Le chiavi del futuro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le chiavi del futuro"

Transcript

1 Spedizione in abbonamento postale Roma, conto corrente postale n Copia 1,00 Copia arretrata 2,00 L OSSERVATORE ROMANO GIORNALE QUOTIDIANO Unicuique suum POLITICO RELIGIOSO Non praevalebunt Anno CLV n. 151 (46.989) Città del Vaticano lunedì-martedì 6-7 luglio All arrivo in Ecuador il Papa esalta la bellezza naturale del Paese e richiama due simboli di Cristo e della Chiesa Le chiavi del futuro Valorizzazione delle differenze, partecipazione di tutti, dialogo, tutela dei più poveri e vulnerabili y(7ha3j1*qsskkm( +,!z!/!z!/! Il sole e la luna Sono state tantissime, sicuramente alcune centinaia di migliaia, le persone che si sono riversate nelle vie di Quito per salutare con coloratissimi petali di fiori Papa Francesco al suo ritorno in America latina. In un viaggio che dopo quello a Rio de Janeiro per la giornata mondiale della gioventù appuntamento fissato già dal suo predecessore, ma rivelatosi programmatico pochi mesi dopo l inizio del pontificato è il primo americano deciso da Bergoglio, che visiterà Ecuador, Bolivia e Paraguay. Appena arrivato dopo un lungo volo, il Pontefice è stato accolto all aeroporto dal presidente ecuadoriano Rafael Correa, con un appassionato discorso nel quale, definendo l ospite un «gigante morale» sullo scenario internazionale, ha mostrato in più punti una convergenza con le sue preoccupazioni. E a sottolineare subito dopo questa «consonanza» è stato lo stesso Papa, che si è presentato come testimone della misericordia di Dio e della fede in Gesù Cristo. Nel Vangelo ha detto infatti Bergoglio è possibile trovare le chiavi per affrontare le sfide di oggi: valorizzando le differenze e favorendo il dialogo. Ma con un attenzione particolare a chi è più fragile e alle minoranze più vulnerabili, che sono ancora «il debito di tutta l America latina» ha aggiunto. E in questo impegno, a cui si era riferito Correa, la Chiesa sarà sempre disposta a collaborare con lo Stato «per servire questo popolo ecuadoriano che si è alzato in piedi con dignità» ha assicurato il Papa. Tra le cime andine del Paese quella imponente del Chimborazo è geograficamente il punto della terra più vicino al sole e alla luna, ha ricordato Bergoglio. E nell evocare i due astri Papa Francesco ha accennato a un tema caro a lui e al suo predecessore, osservando che nella tradizione cristiana sono immagine rispettivamente di Gesù «sole che nasce dall alto» e della Chiesa. Come la luna, infatti, questa non brilla di luce propria ma viene illuminata appunto da Cristo, e quando esce dalla sua luce e se ne allontana non è più sua testimone, si oscura. Per essere dunque riflesso della luce e dell amore del Signore il popolo dell Ecuador ha concluso il Pontefice non deve perdere «mai la capacità di rendere grazie a Dio per quello che ha fatto e fa per voi; la capacità di difendere il piccolo e il semplice, di aver cura dei vostri bambini e dei vostri anziani, che sono la memoria del vostro popolo, di avere fiducia nella gioventù, e di provare meraviglia per la nobiltà della vostra gente e la bellezza singolare» del Paese. Che «secondo il presidente è il paradiso» ha aggiunto Bergoglio riprendendo una frase di Correa, allusiva anche alla necessità di proteggerlo. g. m.v. Il cibo nell Italia del XIII secolo I cavoli di Salimbene FELICE ACCRO CCA A PA G I N A 5 Centinaia le vittime di Boko Haram Il terrore scuote la Nigeria ABUJA, 6. Ancora stragi, ancora orrori in Nigeria. Nelle ultime ore, centinaia di persone sono morte in attacchi riconducibili al gruppo terroristico di matrice islamica Boko Haram. Due bombe sono esplose in un affollata moschea a Jos uccidendo almeno cinquanta persone. L ordigno è deflagrato nella moschea Yantaya mentre il predicatore invitava alla coesistenza pacifica tra re l i g i o n i. Ieri, un estremista islamica si è invece fatta esplodere in una chiesa evangelica a Potiskum, la città più grande dello Stato nord-orientale di Yobe, uccidendo cinque fedeli che partecipavano alla messa domenicale. Appena tre giorni prima, nella stessa area, i terroristi avevano dato alle fiamme trentadue chiese e oltre trecento abitazioni. Altre vittime civili sono state registrate in alcuni villaggi dello Stato di Borno, presi di mira dai fondamentalisti islamici. Il presidente, Muhammadu Buhari, ha definito «barbarie» gli attentati, sottolineando la necessità di una forza multinazionale allargata per scongiurare la minaccia del terrorismo islamico. Donne e bambini in fuga da un villaggio dato alle fiamme dai terroristi (Afp) ATENE, 6. Oltre il 61 per cento dei greci ha votato no al referendum sulle condizioni poste dai creditori per attuare un nuovo piano di salvataggio. Ha votato il 65 per cento degli aventi diritto: una soglia sotto le attese, ma superiore al quorum del quaranta per cento. «La Grecia vuole sedersi di nuovo al tavolo delle trattative: vogliamo continuarle con un programma reale di riforme ma con giustizia sociale» ha detto il premier ellenico, Alexis Tsipras, commentando l esito della consultazione. «Dobbiamo riarticolare la questione del debito, non solo per la Grecia ma anche per l Europa». E da Bruxelles arrivano questa mattina spiragli di dialogo: «Una cosa è chiara, il posto della Grecia era e resta in Europa» ha detto il vice presidente della Commissione, Valdis Dombrovskis. Sempre oggi, in una conversazione telefonica, Tsipras e il cancelliere tedesco, Angela Merkel, si sono accordati sul fatto che domani la Grecia presenterà nuove proposte di accordo. Intanto sul fronte dei mercati, le piazze europee hanno aperto tutte in forte calo, per poi riprendersi e limitare le perdite. Ferve intanto il lavoro in tutte le cancellerie europee, mentre si attendono le decisioni della Banca centrale europea (Bce), che deve scegliere Al l indomani del voto ellenico L o ccasione che nasce dal no LUCA M. PO S S AT I A PA G I N A 2 Si cerca di far ripartire il negoziato Dopo la tempesta greca se confermare o meno la liquidità d emergenza alle banche greche. È previsto per oggi un colloquio a Parigi tra il presidente francese, François Hollande, e il cancelliere Merkel. Nelle stesse ore si riunisce il consiglio direttivo della Bce, per capire se concedere o meno un prolungamento del sostegno agli istituti di credito ellenici. Domani è previsto un vertice dell Ue, convocato dal presidente del Consiglio, Donald Un bancomat ad Atene (Afp) Nel Vangelo ci sono le chiavi per affrontare «le sfide attuali» e per costruire «un futuro migliore per tutti». È questo il messaggio lanciato da Papa Francesco al suo arrivo in Ecuador, prima meta del viaggio in America latina che farà tappa anche in Bolivia e in Paraguay. Nel discorso pronunciato durante la cerimonia di benvenuto all a e ro - porto internazionale di Quito dove l aereo papale è atterrato nel pomeriggio di domenica 5 luglio, quando in Italia erano quasi le 22 il Pontefice ha assicurato al presidente Correa la collaborazione della Chiesa nella costruzione di una società basata sul rispetto delle differenze, sul dialogo e sulla partecipazione di tutti alla vita del Paese, con un attenzione particolare alle fasce più povere e alle minoranze emarginate. Da Francesco un appello a difendere soprattutto i piccoli e i semplici, ad avere cura di bambini e anziani, a lavorare per il domani dei giovani e a tutelare le bellezze naturali del Paese andino. Fin dai primi momenti trascorsi in Ecuador il Papa ha sperimentato l entusiasmo travolgente della popolazione, che si è stretta intorno a lui lungo tutto il percorso dall aerop orto alla nunziatura apostolica di Quito la residenza dove Francesco ha trascorso il resto della giornata e che si prepara a partecipare alla messa in programma nella mattina di lunedì 6 (quando in Italia sarà pomeriggio inoltrato) nel parco de Los Samanes, a Guayaquil. Dopo il pranzo con la comunità del collegio gesuita Javier, nel pomeriggio il Pontefice rientra nella capitale ecuadoriana per incontrare il presidente della Repubblica e per far visita alla cattedrale cittadina. PAGINE 7 E 8 Tusk, nel tardo pomeriggio. Un Eurogruppo dei ministri finanziari è invece previsto domani mattina. In un comunicato, fonti dell Eurogrupp o hanno confermato che «sono attese nuove proposte da Atene». E intanto il ministro delle Finanze greco, Yanis Varoufakis, ha annunciato oggi le sue dimissioni: «Me ne vado per aiutare Tsipras nella trattativa». Nel frattempo, il mondo politico europeo si confronta con il risultato del voto. «Il taglio del debito per noi non è un tema» ha detto oggi il ministro delle Finanze tedesco, Wo l f gang Schäuble, affermando che la posizione di Berlino non è cambiata. Sulla stessa linea il presidente dell Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem, per il quale «dopo il referendum le riforme sono ancora necessarie» per poter varare un accordo. In Gran Bretagna, dopo un primo incontro questa mattina con il cancelliere dello scacchiere, George Osborne, il premier Cameron ha convocato una riunione dell Esecutivo. Dalla Spagna il ministro dell Economia, Luis de Guindos, ha detto che Madrid è «pronta a negoziare un nuovo pacchetto di aiuti». E sul caso ellenico è intervenuto anche il presidente del Consiglio italiano, Matteo Renzi, per il quale «la Grecia è in una condizione economica e sociale molto difficile. Gli incontri di domani dovranno indicare una via definitiva per risolvere questa emergenza». L Europa «deve cambiare, deve aiutare la crescita, o è finita». Ieri il presidente della Repubblica italiana, Sergio Mattarella, ha parlato di «scenari inediti, che richiederanno a tutti, sin d ora, senso di responsabilità, lungimiranza e visione strategica».

2 pagina 2 L OSSERVATORE ROMANO lunedì-martedì 6-7 luglio 2015 Migrante presso una stazione di polizia nella città di Presevo in Serbia (Afp) di LUCA M. PO S S AT I Scenari dopo il referendum greco L o ccasione che nasce dal no Quali sono gli scenari che si aprono all indomani del voto greco? Che tipo di Europa dobbiamo aspettarci? Settanta anni dopo la fine della seconda guerra mondiale e venticinque dopo il crollo del Muro di Berlino e lo spegnersi progressivo della guerra fredda, il mondo è cambiato, l Europa è cambiata. E oggi anche il progetto europeo, figlio di quei cambiamenti storici e politici, deve cambiare, anche a costo scelte dolorose come l uscita della Grecia dalla moneta unica. È ancora presto per dire che tipo Berlino chiede alla Serbia progressi sul Kosovo BELGRAD O, 6. L apertura dei primi capitoli negoziali per l adesione della Serbia all Unione europea dipende dai progressi che si registreranno nei rapporti tra Belgrado e Pristina. Lo ha detto il cancelliere tedesco, Angela Merkel, che la prossima settimana sarà in visita a Belgrado. «Noi dell Unione europea abbiamo esortato i Governi di Serbia e Kosovo a negoziare. C è ancora tanto da fare, ma ci sono davvero buoni segnali di progresso, e spingiamo per accelerare il processo», ha detto il cancelliere in un video-messaggio, come riferito dall agenzia di stampa serba Tanjug. D all 8 al 9 luglio prossimo, Merkel visiterà l Albania, la Serbia e la Bosnia ed Erzegovina. Lo ha confermato durante una conferenza stampa a Berlino il portavoce del cancelliere, Steffen Seib ert. Alla domanda di un giornalista se il Governo tedesco ritenga che i Balcani siano una p olveriera, Seibert ha risposto: «Nei Balcani ci sono luoghi che portano ovviamente le cicatrici della guerra nell ex Jugoslavia e questo verrà ricordato anche nel viaggio di Merkel». L Europa ha aggiunto il portavoce «può dare un suo contributo e la Germania farà la sua parte per il miglioramento della situazione». L ultimo colloquio tra Serbia e Kosovo, una settimana fa a Bruxelles, con il patrocinio dell Ue, si è ancora una volta concluso con un nulla di fatto. di Unione seguirà lo strappo di Atene. Ci sono però due fatti che emergono con nettezza. Il primo è che il no greco rientra in un contesto sociale ben più vasto, caratterizzato non solo dalle difficoltà economiche, ma anche da una diffusa avversione alle leadership e alle istituzioni finanziarie, ancora prima che politiche. La recessione esplosa nel 2008 ha segnato un solco profondissimo tra le popolazioni e i leader, nazionali e internazionali, alimentando fenomeni come il nazionalismo, l'estremizzazione del confronto e la nascita di nuovi soggetti come Syriza in Grecia e Podemos in Spagna. Il secondo fatto, speculare al primo, è l assenza nell attuale fase di visioni di lungo termine. Dal voto greco, infatti, nessuno esce vincitore: né Tsipras, che, illudendosi di poter ottenere dal no maggior potere negoziale, ha invece isolato ancor di più il suo popolo, né il cancelliere Merkel, accusata dalla stampa tedesca di «non sapere che cosa fare nei momenti decisivi», come ha scritto «Der Spiegel», che vede la sua leadership in calo anche in patria. Né tanto meno il presidente della Commissione Juncker, l ex premier lussemburghese che per mesi ha cercato di limare le posizioni di Syriza, portando avanti il più possibile il negoziato, col solo risultato di radicalizzare ulteriormente il c o n f ro n t o. L apertura di un nuovo negoziato è difficile, ma non impossibile. Quest ultima opzione richiederebbe però che tutti i soggetti coinvolti facciano un passo indietro e ripartano da zero. La politica condotta fin qui dalla Bce, dalla Commissione e dal Bruxelles Group la squadra di esperti che ha sostituito formalmente la troika ha portato a una sorta di vicolo cieco. Lo stanziamento di nuovi fondi di emergenza per Atene (il programma Ela della Bce), sapendo che quei soldi il Governo greco non potrà restituirli, significherebbe rischiare che anche altri Paesi decidano di imitare il cammino di Tsipras e chiedere liquidità senza impegni. D altro canto, abbandonare la Grecia al proprio destino l uscita dalla moneta unica denominata Grexit avrebbe un costo ancor più alto con l apertura di una fase di emergenza umanitaria in tutto il Paese. E questo senza contare che sulla Grecia sono in queste ore puntati anche gli occhi del Cremlino, che in piena crisi ucraina vede di buon occhio un avvicinamento ellenico alla Russia. In un tale contesto, lo scacco greco può essere l occasione per definire una nuova idea di Europa. Il voto impone come sottolineano i commentatori internazionali soprattutto un ripensamento del metodo europeo, che non può e non potrà più essere quello rappresentato dai palazzi di Bruxelles: l E u ro p a delle élites, dei non eletti, l E u ro p a dei club riservati come il vecchio asse franco-tedesco. C è urgente bisogno di un nuovo processo di integrazione che vada al di là dell unione bancaria o finanziaria, dell unificazione tecnica, per concentrarsi su nodi ben più importanti come l immigrazione, la sanità, la comunicazione, il rilancio della ricerca e l i s t ru z i o n e, il welfare: tutti settori in cui l Unione europea è ancora a compartimenti stagni. Si apre dunque un bivio. Gli Stati europei devono scegliere: o cedere ulteriore sovranità in nuovi settori, credendo nel progetto di una politica centralizzata che sia a vantaggio di tutti, o continuare ad affidarsi a schemi usurati. In un continente carico di storia e di tradizioni, la vera sfida è proprio quella di abbandonare il retaggio che il passato si porta dietro. Sbarchi di migranti sulle coste italiane mentre peggiorano le condizioni di vita a Calais Nessuna tregua Vittime e incendi per l afa in Europa BRUXELLES, 6. Non accenna a diminuire l ondata di caldo torrido che da giorni ha investito gran parte dell Europa. In Italia tre anziani sono morti ieri sulla spiagge dell Emilia Romagna. Due vittime nel cesenate: un settantanovenne, a Gatteo, e una turista tedesca a Zadina. Un altro anziano è morto colpito da un malore sulla riviera ferrarese. Grave un settantacinquenne soccorso a Milano Marittima e portato all ospedale di Ravenna. A Berlino, dove la colonnina di mercurio ha toccato i 40 gradi, è stata chiusa al pubblico la cupola del Reichstag, sede del Bundestag tedesco, dopo che diverse persone erano state colpite da malori. La temperatura interna aveva infatti raggiunto i 44 gradi. Spagna e Portogallo sono invece alle prese con una serie di incendi che, alimentati dal forte vento, stanno impegnando i vigili del fuoco nelle regioni settentrionali. Oltre persone sono state fatte sgomberare dalle loro abitazioni in Aragona. In Portogallo gli incendi sono invece localizzati nelle foreste di Alcobertas, a nord di Lisbona. Secondo i meteorologi, l ondata di caldo nella penisola iberica, con temperature fino a 40 gradi, durerà un altra settimana. Impianti industriali e pale eoliche in Germania (Reuters) ROMA, 6. Non si fermano gli sbarchi sulle coste italiane. Nelle ultime ore, più di seicento persone sono state soccorse nel Canale di Sicilia. La nave svedese Poseidon, inserita nel dispositivo europeo Triton, ha tratto in salvo ieri da un barcone alla deriva oltre trecento migranti. Il folto gruppo di persone, tra di loro anche numerosi minori, è stato poi accompagnato a Taranto. Nella città ragusana di Pozzallo sono invece arrivate più di duecento persone trasportate dalla nave Phoenix, intervenuta per soccorrere i migranti partiti dalla Libia su un gommone in pessime condizioni. Lo scafista è stato arrestato poco dopo dai carabinieri. I migranti dicono fonti di stampa sono di diversa nazionalità, ma principalmente provengono dalla Nigeria, dal Sudan, dalla Somalia, dalla Costa d Avorio, dal Senegal e dall Egitto. Diversi presentano lievi ustioni, mentre alcuni hanno riportato delle fratture agli arti e sono stati ricoverati in ospedale. Nel frattempo, sulla questione immigrazione è intervenuto anche il KI E V, 6. L Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (Osce) ha confermato ieri che la situazione della sicurezza nell est dell Ucraina è peggiorata negli ultimi giorni, con violazioni della tregua degli accordi di Minsk da entrambe le parti coinvolte nel conflitto e il ritorno sulla linea del fronte di carri armati e lanciagranate. Cinque soldati ucraini sono morti e tre sono rimasti feriti nell esplosione di una mina vicino al villaggio di Donetsky, una cinquantina di chilometri a ovest della città di Lugansk, ha reso noto il portavoce del ministero della Difesa ucraino, Oleksandr Motuzyanyk, denunciando il proseguimento degli attacchi, anche se di minor intensità, da parte dei separatisti filorussi, soprattutto nella zona a nord di Lugansk, in violazione agli accordi di Minsk. Altri sette soldati ucraini sono rimasti feriti nelle ultime 24 ore investiti dall esplosione di un colpo di mortaio lanciato dai separatisti. La situazione nell est dell Ucraina resta dunque allarmante, ma nonostante lo scambio di accuse tra Mosca e Washington sulle responsabilità della mancata applicazione degli accordi di Minsk, il presidente russo, Vladimir Putin, ha inviato sabato un telegramma al presidente statunitense, Barack Obama, in occasione del Giorno dell Indipendenza, festa ministro della Difesa italiano, Roberta Pinotti, sottolineando l imp e- gno del suo Governo. Venerdì scorso, il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto per la partecipazione italiana a EuNavFor Med (dispositivo contro i trafficanti di uomini). «Le fasi ulteriori ha spiegato il ministro prevedono azioni di contrasto, con la possibilità di fermare i barconi in mare o individuare i luoghi di raccolta dei migranti. Impiegheremo droni ha aggiunto elicotteri, la portaerei Cavour, ma sen- Violazioni degli accordi di Minsk Si deteriora la situazione nell est dell Ucraina nazionale degli Stati Uniti, per sottolineare l assoluta centralità «a dispetto delle divergenze esistenti» dei rapporti bilaterali russo-americani «per la stabilità e la sicurezza internazionali», di cui costituiscono «il fattore-chiave di gran lunga più importante», a condizione che siano «fondati sul dialogo» a sua volta za gli Harrier», gli aerei caccia a decollo verticale. Intanto, sono sempre più difficili le condizioni di vita degli oltre tremila migranti irregolari che stazionano nelle baraccopoli improvvisate a Calais, sul lato francese della Manica, in attesa di entrare in Gran Bretagna. Dopo la notte di venerdì, quando diverse decine di persone hanno cercato di sfondare le barriere che proteggono l Eurotunnel sotto il mare fra la Francia e la Gran Bretagna, tutte le associazioni umanitarie che stanno operando nella cittadina hanno rilasciato un comunicato congiunto: «La nostra azione qui è quella solitamente riservata alle guerre o alle catastrofi. Le condizioni di vita di queste persone che affollano questa giungla autorizzata sono assolutamente insolite in Europa e non rispettano nemmeno le norme stabilite dalle Nazioni Unite per i campi dei rifugiati», hanno poi precisato le stesse associazioni. In particolare, è stata sottolineata la mancanza di acqua potabile, la quasi totale assenza di servizi igienici (non più di venti per le tremila persone, provenienti soprattutto dall Africa e dal Medio oriente) e cure sanitarie definite «inadeguate». «Il numero di persone che vivono in questa baraccopoli aumenta di giorno in giorno». Quanto vale la natura GINEVRA, 6. Rispettare l ambiente è un modo per rispondere alla crisi e rilanciare la crescita. A sottolinearlo è un nuovo rapporto del Wwf (World Wide Fund for Nature, organizzazione internazionale non governativa con sede in Svizzera) secondo cui almeno il sessanta per cento delle specie animali e vegetali in Europa è a rischio, con possibili ricadute negative sull economia reale. Occorre dunque investire di più sulla protezione della natura e in particolare sul rispetto degli habitat delle diverse specie. «Disporre di una buona dotazione di servizi ecosistemici significa avere una maggior ricchezza pro-capite in termini di capitale naturale, un benessere migliore delle comunità umane e maggiori opportunità di sviluppo» si Militare ucraino nel villaggio di Krymske (Ap) improntato ai «principi dell eguaglianza e del rispetto dei reciproci interessi». Una apparente mano tesa del leader del Cremlino: si tratta, infatti, del secondo contatto tra i due leader in due settimane: lo scorso 25 giugno Putin chiamò Obama per discutere la situazione in Ucraina oltre ad altri temi di interesse globale. legge nel rapporto. In effetti sottolineano gli esperti la natura vale tanto in termini economici, grazie ai servizi ecosistemici, dalla produzione di cibo e la disponibilità di acqua, all assorbimento degli inquinanti alla protezione dall erosione e dalle inondazioni. E di questo deve tenere conto anche la Commissione europea, che proprio in queste settimane sta rivedendo le direttive sull'ambiente e sulla protezione delle specie animali e vegetali. Insomma dice il Wwf i sistemi naturali, ovvero la ricchezza degli ecosistemi e la biodiversità, con i servizi che essi offrono gratuitamente allo sviluppo e al benessere umano, sono la base essenziale dei processi economici e del benessere delle società umane. E quindi vanno protetti. L OSSERVATORE ROMANO GIORNALE QUOTIDIANO Unicuique suum Città del Vaticano o r n e o s s ro m.v a w w w. o s s e r v a t o re ro m a n o.v a POLITICO RELIGIOSO Non praevalebunt GI O VA N N I MARIA VIAN direttore responsabile Giuseppe Fiorentino v i c e d i re t t o re Piero Di Domenicantonio cap oredattore Gaetano Vallini segretario di redazione Servizio vaticano: Servizio internazionale: Servizio culturale: Servizio religioso: Servizio fotografico: telefono , fax w w w. p h o t o.v a Segreteria di redazione telefono , fax s e g re t e r i o s s ro m.v a Tipografia Vaticana Editrice L Osservatore Romano don Sergio Pellini S.D.B. direttore generale Tariffe di abbonamento Vaticano e Italia: semestrale 99; annuale 198 Europa: 410; $ 605 Africa, Asia, America Latina: 450; $ 665 America Nord, Oceania: 500; $ 740 Abbonamenti e diffusione (dalle 8 alle 15.30): telefono , fax , , d i f f u s i o n o s s ro m.v a Necrologie: telefono , fax Concessionaria di pubblicità Il Sole 24 Ore S.p.A. System Comunicazione Pubblicitaria Ivan Ranza, direttore generale Sede legale Via Monte Rosa 91, Milano telefono /3003, fax s e g re t e r i a d i re z i o n e s y s t e i l s o l e 24 o re. c o m Aziende promotrici della diffusione Intesa San Paolo Ospedale Pediatrico Bambino Gesù Banca Carige Società Cattolica di Assicurazione Credito Valtellinese

3 lunedì-martedì 6-7 luglio 2015 L OSSERVATORE ROMANO pagina 3 Soldati tunisini a Kasserine nei pressi del confine con l Algeria (Reuters) Quattro attentati a Baghdad Raid su Raqqa per fermare l Is DA M A S C O, 6. Non si fermano i combattimenti in Siria. La coalizione internazionale a guida statunitense ha compiuto ieri una serie di pesanti bombardamenti aerei contro postazioni del cosiddetto Stato islamico (Is) a Raqqa, una delle principali roccaforti degli uomini di Al Baghdadi. Si è trattato delle operazioni più vaste mai svolte sul territorio siriano da quando è iniziata l offensiva dell Is. Oltre trenta le vittime, tra le quali diversi civili. Numerosi i danni a strade e infrastrutture, secondo quanto riferiscono fonti di stampa. L Is sui suoi siti internet ha confermato gli attacchi, parlando però di dieci morti. Ma Raqqa non è l unico fronte siriano. Intensi combattimenti sono stati segnalati nel fine settimana tra jihadisti e militari siriani ad Alepp o. E sempre ieri, le forze dell esercito siriano, appoggiate da reparti del braccio armato del movimento sciita libanese Hezbollah, hanno annunciato di essere entrate a Zabadani, l ultima città controllata dai miliziani dell Is nella regione di Qalamun, vicino alla frontiera con il Libano. Intanto, le violenze continuano anche in Iraq. Una serie di quattro ordigni esplosi in quartieri e sobborghi sciiti di Baghdad hanno causato ieri almeno 15 morti, secondo quanto rivelano le autorità irachene. Due degli ordigni sono esplosi fuori da ristoranti e caffè: uno nel quartiere di Al-Obeidi e l altro a Jisr Diyala. Altre due bombe sono invece esplose presso fermate dell autobus. Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha in programma oggi un incontro con i vertici del Pentagono per fare il punto sulla campagna contro l Is in Iraq e in Siria. Nei giorni scorsi il Pentagono aveva difeso il proprio approccio, sicuro dell efficacia del programma in cui resta centrale l addestramento e l equipaggiamento delle forze locali. Nel frattempo, i miliziani dell Is hanno diffuso in internet un nuovo video shock nel quale venticinque soldati siriani inginocchiati sarebbero giustiziati con un colpo alla nuca da altrettanti bambini. Il tutto di fronte a una platea di civili costretti ad assistere alla macabra esecuzione nell anfiteatro di Palmira. Cellula jihadista sgominata al Cairo IL CA I R O, 6. Il ministero dell Interno egiziano ha annunciato oggi di aver sgominato una cellula terroristica attiva al Cairo. Secondo quanto riporta il quotidiano «Al Masry Al Youm», la cellula era composta da dodici persone, che diffondevano la propaganda jihadista, e a sua volta si era divisa in tre gruppi. La base era in alcuni appartamenti nella zona di Salam City del Cairo dove sono state rinvenute numerose armi. Nel frattempo, l esercito egiziano ha lanciato ieri una serie di raid aerei e incursioni di terra nel nord del Sinai, uccidendo venticinque militanti islamisti. È quanto ha riferito l emittente «Al Arabiya» che cita fonti della sicurezza, secondo cui i combattenti jihadisti sarebbero stati uccisi fra Sheik Zuid e il valico di Rafah, al confine con la Striscia di Gaza. Le forze armate egiziane hanno individuato quattro rifugi dei militanti e, successivamente, hanno dato il via a un raid condotto con gli elicotteri Apache e un incursione con le truppe di terra. Recenti attacchi di estremisti jihadisti hanno provocato la morte di centosettanta persone. Essebsi chiede sostegno internazionale nella lotta al terrorismo Stato d emergenza in Tunisia L inviato dell O nu a Sana a L inviato dell Onu giunge nella capitale yemenita (Afp) SANA A, 6. L inviato speciale dell Onu nello Yemen, Ismayl Ould Sheikh Ahmad, è giunto ieri a Sana a per incontrare i vertici del movimento Ansar Allah dell imam sciita Abdel Malik Al Huthi. Lo scopo del viaggio è trattare una tregua umanitaria con i ribelli sciiti alla luce della situazione di emergenza in cui versa il Paese dopo il crollo del sistema sanitario. È questa l ultima sfida del diplomatico mauritano che sta facendo la spola tra Riad e Sana a per cercare di avvicinare le posizioni e trovare una soluzione alla crisi yemenita, facendo TUNISI, 6. «Abbiamo l Is alle porte». Con questo drammatico avvertimento, il presidente tunisino, Beji Caïd Essebsi, ha proclamato lo stato di emergenza su tutto il territorio nazionale da sabato scorso, per trenta giorni rinnovabili, aggiungendo che la Tunisia ha bisogno di sostegno internazionale poiché tutti i Paesi sono preda del terrorismo. «Gli Stati Uniti, la Francia, la Gran Bretagna, l Ue e l Algeria ha detto Essebsi sostengono la Tunisia contro il terrorismo». La Tunisia è ancora sotto shock a poco più di una settimana dalla strage di turisti a Sousse, tragico seguito dell attentato del marzo scorso al museo del Bardo. E sabato il presidente della Repubblica e comandante delle forze armate ha annunciato di aver dichiarato lo stato d emergenza in un discorso alla Nazione di trenta minuti. «La Tunisia sta vivendo circostanze eccezionali che necessitano di misure eccezionali», ha affermato Essebsi. «Noi non abbiamo la cultura del terrorismo, è un problema regionale», ha aggiunto, sottolineando che «nella vicina Libia ci sono milizie armate, l Is è alle nostre porte, siamo in guerra contro il terrorismo, è una lotta che dobbiamo vincere a tutti i costi». Gli ultimi due attentati, poi, hanno messo il Paese in ginocchio: «Noi abbiamo creduto che l attacco al museo del Bardo sarebbe stato l ultimo. Lo Stato potrebbe crollare se dovesse subire un altro attentato come quello di Sousse. Adottare lo stato di emergenza è un mio dovere», ha spiegato Essebsi. Il provvedimento, che era nell aria dal giorno dell attentato al resort di Sousse in cui sono morte 38 persone, dà maggiori poteri a governatori, esercito e polizia e prevede una limitazione di alcuni diritti della persona (come quelli a manifestare e a radunarsi) al fine di combattere più efficacemente il fenomeno del terro r i s m o. Lo stato d emergenza accorda poteri eccezionali alle forze dell ordine, che potranno compiere «perquisizioni di giorno e notte e prendere tutte le misure necessarie per assicurare il controllo della stampa e le pubblicazioni di ogni natura». Già in vigore dal 15 gennaio 2011, lo stato di emergenza era stato revocato il 6 marzo Una revoca, che non precludeva comunque la leva sulla tragedia umanitaria in corso nel Paese del Golfo persico. Nei giorni scorsi i miliziani sciiti huthi hanno annunciato la possibilità di valutare una tregua dei combattimenti fino alla fine del Ramadan, iniziato il 18 del mese scorso, e di discutere con le Nazioni Unite della distribuzione di aiuti alla popolazione. A maggio era stato raggiunto un accordo per una tregua umanitaria di cinque giorni, grazie alla mediazione dell Onu, per permettere la distribuzione di medicine e di carburante ai civili intrappolati in zone di guerra. possibilità di un supporto militare alla forze di sicurezza se necessario. Il partito islamico Ennahdha è sceso in campo a favore dello stato d emergenza proclamato dal presidente. Una nota firmata dal leader del partito, Rachid Ghannouchi, chiede «ai cittadini di unirsi alle istituzioni e alla democrazia», sostenendo e rafforzando «l unità nazionale e militare contro questa situazione eccezionale». Il leader di Ennahdha ha aggiunto che «il popolo tunisino deve respingere ideologicamente il terrorismo, una pratica che non ha futuro nel Paese». E all indomani della proclamazione dello stato di emergenza, si è registrata una raffica di arresti su tutto il territorio nazionale. A Sfax, all alba di oggi è stato arrestato Abu Mossob, noto estremista, mentre ad Hammamet la Guardia nazionale, insieme a unità dell esercito e della brigata antiterrorismo, ha proceduto all arresto di sei persone accusate di legami con elementi implicati in attività terroristiche. A Biserta altri undici arresti nei confronti di sospettati di appartenere a gruppi legati al terrorismo. Sequestrati durante l op erazione telefoni portatili e bandiere dell Is. Decine di indagati per la strage in Kuwait KU WA I T CI T Y, 6. Sono quaranta in tutto le persone indagate per l attentato eseguito il 26 giugno scorso contro la moschea sciita di Al Sawabir, in Kuwait. Secondo quanto ha riferito ieri alla stampa un dirigente del ministero della Giustizia, tra le persone indagate ci sono diverse donne. La decisione spetta però ora alla procura che dovrà firmare i rinvii a giudizio per l attentato nel quale 27 persone sono morte e 227 sono rimaste ferite. Nello stesso giorno in cui il terrorismo aveva colpito in Francia e in Tunisia, un uomo era entrato D ifficile il dialogo tra le fazioni libiche TRIPOLI, 6. Il premier del Governo libico di Tobruk, Abdullah Al Thani riconosciuto dalla comunità internazionale ha affermato in un intervista al quotidiano «Times of Malta» che i negoziati sotto l egida dell Onu potrebbero trascinarsi fino a dicembre, se non oltre, aggiungendo che il Congresso nazionale Generale (Gnc), l autoproclamato Parlamento di Tripoli, sta ostacolando il dialogo. «Cercano di avere un ruolo più forte nella Libia del futuro, e la stabilizzazione della Libia non farebbe ottenere loro alcun guadagno politico», ha detto alludendo all Assemblea di Tripoli. Nella scorsa settimana l inviato speciale dell Onu per la Libia, Bernardino León, ha invitato la delegazione di Tripoli a riprendere il negoziato con il Parlamento di Tobruk. La trattativa si volge a Skhirat, in Maro cco. Passi in avanti sull a c c o rd o per il nucleare iraniano VIENNA, 6. Si sono visti ieri per tre ore e mezza a Vienna il segretario di Stato americano, John Kerry, e il ministro degli Esteri iraniano, Javad Zarif, a due giorni dalla scadenza fissata per la conclusione dei negoziati sul programma nucleare iraniano. Iran e Stati Uniti, ha detto Kerry, hanno fatto «autentici passi in avanti» nella trattativa, ma ci sono ancora questioni irrisolte e l Amministrazione di Washington è pronta ad abbandonare il tavolo del negoziato. Il segretario di Stato americano ha avvertito che «è giunto il momento di vedere se siamo in grado o meno di raggiungere un intesa», avvertendo che allo stato attuale i negoziati potrebbero avere qualunque esito. «Negli ultimi giorni ha spiegato abbiamo compiuto notevoli progressi, ma voglio essere assolutamente chiaro nel dire che non siamo assolutamente dove dovremmo essere riguardo ad alcune delle questioni più difficili». A Vienna, oltre a Kerry e a Zarif, sono presenti i capi delle diplomazie degli altri Paesi coinvolti nel negoziato: Gran Bretagna, Francia, Russia e Cina come gli Stati Uniti membri permanenti del Consiglio di sicurezza, più la Germania. Respinto dal Parlamento afghano il candidato proposto dal presidente alla D ifesa Bocciato il ministro di Ghani KABUL, 6. La Camera bassa del Parlamento afghano, o Wolesi Jirga, ha bocciato la nomina di Mohammad nella moschea di Al Sawabir con una cintura esplosiva e si era fatto saltare in aria mentre almeno duemila persone erano presenti per la preghiera del venerdì. Il cosiddetto Stato islamico (Is) aveva rivendicato la strage nel luogo di culto sciita. Gli sciiti rappresentano il trenta per cento della popolazione del Paese, che è complessivamente di 1,3 milioni di abitanti. Questo attentato aveva commentato il premier del Kuwait, Sheikh Jaber punta a «minare la nostra unità nazionale, ma noi siamo più forti» dei terroristi. Masoum Stanikzai alla guida del ministero della Difesa, chiedendo al presidente Ashraf Ghani di indicare un altro candidato. Si tratta della seconda bocciatura che arriva dai deputati rispetto al ministro della Difesa indicato da Ghani e la posizione resta vacante da nove mesi. «Dal momento che Stanikzai non è riuscito a ottenere 107 voti in suo favore, allora la Camera bassa vuole che il presidente indichi una nuova persona per l incarico» ha detto il presidente della Camera Abdul Rauf Ibrahim. Su 213 deputati che hanno partecipato al voto, solo 84 hanno sostenuto Stanikzai, mentre 104 si sono espressi contro. In base all articolo 64 della Costituzione afghana, i ministri devono essere indicati dal presidente e approvati dal Pa r l a m e n t o. Stanikzai ha fatto parte come ministro e consigliere per la Sicurezza Nazionale del precedente Governo presieduto da Hamid Karzai. Si tratta del terzo candidato proposto dal capo dello Stato afghano che non raggiunge l obiettivo di insediarsi alla guida del delicato dicastero. Prima di lui anche Sher Mohammd Karimi è stato bocciato dal Parlamento mentre Afzal Ludin si è ritirato tre giorni dopo la sua designazione. E mentre la politica non riesce a trovare un intesa sul ministro della Difesa, gli insorti talebani continuano la loro offensiva. Tre persone sono morte e altre tredici sono rimaste ferite in un attentato suicida realizzato ieri a Kandahar City, capoluogo della omonima provincia meridionale afghana. Lo ha riferito l agenzia di stampa Aip. Zia Durani, portavoce della polizia provinciale, ha precisato che l attacco è avvenuto in serata vicino a un luogo di preghiera degli sciiti della città. Fra le vittime, ha inoltre precisato Durani, vi sono un agente di polizia, un bambino e una donna. Nel frattempo, nel confinante Pakistan, almeno tre membri delle forze di sicurezza sono morti ieri nell esplosione di un rudimentale ordigno nel Waziristan settentrionale. Fonti dei servizi di sicurezza hanno indicato che la bomba è stata attivata a distanza al passaggio di un veicolo militare nell area di Bannu. Dallo scorso anno è in atto nel Nord Waziristan un offensiva di esercito e polizia pakistani contro i movimenti armati antigovernativi.

4 pagina 4 L OSSERVATORE ROMANO lunedì-martedì 6-7 luglio 2015 Albert Benaroya, «Mitzvot» (XXI secolo) Una cattedrale tra storia e leggenda B a l u a rd o per gli emarginati da Durham CRISTIAN MARTINI GRIMALDI S i dice sia stata costruita su sette colli, come Roma. Ma da lontano, al posto di una cupola, si scorge la torre della magnifica cattedrale. Situata su un promontorio roccioso, per raggiungerla bisogna attraversare prima il ponte sul fiume Wear e poi percorrere in salita gli stretti vicoli. Ogni turista che arriva a Durham percorre involontariamente lo stesso calvario a cui erano costretti i cattolici perseguitati del XVI secolo. Questi, infatti, legati con delle funi a dei cavalli, venivano trascinati su Arrivando in città involontariamente ogni turista percorre lo stesso calvario a cui erano costretti i cattolici perseguitati nel XVI secolo per la collina: una volta giunti alla vetta, venivano impiccati. Oggi in quel luogo sorge una scuola. Ma se i siti di martirio spesso tendono a essere fagocitati dalla più recente architettura urbana, ci pensa la toponomastica a preservarne la memoria. Il quartiere di Dryburn per esempio. Nel 1590 quattro sacerdoti vennero condannati a morte. Una leggenda narra che dopo l esecuzione un piccolo corso d acqua nei pressi del sito si fosse completamente prosciugato, e burn nell antico inglese significa proprio fiume. Ecco perché la zona venne ribattezzata Dryburn, fiume secco. Le aree con la più radicata tradizione cattolica in Inghilterra sono da sempre il Lancashire e appunto il nord-est. Non va dimenticato che lo stesso Enrico VIII, pochi anni prima della rottura con Roma, ottenne da Leone X il titolo di Defensor fidei e ancora oggi il titolo compare (Fid. Def.) sulle monete inglesi. Ma Durham cinquecento anni fa non era solo un grande centro del cattolicesimo britannico, ma una delle realtà più popolate del nordest, quando città come Newcastle, oggi quattro volte più popolosa, erano dei meri puntini sulle mappe geografiche del continente. La stessa cattedrale all occorrenza poteva fungere da fortezza: le vetrate si trovano a svariati metri da terra, a prova di qualunque assalitore. Ma nonostante l imponente struttura le mura della cattedrale erano permeabili per alcune categorie sociali. All ingresso del portone principale c era una porta di ferro (oggi ricostruita) con una maniglia a forma di testa di leone: qui venivano a bussare ladri e criminali in cerca di rifugio. «Ma non erano solo criminali» specifica Mike, ottantenne volontario che accoglie i turisti della cattedrale e che si esprime con un forte accento locale. «Bastava aggiunge aver commesso il più piccolo furto, anche per mera necessità di sopravvivenza, e le autorità ti sbattevano immediatamente in qualche squallida prigione dove eri destinato a morire di inedia». La chiesa fungeva da ultima isola di salvezza, forniva ospitalità a questa umanità emarginata e senza alcuna possibilità di riscatto sociale. Il patto era questo: ospitalità per poche settimane in cambio della promessa che avrebbero raggiunto, solitamente a piedi impiegando tre giorni, la costa. Da lì avrebbero preso il largo verso altri mari o altri oceani su qualche imbarcazione. È buffo pensare come in questi stessi locali che una volta offrivano ospitalità a chi era nel bisogno, non più di quindici anni fa abbiano realizzato alcune scene di una delle produzioni cinematografiche di maggior successo: quella relativa a Harry Potter. È nel cortile interno che sono state girate alcune sequenze del film in cui i ragazzi indossano le famose Hogwarts Uniforms. E la finzione cinematografica pesca da una realtà viva proprio a due passi dalla cattedrale, ossia nel castello dove vivono come residenti un centinaio di studenti universitari. Ebbene, prima di cena, tutti si preparano vestendo le lunghe uniformi non dissimili da quelle indossate dagli studenti della celebre saga del maghetto. Gli studenti che abitano qui, selezionati in maniera del tutto casuale, contribuiscono con zelo nel mantenere ordine e Thomas Girtin, «La cattedrale di Durham» (XVIII secolo) pulizia entro il perimetro del castello: non si organizzano feste scatenate, come invece avviene nella vicina università di Newcastle. In alto, nella sala da pranzo la cui struttura risale all O ttocento, sono appese ancora le armature originali di secoli fa, quelle che utilizzavano per accertare l affilatura delle spade, tutte ancora seminate di ammaccature e schiacciamenti. Sarebbe bello osservare l effetto che fa passeggiare per le magnifiche scalinate del castello dopo il tramonto, ma qui le regole sono tassative: i turisti dopo le cinque devono uscire fuori dal grande portone di ferro. La vista del castello dall esterno quando ormai è già buio permette però di scoprire un suggestivo particolare: le luci artificiali sembrano modulate per imitare le vecchie candele, quelle che per secoli hanno rischiarato quegli spazi interni. di D CRISTIANA DOBNER i sorpresa in sorpresa. Non poteva che essere così conoscendo Haim Baharier: matematico, psicanalista, consulente aziendale, commerciante di preziosi, maestro in Israele per la sua ermeneutica biblica e rabbinica. Ben quattro opere precedono La valigia quasi vuota (Milano, Garzanti, 2014, pagine 144, euro 14,90), un volume che, proprio come il suo autore, si presenta poliedrico e come l ebraico polisemico, quindi di difficile classificazione. Tuttavia, perché classificarlo? Forse l enigma si scioglie Il verbo r i d e re in ebraico non è transitivo, ma riflessivo Non si ride dell a l t ro ma di sé Di una propria inadeguatezza semplicemente lasciandosi trasportare dalle pagine che, altrimenti, sfuggono come l acqua che si voglia trattenere fra le dita. Il gioco della narrazione non consta nell esistere e neppure nel non esistere ma nella dinamica sottile che si instaura e crea vita: esiste l autobiografia ma, nel contempo, non esiste l autobiografia. Eppure Haim si racconta e, per la prima volta, consegna se stesso al lettore. Si consideri il famoso Chouchani, si pronunci Sciusciani : questo maestro famoso esiste o non esiste? Perché presenta vari e diversi volti, è un clochard? Un eruditissimo personaggio? Uno s c h n o r re r (mendicante in yiddish)? Un genio assoluto? Una persona che legge dentro i cuori e nel futuro? «Io non so cosa sappia (...) ma di una cosa sono certo: tutto quello che io so, lui lo sa», affer- Positivo e negativo in Haim Baharier Un mondo claudicante mava Emmanuel Lévinas. Un altro esempio: esiste il curvarsi sulla To ra h, eppure non esiste nel contempo, perché è nella storia che tutto risuona, storia in cui l Altissimo balugina? Di certo, l avvio di questo libro sorprendente prende le mosse dal dopo guerra a Parigi con un bambino che guarda al padre maestro: «Parigi dei primi anni Cinquanta? Ebrei da ogni dove, Polonia, Lituania, Germania. Tra questi i miei genitori, entrambi scampati ad Auschwitz. E poi noi, io e mio fratello? La nostra lingua madre era una lingua straniera». Bambino riflessivo Haim, attento, cui pesa il massacrante lavoro dei genitori, ritmato dalla macchina da cucire in un piccolo appartamento di 35 metri quadri dove, però, c è posto per monsieur Chouchani (cui Haim deve cedere il letto) e per i reduci dai lager nazisti «uomini e donne, dai volti scavati, cadaveri lisciati a festa per il funerale». Vita ritmata dalle liturgie al Tempio e dal maestro che inizia il ragazzo al Talmud ma che, di fatto, è un sarto. Esiste e non esiste? Ben vivo però sulla scena di queste esistenze proprio Chouchani: da dove spunti e dove sia diretto, nessuno lo sa. Se la famosa valigia legata con una corda che spunta e rispunta nel racconto potesse raccontarlo, forse si potrebbe ricostruirne l itinerario. È una persona dal difficile carattere, dalle parole brevi ma incisive: Haim, ragazzino, ne è magnetizzato e insieme respinto, quando allo Shabbat Chouchani viene accolto come ospite dai Baharier. Sarà una sorta di stigma che scandirà la vita dell adolescente, del giovane e infine La scuola professionale Hector-Guimard di Parigi e i «sans papier» «Quando mi chiedono di che partito sono rispondo sempre che il mio impegno in politica si chiama Hector-Guimard» spiega Benoît Boiteux, provveditore del più grande istituto professionale di Parigi, l Hector-Guimard appunto, rispondendo alle domande di Marie Desplechin, scrittrice che ha pubblicato un lungo reportage su «Le Monde» del 4 luglio scorso, dal bel titolo Redonner un visage aux chiffres. Nella sua scuola continua Boiteux gli studenti sans papier sono tanti, e sono trattati come una risorsa, non come un problema. All avventura educativa dell istituto professionale dove si formano i futuri elettricisti, idraulici, imbianchini e operai del settore edilizio il giornale francese ha dedicato un dossier. Un esperienza in controtendenza con la diffusa indifferenza non teorica ma pratica dei poteri pubblici, tanto prodighi di parole quanto avari di progetti concreti, che nasce dal rapporto diretto e senza filtri ideologici con la realtà. Quando una cifra tratta da un report statistico diventa un nome e un cognome, e un idea di riforma o l esito di un analisi astratta viene sostituito da un volto cambia tutto, spiegano gli insegnanti dell associazione Réseau éducation sans frontières, Per dare un volto ai numeri tà della vita umana che proprio Chouchani porta in sé: la claudicanza che innerva la sua personalità onnisapiente. «Qualcuno in quei tempi lontani, di Chouchani trattenne l eccezionalità, il suo essere il meglio, e in essa si consolò. Chouchani accecava ogni individuo che incontrava. Solo collettivamente, insieme, quei reduci facevano schermo e riuscivano al di là delle scintille, e per mezzo di queste scintille, a coglierne l essenza: la claudicanza». Il suo grido a Israele e tutte le persone parte proprio dalla claudicanza, ancora una volta attraente perché mitiga e colloca nella sua giusta dimensione il sapere universale, ma simultaneamente respingente, perché richiama la persona alla sua precisa e ineludibile resp onsabilità. «La claudicanza la considero una condizione comune a tutto il genere umano; a imitazione non dell imperfezione ma della perfettibilità, intesa come percorso. Ce lo suggerisce la To ra h. È nella Genesi. Quando vennero creati Luna e Sole, essi furono all inizio ugualmente grandi, ci dice il testo, i due grandi luminari del cielo. Ma nata dieci anni fa per rispondere a un bisogno primario sottovalutato, quello di un solido percorso educativo. «Per fortuna spiegano i volontari dell associazione la scuola è un luogo privilegiato per incontri inattesi. Finché un minore straniero non accompagnato resta una categoria sociologica è facile dimenticarsene: diventa difficile quando la categoria sociologica ti guarda dal banco la mattina presto, magari dopo aver dormito per strada». Anche al termine del ciclo scolastico, continua Benoît Boiteux, i problemi e le difficoltà per i ragazzi non sono finiti. Spesso si crea una situazione paradossale: lo Stato forma dei professionisti a cui poi impedisce di lavorare. Esistono degli strumenti legislativi per sostenere e accompagnare i giovani lavoratori dai 18 ai 21 anni, ma raramente vengono applicati. Addirittura, in presenza di minori non accompagnati spesso le pratiche burocratiche sono così lente che quando l iter si conclude e la pratica giunge a buon fine dop o aver superato tutte le fasi degli accertamenti e dei controlli il minore è diventato m a g g i o re n n e. dell anziano. Il basso continuo di tutta l opera agisce in ogni episodio sempre tra i due poli: esiste/non esiste, positivo e negativo che si attraggono e si respingono. Balza a tutto tondo la precariela Luna protestò: due sovrani non possono fregiarsi della medesima corona. Hai ragione, rispose il Creatore, vai e rimpicciolisci! Diventa claudicante. La claudicanza di cui parlo è una fiera menomazione, perché grandezza e precarietà non sono in alternativa, ma costituiscono il modus vivendi dell uomo responsabile». Haim Baharier, i cui genitori fecero fortuna, è ben conosciuto per le lezioni private e le lezioni Haim Baharier pubbliche in teatri cittadini, in cui dopo l avvio con un passo della Bibbia ebraica, scorrono le interpretazioni e le suggestioni, in un susseguirsi di domande che, per indurre alla claudicanza, devono restare tali. Domande appunto. Come si forma la claudicanza? «Persino l umorismo è una concausa della claudicanza. Il verbo r i d e re in ebraico non è transitivo, ma riflessivo: non si ride dell altro ma di sé, il riso nasce da un propria contraddizione, da una propria inadeguatezza. Nella valigia quasi vuota lasciata in eredità da Chouchani, più simile a un povero scatolone, c è anche racchiuso l arcano della scrittura, che si muove come le onde del mare, indietreggia e avanza, sparisce e riappare fra ritrosia ed emergenza, sempre tesa verso l assoluto, anche quando si fa claudicante». I frammenti diversi, come in un caleidoscopio, scintillano e conducono ad assaporare e a pensare. «La chiave della claudicanza è qui, affondare goffi nel terreno per librarsi nei cieli con dignità». Questo libro seducente va letto con a fianco Chouchani, con la chiave offerta dallo stesso Baharier. Perché anticipare il contenuto della valigia? Si romperebbe l incanto che trascina e abbassa e innalza chi si riconosce nel dettato del narratore, ancora una volta, leggero e aereo, ma pesante e piombato per la coscienza del lett o re.

5 lunedì-martedì 6-7 luglio 2015 L OSSERVATORE ROMANO pagina 5 Narrando la visita di Luigi IX al Capitolo provinciale dei minori riunito a Sens nel 1248 il frate annota l intero menù che il re fece servire in quell occasione «Les Très Riches Heures du duc de Berry», il mese di gennaio ( , particolare) di N FELICE ACCRO CCA ella cosiddetta Carta di Milano si afferma che il diritto al cibo è «un diritto umano fondamentale»: un diritto che, in realtà, per tanti è tale solo a parole. Si è dedicato un anno intero per riflettere su tali questioni, certo non nuove, poiché il cibo non è stato mai equamente diviso tra gli abitanti di questo mondo, potendo alcuni (pochi) averne fino alla nausea e altri (molti) mancarne fino a morire di fame. Questa tragica situazione è oggi sotto gli occhi di tutti, ma i secoli passati non sono stati meno crudeli con gli anelli deboli della catena. Ce ne offre la riprova uno dei più straordinari cronisti del medioevo occidentale, quel Salimbene da Parma, nato nel 1221 da famiglia di agiata condizione sociale ed entrato tra i frati minori nel 1238, che ci ha lasciato in dono una C ro n a c a conservatasi autografa nel codice Vaticano La raccolta dei cavoli, «Tacuinum Sanitatis» (XV secolo) latino All opera, che copre un arco temporale di circa centoventi anni ( ), il frate lavorò tra il 1283 e il Anche sul tema del cibo la C ro n a - ca offre preziose notizie e aneddoti gustosi. Veniamo così a sapere che la sera in cui fu ricevuto nell Ordine era un giovedì malgrado Salimbene avesse cenato splendidamente in casa di suo padre, i frati lo fecero mangiare ancora benissimo. Tuttavia, per lui le cose cambiarono presto al peggio. «In seguito afferma Cronache e aneddoti sul cibo nell Italia del XIII secolo I cavoli di Salimbene Non si sarebbero mai rimarginate le ferite che segnarono, sin dall adolescenza, il sensibilissimo animo di Franz Kafka. A infierire su una vulnerabilità mai domata fu il padre dello scrittore austro-ungarico (cecoslovacco a partire dal 1918), con il quale «sin dall età della ragione», come scrive lo stesso Kafka, si aprì un insanabile conflitto. In una notte invernale del 1888, Franz, cinque anni, si alza per chiedere ai genitori un po d acqua. Non ottiene risposta, ma non demorde, e la richiesta si fa pressante. Alla fine il padre si alza, ma non per andare in cucina: trascina il figlio fino in balcone e lì lo lascia. L inquietante episodio è ricordato nella infatti rammaricato poi mi diedero sempre dei cavoli, con i quali dovetti cibarmi tutti i giorni della mia vita; e giammai nel secolo avevo mangiato cavoli, anzi li detestavo tanto che non avrei nemmeno mangiato carni che fossero state cotte con essi». Vi furono, in ogni caso, delle eccezioni. Narrando la visita che nel 1248 Luigi IX fece al Capitolo pro- Oltre che di spada in guerra si moriva anche di fame e di malattie provocate dall inquinamento delle acque imputridite dai cadaveri vinciale dei frati minori riunito a Sens, Salimbene ci trasmette addirittura l intero menù che il re fece servire nell occasione. «Quel giorno, dunque, avemmo per prima ciliegie (c e ra s a s ) e pane bianchissimo; venne servito anche vino abbondante e speciale, come era conveniente alla magnificenza regia ( ). Poi avemmo fave fresche cotte nel latte e pesci e gamberi e pasticcio di anguille, riso al latte di mandorle con polvere di cannella, anguille abbrustolite con ottima salsa, torte e giungate (latte rappreso, dolciastro e tenerissimo) e la frutta d uso, tutto in abbondanza e buono». Un altra volta Salimbene fu ospite, in Auxerre, della contessa Matilde, che a pranzo offrì ai suoi ospiti ben dodici portate. Naturalmente queste splendide occasioni furono un privilegio di pochi: la realtà ordinaria era ben altra. Cronista tutt altro che obiettivo, il parmense non teme di manifestare le proprie parzialità. A proposito dei francesi «presuntuosissimi» e «pessimi», dispregiatori di «tutti i popoli del mondo» scrive che «quando hanno bevuto più del necessario credono di poter vincere e tenere in possesso» chiunque. Ecco allora che il grosso esercito di francesi e «di altre genti» inviato nel 1283 da Martino IV contro la ribelle Forlì, non mancò di devastare «le vigne, le biade, le piante da frutta, gli oliveti, i fichi, i mandorli, i bei melograni, le case e gli animali» e tutto quanto si poté trovare sui campi. Scene consuete d ordinaria follia: se leggiamo non soltanto la C ro n a c a del parmense, ma tantissime altre opere contemporanee di genere identico, possiamo esser sicuri che buona parte delle pagine sono occupate da descrizioni analoghe. Se a ciò aggiungiamo gli inquinamenti delle acque, imputridite da cadaveri di uomini e animali, si comprende facilmente che in guerra non si moriva tanto di spada, quanto di malattie e di fame e che i primi a farne le spese erano, naturalmente, i più poveri e tra questi, in primo luogo, vecchi e bambini. Ma non c erano solo le guerre a rendere dura la vita lasciando la gente senza cibo. Anche il clima riservava le sue brutte sorprese, spesso In sant Ambrogio «il simbolismo più fiorito, scintillante di metafore e di analogie, insinua la Chiesa dovunque affiori un pensiero di Dio sull umanità da salvare: la Chiesa è nave, la Chiesa è arca, la Chiesa è esercizio, la Chiesa è tempio, la Chiesa è città di Dio; la Chiesa perfino alla luna è paragonata, nelle cui fasi di diminuzione e di crescita si riflette la vi- cenda alterna della Chiesa che decade e che rimonta, e che mai viene meno, perché fulget... Ecclesia non suo sed Christi lumine, splende non di propria luce, ma di quella di Cristo». Nell omelia dedicata a sant Ambrogio il 7 dicembre 1958, l arcivescovo di Milano, Giovanni Battista Montini, ricordava una serie di metafore relative alla Chiesa facendo riferimento anche a quella utilizzata da Hugo Rahner, il patrologo gesuita, fratello di Karl, che in quegli anni approfondiva il rapporto tra il cristianesimo antico e le conoscenze su sole e luna, presi a immagine di Cristo e della Chiesa. Nuova biografia dello scrittore praghese Le ferite (mai rimarginate) di Kafka nuova biografia intitolata Kafka di Reiner Stach (Francoforte sul Meno, Fischer, 2015, pagine 607, dollari 34) in cui si mette in luce come il travagliato rapporto con il papà Hermann non solo inflisse «piaghe» sulla sensibilità del ragazzo, ma rappresentò anche una sorta di musa per il futuro scrittore. Le sue opere, infatti, sono dominate dall angoscia di fronte all esistenza e da un senso di inadeguatezza nel rapporto con il mondo. fuori stagione (come l esp erienza insegna ancor oggi). Alla fine di giugno 1276, ad esempio, «venne un diluvio grande e straordinario di acque», tanto che il torrente Crostolo crebbe al punto che il territorio da Rivalta a Bagnolo (nell attuale provincia di Reggio Emilia) ne fu tutto allagato: «le biade furono travolte nei campi», i raccolti andarono perduti, ponti e case crollarono, alcuni ospedali furono sommersi e molto bestiame morì. La cosa non finì lì, perché le piogge continuarono «per tutta l estate e per tutto l autunno; per questo la gente non poté semin a re». È sulla parte ustionata, dice un proverbio nel mio dialetto, che viene a cadere l acqua bollente. Difficoltà identiche, ma determinate da motivi solo in parte simili in maggio piogge continue non consentirono di lavorare, mentre in estate la siccità lasciò tutti senza ortaggi sono registrate dal cronista alcuni anni dopo (1285) a Reggio Emilia. Per non parlare delle carestie. Ovvio che in quei frangenti si registrassero rincari dei prezzi, con inevitabili speculazioni. Nel 1277, assicura Salimbene, «ci fu una grande mortalità e gravi malattie fra gli uomini, i bambini e le donne, quasi in La simbologia del sole e della luna ricordata da Francesco Luce riflessa Anche Papa Francesco, nel suo discorso pronunciato il 5 luglio durante la cerimonia di benvenuto all aeroporto di Quito, in Ecuador, è ritornato su questo tema da anni a lui molto caro. «Noi cristiani ha ricordato paragoniamo Gesù Cristo con il sole, e la luna con la Chiesa; e la luna non ha luce propria, e se la luna si nasconde dal sole diventa scura. Nelle fasi di diminuzione e di crescita si riproducono le vicende alterne della Chiesa Il sole è Gesù Cristo, e se la Chiesa si separa o si nasconde da Gesù Cristo diventa oscura e non dà testimonianza. Che in queste giornate si renda più evidente a tutti noi la vicinanza del sole che sorge dall alto (cfr. Luca, 1, 78), e che siamo riflesso della sua luce, del suo amore». Hugo Rahner si interessò dell a rg o - mento in particolare nel celebre studio del 1939 Mysterium Lunae, nel quale si appropria di quanto la scienza e la poesia antica avevano sviluppato a partire dall osservazione del cielo. Si passa da Empedocle, «il sole ha raggi che vivamente dardeggiano, mentre graziosa è la Tanto che gran parte della critica concorda nel riconoscere nello scrittore di Praga «un perfetto interprete letterario» dell esistenzialismo. L episodio cui fa riferimento la nuova biografia è citato dallo stesso Kafka nella famosa Lettera al padre, in cui sottolinea come il genitore ricorresse in realtà di rado alla violenza fisica nei suoi confronti: ma era il pensiero, o meglio il timore che fosse sempre sul punto di farlo, a esercitare una pressione quasi insostenibile. E la trasformazione di Gregor Samsa, commesso viaggiatore che, ne La Metamorfosi, una mattina si ritrova insetto, simboleggia il segreto desiderio dello scrittore che un tale destino arrida anche a lui: potrebbe essere infatti questa la risolutiva via di fuga smettere i panni umani per eludere la tirannia del padre e per sottrarsi alla crudeltà del mondo che, a dispetto di qualsivoglia tentativo di analisi, «non ci è dato di capire nei suoi misteriosi ingranaggi». (gabriele nicolò) tutto il mondo, ma principalmente nel regno d Italia e in Lombardia», vale a dire nell Italia settentrionale. In quell anno si registrò pure una «gravissima carestia, e in alcuni casi uno staio di frumento fu venduto nove soldi imperiali e venti soldi reggiani». Né omette il cronista di segnalare i prezzi raggiunti in quella medesima occasione dalle fave, dalla melica, dall olio d oliva. Nel 1286 in molte città dello stesso territorio si registrò una grave mortalità di galline, tanto che «nella città di Cremona a una sola donna morirono nel giro di poco tempo quarantotto». Ciò fece sì che una sola gallina finisse per vendersi a «cinque denari piccoli». Ciononostante, la sagacia di alcune donne partorì un rimedio efficace a contrastare l improvvisa moria: dettero infatti da mangiare alle loro galline «del marrubio pestato, ossia tritato, impastandolo con acqua e crusca e anche farina», e «grazie a tale antidoto» salvarono i loro animali. Poche note soltanto, da un testo ricchissimo e ameno, che rivelano però, con straordinario realismo ed efficacia, le difficoltà di molti a prender parte al banchetto bandito dal Signore per ogni uomo e donna di questo mondo. Cristo nelle vesti del dio sole Apollo (mosaico del III secolo, Necropoli vaticana) luce della luna», a Prisciano, «la luna è debole perciò è feconda», per arrivare alle parole di Anassagora riprese già da Platone e poi da Ippolito Romano: «La luna non possiede una luce propria, ma la riceve dal sole». Rahner tratta della luna nelle sue varie simbologie, in particolare facendo riferimento alla luna raggiante evidenzia come «già il Veggente di Patmos aveva insegnato a considerare la Chiesa come la grande donna che sta sulla luna, al di sopra d ogni mutevolezza, della corruttibilità terrena, della legge del fato, sopra il regno dello spirito di questo mondo». E ciò proprio perché quella donna, che è a un tempo Maria e la Chiesa, «è rivestita di sole, del Sole di giustizia che è Cristo», scrive Agostino nel commento al Salmo 142, 3. Ma, ritornando alle parole dell a rc i v e - scovo Montini, proprio attraverso la metafora «traluce dagli scritti di Ambrogio il concetto complesso e reale della Chiesa, quello d un entità umana e mistica insieme, socialmente organizzata, ma compaginata da coefficienti spirituali: la fede e la carità. Ed è da questo considerare la Chiesa nella sua duplice realtà, divina e umana, che sgorga l inesauribile riferimento del pensiero di Ambrogio alla Chiesa medesima». (marcello filotei)

6 pagina 6 L OSSERVATORE ROMANO lunedì-martedì 6-7 luglio 2015 La Laudato si per i cattolici del Bangladesh DACCA, 6. Per facilitare la diffusione della Laudato si di Papa Francesco, l arcivescovo di Dhaka, Patrick D Rozario, presidente della Conferenza episcopale del Bangladesh, ha deciso di pubblicare una lettera pastorale contenente ampi stralci dell enciclica tradotti in lingua locale. La Chiesa in Bangladesh risponde così alla raccomandazione rivolta dal Papa per un cambiamento radicale degli stili di vita, produzione e consumo delle risorse della madre terra. Nel documento il presule invita i cattolici a seguire le linee guida del Pontefice e chiede soprattutto ai sacerdoti di diffonderne gli insegnamenti. Evangelii gaudium in lingua bahasha KUA L A LUMPUR, 6. L esortazione apostolica di Francesco Evangelii gaudium sarà tradotta in bahasha, la lingua indigena parlata dalla maggioranza della popolazione di Malaysia e Indonesia. Il progetto riferisce l agenzia Fides è curato dalle Pontificie opere missionarie (Pom) in Malaysia, in particolare come ausilio per i catechisti, ma anche per tutti i fedeli che vorranno beneficiarne. Il testo tradotto sarà infatti distribuito gratuitamente a parrocchie e comunità. Il documento viene ritenuto fondamentale per un corretto approccio all evangelizzazione, come è stato sottolineato in un recente incontro dei direttori diocesani delle Pom di Malaysia, Singapore e Brunei. L enciclica del Papa in Indonesia Ap ostolato della casa comune GI A C A R TA, 6. La Laudato si è un passo «enorme» nella difesa dell ambiente, ma non può bastare «l euforia generale» che ha seguito la pubblicazione dell enciclica. Occorre impegnarsi per diffondere e mettere in atto le indicazioni del Papa. È quanto sottolinea suor Alfonsa Triatmi, esperta di ambiente e in prima fila nella promozione di coltivazioni biologiche nella provincia del Central Java. Per la religiosa, ideatrice e sostenitrice di un programma di agricoltura sostenibile per contadini cristiani e musulmani, l enciclica del Papa rafforza ancora di più gli sforzi enormi compiuti in Indonesia per la promozione e diffusione di un agricoltura che sia rispettosa della «casa comune». Da più di 14 anni, infatti, un gruppo di suore indonesiane, guidate da suor Alfonsa, promuove metodi di agricoltura biologica in grado di salvaguardare l ambiente e provvedere al sostentamento della popolazione. Una sorta di apostolato laico e del mondo, come sono solite chiamarlo, che ha attirato l at- DACCA, 6. «Come medici, infermieri e operatori sanitari non dovete curare i pazienti solo dal punto di vista fisico. Dovete curare anche il loro spirito». È l invito rivolto da monsignor Gervas Rozario, vescovo di Rajshahi e presidente di Caritas Bangladesh, ai partecipanti a un seminario sul tema «Aggiornare le cure e l educazione medica». L incontro promosso da Caritas Bangladesh ha inteso fare il punto sul contributo che la Chiesa cattolica fornisce in termini di assistenza sanitaria al Paese. Pur contando circa fedeli, pari allo 0,3 per cento della popolazione, la comunità cattolica gestisce una settantina di strutture sanitarie, tra cui sette ospedali. Una presenza significativa, dunque, in una realtà a prevalente tradizione musulmana, che deve però necessariamente stare al passo con i tempi. Per questo, periodicamente vengono organizzati seminari di aggiornamento al fine di formare il personale sanitario. Attualmente, in tutto il Paese operano più di cento medici e oltre infermieri appartenenti alla comunità cristiana. «Noi vogliamo rendere tenzione di molti contadini la maggior parte musulmani e che di recente ha anche ottenuto il certificato di qualità governativo. In questo contesto, la diocesi di Purwokerto ha sostenuto con forza il lavoro delle tre suore della congregazione delle Figlie di Maria e Giuseppe. La religiosa ricorda la propria attività fra i contadini, i primi a «nutrire la terra e a usare fertilizzanti non chimici per generare la vita dal suolo». E, riferisce l agenzia AsiaNews, rivolge un appello alle persone di buon senso, affinché utilizzino «in modo saggio tutte le forme di energia: elettrica, idrica» e incoraggino gli altri «a partecipare ad attività che siano volte alla tutela dell ambiente». Anche suor Alfonsa rilancia l allarme sullo stato di tutela dell ambiente. «La natura si sta deteriorando perché il nostro stile di vita è cattivo e distruttivo». Oggi oltre 140 famiglie si sono unite alla comunità per la produzione di riso biologico. «Ed è coinvolto solo un piccolo numero di agricoltori cattolici spiega la religiosa perché la maggioranza sono musulmani, con i quali abbiamo intrecciato un saldo legame di amicizia. Il mio punto di vista è chiaro e semplice: voglio educare i contadini alla produzione di alimenti biologici, nel contesto di un programma di sviluppo ambientale ecosostenibile». Fra i massimi esperti di tematiche ambientali in Indonesia vi è anche padre Vincentius Kirjito, sacerdote dell arcidiocesi di Semarang, in prima fila nella difesa delle risorse idriche. Grazie alle sue iniziative, egli ha saputo far nascere nelle persone la consapevolezza dell imp ortanza dell acqua piovana. «Quello che faccio spiega è proteggere la natura, facendo sì che le persone usino l acqua piovana per sostentarsi». In questo contesto, e a sostegno della sua attività, «la pubblicazione della Laudato si ha promosso l idea che tutti debbano proteggere la natura, nutrirla e prendersene cura». Seminario dedicato ai medici cattolici bengalesi Persone al centro Per fermare la follia distruttrice dell Is in Iraq Appello della Chiesa caldea ai musulmani moderati BAGHDAD, 6. «I musulmani moderati devono reagire alla follia distruttrice dello Stato islamico e cercare di interagire con tutta la popolazione e di collaborare con il resto della società. Solo così possono fare il bene comune, il bene di tutta la gente e quindi anche il loro bene». È quanto ha sottolineato monsignor Shlemon Warduni, vescovo ausiliare di Babilonia dei Caldei, in merito agli ultimi tragici episodi che stanno insanguinando diverse regioni del pianeta. «Il mio appello ha spiegato il vescovo ausiliare nel corso di un intervista al sito Vatican insider è rivolto agli islamici moderati: loro sanno che avere fede significa accogliere la volontà di Dio. Per noi cristiani va sempre peggio». Rimanere cristiani in Iraq è sempre più difficile e pericoloso, stessa situazione anche per le altre minoranze religiose del Paese. «La situazione in Iraq ha precisato monsignor Warduni si aggrava ogni giorno. Pur in condizioni disperate, il nostro impegno sul territorio assicura a nome della locale comunità cattolica è quello di preservare spazi di dialogo. Al bene comune serve il buon senso. E invece purtroppo sta prendendo sempre più campo il fanatismo e per questo va tutto male». Secondo il vescovo ausiliare di Babilonia dei Caldei, l unico argine possibile per fermare l avanzata dei jihadisti è «solo una reazione dei sunniti moderati. I fondamentalisti fanatici agli ordini di al-baghdadi ha spiegato il presule non hanno mai letto le sacre Scritture altrimenti saprebbero che Dio è misericordioso. Quelli che sono contrari al dialogo fanno il male di tutti, per questo è determinante il ruolo dei musulmani moderati». Il vescovo non ha dubbi nell affermare che «il prevalere del moderatismo equivale alla vittoria del bene comune ed è l unica salvezza in questa situazione esplosiva per l intero scacchiere internazionale. Deve essere una priorità geopolitica per l occidente e per le Nazioni Unite. effettivo l insegnamento della Chiesa cattolica attraverso i nostri servizi medici. In questo modo possiamo formare operatori sanitari cattolici», ha Se in Iraq e nel resto del Medio oriente stiamo così male ha sottolineato monsignor Warduni è proprio perché il mondo tace, non fa niente. E così noi cristiani siamo in mezzo, tra due fuochi. Come le altre minoranze cerchiamo soltanto di sopravvivere, ma quando usciamo di casa la mattina non sappiamo se vi faremo ritorno la sera. Siamo minacciati, attaccati, perseguitati. Gli spietati miliziani dello Stato islamico non hanno misericordia, non hanno Dio. Uccidono senza un barlume di umanità». Nell ultimo anno, poco più di centoventicinquemila cristiani sono stati costretti a fuggire dai loro villaggi solo perché hanno scelto di rimanere cristiani rifiutando le condizioni imposte dallo Stato islamico. Sostegno e aiuti umanitari per i terremotati Caritas in Nepal sempre presente detto Edwar Pallab Rozario, medico e membro di Caritas Bangladesh. Nel corso del suo intervento, come riferito dall agenzia AsiaNews, monsignor Gervas ha sottolineato l importanza della formazione e la difficoltà dell impegno a cui gli operatori sanitari sono continuamente chiamati. «Molti malati vengono nelle nostre cliniche mediche per ricevere i trattamenti, ma alcune strutture non riescono a soddisfare tutte le richieste che arrivano», ha ammesso il presule, che appellandosi direttamente ai responsabili delle strutture ha detto: «Voi dovete curare i pazienti con onestà. E per fornire il miglior trattamento possibile, dovete essere aggiornati ed esperti nella vostra professione». Tuttavia, l onestà e la competenza da sole certamente non bastano, occorre avere anche particolare attenzione nei confronti del paziente che si ha di fronte nella sua interezza, corpo e spirito. Il presule ha ricordato che per l operatore sanitario cattolico «la cura dell anima è la cosa più importante nel vostro lavoro». KAT H M A N D U, 6. Continua senza sosta l attività di sostegno e la fornitura di aiuti umanitari messi a punto dalla rete Caritas in Nepal, avviati già all indomani del terremoto del 25 aprile scorso. Nei due mesi successivi al sisma l ente caritativo nepalese ha raggiunto oltre persone bisognose di assistenza e ha fornito circa alloggi alle famiglie. La popolazione colpita ha ricevuto cibo, materiali per costruire alloggi temporanei, kit per l igiene e beni di prima necessità. Caritas Nepal ha raggiunto numerose comunità isolate come quelle di Chepang e di Tamang, che vivono in villaggi remoti. Inoltre, sono state aiutate persone socialmente escluse e comunità indigenti come dalit e musulmani. Nei giorni scorsi, Caritas Nepal ha anche organizzato due giornate di formazione e riflessione per tutto il personale coinvolto, con la partecipazione del vicario apostolico in Nepal, monsignor Paul Simick. Durante l incontro come riferito dall agenzia Fides sono stati illustrati i frutti di un intenso lavoro di assistenza, svolto anche grazie agli aiuti e al sostegno di Caritas Internationalis. L o rg a n i z z a z i o - ne sta programmando di raggiungere altre famiglie, anche progettando di servire le comunità locali con iniziative di microcredito, programmi di formazione professionale, soprattutto nei settori dell agricoltura e delle imprese rurali, avviando la fase della ripresa e della ricostruzione del tessuto sociale ed economico. Caritas Nepal offrirà anche alcuni incentivi, borse di studio e piccoli prestiti per la costruzione di abitazioni, destinate a chi ha visto la propria casa completamente distrutta, e intende contribuire alla ricostruzione di scuole e di ospedali danneggiati.

7 lunedì-martedì 6-7 luglio 2015 L OSSERVATORE ROMANO pagina 7 L attaccamento alla fede cattolica della comunità lituana sparsa in mezza Euro p a Emigranti con il Vangelo in mano VILNIUS, 6. Da Londra a Dublino, a Oslo, dagli Stati Uniti all Australia: dal febbraio 1991, dopo cioè la riconquistata indipendenza dall Unione Sovietica, si calcola che almeno persone, su una popolazione di tre milioni di abitanti, abbiano lasciato la Lituania e che solo centomila vi abbiano fatto ritorno. «Ma la Chiesa non abbandona la sua gente», spiega a Sir Europa monsignor Edmundas Putrimas, direttore della pastorale per i migranti. «Cerchiamo di essere vicini a loro, all estero, con i sacerdoti al servizio delle nostre comunità», aggiunge, ricordando due parole-chiave, carità e Vangelo. Assieme alla lingua nazionale i lituani emigranti hanno portato con sé la fede cattolica (la professa il 77 per cento della popolazione). In mezzo mondo. Come a Londra, per esempio, dove si trovano anziani, rimasti legati alle tradizioni nazionali e alla religione, ma anche seconde e Appello dei vescovi della Slovacchia Più attenzione verso i migranti e i rifugiati BR AT I S L AVA, 6. «Siamo convinti che dal punto di vista umano e cattolico sia necessario prestare più attenzione alla situazione di migranti e rifugiati». È quanto si legge in una dichiarazione rilasciata dalla Conferenza episcopale slovacca, durante l assemblea plenaria, in merito al dibattito sul crescente numero di migranti in arrivo nei Paesi europei. «Per prima cosa è compito degli Stati e della Dalla Caritas di Friburgo Una guida per contrastare la povertà giovanile FR I B U R G O, 6. «Piccolo manuale per acquistare e consumare senza indebitarsi»: è il titolo della pubblicazione di oltre 40 pagine che la Caritas di Friburgo rilancia nel quadro di un programma di prevenzione alla povertà tra i giovani. Il manuale in lingua francese, edizione aggiornata e adattata di una precedente versione, sarà distribuito negli incontri con gli studenti del secondo anno delle superiori. «In Svizzera i giovani tra i 12 e i 18 anni consumano beni per 600 milioni di franchi l anno e uno su tre ha già dei debiti»: per questo la direzione per la sanità e gli affari sociali del cantone Vaud ha affidato alla Caritas e a una serie di organizzazioni sociali il progetto contro l indebitamento. Il libretto secondo gli autori vuole proporre «una lettura del quotidiano, che permetta di valutare meglio i nostri bisogni reali», illustra diritti e doveri dei consumatori, mette in evidenza i possibili rischi che possono compromettere l equilibrio finanziario (disoccupazione, nascita di un figlio, malattia, divorzio) e illustra «le conseguenze di un indebitamento mal gestito» oltre a indicare «che cosa si può fare per uscirne al meglio». Si parla così di come preparare un bilancio, come cercare casa, i rischi degli acquisti on-line e di quelli fatti a rate. Infine, vengono forniti una serie di indirizzi utili a cui rivolgersi per preparare un budget famigliare, vacanze e mezzi di trasporto economici, nonché svaghi a prezzi contenuti. comunità internazionale decidere quale sia il modo migliore per prestare assistenza, anche contribuendo a risolvere i problemi nei Paesi di origine dei migranti e dei rifugiati», dichiarano i vescovi, sottolineando che la Chiesa cattolica in Slovacchia «intende sostenere questo processo con tutti i mezzi a sua disposizione per esprimere solidarietà e amore cristiano alle persone in difficoltà». Durante i lavori riferisce il Sir l episcopato slovacco ha approvato quattro progetti di aiuto umanitario a sostegno dei cristiani perseguitati e dei rifugiati, finanziati da istituzioni ufficiali della Chiesa cattolica in Slovacchia e dall ufficio nazionale di Caritas per un totale di oltre euro. terze generazioni, che conservano più facilmente la lingua rispetto alla fede. La prima ondata migratoria lituana risale all inizio del Novecento, per sfuggire al regime zarista, la seconda si è avuta nel secondo dopoguerra. Da allora nel Regno Unito si sono installate tre principali comunità lituane, per un totale di duecentomila persone. «La secolarizzazione arriva ovunque», osserva don Petras Tverijonas, che opera nella zona est di Londra, ma evidenziando l attaccamento alla fede cattolica della comunità lituana «nelle tre messe domenicali abbiamo quattrocento partecipanti alle funzioni; qui a Londra abbiamo concentrato la preparazione ai battesimieaimatrimoni perletrecomunità dell isola. Lo scorso anno abbiamo preparato per il battesimo i genitori di duecentocinquanta bambini e le coppie che hanno seguito il corso prematrimoniale sono state duecentotrenta». Anche se, racconta don Tverijonas, per sposarsi si preferisce tornare a casa. L integrazione non è facile, «anche perché i lituani sono riservati e un po timidi». Nella vicina Dublino c è don Egidijus Arnasius, approdato in Irlanda dopo essere stato per tre anni cappellano dei lituani in Australia. «Sono stato accolto molto bene dagli irlandesi e dalla Conferenza episcopale locale, con la quale si collabora proficuamente», racconta, sottolineando che «i lituani arrivati in Irlanda venivano dall alienante esperienza comunista. Per questo sono piuttosto guardinghi, prudenti. Forse c è timore di confrontarsi con la comunità locale». Molti andavano in chiesa a pregare e ad accendere candele, ma non a messa. L obiettivo è entrare in una relazione più profonda con la comunità locale. Ma «il lavoro da fare è ancora tanto», conclude don Arnasius, anche perché «assimilarsi, in un Paese del nord Europa, spesso vuol dire accettare l ateismo diffuso». In Norvegia riferisce il Sir è attivo don Oskaras Volskis, da una parte cappellano per i lituani, dall altra al servizio di una parrocchia locale e di un gruppo di cattolici polacchi. Non nasconde problematiche legate alla lingua: «Se la nostra gente non ha la messa in lituano non partecipa affatto». Anche don Valdemaras Lisovskis, a Oslo da tre anni, spiega l importanza di celebrare la messa in lituano: «Se abbandoniamo la nostra lingua perderemo la gente». Il cardinale Ouellet per l anno giubilare celestiniano Profezia della misericordia A ottocento anni di distanza dal suo tempo, quale messaggio può offrire all uomo di oggi san Pietro Celestino, più noto come Celestino V? A questo interrogativo ha cercato di dare una risposta il cardinale Marc Ouellet, prefetto della Congregazione per i vescovi, domenica pomeriggio, 5 luglio, nella cattedrale di Isernia, dedicata ai santi apostoli Pietro e Paolo. L occasione è stata la chiusura dell anno giubilare celestiniano, indetto il 5 luglio 2014, nella piazza della cattedrale, da Papa Francesco, durante la visita pastorale alle diocesi di Campobasso-Boiano e Isernia-Venafro. Nell omelia della messa il cardinale Ouellet si è detto grato per aver potuto condividere con il popolo di Isernia un tratto, seppur breve, del suo cammino cristiano. Ha poi additato l esempio di Celestino V, quale uomo ancorato alla croce di Cristo, che per lui ha sempre rappresentato il centro della sua vita e dalla quale ha ricavato la forza per affrontare i momenti più difficili. Da qui l invito del porporato a imparare a rimanere ancorati a Cristo nel confronto con il cambiamento epocale che stiamo vivendo e che mette a dura prova i valori cristiani dell esistenza, avvolgendo tutto nella spesso confusa cultura globale. Del resto, la misericordia, che ha animato l intera vita di Pietro da Morrone, è realmente profezia di un mondo nuovo. Per questo Celestino può essere considerato profeta anche per il nostro tempo e il suo messaggio è più che mai attuale. Insieme con il cardinale hanno concelebrato l arcivescovo di Campobasso-Boiano, monsignor Bregantini, il vescovo di Isernia-Venafro, monsignor Camillo Cibotti, e alcuni vescovi della Conferenza episcopale abruzzese-molisana, oltre a un ottantina di sacerdoti. Monsignor Cibotti, nel suo saluto al cardinale, ha parlato del popolo isernino come espressione di mitezza, di dolcezza, generosità e profonda religiosità. Al termine, il cardinale ha inaugurato e benedetto due lapidi: una in cattedrale, per commemorare l anno giubilare celestiniano, l altra in piazza Andrea d Isernia, per ricordare la visita di Papa Francesco alla città. Durante il volo verso Quito Telegrammi a capi di Stato Papa Francesco è partito alla volta di Quito dall a e ro p o r t o di Fiumicino alle 9.15 di domenica 5 luglio. Il congedo dalla residenza di Santa Marta in Vaticano è avvenuto in forma privata. Successivamente il Pontefice ha raggiunto in automobile lo scalo romano, dove è stato salutato, tra gli altri, dall arcivescovo Georg Gänswein, prefetto della Casa Pontificia. Accompagnano il Papa: il cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato; il prefetto della Segreteria per la comunicazione, monsignor Dario Edoardo Viganò, che è anche direttore del Centro Televisivo Vaticano; il segretario della Pontificia Commissione per l America latina, Guzmán Carriquiry Lecour; i monsignori Guido Marini, maestro delle Celebrazioni liturgiche pontificie, e Diego Ravelli, cerimoniere pontificio; A sua Eccellenza On. Sergio Mattarella Presidente della Repubblica Italiana Palazzo del Quirinale Roma Nel momento in cui lascio Roma per recarmi in Ecuador, Bolivia e Paraguay, per sostenere la missione della Chiesa locale e portare un messaggio di speranza, mi è caro rivolgere a lei, signor presidente, il mio deferente saluto, che accompagno con fervidi auspici per il benessere spirituale, civile e sociale del popolo italiano, cui invio volentieri la benedizione apostolica. A su Majestad Felipe VI Rey de España Palacio de la Zarzuela Madrid Al sobrevolar el territorio español para dar comienzo a mi visita pastoral a Ecuador, Bolivia y Paraguay, me es grato enviar un cordial saludo a vuestra majestad y a la reina, y renovar mi afecto y cercanía al pueblo español, para el que pido al Señor copiosas gracias y un creciente progreso espiritual y social en pacífica convivencia. Excelentíssimo Senhor Anibal Cavaco Silva Presidente da Republica Portuguesa Lisb oa Ao sobrevoar Portugal numa visita pastoral que me leva ao Equador, Bolívia e Paraguai, tenho o prazer de saudar vossa Excelência formulando cordiais votos para sua pessoa e inteira nação sobre a qual invoco benevolência divina para que seja consolidada nela esperança e alegria de viver na harmonia e bem-estar de todos seus filhos. Al Excmo. Sr. Nicolás Maduro Moros Presidente de la República Bolivariana de Venezuela Caracas Al volar sobre el territorio venezolano para dar inicio a mi visita pastoral a Ecuador, Bolivia y Paraguay, me es grato enviar un cordial saludo a vuestra excelencia, manifestando mi afecto y cercanía por el pueblo venezolano, a la vez que pido al Señor abundantes gracias que le ayuden a progresar cada día más en solidaridad y pacífica convivencia. Sull aereo con i giornalisti Dopo il decollo da Roma, il Papa ha voluto incontrare i 75 giornalisti che lo stanno accompagnando nel viaggio. Dal microfono padre Lombardi ha sottolineato la grande quantità di richieste di accredito o l t re cento pervenute alla Sala stampa della Santa Sede e ha informato il Pontefice che un migliaio di operatori dell informazione seguono la visita nelle cinque città interessate: Quito e Guayaquil, La Paz e Santa Cruz de la Sierra, Asunción. Francesco da parte sua ha ringraziato per il lavoro «molto impegnativo» che attende i media, sottolineando che «dare notizie delle cose che accadono» in questi otto giorni può servire «a fare tanto bene». Infine, augurando «buon viaggio», ha salutato personalmente ciascuno dei presenti. l agostiniano Juan Fernando del Rio Sendino, della sezione spagnola della Segreteria di Stato. Con loro anche gli aiutanti di Camera, Mariotti e Zanetti, il medico Polisca, il responsabile dell organizzazione del viaggio Gasbarri, il direttore della Radio Vaticana e della Sala stampa della Santa Sede, il gesuita Federico Lombardi, e il direttore del nostro giornale. Nella capitale ecuadoriana si sono uniti al seguito l arcivescovo di Quito e presidente della Conferenza episcopale Fausto Gabriel Trávez Trávez, il cardinale Raùl Eduardo Vela Chiriboga, arcivescovo emerito; il nunzio apostolico Giacomo Guido Ottonello, con monsignor Mihaita Blaj, segretario della nunziatura. Subito dopo il decollo, Francesco ha inviato i seguenti telegrammi ai capi di Stato dei Paesi sorvolati. Al Excmo. Dr. Juan Manuel Santos Calderón Presidente de la República de Colombia Bogotá d.c. Al sobrevolar el territorio colombiano para dar comienzo a mi visita pastoral a Ecuador, Bolivia y Paraguay, me es grato enviar un cordial saludo a vuestra excelencia, reiterando mi cercanía y afecto por el pueblo colombiano, para el que pido al Señor abundantes gracias que lo hagan progresar en los valores humanos y espirituales que le caracterizan, en la reconciliacion y la convivencia pacífica, deseándole al mismo tiempo una creciente prosperidad. In un messaggio di risposta, il presidente della Repubblica italiana, Sergio Mattarella, ha fatto pervenire al Pontefice il suo «più sincero ringraziamento» sottolineando come l «Italia e la comunità internazionale guardano con grande interesse» a questa «missione nel continente latinoamericano, in Paesi che, ciascuno con la propria specificità, vivono un periodo di grande fermento, sul piano politico, economico e sociale». Il presidente si è detto certo che la presenza del Papa in Ecuador, Bolivia e Paraguay «porterà un forte messaggio di fiducia per il futuro della regione, cui l Italia e l E u ro p a guardano con viva attenzione, ma anche un atteso incoraggiamento per quanti, in quei Paesi, vivono ancora in condizioni di povertà, degrado sociale e incertezza coltivando la speranza di un domani migliore». Buon viaggio anche dai clochard Come è ormai tradizione, Papa Francesco alla vigilia della partenza, nella serata di sabato 4 luglio, si è recato nella basilica di Santa Maria Maggiore per affidare alla Vergine il suo viaggio apostolico in America latina. Il Pontefice ha deposto davanti all immagine della Salus populi Romani un mazzo di fiori caratterizzato dai colori delle bandiere dei tre Paesi in cui si reca e si è trattenuto in preghiera per circa venti minuti. La mattina successiva, intorno alle 8, prima di raggiungere l aeroporto di Fiumicino, Francesco ha ricevuto il saluto di otto clochard tra i quali due donne che vivono in ripari di fortuna nella zona di San Pietro e che usufruiscono del servizio docce allestito sotto il colonnato. L incontro è avvenuto in presenza dell elemosiniere, l a rc i v e s c o v o Konrad Krajewski, che li ha accompagnati, ed è durato alcuni minuti. Al termine il Papa ha dato la sua benedizione ai senzatetto.

8 pagina 8 L OSSERVATORE ROMANO lunedì-martedì 6-7 luglio 2015 In Ecuador il Papa esalta la bellezza naturale del Paese e richiama la simbologia di Cristo e della Chiesa Le chiavi del futuro Valorizzazione delle differenze, partecipazione, dialogo, tutela dei più deboli Al l aeroporto di Quito, dove il Pontefice è giunto nel pomeriggio di domenica 5 luglio (quando in Italia erano circa le 22), si è svolta la cerimonia di benvenuto, alla presenza, fra gli altri, del presidente dell Ecuador, Rafael Correa, che ha rivolto a Francesco un indirizzo di saluto. Rispondendo alle sue parole il Papa ha pronunciato in spagnolo il discorso che pubblichiamo in una traduzione italiana. Signor Presidente, Distinte Autorità del Governo, Fratelli nell Episcopato, Signore e Signori, amici tutti, ringrazio Dio per avermi concesso di venire di nuovo in America Latina e di trovarmi oggi qui con voi, in questa bella terra dell Ecuador. Provo gioia e gratitudine nel vedere il caloroso benvenuto: è una prova in più del carattere accogliente che distingue così bene le genti di questa nobile Nazione. La ringrazio, Signor Presidente, per le sue parole la ringrazio per la sua consonanza con il mio pensiero: mi ha citato troppo, grazie!, che ricambio con i miei migliori auguri per il compimento della Sua missione: che possa realizzare quanto desidera per il bene del suo popolo. Saluto cordialmente le distinte Autorità del Governo, i miei fratelli Vescovi, i fedeli della Chiesa nel Paese e tutti coloro che oggi mi aprono le porte del loro cuore, della loro famiglia e della loro Patria. A tutti voi il mio affetto e la mia sincera riconoscenza. Ho visitato l Ecuador in diverse occasioni per motivi pastorali; così anche oggi, vengo come testimone della misericordia di Dio e della fede in Gesù Cristo. La stessa fede che per secoli ha plasmato l identità di questo popolo e ha dato tanti buoni frutti, tra i quali risaltano figure luminose come santa Marianna di Gesù, il santo fratello Michele Febres, santa Narcisa di Gesù o la beata Mercedes di Gesù Molina, beatificata a Guayaquil trent anni fa durante la visita del Papa san Giovanni Paolo II. Essi hanno vissuto la fede con intensità ed entusiasmo, e praticando la misericordia hanno contribuito, in diversi ambiti, a migliorare la società ecuadoriana del loro tempo. Oggi, anche noi possiamo trovare nel Vangelo le chiavi che ci permettono di affrontare le sfide attuali, apprezzando le differenze, promuovendo il dialogo e la partecipazione senza esclusioni, affinché i passi avanti in progresso e sviluppo che si stanno ottenendo si consolidino e garantiscano un futuro migliore per tutti, riservando una speciale attenzione ai nostri fratelli più fragili e alle minoranze più vulnerabili, che sono il debito che ancora ha tutta l America Latina. Per questo scopo, Signor Presidente, potrà contare sempre sull impegno e la collaborazione della Chiesa, per servire questo popolo ecuadoriano che si è alzato in piedi con dignità. Amici tutti, comincio con attese e con speranza i giorni che abbiamo davanti. In Ecuador si trova il punto più vicino allo spazio esterno: è il Chimborazo, chiamato per questo il luogo più vicino al sole, alla luna e alle stelle. Noi cristiani paragoniamo Gesù Cristo con il sole, e la luna con la Chiesa; e la luna non ha luce propria, e se la luna si nasconde dal sole diventa scura. Il sole è Gesù Cristo, e se la Chiesa si separa o si nasconde da Gesù Cristo diventa oscura e non dà testimonianza. Che in queste giornate si renda più evidente a tutti noi la vicinanza del «sole che sorge dall alto» (cfr. Lc 1, 78), e che siamo riflesso della sua luce, del suo a m o re. Da qui voglio abbracciare l intero Ecuador. Dalla cima del Chimborazo, fino alla costa del Pacifico; dalla selva amazzonica fino alle isole Galápagos; non perdete mai la capacità di rendere grazie a Dio per quello che ha fatto e fa per voi; la capacità di difendere il piccolo e il semplice, di aver cura dei vostri bambini e dei vostri anziani, che sono la memoria del vostro popolo, di avere fiducia nella gioventù, e di provare meraviglia per la nobiltà della vostra gente e la bellezza singolare del vostro Paese che secondo il Signor Presidente è il paradiso [si riferisce a un e s p re s - sione del discorso del Presidente]. Che il Sacro Cuore di Gesù e il Cuore Immacolato di Maria, ai quali l Ecuador è stato consacrato, effondano su di voi grazia e benedizione. Tante grazie! Nel saluto del presidente Correa Diritti costituzionali per la natura «L Ecuador ama la vita. La nostra costituzione obbliga a riconoscere e garantire la vita, inclusa la cura e la protezione dal concepimento». Lo ha ricordato il presidente ecuadoriano Rafael Correa nel saluto rivolto a Papa Francesco all arrivo a Quito. La costituzione del Paese, ha fatto notare il presidente, stabilisce «di riconoscere e proteggere la famiglia come nucleo fondamentale della società» e impone «di occuparci della nostra casa comune». Si tratta, infatti, della prima costituzione «nella storia dell umanità a concedere diritti alla natura». Correa ha voluto ricordare in proposito che il 20 per cento del territorio è protetto con 44 riserve e parchi naturali. «La gamma multicolore della nostra flora e fauna ha detto si completa e si arricchisce di più con la diversità delle nostre culture umane». Infatti nel Paese «ci sono, oltre a una maggioranza meticcia, 14 nazionalità indigene con le loro corrispondenti lingue ancestrali, compresi due popoli non ancora raggiunti, che hanno preferito l isolamento volontario nel cuore della selva vergine». Per questo, la costituzione definisce l Ecuador come uno Stato unitario, ma «plurinazionale e multiculturale». Correa si è anche concesso qualche battuta, ricordando che gli argentini dicono che il Papa è argentino, i brasiliani che Dio è brasiliano, ma senza dubbio il paradiso è ecuadoriano. Rivolgendo lo sguardo all America, Correa ha detto che il grande peccato sociale del continente è l ingiustizia, affermando che l «opulenza di pochi accanto alla più intollerabile povertà sono colpi quotidiani inferti contro la dignità umana». Secondo il presidente, infatti, la fondamentale questione morale in America latina è «precisamente la questione sociale»; tanto più ha rimarcato se si considera che «per la prima volta nella storia, la povertà e la miseria nel nostro continente non sono conseguenze della mancanza di risorse», ma delle conseguenze negative «di sistemi politici, sociali ed economici» che non rispettano la dignità delle persone. Il presidente poi ha ricordato come il Papa definito come «un gigante morale per credenti e non credenti» abbia denunciato con forza la tragedia della migrazione, che «ben conosce il nostro Paese». La soluzione, ha aggiunto, non è «più frontiere; è solidarietà, è umanità, è creare le condizioni di prosperità e pace che disincentivano le persone a migrare». dal nostro inviato GIANLUCA BICCINI Mitad del mundo: i cartelli stradali e le mappe turistiche di Quito indicano che da queste parti passa la linea dell equatore. Ed è da qui che Francesco ha voluto iniziare il viaggio più lungo del pontificato. Il primo in Paesi in cui si parla la sua lingua natale e le cui culture hanno molto in comune con quelle della sua patria, l Argentina. Tornando ad attraversare l oceano Atlantico, due anni dopo la visita in Brasile, il Papa ha scelto tre piccoli Paesi dell America latina Ecuador, Bolivia e Paraguay caratterizzati da una significativa presenza di popolazioni indigene e da una fortissima identità cristiana. Anzi cattolica, con percentuali ancora molto elevate. Tre nazioni in qualche modo periferiche ma in progressiva crescita, che sperimentano modelli di economia inclusiva, eppure ancora segnate da ampie sacche di miseria. Nelle quali la Chiesa continua a svolgere un ruolo di primo piano. Insomma ben rappresentative della descrizione contenuta nel documento conclusivo di Aparecida, il testo del 2007 votato dal Celam e approvato da Benedetto XVI, di cui il cardinale Bergoglio fu il principale artefice: «Sotto il profilo storico il nostro continente latino-americano è marcato da due realtà: la povertà e il cristianesimo. Un continente con molti poveri e con molti cristiani». E l Ecuador, prima tappa del viaggio, riassume bene entrambe le caratteristiche e tutte le contraddizioni dell America latina, come il Papa ha potuto vedere sin dal suo arrivo in un Paese che conosce bene, per esserci stato in passato diverse volte. Per questo nel primo discorso pronunciato nella terra dell ultimo sovrano inca Atahualpa, ha auspicato che il progresso e lo sviluppo in atto «garantiscano un futuro migliore per tutti», soprattutto per «le minoranze più vulnerabili». E ha chiesto dignità, dando voce a chi non ce l ha, invocando una maggiore giustizia sociale, per il riscatto di tutto il continente. L aereo Alitalia con a bordo il Pontefice è atterrato intorno alle locali di domenica 5 luglio, quando a Roma erano quasi le 22. Dopo oltre diecimila chilometri, lungo i quali ha sorvolato la penisola iberica, l oceano Atlantico, i Caraibi, il Venezuela e la Colombia, il velivolo si è infilato in una sorta di gola tra i monti dell altopiano, per un atterraggio spettacolare all aerop orto internazionale Mariscal Sucre, intitolato all eroe dell indipendenza ecuadoriana. Lo scalo si trova a 2300 metri di altitudine nella cittadina di Tababela, a una ventina di chilometri dal centro della capitale. Subito sono saliti a dare il benvenuto al Papa il nunzio apostolico Giacomo Guido Ottonello e il capo del Protocollo ecuadoriano. Sceso dalla scaletta anteriore, Francesco è stato accolto dal capo dello Stato, Rafael Correa. E da un forte vento che gli ha fatto volare lo zucchetto bianco. Alla metà del mondo Davanti al padiglione presidenziale ha quindi avuto luogo la cerimonia di benvenuto alla presenza di autorità statali, della presidenza della Conferenza episcopale in rappresentanza dei cinquanta presuli del Paese e di un piccolo gruppo di fedeli nei colorati abiti tradizionali delle 14 nazionalità indigene. Alcuni calzavano semplici scarpe di tessuto e corda, altri sandali e infradito, altri ancora erano a piedi nudi. In Ecuador costituiscono una quota consistente della popolazione. In prevalenza sono di etnia quechua. Ma se questi ultimi vivono per lo più sulle Ande, nel versante orientale, quello amazzonico, prevalgono gli shuar (o jivaros) mentre Esmeraldas, sulla costa occidentale, è terra di neri discendenti degli schiavi africani, ugualmente numerosi a Guayaquil. Li accomuna una forte religiosità, che si esprime in colorate forme di spiritualità popolare, con processioni molto partecipate e la venerazione di immagini sacre nelle case, nelle chiese e nelle piazze. Una religiosità che trova il suo culmine nella devozione mariana, come testimonia la grande statua della Vergine alata che dall alta collina del Panecillo domina tutta la capitale. Gli inni sono stati eseguiti dall orchestra sinfonica giovanile, accompagnata dal coro Manos blancas, che attraverso il linguaggio dei segni rea- lizza coreografie per coinvolgere anche bambini sordomuti. I saluti militari e lo scambio dei discorsi ufficiali hanno preceduto l omaggio floreale consegnato da un bimbo con il caratteristico poncho e da una ragazzina con cui si è conclusa la cerimonia. Congedatosi dal presidente, dopo che si era brevemente intrattenuto con lui nella sala del Protocollo, il Papa si è trasferito alla sede della nunziatura di Quito, sua residenza in Ecuador. Per raggiungere la capitale si sale di altri cinquecento metri sul livello del mare. Francesco ha percorso gran parte del tragitto su una utilitaria e gli ultimi otto chilometri sulla papamobile, dalla quale ha ammirato la splendida città alle falde del vulcano Pichincha, dichiarata dall Unesco patrimonio dell umanità, con il suo centro storico meglio conservato e meno alterato di tutta l America latina. Ma la città, che ospita la collezione più importante d arte coloniale dell America, ha anche un volto moderno e dinamico, con quartieri in cui oltre ai grattacieli non mancano numerosi p a rc h i. Lungo il percorso una folla immensa ha salutato il Pontefice con tutto il calore di cui sono capaci i latinoamericani. Donne, uomini e soprattutto tanti bambini a rappresentare i circa 16 milioni di ecuadoriani, dei quali quasi 14 milioni sono cattolici. Si tratta della più popolosa tra le nazioni visitate in questo viaggio, dove la cura pastorale è affidata a una cinquantina di vescovi, poco più di duemila preti, circa cinquemila religiose e altrettanti missionari laici. In questa nazione che ha dato i natali a personaggi come Mariana de Jesús, il giglio di Quito, canonizzata da Pio XII nel 1950, e il santo fratel Miguel Febres Cordero venne anche Giovanni Paolo II, esattamente trent anni fa, nel E come in quella circostanza, anche oggi la festa non è stata solo per i quiteños: dalle cime innevate del Chimborazo, il vulcano attivo alto 6 mila metri, alla costa del Pacifico, dalla selva amazzonica alle isole Galapagos, sono giunti da tutto l Ecuador per dare il benvenuto al Papa. Che ha ricambiato fermandosi a lungo a salutare, stringendo mani, dispensando abbracci e carezze e lasciandosi immortalare in quelli che sono diventati ormai gli immancabili selfie. Molti i volti sorridenti, così come quelli rigati dalle lacrime di gioia. Un atmosfera di entusiasmo popolare che si è vissuta anche a fine giornata quando, poco dopo le 20, Papa Francesco è uscito dalla sede della nunziatura apostolica per salutare migliaia di persone. Prima di impartire la benedizione il Pontefice ha incoraggiato il popolo dell Ecuador a proseguire sulla strada del dialogo per costruire il proprio futuro.

Attentato di Parigi. 13 novembre 2015. Documento del corso Relazioni Internazionali

Attentato di Parigi. 13 novembre 2015. Documento del corso Relazioni Internazionali Attentato di Parigi 13 novembre 2015 Documento del corso Relazioni Internazionali Il lavoro della sezione RIM è finalizzato a sostenere la Pace tra i Popoli PEACE NOT WAR I FATTI Gli attentati del 13 novembre

Dettagli

Parigi sotto attacco oltre 120 morti. Il Presidente Hollande chiude le frontiere

Parigi sotto attacco oltre 120 morti. Il Presidente Hollande chiude le frontiere Parigi sotto attacco oltre 120 morti. Il Presidente Hollande chiude le frontiere Diverse sparatorie a Parigi, almeno tre esplosioni vicino allo stadio: è l inferno in tutta la capitale francese, con decine

Dettagli

CONFLITTI nel MONDO (2015)

CONFLITTI nel MONDO (2015) CONFLITTI nel MONDO (2015) I giornali e le televisioni di tutto il mondo parlano ogni giorno del conflitto in corso tra Israele e Palestina. Continui aggiornamenti sul numero di vittime, sulle brevi tregue

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Siria, possibile l intervento di terra di Turchia e Arabia Saudita?

Siria, possibile l intervento di terra di Turchia e Arabia Saudita? Siria, possibile l intervento di terra di Turchia e Arabia Saudita? Lookout News Rocco Bellantone I turchi continuano a bombardare a nord, mentre a Incirlik arrivano i caccia sauditi. La riunione del Gruppo

Dettagli

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato Signor Presidente del Consiglio, Autorità civili, militari e

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI Sede legale e amministrativa: Palazzo Besso - Largo di Torre Argentina, 11-00186 Roma Sede secondaria: Largo Luigi Antonelli, 4-00145 Roma Web: www.ifiadvisory.com; Mail: info@ifiadvisory.com Umberto Profazio

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

LA PARTENZA. La valigia. 1 Con chi farai la valigia? 2 Quali vestiti prenderai con te? 3 Cosa non devi assolutamente dimenticare*?

LA PARTENZA. La valigia. 1 Con chi farai la valigia? 2 Quali vestiti prenderai con te? 3 Cosa non devi assolutamente dimenticare*? LA PARTENZA La valigia Con chi farai la valigia? Quali vestiti prenderai con te? 3 Cosa non devi assolutamente dimenticare*? 4 Completa il cruciverba per scoprire il nome di un famoso stilista italiano.

Dettagli

Mare Nostrum o di tutti? Italia e Unione europea alla prova dell emergenza migranti

Mare Nostrum o di tutti? Italia e Unione europea alla prova dell emergenza migranti Mare Nostrum o di tutti? Italia e Unione europea alla prova dell emergenza migranti Seminario organizzato dalla Friedrich-Ebert-Stiftung e dalla Fondazione Italianieuropei Roma, venerdì 14 novembre ore

Dettagli

Immigrati e rifugiati: Oltre gli stereotipi. Maurizio Ambrosini, università di Milano, direttore della rivista Mondi migranti

Immigrati e rifugiati: Oltre gli stereotipi. Maurizio Ambrosini, università di Milano, direttore della rivista Mondi migranti Immigrati e rifugiati: Oltre gli stereotipi Maurizio Ambrosini, università di Milano, direttore della rivista Mondi migranti Chi sono gli immigrati? ONU: L immigrato è una persona che si è spostata in

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

IL GRANDE IMBROGLIO DI MARE NOSTRUM

IL GRANDE IMBROGLIO DI MARE NOSTRUM a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 771 IL GRANDE IMBROGLIO DI MARE NOSTRUM 22 settembre 2014 INDICE 2 Introduzione Mare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale Il 1 settembre 1939 Hitler attacca la Polonia con il pretesto di occupare il corridoio di Danzica video A questo punto Francia e Inghilterra, decise a non permettere ulteriori

Dettagli

DENTRO il LIBRO LA VITA È UNA BOMBA! Luigi Garlando IL CONTENUTO

DENTRO il LIBRO LA VITA È UNA BOMBA! Luigi Garlando IL CONTENUTO DENTRO il LIBRO dai 9 anni LA VITA È UNA BOMBA! Luigi Garlando Illustrazione di copertina: Annalisa Ventura Pagine: 96 Codice: 978-88-566-4991-8 Anno di pubblicazione: 2015 IL CONTENUTO Il libro si struttura

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Storia contemporanea n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Anno Accademico 2011/2012 1 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

00.48-1.23. La questione nordirlandese

00.48-1.23. La questione nordirlandese 00.48-1.23 La questione nordirlandese La questione nordirlandese: Secolo XVI Elisabetta I figlia di Enrico VIII, anglicana, decide di imporre la legge inglese agli irlandesi, quasi come una sorta di missione

Dettagli

Storia d Israele in mappe

Storia d Israele in mappe Storia d Israele in mappe INDICE Introduzione............................................................. p. 1 MAPPE DEL PERIODO ANTICO ll regno di Davide e Salomone..........................................

Dettagli

È morta l architetta Zaha Hadid

È morta l architetta Zaha Hadid È morta l architetta Zaha Hadid Edifici distrutti dai bombardamenti del governo siriano a Damasco, il 10 febbraio 2016. (Bassam Khabieh, Reuters/Contrasto) 11MAR 201618.40 La spartizione della Siria è

Dettagli

DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA

DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA 43 ECCLESIA NONNA EUROPA DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA La vista di Francesco a Strasburgo e in Turchia. Implicazioni politiche ed ecumeniche «nonna», una forte denuncia delle persecuzioni dei cristiani,

Dettagli

La questione curda CHI SONO I CURDI?

La questione curda CHI SONO I CURDI? Il conflitto politico culturale tra il governo turco e la minoranza curda nel paese ha una lunga storia alle spalle, che risale agli accordi di pace dopo il primo conflitto mondiale quando, dopo lo scioglimento

Dettagli

Il Vangelo secondo Giovanni

Il Vangelo secondo Giovanni Corso biblico diocesano 1994 Il Vangelo secondo Giovanni Conversazioni bibliche di don Claudio Doglio La festa della Dedicazione (10,22-42) Alla festa delle Capanne fa seguito la festa della Dedicazione

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli Liturgia Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli C è un piacere nel credere e del credere insieme La fede non è solo un offerta

Dettagli

I GENERALI SOTTO ACCUSA

I GENERALI SOTTO ACCUSA Mondo in fiamme Algeria Il conflitto algerino Habib Souaïdia, l ex ufficiale autore del libro La Sale Guerre, torna ad attaccare i vertici militari algerini. Per questa intervista la procura di Algeri

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe Nei giorni 11 e 12 aprile sono andata in gita scolastica a Venezia. Prima di questo viaggio, nel mio immaginario, Venezia era una città triste,

Dettagli

Storia contemporanea

Storia contemporanea Storia contemporanea Prof. Roberto Chiarini http://rchiarinisc.ariel.ctu.unimi.it Anno Accademico 2008/2009 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES (COHAFA)

AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES (COHAFA) AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA PER IL SEMESTRE DI PRESIDENZA ITALIANA DEL GRUPPO DI LAVORO SULL AIUTO UMANITARIO (COHAFA) Spunti di intervento 1 INTRODUZIONE

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Ladri OGNI CENTO SECONDI SFONDANO UNA PORTA

Ladri OGNI CENTO SECONDI SFONDANO UNA PORTA INCHIESTA CASE SVALIGIATE: NUMERI DA BRIVIDO E DIFENDERSI È QUASI IMPOSSIBILE SONO ORGANIZZATI COME MILITARI: NESSUN ANTIFURTO LI FERMA. CONTRO DI LORO LA POLIZIA HA MESSO IN CAMPO SUPER TECNOLOGIE, MA

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA CASA BIANCA Ufficio stampa PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA NOSTRA MISSIONE Il discorso del Presidente riafferma l obiettivo

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale dura dal 1939 al 1945 ed è una guerra totale, cioè coinvolge tutto il mondo. da un lato i regimi nazifascisti, gli STATI DELL ASSE, cioè Germania,

Dettagli

aiutare impegno pensare gesti vivere associazione La solidarietà non è una cosa difficile e non richiede molto tempo. Può essere fatta di piccoli

aiutare impegno pensare gesti vivere associazione La solidarietà non è una cosa difficile e non richiede molto tempo. Può essere fatta di piccoli UNITÀ 2 Collegate la definizione alla parola corrispondente. Persone con handicap. 2 Persone senza genitori. 3 Persone che stanno in carcere. 4 Persone che hanno bisogno di aiuto. Persone che hanno dovuto

Dettagli

I Cristiani e gli Ebrei

I Cristiani e gli Ebrei I Cristiani e gli Ebrei La casa del Papa: Basilica di San Pietro e Musei Vaticani Le catene di San Pietro e la neve estiva nella Basilica di San Pietro in vincoli e nella Basilica di Santa Maria Maggiore

Dettagli

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese della Riviera. L intervento del nostro leader in 20

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Leggete le Beatitudini, vi farà bene.

Leggete le Beatitudini, vi farà bene. Il tema della XXXI Giornata Mondiale della gioventù Cracovia 2016 - è racchiuso nelle parole Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia (Mt 5:7). Il Santo Padre Francesco ha scelto la quinta

Dettagli

LA BATTAGLIA SI SPOSTA IN BCE: BERLINO TENTERÀ DI CACCIARE LA GRECIA DALL EURO?

LA BATTAGLIA SI SPOSTA IN BCE: BERLINO TENTERÀ DI CACCIARE LA GRECIA DALL EURO? LA BATTAGLIA SI SPOSTA IN BCE: BERLINO TENTERÀ DI CACCIARE LA GRECIA DALL EURO? LORENZO DILENA 6 luglio 2015 La netta vittoria del No nel referendum che si è svolto ieri in Grecia dà un mandato chiaro

Dettagli

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 Alla fine del 1940 l Italia invade la Grecia. L impresa è più difficile del previsto e deve chiedere aiuto ai tedeschi L esercito italiano e quello tedesco combattono

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

ΟΝΟΜΑΤΕΠΩΝΥΜΟ ΜΑΘΗΤΗ/ΤΡΙΑΣ: ΤΟ ΕΞΕΤΑΣΤΙΚΟ ΔΟΚΙΜΙΟ ΑΠΟΤΕΛΕΙΤΑΙ ΑΠΟ ΕΠΤΑ ( 7) ΣΕΛΙΔΕΣ

ΟΝΟΜΑΤΕΠΩΝΥΜΟ ΜΑΘΗΤΗ/ΤΡΙΑΣ: ΤΟ ΕΞΕΤΑΣΤΙΚΟ ΔΟΚΙΜΙΟ ΑΠΟΤΕΛΕΙΤΑΙ ΑΠΟ ΕΠΤΑ ( 7) ΣΕΛΙΔΕΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ 2011-2012 Μάθημα: Iταλικά Επίπεδο: 3 Διάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία:

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

Sintesi dati. sull Immigrazione

Sintesi dati. sull Immigrazione Sintesi dati XXIII Rapporto sull Immigrazione 2013 Cresce la popolazione mondiale, crescono i migranti Oltre 232 milioni di persone più del 3% della popolazione mondiale hanno lasciato il proprio paese

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI UNITA DI 1 gli alunni delle classi prime Riconoscere l importanza dello stare insieme e del conoscere se stessi e gli altri. Riconoscere l importanza dell imparare legata alla nuova esperienza scolastica.

Dettagli

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia L inizio del conflitto: l invasione della Polonia La seconda Guerra Mondiale scoppiò nel 1939 dopo l invasione della Polonia da parte dei Tedeschi. La Repubblica Polacca non accettò le imposizioni tedesche

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

LA BIBBIA NELLA MISSIONE DELLA CHIESA

LA BIBBIA NELLA MISSIONE DELLA CHIESA UFFICIO CATECHISTICO NAZIONALE SETTORE APOSTOLATO BIBLICO XVI CONVEGNO NAZIONALE DELL APOSTOLATO BIBLICO LA BIBBIA NELLA MISSIONE DELLA CHIESA Villa Aurelia - ROMA 1-3 FEBBRAIO 2008 Con la lettura e lo

Dettagli

La Grecia strozzata Lunedì 20 Giugno 2011 23:00. di Ilvio Pannullo

La Grecia strozzata Lunedì 20 Giugno 2011 23:00. di Ilvio Pannullo di Ilvio Pannullo Sembra quasi si nascondano. Le decisioni da prendere sono molto importanti e invece di condividere la responsabilità delle scelte con le popolazioni interessate, i governanti europei

Dettagli

Eurobarometro n. 57-Rapporto Italia

Eurobarometro n. 57-Rapporto Italia Eurobarometro n. 57-Rapporto Italia In occasione dell uscita del Rapporto Eurobarometro n. 57, di seguito riportiamo la sintesi e le conclusioni della parte relativa all Italia. Il documento completo è

Dettagli

Smantellata con la II guerra mondiale

Smantellata con la II guerra mondiale Europa dopoguerra I organismo di cooperazione Devastata, sminuito il ruolo centrale del potere economico e politico Nasce a Ginevra, 10/01/1920 Inizialmente scarsi risultati politici Società delle Nazioni

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

Il mondo diviso. Francesco Ciafaloni

Il mondo diviso. Francesco Ciafaloni Menu Il mondo diviso Francesco Ciafaloni 30 gennaio 2016 Sezione: Mondo, Società Oggi circa l 80% della popolazione del mondo possiede solo il 6% della ricchezza. Circa il 61% non ha un contrattto di lavoro

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo.

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La parola BIBBIA deriva da una parola greca (biblia) che vuol dire I LIBRI. Possiamo dire, infatti che la Bibbia è una BIBLIOTECA perché raccoglie 73 libri.

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE DATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE Scoprire che per la religione cristiana Dio è creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. Comunicazione

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO L alunno riflette su Dio Padre e si confronta con l esperienza religiosa. Cogliere nel proprio nome un mondo di potenzialità, dono di Dio Padre. Prendere coscienza

Dettagli

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia PARROCCHIA S. BARTOLOMEO CARUGO SOGNI E REALTA Foglio di comunicazione e fraternità Ciclostilato in proprio del 4 maggio 2014 - www.parrocchiacarugo.it PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia Ci sono

Dettagli

Rifugiati siriani: come organizzare e sostenere gli aiuti internazionali?

Rifugiati siriani: come organizzare e sostenere gli aiuti internazionali? Risoluzione 1971 (2014) Rifugiati siriani: come organizzare e sostenere gli aiuti internazionali? 1. L Assemblea parlamentare ha affrontato la situazione dei rifugiati siriani nella sua Risoluzione 1902

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA 1. Scoprire nei segni dell ambiente la presenza di Dio Creatore e Padre 2. Conoscere Gesù nei suoi aspetti quotidiani, familiari, sociali e religiosi 3. Cogliere i segni

Dettagli

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti DOMENICA 27 SETTEMBRE Parrocchia SS. Nazario e Celso MM. - Urgnano Oratorio S. Giovanni Bosco FESTA DI INIZIO ANNO PASTORALE Ore 10.30 S. MESSA di apertura del nuovo ANNO PASTORALE In questa occasione

Dettagli

Emergenza Iraq. Protezione e assistenza umanitaria agli sfollati iracheni in fuga dal conflitto e dalla discriminazione

Emergenza Iraq. Protezione e assistenza umanitaria agli sfollati iracheni in fuga dal conflitto e dalla discriminazione Emergenza Iraq Protezione e assistenza umanitaria agli sfollati iracheni in fuga dal conflitto e dalla discriminazione Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati Report finale Il progetto finanziato

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli