Il problema dei residui radioattivi del ciclo del combustibile nucleare: Trasmutazione con sistemi sottocritici pilotati da acceleratore.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il problema dei residui radioattivi del ciclo del combustibile nucleare: Trasmutazione con sistemi sottocritici pilotati da acceleratore."

Transcript

1 Il problema dei residui radioattivi del ciclo del combustibile nucleare: Trasmutazione con sistemi sottocritici pilotati da acceleratore. Marco Napolitano Università Federico II e INFN, Napoli

2 La sfida della gestione delle scorie ad alto tasso di radioattività Lo smaltimento dei rifiuti radioattivi risultanti dalla produzione nucleare di energia (e dallo smantellamento di armi nucleari) è un problema non ancora risolto, specialmente in termini di accettabilità ambientale e sociale. Ogni anno si producono ~5.000 t di combustibile spento che si aggiungono alle oltre t già accumulate Il maggiore problema è costituito dal Pu, dagli attinidi minori (Np, Am, Cm) e dai prodotti di fissione a lunga vita (es., 129 I and 99 Tc). Sono necessari migliaia o, peggio, centinaia di migliaia di anni di isolamento sicuro. Il Deposito Geologico Profondo è, al momento, considerato la soluzione migliore; tuttavia, anche se tecnicamente sostenibile, esso rappresenta una pesante eredità per le generazioni future (senza considerare i costi altissimi) scienziati e tecnici sono, dunque, fortemente incentivati a trovare un modo per ridurre drasticamente i volumi, la radiotossicità e il tempo di isolamento necessario delle scorie ad alto tasso di radioattività. M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 2

3 Sommario Richiami su fissione e reattori nucleari I residui radioattivi del ciclo del combustibile Trasmutazione e ruolo degli ADS I programmi italiani M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 3

4 Fissione I reattori utilizzano le proprietà della fissione nucleare, in particolare quella dell U-235, per produrre calore n 235 U 236 U praticamente istantanea (10-14 s) due frammenti più 2 3 neutroni (ν=<n>=2,7 per U-235) 200 MeV/fissione (molto elevata!) prevalentemente en.cinetica dei frammenti <En> 2 MeV frammenti instabili (contribuiscono alle scorie radioattive) M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 4 n n Destino di ciascun neutrone a) viene catturato da un nucleo: A A+1 b) sfugge definitivamente dal combustibile c) induce un nuova fissione 2 3 altri n prodotti Possibilità di reazione autosostenuta

5 Il coefficiente k Parametro molto importante di un reattore k: numero medio di neutroni di ciascun evento di fissione che darà luogo ad un ulteriore evento di fissione. Dipende dalla geometria del reattore e dalla sua composizione. Diciamo τ il tempo medio tra l emissione di un n e il suo successivo assorbimento in un evento di fissione. Abbiamo k 1 t τ n(t) = n e 0 M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 5 k<1 reattore sottocritico: la reazione a catena si spegne k=1 reattore critico: condizioni stazionarie k>1 reattore supercritico: reazione a catena divergente arte del costruire e pilotare reattori = capacità di impedire che la reazione diventi divergente

6 Probabilità di fissione (sezione d urto) dipende dall energia del neutrone per U-235 è molto grande (584 b) per n termici mille volte più piccola ( 1 b) per n veloci (1 2 MeV) per U per n termici molto piccola ( 0,5 b) per n veloci U-235 é il solo combustibile naturale M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 6

7 Reattori termici - Moderazione Spettro dei neutroni di fissione dell U235 M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 7 i neutroni devono essere rallentati (vedi σ fiss ) per urto elastico con i nuclei del moderatore buon moderatore: bassa probabilità di cattura alta energia media acquisita per urto basso Z (nuclei leggeri) Esempio. Per termalizzare un n di 2 MeV occorrono mediamente: 26 urti con l idrogeno 32 urti con il deuterio 120 urti con il carbonio 2202 urti con l uranio

8 Controllo del reattore Impossibile il controllo del reattore se esistessero solo neutroni pronti es: k=1.01, τ~1 ms N Nx in 1 s! Ci sono, però, i neutroni ritardati (0,65% per U- 235) τ 10 s abbastanza grande per controllare con le barre di controllo (materiali, quali B e Cd, con grande sezione d urto d assorbimento di neutroni) In più, meccanismi propri di controreazione: coefficiente Doppler coefficiente di vuoto meccanismi vari legati all espansione termica di varie componenti del reattore M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 8

9 Un tipico reattore termico: il PWR L acqua ad alta pressione è sia moderatore che fluido di raffreddamento Doppio circuito Tipica potenza: 900 MWe (2,8 GWth) Combustibile: U arricchito (3 4% U-235) 75 t (ogni anno se ne cambia 1/3) Anche combustibile MOX (U + Pu-239) M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 9

10 Ciclo del combustibile M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 10

11 Combustibile spento: principale contributore di HLW Scorie radioattive sono prodotte in tutte le fasi del ciclo del combustibile HLW (combustibile spento o derivanti dal riprocessamento): Contengono prodotti di fissione e gli elementi transuranici del combustibile spento Altamente radioattive e calde Rendono conto di oltre il 90% della radioattività, sebbene il quantitativo in peso e volume sia piccolo rispetto alle altre. M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 11

12 Formazione degli elementi transuranici (TRU) Il ripetersi in cascata di cattura neutronica e decadimento porta alla formazione di nuclei pesanti transuranici I TRU e i FF sono i responsabili della grande radioattività del combustibile spento M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 12

13 Il combustibile spento di un tipico PWR Da un PWR di 1 GWe con UOX, che Produce 6 Twhe/anno, scaricate ogni Anno 21 t di combustibile spento 20 t di U 0,9% U Kg Pu 21 Kg attinidi minori 10,4 Kg Np 9,8 Kg Am 0,8 Kg Cm 760 Kg di prodotti di fissione 35 Kg Cs Kg Tc Kg Zr 93 5 Kg Pd Kg I 129 M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 13

14 t 1/2 di Pu, AM e LLFP PLUTONIO E ATTINIDI MINORI Isotope Mass Half-life (kg/yr) (yr) 237 Np ,100, Pu Pu , Pu , Pu Pu , Am Am 3.0 7, Cm LONG LIVED FISSION PRODUCTS Isotope Mass Half-life (kg/yr) (yr) 79 Se , Sr Zr ,500, Tc , Pd 7.3 6,500, Sn , I ,000, Cs 9.4 3,000, Cs Sm M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 14

15 Radioattività del combustibile spento (Ci/t) 10 7 B C B: Frammenti di fissione C: Attinidi Ci/t ,0 0, Anni M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 15

16 Radiotossicità del combustibile spento (1744 t di comb. spento Spagna, 1995) M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 16

17 W Calore generato dal combustibile spento Calore generato da una t di combustibile spento (PWR 3,2% 235 U, 33GWd/t) M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 17

18 Inventario USA (escluso militare) Massa (MTHM) Radioattività(MCi) Volume Attività (m 3 ) (Ci) Comb.spento 1,3x10 4 3x10 10 HLW 2,2x10 3 2x10 7 LLW 1,5x10 6 5x10 6 (Negli USA è installata ¼ della potenza elettronucleare mondiale, che ammonta a circa 400 GWe) M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 18

19 Europa Spent and processed fuel in the EU: cumulative and change per annum from 145 reactors (127 GWe) currently (2001) in operation M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 19

20 Inventario italiano Più circa 700 t di combustibile irraggiato (a Sellafield per il riprocessamento) M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 20

21 Inventario italiano M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 21

22 Inventario italiano M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 22

23 Gestione combustibile spento (HLW) Ciclo aperto Raffreddamento in piscina (anni) Confezionamento in speciali casks e interim storage (circa 50 anni) Cask di acciaio con schermi per gamma e neutroni Ciascun cask t Resistenti a cadute Raffreddamento Deposito geologico Ciclo chiuso Raffreddamento in piscina Riprocessamento con recupero di uranio, plutonio Vetrificazione Deposito geologico La Hague: collocamento in piscina di combustibile usato Surry (USA): casks di combustibile spento M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 23

24 Contenitore per combustibile spento (cask) M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 24

25 Deposito profondo (ordine 500 m o più) Deposito geologico Tempo di deposito: decine-centinaia di migliaia di anni >> vita media casks Concetto generale: riempi,sigilla e dimentica ma non troppo, considerata anche la possibilità di recupero Caratteristiche del sito Impedire o limitare l ingresso dell acqua In caso di ingresso rallentare la migrazione dell acqua verso la biosfera Condizioni geochimiche per bassa solubilità dei radionuclidi e basso tasso di corrosione dei materiali di contenimento Velocità di migrazione dei radionuclidi più bassa di quella dell acqua Stabilità geologica Favoriti: salgemma, argilla, graniti cristallini, materiali vulcanici fusi M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 25

26 Problemi del dep. geologico L aspetto più critico sta nella capacità delle barriere di limitare la migrazione dei radionuclidi nell ambiente ad un livello accettabile per periodi fino a centinaia di migliaia o milioni di anni Impossibili verifiche della resistenza alla corrosione su periodi lunghi Qualche garanzia per periodi dell ordine di mille anni; poi, fughe inevitabili con effetti dipendenti dal sito e dalla sua evoluzione Di più, aspetti non modellizzabili, quale l intrusione umana (Costo) Accettabilità sociale M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 26

27 Promesse della trasmutazione Sarebbe di enorme valore poter trasmutare gli elementi a lunga vita in elementi a vita breve (o stabili): Riduzione dei volumi destinati al deposito Riduzione dei tempi di isolamento (centinaia di anni o, al più, un migliaio potrebbero comportare rischi ben più controllabili) Riduzione costi M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 27

28 Trasmutazione possibile, in principio, in diversi modi M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 28

29 Trasmutazione in campo neutronico Neutroni: di gran lunga il modo migliore! No barriera coulombiana Sezioni d urto favorevoli Dunque, posto di avere un flusso di neutroni di adeguata energia e intensità, le scorie più pericolose (HLW) potrebbero essere incenerite : I materiali fissili (TRU, principalmente Pu, Np, Am, Cm) per fissione I frammenti a lunga vita per trasmutazione in isotopi stabili o a vita breve M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 29

30 Trasmutazione dei TRU La trasmutazione di un materiale fissile è realizzata se esso e i suoi discendenti, prodotti per reazione indotta da neutroni o per decadimento radioattivo, sono stati trasformati in prodotti di fissione M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 30

31 Trasmutazione dei FF Per i prodotti di fissione trasmutazione significa la trasformazione di un prodotto di fissione a lunga vita (LLFF) in un nucleo a vita breve o stabile. Il Tc-99 (β ky) si separa come isotopo puro. Trasmutato come segue: 99 Tc + n 100 Tc Lo I-129 (β - 16 My) risulta insieme a I-127, che è stabile (77% e 23% rispettiv.). Fortunatamente I-127 va in Xe-128 stabile. Dunque: 129 I + n 130 I 100 Ru stabile β - 15,8 s 127 I + n 128 I 130 Xe stabile β - 12,4 h 128 Xe stabile β - 25 m M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 31

32 Gli ADS Anche con i neutroni la trasmutazione potrebbe essere fatta utilizzando diversi sistemi da prendere in considerazione nella scelta del sistema: la potenzialità del bilancio neutronico del sistema, ossia, più precisamente, il surplus neutronico disponibile per la trasmutazione gli aspetti generali di sicurezza (aspetti economici) Gli ADS hanno notevoli potenzialità per l incenerimento di HLW e possono giocare un ruolo importante nella chiusura del ciclo del combustibile, permettendo un efficace ed efficiente incenerimento e, perciò, almeno una riduzione significativa del carico sul deposito finale M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 32

33 ADS: un reattore sottocritico pilotato da un acceleratore di protoni Un reattore sottocritico ha bisogno di una sorgente di neutroni esterna Nel sistema ibrido, chiamato ADS, la sorgente esterna è fornita da una sorgente di spallazione, pilotata da un acceleratore di protoni ad alta energia e alta corrente Nel nocciolo c è un bersaglio sul quale arriva il fascio di protoni, attraverso un tubo a vuoto e una finestra sottile (concepibili anche bersagli senza finestra ) M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 33

34 ADS come amplificatore di energia Un ADS può essere visto come un ampl. di energia* con un guadagno Frazione f di energia Rete Frazione (1-f) dell energia G=W t /W p =1/(η e η p f) Estrazione energia (efficienza η e ) Anche G=cost/(1-k eff ) Acceleratore (fatt. convers. η p ) Bersaglio (* C. Rubbia) Reattore sottocritico M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 34

35 Sistema di trasmutazione M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 35

36 Perché un ADS per l incenerimento delle scorie? La ragione fondamentale è la sicurezza Vediamo perchè M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 36

37 Neutroni ritardati e coefficienti di reattività Un problema particolarmente serio, nel caso di combustibile prevalentemente a base di TRU, sta nel ridotto numero di neutroni ritardati (β), che rende più delicato il controllo del reattore critico (favorendo gli ADS). La tabella seguente riporta dei valori tipici del rapporto β TRU /β U Pu 237 Np 241 Am 242 Am 243 Am 244 Cm 245 Cm 0,40 0,70 0,24 0,35 0,54 0,20 0,30 La trasmutazione di elementi TRU in reattori critici pone, anche, dei problemi di sicurezza legati alla degradazione di coefficienti di reattività. Questo quantomeno limita le percentuali di TRU che possono essere introdotte nel combustibile del reattore M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 37

38 Effetti della trasmutazione Ingestion radio-toxicity of 1 ton of spent nuclear fuel. With a separation efficiency of 99.9% of the long-lived by-products from the waste,followed by transmutation, reference Radiotoxicity levels can be reached within 700 years M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 38

39 Principali attività nel mondo e paesi interessati USA: ATW vasto programma road map presentata al Congresso fine 99 Europa: programmi nazionali specifici in Belgio, Francia, Italia, Spagna attività su singoli aspetti in molti altri paesi (Germania, Svezia, Rep. Ceca,..) Un gruppo lavoro europeo (European Technical Working Group on ADS) ha svolto una azione di coordinamento e di promozione delle attività in vista della realizzazione di un impianto dimostrativo. Giappone: ha un programma molto vasto Test facility 2010; decisione finale sulla strategia P&T ~2030 Russia: Progetti significativi ma concentrati principalmente sul Pu Altri paesi: Korea, Cina M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 39

40 Concetti diversi per il ciclo del combustibile M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 40

41 ATW: concetto e flussi di processo per 10 4 t di comb. spento M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 41

42 ETWG e road map europea (2001) M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 42

43 Scala dei tempi M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 43

44 Costi impianto dimostrativo M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 44

45 Attività in Italia TRASCO ( ): un programma finanziato nell ambito della legge 95/1995 (8GLire+ cofin. 11GLire) INFN, ENEA e partners industriali (in particolare ANSALDO) e non Un programma di iniziativa ANSALDO con la partecipazione di INFN, ENEA e CRS4 TRASCO_ext ( ): estensione del programma TRASCO finanziata con fondi stanziati con la legge finanziaria 1998 (9 Glire + cofin. 8 GLire) Varie attività (collegate alle precedenti ) nell ambito del V Progr. Quadro Europeo, principalmente PDS-XADS Preliminary Design Studies for an experimental Accelerator Driven System e, nel VI PQ, partecipazione al IP EUROTRANS del VI P. Q. M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 45

46 TRASCO Programma R&D di base promosso congiuntamente da ENEA e INFN Studio della fisica e lo sviluppo di tecnologie necessarie per la progettazione e l eventuale realizzazione di un sistema sottocritico pilotato da acceleratore destinato alla trasmutazione di scorie nucleari Due parti principali: TRASCO-AC: acceleratore (gestita dall INFN) TRASCO-SS : sistema sottocritico (gestita dall ENEA)» Partecipanti ENEA e INFN, congiuntamente responsabili CINEL, ENEL (ex-cise), CRS4, ANSALDO, HITEC&SISTEC, SAES-GETTERS, ZANON CIRTEN, INFM, Università di Bologna M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 46

47 Principali collaborazioni esterne Accordo di collaborazione con il CERN per produzione/test cavità superconduttive M.O.U. tra CEA, CNRS e INFN per cooperare nello sviluppo di acceleratori di protoni ad alta intensità Collaborazione con il CERN e CRS4 per lo sviluppo di codici e metodi Accordo ENEA-CEA sulla fisica della trasmutazione, la tecnologia del Pb-Bi e alcune attività sperimentali M.O.U. tra ENEA, IPPE e INPE sulla termoidraulica e la fisica del sistema a Pb-Bi M.O.U. tra ENEA e LANL M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 47

48 L acceleratore di TRASCO Acceleratore lineare superconduttivo di protoni: CW, 1GeV, 30mA Super Conducting Linac Ion Source 0.1 MeV RFQ 6 MeV DTL 100 MeV Matching Section 100 MeV ß=0.5 Section up to 190 MeV ß=0.65 Section up to 430 MeV ß=0.85 Section up to 1600 MeV M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 48

49 Energia e corrente Perché 1 GeV? Valore minimo sopra la soglia di spallazione per ottenere una resa ottimale di neutroni Perché 30 ma? 30 MW è la potenza del fascio necessaria per pilotare un impianto di 1,5 GW e k~0,95 (G 50) yield / E p (neutrons/gev) proton energy, E_p (GeV) ampi limiti di potenza per l eventuale sperimentazione con un impianto dimostrativo di bassa potenza M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 49

50 Reattore sottocritico Spettro neutronico veloce Refrigerante: Pb o Pb-Bi Circolazione refrigerante: convezione naturale Bersaglio: Pb o Pb-Bi Opzioni bersaglio: finestra calda senza finestra (E. A. - C. Rubbia et al.) M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 50

51 Perché spettro neutronico veloce? Il fine è trasmutare, per fissione, i TRU a lunga vita in prodotti di fissione, evitando il più possibile la produzione di nuovi TRU per cattura neutronica Lo spettro veloce (da kev a diversi MeV) assicura il miglior rapporto σ fiss /σ capt per la maggior parte dei TRU Benefici: bruciamento efficiente dei TRU disponibilità neutroni per la trasmutazione dei FF M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 51

52 Perché Pb (o Pb-Bi) liquido come refrigerante e bersaglio? Si deve evitare il rallentamento eccessivo dei neutroni dalla sorgente e di fissione. La perdita di energia per scattering di un neutrone è piccola quando il bersaglio è pesante Pb ha una piccola sezione d urto di cattura I metalli liquidi forniscono eccelenti tassi di rimozione del calore Pb è un mezzo eccellente per la convezione naturale Non ha reazioni violente con l aria o con l acqua E un ottimo bersaglio di spallazione M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 52

53 Obiettivi principali del programma di ricerca Disegno concettuale del LINAC per protoni da 1 GeV, 30 ma Disegno e costruzione della sorgente di protoni, dello RFQ e prototipi cavità superconduttive Sviluppo di metodi e criteri per la neutronica, la termoidraulica e la progettazione d impianto di un sistema sottocritico veloce a metallo liquido Sviluppo della tecnologia dei materiali da usarsi in un impianto nel quale il piombo o il piombo-bismuto sono usati come bersaglio primario e/o refrigerante Esperimenti per verificare e convalidare le tecnologie proposte per la compatibilità dei materiali con Pb e Pb-Bi M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 53

54 Programma industriale Iniziativa ANSALDO, in collaborazione con ENEA, INFN e CRS4 (*). Svolto nel , ha prodotto uno studio completo di una configurazione di riferimento per un impianto dimostrativo di bassa potenza. Ha, inoltre, permesso di individuare le principali necessità di R&D a supporto Una larga parte del lavoro svolto in TRASCO-SS è stata usata nell ambito del programma industriale (*) Svolto con riferimento alla proposta EA di C. Rubbia e in stretto contatto con lui M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 54

55 IP EUROTRANS: ETD development scheme FP Design Concepts Objectives FP5 XADS (Pb-Bi) 80 MW(th) 110 W/cm single batch loading XADS (Gas) 80 MW(th) 250 W/cm single batch loading MYRRHA (Pb-Bi) 50 MW(th) 500 W/cm multi batch loading XADS Demonstration of technological feasibility of an ADS system FP6 European Transmutation Demonstration (ETD) advanced design XT-ADS < 100 MW(th) W/cm multi batch loading EFIT XT-ADS Short-term demonstration of transmutation on a sizable scale and of the ADS behaviour EFIT conceptual design, economics, scalability Several 100 MW(th) W/cm multi batch loading Long-term transmutation on an industrial scale M.N.: Il problema dei rifiuti radioattivi... 55

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi 1 Irraggiamento derrate alimentari Somministrazione di radiazioni a prodotti alimentari (dosi minori rispetto alla sterilizzazione dei presidi medici) Inibisce la germinazione e ritarda il processo di

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

La sicurezza delle centrali nuclear

La sicurezza delle centrali nuclear La sicurezza delle centrali nuclear Milano, 5 maggio 2011 Giuseppe Bolla, Senior Advisor Fondazione EnergyLab EnergyLab - Laboratorio dell Energia Il sistema integrato di gestione in campo nu La sicurezza

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Fisica delle Particelle: esperimenti Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Il processo scientifico di conoscenza Esperimento Osservazione quantitativa di fenomeni riguardanti alcune particelle

Dettagli

ma: serve a qualcosa?

ma: serve a qualcosa? ma: serve a qualcosa? ma: serve a qualcosa? Michael Faraday (1791-67): a proposito dei suoi studi sull induzione elettromagnetica, rispose al Primo Ministro Sir Robert Peel: I know not, but I wager that

Dettagli

Piacenza Liceo Respighi 17 e 24 marzo 2015

Piacenza Liceo Respighi 17 e 24 marzo 2015 Piacenza Liceo Respighi 17 e 24 marzo 2015 Paolo Montagna, Paolo Vitulo Dipartimento di Fisica Università di Pavia INFN Sezione di Pavia paolo.montagna@unipv.it, it paolo.vitulo@unipv.it http://fisica.unipv.it/fisnucl/

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa A Ferrara, 14 miliardi di anni fa 1 L eredità di Copernico Quale è la relazione fra l uomo e l universo per ciò che riguarda: x : lo spazio t : il tempo m: la materia m t C X 2 Un viaggio nel tempo t di

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

Alice e la zuppa di quark e gluoni

Alice e la zuppa di quark e gluoni Alice e la zuppa di quark e gluoni Disegnatore: Jordi Boixader Storia e testo: Federico Antinori, Hans de Groot, Catherine Decosse, Yiota Foka, Yves Schutz e Christine Vanoli Produzione: Christine Vanoli

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI Premessa La presente relazione fornisce i criteri e le modalità mediante i quali verranno valutate le dosi efficaci per lavoratori dipendenti,

Dettagli

ma quanto è antico quest osso?

ma quanto è antico quest osso? ATTIVITÀ: ma quanto è antico quest osso? LIVELLO SCOLARE: primo biennio della scuola secondaria di secondo grado PREREQUISITI: lettura e costruzione di grafici, concetti di base di statistica modello atomico,

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Esercizio 1 Il 24 10 Ne (T 1/2 =3.38 min) decade β - in 24 11 Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Mg. Dire quali livelli sono raggiungibili dal decadimento beta e indicare lo schema di

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

QUALI RISORSE ENERGETICHE? *

QUALI RISORSE ENERGETICHE? * FORZA, VELOCITÀ E ACCELERAZIONE: UNO SGUARDO CONTEMPORANEO AI PRINCIPI DELLA DINAMICA 331 QUALI RISORSE ENERGETICHE? * ROBERTO VACCA 1. Fonti e consumo d energia Le fonti primarie (legno, carbone, petrolio,

Dettagli

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora,

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, ma la natura produce di continuo energie superiori nelle

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Relazione sull incontro con Massimo Volante Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Il ciclo della vita di una stella (1) Protostella (2b) Nana bruna (2a) Stella (3) Gigante rossa Sono esaurite le

Dettagli

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle STRUTTURA ATOMO Com è fatto l atomo ATOMO UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle PROTONI particelle con carica elettrica positiva e

Dettagli

IL PROBLEMA ENERGETICO 1

IL PROBLEMA ENERGETICO 1 Bologna, 17/02/09 IL PROBLEMA ENERGETICO 1 Giorgio Giacomelli Dipartimento di Fisica dell Università di Bologna e Sezione INFN di Bologna Riassunto Viene presentato un breve quadro generale della situazione

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

produzione di uno isotopo stabile

produzione di uno isotopo stabile produzione di uno isotopo stabile produzione di uno isotopo non stabile Nella produzione di uno isotopo instabile la intensita del fascio e il parametro esterno piu rilevante sezione di urto dimensioni

Dettagli

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche tradizionali. Il principo dell uso è di deviare energie

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

Il regime di non-proliferazione nucleare Obiettivi, struttura e fattori di rischio

Il regime di non-proliferazione nucleare Obiettivi, struttura e fattori di rischio XV legislatura Il regime di non-proliferazione nucleare Obiettivi, struttura e fattori di rischio Contributi di Istituti di ricerca specializzati n. 66 Marzo 2007 XV legislatura Il regime di non-proliferazione

Dettagli

Raccolta di Coefficienti e Parametri Integrali per il Calcolo Rapido di Termini Sorgente a Partire da Inventari di Nocciolo PWR e BWR

Raccolta di Coefficienti e Parametri Integrali per il Calcolo Rapido di Termini Sorgente a Partire da Inventari di Nocciolo PWR e BWR Inserire logo o denominazione del cobeneficiario Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DEO SVIUPPO ECONOMICO Raccolta Coefficienti e Parametri

Dettagli

QUESITI A RISPOSTA APERTA

QUESITI A RISPOSTA APERTA QUESITI A RISPOSTA APERTA 1.Che cosa sono gli spettri stellari e quali informazioni si possono trarre dal loro studio? Lo spettro di un qualsiasi corpo celeste altro non è che l insieme di tutte le frequenze

Dettagli

I.12. Elementi di teoria dell urto

I.12. Elementi di teoria dell urto Corso di fisica generale a cura di Claudio Cereda rel. 5. 7 marzo 04 I.. Elementi di teoria dell urto Cos è un urto? L urto totalmente anelastico L urto elastico Il rallentamento dei neutroni Quesiti di

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile Abteilung 29 Landesagentur für Umwelt Amt 29.8 Labor für physikalische Chemie Ripartizione 29 Agenzia provinciale per l ambiente Ufficio 29.8 Laboratorio di chimica fisica La nuova direttiva UE sulle sostanze

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE SUL NUCLEARE

DOMANDE E RISPOSTE SUL NUCLEARE DOMANDE E RISPOSTE SUL NUCLEARE 1. Partiamo da un dato di fatto, l uranio è una risorsa limitata, questo cosa comporta anche dal punto di vista economico? Si trovano dati molto diversi sulle riserve. Quindi

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile Nuove risorse energetiche 30 Settembre Donne e società civile Tema di enorme importanza e attualità, con implicazioni politiche e ambientali Esempi: Germania nella II guerra mondiale Iran, Iraq, Afganistan

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

PROBLEMI SULL EQUILIBRIO TERMICO

PROBLEMI SULL EQUILIBRIO TERMICO PROBLEMI SULL EQUILIBRIO TERMICO 1) Per riscaldare l acqua di uno scaldabagno da 18 C a 38 C occorrono 45 minuti, utilizzando una sorgente di calore che ha la potenza di 3000 W, ma un rendimento dell 80%

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

8. Gli incidenti nucleari negli ultimi 50 anni

8. Gli incidenti nucleari negli ultimi 50 anni guerre sarebbe lo stesso 32. Alla luce di questi dati, per scongiurare il rischio di attacchi terroristici l unica strada possibile appare il disarmo totale. Ma il terrorismo non è l unico pericolo legato

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

La fisica delle particelle nello Spazio Andrea Vacchi

La fisica delle particelle nello Spazio Andrea Vacchi La fisica delle particelle nello Spazio Andrea Vacchi Alle sei di mattina del 7 agosto 1912 da un campo presso la città austriaca di Aussig si levò in volo un pallone che trasportava tre uomini, uno di

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Progetto macchina con tetto fotovoltaico

Progetto macchina con tetto fotovoltaico ITIS A.PACINOTTI Via Montaione 15 Progetto macchina con tetto fotovoltaico Classe 2 C Informatica Docente referente: Prof.ssa Leccesi Progetto: Educarsi al futuro Premessa Motivazione per la partecipazione

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione

La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione 1 Carlo Sabbarese Gruppo di ricerca: R. Buompane, F. De Cicco, V. Mastrominico, A. D Onofrio 1 L attività di ricerca è svolta

Dettagli

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Il problema: metalli pesanti nelle acque reflue In numerosi settori ed applicazioni

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1 Testo non ufficiale del D.Lgs. 230/95, come modificato da: D.Lgs. 187/00, D.Lgs. 241/00, Avviso di rettifica ed errata corrige G.U. 23/3/01, D.Lgs. 257/01 (senza gli allegati) DECRETO-LEGGE 17 marzo

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS SISTEMI DI RECUPERO RESIDENZIALE HOME RECOVERY SYSTEMS RECUPERO DI CALORE AD ALTA EFFICIENZA HIGH EFFICIENCY HEAT RECOVERY VENTILAZIONE A BASSO CONSUMO LOW ENERGY VENTILATION SISTEMI DI RICAMBIO CONTROLLATO

Dettagli

Idrogeno - Applicazioni

Idrogeno - Applicazioni Idrogeno - Applicazioni L idrogeno non è una fonte di energia, bensì un mezzo per accumularla, un portatore di energia che potrà cambiare in futuro molti settori della nostra vita e, con la cella a combustibile,

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante trasporto pesante Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante www.brembo.com trasporto pesante L i m p i a n t o f r e n a n t e d i u n v e i c ol o pesante per trasporto d i m e r

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099

Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099 Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099 Misure precise e affidabili in applicazioni ad alta temperatura, come il trattamento termico e i processi di combustione Materiali ceramici

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Le Risorse Energetiche Mondiali ed il caso Italia

Le Risorse Energetiche Mondiali ed il caso Italia Le Risorse Energetiche Mondiali ed il caso Italia Alessandro Clerici Presidente Onorario WEC Italia Delegato ANIE 1 CONTENUTO Survey of energy resources del WEC Nucleare: il caso Finlandia Il costo dell

Dettagli

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni Condensatori per rifasamento industriale in Bassa Tensione: tecnologia e caratteristiche. Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni 1 Tecnologia dei condensatori Costruzione Com è noto, il principio costruttivo

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Nuovi saperi per lo sviluppo sostenibile del pianeta

Nuovi saperi per lo sviluppo sostenibile del pianeta Ente per le Nuove Tecnologie, l Energia e l ambiente www. educarsialfuturo.it it Cassano delle Murge 10 marzo 2008 Liceo Leonardo Educarsi al futuro Nuovi saperi per lo sviluppo sostenibile del pianeta

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

si modificavano radicalmente, anche se si delineava un problema nuovo: il possibile esaurimento delle fonti ed il deterioramento dell'ambiente.

si modificavano radicalmente, anche se si delineava un problema nuovo: il possibile esaurimento delle fonti ed il deterioramento dell'ambiente. L'ENERGIA NEL FUTURO Le risorse energetiche della Terra sono tante, ciò nonostante il consumo avvenuto negli ultimi anni da parte delle società industriali è diventato altissimo. La radio che trasmette

Dettagli

XVIII Convegno Nazionale IGF Cetraro (CS), 31 Maggio 1 Giugno 2006 ESISTONO ANCORA IN ITALIA LE COMPETENZE NUCLEARI DI BASE?

XVIII Convegno Nazionale IGF Cetraro (CS), 31 Maggio 1 Giugno 2006 ESISTONO ANCORA IN ITALIA LE COMPETENZE NUCLEARI DI BASE? XVIII Convegno Nazionale IGF Cetraro (CS), 31 Maggio 1 Giugno 2006 ESISTONO ANCORA IN ITALIA LE COMPETENZE NUCLEARI DI BASE? C. Fossati già Responsabile della Sezione Meccanica e Microstruttura del CISE

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10)

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN Costruire il futuro Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) 1 indice Obiettivi dell Unione Europea 04 La direttiva nel contesto della certificazione CE 05

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità

Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità Corso di Fisica Tecnica Ambientale - Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità Laboratorio Integrato 1 anno CLASARCH indirizzo sostenibilità Architettura-energia-ambiente: introduzione

Dettagli

Tecnologia della fermentazione

Tecnologia della fermentazione Effettivo riscaldamento del fermentatore BIOFLEX - BRUGG: tubo flessibile inox per fermentazione dalla famiglia NIROFLEX. Il sistema a pacchetto per aumentare l efficienza dei fermentatori BIOFLEX- tubazione

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Le applicazioni della Dome Valve originale

Le applicazioni della Dome Valve originale Le applicazioni della Dome Valve originale Valvole d intercettazione per i sistemi di trasporto pneumatico e di trattamento dei prodotti solidi Il Gruppo Schenck Process Tuo partner nel mondo Il Gruppo

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli