Dieci anni di esperienza per lo sviluppo imprenditoriale nella Città di Torino. Legge 266/97 Art. 14. Torino, 7 marzo 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dieci anni di esperienza per lo sviluppo imprenditoriale nella Città di Torino. Legge 266/97 Art. 14. Torino, 7 marzo 2011"

Transcript

1 Dieci anni di esperienza per lo sviluppo imprenditoriale nella Città di Torino Legge 266/97 Art. 14 Torino, 7 marzo 2011

2 LEGGE 266/97 art. 14 Negli ultimi 10 anni, all interno del FONDO UNICO COMPETITIVITA, il Ministero dello Sviluppo Economico ha finanziato le 10 Città Metropolitane, sulla base della popolazione residente, per la realizzazione di programmi di sviluppo economico nelle aree più deboli dei rispettivi territori. I finanziamenti sono stati concessi negli anni per un valore pari a 228 milioni di cui 26 milioni destinati a Torino.

3 I PROGRAMMI DI INTERVENTO DELLA CITTA DI TORINO Dal 1998 ad oggi la Città di Torino ha realizzato 5 Programmi Ordinari e 2 Programmi Integrativi. Sono ora in corso di attuazione il Sesto Programma Ordinario ( ) e il Terzo Programma Integrativo ( ).

4 IL MODELLO DI FUNZIONAMENTO La Città di Torino, in seguito all analisi dei Regolamenti Attuativi della Legge 266/97 art.14, ha costruito un modello di azione per ottimizzare l operatività degli interventi. MODELLO TORINO: costituzione di un Comitato permanente concertativo con le Associazioni Imprenditoriali e dei Lavoratori propedeutico all avvio dei programmi, scelta di un Soggetto Attuatore in grado di consentire un accesso privilegiato con il sistema creditizio locale costruzione di una rete locale per lo sviluppo e la creazione di impresa che vede coinvolti i principali attori istituzionali del territorio sperimentazione di modelli innovativi di servizio e di finanziamento.

5 LA STRUTTURA DEI FINANZIAMENTI Fino al 2004, il Regolamento DM 225/1998 ha consentito il finanziamento a fondo perduto del 50% dell investimento realizzato dall azienda. I Primi 4 Programmi di intervento sono stati gestiti attraverso Bandi pubblici, con finanziamenti fino a per impresa. Dal 2004, il Regolamento 267/04 e la Finanziaria 2003 hanno richiesto una ripartizione del finanziamento tra fondo perduto e prestito a tasso agevolato. Il 5 Programma Ordinario, gestito attraverso un Bando pubblico, ha previsto finanziamenti a fondo perduto fino al 32,5% e a tasso agevolato fino al 67,5%. Il 6 Programma Ordinario e il 2 Integrativo, gestiti attraverso Avvisi a sportello consentono finanziamenti a fondo perduto del 25% e prestiti a tasso agevolato fino al 75%. La Città di Torino ha attivato un apposito Fondo rotativo di garanzia dei prestiti a tasso agevolato presso Finpiemonte spa.

6 IL MODELLO FACILITO Attivato a partire dal 2006, Il Modello FaciliTo è gestito attraverso Avvisi a sportello e si articola in due fasi: Incubazione: Accompagnamento gratuito alla compilazione di un piano di impresa per la partecipazione al progetto; Finanziamento: tutoraggio e supporto per l accesso alle agevolazioni economiche, check up dell attività imprenditoriale. FaciliTO è stato attivato nelle aree di Borgata Tesso, Borgo Campidoglio, Nizza, Dina. A partire da marzo 2011 sarà attivato nelle aree di Barriera di Milano e Basso San Donato.

7 I PROGRAMMI PER LE IMPRESE: LE AREE DI INTERVENTO I dati sono stati elaborati dall Osservatorio Lavoro e Formazione della Città di Torino

8 IMPRESE COINVOLTE PROGETTI AREE N. PROGRAMMI I V PRU - via Artom 129 PRU - via Ivrea 23 PRU - corso Grosseto 98 San Salvario Via Arquata 143 San Donato 140 Barriera di Milano 88 Porta Palazzo 120 Aree Obiettivo 2 e Phasing out 100 Aree Urban 31 Progetto Cortili 9 N. Totale imprese 881 Modello FACILITO * in corso Borgata Tesso 23 Borgo Campidoglio* 45 Dina* 11 Nizza* 13 N. Totale imprese 92

9 IMPRESE COINVOLTE NEL MODELLO FACILITO I Progetti Campidoglio, Nizza e Dina sono in corso e termineranno il 31/12/2011

10 FINANZIAMENTI EROGATI ALLE IMPRESE Totale per i programmi I V Euro

11 MODELLO FACILITO: FINANZIAMENTI A FONDO PERDUTO E PRESTITI A TASSO AGEVOLATO TASSO AGEVOLATO Euro FONDO PERDUTO Euro

12 IMPATTO DEI PROGRAMMI Totale degli investimenti delle imprese a fronte della quota erogata dal Comune di Torino Totale importi ammessi per i progetti Euro

13 CARATTERISTICHE DELLE IMPRESE Natura giuridica N. % Cooperative 42 4,4 Società di persone ,3 Società di capitali ,4 Ditte individuali ,9

14 Ammontare medio del finanziamento per natura giuridica delle imprese

15 SETTORI DI ATTIVITA DELLE IMPRESE FINANZIATE

16 I PROGETTI E I SERVIZI Primo Programma Integrativo PROGETTO MICROCREDITO (ancora attivo) Il Microcredito della Città di Torino è un modello alternativo di accesso al credito ideato per sopperire all impossibilità per le micro e piccole attività di accedere al credito e ai servizi finanziari formali. I piccoli finanziamenti erogati dalle banche alle imprese sono garantiti da un fondo rotativo della Città del valore di Euro Beneficiari: 161 microimprese PROGETTO TTT Trasferimento Tecnologico Torino (concluso) Progetto innovativo per la costruzione di reti tra centri di competenza per la ricerca e imprese attive nei settori commercio, turismo e servizi al fine di produrre e trasferire innovazione tecnologica. Costo totale Euro Beneficiari: 20 imprese di cui 5 localizzate in area urbana

17 Secondo Programma Integrativo PRATIKA (ancora attivo) Pratika fornisce ai liberi professionisti (partite Iva) e alle imprese individuali servizi e sperimentazioni di fattibilità e forme di associazionismo informale per il miglioramento del business. Costo totale Euro Beneficiari: 223 liberi professionisti PROGETTO FABER (conclusa prima edizione, in corso di realizzazione seconda edizione) Nel 2008 è stato realizzato il primo salone Fabermeeting con l obiettivo di mettere in relazione giovani creativi con una forte capacità di elaborare linguaggi e contenuti innovativi con aziende potenzialmente interessate alle loro competenze. Il Faber meeting verrà nuovamente realizzato nell autunno del Costo totale Euro Beneficiari 75 giovani creativi nella 1 edizione, 100 previsti nella 2 edizione

18 Secondo Programma Integrativo PROGETTO PROTEINN (concluso) Il progetto ha finanziato l inserimento di giovani altamente qualificati, in grado di sviluppare progetti di innovazione, presso aziende che operano nell ambito della ricerca avanzata. Costo totale dell azione Euro Beneficiari: 65 ricercatori PROGETTO OPEN INNOVATION (MECCATRONICA) (concluso) Il progetto ha finanziato la ricerca su piattaforme digitali a sostegno dello sviluppo e dell innovazione delle piccole e medie imprese nel settore della meccatronica e dell innovazione. Costo totale dell azione Euro Beneficiari: i servizi informativi sono stati rivolti a tutte le aziende del territorio regionale; 15 aziende torinesi sono state coinvolte direttamente

19 Quinto Programma degli Interventi PROGETTO PIEMONTECH (ancora attivo) Attraverso tale progetto la Città partecipa, con un fondo di garanzia del valore di Euro , alla società Piemontech s.r.l., costituita su iniziativa di Torino Wireless per finanziare con capitale di rischio aziende piemontesi innovative, operanti in settori ad alto potenziale di sviluppo. Ad oggi Piemontech ha investito in 16 aziende piemontesi.

20 Progetto FaciliTO Tra passato e futuro Il futuro: Barriera di Milano e Basso San Donato

21 Progetto FaciliTO Tra passato e futuro Il futuro: 2 nuove aree oggetto di agevolazione A partire dal 2011 il progetto FaciliTO interverrà in due nuove aree cittadine: Barriera di Milano, caratterizzata da elevati livelli di degrado fisico e socio-economico, sarà oggetto di un programma di riqualificazione urbana co-finanziato dall Unione europea (Urban Barriera di Milano); Basso San Donato, caratterizzata da un tessuto urbanistico eterogeneo, interessato in parte da forti trasformazioni d'area vasta che comprendono zone di recente e massiccia edificazione lungo l'asse della Spina 3. I due progetti saranno finanziati grazie all utilizzo di fondi residui della programmazione della legge 266/97 (V Programma Ordinario per Facilito Barriera di Milano; Secondo Programma Integrativo per Facilito Basso San Donato)

22 Progetto FaciliTO Tra passato e futuro FACILITO A BARRIERA DI MILANO

23 Progetto FaciliTO Tra passato e futuro Le peculiarità del progetto Facilito Barriera di Milano Il progetto è inserito nel programma integrato di sviluppo urbano Urban a Barriera di Milano, il cui obiettivo principale è quello di promuovere la riqualificazione urbana dell area in un ottica di sviluppo sostenibile e realizzare una più elevata competitività territoriale, attraverso un set integrato di interventi sullo spazio fisico (asse 1), azioni a sostegno allo sviluppo economico e all occupazione (asse 2) ed attività di accompagnamento sociale e culturale (asse 3). In questo ambito, il Progetto FaciliTO Barriera di Milano punta a promuovere il permanere e lo sviluppo di attività economiche qualificate e significative per il rafforzamento dell attrattività del territorio lo sviluppo del tessuto economico locale Data di avvio del progetto: 15 marzo 2011

24 Progetto FaciliTO Tra passato e futuro Le modalità di funzionamento FaciliTO a Barriera di Milano si articola in due fasi consecutive: 1) un servizio di incubazione diffusa: accompagnamento dell imprenditore o dell aspirante tale allo sviluppo di un progetto imprenditoriale fattibile e coerente con gli obiettivi del Programma Urban a Barriera di Milano. scadenza per la presentazione della domanda: 31/10/2012 2) il sostegno finanziario per la realizzazione di investimenti, che può essere di 2 tipi, in funzione della localizzazione della sede operativa dell impresa e del livello di innovatività e di impatto sul territorio del progetto. => sostegno ordinario => sostegno intensivo scadenza per la presentazione della domanda: 31/12/2012 Beneficiari: aspiranti imprenditori, micro e piccole imprese, esistenti o di nuova costituzione, localizzati o che intendono localizzarsi nell area La dotazione finanziaria del progetto è di euro ,10, così ripartiti: - euro ,10 per i servizi di incubazione (art. 3 D.M. 267/04); - euro ,00 per le agevolazioni alle imprese (art. 4 D.M. 267/04).

25 Progetto FaciliTO Tra passato e futuro Agevolazioni finanziarie: il sostegno ordinario Oggetto: investimenti imprenditoriali da euro a euro da realizzare a Barriera di Milano L agevolazione di compone di: - Un contributo a fondo perduto fino al 25% delle spese ammissibili - Un finanziamento agevolato da un minimo del 25% ad un massimo del 75% delle spese ammissibili, garantito da un fondo rotativo comunale Il territorio corrisponde all area area del PISU Urban a Barriera di Milano, delimitata da: - Corso Venezia (lato est); - Via Gottardo/Via Sempione (lato sud); - Via Bologna (lato ovest); - Corso Vigevano/CorsoNovara (lato nord)

26 Progetto FaciliTO a Barriera di Milano I confini del territorio agevolato con sostegno ORDINARIO Area complessiva del PISU

27 Progetto FaciliTO Tra passato e futuro Agevolazioni finanziarie: il sostegno intensivo Oggetto: investimenti imprenditoriali da euro a euro da realizzare nel Borgo Storico di Barriera di Milano che si distinguano elementi innovativi, per il livello di eccellenza artigianale o i per i risvolti occupazionali, sociali, culturali o ambientali. L agevolazione di compone di: - Un contributo a fondo perduto fino al 35% delle spese ammissibili - Un finanziamento agevolato da un minimo del 35% ad un massimo del 65% delle spese ammissibili, garantito da un fondo rotativo Il territorio agevolato corrisponde all area del Borgo storico del quartiere, individuato sulla base delle peculiarità urbanistiche (l area coincide con una Zona Urbana Storico Ambientale) e per la presenza di evidenti fenomeni di degrado fisico e socio-economico.

28 Progetto FaciliTO a Barriera di Milano il Borgo Storico I confini del territorio agevolato con sostegno INTENSIVO Borgo storico del quartiere

29 Progetto FaciliTO a Barriera di Milano il Borgo Storico Prossimi passi: lancio del Progetto Facilito nell area di Barriera di Milano Assemblea pubblica di presentazione del Progetto FaciliTO Barriera di Milano, prima azione in partenza del PISU Urban 3 a Barriera di Milano, prevista in data: Mercoledì 9 marzo, ore 20,30 c/o la sede della Circoscrizione 6 Interverranno il Vice-sindaco Tom Dealessandri e l Assessore Ilda Curti

30 Progetto FaciliTO Tra passato e futuro FACILITO A BASSO SAN DONATO

31 Progetto FaciliTO Tra passato e futuro Le caratteristiche di FaciliTO Basso San Donato Area del Progetto: è compresa tra Corso Regina Margherita (lato nord), corso Tassoni (per un brevissimo tratto) Fiume Dora,, Via Treviso - Corso Rosai e corso Principe Oddone (lato ovest); L area ha una popolazione di abitanti, con una rilevante presenza di stranieri (24,1%) e di giovani e giovanissimi (più del 15% ha meno di 14 anni); Presenta un tessuto commerciale e artigianale in sofferenza, con molte attività chiuse o poco qualificate 104 attività chiuse su 334 presenti nella zona). Obiettivo del progetto FACILITO: sostenere e riattivare attività commerciali e produttive negli spazi vuoti, creare nuove sinergie con le trasformazioni in atto nell area circostante e promuovere il tessuto commerciale di vicinato. Dotazione finanziaria complessiva: euro, di cui: per i servizi di animazione economica (art. 3 DM 267/04); per le agevolazioni alle imprese (art. 4 DM 267/04)

32 Progetto FaciliTO Tra passato e futuro Il progetto e le modalità di funzionamento Oggetto: investimenti imprenditoriali da euro a euro da realizzarsi nell area di Basso San Donato Beneficiari: titolari di attività imprenditoriali, aspiranti imprenditori, studi professionali e partite iva, localizzate o che intendono localizzarsi nell area di Basso San Donato. FaciliTO Basso San Donato si articola in due fasi consecutive: 1) incubazione diffusa: accompagnamento dell imprenditore o dell aspirante tale allo sviluppo di un progetto imprenditoriale fattibile scadenza per la presentazione della domanda: 30/09/2012 2) agevolazioni finanziarie, composte da: Un contributo a fondo perduto fino al 25% delle spese ammissibili Un finanziamento agevolato da un minimo del 25% ad un massimo del 75% delle spese ammissibili, coperto da un fondo di garanzia comunale a costo zero scadenza per la presentazione della domanda: 31/12/2012

33 Progetto FaciliTO Tra passato e futuro I confini del territorio agevolato L area Di Basso San Donato

34 Progetto FaciliTO Basso San Donato I tempi e i luoghi di FaciliTo Basso San Donato FaciliTO Basso San Donato è stato presentato il 20 gennaio 2011 in una assemblea pubblica della Circoscrizione 4 Dal 1 marzo 2011 è attivo lo Sportello FAciliTO presso la CARTIERA, in via Fossano 8 Il Progetto sarà attivo dal 15 marzo 2011

35 FaciliTO tra passato e futuro Per informazioni sui Progetti FACILITO NUMERO VERDE Città di Torino Divisione Lavoro, Formazione Professionale e Sviluppo Economico Settore Fondi Strutturali e Sviluppo Economico

CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE FONDI STRUTTURALI E SVILUPPO ECONOMICO

CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE FONDI STRUTTURALI E SVILUPPO ECONOMICO CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE FONDI STRUTTURALI E SVILUPPO ECONOMICO PROGRAMMA ACCEDO PROGETTO FACILITO DINA AVVISO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE FONDI STRUTTURALI E SVILUPPO CONOMICO

CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE FONDI STRUTTURALI E SVILUPPO CONOMICO CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE FONDI STRUTTURALI E SVILUPPO CONOMICO PROGETTO FACILITO BASSO SAN DONATO AVVISO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE ALL'INCUBATORE

Dettagli

INTERVENTI DELLA CITTÀ DI TORINO PER LO SVILUPPO IMPRENDITORIALE NELLE AREE URBANE DEGRADATE QUARTO PROGRAMMA

INTERVENTI DELLA CITTÀ DI TORINO PER LO SVILUPPO IMPRENDITORIALE NELLE AREE URBANE DEGRADATE QUARTO PROGRAMMA Allegato alla deliberazione della Giunta comunale avente per oggetto: REA LIZZA ZIO NE DEL PRO GRAMM A DI IN TERVENTI P ER LO SV ILUPP O IM PREND ITORI ALE P REVIS TI DA LL'ART. 14 D ELLA L. 266/97 E D

Dettagli

CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE SVILUPPO ECONOMICO PROGETTO ACCEDO - NIZZA

CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE SVILUPPO ECONOMICO PROGETTO ACCEDO - NIZZA CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE SVILUPPO ECONOMICO PROGETTO ACCEDO - NIZZA AVVISO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO ACCEDO-NIZZA 1) DEFINIZIONE

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE

LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE 1. Linee guida per il Progetto di legge per il rilancio della competitività lombarda 2. Aggiornamento dei criteri attuativi di Credito Adesso: 3.

Dettagli

Fondo MICROCREDITO FSE

Fondo MICROCREDITO FSE Napoli 29 maggio 2012 Fondo MICROCREDITO FSE P.O. Campania FSE 2007-2013 Asse I Adattabilità Ob. Spec. c) Ob. Op. c.2 Asse II Occupabilità Ob. Spec. e) Ob. Op. e.3, e.4 Asse III Inclusione sociale Ob.

Dettagli

GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE

GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE 118 GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE IL PROGETTO DIADI La diffusione dell innovazione presso le piccole e medie imprese è una costante delle politiche dei Fondi Strutturali

Dettagli

CERCARE NUOVI PARADIGMI PER RILANCIARE LO SVILUPPO ECONOMICO & SOCIALE

CERCARE NUOVI PARADIGMI PER RILANCIARE LO SVILUPPO ECONOMICO & SOCIALE CERCARE NUOVI PARADIGMI PER RILANCIARE LO SVILUPPO ECONOMICO & SOCIALE OBIETTIVI Obiettivo della Città di Torino è attivare una misura di accompagnamento e sostegno alla realizzazione di progetti imprenditoriali

Dettagli

BANDO PER LE AGEVOLAZIONI ALLE PICCOLE IMPRESE PREVISTE DALLA L. 266/97, DAI DD.MM. 225/98 E DALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.

BANDO PER LE AGEVOLAZIONI ALLE PICCOLE IMPRESE PREVISTE DALLA L. 266/97, DAI DD.MM. 225/98 E DALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. BANDO PER LE AGEVOLAZIONI ALLE PICCOLE IMPRESE PREVISTE DALLA L. 266/97, DAI DD.MM. 225/98 E DALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. MECC. 2001-08192/23 DEL 9 OTTOBRE 2001 1 Aree di intervento Le

Dettagli

Direzione Centrale Ambiente, Sviluppo, Territorio e Lavoro 2012 04751/068 Servizio Fondi Europei, Innovazione e Sviluppo Economico CT 2

Direzione Centrale Ambiente, Sviluppo, Territorio e Lavoro 2012 04751/068 Servizio Fondi Europei, Innovazione e Sviluppo Economico CT 2 Direzione Centrale Ambiente, Sviluppo, Territorio e Lavoro 2012 04751/068 Servizio Fondi Europei, Innovazione e Sviluppo Economico CT 2 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 15 dicembre 2012

Dettagli

Comune di Firenze P.I.U.S.S. AREA METROPOLITANA FIORENTINA LA CITTA DEI SAPERI

Comune di Firenze P.I.U.S.S. AREA METROPOLITANA FIORENTINA LA CITTA DEI SAPERI Comune di Scandicci Provincia di Firenze Comune di Firenze P.I.U.S.S. AREA METROPOLITANA FIORENTINA LA CITTA DEI SAPERI LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER

Dettagli

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Assessorato Attività Economiche Servizio Attività Produttive, Commercio e Turismo Ufficio Sportello Europa Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE Finalità Gli obiettivi specifici

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Sintesi I PILASTRI Più occupazione. Più competitività. Più credito. Meno burocrazia. Sono questi i quattro pilastri sui quali si regge il piano straordinario della

Dettagli

AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI OPERATIVI PER L IMPRENDITORIALITA COMUNALE - (POIC) A VALERE SUL FONDO PISL POIC FSE. Fase I

AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI OPERATIVI PER L IMPRENDITORIALITA COMUNALE - (POIC) A VALERE SUL FONDO PISL POIC FSE. Fase I AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI OPERATIVI PER L IMPRENDITORIALITA COMUNALE - (POIC) A VALERE SUL FONDO PISL POIC FSE Fase I POR FSE 2007-2013 Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione ASSE II

Dettagli

ALLEGATO al Dossier di Candidatura SEZIONE C Scheda Intervento: 7. Interventi per il sostegno alle attività economiche

ALLEGATO al Dossier di Candidatura SEZIONE C Scheda Intervento: 7. Interventi per il sostegno alle attività economiche CITTÀ di BIELLA MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE MEDAGLIA D ARGENTO AL MERITO CIVILE Progetto Integrato di Sviluppo Urbano ALLEGATO al Dossier di Candidatura SEZIONE C Scheda Intervento: 7. Interventi

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Il lavoro, il futuro. COMPetitività ASSI MISURA II.1 Innovation Voucher Misura di sostegno Innovation Voucher Categorie di destinatari Favorire la nascita di nuove

Dettagli

IL PROGETTO URBANO COME FASE INTERMEDIA FRA POC E PUA

IL PROGETTO URBANO COME FASE INTERMEDIA FRA POC E PUA INU Emilia Romagna Istituto Nazionale Urbanistica Summer School 2010 Cesenatico, 23-24-25 settembre 2010 IL PROGETTO URBANO COME FASE INTERMEDIA FRA POC E PUA RELAZIONE GUIDO LEONI P.le Arturo Balestrieri

Dettagli

Regione Abruzzo. Promozione e Sviluppo del Sistema Produttivo LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE

Regione Abruzzo. Promozione e Sviluppo del Sistema Produttivo LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE La Competitività Territoriale Lo sviluppo e la competitività territoriale passano necessariamente attraverso la capacità

Dettagli

BANDO PER L ACCESSO AL FONDO DI GARANZIA DELLA CCIAA DI CHIETI PER LA NUOVA MICRO IMPRENDITORIALITA

BANDO PER L ACCESSO AL FONDO DI GARANZIA DELLA CCIAA DI CHIETI PER LA NUOVA MICRO IMPRENDITORIALITA BANDO PER L ACCESSO AL FONDO DI GARANZIA DELLA CCIAA DI CHIETI PER LA NUOVA MICRO IMPRENDITORIALITA Chieti, 14 Novembre 2014 La Camera di Commercio di Chieti, attraverso la creazione di un Fondo di Garanzia,

Dettagli

Finanziamenti per la microimpresa

Finanziamenti per la microimpresa Finanziamenti per la microimpresa A CHI SI RIVOLGE Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società di persone. Sono pertanto

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

Azioni e strumenti per lo sviluppo delle imprese e dei territori

Azioni e strumenti per lo sviluppo delle imprese e dei territori Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa S.p.A. Azioni e strumenti per lo sviluppo delle imprese e dei territori Roma 29 ottobre 2014 Invitalia Invitalia, Agenzia Nazionale

Dettagli

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la REGIONE PIEMONTE BOLLETTINO UFFICALE N. 40 DEL 8/10/2009 Finpiemonte S.p.A. - Torino Avviso ad evidenza pubblica - Progetto Sovvenzione Globale "Percorsi integrati per la creazione di imprese innovative

Dettagli

Fare impresa in Piemonte Servizi pubblici di sostegno alla creazione d impresa

Fare impresa in Piemonte Servizi pubblici di sostegno alla creazione d impresa Fare impresa in Piemonte Servizi pubblici di sostegno alla creazione d impresa Torino, 13 novembre 2013 Marco Manero, Provincia di Torino Area Attività Produttive Temi: il sistema dei servizi pubblici

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la Legge regionale 18 febbraio 2002 n.6 e successive modificazioni;

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la Legge regionale 18 febbraio 2002 n.6 e successive modificazioni; DGR 391 del 22 maggio 2009 OGGETTO: POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e occupazione Attuazione dell Attività III.2 Promozione di trasporti urbani puliti. Approvazione della Scheda

Dettagli

Complemento di Programmazione

Complemento di Programmazione REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE CENTRALE RELAZIONI INTERNAZIONALI, COMUNITARIE

Dettagli

SERVIZIO ACCOGLIENZA, ORIENTAMENTO E CONSULENZA SULLE LEGGI DI FINANZIAMENTO NAZIONALI E REGIONALI

SERVIZIO ACCOGLIENZA, ORIENTAMENTO E CONSULENZA SULLE LEGGI DI FINANZIAMENTO NAZIONALI E REGIONALI DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE SVILUPPO ECONOMICO SERVIZIO SVILUPPO MICROIMPRESE SERVIZIO ACCOGLIENZA, ORIENTAMENTO E CONSULENZA SULLE LEGGI DI FINANZIAMENTO NAZIONALI

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità. Ferrara - Novembre 2015

Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità. Ferrara - Novembre 2015 Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità Ferrara - Novembre 2015 1 Invitalia per la crescita e la competitività del sistema produttivo Sosteniamo la nascita di nuove imprese la realizzazione

Dettagli

NEWSLETTER FINANZIAMENTI - DICEMBRE 2013 - Piemonte

NEWSLETTER FINANZIAMENTI - DICEMBRE 2013 - Piemonte NEWSLETTER FINANZIAMENTI - DICEMBRE 2013 - Piemonte CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI REGIONALI INCENTIVI PER I PROGRAMMI INNOVATIVI FONDO DI REINDUSTRIALIZZAZIONE CCIA CUNEO CONTRIBUTO CERTIFICAZIONE SOA CONTRIBUTI

Dettagli

ComoNExT - Parco Scientifico Tecnologico e SIFooD - Science and Innovation Food District. call for ideas

ComoNExT - Parco Scientifico Tecnologico e SIFooD - Science and Innovation Food District. call for ideas ComoNExT - Parco Scientifico Tecnologico e SIFooD - Science and Innovation Food District call for ideas Bando per la selezione di idee innovative finalizzate alla costituzione di start up rivolto ad aspiranti

Dettagli

A relazione del Presidente Cota: Richiamate:

A relazione del Presidente Cota: Richiamate: REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 2 agosto 2013, n. 2-6205 Contratto di Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) - "Prestito - Regione Piemonte Loan

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Il lavoro, il futuro. MISURA IV.1 Più forti patrimonialmente Agevolazioni per il rafforzamento della struttura patrimoniale delle piccole e medie imprese mediante

Dettagli

LE NUOVE POLITICHE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE I MPRESE NELLA PROSPETTIVA DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020

LE NUOVE POLITICHE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE I MPRESE NELLA PROSPETTIVA DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 LE NUOVE POLITICHE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE I MPRESE NELLA PROSPETTIVA DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 \ OBIETTIVI TEMATICI (art.9 Reg.Generale) Interventi attivabili nel periodo 2014-2020 Grado

Dettagli

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 4 dicembre 2001 modificato dal CdS del 2 aprile 2004 e dal CdS del 24 giugno 2004 PARTE GENERALE... 3 LA STRATEGIA DEL DOCUP: DAGLI

Dettagli

Programmi di investimento di almeno 15.000 finalizzati ad uno dei seguenti obiettivi:

Programmi di investimento di almeno 15.000 finalizzati ad uno dei seguenti obiettivi: L.R. 28/99 COMMERCIO Piccole imprese commerciali esercenti attività di vendita al dettaglio in sede fissa o ambulante, somministrazione al pubblico di alimenti o bevande, rivendita giornali e riviste,

Dettagli

I soggetti del marketing territoriale

I soggetti del marketing territoriale I soggetti del marketing territoriale Anyway Soggetti Pubblici => legami col governo Privati => fine di lucro Misti Conflitti => Agenzie di marketing territoriale Livelli di ampiezza della responsabilità

Dettagli

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN AGOSTO 2015 NEWSLETTER PON In questo numero... La programmazione 2007-2013 La programmazione 2014-2020 L avviso LAN/WLAN LA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 Nel 2007 la Commissione Europea ha approvato per l Italia

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 47/16 DEL 25.11.2014

DELIBERAZIONE N. 47/16 DEL 25.11.2014 Oggetto: PO FESR 2007/2013. Accelerazione della spesa. Avviso multilinea per la presentazione di progetti per opere pubbliche di pronta cantierabilità. L Assessore della Programmazione, Bilancio, Credito

Dettagli

(A) AGGIORNAMENTO REPORTING MONIT

(A) AGGIORNAMENTO REPORTING MONIT 2 (A) AGGIORNAMENTO REPORTING MONIT Il sistema di monitoraggio in dotazione al MIUR (AdG del Programma) è basato su sistemi già collaudati, completamente autonomi, e in grado di fornire un monitoraggio

Dettagli

Gli incentivi di Invitalia per le imprese innovative

Gli incentivi di Invitalia per le imprese innovative Gli incentivi di Invitalia per le imprese innovative Febbraio 2015 Invitalia: chi siamo Invitalia è l Agenzia nazionale che agisce su mandato del Governo per sostenere i settori strategici per lo sviluppo

Dettagli

RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA

RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA Il finanziamento degli investimenti degli Enti locali e territoriali: gli strumenti ed il loro utilizzo Alessandro Panaro Milano, 23 gennaio 2015 Le fonti

Dettagli

APPROFONDIMENTO SULLE MISURE

APPROFONDIMENTO SULLE MISURE APPROFONDIMENTO SULLE MISURE Asse 1 Competitività delle imprese La ricerca,l innovazione, la valorizzazione e la protezione degli intangibili sono gli elementi che informano tale Asse. Nell ambito dell

Dettagli

ritenuto di approvare il Piano Giovani (2011/2013) e le relative Misure di attuazione, allegato A) alla presente per farne parte integrante;

ritenuto di approvare il Piano Giovani (2011/2013) e le relative Misure di attuazione, allegato A) alla presente per farne parte integrante; REGIONE PIEMONTE BU49 07/12/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 28 novembre 2011, n. 58-2965 Approvazione del Piano Giovani (2011/2013). A relazione degli Assessori Coppola, Porchietto: La crisi

Dettagli

Franchising Mettersi in proprio con le idee vincenti

Franchising Mettersi in proprio con le idee vincenti Mettersi in proprio con le idee vincenti Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Mettersi in proprio con le idee vincenti Invitalia, l Agenzia nazionale per l

Dettagli

DIRETTIVE DI ATTUAZIONE - FASE I PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INTEGRATI DEI PICCOLI COMUNI (PICO) fonte: http://burc.regione.campania.

DIRETTIVE DI ATTUAZIONE - FASE I PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INTEGRATI DEI PICCOLI COMUNI (PICO) fonte: http://burc.regione.campania. Fondo MICROCREDITO PICCOLI COMUNI CAMPANI-FSE P.O. Campania FSE 2007-2013 Asse I Adattabilità Obiettivo specifico c) Obiettivo Operativo c.2 Asse II Occupabilità Obiettivo specifico e) Obiettivo Operativo

Dettagli

BANDI MINISTERIALI. Finprogetti

BANDI MINISTERIALI. Finprogetti NOVEMBRE 2015 NEWS - REGIONE PIEMONTE: ASSE I COMPETITIVITA DELLE IMPRESE Misura 1.9 Supporto a progetti di investimento e sviluppo delle grandi imprese presenti sul territorio piemontese Strumento Midcap

Dettagli

Smart&Start Italia. Dal 16 febbraio 2015 è aperta la piattaforma online attraverso la quale si possono inviare i business plan smartstart.invitalia.

Smart&Start Italia. Dal 16 febbraio 2015 è aperta la piattaforma online attraverso la quale si possono inviare i business plan smartstart.invitalia. Smart&Start Italia Per favorire la diffusione di nuova imprenditorialità legata all economia digitale, per sostenere le politiche di trasferimento tecnologico e di valorizzazione dei risultati del sistema

Dettagli

AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE. sociale. Periodo 2014/2015

AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE. sociale. Periodo 2014/2015 AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE Percorsi integrati per la creazione d imprese innovative spin off della ricerca pubblica estesi anche alle imprese innovative che intendono avviare

Dettagli

Microimpresa Pensare in grande, da piccoli

Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Invitalia, l Agenzia nazionale per

Dettagli

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices Ancona 30 novembre 2012 Fabrizio Recchi P. F. Autorità di gestione del FAS, autorità di certificazione e pagamento e

Dettagli

AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI D IMPRESA DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO DEL COMUNE DI SANTA MARINELLA

AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI D IMPRESA DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO DEL COMUNE DI SANTA MARINELLA AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI D IMPRESA DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO DEL COMUNE DI SANTA MARINELLA ART. 1 PREMESSA E FINALITA DELL INIZIATIVA Il Comune di Santa Marinella,

Dettagli

5. Il soggetto promotore, se costituito dai Comuni, deve prevedere la partecipazione degli enti privati.

5. Il soggetto promotore, se costituito dai Comuni, deve prevedere la partecipazione degli enti privati. Regolamento concernente la concessione di finanziamenti a favore delle Amministrazioni comunali del Friuli Venezia Giulia, dei Centri di assistenza tecnica alle imprese commerciali (CAT) autorizzati e

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

Alessandria Crea Impresa NEWSLETTER N. 9 Giugno 2014

Alessandria Crea Impresa NEWSLETTER N. 9 Giugno 2014 Alessandria Crea Impresa NEWSLETTER N. 9 Giugno 2014 Sportello per la creazione d impresa ed il lavoro autonomo della Provincia di Alessandria SOMMARIO Sezione 1: Il mondo delle imprese e del lavoro autonomo

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 803 Seduta del 11/10/2013

DELIBERAZIONE N X / 803 Seduta del 11/10/2013 DELIBERAZIONE N X / 803 Seduta del 11/10/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Da tali presupposti e attraverso il supporto degli strumenti normativi regionali si delineano i presenti criteri attuativi.

Da tali presupposti e attraverso il supporto degli strumenti normativi regionali si delineano i presenti criteri attuativi. Criteri per la predisposizione del bando INNOVA RETAIL 3 Premessa La DG Commercio, Turismo e Servizi ha supportato le imprese lombarde nelle nuove sfide del mercato globalizzato, sia puntando sulle sinergie

Dettagli

INCENTIVI ALLE IMPRESE:

INCENTIVI ALLE IMPRESE: INCENTIVI ALLE IMPRESE: QUANDO COME E QUANTO Roma, 15-16 Febbraio 2014 Cari amici, questo opuscolo nasce con l auspicio di essere un valido punto di partenza per esplorare le possibilità messe in campo

Dettagli

Progetto Bollenti Spiriti. Giovani Open Space. Comune di Barletta

Progetto Bollenti Spiriti. Giovani Open Space. Comune di Barletta Regione Puglia Progetto Bollenti Spiriti Giovani Open Space Comune di Barletta Programma regionale per le Politiche giovanili Bollenti Spiriti Delibera Cipe n. 35/2005. Ripartizione delle risorse per interventi

Dettagli

TURISMO, BRAMBILLA: "400 ML PER I CONTRATTI DI SVILUPPO, PER LA PRIMA VOLTA SOSTEGNO CONCRETO DEL GOVERNO A INVESTIMENTI NEL TURISMO"

TURISMO, BRAMBILLA: 400 ML PER I CONTRATTI DI SVILUPPO, PER LA PRIMA VOLTA SOSTEGNO CONCRETO DEL GOVERNO A INVESTIMENTI NEL TURISMO TURISMO, BRAMBILLA: "400 ML PER I CONTRATTI DI SVILUPPO, PER LA PRIMA VOLTA SOSTEGNO CONCRETO DEL GOVERNO A INVESTIMENTI NEL TURISMO" "Per la prima volta in Italia, il governo dispone un concreto e significativo

Dettagli

FONDO MICROCREDITO FSE

FONDO MICROCREDITO FSE FONDO MICROCREDITO FSE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE Art. 1- OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI Il presente documento costituisce il riferimento e la base per l attuazione del Fondo Microcredito FSE, che ha l obiettivo

Dettagli

AgriSocialCoop S.c.E. ONLUS SEDE LEGALE - PUNTO VENDITA

AgriSocialCoop S.c.E. ONLUS SEDE LEGALE - PUNTO VENDITA Fondazione DARE Un progetto proposto da: AGRISOCIALCOOP S.C.E. Pag. 1 di 5 PREMESSA Progetto di recupero e valorizzazione dei beni invenduti per la creazione di un CENTRO DI REDISTRIBUZIONE SOCIALE - CIRCOSCRIZIONE

Dettagli

Camera di commercio di Torino. Settore Nuove imprese

Camera di commercio di Torino. Settore Nuove imprese Camera di commercio di Torino Settore Nuove imprese 19 novembre 2012 Camera di commercio: natura e missione Ente/natura e missione Pubblica amministrazione Promuove lo sviluppo socio economico del territorio,

Dettagli

Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi

Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi di Enrico Mazza Il 29 novembre scorso sono stati pubblicati sul BURC (n. 48 parte III) i Decreti che riguardano l approvazione degli Avvisi

Dettagli

Alessandria Crea Impresa NEWSLETTER N. 7

Alessandria Crea Impresa NEWSLETTER N. 7 Alessandria Crea Impresa NEWSLETTER N. 7 Settembre 2013 Percorsi integrati per la creazione d impresa SOMMARIO Il mondo delle imprese e del lavoro autonomo Sezione 1: Il mondo delle imprese e del lavoro

Dettagli

DALL IDEA ALL IMPRESA

DALL IDEA ALL IMPRESA Premessa DALL IDEA ALL IMPRESA Bando Incubatore d impresa 2015 rivolto ad aspiranti imprenditori e imprese start up per la fruizione dei servizi dell Incubatore certificato di ComoNExT scpa Ministero dello

Dettagli

NEWSLETTER FINANZIAMENTI LUGLIO 2014 - Piemonte

NEWSLETTER FINANZIAMENTI LUGLIO 2014 - Piemonte NEWSLETTER FINANZIAMENTI LUGLIO 2014 - Piemonte CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI REGIONALI INCENTIVI PER I PROGRAMMI INNOVATIVI FONDO DI REINDUSTRIALIZZAZIONE VOUCHER FORMAZIONE LAVORATORI CUNEO CONTRIBUTI IMPRESE

Dettagli

Accordo di Programma Quadro

Accordo di Programma Quadro UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA DI INTERVENTI DI INFRASTRUTTURAZIONE E SERVIZI CORRELATI ALLO SVILUPPO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE (Legge Regionale 28 dicembre

Dettagli

Puglia: il POR FESR 2007-2013

Puglia: il POR FESR 2007-2013 Agevolazioni Finanziarie 25 di Bruno Pagamici - Dottore commercialista, Revisore contabile, Pubblicista - Studio Pagamici - Macerata Finanziamenti regionali Puglia: il POR FESR 2007-2013 Per il programma

Dettagli

Ballarè Sponghini e Associati

Ballarè Sponghini e Associati Ballarè Sponghini e Associati STUDIO COMMERCIALISTI E CONSULENTI TRIBUTARI Dott. Andrea Ballarè Dott. Fabio Sponghini Dott.ssa Claudia Balestra Rag. Enzo Manfredi Dott.ssa Emanuela Tarulli Dott. Andrea

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE ROBERTO MY

STUDIO COMMERCIALE ROBERTO MY AGEVOLAZIONI PER LA MICROIMPRESA A CHI SI RIVOLGE Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società di persone. 1 Sono

Dettagli

La nuova iniziativa sarà denominata Sostegno prima Impresa mentre l iniziativa in essere sarà denominata Sostegno Sociale

La nuova iniziativa sarà denominata Sostegno prima Impresa mentre l iniziativa in essere sarà denominata Sostegno Sociale Allegato alla convenzione del 4/11/2011, modificato in data 25 settembre 2014 e in data 19 marzo 2015 FONDO DI GARANZIA FINALIZZATO A SOSTENERE LA NASCITA DI NUOVE IMPRESE E DI NUOVE ATTIVITÀ DI LAVORO

Dettagli

Le attività sviluppate nell ambito dell attuazione del programma WI-PIE sono:

Le attività sviluppate nell ambito dell attuazione del programma WI-PIE sono: REGIONE PIEMONTE BU36 05/09/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 2 agosto 2013, n. 41-6244 Indirizzi per la realizzazione di attivita' ad elevato contenuto innovativo in materia di sviluppo sperimentale

Dettagli

Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011

Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA GRUPPO D AZIONE LOCALE SARRABUS GERREI TREXENTA CAMPIDANO DI CAGLIARI Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011 Presentazione

Dettagli

Circolare n 10. Oggetto. Quartu S.E., 03 ottobre 2011

Circolare n 10. Oggetto. Quartu S.E., 03 ottobre 2011 Quartu S.E., 03 ottobre 2011 Circolare n 10 Oggetto Legge di Finanziamento: Comunitaria Nazionale Regionale Comunale Settore: Artigianato, Commercio, Servizi, Industria ed Agricoltura La circolare fornisce

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PARTONO I LAVORI PER LA COSTRUZIONE DELLA NUOVA SEDE UNICA DELLA REGIONE PIEMONTE

COMUNICATO STAMPA PARTONO I LAVORI PER LA COSTRUZIONE DELLA NUOVA SEDE UNICA DELLA REGIONE PIEMONTE COMUNICATO STAMPA Torino, 30 novembre 2011 PARTONO I LAVORI PER LA COSTRUZIONE DELLA NUOVA SEDE UNICA DELLA REGIONE PIEMONTE Si inaugura all insegna della sicurezza del lavoro la costruzione della sede

Dettagli

Gli incentivi nazionali alla Ricerca. Unit Coordinamento Operativo e Sviluppo Strategico Department Finanza per lo Sviluppo

Gli incentivi nazionali alla Ricerca. Unit Coordinamento Operativo e Sviluppo Strategico Department Finanza per lo Sviluppo Gli incentivi nazionali alla Ricerca Unit Coordinamento Operativo e Sviluppo Strategico Department Finanza per lo Sviluppo Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca (FAR) - MIUR Caratteristiche generali (1)

Dettagli

Interventi rivolti alle imprese dei settori turismo, commercio, cultura e terziario.

Interventi rivolti alle imprese dei settori turismo, commercio, cultura e terziario. Firenze 2 ottobre 2014 Interventi rivolti alle imprese dei settori turismo, commercio, cultura e terziario. Settore Disciplina, politiche e incentivi del commercio e attività terziarie DG competitività

Dettagli

Gli incentivi di Invitalia per le imprese innovative

Gli incentivi di Invitalia per le imprese innovative Gli incentivi di Invitalia per le imprese innovative Bari, 28 marzo 2015 Perché promuovere nuova imprenditorialità, in particolare quella innovativa? Per creare nuovi posti di lavoro Per aprire nuovi mercati

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010 MISURA 19 CLLD LEADER LA SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 1 Piemonte PROGRAMMAZIONE 2007-2013 PSR 2007-2013 ASSE IV LEADER 13 GRUPPI

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE INCUBATORE D IMPRESA

BANDO DI SELEZIONE INCUBATORE D IMPRESA BANDO DI SELEZIONE INCUBATORE D IMPRESA Premessa Bergamo Sviluppo - Azienda Speciale della Camera di Commercio di Bergamo - nell intento di supportare aspiranti e nuovi imprenditori nella progettazione

Dettagli

Fermo 25 gennaio 2013 Fabio Travagliati Regione Marche Funzionario P.F. Politiche Comunitarie e Autorità di Gestione FESR e FSE

Fermo 25 gennaio 2013 Fabio Travagliati Regione Marche Funzionario P.F. Politiche Comunitarie e Autorità di Gestione FESR e FSE Fermo 25 gennaio 2013 Fabio Travagliati Regione Marche Funzionario P.F. Politiche Comunitarie e Autorità di Gestione FESR e FSE MARCHE IL CENTRO STORICO - Verso un nuovo modello di sviluppo integrato del

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante:

Schema di decreto legislativo recante: Schema di decreto legislativo recante: Incentivi all autoimprenditorialità e all autoimpiego, in attuazione della delega conferita dall articolo 45, comma 1, della legge 17 maggio 1999, n. 144. Visti gli

Dettagli

A relazione dell'assessore De Santis: Premesso che:

A relazione dell'assessore De Santis: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU40 08/10/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 21 settembre 2015, n. 15-2120 D.G.R. n. 36-2237 del 22.6.2011 e s.m.i. - Programma Pluriennale 2011-2015 per le Attivita' Produttive

Dettagli

Poi Energia. Nuove opportunità di finanziamento per le regioni Convergenza

Poi Energia. Nuove opportunità di finanziamento per le regioni Convergenza Poi Energia. Nuove opportunità di finanziamento per le regioni Convergenza Il POI Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico 2007-2013 è il risultato di un intenso lavoro di concertazione tra il Ministero

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

I SERVIZI ALLE IMPRESE: ACCESSO AL CREDITO. Luisa Silvestro ufficio crediti agevolati. Camera di commercio di Cuneo

I SERVIZI ALLE IMPRESE: ACCESSO AL CREDITO. Luisa Silvestro ufficio crediti agevolati. Camera di commercio di Cuneo I SERVIZI ALLE IMPRESE: ACCESSO AL CREDITO Luisa Silvestro ufficio crediti agevolati Camera di commercio di Cuneo La riforma delle Camere di commercio Il D. Lgs. 23/2010 modifica la L. 580/1993 Le camere

Dettagli

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA Capitolo 1. Il programma delle infrastrutture mobili e del sistema viabilistico nell area metropolitana. Come già detto, nel documento Indirizzi di politica urbanistica, elaborato dall Assessorato all

Dettagli

Precisazioni in merito all'attuazione degli interventi di Social Housing e degli interventi ammessi ad usufruire dei fondi PAR-FSC 2007-2013.

Precisazioni in merito all'attuazione degli interventi di Social Housing e degli interventi ammessi ad usufruire dei fondi PAR-FSC 2007-2013. REGIONE PIEMONTE BU23 11/06/2015 Codice A15010 D.D. 16 aprile 2015, n. 243 Precisazioni in merito all'attuazione degli interventi di Social Housing e degli interventi ammessi ad usufruire dei fondi PAR-FSC

Dettagli

Coopstartup FarmAbility

Coopstartup FarmAbility Coopstartup FarmAbility Bando per la selezione di idee di impresa cooperativa innovativa nell agroalimentare Art. 1 Contesto e obiettivi Coopstartup FarmAbility è un progetto sperimentale per favorire

Dettagli

Ripartizione Politiche Educative Giovanili

Ripartizione Politiche Educative Giovanili AVVISO PUBBLICO RELATIVO ALLA II^ EDIZIONE DEL CONCORSO SOFT ECONOMY START - UP DI MICROIMPRESA INNOVATIVA GIOVANILE NELL AMBITO DEL PIANO LOCALE GIOVANI DIFFERENZE GENERAZIONALI Art. 1 - Descrizione dell

Dettagli

Europa, sostegno ed. ecomusei. Interessa? Partecipazione e reti. Con chi? In che ambiti? Con chi? Punti critici

Europa, sostegno ed. ecomusei. Interessa? Partecipazione e reti. Con chi? In che ambiti? Con chi? Punti critici Europa, sostegno ed Partecipazione e reti ecomusei Interessa? Cagliero, Maggi, Retilunghe. Gli ecomusei e l integrazione europea In che ambiti? Con chi? Cagliero, Maggi, Retilunghe. Gli ecomusei e l integrazione

Dettagli

5.3.3.1.1 Misura 311 - Diversificazione in attività non agricole. Diversificazione in attività non agricole. Codice di Misura 311

5.3.3.1.1 Misura 311 - Diversificazione in attività non agricole. Diversificazione in attività non agricole. Codice di Misura 311 5.3.3.1.1 Misura 311 - Diversificazione in attività non agricole Misura Diversificazione in attività non agricole Codice di Misura 311 Reg CE 1698/05 art. 52, lettera a) punto i); art. 53 Orientamenti

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report IL RECENTE STUDIO DELLA SVIMEZ CONFERMA NOTEVOLI DIFFERENZE TERRITORIALI ED EVIDENZIA SVANTAGGI COMPETITIVI ANCE SALERNO: CREDITO, CONFIDI A DUE VELOCITA Nel 2013 su oltre 22 miliardi

Dettagli

BANDO PER LA SELEZIONE DI IMPRESE E PROFESSIONISTI SPEED MI UP Nuove Imprese e Professioni

BANDO PER LA SELEZIONE DI IMPRESE E PROFESSIONISTI SPEED MI UP Nuove Imprese e Professioni BANDO PER LA SELEZIONE DI IMPRESE E PROFESSIONISTI SPEED MI UP Nuove Imprese e Professioni Premessa La Camera di Commercio di Milano e il Comune di Milano promuovono il bando Speed MI Up nuove imprese

Dettagli

2007/2013 (P.O.R. - FESR)

2007/2013 (P.O.R. - FESR) REGIONE PIEMONTE BU23 05/06/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 7 maggio 2014, n. 3-7539 Programma Operativo Regionale 2007/2013 (P.O.R. - FESR) - Asse I "Innovazione e transizione produttiva"; Attivita'

Dettagli