FONDAZIONE WELFARE AMBROSIANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FONDAZIONE WELFARE AMBROSIANO"

Transcript

1 FONDAZIONE WELFARE AMBROSIANO MICROCREDITO MILANO Report dicembre 2014 Responsabile del progetto Rosa Cioffi 1

2 Fondazione Welfare Ambrosiano Costituzione: 14/09/2009 Compagine Sociale: Comune di Milano, Provincia di Milano, C.C.I.A.A. di Milano, CGIL; CISL e UIL Milano e Lombardia. Mission: Offrire un sostegno ai soggetti e ai rispettivi nuclei familiari, residenti attivi o che svolgano attività lavorativa e/o professionale nel Comune di Milano, in presenza di forme di disagio transitorie originate da eventi particolari per i quali non esistono forme di protezione pubblica o privata già in essere. Operatività: Operativa dal 06/10/2011con il progetto MICROCREDITO MILANO. PERCHÉ IL MICROCREDITO Per offrire un sostegno a quella fascia della popolazione caratterizzata da una condizione di fragilità e di disagio sociale non ancora estremo; particolarmente esposta agli effetti del ciclo economico e che in parte significativa rischia, con la crisi, di precipitare nella marginalità; Fattori determinanti Crisi economica; Difficoltà dei sistemi di welfare a rispondere pienamente ai bisogni sociali espressi. Fattori di vulnerabilità Irregolarità e precarietà dell impiego, basso reddito, poiché la maggior parte di coloro che versano in una situazione di difficoltà con la perdita del lavoro, non hanno risparmi o sono indebitati (causa principale: acquisto dell abitazione); Perdita del lavoro (lavoratori over 45); Disoccupazione giovanile; Presenza di sovra-indebitamento cronico. Responsabile del progetto Rosa Cioffi 2

3 MICROCREDITO MILANO Si tratta di un prestito garantito dalla Fondazione. Il denaro può essere richiesto per superare difficoltà economiche temporanee della persona o della famiglia per fare fronte ad esigenze di lavoro, scuola, salute o altre necessità. La FWA attraverso la costituzione di apposito fondo (c/o Banca Prossima di 2mln di euro con moltiplicatore 2), fornisce la garanzia fideiussoria (70% di cui il 30% riassicurata dalla Fondazione Lombarda Antiusura) finalizzata ad agevolare l'accesso a forme di microcredito (per un massimo di ) verso le banche convenzionate, che materialmente concedono il prestito, che sarà restituito a tassi di interesse agevolato e con modalità concordate dalla Fondazione stessa. MODELLO OPERATIVO Microcredito Sociale I FASE: Intercettazione attraverso la rete degli sportelli convenzionati sul territorio milanese (13 sportelli di cui 9 sindacali, Formaper (C. Impresa), 2 ACLI e Coop. la Strada) composto da volontari dei potenziali beneficiari dell iniziativa. I Soggetti abilitati hanno partecipato a un percorso formativo indispensabile per svolgere la funzione di orientamento all interno del sistema di prestazioni disponibili nel territorio metropolitano. Ciascun Soggetto abilitato presta una sorta di fidejussione morale d intesa con la persona assistita. II FASE: Pre-istruttoria per il rilascio del credito, realizzata da associazione di volontariato (VOBIS) dotati di alta professionalità che esamineranno con attenzione la situazione economica delle persone e delle loro famiglie, svolgendo una valutazione sulla sostenibilità dei richiedenti. III FASE: Valutazione di merito da parte della Commissione tecnica sulla base delle preistruttorie sulla singola richiesta con decisione finale sul singolo intervento di consentire o meno l accesso al credito attraverso il rilascio della garanzia. IV FASE: Le richieste con esito positivo vengono inviate alle banche che hanno firmato protocollo di intesa con FWA (ISP, BPM, BPCI, PERMICRO) che considerando sia le valutazioni espresse nelle fasi Responsabile del progetto Rosa Cioffi 3

4 precedenti del processo e previa verifica di merito creditizio presso il sistema interbancario (centrale rischi) deliberano l erogazione del finanziamento. Accompagnamento pre e post erogazione Microcredito Sociale MODELLO IN SINTESI In fase di colloquio 1 mese dopo erogazione 3 mesi dopo erogazione 6 mesi dopo erogazione 9 mesi dopo erogazione Spiegazione accompagnamento Operatore rete Primo contatto telefonico e compilazione format Operatore FWA/VOBIS/ FWA Operatore FWA/VOBIS/ FWA Secondo contatto telefonico e aggiornamento format Monitoraggio FWA Operatore FWA/VOBIS/ FWA Primo appuntamento e aggiornamento format Operatore FWA/VOBIS/ FWA Secondo appuntamento e aggiornamento format Responsabile del progetto Rosa Cioffi 4

5 Operatore Rete: in fase di colloquio il richiedente viene informato che durante il periodo di preammortamento verrà contattato dai volontari. Durante il preammortamento realizza almeno 4 contatti di cui 2 telefonici e due di persona da effettuarsi in prossimità dell avvicinarsi del termine di preammortamento. L obiettivo del contatto è capire rispetto alle criticità evidenziate al momento della richiesta di credito, se queste si ripresentano invariate. Compilazione scheda accompagnamento da parte dell operatore: Compilare il format sintetico presente sulla piattaforma dove si registrano le seguenti informazioni: Data: viene inserita la data in cui si è effettuato il contatto. Note: l operatore descrive la situazione in cui si trova il richiedente. Chiede di evidenziare eventuali difficoltà/criticità che potrebbero mettere a rischio il rientro del prestito. Criticità: l operatore esprime una valutazione del rischio di non rientro del prestito, basato sulla situazione oggettiva descritta dal richiedente. Tre sono i livelli di criticità: bassa, media e alta. Solamente in caso di alta criticità viene inviata in automatico alla Fondazione una mail informativa, che riporta l ID della pratica e il livello di criticità. Costituzione Task Force: Durante il corso del processo di accompagnamento la Fondazione svolge il ruolo di monitoraggio dell andamento dello stesso. Su tutte le pratiche che sono state segnalate con alta criticità o su cui sono pervenute delle segnalazioni di insolvenza da parte della banca (prima di arrivare alla possibile escussione), interviene la Task Force (costituita da Operatori Vobis) che contatta il richiedente non solo per capire le ragioni di criticità ma anche per cercare se possibile una soluzione al problema. Responsabile del progetto Rosa Cioffi 5

6 MODELLO OPERATIVO Microcredito Impresa I finanziamenti prevedono obbligatoriamente un percorso di accompagnamento ai servizi ausiliari per l accesso al microcredito. Tale percorso e relativa certificazione consentiranno a FWA la conseguente emissione di garanzia a favore del richiedente. La Fondazione Welfare Ambrosiano, in attuazione del Testo Unico Bancario art. 111 e successive modifiche e integrazioni che dispone che l erogazione di microcredito debba essere accompagnata dalla prestazione di servizi ausiliari, ha previsto che i richiedenti possano rivolgersi a uno degli operatori Vobis (associazione di Volontariato che ha sottoscritto apposita convenzione con FWA), per usufruire delle prestazioni previste dal progetto di seguito elencate: Sviluppare una corretta cultura imprenditoriale: Insegnare al futuro imprenditore la modalità corretta di approccio attraverso alcune domande da porsi: In cosa consiste l attività che voglio intraprendere? Chi sono i possibili clienti e a quali bisogni risponde il prodotto/servizio? Dove localizzerò l impresa? Ci sono abbastanza clienti nella zona di riferimento? So come raggiungere questi clienti? Ho già un parco di clientela potenziale su cui contare? Quanto devo vendere? Ho una previsione di fatturato? C è già qualcuno che offre qualcosa di simile al mio prodotto/servizio? Cosa fa e come lo fa? Cosa offro di diverso? Ho le competenze e l esperienza per realizzare l attività? So fare tutto io o avrò bisogno dell aiuto di qualcuno? Quali sono gli investimenti da realizzare e i costi di gestione da sostenere? Quale sarà il mio margine di guadagno? Ho mezzi propri da apportare al progetto? Di quanto finanziamento ho bisogno? Aiutarli nella realizzazione di un business plan che consenta di evidenziare la validità e la redditività del progetto imprenditoriale; Aiutarli a comprendere perché è importante realizzare un corretto business plan che consenta di: Analizzare e verificare la fattibilità; Determinare una strategia; Comprendere il rischio; Costruire una guida a supporto dell impresa Responsabile del progetto Rosa Cioffi 6

7 Creare una documentazione dettagliata da fornire ai finanziatori sulla realtà aziendale attuale e le prospettive future Un corretto Business Plan è un documento che: descrive il progetto imprenditoriale: strategia competitiva risultati attesi descrive in modo efficace le caratteristiche dell impresa, favorisce l analisi del mercato evidenziando: opportunità minacce evidenzia i punti di forza e di debolezza del progetto; permette di focalizzare al meglio gli obbiettivi; consente la valutazione di fattibilità e di redditività: parte qualitativa parte quantitativa Accompagnare l imprenditore con il tutoraggio nella fase di start-up e di prima gestione d impresa attraverso servizi di tutoraggio e mentoring; Far comprendere cosa voglio sapere i finanziatori: La validità del progetto (prodotti/servizi che si intendono offrire al mercato-target); il rendimento, inteso come remunerazione del capitale di rischio; il piano di rientro, cioè la capacità dell azienda di rifondere il capitale prestato maggiorato degli interessi in tempi prestabiliti; garanzie collaterali che si è in grado di fornire. Costruire la bancabilità dell imprenditore attraverso la valorizzazione della rete di relazioni personali e la partecipazione attiva al progetto: Per i soggetti cosiddetti non bancabili l assenza di garanzie reali (nel senso creditizio) può essere sostituita con il ricorso a garanzie relazionali. L azione che viene svolta è quindi rivolta al riconoscimento ed alla valorizzazione del capitale sociale dell imprenditore e dell impresa con riferimento alla rete nella quale si collocano. Questa attività è finalizzata al superamento delle logiche tradizionali di rating bancario e alla formazione dell imprenditore sul suo potenziale in questo ambito. Responsabile del progetto Rosa Cioffi 7

8 Responsabile del progetto Rosa Cioffi 8

9 Responsabile del progetto Rosa Cioffi 9

10 Responsabile del progetto Rosa Cioffi 10

11 Dati statistici da avvio progetto al 11 dicembre 2014 (ove possibile si è provveduto al confronto tra i dati 2012 disponibili e quelli del 2014) 1231 richieste registrate sulla piattaforma informatica 409 crediti erogati (75 crediti di impresa e 334 crediti sociali) di cui 83 in fase di preammortamento ,00 importo complessivo erogato di cui (credito soc.) e ,00 (c. imp.) ,00 importo totale escusso (38 complessivi di cui 7 crediti di imp. e 31 crediti sociali) ,00 importo complessivo estinzioni anticipate (14 crediti sociali 1 credito impresa) ,00 importo in restituzione (compresi gli importi escussi) 334 numero pratiche complessivo di cui: 282 credito sociale per un importo di ,00 e 52 credito di impresa per un importo di , pratiche respinte di cui: 93 indirizzato ad altro servizio - 83 fidejussione morale negativa valutazione CTV negativa - 50 rifiuto banca. Il dato percentuale 4% relativo al rifiuto banca evidenzia come la struttura di accompagnamento utilizzata dalla Fondazione consenta significativamente la riduzione delle pratiche rifiutate da parte degli istituti di credito. Figura 1. Stato delle richieste al 11/12/ % 75 7% 790 di cui 50 rifiutate dalla banca % % 409 erogati di cui 281 in rimborso 32 2% 15 Respinte Escusse In Preammortamento In Rimborso Estinte Altro (pratiche in valutazione) Responsabile del progetto Rosa Cioffi 11

12 Figura 2. Stato delle richieste al 11/07/ % 23% 8% 37% Importo erogato Indirizzate ad altro servizio Rifiutate Altri stati Al 11/07/2012 il totale delle pratiche caricate in piattaforma (quindi tutte le richieste giunte agli operatori di sportello) era pari a 626 di cui 144 erogate per un importo complessivo di Nel grafico a lato sono riportate le percentuali delle richieste rifiutate (37%) e quella relativa ad altri stati. Nel primo caso sono incluse sia le pratiche che hanno ricevuto il secondo rifiuto da parte delle banche, sia quelle che sono state valutate negativamente da CTV di FWA. La dizione altri stati, indica le richieste caricate che ancora non hanno concluso l ter di valutazione. Figura 3. Le pratiche respinte al 11/12/2014 in relazione alla tipologia di credito sono così suddivise: ,5% ,5% sociale impresa Nel grafico si riportano le pratiche respinte che includono: indirizzate ad altro servizio; richieste con fidejussione morale negativa da parte degli operatori della rete; valutazione di sostenibilità negativa da parte degli operatori Vobis; valutazione negativa da parte del Comitato tecnico della Fondazione (CT)in prima o seconda istanza; secondo e definitivo rifiuto da parte della banca. Responsabile del progetto Rosa Cioffi 12

13 Figura 4. Tipologia del credito richiesto Figura 5. Tipologia del credito richiesto % 27% % Sociale Impresa Impresa sociale Attualmente il 7 delle richieste è di microcredito sociale, mentre il microcredito d impresa rappresenta il restante 29%. Il conteggio riguarda tutte le richieste caricate in piattaforma, non gli importi effettivamente erogati. Sono quindi ricomprese anche le pratiche indirizzata ad altro servizio e quelle che hanno ricevuto valutazione negativa. Osservando il trend delle richieste nel tempo, le percentuali si mantengono pressoché costanti anche per genere e nazionalità dei richiedenti, con una prevalenza di richieste di credito sociale, rispetto a quello di impresa. Figura 6 Composizione dei richiedenti Figura 7.Composizione dei richiedenti % % 57% 43% uomini donne Donne Uomini Responsabile del progetto Rosa Cioffi 13

14 Figura 8. Nazionalità richiedenti Figura 9. nazionalità richiedenti % 38% % 62% Stranieri Italiani Italiani stranieri come evidenziato nei grafici si rileva una maggiore percentuale di richiedenti uomini. Per quanto concerne la nazionalità vi è una prevalenza dei cittadini italiani. Conoscenza della Fondazione e relativo progetto Microcredito Milano Figura 8. anno 2014 Figura 9. anno % 3 40% % % 8% giornali internet passaparola giornali Internet Passaparola Allo stato attuale la maggior parte dei richiedenti è venuta a conoscenza della FWA tramite passaparola (59%), il 28% tramite giornali e il 13% tramite sito internet. Questo dato in controtendenza rispetto al report precedente evidenzia una crescita della conoscenza di FWA Responsabile del progetto Rosa Cioffi 14

15 tramite passaparola, rispetto a una diminuzione tramite i mezzi di stampa (il fenomeno può trovare una diretta correlazione alla campagna pubblicitaria effettuata in fase di avvio del progetto). Conoscenza del servizio suddivisa tra italiani e stranieri Figura 10. anno Passaparola Giornali Internet Italiani Stranieri Passaparola (453 italiani stranieri), Giornali (206 italiani 132 stranieri), Internet (113 italiani 40 stranieri). Aree di provenienza dei cittadini stranieri Figura 11. Aree di provenienza dei cittadini stranieri 2014 Figura 12. Aree di provenienza dei cittadini stranieri 2012 America Latina Europa Asia 7% 0,5% 26% 18% Stati Uniti Africa Oceania 48% America Latina Stati Uniti Europa Africa Asia Oceania 0,5% 9% 23% 50% 17% 0,5% 0,5% Responsabile del progetto Rosa Cioffi 15

16 Come evidenziato nei grafici il 48% proviene dall America Latina, dove si segnala una significativa presenza di nazionalità Peruviana (52%) e Ecuadoriana (47%); Il 26% dall Africa, con la presenza maggiore rappresentata da Egitto (17%) e Marocco (10%); Il 18% dall Europa, in particolare dalla Romania (22%); Il 7% dall Asia; Il restante dagli Stati Uniti e dall Oceania. Il dato è sostanzialmente invariato nel tempo. Richiedenti ripartiti tra credito sociale e di impresa, genere, italiani e stranieri. Figura 13. richiedenti donne Figura 14. richiedenti donne impresa, italiane impresa, straniere impresa, italiane impresa, straniere sociale, italiane sociale, straniere sociale, italiane sociale, straniere 40% 7% 5% 44% 5% 4% 48% 47% Figura 15. richiedenti uomini Figura 16. Richiedenti uomini impresa, italiani impresa, stranieri impresa, italiani impresa, stranieri sociale, italiani sociale, stranieri sociale, italiani sociale, stranieri 34% 18% 5% 32% 14% 7% 43% 47% Responsabile del progetto Rosa Cioffi 16

17 Come evidenziato nei grafici si può rilevare che, dal 2012 al 2014, le richieste di credito sociale risultano prevalenti sia da parte delle donne che degli uomini. Tale prevalenza trova riscontro nel fenomeno della separazione e relativa custodia dei figli che comporta un drastico peggioramento della situazione economica. Altro dato rilevante è la crescita della richiesta di impresa in linea con la riduzione-perdita occupazionale che spinge soprattutto gli Italiani a tentare di trovare occupazione facendo impresa. Figura 17. Crediti richiesti suddivisi per tipologia del credito e per importi 2012 Vuote % 6% 10% 22% 5% 23% 2% 4 52% 0% 20% 40% 60% 80% 100% impresa sociale Si conferma la tendenza generale per cui più del 50% della richiesta dei crediti sociali si colloca al di sotto dei euro.per il credito di impresa le proporzioni sono invertite: più del 40% si colloca nella fascia massima compresa tra i e i euro. Figura 18. Crediti richiesti suddivisi per tipologia del credito e per importi % % % % 22% % 54% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% Sociale Impresa Responsabile del progetto Rosa Cioffi 17

18 I MICROCREDITI EROGATI Figura 19. Condizione lavorativa dei richiedenti che hanno ricevuto il microcredito Altro libero professionista cassa integrazione 1 7% 7% dipendente imprenditore disoccupati 2% 2 19% 2 43% 65% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% sociale impresa Figura 20. Condizione lavorativa dei richiedenti che hanno ricevuto il microcredito altro studenti liberi professionisti Lavoratori dipendenti imprenditori disoccupati cassa integrati 4% 7% 3% 5% 3% 0 16% 19% 36% 34% 70% credito impresa credito sociale I grafici mostrano la ripartizione degli importi erogati suddivisi (tra credito sociale e d impresa) in relazione alla condizione lavorativa. Emerge complessivamente una maggiore difficoltà dei lavoratori dipendenti; infatti ben il 65% (2012) e il 70% (2014) del credito sociale è richiesto da questa categoria. La tendenziale flessione dell erogazione del credito di impresa è sicuramente dovuta all evoluzione dei criteri di selezione utilizzati da parte della fondazione che in corso d opera sono diventanti più stringenti per evitare di danneggiare ulteriormente i richiedenti. Il Responsabile del progetto Rosa Cioffi 18

19 dato è confermato dalla controtendenza nella fascia dei liberi professionisti che, per background individuale, possiedono quegli strumenti indispensabili nella decisione di avviare un nuovo business. Il microcredito di impresa non può essere un alternativa alla perdita dell occupazione se non supportato da capacità imprenditoriale, compartecipazione individuale (anche in misura ridotta) nel coprire il fabbisogno finanziario necessario per l avvio di impresa e idee realizzabili sostenute da un buon progetto di fattibilità. Diversamente diventa uno strumento di ulteriore indebitamento. Il 39% del credito richiesto interessa imprese già avviate mentre il 6 è rappresentato da start-up. Le motivazioni per cui gli imprenditori hanno richiesto il prestito, in caso di start-up è legato alle spese di avvio di impresa; per le imprese avviate nel 50% dei casi per effettuare investimenti relativi all attività; nel restante 50% a copertura di difficoltà economiche inerenti i costi di impresa. Suddivisione dei richiedenti in base alla tipologia del credito e alla fascia di età Figura 21. Crediti erogati per fasce di età % 10% % 36% % 43% % 26% over 60 5% 0% 10% 20% 30% 40% 50% impresa sociale Figura 22. Crediti erogati per fasce di età over 60 4% 3% 8% 10% 15% 25% 27% 29% 33% 46% Impresa Sociale Responsabile del progetto Rosa Cioffi 19

20 Come si può notare le fasce più deboli in termini di richieste andate a buon fine sono rappresentate dai giovani e dagli over 60 in entrambi i periodi esaminati. La fascia tra i al 31,% (media statistica) nel 2012 diventa il 37,5% nel 2014 con un considerevole incremento (10%) della richiesta di impresa a conferma di quanto suesposto. Il dato si contrae nella fascia d età tra i che resta al 33% invariato per il credito sociale ma scende dal 43% al 27% come credito di impresa. Da è il 20% dato invariato nel La fascia predominante è compresa tra i 41-50, dove predomina statisticamente la richiesta di credito di impresa ma contemporaneamente si registra una progressiva regressione della richiesta. Figura 23. Rapporto Visite sito FWA Dal 01 maggio 2013 al 11/12/ ,00% ,00% ,00% 0,00% new visitor 47,5% returning visitor 52,5% visualizzazioni di pagina new visitor 47,5% returning visitor 52,5% visualizzazioni di pagina Il grafico illustra le visite e le frequentazioni del sito. Responsabile del progetto Rosa Cioffi 20

Microcredito FWA. Report 15 Aprile 2013. Università Cattolica del Sacro Cuore Altis, V. Bramanti e F. Spina Pagina 1

Microcredito FWA. Report 15 Aprile 2013. Università Cattolica del Sacro Cuore Altis, V. Bramanti e F. Spina Pagina 1 Microcredito FWA Report 15 Aprile 2013 Università Cattolica del Sacro Cuore Altis, V. Bramanti e F. Spina Pagina 1 Sommario 1.Microcredito in cifre al 15/04/2013... 3 2.Stato attuale delle richieste...

Dettagli

Microcredito FWA. Report 11 Dicembre 2013. Università Cattolica del Sacro Cuore Altis, V. Bramanti e F. Spina Pagina 1

Microcredito FWA. Report 11 Dicembre 2013. Università Cattolica del Sacro Cuore Altis, V. Bramanti e F. Spina Pagina 1 Microcredito FWA Report 11 Dicembre 2013 Università Cattolica del Sacro Cuore Altis, V. Bramanti e F. Spina Pagina 1 Sommario 1.Microcredito in cifre al 11/12/2013... 3 2.Stato attuale delle richieste...

Dettagli

Microcredito Under 35

Microcredito Under 35 Microcredito Under 35 Modello Operativo Mission La Fondazione Welfare Ambrosiano ha sottoscritto una Convenzione con il Comune di Milano per la costituzione di un apposito Fondo di Garanzia per consentire

Dettagli

La nuova iniziativa sarà denominata Sostegno prima Impresa mentre l iniziativa in essere sarà denominata Sostegno Sociale

La nuova iniziativa sarà denominata Sostegno prima Impresa mentre l iniziativa in essere sarà denominata Sostegno Sociale Allegato alla convenzione del 4/11/2011, modificato in data 25 settembre 2014 e in data 19 marzo 2015 FONDO DI GARANZIA FINALIZZATO A SOSTENERE LA NASCITA DI NUOVE IMPRESE E DI NUOVE ATTIVITÀ DI LAVORO

Dettagli

Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010 2011

Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010 2011 Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010 2011 Questionario per l indagine sulle istituzioni di microfinanza Sommario: I. Caratteristiche istituzionali chiave

Dettagli

FONDAZIONE WELFARE AMBROSIANO AVVISO PUBBLICO ELENCO OPERATORI NO-PROFIT SERVIZI AUSILIARI MICROCREDITO UNDER 35

FONDAZIONE WELFARE AMBROSIANO AVVISO PUBBLICO ELENCO OPERATORI NO-PROFIT SERVIZI AUSILIARI MICROCREDITO UNDER 35 FONDAZIONE WELFARE AMBROSIANO AVVISO PUBBLICO ELENCO OPERATORI NO-PROFIT SERVIZI AUSILIARI MICROCREDITO UNDER 35 1 INDICE 1. PREMESSA pag. 3 2. OBIETTIVI pag. 3 3. MANIFESTAZIONI D INTERESSE pag. 4 4.

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO E CONSIDERATO, TRA LE PARTI SI CONVIENE QUANTO SEGUE:

TUTTO CIO PREMESSO E CONSIDERATO, TRA LE PARTI SI CONVIENE QUANTO SEGUE: 1 CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO MICROCREDITO PER IL JOB CREATION ANNUALITÀ 2012/2013, TESO A PREVENIRE IL FENOMENO DELL USURA E RIVOLTO PRIORITARIAMENTE AI CITTADINI RESIDENTI NEL COMUNE DI

Dettagli

Avviso per l avvio di una mappatura di operatori in servizi ausiliari e di monitoraggio per il microcredito

Avviso per l avvio di una mappatura di operatori in servizi ausiliari e di monitoraggio per il microcredito ENTE NAZIONALE PER IL MICROCREDITO Avviso per l avvio di una mappatura di operatori in servizi ausiliari e di monitoraggio per il microcredito 1. FINALITA DELL AVVISO L Ente Nazionale per il Microcredito,

Dettagli

Dieci Talenti. Opportunità di Microcredito. Accoglienza Ascolto Accompagnamento. Susanna Piccioni Palermo 22 novembre 2013

Dieci Talenti. Opportunità di Microcredito. Accoglienza Ascolto Accompagnamento. Susanna Piccioni Palermo 22 novembre 2013 Dieci Talenti Opportunità di Microcredito Accoglienza Ascolto Accompagnamento Susanna Piccioni Palermo 22 novembre 2013 Il progetto Dieci Talenti fa capo alla Fondazione Don Mario Operti, istituzione voluta

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Il lavoro, il futuro. MISURA IV.1 Più forti patrimonialmente Agevolazioni per il rafforzamento della struttura patrimoniale delle piccole e medie imprese mediante

Dettagli

Toscana. Legge regionale 2 agosto 2013, n.45

Toscana. Legge regionale 2 agosto 2013, n.45 Toscana. Legge regionale 2 agosto 2013, n.45 Interventi di sostegno finanziario in favore delle famiglie e dei lavoratori in difficoltà, per la coesione e per il contrasto al disagio sociale. Pubblicata

Dettagli

un aggiornamento sui dati del prestito della speranza

un aggiornamento sui dati del prestito della speranza 6. un aggiornamento sui dati del prestito della speranza Dal Censimento delle opere ecclesiali 1. Il Prestito della Speranza nel contesto nazionale del microcredito Il Prestito della Speranza è un progetto

Dettagli

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA Bari, 27 ottobre 2014 Lorenzo Minnielli Obiettivi Il Fondo Microcredito d Impresa della Puglia è lo strumento con cui la Regione Puglia offre alle micro imprese

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

PRESENTAZIONE RISULTATI DELLO SPORTELLO

PRESENTAZIONE RISULTATI DELLO SPORTELLO PRESENTAZIONE RISULTATI DELLO SPORTELLO Anno 1 (Agosto 2014 - Agosto 2015) Milano, 16 settembre 2015 Agenda Le principali attività realizzate (agosto 2014 agosto 2015) 1- Sensibilizzazione del territorio

Dettagli

Carta delle Attività

Carta delle Attività Carta delle Attività L associazione VO.B.I.S. VO.B.I.S. è un associazione senza scopo di lucro nata il 1 luglio del 2009 per volontà di ex dipendenti del Gruppo Bancario Intesa Sanpaolo che hanno voluto

Dettagli

Esperienze e progetti di microcredito di un gruppo bancario. Dir. Rossano Bagnai. ABI Forum CSR Roma, 4 ottobre 2005

Esperienze e progetti di microcredito di un gruppo bancario. Dir. Rossano Bagnai. ABI Forum CSR Roma, 4 ottobre 2005 ABI Forum CSR Roma, 4 ottobre 2005 BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA SPA BANCA DAL 1472 Esperienze e progetti di microcredito di un gruppo bancario Dir. Rossano Bagnai IL PROGRAMMA DI MICROCREDITO DELLA

Dettagli

4a Tutela della salute l.r. 45/2013 1 PREAMBOLO... 1. 1 CAPO I - Oggetto... 2. 2 Art. 1 - Oggetto... 2

4a Tutela della salute l.r. 45/2013 1 PREAMBOLO... 1. 1 CAPO I - Oggetto... 2. 2 Art. 1 - Oggetto... 2 4a Tutela della salute l.r. 45/2013 1 Legge regionale 2 agosto 2013, n. 45 famiglie e dei lavoratori in difficoltà, per la coesione e per il contrasto al disagio sociale. Interventi di sostegno finanziario

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

C O N V E N Z I O N E PER L AVVIO DEL PROGETTO MICROCREDITO PER LE FAMIGLIE TRA : COMUNE DI CATTOLICA COMUNE DI SAN GIOVANNI IN MARIGNANO

C O N V E N Z I O N E PER L AVVIO DEL PROGETTO MICROCREDITO PER LE FAMIGLIE TRA : COMUNE DI CATTOLICA COMUNE DI SAN GIOVANNI IN MARIGNANO C O N V E N Z I O N E PER L AVVIO DEL PROGETTO MICROCREDITO PER LE FAMIGLIE TRA : COMUNE DI CATTOLICA COMUNE DI SAN GIOVANNI IN MARIGNANO CARITAS PARROCCHIALE DI CATTOLICA PER L EROGAZIONE DI MICROCREDITO

Dettagli

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO per il finanziamento di progetti di sviluppo di imprese sociali, associazioni e cooperative culturali e sociali, destinati a creare nuova occupazione REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE L iniziativa

Dettagli

PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017

PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017 PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017 2 MILIARDI PER IL RILANCIO 2 miliardi di euro di investimenti per le imprese agroalimentari italiane. Queste le risorse del Piano 2015-2017 messo

Dettagli

In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture

In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture FIRENZE Diminuisce il numero dei bambini e ragazzi in strutture di accoglienza e in afidameno familiare, così come le adozioni

Dettagli

Fondo Famiglia Lavoro

Fondo Famiglia Lavoro Fondo Famiglia Lavoro Finalità Funzionamento Criteri Marzo 2009 1 Identità Il Fondo Famiglia Lavoro, formalmente istituito il 23 gennaio 2009, è costituito come Fondazione non autonoma all interno dell

Dettagli

Alessandria Crea Impresa NEWSLETTER N. 9 Giugno 2014

Alessandria Crea Impresa NEWSLETTER N. 9 Giugno 2014 Alessandria Crea Impresa NEWSLETTER N. 9 Giugno 2014 Sportello per la creazione d impresa ed il lavoro autonomo della Provincia di Alessandria SOMMARIO Sezione 1: Il mondo delle imprese e del lavoro autonomo

Dettagli

I FINANZIAMENTI PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI (Donatella Busso, Giorgio Diquattro) 10 gennaio 2006 Il quarto seminario del ciclo Mettersi in proprio

I FINANZIAMENTI PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI (Donatella Busso, Giorgio Diquattro) 10 gennaio 2006 Il quarto seminario del ciclo Mettersi in proprio I FINANZIAMENTI PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI (Donatella Busso, Giorgio Diquattro) 10 gennaio 2006 Il quarto seminario del ciclo Mettersi in proprio un impresa possibile!, svolto nell ambito di Start

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

Dall osservazione al fronteggia mento nei processi di impoverimento: metodologia e strumenti per un efficace contrasto

Dall osservazione al fronteggia mento nei processi di impoverimento: metodologia e strumenti per un efficace contrasto Dall osservazione al fronteggia mento nei processi di impoverimento: metodologia e strumenti per un efficace contrasto R. Orlich - Gli interventi economici dei Comuni La legge regionale n. 6/06, relativa

Dettagli

Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN

Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN 1 INDICE 1. Modalità di scrittura e stile del business plan... 3 2. Struttura di un business plan... 3 2.1 Sintesi...

Dettagli

PROGETTO il TRAPEZIO

PROGETTO il TRAPEZIO PROGETTO il TRAPEZIO OBIETTIVI GENERALI Il Trapezio ha un obiettivo generale di tipo preventivo: interviene, cioè, per trasformare quelle condizioni che possono portare a forme di disagio sociale conclamato.

Dettagli

Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, 1

Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, 1 Oggetto: Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, 1, art. 3, comma 2, lett. e). Fondo di garanzia etica. L Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale riferisce in ordine

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P. F. LAVORO E FORMAZIONE N. 243/SIM DEL 13/06/2014

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P. F. LAVORO E FORMAZIONE N. 243/SIM DEL 13/06/2014 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P. F. LAVORO E FORMAZIONE N. 243/SIM DEL 13/06/2014 Oggetto: AZIONE DI SISTEMA WELFARE TO WORK PER LE POLITICHE DI REIMPIEGO 2012-2014: APPROVAZIONE AVVISO PUBBLICO PER INTERVENTI

Dettagli

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi più industrializzati. Il Comitato non legifera, formula

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito Onorevoli Colleghi! - Negli ultimi anni il settore della microfinanza

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale programmati e realizzati con logiche di rete e di collaborazione tra più realtà per fronteggiare situazioni di disagio o esclusione sociale

Dettagli

A tal fine concordano di sottoscrivere il presente protocollo così articolato: ART. 1 IMPEGNI DELLE PARTI SOTTOSCRITTRICI

A tal fine concordano di sottoscrivere il presente protocollo così articolato: ART. 1 IMPEGNI DELLE PARTI SOTTOSCRITTRICI PROTOCOLLO DI INTESA TRA TRIBUNALE DI RIMINI, PREFETTURA DI RIMINI, PROVINCIA DI RIMINI, COMUNI DELLA PROVINCIA DI RIMINI, ISTITUTI DI CREDITO, SINDACATI CGIL CISL UIL E ASSOCIAZIONI DELLA PROPRIETA RECANTE

Dettagli

La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009

La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009 La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009 Nei mesi successivi al terremoto il Dipartimento di Protezione Civile, per gestire al meglio le offerte ricevute vis sms per il terremoto

Dettagli

PROGETTO 618. POTENZIARE LE CAPACITA CREATIVE PER INVENTARSI UN LAVORO AL FEMMINILE

PROGETTO 618. POTENZIARE LE CAPACITA CREATIVE PER INVENTARSI UN LAVORO AL FEMMINILE PROGETTO 618. POTENZIARE LE CAPACITA CREATIVE PER INVENTARSI UN LAVORO AL FEMMINILE Bando pubblico per la selezione di 20 candidate per il percorso formativo di sviluppo di nuove idee imprenditoriali al

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE AL. MICROCREDITO FSE (III Bando 2013)

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE AL. MICROCREDITO FSE (III Bando 2013) GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE AL MICROCREDITO FSE (III Bando 2013) La guida è stata realizzata con l obiettivo di facilitare la compilazione della domanda di ammissione alle agevolazioni

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE E IL CONTROLLO DI GESTIONE DELL IMPRESA

LA PIANIFICAZIONE E IL CONTROLLO DI GESTIONE DELL IMPRESA Percorso di Formazione Manageriale per le PMI 2015 LA PIANIFICAZIONE E IL CONTROLLO DI GESTIONE DELL IMPRESA Presentazione del percorso formativo Nell ambito delle attività necessarie alla buona conduzione

Dettagli

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Milano, 14 aprile 2011 La crisi finanziaria e i suoi riflessi sull economia reale La crisi internazionale Riflessi sull economia Italiana 2008

Dettagli

La gestione del credito: un approccio analitico al rating

La gestione del credito: un approccio analitico al rating La gestione del credito: un approccio analitico al rating di Giuseppe R. Grasso (*) Oggi le aziende sono chiamate a farsi carico del rischio finanziario associato al proprio portafoglio crediti, rischio

Dettagli

Il microcredito per lo sviluppo delle microimprese turistiche nelle Regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia

Il microcredito per lo sviluppo delle microimprese turistiche nelle Regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia Il microcredito per lo sviluppo delle microimprese turistiche nelle Regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento

Dettagli

Programma di Microcredito Per i giovani e per tutti quelli che vogliono lavorare CASERTA AL LAVORO

Programma di Microcredito Per i giovani e per tutti quelli che vogliono lavorare CASERTA AL LAVORO elli elli LA NOSTRA PROPOSTA MISSION La questione più importante che caratterizza molte aree del Mezzogiorno è il futuro dei giovani under 30. Ma altrettanto drammatica è la situazione degli over 40, che

Dettagli

BUSINESS PLAN e FINANZIAMENTI

BUSINESS PLAN e FINANZIAMENTI BUSINESS PLAN e FINANZIAMENTI 1 PREVENIRE I RISCHI si può? Sì, prima di avviare l impresa, con realismo e piedi per terra business plan (fatto da soli, vedi sito www. pd.camcom.it, miniguide) 2 PREVENIRE

Dettagli

NOTE DI COMMENTO AI DATI DEGLI INTERVENTI DELLA FONDAZIONE ANTIUSURA: DAL 1 GENNAIO AL 31 DICEMBRE 2006

NOTE DI COMMENTO AI DATI DEGLI INTERVENTI DELLA FONDAZIONE ANTIUSURA: DAL 1 GENNAIO AL 31 DICEMBRE 2006 NOTE DI COMMENTO AI DATI DEGLI INTERVENTI DELLA FONDAZIONE ANTIUSURA: DAL 1 GENNAIO AL 31 DICEMBRE 2006 Le persone che hanno usufruito degli interventi, sia con risorse proprie della Fondazione, e sia

Dettagli

BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI

BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI Settore Comunicazione, Turismo, Spettacolo che Giovanili e pari opportunità BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI Scadenza 1^ fase: 30 agosto 2012 2^ fase: 30 dicembre 2012 1. Finalità e obiettivi

Dettagli

Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica

Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica ALLEGATO D.1 BANDO PUBBLICO APERTO RIVOLTO AD IMPRESE OPERANTI NEI SETTORI DELLE TECNOLOGIE

Dettagli

Premesso che Atteso che Considerato quanto sopra espresso Consapevoli inoltre

Premesso che Atteso che Considerato quanto sopra espresso Consapevoli inoltre PROTOCOLLO DI INTESA TRA TRIBUNALE DI RIMINI, PREFETTURA DI RIMINI, PROVINCIA DI RIMINI, COMUNI DELLA PROVINCIA DI RIMINI, ISTITUTI DI CREDITO, SINDACATI CGIL CISL UIL E ASSOCIAZIONI DELLA PROPRIETA RECANTE

Dettagli

Il Dirigente Carlo Chiostri

Il Dirigente Carlo Chiostri 30.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 44 di certificazione del presente decreto che prevedano scadenze successive al 30/4/2014 che pertanto risultano confermate e per le quali si

Dettagli

LA GESTIONE PRESTITI

LA GESTIONE PRESTITI LA GESTIONE PRESTITI LA MANIFESTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL CONTRATTO DI DEBITO (PRESTITO) PREVEDE DUE PRESTAZIONI NON CONTESTUALI E UNA CONDIZIONE DI INCERTEZZA FINO ALLA DATA DEL RIMBORSO NELL IPOTESI

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO DI SOLIDARIETA CONTRO LA CRISI

REGOLAMENTO DEL FONDO DI SOLIDARIETA CONTRO LA CRISI REGOLAMENTO DEL FONDO DI SOLIDARIETA CONTRO LA CRISI ARTICOLO 1 OGGETTO E FINALITA Il presente Regolamento definisce i criteri e disciplina le modalità di erogazione del Fondo di Solidarietà contro la

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2474 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PREZIOSI, VILLECCO CALIPARI, ALBANELLA, ARLOTTI, BASSO, BRAGA, CAPOZZOLO, CARRESCIA, CASATI,

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN COS È IL BUSINESS PLAN E QUAL È LA SUA UTILITÀ? Il business plan è un documento scritto che descrive la vostra azienda, i suoi obiettivi e le sue strategie, i

Dettagli

Percorsi e storie d impresa a Roma

Percorsi e storie d impresa a Roma Percorsi e storie d impresa a Roma Esperienze, valutazioni e prospettive degli imprenditori stranieri Sintesi dei principali risultati Indagine realizzata attraverso la somministrazione telefonica o diretta

Dettagli

INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA PER LA RILEVAZIONE DEI DATI DEI RICHIEDENTI

INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA PER LA RILEVAZIONE DEI DATI DEI RICHIEDENTI INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA PER LA RILEVAZIONE DEI DATI DEI RICHIEDENTI 1 Prima di analizzare le singole sezioni di cui si compone la scheda, riteniamo opportuno fare alcune precisazioni,

Dettagli

Sistema Provinciale Pistoiese di microcredito. Convegno Internazionale CAPIC Pistoia, 13 novembre 2012

Sistema Provinciale Pistoiese di microcredito. Convegno Internazionale CAPIC Pistoia, 13 novembre 2012 Sistema Provinciale Pistoiese di microcredito Convegno Internazionale CAPIC Pistoia, 13 novembre 2012 1 Microcredito - Pistoia Mi fido di te Dal gennaio2007 al Febbraio 2009 Fondazione Un raggio di luce

Dettagli

TUTTO CIO' PREMESSO, LE PARTI, COME INNANZI COSTITUITE, CONCORDANO QUANTO SEGUE: Art. 1 - Scopo Le Parti intendono realizzare un programma di lotta

TUTTO CIO' PREMESSO, LE PARTI, COME INNANZI COSTITUITE, CONCORDANO QUANTO SEGUE: Art. 1 - Scopo Le Parti intendono realizzare un programma di lotta ACCORDO PER LA COSTITUZIONE DEL FONDO PATRIMONIALE TRA "COMUNE DI, rappresentato da, il quale interviene nella sua qualità di Sindaco pro tempore e legale rappresentante dell'ente con sede in ed agisce

Dettagli

Cittadini stranieri consumatori

Cittadini stranieri consumatori Cittadini stranieri consumatori Grazie ai dati raccolti dalla Fondazione Leone Moressa è possibile comprendere la struttura dei redditi delle famiglie immigrate e comprenderne gli effettivi livelli.

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

La gestione dei progetti: schedulare con le tecniche di Project Management. Dott. Fabrizio Salusest

La gestione dei progetti: schedulare con le tecniche di Project Management. Dott. Fabrizio Salusest La gestione dei progetti: schedulare con le tecniche di Project Management Dott. Fabrizio Salusest Perché parlare di Project management ai dottori commercialisti La nostra professione può avere un futuro

Dettagli

Ottobre 2013. 89ª Giornata Mondiale del Risparmio

Ottobre 2013. 89ª Giornata Mondiale del Risparmio Ottobre 2013 89ª Giornata Mondiale del Risparmio Obiettivi ACRI ha chiesto ad IPSOS di condurre un indagine con lo scopo di fornire informazioni e dati di trend, ove possibile dal 2001, rispetto a: Percezione

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/ http://www.intraprendereamodena.it/ Modena, febbraio 2014 Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Premessa introduttiva: la Pianificazione Strategica (4) 2. Il Business

Dettagli

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012 IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di al consumo anno 2012 Il al consumo in Italia Il settore del ai consumatori è regolato dal Testo Unico Bancario, così

Dettagli

LEGGE REGIONALE 23 marzo 1995,n. 12 Agevolazioni per favorire l'occupazione giovanile con il sostegno di nuove iniziative imprenditoriali.

LEGGE REGIONALE 23 marzo 1995,n. 12 Agevolazioni per favorire l'occupazione giovanile con il sostegno di nuove iniziative imprenditoriali. REGIONE UMBRIA LEGGE REGIONALE 23 marzo 1995,n. 12 Agevolazioni per favorire l'occupazione giovanile con il sostegno di nuove iniziative imprenditoriali. ARTICOLO 1 Oggetto 1. Con la presente legge la

Dettagli

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 6 Una cooperativa, come ogni impresa, per stare sul mercato deve remunerare i fattori produttivi in modo da avere un saldo positivo e dunque redigere un bilancio in utile.

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2013

Le imprese a Bologna nel 2013 Le imprese a Bologna nel 2013 Aprile 2014 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IN OTTICA BASILEA 2 DOTT. GABRIELE TROISE - troise@innofin.net 1 PRINCIPI ISPIRATORI DI BASILEA 2 BASILEA 2 E UNA NORMATIVA DIRETTA ALLE BANCHE. FUNZIONE PRECIPUA DELLA

Dettagli

REQUISITI SOGGETTIVI DI AMMISSIBILITA AL PRESTITO. 1.Possono essere ammessi ai finanziamenti concessi dalla Banca ai sensi della Convenzione:

REQUISITI SOGGETTIVI DI AMMISSIBILITA AL PRESTITO. 1.Possono essere ammessi ai finanziamenti concessi dalla Banca ai sensi della Convenzione: Allegato A) REQUISITI SOGGETTIVI DI AMMISSIBILITA AL PRESTITO 1.Possono essere ammessi ai finanziamenti concessi dalla Banca ai sensi della Convenzione: Persone fisiche e famiglie che versino in situazione

Dettagli

VISTO il protocollo d intesa conseguentemente elaborato, allegato alla presente a farne parte integrante formale e sostanziale; P R O P O N E

VISTO il protocollo d intesa conseguentemente elaborato, allegato alla presente a farne parte integrante formale e sostanziale; P R O P O N E DCC N. 13 DEL 09/03/2009 OGGETTO: Approvazione protocollo d intesa con la Fondazione Beato G. Tovini, onlus di Verona, per l attuazione del progetto Microcredito di soccorso, prestiti a persone e famiglie

Dettagli

Sommario: Questionario Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europe 2010-2011 ; Versione 06.03.2012 pag 1

Sommario: Questionario Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europe 2010-2011 ; Versione 06.03.2012 pag 1 Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010-2011 Questionario per l indagine sulle istituzioni di microfinanza Sommario: I. Caratteristiche istituzionali chiave

Dettagli

DIREZIONE FINANZA Funzione Finanza Agevolata ed Enti di Garanzia. 8 Evento Nazionale dei Confidi

DIREZIONE FINANZA Funzione Finanza Agevolata ed Enti di Garanzia. 8 Evento Nazionale dei Confidi DIREZIONE FINANZA Funzione Finanza Agevolata ed Enti di Garanzia Il Fondo Europeo per gli Investimenti (FEI) e lo strumento Risk Sharing Instrument (RSI): un innovativo strumento finanziario comunitario

Dettagli

LA COMUNITÀ SERBA IN ITALIA

LA COMUNITÀ SERBA IN ITALIA Direzione Generale Dell immigrazione e Delle Politiche Di integrazione LA COMUNITÀ SERBA IN ITALIA Abstract del Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati - 2014 Rapporto annuale sulla presenza degli

Dettagli

LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA

LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA Direzione Generale Dell immigrazione e Delle Politiche Di integrazione LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA Abstract del Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati - 2014 Rapporto annuale sulla presenza

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli

TRA. La Banca con sede in,, rappresentata dal (nel seguito Banca) e quando congiuntamente Parti PREMESSO

TRA. La Banca con sede in,, rappresentata dal (nel seguito Banca) e quando congiuntamente Parti PREMESSO CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL FONDO REGIONALE DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO Legge Regione Piemonte del 18 maggio 2004, n. 12, art. 8 come sostituito dalla Legge Regionale del 4 dicembre 2009, n. 30,

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Pari opportunità, Autonomie locali, Sicurezza;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Pari opportunità, Autonomie locali, Sicurezza; OGGETTO: Approvazione della proposta di legge regionale concernente: Interventi regionali per la prevenzione e il contrasto del fenomeno del sovraindebitamento e dell usura e istituzione della Casa regionale

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Autoimpiego: le misure agevolative e i territori

Dettagli

ALLEGATO ALLA D.G.R. ATTUAZIONE DOTE UNICA LAVORO POR FSE 2014-2020. 1. Premessa... 2. 2. Caratteristiche della Dote Unica Lavoro...

ALLEGATO ALLA D.G.R. ATTUAZIONE DOTE UNICA LAVORO POR FSE 2014-2020. 1. Premessa... 2. 2. Caratteristiche della Dote Unica Lavoro... ALLEGATO ALLA D.G.R. ATTUAZIONE DOTE UNICA LAVORO POR FSE 2014-2020 Allegato 1 Indice 1. Premessa... 2 2. Caratteristiche della Dote Unica Lavoro... 2 2.1 Destinatari... 2 2.2 Fasce d aiuto... 2 2.3 Soggetti

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

I clienti titolari di bonus: caratteristiche, consumi, comportamenti

I clienti titolari di bonus: caratteristiche, consumi, comportamenti I clienti titolari di bonus: caratteristiche, consumi, comportamenti Gabriella Utili Direzione consumatori conciliazioni e arbitrati Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Questa presentazione

Dettagli

Credito al consumo e migranti

Credito al consumo e migranti Credito al consumo e migranti Kirsten van Toorenburg, Responsabile Studi, Statistiche e Formazione ASSOFIN CORSO ITALIA, 17-20122 MILANO TEL. 02 865437 r.a. - FAX 02 865727 mailbox@assofin.it - www.assofin.it

Dettagli

SERVIZIO ACCOGLIENZA, ORIENTAMENTO E CONSULENZA SULLE LEGGI DI FINANZIAMENTO NAZIONALI E REGIONALI

SERVIZIO ACCOGLIENZA, ORIENTAMENTO E CONSULENZA SULLE LEGGI DI FINANZIAMENTO NAZIONALI E REGIONALI DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE SVILUPPO ECONOMICO SERVIZIO SVILUPPO MICROIMPRESE SERVIZIO ACCOGLIENZA, ORIENTAMENTO E CONSULENZA SULLE LEGGI DI FINANZIAMENTO NAZIONALI

Dettagli

Assessorato all Artigianato. Direzione Commercio e Artigianato

Assessorato all Artigianato. Direzione Commercio e Artigianato Assessorato all Artigianato Direzione Commercio e Artigianato Imprendiitoriialliità straniiera nellll artiigiianato iin Piiemonte Michelangelo Filippi R. & P. Torino, giovedì 27 Maggio 2004 Imprenditorialità

Dettagli

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010 Assessorato politiche inerenti lo sviluppo sostenibile, l industria, l artigianato, l innovazione produttiva, l università, la scuola, l istruzione, la formazione professionale, coordinamento politiche

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Fondo MICROCREDITO FSE

Fondo MICROCREDITO FSE Napoli 29 maggio 2012 Fondo MICROCREDITO FSE P.O. Campania FSE 2007-2013 Asse I Adattabilità Ob. Spec. c) Ob. Op. c.2 Asse II Occupabilità Ob. Spec. e) Ob. Op. e.3, e.4 Asse III Inclusione sociale Ob.

Dettagli

Guida all elaborazione del Business Plan

Guida all elaborazione del Business Plan Guida all elaborazione del Business Plan GUIDA ALL ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Titolo progetto Dare un titolo al progetto che si intende sviluppare (di norma contraddistingue il prodotto/servizio che

Dettagli

3.4 I caratteri distintivi, le forme societarie, il ricorso a finanziamenti.

3.4 I caratteri distintivi, le forme societarie, il ricorso a finanziamenti. 3.4 I caratteri distintivi, le forme societarie, il ricorso a finanziamenti. Per meglio esaminare i caratteri che contraddistinguono la piccola impresa come soggetto economico si sono prese in esame due

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Dicembre 2014 Ufficio Studi Confartigianato Imprese Piemonte

Dicembre 2014 Ufficio Studi Confartigianato Imprese Piemonte Dicembre 2014 Ufficio Studi Confartigianato Imprese Piemonte Via Andrea Doria, 15-10123 Torino - Tel. 011/8127500 011/8127416 Fax 011/8125775 www.confartigianato.piemonte.it e-mail: info@confartigianato.piemonte.it

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

Bando a favore delle PMI piemontesi per lo smobilizzo dei crediti verso gli Enti locali del Piemonte

Bando a favore delle PMI piemontesi per lo smobilizzo dei crediti verso gli Enti locali del Piemonte P.O.R. 2007 2013 Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività F.E.S.R. 2007/2013 I.4.1 Accesso al credito delle PMI Bando a favore

Dettagli

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO C O P I A DELIBERAZIONE N. 47 DEL 23/05/2011 Deliberazione del Consiglio Comunale OGGETTO: CONVENZIONE TRA L'AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI VALEGGIO SUL MINCIO E LA FONDAZIONE "BEATO G. TOVINI" ONLUS DI VERONA

Dettagli

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE CONFCOMMERCIO MILANO PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI E LE NEO IMPRESE A cura di Alberto Parenti/FIDICOMET Business Plan: Sostenibilità di un progetto #1] Lo

Dettagli