Programma per il rinnovo del Consiglio dell Ordine degli Ingegneri della Provincia di Torino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma per il rinnovo del Consiglio dell Ordine degli Ingegneri della Provincia di Torino 2009-2013"

Transcript

1 Programma per il rinnovo del Consiglio dell Ordine degli Ingegneri della Provincia di Torino Premessa Gli obiettivi ed i problemi da affrontare e risolvere sono molteplici, complessi e non tutti di facile soluzione. Per questo motivo pensiamo di proporre un programma aperto ai suggerimenti dei colleghi che consenta, al di là delle parole e delle facili promesse di avviare un percorso concreto su cui lavorare insieme nei prossimi quattro anni. Analisi della situazione attuale L ingegnere si trova ogni giorno ad operare in uno scenario complesso e la risposta che deve dare alle sollecitazioni che riceve deve essere sempre adeguata e precisa. La professione intellettuale dell ingegnere ha sempre dato un particolare contributo alla sicurezza ed allo sviluppo di questo Paese. Il nostro agire professionale è stato la chiave del miglioramento della qualità della vita delle ultime generazioni e molte delle criticità che hanno caratterizzato questi tempi di crisi nascono dal essere stati inascoltati nelle nostre sollecitazioni e nei nostri interventi. La condizione delle strutture edilizie, la stato ambientale, il contenimento energetico, l innovazione impiantistica, la sicurezza e la salute sul lavoro, sono alcune delle tematiche che hanno caratterizzato e caratterizzano il nostro agire professionale. Operare su queste tematiche ci ha condotto verso una vera e propria cultura della responsabilità, valore implicitamente condiviso da tutta la categoria nei confronti della Società Civile. Malgrado tutte le nostre richieste non assistiamo ad un progressivo miglioramento della qualità edilizia, impiantistica e organizzativa del territorio in cui operiamo. Spesso le nostre istanze sono considerate con malessere e sufficienza. Quanto ci è richiesto di realizzare deve essere concluso in breve tempo, a costi contenuti e le nostre sollecitazioni a programmare nel tempo la gestione e la manutenzione sia di beni materiali che di sistemi è costantemente ignorata. L autorevolezza della nostra firma e del nostro timbro è scambiata come un mero adempimento amministrativo e svuotata di tutto il valore aggiunto che comporta l assunzione di responsabilità civili e penali. La ricerca della sostenibilità ambientale, economica e sociale nella nostra progettazione, sia di strutture edilizie che di organizzazione del territorio, l importanza della progettazione e della gestione di quelle reti informatiche che caratterizzano ormai il vivere quotidiano di tutti i cittadini e tutte quelle azioni strategiche che gli ingegneri ogni giorno compiono, sono state costantemente ignorate e sottovalutate dal mondo che ci circonda. E giunto il momento di un rinascimento culturale che attribuisca all operato dell ingegnere il suo giusto valore e riconoscimento. La partecipazione dell ingegnere alla gestione dei processi produttivi deve diventare una informazione condivisa e ascoltata da tutta l opinione pubblica. Il suo ruolo sociale deve essere finalmente riconosciuto. 1

2 Il genio, l arte e l intuizione che caratterizzano l operato dell ingegnere devono essere posti in evidenza. L iscrizione all OIT è caratterizzata dalla presenza di tipologie di professione con peculiarità diverse, ma che compongono un unico corpo di professionisti, motore di sviluppo socioeconomico, dediti a importanti elaborazioni intellettuali. Semplificare un corpo complesso induce sempre a generalizzazioni non corrette, ma è così possibile elencare le tre tipologie professionali: i liberi professionisti, i professionisti con un rapporto di lavoro privato e i professionisti con un rapporto di lavoro pubblico. Tra questi macro settori stanno tutte le combinazioni possibili che rileviamo ogni giorno nella nostra attività. In particolare questa elencazione non deve sancire una divisione, in quanto tutti condividono eguali carichi di responsabilità e aspettative di riconoscimento. Tutti sono lavoratori della conoscenza e reali fattori di sviluppo per il Paese e tutela nella difesa degli interessi della collettività. Soggetti che hanno la missione di porre in atto la garanzia dei soggetti terzi. Occorre inoltre tenere presente il contributo alla categoria degli ingegneri donna. Sono passati 100 anni da quando si è laureata al Politecnico di Torino, Emma Strada, prima donna in Italia ad ottenere il titolo di Ingegnere. Nonostante il crescente numero di donne ingegnere, si rende necessaria un'adeguata valorizzazione del loro contributo nel campo della tecnica e del loro ruolo per uno sviluppo economico sostenibile e responsabile. La crisi del 2009 In questi ultimi tre anni la professione è profondamente mutata e la sua autorevolezza è stata messa in preoccupante discussione. I soggetti più indicati a progettare l uscita dalla crisi rimangono gli ingegneri, ma per vari aspetti la categoria ha subito una serie di modifiche al suo status che compromettono la sua stessa possibilità di sopravvivenza, o quanto meno, l autorevolezza motivando questa operazione con la libera concorrenza. Ma alla richiesta del ribasso illimitato non si è contrapposto nessun meccanismo di controllo della qualità ne del modo di operare, inducendo così alla concorrenza sleale, senza alcuna forma di tutela per i committenti. Inoltre il mercato in forte contrazione sia nel pubblico che nel privato, sta comportando una riduzione nella possibilità di incarico stimata nell ordine del 25%, pagamenti protratti nel tempo, disagio nel recupero dei crediti. Questa situazione ha anche comportato un atteggiamento di sempre più evidente rigidezza da parte del sistema creditizio. I professionisti con un lavoro dipendente privato vivono il disagio di una instabilità diffusa e la sensazione che, a fronte di sempre maggiori responsabilità, nessuna riconosca il reale apporto nella realtà produttiva dove operano. I professionisti con un lavoro dipendente pubblico, vedono la loro attività sempre più soggetta ad una verifica puntuale della responsabilità, con la riduzione dei già inadeguati metodi di incentivazione economica e con assunzione di pesanti incombenze, in assenza di reali protezioni assicurative. 2

3 I giovani ingegneri Dopo tanti anni di sacrifici sui banchi del Politecnico lo scenario che si presenta oggi ai giovani ingegneri che intraprendono la attività professionale non è dei più rosei. Difficoltà nell avviamento degli studi, contratti a temine nel settore privato e pubblico. L aspettativa di inserire i giovani laureati nei gruppi di progettazione composti da ingegneri con esperienza deve cessare di essere una intenzione, ma deve trasformarsi in una realtà. La formazione e la qualificazione devono essere economicamente accessibili e si devono trovare convenzioni con Istituti Bancari dove OIT possa fare da garante di prestiti di onore per gli iscritti più recenti, sulla strada già intrapresa dall Ordine degli Avvocati milanese con la Banca Popolare di Milano. Ruolo del Consiglio dell OIT L OIT oltre a svolgere compiti istituzionali ed essere un soggetto di garanzia pubblica, deve poter fornire agli iscritti non solo dei servizi pratici, ma anche motivazioni e stimoli culturali. E inutile continuare a disperdere energie economiche in eventi costosi ed autoreferenziali. Forse può essere più produttivo convergere parte di queste risorse mirandole a ricercare partner, costruire formazione, convegni, pubblicazioni, borse di studio, progetti sociali e così via. Percorsi questi in cui andranno coinvolti gli iscritti disponibili a fornire attività volontaria. Certamente perché vi sia un ritorno da parte di una base attiva è necessario che il Consiglio dell Ordine si attivi con metodologie di comunicazione più vicine ai mutanti scenari esterni. L OIT deve entrare nella logica del miglioramento continuo non solo sul piano delle tecniche gestionali, ma anche su quello delle relazioni sia interne che esterne. E bene allora che nell attività dell Ordine abbiano voce tutte le componenti dal giovane ingegnere, al libero professionista, al dipendente. Ognuno di essi dovrà poter fornire stimoli, gestire ritorni e portare avanti le istanze dei propri gruppi. Negli anni sessanta l OIT era composto da poche centinaia di ingegneri. Ora siamo Al termine del prossimo mandato l OIT di sicuro aumenterà. Una grande forza ed un patrimonio insostituibile per tutta la società civile che è possibile e doveroso far fruttare. Come? Semplicemente individuando e perseguendo obiettivi condivisi. E importante allora interrogare la categoria per individuare questi obiettivi. Rapporti con chi lavora all interno dell OIT Il rispetto ed il riconoscimento delle individuali professionalità deve animare i rapporti con il personale dell OIT. La formazione e la qualificazione interna saranno obbiettivi primari. Una organizzazione più vicina alle esigenze di chi lavora nella struttura OIT e degli iscritti dovrà inaugurare una nuova stagione di collaborazione e sinergia. Si pensa a stimolare e motivare il gruppo di lavoro, individuare i singoli obiettivi in una sorta di traguardo comune condiviso. Anche in questa operazione di valorizzazione nei confronti del personale la parola d ordine dovrà essere: coinvolgimento. 3

4 Rapporti con la Società Civile Come è già stato detto bisogna rendersi conto di quanto sia importante e fondamentale il valore culturale e sociale di una rete di conoscenza e abilità composta da migliaia di ingegneri e di quanto questa incida nel tessuto socio economico del territorio. Il punto è che quasi nessuno o poche persone se ne rendono conto perché i mezzi di informazione non lo sottolineano quasi mai. Uno degli obiettivi primari deve proprio essere quello di sensibilizzare i media per ottenere visibilità. Un servizio di ufficio stampa che potrà essere interno o esterno dovrà stimolare e supportare un apposita commissione dell OIT, che attraverso una rete di relazioni e di azioni ad hoc cercherà di creare situazioni appetibili per i media. (es. istituzione di borse di studio per figli dei morti sul lavoro, progetti pilota per la verifica della sicurezza nelle scuole, ecc.). Questa commissione avrà inoltre il compito di presenziare con un protocollo formale nelle occasioni pubbliche. Rapporti con le Istituzioni Per quanto riguarda il rapporto con le istituzioni ci possiamo riallacciare al punto precedente. Aggiungendo ai compiti di questa possibile commissione (nella quale il Presidente è al vertice d ufficio) anche il rapporto formale e sostanziale con tutte le istituzioni del territorio e nazionali. Alla luce di quanto espresso in precedenza appare evidente e va sottolineato come il ruolo della segreteria e la relativa motivazione del personale dell OIT rivestano un ruolo strategico. Va anche detto che nel momento in cui l immagine OIT acquista maggior visibilità e peso nei confronti della collettività i 7000 ingegneri rappresentano un interessante interlocutore per le istituzioni del territorio e non. Convenzioni con Banche, Assicurazioni, Enti ecc.. dovranno essere oggetto dell attività di una apposita Commissione. Rapporti con gli altri Ordini degli Ingegneri L OIT deve rapportarsi e creare sinergia con gli altri Ordini degli Ingegneri. La Provincia di Torino che è il quarto Ordine in Italia per numero di iscritti ha il dovere di assumere un ruolo significativo nella conduzione politica della categoria. Il Congresso Nazionale che si svolgerà a Torino nel 2010 sarà una importante vetrina per l OIT che potrà dimostrare ai colleghi del resto del Paese la capacità di presentare e realizzare proposte innovative di riforme per la categoria. Rapporti con le altre Professioni L OIT non è un protagonista isolato della realtà politica ed economica di questa Provincia. Ognuno di noi si confronta e collabora ogni giorno con architetti, avvocati, commercialisti, geometri, periti e opera in sinergia con le 4

5 diverse professionalità. Ognuno, per le sue competenze, collabora a dare risposte alle domande complesse poste dagli incarichi che dobbiamo portare a termine. Risulta ormai impossibile proporsi come una risposta unica ai quesiti posti dai clienti ed è giunto il momento che anche a livello istituzionale ci si confronti, rompendo quegli schemi di taglio autoreferenziale, che hanno isolato la categoria. Il confronto con la legge quadro sulle professioni è una tappa importante che potrà essere di grande opportunità solo se affrontato in sinergia con le altre categorie. Rapporti con la FOIT L OIT è un soggetto di garanzia pubblica e deve svolgere una funzione politica per la categoria. Le attività di formazione, raccolta sponsorizzazioni e editoria tecnico divulgativa, restano ad appannaggio della FOIT, il cui compito sarà quello di coniugare al meglio il mercato professionale e le tecnologie proprie delle aziende. Il reperimento delle risorse che FOIT otterrà andranno ad alimentare il miglioramento dell immagine dell ingegnere. La partnership che otterrà con primarie aziende di vari settori (edilizia, impianti, ecc.) saranno la porta d ingresso per l inserimento di giovani ingegneri nelle stesse con l introduzione di specifici meccanismi (da progettare). Questo varrà anche per la ricerca di convenzioni (un mercato di 7000 ingegneri è molto appetibile). Partnership qualificate saranno importanti anche per categorie di ingegneri in carriera sia professionisti che dipendenti. 5

6 Linee guida del programma Ingegneri Oggi rinnovo Consiglio OIT Linee guida Il ruolo dell ingegnere L ingegnere è fondamentale per lo sviluppo del Paese. Questa deve diventare una connotazione condivisa dalle Istituzioni, dalla Società Civile e dall Opinione Pubblica. Il nostro obiettivo è valorizzare questo concetto e tradurlo in azioni concrete che si dovranno manifestare attraverso una rete di contatti e di azioni, tali da creare visibilità e immagine alla categoria. E necessario favorire l aggregazione stabile tra gli ingegneri come elemento di forza e a garanzia delle prestazioni erogate. Adeguato riconoscimento economico della prestazione professionale Chi opera professionalmente sa bene che al di sotto di un certo limite la prestazione non può essere eseguita in modo completo e qualitativamente accettabile. Il suo superamento rappresenta un importante segnale d allarme. Su questo aspetto la lista Ingegneri Oggi si impegna, tra le altre attività sul tema, ad avviare rapporti stretti con l Osservatorio dei LL.PP. della Regione Piemonte e con la F.I.O.P.A. allo scopo di addivenire in tempi rapidi all implementazione di un sistema di monitoraggio degli appalti pubblici che interessano il territorio regionale volto a tenere sotto controllo alcuni parametri chiave per la corretta valutazione del rapporto qualità/prezzo dei servizi di ingegneria e dei lavori di costruzioni delle opere pubbliche, condizione necessaria per poter identificare gli strumenti valutativi delle offerte anomale. I giovani Prioritario è l inserimento dei giovani nel mondo del lavoro. Su questo terreno ci attiveremo con sollecitudine e concretezza per: inserimento negli studi professionali e nelle imprese formazione per i nuovi iscritti convenzionata a tariffe ridotte introduzione di uno sportello dedicato, attivo tutti i giorni, per fornire informazioni di carattere fiscale e normativo per l avvio e la gestione dell attività, più eventuali possibili stage e corsi relazioni di partnership, attraverso la Fondazione, con primarie aziende per l inserimento in stage di neolaureati con tutoraggio da parte dell OIT ricercare convenzioni con Istituti Bancari dove OIT possa fare da garante di prestiti di onore per gli iscritti più recenti creare borse di studio per i neo iscritti su progetti di ricerca 6

7 Ingegnere dipendente Poiché le attuali difficoltà del mercato del lavoro costringono spesso l ingegnere dipendente ad accettare in azienda un ruolo inferiore a quello spettante, ma con funzioni e prerogative di livello superiore, riteniamo opportuno creare un apposita Commissione che attraverso l introduzione di protocolli formativi e di contrattazione si ponga al servizio degli iscritti su questi argomenti tramite la FOIT. Linee guida Ingegnere libero professionista e impreditore La libera professione, da sempre gravata da grande responsabilità, richiede costante impegno e notevoli conoscenze in continua evoluzione, con un aggiornamento sempre più pressante. Ai liberi professionisti deve essere data la possibilità di lavorare con la necessaria sicurezza e tranquillità che la professione richiede per essere di alto livello, per questo si propone: messa a punto dei minimi tariffari (vedi punto dedicato alle tariffe) promozione di aggregazione e sinergie fra i vari professionisti possibilità di accesso ai supporti informativi (leggi, norme, ecc.) a costi ridotti formazione di un ufficio di supporto ai vari problemi delle professioni introdotti dalle normative degli ultimi anni (privacy, sicurezza, assicurazioni, ecc..) stipula di convenzioni generali per assicurazioni professionali, acquisto di strumenti e servizi, accesso a crediti agevolati ecc. supporto al recupero del credito formazione di un ufficio per il controllo della qualità delle prestazioni attivabile su richiesta degli iscritti. Parimenti alla libera professione, anche l attività imprenditoriale richiede impegno e multidisciplinarietà. L ingegnere imprenditore ha quindi bisogno che lordine degli Ingegneri possa garantirgli un bacino di risorse preselezionate e continui a rappresentare la garanzia anche per un adeguato aggiornamento delle stesse, nonché consentirgli l accesso a percorsi privilegiati per poter ottenere informazioni e dati attraverso le istituzioni pubbliche. Per i professionisti che lavorano nell ambito delle nuove aree tecnologiche si dovrà dare pari dignità al ruolo con il riconoscimento specifico della relativa attività. Per i liberi professionisti che svolgono attività di docenza, insostituibili nelle materie tecniche, occorre fare chiarezza sui problemi di carattere previdenziale con i vari Enti ( Cassa, INPS, ecc.). 7

8 La comunicazione Linee guida Per migliorare l immagine e favorire le interrelazioni con il contesto Sociale, Economico e le Istituzioni, l OIT dovrà rivolgere i propri messaggi ad un target differenziato: iscritti, opinion leaders, altri Ordini, Istituzioni, media, studenti (futuri ingegneri), opinione pubblica e collaboratori. Per dare un maggior impulso alla reputazione che l OIT si è creata attraverso la propria storia è necessario dare una comunicazione completa che tenga conto non solo della sua realtà attuale, ma dei progetti futuri. Per questa ragione riteniamo importante la costituzione di una Commissione che si occupi della comunicazione nel suo complesso ed in particolare delle relazioni esterne. Formazione seminari e incontri L aggiornamento professionale, che sarà gestito in prevalenza dalla FOIT, sarà sostenuto, valorizzato e promosso. Questo attraverso sia corsi di formazione volontaria, sia organizzando convegni e tavole rotonde di alto valore scientifico, anche in sinergia con altri Ordini, Collegi e Associazioni di categoria. Attività aggregative e sociali Al fine di promuovere l immagine degli ingegneri oltre che negli aspetti tecnici anche nel sociale,l attività dell ASIT (Associazione sportiva), sarà potenziata e maggiormente divulgata anche con promozione di eventi sostenuti direttamente dalla FOIT. Gestione del personale OIT e FOIT Uno degli elementi strategici per il raggiungimento degli obiettivi del programma riguarda la gestione e la preparazione del personale OIT e FOIT. E necessario valorizzare la professionalità individuale creando un clima di consenso e partecipazione attraverso: formazione tecnica e valoriale a tutti i livelli coinvolgimento negli obiettivi anche con traguardi economici introduzione di circoli di miglioramento continuo mediante tecniche di focus group. Conclusioni Il programma che andiamo a presentare nasce da una base di valori culturali, ma propone interventi pratici e concreti, sia nella fase del pensiero sia in quella dei fatti. Siamo convinti che i molti di voi che condividono il nostro entusiasmo ci aiuteranno aggiungendo forza e qualità alla realizzazione dei progetti perché solo uniti possiamo formulare le migliori promesse, ovvero quelle che si riescono a mantenere. 8

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con. sede legale in Frazione Pollenzo - Bra (CN) e rappresentata in questo atto

L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con. sede legale in Frazione Pollenzo - Bra (CN) e rappresentata in questo atto " ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE TRA L'UNIVERSITA' DI SCIENZE GASTRONOMICHE E L'UNIVERSIT A' DEGLI STUDI DI TORINO. L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con sede legale

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

La Società tra Professionisti

La Società tra Professionisti Paolo Tonalini Notaio La Società tra Professionisti Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pavia in collaborazione con Banca Generali Relazione al Convegno del 6 marzo 2015 NOTAIO

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

La carta dei servizi al cliente

La carta dei servizi al cliente La carta dei servizi al cliente novembre 2013 COS E LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi dell ICE Agenzia si ispira alle direttive nazionali ed europee in tema di qualità dei servizi e rappresenta

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

CONTRIBUTI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE A TORINO

CONTRIBUTI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE A TORINO CONTRIBUTI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE A TORINO Fino al 6 maggio 2011 è possibile presentare la domanda per accedere ai contributi a sostegno delle famiglie per le spese di istruzione

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Allegato C REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA. Requisiti Altri servizi alla persona

Allegato C REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA. Requisiti Altri servizi alla persona REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA Requisiti Altri servizi alla persona Note per la compilazione delle schede dei requisiti Il legale rappresentante o l'operatore individuale compila una scheda dei requisiti

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa di Paola Pittelli Sommario: 1. Premessa; 2. I considerando 89-99 della direttiva 2014/24/UE; 3. L

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli