Maria Serena BENEDETTI. La Biblioteca del Ministero dell Interno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Maria Serena BENEDETTI. La Biblioteca del Ministero dell Interno"

Transcript

1 La Biblioteca del Ministero dell Interno

2 CULTURA La Biblioteca del Ministero dell Interno fu istituita nel 1859 a Torino con fondi librari relativi alla Casa Savoia ed al Consiglio del Commercio, ampliati successivamente da cospicue raccolte di legislazione degli stati italiani pre-unitari dal 1600 all 800 e di vari stati europei. Dopo il trasferimento della capitale a Roma fu collocata nel 1872 in questa città: a quegli anni risalgono i lavori di riordino e catalogazione e la redazione del primo catalogo a schede. Nel progetto del Palazzo del Viminale del 1913 l architetto Manfredi aveva situato la biblioteca all interno del Palazzo degli Uffici, sede delle Direzioni componenti l Amministrazione: Sanità, Personale, Direzione delle Carceri, Pubblica Sicurezza, ecc. E in questo Palazzo ha sede tutt ora, dopo alterne vicende e scelte operative che hanno condizionato nel corso dei decenni la sua attività in rapporto alle esigenze dell Amministrazione ed hanno orientato la composizione del patrimonio librario conservato, che ha subito politiche diversificate di accrescimento e, purtroppo, anche di cessione di ampie collezioni, considerevoli per contenuto documentario e qualità editoriale. Basti citare a questo proposito i trasferimenti, motivati da carenza di spazio, che sono stati attuati a più riprese negli anni settanta a favore dell Archivio Centrale dello Stato e hanno riguardato raccolte di materiali librari a contenuto prevalentemente storico e umanistico. Queste cessioni hanno privato la Biblioteca di interessanti fondi librari contenenti anche incunaboli e manoscritti, una ricca emeroteca, testi relativi all igiene ed alla sanità pubblica, raccolte di periodici dell ottocento e parte della biblioteca di Nino Bixio; l entità di queste cessioni, secondo quanto è stato possibile ricostruire, ammonta ad oltre unità bibliografiche, parte delle quali, come detto, presentano non comune valore documentario e patrimoniale. Nonostante queste perdite e alcune dispersioni verificatesi dopo la seconda Guerra mondiale, la Biblioteca possiede allo stato attuale un patrimonio di oltre volumi distribuiti principalmente nella sede centrale di Palazzo Viminale, dove sono conservate le sezioni più consultate di diritto, sociologia, economia, storia, le raccolte dei periodici, delle Gazzette Ufficiali e parte della grande raccolta cartacea degli atti parlamentari dal 1848 (atti del Parlamento Subalpino). 370

3 Nella sede distaccata di Via Balbo sono conservati i fondi librari relativi alla geografia, all araldica, alla letteratura italiana e straniera, e ad altre materie umanistiche. Il valore totale del patrimonio librario ora esistente è stato calcolato nella cifra di 4 miliardi e 500 milioni con un complesso lavoro durato alcuni anni e guidato dai Bibliotecari: le operazioni di ricognizione e stima di tutte le sezioni in cui si articola il patrimonio sono state completate nel 1994 e sono state effettuate applicando rigorosi parametri di valutazione. Presso la sede di Via Balbo è situato anche il laboratorio di Legatoria nel quale vengono effettuati i lavori di rilegatura necessari alla corretta tenuta di alcuni materiali bibliografici come periodici, Gazzette Ufficiali, atti parlamentari appartenenti a questa Biblioteca, alle Direzioni dell Amministrazione ed alla Biblioteca della Scuola Superiore dell Amministrazione dell Interno con cui è stato da tempo concordato lo svolgimento di questo servizio. La parte più pregevole e significativa del patrimonio della Biblioteca è rappresentata dai volumi antichi, costituiti da libri stampati in Italia e in Europa dal 1500 al Particolarmente interessanti e rare sono le raccolte formate da centinaia di volumi relativi alle legislazioni italiane dal 1600 all unità e dalle legislazioni degli Stati europei, soprattutto di Austria, Germania e Francia; tra i volumi del 1600 le collezioni delle decisioni della Sacra Rota; fra le centinaia di volumi del 1700 spicca l Encyclopédie di Diderot nell edizione italiana del I libri e i periodici del 1800 sono molte migliaia e presentano contenuti che spaziano dal diritto alla sociologia, alla storia, all araldica, alla criminologia e all organizzazione delle carceri, alla sanità, alla geografia: tra i fondi di quest ultimo settore sono conservate carte geografiche e topografiche non facilmente reperibili in altre biblioteche. La Biblioteca sotto un profilo ordinamentale opera nell ambito dell Ufficio Studi e Affari Legislativi all interno della Direzione Generale per gli Affari Generali e del Personale. Negli ultimi anni essa, rispondendo attivamente alle necessità dell utenza che è in gran parte formata da funzionari e dipendenti dell Amministrazione, sta realizzando servizi principalmente orientati a supportare lo svolgimento delle attività amministrative, assumendo quindi sempre più i caratteri fun- 371

4 CULTURA zionali di una biblioteca specializzata in ambito giuridico. Nel contempo si sta attuando una concreta apertura anche ad utenti provenienti da ambienti e settori professionali esterni alle Amministrazioni: università, settori della ricerca, della pubblicistica, studi legali e notarili che sono ormai rappresentati (secondo i rilevamenti annuali) da centinaia di frequentatori quali docenti e ricercatori di università non solo romane, studenti laureandi, studiosi, giornalisti, liberi professionisti di studi legali e commerciali. La Biblioteca nel corso dell anno 1997 ha erogato servizi a circa frequentatori, la cui presenza è stata riscontrata sulla base dei dati contenuti nel registro di ingresso. La realizzazione di attività di gestione (registrazioni patrimoniali, catalogazione...) e di servizi bibliotecari realmente rispondenti alle richieste formulate da un utenza composita e specializzata, non può prescindere dall utilizzo di supporti informatici e da specifiche metodologie di trattamento dei dati bibliografici che consentano il massimo contenimento sia dei tempi di descrizione del materiale documentario, che di quelli di individuazione e accesso ai documenti collocati: questo è un servizio primario che tutte le biblioteche pur nelle diversità di funzioni espletate, svolgono per i frequentatori. La tipologia delle raccolte della singola biblioteca, le esigenze del funzionamento dell amministrazione o istituzione in cui la biblioteca è inserita, la quantità e qualità delle richieste formulate dai frequentatori, producono riferimenti fondamentali sulla base dei quali il bibliotecario formula le proposte di cambiamento o evoluzione dell organizzazione del lavoro e dei metodi gestionali utilizzati, allo scopo di fornire servizi utili ed efficienti. La storia importante di questa Biblioteca, la ricchezza delle raccolte di cui è dotata, e le potenzialità che esse presentano, non espresse appieno nel passato, sono elementi che hanno sollecitato l adozione di tecnologie informatiche applicate ai lavori interni e ai servizi resi al pubblico. L attuale Direzione della Biblioteca anche consegnataria dei beni librari ha proposto e poi avviato, con l autorizzazione e il sostegno dei Direttori Generali, l adesione della Biblioteca al Servizio Bibliotecario Nazionale. S.B.N. è la rete italiana interbibliotecaria che è stata promossa e organizza- 372

5 ta fino dagli anni settanta dal Ministero per i Beni Culturali e Ambientali: attualmente è costituita da circa 800 Biblioteche situate su tutto il territorio nazionale. S.B.N. è una rete di tipo stellare ed è articolata in 38 poli, aggregazioni di biblioteche simili per qualità di fondi e tipi di servizi forniti. Le biblioteche cooperano tra loro gestendo alcune attività fondamentali, e servizi che ogni biblioteca o centro di documentazione sceglie di svolgere coerentemente con gli orientamenti operativi del polo di appartenenza, perseguendo nella propria struttura la realizzazione di obiettivi specifici. Tra le attività più significative che la Biblioteca del Ministero sta realizzando o avvierà a breve termine, si evidenziano: la catalogazione partecipata del patrimonio librario svolta con indirizzi comuni decisi dalle biblioteche aderenti al polo; la condivisione di informazioni bibliografiche utili al più veloce reperimento dei documenti conservati; lo scambio di riproduzioni del materiale documentario; l invio di utenti all una o all altra biblioteca che possiede il documento richiesto; il prestito interno all Amministrazione e il prestito interbibliotecario. La Biblioteca dell Interno, per le somiglianze esistenti con altre biblioteche riguardo i fondi librari posseduti e le finalità dei servizi da espletare a sostegno delle attività amministrative di carattere giuridico, è entrata a far parte del Polo giuridico - ROMA, insieme alla Biblioteca Centrale Giuridica del Ministero di Grazia e Giustizia, alla Biblioteca del Consiglio di Stato, alla Biblioteca del CED - Corte di Cassazione. I 38 Poli componenti la Rete convergono, con le loro basi di dati contenenti le descrizioni bibliografiche dei materiali librari della singola biblioteca, sull Indice di S.B.N., che è il grande elaboratore e nodo centrale della rete, situato presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma 1. 1 L Indice è gestito dall Istituto Centrale per il Catalogo Unico delle Biblioteche Italiane (I.C.C.U.) del Ministero dei Beni Culturali e Ambientali. È formato da varie basi di dati tra le quali: Libro Moderno, che è la principale per la quantità dei dati bibliografici inseriti e la velocità che ne caratterizza la continua crescita: secondo i dati ufficialmente comunicati dall I.C.C.U. nel febbraio 1998, presenta una consistenza di titoli e di indicazioni di autori. L Indice ospita anche altre basi di dati tra le quali: quella del Libro Antico contenente notizie riferite a pubblicazioni dall origine della stampa al 1830; quella dei Manoscritti con 800 descrizioni presenti; quella di DOBIS contenente notizie bibliografiche relative alle Biblioteche dotate di questo software, ad esempio le Biblioteche della Camera dei Deputati, dell Istituto Superiore di Sanità, dell E.N.E.A. 373

6 CULTURA L Indice contiene il catalogo collettivo in linea delle biblioteche italiane, costituito in anni di lavoro da tutte le biblioteche aderenti alla rete, che hanno inviato i propri dati descrittivi sulla base dati centrale. Ogni biblioteca per realizzare la catalogazione del materiale documentario può utilizzare le descrizioni bibliografiche già presenti in rete, catturandole dall Indice, o inserendole qualora non siano state immesse. Per questa Biblioteca l ingresso in S.B.N. ha significato una decisiva evoluzione metodologica e organizzativa soprattutto per la gestione dei lavori di catalogazione, per i quali sono state applicate le procedure del software attivo sul Polo. Il risultato più significativo è stato fino ad ora ottenuto nel corso del I semestre dell anno 1996: durante questo periodo è stata effettuata la catalogazione del quadruplo dei documenti rispetto allo stesso semestre dell anno precedente, quando i sistemi utilizzati non erano su base informatica. Attualmente il numero dei documenti appartenenti alla Biblioteca del Ministero dell Interno catalogati in rete e i cui dati specifici di appartenenza (i numeri di inventario e di collocazione relativi ai documenti sono visibili sul catalogo del Polo), supera le unità 2. Dalla consultazione dell Indice inoltre è possibile visionare in quali biblioteche si trovino collocati i documenti richiesti dagli utenti: è così possibile fornire ai frequentatori un rapido servizio di informazione bibliografica su base telematica. È in programma tra le attività da svolgere in cooperazione con le biblioteche del Polo, la stesura di un regolamento per il servizio di prestito interbibliotecario che consenta anche alla Biblioteca dell Interno di rendere disponibili i documenti contenuti nelle proprie raccolte anche presso altre biblioteche, dove utenti ne facciano richiesta. Attualmente l unica biblioteca del Polo che sta attuando il servizio di prestito interbibliotecario è la Biblioteca Centrale Giuridica, che ha reso disponibili più volte i propri testi affinchè potessero essere consultati da Funzionari di questa Amministrazione. L avvio delle attività del Servizio Bibliotecario Nazionale ha comportato 2 Oltre ai dati inviati sulla Rete, l S.B.N. viene attuato presso questa Biblioteca stampando tramite computer le migliaia di schede catalografiche relative ai vari documenti catalogati che vengono poi controllate dal Bibliotecario, corrette e immesse nello schedario. Anche in questa attività il contenimento dei tempi di lavoro è straordinario e conferma, insieme al risultato della gestione dei dati catalografici, la validità della scelta effettuata aderendo alla rete. 374

7 molto impegno anche da parte del personale della Biblioteca che, per poter utilizzare le nuove procedure, ha frequentato un corso di formazione professionale tenuto nei primi mesi del Riguardo la gestione di altre attività quali le registrazioni patrimoniali e la catalogazione dei periodici per le quali si impone la necessità dell uso di supporti informatici, la Direzione della Biblioteca dell Interno ha deciso, anche in base alle esperienze già consolidate di altre biblioteche, di non utilizzare il software di S.B.N. che non risulta ben adattabile alle esigenze di descrizione e di reperimento dei materiali. In particolare per la gestione dei periodici è stata già proposta l adozione di SEBINA, pacchetto applicativo di S.B.N. adottato da moltissime biblioteche in Italia in quanto più duttile rispetto al software di partenza del Servizio Bibliotecario Nazionale. L utilizzo di Sebina presuppone comunque l esistenza del collegamento con S.B.N.: le informazioni catalografiche già presenti su Polo devono essere convertite in un apposito formato per poter essere utilizzate per la gestione dei vari servizi. L adozione di questo pacchetto applicativo appare anche in sintonia con le scelte già operate presso la Biblioteca Centrale Giuridica che offre alcuni servizi con le procedure di Sebina; si prospettano quindi nuove opportunità di collaborazione e comunicazione con la Biblioteca Centrale Giuridica, che è la biblioteca trainante del polo. Riguardo le attività di registrazione patrimoniale è stata invece accordata dal Ministero del Tesoro (con circolare n. 94 del 22 dicembre 1997) l opportunità di elaborare un software specifico che consenta le corrette descrizioni dei beni librari. Anche in questo ambito è stata avviata una cooperazione tra bibliotecari e consegnatari delle biblioteche delle amministrazioni che sono impegnati nel perseguimento di obiettivi comuni di descrizione del patrimonio. Dall esperienza fino ad oggi effettuata, è auspicabile che alla Biblioteca del Ministero dell Interno siano destinate più risorse finanziarie, per la prosecuzione e l evoluzione dell automazione applicata ai vari settori di lavoro interno e di servizio fornito ai frequentatori. Il servizio che verrà prossimamente avviato sarà quello del prestito interno per i dipendenti dell Amministrazione, sempre utilizzando le funzioni del Servizio Bibliotecario Nazionale. 375

8 CULTURA Il problema delle risorse finanziarie è evidente e non riguarda solo l automazione delle attività e dei servizi che è stata avviata da poco più di due anni (prima erano attivi per gli utenti solo i collegamenti con le banche dati giuridiche della Suprema Corte di Cassazione e della Camera dei Deputati). Esso infatti condiziona, unita alla insufficienza di spazi, anche la politica annuale di acquisti di materiale librario, che costituiscono per ogni biblioteca e centro di documentazione uno dei fattori essenziali di vitalità delle raccolte e di utilità per la consultazione da parte degli utenti. È pertanto necessario che in un futuro possa essere incrementato lo stanziamento per le esigenze di forniture di materiali documentari per la Biblioteca, così come avviene per altre biblioteche delle Amministrazioni centrali dello Stato. Si potrebbe del resto anche con l aiuto della Scuola Superiore dell Amministrazione dell Interno intervenire per il restauro di parte del patrimonio librario antico compromesso dall usura del tempo e dalla mancanza di interventi. Siffatte operazioni di restauro consentirebbero peraltro di allestire una mostra dei più interessanti volumi presso la stessa sede della Scuola. Resta ancora da evidenziare che, per dare concreta attuazione a prospettive di cooperazione tra le biblioteche delle Amministrazioni dello Stato, dotate di patrimoni librari pregevoli e ancora troppo poco conosciuti, e di una produzione di documenti non convenzionali denominati letteratura grigia in termine biblioteconomico, è stato costituito con l autorizzazione dell Associazione Italiana Biblioteche nel luglio 1997 un gruppo di lavoro formato da direttori delle biblioteche delle Amministrazioni dello Stato. Questo gruppo di lavoro si prefigge di individuare la produzione di letteratura grigia delle Amministrazioni dello Stato e di effettuare la descrizione di questi documenti, redigendo un catalogo della documentazione di fonte amministrativa. Questo catalogo sarà disponibile su banca dati e su supporto cartaceo e potrà essere consultato anche da utenti esterni alle Amministrazioni. I lavori per la redazione di questo catalogo purtroppo sono condizionati dalle obiettive difficoltà derivanti dalle carenze di personale. Comunque la catalogazione della produzione di questa Amministrazione è già stata in buona parte effettuata, escludendo quella parte di documenti che presentino carattere di riservatezza. 376

9 Si è già fatto cenno altrove alla notevole quantità di frequentatori che hanno avuto accesso alla Biblioteca del Ministero durante l anno Il numero non tiene conto delle richieste che quotidianamente pervengono numerose presso gli uffici della Biblioteca e riguardano informazioni bibliografiche o reperimento di materiali documentari o atti dell amministrazione: queste richieste spesso provengono anche da Prefetture e Questure di altre città italiane. Fra i servizi forniti agli utenti si pone in evidenza quello di prestito e di consultazione di testi e periodici per il quale le richieste quantificate dalle registrazioni effettuate risultano quasi Anche il servizio di ricerche effettuato tramite le banche dati della Suprema Corte di Cassazione e della Camera dei Deputati dagli operatori della Biblioteca sono state molto numerose, circa Il funzionamento della Biblioteca dell Interno è allo stato attuale condizionato da una struttura e da una distribuzione di locali non più adeguate alle esigenze dei tempi. Si è così in attesa dell avvio dei lavori di ristrutturazione globale di essa; interventi radicali e di ampliamento consentiranno in futuro una disponibilità adeguata, per i frequentatori, di locali razionalmente predisposti e soprattutto di una vera ed accogliente sala lettura: all interno di essa saranno a disposizione computers per ricerche bibliografiche, per la navigazione in Internet e per la consultazione su supporti microfilmati di parte del patrimonio anche antico. L auspicio è che ciò possa avvenire al più presto. 377

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

12 - APQ Beni Culturali

12 - APQ Beni Culturali 12 - APQ Beni Culturali Assessorato Pubblica Istruzione Schede di sintesi per intervento al 31 dicembre 2006 Cagliari, febbraio 2007 12 - Beni Culturali Indice Pag. Intervento 1 APQ Originario 1 1 - SarBC-SF1

Dettagli

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library A. Bardelli (Univ. Milano Bicocca), L. Bernardis (Univ.

Dettagli

STATISTICHE DOCUMENTI PMV IN SOL

STATISTICHE DOCUMENTI PMV IN SOL STATISTICHE DOCUMENTI PMV IN SOL INTRODUZIONE A cura del Coordinamento del Polo regionale del Veneto Vicenza, 12 ottobre 2011 PREMESSA Le istruzioni fornite nel 2010 per la compilazione del PMV riferito

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Sfogliando gli Atti e verbali

Sfogliando gli Atti e verbali Una biblioteca camerale che si misura con il cambiamento Il caso dell Ufficio documentazione della Camera di commercio di Torino di Mariangela Ravasenga Sfogliando gli Atti e verbali della Camera di commercio

Dettagli

strumenti per la didattica e la ricerca

strumenti per la didattica e la ricerca strumenti per la didattica e la ricerca Traslocare, riaggregare, rifondare il caso della Biblioteca di scienze sociali dell università di Firenze a cura di Gianni Galeota Firenze university press 2006

Dettagli

Biblio 1.1 storie & memorie biblioteche trevigiane tra memoria e modernità

Biblio 1.1 storie & memorie biblioteche trevigiane tra memoria e modernità SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA 1) Ente proponente il progetto: ASSOCIAZIONE COMUNI DELLA MARCA TREVIGIANA - Via Terraglio, 58 31022 Preganziol (TV) Enti co-progettanti:

Dettagli

1 Configurazioni SOL per export SIBIB

1 Configurazioni SOL per export SIBIB Pag.1 di 7 1 Configurazioni SOL per export SIBIB Le configurazioni per l export dei dati verso SIBIB si trovano in: Amministrazione Sistema > Import-Export dati > Configurazioni. Tutte le configurazioni

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI SOPRINTENDENZA PER I BENI LIBRARI E DOCUMENTARI

REGIONE EMILIA-ROMAGNA ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI SOPRINTENDENZA PER I BENI LIBRARI E DOCUMENTARI REGIONE EMILIA-ROMAGNA ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI SOPRINTENDENZA PER I BENI LIBRARI E DOCUMENTARI ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA,

Dettagli

FAQ sul prestito locale, interbibliotecario (ILL) e intersistemico (ISS) in SOL

FAQ sul prestito locale, interbibliotecario (ILL) e intersistemico (ISS) in SOL FAQ sul prestito locale, interbibliotecario (ILL) e intersistemico (ISS) in SOL PRESTITO LOCALE 1. Dove posso trovare informazioni dettagliate sul prestito locale e sulla gestione dei lettori? 2. Come

Dettagli

LAUREA TRIENNALE STUDENTI LAUREA MAGISTRALE POST LAUREA

LAUREA TRIENNALE STUDENTI LAUREA MAGISTRALE POST LAUREA Allegato 6 - MOTIVI PRINCIPALI PER CUI GLI UTENTI SI RECANO NELLE BIBLIOTECHE, DOCUMENTI MAGGIORMENTE UTILIZZATI, FATTORI RITENUTI DETERMINANTI PER LA QUALITA DELLE BIBLIOTECHE RISPOSTE PER GRUPPI DI UTENTI

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 Informazioni generali Legge 22 aprile 1941, n. 633 più volte modificata modifiche disorganiche farraginosa in corso di revisione integrale (presentata bozza il 18.12.2007)

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN

2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane e per le informazioni bibliografiche APPLICATIVO SBN-UNIX IN ARCHITETTURA CLIENT/SERVER 2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN Manuale d uso (Versione

Dettagli

Strutture a disposizione delle Parrocchie

Strutture a disposizione delle Parrocchie ARCIDIOCESI DI MILANO Ufficio Amministrativo Diocesano Strutture a disposizione delle Parrocchie MANUTENZIONE PROGRAMMATA DEGLI IMMOBILI: FASCICOLO TECNICO DEL FABBRICATO E PIANO DI MANUTENZIONE 1 Don

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DI UN PREMESSO CHE: nell ambito delle rispettive competenze, hanno promosso la costituzione

PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DI UN PREMESSO CHE: nell ambito delle rispettive competenze, hanno promosso la costituzione PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DI UN OSSERVATORIO REGIONALE DEI PREZZI DEL MERCATO IMMOBILIARE E DEI COSTI DI MANUTENZIONE RISTRUTTURAZIONE E RESTAURO DELLE OPERE EDILI PREMESSO CHE: - La Camera

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL

PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL CONSERVAZI ONE ED ACCESSI BI LI TÀ I N NTERNETDICOLLEZI ONIAUDI OVI SI VE I PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL 1. IL RUOLO DELLE BIBLIOTECHE AUDIOVISIVE Il fine principale è la conservazione

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Torino: la Biblioteca del Dipartimento. di Scienze letterarie e. cambia casa. Il trasloco della biblioteca del Dipartimento.

Torino: la Biblioteca del Dipartimento. di Scienze letterarie e. cambia casa. Il trasloco della biblioteca del Dipartimento. Torino: la Biblioteca del Dipartimento di Scienze letterarie cambia casa Come riprogettare il servizio cogliendo l occasione del trasloco Nuove biblioteche Giovanna Balbi Biblioteca del Dipartimento di

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Note esplicative Rassegne stampa cartacee/elettroniche

Note esplicative Rassegne stampa cartacee/elettroniche A f f i n c h é l a t t o c r e a t i v o o t t e n g a i l g i u s t o r i c o n o s c i m e n t o ProLitteris Società svizzera per i diritti degli autori d arte letteraria e visuale, cooperativa Note

Dettagli

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1 Tipo di documento: Progetto - Commissione Didattica 27 giugno 2011 Pag. 1 di 9 Premessa Il progetto nasce con l obiettivo di: a) informatizzare il processo di presentazione della domanda di laurea in analogia

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 REGOLAMENTO (UE) N. 1332/2013 DEL CONSIGLIO del 13 dicembre 2013 che modifica il regolamento (UE) n. 36/2012 concernente misure restrittive in

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

IL DIRIGENTE DI SERVIZIO

IL DIRIGENTE DI SERVIZIO Pag. 1 / 6 comune di trieste piazza Unità d Italia 4 34121 Trieste www.comune.trieste.it partita iva 00210240321 AREA CULTURA E SPORT SERVIZIO MUSEO ARTE MODERNA REVOLTELLA REG. DET. DIR. N. 5164 / 2011

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Guida al Campus. Aule, mappe e servizi. Sede di Milano

Guida al Campus. Aule, mappe e servizi. Sede di Milano Guida al Campus Aule, mappe e servizi Sede di Milano INDICE Elenco aule per attività didattiche 2 Elenco Istituti e Dipartimenti 7 Mappe delle Sedi universitarie del campus di Milano 8 Vista d insieme

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Verso la Società dell informazione

Verso la Società dell informazione BIBLIOTECARIO NEL 2000 Verso la Società dell informazione Le professioni dell informazione fra ricerca d identità e linee di convergenza di Carla Basili di società dell informazione non è nuova né recente,

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione?

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Scrive Thomas Eliot: Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Interrogativi integrati da: Dov è l informazione che abbiamo perso nei dati?

Dettagli

SOMMARIO. 2003 Gruppo 4 - All right reserved 1

SOMMARIO. 2003 Gruppo 4 - All right reserved 1 SOMMARIO STUDIO DEL DOMINIO DI APPLICAZIONE...2 Introduzione...2 Overview del sistema...2 Specificità del progetto 2...2 Utente generico...3 Studente...3 Docente...3 Amministratore di sistema...3 GLOSSARIO...4

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione, la Partecipazione e la Comunicazione Concorso nazionale La mia

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Re: Cessione di crediti pubblici assistiti da garanzia dello Stato

Re: Cessione di crediti pubblici assistiti da garanzia dello Stato ORRICK, HERRINGTON & SUTCLIFFE CORSO MATTEOTTI, 10 20121 MILANO, ITALIA TEL +39 02 45 41 3800 FAX +39 02 45 41 3801 PIAZZA DELLA CROCE ROSSA, 2 00161 ROMA, ITALIA TEL +39 06 45 21 3900 FAX +39 06 68 19

Dettagli

CATALOGAZIONE IN SOL. A cura del Gruppo formatori per la catalogazione

CATALOGAZIONE IN SOL. A cura del Gruppo formatori per la catalogazione CATALOGAZIONE IN SOL A cura del Gruppo formatori per la catalogazione SOL Sebina Open Library NOTE INTRODUTTIVE Interfaccia WEB (passando per la rete UniTS) Piena condivisione con Indice 2 senza dover

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

GUIDA ALLA CATALOGAZIONE IN SBN MATERIALE MODERNO

GUIDA ALLA CATALOGAZIONE IN SBN MATERIALE MODERNO ISTITUTO CENTRALE PER IL CATALOGO UNICO DELLE BIBLIOTECHE ITALIANE E PER LE INFORMAZIONI BIBLIOGRAFICHE GUIDA ALLA CATALOGAZIONE IN SBN MATERIALE MODERNO Draft (ottobre 2013) ROMA, ICCU 2013 I A cura dell

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

IlMinistro per i Beni e le Attività Culturali

IlMinistro per i Beni e le Attività Culturali VISTO l articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 26 novembre

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate

Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate Corso Programmare e progettare la biblioteca pubblica Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate Angelo Marchesi con la collaborazione di Alessandro Agustoni e Giulia Villa Il contesto Vimercate

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Beni Culturali h u m a n i n s i d e

Beni Culturali h u m a n i n s i d e Beni Culturali human inside Progetti di gestione integrata del patrimonio culturale human inside ARCHIVIO DI STATO DI TORINO Riproduzione digitale di fondi catastali conservati presso l Archivio di Stato

Dettagli

alla scoperta della biblioteca tra passato e futuro

alla scoperta della biblioteca tra passato e futuro alla scoperta della biblioteca tra passato e futuro viaggio tra i servizi offerti mappe topografiche delle tre sedi navigazione nel catalogo on-line itinerari per l uso delle risorse elettroniche Una guida

Dettagli

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo o Mobilitare la società locale per garantire la qualità dell istruzione Obiettivi Linee

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Anno Scolastico 2013-2014 PERSONE IN CAMMINO OLTRE LE FRONTIERE PER RICONQUISTARE IL FUTURO Premessa Il Concorso Sulle vie dell Europa è promosso

Dettagli

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.)

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) (A cura di Barbara Limonta e Giulia Scacco) INDICE Introduzione pag. 3 Efficacia della registrazione

Dettagli

Regolamento per la consegna e l archiviazione delle tesi

Regolamento per la consegna e l archiviazione delle tesi Regolamento per la consegna e l archiviazione delle tesi Approvato con delibera della Giunta esecutiva n. 21 del 04.06.2002 Modificato con delibera della Giunta esecutiva n. 28 del 25.10.2002 Modificato

Dettagli

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio IL FESTIVAL Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio della Tuscia ma con una forte vocazione internazionale, premiato al Jazzit Awards come

Dettagli