a; 56; % CD Audio; CD ROM; 1.124; 5% 91; 1% DVD; 2.451; 11% Le monografie rappresentano la categoria di documenti maggiormente richiesta; il prestito di dvd, prevalentemente di video cinematografici, è comunque una voce importante della rosa dei prestiti per tipologia. Monografia; ; 8% 21

22 Prestiti per aree tematiche, discipline e letterature Video STORIA GENERALE DEGLI ALTRI CONTINENTI STORIA DEL MONDO ANTICO GEOGRAFIA E VIAGGI LETTERATURE DI ALTRE LINGUE LETTERATURA LATINA LETTERATURA ITALIANA LETTERATURA TEDESCA LETTERATURA AMERICANA ARTI RICREATIVE E ARTI DELL'ESECUZIONE E DELLO SPETTACOLO FOTOGRAFIA DISEGNO E ARTI FIGURATIVE ARCHITETTURA LE ARTI GESTIONE E SERVIZI AUSILIARI AGRICOLTURA E TECNOLOGIE CONNESSE MEDICINA BOTANICA SCIENZE DELLA TERRA FISICA MATEMATICA ALTRE LINGUE E ALTRO LINGUISTICA LINGUE ITALICHE LATINO LINGUE GERMANICHE TEDESCO USI E COSTUMI EDUCAZIONE AMMINISTRAZIONE PUBBLICA ECONOMIA SCIENZE SOCIALI RELIGIONE PSICOLOGIA ALTRE SOTTOCLASSI GENERALITA' ORGANIZZAZIONI GENERALI E MUSEOLOGIA INFORMATICA

23 7, 6, 5, 4, 3, 2, 1, - INDICE DI COSTO DEI SERVIZI 6,53 6,12 6,22 5,9 6,5 5,43 5,71 5,58 5,33 5, L indice di costo dei servizi mette in relazione la spesa per la biblioteca con i servizi forniti (in particolare i prestiti); serve a verificare l efficienza della biblioteca e quindi il rendimento delle spese in termini di servizio erogato. I dati nella tabella a sinistra risultano dalla divisione della spesa ordinaria per il numero dei prestiti. In generale questo indice è da considerarsi positivo quanto più il valore è basso, perché segnala la capacità della biblioteca di ottimizzare le risorse producendo il maggior numero di prestiti, che risultano, quindi, a costo unitario inferiore; va tuttavia sottolineato che la biblioteca offre una molteplicità di servizi aggiuntivi al prestito, sarebbe quindi indicatore più significativo l indice di costo dei servizi calcolato sul numero delle visite, elemento rilevabile tramite appositi contatori degli accessi collocabili all entrata della biblioteca. 23

STATISTICHE DOCUMENTI PMV IN SOL

STATISTICHE DOCUMENTI PMV IN SOL STATISTICHE DOCUMENTI PMV IN SOL INTRODUZIONE A cura del Coordinamento del Polo regionale del Veneto Vicenza, 12 ottobre 2011 PREMESSA Le istruzioni fornite nel 2010 per la compilazione del PMV riferito

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI SOPRINTENDENZA PER I BENI LIBRARI E DOCUMENTARI

REGIONE EMILIA-ROMAGNA ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI SOPRINTENDENZA PER I BENI LIBRARI E DOCUMENTARI REGIONE EMILIA-ROMAGNA ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI SOPRINTENDENZA PER I BENI LIBRARI E DOCUMENTARI ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA,

Dettagli

LAUREA TRIENNALE STUDENTI LAUREA MAGISTRALE POST LAUREA

LAUREA TRIENNALE STUDENTI LAUREA MAGISTRALE POST LAUREA Allegato 6 - MOTIVI PRINCIPALI PER CUI GLI UTENTI SI RECANO NELLE BIBLIOTECHE, DOCUMENTI MAGGIORMENTE UTILIZZATI, FATTORI RITENUTI DETERMINANTI PER LA QUALITA DELLE BIBLIOTECHE RISPOSTE PER GRUPPI DI UTENTI

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate

Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate Corso Programmare e progettare la biblioteca pubblica Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate Angelo Marchesi con la collaborazione di Alessandro Agustoni e Giulia Villa Il contesto Vimercate

Dettagli

1 Configurazioni SOL per export SIBIB

1 Configurazioni SOL per export SIBIB Pag.1 di 7 1 Configurazioni SOL per export SIBIB Le configurazioni per l export dei dati verso SIBIB si trovano in: Amministrazione Sistema > Import-Export dati > Configurazioni. Tutte le configurazioni

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli

www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli 01 Nei secoli, ci siamo abituati a leggere in molti modi (pietra, pergamena, libri). I cambiamenti continueranno e noi

Dettagli

Biblio 1.1 storie & memorie biblioteche trevigiane tra memoria e modernità

Biblio 1.1 storie & memorie biblioteche trevigiane tra memoria e modernità SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA 1) Ente proponente il progetto: ASSOCIAZIONE COMUNI DELLA MARCA TREVIGIANA - Via Terraglio, 58 31022 Preganziol (TV) Enti co-progettanti:

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Applicazione gestionale progettata per gestire tutti gli aspetti di palestre, centri sportivi e centri benessere Sicuro Personalizzabile

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni )

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni ) ORARIO LEZIONI 2 semestre - Anno accademico 2014/2015 2 semestre 1 ANNO GIORNI ORE LUNEDÌ Teologia morale fondamentale Teologia morale fondamentale Psicologia dello sviluppo I Psicologia dello sviluppo

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE ervizi. a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta UTENZE DOMESTICHE presentazione Carissimi cittadina /cittadino, torno da te, per raccontarti la nostra esperienza

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN

2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane e per le informazioni bibliografiche APPLICATIVO SBN-UNIX IN ARCHITETTURA CLIENT/SERVER 2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN Manuale d uso (Versione

Dettagli

GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB. A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche

GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB. A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche ISTRUZIONI PER Usare in modo consapevole i motori di ricerca Valutare un sito web ed utilizzare: Siti istituzionali

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A.

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A. I Settiman 2-6 Ore Lunedi 2 Martedi 3 Mercoledi 4 Giovedì 5 Venerdì 6 II 09-13 Ore Lunedì 9 Martedì 10 Mercoledì 11 Giovedì 12 Venerdì 13 III 16-20 Ore Lunedì 16 Martedì 17 Mercoledì 18 Giovedì 19 Venerdì

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

La dissomiglianza tra due distribuzioni normali

La dissomiglianza tra due distribuzioni normali Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi Università degli Studi di Bari Aldo Moro - Vol. X (2011): 43-50 Editore CLEUP, Padova - ISBN: 978-88-6129-833-0 La dissomiglianza tra due distribuzioni

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007 A STATISTICA (A-K) a.a. 007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

SAMEV 24/10/2013 08.57 - Pagina 1. Lunedì 30/09 Martedì 01/10 Mercoledì 02/10 Giovedì 03/10 Venerdì 04/10 8h00

SAMEV 24/10/2013 08.57 - Pagina 1. Lunedì 30/09 Martedì 01/10 Mercoledì 02/10 Giovedì 03/10 Venerdì 04/10 8h00 SAMEV 24/10/2013 08.57 - Pagina 1 Scienze Forestali e Ambientali I liv. - 3 anno - dal 30 settembre al 04 ottobre 2013 Lunedì 30/09 Martedì 01/10 Mercoledì 02/10 Giovedì 03/10 Venerdì 04/10 Aula 9 Aula

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

alla scoperta della biblioteca tra passato e futuro

alla scoperta della biblioteca tra passato e futuro alla scoperta della biblioteca tra passato e futuro viaggio tra i servizi offerti mappe topografiche delle tre sedi navigazione nel catalogo on-line itinerari per l uso delle risorse elettroniche Una guida

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure.

Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure. Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure. TRADUZIONE A CURA DI ASSUNTA ARTE E ROCCO CAIVANO Prima versione dell IFLA 1954 Revisioni principali

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL

PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL CONSERVAZI ONE ED ACCESSI BI LI TÀ I N NTERNETDICOLLEZI ONIAUDI OVI SI VE I PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL 1. IL RUOLO DELLE BIBLIOTECHE AUDIOVISIVE Il fine principale è la conservazione

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI Ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi: nei bandi che fanno riferimento all ordinamento previgente

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Divisione Studenti Servizi agli Studenti Divisione Studenti ISU BOCCONI Università Commerciale Luigi Bocconi Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Questo documento riassume le caratteristiche principali

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA AVVISO PUBBLICO Selezione di Statistici junior BIC Sardegna SpA, Soggetto Attuatore dell intervento IDMS, Sistema Informativo dell indice di Deprivazione Multipla

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

La nuova biblioteca pubblica di Pistoia Le linee generali del progetto biblioteconomico. A cura di Giovanni Solimine. Premessa

La nuova biblioteca pubblica di Pistoia Le linee generali del progetto biblioteconomico. A cura di Giovanni Solimine. Premessa La nuova biblioteca pubblica di Pistoia Le linee generali del progetto biblioteconomico A cura di Giovanni Solimine Premessa Il presente documento ha lo scopo di presentare alcune prime riflessioni sul

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Caratteristiche e cause del fenomeno e analisi delle politiche per contenerlo e ridurlo AGOSTO 2011 Not

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo La Regione autonoma Valle d Aosta promuove e sostiene nel rispetto della normativa europea il settore cinematografico, audiovisivo e multimediale,

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO III

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO III DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO III BANDO PER LA RICHIESTA DI CONTRIBUTI E PREMI PER LA DIVULGAZIONE DEL LIBRO ITALIANO E PER LA TRADUZIONE DI OPERE LETTERARIE E SCIENTIFICHE,

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI

CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI Repertorio generale n. 1638 Settore Servizi sociali, culturali e tempo libero Servizi Culturali, Educativi e Tempo Libero DETERMINAZIONE

Dettagli

I ANNO ORA LUNEDI MARTEDI MERCOLEDI GIOVEDI VENERDI. Matematica Aula XI. Chimica Aula XI. Matematica. e inorganica Chimica

I ANNO ORA LUNEDI MARTEDI MERCOLEDI GIOVEDI VENERDI. Matematica Aula XI. Chimica Aula XI. Matematica. e inorganica Chimica CORSO DI LAUREA IN TUTELA E GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PAESAGGIO AGRO-FORESTALE (D.M. 270) 1 SEMESTRE (Dal 6/10/2014 al 30/01/2015) I ANNO 14,00-15,00 applicata applicata Matematica ambientale applicata

Dettagli

Progetto Insieme si può

Progetto Insieme si può Progetto Insieme si può Network dei servizi sociali Lavoro di cura, badanti, politiche dei servizi Milano, 17 aprile 2007 e.mail insieme.roma@libero.it Sito del progetto www.insiemesipuo.net GLI OBIETTIVI

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO STUDENTI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Approvato dal Senato Accademico con delibera del 10 giugno 2008 e modificato con delibera del Senato Accademico del 14 giugno 2011 Decreto rettorale

Dettagli

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE Prot. n. 21096/II/1 dell 11 giugno 2009 UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE VISTA la Legge 8 luglio 1998, n. 230, recante "Nuove norme in materia di obiezione

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli