Maria Serena BENEDETTI. La Biblioteca del Ministero dell Interno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Maria Serena BENEDETTI. La Biblioteca del Ministero dell Interno"

Transcript

1 La Biblioteca del Ministero dell Interno

2 CULTURA La Biblioteca del Ministero dell Interno fu istituita nel 1859 a Torino con fondi librari relativi alla Casa Savoia ed al Consiglio del Commercio, ampliati successivamente da cospicue raccolte di legislazione degli stati italiani pre-unitari dal 1600 all 800 e di vari stati europei. Dopo il trasferimento della capitale a Roma fu collocata nel 1872 in questa città: a quegli anni risalgono i lavori di riordino e catalogazione e la redazione del primo catalogo a schede. Nel progetto del Palazzo del Viminale del 1913 l architetto Manfredi aveva situato la biblioteca all interno del Palazzo degli Uffici, sede delle Direzioni componenti l Amministrazione: Sanità, Personale, Direzione delle Carceri, Pubblica Sicurezza, ecc. E in questo Palazzo ha sede tutt ora, dopo alterne vicende e scelte operative che hanno condizionato nel corso dei decenni la sua attività in rapporto alle esigenze dell Amministrazione ed hanno orientato la composizione del patrimonio librario conservato, che ha subito politiche diversificate di accrescimento e, purtroppo, anche di cessione di ampie collezioni, considerevoli per contenuto documentario e qualità editoriale. Basti citare a questo proposito i trasferimenti, motivati da carenza di spazio, che sono stati attuati a più riprese negli anni settanta a favore dell Archivio Centrale dello Stato e hanno riguardato raccolte di materiali librari a contenuto prevalentemente storico e umanistico. Queste cessioni hanno privato la Biblioteca di interessanti fondi librari contenenti anche incunaboli e manoscritti, una ricca emeroteca, testi relativi all igiene ed alla sanità pubblica, raccolte di periodici dell ottocento e parte della biblioteca di Nino Bixio; l entità di queste cessioni, secondo quanto è stato possibile ricostruire, ammonta ad oltre unità bibliografiche, parte delle quali, come detto, presentano non comune valore documentario e patrimoniale. Nonostante queste perdite e alcune dispersioni verificatesi dopo la seconda Guerra mondiale, la Biblioteca possiede allo stato attuale un patrimonio di oltre volumi distribuiti principalmente nella sede centrale di Palazzo Viminale, dove sono conservate le sezioni più consultate di diritto, sociologia, economia, storia, le raccolte dei periodici, delle Gazzette Ufficiali e parte della grande raccolta cartacea degli atti parlamentari dal 1848 (atti del Parlamento Subalpino). 370

3 Nella sede distaccata di Via Balbo sono conservati i fondi librari relativi alla geografia, all araldica, alla letteratura italiana e straniera, e ad altre materie umanistiche. Il valore totale del patrimonio librario ora esistente è stato calcolato nella cifra di 4 miliardi e 500 milioni con un complesso lavoro durato alcuni anni e guidato dai Bibliotecari: le operazioni di ricognizione e stima di tutte le sezioni in cui si articola il patrimonio sono state completate nel 1994 e sono state effettuate applicando rigorosi parametri di valutazione. Presso la sede di Via Balbo è situato anche il laboratorio di Legatoria nel quale vengono effettuati i lavori di rilegatura necessari alla corretta tenuta di alcuni materiali bibliografici come periodici, Gazzette Ufficiali, atti parlamentari appartenenti a questa Biblioteca, alle Direzioni dell Amministrazione ed alla Biblioteca della Scuola Superiore dell Amministrazione dell Interno con cui è stato da tempo concordato lo svolgimento di questo servizio. La parte più pregevole e significativa del patrimonio della Biblioteca è rappresentata dai volumi antichi, costituiti da libri stampati in Italia e in Europa dal 1500 al Particolarmente interessanti e rare sono le raccolte formate da centinaia di volumi relativi alle legislazioni italiane dal 1600 all unità e dalle legislazioni degli Stati europei, soprattutto di Austria, Germania e Francia; tra i volumi del 1600 le collezioni delle decisioni della Sacra Rota; fra le centinaia di volumi del 1700 spicca l Encyclopédie di Diderot nell edizione italiana del I libri e i periodici del 1800 sono molte migliaia e presentano contenuti che spaziano dal diritto alla sociologia, alla storia, all araldica, alla criminologia e all organizzazione delle carceri, alla sanità, alla geografia: tra i fondi di quest ultimo settore sono conservate carte geografiche e topografiche non facilmente reperibili in altre biblioteche. La Biblioteca sotto un profilo ordinamentale opera nell ambito dell Ufficio Studi e Affari Legislativi all interno della Direzione Generale per gli Affari Generali e del Personale. Negli ultimi anni essa, rispondendo attivamente alle necessità dell utenza che è in gran parte formata da funzionari e dipendenti dell Amministrazione, sta realizzando servizi principalmente orientati a supportare lo svolgimento delle attività amministrative, assumendo quindi sempre più i caratteri fun- 371

4 CULTURA zionali di una biblioteca specializzata in ambito giuridico. Nel contempo si sta attuando una concreta apertura anche ad utenti provenienti da ambienti e settori professionali esterni alle Amministrazioni: università, settori della ricerca, della pubblicistica, studi legali e notarili che sono ormai rappresentati (secondo i rilevamenti annuali) da centinaia di frequentatori quali docenti e ricercatori di università non solo romane, studenti laureandi, studiosi, giornalisti, liberi professionisti di studi legali e commerciali. La Biblioteca nel corso dell anno 1997 ha erogato servizi a circa frequentatori, la cui presenza è stata riscontrata sulla base dei dati contenuti nel registro di ingresso. La realizzazione di attività di gestione (registrazioni patrimoniali, catalogazione...) e di servizi bibliotecari realmente rispondenti alle richieste formulate da un utenza composita e specializzata, non può prescindere dall utilizzo di supporti informatici e da specifiche metodologie di trattamento dei dati bibliografici che consentano il massimo contenimento sia dei tempi di descrizione del materiale documentario, che di quelli di individuazione e accesso ai documenti collocati: questo è un servizio primario che tutte le biblioteche pur nelle diversità di funzioni espletate, svolgono per i frequentatori. La tipologia delle raccolte della singola biblioteca, le esigenze del funzionamento dell amministrazione o istituzione in cui la biblioteca è inserita, la quantità e qualità delle richieste formulate dai frequentatori, producono riferimenti fondamentali sulla base dei quali il bibliotecario formula le proposte di cambiamento o evoluzione dell organizzazione del lavoro e dei metodi gestionali utilizzati, allo scopo di fornire servizi utili ed efficienti. La storia importante di questa Biblioteca, la ricchezza delle raccolte di cui è dotata, e le potenzialità che esse presentano, non espresse appieno nel passato, sono elementi che hanno sollecitato l adozione di tecnologie informatiche applicate ai lavori interni e ai servizi resi al pubblico. L attuale Direzione della Biblioteca anche consegnataria dei beni librari ha proposto e poi avviato, con l autorizzazione e il sostegno dei Direttori Generali, l adesione della Biblioteca al Servizio Bibliotecario Nazionale. S.B.N. è la rete italiana interbibliotecaria che è stata promossa e organizza- 372

5 ta fino dagli anni settanta dal Ministero per i Beni Culturali e Ambientali: attualmente è costituita da circa 800 Biblioteche situate su tutto il territorio nazionale. S.B.N. è una rete di tipo stellare ed è articolata in 38 poli, aggregazioni di biblioteche simili per qualità di fondi e tipi di servizi forniti. Le biblioteche cooperano tra loro gestendo alcune attività fondamentali, e servizi che ogni biblioteca o centro di documentazione sceglie di svolgere coerentemente con gli orientamenti operativi del polo di appartenenza, perseguendo nella propria struttura la realizzazione di obiettivi specifici. Tra le attività più significative che la Biblioteca del Ministero sta realizzando o avvierà a breve termine, si evidenziano: la catalogazione partecipata del patrimonio librario svolta con indirizzi comuni decisi dalle biblioteche aderenti al polo; la condivisione di informazioni bibliografiche utili al più veloce reperimento dei documenti conservati; lo scambio di riproduzioni del materiale documentario; l invio di utenti all una o all altra biblioteca che possiede il documento richiesto; il prestito interno all Amministrazione e il prestito interbibliotecario. La Biblioteca dell Interno, per le somiglianze esistenti con altre biblioteche riguardo i fondi librari posseduti e le finalità dei servizi da espletare a sostegno delle attività amministrative di carattere giuridico, è entrata a far parte del Polo giuridico - ROMA, insieme alla Biblioteca Centrale Giuridica del Ministero di Grazia e Giustizia, alla Biblioteca del Consiglio di Stato, alla Biblioteca del CED - Corte di Cassazione. I 38 Poli componenti la Rete convergono, con le loro basi di dati contenenti le descrizioni bibliografiche dei materiali librari della singola biblioteca, sull Indice di S.B.N., che è il grande elaboratore e nodo centrale della rete, situato presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma 1. 1 L Indice è gestito dall Istituto Centrale per il Catalogo Unico delle Biblioteche Italiane (I.C.C.U.) del Ministero dei Beni Culturali e Ambientali. È formato da varie basi di dati tra le quali: Libro Moderno, che è la principale per la quantità dei dati bibliografici inseriti e la velocità che ne caratterizza la continua crescita: secondo i dati ufficialmente comunicati dall I.C.C.U. nel febbraio 1998, presenta una consistenza di titoli e di indicazioni di autori. L Indice ospita anche altre basi di dati tra le quali: quella del Libro Antico contenente notizie riferite a pubblicazioni dall origine della stampa al 1830; quella dei Manoscritti con 800 descrizioni presenti; quella di DOBIS contenente notizie bibliografiche relative alle Biblioteche dotate di questo software, ad esempio le Biblioteche della Camera dei Deputati, dell Istituto Superiore di Sanità, dell E.N.E.A. 373

6 CULTURA L Indice contiene il catalogo collettivo in linea delle biblioteche italiane, costituito in anni di lavoro da tutte le biblioteche aderenti alla rete, che hanno inviato i propri dati descrittivi sulla base dati centrale. Ogni biblioteca per realizzare la catalogazione del materiale documentario può utilizzare le descrizioni bibliografiche già presenti in rete, catturandole dall Indice, o inserendole qualora non siano state immesse. Per questa Biblioteca l ingresso in S.B.N. ha significato una decisiva evoluzione metodologica e organizzativa soprattutto per la gestione dei lavori di catalogazione, per i quali sono state applicate le procedure del software attivo sul Polo. Il risultato più significativo è stato fino ad ora ottenuto nel corso del I semestre dell anno 1996: durante questo periodo è stata effettuata la catalogazione del quadruplo dei documenti rispetto allo stesso semestre dell anno precedente, quando i sistemi utilizzati non erano su base informatica. Attualmente il numero dei documenti appartenenti alla Biblioteca del Ministero dell Interno catalogati in rete e i cui dati specifici di appartenenza (i numeri di inventario e di collocazione relativi ai documenti sono visibili sul catalogo del Polo), supera le unità 2. Dalla consultazione dell Indice inoltre è possibile visionare in quali biblioteche si trovino collocati i documenti richiesti dagli utenti: è così possibile fornire ai frequentatori un rapido servizio di informazione bibliografica su base telematica. È in programma tra le attività da svolgere in cooperazione con le biblioteche del Polo, la stesura di un regolamento per il servizio di prestito interbibliotecario che consenta anche alla Biblioteca dell Interno di rendere disponibili i documenti contenuti nelle proprie raccolte anche presso altre biblioteche, dove utenti ne facciano richiesta. Attualmente l unica biblioteca del Polo che sta attuando il servizio di prestito interbibliotecario è la Biblioteca Centrale Giuridica, che ha reso disponibili più volte i propri testi affinchè potessero essere consultati da Funzionari di questa Amministrazione. L avvio delle attività del Servizio Bibliotecario Nazionale ha comportato 2 Oltre ai dati inviati sulla Rete, l S.B.N. viene attuato presso questa Biblioteca stampando tramite computer le migliaia di schede catalografiche relative ai vari documenti catalogati che vengono poi controllate dal Bibliotecario, corrette e immesse nello schedario. Anche in questa attività il contenimento dei tempi di lavoro è straordinario e conferma, insieme al risultato della gestione dei dati catalografici, la validità della scelta effettuata aderendo alla rete. 374

7 molto impegno anche da parte del personale della Biblioteca che, per poter utilizzare le nuove procedure, ha frequentato un corso di formazione professionale tenuto nei primi mesi del Riguardo la gestione di altre attività quali le registrazioni patrimoniali e la catalogazione dei periodici per le quali si impone la necessità dell uso di supporti informatici, la Direzione della Biblioteca dell Interno ha deciso, anche in base alle esperienze già consolidate di altre biblioteche, di non utilizzare il software di S.B.N. che non risulta ben adattabile alle esigenze di descrizione e di reperimento dei materiali. In particolare per la gestione dei periodici è stata già proposta l adozione di SEBINA, pacchetto applicativo di S.B.N. adottato da moltissime biblioteche in Italia in quanto più duttile rispetto al software di partenza del Servizio Bibliotecario Nazionale. L utilizzo di Sebina presuppone comunque l esistenza del collegamento con S.B.N.: le informazioni catalografiche già presenti su Polo devono essere convertite in un apposito formato per poter essere utilizzate per la gestione dei vari servizi. L adozione di questo pacchetto applicativo appare anche in sintonia con le scelte già operate presso la Biblioteca Centrale Giuridica che offre alcuni servizi con le procedure di Sebina; si prospettano quindi nuove opportunità di collaborazione e comunicazione con la Biblioteca Centrale Giuridica, che è la biblioteca trainante del polo. Riguardo le attività di registrazione patrimoniale è stata invece accordata dal Ministero del Tesoro (con circolare n. 94 del 22 dicembre 1997) l opportunità di elaborare un software specifico che consenta le corrette descrizioni dei beni librari. Anche in questo ambito è stata avviata una cooperazione tra bibliotecari e consegnatari delle biblioteche delle amministrazioni che sono impegnati nel perseguimento di obiettivi comuni di descrizione del patrimonio. Dall esperienza fino ad oggi effettuata, è auspicabile che alla Biblioteca del Ministero dell Interno siano destinate più risorse finanziarie, per la prosecuzione e l evoluzione dell automazione applicata ai vari settori di lavoro interno e di servizio fornito ai frequentatori. Il servizio che verrà prossimamente avviato sarà quello del prestito interno per i dipendenti dell Amministrazione, sempre utilizzando le funzioni del Servizio Bibliotecario Nazionale. 375

8 CULTURA Il problema delle risorse finanziarie è evidente e non riguarda solo l automazione delle attività e dei servizi che è stata avviata da poco più di due anni (prima erano attivi per gli utenti solo i collegamenti con le banche dati giuridiche della Suprema Corte di Cassazione e della Camera dei Deputati). Esso infatti condiziona, unita alla insufficienza di spazi, anche la politica annuale di acquisti di materiale librario, che costituiscono per ogni biblioteca e centro di documentazione uno dei fattori essenziali di vitalità delle raccolte e di utilità per la consultazione da parte degli utenti. È pertanto necessario che in un futuro possa essere incrementato lo stanziamento per le esigenze di forniture di materiali documentari per la Biblioteca, così come avviene per altre biblioteche delle Amministrazioni centrali dello Stato. Si potrebbe del resto anche con l aiuto della Scuola Superiore dell Amministrazione dell Interno intervenire per il restauro di parte del patrimonio librario antico compromesso dall usura del tempo e dalla mancanza di interventi. Siffatte operazioni di restauro consentirebbero peraltro di allestire una mostra dei più interessanti volumi presso la stessa sede della Scuola. Resta ancora da evidenziare che, per dare concreta attuazione a prospettive di cooperazione tra le biblioteche delle Amministrazioni dello Stato, dotate di patrimoni librari pregevoli e ancora troppo poco conosciuti, e di una produzione di documenti non convenzionali denominati letteratura grigia in termine biblioteconomico, è stato costituito con l autorizzazione dell Associazione Italiana Biblioteche nel luglio 1997 un gruppo di lavoro formato da direttori delle biblioteche delle Amministrazioni dello Stato. Questo gruppo di lavoro si prefigge di individuare la produzione di letteratura grigia delle Amministrazioni dello Stato e di effettuare la descrizione di questi documenti, redigendo un catalogo della documentazione di fonte amministrativa. Questo catalogo sarà disponibile su banca dati e su supporto cartaceo e potrà essere consultato anche da utenti esterni alle Amministrazioni. I lavori per la redazione di questo catalogo purtroppo sono condizionati dalle obiettive difficoltà derivanti dalle carenze di personale. Comunque la catalogazione della produzione di questa Amministrazione è già stata in buona parte effettuata, escludendo quella parte di documenti che presentino carattere di riservatezza. 376

9 Si è già fatto cenno altrove alla notevole quantità di frequentatori che hanno avuto accesso alla Biblioteca del Ministero durante l anno Il numero non tiene conto delle richieste che quotidianamente pervengono numerose presso gli uffici della Biblioteca e riguardano informazioni bibliografiche o reperimento di materiali documentari o atti dell amministrazione: queste richieste spesso provengono anche da Prefetture e Questure di altre città italiane. Fra i servizi forniti agli utenti si pone in evidenza quello di prestito e di consultazione di testi e periodici per il quale le richieste quantificate dalle registrazioni effettuate risultano quasi Anche il servizio di ricerche effettuato tramite le banche dati della Suprema Corte di Cassazione e della Camera dei Deputati dagli operatori della Biblioteca sono state molto numerose, circa Il funzionamento della Biblioteca dell Interno è allo stato attuale condizionato da una struttura e da una distribuzione di locali non più adeguate alle esigenze dei tempi. Si è così in attesa dell avvio dei lavori di ristrutturazione globale di essa; interventi radicali e di ampliamento consentiranno in futuro una disponibilità adeguata, per i frequentatori, di locali razionalmente predisposti e soprattutto di una vera ed accogliente sala lettura: all interno di essa saranno a disposizione computers per ricerche bibliografiche, per la navigazione in Internet e per la consultazione su supporti microfilmati di parte del patrimonio anche antico. L auspicio è che ciò possa avvenire al più presto. 377

biblioteca reale >>TORINO TORINO

biblioteca reale >>TORINO TORINO biblioteca reale TORINO L > PRESENTAZIONE Che cosa è la Carta della Qualità dei Servizi a Carta della qualità dei servizi risponde all esigenza di fissare principi e regole nel rapporto tra le amministrazioni

Dettagli

Biblioteca di Economia e Management Corso Unione Sovietica 281 bis 10134 Torino. tel. 011/6704986 fax. 011/6706131. direzione.biblioecon@unito.

Biblioteca di Economia e Management Corso Unione Sovietica 281 bis 10134 Torino. tel. 011/6704986 fax. 011/6706131. direzione.biblioecon@unito. BIBLIOTECA DI ECONOMIA E MANAGEMENT PIANO DI SVILUPPO TRIENNALE DELLE ATTIVITÀ 2013 2016 Premessa La è il riferimento per tutti i servizi bibliotecari necessari per la ricerca e l'insegnamento nei settori

Dettagli

Regolamento della Biblioteca Giuseppe Guglielmi dell Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna

Regolamento della Biblioteca Giuseppe Guglielmi dell Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna Regolamento della Biblioteca Giuseppe Guglielmi dell Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Finalità e compiti Art. 3 - Sede e patrimonio

Dettagli

PROVINCIA DI FOGGIA. N. del Reg. Contratti Interno Foggia lì,

PROVINCIA DI FOGGIA. N. del Reg. Contratti Interno Foggia lì, PROVINCIA DI FOGGIA N. del Reg. Contratti Interno Foggia lì, SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA PARTECIPAZIONE DELLA BIBLIOTECA SCOLASTICA DELL ISTITUTO AL SISTEMA BIBLIOTECARIO PROVINCIALE DI FOGGIA PREMESSO

Dettagli

ART. 1 - FINALITA' 2 ART. 2 - FUNZIONI 2 ART. 3 - ORGANIZZAZIONE 2 ART. 4 - PATRIMONIO 3 ART. 5 - COOPERAZIONE 3

ART. 1 - FINALITA' 2 ART. 2 - FUNZIONI 2 ART. 3 - ORGANIZZAZIONE 2 ART. 4 - PATRIMONIO 3 ART. 5 - COOPERAZIONE 3 REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI CERVIA APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIB. N 49 DEL 23 AGOSTO 2007 TITOLO I - PRINCIPI GENERALI 2 ART. 1 - FINALITA' 2 ART. 2 - FUNZIONI 2 ART. 3 - ORGANIZZAZIONE

Dettagli

L.R. 17/2007, art. 5 B.U.R. 22/4/2015, n. 16 Reg. int. Consiglio regionale, art. 178

L.R. 17/2007, art. 5 B.U.R. 22/4/2015, n. 16 Reg. int. Consiglio regionale, art. 178 L.R. 17/2007, art. 5 B.U.R. 22/4/2015, n. 16 Reg. int. Consiglio regionale, art. 178 DELIBERA DELL UFFICIO DI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO REGIONALE 17 marzo 2015, n. 231 Regolamento Biblioteca consiliare

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento della Biblioteca Provinciale

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento della Biblioteca Provinciale PROVINCIA DI ROMA Regolamento della Biblioteca Provinciale Adottato con delibera del Consiglio Provinciale n. 9 del 17/09/2003 1 TITOLO I FINALITA E FUNZIONI Art. 1 Finalita 1. La Provincia di Roma, ai

Dettagli

FARFA FARFA biblioteca del monumento nazionale biblioteca del monumento mazionale >> >>

FARFA FARFA biblioteca del monumento nazionale biblioteca del monumento mazionale >> >> FARFA biblioteca biblioteca del delmonumento monumentonazionale mazionale > PRESENTAZIONE Che cosa è la Carta della Qualità dei Servizi biblioteca del monumento nazionale L a Carta della qualità dei servizi

Dettagli

BIBLIOTECA NAZIONALE CENTRALE FIRENZE CARTA DEI SERVIZI

BIBLIOTECA NAZIONALE CENTRALE FIRENZE CARTA DEI SERVIZI BIBLIOTECA NAZIONALE CENTRALE FIRENZE CARTA DEI SERVIZI SECONDA EDIZIONE LA CARTA DEI SERVIZI E l impegno scritto che prendiamo con i nostri utenti e riguarda i servizi ed i progetti di miglioramento L

Dettagli

Testi regolamentari dell istituzione G. Minguzzi

Testi regolamentari dell istituzione G. Minguzzi Testi regolamentari dell istituzione G. Minguzzi REGOLAMENTO DEL SERVIZIO BIBLIOTECARIO INTEGRATO DELLE BIBLIOTECHE C. GENTILI DELL ISTITUTO DI PSICHIATRIA, P. OTTONELLO DELL UNIVERSITÀ DI BOLOGNA E G.

Dettagli

BIBLIOTECA DEL SENATO E MINISTERO DELLA DIFESA: UNA COLLABORAZIONE DECENNALE IN NOME DELLA CULTURA

BIBLIOTECA DEL SENATO E MINISTERO DELLA DIFESA: UNA COLLABORAZIONE DECENNALE IN NOME DELLA CULTURA BIBLIOTECA DEL SENATO E MINISTERO DELLA DIFESA: UNA COLLABORAZIONE DECENNALE IN NOME DELLA CULTURA di Ada Fichera 70 INFORMAZIONI DELLA DIFESA 1/2014 Un antichità avvolgente e un fascino singolare connotano

Dettagli

Profili professionali e profili di competenza degli operatori delle biblioteche di enti locali e di interesse locale. Premessa

Profili professionali e profili di competenza degli operatori delle biblioteche di enti locali e di interesse locale. Premessa Profili professionali e profili di competenza degli operatori delle biblioteche di enti locali e di interesse locale (d.g.r. 26 marzo 2004, n. VII/16909) Premessa La Lombardia è stata la prima, tra le

Dettagli

REGIONE Avviso Unico Cultura 2014

REGIONE Avviso Unico Cultura 2014 BANDO LOMBARDIA REGIONE Avviso Unico Cultura 2014 Progetti di promozione Beneficiari educativa e culturale di preminente interesse Enti locali, Università, soggetti pubblici e soggetti privati no regionale

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA. REGOLAMENTO DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO DELLA PROVINCIA DI VERONA (SBPvr)

PROVINCIA DI VERONA. REGOLAMENTO DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO DELLA PROVINCIA DI VERONA (SBPvr) PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO DELLA PROVINCIA DI VERONA (SBPvr) Approvato con deliberazione del Consiglio provinciale n. 28 del 2 marzo 2005 INDICE TITOLO I... 4 PRINCIPI GENERALI...

Dettagli

SISTEMA BIBLIOTECARIO CERETANO SABATINO REGOLAMENTO DELLE BIBLIOTECHE TITOLO I FINALITA E COMPITI

SISTEMA BIBLIOTECARIO CERETANO SABATINO REGOLAMENTO DELLE BIBLIOTECHE TITOLO I FINALITA E COMPITI SISTEMA BIBLIOTECARIO CERETANO SABATINO REGOLAMENTO DELLE BIBLIOTECHE TITOLO I FINALITA E COMPITI ART. 1 Le Biblioteche del SBCS garantiscono a tutti il diritto di accesso alla cultura e all informazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI BIBLIOTECA

REGOLAMENTO DI BIBLIOTECA REGOLAMENTO DI BIBLIOTECA Emanato con D.R. n. 437 del 07/11/2012. Art.1 (La Biblioteca) 1. La Biblioteca è un sistema coordinato di Servizi, istituzionalmente preposto a garantire supporto alla ricerca,

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO E CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DEL MUSEO INTERNAZIONALE DELLE CERAMICHE IN FAENZA

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO E CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DEL MUSEO INTERNAZIONALE DELLE CERAMICHE IN FAENZA - Fondazione Allegato a) alla decisione n. 23/PR del 8.03.2006 REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO E CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DEL MUSEO INTERNAZIONALE DELLE CERAMICHE IN FAENZA Art. 1 - Istituzione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: CENASCA CISL 2) Codice di accreditamento: 3) Classe di iscrizione all albo: NZ00765 I CARATTERISTICHE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI SCHILPARIO

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI SCHILPARIO REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI SCHILPARIO ART. 1 COMPITI E SERVIZI DELLA BIBLIOTECA La Biblioteca Comunale di Schilpario è un istituzione culturale aperta al pubblico e costituisce unità di servizio

Dettagli

REGOLAMENTO BIBLIOTECA

REGOLAMENTO BIBLIOTECA REGOLAMENTO BIBLIOTECA Art. 1 COMPITI E SERVIZI DELLA BIBLIOTECA La Biblioteca Comunale di Sotto il Monte Giovanni è un istituzione culturale aperta al pubblico e costituisce unità di servizio dell organizzazione

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE ASSESSORATO ALLA CULTURA SERVIZIO BIBLIOTECHE

PROVINCIA DI LECCE ASSESSORATO ALLA CULTURA SERVIZIO BIBLIOTECHE PROVINCIA DI LECCE ASSESSORATO ALLA CULTURA SERVIZIO BIBLIOTECHE PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO PROVINCIALE DI LECCE Bozza del PREMESSA Premesso che: - la Provincia di Lecce

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO URBANO

REGOLAMENTO DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO URBANO 44 REGOLAMENTO DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO URBANO ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 16/45374 NELLA SEDUTA DEL 03.02.1994, MODIFICATO CON DELIBERAZIONE N. 1/I67997 DEL 14/01/2003 E N. 166/I0064555

Dettagli

REGOLAMENTO QUADRO DEI SERVIZI

REGOLAMENTO QUADRO DEI SERVIZI UNIVERSITA' DEGLI STUDI - L'AQUILA Sistema Bibliotecario di Ateneo REGOLAMENTO QUADRO DEI SERVIZI Approvato dal Consiglio per il Sistema Bibliotecario di Ateneo in data 12 dicembre 2005 REGOLAMENTO QUADRO

Dettagli

biblioteca statale >>MACERATA

biblioteca statale >>MACERATA MACERATA biblioteca statale L > PRESENTAZIONE Che cosa è la Carta della Qualità dei Servizi a Carta della qualità dei servizi risponde all esigenza di fissare principi e regole nel rapporto tra le amministrazioni

Dettagli

Regolamento per il punto prestito della biblioteca dell Unione appartenente al Sistema Bibliotecario Lodigiano

Regolamento per il punto prestito della biblioteca dell Unione appartenente al Sistema Bibliotecario Lodigiano Regolamento per il punto prestito della biblioteca dell Unione appartenente al Sistema Bibliotecario Lodigiano PREMESSA La Biblioteca pubblica dell Unione di Comuni "Oltre Adda Lodigiano", con sede in

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DELL ASSOCIAZIONE ARCHIVIO STORICO OLIVETTI

CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DELL ASSOCIAZIONE ARCHIVIO STORICO OLIVETTI CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DELL ASSOCIAZIONE ARCHIVIO STORICO OLIVETTI Aggiornata a gennaio 2013 Indirizzo: Via Miniere 31 - Tel. 0125.641238 Amministrazione: segreteria@arcoliv.org Posta elettronica:

Dettagli

Carta dei servizi della Biblioteca G. Guglielmi dell Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna (IBACN)

Carta dei servizi della Biblioteca G. Guglielmi dell Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna (IBACN) Carta dei servizi della Biblioteca G. Guglielmi dell Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna (IBACN) La Biblioteca Giuseppe Guglielmi dell Istituto per i beni artistici

Dettagli

Ministero per i beni e le attività culturali. Biblioteca Nazionale Centrale Firenze. Carta dei servizi

Ministero per i beni e le attività culturali. Biblioteca Nazionale Centrale Firenze. Carta dei servizi Centrale di Firenze Pagina 1 di 10 Ministero per i beni e le attività culturali Biblioteca Nazionale Centrale Firenze Carta dei servizi Biblioteca nazionale centrale di Firenze Piazza Cavalleggeri 1 50122

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Ente proponente il progetto COMUNE DI SARROCH Titolo del progetto APERILIBRO Settore ed area di intervento del progetto Area D - Settore : Patrimonio Artistico e Culturale

Dettagli

QUESTIONARIO SISTEMA BIBLIOTECARIO DI ATENEO

QUESTIONARIO SISTEMA BIBLIOTECARIO DI ATENEO QUESTIONARIO SISTEMA BIBLIOTECARIO DI ATENEO 1. Organizzazione 1.1 L'organizzazione delle biblioteche dell'ateneo è sancita da una o più fonti normative? (possibili più risposte), lo Statuto, il Regolamento

Dettagli

SISTEMA BIBLIOTECARIO DEL POLITECNICO DI TORINO

SISTEMA BIBLIOTECARIO DEL POLITECNICO DI TORINO SISTEMA BIBLIOTECARIO DEL POLITECNICO DI TORINO Regolamento approvato dal Senato Accademico del 20.04.2011 Art. 1 Finalità e missione Emanato con DR 126 del 21.04.2011 In vigore dal 21.04.2011 Il Sistema

Dettagli

FINALITA DELLO STRUMENTO DI RILEVAZIONE REGIONALE INDAGINE PER LA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE BIBLIOTECHE

FINALITA DELLO STRUMENTO DI RILEVAZIONE REGIONALE INDAGINE PER LA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE BIBLIOTECHE FINALITA DELLO STRUMENTO DI RILEVAZIONE REGIONALE INDAGINE PER LA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE BIBLIOTECHE Premessa L esigenza di una rilevazione puntuale e condotta con criteri uniformi su tutto il

Dettagli

Il recupero in rete della Biblioteca della Comunità ebraica di Modena e Reggio

Il recupero in rete della Biblioteca della Comunità ebraica di Modena e Reggio RAFFAELLA MANELLI Il recupero in rete della Biblioteca della Comunità ebraica di Modena e Reggio Quaderni Estensi Rivista, I 2009 Con l avvio da parte

Dettagli

IL RETTORE DECRETA. E emanata, nel testo sottoriportato, la Carta dei Servizi delle Biblioteche Sistema Bibliotecario di Ateneo: PREMESSA

IL RETTORE DECRETA. E emanata, nel testo sottoriportato, la Carta dei Servizi delle Biblioteche Sistema Bibliotecario di Ateneo: PREMESSA Divisione Affari Generali e del Personale- Ufficio Affari Generali e Concorsi Via Duomo 6 13100 Vercelli Tel 0161/261543 Fax 0161/210729 e-mail: affari.generali@rettorato.unipmn.it Decreto del Rettore

Dettagli

UNIVERSITÀ DEL PIEMONTE ORIENTALE A. AVOGADRO Alessandria, Novara, Vercelli SISTEMA BIBLIOTECARIO DI ATENEO

UNIVERSITÀ DEL PIEMONTE ORIENTALE A. AVOGADRO Alessandria, Novara, Vercelli SISTEMA BIBLIOTECARIO DI ATENEO UNIVERSITÀ DEL PIEMONTE ORIENTALE A. AVOGADRO Alessandria, Novara, Vercelli SISTEMA BIBLIOTECARIO DI ATENEO RELAZIONE SULL ATTIVITA DELL UFFICIO DI SUPPORTO DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO DI ATENEO ANNO 2011

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI CASIER ART. 1 - PRINCIPI ISPIRATORI, ISTITUZIONE E FINALITÀ

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI CASIER ART. 1 - PRINCIPI ISPIRATORI, ISTITUZIONE E FINALITÀ REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI CASIER ART. 1 - PRINCIPI ISPIRATORI, ISTITUZIONE E FINALITÀ 1) Il Comune di Casier riconosce le funzioni peculiari del Servizio Biblioteca, richiamando e condividendo

Dettagli

ersitarianiversitaria MODENA MODENA biblioteca estense u biblioteca nazionale univ >> >>

ersitarianiversitaria MODENA MODENA biblioteca estense u biblioteca nazionale univ >> >> MODENA biblioteca estense universitaria biblioteca nazionale universitaria > PRESENTAZIONE Che cosa è la Carta della Qualità dei Servizi biblioteca estense universitaria L a Carta della qualità dei servizi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE Alviero Negro

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE Alviero Negro Comune di Muzzana del Turgnano REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE Alviero Negro Art. 1 DISPOSIZIONI GENERALI E FINALITA DEL SERVIZIO 1. Il Comune di Muzzana del Turgnano favorisce la crescita culturale

Dettagli

PRINCIPI GENERALI ART.1 - FINALITA ART.2 - ORGANIZZAZIONE ART.3 - PATRIMONIO ART.4 - COOPERAZIONE SERVIZI AL PUBBLICO

PRINCIPI GENERALI ART.1 - FINALITA ART.2 - ORGANIZZAZIONE ART.3 - PATRIMONIO ART.4 - COOPERAZIONE SERVIZI AL PUBBLICO REGOLAMENTO BIBLIOTECA COMUNALE CARLO PASINI BRISIGHELLA APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA N.77 DEL 19.12.2013 PRINCIPI GENERALI ART.1 - FINALITA ART.2 - ORGANIZZAZIONE ART.3 - PATRIMONIO ART.4

Dettagli

L indicizzazione per soggetto in SBN

L indicizzazione per soggetto in SBN L indicizzazione per soggetto in SBN Maria Lucia Di Geso, ICCU Introduzione Nel corso degli ultimi dieci anni il Servizio bibliotecario nazionale (SBN) si è venuto configurando come la più grande rete

Dettagli

COMUNE DI PAVONE DEL MELLA PROVINCIA DI BRESCIA BOZZA NUOVA REGOLAMENTO FUNZIONAMENTO BIBLIOTECA COMUNALE

COMUNE DI PAVONE DEL MELLA PROVINCIA DI BRESCIA BOZZA NUOVA REGOLAMENTO FUNZIONAMENTO BIBLIOTECA COMUNALE 1 COMUNE DI PAVONE DEL MELLA PROVINCIA DI BRESCIA BOZZA NUOVA REGOLAMENTO FUNZIONAMENTO BIBLIOTECA COMUNALE APPROVATO CON DELIBERA DI C.C.N.51 DEL 18.04.2009 PUBBLICATA ALL ALBO PRETORIO DAL 13/05/2009

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI P. MASCAGNI - LIVORNO REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA (approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n.13/28.04.2010) Via G. Galilei, 40 57122 Livorno Tel.

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Patrimonio artistico e culturale (D)- cura e conservazione biblioteche (01)

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Patrimonio artistico e culturale (D)- cura e conservazione biblioteche (01) TITOLO DEL PROGETTO: Storiche biblioteche crescono ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETT e Area di Intervento: Patrimonio artistico e culturale (D)- cura e conservazione biblioteche (01) OBIETTIVI DEL

Dettagli

Progetto per l unificazione del Sistema Bibliotecario Provinciale Vicentino. e adesione al Polo Regionale Veneto

Progetto per l unificazione del Sistema Bibliotecario Provinciale Vicentino. e adesione al Polo Regionale Veneto Progetto per l unificazione del Sistema Bibliotecario Provinciale Vicentino Sommario 1 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 2 2 SOLUZIONE PROPOSTA... 2 2.1 Assessment... 3 2.2 Articolazione del progetto... 5 2.3

Dettagli

MIUR ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE. CONSERVATORIO DI MUSICA GIOVANNI PIERLUIGI DA PALESTRINA Piazza E. Porrino, 1 CAGLIARI

MIUR ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE. CONSERVATORIO DI MUSICA GIOVANNI PIERLUIGI DA PALESTRINA Piazza E. Porrino, 1 CAGLIARI MIUR ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE CONSERVATORIO DI MUSICA GIOVANNI PIERLUIGI DA PALESTRINA Piazza E. Porrino, 1 CAGLIARI REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA Parere del Consiglio Accademico del 23/05/2011

Dettagli

TITOLO I FINALITA E COMPITI. Art. 1.

