Cosa fare e cosa evitare quando si parla in pubblico da volontario. Come creare un database multiuso per le attività di volontariato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cosa fare e cosa evitare quando si parla in pubblico da volontario. Come creare un database multiuso per le attività di volontariato"

Transcript

1 Livello Base Comunicazione Introduzione al corso Modulo 1 Parlare in pubblico Cosa fare e cosa evitare quando si parla in pubblico da volontario Modulo 2 Comunicazione verso l esterno L ABC della comunicazione esterna per i volontari Modulo 3 Nozioni base di tecnologia informatica per la comunicazione Come creare un database multiuso per le attività di volontariato

2 Introduzione al corso In questo corso acquisirai le abilità comunicative di base per migliorare le tue attività di volontariato e le tue performance nei discorsi pubblici e nella gestione delle relazioni di una entità non-profit conl esterno. Imparerai anche a creare un efficace database multiuso per ottimizzare gli sforzi della tua organizzazione in termini di obiettivi comunicativi. Modulo 1 Parlare in pubblico Cosa fare e cosa evitare quando si parla in pubblico da volontario Ralph Waldo Emerson ha detto: La parola è potere, la parola deve persuadere, convertire, obbligare. La capacità di parlare bene in pubblico è qualcosa che possiamo imparare. Esattamente come abbiamo imparato ad andare in bicicletta. L agitazione è naturale e non solo è prevedibile, ma del tutto necessaria, come persino i più grandi oratori della storia attesteranno. L agitazione, o le farfalle nello stomaco, sono l effetto secondario dell adrenalina, della quale si ha bisogno per pronunciare il proprio discorso con passione.

3 La chiave per conquistare le vostre paure e controllare l agitazione non risiede in famosi trucchetti come immaginare il vostro pubblico nudo (tecnica di Winston Churchill) o la goccia di whisky prima di alzarvi in piedi (ancora una volta Churchill). Le migliori opzioni sono invece: Essere preparati ed essere padroni dell argomento: Nulla aiuta a sconfiggere l agitazione quanto la certezza che dell argomento trattato ne sapete più voi che il vostro pubblico. Non cercate di fare troppo in un unico discorso o presentazione. Stabilite pochi (meno di cinque) punti principali che volete che la gente ricordi. Ripeteteli spesso. Ribaditeli in modi differenti. Usate storie ed esempi che il pubblico ricorderà. Se usate numeri o statistiche, interpretateli in modo che portino a delle considerazioni o raccontino una storia. Valutate la possibilità di distribuire all uditorio degli opuscoli da conservare. Conoscetese stessi. Se non vi sentite a vostro agio quando parlate in pubblico, non provate a cominciare pronunciando un discorso di fronte a un centinaio di persone. Partite gradualmente e sfidatevi uno scalino alla volta, parlando di fronte a piccoli gruppi; parlando in occasione di incontri più vasti; facendo piccole presentazioni in pubblico e infine tenendo un discorso. Abituatevi a gruppi di persone che abbiano voglia di ascoltare cosa avete da dire. Usate sempre un linguaggio che vi faccia sentire a vostro agio e parlate di cose che conoscete. Indossate abiti comodi e dall aspetto professionale. Conoscete il proprio materiale. Fate pratica con il vostro discorso e rivedetelo se necessario. Se non avete familiarità con il materiale di cui disponete o non vi sentite a vostro agio, l agitazione aumenterà. Organizzate il vostro discorso secondo una sequenza logica, per esempio seguendo una linea temporale. Parlate in modo chiaro e ad alta voce. Usate frasi semplici e passaggi chiari, evitate digressioni e sinonimi e riducete l uso di pronomi che possano confondere il vostro uditorio. Parlate lentamente e cautamente e usate le pause. Conoscete i propri obiettivi. Cosa volete ottenere con il vostro discorso? Fornire informazioni? Far cambiare idea alle persone? Farle agire? Abbiate le idee chiare sui vostri obiettivi e date forma al vostro discorso in base a quanto volete ottenere. Di norma è consigliabile limitarsi a pochi e immediati obiettivi: non cercate di strafare.

4 Conoscere la stanza. Acquisite familiarità con il luogo nel quale parlerete. Arrivatevi in anticipo, camminate nei pressi dell area in cui parlerete e fate pratica con il microfono o qualsiasi altro supporto visivo. Conoscere il contesto. Differenti contesti richiedono differenti stili linguistici: informale o formale, breve o approfondito, divertente o appassionato. Adattate il vostro messaggio alla situazione.inoltre siate certi di sapere di quanto tempo disponete per parlare e pianificate un discorso che impieghi il 25% in meno (i discorsi si protraggono sempre). Discorsi diversi hanno obiettivi diversi, quindi dovreste dar forma al vostro messaggio seguendo strategie differenti. Conoscere l uditorio e stabilire una connessione con esso. Salutate qualcuno del pubblico al suo arrivo. È più semplice parlare ad un gruppo di amici che ad un gruppo di sconosciuti. Usate un linguaggio, degli esempi e delle storie che abbiano un senso per i vostri ascoltatori. Supponete che il vostro uditorio sia un gruppo di intelligenti e rispettabili persone di buon senso. Usate argomentazioni ragionevoli ed esempi appassionati per stabilire una connessione tanto con i loro cuori quanto con le loro teste. Siate positivi. Evitate tattiche negative quali vergogna, critiche, rabbia o paura: queste, normalmente, si ritorcono contro l oratore. Scoprite che livello di esperienza hanno con l argomento trattato, in modo da non parlar loro con arroganza o affrontare argomenti per loro troppo difficili. E mettete il vostro argomento in relazione con ciò a cui tengono, in modo da provare che merita il loro interesse. Quando parlate, lo state facendo a delle persone: quindi stabilite con loro una connessione. Siate amichevoli. Usate il contatto oculare, un linguaggio del corpo rassicurante e una gestualità che mantenga la loro attenzione su di voi. Usate delle pause durante il vostro discorso, in modo da consentire all uditorio e a voi stessi di respirare per un istante. Lavorare partendo dal proprio marchio personale. (Provate l esercizio) Il vostro discorso dovrebbe soprattutto rappresentare voi, in quanto autorià e in quanto persone. Non copiate la gestualità da un libro o da un altro oratore, siate semplicemente naturali. Usate supporti visivi pertinenti all argomento trattato. I ricercatori hanno scoperto che, nella condivisione della conoscenza puramente verbale, dopo tre giorni viene trattenuto solo il 10% del messaggio, ma questa percentuale sale al 65% quando durante un discorso si utilizzano supporti visivi. Questi aiuteranno il vostro uditorio a ricordare il messaggio più a lungo, vale a dire che ricorderanno anche voi più a lungo, il che si traduce in maggiore possibilità di promozione e in migliori opportunità future per voi.

5 Visualizzarsi durante il proprio discorso: Immaginatevi mentre parlate, con voce forte, chiara e sicura. Se visualizzate un immagine di successo, voi avrete successo. Concentrarsi sul messaggio non sul mezzo. Distogliete la vostra attenzione dalle vostre ansie e focalizzatela dall esterno sul messaggio e sul pubblico. La vostra agitazione scomparirà. Focalizzarsi sull uditorio, non su se stessi: Parlate molto più del Voi, uditorio che dell io. Iniziate con un genuino contatto oculare con più individui tra il pubblico (uno alla volta durante il vostro discorso), piuttosto che mantenere gli occhi bassi, fissi sul vostro elaborato, o gettarli indistintamente fra il pubblico senza stabilire una connessione con qualcuno in particolare. Ricordatevi che il pubblico vuole che riusciate in quel che fate e vi ascolterà ben disposto. Neppure un pubblico ostile al vostro messaggio vuole che teniate un cattivo discorso o presentazione. Non vuole che falliate. Il pubblico vi vuole interessanti, stimolanti, divertenti ed istruttivi. È dalla vostra parte! Si tratta di un elemento paradossale della psicologia umana che lavora a vostro beneficio. Visualizzate il pubblico che applaude: aumenterà la vostra sicurezza. Non attirate l attenzione sulla vostra agitazione parlandone o avvolgendovi le braccia intorno al corpo in un gesto di protezione, perché ciò può solo peggiorare le cose. Anche se non vi sentite sicuri, fingete di esserlo. Non chiedere scusa. Se menzionate la vostra agitazione o chiedete scusa per qualche problema che pensate di aver avuto durante il vostro discorso, potreste richiamare l attenzione del pubblico su qualcosa che non aveva notato in precedenza. Aprire la postura e le braccia: il vostro pubblico si rilasserà vedendovi sicuri, motivandovi e facendovi sentire meglio. Ogni gesto della mano dovrebbe essere parte di un movimento completo del corpo che parte dalla spalla mai dal gomito. I gesti incerti e un po fiacchi appaiono artificiosi. Rilassatersi e sorridere. Attenuate la tensione facendo esercizio. Iniziate rivolgendovi all uditorio: guadagnerete tempo e calmerete i nervi. Fate una pausa, sorridete e contate fino a tre prima di dire qualsiasi cosa. Fate questi semplici esercizi in attesa di tenere il vostro discorso. Stringete i pugni per 3-5 secondi, poi rilasciate. Notate quanto, rilasciando le mani, le spalle e la mandibola si

6 rilassino. Ripetete per tre volte. Prima dell introduzione respirate profondamente, inspirando lentamente ed espirando completamente. Fatelo per tre volte. Trasformare l agitazione in energia positiva. Utilizzate la vostra energia nervosa e trasformatela in entusiasmo. Acquisire esperienza e pratica. L esperienza costruisce la sicurezza, che è la chiave per un discorso efficace. Non avete mai imparato a fare qualcosa di difficile senza associarlo alla pratica e lo stesso vale per i discorsi in pubblico. Fate pratica parlando con frequenza in piccoli gruppi o incontri. Esercitarsi più volte con il proprio discorso o presentazione prima di tenerli. Fate pratica con il vostro gruppo, i vostri amici o la famiglia e di fronte allo specchio. Spesso è complicato, ma null altro potrà costruire le vostre abilità e la vostra sicurezza. Provate ad alta voce con tutti gli strumenti che avete in mente di usare. Rivedete qualcosa, se necessario. Lavorate per controllare l uso di riempitivi (ehm, cioè, ecc). Fate esercizio, poi una pausa e respirate. Esercitatevi con un timer e calcolate del tempo extra per situazioni inaspettate. Pensare agli aspetti positivi della propria esperienza e a ciò che si potrebbe migliorare. Se possibile, registrate il vostro discorso. Riesaminate la registrazione per scoprire i vostri punti deboli e di forza nel parlare. Modulo 2 Comunicazione verso l esterno L ABC della comunicazione con organizzazioni esterne per volontari Quando studiamo le regole della comunicazione sentiamo gente parlare di mittenti, riceventi, messaggi e stili comunicativi, ma a volte ci si dimentica delle persone. In realtà è impossibile per le esseri umani non comunicare. Noi comunichiamo sempre qualcosa, attraverso la voce e il silenzio, l azione o l inerzia. Infatti la comunicazione con i media esterni genera l effetto palla di neve.

7 Quando iniziamo a far rotolare la palla siamo consapevoli del fatto che stiamo dando inizio a qualcosa, ma è difficile prevederne le conseguenze. Il nostro scopo di base, nella comunicazione, è quello di creare cooperazione e sostegno per divulgare le nostre attività. Ecco perché la comunicazione con l esterno è vitale per le nostre attività di volontariato e dovrebbe basarsi su interessi comuni. Possiamo definire la comunicazione esterna come il processo di pianificazione ed esecuzione dell ideazione di un attività (prodotto, servizio, idea), portato avanti cercando delle strategie per promuoverne la disseminazione e creando sinergie che soddisfino gli obiettivi della nostra organizzazione e dei destinatari della suddetta attività, che saranno coinvolti nell intero processo. La comunicazione esterna si occupa, dunque, di quattro aspetti complementari: L idea o azione: Cosa vogliamo comunicare? Il valore: Quanto è importante quest idea per la nostra associazione e per coloro a cui si rivolge? Perché è importante comunicare quell idea o azione? Il mezzo: Come diffonderemo l informazione e raggiungeremo il nostro pubblico d arrivo? Quali canali e sistemi dobbiamo usare? Come abbiamo raggiunto altre persone? Lo scambio: Come stabiliamo il legame tra il nostro pubblico e il prodotto che offriamo? Come possono i nostri interlocutori utilizzarlo? L uditorio è costituito da partecipanti, clienti, destinatari, beneficiari? È compatibile con ciò che volevamo? Quando avviene lo scambio, ha luogo la comunicazione esterna. È solo aprendo la nostra orgnizzazione verso l esterno che ci rendiamo conto del livello di accettazione del nostro messaggio, di quali siano i risultati e di come reagiscano le persone alla nostra idea. Dobbiamo dire agli altri cosa abbiamo, abbiamo bisogno di vendere i nostri servizi e offrire una certa immagine, abbiamo bisogno di coinvolgere le persone e ampliare i nostri partenariati.

8 Vi sono alcuni aspetti che dobbiamo tenere in conto nel comunicare con l esterno, ovvero: in quale contesto agisce la mia organizzazione, cosa diciamo agli altri, come lo diciamo, cosa vogliamo ottenere con il nostro messaggio, a chi stiamo parlando, cosa tratterranno davvero, quali sono i risultati di questo scambio comunicativo, come reagiamo a quei risultati. Un analisi di tutte le implicazioni che derivano da questi aspetti suggerisce che la comunicazione potrebbe diventare un rischio che deve essere affrontato. Talvolta limitiamo la comunicazione all interno dei nostri gruppi e inavvertitamente smettiamo di crescere, probabilmente per il timore che le cose possano sfuggirci di mano. È quando ci apriamo alla comunicazione che le cose iniziano ad accadere È quindi importante che, pur accettandone i rischi, si parta da un concetto neutro di comunicazione, in cui la chiave sta nella conoscenza e comprensione di ciò che ci circonda. Di seguito riportiamo alcune linee guide che potrebbero esservi utili per una efficace comunicazione verso l esterno: Conoscere la propria missione e visione e i propri obiettivi. È l unico modo per condividere il vostro messaggio con gli altri. Se non siete certi delle vostre priorità e dei vostri obiettivi è davvero difficile far sapere agli altri cosa fate. C è differenza fra campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi, non potete utilizzare la stessa canzone per diffondere le vostre attività. Siate consapevoli di ciò che volete comunicare e dello scopo della vostra comunicazione. Le strategie e i metodi da utilizzare varieranno di volta in volta. Adattarsi al pubblico di arrivo. Lo scopo è di avere una chiara visione dei vostri interlocutori ed è da lì che dovete sviluppare la vostra strategia. Dovete sforzarvi (perché è ciò che vi sta a cuore) di trovare un linguaggio comune e semplice che risponda ai loro interessi, facendoli avvicinare ai vostri. Il vostro principale obiettivo nella comunicazione è la partecipazione. Complementarietà. Se ciò che vi interessa è la comunicazione con altre entità, non potete partire dall idea che voi siete il centro della vostra comunità e che gli altri debbano supportarvi, perché potreste generare un rifiuto, più che simpatia. L idea di fondo è che tutti abbiamo delle esigenze,

9 quindi esprimete il vostro bisogno di creare sinergie che sfocino in un partenariato e la vostra volontà di collaborare e ascoltare. La comunicazione dovrebbe basarsi sulla reciprocità. Anche la vostra entità riceve da organizzazioni esterne informazioni e richieste alle quale dovete rispondere, in modo da assicurarvi che riceverete lo stesso trattamento quando chiederete loro informazioni o collaborazione in attività di disseminazione. Essere da esempio è un elemento chiave per stabilire rapporti positivi con i media esterni. Quindi: ricordate di dedicare tempo e risorse al contatto e alla comunicazione con gli altri. Stabilire rapporti cooperativi. Come organizzazione non-profit avrete probabilmente già intavolato dei rapporti con i mezzi di comunicazione locali. Costruire questi rapporti in anticipo renderà più semplice la divulgazione del vostro messaggio. Dovreste avere una lista sempre aggiornata dei contatti media, includendo il loro nome completo, l organizzazione che si occupa delle notizie, numeri telefonici e di fax e indirizzo . Ciò vi consentirà di chiamare rapidamente l editore del vostro giornale locale o il direttore di un programma radiofonico del posto quando ve ne sarà bisogno. Il contatto umano è essenziale. Potete anche inviare lettere o , ma sarà completamente inutile se ciò non sarà accompagnato e supportato da rapporti interpersonali. Adattare i messaggi alle diverse tipologie di media. L informazione dovrebbe essere divulgata in modo differente a seconda dei mezzi di comunicazione che utilizziamo, ad esempio radio, comunicati stampa o televisione. Vogliamo raggiungere il maggior numero possibile di destinatari, di conseguenza nella comunicazione è necesario combinare i messaggi con strategie scritte, visive, orali, ecc. Comprendere i media. I mezzi di comunicazione riporteranno ciò che loro considerano notizia, non necesariamente quello che voi segnalerete come importante. Inoltre, parte integrante del lavoro di un giornalista è la ricerca di più prospettive, fonti e opinioni di una notizia. Non aspettatevi che i giornalisti vi facciano dei favori, come ad esempio riportare esattamente ciò che voi chiedete loro di scrivere, persino se a legarvi è un rapporto di amicizia. Rendete la missione e la storia della vostra organizzazione degna di nota. Dobbiamo tradurre le nostre attività in notizia, per renderle interessanti agli occhi dei media.

10 Rispettare i mezzi di comunicazione. Riservate ai giornalisti, agli editori, ai direttori dei media e a qualsiasi altro manager di organizzazione lo stesso rispetto con il quale vi aspettate di essere trattati. Fategli sapere (e capire) che volete aiutarli a raggiungere il loro obiettivo, che è quello di informare il pubblico. Non cercate di dire ai giornalisti e agli editori come fare il proprio lavoro. Non prestate più attenzione ai mezzi di comunicazione nazionali e internazionali che a quelli locali. Conoscere le scadenze dei media e fornir loro informazioni in tempo. Il notiziario delle 4 del pomeriggio inizierà alle 4 del pomeriggio, che voi siate pronti per l intervista o no. E i media hanno il compito di riportare qualcosa. Quindi è fondamentale che l equipe responsabile delle attività di comunicazione all interno della vostra organizzazione risponda alle domande dei giornalisti in tempo. Potete aiutare questi ultimi fornendo loro informazioni circa il background della vostra organizzazione. Il processo comunicativo filerà senza intoppi se la gran parte delle informazioni da fornire ai mezzi di comunicazione verrà scritta e spiegata con chiarezza prima di un particolare evento. Essere reattivi, dinamici e disposti allo scambio. Questo è un compito per l intera organizzazione, il che implica un atteggiamento di constante disponibilità. Se la vostra organizzazione è aperta agli altri, sarà più facile costruire sinergie. Quindi siate aperti mentalmente. Assicuratevi, inoltre, che tutti i membri della vostra organizzazione e del suo staff abbiano una copia di tutto il materiale da voi inviato, in modo da poter rispondere a delle domande, se necessario. Selezionare le informazioni e seguirne gli sviluppi futuri. La vostra priorità deve essere quella di organizzare le informazioni di maggior rilievo: dovete separare il superfluo dall essenziale. Andate dritti al punto, altrimenti le persone potrebbero annegare fra pagine, registrazioni e ritagli di giornale. Ancora una volta il criterio alla base di questa selezione dovrebbe essere strettamente collegato alla vostra missione e attività, all identità della vostra organizzazione. I comunicati stampa dovrebbero essere non più lunghi di una o due pagine e fornire quelle informazioni generali sufficienti a delineare la situazione. Un comunicato stampa dovrebbe prima di tutto definire in modo chiaro il vostro messaggio principale, seguito poi da informazioni di supporto. Inviate il vostro avviso o comunicato stampa a tutti i media pertinenti per fax o (o entrambi, se necessario a garantirne l avvenuta ricezione). Individuate anticipo le persone a cui volete inviare gli avvisi e i comunicati stampa. Indirizzate direttamente a loro i fax e le e chiedete di parlare con loro nel seguire gli sviluppi

11 futuri. Siate pronti a inviare nuovamente avvisi e comunicati a coloro che dicono di non averli mai ricevuti. Modulo 3 Nozioni base di Tecnologia informatica per la Comunicazione. Come creare un data-base multiuso per le attività di volontariato L è diventata uno strumento essenziale per molte organizzazioni non-profit che hanno bisogno di raggiungere donatori e sostenitori dando un taglio alle spese. Considerato il costo crescente delle newsletter in formato cartaceo e di altri materiali correlati, l rappresenta un veicolo di comunicazione efficace che, allo stesso tempo, consente di ridurre i costi e di proteggere l ambiente. In aggiunta all ingente spesa di stampa iniziale, molte organizzazioni non-profit registrano un ulteriore perdita quando il loro materiale cartaceo diventa datato e viene di conseguenza scartato. Le offrono la possibilità di inviare newsletter digitali mirate, appelli per raccolte fondi e altri aggiornamenti direttamente alla casella postale di uno specifico sostenitore. Ciò consente di eliminare ampiamente le spese di stampa, i problemi relativi all immagazzinamento fisico dei materiali e il loro invecchiamento. Ma avrete bisogno di un buon database multiuso per raggiungere i vostri obiettivi comunicativi. Nella vostra quotidiana attività di volontari vi interfacciate con moltissime persone e buoni contatti che potrebbero risultare utili per le vostre attività future, quindi assicuratevi di salvarli e schedarli in modo sistematico, dal momento che ciascuno di essi può essere utilizzato per ragioni differenti (beneficiari, decisori politici/legislatori, sponsor, mezzi di comunicazione)! Un database può essere tante cose, ma la maggior parte delle persone lo utilizza con funzione di rubrica (lista contatti) includendo nomi, cognomi, indirizzi , numeri telefonici e altre informazioni di rilievo su volontari, beneficiari o contatti d affari. Microsoft Excel è l deale per creare un database di questo tipo, anche se tecnicamente si tratta di un foglio di calcolo elettronico. Iniziate digitando le intestazioni nella prima riga, ad esempio Nome, Cognome e via dicendo.

12 Usate File > Salva con Nome per nominare il foglio di lavoro e sarete pronti per compilare le varie colonne sotto le intestazioni con i dati di cui disponete. Uno dei primi passaggi per creare un database efficace alla luce degli obiettivi del volontariato è ottenere il nome dell organizzatore di un evento o di persone in esso coinvolto, dell organizzazione o media e ove disponibile qualsiasi altra informazione che potrebbe risultare utile in futuro. Potete anche raccogliere contatti dal vostro sito web o canale Facebook, da social network, blog, forum, mailing list, elenchi di destinatari di newsletter o di firmatari di specifiche liste, raccolte fondi o qualsiasi altro evento da voi organizzato. Anche il Web è una buona fonte di informazioni e dati, anche se normalmente richiede uno sforzo ulteriore in termini di consolidamento dei contatti, reso possibile chiamando direttamente e stabilendo un rapporto interpersonale con un referente, al fine di costruire utili sinergie. Evitate di comprare al buio liste di indirizzi . Raccogliere contattiinformazioni in occasione di eventi comunitari e in risposta a richieste di newsletter vi assicura che la vostra corrispondenza arrivi nelle caselle di posta di chi è interessato alla vostra organizzazione. Comprare liste di indirizzi può solo fornire contatti di persone di cui non sapete nulla ed un numero di indirizzi abbandonati da vari venditori. Il vostro database dovrebbe essere diviso per tipologie di contatti classificati secondo apposite categorie, in modo da permettervi di selezionare solo quelli di cui avete bisogno, di volta in volta. Assicuratevi di personalizzare i contatti aggiungendo quelli di un referente, il suo ruolo nell organizzazione e il campo in cui opera quest ultima, perché potreste avere bisogno di controllare se hanno effettivamente ricevuto le informazioni inviate o se sono interessati a collaborare con voi ed è sempre bello stabilire questo tipo di contatto chiamando le persone per nome. Assicuratevi di tenere sempre aggiornate le informazioni di cui disponete, dal momento che i risultati della vostra organizzazione dipendono dalla eficacia e validità dei vostri contatti. In tal senso è consigliabile inviare periódicamente una newsletter, in modo da verificare se i contatti sono ancora validi. Riassumendo: il vostro database dovrebbe contenere le seguenti informazioni: Nome, Cognome, indirizzo , numero telefonico (casa e lavoro), numero di cellulare, indirizzo, città, codice di avviamento postale, stato, paese, disponibilità relativa a possibili

13 contatti/collaborazioni, organizzazione (NB: un organizzazione potrebbe usare un consulente, avere più di un indirizzo fisico, avere più di un referente; in tal caso avrà più di una tipologia ad essa associato), ruolo nell organizzazione, area d interesse, tipo di contatto (volontari, media, beneficiari, decisori politici/legislatori, istituzioni, donatori, clienti, fornitori, sostenitori ), priorità (si tratta principalmente di un aspetto interno, ma vi fornisce una classifica dei contatti più efficaci), sviluppi (questo può essere un campo da marcare con un sì o un no o semplicemente aperto) e consenso (se il vostro contatto vi ha fornito il consenso per la privacy). Prima o poi sarebbe consigliabile ordinare (alfabeticamente) le informazioni, probabilmente per Cognome. Cliccate sul pulsante per ordinare alfabeticamente in corrispondenza di Cognome per evidenziare la colonna. Poi cliccate su Dati>Ordina. Vi si chiederà se volete estendere la selezione per sincronizzare anche le altre colonne. Cliccate su Sì e poi selezionate Il mio Intervallo dati contiene una riga di intestazione" ovvero Intervallo criteri: Inserire qui l'intervallo di celle contenente i dati per il filtraggio. Inoltre, potreste essere utile filtrare i contatti per tipologia, area di interesse, stato, città o addirittura priorità, per essere sicuri che in tal modo il vostro database filtrato si adatti nel miglior modo possibile al vostro scopo.

L importanza della comunicazione esterna per le organizzazioni non-profit. Cos è la comunicazione associativa e come funziona

L importanza della comunicazione esterna per le organizzazioni non-profit. Cos è la comunicazione associativa e come funziona Livello Intermedio Comunicazione: Introduzione al corso Modulo 1 Parlare in pubblico Come comunicare in pubblico Modulo 2 Comunicazione verso l esterno L importanza della comunicazione esterna per le organizzazioni

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

TECNICHE DI VENDITA. ESIGENZE GENERALI: diminuire lo sforzo impiegato nella vendita interpersonale e aumentare la propria capacità di persuasione.

TECNICHE DI VENDITA. ESIGENZE GENERALI: diminuire lo sforzo impiegato nella vendita interpersonale e aumentare la propria capacità di persuasione. TECNICHE DI VENDITA Essere in grado di affrontare con successo le diverse tipologie di clienti realizzando proficue vendite dipende, soprattutto, da come viene affrontato il colloquio interpersonale con

Dettagli

GRUPPO DI CONTATTO DEI DIRETTORI

GRUPPO DI CONTATTO DEI DIRETTORI GRUPPO DI CONTATTO DEI DIRETTORI PRIMA EDIZIONE (4 giugno 2014) LISTA DI CONTROLLO PER L ASSUNZIONE DI UN BUON CONSULENTE I. Lavoro interno di preparazione II. Criteri personali per la scelta di un consulente

Dettagli

1. Come iniziare con GraphicMail

1. Come iniziare con GraphicMail 1. Come iniziare con GraphicMail Prima di iniziare, ci sono alcuni elementi da impostare per ottenere migliori prestazioni e per mantenere un' alta deliverability nessuna paura, ci vorrà poco tempo!! Verifica

Dettagli

GUIDA DELL ACQUIRENTE :

GUIDA DELL ACQUIRENTE : GUIDA DELL ACQUIRENTE : Nuovo acquirente su Delcampe? Ecco come cominciare con delle buone basi : 1 a tappa : Iscrivervi a) L iscrizione è gratuita b) La procedura di iscrizione c) Aprire una sessione

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

1.4 il colloquio di lavoro fonte: Turismo.com - CLITT di G. Colli e G. Petroni

1.4 il colloquio di lavoro fonte: Turismo.com - CLITT di G. Colli e G. Petroni Prof. Ventricelli Massimo Michele Psicologo Tel. 320 7769900 1.4 il colloquio di lavoro fonte: Turismo.com - CLITT di G. Colli e G. Petroni Al colloquio di selezione bisogna giungere preparati: non c è

Dettagli

MINI GUIDA PER NAVIGARE SICURI NEL WEB CLASSI 5 A 5 B SCUOLA PRIMARIA DI LIBANO ANNO SCOLASTICO 2012-2013

MINI GUIDA PER NAVIGARE SICURI NEL WEB CLASSI 5 A 5 B SCUOLA PRIMARIA DI LIBANO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 MINI GUIDA PER NAVIGARE SICURI NEL WEB CLASSI 5 A 5 B SCUOLA PRIMARIA DI LIBANO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 1 CHE COS È INTERNET? INTERNET (connessione di rete) E' la "rete delle reti" perché collega fra

Dettagli

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di Sessione La negoziazione Introduzione INTRODUZIONE Il presente modulo formativo ha lo scopo di aiutare il manager a riesaminare le dinamiche interpersonali e le tecniche che caratterizzano una negoziazione

Dettagli

Costruisci la tua presenza con le Pagine Facebook

Costruisci la tua presenza con le Pagine Facebook Pagine 1 Costruisci la tua presenza con le Pagine Una guida per musicisti e artisti La Ogni giorno, milioni di persone in tutto il mondo visitano per connettersi con gli amici e condividere i propri contenuti

Dettagli

TECNICHE DI VENDITA E PERSUASIONE

TECNICHE DI VENDITA E PERSUASIONE TECNICHE DI VENDITA E PERSUASIONE IN COMMUNICATIONS www.incommunications.it By Fabio Arrigoni www.fabioarrigoni.it Esperto di comunicazione, formatore e coach slide riassuntive breve introduzione al corso

Dettagli

Come... ottenere il massimo. da Outlook 2003. Guida Microsoft per le piccole imprese

Come... ottenere il massimo. da Outlook 2003. Guida Microsoft per le piccole imprese Come... ottenere il massimo da Outlook 2003 Guida Microsoft per le piccole imprese Molto più di un e-mail Microsoft Office Outlook 2003 è lo strumento per la posta elettronica e l'organizzazione personale

Dettagli

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 SOMMARIO CAPITOLO 1 I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7 CAPITOLO 2 Il volto è la maschera rivelatrice 21 CAPITOLO 3 I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 CAPITOLO 4 Le parole

Dettagli

Grafico del livello di attività per 90 giorni

Grafico del livello di attività per 90 giorni Grafico del livello di attività per giorni "Gli agenti immobiliari di Successo fanno quello che gli agenti immobiliari normali non amano fare." Salvatore Coddetta. Il lavoro di agente immobiliare è quello

Dettagli

Promuovere Volontassociate attraverso internet

Promuovere Volontassociate attraverso internet Promuovere Volontassociate attraverso internet In occasione della sua edizione, Volontassociate ha pensato a nuove modalità di comunicazione per una promozione ecologica e sostenibile delle feste. Questo

Dettagli

Catalogo formativo 2013. INGENIA Group. Manuale commerciale. Manuale commerciale 1C - AM/CA 10/2013. Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup.

Catalogo formativo 2013. INGENIA Group. Manuale commerciale. Manuale commerciale 1C - AM/CA 10/2013. Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup. Catalogo formativo 2013 INGENIA Group Manuale commerciale Manuale commerciale 1C - AM/CA 10/2013 Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup.it MARKETING & INNOVAZIONE Percorso formativo e-mail MARKETING

Dettagli

Dale Carnegie Un eccellente Customer Service per i tuoi clienti

Dale Carnegie Un eccellente Customer Service per i tuoi clienti Section www.dalecarnegie.it Dale Carnegie Un eccellente Customer Service per i tuoi clienti Copyright 2008 Dale Carnegie & Associates, Inc. 290 Motor Parkway, Hauppauge, New York 11788. All rights reserved.

Dettagli

S I C S t u d i o I n g e g n e r i a C a r a t t i G m b H. N e w s l e t t e r

S I C S t u d i o I n g e g n e r i a C a r a t t i G m b H. N e w s l e t t e r S I C S t u d i o I n g e g n e r i a C a r a t t i G m b H N e w s l e t t e r Novembre 2012 Volume 1, Numero 3 Questo numero della Newsletter contiene un inserto dedicato alla gestione degli studi legali,

Dettagli

Il Potere delle Affermazioni

Il Potere delle Affermazioni Louise L. Hay Il Potere delle Affermazioni Ebook Traduzione: Katia Prando Copertina e Impaginazione: Matteo Venturi 2 È così bello essere qui. Sono venuta in Italia, a Roma, tante volte, ma ogni volta

Dettagli

Questo paragrafo di Agestanet è dedicato all inserimento degli annunci immobiliari, in modo semplice e immediato.

Questo paragrafo di Agestanet è dedicato all inserimento degli annunci immobiliari, in modo semplice e immediato. CAPITOLO 1: Immobili 1.1 Nuovo Immobile Questo paragrafo di Agestanet è dedicato all inserimento degli annunci immobiliari, in modo semplice e immediato. Cliccando sulla voce Nuovo Immobile, Agestanet

Dettagli

Guida pratica. Leggere attentamente la parte teorica. Scegliere, approfondire e conoscere il tema

Guida pratica. Leggere attentamente la parte teorica. Scegliere, approfondire e conoscere il tema ITALIA E SVIZZERA VERSO L EXPO 2015 IMPARARE SVILUPPARE DIFFONDERE Guida pratica per lo sviluppo di un concept di un APP: i passi fondamentali 1 Leggere attentamente la parte teorica Sapete cos è un APP,

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Catalogo formativo Anno 2012-2013

Catalogo formativo Anno 2012-2013 Catalogo formativo Anno 2012-2013 www.kaleidoscomunicazione.it marketing & innovazione >> Email Marketing >> L email è ad oggi lo strumento di comunicazione più diffuso tra azienda e cliente e dunque anche

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Test di valutazione professionale Macquarie Opuscolo di esercitazione. Ragionamento verbale, numerico, astratto, Personalità.

Test di valutazione professionale Macquarie Opuscolo di esercitazione. Ragionamento verbale, numerico, astratto, Personalità. Test di valutazione professionale Macquarie Opuscolo di esercitazione Ragionamento verbale, numerico, astratto, Personalità. A cosa servono i test di valutazione psicometrica Le aziende sempre di più inseriscono

Dettagli

Per promuoversi nel mondo del lavoro è necessario proporsi attivamente.

Per promuoversi nel mondo del lavoro è necessario proporsi attivamente. L'obiettivo immediato di chi svolge una ricerca di lavoro consiste, naturalmente, nell'ottenere un colloquio col potenziale datore di lavoro, o nell'ammissione a un concorso laddove se ne abbiano i titoli

Dettagli

EMAIL MARKETING E NEWSLETTER

EMAIL MARKETING E NEWSLETTER Registro 5 EMAIL MARKETING E NEWSLETTER Consigli sull uso strategico della posta elettronica TIPS&TRICKS DI ALESSANDRA FARABEGOLI INDEX 3 5 9 13 19 Introduzione Email marketing e dominio Il contenuto è

Dettagli

GUIDA ALL UTILIZZO DI S-info

GUIDA ALL UTILIZZO DI S-info GUIDA ALL UTILIZZO DI S-info Aggiornato al 5/05/2015 CARATTERISTICHE DI S-info 1 http://intranet.sinergiacons.it/ -info Gestisce tutto il ciclo di offertazione gas ed energia elettrica. S-info permette

Dettagli

Long tail e SEO, il grande equivoco

Long tail e SEO, il grande equivoco Long tail e SEO, il grande equivoco Di Articolo originale: The Great Misconception of Long-Tail Keywords and SEO http://www.highrankings.com/long-tail-keywords-292 20 ottobre 2010 Mentre scrivo, sono appena

Dettagli

EVOLUTION4COACHES: LO STRUMENTO

EVOLUTION4COACHES: LO STRUMENTO EVOLUTION4COACHES: LO STRUMENTO Dopo uno studio e una sperimentazione sul campo durata più di 4 anni, abbiamo realizzato un applicazione per tablet (inizialmente per ipad, ma con progetti futuri di sviluppo

Dettagli

Tutorial Creative Commons

Tutorial Creative Commons Tutorial Creative Commons Fare musica è molto divertente, ma lo è ancora di più se potete farlo con altre persone - ed è qui che interviene il progetto OpenSounds. OpenSounds vi consente di produrre musica

Dettagli

Imparare a. del corpo Giuseppe Falco

Imparare a. del corpo Giuseppe Falco Imparare a leggere il linguaggio del corpo Giuseppe Falco LIBRO DIGITALE Parte I http://www.comunicazionepositiva.it Giuseppe Falco Imparare a leggere il linguaggio del corpo Parte I http://www.comunicazionepositiva.it

Dettagli

GUIDA PRATICA ALL UTILIZZO DI FACEBOOK

GUIDA PRATICA ALL UTILIZZO DI FACEBOOK GUIDA PRATICA ALL UTILIZZO DI FACEBOOK Chiara Corberi Fabio Magnano sommario 1. profilo privato vs profilo pubblico 2. il profilo privato 2.1. ottimizzare il tuo profilo privato 2.2. personalizza il tuo

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

Report Leadership Matching

Report Leadership Matching Leader: Mario Rossi Collaboratore: Francesca Colombo Questo Report è un prodotto di PDA International. PDA International è leader nell approvvigionamento di valutazioni comportamentali utilizzate per reclutare,motivare

Dettagli

Il telefono in Pediatria:

Il telefono in Pediatria: Il telefono in Pediatria: criteri di efficacia nella comunicazione e nella relazione Mario Maresca mario.maresca@nexolution.it www.nexolution.it Relazione e Comunicazione La comunicazione è un processo

Dettagli

n LA RACCOLTA FONDI n E n LA COMUNICAZIONE n per le piccole associazioni 15-16 maggio 2010 Per un fundraising efficace, la comunicazione è necessaria per far conoscere la Buona Causa dell associazione

Dettagli

Ideare e gestire una newsletter

Ideare e gestire una newsletter Ideare e gestire una newsletter Se correttamente gestita, una newsletter può diventare uno strumento davvero utile per tenere informati i visitatori di un sito e conquistare la fiducia e la fedeltà, dei

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

PAROLE DI VETRO. Conversazioni sui modi di intendere la vita COS E

PAROLE DI VETRO. Conversazioni sui modi di intendere la vita COS E PAROLE DI VETRO Conversazioni sui modi di intendere la vita COS E Cos è Ognuno sceglie quello che è per sé. Sono solo parole, dette da persone che non si conoscono e che parlano tra loro. Decidono di mettersi

Dettagli

IL RUOLO DELLA FAMIGLIA

IL RUOLO DELLA FAMIGLIA IL RUOLO DELLA FAMIGLIA LA VITA NON E QUELLA CHE DOVREBBE ESSERE E QUELLA CHE E E COME TU DECIDI DI AFFRONTARLA CHE FA LA DIFFERENZA. Virginia Satir In una fredda giornata d inverno un gruppo di porcospini

Dettagli

6 Strategie per valorizzare ed espandere più velocemente la tua attività artiginale su Facebook. SPECIAL REPORT di Claudia Baruzzi

6 Strategie per valorizzare ed espandere più velocemente la tua attività artiginale su Facebook. SPECIAL REPORT di Claudia Baruzzi 6 Strategie per valorizzare ed espandere più velocemente la tua attività artiginale su Facebook SPECIAL REPORT di Claudia Baruzzi AVVISO NON HAI IL DIRITTO DI RISTAMPARE, MODIFICARE, COPIARE O RIVENDERE

Dettagli

FORMAZIONE AVANZATA IL COMUNICATORE NELL ERA CROSSMEDIALE

FORMAZIONE AVANZATA IL COMUNICATORE NELL ERA CROSSMEDIALE FORMAZIONE AVANZATA IL COMUNICATORE NELL ERA CROSSMEDIALE INDICE Obiettivi Destinatari Metodologia didattica Coordinamento scientifico Programma Regolamento Obiettivi Valorizzare la comunicazione scritta,

Dettagli

La fiducia. alle scelte di risparmio. Educare i giovani alla finanza e. consapevoli

La fiducia. alle scelte di risparmio. Educare i giovani alla finanza e. consapevoli dicembre 2010 Percorso formativo sperimentale di educazione economico-finanziaria Educare i giovani alla finanza e alle scelte di risparmio consapevoli La fiducia 2 La fiducia Durata: 1 ora. Obiettivo

Dettagli

SCOPRI G2 AUTOMOTIVE L ESCLUSIVO SISTEMA PERSONALIZZATO CHE GESTISCE IL TUO PARCO CLIENTI. E GENERA NUOVO BUSINESS.

SCOPRI G2 AUTOMOTIVE L ESCLUSIVO SISTEMA PERSONALIZZATO CHE GESTISCE IL TUO PARCO CLIENTI. E GENERA NUOVO BUSINESS. SCOPRI G2 AUTOMOTIVE L ESCLUSIVO SISTEMA PERSONALIZZATO CHE GESTISCE IL TUO PARCO CLIENTI. E GENERA NUOVO BUSINESS. Efficiente, rapido, su misura. G2 Automotive è l innovativo sistema di gestione specifico

Dettagli

RISPOSTE QUESTIONARIO VALUTAZIONE SEMINARIO DI FORMAZIONE STILI DI VITA E SALUTE Montecatini Terme, 20-22 marzo 2015

RISPOSTE QUESTIONARIO VALUTAZIONE SEMINARIO DI FORMAZIONE STILI DI VITA E SALUTE Montecatini Terme, 20-22 marzo 2015 RISPOSTE QUESTIONARIO VALUTAZIONE SEMINARIO DI FORMAZIONE STILI DI VITA E SALUTE Montecatini Terme, 20-22 marzo 2015 Leggi attentamente le seguenti affermazioni e indica il grado di accordo con ciascuna

Dettagli

Excel Guida introduttiva

Excel Guida introduttiva Excel Guida introduttiva Informativa Questa guida nasce con l intento di spiegare in modo chiaro e preciso come usare il software Microsoft Excel. Questa è una guida completa creata dal sito http://pcalmeglio.altervista.org

Dettagli

ESSERE PRUDENTI ON-LINE

ESSERE PRUDENTI ON-LINE ESSERE PRUDENTI ON-LINE LINEE GUIDA PER UN CORRETTO USO DI INTERNET Per non rischiare una brutta avventura, prendi nota delle seguenti regole relative all'utilizzo di internet. Avvicinarsi al computer

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri.

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. [moduli operativi di formazione] Ascolto attivo Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. ASCOLTO ATTIVO Ogni giorno, passiamo il 49% del nostro tempo ascoltando. Ascoltiamo

Dettagli

Microsoft Project 2010 si basa sulle fondamenta di Microsoft Project 2007 per offrire soluzioni di gestione del lavoro flessibili e strumenti di

Microsoft Project 2010 si basa sulle fondamenta di Microsoft Project 2007 per offrire soluzioni di gestione del lavoro flessibili e strumenti di Microsoft Project 2010 si basa sulle fondamenta di Microsoft Project 2007 per offrire soluzioni di gestione del lavoro flessibili e strumenti di collaborazione adatti ai project manager professionisti

Dettagli

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE Maria Elena Ridolfi Regolazione emozionale: obiettivi COMPRENDERE LE EMOZIONI RIDURRE LA VULNERABILITA EMOZIONALE RIDURRE LA SOFFERENZA EMOZIONALE

Dettagli

Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai.

Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai. Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai. Prima di tutto voglio farti i complimenti per l apertura mentale che ti ha portato a voler scaricare questo mini ebook. Infatti, non è da

Dettagli

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi 2 Pure Performance La nostra Cultura Alfa Laval è un azienda focalizzata sul cliente e quindi sul prodotto con una forte cultura

Dettagli

Bilancio Sociale 2014

Bilancio Sociale 2014 La comunicazione Bilancio sociale 2014 Associazione Italiana Celiachia 8 105 8 LA COMUNICAZIONE 8.1 IL SITO WWW.CELIACHIA.IT Il primo sito dell Associazione Italiana Celiachia risale alla metà degli anni

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Stampa unione in Word 2010 Stampe multiple personalizzate

Stampa unione in Word 2010 Stampe multiple personalizzate Stampa unione in Word 2010 Stampe multiple personalizzate Autore: Alessandra Salvaggio Tratto dal libro: Lavorare con Word 2010 Quando bisogna inviare documenti personalizzato a molte persone una funzione

Dettagli

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione VALUTAZIONE SOMMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA Verifica acquisizione conoscenze Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione SCOPO CARATTERE

Dettagli

ARGOMENTI SUBTOTALI. Di Luca Bazzani info@lucabazzani.com

ARGOMENTI SUBTOTALI. Di Luca Bazzani info@lucabazzani.com Di Luca Bazzani info@lucabazzani.com ARGOMENTI Varie procedure per riassumere brevemente grandi quantitativi di dati e prendere decisioni avendo sott occhio i dati importanti ai fini della scelta Subtotali

Dettagli

LE CARATTERISTICHE. Caratteristiche. www.alessiopapa.it - tel. 0771.324312 - fax 0771.1870184 pag. 2

LE CARATTERISTICHE. Caratteristiche. www.alessiopapa.it - tel. 0771.324312 - fax 0771.1870184 pag. 2 Caratteristiche LE CARATTERISTICHE GESTIONE AVANZATA DEI CONTATTI Infomail ti consente di creare un database importando liste di contatti già esistenti o acquisendone di nuovi tramite un form di iscrizione

Dettagli

Il mio nuovo cucciolo: cosa fare ma soprattutto cosa non fare! COME COMUNICARE

Il mio nuovo cucciolo: cosa fare ma soprattutto cosa non fare! COME COMUNICARE Il mio nuovo cucciolo: cosa fare ma soprattutto cosa non fare! Dott. Simone Agostini, Medico Veterinario Ambulatorio Veterinario San Giorgio in Bosco tel. 0499450520-3478941059 Come sicuramente moltissimi

Dettagli

GUIDA ALL USO DI. - Cos'è Investitempo.it? - Come Registrarsi ad InvestiTempo

GUIDA ALL USO DI. - Cos'è Investitempo.it? - Come Registrarsi ad InvestiTempo GUIDA ALL USO DI Questa guida è stata creata con il solo scopo di informare l utente sull uso corretto del sito affinchè lo stesso possa trarre il maggior guadagno possibile utilizzando correttamente gli

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

introduzione a SUITEMAIL

introduzione a SUITEMAIL formazione SUITEMAIL introduzione a SUITEMAIL Raggiungi tutti i tuoi clienti in un solo click: Network Service ti aiuta a massimizzare i tuoi profitti delle tue campagne di mail marketing! Anche le e-mail,

Dettagli

Manuale di presentazione

Manuale di presentazione Manuale di presentazione Gentili lettori, in questi giorni stiamo ultimando le spedizioni della nuova edizione del Bergantini a tutti i nostri affezionati clienti. Il volume sintetizza tutta la normativa

Dettagli

MEMORIA EPISODICA (Estratti da recenti Newsletter RDI TM )

MEMORIA EPISODICA (Estratti da recenti Newsletter RDI TM ) MEMORIA EPISODICA (Estratti da recenti Newsletter RDI TM ) Ci sono almeno 18 studi che dimostrano che le persone con disturbi dello spettro autistico (ASD) presentano uno specifico deficit di memoria nella

Dettagli

TEMA. Tesseramento Online. [Manuale versione 1.0 2 agosto 2009] [Aggiornamento 30 gennaio 2013 Gestione della Prima Affiliazione]

TEMA. Tesseramento Online. [Manuale versione 1.0 2 agosto 2009] [Aggiornamento 30 gennaio 2013 Gestione della Prima Affiliazione] TEMA Tesseramento Online http://www.federscacchi.it/tema tema@federscacchi.it [Manuale versione 1.0 2 agosto 2009] [Aggiornamento 30 gennaio 2013 Gestione della Prima Affiliazione] 1/27 Indice TEMA in

Dettagli

Cultura digitale e consapevolezza critica. Riflessioni su potenzialità e rischio della rete tra alunni e genitori

Cultura digitale e consapevolezza critica. Riflessioni su potenzialità e rischio della rete tra alunni e genitori Cultura digitale e consapevolezza critica. Riflessioni su potenzialità e rischio della rete tra alunni e genitori Marco Grollo Responsabile Nazionale Progetti, Associazione Media Educazione Comunità www.edumediacom.it

Dettagli

Uso del browser, posta elettronica e motori di ricerca Gmail e Google

Uso del browser, posta elettronica e motori di ricerca Gmail e Google Facoltà di Lettere e Filosofia Cdl in Scienze dell Educazione A.A. 2010/2011 Informatica (Laboratorio) Uso del browser, posta elettronica e motori di ricerca Gmail e Google Author Kristian Reale Rev. 2011

Dettagli

SUGGERIMENTI E SPUNTI PER IL TELETANDEM Introduzione IDEE PER METTERVI D ACCORDO CON IL INDICE

SUGGERIMENTI E SPUNTI PER IL TELETANDEM Introduzione IDEE PER METTERVI D ACCORDO CON IL INDICE SUGGERIMENTI E SPUNTI PER IL TELETANDEM Introduzione IDEE PER METTERVI D ACCORDO CON IL COMPAGNO/A DI TELETANDEM INDICE A. ACCORDI PRELIMINARI B. EQUIPAGGIAMENTO C. SUGGERIMENTI PER LE SESSIONI TT: conversazione

Dettagli

Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile.

Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile. di Pier Francesco Piccolomini 1 Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile. Oggi attraverso questa gigantesca

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

VIRTUAL MAIL. Guida rapida di utilizzo

VIRTUAL MAIL. Guida rapida di utilizzo VIRTUAL MAIL Guida rapida di utilizzo Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. ACCESSO AL SERVIZIO... 4 Requisiti di sistema... 4 3. PROFILO... 5 Menu Principale... 5 Pagina Iniziale... 5 Dati Personali... 6 4.

Dettagli

WEB MARKETING. Strumenti e tecniche

WEB MARKETING. Strumenti e tecniche EVENTI WEB MARKETING & DIGITAL PR Strumenti e tecniche EVENTI DIGITAL La riuscita di un evento si misura sulla base della visibilità che riesce a creare nella rete, e al numero di nuovi potenziali clienti

Dettagli

LA STRUTTURA DEL SITO

LA STRUTTURA DEL SITO LA STRUTTURA DEL SITO è molto semplice: Nella parte superiore c è il logo di Radio Maria il tasto per ASCOLTARE la diretta online - il link a World Family dove troverete le Radio Maria sparse in tutto

Dettagli

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità complesse della comunicazione che, in assenza di adeguati interventi, interferiscono in modo

Dettagli

CAMPAGNE VODAFONE E CAMPAGNE TELEMARKETING

CAMPAGNE VODAFONE E CAMPAGNE TELEMARKETING CAMPAGNE VODAFONE E CAMPAGNE TELEMARKETING 1 INTRODUZIONE In questa sezione parleremo della Creazione delle Campagne e di tutti gli aspetti che ne derivano. Il CRM presenta un sistema che permette la distinzione

Dettagli

SCOPRI G2 AUTOMOTIVE. L ESCLUSIVO SISTEMA PERSONALIZZATO CHE GESTISCE IL TUO PARCO CLIENTI. E GENERA NUOVO BUSINESS.

SCOPRI G2 AUTOMOTIVE. L ESCLUSIVO SISTEMA PERSONALIZZATO CHE GESTISCE IL TUO PARCO CLIENTI. E GENERA NUOVO BUSINESS. SCOPRI G2 AUTOMOTIVE. L ESCLUSIVO SISTEMA PERSONALIZZATO CHE GESTISCE IL TUO PARCO CLIENTI. E GENERA NUOVO BUSINESS. Efficiente, rapido, su misura. G2 Automotive è l innovativo sistema di gestione specifico

Dettagli

IL PROFILO DELLE COMPETENZE

IL PROFILO DELLE COMPETENZE International Feldenkrais Federation IL PROFILO DELLE COMPETENZE Quaderno di lavoro A.I.I.M.F Associazione Italiana Insegnanti Metodo Feldenkrais Indice Introduzione pag. 02 Competenza in azione: il modello

Dettagli

OUTLOOK EXPRESS CORSO AVANZATO

OUTLOOK EXPRESS CORSO AVANZATO Pagina 1 di 9 OUTLOOK EXPRESS CORSO AVANZATO Prima di tutto non fatevi spaventare dalla parola avanzato, non c è nulla di complicato in express e in ogni caso vedremo solo le cose più importanti. Le cose

Dettagli

anthericamail E-mail marketing professionale per la tua Azienda

anthericamail E-mail marketing professionale per la tua Azienda anthericamail E-mail marketing professionale per la tua Azienda INDICE I vantaggi dell e-mail marketing... 1 I vantaggi di anthericamail... 2 La piattaforma di e-mail marketing... 3 La gestione contatti...

Dettagli

Navigare Sicuri in Internet

Navigare Sicuri in Internet Navigare Sicuri in Internet Gioca con i nostri consigli per essere più SICURO nella tua vita di tutti i giorni... In ogni sezione potrai trovare informazioni e materiali che ti guidano nelle situazioni

Dettagli

UNILEVER PRIVACY PRINCIPLES UNILEVER PRIVACY POLICY

UNILEVER PRIVACY PRINCIPLES UNILEVER PRIVACY POLICY UNILEVER PRIVACY PRINCIPLES Unilever tratta la privacy (ovvero la riservatezza dei dati personali) molto sul serio. I cinque principi delineati di seguito costituiscono i pilastri del nostro approccio

Dettagli

14 consigli per essere un perfetto gentleman cattolico

14 consigli per essere un perfetto gentleman cattolico Riprendiamo sul nostro sito il testo pubblicato il 4 novembre 2015 dal sito www.aleteia.org Restiamo a disposizione per l immediata rimozione se la presenza sul nostro sito non fosse gradita a qualcuno

Dettagli

USARE LE LINGUE PER APPRENDERE E APPRENDERE A USARE LE LINGUE

USARE LE LINGUE PER APPRENDERE E APPRENDERE A USARE LE LINGUE USARE LE LINGUE PER APPRENDERE E APPRENDERE A USARE LE LINGUE Gisella Langé Il futuro non accade per caso, ma siamo noi a dargli forma con le nostre azioni. 2 Una introduzione al CLIL per genitori e giovani

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

Italian. Acquistare o vendere una casa Buying or selling a home

Italian. Acquistare o vendere una casa Buying or selling a home Italian Acquistare o vendere una casa Buying or selling a home Scheda Informativa (Italiano/Italian) Acquistare o vendere una casa Acquistare una casa Acquistare una casa per la maggior parte della gente

Dettagli

Catalogo 2010 Terzo settore e Associazionismo

Catalogo 2010 Terzo settore e Associazionismo Catalogo 2010 Terzo settore e Associazionismo PRESENTAZIONE CORSI PER LE ORGANIZZAZIONI DEL TERZO SETTORE Strategie di marketing, Comunicazione e Fund Raising: Una sfida e una necessita per le organizzazioni

Dettagli

Olga Scotti. Basi di Informatica. Excel

Olga Scotti. Basi di Informatica. Excel Basi di Informatica Excel Inserimento di immagini Come in Word: dal menù Inserisci/Immagine e poi si sceglie La directory da cui si vuole prendere l'immagine La clipart Intestazioni e piè di pagina menu

Dettagli

Problem Solving Therapy

Problem Solving Therapy PSICOLOGIA Problem Solving Therapy Raggiungere gli obiettivi e risolvere i problemi è una questione di metodo. Pochi semplici passi per una tecnica alla portata di tutti Dott. Roberto Cavaliere Psicologo

Dettagli

Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari)

Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari) Più donne per i C.d.A. e le posizioni apicali Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari) Regione Piemonte Torino, 2 aprile 2014 I veri Leader non nascono tali, lo diventano grazie all impegno e

Dettagli

Che cos è? UN AZIONE DI MARKETING SU SE STESSI

Che cos è? UN AZIONE DI MARKETING SU SE STESSI Self- Marketing Che cos è? UN AZIONE DI MARKETING SU SE STESSI Quando ci si mette alla ricerca di una nuova occupazione, la prima cosa da fare è quella che potremmo definire un azione di marketing su se

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 questionario di gradimento PROGETTO ESSERE&BENESSERE: EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 classi prime e seconde - Scuola Secondaria di I grado di Lavagno CLASSI PRIME Mi sono piaciute perché erano

Dettagli

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE Documento di sintesi del Progetto Pilota AttivaMente Questo documento rappresenta un punto di arrivo di un progetto pilota interreg chiamato AttivaMente. AttivaMente è una delle

Dettagli

SEGNALI COMMERCIALI PER LA RICCHEZZA

SEGNALI COMMERCIALI PER LA RICCHEZZA SEGNALI COMMERCIALI PER LA RICCHEZZA Autore : J. Larsen Se farete lo sforzo di annotare le vostre operazioni sugli indici o sulle azioni nei 12 mesi a venire, sia che operiate realmente sia che lo facciate

Dettagli

schema riassuntivo del corso di excel avanzato

schema riassuntivo del corso di excel avanzato corso di excel avanzato Materiale prodotto da Domenico Saggese unicamente come supporto per i suoi corsi. E lecito trattenerne una copia per uso personale; non è autorizzato alcun uso commerciale o in

Dettagli

COME PARLARE DI CULTURA ONLINE

COME PARLARE DI CULTURA ONLINE Registro 6 COME PARLARE DI CULTURA ONLINE Consigli per gestire contenuti e pubblico creando un magazine di successo TIPS&TRICKS DI SIMONE SBARBATI INDEX 3 5 8 13 15 Introduzione Senza nome resta (sempre)

Dettagli

Le marche su Internet: una conversazione che ha già luogo

Le marche su Internet: una conversazione che ha già luogo CAPITOLO 1 Le marche su Internet: una conversazione che ha già luogo Le origini della conversazione Internet ha dato alle persone una possibilità tanto semplice quanto potente. Quella di farsi ascoltare.

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli