GTT S.p.A. GRUPPO TORINESE TRASPORTI METROPOLITANA AUTOMATICA DI TORINO LINEA 1 PROGETTO PRELIMINARE GEOLOGIA, IDROGEOLOGIA E GEOTECNICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GTT S.p.A. GRUPPO TORINESE TRASPORTI METROPOLITANA AUTOMATICA DI TORINO LINEA 1 PROGETTO PRELIMINARE GEOLOGIA, IDROGEOLOGIA E GEOTECNICA"

Transcript

1

2 GTT S.p.A. GRUPPO TORINESE TRASPORTI METROPOLITANA AUTOMATICA DI TORINO LINEA 1 TRATTA FUNZIONALE PROLUNGAMENTO OVEST PROGETTO PRELIMINARE GEOLOGIA, IDROGEOLOGIA E GEOTECNICA RELAZIONE TECNICA REV. REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE VISTO NOME FIRMA NOME FIRMA NOME FIRMA NOME FIRMA DATA 0 Dott.E.Rabbi Ing. S. Xu Marzo 2003 Dott. A.Eusebio 1 2 MTL1T3V1PGEOGENR001

3 NOTA Il presente documento è stato redatto nell ambito del Progetto Preliminare dell intero prolungamento Ovest composto da due tratte funzionali: 1 a tratta: Collegno (Diramazione Deposito) Cascine Vica (Rivoli) 2 a tratta: Cascine Vica Rivoli Rosta (Deposito). In particolare la prima tratta funzionale, di cui il presente documento è parte del nuovo Progetto Preliminare, è composta da quattro stazioni (Certosa, Collegno Centro, Leumann, Cascine Vica) per una lunghezza complessiva di circa metri. Pertanto nella consultazione del documento si dovrà fare riferimento unicamente alle problematiche specifiche della prima tratta funzionale. Gruppo Torinese Trasporti S.p.A. INDICE 1. INTRODUZIONE INQUADRAMENTO GEOGRAFICO E GEOLOGICO-MORFOLOGICO Caratteristiche generali L Anfiteatro Morenico di Rivoli-Avigliana Caratteristiche geologiche Inquadramento idrogeologico Sismicità dell area INDAGINI GEOGNOSTICHE Indagini esistenti lungo il tracciato CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA PRELIMINARE Individuazione e descrizione delle unità geotecniche Zonazione geotecnica lungo il tracciato INDAGINI PER LE FASI SUCCESSIVE DELLA PROGETTAZIONE BIBLIOGRAFIA... 13

4 Pag. 1 di 14 Pag. 2 di INTRODUZIONE Nella presente relazione è descritto l inquadramento geologico, idrogeologico e geotecnico del sottosuolo interessato dal Prolungamento Ovest (Deposito Collegno-Cascine Vica-Rivoli- Rosta) della Linea 1 della Metropolitana Automatica di Torino, nell ambito delle attività di progettazione preliminare. Il Prolungamento ovest della Linea 1 della Metropolitana di Torino si sviluppa attraverso i territori comunali di Collegno, Rivoli e Rosta, facenti parte dell hinterland occidentale di Torino Il tracciato della linea, che si svilupperà parte in galleria e parte in esterno, ha una lunghezza di 10km circa e comprende 10 stazioni. Questa relazione descrive il modello geologico, geotecnico ed idrogeologico preliminare nell ambito del quale si svilupperà la linea in progetto, evidenziando, sulla base della documentazione reperita al momento della redazione, i seguenti aspetti: ricostruzione dei rapporti litostratigrafici tra le formazioni geologiche interessate dalle opere e definizione delle caratteristiche geotecniche preliminari dei materiali che le caratterizzano; ricostruzione dell assetto idrogeologico del sottosuolo lungo la linea; Gli elaborati grafici di riferimento per la presente relazione sono di seguito elencati: Carta geologica-geomorfologica, scala 1:10000 (codice MTL1T3V1PGEOGENS001); Profilo geologico, scala 1:10000/1000 (codici MTL1T3V1PGEOGENS002); Carta ubicazione indagini geognostiche, scala 1:10000 (codice MTL1T3V1PGEOGENS003); Profilo geotecnico sinottico, scala 1:10000/1000 (codici MTL1T3V1PGEOGENS004); 2. INQUADRAMENTO GEOGRAFICO E GEOLOGICO-MORFOLOGICO 2.1 Caratteristiche generali La zona attraverso la quale si sviluppa il tracciato è localizzata ad ovest di Torino, ed occupa la parte terminale della valle di Susa, sulla sponda destra orografica, al raccordo fra questa ed il tratto di pianura; più specificamente il tracciato interessa, muovendosi da est verso ovest, i territori comunali di Collegno, Rivoli e Rosta. Il territorio sopra descritto è suddivisibile, da un punto di vista geomorfologico, in tre settori ai quali corrispondono genesi differenti: settore pianeggiante (Collegno e parzialmente Rivoli) caratterizzato da genesi principalmente di tipo fluvioglaciale; settore collinare mediano (Rivoli), modellato su materiali prevalentemente di origine glaciale; settore semipianeggiante, con moderati rilievi (Rosta e, per breve tratto Rivoli) originato da fenomeni glaciali e fluviali. Dal punto di vista geomorfologico, il tracciato si sviluppa inizialmente attraverso la pianura su cui si trova l abitato di Collegno, per incontrare quindi, movendosi verso Rivoli e Rosta, una serie di colline disposte concentricamente ad arco a chiudere la valle. Tali morfo-strutture, che raggiungono in alcuni punti i 500m slm di quota costituiscono il più occidentale anfiteatro morenico presente ai piedi dell arco alpino. 2.2 L Anfiteatro Morenico di Rivoli-Avigliana L Anfiteatro Morenico di Rivoli-Avigliana, è stato originato, a partire dal tardo Plioceneprimo Pleistocene, a seguito di ripetute variazioni climatiche con successive fasi di pulsazione (avanzata e ritiro), da un grande ghiacciaio proveniente dalla val Cenischia ed in cui confluivano i corpi secondari dalle valli laterali; il ghiacciaio occupava completamente l attuale valle di Susa, ed è stato stimato avesse una lunghezza di 90km, una potenza di m ed una larghezza media di 3km, arrivando ad estendersi, nella fase di massima espansione, fino all abitato di Cascine Vica. Al culmine di ogni fase di glaciazione (in questo settore le tracce rimaste vengono fatte risalire alle ultime tre epoche glaciali, dalla più antica rispettivamente denominate Mindel, Riss e Wurm) il ghiacciaio, passando dall ambito vallivo, costretto lateralmente, a quello di pianura, depositava sedimenti che hanno strutturato una serie di cordoni morenici concentrici e disposti generalmente a semicerchio. Un anfiteatro è quindi composto da una serie di corpi sedimentari deposti in ambiente glacigenico e comprende apparati morenici (morene terminali o frontali) ed un insieme di depositi variamente legati alla presenza del ghiacciaio (depositi glacigenici s.s., fluviali, lacustri, eolici). Si tratta, per i cordoni morenici, di forme complesse risultato di meccanismi quali, ad esempio, scivolamento di detriti sopraglaciali, deposito di sedimenti derivanti dal trasporto endoglaciale, spremitura di depositi subglaciali saturi d acqua; e di una serie di morfologie collegate alla notevole disponibilità di acqua di fusione della fronte glaciale.

5 Pag. 3 di 13 Pag. 4 di 13 Attualmente, allo sbocco della valle di Susa, sono ancora riconoscibili tre distinti archi morenici il gruppo delle colline esterne mindeliane (Truc Monsagnasco, Truc Castellazzo e Truc Bandiera); le colline rissiane di Truc Carlavé, Pian Topié, Cresta Grande, Castello di Rivoli; il gruppo delle morene interne wurmiane disposto più ad ovest rispetto ai due archi precedenti. Nella figura 2.1 è riportato l inquadramento geologico schematico della bassa val di Susa secondo Prever nella pubblicazione Sulla costituzione dell Anfiteatro Morenico di Rivoli in rapporto alle successive fasi glaciali (Torino, 1907). Figura 2.1 Inquadramento geologico schematico della bassa val di Susa La struttura finale dell anfiteatro risulta, conseguentemente, dall incastro di molteplici forme e depositi: i cordoni morenici presentano generalmente versanti esterni meno acclivi rispetto a quelli interni, in quanto questi ultimi sono sostenuti dal ghiacciaio e ne subiscono direttamente le spinte, mentre i lati esterni sono soggetti prevalentemente a processi legati a colata dei detriti ed al rotolamento dei massi provenienti dalla fronte glaciale. Le creste dei cordoni possono risultare talvolta sdoppiate, a causa di processi di sovrapposizione ed accrezione, in questi casi è possibile la formazione di vallecole parallele alla cresta e di piccole conche lacustri. Il lato interno dei cordoni è spesso caratterizzato da una struttura a gradonate formatesi durante le fasi di stasi e ritiro del ghiacciaio. All interno del deposito strutturato in morena, possono esser presenti cavità legate alla presenza di lenti e placche di ghiaccio morto, così come antichi scaricatori glaciali facenti parte della rete di drenaggio nella fase di ablazione. Sia all esterno del deposito che, in alcuni casi, esternamente, in superficie, sono osservabili grandi volumi rocciosi (massi erratici e trovanti). 2.3 Caratteristiche geologiche La definizione del modello geologico preliminare è stata effettuata sulla base delle informazioni reperite in letteratura, non essendo, al momento, disponibili più recenti integrazioni. Il modello, definito sulla base di studi relativi alla zona attraversata dal tracciato, ha portato al riconoscimento dei complessi litostratigrafici, descritti procedendo dall alto verso il basso. Depositi fluviali (Olocene). Si tratta di sedimenti riferibili al corso d acqua principale (Dora Riparia), costituiti da elementi eterometrici arrotondati con scarsa presenza di materiale fine ed una permeabilità generalmente elevata. Depositi fluvio-glaciali e fluviali (Olocene). Derivanti dal trasporto e successiva rielaborazione dei depositi glaciali ad opera dei torrenti alimentati dalle acque di fusione dei ghiacciai, tali depositi sono costituiti da elementi eterometrici, arrotondati, immersi in frazione sabbiosa, permeabili. Sono stati localizzati prevalentemente a margine dei depositi fluviali della Dora, nel territorio di Rosta. Depositi glacio-lacustri (Olocene). Sono sedimenti deposti nell ambito di laghi glaciali effimeri che si formavano nello spazio compreso tra il fronte del ghiacciaio in fase di ritiro e la cerchia morenica; si tratta, per la maggior parte, di limi e limi argillosi e sabbie a stratificazione da millimetrica a centimetrica. Localmente sono stati rilevati livelli di argille torbose.tali materiali sono stati riconosciuti nella parte terminale del tracciato al confine tra i comuni di Rivoli e Rosta. Depositi fluvio-glaciali (Olocene): simili a quelli precedentemente descritti mostrano una frazione limosa più abbondandante insieme a ghiaie, ciottoli e sabbie, con livelli e orizzonti a grado variabile di cementazione, questi materiali costituiscono la piana sulla quale sono edificati Collegno e Torino. Depositi glaciali (Pleistocene superiore-medio) I depositi glaciali che costituiscono l Anfiteatro Morenico di Rivoli-Avigliana sono attribuiti a differenti complessi, ciascuno dei quali legato ad una determinata fase glaciale. Sono state riconosciute quattro unità descritte dalla più recente alla più antica: Unità di Avigliana: presente nel settore più interno dell anfiteatro morenico risulta costituita da depositi di ablazione e fluvio-glaciali ed è la più recente in termini temporali.

6 Pag. 5 di 13 Pag. 6 di 13 Unità di Giansesco: individuata al margine del confine comunale di Rivoli, verso Rosta e caratterizzata, in questo settore, dalla sola presenza di depositi glaciali di fondo. Unità di Cresta Grande: costituita da depositi di ablazione, ricoperti sul versante meridionale da una potente coltre di loess, questi depositi sono quelli maggiormente potenti. Dell unità fanno parte i depositi glacio-lacustri prevalentemente sabbiosi presenti sul lato interno della cerchia, verso Borgo Nuovo, a testimonianza della presenza di un lago nel settore interno della cerchia. Unità di Cascine Vica: rapprentata da lembi relitti nella zona lungo Corso Francia, questi sedimenti non sono più riconoscibili sul terreno, in quanto l area risulta intensamente edificata, traccia rimane nelle cartografie geologiche di varia epoca. Sostanzialmente, all interno delle unità sopra descritte sono stati riconosciuti: depositi glaciali di fondo: detriti trascinati dal fondo del ghiacciaio, prodotti per esarazione e costituiti, in senso litologico, da elementi di dimensioni molto variabili, generalmente subarrotondati, immersi in matrice sabbioso limosa. Da un punto di vista idrogeologico, tali depositi sono da considerare a permeabilità da bassa a molto bassa, in quanto stratificati e compattati dal carico del ghiacciaio. depositi glaciali di ablazione: si tratta dei materiali provenienti dai fianchi delle valli, trasportati in superficie e all interno del ghiacciaio e deposti per fusione della massa glaciale. Litologicamente sono costituite da elementi marcatamente eterometrici ed eterogenei immersi in scarsa matrice sabbiosa, non stratificati e con una permeabilità variabile da media ad alta. Un esempio di tali tipi di materiale è riportato in fig Figura 2.2 Depositi glaciale di ablazione rinvenuti nello scavo della galleria autostradale La Perosa (imbocco lato est) Localmente si rinvengono affioramenti di depositi eolici; si tratta di dune venutesi a formare durante una fase interglaciale, costituiti da limi e limi sabbiosi. Nella fig. 2.3 è documentata una struttura eolica rinvenuta durante la realizzazione dei lavori per l autostrada A32, sul versante interno del cordone di Giansesco. Figura 2.3 Sedimenti eolici in corrispondenza del lato interno della cerchia di Giansesco Nella carta geologica geomorfologica sono stati inoltre indicati i percorsi di deflusso abbandonati della Dora Riparia nella piana a nord di Rosta (paleoalvei) ed i massi erratici, volumi rocciosi di dimensioni di alcuni metri cubi, ancora attualmente presenti. Il più grande fra quelli conosciuti nell anfiteatro di Rivoli, il masso Gastaldi, misura 26m di lunghezza, 14m di altezza e 16m di larghezza ed è situato ad est di Pianezza. Nella zona in cui si svilupperà il tracciato sono stati individuati, e riportati in carta, il masso di Rosta vicino alla località il Rocco ed il Roch d San Giors nei pressi del Castello di Rivoli. Molti dei massi censiti all inizio del secolo scorso, sono stati smembrati ed utilizzati come materiale da costruzione; della loro presenza resta traccia, oltre che nella documentazione bibliografia, in toponimi quali ad esempio Peira grosa o il già citato Il Rocco nel comune di Rosta. Generalmente questi testimoni dell avanzata glaciale sono costituiti da litologie estremamente resistenti quali serpentiniti, gabbri, peridotiti, in qualche caso da gneiss. Anche nella zona ad est dell unità di Giansesco, durante precedenti lavori, sono stati documentati numerosi volumi rocciosi, a profondità variabili da 3 a 15m circa. Un esempio è documentato nella figura 2.4. Per quanto concerne i depositi glacio-lacustri e quelli fluvioglaciali facenti parte rispettivamente dell unità di Cresta Grande e di Avigliana, la descrizione corrisponde praticamente a quella fornita nei punti precedenti. La parte di territorio compresa tra i cordoni morenici di Cresta Grande e di Giansesco è riferibile a tale tipo di materiale.

7 Pag. 7 di 13 Pag. 8 di 13 Figura 2.4 Masso rinvenuto nello scavo di imbocco, lato est, della galleria autostradale La Perosa (piazzale antistante il centro commerciale). 3. INDAGINI GEOGNOSTICHE 3.1 Indagini esistenti lungo il tracciato Le informazioni disponibili sulla disposizione in sotterraneo dei diversi tipi di depositi, sono relative a campagne di indagini geognostiche realizzate per altre opere (sostanzialmente autostrada e pozzi ad uso vario) e documentate in archivi pubblici (Enti ed Università) e privati (Imprese). Più dettagliatamente, le indagini di cui è stata reperita documentazione consistono complessivamente in: 6 pozzi ad uso vario (idropotabile, industriale o non specificato); 3 sondaggi a carotaggio continuo, eseguiti in differenti fasi di progettazione dell autostrada A32. In tabella 3.1 è riportato l elenco delle indagini preesistenti raccolte ed esaminate per la ricostruzione dell assetto geologico litostratigrafico. Tabella 3.1 Indagini reperite lungo il tracciato, con indicazione della distanza dal tracciato stesso 2.4 Inquadramento idrogeologico Le informazioni disponibili al momento, analogamente a quanto relativo alla parte geologica generale, sono derivate da studi effettuati nei comuni che saranno interessati dallo sviluppo del tracciato. Conseguentemente la definizione del panneggio piezometrico in pianta, se pur in via preliminare, risulta non realizzabile. Tuttavia i pochi dati a disposizione (Comune di Rivoli Studio Idrogeologico del Territorio Comunale per identificare aree idonee ad accogliere nuovi pozzi per acqua ad uso potabile, Geoengineering ottobre 1996), che sono relativi a letture in diversi periodi dell anno e ad anni diversi, permettono di ipotizzare una superficie piezometrica relativa all acquifero superficiale che, per la zona del castello di Rivoli segue indicativamente il rilievo topografico. Non disponendo al momento attuale di dati relativi alla variazione di permeabilità dei depositi quaternari, si ipotizza che la falda possa essere ricaricata sia in maniera diretta dalle precipitazioni (ricarica azimutale) sia distalmente dalle porzioni di rilievo collinare adiacenti. Maggiori dettagli, compatibilmente con la fase progettuale, sono riportati nei profili geologico e geotecnico-sinottico, e descritti più oltre. 2.5 Sismicità dell area Il territorio comunale delle città di Collegno, Rivoli e Rosta non è inserito nell elenco delle località sismiche di prima e seconda categoria (elenco allegato alla legge 25/11/1962 n aggiornato ed integrato fino al D.M. 14/7/1984) e, conseguentemente, non risulta sottoposto a particolari provvedimenti o restrizioni riguardanti la costruzione di opere o manufatti. Codice indagine Tipologia indagine Profondità [m da p.c.] Fuori asse rispetto al tracciato (m) Falda (quota mslm) P4 Pozzo n.s. P5 Pozzo industriale n.s. P6 Pozzo industriale n.s. P9 Pozzo industriale n.s. P18 Pozzo industriale n.s. P24 Pozzo idropotabile n.s. A2 sondaggio a carotaggio continuo n.s. B39 sondaggio a carotaggio continuo n.s. B40 sondaggio a carotaggio continuo n.s. PB Pozzo n.s PC Pozzo n.s n.s. dato non specificato Per quanto riguarda l ubicazione planimetrica dei punti d indagine, si rimanda alla tavola Carta ubicazione indagini, scala 1:10000 (codice MTL1T3PGEOGENS003).

8 Pag. 9 di 13 Pag. 10 di CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA PRELIMINARE 4.1 Individuazione e descrizione delle unità geotecniche Sulla base delle informazioni raccolte e descritte nei capitoli precedenti, è stato sviluppato un modello geologico-geotecnico preliminare con una caratterizzazione dei materiali lungo il tracciato nell intorno dell opera. Sostanzialmente sono state riconosciute quattro differenti unità geotecniche lungo il tracciato; la suddivisione è stata attuata, in prima istanza, differenziando geneticamente i terreni e approfondendo questa prima suddivisione con una successiva ripartizione fra terreni non coesivi a granulometria prevalentemente grossolana (ghiaie e sabbie limose a differente grado di cementazione) e terreni coesivi a granulometria fine (limi sabbiosi e limi argillosi). Per ciascuna unità, è stato inoltre indicato un campo di variabilità del grado di permeabilità K secondo la classificazione AFTES 1992, che distingue 4 diverse classi di permeabilità. Le classi sono così suddivise: K1 < 10-8 m/s permeabilità molto bassa K2 da 10-8 a 10-6 m/s permeabilità medio-bassa K3 da 10-6 a 10-4 m/s permeabilità media K4 >10-4 m/s permeabilità da media ad alta Esula dai criteri suesposti l individuazione dell unità più superficiale, costituita da terreni di riporto eterogenei. Nel seguito viene fornita una descrizione delle unità riconosciute. Unità 1: Terreno superficiale Rappresenta l orizzonte superiore del profilo stratigrafico ed è stato ritrovato in alcune delle verticali di indagine, in particolare nella zona esterna del cordone morenico di Cresta Grande dove è documentato con una potenza fino a 7m circa (mediamente 3m). Dal punto di vista granulometrico, tale unità presenta una notevole eterogeneità, essendo composta da limi sabbioso-argillosi, limi e limi argillosi, sabbie con ghiaie, inglobanti materiali di origine antropica quali frammenti di laterizi e calcestruzzo. Unità 2: Depositi fluvio glaciali s.l. In quest unità ricadono i depositi fluviali attuali e recenti della Dora Riparia, i materiali fluvio-glaciali e fluviali presenti nella zona terminale del tracciato in comune di Rosta, nonché quelli nella parte iniziale (zona tra Collegno e Rivoli) ed i depositi riconosciuti all interno dell unità di Avigliana. Tali sedimenti sono costituiti da elementi eterometrici, arrotondati, immersi in matrice sabbiosa, ed hanno permeabilità da elevata a media in relazione alla presenza dei livelli cementati (K3-K4). Granulometricamente si tratta di ghiaie più o meno sabbiose (la presenza di matrice risulta minore nel deposito fluviale), sabbia ghiaiosa, ghiaia con blocchi e livelli cementati di ghiaia sabbiosa con blocchi e trovanti. Unità 3: Depositi glacio lacustri s.l. Di questo gruppo fanno parte i sedimenti originatisi dalla colmatura dei laghi compresi tra il fronte glaciale ed i cordoni morenici. Tali materiali risultano generalmente costituiti da sabbia, limi sabbiosi e argille limose e argille; localmente, in zone marginali al confine tra la zona di lago ed i cordoni morenici, è segnalata la presenza di argille torbose. Vista la granulometria prevalente, la permeabilità di questi sedimenti varia da molto bassa per i termini coesivi a media- per quelli più francamente sabbiosi (K1-K3). Unità 4: Tills Con questo termine ci si riferisce a depositi a vario grado di organizzazione e stratificazione. che vengono descritti come ghiaie con blocchi e trovanti, livelli di conglomerato con ghiaia sabbiosa, blocchi e ciottoli. Alla base di tali materiali si segnala la presenza di livelli di argilla con ghiaia. La permeabilità di questo gruppo è generalmente media (K3) con locali abbassamenti in corrispondenza dei livelli cementati e di quelli a marcata componente argillosa (K2). Localmente è stata segnalata la presenza di depositi francamente sabbiosi di origine eolica. Nella fig. 4.1 è riportato un esempio di fronte di scavo in materiale morenico (till). Figura 4.1 Fronte in materiale morenico galleria autostradale La Perosa 4.2 Zonazione geotecnica lungo il tracciato Sulla base del modello geologico-geotecnico, nel seguito viene fornita una descrizione, lungo il tracciato, della variazione delle unità nonché della possibile presenza del livello piezometrico. Occorre rimarcare che la rappresentazione della disposizione spaziale delle unità geotecniche lungo il tracciato, rappresentata nell elaborato Profilo geotecnico sinottico, codice MTL1T3PGEOGENS004, è affetta da un grado di affidabilità tendenzialmente medio basso in relazione alla quantità e alla qualità della documentazione reperita per questa fase progettuale. La realizzazione di indagini e prove in sito integrative, nonchè di prove di laboratorio, permetterà di giungere ad una migliore definizione dell assetto spaziale delle unità stesse, eventualmente con ulteriori sottodivisioni, e di verificarne i parametri geotecnici.

9 Pag. 11 di 13 Pag. 12 di 13 Per quanto relativo alla descrizione del tracciato, procedendo da Collegno verso Rosta, e mantenendosi intorno alla quota dell opera, si incontrano: - tratta iniziale fino poco oltre stazione Cascine Vica (ettometrica 3800m circa), la galleria si sviluppa in prevalenza attraverso l unità 2; da segnalare un orizzonte superficiale della potenza orientativamente di 3m. La falda è in profondità e non interferisce con il tracciato. - tratta compresa tra ettometrica 3800m e stazione De Gasperi. In questo segmento l opera si svilupperà prevalentemente attraverso l unità 4, con l eccezione di un breve tratto in unità 2 di circa 500m di estesa appena prima di stazione Rivoli Centro. La falda, inizialmente a profondità non interferenti con il tracciato, si ritrova intorno all ettometrica 6300m circa in prossimità di stazione Rivoli Centro, ad una quota compresa tra m slm, e, conseguentemente è presumibile un interferenza con il tracciato da qui fino all ettometrica 7500m circa; - tratta compresa tra le ettometriche 7500m e 8600m circa, realizzata attraverso l unità 3 (superiormente unità 1) con la presenza di falda ipotizzabile intorno a 3-5m da p.c., anche se al momento non vi sono evidenze dirette di questo dato; - tratta compresa tra le ettometriche 8600m e 9000m, il tracciato si sviluppa in sotterraneo attraverso l unità 4; - dall ettometrica 9000m alla 9900m il tracciato si sviluppa inizialmente in sotterraneo per proseguire poi in elevazione interessando l unità 3 e superiormente la 1; - dall ettometrica 9900m fino alla stazione di Rosta l opera si svilupperà in elevazione sull unità 4, fatta eccezione per un breve tratto, appena a monte della stazione, attraverso depositi appartenenti all unità 2; - nel tratto terminale del tracciato (zona Deposito) l opera interesserà sedimenti dell unità INDAGINI PER LE FASI SUCCESSIVE DELLA PROGETTAZIONE Il tracciato, fino ad ora descritto in relazione alla situazione geologica geotecnica, sarà oggetto, per le successive fasi di progettazione, di approfondimenti mirati, in particolare, a definire, con la maggiore precisione possibile, l andamento dei corpi sedimentari e, conseguentemente, le principali unità geotecniche, eventualmente con delle ulteriori distinzioni all interno delle unità, e necessariamente deve prevedere un integrazione per quello che riguarda gli aspetti di caratterizzazione geotecnica. L ubicazione delle verticali di queste indagini integrative è stata posta di preferenza in adiacenza al tracciato in progetto, ma fuori asse, al fine di un eventuale utilizzo per il monitoraggio durante le fasi di realizzazione dell opera. Tali indagini forniranno informazioni per: affinare il grado di conoscenza dei terreni (definizione distribuzione areale dei vari livelli e delle lenti di materiali fini); caratterizzare le unità geotecniche (in particolar modo per quanto riguarda i parametri fisici, di deformabilità e di resistenza dei materiali); ricostruire l assetto idrogeologico e le caratteristiche della falda (monitoraggio e studio del livello e delle relative oscillazioni della falda nel breve e nel lungo periodo); Le problematiche relative alla fase costruttiva dell opera, che dovranno essere oggetto degli approfondimenti d indagine, sono riportate di seguito: Presenza di cementazione sia nei tills (l unità 4) che nei depositi fluvioglaciali s.l (l unità 2); Dimensioni e percentuale di presenza di ciottoli, blocchi e trovanti in particolare nei depositi delle cerchie moreniche (tills) e loro descrizione; Caratteristiche di resistenza meccanica dei trovanti e loro indice di scavabilità; Presenza di limi e argille all interno dei sedimenti glacio lacustri e di livelli francamente limoso-sabbiosi (dune eoliche); Localizzazione di eventuali vuoti e/o zone caratterizzate da mutate caratteristiche di addensamento in particolare all interno dei depositi glaciali tipo tills (kettle holes derivanti da progressiva fusione di ghiaccio morto); Caratterizzazione geotecnica per lo scavo meccanizzato; Verifica della tendenza al comportamento colloso (stickiness) dei terreni fini; Caratterizzazione chimica acqua di falda. Dovrà essere realizzato uno studio idrogeologico di dettaglio che preveda, in prima fase, il censimento dei pozzi, ad uso vario, presenti nell intorno dell opera in progetto, la lettura del livello della falda e la ricostruzione del panneggio piezometrico insieme alla definizione di un modello idrogeologico di riferimento (zone di alimentazione, zone di infiltrazione). Nell ambito di tale studio verrà anche valutata l eventualità, qualora la disposizione delle verticali di indagine lo permetta, di realizzare prove di pompaggio per la determinazione dei parametri idrodinamici dei deposti quaternari.

10 Pag. 13 di BIBLIOGRAFIA BARLA G., MACCHI A., CAVALLERO G.,PEDEMONTE S.: Il Nodo di Torino. Geologia e geotecnica: misure in corso d opera. Ass.Geot.It. Atti XVIII Conv. Naz. Rimini 1993 BONSIGNORE G., BORTOLAMI G., ELTER G., MONTRASIO A., PETRUCCI F., RAGNI U., SACCHI R., STURANI C. E ZANELLA E.: Note illustrative della Carta Geologica d Italia fogli 56 e 57 (TorinoVercelli). Servizio Geologico d Italia, Roma, BORTOLAMI G., DE LUCA D., FILIPPINI G.: Le acque sotterranee della pianura di Torino. Aspetti e problemi. Provincia di Torino, Assessorato Ecologia, BOTTINO G., CIVITA M.: Engineering geological features and mapping of subsurface in the metropolitan area of Turin, North Italy. 5th International IAEG Congress, Buenos Aires, 1986, pp BRUNO G. Comune di Rosta. Piano Regolatore Generale Comunale. Relazione Geologico Tecnica Generale. Torino, 1992 CIVITA M, PIZZO S. L evoluzione spazio-temporale del livello piezometrico dell acquifero libero nel sottosuolo di Torino GEAM n 4, dicembre 2001 CORBARI D., ZUCCOLI L. Anfiteatri glaciali della pianura 4 Summer School Geol. Quatern., Milano 1999 DE VECCHI PELLATI R. Comune di Rivoli. Piano Regolatore Generale Comunale. Relazione geologico illustrativa. Torino, 1999 EUSEBIO A., RABBI E., GRASSO P. Geological and geotechnical characterization of the morainic Amphiteatre of Rivoli in the NW Italy 6 th Congr.IAEG, Amsterdam,1990 FRANCERI E., BORTOLAMI G., RICCI B.: Lineamenti geoidrologici della provincia di Torino con riferimento allo stato idrogeochimico delle falde del sottosuolo dell area ecologico torinese. Provincia di Torino Assessorato Ecologia. Marzo GEOENGINEERING Comune di Rivoli. Studio idrogeologico del territorio comunale per identificare aree idonee ad accogliere nuovi pozzi per acqua ad uso potabile. Relazione Tecnica. Torino 1996 MANDRONE G. Città di Collegno. Piano Regolatore Generale. Relazione geologico illustrativa. Torino, 2002 PETRUCCI F. Rilevamento geomorfologico dell Anfiteatro morenico di Rivoli Avigliana. Mem.Soc.It.Sc.Nat. e Museo Civ. St. Nat. Milano, vol.xviii. PREVER L. Sulla costituzione dell Anfiteatro morenico di Rivoli in rapporto con successive fasi glaciali. Acc.RealeScienze, Torino, 1907

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 4 RISULTATI DELLA SECONDA CAMPAGNA DI INDAGINI (MAGGIO 2009).. 9 4.1 Accertamenti relativi al

Dettagli

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA Studio G E O E C O S Dott. Geol. G. MENZIO Programmazione Territoriale-Geotecnica-Idrogeologia Sede : Via Cavour 34 - SAMPEYRE (CN) Tel0175977186-Fax1782737211-Cel.3402572786-mail:geoecos@libero.it Indirizzo

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA Corso di aggiornamento professionale Il D.M. Ambiente del 10 agosto 2012 n. 161: I piani di utilizzo delle terre e rocce da scavo 15 Febbraio - Cagliari 22 Febbraio

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi, non esaustiva, dell intero corso di Idrogeologia tenuto

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Effetto di A.S.A.P. sul livello, qualità e vulnerabilità dell'acquifero. (Rev. 2c)

Effetto di A.S.A.P. sul livello, qualità e vulnerabilità dell'acquifero. (Rev. 2c) 1/43 LIFE06/ENV/IT/000255 A.S.A.P. Actions for Systemic Aquifer Protection The A.S.A.P. project is partially funded by the European Union LIFE Programme Effetto di A.S.A.P. sul livello, qualità e vulnerabilità

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA 2.0 Che cos è una Spiaggia Sergio G. Longhitano Dipartimento di Scienze

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni 1/58 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Corso di aggiornamento professionale Dott. Ing. Giulio Pandini IX Corso Università degli Studi di Bergamo - Facoltà di Ingegneria Dalmine 21 novembre

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO Giovedì 25 Novembre 2010 Ex Infermeria dell Abbazia di Fossanova, Priverno (LT) Indicatori geomorfologici per la caratterizzazione

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

7 - ORIGINE ED EVOLUZIONE DEI LAGHI

7 - ORIGINE ED EVOLUZIONE DEI LAGHI 7 - ORIGINE ED EVOLUZIONE DEI LAGHI Da un punto di vista fisico il lago è un fenomeno transitorio. È una massa d acqua raccolta in una depressione naturale della superficie terrestre; indipendentemente

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica

Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GEOLOGI 18 19 Ottobre 2011 STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA E APPLICAZIONI Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica Dott. Geol. Roberto De Ferrari Dip.Te.Ris.-

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840 Assessorat des Ouvrages Publics de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica Premessa Le fondamentali indicazioni riportate

Dettagli

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO Istruzioni per la compilazione delle schede versione 1.0 La definizione di CLE Si definisce come Condizione Limite per l

Dettagli

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA 3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA L analisi di seguito riguarda l intero sviluppo del litorale che ricade nei confini del Comune di Rosignano

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

REGIONE MOLISE ASSESSORATO ALL'EDILIZIA RESIDENZIALE SETTORE EDILIZIA RESIDENZIALE

REGIONE MOLISE ASSESSORATO ALL'EDILIZIA RESIDENZIALE SETTORE EDILIZIA RESIDENZIALE DIRETTIVA REGIONALE per l'applicazione della legge regionale 6 giugno 1996, n. 20, contenente le "Norme per lo snellimento delle procedure di cui alla legge 2 febbraio 1974 n.64 in attuazione dell'articolo

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

2 Editor di... stile. 2 Colonna... metrica. 6 Percentuale... di carotaggio. 10 Colonne... libere/utente 11 Colonne... grafico

2 Editor di... stile. 2 Colonna... metrica. 6 Percentuale... di carotaggio. 10 Colonne... libere/utente 11 Colonne... grafico I Parte I Introduzione 1 1 Introduzione... 1 2 Editor di... stile 1 Parte II Modello grafico 4 1 Intestazione... 4 2 Colonna... metrica 4 3 Litologia... 5 4 Descrizione... 5 5 Quota... 6 6 Percentuale...

Dettagli

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO CENTRO NIVO METEOROLOGICO ARPA BORMIO I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO Corso 2 A- AINEVA Guide Alpine della Lombardia Bormio 25-29 gennaio 2010 A cura di Flavio Berbenni MARCATO FORTE

Dettagli

Guida Illustrata alle Risposte

Guida Illustrata alle Risposte IDRAIM sistema di valutazione IDRomorfologica, AnalisI e Monitoraggio dei corsi d'acqua Guida Illustrata alle Risposte Appendice al Manuale tecnico operativo per la valutazione ed il monitoraggio dello

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

INDAGINI IN SITO CAPITOLO 12. 12.1 Programmazione delle indagini

INDAGINI IN SITO CAPITOLO 12. 12.1 Programmazione delle indagini CAPITOLO 12 12.1 Programmazione delle indagini Ogni opera di ingegneria civile interagisce con una parte del sottosuolo, detta volume significativo. Il comportamento dell opera dipende, oltre che dai carichi

Dettagli

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO Autorità di Bacino Regionale della Campania Centrale PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO G R U P P O D I P R O G E T T O R.U.P. arch. Marina Scala ASPETTI GEOLOGICI geol. Federico Baistrocchi geol.

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico T. Sanò e B. Quadrio Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico Roma, 3 dicembre 2010 Descrizione del fenomeno Impostazione del problema del calcolo dell amplificazione locale Codici

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

SENTIERI GEOLOGICI SUL MONTE TERMINILLO

SENTIERI GEOLOGICI SUL MONTE TERMINILLO SENTIERI GEOLOGICI SUL MONTE TERMINILLO Itinerari nella geodiversità del Lazio, dai mari tropicali mesozoici ai ghiacciai del Quaternario di GIANCARLO DE SISTI Nato nel 1959, alpinista, laureato in geologia,

Dettagli

Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è

Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è Questa attività pratica può essere realizzata con immagini

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis)

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis) Deliberazione Comitato per la tutela delle acque dall'inquinamento 04.02.1977 Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della legge 10 maggio 1976, n. 319,

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

LA CARTOGRAFIA E LA SCALA

LA CARTOGRAFIA E LA SCALA Corso di laurea in Urbanistica e Sistemi Informativi Territoriali Laboratorio di ingresso Prof. Salvemini Arch. Valeria Mercadante A.A. 2009/2010 LA CARTOGRAFIA E LA SCALA La scala numerica La scala numerica

Dettagli

1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA. 1.1 - L erosione dell acqua

1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA. 1.1 - L erosione dell acqua 1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA 1.1 - L erosione dell acqua Gocce d acqua precipitano urtando con violenza il suolo coperto da detriti (foglie, rami, steli d erba,... fig. 1.1). A qualche centimetro

Dettagli

Climatizzazione degli edifici con pompe di calore geotermiche in Emilia-Romagna

Climatizzazione degli edifici con pompe di calore geotermiche in Emilia-Romagna EUROPEAN UNION EUROPEAN REGIONAL DEVELOPMENT FUND Climatizzazione degli edifici con pompe di calore geotermiche in Emilia-Romagna Stato dell arte e linee guida per uno sviluppo sostenibile del settore

Dettagli

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava Ordine dei Geologi della Toscana Commissione Terre e rocce da scavo Firenze 09/12/2008 ORIGINE impianti di lavaggio degli inerti di

Dettagli

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i.

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i. Inquadramento generale e obiettivi delle modifiche La Variante specifica art. 17 comma 7 definita nei suoi obiettivi generali come anticipatoria di alcuni contenuti della variante Strutturale Qualità è

Dettagli

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt Progetto «Lago Bianco» Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt L energia che ti serve. Repower AG Repower è una società del settore energetico operante a livello internazionale

Dettagli

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino L esperienza di lavoro intorno ai fiumi, ed in particolare nel caso

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE Pasquale DI DONATO Cos è il Metodo Speditivo? Controllo di attività comportanti rischi di incidente rilevante è regolato da:

Dettagli

Università degli studi di Firenze

Università degli studi di Firenze Università degli studi di Firenze Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per la Tutela dell Ambiente e il Territorio Anno Accademico 2010-2011 Progettazione preliminare di un sistema di casse di laminazione

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

Programmazione dell attività esplorativa

Programmazione dell attività esplorativa 2.1 Programmazione dell attività esplorativa 2.1.1 Definizione dell attività L esplorazione è la prima fase del ciclo petrolifero e comprende tutte le attività relative alla ricerca degli idrocarburi.

Dettagli

LEADER EUROPEO. Blocchi e Solai in Legno Cemento. Struttura antisismica testata e collaudata

LEADER EUROPEO. Blocchi e Solai in Legno Cemento. Struttura antisismica testata e collaudata LEADER EUROPEO Blocchi e Solai in Legno Cemento Struttura antisismica testata e collaudata Come da Linee Guida del Ministero LLPP Luglio 2011 TERREMOTO IN EMILIA 2012 Asilo a Ganaceto (MO) Intervento a

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Il territorio delle Alte Vali INDICE

Il territorio delle Alte Vali INDICE 1 Il territorio delle Alte Vali INDICE 1. Premessa 2. Gli elementi su cui si fonda l iniziativa 3. La motivazione 4. Il percorso di visita 5. Cronoprogramma 6. Quadro economico 7. Obiettivi specifici 8.

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello SISMO Storia sismica di sito di ManOppello Rapporto tecnico per conto del: Dr. Luciano D Alfonso, Sindaco Comune di Pescara (PE) Eseguito da: Umberto Fracassi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Dettagli