FONDAZIONE WELFARE AMBROSIANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FONDAZIONE WELFARE AMBROSIANO"

Transcript

1 FONDAZIONE WELFARE AMBROSIANO MICROCREDITO MILANO Report dicembre 2014 Responsabile del progetto Rosa Cioffi 1

2 Fondazione Welfare Ambrosiano Costituzione: 14/09/2009 Compagine Sociale: Comune di Milano, Provincia di Milano, C.C.I.A.A. di Milano, CGIL; CISL e UIL Milano e Lombardia. Mission: Offrire un sostegno ai soggetti e ai rispettivi nuclei familiari, residenti attivi o che svolgano attività lavorativa e/o professionale nel Comune di Milano, in presenza di forme di disagio transitorie originate da eventi particolari per i quali non esistono forme di protezione pubblica o privata già in essere. Operatività: Operativa dal 06/10/2011con il progetto MICROCREDITO MILANO. PERCHÉ IL MICROCREDITO Per offrire un sostegno a quella fascia della popolazione caratterizzata da una condizione di fragilità e di disagio sociale non ancora estremo; particolarmente esposta agli effetti del ciclo economico e che in parte significativa rischia, con la crisi, di precipitare nella marginalità; Fattori determinanti Crisi economica; Difficoltà dei sistemi di welfare a rispondere pienamente ai bisogni sociali espressi. Fattori di vulnerabilità Irregolarità e precarietà dell impiego, basso reddito, poiché la maggior parte di coloro che versano in una situazione di difficoltà con la perdita del lavoro, non hanno risparmi o sono indebitati (causa principale: acquisto dell abitazione); Perdita del lavoro (lavoratori over 45); Disoccupazione giovanile; Presenza di sovra-indebitamento cronico. Responsabile del progetto Rosa Cioffi 2

3 MICROCREDITO MILANO Si tratta di un prestito garantito dalla Fondazione. Il denaro può essere richiesto per superare difficoltà economiche temporanee della persona o della famiglia per fare fronte ad esigenze di lavoro, scuola, salute o altre necessità. La FWA attraverso la costituzione di apposito fondo (c/o Banca Prossima di 2mln di euro con moltiplicatore 2), fornisce la garanzia fideiussoria (70% di cui il 30% riassicurata dalla Fondazione Lombarda Antiusura) finalizzata ad agevolare l'accesso a forme di microcredito (per un massimo di ) verso le banche convenzionate, che materialmente concedono il prestito, che sarà restituito a tassi di interesse agevolato e con modalità concordate dalla Fondazione stessa. MODELLO OPERATIVO Microcredito Sociale I FASE: Intercettazione attraverso la rete degli sportelli convenzionati sul territorio milanese (13 sportelli di cui 9 sindacali, Formaper (C. Impresa), 2 ACLI e Coop. la Strada) composto da volontari dei potenziali beneficiari dell iniziativa. I Soggetti abilitati hanno partecipato a un percorso formativo indispensabile per svolgere la funzione di orientamento all interno del sistema di prestazioni disponibili nel territorio metropolitano. Ciascun Soggetto abilitato presta una sorta di fidejussione morale d intesa con la persona assistita. II FASE: Pre-istruttoria per il rilascio del credito, realizzata da associazione di volontariato (VOBIS) dotati di alta professionalità che esamineranno con attenzione la situazione economica delle persone e delle loro famiglie, svolgendo una valutazione sulla sostenibilità dei richiedenti. III FASE: Valutazione di merito da parte della Commissione tecnica sulla base delle preistruttorie sulla singola richiesta con decisione finale sul singolo intervento di consentire o meno l accesso al credito attraverso il rilascio della garanzia. IV FASE: Le richieste con esito positivo vengono inviate alle banche che hanno firmato protocollo di intesa con FWA (ISP, BPM, BPCI, PERMICRO) che considerando sia le valutazioni espresse nelle fasi Responsabile del progetto Rosa Cioffi 3

4 precedenti del processo e previa verifica di merito creditizio presso il sistema interbancario (centrale rischi) deliberano l erogazione del finanziamento. Accompagnamento pre e post erogazione Microcredito Sociale MODELLO IN SINTESI In fase di colloquio 1 mese dopo erogazione 3 mesi dopo erogazione 6 mesi dopo erogazione 9 mesi dopo erogazione Spiegazione accompagnamento Operatore rete Primo contatto telefonico e compilazione format Operatore FWA/VOBIS/ FWA Operatore FWA/VOBIS/ FWA Secondo contatto telefonico e aggiornamento format Monitoraggio FWA Operatore FWA/VOBIS/ FWA Primo appuntamento e aggiornamento format Operatore FWA/VOBIS/ FWA Secondo appuntamento e aggiornamento format Responsabile del progetto Rosa Cioffi 4

5 Operatore Rete: in fase di colloquio il richiedente viene informato che durante il periodo di preammortamento verrà contattato dai volontari. Durante il preammortamento realizza almeno 4 contatti di cui 2 telefonici e due di persona da effettuarsi in prossimità dell avvicinarsi del termine di preammortamento. L obiettivo del contatto è capire rispetto alle criticità evidenziate al momento della richiesta di credito, se queste si ripresentano invariate. Compilazione scheda accompagnamento da parte dell operatore: Compilare il format sintetico presente sulla piattaforma dove si registrano le seguenti informazioni: Data: viene inserita la data in cui si è effettuato il contatto. Note: l operatore descrive la situazione in cui si trova il richiedente. Chiede di evidenziare eventuali difficoltà/criticità che potrebbero mettere a rischio il rientro del prestito. Criticità: l operatore esprime una valutazione del rischio di non rientro del prestito, basato sulla situazione oggettiva descritta dal richiedente. Tre sono i livelli di criticità: bassa, media e alta. Solamente in caso di alta criticità viene inviata in automatico alla Fondazione una mail informativa, che riporta l ID della pratica e il livello di criticità. Costituzione Task Force: Durante il corso del processo di accompagnamento la Fondazione svolge il ruolo di monitoraggio dell andamento dello stesso. Su tutte le pratiche che sono state segnalate con alta criticità o su cui sono pervenute delle segnalazioni di insolvenza da parte della banca (prima di arrivare alla possibile escussione), interviene la Task Force (costituita da Operatori Vobis) che contatta il richiedente non solo per capire le ragioni di criticità ma anche per cercare se possibile una soluzione al problema. Responsabile del progetto Rosa Cioffi 5

6 MODELLO OPERATIVO Microcredito Impresa I finanziamenti prevedono obbligatoriamente un percorso di accompagnamento ai servizi ausiliari per l accesso al microcredito. Tale percorso e relativa certificazione consentiranno a FWA la conseguente emissione di garanzia a favore del richiedente. La Fondazione Welfare Ambrosiano, in attuazione del Testo Unico Bancario art. 111 e successive modifiche e integrazioni che dispone che l erogazione di microcredito debba essere accompagnata dalla prestazione di servizi ausiliari, ha previsto che i richiedenti possano rivolgersi a uno degli operatori Vobis (associazione di Volontariato che ha sottoscritto apposita convenzione con FWA), per usufruire delle prestazioni previste dal progetto di seguito elencate: Sviluppare una corretta cultura imprenditoriale: Insegnare al futuro imprenditore la modalità corretta di approccio attraverso alcune domande da porsi: In cosa consiste l attività che voglio intraprendere? Chi sono i possibili clienti e a quali bisogni risponde il prodotto/servizio? Dove localizzerò l impresa? Ci sono abbastanza clienti nella zona di riferimento? So come raggiungere questi clienti? Ho già un parco di clientela potenziale su cui contare? Quanto devo vendere? Ho una previsione di fatturato? C è già qualcuno che offre qualcosa di simile al mio prodotto/servizio? Cosa fa e come lo fa? Cosa offro di diverso? Ho le competenze e l esperienza per realizzare l attività? So fare tutto io o avrò bisogno dell aiuto di qualcuno? Quali sono gli investimenti da realizzare e i costi di gestione da sostenere? Quale sarà il mio margine di guadagno? Ho mezzi propri da apportare al progetto? Di quanto finanziamento ho bisogno? Aiutarli nella realizzazione di un business plan che consenta di evidenziare la validità e la redditività del progetto imprenditoriale; Aiutarli a comprendere perché è importante realizzare un corretto business plan che consenta di: Analizzare e verificare la fattibilità; Determinare una strategia; Comprendere il rischio; Costruire una guida a supporto dell impresa Responsabile del progetto Rosa Cioffi 6

7 Creare una documentazione dettagliata da fornire ai finanziatori sulla realtà aziendale attuale e le prospettive future Un corretto Business Plan è un documento che: descrive il progetto imprenditoriale: strategia competitiva risultati attesi descrive in modo efficace le caratteristiche dell impresa, favorisce l analisi del mercato evidenziando: opportunità minacce evidenzia i punti di forza e di debolezza del progetto; permette di focalizzare al meglio gli obbiettivi; consente la valutazione di fattibilità e di redditività: parte qualitativa parte quantitativa Accompagnare l imprenditore con il tutoraggio nella fase di start-up e di prima gestione d impresa attraverso servizi di tutoraggio e mentoring; Far comprendere cosa voglio sapere i finanziatori: La validità del progetto (prodotti/servizi che si intendono offrire al mercato-target); il rendimento, inteso come remunerazione del capitale di rischio; il piano di rientro, cioè la capacità dell azienda di rifondere il capitale prestato maggiorato degli interessi in tempi prestabiliti; garanzie collaterali che si è in grado di fornire. Costruire la bancabilità dell imprenditore attraverso la valorizzazione della rete di relazioni personali e la partecipazione attiva al progetto: Per i soggetti cosiddetti non bancabili l assenza di garanzie reali (nel senso creditizio) può essere sostituita con il ricorso a garanzie relazionali. L azione che viene svolta è quindi rivolta al riconoscimento ed alla valorizzazione del capitale sociale dell imprenditore e dell impresa con riferimento alla rete nella quale si collocano. Questa attività è finalizzata al superamento delle logiche tradizionali di rating bancario e alla formazione dell imprenditore sul suo potenziale in questo ambito. Responsabile del progetto Rosa Cioffi 7

8 Responsabile del progetto Rosa Cioffi 8

9 Responsabile del progetto Rosa Cioffi 9

10 Responsabile del progetto Rosa Cioffi 10

11 Dati statistici da avvio progetto al 11 dicembre 2014 (ove possibile si è provveduto al confronto tra i dati 2012 disponibili e quelli del 2014) 1231 richieste registrate sulla piattaforma informatica 409 crediti erogati (75 crediti di impresa e 334 crediti sociali) di cui 83 in fase di preammortamento ,00 importo complessivo erogato di cui (credito soc.) e ,00 (c. imp.) ,00 importo totale escusso (38 complessivi di cui 7 crediti di imp. e 31 crediti sociali) ,00 importo complessivo estinzioni anticipate (14 crediti sociali 1 credito impresa) ,00 importo in restituzione (compresi gli importi escussi) 334 numero pratiche complessivo di cui: 282 credito sociale per un importo di ,00 e 52 credito di impresa per un importo di , pratiche respinte di cui: 93 indirizzato ad altro servizio - 83 fidejussione morale negativa valutazione CTV negativa - 50 rifiuto banca. Il dato percentuale 4% relativo al rifiuto banca evidenzia come la struttura di accompagnamento utilizzata dalla Fondazione consenta significativamente la riduzione delle pratiche rifiutate da parte degli istituti di credito. Figura 1. Stato delle richieste al 11/12/ % 75 7% 790 di cui 50 rifiutate dalla banca % % 409 erogati di cui 281 in rimborso 32 2% 15 Respinte Escusse In Preammortamento In Rimborso Estinte Altro (pratiche in valutazione) Responsabile del progetto Rosa Cioffi 11

12 Figura 2. Stato delle richieste al 11/07/ % 23% 8% 37% Importo erogato Indirizzate ad altro servizio Rifiutate Altri stati Al 11/07/2012 il totale delle pratiche caricate in piattaforma (quindi tutte le richieste giunte agli operatori di sportello) era pari a 626 di cui 144 erogate per un importo complessivo di Nel grafico a lato sono riportate le percentuali delle richieste rifiutate (37%) e quella relativa ad altri stati. Nel primo caso sono incluse sia le pratiche che hanno ricevuto il secondo rifiuto da parte delle banche, sia quelle che sono state valutate negativamente da CTV di FWA. La dizione altri stati, indica le richieste caricate che ancora non hanno concluso l ter di valutazione. Figura 3. Le pratiche respinte al 11/12/2014 in relazione alla tipologia di credito sono così suddivise: ,5% ,5% sociale impresa Nel grafico si riportano le pratiche respinte che includono: indirizzate ad altro servizio; richieste con fidejussione morale negativa da parte degli operatori della rete; valutazione di sostenibilità negativa da parte degli operatori Vobis; valutazione negativa da parte del Comitato tecnico della Fondazione (CT)in prima o seconda istanza; secondo e definitivo rifiuto da parte della banca. Responsabile del progetto Rosa Cioffi 12

13 Figura 4. Tipologia del credito richiesto Figura 5. Tipologia del credito richiesto % 27% % Sociale Impresa Impresa sociale Attualmente il 7 delle richieste è di microcredito sociale, mentre il microcredito d impresa rappresenta il restante 29%. Il conteggio riguarda tutte le richieste caricate in piattaforma, non gli importi effettivamente erogati. Sono quindi ricomprese anche le pratiche indirizzata ad altro servizio e quelle che hanno ricevuto valutazione negativa. Osservando il trend delle richieste nel tempo, le percentuali si mantengono pressoché costanti anche per genere e nazionalità dei richiedenti, con una prevalenza di richieste di credito sociale, rispetto a quello di impresa. Figura 6 Composizione dei richiedenti Figura 7.Composizione dei richiedenti % % 57% 43% uomini donne Donne Uomini Responsabile del progetto Rosa Cioffi 13

14 Figura 8. Nazionalità richiedenti Figura 9. nazionalità richiedenti % 38% % 62% Stranieri Italiani Italiani stranieri come evidenziato nei grafici si rileva una maggiore percentuale di richiedenti uomini. Per quanto concerne la nazionalità vi è una prevalenza dei cittadini italiani. Conoscenza della Fondazione e relativo progetto Microcredito Milano Figura 8. anno 2014 Figura 9. anno % 3 40% % % 8% giornali internet passaparola giornali Internet Passaparola Allo stato attuale la maggior parte dei richiedenti è venuta a conoscenza della FWA tramite passaparola (59%), il 28% tramite giornali e il 13% tramite sito internet. Questo dato in controtendenza rispetto al report precedente evidenzia una crescita della conoscenza di FWA Responsabile del progetto Rosa Cioffi 14

15 tramite passaparola, rispetto a una diminuzione tramite i mezzi di stampa (il fenomeno può trovare una diretta correlazione alla campagna pubblicitaria effettuata in fase di avvio del progetto). Conoscenza del servizio suddivisa tra italiani e stranieri Figura 10. anno Passaparola Giornali Internet Italiani Stranieri Passaparola (453 italiani stranieri), Giornali (206 italiani 132 stranieri), Internet (113 italiani 40 stranieri). Aree di provenienza dei cittadini stranieri Figura 11. Aree di provenienza dei cittadini stranieri 2014 Figura 12. Aree di provenienza dei cittadini stranieri 2012 America Latina Europa Asia 7% 0,5% 26% 18% Stati Uniti Africa Oceania 48% America Latina Stati Uniti Europa Africa Asia Oceania 0,5% 9% 23% 50% 17% 0,5% 0,5% Responsabile del progetto Rosa Cioffi 15

16 Come evidenziato nei grafici il 48% proviene dall America Latina, dove si segnala una significativa presenza di nazionalità Peruviana (52%) e Ecuadoriana (47%); Il 26% dall Africa, con la presenza maggiore rappresentata da Egitto (17%) e Marocco (10%); Il 18% dall Europa, in particolare dalla Romania (22%); Il 7% dall Asia; Il restante dagli Stati Uniti e dall Oceania. Il dato è sostanzialmente invariato nel tempo. Richiedenti ripartiti tra credito sociale e di impresa, genere, italiani e stranieri. Figura 13. richiedenti donne Figura 14. richiedenti donne impresa, italiane impresa, straniere impresa, italiane impresa, straniere sociale, italiane sociale, straniere sociale, italiane sociale, straniere 40% 7% 5% 44% 5% 4% 48% 47% Figura 15. richiedenti uomini Figura 16. Richiedenti uomini impresa, italiani impresa, stranieri impresa, italiani impresa, stranieri sociale, italiani sociale, stranieri sociale, italiani sociale, stranieri 34% 18% 5% 32% 14% 7% 43% 47% Responsabile del progetto Rosa Cioffi 16

17 Come evidenziato nei grafici si può rilevare che, dal 2012 al 2014, le richieste di credito sociale risultano prevalenti sia da parte delle donne che degli uomini. Tale prevalenza trova riscontro nel fenomeno della separazione e relativa custodia dei figli che comporta un drastico peggioramento della situazione economica. Altro dato rilevante è la crescita della richiesta di impresa in linea con la riduzione-perdita occupazionale che spinge soprattutto gli Italiani a tentare di trovare occupazione facendo impresa. Figura 17. Crediti richiesti suddivisi per tipologia del credito e per importi 2012 Vuote % 6% 10% 22% 5% 23% 2% 4 52% 0% 20% 40% 60% 80% 100% impresa sociale Si conferma la tendenza generale per cui più del 50% della richiesta dei crediti sociali si colloca al di sotto dei euro.per il credito di impresa le proporzioni sono invertite: più del 40% si colloca nella fascia massima compresa tra i e i euro. Figura 18. Crediti richiesti suddivisi per tipologia del credito e per importi % % % % 22% % 54% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% Sociale Impresa Responsabile del progetto Rosa Cioffi 17

18 I MICROCREDITI EROGATI Figura 19. Condizione lavorativa dei richiedenti che hanno ricevuto il microcredito Altro libero professionista cassa integrazione 1 7% 7% dipendente imprenditore disoccupati 2% 2 19% 2 43% 65% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% sociale impresa Figura 20. Condizione lavorativa dei richiedenti che hanno ricevuto il microcredito altro studenti liberi professionisti Lavoratori dipendenti imprenditori disoccupati cassa integrati 4% 7% 3% 5% 3% 0 16% 19% 36% 34% 70% credito impresa credito sociale I grafici mostrano la ripartizione degli importi erogati suddivisi (tra credito sociale e d impresa) in relazione alla condizione lavorativa. Emerge complessivamente una maggiore difficoltà dei lavoratori dipendenti; infatti ben il 65% (2012) e il 70% (2014) del credito sociale è richiesto da questa categoria. La tendenziale flessione dell erogazione del credito di impresa è sicuramente dovuta all evoluzione dei criteri di selezione utilizzati da parte della fondazione che in corso d opera sono diventanti più stringenti per evitare di danneggiare ulteriormente i richiedenti. Il Responsabile del progetto Rosa Cioffi 18

19 dato è confermato dalla controtendenza nella fascia dei liberi professionisti che, per background individuale, possiedono quegli strumenti indispensabili nella decisione di avviare un nuovo business. Il microcredito di impresa non può essere un alternativa alla perdita dell occupazione se non supportato da capacità imprenditoriale, compartecipazione individuale (anche in misura ridotta) nel coprire il fabbisogno finanziario necessario per l avvio di impresa e idee realizzabili sostenute da un buon progetto di fattibilità. Diversamente diventa uno strumento di ulteriore indebitamento. Il 39% del credito richiesto interessa imprese già avviate mentre il 6 è rappresentato da start-up. Le motivazioni per cui gli imprenditori hanno richiesto il prestito, in caso di start-up è legato alle spese di avvio di impresa; per le imprese avviate nel 50% dei casi per effettuare investimenti relativi all attività; nel restante 50% a copertura di difficoltà economiche inerenti i costi di impresa. Suddivisione dei richiedenti in base alla tipologia del credito e alla fascia di età Figura 21. Crediti erogati per fasce di età % 10% % 36% % 43% % 26% over 60 5% 0% 10% 20% 30% 40% 50% impresa sociale Figura 22. Crediti erogati per fasce di età over 60 4% 3% 8% 10% 15% 25% 27% 29% 33% 46% Impresa Sociale Responsabile del progetto Rosa Cioffi 19

20 Come si può notare le fasce più deboli in termini di richieste andate a buon fine sono rappresentate dai giovani e dagli over 60 in entrambi i periodi esaminati. La fascia tra i al 31,% (media statistica) nel 2012 diventa il 37,5% nel 2014 con un considerevole incremento (10%) della richiesta di impresa a conferma di quanto suesposto. Il dato si contrae nella fascia d età tra i che resta al 33% invariato per il credito sociale ma scende dal 43% al 27% come credito di impresa. Da è il 20% dato invariato nel La fascia predominante è compresa tra i 41-50, dove predomina statisticamente la richiesta di credito di impresa ma contemporaneamente si registra una progressiva regressione della richiesta. Figura 23. Rapporto Visite sito FWA Dal 01 maggio 2013 al 11/12/ ,00% ,00% ,00% 0,00% new visitor 47,5% returning visitor 52,5% visualizzazioni di pagina new visitor 47,5% returning visitor 52,5% visualizzazioni di pagina Il grafico illustra le visite e le frequentazioni del sito. Responsabile del progetto Rosa Cioffi 20

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Divisione Studenti Servizi agli Studenti Divisione Studenti ISU BOCCONI Università Commerciale Luigi Bocconi Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Questo documento riassume le caratteristiche principali

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... Come accade per tutte quelle aziende che servono in ogni momento

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

LE POLITICHE DEL LAVORO

LE POLITICHE DEL LAVORO LE POLITICHE DEL LAVORO Sono l insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. Tali politiche sono strettamente connesse con altri settori: fiscale, sociale

Dettagli

Art. 1) Finalità. Art. 2) Riparto del Fondo

Art. 1) Finalità. Art. 2) Riparto del Fondo Regolamento per l erogazione dei contributi socio-economici di cui al Fondo di Solidarietà costituito dal Comune di Fabriano con la partecipazione di alcuni privati. Approvato con D.C.C. n. 160 del 10/.09.2009

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI DECRETO 24 SETTEMBRE 2014

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI DECRETO 24 SETTEMBRE 2014 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI DECRETO 24 SETTEMBRE 2014 Circolare n. 68032 del 10 dicembre 2014 INTRODUZIONE Questa guida è stata realizzata per facilitare la compilazione

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Guida alla compilazione

Guida alla compilazione Guida alla compilazione 1 Guida alla compilazione... 1 PARTE I REGISTRAZIONE ORGANIZZAZIONE... 5 LA PRIMA REGISTRAZIONE... 5 ACCESSO AREA RISERVATA (LOGIN)...11 ANAGRAFICA ORGANIZZAZIONE...12 ANAGRAFICA

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB TITOLO I: IL CLUB DEI MIGLIORI NEGOZI DI OTTICA IN ITALIA. Il Club dei migliori negozi di ottica in Italia è costituito dall insieme delle imprese operanti nel campo del commercio dell ottica selezionate

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DELIBERA 20 febbraio 2015. Regolamento recante disposizioni operative del Fondo di garanzia per le agevolazioni

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio Deutsche Bank db Corporate Banking Web Guida al servizio INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. SPECIFICHE DI SISTEMA... 4 3 MODALITÀ DI ATTIVAZIONE E DI PRIMO COLLEGAMENTO... 4 3. SICUREZZA... 5 4. AUTORIZZAZIONE

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Osservatorio Nazionale sull Inclusione Finanziaria dei Migranti in Italia

Osservatorio Nazionale sull Inclusione Finanziaria dei Migranti in Italia progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi Terzi migranti CITTADINANZA ECONOMICA SECONDO REPORT (2013) Osservatorio Nazionale sull Inclusione Finanziaria

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO START-UP, START-HOPE SOSTEGNO ALLE PICCOLE NUOVE IMPRESE INNOVATIVE

AVVISO PUBBLICO START-UP, START-HOPE SOSTEGNO ALLE PICCOLE NUOVE IMPRESE INNOVATIVE AVVISO PUBBLICO START-UP, START-HOPE SOSTEGNO ALLE PICCOLE NUOVE IMPRESE INNOVATIVE POR FESR ABRUZZO 2007-2013 ATTIVITA I.2.2. Indice Art. 1 Finalità del presente Avviso... 4 Art. 2 Caratteristiche tecniche

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

INDICE. 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3. 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10. 3. Come acquistare on line Pag. 14

INDICE. 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3. 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10. 3. Come acquistare on line Pag. 14 INDICE Carte Prepagate istruzioni per l uso 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10 3. Come acquistare on line Pag. 14 4. Come creare il 3D security Pag. 16 5. Collegamento

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese;

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 RECUPERO CREDITI L agente in attività finanziaria può svolgere l attività di ristrutturazione e recupero dei crediti? Si. L art. 128-quaterdecies del TUB

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade 15 it Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa Valida dal: 16/01/2015 Distribuzione: pubblica Indice 1 Scopo... 4 2 Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

IL PORTALE DELLE AGEVOLAZIONI

IL PORTALE DELLE AGEVOLAZIONI IL PORTALE DELLE AGEVOLAZIONI - Manuale Operativo - www.finanziamenti-a-fondo-perduto.it COS E COME FUNZIONA Portale di aggiornamenti su agevolazioni ed incentivi che prevede: Servizio di ricerca online

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli