COMUNE DI TARQUINIA Provincia di Viterbo D e l i b e r a z i o n e d e l l a G i u n t a

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI TARQUINIA Provincia di Viterbo - - - - - - D e l i b e r a z i o n e d e l l a G i u n t a"

Transcript

1 Copia COMUNE DI TARQUINIA Provincia di Viterbo D e l i b e r a z i o n e d e l l a G i u n t a n 188 del Oggetto: D.G.R. n. 235 del 20/05/2011 Approvazione dei criteri e delle modalità per l utilizzo del Fondo per prevenire e combattere il fenomeno dell usura. Approvazione Progetto per la prevenzione e contrasto del fenomeno dell usura nel Comune di Tarquinia e schema lettera d intenti per richiesta finanziamenti regionali. Annualità ========================================================== L anno Duemilaundici, il giorno Diciannove del mese di Luglio, alle ore 8:30, nella sala delle adunanze. Previa l osservanza delle modalità prescritte dalla vigente normativa vennero oggi convocati a seduta i componenti la Giunta, Signori: 1 MAZZOLA MAURO Sindaco 5 CELLI Sandro Assessore Vice 2 SERAFINI Giovanni O. Sindaco 6 RANUCCI Anselmo Assessore 3 LEONI Enrico Assessore 7 CAPITANI Giancarlo Assessore 4 CENTINI Angelo Assessore 8 BACCIARDI Renato Assessore All appello risultano presenti n 6. Assenti i Signori: LEONI Enrico, RANUCCI Anselmo. Assiste il Segretario Dott.ssa Maria Cristina FANELLI FRATINI il quale provvede alla redazione del verbale di seduta. Essendo legale il numero degli intervenuti il Sindaco Sig. Mauro MAZZOLA assume la presidenza e dichiara aperta la seduta.

2 IL PRESIDENTE SOTTOPONE ALL APPROVAZIONE DELLA GIUNTA LA SEGUENTE LA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE PREDISPOSTA DAL SETTORE SERVIZI SOCIALI LA GIUNTA A relazione del Sindaco Mauro Mazzola Vista la Legge 7 Marzo 1996, n. 108 Disposizioni in materia di usura ; Vista la Legge Regionale 24 agosto 2001, n.23 Interventi regionali per prevenire e combattere il fenomeno dell usura ; Vista la D.G.R. n. 235 del 20/05/2011- Allegato A, con la quale la Regione Lazio ha approvato il relativo Avviso Pubblico per l utilizzo del Fondo per prevenire e combattere il fenomeno dell usura ; Preso atto che in attuazione delle suddetta Deliberazione, la Regione Lazio con Determinazione Dirigenziale n del 06/06/2011, pubblicata sul BURL n. 24 del 28/06/2011, ha approvato il relativo Avviso pubblico per l utilizzo del Fondo per prevenire e combattere il fenomeno dell usura; Accertato che con la medesima Determinazione ha definito che i Comuni ricadenti nell ambito provinciale, in forma singola o associata, possono presentare alla Regione Lazio - Direzione Regionale Servizi Sociali entro il 27/07/2011 una richiesta di finanziamento per la realizzazione di un progetto finalizzato alla prevenzione e al contrasto del fenomeno dell usura e finanziabile al singolo comune per un importo massimo di ,00; Rilevato che si ritiene opportuno elaborare un progetto finalizzato alla prevenzione e al contrasto del fenomeno dell usura nel territorio del Comune di Tarquinia; Verificato che l Art. 5 del suddetto Avviso Pubblico prevede il coinvolgimento dei soggetti operanti nel territorio di riferimento, ed in particolare della Azienda Sanitaria Locale, Terzo settore, Sistema scolastico..; Che pertanto si provvederà a sottoscrivere apposita lettera di intenti tra i soggetti coinvolti nella realizzazione del progetto, appositamente predisposta; Che è stato incaricato il Responsabile dell Ufficio Servizi Sociali del Comune di Tarquinia, Responsabile del procedimento, di elaborare un progetto finalizzato alla prevenzione e al contrasto del fenomeno dell usura nel territorio del Comune di Tarquinia secondo quanto previsto dalle direttive regionali; Constatato che l Avviso Pubblico Regionale individua le seguenti possibili finalità per ciascun Progetto: prevenzione e contrasto dell indebitamento e del sovra-indebitamento degli individui e delle famiglie attraverso azioni di informazione e sensibilizzazione volte a promuovere un corretto utilizzo del denaro e la cultura della legalità; sostegno sociale agli usurati, o potenziali vittime di usura, attraverso la costruzione di uno sportello di orientamento e consulenza finanziaria, legale e supporto psicologico; Ritenuto di dover approvare il Progetto per la prevenzione e contrasto del fenomeno

3 dell usura nel Comune di Tarquinia, appositamente elaborato secondo le direttive regionali e che allegato alla presente ne forma parte integrante e sostanziale; Ritenuto, altresì, dover approvare uno schema di Lettera d intenti come previsto dall Art. 5 del suddetto Avviso Pubblico, il quale prevede il coinvolgimento dei soggetti operanti nel territorio di riferimento, ed in particolare della Azienda Sanitaria Locale, Terzo settore, Sistema scolastico. Visti gli allegati pareri sulla regolarità tecnica e contabile rilasciati dal Responsabile del Servizio Interessato e del Servizio Finanziario ai sensi dell art. 49 del D. Lgs n. 267 (allegato 1); All unanimità D E L I B E R A 1) Di approvare il progetto Progetto per la prevenzione e contrasto del fenomeno dell usura nel Comune di Tarquinia, che forma parte integrante e sostanziale della presente deliberazione (allegato 2); 2) Di approvare uno schema di Lettera d intenti ai sensi dell Art. 5 del suddetto Avviso Pubblico, il quale prevede il coinvolgimento dei soggetti operanti nel territorio di riferimento, ed in particolare della Azienda Sanitaria Locale, Terzo settore, Sistema scolastico (allegato 3); 3) Di dichiarare, con successiva apposita ed unanime votazione, il presente atto immediatamente eseguibile ai sensi di legge. Posta ai voti la presente Deliberazione è approvata all unanimità. Comprende n. 3 allegati.

4 Allegato n. 1 alla deliberazione di Giunta Comunale n. 188 del C O M U N E D I T A R Q U I N I A Provincia di Viterbo Pareri rilasciati ai sensi dell art.49 del testo unico delle leggi sull Ordinamento degli Enti Locali (D. Lgs , n 267) sulla proposta di deliberazione predisposta in data 16/07/2011 dal Settore III Servizi Sociali Comunali - all oggetto:d.g.r. n. 235 del 20/05/2011 Approvazione dei criteri e delle modalità per l utilizzo del Fondo per prevenire e combattere il fenomeno dell usura. Approvazione Progetto per la prevenzione e contrasto del fenomeno dell usura nel Comune di Tarquinia e schema lettera d intenti per richiesta finanziamenti regionali. Annualità ============================================================== Visto, si esprime parere favorevole in ordine alla sola regolarità tecnica (art.49 del T.U. delle leggi sull Ordinamento degli Enti locali-d.lgs , n.267) Tarquinia, 16/07/2011 Il Responsabile del Servizio F.to Dott.ssa Catia MARIANI =============================================================== Visto il parere favorevole di regolarità tecnica, si esprime parere favorevole limitatamente alla sola regolarità contabile (art.49 del T.U. delle leggi sull Ordinamento degli Enti locali- D.Lgs , n.267) Tarquinia, 18/07/2011 Il Responsabile della Ragioneria f.to Dott. Stefano POLI M O T I V A Z I O N I

5 Allegato 2 alla delibera di Giunta n. 188 del C O M U N E D I T A R Q U I N I A Provincia di Viterbo Progetto per la prevenzione e contrasto del fenomeno dell usura nel Comune di Tarquinia AVVISO PUBBLICO della REGIONE LAZIO (Dipartimento Istituzionale Direzione Regionale Istituzionale, Enti LocaIi, Sicurezza) pubblicato sul BURL n. 24 del 28/06/2011 1

6 PREMESSA In uno scenario di crisi economica nazionale ed internazionale, il fenomeno dell impoverimento e del conseguente indebitamento degli individui e delle famiglie risulta molto diffuso ed in preoccupante espansione. Il problema si presenta molto complesso in quanto non riguarda una situazione esclusivamente materiale ma si manifesta anche come disagio psicologico e sociale, strettamente collegato al decadimento delle relazioni fiduciarie intra familiari. Particolarmente colpite da tali problematiche risultano le famiglie monoreddito residenti nei centri urbani maggiori, in affitto o con un mutuo da sostenere. Le cause possono essere diverse. Possono essere collegate a problematiche familiari, ad esempio in casi di separazioni, divorzi, malattie e lutti; oppure alla perdita del lavoro. In molti casi le motivazioni sono di natura sociale, legate in particolare alla pressione collettiva al consumo e al mantenimento o raggiungimento di uno standard sociale medio alto anche laddove non può essere supportato da mezzi economici adeguati. In effetti, da più parti viene affermato che quella odierna può essere definita società del debito nella quale il cittadino è stato spinto da tutto il comparto distributivo a vivere e consumare oltre le proprie possibilità effettive. In alcuni casi le origini dell indebitamento, invece, si collegano a problemi di tossicodipendenza, al gioco d azzardo o, più semplicemente ad una cattiva gestione del bilancio familiare. Di fronte a questo quadro di vulnerabilità diffusa, occorre rendere persone e famiglie più consapevoli dei pericoli dell indebitamento e del sovra indebitamento, primo fra tutti quello di cadere nella trappola dell usura. I dati messi a disposizione dagli osservatori specializzati, mettono in luce una profonda carenza nell utente medio di informazione in materia creditizia e finanziaria, ed un rinnovato e crescente bisogno di assistenza per far fronte ai rischi e alle problematiche correlate. In tale contesto, si inserisce il progetto in proposta; un progetto orientato a favorire uno sviluppo economico e sociale libero da condizionamenti, a prevenire e contrastare l illegalità e a sostenere le vittime, o potenziali vittime, del reato dell usura. Un intervento volto alla creazione di un servizio di ascolto e orientamento per le persone in difficoltà, al reinserimento sociale e alla prevenzione del problema attraverso l informazione e la conoscenza. 2

7 DESCRIZIONE DEL CONTESTO SETTORIALE E TERRITORIALE Lo sportello di prevenzione e lotta all usura si pone tra i diretti e principali interlocutori in risposta alle esigenze di giustizia e legalità sul territorio. Tra il 2005 e il 2006 l indebitamento medio delle famiglie italiane è aumentato del 14,42% e, per quanto riguarda il credito al consumo, nel triennio la richiesta alle banche è cresciuta del 29,4%, mentre quella alle società finanziarie del 36,1%. Mettendo a confronto i dati sull aumento delle richieste di credito al consumo emergono situazioni allarmanti al Sud, soprattutto in Sicilia e Calabria, in riferimento all aumento delle richieste di credito al consumo alle società finanziarie (46%); aumento che interessa anche il Nord Italia: 46,5% in Veneto, 37,8% in Toscana, 33% in Emilia Romagna. Dati confermati se si rivolge lo sguardo alle singole città italiane. L Italia, fra i paesi industrializzati è purtroppo quello in cui la povertà e il disagio economico sociale hanno ripreso ad avanzare con progressione preoccupante. Con tre significativi fatti nuovi in più: I) Nella categoria di quanto non riescono a tirare normalmente avanti hanno cominciato ad essere sempre più presenti gli stessi lavoratori dipendenti e quindi le famiglie. Uno stipendio non è più garanzia di una vita dignitosa. II) In cima alla graduatoria delle città con maggiori disagio socio economico non ci sono più le grandi, ma le medie città. III) L aumento della povertà è stato maggiore al Sud ma, per la prima volta, ha registrato un notevole passo in avanti anche al Centro e al Nord, considerato sempre più ricco. Rispetto allo scorso anno, il 9% delle famiglie in meno ha potuto risparmiare qualcosa. In Italia oltre il 68% delle famiglie spende tutto il reddito guadagnato e il 15% ha dovuto attingere ai risparmi per arrivare a fine mese. Sempre più famiglie e imprenditori si rivolgono ad usurai rispetto al passato e i dati delle denunce per usura e racket sono in netto calo.in particolare, la categoria più esposta è quella dei piccoli imprenditori che non riescono ad accedere alle normali 3

8 linee del credito, con conseguente indebitamento e progressiva incapacità di rimborso dei debiti contratti. Il Lazio è una delle regioni più colpite dal fenomeno dell usura, che non risparmia neanche Viterbo. Secondo i dati della rete di sportelli di ascolto e aiuto della Confesercenti, nella regione sono i commercianti coinvolti in relazioni usuraie e poiché ciascuno si indebita con più strozzini, le posizioni debitorie possono essere ragionevolmente stimate in almeno il doppio, per un giro d affari che supera i 3 miliardi di euro. Nella provincia di Viterbo la stima parla di circa soggetti vittime di legami con gli usurai, per un fatturato che ruota intorno ai 120 milioni di euro tra capitale e interessi. In tale contesto risulta necessario attivare un servizio che rappresenti un punto di riferimento per tutti quegli imprenditori e cittadini che, soprattutto nell attuale fase di crisi, avendo bisogno di liquidità sempre più spesso sono costretti a rivolgersi agli strozzini. Relativamente al Comune di Tarquinia, ambito territoriale in cui si realizzerà il progetto, si riscontra DESTINATARI A) Destinatari Diretti Sono destinatari diretti del presente intervento tutti i cittadini residenti nel Comune di Tarquinia che si trovino in situazioni di difficoltà economica e che necessitino di orientamento o di un sostegno legale, psicologico o sociale per risolvere le problematiche connesse ed evitare di cadere nella trappola dell usura. Sono altresì destinatari diretti tutte le persone che, non essendo riuscite a risolvere il problema dell indebitamento, siano vittime del racket e dell usura e necessitino di sostegno per il reinserimento nell economia legale e l accompagnamento alla ri socializzazione. B) Destinatari indiretti 4

9 Tutta la comunità residente nel territorio del Comune di Tarquinia, i servizi territoriali e gli enti privati impegnati nell educazione, nell affermazione della legalità e nella diffusione dell informazione e della conoscenza del fenomeno del racket e dell usura. FINALITA Favorire la prevenzione e il contrasto dell indebitamento e del sovra indebitamento degli individui e delle famiglie attraverso azioni di informazione e sensibilizzazione volte a promuovere un corretto utilizzo del denaro e la cultura della legalità Favorire il sostegno sociale agli usurati, o potenziali vittime di usura, attraverso la costruzione di uno sportello di orientamento e consulenza finanziaria, legale e supporto psicologico. AZIONI PROGETTUALI Il progetto si propone di intervenire sul disagio sociale legato al problema dell indebitamento e dell usura, attraverso una serie di attività volte al contrasto e alla prevenzione del fenomeno. Le azioni previste dall intervento si muovono su due direttrici: 1) lotta e contrasto al fenomeno dell usura 2) prevenzione del fenomeno dell usura La prima consiste nella lotta e contrasto al fenomeno dell indebitamento, del sovra indebitamento e dell usura attraverso un servizio di orientamento, consulenza e accompagnamento delle vittime o potenziali vittime, il supporto psicologico, il sostegno alla ri socializzazione nonché la sensibilizzazione e la promozione della cultura della legalità. In tal senso l intervento intende agire secondo un approccio olistico, offrendo un sostegno: 5

10 sotto il profilo psicologico, in quanto vi è la tendenza ad accentuare emotivamente la situazione reale di disagio che, in alcuni casi, porta anche a fenomeni di tipo paranoico. Il rischio connesso a questo atteggiamento è una propensione ad una eccessiva insicurezza nella risoluzione del disagio e, in alcuni casi, ad una marcata diffidenza verso le istituzioni preposte a tale servizio. sotto il profilo giuridico legale, poiché si riscontra una ineducazione alla tutela dei diritti garantiti dalla legislazione vigente ed una scarsa conoscenza delle norme che possono favorire l accesso alle tutele previste dallo stato sociale. sotto il profilo finanziario, essendo tra le cause del problema la mancanza di consapevolezza nella gestione finanziaria secondo dei parametri consoni alle possibilità. La seconda riguarda l aspetto della prevenzione del fenomeno dell indebitamento, del sovraindebitamento e dell usura attraverso la sensibilizzazione, l informazione, la promozione di iniziative, la realizzazione di spot radiofonici, la creazione di una guida informativa e la formazione nelle scuole. L intento è quello di operare una prevenzione primaria contro il ricorso a comportamenti illegali, offrire occasioni di conoscenza efficaci per quelle famiglie già vittime di criminalità o prossime a diventarlo. Si vuole sensibilizzazione la popolazione sulle problematiche del sovra indebitamento e del rischio correlato per fare conoscere il problema e promuovere azioni di cittadinanza attiva. 1) AZIONI DI SPORTELLO PREVISTE NELL AMBITO DELLA LOTTA E CONTRASTO AL FENOMENO DELL USURA Obiettivi specifici Favorire l orientamento alle persone che versano in condizioni di disagio economico Garantire un servizio di consulenza qualificata e senza fini di lucro per l accesso al credito a condizioni non usuraie da parte delle famiglie Favorire l emersione del fenomeno sommerso dell usura Favorire l accesso ai canali legali del credito attraverso l informazione, la consulenza e l orientamento 6

11 Sostenere il contrasto e la lotta al fenomeno dell indebitamento, del sovra indebitamento e dell usura Favorire la sottrazione delle persone indebitate all usura Favorire la denuncia dei casi di usura da parte delle vittime Favorire il superamento delle condizioni di isolamento e solitudine in cui versano le persone vittime di usura Sostenere la costruzione di percorsi alternativi e di reinserimento sociale per le persone che si trovano in condizioni di disagio socio economico e/o per le vittime dell usura Favorire il supporto psicologico alle persone che si trovano in situazioni debitorie e alle vittime di usura Promuovere atteggiamenti e comportamenti responsabili nell uso del denaro Aumentare la consapevolezza sui comportamenti a rischio 1.a) Sportello di orientamento, informazione, tutoraggio e consulenza legale per la prevenzione e il sostegno contro il sovra indebitamento e l usura Lo Sportello antiusura ha l obiettivo di fornire consulenza e supporto in relazione alla tematica del sovra indebitamento familiare e della lotta all usura, per l informazione e le modalità per l accesso al credito, per la prevenzione e la lotta all usura e per l orientamento ed il supporto del consumatore e dell utente al buon uso del denaro. In particolare sarà possibile ricevere consulenza in merito a: Gestione del risparmio e dei conti correnti Erogazione prestiti e mutui Rientro immediato affidamento Prestiti negati 7

