AGENZIA DELLA CGIL VENETO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AGENZIA DELLA CGIL VENETO"

Transcript

1 AGENZIA DELLA CGIL VENETO fondata da Marco Masi Agenzia della CGIL del Veneto Anno XVII n. 4 del 27 febbraio 2008 Dir. resp. Simonetta Pento Aut. Trib. di VE n del Redazione via Peschiera Mestre VE - Stampa CPSS Mestre Venezia PIÙ VALORE A SALARI E PENSIONI PREZZI E TARIFFE SOTTO CONTROLLO Nei luoghi di lavoro, nelle piazze e nei mercati iniziative a sostegno della piattaforma di CGIL CISL UIL per: recuperare il potere d'acquisto perduto da lavoratori dipendenti e pensionati introdurre misure di controllo e contenimento di prezzi e tariffe PER VALORIZZARE IL LAVORO E FAR CRESCERE IL PAESE La locomotiva italiana viaggia più lenta di tutta Europa, mentre i redditi dei lavoratori dipendenti restano al palo, registrando un decremento in termini di potere d'acquisto in atto ormai da 10 anni. I rinnovi dei contratti non hanno comportato una crescita reale delle retribuzioni, decurtate nel valore reale da più fattori, tra cui hanno indubbiamente pesato un' inflazione programmata più bassa di quella effettiva, i ritardi nei rinnovi contrattuali, la mancata restituzione del fiscal drag, la scarsa redistribuzione e la bassa crescita della produttività. Questo svantaggio, accumulatosi nel lungo periodo, ha prodotto una situazione insostenibile per una quota sempre crescente di famiglie italiane, inducendo un duplice fenomeno sul piano sociale. Se, infatti, da un lato si è prodotto uno sbilanciamento all'interno delle classi medie di reddito con una ridistribuzione verso il lavoro autonomo di quote di ricchezza sottratte al lavoro dipendente, d'altro canto è aumentato in modo esponenziale il numero di workingpoor, ossia persone che vivono al di sotto della soglia di povertà nonostante abbiano un lavoro, con un effetto di trascinamento verso le classi più giovani del rischio di indigenza, rovesciando la situazione in essere fino a pochi anni fa che concentrava il problema della povertà tra la popolazione più anziana. Raddrizzare questa distorsione è necessario, pena l' approfondirsi, alla lunga, di una situazione socialmente insostenibile che indurrebbe un indebolimento complessivo del nostro sistema. Per questo ha una forte rilevanza il contrasto alla precarizzazione del lavoro che la Cgil continuerà a perseguire con la propria iniziativa. Ma resta altrettanto importante operare una politica dei redditi (agendo anche sulla leva fiscale) nel segno dell'equità, oltre che affrontare una rivisitazione del sistema contrattuale per restituire ai salari e alle pensioni italiani quel valore che, unici in Europa, hanno perduto. La piattaforma "Per valorizzare il lavoro e far crescere il Paese", I lavoratori dipendenti e i pensionati, quelli che sostengono il maggior peso fiscale nel paese, hanno subìto - a differenza dei lavoratori autonomi - una pesante perdita di potere d'acquisto, tale da indurre Cgil Cisl Uil a sollevare una "questione salariale". Le richieste, su cui stava per partire un confronto subito interrotto dalla crisi politica, restano per CGIL CISL UIL un punto fermo. Il sindacato pone tale questione come prioritaria, chiede l'aumento immediato delle detrazioni fiscali per il lavoro dipendente e le pensioni e chiede che i punti posti nella piattaforma siano il primo impegno del prossimo Governo. Questi, oltre alle maggiori detrazioni fiscali, riguardano: una manovra sull'irpef che renda strutturale l' alleggerimento del prelievo sui redditi da lavoro, la riduzione fiscale sugli aumenti contrattuali, la redistribuzione della produttività ai salari, la riduzione dei prezzi sui prodotti più "sensibili", tariffe e affitti meno cari, continuità della lotta all'evasione fiscale, armonizzazione europea della tassazione sulle rendite finanziarie, attenzione ai tributi locali. Il sindacato chiede alle forze politiche di mettere questi temi al centro della campagna elettorale, come ha ricordato il segretario generale della Cgil, Guglielmo Epifani, all' assemblea nazionale dei quadri e delegati sindacali svoltasi a Roma il16 febbraio. "Mi aspetto dalle forze politiche - ha detto - impegni specifici sul tema della redistribuzione fiscale ai lavoratori dipendenti. Si tratta di uno dei temi più sentiti perché con le attuali retribuzioni la famiglia media non riesce ad andare avanti". Il Segretario della Cgil ha inoltre insistito sul capitolo relativo al controllo di prezzi e tariffe. "Una delle ragioni per cui la crisi di governo è arrivata nel momento sbagliato - ha aggiunto - è proprio perché stava per iniziare un confronto su prezzi e tariffe". Sulla polemica relativa al tesoretto, Epifani ha tagliato corto: "Se c'è o non c'è chiedetelo a chi non ha una posizione chiara. Io penso che qualche risorsa ci sia e che bisogna spenderla subito sui versanti della redistribuzione del fisco alle famiglie e dei prezzi". lanciata il 24 novembre a Milano da Cgil Cisl Uil ha, in questo senso, carattere di emergenza e richiede una corsia prioritaria nell'agenda politica. Essa pone la necessità di riavviare il circolo virtuoso dell' aumento della produttività e dell'equità in un contesto in cui lotta all'evasione fiscale e risanamento dei conti pubblici rappresentano una sorta di sponda etico - politica a garanzia di un buon livello di welfare, senza il quale scadrebbe la qualità di vita complessiva. Occorrono politiche di sostegno della produttività generale (investimenti in innovazione e ricerca, infrastrutture materiali e immateriali, ecc.) e politiche contrattuali che ridistribuiscano verso il lavoro la maggiore produttività realizzata. Anche perché il rilancio del sistema Italia non può prescindere dalla crescita della domanda interna, oggi compressa dalla bassa dinamica retributiva. L'intervento sul fisco può essere avviato fin da ora (intervenendo come prima misura sulle detrazioni per il lavoro dipendente) grazie alle maggiori risorse rese disponibili dalla lotta all'evasione che il balletto delle cifre cui abbiamo di recente assistito non può cancellare. Sarebbe un segnale positivo per quei milioni di lavoratori e pensionati che, pagando regolarmente le tasse, sostengono il paese e sono portatori, oggi più che mai, di una domanda di equità, oltre che di legalità. Nelle pagine che seguono riportiamo alcune valutazioni dei maggiori Istituti che hanno indagato su prezzi e retribuzioni. Tutti, senza eccezione, concordano nell'evidenziare l'esistenza di una "questione salariale", ormai ineludibile. Abbiamo inoltre predisposto alcuni "quadri" sintetici, descrittivi della situazione, a partire da come i lavoratori italiani si siano visti decurtare in 6 anni una cifra media di euro e come, nello stesso periodo, la corsa dei prezzi abbia inciso sui consumi medi delle famiglie per una maggiore spesa di Euro.

2 2 27 febbraio 2007 LA REDISTRIBUZIONE INIQUA I dati relativi al 2006 dell' indagine sui bilanci familiari della Banca d'italia evidenziano alcune preoccupanti tendenze. La prima è una ricomposizione interna ai redditi delle classi medie, in atto da tempo, che vede crescere i redditi degli indipendenti a fronte di una stasi di quelli dei dipendenti, con un conseguente allargamento delle disparità. In quest'ambito va evidenziata un'ulteriore, particolare sofferenza nelle retribuzioni delle donne e, soprattutto dei giovani, includendo ormai in questa fascia i lavoratori fino a 30 anni. Un secondo fenomeno che emerge con grande evidenza è l'esistenza di un rischio di povertà molto superiore per i giovani rispetto agli anziani, ribaltando la situazione che fino a 30 anni fa concentrava i problemi di povertà tra la popolazione della fascia d'età più elevata. Tra i minorenni, nel 2006, il 19,3 per cento è povero, mentre tra gli ultrasessantacinquenni questa quota scende all'8,6 per cento, mentre il tasso di povertà riferito all'intera popolazione oscilla tra l'11,1% rilevato dall'istat in base ai consumi ed il 13,2% stimato dalla Banca d'italia. Professione capofamiglia La tabella mostra i valori medi del reddito disponibile (in euro correnti) per le famiglie classificate sulla base dell'età e della condizione lavorativa del capofamiglia. Nel complesso in undici anni i redditi di tutte le famiglie italiane sono cresciuti di circa l'8 per cento in termini reali (meno dell'1% all'anno), mentre nel resto d'europa i redditi reali delle famiglie sono cresciuti a tassi superiori. Se questa è la media, il fattore redistributivo accentua le disparità tra lavoratori dipendenti ed autonomi, con una perdita dello 0,5% per i primi ed un incremento del 25,9% per i secondi. redditi disponibili medi delle famiglie per condizione del capofamiglia Var. reale Var. reale Var. reale Operaio ,2% 0,7% -1,6% Impiegato ,1% -1,1% -1,2% Dirigente ,1% 14,9% 9,1% Totale dipendenti ,9% 1,5% -0,5% Imprend, lib profess ,6% 6,2% 0,2% Altro autonomo ,3% 24,2% 41,9% Totale indipendenti ,9% 14,5% 25,9% Pensionato ,7% 4,9% 3,2% Non occupato ,2% 0,0% -35,2% Totale non attivi ,8% 5,4% 2,4% TOTALE GENERALE ,9% 4,7% 7,7% Il capofamiglia è definito come la persona con il più elevato reddito individuale in famiglia; la variazione reale dei redditi è ottenuta deflazionando i redditi nominali con il deflatore dei consumi delle famiglie (pari al 14.7% tra il 1995 e il 2000, e al 16,4% tra il 2000 ed il 2006). E LE FAMIGLIE? MONOGENITORIALI QUELLE PIÙ IN DIFFICOLTÀ Nel 2005, le famiglie residenti in Italia hanno percepito un reddito medio netto (escluso il computo dell'abitazione di proprietà) pari a euro, circa euro al mese. Tuttavia, la maggioranza delle famiglie (61,0%) ha conseguito un reddito inferiore all'importo medio, a causa della distribuzione diseguale dei redditi. Per tener conto di questa asimmetria, l'istat (nel rapporto uscito a fine gennaio 2008 e riferito agli anni 2005 e 2006) ha utilizzato un altro indicatore, il "valore mediano" del reddito che, collocato nel punto intermedio della distribuzione, indica il livello di reddito che divide le famiglie in due metà uguali. In base al valore mediano risulta che il 50% delle famiglie ha percepito nel 2005 meno di euro (circa euro al mese). Il reddito netto familiare dipende soprattutto dal numero dei percettori di reddito e dalla tipologia della fonte principale di entrata. Nel 2005, il reddito mediano delle famiglie con un solo percettore è stato pari a euro, rispetto ai euro delle famiglie con tre o più percettori. Gli anziani soli dispongono di un reddito netto meno elevato: il valore mediano indica che il 50% di queste famiglie ha guadagnato nel 2005 meno di euro (920 euro mensili), mentre le persone sole con meno di 65 anni hanno potuto contare su un reddito più consistente (la mediana è di euro). Le coppie con figli hanno un reddito mediano pari a euro, ma se i figli sono minori il reddito decresce e le coppie con tre o più figli minori nel 50% dei casi hanno guadagnato meno di euro (2.242 euro al mese). Fra le famiglie con figli, quelle in cui è presente un solo genitore presentano redditi ancora più bassi: meno di euro (2.004 euro al mese) che scendono ulteriormente ( euro l'anno, pari a euro mensili) nelle famiglie monogenitore in cui vi è almeno un figlio minore.il reddito netto delle famiglie è prevalentemente legato alle caratteristiche socio-demografiche dei componenti (sesso, età, titolo di studio, condizione professionale) e, in particolare, da quelle del principale percettore di reddito. Il valore cresce all'aumentare dell'età del "capofamiglia" fino a raggiungere un massimo tra i 45 e i 54 anni ed è tanto maggiore quanto più alto è il suo livello di istruzione. Il 50 per cento delle famiglie il cui principale percettore è laureato - situazione cui si associa più spesso un maggior numero di percettori in famiglia (ad esempio: partner entrambi occupati) - guadagna più di euro l'anno (3.187 euro al mese). Nello stesso tempo, la metà delle famiglie in cui l'entrata principale proviene da una persona con basso o nessun titolo di studio ha potuto disporre nel 2005 di un reddito non superiore a euro (1.200 mensili). La distribuzione dei redditi è caratterizzata anche da importanti differenze di genere: le famiglie il cui il principale percettore è una donna presentano un reddito mediano pari a circa due terzi di quello delle altre tipologie familiari.

3 27 febbraio LA PERDITA DEL POTERE D'ACQUISTO DELLE RETRIBUZIONI* DAL 2002 AL 2007 È PARI A EURO ANNO INFLAZIONE RETRIBUZIONI LORDE POTERE D ACQUISTO PERDITA O GUADAGNO EFFETTO FISCAL DRAG % 2,4% -0,4% ,9% 1,8% -1,1% ,7% 2,7% 0,0% ,3% 2,8% +0,5% ,7% 3,3% +0,6% ,9% 2,0% +0,1% intero periodo -0,3% PERDITA COMPLESSIVA Tra il 2002 e il 2007, secondo una stima dell'ires, le retribuzioni hanno subito mediamente una perdita complessiva di euro. Di questi, euro sono dovuti alla diversa dinamica tra inflazione e retribuzioni e 686 euro imputabili alla mancata restituzione del fiscal drag. Ma la perdita di potere d'acquisto dei redditi della famiglie di operai e impiegati si contrappone ad una crescita del potere d'acquisto delle famiglie degli imprenditori e dei liberi professionisti. Secondo l'ultimo rapporto di Bankitalia tra il 2000 ed il 2006 il reddito (in termini reali) delle famiglie italiane e' cresciuto in modo assai differenziato a seconda che il capofamiglia sia un lavoratore dipendente o un lavoratore autonomo: LAVORATORE DIPENDENTE + 0,96% LAVORATORE AUTONOMO +13,86% *Calcolo riferito ad una retribuzione lorda di euro - fonte IRES

4 4 27 febbraio 2007 QUARTA SETTIMANA PROBLEMATICA PER UN SESTO DELLE FAMIGLIE Accanto alla rilevazione dei redditi individuali e familiari, l'indagine su "Reddito e condizioni di vita", (pubblicata in questi giorni) dell' Istat ha raccolto, attraverso interviste, una serie di informazioni relative agli aspetti non monetari delle condizioni di deprivazione delle famiglie, come il ritardo nei pagamenti, l'indebitamento, le difficoltà ad arrivare a fine mese e a sostenere il carico finanziario per le necessità quotidiane. E' stato chiesto agli intervistati se, nei 12 mesi precedenti, è successo (anche soltanto una volta) che la famiglia non avesse i soldi per acquistare cibo, per pagare le spese mediche o per comprare i vestiti di cui aveva bisogno; se la famiglia ha potuto permettersi di riscaldare adeguatamente l'abitazione e se si è trovata, almeno una volta negli ultimi 12 mesi, in arretrato con il pagamento delle utenze (bollette di luce, gas, telefono). Infine si sono poste due domande relative alla percezione soggettiva del disagio economico: se la famiglia ritiene di poter affrontare una spesa necessaria ed imprevista di 600 euro e come arriva alla fine del mese. Alla fine del 2006, il 14,6 per cento delle famiglie ha dichiarato di arrivare con molta difficoltà alla fine del mese ed il 28,4 per cento di non essere in grado di far fronte ad una spesa imprevista di 600 euro. Nei dodici mesi precedenti l'intervista, in almeno una occasione, il 9,3 per cento delle famiglie si è trovato in arretrato con il pagamento delle bollette e il 10,4 per cento ha dichiarato di non potersi permettere di riscaldare adeguatamente l'abitazione. Sia nel 2005 che nel 2006, la percentuale di famiglie in condizione di disagio residenti nel Sud e nelle Isole risulta di gran lunga superiore alla media nazionale. Nel 2006 è cresciuta, tuttavia, la percentuale di famiglie residenti al Nord che hanno dichiarato di arrivare con difficoltà alla fine Difficoltà nell affrontare quarta settimana spese impreviste del mese (10,7% contro il 9,9% del 2005) e di essere in arretrato con il pagamento delle utenze (5,9% contro il 5,3% del 2005). Sulle condizioni di disagio incide in modo rilevante la disponibilità di risorse economiche, quindi il numero di percettori di reddito presenti in famiglia e le fonti di reddito disponibile: nel 2006 il 18,5% delle famiglie monoreddito dichiara di arrivare con molta difficoltà alla fine del mese. La tipologia familiare che presenta minori segnali di disagio economico è quella delle coppie senza figli, mentre quelle in cui sono presenti tre o più figli, le famiglie composte da monogenitori e quelle di anziani soli risultano relativamente più esposte a situazioni di disagio. La relativa maggiore vulnerabilità di questi nuclei è evidente soprattutto in relazione alle spese impreviste: più di un terzo, infatti, ritiene di non poter affrontare una spesa inattesa di 600 euro. Inoltre, nel 2006, il 24% delle famiglie con tre o più minori si è trovato in arretrato con le bollette almeno una volta nei 12 mesi precedenti l'intervista, il 29,8% ha sperimentato insufficienza di denaro per acquistare vestiti necessari, il 14% per le spese mediche, l'8,5% per quelle alimentari. Infine, il 12,4% segnala di non avere risorse sufficienti per riscaldare adeguatamente l'abitazione. Per le famiglie in cui sono presenti due o più anziani, l'incidenza delle situazioni di disagio risulta generalmente inferiore rispetto alla media nazionale, ad eccezione di quelle che dichiarano difficoltà a sostenere spese mediche, che, nel 2006, rappresentano il 10,6 per cento dei casi. Al confronto, le famiglie in cui è presente un solo anziano si trovano invece più frequentemente costrette ad affrontare problemi economici, soprattutto in relazione alle spese per il riscaldamento (12,3%) e a una spesa imprevista di 600 euro (32,8%). PERCENTUALE DI FAMIGLIE CHE HANNO AVUTO MOTIVI DI DISAGIO NEL 2006 bollette riscaldamento alimentari spese mediche Veneto 11,0% 23,6% 6,9% 6,2% 3,4% 6,1% 12,6% Italia 14,6% 28,4% 9,3% 10,4% 4,2% 10,4% 16,8% abiti IN OGNUNO DI QUESTI SPICCHI C'È UN 20% DELLE FAMIGLIE ITALIANE. LA MASSA COM- PLESSIVA DEI REDDITI DI CUI DISPONGONO È PERÒ DIVERSA. ECCO COM' È LA DISUGUAGLIANZA Le famiglie sono state ordinate dal reddito più basso a quello più alto e poi divise in cinque gruppi (quinti) uguali fra loro per numero di appartenenti. Il primo quinto comprende il 20 per cento delle famiglie con i redditi più bassi, l'ultimo risulta composto dal 20 per cento di famiglie con i redditi più alti. La distribuzione del reddito totale nei quinti fornisce una prima misura sintetica della diseguaglianza. In una situazione ipotetica di perfetta eguaglianza ogni quinto avrebbe una quota di reddito totale pari al 20%. Invece, nella realtà italiana le famiglie con i redditi più bassi (primo quinto) percepiscono soltanto il 7,0% del reddito totale, mentre il quinto più ricco detiene una quota cinque volte maggiore (39,9%).

5 27 febbraio OGGI OLTRE QUATTORDICI MILIONI DI LAVORATORI GUADAGNANO MENO DI EURO AL MESE E DI QUESTI CIRCA LA METÀ NON SUPERA I MILLE EURO Tra gli impiegati "di concetto" solo il 24,3% supera i euro mensili e tra quelli "generici" non più dell' 11,9% guadagna più di mille e trecento euro; il 13,2% sta sotto gli 800 euro, il 15% guadagna meno di mille euro, il 24,9% tra 800 e mille euro. Simili le percentuali per gli operai specializzati MA È TRA I GIOVANI E LE DONNE CHE SI AVVERTONO I MAGGIORI RISCHI DI POVERTÀ La media delle retribuzioni dei giovani è inferiore ai 900 euro al mese; un apprendista con meno di 24 anni ne guadagna 736,85, un collaboratore occasionale arriva a 768,80 euro, un co.co.pro o un co.co.co si deve accontentare di 899 euro. Salario mensile Differenza dal lavoratore dipendente standard Lavoratore dipendente standard Lavoratrice ,9% Lavoratore di piccola impresa ,2% Lavoratore immigrato (extra UE) ,9% Lavoratore giovane (15-24 anni) ,1%

6 6 27 febbraio 2007 IN OTTO ANNI L' INFLAZIONE SI È MANGIATA IL 35% DEL POTERE D'ACQUISTO Dal 2001 al 2005 l' Eurispes ha calcolato una crescita complessiva dell' inflazione del 23,7%. Dopo una fase di stasi, spiega l'istituto, il costo della vita ha ripreso a crescere nel corso del 2006 e 2007 ad una media del 5% e ha registrato tra gli ultimi mesi dell'anno appena trascorso e l'inizio del 2008 una nuova fiammata fino all'8%. In considerazione di questo andamento, secondo l'istituto di ricerca, la perdita media del potere di acquisto si sarebbe ormai attestata intorno al 35%. Moltissime coppie, specie le più giovani, per arrivare a fine mese si fanno aiutare dalle famiglie di origine, mentre si affaccia il preoccupante fenomeno del ricorso ad un secondo lavoro, prevalentemente in nero, per arrotondare il reddito familiare. Se l'inflazione per la maggioranza delle famiglie galoppa ad un passo assai superiore degli CONSUMATORI: CONTROLLARE LE SPECULAZIONI "La denuncia del Centro Studi di Confindustria secondo cui sui prezzi attuali delle materie prime si avranno nel 2008 aumenti delle bollette sia alimentari che energetiche pari allo 0.5% del prodotto interno lordo è un dato preoccupante." Lo affermano Federconsumatori e Adusbef, secondo cui gli ulteriori aggravi dei prodotti di largo consumo si ripercuoteranno pesantemente sui bilanci delle famiglie. Per questo ritengono "urgente" verificare e controllare speculazioni nelle filiere produttive, renderle più efficienti ed efficaci e dotarsi di piani energetici basati su risparmi, fonti alternative e processi di liberalizzazione. Ma occorre anche concertare a livello internazionale per definire le quotazioni delle materie prime al fine di evitare speculazioni sui cambi ed i Governi europei devono anche richiedere che gli enti di controllo della finanza internazionale intervengano per eliminare le speculazioni arrivate oramai a livelli gravissimi sui prezzi delle materie prime (nel caso del petrolio, ad esempio, su 100 dollari di quotazione, 15 sono dovuti alla speculazione internazionale e non all'effettivo prezzo di scambio moneta-prodotto). Intanto le associazioni dei consumatori hanno annunciato una manifestazione per presentare una serie di proposte da sottoporre al prossimo Governo, a partire dalle cose da fare e da non fare. Da non fare assolutamente: l'esperienza dello Scudo fiscale del 2001, grande regalo a speculatori e riciclatori di denaro sporco; mancare nelle verifiche e nei controlli, come durante il passaggio Lira/Euro; decreti come il famigerato "Salvacompagnie" del 2003, a favore delle Assicurazioni e contro i clienti vessati da aumenti delle tariffe del 120%; aumentare, come è stato fatto dal 2001, il carico fiscale sui carburanti; avere totale accondiscendenza, come nei primi anni del 2000 verso il settore bancario; definire Finanziarie pesanti, come quella relativa al Tra le cose da fare: continuare nei processi di liberalizzazione che, assieme alle nuove norme di "class action", porteranno benefici ad un mercato spesso poco trasparente ed ingannevole; strumentazioni per l'informazione ed il controllo dei prezzi, oltre a precisi interventi di razionalizzazione delle varie filiere produttive; abbattere il carico fiscale di lavoratori e pensionati al fine di riequilibrare il potere di acquisto manipolato negativamente dal indici Istat, le retribuzioni perdono potere d'acquisto in misura altrettanto significativa, pari (secondo Eurispes) al 20,4% per gli impiegati, al 14,1% per gli operai, al 12,1% per i dirigenti e all'8,3% per i quadri. "Le famiglie - sostiene l'istituto - per far quadrare i bilanci, per pagare le rate per il mutuo, per far fronte alle spese di affitto, luce, gas e riscaldamento, sono costrette sempre più a fare i conti con la "quarta" se non addirittura con la "terza settimana". Non è un caso se, rispetto alle rilevazioni effettuate lo scorso anno, gli italiani sono sempre più pessimisti: il 69,5% nel 2008 contro il 51,9% nel 2007 esprime infatti pareri negativi in merito al quadro economico nazionale". La rilevazione di Eurispes, che tasta il polso agli italiani, è indicativa di quanto sia avvertito l'aumento dei prezzi nel corso dell'anno appena passato se ben il 90,3% degli italiani sostiene di aver "pagato di più". Secondo il 40,7% tale incremento è stato consistente (tra il 3% e l'8%) ed un altro 29,6% sostiene che il volume di crescita sia stato decisamente superiore. Per il 2008 il 67,3% prevede ulteriori aumenti. Il 32,1% degli italiani registra segnali, seppur lievi, di peggioramento economico del proprio nucleo familiare e il 13,7% ritiene si sia trattato di un peggioramento di più marcata entità. È così raddoppiata la percentuale delle famiglie che ricorrono a prestiti personali (10% nel 2008 contro il 5% del 2007) o che devono utilizzare quel che oramai rimane dei risparmi familiari (26,1%). In pochissimi, d'altronde, riescono a risparmiare: 13,6% contro il 25,8% del 2007 e il 27,9% del Circa un italiano su quattro (25,7%) ha fatto ricorso, nell'ultimo anno, al credito al consumo, per la maggior parte una o due volte nell'arco degli ultimi dodici mesi, ma l'8,9% lo ha fatto per almeno tre-cinque volte e il 3% per più di cinque volte. Il 44,2% degli italiani acquista a rate per motivi di scarsa liquidità ed il 19,7% perché non aveva altre soluzioni per acquistare un bene/prodotto/servizio indispensabile. Vi è un 15,6% che si lascia "sedurre" dalle offerte commerciali dei negozi che, in alcuni casi, pubblicizzano prodotti riportando addirittura il solo prezzo della mini-rata mensile. Il 14,1% si è fatto invece conquistare dalla convenienza dei tassi di interesse. Con una rata ogni mese gli italiani comprano Soprattutto elettrodomestici (22,2%) e automobili (19,6%), ma anche computer o telefonini (13,9%) e arredamenti e servizi per la casa (13,4%). È preoccupante invece il dato relativo al 5,1% della popolazione italiana che è stata costretta a contrarre debiti per cure mediche (visite specialistiche, interventi, protesi dentarie). Gli italiani hanno chiesto aiuto a banche o istituti finanziari anche per l'acquisto di moto e scooter o vestiario e calzature (rispettivamente 4,7% e 4,1%), ma anche per viaggi e vacanze (2,3%) e per i materiali o i libri per la scuola (0,9%). Nel primo semestre 2007 le passività finanziarie delle famiglie italiane sono in costante aumento: il debito è cresciuto del 9,9% rispetto allo stesso periodo del La quota più elevata riguarda i mutui per comprare casa che comprendono poco più della metà dell'indebitamento complessivo (oltre 490 miliardi di euro, con un aumento del 9,4% rispetto al primo semestre del 2006). Ma anche l'ammontare del credito al consumo, concesso da banche e società finanziarie, registra volumi considerevoli, pari quasi a 94 miliardi di euro nel primo semestre del 2007, con un incremento del 17,6% rispetto al primo semestre dell'anno precedente. Il resto dell'indebitamento delle famiglie è costituito da prestiti concessi per altri motivi (spese mediche, spese per matrimoni, prestiti personali, ecc.) dalle banche per un ammontare di 141 miliardi di euro circa (+ 6,3% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

7 27 febbraio DAL 2002 al 2007 MAGGIORI SPESE PER EURO PER OGNI FAMIGLIA DI LAVORATORI DIPENDENTI Queste le cifre anno per anno: RINCARI 2002 RINCARI 2003 RINCARI 2004 RINCARI 2005 RINCARI 2006 RINCARI 2007 RINCARI RINCARI 2008 (previsionali) RINCARI Euro Euro Euro 970 Euro Euro 995 Euro Euro Euro Euro Secondo una stima di Federconsumatori e Adusbef, diciotto milioni di famiglie di lavoratori dipendenti hanno subito una perdita complessiva dal 2002 al 2007 di 137,4 miliardi di euro in tutti i settori della vita produttiva: dai servizi bancari a quelli assicurativi, dalla benzina al gas, dai trasporti pubblici alle tariffe ferroviarie, ai rifiuti solidi urbani, per non parlare dei muti a tasso indicizzato a carico di 3,2 milioni di famiglie. A gennaio 2008 c'è stata un'accelerazione dell'inflazione dovuta principalmente ad aumenti nei settori dei trasporti, dell'energia ed alimentari. Per questi ultimi la Confederazione degli Agricoltori (CIA) stima una crescita dei prezzi al consumo pari al 28% in 10 anni, fatto che avrebbe indotto cambiamenti nelle abitudini alimentari di 3 famiglie su 5 ed un calo (in quantità) dei consumi pari al 2% all'anno.

8 8 27 febbraio 2007 SALARI ITALIANI PENULTIMI IN EUROPA Nella classifica Ocse dei trenta Paesi più industrializzati, le retribuzioni dei lavoratori italiani sono scivolate dal diciannovesimo posto del 2004 al ventitreesimo del Oltre a Stati Uniti, Giappone, Germania e Francia, ci hanno superato anche Spagna e Grecia ed in Europa facciamo meglio solo del Portogallo. Nello schema sono riportate tra parentesi le retribuzioni nette annue in euro. 1. Corea (28.095) 2. Regno Unito (28.007) 3. Svizzera (26.322) 4. Giappone (25.764) 5. Lussemburgo (24.897) 6. Olanda (23.289) 7. Australia (23.139) 8. Norvegia (22.579) 9. Germania (21.235) 10. Irlanda (21.111) 11. Austria (20.713) 12. Usa (19.999) 13. Islanda (19.932) LA CLASSIFICA DELL' OCSE: 14. Finlandia (19.890) 15. Canada (19.770) 16. Francia (19.731) 17. Belgio (19.729) 18. Svezia (18.891) 19. Danimarca (18.735) 20. Nuova Zelanda (17.919) 21. Spagna (17.410) 22. Grecia (16.720) 23. Italia (16.242) 24. Portogallo (13.136) 25. Turchia (10.693) 26. Rep. Ceca (9.548) I lavoratori sono pagati in lire, ma comprano in euro, per questo i loro stipendi sono tra i più bassi d'europa. Commentando la classifica dell'ocse, Eurispes ricorda che tra il 2000 e il 2005 mentre si è registrata una crescita media del salario a livello europeo del 18%, nel nostro Paese i lavoratori dell'industria e dei servizi (con esclusione della Pubblica amministrazione) hanno visto la propria busta paga crescere solo del 13,7%. Nel 2006 il trend negativo si è ulteriormente accentuato con un'ulteriore perdita di posizione dell' Italia dove il salario netto annuo è passato da euro del 2004 a euro del 2006, con una crescita del 4,1%, mentre la media europea registrava un +15%. Nello stesso periodo in Gran Bretagna, dove la crescita percentuale è stata del 33,3%, i salari sono aumentati di quasi 7mila euro passando da euro del 2004 a del Sono aumentati anche i salari della Grecia (+34,5%), dell'olanda (+19,2%), del Portogallo (+52,1%, con uno salario netto annuo passato da euro del 2004 a euro del 2006), della Finlandia (+14,3%), della Germania (+14,1%), della Danimarca (11,2%), dell'irlanda (+11%) e della Spagna (+10,4%).

Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia

Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia 22 dicembre 2008 Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia Anni 2006-2007 Direzione centrale per la comunicazione e la programmazione editoriale Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione

Dettagli

LAVORO: IRES-CGIL, IN 5 ANNI SALARI HANNO PERSO 1.900 EURO

LAVORO: IRES-CGIL, IN 5 ANNI SALARI HANNO PERSO 1.900 EURO LAVORO: IRES-CGIL, IN 5 ANNI SALARI HANNO PERSO 1.900 EURO (ANSA) - ROMA, 19 NOV - Le retribuzioni di fatto reali hanno perso tra il 2002 e il 2007, 1.210 euro, ma se a questo aggiungiamo la perdita derivante

Dettagli

REDDITO E CONDIZIONI DI VITA

REDDITO E CONDIZIONI DI VITA 16 dicembre 2013 Anno 2012 REDDITO E CONDIZIONI DI VITA Nel 2012, il 29,9% delle persone residenti in Italia è a rischio di povertà o esclusione sociale, secondo la definizione adottata nell ambito della

Dettagli

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011 Lombardia Statistiche Report N 0 / 17 febbraio 2014 Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011 Sintesi Nel 2010 le famiglie residenti in Lombardia hanno percepito

Dettagli

Il trend degli stipendi degli insegnanti della scuola statale dal 1995 ad oggi

Il trend degli stipendi degli insegnanti della scuola statale dal 1995 ad oggi Il trend degli stipendi degli insegnanti della scuola statale dal 1995 ad oggi Tre cifre sintetizzano eloquentemente la situazione delle retribuzioni dei docenti della scuola statale negli ultimi 13 anni

Dettagli

Il disagio economico delle famiglie

Il disagio economico delle famiglie delle famiglie Cristina Freguja Dirigente Servizio Condizioni economiche delle famiglie Cagliari, 17 settembre 2010 Gli indicatori di deprivazione materiale L indagine reddito e condizioni di vita EU-SILC

Dettagli

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia I dati della statistica ufficiale confermano che il contesto locale della provincia di Napoli e dell intera regione Campania si trovano ad affrontare in questi anni una crisi economica e sociale ancora

Dettagli

REDDITO E CONDIZIONI DI VITA

REDDITO E CONDIZIONI DI VITA 10 dicembre 2012 Anno 2011 REDDITO E CONDIZIONI DI VITA Nel 2011, il 28,4% delle persone residenti in Italia è a rischio di povertà o esclusione sociale, secondo la definizione adottata nell ambito della

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Fuel Poverty: definizione, dimensione e proposte di policy per l Italia

Fuel Poverty: definizione, dimensione e proposte di policy per l Italia Rapporto di Ricerca dell Associazione Bruno Trentin Fuel Poverty: definizione, dimensione e proposte di policy per l Italia Serena Rugiero Associazione Bruno Trentin Osservatorio Energia, Innovazione e

Dettagli

SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA

SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA Sulle retribuzioni più basse meno tasse fino a 1.700 euro all anno ================================================= Il cuneo fiscale in Italia è in discesa.

Dettagli

Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale

Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale di Giuseppe D Aloia 1 L inflazione Negli anni scorsi tutto il dibattito sul potere d acquisto delle retribuzioni si è

Dettagli

Rapporto UNICEF Bambini e adolescenti ai margini, Innocenti Report Card 9

Rapporto UNICEF Bambini e adolescenti ai margini, Innocenti Report Card 9 Rapporto UNICEF Bambini e adolescenti ai margini, Innocenti Report Card 9 PREMESSA Le analisi dell'innocenti Report Card 9 coprono una gamma limitata ma significativa di indicatori del benessere dell'infanzia

Dettagli

Audizione. Indagine conoscitiva sul livello dei redditi di lavoro e sulla redistribuzione della ricchezza in Italia nel periodo 1993-2008

Audizione. Indagine conoscitiva sul livello dei redditi di lavoro e sulla redistribuzione della ricchezza in Italia nel periodo 1993-2008 Audizione Indagine conoscitiva sul livello dei redditi di lavoro e sulla redistribuzione della ricchezza in Italia nel periodo 1993-2008 presso Commissione Lavoro, previdenza sociale XVI Legislatura di

Dettagli

Numeri della crisi Salari, inflazione e produttività: in 15 anni 6.738 euro lasciati al fisco

Numeri della crisi Salari, inflazione e produttività: in 15 anni 6.738 euro lasciati al fisco Numeri della crisi Salari, inflazione e produttività: in 15 anni 6.738 euro lasciati al fisco Nei passati 15 anni i lavoratori dipendenti hanno lasciato al fisco 6.738 euro cumulati di potere d acquisto

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

Il 28,4% della popolazione e a rischio di poverta o esclusione sociale.

Il 28,4% della popolazione e a rischio di poverta o esclusione sociale. INCLUSIONE SOCIALE Il 28,4% della popolazione e a rischio di poverta o esclusione sociale. Lo stabilisca l indagine Reddito e condizioni di vita (EU SILC), condotta dall Istat nel 2013. Nel 2013, il 19,1%

Dettagli

Benessere economico. Fondamentale per la qualità della vita

Benessere economico. Fondamentale per la qualità della vita CAPITOLO Benessere economico Fondamentale per la qualità della vita Ai fini del benessere complessivo, le capacità reddituali e le risorse economiche sono il mezzo indispensabile attraverso il quale un

Dettagli

Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine giugno 2010

Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine giugno 2010 Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine giugno 2010 Dati rilevati nel mese di maggio 2010 Milano, 3 giugno 2010 Comunicato stampa La crescita della fiducia è bloccata dalla crisi

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

DATI ISTAT Noi Italia

DATI ISTAT Noi Italia Nel 2013 le famiglie in condizioni di povertà relativa sono il 12,6 per cento, poco più di 10 milioni di individui (16,6 per cento della popolazione). La povertà assoluta coinvolge il 7,9 per cento delle

Dettagli

Intervento Consiglio provinciale Aperto su Casa

Intervento Consiglio provinciale Aperto su Casa Intervento Consiglio provinciale Aperto su Casa "Un lavoro e un tetto per tutti". Con questo antico slogan abbiamo nel recente passato sintetizzato i bisogni primari di tanti lavoratori dipendenti e delle

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

Università Commerciale Luigi Bocconi Econpubblica Centre for Research on the Public Sector SHORT NOTES SERIES

Università Commerciale Luigi Bocconi Econpubblica Centre for Research on the Public Sector SHORT NOTES SERIES Università Commerciale Luigi Bocconi Econpubblica Centre for Research on the Public Sector SHORT NOTES SERIES L ltalia è un Paese con alto costo del lavoro? Giampaolo Arachi Massimo D Antoni Short note

Dettagli

Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia

Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia 5 luglio 2005 Il testo qui presentato è pubblicato anche nel volume Madri sole - Sfide politiche e genitorialità alla prova, a cura

Dettagli

Education at a Glance: OECD Indicators - 2006 Edition. Uno sguardo sull Educazione: Gli indicatori dell OCSE Edizione 2006

Education at a Glance: OECD Indicators - 2006 Edition. Uno sguardo sull Educazione: Gli indicatori dell OCSE Edizione 2006 Education at a Glance: OECD Indicators - 2006 Edition Summary in Italian Uno sguardo sull Educazione: Gli indicatori dell OCSE Edizione 2006 Riassunto in italiano Uno sguardo sull educazione fornisce agli

Dettagli

La Crisi dei Salari. Crescita, Occupazione e Redditi perduti negli anni Duemila. Istituto per le ricerche economiche e sociali.

La Crisi dei Salari. Crescita, Occupazione e Redditi perduti negli anni Duemila. Istituto per le ricerche economiche e sociali. Istituto per le ricerche economiche e sociali La Crisi dei Salari Crescita, Occupazione e Redditi perduti negli anni Duemila presentazione a cura di: Agostino Megale Riccardo Sanna Lorenzo Birindelli Giuseppe

Dettagli

Monitor Marca 2009 Si avvertono i segnali della fine della fase critica ABSTRATC INDAGINE

Monitor Marca 2009 Si avvertono i segnali della fine della fase critica ABSTRATC INDAGINE Dicembre 2009 presentazione Monitor Marca 2009 Si avvertono i segnali della fine della fase critica ABSTRATC INDAGINE Il quadro economico provinciale: le prospettive E ritiene che nel futuro la situazione

Dettagli

2006 2007) 500 - -. L

2006 2007) 500 - -. L COMUNICATO STAMPA I Rapporto sul Mercato Immobiliare 27 Tempi più lunghi per vendere o affittare ma i prezzi tengono. I prezzi crescono meno velocemente che in passato: nelle città di medie dimensioni,

Dettagli

IX. APPROFONDIMENTI DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA 2008-2011 EQUITÀ SOCIALE

IX. APPROFONDIMENTI DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA 2008-2011 EQUITÀ SOCIALE IX. APPROFONDIMENTI IX.1 EQUITÀ SOCIALE L equità sociale continua ad essere un obiettivo prioritario della strategia politica del Governo. Le trasformazioni di carattere economico e sociale che hanno interessato

Dettagli

Mercato lavoro, orari, produttività, salari

Mercato lavoro, orari, produttività, salari Mercato lavoro, orari, produttività, salari Roberto Romano 22 marzo 2012 Sommario Premessa... 2 Rigidità della protezione dell'occupazione... 2 Italia, paese dai bassi salari... 4 Ore lavorate... 5 Costo

Dettagli

Intervento di Paolo Gallana LA POLITICA DI FRONTE AI DIRITTI, ALLE INEGUAGLIANZE SOCIALI, ALLE POVERTÀ, ALLO SPRECO

Intervento di Paolo Gallana LA POLITICA DI FRONTE AI DIRITTI, ALLE INEGUAGLIANZE SOCIALI, ALLE POVERTÀ, ALLO SPRECO Intervento di Paolo Gallana LA POLITICA DI FRONTE AI DIRITTI, ALLE INEGUAGLIANZE SOCIALI, ALLE POVERTÀ, ALLO SPRECO Art. 1 Dalla dichiarazione universale dei diritti dell uomo Tutti gli esseri umani nascono

Dettagli

Combustibili ed energia. Arredamenti. Servizi san. e. spese per la. salute. eec.

Combustibili ed energia. Arredamenti. Servizi san. e. spese per la. salute. eec. Spesa media mensile ( ) delle famiglie per alimentari e non alimentari negli anni dal 2005 al 2009 2005 2006 2007 2008 2009 Emilia-Roma 2.778 2.880 2.762 2.854 2.799 2.398 2.461 2.480 2.484 2.442 Percentuale

Dettagli

VERSIONE PROVVISORIA. Disegni di legge 1148, 1670 e 1697. Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva

VERSIONE PROVVISORIA. Disegni di legge 1148, 1670 e 1697. Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva VERSIONE PROVVISORIA Disegni di legge 1148, 1670 e 1697 Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva Commissione 11 a "Lavoro, previdenza sociale" del Senato della Repubblica

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

FAMIGLIA. 1 2 3 4 5 6 totale 2011 29.4 27.4 20.4 17.1 4.3 1.3 100 2012 30.1 27.3 20.3 16.5 4.5 1.3 100 2013 30.2 27.3 20.2 16.6 4.3 1.

FAMIGLIA. 1 2 3 4 5 6 totale 2011 29.4 27.4 20.4 17.1 4.3 1.3 100 2012 30.1 27.3 20.3 16.5 4.5 1.3 100 2013 30.2 27.3 20.2 16.6 4.3 1. FAMIGLIA Numero di famiglie. Il numero di famiglie abitualmente dimoranti sul territorio nazionale è aumentato da 21.8 a 24.6 milioni nel 2013. Durante il periodo intercensuario le famiglie unipersonali

Dettagli

La classe media americana non è più la più ricca del mondo

La classe media americana non è più la più ricca del mondo RESeT INTERNAZIONALE The New York Times DAVID LEONHARDT E KEVIN QUEALY ED. IT. DI MARIA CARANNANTE 22 aprile 2014 La classe media americana non è più la più ricca del mondo La classe media americana, a

Dettagli

Andamento delle retribuzioni del personale insegnante

Andamento delle retribuzioni del personale insegnante Direzione Generale del Personale e degli Affari Generali e Amministrativi SERVIZIO STATISTICO - UFFICIO SISTAN Andamento delle retribuzioni del personale insegnante Anni 1993-2000 N o v e m b r e 2000

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SUL CUNEO FISCALE E NESSUNO VI HA MAI SPIEGATO

TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SUL CUNEO FISCALE E NESSUNO VI HA MAI SPIEGATO 760 TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SUL CUNEO FISCALE E NESSUNO VI HA MAI SPIEGATO 10 Settembre 2014 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà

Dettagli

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ITALIANE

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ITALIANE in collaborazione I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ITALIANE RAPPORTO 2015 GENNAIO 2016 I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ITALIANE RAPPORTO 2015 LA SPESA DELLE FAMIGLIE E INFERIORE DEL 6,3% RISPETTO AL 2008 Nonostante un

Dettagli

LE LINEE DI RIFORMA DELLA STRUTTURA DELLA CONTRATTAZIONE IL DOCUMENTO CONDIVISO DA UIL, CISL E CONFINDUSTRIA

LE LINEE DI RIFORMA DELLA STRUTTURA DELLA CONTRATTAZIONE IL DOCUMENTO CONDIVISO DA UIL, CISL E CONFINDUSTRIA LE LINEE DI RIFORMA DELLA STRUTTURA DELLA CONTRATTAZIONE IL DOCUMENTO CONDIVISO DA UIL, CISL E CONFINDUSTRIA 1) Perché la riforma del modello contrattuale: Nell attuale scenario, il modello contrattuale

Dettagli

Combattere le disuguaglianze per uscire dalla crisi

Combattere le disuguaglianze per uscire dalla crisi Combattere le disuguaglianze per uscire dalla crisi di Riccardo Sanna e Riccardo Zelinotti Ogni qualvolta si sia verificata una crisi economica, dal Dopoguerra ad oggi, al termine della stessa, quando

Dettagli

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Loris Nadotti Università degli Studi di Perugia Valeria Vannoni Università degli Studi di Perugia Perugia,

Dettagli

POVERO LAVORATORE: L INFLAZIONE HA PROSCIUGATO I SALARI I SALARI ITALIANI FRA I PIÙ BASSI D EUROPA

POVERO LAVORATORE: L INFLAZIONE HA PROSCIUGATO I SALARI I SALARI ITALIANI FRA I PIÙ BASSI D EUROPA POVERO LAVORATORE: L INFLAZIONE HA PROSCIUGATO I SALARI I SALARI ITALIANI FRA I PIÙ BASSI D EUROPA Roma, marzo 2007 1 Lontani ormai anni luce gli anni nei quali Bettino Craxi annunciava trionfalmente che

Dettagli

IL FENOMENO DELL INDEBITAMENTO IN ITALIA: CAUSE, FORME, ASPETTI EDUCATIVO-SOCIALI. Luciano Gualzetti» Savona, 12 novembre 2011

IL FENOMENO DELL INDEBITAMENTO IN ITALIA: CAUSE, FORME, ASPETTI EDUCATIVO-SOCIALI. Luciano Gualzetti» Savona, 12 novembre 2011 IL FENOMENO DELL INDEBITAMENTO IN ITALIA: CAUSE, FORME, ASPETTI EDUCATIVO-SOCIALI Luciano Gualzetti» Savona, 12 novembre 2011 Premessa 1/2 Il titolo del Convegno recita: «Siamo indebitati perché non siamo

Dettagli

Il differenziale retributivo in Europa

Il differenziale retributivo in Europa Il differenziale retributivo in Europa Il differenziale retributivo di genere gender pay gap, misura la differenza relativa alle retribuzioni delle donne e degli uomini, ovvero il risultato delle discriminazioni

Dettagli

ITALIA 2014: Il clima del Paese. Paper by: Nando Pagnoncelli Prepared for: UELCI

ITALIA 2014: Il clima del Paese. Paper by: Nando Pagnoncelli Prepared for: UELCI ITALIA 2014: Il clima del Paese Paper by: Nando Pagnoncelli Prepared for: UELCI Milano, 22 Settembre 2014 Le fonti dei dati I dati presentati derivano da diverse fonti: Dati strutturali: Istat, Eurostat,

Dettagli

Onere fiscale elevato in Svizzera

Onere fiscale elevato in Svizzera SCHEDA D INFORMAZIONE N 4: QUESTIONI SULLA RIDISTRIBUZIONE Onere fiscale elevato in Svizzera Nel confronto internazionale, la Svizzera viene regolarmente considerata un paradiso fiscale. Le cifre dell

Dettagli

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Comunità di Sant Egidio Anziani nel Mondo, Europa e Italia Le regioni europee in cui si vive più a lungo L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Secondo le Nazioni Unite nel 2010 la popolazione

Dettagli

DESCRIZIONE DEL CAMPIONE DI CITTADINI CHE HANNO COMPILATO IL QUESTIONARIO

DESCRIZIONE DEL CAMPIONE DI CITTADINI CHE HANNO COMPILATO IL QUESTIONARIO DESCRIZIONE DEL CAMPIONE DI CITTADINI CHE HANNO COMPILATO IL QUESTIONARIO I questionari sul credito al consumo sono stati somministrati ad un campione accidentale non probabilistico costituito da 1.725

Dettagli

La Cgil, pur non condividendo le Linee Guida ha dichiarato che parteciperà al tavolo di confronto allargato sulla riforma del modello contrattuale.

La Cgil, pur non condividendo le Linee Guida ha dichiarato che parteciperà al tavolo di confronto allargato sulla riforma del modello contrattuale. LA RIFORMA DELLA STRUTTURA DELLA CONTRATTAZIONE: IL DOCUMENTO SULLE LINEE DI RIFORMA DELLA STRUTTURA DELLA CONTRATTAZIONE SOTTOSCRITTO DA CISL, UIL E CONFINDUSTRIA La riforma del modello contrattuale La

Dettagli

BORTOLUSSI: DETASSARE LE TREDICESIME AI CASSAINTEGRATI

BORTOLUSSI: DETASSARE LE TREDICESIME AI CASSAINTEGRATI BORTOLUSSI: DETASSARE LE TREDICESIME AI CASSAINTEGRATI Il costo per le casse pubbliche non dovrebbe superare i 150 milioni di euro. Secondo un sondaggio della CGIA, negli ultimi 10 anni la quota di spesa

Dettagli

COLLEGHE E COLLEGHI INTERVENGO IN NOME DELLE OO. SS. UNIVERSITARIE FLC-CGIL, CISL UNIVERSITA, UIL PA UR E CONFSAL/CISAPUNI-SNALS.

COLLEGHE E COLLEGHI INTERVENGO IN NOME DELLE OO. SS. UNIVERSITARIE FLC-CGIL, CISL UNIVERSITA, UIL PA UR E CONFSAL/CISAPUNI-SNALS. Documento delle OO.SS. dell Università della Sapienza di Roma CGIL CISL UIL SNALS presentato all Assemblea dell Ateneo indetta dal Rettore sui provvedimenti del Governo adottati del decreto Legge 112/2008

Dettagli

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO 92 6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO Nel corso degli anni Ottanta e Novanta si è registrata una crescita rilevante dei flussi internazionali di capitali, sia sotto forma di investimenti

Dettagli

Economia: dal Fisco all Immigrazione, la terapia d urto della Cgil contro la crisi

Economia: dal Fisco all Immigrazione, la terapia d urto della Cgil contro la crisi Economia: dal Fisco all Immigrazione, la terapia d urto della Cgil contro la crisi I 6 punti del manifesto-piattaforma oggi all'assemblea quadri e delegati Roma, 5 novembre - Un vero e proprio manifesto-piattaforma

Dettagli

Relazioni industriali

Relazioni industriali Relazioni industriali Relazioni industriali Il sistema di relazioni industriali è l insieme di relazioni che regolano i rapporti fra imprese e loro organizzazioni da un lato e lavoratori e sindacati dall

Dettagli

C E N S I S OUTLOOK ITALIA. Clima di fiducia e aspettative delle famiglie italiane nel 2 semestre 2013

C E N S I S OUTLOOK ITALIA. Clima di fiducia e aspettative delle famiglie italiane nel 2 semestre 2013 C E N S I S OUTLOOK ITALIA Clima di fiducia e aspettative delle famiglie italiane nel 2 semestre 2013 Roma, 16 ottobre 2013 - Sono sempre più numerose le famiglie che non riescono a far fronte alle spese

Dettagli

Benessere e disuguaglianze: come vivono gli stranieri in Italia e in Calabria

Benessere e disuguaglianze: come vivono gli stranieri in Italia e in Calabria 10 Benessere e disuguaglianze: come vivono gli stranieri in Italia e in Calabria Domenico Tebala e Stefano Vitaletti Istat, Direzione Centrale per lo sviluppo e il coordinamento della rete territoriale

Dettagli

Un fattore da prendere in considerazione è rappresentato dai prezzi e dalle tariffe dell energia.

Un fattore da prendere in considerazione è rappresentato dai prezzi e dalle tariffe dell energia. 5. Prezzi dell energia Un fattore da prendere in considerazione è rappresentato dai prezzi e dalle tariffe dell energia. Osservando i prezzi medi dell ultimo decennio 40 si nota che dei principali prodotti

Dettagli

Roma, 22 Ottobre 2015. Presentazione del Rapporto 2015 sull Economia dell Immigrazione. «Stranieri in Italia, attori dello sviluppo»

Roma, 22 Ottobre 2015. Presentazione del Rapporto 2015 sull Economia dell Immigrazione. «Stranieri in Italia, attori dello sviluppo» Roma, 22 Ottobre 2015 Presentazione del Rapporto 2015 sull Economia dell Immigrazione «Stranieri in Italia, attori dello sviluppo» Il contesto internazionale ANNO EUROPEO PER LO SVILUPPO Il 2015 è dedicato

Dettagli

Speciale CGIL verso lo sciopero generale del 6 maggio

Speciale CGIL verso lo sciopero generale del 6 maggio Dipartimento Politiche Economiche NOTA Speciale CGIL verso lo sciopero generale del 6 maggio 25 marzo 2011 Un imposta sulle grandi ricchezze come imposta per il futuro: risanare l economia, creare le condizioni

Dettagli

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA a.a. 2009-2010 Facoltà di Economia, Università Roma Tre L Indagine sui bilanci delle famiglie italiane è un indagine campionaria condotta (ogni due anni)

Dettagli

AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO

AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO ARRIVI STRANIERI 1999 PER PROVENIENZA U.S.A. 1% S DK 1% 2% CZ 2% CH 2% ALTRI 10% GB 8% E 1% B 3% NL 6% F 2% A 7% D 55% STATI 1999 arrivi e presenze in provincia

Dettagli

NON PIÙ SOGNO, LA CASA È UNA NECESSITÀ

NON PIÙ SOGNO, LA CASA È UNA NECESSITÀ NON PIÙ SOGNO, LA CASA È UNA NECESSITÀ I RISULTATI DI UN SONDAGGIO CONDOTTO DA CASA.IT IN COLLABORAZIONE CON L'ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI Luglio 2013 La crisi ha tolto

Dettagli

DISAGIO ECONOMICO DELLE FAMIGLIE STRANIERE

DISAGIO ECONOMICO DELLE FAMIGLIE STRANIERE DISAGIO ECONOMICO DELLE FAMIGLIE STRANIERE Analisi e mappatura del disagio economico delle famiglie in Italia suddivise tra famiglie straniere, miste e italiane GENNAIO 2011 FINALITA DELLO STUDIO Lo studio

Dettagli

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma Sistema paese e sicurezza economica Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma I nostri temi Invece di un sistema-paese, un paese diviso e gravato da varie forme di insicurezza economica In che senso

Dettagli

L AUMENTO DELLA POVERTÀ

L AUMENTO DELLA POVERTÀ L AUMENTO DELLA POVERTÀ A inizio anno la Banca d Italia ha reso disponibili i dati sui bilanci delle famiglie italiane relativi al 24, frutto dell unica indagine sui redditi disponibile in Italia in grado

Dettagli

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco della vita svolgono un ruolo capitale nello sviluppo

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

CORSO DI MACROECONOMIA

CORSO DI MACROECONOMIA CORSO DI MACROECONOMIA Prof. Giuseppe Travaglini Dott.ssa Elisa Lenti Anno accademico 2014-20152015 TEMI DI RIFLESSIONE MACROECONOMICA L Offerta: Il Pil, la Spesa Aggregata, la struttura produttiva delle

