GUIDO PODESTÀ PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI MILANO. Dipartimento per l Innovazione e le Tecnologie. Speciale Provincia di Milano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDO PODESTÀ PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI MILANO. Dipartimento per l Innovazione e le Tecnologie. Speciale Provincia di Milano"

Transcript

1 Dipartimento per l Innovazione e le Tecnologie Mensile di Informazione dell Associazione industriali - Assoimprese Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Spedizione in abbonamento postale 45% Art.2 comma 20/B legge 662/96 A.I.T.I. Associazione Italiana Tesorieri d impresa Università Cattolica del Sacro Cuore Speciale Provincia di Milano GUIDO PODESTÀ PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI MILANO MONICA MELANI STUDIO MELANI SANTO RAFFAELE MERCURI FONDAZIONE SAN RAFFAELE MARCO FABIO PARISI TELECOM ITALIA GIOVANNI ZOFFOLI MICROSOFT ITALIA

2 PROVINCIA DI MILANO: LA POLITICA DEL FARE On. Guido Podestà Presidente della Provincia di Milano P Preferisco i fatti alle parole, sottolinea l on. Guido Podestà. Insediatosi di recente alla Provincia di Milano ha già dato segnali forti e fatto scelte importanti, dettate da una lungimiranza dovuta alla concretezza del Suo modo di Fare politica puntando alla realizzazione di progetti a favore dei cittadini: in Provincia ha già effettuato interventi di risparmio e tagli sui costi, ha puntato ad una riorganizzazione interna degli organigrammi per deburocratizzare i servizi e snellire le modalità operative, ha focalizzato interventi utili a favore delle imprese e dei lavoratori (decisivo il Suo intervento per salvare ad esempio posti di lavoro, come nel caso della Innse). Nato a Milano in una famiglia di sette fratelli e sorelle, dai genitori ha tratto il valore dell impegno, dell onestà e dell amore per l Italia. La famiglia è un tassello fondamentale della società ed i miei figli sono la forza e il sole della mia vita. Proprio lo stemma della Provincia di Milano ha al suo interno un sole e forse era destino che, dopo anni dedicati all Europa, anche nel ruolo, molto stimato, a livello internazionale di vicepresidente del Parlamento europeo, l on. Guido Podestà riprendesse in mano le redini di un territorio di rilievo come la Provincia di Milano che, con i suoi Comuni e le sue caratteristiche economiche, culturali, storiche, è un tassello dell Europa che lavora e punta allo sviluppo verso nuove sfide, prima fra tutti l Expo Presidente Lei si è insediato da poco, ma ha già attuato interventi per una politica molto concreta nel territorio, quali sono le linee programmatiche del Suo mandato dal 2009 al 2014? Come amministrazione l'ente Provincia intende garantire ai cittadini la migliore fruizione dei servizi di propria competenza secondo gli standard europei, anche attraverso una sostanziale semplificazione dei processi amministrativi; intendiamo partecipare alle politiche del lavoro e dell integrazione sociale attraverso l'istituzione di fondi di garanzia, l utilizzo di fondi strutturali per le imprese, e potenziando la formazione e la riqualificazione professionale.

3 Un altro punto fondamentale è garantire la sicurezza e la legalità (Patto per la Sicurezza) che si concretizza soprattutto attraverso un diverso impiego del corpo della Polizia Provinciale ed il coinvolgimento della rete dei volontari che già operano nel nostro territorio per la tutela dell'ambiente e che in futuro potranno operare per aumentare la percezione di sicurezza collettiva. Di sicuro una delle priorità è partecipare alla realizzazione delle nuove infrastrutture necessarie ad una migliore fruizione del territorio da parte dei cittadini e delle imprese. Potenziamo interventi per una più accurata manutenzione delle infrastrutture esistenti e svilupperemo la rete della mobilità su gomma e su ferro. Intendiamo promuovere politica che miri a rispettare territorio ed ambiente. In tale direzione va la realizzazione del nuovo Termovalorizzatore, da costruire nel rispetto del dialogo con il territorio, ma nella consapevolezza che è un opera utile ed indispensabile per tutta la comunità. Si parla di un Piano rifiuti, di cosa si tratta? Si intende dare avvio ad una progettazione di un Piano rifiuti che consenta la realizzazione di impianti ad alto contenuto tecnologico ed a basso impatto ambientale; inoltre si offre sostegno per l implementazione di impianti per la produzione di energia pulita. Sicuramente, culturali pubbliche o private specie se legate agli ambiti territoriali provinciali; promuovere e migliorare la fruizione di spazi comuni come l Idroscalo che stiamo innovando anche grazie alle nuove tecnologie; fare interventi autentici a favore del turismo, valorizzando il patrimonio artistico e culturale o specificità come la moda, il design, l artigianato o le eccellenze enogastronomiche locali. E da valorizzare l inestimabile patrimonio artistico del nostro territorio, anche attraverso progetti come Le vie dell Arte, che prevedono la concessione gratuita a tempo determinato ai Comuni di una o più opere d arte di prestigio. Crede nella città metropolitana? PROVINCIA INFORMA un patto tra soggetti pubblici e privati per anche su questo tema, punto ad un dialogo la tutela dell'ambiente. con i Sindaci, ad una semplificazione delle Ritengo sia basilare promuovere il procedure amministrative; ed intendo passaggio dall attuale Provincia alla Città Il tema energia rientra nelle Sue adottare anche un piano territoriale di Metropolitana, attraverso il contributo del priorità? coordinamento che sappia contemperare Tavolo dei Sindaci di Milano, nel quadro le esigenze dello sviluppo con la tutela della normativa nazionale di riforma degli Diamo attuazione alle recenti direttive del territorio, nel rispetto delle competenze enti locali (Testo Unico delle Autonomie comunitarie Clima-Energia per favorire dei Comuni. Locali). l utilizzo di tutte le fonti rinnovabili per la produzione di energia ed accorceremo i E per il turismo? Come intende Tra i primi atti del Suo mandato c è stato tempi per il rilascio delle Autorizzazioni rilanciare il turismo nei territori della quello di intervenire per evitare l abuso Integrate Ambientali. La Provincia di Milano Provincia di Milano, può darci dei dati di alcol da parte dei giovani con una incentiva le bonifiche ed il recupero delle in merito? lettera aperta ai Sindaci, che esito ha aree dismesse e degradate, limitando l uso avuto? di nuovo suolo. Per quanto riguarda invece il turismo, Si impegna a rilasciare in tempi più rapidi oltre alla nostra partecipazione alla La lettera è stata un invito al confronto per il Certificato di avvenuta bonifica progettazione dei grandi eventi (Expo etc.); trovare soluzioni adatte, che puntino alla che permette il riutilizzo delle aree. intendiamo, come Giunta, dare rilievo alla tutela della salute dei giovani, alla Tra le altre priorità della Provincia di vita culturale attraverso manifestazioni prevenzione, ad azioni possibilmente Milano vi sono anche interventi per una come la Milanesiana; sostenere iniziative condivise di educazione ed informazione.

4 La Provincia di Milano vuole diffondere tra i giovani le sane abitudini alimentari, insegnare un autentica cultura del cibo: puntiamo a valorizzare il legame del cibo con il territorio e la sua storia, il suo valore. E importante fare ciò specialmente ai giorni nostri : l obiettivo di nutrire il Pianeta, tema centrale dell Expo 2015, è diventato la grande sfida globale per i prossimi decenni. Questo è solo un esempio che testimonia come il mio modo di fare politica abbia al centro la famiglia e il futuro delle nuove generazioni con l avvio di progetti utili e concreti. Siamo in un periodo di crisi, come intende essere al fianco delle famiglie, che interventi attuerete? E necessaria una riduzione della pressione fiscale per il benessere delle famiglie ed allo stesso tempo avviamo programmi a sostegno della politica abitativa e di tutti i servizi a supporto della famiglia, delle donne specie se madri lavoratrici, dei disabili, dei giovani e degli anziani. Cos è il PTCP? Con la mia Giunta abbiamo deciso l'avvio del nuovo PTCP, Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale, che sarà legato al Piano Casa. Si tratta di un approccio innovativo ed immediato nel concepire la pianificazione territoriale: si punta a dare una risposta autentica al tema dell emergenza abitativa. Come Provincia, nelle scuole, da settembre parte un corso di corretta alimentazione in cui saranno anche date informative per poter sensibilizzare gli studenti ed evitare l abuso di alcol tra i giovani. Il programma di educazione alimentare, deliberato in Giunta, è rivolto agli studenti del nostro territorio, dalla scuola primaria alla scuola superiore, ma anche a tutti gli adulti, penso ai genitori, ai docenti, che intendano, con noi, approfondire il tema della nutrizione, dalla filiera agroalimentare al consumo consapevole. L obiettivo è quello di fornire ai ragazzi ed ai loro genitori ulteriori strumenti per condividere scelte orientate ad una sana e corretta alimentazione. Per le piccole e medie imprese, di cui il territorio provinciale è una punta di diamante a livello europeo, servono interventi urgenti per agevolare l accesso al credito e fornire agli imprenditori strumenti utili che li aiutino a competere a livello internazionale. Cosa intendete fare per essere più vicini alle aziende? La Giunta e l intera Amministrazione provinciale devono ora affrontare una stagione estremamente impegnativa.

5 Abbiamo ereditato una situazione molto sull innovazione e l internazionalizzazione, Malpensa, aeroporto principale del nord Italia, difficile, al di là delle nostre peggiori prestando particolare attenzione alle imprese riferimento per il resto del Paese e di questo aspettative con un deficit in bilancio di sociali. Istituiamo nuove forme di sostegno quadrante europeo, in grado di offrire, 40milioni di euro per la spesa corrente. Per le imprese e per i cittadini forniamo servizi sempre più moderni ed efficienti. L uscita dalla crisi economica e la crescita del nostro territorio sono strettamente correlate alle opportunità che microimprese, professionisti, artigiani e piccoli commercianti saranno in grado di sviluppare grazie al supporto delle istituzioni locali, anche in termini di creazione di nuovi posti di lavoro. In linea con le politiche del Governo Berlusconi ed in virtù delle competenze attribuite alle Province relativamente all esame degli stati di crisi delle aziende sul territorio, la Provincia di Milano dà seguito al protocollo di intesa sottoscritto di recente fra Regione e Province e finalizzato alla promozione di politiche attive efficaci nel favorire il consolidamento o il reinserimento occupazionale dei lavoratori interessati alla crisi e, al contempo, politiche capaci di accompagnare il rafforzamento competitivo delle imprese. Viene creato un Fondo di attivo per l imprenditorialità giovanile e femminile, mantenendo nel contempo accessibile il mondo del lavoro per coloro che, raggiunta l età pensionabile, desiderino ancora essere attivi. Intendiamo dare vita a dei nuovi incubatori dedicati in particolare alle industrie creative, alla trasmissione di lavori tradizionali e alle attività imprenditoriali e artigianali. La Provincia di Milano ha dunque diverse sfide da raccogliere e gestire in una dimensione internazionale che le consentirà di catalizzare risorse per il sistema imprese. E per quanto riguarda i trasporti? Per la progettazione e realizzazione di un nuovo anello di tangenziali, la Pedemontana, la Bre.Be.Mi, siamo tra i principali attori, ma non solo. Urge una politica di ampio respiro ed una visione strategica che punti a recuperare il nostro gap infrastrutturale, punti ad un - grazie alla liberalizzazione degli slot e ai nuovi accordi bilaterali con tanti importanti paesi -, un numero adeguato di collegamenti intercontinentali ed internazionali diretti. Mi pare che un altro tema su cui la nuova Giunta sia impegnata è la tutela della sicurezza nel mondo del lavoro. Quali sono i punti focali? Interventi sinergici con i rappresentanti di tutte le categorie, ecco perchè ho attivato anche un apposito Comitato di crisi. C è una collaborazione con altri enti istituzionali? C è e dove non c è la attueremo. Il nostro programma potrà essere realizzato con la collaborazione tra Istituzioni, territorio e società civile che rappresenta il vero valore aggiunto di cui possiamo disporre. PROVINCIA INFORMA garanzia, direttamente o indirettamente, per riequilibrio modale e ad una radicale Con il Consiglio provinciale vogliamo stimolare la concessione di prestiti e migliorare rivoluzione, anche culturale, nel campo del condividere indirizzi e obiettivi: serve impegno, l accesso al credito delle imprese e dei trasporto pubblico locale e dell offerta di determinazione, trasparenza e serietà. lavoratori, compresi quelli atipici e a tempo alternative valide all uso dell automobile. Mi ripropongo di unire le forze e di riqualificare determinato. Intendiamo utilizzare al meglio i Inoltre il nostro impegno per nuove linee su i servizi erogati, elevandone gli standard fondi strutturali dell Unione ferro e nuove metropolitane al servizio del anche mediante il metodo delle carte dei Europea per recuperare le aree dismesse e nostro hinterland è assoluto, anche in vista servizi, basate su criteri di trasparenza, creare così nuova occupazione e attiviamo i dell EXPO, anche se ci è ben nota la difficile accessibilità, responsabilità e sul principio finanziamenti della Banca Europea degli congiuntura economica. Ci impegniamo per della collaborazione sia dei cittadini-utenti Investimenti per sostenere le infrastrutture integrare i diversi sistemi di mobilità decentrati che degli operatori coinvolti. Ribadisco,- visto immateriali come ricerca, capitale umano e come aeroporti, strade, ferrovie, metro, piste che i vostri lettori sono in particolare le pmi formazione. Incentiviamo in tutti i Comuni ciclabili e corsi d acqua. La possibilità di poter e i liberi professionisti-, che siamo al fianco della Provincia il funzionamento dello Sportello viaggiare con un biglietto unico e una tariffa delle imprese e delle professioni: intendiamo Unico Attività Produttive che permetterà alle integrata su tutto il territorio provinciale non avviare progetti, sostenere le imprese nostre imprese di velocizzare e semplificare i dev essere più una chimera e siamo convinti quando nascono, durante la crescita e nel loro processi di rilascio delle diverse autorizzazioni che costituirà uno dei primi virtuosi risultati di sforzo di innovazione e di ammodernamento amministrative. Rafforziamo il rapporto tra le una più stretta collaborazione della Provincia tecnologico con risorse ben calibrate, attinte Università, i Centri di Ricerca ed il tessuto di Milano con Regione Lombardia. Non anche dai programmi europei e con una economico-produttivo. Promuoviamo la rinunciamo a vincere la battaglia per Linate, nuova semplificazione amministrativa, nuova cultura del Fare impresa basata il business & city airport di Milano e per fiscale e finanziaria.

6 Presidente Guido Podestà Presidente con deleghe di Rapporti istituzionali, Relazioni internazionali, Accordi di programma con Stato, regioni ed Enti locali, Tavolo Milano, Città metropolitana, Comunicazione, Società e Consorzi partecipati, Ambiente, Cave, Bonifiche, Risorse naturali e idraulica, Energia, Università, Ricerca scientifica e Innovazione, Poli di eccellenza, Lotta all'usura, Idroscalo, Rapporti con il Volontariato, Benessere animali. Novo Umberto Maerna Vicepresidente e Assessore Cultura Beni culturali ed eventi culturali Politiche per l'integrazione Provincia di Milano Via Vivaio, Milano Luca Agnelli Assessore Agricoltura - Parchi - Caccia e pesca Fabio Altitonante Assessore Pianificazione del territorio - Programmazione delle infrastrutture - Piano Casa/Edilizia - Housing sociale - Rapporti con la Conferenza dei Sindaci - Sportello unico Stefano Bolognini Assessore Sicurezza - Polizia provinciale - Protezione civile - Prevenzione - Turismo Roberto Cassago Assessore Personale - Provveditorato - Sistema informativo - Semplificazione amministrativa Giovanni De Nicola Assessore Infrastrutture - Viabilità e trasporti - Mobilità ciclabile - Opere pubbliche stradali Paolo Del Nero Assessore Industria - Piccole e medie imprese - Artigianato - Commercio - Formazione professionale - Lavoro Silvia Garnero Assessore Moda - Eventi - Expo Marina Lazzati Assessore Istruzione - Edlizia scolastica Massimo Pagani Assessore Famiglia - Politiche sociali - Politiche per le persone con disabilità - Associazionismo Luca Squeri Assessore Bilancio - Programmazione finanziaria - Patrimonio - Demanio Cristina Stancari Assessore Sport e tempo libero - Politiche giovanili - Pari opportunità

Programma Elettorale

Programma Elettorale Programma Elettorale Amministrazione di Arluno 2014-2019 1. Un Incubatore d idee e d impresa per Arluno. Lo sviluppo delle Start Up. Adibire uno spazio per lo sviluppo di Un Incubatore d impresa e la promozione

Dettagli

AI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE DI RHO. Anzitutto voglio ringraziarvi per il documento che avete redatto (che ho

AI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE DI RHO. Anzitutto voglio ringraziarvi per il documento che avete redatto (che ho AI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE DI RHO Anzitutto voglio ringraziarvi per il documento che avete redatto (che ho trovato molto interessante) e per aver organizzato un confronto tra i Candidati Sindaci indispensabile

Dettagli

Orientamenti per il POR del Veneto,

Orientamenti per il POR del Veneto, Orientamenti per il POR del Veneto, parte FESR 2014 2020 Venezia, 23 settembre 2013 Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Segreteria Generale della Programmazione Direzione Programmazione Orientamenti

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

Giampaolo Letta. COMITATO TECNICO Industria Creativa, Cultura e Turismo. Stato di avanzamento lavori

Giampaolo Letta. COMITATO TECNICO Industria Creativa, Cultura e Turismo. Stato di avanzamento lavori Giampaolo Letta COMITATO TECNICO Industria Creativa, Cultura e Turismo Stato di avanzamento lavori Giugno 2014 Stato avanzamento lavori (1/4) Attività ordinaria Oggetto Partecipanti 7.12.2012 20. 03. 2013

Dettagli

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010 Assessorato politiche inerenti lo sviluppo sostenibile, l industria, l artigianato, l innovazione produttiva, l università, la scuola, l istruzione, la formazione professionale, coordinamento politiche

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Dimensione/dominio Funzioni Piano strategico Tema Descrizione Standard materiali di vita (reddito,consumi,ricchezz

Dettagli

DIREZIONE GENERALE. SICUREZZA 626 Datore di lavoro SEGRETERIA DIRETTORE GENERALE. Coordinamento dirigenze. Formazione dirigenti

DIREZIONE GENERALE. SICUREZZA 626 Datore di lavoro SEGRETERIA DIRETTORE GENERALE. Coordinamento dirigenze. Formazione dirigenti DIREZIONE GENERALE SICUREZZA 626 Datore di lavoro DIRETTORE GENERALE SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI, MONITORAGGIO, VALUTAZIONE E QUALITA TOTALE COORDINAMENTO DEI DIRIGENTI FORMAZIONE E CONTRATTI COLLETTIVI

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

MAPPA DELLE FUNZIONI DELLA STRUTTURA

MAPPA DELLE FUNZIONI DELLA STRUTTURA MAPPA DELLE FUNZIONI DELLA STRUTTURA Elenco della macro struttura: Organi di riferimento Staff Sindaco e/o Giunta Strutture di secondo livello di staff 1) Servizio Polizia Municipale 2) Servizio Legale

Dettagli

Società agraria di Lombardia. Contributo al tema dell Expo. Contributo n 116

Società agraria di Lombardia. Contributo al tema dell Expo. Contributo n 116 Società agraria di Lombardia Contributo al tema dell Expo Contributo n 116 COMUNICATO Contributo al tema dell EXPO Il Consiglio Direttivo della Società Agraria di Lombardia, congiuntamente ad un gruppo

Dettagli

PROVVEDIMENTO DEL SINDACO N. ORD-2014-345 DATA 09/12/2014

PROVVEDIMENTO DEL SINDACO N. ORD-2014-345 DATA 09/12/2014 101 0 0 - DIREZIONE GABINETTO DEL SINDACO PROVVEDIMENTO DEL SINDACO N. ORD-2014-345 DATA 09/12/2014 OGGETTO: NOMINA DELL ASSESSORE EMANUELE PIAZZA E RIDEFINIZIONE DELLE DELEGHE ASSESSORILI 09/12/2014 Il

Dettagli

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro Ammortizzatori sociali Giovani Donne AMMORTIZZATORI SOCIALI La riforma punta al rafforzamento degli ammortizzatori sociali ed alla estensione delle

Dettagli

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Lo scenario: Il punto di partenza L isolamento che Castelfranco Veneto soffre da anni è testimoniato anche dalla mancanza di strategia e di progettualità

Dettagli

Analisi delle dinamiche e delle criticità

Analisi delle dinamiche e delle criticità Tabella A. area tematica: INNOVAZIONE E QUALITA DEL SISTEMA PRODUTTIVO sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Consistenti prelievi di risorse idriche a usi industriali nell area della Conca

Dettagli

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA PIT N TITOLO DEL PIT PROVINCIA 7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA IDEA FORZA Caratteristiche L idea forza del PIT proposto parte dall assunto che il territorio del Comune di Palermo, collocato

Dettagli

Smart Specialisation Strategy e forme aggregative

Smart Specialisation Strategy e forme aggregative Smart Specialisation Strategy e forme aggregative Nuovi strumenti a supporto dell innovazione e la competitività Piazzola sul Brenta, 23 maggio 2015 Dipartimento Sviluppo Economico Sezione Ricerca e Innovazione

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE Visto: - la L. 10 aprile 1991, n. 125 Azioni positive per

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 3: SERVIZI PER LO SVILUPPO LOCALE DEI TERRITORI Sintesi risultati incontro del 11 Marzo 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO

Dettagli

Unione regionale delle province del Veneto Il federalismo e il ruolo e l immagine delle province

Unione regionale delle province del Veneto Il federalismo e il ruolo e l immagine delle province Unione regionale delle province del Il federalismo e il ruolo e l immagine delle province PARTE PRIMA Il ruolo di coordinamento della Provincia Secondo Lei quanto è importante che la sua Provincia abbia

Dettagli

Uso efficace dei fondi comunitari per contribuire al rilancio dell economia e del sistema produttivo

Uso efficace dei fondi comunitari per contribuire al rilancio dell economia e del sistema produttivo Uso efficace dei fondi comunitari per contribuire al rilancio dell economia e del sistema produttivo Sabina De Luca Capo Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica Roma, 29 Novembre 2012 1 Fondi

Dettagli

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015 Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria 16 novembre 2015 1 Vision La nuova maggioranza crede fermamente nello sviluppo sostenibile della propria economia e nella possibilità di portare

Dettagli

PROVINCIA DI FOGGIA. Superare la crisi e costruire un agricoltura competitiva Le proposte dei gruppi del centrosinistra in Consiglio provinciale

PROVINCIA DI FOGGIA. Superare la crisi e costruire un agricoltura competitiva Le proposte dei gruppi del centrosinistra in Consiglio provinciale PROVINCIA DI FOGGIA Gruppo Consiliare PARTITO DEMOCRATICO Foggia, 16 novembre 2009 Superare la crisi e costruire un agricoltura competitiva Le proposte dei gruppi del centrosinistra in Consiglio provinciale

Dettagli

Distretto di Casalecchio di Reno - Piano attuativo 2011 Tavolo disabilità

Distretto di Casalecchio di Reno - Piano attuativo 2011 Tavolo disabilità Schede obiettivi e azioni elaborate dal tavolo tematico disabili Distretto di Casalecchio di Reno - Piano attuativo 2011 Tavolo disabilità Obiettivi triennali (stabiliti dal Comitato di Distretto congiuntamente

Dettagli

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti RESTARTAPP ReStartApp è il primo campus per le nuove imprese dell Appennino: un progetto dedicato ai giovani in possesso di idee d impresa o start up originali e innovative, che vedono nel territorio appenninico

Dettagli

Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione

Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione Supplemento 1.2007 7 Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione Venerio Brenaggi* Sommario 1. Il sistema turistico regionale nella l.r.

Dettagli

SINTESI DEI CONTENUTI EMERSI DALLA 2 GIORNI DEI COMITATI CITTADINI PER MILANO

SINTESI DEI CONTENUTI EMERSI DALLA 2 GIORNI DEI COMITATI CITTADINI PER MILANO SINTESI DEI CONTENUTI EMERSI DALLA 2 GIORNI DEI COMITATI CITTADINI PER MILANO Intervento iniziale di Pisapia Prima fase difficile per la mancanza di risorse, l impegno prioritario è quello di far fronte

Dettagli

Contabilità Analitica per Missione Programma D.Lgs. 118/2011 Costi

Contabilità Analitica per Missione Programma D.Lgs. 118/2011 Costi Contabilità Analitica per Missione Programma D.Lgs. 118/2011 Costi 01 Servizi istituzionali, generali e di gestione 01 Organi istituzionali Beni e servizi costo: 157.246,06 Beni e servizi costo: 16.519.667,82

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI

PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI Il quadro economico del Piemonte Il Piemonte è una delle regioni a più alta concentrazione industriale d Europa, tanto che ancora oggi, nella grave

Dettagli

Fa stato il discorso orale. Egregi signori, Gentili signore,

Fa stato il discorso orale. Egregi signori, Gentili signore, Discorso pronunciato dal Consigliere di Stato Michele Barra in occasione dell inaugurazione del Convegno Sfide e opportunità della grande mobilità organizzato da Lions Regio Insubrica Mendrisio, 5 ottobre

Dettagli

PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 CANDIDATO SINDACO Patrizia Sbardolini CANDIDATI CONSIGLIERI Luca Felappi Raffaella Zanardini Serafino Frassi Luisa Manella Davide Morgera Alessandra Frassi

Dettagli

Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi

Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi Premessa In sede di programmazione degli obiettivi specifici dei sistemi produttivi occorre focalizzarsi sulla creazione di un sistema locale

Dettagli

ELEZIONI REGIONALI PER LA LOMBARDIA 24-25 FEBBRAIO 2013. www.ioscrivoparolini.it

ELEZIONI REGIONALI PER LA LOMBARDIA 24-25 FEBBRAIO 2013. www.ioscrivoparolini.it ELEZIONI REGIONALI PER LA LOMBARDIA 24-25 FEBBRAIO 2013 www.ioscrivoparolini.it La politica deve aiutare le persone, le famiglie, le associazioni e le imprese a rispondere ai propri bisogni e a crescere,

Dettagli

INFORMATIVA DI GIUNTA

INFORMATIVA DI GIUNTA COPIA ATTI: 1787/3.6/2014/1 N. REP. GEN. 5/2014 INFORMATIVA DI GIUNTA Oggetto: Informativa in merito alla realizzazione del Piano di Continuità Operativa del Sistema Informativo della Provincia di Milano.

Dettagli

Regione Lombardia La rivoluzione della concretezza. 4 luglio 2013

Regione Lombardia La rivoluzione della concretezza. 4 luglio 2013 Regione Lombardia La rivoluzione della concretezza 4 luglio 2013 1 I 100 GIORNI IN CIFRE La Lombardia riduce i costi della politica: più di 24 milioni risparmiati La Lombardia del fare: oltre 1,5 miliardi

Dettagli

LA CIVICA DARFO BOARIO TERME ELEZIONI AMMINISTRATIVE DEL 6/7 MAGGIO 2012. per l elezione del Sindaco e del Consiglio Comunale

LA CIVICA DARFO BOARIO TERME ELEZIONI AMMINISTRATIVE DEL 6/7 MAGGIO 2012. per l elezione del Sindaco e del Consiglio Comunale LA CIVICA DARFO BOARIO TERME ELEZIONI AMMINISTRATIVE DEL 6/7 MAGGIO 2012 per l elezione del Sindaco e del Consiglio Comunale Candidato Sindaco EZIO MONDINI PROGRAMMA DARFO BOARIO TERME NELLA VALLECAMONICA

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE Deliberazione n. 460/2013 Rep. Gen. Atti n. 182008/2013/2.12/2013/238 Oggetto: Autorizzazione alla costituzione di parte civile della Provincia di

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 23/5 DEL 25.6.2014

DELIBERAZIONE N. 23/5 DEL 25.6.2014 Oggetto: Definizione degli ambiti prioritari di intervento ed attuazione degli obiettivi di semplificazione del sistema normativo e amministrativo regionale in favore del tessuto imprenditoriale sardo.

Dettagli

Puglia: il POR FESR 2007-2013

Puglia: il POR FESR 2007-2013 Agevolazioni Finanziarie 25 di Bruno Pagamici - Dottore commercialista, Revisore contabile, Pubblicista - Studio Pagamici - Macerata Finanziamenti regionali Puglia: il POR FESR 2007-2013 Per il programma

Dettagli

Legge regionale 19 febbraio 2014 - n. 11 Impresa Lombardia: per la libertà di impresa, il lavoro e la competitività.

Legge regionale 19 febbraio 2014 - n. 11 Impresa Lombardia: per la libertà di impresa, il lavoro e la competitività. Legge regionale 19 febbraio 2014 - n. 11 Impresa Lombardia: per la libertà di impresa, il lavoro e la competitività. Principali novità: Riferimento alla normativa europea e regionale in particolare a "Una

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE del CENTRO SINISTRA SCARPERIA E SAN PIERO

PROGRAMMA ELETTORALE del CENTRO SINISTRA SCARPERIA E SAN PIERO PROGRAMMA ELETTORALE del CENTRO SINISTRA COMUNE di SCARPERIA E SAN PIERO La fusione tra i comuni di Scarperia e San Piero a Sieve, conclusasi il 31/12/2013 con lo scioglimento dei rispettivi Consigli Comunale,

Dettagli

Partecipazione. Pianificazione. Responsabilità

Partecipazione. Pianificazione. Responsabilità Programma Elezioni Comunali Rimini 2011 Partecipazione Non ci sono politici di mestiere, i cittadini partecipano al governo della città Pianificazione Si condivide un progetto complessivo, si attua per

Dettagli

Advisory Board Liberalizzazione e competizione: lo sviluppo delle infrastrutture e dei servizi ferroviari in Europa e in Italia

Advisory Board Liberalizzazione e competizione: lo sviluppo delle infrastrutture e dei servizi ferroviari in Europa e in Italia Advisory Board Liberalizzazione e competizione: lo sviluppo delle infrastrutture e dei servizi ferroviari in Europa e in Italia I 10 punti chiave del rapporto I 10 PUNTI CHIAVE DEL RAPPORTO 1. L Europa,

Dettagli

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico L analisi che il CRESME ha condotto, sulla base dell incarico ricevuto da ANCE COMO, con il contributo dalla CAMERA DI COMMERCIO DI COMO e sostenuto da Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri di

Dettagli

Patto per il Biellese

Patto per il Biellese Patto per il Biellese INTEGRAZIONE TRA I PIANI DI SVILUPPO SOCIO ECONOMICO DELLE COMUNITA MONTANE DOCUMENTO REDATTO DAL GRUPPO DI LAVORO INTEGRAZIONE TRA I PSSE DELLE COMUNITÀ MONTANE (Approvato dal Tavolo

Dettagli

POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO

POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO 1 Di cosa parliamo! 1. Il FSE nella Politica di Coesione 2. Cos è il Fondo Sociale Europeo? 3. Il FSE in Sardegna 4. Le priorità del FSE 2 1. Il

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

Siamo una lista civica al servizio dei cittadini con lo scopo di costruire insieme una Comunità che si riconosca in valori condivisi:

Siamo una lista civica al servizio dei cittadini con lo scopo di costruire insieme una Comunità che si riconosca in valori condivisi: Il valore di una idea sta nel metterla in pratica (Thomas Edison) Siamo una lista civica al servizio dei cittadini con lo scopo di costruire insieme una Comunità che si riconosca in valori condivisi: centralità

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA 1 Introduzione L Amministrazione Provinciale di Pesaro Urbino intende raccogliere la sfida lanciata dalla Regione Marche per lo sviluppo

Dettagli

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 4 dicembre 2001 modificato dal CdS del 2 aprile 2004 e dal CdS del 24 giugno 2004 PARTE GENERALE... 3 LA STRATEGIA DEL DOCUP: DAGLI

Dettagli

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro Standard materiali di vita/ Benessere economico Salute/ Salute attivita' in collaborazione con i Comuni nel settore economico, produttivo, commerciale e turistico Servizi sanitari, di igiene e profilassi

Dettagli

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE Relazione del Presidente Regionale CNA Pensionati- Giovanni Giungi A noi viene voglia, nonostante questa valle

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 125 Seduta del 14/05/2013

DELIBERAZIONE N X / 125 Seduta del 14/05/2013 DELIBERAZIONE N X / 125 Seduta del 14/05/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

La riqualificazione urbana. Trasformazione della concezione urbanistica

La riqualificazione urbana. Trasformazione della concezione urbanistica La riqualificazione urbana Trasformazione della concezione urbanistica Nuova filosofia normativa: Dalla rigida prescrizione del PRG al modello PPP, alla capacità di coniugare due elementi: - l interesse

Dettagli

Contro la crisi accanto alle famiglie

Contro la crisi accanto alle famiglie Contro la crisi accanto alle famiglie Coesione sociale Servizi educativi Sicurezze Coesione sociale e sostegno alle persone in difficoltà Misure anticrisi e sostegno alle famiglie Protocollo d intesa fra

Dettagli

Programmazione 2007 2013

Programmazione 2007 2013 Società Consortile METROPOLI EST S.r.l. Programmazione 2007 2013 DOCUMENTI PRELIMINARI GENNAIO 2007 PREMESSA Metropoli est ritiene che il prossimo ciclo di programmazione 2007-2013 costituisca una grande

Dettagli

Il giorno, ad ore, presso si sono incontrati:

Il giorno, ad ore, presso si sono incontrati: PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO E LA FEDERAZIONE TRENTINA DELLA COOPERAZIONE PER IL RAFFORZAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO ATTRAVERSO IL SISTEMA DELLA COOPERAZIONE TRENTINA

Dettagli

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 La relazione di Sergio Veneziani contiene tutta la struttura dell idea che noi abbiamo di Auser attraverso gli strumenti per qualificare e migliorare,

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R INFORMAZIONI PERSONALI

F O R M A T O E U R O P E O P E R INFORMAZIONI PERSONALI F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome CAUSO, Gianluca Indirizzo Telefono 071/5894397 Fax E-mail g.causo@provincia.ancona.it Nazionalità Italiana

Dettagli

Piano della performance

Piano della performance CITTA DI ALTAMURA Piano della performance Valutazione della performance dell ente locale Ente : COMUNE DI ALTAMURA PRESENTAZIONE DELL ENTE INQUADRAMENTO TERRITORIALE Dove: Provincia: Zona: Regione Puglia

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 La politica non è nelle competizioni degli uomini; non è nei sonanti discorsi. È, o dovrebbe essere, nell interpretare l epoca in cui si vive (..).

Dettagli

Donne in impresa, una grande risorsa per il Paese

Donne in impresa, una grande risorsa per il Paese FORUM RIVISTA DELLA CNA DI EMILIA ROMAGNA MARCHE TOSCANA UMBRIA Le politiche femminili nelle regioni del centro nord Donne in impresa, una grande risorsa per il Paese a cura di Paola Morini Responsabile

Dettagli

Comune di Firenze P.I.U.S.S. AREA METROPOLITANA FIORENTINA LA CITTA DEI SAPERI

Comune di Firenze P.I.U.S.S. AREA METROPOLITANA FIORENTINA LA CITTA DEI SAPERI Comune di Scandicci Provincia di Firenze Comune di Firenze P.I.U.S.S. AREA METROPOLITANA FIORENTINA LA CITTA DEI SAPERI LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER

Dettagli

SAPERI IN CAMPAGNA PROGRAMMA INTERREGIONALE COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGRAMMA OPERATIVO 2005. Allegato alla deliberazione n.

SAPERI IN CAMPAGNA PROGRAMMA INTERREGIONALE COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGRAMMA OPERATIVO 2005. Allegato alla deliberazione n. PROGRAMMA INTERREGIONALE COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGRAMMA OPERATIVO 2005 SAPERI IN CAMPAGNA 1 PREMESSA Le nuove generazioni e la Sardegna: un rapporto che occorrerebbe rinsaldare attraverso

Dettagli

Allegato 3 PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO

Allegato 3 PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO Premessa Il presente documento, redatto in conformità alle linee guida generali definite con il D.P.C.M. del 18 settembre 2012, illustra gli obiettivi

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

Imprenditori si Diventa

Imprenditori si Diventa Imprenditori si Diventa Sportello INTRAPRENDO, Imprenditoria giovanile e femminile, Contributi e Agevolazioni, Crea la tua impresa, Comitato per l imprenditoria femminile, Incubatore d impresa La Fornace

Dettagli

Regione Abruzzo. Promozione e Sviluppo del Sistema Produttivo LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE

Regione Abruzzo. Promozione e Sviluppo del Sistema Produttivo LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE La Competitività Territoriale Lo sviluppo e la competitività territoriale passano necessariamente attraverso la capacità

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R INFORMAZIONI PERSONALI. Indirizzo. Telefono 0372 / 403446 paola.brugnoli@crforma.it Codice Fiscale BRGPLA70D59D150G

F O R M A T O E U R O P E O P E R INFORMAZIONI PERSONALI. Indirizzo. Telefono 0372 / 403446 paola.brugnoli@crforma.it Codice Fiscale BRGPLA70D59D150G F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo PAOLA BRUGNOLI VIA GOITO, 4 26100 CREMONA - ITALIA Telefono 0372 / 403446 E-mail paola.brugnoli@crforma.it

Dettagli

Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani

Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani Il Comune di Bologna promuove l impegno di tutti per la cura e la gestione dei beni

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

I DISTRETTI CULTURALI

I DISTRETTI CULTURALI I DISTRETTI CULTURALI Prima parte della ricerca I musei italiani e i distretti culturali: punti di forza e di debolezza Interesse nazionale Ottobre 2011 A cura di Fondazione Cariplo per Aspen Institute

Dettagli

In questi mesi ho chiesto a ciascuno di voi di contribuire alla redazione del programma per il futuro di Torino. Mi sono rivolto direttamente a tutte

In questi mesi ho chiesto a ciascuno di voi di contribuire alla redazione del programma per il futuro di Torino. Mi sono rivolto direttamente a tutte In questi mesi ho chiesto a ciascuno di voi di contribuire alla redazione del programma per il futuro di Torino. Mi sono rivolto direttamente a tutte le donne e agli uomini che vivono in questa nostra

Dettagli

PIANO TRIENNALE REGIONALE DELLA FORMAZIONE SUPERIORE RETE POLITECNICA 2013-2015

PIANO TRIENNALE REGIONALE DELLA FORMAZIONE SUPERIORE RETE POLITECNICA 2013-2015 PIANO TRIENNALE REGIONALE DELLA FORMAZIONE SUPERIORE RETE POLITECNICA 2013-2015 ALLEGATO A) 1. PREMESSA In un quadro economico connotato dal perdurare della crisi e da una forte accelerazione delle modificazioni

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA tra

PROTOCOLLO D INTESA tra PROTOCOLLO D INTESA tra la Regione Piemonte la Regione Sardegna il Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali VISTA la legge 17 maggio 1999 n.144,

Dettagli

COSTRUIAMO LA CAPITALE DEI DIRITTI, DEL LAVORO E DELLA SOLIDARIETA

COSTRUIAMO LA CAPITALE DEI DIRITTI, DEL LAVORO E DELLA SOLIDARIETA UIL DI ROMA E DEL LAZIO COSTRUIAMO LA CAPITALE DEI DIRITTI, DEL LAVORO E DELLA SOLIDARIETA Il Bilancio di previsione 2015 continua a risentire di una mancanza di strategia e di visione del futuro della

Dettagli

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Provincia di Milano Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Giunta Provinciale 11 settembre 2006 Atti n. 187671/11.1/2006/9255 pag. 1 La Giunta

Dettagli

Le seguenti Istituzioni e Organizzazioni economiche bresciane

Le seguenti Istituzioni e Organizzazioni economiche bresciane PROTOCOLLO D'INTESA per la promozione, ideazione, progettazione e realizzazione di iniziative e attività finalizzate alla valorizzazione del Sistema istituzionale, economico e sociale della Provincia di

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE Deliberazione n. 437/2013 Rep. Gen. Atti n. 259187/3.6/2013/18 Oggetto: SCHEMA DI PROTOCOLLO TECNICO TRA LA DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE FORMAZIONE

Dettagli

EConomiA E ConoSCEnzA

EConomiA E ConoSCEnzA 7 Più lavoro più imprese Economia e Conoscenza A Roma, oggi, è difficile fare impresa. Roma non cresce come altre capitali europee; è marginale nel radar degli investitori internazionali, ha la tassazione

Dettagli

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI Convegno «LE PMI INNOVATIVE - LEGGE SULLE AGEVOLAZIONI» Pordenone, 28 aprile 2015 1 Obiettivi della Riforma

Dettagli

Cinque anni passati e la sfida per i cinque anni futuri

Cinque anni passati e la sfida per i cinque anni futuri Cinque anni passati e la sfida per i cinque anni futuri E un resoconto ampio quello che attiene ai cinque anni (2009-2013) della prima amministrazione guidata da Paolo Lucchi, così come è dettagliato il

Dettagli

Dai mercati all ingrosso a piattaforma logistica integrata e alla citta del gusto e della salute

Dai mercati all ingrosso a piattaforma logistica integrata e alla citta del gusto e della salute Dai mercati all ingrosso a piattaforma logistica integrata e alla citta del gusto e della salute Il ruolo di Sogemi La funzione tradizionale dei mercati all ingrosso Concentrazione derrate agroalimentari

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA

ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Dettagli

Previsioni programmatiche sull imprenditoria femminile e di impatto per le Pari Opportunità

Previsioni programmatiche sull imprenditoria femminile e di impatto per le Pari Opportunità Task Force P.O. Sicilia PON ATAS Mis. I.2 Ob. 1 e APQ Previsioni programmatiche sull imprenditoria femminile e di impatto per le Pari Opportunità PO FSE e PO FESR - ricognizione su obiettivi, linee di

Dettagli

ReStartApp rientra tra le iniziative del Progetto Appennino, fortemente voluto dal dott. Riccardo Garrone e su cui oggi è impegnata la Fondazione

ReStartApp rientra tra le iniziative del Progetto Appennino, fortemente voluto dal dott. Riccardo Garrone e su cui oggi è impegnata la Fondazione #1 IL PROGETTO APPENNINO ReStartApp rientra tra le iniziative del Progetto Appennino, fortemente voluto dal dott. Riccardo Garrone e su cui oggi è impegnata la Fondazione Edoardo Garrone, per il rilancio

Dettagli

Protocollo d Intesa tra il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR),

Protocollo d Intesa tra il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR), Protocollo d Intesa tra il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR), e Comune di Viterbo Educazione alimentare e stili di vita consapevoli: le scuole del

Dettagli

2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del settore turistico

2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del settore turistico ELENCO PROGETTI 1 Progetto A.I.1 Progetti finalizzati alla concertazione del piano di sviluppo turistico provinciale 2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del

Dettagli

Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei

Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei La promozione del territorio- lezione 14/ 02/ 08 Docente d. ssa Silvia Sarzanini Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei LE STRATEGIE DI SVILUPPO E PROMOZIONE DEL

Dettagli

Obiettivi della Riforma

Obiettivi della Riforma Rilancimpresa FVG 1 Obiettivi della Riforma Introdurre misure per l attrazione di nuovi investimenti, per attrarre investimenti nazionali e internazionali per l insediamento di nuove iniziative imprenditoriali;

Dettagli

Il Progetto Scuola è sempre stato un punto importante nel programma del Comune.

Il Progetto Scuola è sempre stato un punto importante nel programma del Comune. SCUOLA CULTURA SPORT ASSOCIAZIONISMO VOLONTARIATO Il Progetto Scuola è sempre stato un punto importante nel programma del Comune. L Amministrazione intenderà: garantire spazi sicuri, curati e funzionali

Dettagli

PROVINCIA, DISTRETTO CULTURALE, COMUNE E TERME: INSIEME PER UN PROGETTO DI RILANCIO TURISTICO

PROVINCIA, DISTRETTO CULTURALE, COMUNE E TERME: INSIEME PER UN PROGETTO DI RILANCIO TURISTICO Comunicato stampa PROVINCIA, DISTRETTO CULTURALE, COMUNE E TERME: INSIEME PER UN PROGETTO DI RILANCIO TURISTICO Presentato a Darfo Boario Terme il programma che apre nuove opportunità turistiche Da cento

Dettagli

Premesso che: tenuto conto che:

Premesso che: tenuto conto che: Premesso che: Interrogazione In 13 a Commissione Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Al Ministro dello sviluppo economico

Dettagli

Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche. diegomosna.it

Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche. diegomosna.it Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche diegomosna.it Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche segreteria@diegomosna.it facebook.com/diegomosna.it @diegomosna 3 La coalizione

Dettagli

2 Venezia_27/10/2010_URBANPROMO

2 Venezia_27/10/2010_URBANPROMO Il Piano e i partner coinvolti L'amministrazione comunale di Siracusa sta promuovendo il Piano Strategico INNOVA Siracusa 2020, la cui redazione si è avviata nel marzo del 2009 (con risorse disposte dalla

Dettagli