12 Iscrizione centrale rischi Bollette non pagate Esecuzioni immobiliari Fallimenti e protesti Informazioni su finanziamenti e condizioni per un corretto accesso al credito al consumo. Lo sportello si propone di offrire, inoltre, tramite il lavoro di operatori specializzati e consulenti legali, sostegno e tutela per quelle famiglie già vittime di criminalità, che vogliano percorrere un iter di riabilitazione ed uscire fuori dalla spirale di illegalità in cui sono caduti. La consulenza e il supporto verranno operate, nei casi particolarmente delicati, mediante l accompagnamento alla denuncia e la costituzione di parte civile nel processo penale, nonché attraverso il contrasto giudiziario ad azioni di forzato recupero del credito. Nei casi dove si rivelerà necessario, gli utenti saranno indirizzati verso soggetti terzi esterni, quali magistratura, forze dell ordine, Commissario Antiraket e antiusura, altre associazioni, mezzi di informazione, etc. Le attività di sostegno alle vittime consisteranno, altresì, nell affiancamento alla precompilazione di domande di accesso dei fondi di prevenzione antiusura (L 108/96) oltre che per servizi di cancellazione e riabilitazione protesti, per il recupero di immobili messi all asta, per problematiche inerenti l anatocismo. Lo sportello prevederà, infine, consulenza aziendale e bancaria per diverse categorie produttive, quali piccoli imprenditori, commercianti e per i liberi professionisti. La consulenza potrà essere richiesta telefonicamente, inviando una e mail, oppure recandosi di persona in sede negli orari di apertura degli sportelli. 1.b) Servizio di consulenza fiscale, bancaria ed economica Il servizio è complementare ed integrativo al servizio legale, in quanto permette all utente una serie di azioni che vanno da un educazione al buon uso del denaro, nell ottica della prevenzione del sovra indebitamento e dell usura, ad azioni per il rientro nell economia legale, come la possibilità di richiedere agli enti interessati la rateizzazione dei debiti contratti, l ottenimento di rimborsi in caso di interessi anatocistici, o il ricalcolo degli interessi dovuti e l ammortamento degli stessi, ove possibile. Presso lo sportello sarà disponibile la consulenza di un operatore fiscale per esaminare pratiche riguardanti stati di sovra indebitamento ed usura, per compilare la parte 8

13 fiscale correlata alle richieste al fondo di prevenzione e di solidarietà e per i calcoli sugli interessi attivi e passivi nei confronti di istituti di credito e finanziarie. Il lavoro verrà svolto attraverso un intermediazione con banche e finanziarie, nell ottica di giungere ad una positiva soluzione attraverso dei piani di rientro e/o chiusura. 1.c) Servizio per la predisposizione di piani economici personalizzati per il rientro da situazioni debitorie Per le persone che si rivolgeranno al servizio è prevista un attività di accompagno nella formulazione di piani economici per il rientro da situazioni debitorie. Saranno affrontate le seguenti problematiche, molto frequenti tra i cittadini: aperture di credito in conto corrente; finanziamenti per anticipi su crediti e documenti e sconto di portafoglio commerciale; crediti personali; crediti finalizzati all'acquisto rateale; negoziazione di condizioni bancarie più favorevoli; assistenza ai consorziati per l espletamento delle pratiche bancarie; operazioni di factoring; operazioni di leasing; mutui; prestiti contro cessione del quinto dello stipendio; altri finanziamenti a breve e a medio/lungo termine. 1.d) Servizio di sostegno psicologico Presso lo sportello, gli utenti potranno avere accesso anche al servizio di consulenza psicologica. In particolare il servizio si propone di: 9

14 supportare le persone che si rivolgono al centro d ascolto in modo da individuare le problematiche psicologiche che possono rappresentare la causa o la conseguenza del problema in corso; aiutare il nucleo familiare a riattivare un corretto rapporto, non viziato o deviato dal problema contingente; Intervenire nei casi di effettivo bisogno di terapia, o attraverso un supporto psicologico di terapia breve (counseling) o attraverso il contatto, l intermediazione e l invio ai servizi sociali di zona. 2) AZIONI PREVISTE NELL AMBITO DELLA PREVENZIONE DEL FENOMENO DELL USURA Obiettivi specifici Favorire la conoscenza e la diffusione dei rischi correlati al sovra indebitamento e all usura Prevenire il fenomeno dell usura attraverso l informazione e la conoscenza Sensibilizzare la popolazione e gli enti locali sui temi del ricorso a comportamenti illegali, per favorire l instaurarsi di una mentalità di contrasto all illegalità Favorire la promozione di un corretto uso del denaro Aumentare la consapevolezza sui comportamenti a rischio Favorire una diffusione capillare di informazioni sul fenomeno del sovra indebitamento e dell usura Favorire la diffusione delle informazioni sul tema dell usura anche attraverso il web Favorire l accesso ai servizi antiusura anche a coloro che vogliono mantenere l anonimato Sensibilizzare le giovani generazioni sui rischi collegati ad un uso imprudente del denaro Favorire la conoscenza del fenomeno dell usura tra i giovani 10

15 2.a) Realizzazione di eventi pubblici e promozione della cittadinanza attiva L azione prevede l organizzazione nel Comune di Tarquinia di iniziative pubbliche completamente dedicate all informazione della popolazione sui temi del sovra indebitamento e dell usura. Saranno proposte conferenze, incontri o dibattiti, con distribuzione di materiale informativi e consulenze, anche nell ottica di sensibilizzare l opinione pubblica e stimolare tra i cittadini una partecipazione attiva nella prevenzione e nel contrasto del fenomeno. Verranno affrontate le tematiche collegate alla dipendenza dal denaro, e saranno indicate modalità corrette di utilizzo del denaro e di gestione dei diversi budget individuali o familiari; verranno fornite indicazioni sui differenti canali di credito e sulle modalità per accedervi. Nel corso delle varie iniziative verranno, inoltre, presentate le attività previste dallo sportello centrale anti usura. Le iniziative saranno promosse attraverso tutti i canali di comunicazione, saranno aperte alla stampa e vedranno la partecipazione delle autorità politiche locali, di esperti in materia e delle forze dell ordine locali. Verranno, inoltre, organizzati incontri formativi informativi nelle scuole secondarie di secondo grado per diffondere l educazione all uso responsabile del denaro e ricercare insieme ai ragazzi giuste alternative al consumismo. Infatti tra i più giovani il consumo e quindi l imprudenza nello spendere si legano di frequente ad una logica di identificazione e di protagonismo che si basano sulla apparenza e sulla appartenenza al gruppo. E opportuno far riflettere i ragazzi sulla difficoltà delle famiglie a sostenere spese per l acquisto di simboli di status (telefonini, abbigliamento di tendenza, ultimi ritrovati tecnologici, viaggi, etc ) da cui deriva il rischio di acquisti rateizzati che permettono sì di dilazionare la spesa, ma possono comportare conseguenze pericolose per il bilancio familiare. Verranno realizzati incontri nelle scuole secondarie di secondo grado del Comune di Tarquinia 2.b) Realizzazione informativa sui quotidiani locali (Corriere di Viterbo, Messaggero, ) 2.c) Realizzazione di un opuscolo informativo Sarà realizzata e distribuita nel Comune di Tarquinia un guida pratica al cittadino per prevenire l usura. L opuscolo sarà di facile consultazione, vi saranno riportati gli uffici istituzionali a cui rivolgersi e la spiegazione, in forma molto semplificata, delle principali normative in materia di 11

16 usura ed estorsione. Si prevede di pubblicare e distribuire copie della guida. L opuscolo sarà distribuito nei luoghi di socializzazione del Comune di Tarquinia, nei luoghi di maggiore aggregazione della popolazione a rischio (centri per l impiego, altre associazioni di volontariato, scuole, servizi sociali, parrocchie, esercizi pubblici ecc.). 2.d) Costruzione di uno sportello telematico anti usura Sarà attivato, nel sito Internet del Comune di Tarquinia, uno sportello telematico nel quale le persone possano trovare informazioni generali sul problema dell usura e indicazioni per l accesso alla consulenza legale e al supporto psicologico. Nell ambito di questo servizio verrà, inoltre, prevista un attività di assistenza on line, al fine di garantire alle persone che lo desiderino il rispetto dell anonimato. Lo sportello telematico sarà gestito da operatori specializzati che indirizzeranno gli utenti alle figure professionali specifiche in base alle esigenze e alle problematiche che manifestano. Lo sportello telematico sarà aperto contemporaneamente ai giorni di apertura dello sportello. Il servizio nasce per offrire servizi su più canali d accesso in modo che l utente possa individuare le modalità di fruizione più adeguate alle proprie esigenze. METODOLOGIE D INTERVENTO Front office Le attività di sportello si caratterizzano per un approccio di tipo sistemico, che tiene conto di tutti gli aspetti del problema, economici, legali, psicologici e richiede la piena collaborazione della persona nell'analisi e nella possibile risoluzione del caso, grazie all interazione che avverrà con figure professionali specifiche. Infatti, previo appuntamento, saranno a disposizione dell utenza dei professionisti tra cui avvocati, psicologi e commercialisti i quali interagiranno per mettere in atto strategie antiusura sia in termini di contrasto che di prevenzione. La ragione etica di fondo dello Sportello è quella di far prevalere, nell'ambito di una strategia di solidarietà, l'elemento della consulenza, dell'assistenza, del consiglio, rispetto all'offerta di denaro in prestito. 12

17 Dopo la prima accoglienza, caratterizzata da un ascolto empatico e attivo, l operatore passerà alla raccolta di dati attraverso una scheda di contatto, nella quale verranno registrati dati anagrafici e informazioni generali rispetto ai percorsi individuali degli utenti. In una parte della scheda verranno, inoltre, raccolte le richieste specifiche, informazioni che verranno, poi, utilizzate negli incontri successivi dai consulenti specifici che l utente andrà ad incontrare. Il materiale raccolto sarà utilizzato esclusivamente per mantenere uno storico dell'utente, al fine di fornire un servizio completo e coerente nel tempo. Tutto il materiale archiviato sarà conservato nel rispetto della legge sulla privacy. Tutoraggio La metodologia del tutoraggio consiste nella presa in carico del caso da parte di un TUTOR che affianca l utente in tutto il percorso ed ha la responsabilità di seguire l andamento del caso. Durante il primo contatto, ad ogni utente verrà assegnato un TUTOR che predispone il piano di intervento e fissa un appuntamento con i professionisti maggiormente indicati per il caso esposto. Il TUTOR rimane responsabile del caso e verifica periodicamente gli sviluppi, indirizzando e seguendo l utente ai vari servizi disponibili. Con questa procedura l utente ha comunque sia un punto preciso di riferimento per il complesso delle sue problematiche, sia una guida e un supporto fisso per ogni aspetto. Tale modalità, inoltre, permette ai professionisti di poter operare in modo cooperativo sul caso fino alla risoluzione di ogni suo aspetto. Ascolto attivo Nel favorire l espressione dei bisogni degli utenti nel lavoro di orientamento è molto importante che gli operatori siano disponibili a comprendere realmente ciò che l'altro sta dicendo, mettendo anche in luce eventuali difficoltà di comprensione. In questo modo è possibile stabilire rapporti di riconoscimento, rispetto e apprendimento reciproco al fine di poter stabilire una relazione di aiuto. L'ascolto attivo è, appunto, una metodologia d'intervento che si fonda sulla creazione di un rapporto positivo, caratterizzato da un clima in cui una persona possa sentirsi empaticamente compresa e, dunque, non giudicata. I principali elementi che verranno posti alla base di una buona attività di ascolto saranno: sospensione dei giudizi di valore e l'urgenza classificatoria, al fine di non definire a priori il proprio interlocutore o quanto egli dice in ''categorie'' di senso note e codificate; 13

18 osservazione ed ascolto volti a raccogliere tutte le informazioni necessarie sulla situazione contingente, ricordando che il silenzio aiuta a capire e che il vero ascolto è sempre nuovo, non è mai definito in anticipo in quanto rinuncia ad un sapere già acquisito; empatia finalizzata ad assumere il punto di vista del proprio interlocutore e a condividere, per quello che è umanamente possibile, le sensazioni che manifesta; verifica della comprensione, sia a livello dei contenuti che della relazione, riservandosi, dunque, la possibilità di fare domande aperte per agevolare l'esposizione altrui e migliorare la propria comprensione. Questa metodologia di intervento risulta particolarmente adatta nell ambito dello sportello antiusura, in quanto le persone molto spesso si sentono giudicate a prescindere, e vivono l onta del problema che li affligge. La creazione di un clima positivo e la sospensione del giudizio rappresentano quindi elementi che facilitano la comunicazione e pertanto anche la ricerca di una soluzione al problema. Rete La metodologia del lavoro di rete è entrata da diversi anni nella prassi consolidata del lavoro sociale. Alle domande poste dai nuovi bisogni le istituzioni hanno cercato di rispondere attraverso l attivazione di una nuova gamma di interventi, progetti e servizi sociali. Ampliando l area dei bisogni si è posta la questione della individuazione e selezione degli stessi con l obiettivo di definire una diversa gerarchia di priorità in relazione alle risorse disponibili. La promozione e il consolidamento di una rete locale forte, da costruire anche con strutture private ed altri enti pubblici presenti sul territorio della provincia di Viterbo sarà, pertanto, fondamentale per raggiungere gli obiettivi del progetto. Troppo spesso un insieme di fattori diversi agisce da freno al corretto funzionamento delle reti con effetti estremamente negativi sulla realizzazione dei servizi. La consapevolezza dei limiti di ciascun attore nel processo di attuazione di un servizio deve rappresentare il primo mattone di una costruzione che deve ambire ad acquisire una sua fisionomia funzionale, ad avere un senso ed una prospettiva. In molti casi le reti vengono avviate con molta enfasi, ma si perdono poco dopo perché le metodologie di gestione ed alimentazione 14

19 non sono appropriate e le responsabilità attribuite non vengono correttamente rispettate. Altre volte, invece, le reti si configurano come semplici tavoli animati da operatori e dirigenti dei servizi impegnati a strutturare interventi a partire dalle conoscenze e dai saperi di ciascuno, che finiscono spesso per produrre astrazioni al posto delle relazioni concrete con le persone destinatarie dell intervento stesso. Con il presente progetto, si intende invece coniugare un lavoro con le reti e sulle reti di servizi ad un lavoro con le reti e sulle reti informali, al fine di costruire alcuni terreni di confronto comune tra queste differenti reti sociali. PARTENARIATI Il progetto prevede il coinvolgimento di altri soggetti istituzionali diversi dal proponente, quali: Asl, Istituzioni Scolastiche e Terzo Settore. MODALITA DI ATTUAZIONE E GESTIONE DEL PROGETTO Attuazione del progetto Per quanto riguarda l attuazione del progetto, questa avverrà entro 40 giorni dalla comunicazione da parte dell Ente Committente, nei termini e nelle modalità individuate in accordo con lo stesso, presentando nota di accettazione del contributo e la descrizione delle azioni avviate. Per il lancio del progetto sarà organizzata una conferenza stampa che coinvolgerà le maggiori testate giornalistiche locali. L intervento e tutte le attività da esso previste verranno inoltre pubblicizzati con locandine, manifesti, flyer ed altri mezzi, in tutto il territorio del Comune di Tarquinia. Composizione del Gruppo di lavoro Lo sportello sarà attivo due giorni alla settimana (da stabilire) per 4 ore, per 12 mesi. Tutto il personale coinvolto nella realizzazione del progetto sarà impegnato esclusivamente nelle attività progettuali e sarà selezionato anche sulla base delle esperienze effettuate e delle conoscenze specifiche acquisite nel settore della lotta al racket e all usura. Figure professionali previste e ruoli: COORDINATORE: Assume la funzione di direzione generale delle attività dei progetti SPORTELLO TUTOR: Assicurano la gestione continua dello Sportello Antiusura nel rapporto con gli utenti e con le altre figure professionali, promuovono la comunicazione e l informazione sulle 15

20 attività e l organizzazione dello sportello, organizzano e promuovono le iniziative informative e formative e la realizzazione della guida informativa. Il servizio sarà assicurato dalla figura professionale di un Assistente Sociale. PROFESSIONISTI: offrono il supporto professionale agli utenti dello sportello secondo le proprie competenze (legale, psicologica, aziendalista, bancaria). SOGGETTI GESTORI I soggetti gestori dell'intervento saranno individuati dal Comune di Tarquinia. RISULTATI ATTESI Il progetto presenta, per la modalità di esecuzione, un efficacia immediatamente misurabile, data dal numero degli accessi allo sportello per informazioni e consulenza. La modalità di esecuzione, che comporta un diretto contatto con il pubblico, è di grande impatto, sia per il richiamo mediatico che viene ottenuto pubblicizzando l intervento e rendendolo pubblico, sia per la possibilità di un più facile accesso del cittadino a problematiche che sono in genere di difficile reperimento e che generalmente incontrano la resistenza ad essere esplicate. Si prevede dunque di raggiungere un numero indicativo di: Azione Risultato atteso N totale Azione 1.a) Utenti servizio di orientamento, informazione, tutoraggio e consulenza legale per la prevenzione e il sostegno contro il sovra indebitamento e l usura

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

N. 68/11 del 19 ottobre 2011

N. 68/11 del 19 ottobre 2011 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE OGGETTO: N. 68/11 del 19 ottobre 2011 ADEGU DEGUAMENTO ALLA NORMATIVA A DI PREVENZIONE INCENDI ENDI: : IMPIANTO

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE

VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE COPIA Determinazione n. 812 del 28/11/2013 N. registro di area 139 VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE Assunta nel giorno 28/11/2013 da Laura Dordi Responsabile del Settore AFFARI GENERALI

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere di Giunta COPIA N. 96

Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere di Giunta COPIA N. 96 COMUNE DI TREPPO GRANDE Medaglia d Oro al Merito Civile PROVINCIA DI UDINE COMUN DI TREP GRANT Medae d Aur al Merit Civil PROVINCIE DI UDIN Verbale di deliberazione della Giunta Municipale Registro delibere

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i.

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i. 28501 di dare atto che il presente provvedimento non comporta alcun mutamento qualitativo e quantitativo di entrata o di spesa né a carico del bilancio regionale né a carico degli enti per i cui debiti

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi.

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 1 2 OGGETTO: Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. L anno 2012 (Duemiladodici) addì 27 (Ventisette) del mese

Dettagli

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA AVVISO PUBBLICO Selezione di Statistici junior BIC Sardegna SpA, Soggetto Attuatore dell intervento IDMS, Sistema Informativo dell indice di Deprivazione Multipla

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE

BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE Servizio Politiche Giovanili Sociali e Sportive. Politiche di Genere Approvato con Delibera di G.P: n 39/2015 del 19/03/2015 BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE Allegato A) Il progetto Educare alle differenze-

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli