Il welfare, le risorse familiari, le reti parentali e sociali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il welfare, le risorse familiari, le reti parentali e sociali"

Transcript

1 Il welfare, le risorse familiari, le reti parentali e sociali 203 Introduzione In questo capitolo analizzeremo le politiche sociali in Umbria alla luce dei più recenti cambiamenti verificatisi nel modello di welfare regionale e in base alla presenza e consistenza delle risorse economiche e abitative e delle reti familiari e sociali nella regione. Innanzitutto, tracceremo un quadro delle riforme intervenute nelle politiche sociali: verrà descritto il nuovo contesto normativo nazionale, entro il quale (ed anzi, come vedremo, con funzione anticipatrice) si è inserito il mutamento del modello di welfare umbro. Verranno analizzati i principali strumenti della programmazione sociale (Piano sociale regionale e Piani di zona), mediante i quali viene delineato il sistema dei servizi sociali, a livello regionale e locale. Poi passeremo ad esaminare le risorse a disposizione delle famiglie umbre, principalmente quelle economiche: redditi percepiti e pensioni (ed altri sussidi). Uno specifico paragrafo verterà su come le famiglie umbre percepiscono il proprio status economico. L analisi delle risorse verrà completata con quella relativa alle abitazioni, con riguardo sia al titolo di godimento e alle modalità di acquisizione, sia ai problemi della casa in cui si abita. Successivamente, descriveremo la consistenza delle reti familiari e sociali presenti nella regione: in particolare, analizzeremo il lavoro di cura nelle famiglie (dei figli e dei familiari ammalati), i sostegni economici (dati e ricevuti) e la presenza di reti sociali (rapporti amicali e di vicinato e aiuti). Per la parte sulle risorse e per quella sulle reti utilizzeremo i dati provenienti dall Indagine retrospettiva sulle famiglie in Umbria (IRFU), integrandoli, laddove necessario e opportuno, con quelli delle Indagini multiscopo dell ISTAT (ISTAT, 2001a; Id., 2001b).

2 204 RAPPORTO ECONOMICO E SOCIALE DELL UMBRIA L inserimento di questi due argomenti (risorse e reti) in un analisi dedicata in prima battuta al welfare non è certamente casuale. Osservare la distribuzione reddituale, la situazione economica delle famiglie e la disponibilità delle risorse abitative, infatti, consente di mettere a fuoco le principali diseguaglianze presenti in una società, i bisogni che le persone non riescono a soddisfare, le situazioni di maggiore criticità economica. È compito del welfare farsi carico di tali difficoltà e cercare di agire per rimuoverne cause ed effetti. Inoltre, inteso in una larga accezione, il welfare non è costituito soltanto da politiche e servizi pubblici, ma anche da aiuti, assistenze, sostegni, protezioni, reti e relazioni, presenti tanto all interno delle famiglie e delle parentele quanto nella comunità nel suo complesso. È in base alla diversa interazione che si crea tra questi attori non pubblici in senso stretto e gli altri (pubblici, privati e del terzo settore ) che si delinea il regime di welfare vigente in una società 1. Le nuove politiche sociali Negli ultimi anni le politiche sociali sono state oggetto di un profondo processo di riforma che ne sta ridelineando caratteri e confini. Nato e cresciuto, nel nostro paese, come un sistema prettamente a carattere assistenziale, oggi il welfare italiano sta cambiando rotta, grazie ai mutamenti intervenuti alla fine degli anni novanta: la nuova normativa nazionale ed alcune importanti esperienze a livello regionale (tra le quali va sicuramente annoverata quella dell Umbria) si pongono sostanzialmente l obiettivo di superare, come vedremo, l ottica riparatoria dei servizi sociali e la logica dello sportello, per andare verso un sistema di protezione attivatore di risorse individuali e comunitarie, non più teso soltanto ad occuparsi di particolari target di popolazione disagiata. L approdo è dunque un sistema in cui non venga meno la fondamentale funzione delle politiche e dei servizi pubblici e in cui questi possano essere adeguati anche ai problemi della normale quotidianità delle persone. E proprio il disagio dei normali costituisce uno degli assi portanti del primo Piano sociale regionale (che analizzeremo nelle prossime pagine): il sistema dei servizi sociali deve essere progettato e realizzato ponendo al centro della scena i bisogni e i diritti di tutte le persone che vivono e lavorano nella regione, respingendo con grande nettezza ogni impostazione minimalista o assistenzialista, secondo cui i servizi [ ] vanno organizzati esclusivamente per fornire una risposta alle patologie sociali più evidenti (Regione Umbria, 2000, p. 17) 2. Il nuovo contesto delle politiche sociali in Italia Prima di affrontare nel dettaglio i principali mutamenti che hanno coinvolto le politi-

3 Il welfare, le risorse familiari, le reti parentali e sociali 205 che sociali in Italia nel corso degli ultimi anni, è senza dubbio necessaria una premessa sulla nuova cornice di riferimento normativo definita dalla legge costituzionale n. 3 del 2001, che ha modificato il Titolo V della Costituzione. Con essa viene introdotto nel nostro ordinamento il principio di sussidiarietà, verticale e orizzontale 3 (art. 118) e la potestà legislativa esclusiva delle Regioni in riferimento ad ogni materia non espressamente riservata alla legislazione dello Stato (art. 117). A quest ultimo, per quanto attiene alle politiche e ai servizi sociali, viene attribuita soltanto la determinazione dei livelli essenziali delle prestazioni, che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale: le Regioni, fatte salve tali determinazioni, possono delineare come ritengono più opportuno il proprio modello di welfare locale. La modifica costituzionale è successiva all ampio processo di riforma del welfare nazionale, la cui prima tappa di una certa rilevanza è, senz altro, la legge 285/97, relativa all infanzia e all adolescenza, ma contenente, in nuce, molti dei principi che poi saranno alla base della successiva legge 328/2000. In particolare, la 285 introduce il metodo della programmazione nelle politiche sociali e la centralità del livello comunale e di Ambito Territoriale 4 ; il lavoro per progetti come strumento di implementazione di servizi e interventi sociali; l ottica promozionale di diritti e opportunità, al di là degli interventi in risposta al disagio conclamato e nella logica di superamento del welfare assistenziale. Questi principi, come detto, sono stati ripresi ed ampliati dalla legge 328/2000, con la quale si è emanato, dopo più di un secolo di silenzio legislativo, una leggequadro sul sistema dei servizi sociali 5. Tale norma è di estrema importanza per l assetto delle politiche sociali nel nostro paese. Oltre a ribadire il metodo della programmazione, l approccio promozionale e il lavoro per progetti, introduce nel nostro ordinamento il principio dell universalismo (che finora aveva riguardato solo la sanità e l istruzione) e dell esigibilità dei diritti sociali: l accesso ai servizi sociali è per tutti i cittadini, con priorità per coloro che si trovano in maggiori difficoltà. Tutto ciò nell ottica del welfare delle responsabilità condivise: il pubblico (mediante tutti i suoi livelli di governo, dai Comuni allo Stato) assume il compito fondamentale di regia e di regolazione (in un ottica di integrazione con gli altri comparti del welfare) attraverso un sistema di governance. Viene costruito un sistema allargato di governo nel quale gli attori principali sono tanto i soggetti pubblici quanto quelli sociali e privati, così come i cittadini, le famiglie e le comunità 6. Il nuovo welfare italiano prende dunque le distanze da un passato fatto di interventi categoriali e prevalentemente monetari per andare verso un sistema integrato di interventi rivolti alla persona e alla famiglia e un insieme di trasferimenti monetari e servizi in rete; in più, si passa dal riconoscimento del bisogno di aiuto all affermazione del diritto all inserimento sociale. Come detto, il metodo adottato è quello della programmazione 7 : la legge 328/

4 206 RAPPORTO ECONOMICO E SOCIALE DELL UMBRIA stabilisce che ad ogni livello di governo venga predisposto un Piano, come strumento di realizzazione del sistema integrato. Nel maggio 2001 è stato emanato il primo Piano nazionale degli interventi e dei servizi sociali Con esso vengono innanzitutto definiti i cinque obiettivi di priorità sociale: 1) valorizzazione e sostegno delle responsabilità familiari; 2) rafforzamento dei diritti dei minori; 3) potenziamento degli interventi a contrasto della povertà; 4) sostegno con servizi domiciliari delle persone non autosufficienti, in particolari anziani e disabili gravi; 5) inserimento degli immigrati, prevenzione delle droghe, attenzione agli adolescenti. La legge 328/2000, all articolo 18, prevede che le Regioni adottino il proprio Piano sociale entro 120 giorni dall adozione di quello nazionale. La Regione Umbria, da questo punto di vista, è stata assai precoce, visto che ha approvato il primo Piano sociale regionale nel dicembre 1999, addirittura in anticipo rispetto all approvazione della legge stessa e prefigurando, così, il modello poi seguito per la riforma a livello nazionale 8. L ultimo livello programmatorio previsto è quello dei Comuni associati in Ambiti Territoriali, che definiscono il Piano di zona, individuando gli obiettivi strategici, le priorità di intervento, gli strumenti, le modalità organizzative e le risorse finanziarie per la realizzazione del sistema integrato a livello locale. Anche in questo caso, in Umbria i Piani di zona sono stati previsti ed elaborati in anticipo rispetto alle altre regioni 9. Il modello di welfare umbro e la programmazione sociale di territorio condivisa: Piano sociale regionale e Piani di zona Come abbiamo già detto, gli indirizzi di politica sociale nazionale sono stati ripresi e, anzi, anticipati dalla produzione normativa regionale umbra in materia. Punto di partenza del nuovo modello di welfare è il primo Piano sociale regionale Gli assi portanti del piano sono stati individuati nell assunzione del disagio della normalità come area di intervento; nella determinazione di una rete dei servizi essenziali per Ambito Territoriale 10 ; nella promozione di un organizzazione sociale che si prenda cura dei suoi membri; nel superamento della logica di sportello o riparatoria del servizio sociale 11. È all interno degli Ambiti Territoriali che viene declinato il modello di welfare locale e che prende corpo la distinzione nelle cinque aree di welfare, graduate in base alla diversità qualitativa e all intensità del supporto assistenziale: 1) leggero; 2) domiciliare e di supporto familiare;

5 Il welfare, le risorse familiari, le reti parentali e sociali 207 3) comunitario; 4) residenziale e semi-residenziale; 5) di sostegno all emergenza 12. Per ogni area, il Piano individua le tipologie di servizio o intervento che costituiscono la dotazione obbligatoria dei servizi essenziali in ciascun Ambito Territoriale. Ogni tre anni, gli Ambiti elaborano in base a quanto stabilito dal Piano sociale regionale e, oggi, dalla legge 328/2000 il proprio Piano di zona. La programmazione dal basso è resa necessaria dall esigenza di pensare servizi che pur rispondendo a un impianto regionale unitario, sappiano tenere conto delle peculiarità di ogni situazione (Regione Umbria, 2000, p. 65). Il metodo da utilizzare per la realizzazione su scala territoriale del sistema dei servizi è il medesimo di quello previsto dalla legge 328/2000, cioè la programmazione, intesa, a livello regionale umbro, come programmazione sociale di territorio condivisa, definita nell Atto di indirizzo ai Comuni come strategia di sviluppo comunitario che coniuga l aiuto alla persona con l azione di territorio, tramite pratiche di concertazione che conducono alla condivisione di obiettivi e processi 13 : un sistema di responsabilità condivise in un quadro di regolazione universale definito dal pubblico. Il Piano di zona deve contenere una lettura dei punti di forza e di debolezza del tessuto sociale, gli obiettivi di promozione e protezione sociale, i servizi esistenti o da realizzare per ciascuna area di welfare, la descrizione dei servizi propri del singolo Comune, le modalità di coordinamento tra Comuni dello stesso Ambito, le forme di collaborazione con i soggetti privati e del terzo settore e le risorse impegnate 14. Il mutamento del welfare: le politiche per l infanzia e l adolescenza e gli Uffici della cittadinanza A conclusione della parte relativa alle politiche sociali, prenderemo brevemente in esame due esempi che ci sembrano emblematici per descrivere il nuovo welfare in Umbria: il primo riguarda il complesso degli interventi per l infanzia e l adolescenza, mentre il secondo la sperimentazione degli Uffici della Cittadinanza. Le politiche sociali regionali per l infanzia e l adolescenza sono state improntate, negli ultimi anni, ad un ottica promozionale di diritti e opportunità, in linea con la rinnovata normativa nazionale in materia. Come detto, la legge 285/97 ha offerto una nuova cornice entro cui inserire servizi e interventi specificamente rivolti a bambini e ragazzi. Sono stati elaborati dalla Regione Umbria gli Indirizzi regionali di attuazione di tale normativa, per gli anni e In essi vengono specificate le linee-guida per l elaborazione dei Piani territoriali di intervento per l infanzia e l adolescenza, adottati successivamente dai 12 Ambiti Territoriali

6 208 RAPPORTO ECONOMICO E SOCIALE DELL UMBRIA umbri, che contengono i progetti esecutivi, nonché i servizi e gli interventi previsti. Gli Indirizzi regionali si muovono nella direzione della sperimentazione di interventi innovativi, del potenziamento delle azioni preventive del disagio e della istituzionalizzazione e dell adeguata risposta alle situazioni di emergenza. Essi prevedono una ricca e dettagliata tipologia di azioni rivolte all infanzia e all adolescenza, ma anche alle famiglie: infatti, accanto ai servizi per la prima infanzia, a quelli ricreativi per il tempo libero (centri di aggregazione, animazione estiva, ecc.), agli interventi per la città educativa e a quelli di prevenzione e contrasto delle situazioni più disagiate, gli Indirizzi prevedono anche interventi di sostegno alla genitorialità e alle relazioni familiari (centri per le famiglie, mediazione familiare, prestiti d onore, ecc.). Recependo le indicazioni regionali, sono state così messe in campo, da parte dei Comuni, una serie di azioni per i bambini e i ragazzi per molti aspetti innovative rispetto al passato, a tutto campo e non soltanto centrate su situazioni di bisogno 15. L Ufficio della Cittadinanza, invece, è un servizio sociale locale di primo livello, che rientra nell ambito del welfare leggero. Si configura come uno spazio pubblico a disposizione di tutti i cittadini di un dato territorio dove possono essere mobilitate risorse aggiuntive, secondo necessità, attraverso azioni di ascolto, orientamento, accompagnamento e mediazione per rispondere a bisogni e problemi delle persone e delle famiglie (Regione Umbria, 2000, p. 39). L aspetto forse più interessante di tale servizio è che esso risponde a disagi e problemi che insorgono nella normale quotidianità delle persone: è in questa dimensione, infatti, che prende forma la diversa qualità del vivere ed è lì che si registrano le difficoltà, i fallimenti, le impossibilità che possono aprire percorsi di emarginazione e di disagio, a volte senza ritorno (ibidem). I servizi di welfare leggero sono attivatori di risorse, non incardinati sul disagio conclamato; essi fanno leva su ciò che si ha e non su ciò che si è perso e mettono in rete le persone e le famiglie nei momenti di difficoltà del loro corso di vita affinché, in autonomia, possano gestirsi segmenti della propria realtà sociale (ibidem). Per ogni Ufficio sono previsti due assistenti sociali, un educatore e un operatore sociale/comunicatore: l operatività sociale dell Ufficio della Cttadinanza richiede un team di professionalità diverse e integrabili, in grado di fornire letture adeguate dei problemi e orientamenti congrui alle esigenze delle persone; altresì richiede di superare la logica che prevede all interno del servizio la sola professionalità dell assistente sociale, a cui va il compito di coordinare i diversi interventi (ivi, p. 41) 16. Le risorse Dopo aver preso in esame i principali cambiamenti intercorsi nelle politiche sociali e il processo di riforma del welfare in Italia e in Umbria, in questo paragrafo

7 Il welfare, le risorse familiari, le reti parentali e sociali 209 ci occuperemo delle risorse a disposizione delle famiglie (reddito, sussidi, abitazione) e della loro situazione economica. Il reddito percepito dalle famiglie I dati relativi al reddito netto percepito dalle famiglie umbre rilevati nell IRFU denotano una sostanziale omogeneità tra Umbria e Italia. Infatti, il reddito familiare medio complessivo 17 è superiore solo di circa 500 euro in Umbria rispetto al valore nazionale: euro all anno contro (tab. 1). La differenza nel valore mediano è invece più marcata: euro in Umbria, in Italia, con una differenza pari a circa euro 18. Nel campione, dunque, il reddito segue una distribuzione caratterizzata da asimmetria positiva, visto che la media è maggiore della mediana. Questo vuol dire che la maggior parte delle fami- Tab. 1 - REDDITO MEDIO FAMILIARE NETTO CONSEGUITO IN UMBRIA (2000) E IN ITALIA (1998) Reddito medio (euro) N. intervistati RESIDENZA (*) Grandi centri Medi centri Piccoli centri SESSO (*) Maschi Femmine ETÀ (*) anni anni anni anni e oltre TITOLO DI STUDIO (*) Fino alla licenza elementare Licenza media Diploma Laurea OCCUPAZIONE (*) Imprenditore, libero professionista, dirigente Lavoratori autonomi Impiegati Operai Non occupati Totale Umbria Italia (*) Riferito al capofamiglia. Fonte:, Indagine retrospettiva sulle famiglie umbre, 2002.

8 210 RAPPORTO ECONOMICO E SOCIALE DELL UMBRIA glie ha redditi più bassi della media, mentre un numero più ristretto percepisce redditi più elevati ( - Osservatorio sulle povertà in Umbria, 2004). L analisi condotta nell IRFU rileva che la disegugalianza nella distribuzione dei redditi è comunque inferiore in Umbria rispetto all Italia. La nostra regione sarebbe più egualitaria di quanto non si riscontri nell intero territorio nazionale (tab. 2): in Italia il 20% più povero delle famiglie detiene il 6% del reddito totale e il 20% più ricco dispone del 43%; in Umbria, invece, il 20% più povero detiene il 7% del reddito totale, mentre il 20% più ricco dispone del 38%. La differenza fra quintile più ricco e quintile più povero, quindi, è inferiore in Umbria rispetto all Italia: è pari al 31% nella nostra regione e al 37% sul territorio nazionale ( - Osservatorio sulle povertà in Umbria, 2004) 19. Il reddito medio familiare è più basso (graf. 1) nelle famiglie che risiedono nei grandi e medi centri rispetto a quelle che abitano nei piccoli centri (circa contro euro circa) 20. Poi, laddove il capofamiglia è più anziano: tra quelli ultrasettantenni, la media annuale familiare è pari a poco più di euro, mentre per le altre coorti di età a poco più di euro. Redditi meno consistenti si registrano anche quando il capofamiglia è donna, prevalentemente vedova o divorziata: la differenza annuale è di euro a vantaggio dei capofamiglia maschi. Infine, le diseguaglianze reddituali più cospicue si riscontrano, come prevedibile, se si prendono in considerazione le classi occupazionali e i livelli di istruzione dei capofamiglia. L ammontare del reddito medio annuo dei non occupati (pensionati e inoccupati) è pari a meno della metà di quelli della classe di cui fanno parte gli imprenditori, i liberi professionisti e i dirigenti ( contro euro), ed aumenta progressivamente all aumentare del livello occupazionale. In realtà, decresce leggermente di circa euro tra impiegati e lavoratori autonomi, ma, probabilmente, per quest ultima classe occupazionale potrebbe essere maggiormente influente la reticenza a rispondere alle domande sul reddito 21. Ancora più evidente è il divario tra i laureati e coloro che sono in possesso della sola licenza elementare: più di euro l ammontare del reddito dei primi, meno di quello dei secondi, con costante calo al diminuire del titolo di studio. Il livello di istruzione è in stretta relazione, dunque, con la distribuzione del reddito, anche in misura mag- Tab. 2 - DIFFERENZA TRA QUINTILE PIÙ RICCO E QUINTILE PIÙ POVERO DELLA POPOLAZIONE NELLA DISTRIBUZIONE DEI REDDITI Quota di reddito detenuta dal 20% più povero della popolazione Quota di reddito detenuta dal 20% più ricco della popolazione Differenza percentuale Umbria (2000) 7,0 38,0 31,0 Italia (1998) 6,0 43,0 37,0 Fonte:, Indagine retrospettiva sulle famiglie umbre, 2002.

9 Il welfare, le risorse familiari, le reti parentali e sociali 211 Graf. 1 - DISTRIBUZIONE DEL REDDITO FAMILIARE MEDIO ANNUO IN UMBRIA (2000) Fonte:, Indagine retrospettiva sulle famiglie umbre, giore rispetto alla struttura occupazionale 22. Bisogna anche considerare, tuttavia, che coloro che hanno titoli di studio più bassi sono le persone più anziane (visto il progressivo diffondersi della scolarizzazione in Umbria; cfr. infra il capitolo L istruzione), cioè coloro che oggi sono percettori di una pensione. Per quanto riguarda invece la struttura del reddito familiare, i dati rilevati nell IRFU permettono di analizzare in maniera abbastanza dettagliata sia il contributo di ciascuno dei membri della famiglia, sia la composizione percentuale in base al tipo di reddito percepito (da lavoro, da capitale, pensioni). Sia in Italia che in Umbria, la quota di reddito prodotta dal capofamiglia è pari a circa i tre quarti del totale (tab. 3, graf. 2): il 70,9% nella nostra regione e il 75,3% nell intero Paese.

10 212 RAPPORTO ECONOMICO E SOCIALE DELL UMBRIA Più alta è invece, in Umbria, la quota che proviene da altri membri della famiglia (esclusi il coniuge e i figli): ben il 10,1%, contro il 2,6%, vista la maggiore presenza di famiglie complesse (cfr. infra il capitolo Le famiglie). Questa quota sale fino a oltre il 50% nel caso in cui il capofamiglia abbia un età compresa tra i 18 e i 29 anni: è evidente, in questi casi, la forte incidenza della convivenza tra giovani (sposati o non) e genitori ancora in vita. Tuttavia, va considerato che nell IRFU la condizione fondamentale per l individuazione del capofamiglia, come abbiamo detto, è quella di essere occupato: ciò vuol dire che potremmo trovarci di fronte a famiglie in cui chi lavora è il figlio, ma in cui i genitori (pensionati) contribuiscono in maniera ancora rilevante alla formazione del reddito familiare. Scorrendo la tabella 3, notiamo anche che laddove il capofamiglia è laureato, è più alta la componente del reddito prodotta dal coniuge (25,2%): all aumentare del livello di istruzione, dunque, aumenta anche la probabilità che il coniuge (e quindi la donna) lavori. Da ultimo, segnaliamo che tra i capofamiglia lavoratori autonomi si registra la percentuale più alta di reddito familiare prodotto dai figli (7,7%), probabilmente a causa del fatto che questi ultimi potrebbero essere impegnati in attività a conduzione familiare. Non si registrano, invece, particolari differenze nei contributi al reddito in base al livello occupazionale e di istruzione. Anche nel caso della composizione percentuale del reddito familiare secondo i tipi di fonte (tab. 4; graf. 3), l Umbria e l Italia presentano valori non molto distanti tra loro: il reddito da lavoro incide in ambedue i casi per circa il 60% (in Italia per un 5% in più). Graf. 2 - CONTRIBUTO DEI VARI MEMBRI ALLA FORMAZIONE DEL REDDITO DELLA FAMIGLIA IN UMBRIA (2000) E IN ITALIA (1998) Fonte:, Indagine retrospettiva sulle famiglie umbre, 2002.

11 Il welfare, le risorse familiari, le reti parentali e sociali 213 Tab. 3 - CONTRIBUTO DEI VARI MEMBRI DELLA FAMIGLIA ALLA FORMAZIONE DEL REDDITO FAMILIARE IN UMBRIA (2000) E IN ITALIA (1998) (valori percentuali) Capofamiglia Coniuge Figli Altri Totale N. intervistati RESIDENZA (*) Grandi centri 71,6 13,9 1,8 12,7 100,0 225 Medi centri 70,2 15,9 6,4 7,5 100,0 124 Piccoli centri 70,6 16,7 4,3 8,3 100,0 161 SESSO (*) Maschi 68,5 17,2 3,6 10,6 100,0 409 Femmine 80,6 7,4 4,0 7,9 100,0 101 ETÀ (*) anni 40,2 3,8 1,5 54,4 100, anni 70,3 15,9 1,1 12,7 100, anni 72,0 15,5 7,5 4,9 100, anni e oltre 78,2 16,6 1,9 3,2 100,0 101 TITOLO DI STUDIO (*) Fino alla licenza 74,2 15,9 5,5 4,4 100,0 167 elementare Licenza media 74,0 11,2 3,8 11,0 100,0 131 Diploma 65,6 15,9 2,5 16,0 100,0 179 Laurea 71,1 25,2 0,9 2,7 100,0 33 OCCUPAZIONE (*) Imprenditori, liberi 75,5 22,7 1,7 0,0 100,0 20 professionisti, dirigenti Lavoratori autonomi 64,1 16,5 7,7 11,7 100,0 74 Impiegati 63,8 20,7 1,3 14,2 100,0 80 Operai 67,9 11,5 4,4 16,2 100,0 148 Non occupati 78,2 15,7 2,8 3,3 100,0 173 Totale Umbria 70,9 15,3 3,7 10,1 100,0 510 Italia 75,3 16,8 5,4 2,6 100, (*) Riferito al capofamiglia. Fonte:, Indagine retrospettiva sulle famiglie umbre, L altra principale fonte è la pensione, che conta per il 41% nella regione e per il 36,2% nell intero Paese. I redditi da capitale sono quasi ininfluenti (0,5% in Umbria e 0,9% in Italia) ma, con tutta probabilità, vengono sottostimati nell IRFU, considerata l elevata propensione al risparmio degli italiani: valori così bassi nella composizione del reddito familiare sembrano dunque attribuibili alla reticenza a fornire informazioni sui propri investimenti finanziari ( - Osservatorio sulle povertà in Umbria, 2004). I redditi da lavoro sono più importanti per chi abita nei grandi centri (62,6%), laddove il capofamiglia è maschio (61,1% contro 45,1% quando il capofamiglia è femmina) e all aumentare del livello di istruzione (77% tra i diplomati e i laureati). La pensione, viceversa, incide di più tra le donne

12 214 RAPPORTO ECONOMICO E SOCIALE DELL UMBRIA Tab. 4 - COMPOSIZIONE PERCENTUALE DEL REDDITO FAMILIARE NETTO IN UMBRIA (2000) E IN ITALIA (1998) (valori percentuali) Reddito Reddito Altre Pensioni da lavoro da capitale fonti Totale N. intervistati RESIDENZA (*) Grandi centri 62,6 1,0 36,0 0,4 100,0 225 Medi centri 52,2 0,0 47,7 0,1 100,0 124 Piccoli centri 55,8 0,2 42,8 1,2 100,0 161 SESSO (*) Maschi 61,1 0,6 38,2 0,1 100,0 409 Femmine 45,1 0,2 52,2 2,4 100,0 101 ETÀ (*) anni 61,0 0,0 37,1 1,9 100, anni 86,4 0,6 12,4 0,5 100, anni 57,8 0,2 41,1 0,8 100, anni e oltre 3,2 0,9 95,9 0,0 100,0 101 TITOLO DI STUDIO (*) Fino alla licenza 24,5 0,1 74,6 0,9 100,0 167 elementare Licenza media 69,4 0,3 30,1 0,1 100,0 131 Diploma 77,0 0,6 21,6 0,8 100,0 179 Laurea 77,9 3,0 19,1 0,0 100,0 33 OCCUPAZIONE (*) Imprenditori, liberi 97,2 0,5 2,2 0,0 100,0 20 professionisti, dirigente Lavoratori autonomi 84,2 0,9 14,2 0,7 100,0 74 Impiegati 83,3 0,3 16,4 0,0 100,0 80 Operai 85,1 0,3 13,9 0,7 100,0 148 Non occupati 9,8 0,6 89,2 0,3 100,0 173 Totale Umbria 57,9 0,5 41,0 0,6 100,0 510 Italia 61,4 0,9 36,2 1,5 100, (*) Riferito al capofamiglia. Fonte:, Indagine retrospettiva sulle famiglie umbre, capofamiglia (spesso vedove) e tra coloro che hanno livelli di istruzione più bassi, anche tra i capofamiglia ma la cui età è compresa tra i 18 e i 29 anni, per ben il 37,1%: visto che i giovani, praticamente, non percepiscono pensioni, la quota relativa a questa fonte di reddito è attribuibile ai genitori anziani e pensionati che vivono con i propri figli. I sussidi Le pensioni percepite - Il questionario IRFU conteneva una specifica sezione de-

13 Il welfare, le risorse familiari, le reti parentali e sociali 215 Graf. 3 - COMPOSIZIONE DEL REDDITO SECONDO LA FONTE IN UMBRIA (2000) E IN ITALIA (1998) Fonte:, Indagine retrospettiva sulle famiglie umbre, dicata ai sussidi percepiti dagli intervistati. Tra questi, una larga parte è ovviamente occupata dalle pensioni. Il 35,4% del campione ha dichiarato di ricevere attualmente una pensione (tab. 5) 23. Tale cifra è più alta rispetto sia al dato nazionale (25,2%) che a quello relativo all Italia centrale (29,3%). Ciò può trovare spiegazione nel fatto che l indice di vecchiaia della nostra regione è tra i più alti d Italia. Anche l importo medio mensile, però, è più alto: è pari a 732 euro in Umbria, contro 698 euro dell Italia e 688 euro del Centro 24. È interessante notare la diseguaglianza di genere: le pensioni percepite dagli uomini sono superiori mediamente di circa 230 euro rispetto a quelle delle donne, probabilmente in considerazione del fatto che queste, in passato, erano molto meno presenti nel mercato del lavoro (graf. 4). Altre diseguaglianze distributive si riscontrano tra grandi centri da una parte e medi e piccoli centri dall altra (più alte di circa euro le pensioni nei primi) e, soprattutto, in base ai livelli di istruzione. Infatti all aumentare di questi ultimi cresce anche il livello di occupazione che, a sua volta, incide sull importo della pensione. Chi è laureato percepisce una pensione quasi doppia di chi ha la licenza elementare, e tale ammontare diminuisce proporzionalmente al decrescere del titolo di studio. Altri sussidi economici percepiti - Riguardo agli altri sussidi, il questionario poneva una domanda generica, potendo l intervistato inserire in questa voce ogni forma di sussidio economico percepito a qualsiasi titolo dallo Stato o

14 216 RAPPORTO ECONOMICO E SOCIALE DELL UMBRIA Graf. 4 - IMPORTO MEDIO DELLE PENSIONI PERCEPITE IN UMBRIA (2000) Fonte:, Indagine retrospettiva sulle famiglie umbre, dall Ente locale, nel 2000 e nel 2001 (indennità di cassa integrazione, indennità di disoccupazione, mobilità, ma anche indennità di accompagnamento per anziani o disabili, contributi del Comune, ecc.). La prospettiva diacronica permette di avere l andamento dei sussidi percepiti: tuttavia, tale andamento sarà maggiormente visibile tra qualche anno (se l indagine verrà ripetuta). Comunque, nel corso di un anno l ammontare medio annuo dei sussidi percepiti, nel campione, è aumentato: si è passati da 993 a euro (tab. 6). A ben vedere, però, tale aumento ha riguardato solo coloro che si trovano nelle classi occupazionali più elevate (imprenditori, liberi professionisti, dirigenti e lavoratori autonomi) 25 e i non occupati, mentre per gli altri (impiegati e operai) la situazione è di sostanziale stabilità. Sussidi economici sono percepiti, nel 2001, dal 7,2% del campione (era il 7,5% nel 2000). La quota più alta all interno delle classi occupazionali si registra tra gli operai. Tra di essi, ben 1 su 10 riceve un sussidio. La diseguaglianza tra maschi e femmine è ancora evidente: tuttavia, stavolta il divario è nettamente a favore delle donne, che ricevono un importo medio annuo quasi doppio dei maschi. La percentuale delle donne che ricevono sussidi è di circa il 4%, quella degli uomini di circa il 10%. La situazione economica delle famiglie In questo paragrafo analizzeremo la situazione economica delle famiglie umbre

15 Il welfare, le risorse familiari, le reti parentali e sociali 217 Tab. 5 - PENSIONI DI QUALSIASI TIPO ATTUALMENTE RICEVUTE IN UMBRIA (2000) E IN ITALIA (1998) % di coloro che ricevono una pensione Media (euro) RESIDENZA (*) Grandi centri 34,3 817 Medi centri 40,4 685 Piccoli centri 33,3 704 SESSO (*) Maschi 38,2 841 Femmine 32,5 610 ETÀ (*) , , , e oltre 93,2 711 TITOLO DI STUDIO (*) Fino licenza elementare 71,6 638 Licenza media 25,7 800 Diploma 9, Laurea 21, OCCUPAZIONE (*) Imprenditori, liberi professionisti, dirigenti 16, Lavoratori autonomi 14,3 765 Impiegati 3,1 811 Operai 5,6 356 Non occupati 74,6 766 Totale Umbria 35,4 732 Italia Centrale 29,3 698 Italia 25,2 688 (*) Riferito al rispondente. Fonte:, Indagine retrospettiva sulle famiglie umbre, con l aiuto dei dati provenienti dall IRFU: l andamento rispetto all anno precedente, il giudizio sulle capacità economiche, la propensione al risparmio negli ultimi 12 mesi, gli eventuali ritardi nei pagamenti e un analisi di un paniere di beni che si possiedono o si potrebbero possedere 26. L andamento della situazione economica rispetto all anno precedente - Per quanto riguarda la comparazione della situazione economica familiare rispetto all anno precedente, il questionario prevedeva cinque possibili risposte: nettamente peggiorata, leggermente peggiorata, praticamente la stessa, leggermente migliorata e nettamente migliorata. Il 65,6% del campione ha dichiarato una

16 218 RAPPORTO ECONOMICO E SOCIALE DELL UMBRIA Tab. 6 - SUSSIDI ECONOMICI CONCESSI DALLO STATO O DAGLI ENTI LOCALI IN UMBRIA (2001) E IN ITALIA (1998) % di coloro che nel 2001 hanno ricevuto sussidi dallo Stato N. intervistati Media (euro) RESIDENZA (*) Grandi centri 6, Medi centri 6, Piccoli centri 8, SESSO (*) Maschi 10, Femmine 4, ETÀ (*) anni 2, anni 13, anni 3, anni e oltre 7, TITOLO DI STUDIO (*) Fino alla licenza elementare 6, Licenza media 9, Diploma 7, Laurea 3, OCCUPAZIONE (*) Imprenditori, liberi professionisti, dirigente 12, Lavoratori autonomi 2, Impiegati 7, Operai 12, Non occupati 6, Totale Umbria 7, (*) Riferito al rispondente. Fonte:, Indagine retrospettiva sulle famiglie umbre, situazione economica sostanzialmente invariata (tab. 7). La quota di coloro che la percepiscono peggiorata è del 23,9% (il 18,8% leggermente e il 5,1% nettamente ), mentre quella di chi la ritiene migliorata ammonta al 10,6% (9% leggermente e 1,6% nettamente ). Coloro che la percepiscono peggiorata sono soprattutto i capofamiglia donne (il 32,3% contro il 21,8% tra i maschi), probabilmente anziane sole o monogenitore (graf. 5). Denotano una minore propensione a percepire la propria situazione economica peggiorata i capofamiglia con un età compresa tra i 18 e i 29 anni (3,8%), laureati (12,1%) e imprenditori, liberi professionisti o dirigenti (10%). In tutti questi casi, però, i valori assoluti di riferimento sono troppo bassi per trarre conclusioni generali. Per il resto, non ci sono sostanziali differenze né per dimensione comunale, né per fasce d età, né per titolo di studio, né per livello occupazionale. Dai dati a nostra disposizione sembra, quindi, che il peggioramento della situazione economica (che riguarda 2 umbri su 10) sia trasversale e non si concentri su

17 Il welfare, le risorse familiari, le reti parentali e sociali 219 Graf. 5 - FAMIGLIE UMBRE CHE DICHIARANO NETTAMENTE O LEGGERMENTE PEGGIORATA LA LORO SITUAZIONE ECONOMICA RISPETTO ALL ANNO PRECEDENTE Fonte:, Indagine retrospettiva sulle famiglie umbre, particolari categorie di famiglie a parte, significativamente, quelle il cui capofamiglia è donna. Il giudizio sulle capacità economiche della famiglia - Per analizzare le capacità economiche delle famiglie umbre considerando il reddito di tutti i componenti, il

18 220 RAPPORTO ECONOMICO E SOCIALE DELL UMBRIA Tab. 7 - COMPARAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA DELLA FAMIGLIA RISPETTO ALL ANNO PRECEDENTE IN UMBRIA (2002) Nettamente peggiorata Leggermente peggiorata Praticamente la stessa RESIDENZA (*) Leggermente migliorata (valori percentuali) Nettamente migliorata Totale Grandi centri 4,3 22,4 60,9 11,2 1,2 100,0 Medi centri 5,7 17,1 69,9 6,5 0,8 100,0 Piccoli centri 5,3 17,2 66,5 8,8 2,2 100,0 SESSO (*) Maschi 4,4 17,4 67,0 9,5 1,7 100,0 Femmine 7,8 24,5 59,8 6,9 1,0 100,0 ETÀ (*) anni 0,0 3,8 73,1 15,4 7,7 100, anni 6,2 17,1 63,2 11,4 2,1 100, anni 5,2 20,9 64,9 8,4 0,5 100,0 70 anni e oltre 4,0 21,8 69,3 4,0 1,0 100,0 TITOLO DI STUDIO (*) Fino alla licenza 4,8 20,4 70,1 4,8 0,0 100,0 elementare Licenza media 7,7 19,6 58,7 11,9 2,1 100,0 Diploma 3,6 18,5 63,7 11,9 2,4 100,0 Laurea 3,0 9,1 81,8 3,0 3,0 100,0 OCCUPAZIONE (*) Imprenditori, liberi 5,0 5,0 85,0 5,0 0,0 100,0 professionisti, dirigente Lavoratori 2,7 20,3 62,2 12,2 2,7 100,0 autonomi Impiegati 2,5 19,0 63,3 15,2 0,0 100,0 Operai 7,4 17,6 62,8 8,8 3,4 100,0 Non occupati 5,1 20,6 68,0 5,7 0,6 100,0 Totale Umbria 5,1 18,8 65,6 9,0 1,6 100,0 (*) Riferito al capofamiglia. Fonte:, Indagine retrospettiva sulle famiglie umbre, questionario IRFU prevedeva una specifica domanda cui il capofamiglia poteva rispondere valutando come se la cavava la propria famiglia, secondo una scala numerica da 1 a 6: il valore 1 denotava una situazione di grande difficoltà, mentre il 6 corrispondeva alla percezione della situazione di nessuna difficoltà. È evidente che l autovalutazione da parte del capofamiglia è fortemente influenzata dal sistema di valori e di aspettative individuali e familiari, ma proprio per questo l elaborazione dei dati risulta particolarmente interessante. In Umbria si segnala una situazione generalmente tutt altro che problematica (tab. 8): coloro che hanno risposto 5 o 6 rappresentano ben il 38,7% del campione; un

19 Il welfare, le risorse familiari, le reti parentali e sociali 221 Tab. 8 - RISPOSTE ALLA DOMANDA: COME SE LA CAVA LA SUA FAMIGLIA CONSIDERANDO IL REDDITO DI TUTTI I COMPONENTI? IN UMBRIA (2002) Grande difficoltà (*) (valori percentuali) Nessuna difficoltà Totale RESIDENZA (**) Grandi centri 1,9 3,7 19,9 34,8 26,7 13,0 100,0 Medi centri 0,0 3,3 14,6 38,2 23,6 20,3 100,0 Piccoli centri 0,0 3,1 19,4 42,3 25,1 10,1 100,0 SESSO (**) Maschi 0,2 2,2 18,1 40,3 25,2 13,9 100,0 Femmine 2,0 7,8 19,6 33,3 25,5 11,8 100,0 ETÀ (**) anni 0,0 3,8 23,1 42,3 23,1 7,7 100, anni 0,5 3,6 15,5 41,5 28,5 10,4 100, anni 1,0 2,1 18,8 37,7 25,7 14,7 100,0 70 anni e oltre 0,0 5 21,8 35,6 18,8 18,8 100,0 TITOLO DI STUDIO (**) Fino alla licenza 1,2 4,2 23,4 38,3 22,8 10,2 100,0 elementare Licenza media 0,7 4,9 21,0 39,2 27,3 7,0 100,0 Diploma 0,0 1,8 12,5 42,3 26,8 16,7 100,0 Laurea 0,0 0 12,1 24,2 21,2 42,4 100,0 OCCUPAZIONE (**) Imprenditori, liberi 0,0 0,0 20,0 20,0 20,0 40,0 100,0 professionisti, dirigente Lavoratori autonomi 0,0 0,0 9,5 43,2 32,4 14,9 100,0 Impiegati 0,0 1,3 11,4 41,8 27,8 17,7 100,0 Operai 1,4 4,7 20,3 41,2 27,0 5,4 100,0 Non occupati 0,6 4,6 23,4 36,0 20,6 14,9 100,0 Totale Umbria 0,6 3,3 18,4 38,9 25,2 13,5 100,0 (*) Il grado di difficoltà è stato assegnato dagli intervistati secondo una scala di valori che andavano da 1 (= grande difficoltà) fino a 6 (= nessuna difficoltà). (**) Riferito al capofamiglia. Fonte:, Indagine retrospettiva sulle famiglie umbre, po più della metà (57,3%) si posiziona tra 3 e 4 e solo il 3,9% ha risposto 1 o 2. Le situazioni di estrema difficoltà sono dunque assai circoscritte (solo 3 capofamiglia del campione hanno risposto 1). Vista l esiguità dei valori assoluti, per poter effettuare un analisi di un certo rilievo e capire quali siano i fattori che più influenzano le situazioni di difficoltà, abbiamo sommato le percentuali delle risposte 1, 2 e 3, considerando chi ha indicato 3 più vicino ad una situazione di una qualche difficoltà (graf. 6). In totale, gli umbri in tale condizione sono il 22,3%. Ancora una volta, coloro che

20 222 RAPPORTO ECONOMICO E SOCIALE DELL UMBRIA Graf. 6 - FAMIGLIE UMBRE CHE DICHIARANO DI CAVARSELA MALE O ABBASTANZA MALE IN BASE AI REDDITI DI TUTTI I COMPONENTI Fonte:, Indagine retrospettiva sulle famiglie umbre, si trovano con più frequenza in difficoltà sono soprattutto operai e non occupati (26,4% e 28,6%) 27, ma anche 1 impiegato su 10 e 1 lavoratore autonomo su 10. Il livello di istruzione sembra incidere anche in questo caso: chi ha la licenza elementare o media risulta maggiormente disagiato dal punto di vista economico (28,8% e 26,6%) rispetto a coloro che hanno titoli di studio più alti. Le donne,

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere 20 aprile 2007 La italiana, i dialetti e le lingue straniere Anno 2006 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana delle famiglie.

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 9 dicembre 2008 Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 Con l indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari l Istat raccoglie informazioni

Dettagli

L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI

L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI Con l abolizione della Tasi sulla prima casa, la percentuale di famiglie più interessate dallo sgravio saranno quelle dei

Dettagli

Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana

Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana Roma, marzo 2007 Codice Ricerca: 2007-033bf www.formatresearch.com PREMESSA E NOTA METODOLOGICA Soggetto che ha realizzato

Dettagli

Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia

Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia 22 dicembre 2008 Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia Anni 2006-2007 Direzione centrale per la comunicazione e la programmazione editoriale Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti 4 agosto 2003 Telefono e cellulare: comportamenti emergenti La crescente diffusione del telefono cellulare nella vita quotidiana della popolazione ha determinato cambiamenti profondi sia nel numero sia

Dettagli

Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia

Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia 5 luglio 2005 Il testo qui presentato è pubblicato anche nel volume Madri sole - Sfide politiche e genitorialità alla prova, a cura

Dettagli

Il 28,4% della popolazione e a rischio di poverta o esclusione sociale.

Il 28,4% della popolazione e a rischio di poverta o esclusione sociale. INCLUSIONE SOCIALE Il 28,4% della popolazione e a rischio di poverta o esclusione sociale. Lo stabilisca l indagine Reddito e condizioni di vita (EU SILC), condotta dall Istat nel 2013. Nel 2013, il 19,1%

Dettagli

LA DISTRIBUZIONE DEL REDDITO NETTO DELLE FAMIGLIE Luca Calzola

LA DISTRIBUZIONE DEL REDDITO NETTO DELLE FAMIGLIE Luca Calzola LA DISTRIBUZIONE DEL REDDITO NETTO DELLE FAMIGLIE Luca Calzola Il lavoro intende analizzare i livelli di reddito disponibile delle famiglie umbre e il grado di disuguaglianza nella sua distribuzione. Le

Dettagli

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE IN LOMBARDIA

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE IN LOMBARDIA NOTIZIESTATISTICHE Statistica e Osservatori Numero 3 Maggio 2005 I CONSUMI DELLE FAMIGLIE IN LOMBARDIA Primo obiettivo dell indagine sui consumi delle famiglie, condotta dall Istituto nazionale di Statistica,

Dettagli

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 100 soggetti maggiorenni che risiedono in Italia. Il campione

Dettagli

- Il contesto delle politiche - IL CONTESTO DELLE POLITICHE

- Il contesto delle politiche - IL CONTESTO DELLE POLITICHE IL CONTESTO DELLE POLITICHE Quadro demografico La distribuzione della popolazione sul territorio regionale non é omogenea: il 28,7% della popolazione si concentra nel capoluogo di Aosta, unico comune ad

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali L utilizzo dei voucher per le prestazioni di lavoro accessorio (Fonti: Dati MLPS e INPS) REPORT Roma, 22 marzo 2016 L utilizzo dei voucher per le prestazioni

Dettagli

I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli italiani

I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli italiani I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli ITALIA II trimestre 2009 Ottobre 2009 Livelli retributivi dei in Italia La presenza straniera nel nostro Paese è in continua evoluzione

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 2 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 1 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

1 Coordinatore del Dipartimento Welfare Acli Nazionali

1 Coordinatore del Dipartimento Welfare Acli Nazionali Indagine Link-Marche : ricerca e azione sociale per favorire l inclusione delle persone in condizioni di marginalità e di disagio a cura di David Recchia 1 Link è un progetto nazionale che le Acli hanno

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

Parentela e reti di solidarietà

Parentela e reti di solidarietà 10 ottobre 2006 Parentela e reti di solidarietà Il volume Parentela e reti di solidarietà presenta alcuni risultati dell indagine Famiglia e soggetti sociali svolta dall Istat nel novembre 2003 su un campione

Dettagli

REDDITO E CONDIZIONI DI VITA

REDDITO E CONDIZIONI DI VITA 16 dicembre 2013 Anno 2012 REDDITO E CONDIZIONI DI VITA Nel 2012, il 29,9% delle persone residenti in Italia è a rischio di povertà o esclusione sociale, secondo la definizione adottata nell ambito della

Dettagli

I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI

I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI N.57 MARZO 2014 I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI E PRIVATI AUTORIZZATI OVERVIEW Analizzare i canali attraverso cui i lavoratori trovano un, costituisce un esercizio di grande interesse per la conoscenza

Dettagli

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista.

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista. In sensibile crescita la domanda di servizi assistenziali da parte degli anziani: in 8 anni il numero degli anziani ospiti dei presidi assistenziali è cresciuto di quasi il 30%. Gli ospiti anziani cui

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 30 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 29 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011 Lombardia Statistiche Report N 0 / 17 febbraio 2014 Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011 Sintesi Nel 2010 le famiglie residenti in Lombardia hanno percepito

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

DATI ISTAT Noi Italia

DATI ISTAT Noi Italia Nel 2013 le famiglie in condizioni di povertà relativa sono il 12,6 per cento, poco più di 10 milioni di individui (16,6 per cento della popolazione). La povertà assoluta coinvolge il 7,9 per cento delle

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali)

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali) LA POVERTÀ IN ITALIA, 198-2 (valori percentuali) 3 3 25 25 2 Mezzogiorno 2 15 Italia 15 1 5 Nord Centro 1 5 198 1982 1984 1986 1988 199 1992 1994 1996 1998 2 vecchia serie nuova serie Fonte: Commissione

Dettagli

1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI 2.1. DATI STATISTICI

1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI 2.1. DATI STATISTICI 1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI. DATI STATISTICI N.d.R.: I dati qui di seguito riportati sono stati ricavati dal sito www.istat.it e sono aggiornati al: - 13/11/2013 (dati sui matrimoni) - 23/06/2014

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

DESCRIZIONE DEL CAMPIONE DI CITTADINI CHE HANNO COMPILATO IL QUESTIONARIO

DESCRIZIONE DEL CAMPIONE DI CITTADINI CHE HANNO COMPILATO IL QUESTIONARIO DESCRIZIONE DEL CAMPIONE DI CITTADINI CHE HANNO COMPILATO IL QUESTIONARIO I questionari sul credito al consumo sono stati somministrati ad un campione accidentale non probabilistico costituito da 1.725

Dettagli

LA FAMIGLIA IN ITALIA Dossier statistico

LA FAMIGLIA IN ITALIA Dossier statistico LA FAMIGLIA IN ITALIA Dossier statistico Ministero delle Politiche per la Famiglia Curatori del Rapporto Cinzia Canali, Roberta Crialesi, Gianpiero Dalla Zuanna, Linda Laura Sabbadini, Tiziano Vecchiato.

Dettagli

IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT

IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT 16 Aprile 2014 IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT ALLA LUCE DELL ULTIMO CENSIMENTO Prosegue il processo di diffusione dei dati del Censimento delle istituzioni non profit. Oggi viene presentato un

Dettagli

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali Roma, 7 maggio 2013 Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali E la naturale prosecuzione degli interventi previsti da

Dettagli

FONDO SOLIDARISTICO TERRITORIALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA BOLOGNA

FONDO SOLIDARISTICO TERRITORIALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA BOLOGNA FONDO SOLIDARISTICO TERRITORIALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA BOLOGNA 25 maggio 2012 Contributo tecnico alla riflessione di Fiammetta Fabris (Direttore Operativo UniSalute S.p.A) 1 INDICE NON AUTOSUFFICIENZA

Dettagli

IL RICORSO ALLE CURE ODONTOIATRICHE E LA SALUTE DEI DENTI IN ITALIA Anno 2013

IL RICORSO ALLE CURE ODONTOIATRICHE E LA SALUTE DEI DENTI IN ITALIA Anno 2013 6 luglio 2015 IL RICORSO ALLE CURE ODONTOIATRICHE E LA SALUTE DEI DENTI IN ITALIA Anno 2013 Le cure odontoiatriche hanno subìto una flessione negli anni della crisi economica. La quota di popolazione che

Dettagli

La divisione dei ruoli nelle coppie

La divisione dei ruoli nelle coppie 10 novembre 2010 La divisione dei ruoli nelle coppie Anno 2008-2009 Dal 1 febbraio 2008 al 31 gennaio 2009 l Istat ha condotto la terza edizione dell Indagine multiscopo sull Uso del tempo, intervistando

Dettagli

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag.

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag. Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Le retribuzioni dei e i gap retributivi con gli italiani Anno 2011 Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2 L appartenenza di genere pag.

Dettagli

I destinatari del programma Youth Guarantee in Abruzzo

I destinatari del programma Youth Guarantee in Abruzzo I destinatari del programma Youth Guarantee in Abruzzo Aggiornamento dei dati al 2013 (16 aprile 2014, ver. 0.3) APRILE 2014 Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di reimpiego 2012-2014 Area

Dettagli

USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE

USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE 9 maggio 2013 Anno 2012 USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE L Istat, in collaborazione con il Dipartimento per l innovazione tecnologica (Dit), ha svolto a luglio 2012 la seconda indagine

Dettagli

I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI

I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI 14 dicembre 2012 Al 31 dicembre 2010 I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI In Italia i presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari attivi il 31 dicembre 2010 sono 12.808

Dettagli

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA. Famiglia, abitazioni e sicurezza dei cittadini

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA. Famiglia, abitazioni e sicurezza dei cittadini SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 3 Settore Famiglie e società Famiglia, abitazioni e sicurezza dei cittadini Indagine Multiscopo sulle famiglie Aspetti della vita quotidiana

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio

Facoltà di Economia e Commercio Facoltà di Economia e Commercio Una analisi comparata degli obiettivi dei Piani Sanitari e Socio Sanitari delle Regioni e delle Province Autonome : 2003-2005 di: Eleonora Todini (*) (*) Il presente contributo

Dettagli

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni Istituto per la Ricerca Sociale Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni La ricerca presentata oggi è stata realizzata dall Istituto per la Ricerca Sociale per conto del Summit della Solidarietà, nell

Dettagli

LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN ITALIA

LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN ITALIA 29 ottobre 2014 Anno 2013 LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN ITALIA Nel 2013, circa 5 milioni e 700 mila persone (pari al 10,8% della popolazione di 14 anni e più) hanno manifestato il proprio impegno politico

Dettagli

Tirocini. Cambiano le regole: tutte le novità

Tirocini. Cambiano le regole: tutte le novità Tirocini. Cambiano le regole: tutte le novità Tappe delle novità introdotte in materia di tirocini Sul tema dei tirocini sono intervenuti recentemente, sia a livello nazionale che regionale, alcuni provvedimenti

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan VENETO: sintesi di alcuni dati 1. IL PUNTO DI PARTENZA: UNO SGUARDO STORICO ALLA

Dettagli

LE DONNE E LA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO

LE DONNE E LA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO LE DONNE E LA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO 1. Compiti vecchi e nuovi del Consulente del Lavoro Il Consulente del Lavoro appartiene ad una professione ordinistica attualmente regolamentata dalla

Dettagli

LE FAMIGLIE RESIDENTI NELLA PROVINCIA DI TRIESTE

LE FAMIGLIE RESIDENTI NELLA PROVINCIA DI TRIESTE Assessorato alle Politiche Giovanili, Politiche Sociali ed Immigrazione, Promozione del Volontariato ed dell'associazionismo, Politiche della disabilità, Politiche di Pace e Legalità LE FAMIGLIE RESIDENTI

Dettagli

Tavola rotonda I nuovi esclusi dal mercato del lavoro

Tavola rotonda I nuovi esclusi dal mercato del lavoro Conferenza Regionale del Lavoro Avanti c è posto. Di lavoro Tavola rotonda I nuovi esclusi dal mercato del lavoro Introduzione al tema Giovanna Altieri Roma, 26 gennaio 2010 Presentazione N.01/2010 1 Il

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità L integrazione scolastica degli alunni con disabilità dati statistici A.S. 2012/2013 (ottobre 2013) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati a ottobre 2013. I dati elaborati e qui pubblicati

Dettagli

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA Le famiglie con un reddito principale da lavoro autonomo presentano un rischio povertà quasi doppio rispetto a quello delle famiglie di lavoratori dipendenti.

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

Dossier sulla non autosufficienza

Dossier sulla non autosufficienza 1 Dossier sulla non autosufficienza Tanti soldi (quasi 30 mld) ma spesi male E al Sud boom di invalidità ma niente servizi La spesa, la domanda di assistenza, le strutture e i servizi. La situazione nelle

Dettagli

Il filo rosso delle differenze di genere che attraversano le donne. La differenza di genere nella longevità

Il filo rosso delle differenze di genere che attraversano le donne. La differenza di genere nella longevità Il filo rosso delle differenze di genere che attraversano le donne La differenza di genere nella longevità Do#.ssa Maria Cris,na Novelli 17 novembre 2014 Enaip di Pasian di Prato MAI I VECCHI SONO STATI

Dettagli

I TREND DEMOGRAFICI NELLA PROVINCIA DI RIMINI TRA IL 2000 E IL 2007

I TREND DEMOGRAFICI NELLA PROVINCIA DI RIMINI TRA IL 2000 E IL 2007 I TREND DEMOGRAFICI NELLA PROVINCIA DI RIMINI TRA IL 2000 E IL 2007 Natalità in ripresa Mortalità stazionaria Immigrazione in aumento Giovani (0-14) in aumento Giovani (25-35) in diminuzione I giovani

Dettagli

CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE

CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE VI.1.1. del Piano d Azione Nazionale Antidroga 2010-2013 (a cura di ITC ILO) VI.1 PIANO DI AZIONE VI.1.1 del Piano d Azione Nazionale Antidroga 2010-2013 (a cura di ITC ILO)

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

REDDITO E CONDIZIONI DI VITA

REDDITO E CONDIZIONI DI VITA 10 dicembre 2012 Anno 2011 REDDITO E CONDIZIONI DI VITA Nel 2011, il 28,4% delle persone residenti in Italia è a rischio di povertà o esclusione sociale, secondo la definizione adottata nell ambito della

Dettagli

IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT

IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT 16 Aprile 2014 IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT ALLA LUCE DELL ULTIMO CENSIMENTO Prosegue il processo di diffusione dei dati del Censimento delle istituzioni non profit. Oggi viene presentato un

Dettagli

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012)

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012) Le biblioteche degli enti territoriali (anno 2012) Roma, 11 luglio 2013 L indagine Promossa dal Centro per il Libro e la Lettura e dall Associazione Italiana Biblioteche, in collaborazione con ANCI e ISTAT,

Dettagli

Rilevazione sui benefici per i disabili nelle pubbliche amministrazioni. Rapporto di sintesi. Ottobre 2009

Rilevazione sui benefici per i disabili nelle pubbliche amministrazioni. Rapporto di sintesi. Ottobre 2009 Rilevazione sui benefici per i disabili nelle pubbliche amministrazioni Rapporto di sintesi Ottobre 2009 1 La rilevazione è stata realizzata dal Formez. Il questionario è stato predisposto con la collaborazione

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato Premessa Corso-concorso ordinario L età dei vincitori La presenza femminile Corso-concorso riservato L età dei vincitori La presenza femminile Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

Dettagli

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Povertà e diritto alla salute La salute diseguale: aspetti sociali della tutela della salute Concetta M. Vaccaro Responsabile welfare e salute

Dettagli

Le fonti statistiche per l analisi di povertà

Le fonti statistiche per l analisi di povertà LA POVERTA IN EMILIA-ROMAGNA Conoscenza del fenomeno e sviluppo delle politiche sociali Le fonti statistiche per l analisi di povertà Giuseppina Felice Regione Emilia-Romagna Bologna, 1 luglio 2011 Sommario

Dettagli

DATI AL 31/12/2008. Report

DATI AL 31/12/2008. Report Rilevazione coordinata dei dati in possesso delle Regioni e Province autonome su bambini e adolescenti fuori dalla famiglia in affidamento familiare (a singoli, famiglie e parenti) o accolti nei servizi

Dettagli

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan LOMBARDIA: sintesi di alcuni dati 1. IL PUNTO DI PARTENZA: UNO SGUARDO STORICO

Dettagli

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Tabella 4: Numero di aziende che utilizzano il fondo regionale ogni dieci aziende che si avvalgano del regime assicurativo Area N.ro ogni 10 aziende Nord-Ovest

Dettagli

ADOLFO MORRONE Ricercatore dell ISTAT

ADOLFO MORRONE Ricercatore dell ISTAT ADOLFO MORRONE Ricercatore dell ISTAT Buongiorno e grazie per quest occasione. Oggi i dati che propongo riprendono l indagine realizzata nel 2006 dall ISTAT sulla lettura e più in generale sulla partecipazione

Dettagli

INTERNET E LA FRUIZIONE DELLE OPERE DELL INGEGNO

INTERNET E LA FRUIZIONE DELLE OPERE DELL INGEGNO INTERNET E LA FRUIZIONE DELLE OPERE DELL INGEGNO 27 Gennaio 2014 Quorum www.quorumsas.it Il campione La definizione del campione Nelle prossime pagine si analizza il discostamento del campione analizzato

Dettagli

L'interesse e la tutela del minore tra processo ed evoluzione sociale. PROF. DANIELE PETROSINO Bari 06/04/2009

L'interesse e la tutela del minore tra processo ed evoluzione sociale. PROF. DANIELE PETROSINO Bari 06/04/2009 L'interesse e la tutela del minore tra processo ed evoluzione sociale PROF. DANIELE PETROSINO Bari 06/04/2009 I Principi Art. 1. 1. Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell ambito della

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione Numeri del Sud Indicatori regionali del QCS 2-26 Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli

Dettagli

Indagine sui presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari

Indagine sui presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari Indagine sui presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari Caratteristiche generali dell'indagine L indagine sui Presidi residenziali socio assistenziali e socio-sanitari, prevista dal Programma

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

La vita di coppia. 21 agosto 2006. Si allunga il periodo di fidanzamento, cambiano i luoghi in cui si conoscono i fidanzati

La vita di coppia. 21 agosto 2006. Si allunga il periodo di fidanzamento, cambiano i luoghi in cui si conoscono i fidanzati 21 agosto 2006 La vita di coppia Il volume La vita di coppia presenta alcuni risultati dell indagine Famiglia e soggetti sociali svolta dall Istat nel Novembre 2003 su un campione di oltre 19 mila famiglie

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

Il percorso assistenziale alla non autosufficienza:

Il percorso assistenziale alla non autosufficienza: Il percorso assistenziale alla non autosufficienza: Ruolo e prospettive degli operatori del settore socio-sanitario 30 Marzo 2011 A cura di Chiara Bartolini DATI NAZIONALI E CONFRONTI REGIONALI SULLA NON

Dettagli

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311 VALUTAZIONE DELL INCIDENZA DELLE MISURE DI SVILUPPO RURALE SULLE SCELTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI E DEI LORO FAMILIARI CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLA PROPENSIONE VERSO LA DIVERSIFICAZIONE. Premessa In

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

L uso e l abuso di alcol in Italia

L uso e l abuso di alcol in Italia 23 aprile 2009 L uso e l abuso di alcol in Italia Anno 2008 L abuso di alcol, i comportamenti ad esso associati e le conseguenze in termini di costi sociali e sanitari sono oggetto di specifiche strategie

Dettagli

La paura della criminalità in Italia

La paura della criminalità in Italia La paura della criminalità in Italia Linda Laura Sabbadini DIRETTORE CENTRALE ISTAT Maria Giuseppina Muratore ISTAT Istituto Nazionale di Statistica 1. Paura personale, senso di insicurezza è la sensazione

Dettagli

LE CARATTERISTICHE SOCIO-DEMOGRAFICHE DELLA VALLE D AOSTA

LE CARATTERISTICHE SOCIO-DEMOGRAFICHE DELLA VALLE D AOSTA LE CARATTERISTICHE SOCIO-DEMOGRAFICHE DELLA VALLE D AOSTA Sono numerose le evidenze scientifiche in cui si dimostra che le persone che godono di una posizione sociale privilegiata, che hanno un titolo

Dettagli

Indicatori locali di povertà delle famiglie LA STIMA DI PARAMETRI DI POVERTÀ E DISUGUAGLIANZA RIFERITI A DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI PER REGIONE

Indicatori locali di povertà delle famiglie LA STIMA DI PARAMETRI DI POVERTÀ E DISUGUAGLIANZA RIFERITI A DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI PER REGIONE Indicatori locali di povertà delle famiglie LA STIMA DI PARAMETRI DI POVERTÀ E DISUGUAGLIANZA RIFERITI A DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI PER REGIONE Maria Rosaria Ferrante Dipartimento di Scienze Statistiche

Dettagli

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto EUROPA 2020 Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva Eurosportello-Unioncamere del Veneto Cos è è? Una comunicazione della Commissione Europea (Com. 2020 del 3 marzo 2010), adottata

Dettagli

Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009

Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009 21 giugno 2011 Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009 Nel 2009 l importo complessivo annuo delle prestazioni pensionistiche previdenziali e assistenziali erogate in Italia è stato

Dettagli

Separazioni, divorzi e affidamento dei minori

Separazioni, divorzi e affidamento dei minori 2 luglio 2004, divorzi e affidamento dei minori Anno 2002 Ogni anno l Istat conduce un indagine sulle separazioni e una sui divorzi rilevando, presso le cancellerie dei 165 tribunali civili, i dati relativi

Dettagli

L apprendistato tra risultati raggiunti e prospettive di innovazione. XV Rapporto sull apprendistato in Italia

L apprendistato tra risultati raggiunti e prospettive di innovazione. XV Rapporto sull apprendistato in Italia L apprendistato tra risultati raggiunti e prospettive di innovazione XV Rapporto sull apprendistato in Italia 2015 1 Il XV Rapporto di monitoraggio sull apprendistato è stato realizzato attraverso una

Dettagli

Il sistema di welfare

Il sistema di welfare Il sistema di welfare (pp. 197 269 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale Le diseguaglianze di salute, nuova frontiera per il servizio sanitario Le

Dettagli