TITOLO I FINALITA E COMPITI. Art. 1. TITOLO I FINALITA E COMPITI Art. 1. La biblioteca comunale di Pofi è istituita come servizio informativo e culturale di base da rendere alla comunità. Essa aderisce, in qualità di biblioteca associata,

Dettagli

Regolamento Archivio Biblioteca Quadriennale di Roma

Regolamento Archivio Biblioteca Quadriennale di Roma Regolamento Archivio Biblioteca Quadriennale di Roma 1. Ambiti e finalità 2. Condizioni di accesso 3. Servizi per il pubblico 4. Fondi archivistici 4.1 Consultazione 4.2 Riproduzione e pubblicazione di

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI SCHEDA SERVIZIO CULTURA E SPETTACOLO SERVIZIO BIBLIOTECARIO COMUNALE

COMUNE DI CAGLIARI SCHEDA SERVIZIO CULTURA E SPETTACOLO SERVIZIO BIBLIOTECARIO COMUNALE COMUNE DI CAGLIARI SCHEDA SERVIZIO CULTURA E SPETTACOLO SERVIZIO BIBLIOTECARIO COMUNALE In vigore dal 2012 Servizio Cultura e Spettacolo - rev 2 Servizio CULTURA E SPETTACOLO Servizio Bibliotecario Comunale

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 18/25.05.2015 REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI GHEMME

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 18/25.05.2015 REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI GHEMME ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 18/25.05.2015 REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI GHEMME ART. 1 FINALITA' DELLA BIBLIOTECA Il presente Regolamento disciplina il funzionamento

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Biblioteca della Persona Istituto Internazionale Jacques Maritain

CARTA DEI SERVIZI. Biblioteca della Persona Istituto Internazionale Jacques Maritain CARTA DEI SERVIZI Biblioteca della Persona Istituto Internazionale Jacques Maritain Via Torino, 125/A 00184 Roma Tel.: 06.4874336 Fax: 06.4825188 biblioteca@maritain.org www.maritain.org Principi di erogazione

Dettagli

Percorso Alternanza Scuola-Lavoro A.S. 2012/2013 Biblioteca del Consiglio Regionale

Percorso Alternanza Scuola-Lavoro A.S. 2012/2013 Biblioteca del Consiglio Regionale Percorso Alternanza Scuola-Lavoro A.S. 2012/2013 Biblioteca del Consiglio Regionale Aisha Buzi - I.P.S.C.T. Sassetti-Peruzzi, Firenze Barbara Masi - I.P.S.C.T. Sassetti-Peruzzi, Firenze Lorenzo Lori -

Dettagli

BIBLIO TE CHE ARCHI VI

BIBLIO TE CHE ARCHI VI 2. SETTO RE E BIBLIO TE CHE ARCHI VI 2. SETTORE BIBLIOTECHE E ARCHIVI 1. Gestione servizi bibliotecari 2. Catalogazione 3. Promozione della lettura 1. SETTORE BIBLIOTECHE E ARCHIVI I servizi alle biblioteche

Dettagli

Disciplinare per il funzionamento e la gestione della Biblioteca della Giunta Regionale d Abruzzo L Aquila

Disciplinare per il funzionamento e la gestione della Biblioteca della Giunta Regionale d Abruzzo L Aquila Disciplinare per il funzionamento e la gestione della Biblioteca della Giunta Regionale d Abruzzo L Aquila CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Finalità) 1. Il presente disciplinare è diretto a regolamentare

Dettagli

modificazioni, concernenti il quadro complessivo delle Unità operative e degli incarichi di coordinamento di livello equiparato (secondo quanto

modificazioni, concernenti il quadro complessivo delle Unità operative e degli incarichi di coordinamento di livello equiparato (secondo quanto Avvertenza La presente pubblicazione illustra l organizzazione interna dell Amministrazione della Camera dei deputati, tenendo conto degli interventi di riforma realizzati nel corso del 2000 e dei conseguenti

Dettagli

ondi musicali ondi musicali ufficio ricerca f>> biblioteca nazionale braidense>>ficio ricerca f milano uf bilblioteca nazionale braidense MILANO >>

ondi musicali ondi musicali ufficio ricerca f>> biblioteca nazionale braidense>>ficio ricerca f milano uf bilblioteca nazionale braidense MILANO >> ricerca fondi musicali ufficio ufficio ricerca fondi musicali bilblioteca nazionale braidense MILANObiblioteca nazionale braidense > PRESENTAZIONE Che cosa è la Carta della Qualità dei Servizi L a Carta

Dettagli

Consandolo, 27 settembre 2008

Consandolo, 27 settembre 2008 Consandolo, 27 settembre 2008 La biblioteca al servizio del territorio POPOLAZIONE Il Comune di Argenta - capoluogo: 7465 abitanti - 13 frazioni: 14749 abitanti (66% c.a.) TERRITORIO - massima distanza

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI PESCHIERA DEL GARDA

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI PESCHIERA DEL GARDA Approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario n. 109 del 28.04.2004 REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI PESCHIERA DEL GARDA ART. 1 PRINCIPI ISPIRATORI, FINALITA E COMPITI 1) Il Comune

Dettagli

COMUNE DI QUINTO VICENTINO

COMUNE DI QUINTO VICENTINO COMUNE DI QUINTO VICENTINO REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI QUINTO VICENTINO TITOLO I -Finalità del servizio Art. 1 Finalità del servizio 1. La biblioteca pubblica, via di accesso locale alla conoscenza,

Dettagli

Biblioteca. Questionario

Biblioteca. Questionario Biblioteca Questionario Gentile utente, Le chiediamo di dedicare alcuni minuti del Suo tempo per rispondere alle domande proposte e per formulare, se lo ritiene opportuno, suggerimenti e osservazioni.

Dettagli

APPROVATO CON DELIB.G.C.N.223 DEL 10.10.2005. Regolamento del Servizio Bibliotecario Comunale e della sua organizzazione

APPROVATO CON DELIB.G.C.N.223 DEL 10.10.2005. Regolamento del Servizio Bibliotecario Comunale e della sua organizzazione APPROVATO CON DELIB.G.C.N.223 DEL 10.10.2005 Regolamento del Servizio Bibliotecario Comunale e della sua organizzazione Art. 1 - Compiti e servizi della Biblioteca La Biblioteca Comunale di Paullo è un

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA "SANDRO PERTINI - DI ORBASSANO (TO)

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA SANDRO PERTINI - DI ORBASSANO (TO) REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA "SANDRO PERTINI - DI ORBASSANO (TO) ART. I FINALITA DELLA BIBLIOTECA La Biblioteca civica Sandro Pertini, sita in via dei Mulini 1, è un organismo culturale che opera

Dettagli

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA Provincia di Roma Tel. 06-9015601 Fax 06-9041991 P.zza C.Leonelli,15 c.a.p. 00063 www.comunecampagnano.

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA Provincia di Roma Tel. 06-9015601 Fax 06-9041991 P.zza C.Leonelli,15 c.a.p. 00063 www.comunecampagnano. COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA Provincia di Roma Tel. 06-9015601 Fax 06-9041991 P.zza C.Leonelli,15 c.a.p. 00063 www.comunecampagnano.it Biblioteca Comunale C. Maggiorani CAMPAGNANO DI ROMA Corso Vittorio

Dettagli

I servizi all utenza esterna tra reference e comunicazione: reference elettronico, corsi di formazione e visite culturali.

I servizi all utenza esterna tra reference e comunicazione: reference elettronico, corsi di formazione e visite culturali. I servizi all utenza esterna tra reference e comunicazione: reference elettronico, corsi di formazione e visite culturali. di Stefano Tabacchi Biblioteca della Camera dei deputati Oggetto di questo intervento

Dettagli

COMUNE DI CASTELFIORENTINO

COMUNE DI CASTELFIORENTINO COMUNE DI CASTELFIORENTINO RELAZIONE ILLUSTRATIVA PER LA GESTIONE DELLA SEZIONE RAGAZZI, LA CATALOGAZIONE E LA PROMOZIONE DELLA LETTURA DELLA BIBLIOTECA COMUNALE VALLESIANA DAL 01/10/2013 AL 30/06/ 2016.

Dettagli

Il Centro di Documentazione Musicale della Toscana: un servizio regionale per la conoscenza e tutela dei fondi musicali

Il Centro di Documentazione Musicale della Toscana: un servizio regionale per la conoscenza e tutela dei fondi musicali STEFANIA GITTO Il Centro di Documentazione Musicale della Toscana: un servizio regionale per la conoscenza e tutela dei fondi musicali ABSTRACT Quaderni Estensi n. 6 (2014), p. 43-45 STEFANIA GITTO, CeDoMus

Dettagli

Sei anni di BSS (2005-2010) a cura del Servizio Monitoraggio

Sei anni di BSS (2005-2010) a cura del Servizio Monitoraggio Sei anni di BSS (2005-2010) a cura del Servizio Monitoraggio 1. Introduzione 2. Utenza 3. Risorse 3.1. Spazi e attrezzature 3.2. Offerta documentaria 3.3. Personale 4. Servizi 4.1. Prestito e prestito

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELLA BIBLIOTECA

REGOLAMENTO INTERNO DELLA BIBLIOTECA REGOLAMENTO INTERNO DELLA BIBLIOTECA TITOLO PRIMO Definizione e compiti Art. 1 La Biblioteca del Ministero Affari Esteri è una biblioteca specializzata in diritto internazionale, storia moderna e contemporanea

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) Allegato 1 SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI LIVORNO 2) Codice di accreditamento: NZ01214 3) Classe di

Dettagli

ROMA ROMA biblioteca medica statale >> >>

ROMA ROMA biblioteca medica statale >> >> ROMA biblioteca statale bibliotecamedica medica statale L > PRESENTAZIONE Che cosa è la Carta della Qualità dei Servizi a Carta della qualità dei servizi risponde all esigenza di fissare principi e regole

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA DI MOZZANICA

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA DI MOZZANICA REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA DI MOZZANICA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 54 del 15.09.1995 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 46 del 10.09.1999 Art. 1 - Compiti

Dettagli

Censimento delle biblioteche scolastiche - 2015

Censimento delle biblioteche scolastiche - 2015 Censimento delle biblioteche scolastiche - 2015 Modulo B Duplicare e compilare il Modulo B per ogni Plesso che possiede una Biblioteca Sezione 1 Dati Plesso Denominazione Codice Comune CAP Prov. Indirizzo

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA CIVICA DI BASSANO DEL GRAPPA

GUIDA AI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA CIVICA DI BASSANO DEL GRAPPA GUIDA AI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA CIVICA DI BASSANO DEL GRAPPA SALE PER IL PUBBLICO Sala di consultazione Sono esposte opere di consultazione quali enciclopedie, dizionari, repertori, atlanti. Uno spazio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DI ATENEO ART. 1 Funzioni 1. La Biblioteca d Ateneo dell Università degli Studi del Molise: a) conserva, tutela, valorizza e promuove le proprie

Dettagli

Vice Direzione Generale Gabinetto del Sindaco e Servizi Culturali 2007 00178/026 SETTORE MUSEI /GP CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Vice Direzione Generale Gabinetto del Sindaco e Servizi Culturali 2007 00178/026 SETTORE MUSEI /GP CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Vice Direzione Generale Gabinetto del Sindaco e Servizi Culturali 2007 00178/026 SETTORE MUSEI /GP 0 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 23 gennaio 2007 OGGETTO: COSTITUZIONE NUOVO ISTITUTO

Dettagli

ASSOCIAZIONE CENTRO PER LA PACE, LA COOPERAZIONE, L INTEGRAZIONE INTERETNICA E INTERCULTURALE

ASSOCIAZIONE CENTRO PER LA PACE, LA COOPERAZIONE, L INTEGRAZIONE INTERETNICA E INTERCULTURALE ASSOCIAZIONE CENTRO PER LA PACE, LA COOPERAZIONE, L INTEGRAZIONE INTERETNICA E INTERCULTURALE Relazione relativa alla gestione e alle attività svolte all interno del Centro per la Pace Annalena Tonelli

Dettagli

PROGRAMMA NAZIONALE DI RICERCHE IN ANTARTIDE

PROGRAMMA NAZIONALE DI RICERCHE IN ANTARTIDE PROGRAMMA NAZIONALE DI RICERCHE IN ANTARTIDE REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA A. ISTITUZIONE E FINALITÀ (artt. 1-2) B. PATRIMONIO E BILANCIO (artt. 3-5) C. ORGANIZZAZIONE FUNZIONALE (artt. 6-20): Accesso (artt.

Dettagli

REGOLAMENTO BIBLIOTECA COMUNALE SAN SPERATE

REGOLAMENTO BIBLIOTECA COMUNALE SAN SPERATE Comune di San Sperate - Provincia di Cagliari - 09026 Via Sassari, n.12 Biblioteca Comunale San Sperate REGOLAMENTO BIBLIOTECA COMUNALE SAN SPERATE Art. 1. Finalità della biblioteca E' costituita in San

Dettagli

Le occasioni della rete.

Le occasioni della rete. a cura di Gabriella Guerci di Enzo Minervini È qualche anno che navigando in rete possono essere consultate numerose basi di dati riguardanti raccolte fotografiche. Queste basi dati, che possono presentare

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA CENTRO DI ATENEO PER LE BIBLIOTECHE CENTRO DI CALCOLO DI ATENEO IPSOW - Integrazione del Prestito locale SBN con l OPAC WEB: visualizzazione dello stato di prestabilità

Dettagli

ILL-SBN un servizio di prestito interbibliotecario e fornitura documenti su Internet. Milano, 12 maggio 2009 Antonella Cossu a.cossu@iccu.sbn.

ILL-SBN un servizio di prestito interbibliotecario e fornitura documenti su Internet. Milano, 12 maggio 2009 Antonella Cossu a.cossu@iccu.sbn. ILL-SBN un servizio di prestito interbibliotecario e fornitura documenti su Internet Milano, 12 maggio 2009 Antonella Cossu a.cossu@iccu.sbn.it 1 ILL-SBN: un servizio di prestito interbibliotecario e fornitura

Dettagli

REGOLAMENTO GESTIONE BIBLIOTECA COMUNALE "GIUSEPPE GIUSTI"

REGOLAMENTO GESTIONE BIBLIOTECA COMUNALE GIUSEPPE GIUSTI REGOLAMENTO GESTIONE BIBLIOTECA COMUNALE "GIUSEPPE GIUSTI" APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 3 DEL 13 FEBBRAIO 2001 TITOLO I: PRINCIPI GENERALI ART. 1 - ISTITUZIONE E FINALITA' 1) Il Comune riconosce

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO PER LA BIBLIOTECA COMUNALE

SCHEMA DI REGOLAMENTO PER LA BIBLIOTECA COMUNALE SCHEMA DI REGOLAMENTO PER LA BIBLIOTECA COMUNALE ART. 1 - COMPITI E SERVIZI DELLA BIBLIOTECA 1. La Biblioteca comunale di Gignod è un istituzione culturale aperta al pubblico e costituisce unità di servizio

Dettagli

Concorso 197 Prima Prova TEST 2 1

Concorso 197 Prima Prova TEST 2 1 Concorso 197 Prima Prova TEST 2 1 1. Quale di queste funzioni distingue la biblioteca universitaria dalle altre tipologie di biblioteche? a. La catalogazione descrittiva dei documenti posseduti b. La funzione

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI TITOLI DI STUDIO E ALTRI TITOLI ESPERIENZA LAVORATIVA C U R R I C U L U M V I T A E

INFORMAZIONI PERSONALI TITOLI DI STUDIO E ALTRI TITOLI ESPERIENZA LAVORATIVA C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Amministrazione Indirizzo RAPONI PATRIZIA EP 1 (elevate professionalità) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA PIAZZA OBERDAN, 4 - MACERATA

Dettagli

SDIAF FORMAZIONE INTRODUZIONE AL PROTOCOLLO-SBNMARC

SDIAF FORMAZIONE INTRODUZIONE AL PROTOCOLLO-SBNMARC SDIAF FORMAZIONE INTRODUZIONE AL PROTOCOLLO-SBNMARC Firenze Gabinetto Vieusseux, 24 Aprile 2013 Gabriella Mercurio, Coopculture Introduzione: SBN, un po' di storia 1985 Si costituiscono i primi due Poli:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA BIBLIOTECA COMUNALE TITOLO I FINALITA E COMPITI. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO PER LA BIBLIOTECA COMUNALE TITOLO I FINALITA E COMPITI. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO PER LA BIBLIOTECA COMUNALE TITOLO I FINALITA E COMPITI Art. 1 Finalità La biblioteca del Comune di Monte Porzio Catone è istituita come servizio informativo e culturale di base da rendere alla

Dettagli

Servizi bibliotecari di Ateneo: Carta dei servizi

Servizi bibliotecari di Ateneo: Carta dei servizi Servizi bibliotecari di Ateneo: Carta dei servizi La Carta dei servizi La Carta dei servizi precisa ciò che gli utenti possono attendersi dai Servizi bibliotecari dell Università di Bergamo e le attese

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO PER L ANNO 2015

PROGRAMMA OPERATIVO PER L ANNO 2015 CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO PER L ANNO 2015 SERVIZIO STUDI DOCUMENTAZIONE BIBLIOTECA 101 Scheda Progetto 67.1 GESTIONE ORDINARIA ABBONAMENTO AI PERIODICI ED ACQUISTO MONOGRAFIE 1

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO PER LA BIBLIOTECA COMUNALE DI ATINA. TITOLO I FINALITA E COMPITI Art. 1

SCHEMA DI REGOLAMENTO PER LA BIBLIOTECA COMUNALE DI ATINA. TITOLO I FINALITA E COMPITI Art. 1 SCHEMA DI REGOLAMENTO PER LA BIBLIOTECA COMUNALE DI ATINA TITOLO I FINALITA E COMPITI Art. 1 La biblioteca comunale di Atina è istituita come servizio informativo e culturale di base da rendere alla comunità.

Dettagli

MILANO MILANO biblioteca nazionale braidense biblioteca nazionale braidense >> >>

MILANO MILANO biblioteca nazionale braidense biblioteca nazionale braidense >> >> M I L A N O MILANO biblioteca nazionale braidense biblioteca nazionale braidense L > PRESENTAZIONE Che cosa è la Carta della Qualità dei Servizi a Carta della qualità dei servizi risponde all esigenza

Dettagli

Sede Comune Indirizzo N. vol. per sede

Sede Comune Indirizzo N. vol. per sede SINTESI SCHEDA PROGETTO Ente proponente il progetto: COMUNE DI FERRARA Titolo Progetto: LEGGERE CON UN CLICK IL PRESTITO DIGITALE (DIGITAL LENDING) NELLE BIBLIOTECHE DEL POLO FERRARESE: PER UNA PROMOZIONE

Dettagli

SISTEMA BIBLIOTECARIO PROVINCIALE

SISTEMA BIBLIOTECARIO PROVINCIALE SISTEMA BIBLIOTECARIO PROVINCIALE NORME DI FUNZIONAMENTO DELLA RETE BIBLIOTECARIA INDICE Art. 1 - Oggetto e definizioni pag. 3 Art. 2 - Iscrizione al servizio prestito pag. 3 Art. 3 - Modalità di iscrizione

Dettagli

8. PERSONALE, GESTIONE FINANZIARIA E ORGANIZZAZIONE

8. PERSONALE, GESTIONE FINANZIARIA E ORGANIZZAZIONE 8. PERSONALE, GESTIONE FINANZIARIA E ORGANIZZAZIONE PERSONALE Processo di acquisizione La legge istitutiva, all articolo 2, comma 29, ha previsto, che, in sede di prima attuazione, l Autorità provvedesse

Dettagli

Comune di Gargnano REGOLAMENTO COMUNALE DELLA BIBLIOTECA COMUNALE. (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 13 del 19 febbraio 1988)

Comune di Gargnano REGOLAMENTO COMUNALE DELLA BIBLIOTECA COMUNALE. (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 13 del 19 febbraio 1988) Comune di Gargnano REGOLAMENTO COMUNALE DELLA BIBLIOTECA COMUNALE (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 13 del 19 febbraio 1988) REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA DI BASE Art. 1 - Compiti e

Dettagli

Settembre 2008. Progetto di attivazione di punti di prestito decentrato nelle frazioni

Settembre 2008. Progetto di attivazione di punti di prestito decentrato nelle frazioni Settembre 2008 Progetto di attivazione di punti di prestito decentrato nelle frazioni Progetto di attivazione di punti di prestito decentrato nelle frazioni Biblioteca comunale Biblioteca Mediateca Archivio

Dettagli

ILL-SBN come strumento di cooperazione nazionale

ILL-SBN come strumento di cooperazione nazionale ILL-SBN come strumento di cooperazione nazionale Antonella Cossu a.cossu@iccu.sbn.it Il colloquio tra ILL-SBN e Sebina OpenLibrary nell ottica di una rete nazionale di servizi Roma, ICCU, 5-11-2014 ILL-SBN

Dettagli

Z2811A7A78 CAPITOLATO DESCRITTIVO PRESTAZIONALE

Z2811A7A78 CAPITOLATO DESCRITTIVO PRESTAZIONALE PROCEDURA NEGOZIATA SVOLTA IN MODALITA TELEMATICA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CATALOGAZIONE RETROSPETTIVA IN SBN DEL FONDO ANTICO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE CHELLIANA CIG Z2811A7A78 CAPITOLATO DESCRITTIVO

Dettagli

Cataloghi: la sfida della concretezza

Cataloghi: la sfida della concretezza VI Conferenza su Internet Document Delivery e Cooperazione Interbibliotecaria "NILDE RELOADED: ripensare i servizi e la condivisione delle risorse nell'era digitale" Perugia, 20-21 maggio 2010 Cataloghi:

Dettagli

BENVENUTI IN BIBLIOTECA!

BENVENUTI IN BIBLIOTECA! REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT Direzione generale dei beni culturali, informazione, spettacolo e sport Servizio

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Emana il seguente regolamento: TITOLO I PRINCIPI GENERALI. CAPO I Destinatari. Art.1 Definizioni

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Emana il seguente regolamento: TITOLO I PRINCIPI GENERALI. CAPO I Destinatari. Art.1 Definizioni DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1 febbraio 2010, n. 54 (in Gazz. Uff., 13 aprile, n. 85). - Regolamento recante norme in materia di autonomia gestionale e finanziaria delle rappresentanze diplomatiche

Dettagli