Dettagli

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008 Comunicato Stampa Bologna, 17 Luglio 2008 Compravendite in diminuzione del 10% rispetto allo scorso anno. Nel 2007 si sono vendute 40 mila case in meno, nel 2008 si prevede un ulteriore calo di almeno

Dettagli

FACCIAMO I CONTI! Elaborazione dati e testi: Relatore: Valentina Mezzani Mara Sartori. Alberto Mastini Presidente Federconsumatori Verona

FACCIAMO I CONTI! Elaborazione dati e testi: Relatore: Valentina Mezzani Mara Sartori. Alberto Mastini Presidente Federconsumatori Verona FACCIAMO I CONTI! Relatore: Alberto Mastini Presidente Federconsumatori Verona Elaborazione dati e testi: Valentina Mezzani Mara Sartori Elaborazione e stampa a cura di Federconsumatori Verona Per Credito

Dettagli

GIOCHIAMO A CARTE SCOPERTE

GIOCHIAMO A CARTE SCOPERTE GIOCHIAMO A CARTE SCOPERTE COSA PAGANO E QUANTO PAGANO OGGI LE AZIENDE DEL COMMERCIO E DEL TURISMO LA FISCALITA IN ITALIA Nel 2014 la pressione fiscale in Italia ha raggiunto il 43,4% (rapporto tra il

Dettagli

Dossier fisco 2007. a cura di: Agostino Megale Cristina Lerico Riccardo Sanna. 31 dicembre 2007

Dossier fisco 2007. a cura di: Agostino Megale Cristina Lerico Riccardo Sanna. 31 dicembre 2007 Dossier fisco 2007 a cura di:. Agostino Megale Cristina Lerico Riccardo Sanna 31 dicembre 2007 1 Cos è il debito pubblico Il debito pubblico è il saldo del conto economico delle Amministrazioni pubbliche,

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

Dossier 3 Le famiglie di giovani e le spese per l affitto

Dossier 3 Le famiglie di giovani e le spese per l affitto Dossier 3 Le famiglie di giovani e le spese per l affitto Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Luigi Biggeri presso le Commissioni congiunte V del Senato della Repubblica Programmazione

Dettagli

FIGURA 2.6: LIVELLI DELL OCCUPAZIONE E TASSO DI DISOCCUPAZIONE (dati destagionalizzati)

FIGURA 2.6: LIVELLI DELL OCCUPAZIONE E TASSO DI DISOCCUPAZIONE (dati destagionalizzati) FIGURA 2.6: LIVELLI DELL OCCUPAZIONE E TASSO DI DISOCCUPAZIONE (dati destagionalizzati) 12,0 24,0 23,5 % 10,0 8,0 6,0 4,0 2,0 Livelli di occupazione (scala dx) Tasso di disoccupazione (scala sx) 0,0 T4

Dettagli

Mutui e credito al consumo: l offerta degli intermediari finanziari e la domanda di credito delle famiglie

Mutui e credito al consumo: l offerta degli intermediari finanziari e la domanda di credito delle famiglie Mutui e credito al consumo: l offerta degli intermediari finanziari e la domanda di credito delle famiglie Roma, 29 ottobre 27 Carlo Milani Centro Studi e Ricerche Ordine della presentazione 1. Prime evidenze

Dettagli

Indice; p. 1. Introduzione; p. 2. Evoluzione del mercato libero dell energia elettrica e del gas dalla liberalizzazione: p. 2

Indice; p. 1. Introduzione; p. 2. Evoluzione del mercato libero dell energia elettrica e del gas dalla liberalizzazione: p. 2 Mercato libero dell energia elettrica e del gas: evoluzione dalla liberalizzazione, passaggi dal servizio di Maggior Tutela e confronto con altri Paesi europei. Indice: Indice; p. 1 Introduzione; p. 2

Dettagli

Università Ca Foscari di Venezia Corso di laurea in Scienze della società e del Servizio sociale TESTO N. 1. Legga attentamente il testo che segue:

Università Ca Foscari di Venezia Corso di laurea in Scienze della società e del Servizio sociale TESTO N. 1. Legga attentamente il testo che segue: Un abisso di diseguaglianze si è spalancato davanti alla società italiana, negli stessi giorni in cui veniva certificato un drammatico ritorno della povertà ( ). La povertà è certo la condizione che più

Dettagli

Associazione Artigiani e P.M.I. del Biellese. L Italia negli anni della crisi

Associazione Artigiani e P.M.I. del Biellese. L Italia negli anni della crisi Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121 - Fax: 015 351426 - C. F.: 81067160028 Internet: www.biella.cna.it - email: mailbox@biella.cna.it Certificato n IT07/0030 L Italia negli anni della crisi

Dettagli

Convegno AUSER Dalla cura come destino alla cura come risorsa. Intervento di Mara Nardini Segretaria nazionale SPI CGIL

Convegno AUSER Dalla cura come destino alla cura come risorsa. Intervento di Mara Nardini Segretaria nazionale SPI CGIL 1 Milano 21 novembre 2014 Convegno AUSER Dalla cura come destino alla cura come risorsa. Intervento di Mara Nardini Segretaria nazionale SPI CGIL L ingresso massiccio delle donne nel mercato del lavoro,

Dettagli

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto La Commissione ha pubblicato a metà ottobre un documento dove, con un occhio al passato e uno al futuro, passando per il momento

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

Consumi finali delle famiglie pro-capite

Consumi finali delle famiglie pro-capite Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Alla fine del 211 la ricchezza netta delle famiglie, ossia la somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie,

Dettagli

DISUGUAGLIANZA E POLITICHE DI CONTRASTO ALLA POVERTA IN FVG PRINCIPALI ESITI DELLA VALUTAZIONE UNITARIA. Giuseppe Forte ottobre 2014

DISUGUAGLIANZA E POLITICHE DI CONTRASTO ALLA POVERTA IN FVG PRINCIPALI ESITI DELLA VALUTAZIONE UNITARIA. Giuseppe Forte ottobre 2014 DISUGUAGLIANZA E POLITICHE DI CONTRASTO ALLA POVERTA IN FVG PRINCIPALI ESITI DELLA VALUTAZIONE UNITARIA Giuseppe Forte ottobre 2014 1 Le principali dimensioni di analisi Diseguaglianza economica in Friuli

Dettagli

1c) Frequenza di percorsi d istruzione e formazione all estero e di stage lavorativi estivi abbinati ad un corso full immersion di lingua straniera

1c) Frequenza di percorsi d istruzione e formazione all estero e di stage lavorativi estivi abbinati ad un corso full immersion di lingua straniera 1c) Frequenza di percorsi d istruzione e formazione all estero e di stage lavorativi estivi abbinati ad un corso full immersion di lingua straniera Soggetto competente: Dipartimento della Conoscenza -

Dettagli

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ IL 12% DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel 2001 di povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

IL RAPPORTO ORES 2009

IL RAPPORTO ORES 2009 IL RAPPORTO ORES 2009 SINTESI DEI PRINCIPALI CONTENUTI Con ORES, Osservatorio Regionale sull Esclusione Sociale della Lombardia, l ente regionale si è dotato di uno strumento in grado di integrare i dati

Dettagli

Misure della povertà minorile in Italia 1

Misure della povertà minorile in Italia 1 Misure della povertà minorile in Italia 1 Sintesi Nel clima economico attuale, con la presenza di una forte recessione, con il consolidamento delle misure fiscali, le liberalizzazioni, le semplificazioni

Dettagli

Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata

Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata Antonio Misiani In cinque anni la crisi economica ha causato la più forte contrazione dal dopoguerra del PIL (-6,9 per cento tra il 2007 e il 2012) e dei

Dettagli

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 1.242.123 3.38.42 Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.924,4 a cura del Settore Statistica del Comune di Milano

Dettagli

La situazione attuale

La situazione attuale La situazione attuale L Europa si sta impoverendo. I poteri forti stanno trascinando le classi lavoratrici verso la rovina. Sono gli agenti di un sistema definito dai principi del massimo profitto e della

Dettagli

Il capitale umano per il XXI secolo

Il capitale umano per il XXI secolo Il capitale umano per il XXI secolo Ignazio Visco Vice Direttore Generale Banca d Italia Bari, 8 aprile 2011 Le forze della demografia In Italia forte invecchiamento della popolazione, riflesso di calo

Dettagli