agenzia adiconsum anno 11 - n settembre 1999 ADIFINANZA 6/99

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "agenzia adiconsum anno 11 - n. 35 27 settembre 1999 ADIFINANZA 6/99"

Transcript

1 agenzia anno 11 - n settembre 1999 sommario: ADIFINANZA 6/ speciale a cura del servizio di consulenza - settore bancario e finanziario ADICONSUM associazione italiana difesa consumatori e ambiente sistema servizi cisl Via Lancisi ROMA tel fax homepage: Direttore: Paolo Landi Direttore Responsabile: Francesco Casula Redazione ed Amministrazione: Adiconsum, Via Lancisi ROMA Reg. Tribunale di Roma: n. 350 del Sped. abb. post. comma 20/c art.2 L.662/96 - Filiale di Roma Abbonamento: Lit Abbonamento sostegno: Lit Versamento: su c.c. postale n Stampato in proprio in settembre 99

2 Adifinanza n. 6/ speciale ANATOCISMO Il 23 luglio scorso il Consiglio dei Ministri ha modificato la norma relativa alla capitalizzazione degli interessi sui conti correnti, uniformando temporalmente la capitalizzazione di quelli attivi e di quelli passivi. La decisione è molto importante in quanto pone fine ad un contenzioso che ha visto opposta la clientela e l ADICONSUM al sistema bancario. Contenzioso sfociato in due recenti sentenze della Corte di Cassazione che dopo un periodo quasi ventennale (1981) finalmente hanno dato ragione ai clienti. La decisione del Consiglio dei Ministri, da attuare attraverso l emanazione di uno specifico testo del Comitato Interministeriale per il Credito e per il Risparmio (CICR) che dovrà fissare criteri, tempi e modalità, prevede che gli interessi attivi e quelli passivi dovranno essere capitalizzati con la medesima scadenza (attualmente, come noto, la capitalizzazione degli interessi attivi, a favore della banca, sono capitalizzati trimestralmente, quelli passivi, a favore del cliente, sono capitalizzati annualmente). La nuova normativa, che modifica l articolo 120 del Testo Unico Bancario (D.Lgs. 385/93) avrà efficacia solo per il futuro, con una sanatoria per quanto accaduto in passato. La normativa però salvaguarda, anche se solo in parte, le situazioni pregresse. Infatti, mentre non potranno essere sanati i contratti già conclusi, per quelli in essere le banche dovranno applicare la nuova periodicità, pena l inefficacia delle clausole contrattuali. BONIFICI TRANSFRONTALIERI La Direttiva 97/5/CE del 27 gennaio 1997 del Parlamento europeo e del Consiglio dell Unione europea (GUCE n. L 043 del ), da recepire entro il 14 agosto 1999 da parte degli Stati membri, ha fissato alcune regole di base, pur minime, per i bonifici transfrontalieri. La Direttiva, emanata a difesa della clientela minore, concerne tutti i bonifici transfrontalieri di importo non superiore a euro (Lit ), eseguiti nei paesi dell Unione (e di quelli aderenti all EFTA), nelle rispettive valute nazionali e in euro. Le regole previste dalla Direttiva sono le seguenti: 3 Le banche e gli intermediari non bancari dell Unione europea, devono informare i propri clienti in forma scritta o per via informatica sulle condizioni applicate per il servizio. Per i bonifici in esecuzione (cliente ordinante) deve essere previsto il termine massimo (in giorni) per l accreditamento delle somme alla banca del beneficiario, informando, in maniera chiara, la decorrenza iniziale del periodo. Per i bonifici in ricevimento (cliente beneficiario) deve essere previsto il termine massimo (in giorni) per eseguire l accreditamento sul conto (corrispondenza e/o regolamento) del beneficiario una volta conosciuta la banca beneficiaria. Le modalità di calcolo delle spese e delle commissioni. La data valuta applicata dalla banca per i bonifici in questione. Il cambio adottato nel caso di operazioni di conversione della valuta. Eseguita l operazione (esecuzione o ricevimento), la banca deve comunicare al cliente, in forma scritta o elettronica, attraverso la contabile, le informazioni relative al bonifico: importo originario; importo delle spese e delle commissioni a carico del cliente; la data valuta applicata; il cambio applicato in caso di conversione della valuta. Inoltre, la banca deve segnalare al cliente beneficiario le eventuali spese a loro carico (da percepire da parte della banca a valere sull importo da accreditare), in conformità alle istruzioni ricevute dall ordinante. Le banche, il proprio corrispondente, la banca del beneficiario debbono eseguire il bonifico per l intero ammontare richiesto dall ordinante, salvo ordine diverso (esplicito ordine di spese, in tutto o in parte a carico del beneficiario finale) da parte dell ordinante stesso (divieto di applicazione di doppie spese, a carico dell ordinante e a carico del beneficiario). Obbligo di rimborso al cliente ordinante nel caso di mancata esecuzione del bonifico. Le banche, in caso di inadempimento dell ordine ricevuto dal cliente, devono riconoscere un congruo indennizzo al cliente. E il primo caso, in assoluto, in cui viene stabilito tale principio nel servizio al dettaglio. Le modalità per la presentazione di reclami. Le norme hanno potere vincolante per cui il loro mancato rispetto rende nulle eventuali pattuizioni diverse. Sulle operazioni transfrontaliere, la Commissione europea, verificato che il sistema bancario ancora applica commissioni maggiorate, non considerando operazioni interne quelle effettuate nell area euro, si è riservata di emanare una specifica direttiva. In via esemplificativa si può notare che in Italia, il costo di un bonifico verso l estero è compreso tra e lire, cui alcuni istituti aggiungono una commissione pari, nella norma, all 1,50 per mille dell importo. I giorni valuta variano tra due e tre (in Gran Bretagna i giorni sono fissi (3) per qualsiasi operazione; in Germania, di norma, 2 giorni; in Francia in tempo reale; in Svizzera, se l ordine è elettronico, stesso giorno di valuta e costo di lire). In caso di bonifici esteri urgenti il costo sale a circa lire mentre la valuta è quella dello

3 stesso giorno. Se non è urgente il costo del bonifico è di lire con valuta del giorno successivo. A fronte, i bonifici nazionali hanno un costo, per la scrittura contabile e una commissione aggiuntiva, che può arrivare fino a lire. I giorni valuta variano da 2 a 4. In una situazione come quella espressa, si sono verificati due fatti, uno positivo ed uno negativo. Partiamo da quello positivo. La Banca centrale europea ha elaborato una propria linea per rendere più efficienti i servizi di pagamento transfrontalieri al dettaglio dell area euro. In particolare la Bce ritiene che saranno fondamentali i miglioramenti da apportare alle prassi bancarie secondo le previsioni della direttiva comunitaria 97/5/CE. Per la parte di propria competenza la BCE e le banche centrali nazionali (cd. Eurosistema) hanno fissato alcuni obiettivi: 1. Entro il 1 gennaio 2002 i sistemi bancari dell area euro dovranno avere attuato misure per migliorare sostanzialmente l efficienza e l esecuzione dei pagamenti transfrontalieri al dettaglio. 2. I sistemi bancari dell area euro, già impegnati a sviluppare sistemi transfrontalieri nel campo dei pagamenti con carta, dovranno proseguire nel loro impegno dando priorità anche agli strumenti di pagamento a distanza. 3. Diminuzione delle tariffe dei bonifici transfrontalieri equiparandole a quelle nazionali. 4. Velocizzazione dei tempi di regolamento (esecuzione) equiparandoli a quelli nazionali, al massimo un giorno in più. 5. Le commissioni e le tariffe, di norma, debbono essere a carico del solo ordinante, quindi senza alcun costo per il beneficiario. Anche in questo caso ci sarebbe un allineamento con i comportamenti attuati per i bonifici nazionali. 6. Per evitare costi aggiuntivi e maggiori tempi di esecuzione associati al ricorso a più intermediari, l accesso ai sistemi di regolamento deve essere basato su criteri pubblici, oggettivi, equi e non discriminatori. 7. Le banche debbono velocizzare l adozione dei sistemi standardizzati già definiti, per offrire una maggiore efficienza dei pagamenti transfrontalieri al dettaglio. (Per una informazione più esauriente del rapporto della BCE: Improving cross-border retail payment services in the euro area - the Eurosystem s view è possibile visitare il sito / L aspetto negativo riguarda l Italia che fatto passare la scadenza del 14 agosto scorso per il recepimento della direttiva 97/5/CE. Per il sistema bancario nazionale vige quindi ancora la prassi preesistente con ripercussioni negative sulla clientela bancaria. Circa i bonifici transfrontalieri deve infine aggiungersi che i mezzi di trasmissione attuali adottati dalle banche, basati sul sistema SWIFT, dovranno essere sostituiti da nuovi sistemi di pagamento ad esempio dal sistema TARGET, anche alla luce dell alto livello qualitativo delle procedure adottate. 4 CAMBIO VALUTE E più vantaggioso effettuare un cambio di lire in altra valuta alle Poste piuttosto che agli sportelli bancari. Il costo presso gli uffici postali è di lire fisse, a fronte di una commissione fissa e di una variabile sull importo che richiedono le banche. Nel caso di valute disagiate o di ammontari notevoli presso gli uffici postali potrebbe essere necessario richiedere una prenotazione. CONTRATTI BANCARI E FINANZIARI Il 22 luglio scorso si è conclusa, con la sigla dell accordo, la prima fase del tavolo di lavoro costituito in ABI per la modifica dei contratti bancari. Sono state definite le Condizioni Generali di contratto e le prime cinque sezioni del contratto stesso, relative a: 1) conto corrente bancario; 2) affidamenti in conto corrente; 3) bancomat/pagobancomat; 4) servizi d incasso o di accettazione degli effetti, documenti ed assegni; 5) depositi custodia e/o amministrazione di titoli e strumenti finanziari. Accordo simile è stato raggiunto il 16 giugno u.s., in sede ASSOFIN, relativamente al contratto Auto stipulato con società finanziarie. Gli accordi saranno ora sottoposti congiuntamente all esame del Garante per la Concorrenza. Ottenuti i dovuti pareri, saranno effettuate le presentazioni della nuova normativa. In merito ai contenuti dell accordo si rinvia alla comunicazione pubblicata sul sito ADICONSUM e su First Class. ASSEGNI La legge che depenalizza i reati minori riguarda anche l emissione di assegni a vuoto, bancari e postali. La sanzione amministrativa prevista per questo reato consiste nell elevazione di una multa compresa tra e lire secondo l ammontare dell assegno, il divieto di emettere assegni (da 2 a 5 anni) e nei casi più gravi il divieto temporaneo di esercitare attività professionali o imprenditoriali e di assumere uffici direttivi delle persone giuridiche e delle imprese. La norma prevede che venga istituito un archivio elettronico presso la Banca d Italia per segnalare chi emette tali assegni, chi ha visto ritirare il libretto di assegni, la carta Bancomat e/o eventuali carte di credito. La Banca dati evidenzierà anche gli assegni e le carte di credito e di debito rubate o smarrite. Le banche che rilasceranno libretti di assegni a persone già segnalate dovranno rispondere degli scoperti. CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO La previsione, da parte dell art. 5 del D.P.R. 5 gennaio 1950 n. 180, della cedibilità, ai fini dell estinzione di prestiti ottenuti alle condizioni stabilite dalla legge, di quote di stipendio o salario fino al quinto dell ammontare di tali emolumenti, costituente una delle eccezioni alla rego-

4 la generale, posta dall art. 1, del divieto di fare oggetto di sequestro, pignoramento o cessione gli emolumenti di ogni tipo erogati nell ambito del pubblico impiego, si riferisce, come evidenziato dalla chiara e restrittiva lettera della norma, alle sole erogazioni periodiche, percepite con continuità dal dipendente in attività di servizio, e quindi non trova applicazione con riferimento all indennità di fine rapporto. (Fattispecie relativa a dipendente di azienda autonoma di soggiorno e turismo). (Corte Cass., Sez. III, Sent. n del ). EURO Presentato ufficialmente in Italia l accordo europeo, siglato nel 99 tra varie associazioni dei commercianti e dei liberi professionisti e quelle dei consumatori, per avvicinare i cittadini all euro. La forma più visibile dell accordo è l eurologo che sarà esposto sulle vetrine degli esercizi commerciali (commercio, turismo, artigianato) che vi aderiscono. L eurologo segnalerà, per così dire, gli esercizi commerciali garantiti, in quanto impegnati: 1. Alla doppia indicazione dei prezzi (euro e valuta nazionale); 2. Alla possibilità di pagamenti in euro (assegni, carte di credito, ecc.); 3. A non richiedere alcuna commissione per i pagamenti in euro; 4. Alla corretta applicazione delle regole di conversione e di arrotondamento; 5. Alla formazione del personale a contatto con la clientela; 6. All informazione alla clientela. La campagna nazionale per l eurologo prevede, per il 1999, un costo di 17 miliardi. Particolare attenzione sarà dedicata a pensionati e casalinghe. MUTUI Con il passaggio alla moneta unica europea, euro, deve ritenersi illegittima l eventuale richiesta da parte della banca mutuataria delle commissioni valutarie precedentemente percepite per i mutui espressi in ECU, per la neutralizzazione del rischio di cambio, con l adozione di un rapporto fisso e irrevocabile tra lira ed euro. Unica eccezione è il caso di commissioni corrisposte effettivamente a istituzione bancaria o finanziaria estera per attività correlata all organizzazione del prestito a favore della banca italiana, da cui discende la concessione di mutui fondiari alla clientela. La Federnotai e le associazioni dei consumatori, guidate dall ADICONSUM, hanno reso pubblico un lavoro per accedere in maniera regolata e trasparente ai mutui ipotecari. Il libretto di istruzioni vuole evidenziare tutti gli aspetti legati all accensione dei mutui, che non sono solo il tasso di interesse, comunque da comprendere (fisso, variabile, parametri di riferimento, a regime, di ingresso), ma anche le spese iniziali, le penali, i tempi di istruttoria, clausole vessatorie, ecc.. I consigli riguardano anche gli aspetti fiscali (detrazioni, cancellazioni di ipoteca o altro). 5 Il libretto delle istruzioni sarà distribuito dalle associazioni di difesa dei consumatori e dalla Federnotai. POSTE Il pensionato potrà farsi accreditare la pensione sul proprio libretto di risparmio o conto corrente postale con l avvio del nuovo sistema pensionati & accreditati. L accredito avverrà il primo del mese. Gli interessi corrisposti saranno del 4,25% lordo per i libretti nei casi in cui il prelievo si effettui sempre presso lo sportello in cui è aperto il libretto, e dell 1% per i conti correnti su cui si potrà prelevare da tutti gli sportelli postali. Gli intestatari dei libretti e dei conti correnti in questione avranno il libretto di assegni e le operazioni di apertura gratuiti, la gestione e amministrazione di deposito in titoli. In caso di conto cointestato le due pensioni possono essere accreditate sullo stesso libretto. Secondo un comunicato delle Poste, dal prossimo 10 ottobre sarà possibile effettuare pagamenti alle poste con assegni bancari, e sarà possibile accreditare assegni postali su conto corrente bancario (operazione, quest ultima già possibile, ma perdendo giorni di valuta). PROMOTORI FINANZIARI I promotori finanziari attivi in Italia hanno superato le unità, nonostante le circa dall albo. Oltre sono iscritti all ANASF la principale associazione di categoria che ha, tra l altro, varato un codice deontologico di comportamento. Il codice è suddiviso in più parti e comprende i principi generali, le regole di condotta, i rapporti con i clienti, con l intermediario, con i colleghi, con le autorità di vigilanza. In particolare, il promotore finanziario deve perseguire l interesse del cliente ed astenersi da comportamenti in contrasto con tale obiettivo, anche se suggeriti dalla società mandante. Deve informare il cliente sui costi reali, i benefici e i limiti dei servizi e dei prodotti commercializzati e si deve astenere da affermazioni fuorvianti sui risultati finali dell investimento. In generale non deve accogliere richieste, anche del cliente, in contrasto con le norme del Codice deontologico. OBBLIGAZIONI BANCARIE La Banca d Italia, ha imposto nuove regole, in materia di obbligazioni bancarie per tutelare la trasparenza e l informazione. In particolare le banche dovranno predisporre un avviso sintetico da affiggere nei propri locali aperti al pubblico e dei corrispondenti fogli informativi asportabili contenenti: le condizioni praticate, il nome dell emittente, l ammontare del capitale sociale e delle riserve dell emittente, il conflitto di interessi, la valutazione (rating) dell istituto emittente, le caratteristiche dettagliate dell emissione (ammontare del prestito e sua denominazione, data di apertura e di chiusura del collocamento nonché quella di godimento, prezzo di emissione e di rimborso, commissioni, oneri, periodicità dei pagamenti delle cedole, tasso nominale annuo, rendimento effettivo al lordo della ritenuta fiscale, eventuali parametri di riferimen-

5 to, clausole di rimborso anticipato, clausole di convertibilità dei titoli), il regime fiscale delle operazioni, la tipologia di rischio, le difficoltà di disinvestimento nel caso di titoli non quotati sui mercati regolamentati. Tale obbligo è valido anche nel caso di collocamento di titoli di altri istituti. PROTESTI La Camera dei Deputati ha approvato in sede legislativa la nuova normativa sui protesti. La norma, non appena approvata dal Senato delle Repubblica consentirà di recuperare al credito legale molti cittadini attualmente esclusi dalla rigidità dell attuale normativa sui protesti. RICICLAGGIO Le informazioni richieste dalla banca sulle operazioni sospette di riciclaggio sono per la clientela ormai un fatto assodato e non creano alcun problema, ma per gli istituti di credito e gli altri intermediari soggetti alla normativa costituiscono soprattutto un costo. Le segnalazioni per operazioni sospette di riciclaggio sono state 1902 nei primi sette mesi del 1999 e in totale, dall emanazione della legge antiriciclaggio 197/91 (modificata con il D.Lgs, 153/ 97) ad oggi, sono state (1991: 26; 1992: 99; 1993: 234; 1995: 1.937; 1996: 3.075; 1997; 2.963; ; primi otto mesi 1999: 1902). La quasi totalità delle segnalazioni è pervenuta dalle banche: su ; 37 segnalazioni sono pervenute dalle assicurazioni, 88 da intermediari finanziari, 49 da SIM, 1 da società autorizzate al collocamento a domicilio di valori mobiliari, 4 da società fiduciarie, 403 da uffici della pubblica amministrazione. La pochezza delle segnalazioni si somma alla mancanza quasi assoluta di segnalazioni da parte di intermediari diversi dalle banche. E pertanto necessario che la cultura della lotta alla criminalità finanziaria venga ampliata dal sistema bancario, eventualmente prevedendo alcuni correttivi (ad esempio, l anonimato del dipendente che scopre l operazione sospetta) e venga acquisita dagli altri intermediari. 6 TASSI DI INTERESSE Ad agosto molte banche (oltre 200) hanno aumentato i tassi di interesse attivi (a proprio favore), sia sulle linee di credito che sui mutui, in un range compreso tra 0,50-1,50 punti percentuali, e diminuito quelli passivi (a favore della clientela), scesi in alcuni casi allo 0,125 per cento. L operazione, solo parzialmente giustificata dalle indicazioni del mercato, considerato che i tassi di interesse di mercato (obbligazioni, titoli di stato, ecc.) sono aumentati, trova invece una totale mancanza di giustificazione nella diminuzione dei tassi passivi, giunti in alcuni casi allo 0,25 e allo 0,125 per cento. I comportamenti delle banche daranno luogo, appena disponibili i dati statistici ufficiali, ad un allargamento della forbice tra tassi attivi e passivi, in altre parole del guadagno della banca tra raccolta e impieghi del denaro. Ciò fa sorgere il legittimo dubbio, che le reali motivazioni della modifica della struttura dei tassi sia da legare anche a motivazioni diverse dall aumento dei tassi di mercato, ad esempio è possibile che le banche, anche anticipando gli aumenti, abbiano voluto far fronte all ormai certa riduzione dei profitti, che non raggiungeranno in alcun modo i livelli del 1998 oppure che vogliano recuperare quanto non lucrato dalle operazioni di borsa (l andamento al ribasso dei mercati ha fatto ridurre le transazioni e quindi le commissioni percepite), o ancora far fronte alla ripresa delle sofferenze (mancati pagamenti), che sembrano nuovamente tendere verso il rialzo. La preoccupazione per il futuro è di nuove manovre simili, magari anticipando nuovamente le prospettive del mercato (ad esempio dei tassi statunitensi). Questo sarebbe da valutare in maniera molto negativa in quanto non è prevedibile alcuna modifica sostanziale dei tassi europei. Infatti la Banca Centrale Europea, secondo stime attendibili, non dovrebbe ritoccare i propri tassi fino alla primavera del 2000 per non influenzare negativamente la ripresa economica già scarsa; inoltre alcuni centri studi bancari addirittura pensano ad una nuova riduzione dei tassi di titoli pubblici tedeschi, presi come riferimento da tutta l area dell euro, dall attuale 4,80 al 4, per cento. USURA Approvato dal Consiglio dei Ministri il regolamento attuativo della legge 44/99 di solidarietà contro l usura. Il provvedimento dovrà ora passare al vaglio del Consiglio di Stato e del Parlamento. Il regolamento tende a semplificare e a rendere più facile il ricorso ai mutui concessi alle vittime dell usura, stabilisce i criteri per la concessione dei fondi, i rapporti tra Ministero del Tesoro e CONSAP, le modalità di accertamento di eventuali lesioni fisiche. Importante la semplificazione delle istruttorie affidate al Prefetto competente territorialmente. Completato l iter amministrativo, su cui pendono i tempi solitamente lunghi del Consiglio di Stato, dovrà provvedersi al rifinanziamento dei fondi antiusura. Il 1998 ha visto una forte diminuzione delle denunce per usura, ferme a con 269 arrestati. Il Ministero del Tesoro ha emanato il nuovo decreto per la fissazione dei tassi di interesse effettivi globali medi e il corrispondente tasso di soglia ai fini del reato d usura. La tendenza anche con la nuova rilevazione è ancora al ribasso. In particolare, su uno degli argomenti più vivi, i mutui fondiari, il tasso medio è sceso al 4,92% e il tasso di soglia al 7,38%. In controtendenza i tassi relativi alle operazioni di Anticipi, sconti commerciali e altri finanziamenti alle imprese effettuati dagli intermediari non bancari e il credito finalizzato all acquisto rateale. La spiegazione di tale comportamento non è facile in quanto possono essere valide, almeno, tre diverse motivazioni: 1) aumento delle spese e commissioni; 2) aumento delle sofferenze e quin-

6 di del rischio; 3) aumento della struttura dei tassi di interesse. Considerata impossibile la terza ipotesi in quanto è costante la tendenza al ribasso dei tassi e non avendo notizie di un impennata delle sofferenze, non resta, empiricamente, che la prima ipotesi. Se gli approfondimenti che prontamente l Adiconsum farà, confermeranno tale ipotesi, la valutazione sarà molto negativa e dovranno essere ricercati interventi presso le categorie che erogano tali tipi di finanziamento. Fabio Picciolini Tassi Effettivi Globali Medi (base annua) (Rilevazione gennaio/marzo 1999) Categoria Classi di importo in lire Tasso medio % Tasso di soglia % Apertura di credito in conto corrente fino a 10 milioni 11,72 17,580 Anticipi, sconti commerciali e altri finanziamenti alle imprese effettuati da banche oltre 10 milioni 8,90 13,350 fino a 10 milioni 8,06 12,090 oltre 10 milioni 6,56 9,840 Factoring fino a 100 milioni 7,94 11,910 Crediti personali e altri finanziamenti alle famiglie effettuati dalle banche Anticipi, sconti commerciali e altri finanziamenti alle imprese effettuati dagli intermediari non bancari Prestiti contro cessione del quinto dello stipendio oltre 100 milioni 6,58 9,870 10,33 15,495 fino a 10 milioni 23,56 35,340 oltre 10 milioni 16,72 25,080 fino a 10 milioni 17,12 25,680 oltre 10 milioni 12,89 19,335 Leasing fino a 10 milioni 16,71 25,065 da 10 a 50 milioni 9,33 13,995 da 50 a 100 milioni 7,63 11,445 oltre 100 milioni 5,69 8,535 Credito finalizzato all'acquisto rateale fino a 2,5 milioni 27,01 40,515 da 2,5 a 10 milioni 16,59 24,885 oltre 10 milioni 11,06 16,590 Mutui 4,92 7,380 Commissione massimo scoperto 0,43 7

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE - BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni - Sede legale e Direzione Generale: Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Tel +390647021 http://www.bnl.it - Codice ABI

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO CONFORME ALLA CIRCOLARE n. 5/12 DELL'OAM PER MEDIATORI CREDITIZI

PERCORSO FORMATIVO CONFORME ALLA CIRCOLARE n. 5/12 DELL'OAM PER MEDIATORI CREDITIZI PERCORSO FORMATIVO CONFORME ALLA CIRCOLARE n. 5/12 DELL'OAM PER MEDIATORI CREDITIZI IL SISTEMA FINANZIARIO E L'INTERMEDIAZIONE DEL CREDITO I soggetti operanti nell intermediazione creditizia: gli intermediari

Dettagli

Generalità del soggetto che effettua l offerta fuori sede (nome e cognome indirizzo/sede legale e-mail tel.)

Generalità del soggetto che effettua l offerta fuori sede (nome e cognome indirizzo/sede legale e-mail tel.) Foglio Informativo n. A.7 Aggiornamento del 01.10.2015 FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE BASE PER SOGGETTI AVENTI DIRITTO A TRATTAMENTI PENSIONISTICI FINO A 18.000,00 ANNUI OPERATIVITA LIMITATA PER TIPOLOGIA

Dettagli

Predisposizione del così detto "conto di base per le famiglie socialmente svantaggiate

Predisposizione del così detto conto di base per le famiglie socialmente svantaggiate CIRCOLARE A.F. N. 68 del 9 maggio 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Predisposizione del così detto "conto di base per le famiglie socialmente svantaggiate Il conto corrente di base previsto dal DL 201/2011

Dettagli

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 21 dicembre 2015. Rilevazione dei tassi effettivi globali medi, ai sensi della legge sull usura. Periodo di rilevazione

Dettagli

Tutti i soci sono tenuti alla massima e più scrupolosa osservanza delle norme in esso contenute.

Tutti i soci sono tenuti alla massima e più scrupolosa osservanza delle norme in esso contenute. REGOLAMENTO DEI DEPOSITI DEI SOCI PREMESSA Il presente regolamento interno ha come scopo la disciplina dei conferimenti in denaro, a titolo di prestito, effettuati dai soci per il conseguimento dell oggetto

Dettagli

PROPOSTA DI PARERE DEL RELATORE

PROPOSTA DI PARERE DEL RELATORE Schema di decreto legislativo recante ulteriori modifiche ed integrazioni al decreto legislativo n. 141 del 2010, recante attuazione della direttiva 2008/48/CE relativa ai contratti di credito ai consumatori,

Dettagli

L antiriciclaggio e nuovi limiti all'uso del contante

L antiriciclaggio e nuovi limiti all'uso del contante L antiriciclaggio e nuovi limiti all'uso del contante Il D.L. 13 agosto 2011 n.138, noto come Manovra di Ferragosto al fine di ridurre il rischio connesso all utilizzo del contante a scopo di riciclaggio

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE Qualora il titolare sia un consumatore, si avverte che questo conto è particolarmente adatto a chi al momento dell apertura del conto pensa di svolgere un numero bassissimo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RELATIVA AL CONTRATTO DI PRESTITO CON RITENUTA DELEGATA

FOGLIO INFORMATIVO DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RELATIVA AL CONTRATTO DI PRESTITO CON RITENUTA DELEGATA FOGLIO INFORMATIVO Pagina 1 di 5 RELATIVA AL CONTRATTO DI PRESTITO CON RITENUTA DELEGATA Redatto secondo le istruzioni di vigilanza di Banca d Italia Documento n 05 - data ultimo aggiornamento APRILE 2010

Dettagli

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50.

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50. Allegato A RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL'USURA (*) MEDIE ARITMETICHE DEI TASSI SULLE SINGOLE OPERAZIONI DELLE BANCHE E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI

Dettagli

DEPOSITI A RISPARMIO PER CONSUMATORI

DEPOSITI A RISPARMIO PER CONSUMATORI FOGLIO INFORMATIVO relativo al DEPOSITI A RISPARMIO PER CONSUMATORI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DEL CENTROVENETO Credito Cooperativo S.C. - Longare Via Ponte di Costozza, 12 36023 Longare (VI) Tel.:

Dettagli

PROTOTIPO DI FOGLIO INFORMATIVO DEL CONTO CORRENTE OFFERTO A CONSUMATORI. Conto corrente NOME DEL CONTO

PROTOTIPO DI FOGLIO INFORMATIVO DEL CONTO CORRENTE OFFERTO A CONSUMATORI. Conto corrente NOME DEL CONTO Allegato 3 PROTOTIPO DI FOGLIO INFORMATIVO DEL CONTO CORRENTE OFFERTO A CONSUMATORI Conto corrente NOME DEL CONTO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca XXX ( 1 ) Via XXXXXXXX Tel.: XXXXXXX Fax: XXXXXX [sito internet/email]

Dettagli

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO Relatore Magg. GdF dott. Armando Tadini - Ufficiale Addetto Centro Operativo DIA Milano - SANZIONI amministrative penali CAPO II DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO ARTICOLO 1 In attuazione dell art. 4 dello Statuto Sociale ed ai sensi di quanto prescritto dalle leggi, dalle deliberazioni del Comitato

Dettagli

Foglio Informativo Conto corrente famiglie e privati

Foglio Informativo Conto corrente famiglie e privati Foglio Informativo Conto corrente per consumatori (Conto a pacchetto) Profili: Famiglie con operatività bassa - Famiglie con operatività media - Famiglie con operatività elevata Infomazioni sulla Banca

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE relative al Prospetto di base sul Programma di emissione

CONDIZIONI DEFINITIVE relative al Prospetto di base sul Programma di emissione Società per Azioni Sede Legale in Aprilia (LT), Piazza Roma, snc Iscrizione al Registro delle Imprese di Latina e Codice Fiscale/Partita Iva n.00089400592 Capitale sociale al 31 dicembre 2007 Euro 6.671.440

Dettagli

CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA

CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA INFORMAZIONI GENERALI SULLE DIVERSE TIPOLOGIE DI MUTUI GARANTITI DA IPOTECA PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE (ai sensi del D.L. n. 185/2008)

Dettagli

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI Operazioni di Raccolta Foglio Informativo N.: 010202 BCCRESCO (Depositi a Risparmio per minori) TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI

Dettagli

Art. 2. IL CAPO DELLA DIREZIONE V

Art. 2. IL CAPO DELLA DIREZIONE V DECRETO 29 settembre 2014. Art. 2. Classificazione delle operazioni creditizie per categorie omogenee ai fini della rilevazione dei tassi effettivi globali medi praticati dalle banche e dagli intermediari

Dettagli

INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA TITOLI A TASSO VARIABILE BANCA C.R.ASTI

INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA TITOLI A TASSO VARIABILE BANCA C.R.ASTI Sede Legale e Direzione Generale in Asti, Piazza Libertà n. 23 Iscritta all Albo delle Banche autorizzate al n. 5142 Capogruppo del Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Asti S.p.A. Iscritto all Albo dei

Dettagli

Contributo di Altroconsumo

Contributo di Altroconsumo Contributo di Altroconsumo Disegno di Legge 3221 di conversione del decreto-legge integrativo dei decreti liberalizzazioni e consolidamento conti pubblici X Commissione Senato Industria Commercio e turismo

Dettagli

Foglio informativo (C0221) CONTO CORRENTE DIPENDENTI BCCC (CC08)

Foglio informativo (C0221) CONTO CORRENTE DIPENDENTI BCCC (CC08) Foglio informativo (C0221) CONTO CORRENTE DIPENDENTI BCCC (CC08) Conto corrente per consumatori (Conto a pacchetto) Profili: Famiglie con operatività bassa, Famiglie con operatività media, Famiglie con

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BECCHETTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BECCHETTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1509 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato BECCHETTI Norme in favore dei soggetti che hanno contratto mutui in ECU o in altre valute

Dettagli

RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL USURA

RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL USURA RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL USURA MEDIE ARITMETICHE DEI TASSI SULLE SINGOLE OPERAZIONI DELLE BANCHE E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI NON BANCARI CORRETTE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari

FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari CONTO CORRENTE ALTO RENDIMENTO - Clientela al Dettaglio / Clienti Non Consumatori

Dettagli

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA DI CESENA 11/05/2009 11/11/2011 TF

Dettagli

Foglio Informativo N.31 CONTO CORRENTE IN DIVISA ESTERA O EURO DI CONTO ESTERO INFORMAZIONI SULLA BANCA

Foglio Informativo N.31 CONTO CORRENTE IN DIVISA ESTERA O EURO DI CONTO ESTERO INFORMAZIONI SULLA BANCA Foglio Informativo N.31 CONTO CORRENTE IN DIVISA ESTERA O EURO DI CONTO ESTERO INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa Rurale ed Artigiana Banca di Credito Cooperativo di Battipaglia e Montecorvino Rovella soc.

Dettagli

Circolare N.68 del 9 Maggio 2012. Predisposizione del conto di base per le famiglie socialmente svantaggiate

Circolare N.68 del 9 Maggio 2012. Predisposizione del conto di base per le famiglie socialmente svantaggiate Circolare N.68 del 9 Maggio 2012 Predisposizione del conto di base per le famiglie socialmente svantaggiate Predisposizione del così detto "conto di base per le famiglie socialmente svantaggiate Gentile

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO FONDIARIO INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO FONDIARIO INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI FOGLIO INFORMATIVO MUTUO FONDIARIO Aggiornamento nr. 6 del 1 Ottobre 2015 INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA STABIESE S.p.A. Sede Legale ed Amministrativa in Via Ettore Tito 1, 80053 Castellammare di Stabia

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTITO SOCIALE della Cooperativa Solidarietà Soc. Coop. di Volontariato Sociale a r.l..

CONTRATTO DI PRESTITO SOCIALE della Cooperativa Solidarietà Soc. Coop. di Volontariato Sociale a r.l.. COPIA PER IL RICHIEDENTE CONTRATTO DI PRESTITO SOCIALE della Cooperativa Solidarietà Soc. Coop. di Volontariato Sociale a r.l.. Il sottoscritto.............., codice fiscale., nato a......, il / /, domiciliato

Dettagli

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50.

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50. ALLEGATO A RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL'USURA (*) MEDIE ARITMETICHE DEI TASSI SULLE SINGOLE OPERAZIONI DELLE BANCHE E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI

Dettagli

DEPOSITO A RISPARMIO. Al deposito a risparmio è collegato un libretto di risparmio, che può essere nominativo o al portatore.

DEPOSITO A RISPARMIO. Al deposito a risparmio è collegato un libretto di risparmio, che può essere nominativo o al portatore. DEPOSITO A RISPARMIO INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO GIUSEPPE TONIOLO Via Sebastiano Silvestri n.113 - cap 00045 - Genzano di Roma (RM) Capitale e riserve al 31/12/2013-34.368.294

Dettagli

OBBLIGAZIONE 209 CODICE ISIN IT0003819247 EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI STEP-UP 2005-2015 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CAMBIANO Soc. Coop. A Resp. Lim.

OBBLIGAZIONE 209 CODICE ISIN IT0003819247 EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI STEP-UP 2005-2015 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CAMBIANO Soc. Coop. A Resp. Lim. OGLIO INFORMATIVO ANALITICO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 209 CODICE ISIN IT0003819247

Dettagli

Cassa Raiffeisen della Valle Isarco Soc. coop.

Cassa Raiffeisen della Valle Isarco Soc. coop. Cassa Raiffeisen della Valle Isarco Soc. coop. Sede legale ed amministrativa: 39042 Bressanone, via Croce 7 Home-page: www.raiffeisen.it/eisacktal, Indirizzo e-mail: RK_Eisacktal@rolmail.net Tel. +39 0472

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO PER IL CREDITO AL CONSUMO -A TASSO FISSO -A TASSO INDICIZZATO (EURIBOR)

MUTUO CHIROGRAFARIO PER IL CREDITO AL CONSUMO -A TASSO FISSO -A TASSO INDICIZZATO (EURIBOR) FOGLIO INFORMATIVO MUTUO CHIROGRAFARIO PER IL CREDITO AL CONSUMO Sezione I Informazioni sulla banca -A TASSO FISSO -A TASSO INDICIZZATO (EURIBOR) Alla data del 01/10/2009 BANCA DI RIPATRANSONE CREDITO

Dettagli

Foglio Informativo C/C TRADING ONLINE

Foglio Informativo C/C TRADING ONLINE Foglio Informativo Conto corrente per consumatori (Conto a pacchetto) Profili: Famiglie con operatività bassa - Famiglie con operatività media - Famiglie con operatività elevata - Pensionati con operatività

Dettagli

CONTO CORRENTE DI CORRISPONDENZA ASSOCIAZIONE MEDICA DEL CASSINATE

CONTO CORRENTE DI CORRISPONDENZA ASSOCIAZIONE MEDICA DEL CASSINATE scheda prodotto CONTO CORRENTE DI CORRISPONDENZA ASSOCIAZIONE MEDICA DEL CASSINATE aggiornato al 30.08.2013 FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE DI CORRISPONDENZA ASSOCIAZIONE MEDICA DEL CASSINATE INFORMAZIONI

Dettagli

Aderente al Fondo di Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo. Aderente all Ombudsman bancario. Rating. Not rated

Aderente al Fondo di Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo. Aderente all Ombudsman bancario. Rating. Not rated GLIO INFORMATIVO ANALITICO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 210 CODICE ISIN IT0003820336

Dettagli

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE L art. 49 del DLGS n. 231/07 vieta il trasferimento di denaro contante, libretti e/o titoli al portatore fra soggetti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO SCUOLA DI MANAGEMENT ED ECONOMIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO SCUOLA DI MANAGEMENT ED ECONOMIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO SCUOLA DI MANAGEMENT ED ECONOMIA 3 Novembre2015 Gli strumenti finanziari Eleonora Isaia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO SCUOLA DI MANAGEMENT ED ECONOMIA Le esigenze finanziarie

Dettagli

Foglio informativo (C0205) CONTO CORRENTE STUDENTI MAGGIORENNI (CCSTU)

Foglio informativo (C0205) CONTO CORRENTE STUDENTI MAGGIORENNI (CCSTU) Foglio informativo (C0205) CONTO CORRENTE STUDENTI MAGGIORENNI (CCSTU) Conto corrente per consumatori (Conto a pacchetto) Profilo Giovani INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Cambiano

Dettagli

Roma, 23 gennaio 2009

Roma, 23 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 15/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 gennaio 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Imposta di bollo sulle comunicazioni riguardanti

Dettagli

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE - BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni - Sede legale e Direzione Generale: Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Tel +390647021 http://www.bnl.it - Codice ABI

Dettagli

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE INFORMAZIONI PUBBLICITARIE CONTRATTO DI CREDITO RIMBORSABILE MEDIANTE RILASCIO DI DELEGAZIONE DI PAGAMENTO PRO-SOLVENDO DI QUOTE DELLO STIPENDIO, SALARIO, COMPENSO IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE

Dettagli

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE - regolamento -

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE - regolamento - RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE - regolamento - SCOPI E FUNZIONAMENTO DELLA SEZIONE Articolo 1 In attuazione dell Articolo 1 dello Statuto Sociale ed ai sensi di quanto prescritto dalle leggi, dalle deliberazioni

Dettagli

LUCA PAGLIOTTA Dottore Commercialista Revisore dei conti. Dopo aver descritto, nel nostro precedente intervento, il funzionamento giuridico e

LUCA PAGLIOTTA Dottore Commercialista Revisore dei conti. Dopo aver descritto, nel nostro precedente intervento, il funzionamento giuridico e 1. Introduzione Dopo aver descritto, nel nostro precedente intervento, il funzionamento giuridico e contabile del rapporto di conto corrente, dedichiamo il presente al tema della pattuizione del tasso

Dettagli

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia sfef7_volait@0091-0096#3b_layout 1 13/03/12 09.04 Pagina 91 91 Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia di FABRIZIO VEDANA Il provvedimento con il quale la Banca d Italia,

Dettagli

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE - BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni - Sede legale e Direzione Generale: Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma - Tel +390647021 http://www.bnl.it - Iscritta

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CONTO DEPOSITO 3 INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO PRINCIPALI CONDIZIONI ECONOMICHE TASSI

FOGLIO INFORMATIVO CONTO DEPOSITO 3 INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO PRINCIPALI CONDIZIONI ECONOMICHE TASSI FOGLIO INFORMATIVO CONTO DEPOSITO 3 INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA RURALE DI PERGINE Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Gavazzi 5-38057 PERGINE VALSUGANA (tn) Tel.: 0461/500111- Fax:

Dettagli

Nome e Cognome Qualifica N. iscrizione Albo

Nome e Cognome Qualifica N. iscrizione Albo INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA LEONARDO S.p.A. Sede legale a 20121-Milano, Via Broletto n. 46 Telefono n. 02/722061- e-mail privatebanking@bancaleonardo.com Sito internet www.bancaleonardo.com Iscritta

Dettagli

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO, SALARIO, COMPENSO

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO, SALARIO, COMPENSO Aggiornato al 01/04/2015 IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE INFORMAZIONI PUBBLICITARIE PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO, SALARIO, COMPENSO Finanziatore Credito Emiliano SpA Iscrizione

Dettagli

Iscritta all albo delle banche Art.13 D.Lgs. 385/93 al n.3556.8 Albo delle cooperative a mutualità prevalente

Iscritta all albo delle banche Art.13 D.Lgs. 385/93 al n.3556.8 Albo delle cooperative a mutualità prevalente FOGLIO INFORMATIVO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 235 CODICE ISIN IT0003935365

Dettagli

TITOLO VI CREDITO ASSICURAZIONI BORSE VALORI

TITOLO VI CREDITO ASSICURAZIONI BORSE VALORI TITOLO VI CREDITO ASSICURAZIONI BORSE VALORI 217 218 Capitolo Primo USI BANCARI 1. Operazioni di credito documentario (artt. 1527, 1530 c.c.) Nelle operazioni di credito documentario si osserva il contenuto

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO ZERO COUPON BCC

Dettagli

Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41

Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41 REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41 www.granterre.it Art. 1 Il presente Regolamento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 51/001 relativo a: APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE PER I SOCI

FOGLIO INFORMATIVO N. 51/001 relativo a: APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE PER I SOCI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50.

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50. A LLEGATO A RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL'USURA (*) MEDIE ARITMETICHE DEI TASSI SULLE SINGOLE OPERAZIONI DELLE BANCHE E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al programma di emissioni denominato BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE Banca di Cesena 15/01/2007 15/01/2010 TV EUR ISIN IT0004171218 Le

Dettagli

INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA TITOLI A TASSO VARIABILE BANCA C.R.ASTI

INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA TITOLI A TASSO VARIABILE BANCA C.R.ASTI Sede Legale e Direzione Generale in Asti, Piazza Libertà n. 23 Iscritta all Albo delle Banche autorizzate al n. 5142 Capogruppo del Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Asti S.p.A. Iscritto all Albo dei

Dettagli

Foglio Informativo PRESTITO PERSONALE

Foglio Informativo PRESTITO PERSONALE Foglio Informativo n. 5000/37 Data ultimo aggiornamento: 01 Luglio 2010 Dati e qualifica del soggetto che entra in rapporto con il cliente (in caso di offerta fuori sede) Istituto Bancario del Lavoro S.p.A.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 1.14 CONTO GRATUITO PENSIONATI

FOGLIO INFORMATIVO 1.14 CONTO GRATUITO PENSIONATI INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO 1.14 CREDITO COOPERATIVO CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI PALIANO soc.coop. Sede: Viale Umberto I, 53 - cap 03018 Paliano (FR) Tel.: 0775/577014 Fax: 0775/578129

Dettagli

QUANTO PUÒ COSTARE IL CONTO CORRENTE. Indicatore Sintetico di Costo (ISC) 12,00 Non previsto

QUANTO PUÒ COSTARE IL CONTO CORRENTE. Indicatore Sintetico di Costo (ISC) 12,00 Non previsto Questo conto è adatto al profilo: Conto a consumo INFORMAZIONI SULLA BANCA CENTROMARCA BANCA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa - Iscritta all albo delle Società Cooperative n. A166229 Sede legale:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS E IL MUTUO IPOTECARIO

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS E IL MUTUO IPOTECARIO MUTUO IPOTECARIO FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SULLA BANCA Piazza S. M. Soprarno 1, 50125 Firenze Tel.: 055 24631 Fax: 055 2463231 E-mail: info@bancaifigest.it Sito internet: http://www.bancaifigest.com

Dettagli

APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE

APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE. INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA Via G.Garibaldi, 46 - C.P. 47-31010 Orsago TV- Tel. 0438/9931

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO FONDIARIO INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO FONDIARIO INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI FOGLIO INFORMATIVO MUTUO FONDIARIO Aggiornamento nr. 5 del 1 gennaio 2010 INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA STABIESE S.p.A. Sede Legale ed Amministrativa in Via Ettore Tito 1, 80053 Castellammare di Stabia

Dettagli

USURA: RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE

USURA: RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 30/09/2015. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito

Foglio Informativo Conto Deposito INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Terra d Otranto Società Cooperativa. Sede Legale Via Cesare Battisti, n. 27, 73041 Carmiano (Lecce) Sede Amministrativa Viale Leopardi, n. 73, 73100,

Dettagli

Foglio Informativo n. 81. Deposito a Risparmio

Foglio Informativo n. 81. Deposito a Risparmio INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Roma Società Cooperativa fondata nel 1954 Sede Legale, Presidenza e Direzione Generale in Via Sardegna, 129-00187 Roma Tel. 06 5286.1 - Fax 06 5286.3305

Dettagli

Variazione in senso sfavorevole delle condizioni economiche (tassi di interesse, commissioni e spese) ove contrattualmente previsto.

Variazione in senso sfavorevole delle condizioni economiche (tassi di interesse, commissioni e spese) ove contrattualmente previsto. Foglio informativo relativo all' APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE Sezione I - Informazioni sulla Banca Banca di Credito Cooperativo di Tarsia (CS) soc. coop. Sede legale e amministrativa: Tarsia (CS),

Dettagli

OBBLIGAZIONE 144 CODICE ISIN IT0003445431 EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI STEP-UP 2003-2011 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CAMBIANO Soc. Coop. A Resp. Lim.

OBBLIGAZIONE 144 CODICE ISIN IT0003445431 EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI STEP-UP 2003-2011 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CAMBIANO Soc. Coop. A Resp. Lim. FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 144 CODICE ISIN IT0003445431

Dettagli

Finanziamenti: a) Tasso formato dalle seguenti componenti (TB + SP + SD + S):

Finanziamenti: a) Tasso formato dalle seguenti componenti (TB + SP + SD + S): 1 FINANZIARIA SENESE DI SVILUPPO S.P.A. Piazza Matteotti, 30 - SIENA - COD. ABI 194266 Telefono 0577/48102 - Fax 0577/43068 Indirizzo E-Mail: info@fises.it - Sito Internet: www.fises.it OGGETTO: D. Lgs.

Dettagli

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50.

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50. A LLEGATO A RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL'USURA (*) MEDIE ARITMETICHE DEI TASSI SULLE SINGOLE OPERAZIONI DELLE BANCHE E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI

Dettagli

Foglio informativo relativo al contratto di deposito a risparmio

Foglio informativo relativo al contratto di deposito a risparmio Foglio informativo relativo al contratto di deposito a risparmio Pagina 1 di 7 Foglio informativo relativo al contratto di deposito a risparmio Informazioni sulla banca Banca di Credito Cooperativo di

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 1.13

FOGLIO INFORMATIVO 1.13 FOGLIO INFORMATIVO 1.13 INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO COOPERATIVO CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI PALIANO soc.coop. Sede: Viale Umberto I, 53 - cap 03018 Paliano (FR) Tel.: 0775/577014 Fax: 0775/578129

Dettagli

LA DIRETTIVA La PSD (Payment Service Directive) - Direttiva sui Servizi di Pagamento è stata recepita dall ordinamento giuridico italiano con decorrenza 1 marzo 2010. La Direttiva intende unificare il

Dettagli

EMITTENTE OFFERENTE E RESPONSABILE DEL COLLOCAMENTO BANCA POPOLARE DI BARI S.C.p.A. PROSPETTO DI BASE

EMITTENTE OFFERENTE E RESPONSABILE DEL COLLOCAMENTO BANCA POPOLARE DI BARI S.C.p.A. PROSPETTO DI BASE Società cooperativa per azioni Sede sociale e Direzione Generale in Corso Cavour 19, 70122 Bari Partita IVA, Cod. Fiscale e iscrizione al Registro imprese di Bari n. 00254030729 Albo aziende creditizie

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Articolo 1 - Oggetto 1.1. Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti dai soci in conformità all'articolo 7 dello statuto sociale. 1.2. Tale

Dettagli

LE NUOVE DISPOSIZIONI IN TEMA DI AFFIDAMENTI E SCONFINAMENTI

LE NUOVE DISPOSIZIONI IN TEMA DI AFFIDAMENTI E SCONFINAMENTI LE NUOVE DISPOSIZIONI IN TEMA DI AFFIDAMENTI E SCONFINAMENTI Ambito di applicazione Il decreto si applica alle seguenti operazioni: Aperture di credito regolate in conto corrente, in base alle quali il

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4a Apertura di credito in conto corrente

FOGLIO INFORMATIVO. 4a Apertura di credito in conto corrente Pagina 1/5 FOGLIO INFORMATIVO 4a Apertura di credito in conto corrente Il presente foglio informativo è relativo alle operazioni non rientranti nella fattispecie prevista dal D. Lgs. 141/2010 INFORMAZIONI

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N 1 DEPOSITO AL RISPARMIO

FOGLIO INFORMATIVO N 1 DEPOSITO AL RISPARMIO FOGLIO INFORMATIVO N 1 relativo al DEPOSITO AL RISPARMIO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Buonabitacolo Soc. Coop. Sede legale in Buonabitacolo, via S.Francesco Tel.: 0975 91541/2

Dettagli

CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO

CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO L anno, il giorno del mese di in Roma Via TRA La FONDAZIONE ENASARCO, con sede in Roma, Via Antoniotto Usodimare

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4aIm Apertura di credito in conto corrente offerta a Imprese

FOGLIO INFORMATIVO. 4aIm Apertura di credito in conto corrente offerta a Imprese Pagina 1/5 FOGLIO INFORMATIVO 4aIm Apertura di credito in conto corrente offerta a Imprese INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS È IL CONTO DI BASE

FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS È IL CONTO DI BASE FOGLIO INFORMATIVO relativo al CONTO DI BASE PENSIONATI A COSTO RIDOTTO Questo conto è particolarmente adatto a tutti i consumatori che abbiano limitate esigenze di operatività bancaria INFORMAZIONI SULLA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO

FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO ALLEGATO 4.1 FOGLIO INFORMATIVO Redatto in conformità a quanto previsto dalla normativa vigente ed in particolare ai sensi dell art. 16 della legge 108/1996, del titolo VI del T.U. Bancario e successive

Dettagli

GARA A PROCEDURA APERTA PER L ASSUNZIONE DI MUTUI A TASSO VARIABILE PER IL FINANZIAMENTO DEGLI INVESTIMENTI PROGRAMMATI DEL S.I.I.

GARA A PROCEDURA APERTA PER L ASSUNZIONE DI MUTUI A TASSO VARIABILE PER IL FINANZIAMENTO DEGLI INVESTIMENTI PROGRAMMATI DEL S.I.I. Comuni dell Acquedotto Langhe Sud Occidentali S.p.A. Sede: V.le Prof. Gabetti 23/b 12063 DOGLIANI (CN) Capitale Sociale Euro 3.159.565 i.v. Registro imprese di CUNEO C.F.-P.I. 00451940043 Tel. 0173/70343-721423

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO EUROPEO STANDARDIZZATO

PROSPETTO INFORMATIVO EUROPEO STANDARDIZZATO PROSPETTO INFORMATIVO EUROPEO STANDARDIZZATO Questo prospetto informativo è parte integrante del Codice volontario di condotta in materia di informativa precontrattuale relativa ai contratti di mutuo destinati

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI CARRARA S.p.A. a Tasso Fisso 2,75% 15/03/04-15/03/08 CODICE ISIN IT0003632772

CASSA DI RISPARMIO DI CARRARA S.p.A. a Tasso Fisso 2,75% 15/03/04-15/03/08 CODICE ISIN IT0003632772 EMISSIONE OBBLIGAZIONARIA CASSA DI RISPARMIO DI CARRARA S.p.A. a Tasso Fisso 2,75% 15/03/04-15/03/08 CODICE ISIN IT0003632772 INDICE Documento di Sintesi. Pag. 2 Regolamento del prestito obbligazionario..

Dettagli

Comunicazione del 20 aprile 2010. Credito revolving concesso con carte di credito: cautele e indirizzi per gli operatori.

Comunicazione del 20 aprile 2010. Credito revolving concesso con carte di credito: cautele e indirizzi per gli operatori. Comunicazione del 20 aprile 2010. Credito revolving concesso con carte di credito: cautele e indirizzi per gli operatori. Nell ambito dell attività di vigilanza la Banca d Italia ha svolto approfondimenti

Dettagli

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50.

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50. ALLEGATO A RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL'USURA (*) MEDIE ARITMETICHE DEI TASSI SULLE SINGOLE OPERAZIONI DELLE BANCHE E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI

Dettagli

AVVISO PRESTITO PERSONALE PRINCIPALI NORME DI TRASPARENZA

AVVISO PRESTITO PERSONALE PRINCIPALI NORME DI TRASPARENZA AVVISO PRESTITO PERSONALE PRINCIPALI NORME DI TRASPARENZA L AVVISO RIGUARDA LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI DISCIPLINATA DAL D.LGS.385/1993 (TESTO UNICO BANCARIO T.U.B.) E DALLE ISTRUZIONI

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE

DOCUMENTO DI SINTESI APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE Copia per la Banca DOCUMENTO DI SINTESI APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE CONNESSO ALLA TITOLARITÀ DI UNA CARTA DI CREDITO DENOMINATA CARTASÌ BLACK REDATTO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 1 SETTEMBRE

Dettagli

* Il sistema finanziario

* Il sistema finanziario * Il sistema finanziario e le banche Prof.ssa Valeria Roncone 1 *Argomenti chiave: L attività della banca e sue specificità Le funzioni della banca Il Sistema Europeo di Banche Centrali e la Banca Centrale

Dettagli

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa di Risparmio di Cento S.p.A. Sede Legale e Direzione generale: Via Matteotti 8/B - 44042 CENTO (FE) Tel. 051 6833111 - Fax 051 6833237 CODICE FISCALE, PARTITA IVA e Numero

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE Qualora il titolare sia un consumatore, si avverte che questo conto è particolarmente adatto a chi al momento dell apertura del conto pensa di svolgere un numero bassissimo

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze

Ministero dell'economia e delle Finanze Ministero dell'economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DEL TESORO DIREZIONE V Vista la legge 7 marzo 1996, n. 108, recante disposizioni in materia di usura e, in particolare, l articolo 2, comma 1, in base

Dettagli

Conto Extraordinario. Data aggiornamento 04/08/2009

Conto Extraordinario. Data aggiornamento 04/08/2009 Foglio N. 1.20.0.MC informativo Redatto in ottemperanza alla deliberazione CICR del 4 marzo 2003, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n 72 del 27 marzo del 2003 e delle Istruzioni di Vigilanza emanate

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo al CONTO CORRENTE IN VALUTA

FOGLIO INFORMATIVO. relativo al CONTO CORRENTE IN VALUTA FOGLIO INFORMATIVO relativo al CONTO CORRENTE IN VALUTA INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa Padana B.C.C. Società Cooperativa Via Garibaldi, 25 25024 Leno (BS) Tel.: 030 9040265/280 Fax: 030 9068361 email:

Dettagli

- Rinegoziazione: pro e contro dell accordo Governo Abi. Istruzioni per l uso a cura di Adiconsum

- Rinegoziazione: pro e contro dell accordo Governo Abi. Istruzioni per l uso a cura di Adiconsum Coordinato da Valeria Lai Agenzia Adiconsum - anno XX - n. 29-30 maggio 2008 Stampato in proprio in maggio 2008 In questo numero: Speciale mutui: Rinegoziazione, pro e contro dell accordo Governo Abi Istruzioni

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. N. 165769/2014 Approvazione del modello per intermediari/banche per la costituzione di deposito vincolato in titoli di Stato o garantiti dallo Stato per il rimborso dell IVA ai sensi dell articolo 38-bis

Dettagli