GTT S.p.A. GRUPPO TORINESE TRASPORTI METROPOLITANA AUTOMATICA DI TORINO LINEA 1 PROGETTO PRELIMINARE GEOLOGIA, IDROGEOLOGIA E GEOTECNICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GTT S.p.A. GRUPPO TORINESE TRASPORTI METROPOLITANA AUTOMATICA DI TORINO LINEA 1 PROGETTO PRELIMINARE GEOLOGIA, IDROGEOLOGIA E GEOTECNICA"

Transcript

1

2 GTT S.p.A. GRUPPO TORINESE TRASPORTI METROPOLITANA AUTOMATICA DI TORINO LINEA 1 TRATTA FUNZIONALE PROLUNGAMENTO OVEST PROGETTO PRELIMINARE GEOLOGIA, IDROGEOLOGIA E GEOTECNICA RELAZIONE TECNICA REV. REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE VISTO NOME FIRMA NOME FIRMA NOME FIRMA NOME FIRMA DATA 0 Dott.E.Rabbi Ing. S. Xu Marzo 2003 Dott. A.Eusebio 1 2 MTL1T3V1PGEOGENR001

3 NOTA Il presente documento è stato redatto nell ambito del Progetto Preliminare dell intero prolungamento Ovest composto da due tratte funzionali: 1 a tratta: Collegno (Diramazione Deposito) Cascine Vica (Rivoli) 2 a tratta: Cascine Vica Rivoli Rosta (Deposito). In particolare la prima tratta funzionale, di cui il presente documento è parte del nuovo Progetto Preliminare, è composta da quattro stazioni (Certosa, Collegno Centro, Leumann, Cascine Vica) per una lunghezza complessiva di circa metri. Pertanto nella consultazione del documento si dovrà fare riferimento unicamente alle problematiche specifiche della prima tratta funzionale. Gruppo Torinese Trasporti S.p.A. INDICE 1. INTRODUZIONE INQUADRAMENTO GEOGRAFICO E GEOLOGICO-MORFOLOGICO Caratteristiche generali L Anfiteatro Morenico di Rivoli-Avigliana Caratteristiche geologiche Inquadramento idrogeologico Sismicità dell area INDAGINI GEOGNOSTICHE Indagini esistenti lungo il tracciato CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA PRELIMINARE Individuazione e descrizione delle unità geotecniche Zonazione geotecnica lungo il tracciato INDAGINI PER LE FASI SUCCESSIVE DELLA PROGETTAZIONE BIBLIOGRAFIA... 13

4 Pag. 1 di 14 Pag. 2 di INTRODUZIONE Nella presente relazione è descritto l inquadramento geologico, idrogeologico e geotecnico del sottosuolo interessato dal Prolungamento Ovest (Deposito Collegno-Cascine Vica-Rivoli- Rosta) della Linea 1 della Metropolitana Automatica di Torino, nell ambito delle attività di progettazione preliminare. Il Prolungamento ovest della Linea 1 della Metropolitana di Torino si sviluppa attraverso i territori comunali di Collegno, Rivoli e Rosta, facenti parte dell hinterland occidentale di Torino Il tracciato della linea, che si svilupperà parte in galleria e parte in esterno, ha una lunghezza di 10km circa e comprende 10 stazioni. Questa relazione descrive il modello geologico, geotecnico ed idrogeologico preliminare nell ambito del quale si svilupperà la linea in progetto, evidenziando, sulla base della documentazione reperita al momento della redazione, i seguenti aspetti: ricostruzione dei rapporti litostratigrafici tra le formazioni geologiche interessate dalle opere e definizione delle caratteristiche geotecniche preliminari dei materiali che le caratterizzano; ricostruzione dell assetto idrogeologico del sottosuolo lungo la linea; Gli elaborati grafici di riferimento per la presente relazione sono di seguito elencati: Carta geologica-geomorfologica, scala 1:10000 (codice MTL1T3V1PGEOGENS001); Profilo geologico, scala 1:10000/1000 (codici MTL1T3V1PGEOGENS002); Carta ubicazione indagini geognostiche, scala 1:10000 (codice MTL1T3V1PGEOGENS003); Profilo geotecnico sinottico, scala 1:10000/1000 (codici MTL1T3V1PGEOGENS004); 2. INQUADRAMENTO GEOGRAFICO E GEOLOGICO-MORFOLOGICO 2.1 Caratteristiche generali La zona attraverso la quale si sviluppa il tracciato è localizzata ad ovest di Torino, ed occupa la parte terminale della valle di Susa, sulla sponda destra orografica, al raccordo fra questa ed il tratto di pianura; più specificamente il tracciato interessa, muovendosi da est verso ovest, i territori comunali di Collegno, Rivoli e Rosta. Il territorio sopra descritto è suddivisibile, da un punto di vista geomorfologico, in tre settori ai quali corrispondono genesi differenti: settore pianeggiante (Collegno e parzialmente Rivoli) caratterizzato da genesi principalmente di tipo fluvioglaciale; settore collinare mediano (Rivoli), modellato su materiali prevalentemente di origine glaciale; settore semipianeggiante, con moderati rilievi (Rosta e, per breve tratto Rivoli) originato da fenomeni glaciali e fluviali. Dal punto di vista geomorfologico, il tracciato si sviluppa inizialmente attraverso la pianura su cui si trova l abitato di Collegno, per incontrare quindi, movendosi verso Rivoli e Rosta, una serie di colline disposte concentricamente ad arco a chiudere la valle. Tali morfo-strutture, che raggiungono in alcuni punti i 500m slm di quota costituiscono il più occidentale anfiteatro morenico presente ai piedi dell arco alpino. 2.2 L Anfiteatro Morenico di Rivoli-Avigliana L Anfiteatro Morenico di Rivoli-Avigliana, è stato originato, a partire dal tardo Plioceneprimo Pleistocene, a seguito di ripetute variazioni climatiche con successive fasi di pulsazione (avanzata e ritiro), da un grande ghiacciaio proveniente dalla val Cenischia ed in cui confluivano i corpi secondari dalle valli laterali; il ghiacciaio occupava completamente l attuale valle di Susa, ed è stato stimato avesse una lunghezza di 90km, una potenza di m ed una larghezza media di 3km, arrivando ad estendersi, nella fase di massima espansione, fino all abitato di Cascine Vica. Al culmine di ogni fase di glaciazione (in questo settore le tracce rimaste vengono fatte risalire alle ultime tre epoche glaciali, dalla più antica rispettivamente denominate Mindel, Riss e Wurm) il ghiacciaio, passando dall ambito vallivo, costretto lateralmente, a quello di pianura, depositava sedimenti che hanno strutturato una serie di cordoni morenici concentrici e disposti generalmente a semicerchio. Un anfiteatro è quindi composto da una serie di corpi sedimentari deposti in ambiente glacigenico e comprende apparati morenici (morene terminali o frontali) ed un insieme di depositi variamente legati alla presenza del ghiacciaio (depositi glacigenici s.s., fluviali, lacustri, eolici). Si tratta, per i cordoni morenici, di forme complesse risultato di meccanismi quali, ad esempio, scivolamento di detriti sopraglaciali, deposito di sedimenti derivanti dal trasporto endoglaciale, spremitura di depositi subglaciali saturi d acqua; e di una serie di morfologie collegate alla notevole disponibilità di acqua di fusione della fronte glaciale.

5 Pag. 3 di 13 Pag. 4 di 13 Attualmente, allo sbocco della valle di Susa, sono ancora riconoscibili tre distinti archi morenici il gruppo delle colline esterne mindeliane (Truc Monsagnasco, Truc Castellazzo e Truc Bandiera); le colline rissiane di Truc Carlavé, Pian Topié, Cresta Grande, Castello di Rivoli; il gruppo delle morene interne wurmiane disposto più ad ovest rispetto ai due archi precedenti. Nella figura 2.1 è riportato l inquadramento geologico schematico della bassa val di Susa secondo Prever nella pubblicazione Sulla costituzione dell Anfiteatro Morenico di Rivoli in rapporto alle successive fasi glaciali (Torino, 1907). Figura 2.1 Inquadramento geologico schematico della bassa val di Susa La struttura finale dell anfiteatro risulta, conseguentemente, dall incastro di molteplici forme e depositi: i cordoni morenici presentano generalmente versanti esterni meno acclivi rispetto a quelli interni, in quanto questi ultimi sono sostenuti dal ghiacciaio e ne subiscono direttamente le spinte, mentre i lati esterni sono soggetti prevalentemente a processi legati a colata dei detriti ed al rotolamento dei massi provenienti dalla fronte glaciale. Le creste dei cordoni possono risultare talvolta sdoppiate, a causa di processi di sovrapposizione ed accrezione, in questi casi è possibile la formazione di vallecole parallele alla cresta e di piccole conche lacustri. Il lato interno dei cordoni è spesso caratterizzato da una struttura a gradonate formatesi durante le fasi di stasi e ritiro del ghiacciaio. All interno del deposito strutturato in morena, possono esser presenti cavità legate alla presenza di lenti e placche di ghiaccio morto, così come antichi scaricatori glaciali facenti parte della rete di drenaggio nella fase di ablazione. Sia all esterno del deposito che, in alcuni casi, esternamente, in superficie, sono osservabili grandi volumi rocciosi (massi erratici e trovanti). 2.3 Caratteristiche geologiche La definizione del modello geologico preliminare è stata effettuata sulla base delle informazioni reperite in letteratura, non essendo, al momento, disponibili più recenti integrazioni. Il modello, definito sulla base di studi relativi alla zona attraversata dal tracciato, ha portato al riconoscimento dei complessi litostratigrafici, descritti procedendo dall alto verso il basso. Depositi fluviali (Olocene). Si tratta di sedimenti riferibili al corso d acqua principale (Dora Riparia), costituiti da elementi eterometrici arrotondati con scarsa presenza di materiale fine ed una permeabilità generalmente elevata. Depositi fluvio-glaciali e fluviali (Olocene). Derivanti dal trasporto e successiva rielaborazione dei depositi glaciali ad opera dei torrenti alimentati dalle acque di fusione dei ghiacciai, tali depositi sono costituiti da elementi eterometrici, arrotondati, immersi in frazione sabbiosa, permeabili. Sono stati localizzati prevalentemente a margine dei depositi fluviali della Dora, nel territorio di Rosta. Depositi glacio-lacustri (Olocene). Sono sedimenti deposti nell ambito di laghi glaciali effimeri che si formavano nello spazio compreso tra il fronte del ghiacciaio in fase di ritiro e la cerchia morenica; si tratta, per la maggior parte, di limi e limi argillosi e sabbie a stratificazione da millimetrica a centimetrica. Localmente sono stati rilevati livelli di argille torbose.tali materiali sono stati riconosciuti nella parte terminale del tracciato al confine tra i comuni di Rivoli e Rosta. Depositi fluvio-glaciali (Olocene): simili a quelli precedentemente descritti mostrano una frazione limosa più abbondandante insieme a ghiaie, ciottoli e sabbie, con livelli e orizzonti a grado variabile di cementazione, questi materiali costituiscono la piana sulla quale sono edificati Collegno e Torino. Depositi glaciali (Pleistocene superiore-medio) I depositi glaciali che costituiscono l Anfiteatro Morenico di Rivoli-Avigliana sono attribuiti a differenti complessi, ciascuno dei quali legato ad una determinata fase glaciale. Sono state riconosciute quattro unità descritte dalla più recente alla più antica: Unità di Avigliana: presente nel settore più interno dell anfiteatro morenico risulta costituita da depositi di ablazione e fluvio-glaciali ed è la più recente in termini temporali.

6 Pag. 5 di 13 Pag. 6 di 13 Unità di Giansesco: individuata al margine del confine comunale di Rivoli, verso Rosta e caratterizzata, in questo settore, dalla sola presenza di depositi glaciali di fondo. Unità di Cresta Grande: costituita da depositi di ablazione, ricoperti sul versante meridionale da una potente coltre di loess, questi depositi sono quelli maggiormente potenti. Dell unità fanno parte i depositi glacio-lacustri prevalentemente sabbiosi presenti sul lato interno della cerchia, verso Borgo Nuovo, a testimonianza della presenza di un lago nel settore interno della cerchia. Unità di Cascine Vica: rapprentata da lembi relitti nella zona lungo Corso Francia, questi sedimenti non sono più riconoscibili sul terreno, in quanto l area risulta intensamente edificata, traccia rimane nelle cartografie geologiche di varia epoca. Sostanzialmente, all interno delle unità sopra descritte sono stati riconosciuti: depositi glaciali di fondo: detriti trascinati dal fondo del ghiacciaio, prodotti per esarazione e costituiti, in senso litologico, da elementi di dimensioni molto variabili, generalmente subarrotondati, immersi in matrice sabbioso limosa. Da un punto di vista idrogeologico, tali depositi sono da considerare a permeabilità da bassa a molto bassa, in quanto stratificati e compattati dal carico del ghiacciaio. depositi glaciali di ablazione: si tratta dei materiali provenienti dai fianchi delle valli, trasportati in superficie e all interno del ghiacciaio e deposti per fusione della massa glaciale. Litologicamente sono costituite da elementi marcatamente eterometrici ed eterogenei immersi in scarsa matrice sabbiosa, non stratificati e con una permeabilità variabile da media ad alta. Un esempio di tali tipi di materiale è riportato in fig Figura 2.2 Depositi glaciale di ablazione rinvenuti nello scavo della galleria autostradale La Perosa (imbocco lato est) Localmente si rinvengono affioramenti di depositi eolici; si tratta di dune venutesi a formare durante una fase interglaciale, costituiti da limi e limi sabbiosi. Nella fig. 2.3 è documentata una struttura eolica rinvenuta durante la realizzazione dei lavori per l autostrada A32, sul versante interno del cordone di Giansesco. Figura 2.3 Sedimenti eolici in corrispondenza del lato interno della cerchia di Giansesco Nella carta geologica geomorfologica sono stati inoltre indicati i percorsi di deflusso abbandonati della Dora Riparia nella piana a nord di Rosta (paleoalvei) ed i massi erratici, volumi rocciosi di dimensioni di alcuni metri cubi, ancora attualmente presenti. Il più grande fra quelli conosciuti nell anfiteatro di Rivoli, il masso Gastaldi, misura 26m di lunghezza, 14m di altezza e 16m di larghezza ed è situato ad est di Pianezza. Nella zona in cui si svilupperà il tracciato sono stati individuati, e riportati in carta, il masso di Rosta vicino alla località il Rocco ed il Roch d San Giors nei pressi del Castello di Rivoli. Molti dei massi censiti all inizio del secolo scorso, sono stati smembrati ed utilizzati come materiale da costruzione; della loro presenza resta traccia, oltre che nella documentazione bibliografia, in toponimi quali ad esempio Peira grosa o il già citato Il Rocco nel comune di Rosta. Generalmente questi testimoni dell avanzata glaciale sono costituiti da litologie estremamente resistenti quali serpentiniti, gabbri, peridotiti, in qualche caso da gneiss. Anche nella zona ad est dell unità di Giansesco, durante precedenti lavori, sono stati documentati numerosi volumi rocciosi, a profondità variabili da 3 a 15m circa. Un esempio è documentato nella figura 2.4. Per quanto concerne i depositi glacio-lacustri e quelli fluvioglaciali facenti parte rispettivamente dell unità di Cresta Grande e di Avigliana, la descrizione corrisponde praticamente a quella fornita nei punti precedenti. La parte di territorio compresa tra i cordoni morenici di Cresta Grande e di Giansesco è riferibile a tale tipo di materiale.

7 Pag. 7 di 13 Pag. 8 di 13 Figura 2.4 Masso rinvenuto nello scavo di imbocco, lato est, della galleria autostradale La Perosa (piazzale antistante il centro commerciale). 3. INDAGINI GEOGNOSTICHE 3.1 Indagini esistenti lungo il tracciato Le informazioni disponibili sulla disposizione in sotterraneo dei diversi tipi di depositi, sono relative a campagne di indagini geognostiche realizzate per altre opere (sostanzialmente autostrada e pozzi ad uso vario) e documentate in archivi pubblici (Enti ed Università) e privati (Imprese). Più dettagliatamente, le indagini di cui è stata reperita documentazione consistono complessivamente in: 6 pozzi ad uso vario (idropotabile, industriale o non specificato); 3 sondaggi a carotaggio continuo, eseguiti in differenti fasi di progettazione dell autostrada A32. In tabella 3.1 è riportato l elenco delle indagini preesistenti raccolte ed esaminate per la ricostruzione dell assetto geologico litostratigrafico. Tabella 3.1 Indagini reperite lungo il tracciato, con indicazione della distanza dal tracciato stesso 2.4 Inquadramento idrogeologico Le informazioni disponibili al momento, analogamente a quanto relativo alla parte geologica generale, sono derivate da studi effettuati nei comuni che saranno interessati dallo sviluppo del tracciato. Conseguentemente la definizione del panneggio piezometrico in pianta, se pur in via preliminare, risulta non realizzabile. Tuttavia i pochi dati a disposizione (Comune di Rivoli Studio Idrogeologico del Territorio Comunale per identificare aree idonee ad accogliere nuovi pozzi per acqua ad uso potabile, Geoengineering ottobre 1996), che sono relativi a letture in diversi periodi dell anno e ad anni diversi, permettono di ipotizzare una superficie piezometrica relativa all acquifero superficiale che, per la zona del castello di Rivoli segue indicativamente il rilievo topografico. Non disponendo al momento attuale di dati relativi alla variazione di permeabilità dei depositi quaternari, si ipotizza che la falda possa essere ricaricata sia in maniera diretta dalle precipitazioni (ricarica azimutale) sia distalmente dalle porzioni di rilievo collinare adiacenti. Maggiori dettagli, compatibilmente con la fase progettuale, sono riportati nei profili geologico e geotecnico-sinottico, e descritti più oltre. 2.5 Sismicità dell area Il territorio comunale delle città di Collegno, Rivoli e Rosta non è inserito nell elenco delle località sismiche di prima e seconda categoria (elenco allegato alla legge 25/11/1962 n aggiornato ed integrato fino al D.M. 14/7/1984) e, conseguentemente, non risulta sottoposto a particolari provvedimenti o restrizioni riguardanti la costruzione di opere o manufatti. Codice indagine Tipologia indagine Profondità [m da p.c.] Fuori asse rispetto al tracciato (m) Falda (quota mslm) P4 Pozzo n.s. P5 Pozzo industriale n.s. P6 Pozzo industriale n.s. P9 Pozzo industriale n.s. P18 Pozzo industriale n.s. P24 Pozzo idropotabile n.s. A2 sondaggio a carotaggio continuo n.s. B39 sondaggio a carotaggio continuo n.s. B40 sondaggio a carotaggio continuo n.s. PB Pozzo n.s PC Pozzo n.s n.s. dato non specificato Per quanto riguarda l ubicazione planimetrica dei punti d indagine, si rimanda alla tavola Carta ubicazione indagini, scala 1:10000 (codice MTL1T3PGEOGENS003).

8 Pag. 9 di 13 Pag. 10 di CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA PRELIMINARE 4.1 Individuazione e descrizione delle unità geotecniche Sulla base delle informazioni raccolte e descritte nei capitoli precedenti, è stato sviluppato un modello geologico-geotecnico preliminare con una caratterizzazione dei materiali lungo il tracciato nell intorno dell opera. Sostanzialmente sono state riconosciute quattro differenti unità geotecniche lungo il tracciato; la suddivisione è stata attuata, in prima istanza, differenziando geneticamente i terreni e approfondendo questa prima suddivisione con una successiva ripartizione fra terreni non coesivi a granulometria prevalentemente grossolana (ghiaie e sabbie limose a differente grado di cementazione) e terreni coesivi a granulometria fine (limi sabbiosi e limi argillosi). Per ciascuna unità, è stato inoltre indicato un campo di variabilità del grado di permeabilità K secondo la classificazione AFTES 1992, che distingue 4 diverse classi di permeabilità. Le classi sono così suddivise: K1 < 10-8 m/s permeabilità molto bassa K2 da 10-8 a 10-6 m/s permeabilità medio-bassa K3 da 10-6 a 10-4 m/s permeabilità media K4 >10-4 m/s permeabilità da media ad alta Esula dai criteri suesposti l individuazione dell unità più superficiale, costituita da terreni di riporto eterogenei. Nel seguito viene fornita una descrizione delle unità riconosciute. Unità 1: Terreno superficiale Rappresenta l orizzonte superiore del profilo stratigrafico ed è stato ritrovato in alcune delle verticali di indagine, in particolare nella zona esterna del cordone morenico di Cresta Grande dove è documentato con una potenza fino a 7m circa (mediamente 3m). Dal punto di vista granulometrico, tale unità presenta una notevole eterogeneità, essendo composta da limi sabbioso-argillosi, limi e limi argillosi, sabbie con ghiaie, inglobanti materiali di origine antropica quali frammenti di laterizi e calcestruzzo. Unità 2: Depositi fluvio glaciali s.l. In quest unità ricadono i depositi fluviali attuali e recenti della Dora Riparia, i materiali fluvio-glaciali e fluviali presenti nella zona terminale del tracciato in comune di Rosta, nonché quelli nella parte iniziale (zona tra Collegno e Rivoli) ed i depositi riconosciuti all interno dell unità di Avigliana. Tali sedimenti sono costituiti da elementi eterometrici, arrotondati, immersi in matrice sabbiosa, ed hanno permeabilità da elevata a media in relazione alla presenza dei livelli cementati (K3-K4). Granulometricamente si tratta di ghiaie più o meno sabbiose (la presenza di matrice risulta minore nel deposito fluviale), sabbia ghiaiosa, ghiaia con blocchi e livelli cementati di ghiaia sabbiosa con blocchi e trovanti. Unità 3: Depositi glacio lacustri s.l. Di questo gruppo fanno parte i sedimenti originatisi dalla colmatura dei laghi compresi tra il fronte glaciale ed i cordoni morenici. Tali materiali risultano generalmente costituiti da sabbia, limi sabbiosi e argille limose e argille; localmente, in zone marginali al confine tra la zona di lago ed i cordoni morenici, è segnalata la presenza di argille torbose. Vista la granulometria prevalente, la permeabilità di questi sedimenti varia da molto bassa per i termini coesivi a media- per quelli più francamente sabbiosi (K1-K3). Unità 4: Tills Con questo termine ci si riferisce a depositi a vario grado di organizzazione e stratificazione. che vengono descritti come ghiaie con blocchi e trovanti, livelli di conglomerato con ghiaia sabbiosa, blocchi e ciottoli. Alla base di tali materiali si segnala la presenza di livelli di argilla con ghiaia. La permeabilità di questo gruppo è generalmente media (K3) con locali abbassamenti in corrispondenza dei livelli cementati e di quelli a marcata componente argillosa (K2). Localmente è stata segnalata la presenza di depositi francamente sabbiosi di origine eolica. Nella fig. 4.1 è riportato un esempio di fronte di scavo in materiale morenico (till). Figura 4.1 Fronte in materiale morenico galleria autostradale La Perosa 4.2 Zonazione geotecnica lungo il tracciato Sulla base del modello geologico-geotecnico, nel seguito viene fornita una descrizione, lungo il tracciato, della variazione delle unità nonché della possibile presenza del livello piezometrico. Occorre rimarcare che la rappresentazione della disposizione spaziale delle unità geotecniche lungo il tracciato, rappresentata nell elaborato Profilo geotecnico sinottico, codice MTL1T3PGEOGENS004, è affetta da un grado di affidabilità tendenzialmente medio basso in relazione alla quantità e alla qualità della documentazione reperita per questa fase progettuale. La realizzazione di indagini e prove in sito integrative, nonchè di prove di laboratorio, permetterà di giungere ad una migliore definizione dell assetto spaziale delle unità stesse, eventualmente con ulteriori sottodivisioni, e di verificarne i parametri geotecnici.

9 Pag. 11 di 13 Pag. 12 di 13 Per quanto relativo alla descrizione del tracciato, procedendo da Collegno verso Rosta, e mantenendosi intorno alla quota dell opera, si incontrano: - tratta iniziale fino poco oltre stazione Cascine Vica (ettometrica 3800m circa), la galleria si sviluppa in prevalenza attraverso l unità 2; da segnalare un orizzonte superficiale della potenza orientativamente di 3m. La falda è in profondità e non interferisce con il tracciato. - tratta compresa tra ettometrica 3800m e stazione De Gasperi. In questo segmento l opera si svilupperà prevalentemente attraverso l unità 4, con l eccezione di un breve tratto in unità 2 di circa 500m di estesa appena prima di stazione Rivoli Centro. La falda, inizialmente a profondità non interferenti con il tracciato, si ritrova intorno all ettometrica 6300m circa in prossimità di stazione Rivoli Centro, ad una quota compresa tra m slm, e, conseguentemente è presumibile un interferenza con il tracciato da qui fino all ettometrica 7500m circa; - tratta compresa tra le ettometriche 7500m e 8600m circa, realizzata attraverso l unità 3 (superiormente unità 1) con la presenza di falda ipotizzabile intorno a 3-5m da p.c., anche se al momento non vi sono evidenze dirette di questo dato; - tratta compresa tra le ettometriche 8600m e 9000m, il tracciato si sviluppa in sotterraneo attraverso l unità 4; - dall ettometrica 9000m alla 9900m il tracciato si sviluppa inizialmente in sotterraneo per proseguire poi in elevazione interessando l unità 3 e superiormente la 1; - dall ettometrica 9900m fino alla stazione di Rosta l opera si svilupperà in elevazione sull unità 4, fatta eccezione per un breve tratto, appena a monte della stazione, attraverso depositi appartenenti all unità 2; - nel tratto terminale del tracciato (zona Deposito) l opera interesserà sedimenti dell unità INDAGINI PER LE FASI SUCCESSIVE DELLA PROGETTAZIONE Il tracciato, fino ad ora descritto in relazione alla situazione geologica geotecnica, sarà oggetto, per le successive fasi di progettazione, di approfondimenti mirati, in particolare, a definire, con la maggiore precisione possibile, l andamento dei corpi sedimentari e, conseguentemente, le principali unità geotecniche, eventualmente con delle ulteriori distinzioni all interno delle unità, e necessariamente deve prevedere un integrazione per quello che riguarda gli aspetti di caratterizzazione geotecnica. L ubicazione delle verticali di queste indagini integrative è stata posta di preferenza in adiacenza al tracciato in progetto, ma fuori asse, al fine di un eventuale utilizzo per il monitoraggio durante le fasi di realizzazione dell opera. Tali indagini forniranno informazioni per: affinare il grado di conoscenza dei terreni (definizione distribuzione areale dei vari livelli e delle lenti di materiali fini); caratterizzare le unità geotecniche (in particolar modo per quanto riguarda i parametri fisici, di deformabilità e di resistenza dei materiali); ricostruire l assetto idrogeologico e le caratteristiche della falda (monitoraggio e studio del livello e delle relative oscillazioni della falda nel breve e nel lungo periodo); Le problematiche relative alla fase costruttiva dell opera, che dovranno essere oggetto degli approfondimenti d indagine, sono riportate di seguito: Presenza di cementazione sia nei tills (l unità 4) che nei depositi fluvioglaciali s.l (l unità 2); Dimensioni e percentuale di presenza di ciottoli, blocchi e trovanti in particolare nei depositi delle cerchie moreniche (tills) e loro descrizione; Caratteristiche di resistenza meccanica dei trovanti e loro indice di scavabilità; Presenza di limi e argille all interno dei sedimenti glacio lacustri e di livelli francamente limoso-sabbiosi (dune eoliche); Localizzazione di eventuali vuoti e/o zone caratterizzate da mutate caratteristiche di addensamento in particolare all interno dei depositi glaciali tipo tills (kettle holes derivanti da progressiva fusione di ghiaccio morto); Caratterizzazione geotecnica per lo scavo meccanizzato; Verifica della tendenza al comportamento colloso (stickiness) dei terreni fini; Caratterizzazione chimica acqua di falda. Dovrà essere realizzato uno studio idrogeologico di dettaglio che preveda, in prima fase, il censimento dei pozzi, ad uso vario, presenti nell intorno dell opera in progetto, la lettura del livello della falda e la ricostruzione del panneggio piezometrico insieme alla definizione di un modello idrogeologico di riferimento (zone di alimentazione, zone di infiltrazione). Nell ambito di tale studio verrà anche valutata l eventualità, qualora la disposizione delle verticali di indagine lo permetta, di realizzare prove di pompaggio per la determinazione dei parametri idrodinamici dei deposti quaternari.

10 Pag. 13 di BIBLIOGRAFIA BARLA G., MACCHI A., CAVALLERO G.,PEDEMONTE S.: Il Nodo di Torino. Geologia e geotecnica: misure in corso d opera. Ass.Geot.It. Atti XVIII Conv. Naz. Rimini 1993 BONSIGNORE G., BORTOLAMI G., ELTER G., MONTRASIO A., PETRUCCI F., RAGNI U., SACCHI R., STURANI C. E ZANELLA E.: Note illustrative della Carta Geologica d Italia fogli 56 e 57 (TorinoVercelli). Servizio Geologico d Italia, Roma, BORTOLAMI G., DE LUCA D., FILIPPINI G.: Le acque sotterranee della pianura di Torino. Aspetti e problemi. Provincia di Torino, Assessorato Ecologia, BOTTINO G., CIVITA M.: Engineering geological features and mapping of subsurface in the metropolitan area of Turin, North Italy. 5th International IAEG Congress, Buenos Aires, 1986, pp BRUNO G. Comune di Rosta. Piano Regolatore Generale Comunale. Relazione Geologico Tecnica Generale. Torino, 1992 CIVITA M, PIZZO S. L evoluzione spazio-temporale del livello piezometrico dell acquifero libero nel sottosuolo di Torino GEAM n 4, dicembre 2001 CORBARI D., ZUCCOLI L. Anfiteatri glaciali della pianura 4 Summer School Geol. Quatern., Milano 1999 DE VECCHI PELLATI R. Comune di Rivoli. Piano Regolatore Generale Comunale. Relazione geologico illustrativa. Torino, 1999 EUSEBIO A., RABBI E., GRASSO P. Geological and geotechnical characterization of the morainic Amphiteatre of Rivoli in the NW Italy 6 th Congr.IAEG, Amsterdam,1990 FRANCERI E., BORTOLAMI G., RICCI B.: Lineamenti geoidrologici della provincia di Torino con riferimento allo stato idrogeochimico delle falde del sottosuolo dell area ecologico torinese. Provincia di Torino Assessorato Ecologia. Marzo GEOENGINEERING Comune di Rivoli. Studio idrogeologico del territorio comunale per identificare aree idonee ad accogliere nuovi pozzi per acqua ad uso potabile. Relazione Tecnica. Torino 1996 MANDRONE G. Città di Collegno. Piano Regolatore Generale. Relazione geologico illustrativa. Torino, 2002 PETRUCCI F. Rilevamento geomorfologico dell Anfiteatro morenico di Rivoli Avigliana. Mem.Soc.It.Sc.Nat. e Museo Civ. St. Nat. Milano, vol.xviii. PREVER L. Sulla costituzione dell Anfiteatro morenico di Rivoli in rapporto con successive fasi glaciali. Acc.RealeScienze, Torino, 1907

INDAGINE GEOTECNICA INDICE 1. PREMESSA 2. RIFERIMENTO NORMATIVO 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO-GEOMORFOLOGICO 4. ASSETTO IDROGEOLOGICO

INDAGINE GEOTECNICA INDICE 1. PREMESSA 2. RIFERIMENTO NORMATIVO 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO-GEOMORFOLOGICO 4. ASSETTO IDROGEOLOGICO INDAGINE GEOTECNICA INDICE 1. PREMESSA 2. RIFERIMENTO NORMATIVO 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO-GEOMORFOLOGICO 4. ASSETTO IDROGEOLOGICO 5. INQUADRAMENTO GEOTECNICO 1 1. PREMESSA La presente relazione ha come

Dettagli

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BORGOMASINO Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario Giugno 2012 dott. geol. Mirco Rosso

Dettagli

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE INDICE 1. PREMESSA E SCOPO DEL LAVORO... 2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO GEOMORFOLOGICO... 3 3. INQUADRAMENTO IDROGEOLOGICO ED IDROLOGICO... 4 4. CLASSIFICAZIONE SISMICA... 5 4.1 OPCM 20 marzo 2003... 5 4.2

Dettagli

Analisi sommaria degli aspetti geologici, geotecnici, idraulici, idrogeologici

Analisi sommaria degli aspetti geologici, geotecnici, idraulici, idrogeologici Regione Piemonte Comune di Torino (TO) Analisi sommaria degli aspetti geologici, geotecnici, idraulici, idrogeologici per la realizzazione di un nuovo fabbricato all interno del complesso CNR di Torino

Dettagli

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO SECONDA SESSIONE 2012 PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1 Aspetti geologici, minero-petrografici e normativi relativi alle attività

Dettagli

FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO

FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO COMMITTENTE : M + ASSOCIATI SEREGNO (MB) 2165_15 STUDIO IDROGEOLOGICO E IDRAULICO IN SUPPORTO AL PROGETTO DI UN PERCORSO CICLOPEDONALE NEL COMUNE DI MELZO (MI), DA

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CARATTERISTICHE GEOLOGICHE E GEOMORFOLOGICHE DEL TERRITORIO. 3. 2.1 Inquadramento geologico e geomorfologico...

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CARATTERISTICHE GEOLOGICHE E GEOMORFOLOGICHE DEL TERRITORIO. 3. 2.1 Inquadramento geologico e geomorfologico... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CARATTERISTICHE GEOLOGICHE E GEOMORFOLOGICHE DEL TERRITORIO. 3 2.1 Inquadramento geologico e geomorfologico... 3 2.2 Caratteristiche geotecniche e coefficiente di permeabilità

Dettagli

Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 INDAGINI GEOGNOSTICHE E RICOSTRUZIONE IDROGEOLOGICA... 3 3 RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ E DEWATERING...

Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 INDAGINI GEOGNOSTICHE E RICOSTRUZIONE IDROGEOLOGICA... 3 3 RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ E DEWATERING... DIMENSIONAMENTO DI UN INTERVENTO DI DEWATERING CON RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ A cura di Giovanni Formentin, Loris Colombo, Vincenzo Francani Giovanni.Formenti@tethys-geco.it, Loris.colombo@polimi.it,

Dettagli

Committente: E.Eco S.r.l., Roma, Via della Madonna dei Monti n 50 (P.Iva 10735421009)

Committente: E.Eco S.r.l., Roma, Via della Madonna dei Monti n 50 (P.Iva 10735421009) Dott. Geol. Gianluca Bianchi Fasani, Dottore di ricerca Via Mocenigo n 32, 00192 Roma e-mail: gianluca.bianchifasani@uniroma1.it Tel. 06/39744398 - Cell. 347/5226276 P.Iva 06 250 121 008 C.F. BNCGLC71L13L009P

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA VALDIGNE MONT BLANC

COMUNITÀ MONTANA VALDIGNE MONT BLANC R E G I O N E A U T O N O M A D E L L A V A L L E D A O S T A COMUNITÀ MONTANA VALDIGNE MONT BLANC DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE COMPRENSORIALI IN COMUNE DI LA SALLE A SERVIZIO DELLA COMUNITÀ MONTANA

Dettagli

Dott. Eraldo Viada Geologo

Dott. Eraldo Viada Geologo Dott. Eraldo Viada Geologo Via Tetto Chiappello, 21D 12017 Robilante (CN) 3404917357 1 Premessa Nella presente relazione sono esposte le risultanze delle indagini geologiche e geotecniche eseguite con

Dettagli

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Edilprogress Via Locatelli 21 24050 Cividate al Piano (BG) PROVINCIA DI BERGAMO Comune di Cividate al Piano SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Data emissione

Dettagli

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...2 2 IL NUOVO EDIFICIO DEL POLO TECNOLOGICO INTEGRATO...2 3 L ORGANISMO STRUTTURALE ED I CRITERI DI PROGETTO...2 4 LE PROBLEMATICHE GEOTECNICHE...3 4.1 Inquadramento geologico...3

Dettagli

9. La morena. Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali

9. La morena. Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali L azione erosiva del ghiacciaio, in senso stretto, viene indicata con il termine esarazione; una delle forme caratteristiche

Dettagli

GEOLOGO MARCO MARCATO

GEOLOGO MARCO MARCATO GEOLOGO MARCO MARCATO RELAZIONE GEOLOGICA-GEOTECNICA CON INDAGINI GEOLOGICHE. INDICE 1. PREMESSA..... pag. 1 2. QUADRO DEI VINCOLI IDROGEOLOGICI.. 2 3. RELAZIONE GEOLOGICA 3 3.1 INQUADRAMENTO GEOLOGICO

Dettagli

Fig.1 Mappa freatimetrica a scala regionale dell acquifero non confinato dell alta pianura friulana.

Fig.1 Mappa freatimetrica a scala regionale dell acquifero non confinato dell alta pianura friulana. ACTION 2: Banca dati e implementazione del GIS, Definizione delle caratteristiche dei siti potenziali per l applicazione del metodo di RA degli acquiferi con particolare attenzione alla metodologia di

Dettagli

COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8

COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8 COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8 1. UBICAZIONE TOPOGRAFICA L Area AP 8 è sita in località Monticelli, a monte dell Ospedale Mazzoni e della zona edificata di via delle

Dettagli

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI... RELAZIONE GEOLOGICA E GEOMROFOLOGICA SOMMARIO 1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...8 5. CONCLUSIONI...11

Dettagli

((ai sensi della L.R. 12/05))

((ai sensi della L.R. 12/05)) Rif. L1393 Comune di Pero (Provincia di Milano) Manuttenziione sttraordiinariia con cambiio dii desttiinaziione d uso dellll ediiffiiciio siitto iin viia Morandii SS n 33 dell Sempiione RELAZIONE GEOLOGICA

Dettagli

Committente: Comune di Flero. Cantiere: via Paine Flero (BS) Progetto: Riqualificazione e ampliamento della scuola materna in via Paine

Committente: Comune di Flero. Cantiere: via Paine Flero (BS) Progetto: Riqualificazione e ampliamento della scuola materna in via Paine Committente: Comune di Flero Cantiere: via Paine Flero (BS) Progetto: Riqualificazione e ampliamento della scuola materna in via Paine ------------------------------------------------------------------

Dettagli

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA 5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA Il Comprensorio PIAGGE SAN SALVATORE si estende a Sud del centro urbano della Città, lungo

Dettagli

INDAGINE GEOTECNICA DI SUPPORTO ALLA PROGETTAZIONE

INDAGINE GEOTECNICA DI SUPPORTO ALLA PROGETTAZIONE PIEMME s.r.l. INGEGNERIA E COSTRUZIONI Nuova costruzione di edifici plurifamiliari in Via Goldoni 31 a Varese INDAGINE GEOTECNICA DI SUPPORTO ALLA PROGETTAZIONE N. Riferimento: 05-008 Data: Febb. 2005

Dettagli

2.1 Inquadramento geologico generale... 6 2.2 Inquadramento geologico locale... 8

2.1 Inquadramento geologico generale... 6 2.2 Inquadramento geologico locale... 8 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO GEOMORFOLOGICO... 6 2.1 Inquadramento geologico generale... 6 2.2 Inquadramento geologico locale... 8 3 CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA... 9 3.1 Risultati

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE

PROGETTO PRELIMINARE COMUNE DI BARGE Provincia di Cuneo VARIANTE STRUTTURALE AL P.R.G.C. VIGENTE PROGETTO PRELIMINARE Analisi delle previsioni urbanistiche Barge dicembre 2009 STUDIO SERTE ZANELLA dr. geol. EUGENIO Geologia

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE ANALISI DI 2 LIVELLO

VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE ANALISI DI 2 LIVELLO Allegato B COMUNE DI SARNICO PROVINCIA DI BERGAMO STUDIO GEOLOGICO DEL TERRITORIO COMUNALE REVISIONE ED ADEGUAMENTO AI SENSI DELLA L.R. 12/05 VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE ANALISI DI 2

Dettagli

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie medie e fini COMUNE INTERESSATO Ostellato INQUADRAMENTO DELL AREA

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie medie e fini COMUNE INTERESSATO Ostellato INQUADRAMENTO DELL AREA TIPOLOGIA DI POLO LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie medie e fini COMUNE INTERESSATO Ostellato INQUADRAMENTO DELL AREA L area è ubicata in località Cavallara presso l abitato di S.Giovanni nel Comune di Ostellato.

Dettagli

Dott. Geol. Massimo CALAFIORE Ph. D.

Dott. Geol. Massimo CALAFIORE Ph. D. Ph. D. Via Verdi, 5-10060 Candiolo (TO) Tel./Fax 011-962.11.88 - Cell.329 68.68.313 www.geologia-manutenzione.it e-mail: m.calafiore@geologia-manutenzione.it posta elettronica certificata: m.calafiore@pec.it

Dettagli

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA TIPOLOGIA DI POLO LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA L area è ubicata a nord degli abitati di Porotto e Cassana, nel Comune di Ferrara, confina a nord

Dettagli

NUOVO IMPIANTO DI TRATTAMENTO RIFIUTI SPECIALI LIQUIDI PROCEDURA DI V.I.A. E RICHIESTA DI A.I.A.

NUOVO IMPIANTO DI TRATTAMENTO RIFIUTI SPECIALI LIQUIDI PROCEDURA DI V.I.A. E RICHIESTA DI A.I.A. CIPECO S.R.L. - Nuovo Impianto di trattamento rifiuti speciali liquidi Procedura di V.I.A. e richiesta di A.I.A. - Appendice RA3. Relazione geol. e idrogeol. Febbraio 2015 Comune di CAMPI BISENZIO Provincia

Dettagli

RESOCONTO INDAGINE AMBIENTALE (AI SENSI DEL D.LGS. 152/2006) DELL AREA DI VIA GENERAL GIARDINO NEL COMUNE DI MEDA (MB) D.G.R.

RESOCONTO INDAGINE AMBIENTALE (AI SENSI DEL D.LGS. 152/2006) DELL AREA DI VIA GENERAL GIARDINO NEL COMUNE DI MEDA (MB) D.G.R. Dott. Geol. Riccardo Cortiana r.cortiana@geotecnoindagini.it Via Liguria 1 20900 Monza Telefono e fax 039 837656 geotecnoindagini@pec.it Dott. Geol. Filippo Valentini f.valentini@geotecnoindagini.it PABEL

Dettagli

COMMITTENTE: Regione Veneto Azienda ULSS 18 - Rovigo RELAZIONE GEOLOGICA

COMMITTENTE: Regione Veneto Azienda ULSS 18 - Rovigo RELAZIONE GEOLOGICA COMMITTENTE: Regione Veneto Azienda ULSS 18 - Rovigo RELAZIONE GEOLOGICA INDICE 1. NORMATIVA DI RIFERIMENTO... pag. 3 2. PREMESSA... " 4 3. INDAGINI GEOGNOSTICHE... " 5 4. GEOLOGIA E STRATIGRAFIA... "

Dettagli

REGIONE VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CONCORDIA SAGITTARIA

REGIONE VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CONCORDIA SAGITTARIA Dott. Geol. ALESSANDRO VIDALI INDAGINI GEOLOGICO-GEOTECNICHE Via Roma, 20 30027 San Donà di Piave 0421-51616 335-8336809 FAX 0421-51616 E-mail ak.vidali@aliceposta.it C.F. VDL LSN 59P15 F130X P.I. 02793580271

Dettagli

TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI.

TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI. TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI. PRECISAZIONI Il presente documento nasce dalla pressante richiesta di iscritti

Dettagli

Fig 1. - Distribuzione delle prove geognostiche presenti nella Banca Dati Geognostica

Fig 1. - Distribuzione delle prove geognostiche presenti nella Banca Dati Geognostica 1. Introduzione Il progetto di costruzione di una Banca Dati Geognostica sull intero territorio regionale di pianura è nato con l obiettivo prioritario di disporre di informazioni geologiche di sottosuolo

Dettagli

Indice. Premessa 11. 1.10.2 Permeabilità 37. 1.10.3 Trasmissività 40 1.11 La circolazione idrica nelle rocce 46 1.11.1 Gli acquiferi 48.

Indice. Premessa 11. 1.10.2 Permeabilità 37. 1.10.3 Trasmissività 40 1.11 La circolazione idrica nelle rocce 46 1.11.1 Gli acquiferi 48. Indice Indice Indice Premessa 11 1 Le acque sotterranee 13 1.1 Principali caratteristiche delle acque sotterranee 13 1.2 La circolazione idrica nelle terre sciolte 14 1.2.1 Gli acquiferi 14 1.2.2 Classificazione

Dettagli

LE AREE DI RICARICA DEGLI ACQUIFERI PROFONDI: CRITERI PER L IDENTIFICAZIONE E PRIMA INDIVIDUAZIONE

LE AREE DI RICARICA DEGLI ACQUIFERI PROFONDI: CRITERI PER L IDENTIFICAZIONE E PRIMA INDIVIDUAZIONE LE AREE DI RICARICA DEGLI ACQUIFERI PROFONDI: CRITERI PER L IDENTIFICAZIONE E PRIMA INDIVIDUAZIONE DEFINIZIONE DI RICARICA DEGLI ACQUIFERI...2 DEFINIZIONE DI AREE di RICARICA...3 DEFINIZIONE DI FALDE SUPERFICIALI

Dettagli

Dott. Geologo PAOLA LAFRANCONI

Dott. Geologo PAOLA LAFRANCONI Dott. Geologo PAOLA LAFRANCONI Geologia Applicata, Geotecnica, Idrogeologia,Geologia Ambientale, Pianificazione Territoriale S.ta Bosisolo 35; 23848 Oggiono (LC) - tel 0341-577046 fax 0341/578066 tel.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo.

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo. RELAZIONE TECNICA Il Comune di Predosa ha conferito incarico ai sottoscritti ing. Italo BRUNO con recapito in Novi Ligure Via Manzoni n. 14. per la redazione del progetto di Consolidamento ponte e difesa

Dettagli

Scheda per la valutazione qualitativa dei possibili effetti locali nei siti di ubicazione di edifici strategici e monumentali

Scheda per la valutazione qualitativa dei possibili effetti locali nei siti di ubicazione di edifici strategici e monumentali INGV - Gruppo Nazionale per la Difesa dai Terremoti Dipartimento di Ingegneria Strutturale Politecnico di Milano Scheda per la valutazione qualitativa dei possibili effetti locali nei siti di ubicazione

Dettagli

Relazioni sullo Svolgimento delle Attività di Prima e Seconda Fase del Piano di studi e indagini geologiche integrative

Relazioni sullo Svolgimento delle Attività di Prima e Seconda Fase del Piano di studi e indagini geologiche integrative UNIVERSITÀ DELL INSUBRIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE CHIMICHE E AMBIENTALI SEDE DI COMO PROGETTO DI DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI IN LOC. FILIPPA DEL COMUNE DI CAIRO MONTENOTTE (SV) Studi e indagini

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO

PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO ACCORDO PUBBLICO-PRIVATO N. 2 ART. 6 LR N.11/2004 AZIENDA AGRICOLA BERTAGNA E. e SAURO P. Riqualificazione ambientale con demolizione opera incongrua

Dettagli

LAVORI SUL PONTE S.P. 105 PER BUGGERRU SEZ. 2. SUL RIO MANNU DI FLUMINIMAGGIORE PROGETTO PRELIMINARE

LAVORI SUL PONTE S.P. 105 PER BUGGERRU SEZ. 2. SUL RIO MANNU DI FLUMINIMAGGIORE PROGETTO PRELIMINARE EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS LAVORI SUL PONTE S.P. 105 PER BUGGERRU SEZ. 2. SUL RIO MANNU DI FLUMINIMAGGIORE PROGETTO PRELIMINARE ALL. C RELAZIONE GEOTECNICA PROGETTAZIONE: TEC MED INGEGNERIA S.r.l.

Dettagli

Circolare n. 1 del 6 ottobre 2009 O.G.B.

Circolare n. 1 del 6 ottobre 2009 O.G.B. Circolare n. 1 del 6 ottobre 2009 O.G.B. ISTRUZIONI TECNICHE PER L APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI CONTROLLI - REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLA L.R. 6 AGOSTO 1997 N. 38 - NORME PER L ESERCIZIO

Dettagli

Application: the Giumello Landslide

Application: the Giumello Landslide Application: the Giumello Landslide Extract from a meeting in Lecco about landslides By M. Papini www.engeology.eu LA FRANA DEL GIUMELLO EVENTO ALLUVIONALE Novembre 2002 FINALITA DEL LAVORO Riconoscere

Dettagli

RELAZIONE. AOB2 srl Via XXV aprile n. 18 25038 Rovato (Bs)

RELAZIONE. AOB2 srl Via XXV aprile n. 18 25038 Rovato (Bs) AOB2 srl Via XXV aprile n. 18 2508 Rovato (Bs) Cedimenti differenziali e fessurazioni vasca di ossidazione linea 2 ed annesso magazzino Depuratore comunale acque reflue di Chiari (Bs) INDAGINE GEOLOGICA

Dettagli

GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO D.Lgs 152/2006; Legge 98/2013 (art.41 e 41 bis)

GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO D.Lgs 152/2006; Legge 98/2013 (art.41 e 41 bis) REGIONE VENETO - PROVINCIA VERONA COMUNE DI MALCESINE PROGETTO: Lavori di adeguamento normativo finalizzati al conseguimento del C.P.I. vie di esodo presso il Castello di Malcesine e realizzazione di una

Dettagli

INTEGRAZIONE RELAZIONE GEOLOGICO-GEOTECNICA

INTEGRAZIONE RELAZIONE GEOLOGICO-GEOTECNICA STUDIO TECNICO DI GEOLOGIA APPLICATA ALL'INGEGNERIA dott. geol. SIMONE BORTOLINI via San Vito, 9/A Cison di Valmarino (TV) tel. 338-1977870 e-mail simonebortolini@libero.it Comune di CISON DI VALMARINO

Dettagli

Centro per le Biotecnologie e la Ricerca Biomedica, necessarie alla Fondazione Ri.MED. Carini - Palermo CAPITOLATO SPECIALE

Centro per le Biotecnologie e la Ricerca Biomedica, necessarie alla Fondazione Ri.MED. Carini - Palermo CAPITOLATO SPECIALE Affidamento del servizio di redazione degli studi geologici, geotecnici, sismici, idrologici ed idraulici e delle relative indagini in sito e in laboratorio, a supporto delle attività di progettazione

Dettagli

INDICE. 1. PREMESSA Riferimenti progettuali e Normativi...2 1.1 RIFERIMENTI NORMATIVI... 3

INDICE. 1. PREMESSA Riferimenti progettuali e Normativi...2 1.1 RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 INDICE 1. PREMESSA Riferimenti progettuali e Normativi...2 1.1 RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 1.2 Metodologia di lavoro e Contenuti ai sensi della L.R. 12/05 ed alla D.G.R. 9/2616/2011... 5 2. INTERVENTO DI

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO Il territorio comunale di Capestrano è compreso, dal punto di vista cartografico, nel Foglio della Carta Geologica di Italia n. 146 Sulmona scala 1 : 100.000 e nel Foglio della

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA. L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta

INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA. L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta 1:25.000 dell'i.g.m.i. denominata "Torretta Granitola" IV S.E. del foglio n 265 della Carta d'italia.

Dettagli

COMUNE DI SCANDICCI Provincia di Firenze

COMUNE DI SCANDICCI Provincia di Firenze VIA LA QUERCE, 58/A 50067 RIGNANO SULL ARNO (FI) P.IVA 06003030480 - TEL 3293388892 FAX 0558349364 MICHELECECCHI@DILUVIO.IT COMUNE DI SCANDICCI Provincia di Firenze VARIANTE PEEP BADIA A SETTIMO E SAN

Dettagli

2. REDAZIONE DI RELAZIONE TECNICA E GEOLOGICA FINALE

2. REDAZIONE DI RELAZIONE TECNICA E GEOLOGICA FINALE PREMESSA Con la presente si espone il programma dettagliato delle indagini geognostiche necessarie per la redazione della Relazione geologica e della relazione geotecnica relative agli interventi di Riqualificazione

Dettagli

1.1 Zona geotecnica 1: piano generale terrazzato della pianura

1.1 Zona geotecnica 1: piano generale terrazzato della pianura Comune di Cigole PROVINCIA DI BRESCIA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO NORME GEOLOGICHE 1 Caratterizzazione geotecnica del territorio All'interno del territorio comunale, possono essere distinte 3 diverse

Dettagli

COMUNE DI CALVENZANO. Relazione Tecnica Generale Relazione Geologica ed Idrogeologica Caratteristiche costruttive dell opera di derivazione

COMUNE DI CALVENZANO. Relazione Tecnica Generale Relazione Geologica ed Idrogeologica Caratteristiche costruttive dell opera di derivazione Dr. Geol. Francesco SERRA GEOLOGIA TECNICA e SERVIZI per l AMBIENTE Sede legale: Via XXV aprile 17 Ufficio: Via Amati, 2 26027 Rivolta d Adda (CR) Tel.:0363.79065; Fax: 0363.707620; e-mail : geoserra@serrafra.191.it

Dettagli

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane FENOMENI FRANOSI I fenomeni franosi o movimenti di versante sono movimenti di materiale (roccia, detrito, terra) lungo un versante. Essi rientrano nella categoria più generale dei movimenti di massa, ovvero

Dettagli

Comune di Rosignano Marittimo

Comune di Rosignano Marittimo Comune di Rosignano Marittimo Regolamento urbanistico Approfondimenti del quadro conoscitivo Studio geologico,idrogeologico e geotecnico finalizzato alla verifica delle condizioni di stabilità e progetto

Dettagli

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE Premessa (I) Le carte geologiche danno evidenza alla geologia di un territorio, illustrando in estrema sintesi la sostanza di cui questo è fatto. Esse vengono

Dettagli

COMUNE DI FANO RELAZIONE GEOLOGICO TECNICA PER LA SOPRELEVAZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE SITO IN FANO VIA RINALDUCCI

COMUNE DI FANO RELAZIONE GEOLOGICO TECNICA PER LA SOPRELEVAZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE SITO IN FANO VIA RINALDUCCI COMUNE DI FANO RELAZIONE GEOLOGICO TECNICA PER LA SOPRELEVAZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE SITO IN FANO VIA RINALDUCCI COMMITTENTE: MANCINELLI GIUSEPPINA OPERA DELL INGEGNO RIPRODUZIONE VIETATA OGNI

Dettagli

Relazione geotecnica A-06

Relazione geotecnica A-06 Relazione geotecnica A-06 Elaborato A-06.doc Settembre 2009 1 Emissione Ing. Cosimo Convertino Ing. Nicola Mori Ing. Remo Chiarini INDICE 1. Introduzione... 3 2. Inquadramento generale dell area di intervento...

Dettagli

INDICE CARATTERISTICHE GENERALI DELLO STUDIO 2. Premessa 2. Ubicazione dell area 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO, GEOMORFOLOGICO E IDROGEOLOGICO 3

INDICE CARATTERISTICHE GENERALI DELLO STUDIO 2. Premessa 2. Ubicazione dell area 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO, GEOMORFOLOGICO E IDROGEOLOGICO 3 INDICE CARATTERISTICHE GENERALI DELLO STUDIO 2 Premessa 2 Ubicazione dell area 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO, GEOMORFOLOGICO E IDROGEOLOGICO 3 Caratteristiche geomorfologiche e geologiche 3 Caratteristiche

Dettagli

Terme, con delibera della G.M. N 133 del 26 febbraio 2002, per la redazione della

Terme, con delibera della G.M. N 133 del 26 febbraio 2002, per la redazione della INTEGRAZIONE ALLE INDAGINI GEOGNOSTICHE E RIVISITAZIONE DEL MODELLO GEOLOGIGICO RELATIVAMENTE ALL URBANIZZAZIONE DEL PIP COMMERCIALE 1 LOTTO FUNZIONALE I sottoscritti geologi Anna Garippa e Gianluca Tullio,

Dettagli

OGGETTO: REALIZZAZIONE DI FABBRICATO RESIDENZIALE SITO IN VIA BARABINO IN COMUNE DI SANREMO. PIANO DI MONITORAGGIO PRELIMINARE.

OGGETTO: REALIZZAZIONE DI FABBRICATO RESIDENZIALE SITO IN VIA BARABINO IN COMUNE DI SANREMO. PIANO DI MONITORAGGIO PRELIMINARE. Studio di Ingegneria Civile Dott. Ing. Massimo Carli Studio di Geologia Tecnica Dott. Geol. Roberto Castellano Via Matteotti n 18, 18014 Ospedaletti (IM) Via Manzoni n 75, 18038 Sanremo (IM) Tel. 0184/689368

Dettagli

CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti

CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti CORSO DI GEOLOGIA APPLICATA-Cremona SISTEMA IDROLOGICO Un sistema idrologico è un sistema dinamico che rappresenta una frazione del ciclo globale dell acqua

Dettagli

COMUNE DI CANEVINO ALLEGATO A PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI CANEVINO ALLEGATO A PROVINCIA DI PAVIA PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI CANEVINO ADEGUAMENTO DELLO STUDIO GEOLOGICO, IDROGEOLOGICO E SISMICO AI SENSI DELLA D.G.R. N. 8/1566 E DELLA D.G.R. N. 8/7374 CRITERI ED INDIRIZZI PER LA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI INDICE 1. INTRODUZIONE pag. 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI pag. 2 3. STRUTTURA GEOLOGICA DEL SITO pag. 2 4. PROGETTO DELLE INDAGINI GEOGNOSTICHE pag. 3 5. RISULTATI PROVE DI LABORATORIO / IN SITO pag. 4 6.

Dettagli

Problematiche di carattere geologico ed idrogeologico preliminari alla progettazione

Problematiche di carattere geologico ed idrogeologico preliminari alla progettazione Seminario tecnico PROGETTARE LE DISCARICHE: ASPETTI TEORICI E PRATICI Organizzato da: Con il patrocinio di: Problematiche di carattere geologico ed idrogeologico preliminari alla progettazione Roma, 4

Dettagli

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico / COMMITTENTE: Comune di VARENNA Provincia di Lecco PROGETTO: Costruzione di una nuova rotatoria all intersezione di viale Polvani con la strada provinciale 72 in comune di Varenna Progetto definitivo

Dettagli

Piano Particolareggiato di iniziativa pubblica P.E.E.P. N.60 Via SALVO D ACQUISTO EST Z.E.2450 -Area 01

Piano Particolareggiato di iniziativa pubblica P.E.E.P. N.60 Via SALVO D ACQUISTO EST Z.E.2450 -Area 01 2007 Tav. O Piano Particolareggiato di iniziativa pubblica P.E.E.P. N.60 Via SALVO D ACQUISTO EST Z.E.2450 -Area 01 RELAZIONE GEOLOGICA E ANALISI GEOTECNICA DEL TERRENO Adottato con Del. di C.C. N. 82

Dettagli

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti (da BINI, 1990) Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti La descrizione dettagliata di sezioni

Dettagli

61 Ghiacciaio della Capra

61 Ghiacciaio della Capra IT4L01451010 61 Ghiacciaio della Capra Gruppo montuoso: Gran Paradiso, Alpi Graie, Alpi Occidentali Bacino idrografico: Lago Serrù, Orco, PO Comune: Ceresole Reale, Torino, Piemonte, Italia DOVE SI TROVA

Dettagli

TRANS ADRIATIC PIPELINE PROJECT OFFSHORE PIPELINE DETAIL DESIGN

TRANS ADRIATIC PIPELINE PROJECT OFFSHORE PIPELINE DETAIL DESIGN Rev. Sh. 2 of 21 INDICE 1 Premessa... 3 2 NEARSHORE Indagine Geofisica Batimetria e Geofisica... 4 2.1 Analisi dati... 4 2.2 risultati... 7 3 NEARSHORE Indagine Geofisica Sismica a Rifrazione... 8 3.1

Dettagli

Ristrutturazione del complesso ENAV di Roma ACC - Ciampino Roma Progetto definitivo delle strutture - RELAZIONE GEOTECNICA

Ristrutturazione del complesso ENAV di Roma ACC - Ciampino Roma Progetto definitivo delle strutture - RELAZIONE GEOTECNICA INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 2 3 SISMICITA DELL AREA... 3 4 LE INDAGINI GEOGNOSTICHE... 3 5 ASPETTI IDROGEOLOGICI GENERALI... 5 6 ASPETTI GEOTECNICI DEL PROGETTO LE STRUTTURE FONDALI...

Dettagli

Via XXV Aprile, 18 - Rovato COMUNE DI PALAZZOLO SULL OGLIO PROVINCIA DI BRESCIA UPGRADING DEL DEPURATORE COMUNALE DI PALAZZOLO SULL OGLIO

Via XXV Aprile, 18 - Rovato COMUNE DI PALAZZOLO SULL OGLIO PROVINCIA DI BRESCIA UPGRADING DEL DEPURATORE COMUNALE DI PALAZZOLO SULL OGLIO Via XXV Aprile, 18 - Rovato COMUNE DI PALAZZOLO SULL OGLIO PROVINCIA DI BRESCIA UPGRADING DEL DEPURATORE COMUNALE DI PALAZZOLO SULL OGLIO PROGETTO DEFINITIVO R.2.1 Relazione geologica-geotecnica Rovato,

Dettagli

IL MODELLO MATEMATICO DEL FLUSSO IDRICO NEGLI ACQUIFERI

IL MODELLO MATEMATICO DEL FLUSSO IDRICO NEGLI ACQUIFERI Studio della conoide alluvionale del Fiume Taro per la realizzazione di un modello idrogeologico per la gestione sostenibile delle risorse idriche IL MODELLO MATEMATICO DEL FLUSSO IDRICO NEGLI ACQUIFERI

Dettagli

LAVORI DI CONSOLIDAMENTO DI UN TRATTO DI SCARPATA A VALLE DI VIA FONTANA ORO CON RIPRISTINO DELLA VIABILITA

LAVORI DI CONSOLIDAMENTO DI UN TRATTO DI SCARPATA A VALLE DI VIA FONTANA ORO CON RIPRISTINO DELLA VIABILITA Regione Piemonte PREMESSA A seguito di incarico determinazione del Responsabile del Servizio n. 538/132 del 06.12.2012 ( è stato redatto il seguente progetto DEFINITIVO ESECUTIVO dopo l approvazione del

Dettagli

RELAZIONE DELLA I FASE DELLA RICERCA

RELAZIONE DELLA I FASE DELLA RICERCA CONVENZIONE DI RICERCA PER LA REDAZIONE DELLA MAPPA DEL RISCHIO SISMICO REGIONALE AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE RELAZIONE DELLA I FASE DELLA RICERCA Premessa Il presente rapporto viene redatto alla chiusura

Dettagli

P.I. COMUNE DI LAZISE Provincia di Verona

P.I. COMUNE DI LAZISE Provincia di Verona COMUNE DI LAZISE Provincia di Verona P.I. PIANO DEGLI INTERVENTI Elaborato Revisione negli ambiti puntuali di approfondimento dei limiti di zona Relazione di compatibilità geologica ed idraulica Edizione

Dettagli

MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO. Geol. Fabio Garbin

MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO. Geol. Fabio Garbin MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO Geol. Fabio Garbin Preparazione all Esame di Stato, Roma 8 aprile 2011 Riferimenti Normativi essenziali D.M. 14.01.2009: Approvazione delle nuove Norme Tecniche sulle

Dettagli

STUDIO GEOLOGICO RIVOLTA E GRASSI

STUDIO GEOLOGICO RIVOLTA E GRASSI 1. PREMESSA Su incarico del Committente è stata svolta un indagine geologica preliminare allo scopo di verificare la natura dei terreni, l assetto geologico e geomorfologico, nonché la presenza di eventuali

Dettagli

M E T O D O L O G I A D I A N A L I S I

M E T O D O L O G I A D I A N A L I S I SEDE OPERATIVA STRADA CAVEDOLE 12/C 41126 PORTILE (MO) STUDIO GEOLOGICO E AMBIENTALE TEL E FAX +39 059 784335 CELL +39 339 8179913 DOTT.SSA CLAUDIA BORELLI e mail c.borelli@studio-borelli.191.it P. IVA

Dettagli

L opera è finalizzata alla laminazione delle piene del torrente Meduna. Orgnese. Solimbergo. Colle. Ubicazione sbarrament previsto

L opera è finalizzata alla laminazione delle piene del torrente Meduna. Orgnese. Solimbergo. Colle. Ubicazione sbarrament previsto LABORATORIO Livenza 2007 2 Workshop - 29 ottobre 2007 INVASO DI COLLE PER LA LAMINAZIONE DELLE PIENE DEL TORRENTE MEDUNA - COMUNE DI ARBA (PN) Le problematiche geologiche, idrogeologiche e geotecniche

Dettagli

Sommario ELENCO FIGURE: FIG 1 COROGRAFIA FIG 2 CARTA GEOLOGICA DEL PGT FIG 3 CARTA GEOMORFOLOGICA DEL PGT FIG 4 CARTA IDROGEOLOGICA DEL PGT

Sommario ELENCO FIGURE: FIG 1 COROGRAFIA FIG 2 CARTA GEOLOGICA DEL PGT FIG 3 CARTA GEOMORFOLOGICA DEL PGT FIG 4 CARTA IDROGEOLOGICA DEL PGT 1 Sommario 1. PREMESSA... 2 1.1. Normativa di riferimento... 2 1.2. Descrizione della struttura... 2 2. MODELLAZIONE GEOLOGICA... 2 2.1. Inquadramento geologico e stratigrafia del sito... 2 2.2. Inquadramento

Dettagli

VARIANTE STRUTTURALE 03/09

VARIANTE STRUTTURALE 03/09 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI MONTANERA PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE STRUTTURALE 03/09 (ai sensi art. 1 L.R. 1/07) RELAZIONE GEOLOGICO TECNICA SULLE AREE DII NUOVA ESPANSIIONE

Dettagli

Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI

Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI Il trasporto a superficie libera presenta, rispetto a quello in pressione, il vantaggio che l acqua è ovunque a pressione molto bassa. È possibile quindi impiegare

Dettagli

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA GREEN ENERGY S.r.l. Vicolo del Divino Amore n 2/C, 00047 Marino (RM) IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA Comune di Acquapendente (VT) DOMANDA DI CONCESSIONE DI DERIVAZIONE Ai sensi

Dettagli

Bureau d études TSE3 Gruppo di progetto TSE3 BG-AMBERG LOMBARDI-ARCADIS-TECNIMONT-STUDIO QUARANTA-SEA CONSULTING-ITALFERR-INEXIA-SYSTRA

Bureau d études TSE3 Gruppo di progetto TSE3 BG-AMBERG LOMBARDI-ARCADIS-TECNIMONT-STUDIO QUARANTA-SEA CONSULTING-ITALFERR-INEXIA-SYSTRA 1 INTRODUZIONE La realizzazione delle opere della nuova linea ad alta velocità Torino-Lione (N.L.T.L.) interessa a cielo aperto la piana delle Chiuse tra la pk 83+003, imbocco Ovest del Tunnel dell Orsiera

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO... 2 3 STRATIGRAFIA PRESUNTA DEI TERRENI... 3 4 STIMA PREVISIONALE DEI PARAMETRI IDROGEOLOGICI E CHIMICO-FISICI...

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO... 2 3 STRATIGRAFIA PRESUNTA DEI TERRENI... 3 4 STIMA PREVISIONALE DEI PARAMETRI IDROGEOLOGICI E CHIMICO-FISICI... COMMITTENTE: GEOLOGO: COLLABORATRICE: SIG.RA SARA LEUCI DR. GEOL. ERALDO SANTARNECCHI DOTT.SSA GEOL. CINZIA LOCCI DATA: GENNAIO 2013 SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO... 2 2.1 Ubicazione... 2 2.2

Dettagli

COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GORVERNO DEL TERRITORIO COMUNALE DI BEDULITA (BG) Integrazioni

COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GORVERNO DEL TERRITORIO COMUNALE DI BEDULITA (BG) Integrazioni COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GORVERNO DEL TERRITORIO COMUNALE DI BEDULITA (BG) Integrazioni Norma di riferimento: D.g.r. 30 novembre 2011 - n. IX/2616 Aggiornamento dei Criteri

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE ALLEGATO N. 2 LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE Le seguenti linee di indirizzo per la redazione della relazione geologica e relazione

Dettagli

Jacopo De Sanctis, F. Marconi, M. Rosati, G. Mingrone Sogin SpA. Torino, 14-15 Ottobre 2015. Italian DHI Conference 2015

Jacopo De Sanctis, F. Marconi, M. Rosati, G. Mingrone Sogin SpA. Torino, 14-15 Ottobre 2015. Italian DHI Conference 2015 Modelli numerici finalizzati allo studio del rilascio e del trasporto dei contaminanti radioattivi nelle acque sotterranee. Caso studio: sito di Saluggia Jacopo De Sanctis, F. Marconi, M. Rosati, G. Mingrone

Dettagli

IG INGEGNERIA GEOTECNICA

IG INGEGNERIA GEOTECNICA INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO DELLA TORRE DI BARBARESCO (CN) E DEL SOTTOSTANTE COSTONE ROCCIOSO Attività professionali svolte e/o in corso: Progetto esecutivo delle opere di sostegno e di fondazione Località:

Dettagli

PROVINCIA DI VENEZIA

PROVINCIA DI VENEZIA PROVINCIA DI VENEZIA ENERGIE RINNOVABILI PER LA CLIMATIZZAZIONE: GEOSCAMBIO IN PROVINCIA DI VENEZIA SOSTENIBILITA E REGOLAMENTAZIONE Sonde geotermiche verticali: esempi di installazione e sistemi di monitoraggio

Dettagli

SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOGRAFICO E STORICO DELL AREA... 2 3 INQUADRAMENTO GEOLOGICO DELL AREA... 6 4 INQUADRAMENTO MORFOLOGICO

SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOGRAFICO E STORICO DELL AREA... 2 3 INQUADRAMENTO GEOLOGICO DELL AREA... 6 4 INQUADRAMENTO MORFOLOGICO SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOGRAFICO E STORICO DELL AREA... 2 3 INQUADRAMENTO GEOLOGICO DELL AREA... 6 4 INQUADRAMENTO MORFOLOGICO DELL AREA... 8 5 DATI LITOSTRATIGRAFICI DI DETTAGLIO...

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

ALPENGEO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI SANT AMBROGIO

ALPENGEO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI SANT AMBROGIO ALPENGEO dott. geologo Michele TARABIONO Geologo libero professionista Consulente Tecnico del Giudice e Perito presso il Tribunale di Torino 1 Strada Truc Carlevè 10090 VILLARBASSE Torino cell.347-4513866

Dettagli

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ]

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ] Idrogeologia Oltre alle proprietà indici del terreno che servono a classificarlo e che costituiscono le basi per utilizzare con facilità l esperienza raccolta nei vari problemi geotecnici, è necessario

Dettagli

ASTRA Srl. A cura di: Dott. Geol. R. Cortiana Dott. Geol. F. Valentini Dott. D. Sorrenti

ASTRA Srl. A cura di: Dott. Geol. R. Cortiana Dott. Geol. F. Valentini Dott. D. Sorrenti Dott. Geol. Riccardo Cortiana r.cortiana@geotecnoindagini.it Via Liguria 1 20900 Monza Telefono e fax 039 837656 geotecnoindagini@pec.it Dott. Geol. Filippo Valentini f.valentini@geotecnoindagini.it ASTRA

Dettagli

Contenuti della carta geomorfologica ufficiale

Contenuti della carta geomorfologica ufficiale Dati litologici Vengono distinti il substrato e le formazioni superficiali. Per formazioni superficiali si intendono i depositi direttamente collegati con l evoluzione del rilievo attualmente osservabile,

Dettagli

INDICE 2. UBICAZIONE E INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 3. INDAGINI GEOGNOSTICHE...5. 3.1 Prova penetrometrica statica - CPT...5

INDICE 2. UBICAZIONE E INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 3. INDAGINI GEOGNOSTICHE...5. 3.1 Prova penetrometrica statica - CPT...5 INDICE 1. PREMESSA...3 2. UBICAZIONE E INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 3. INDAGINI GEOGNOSTICHE...5 3.1 Prova penetrometrica statica - CPT...5 3.2 Sondaggi geognostici...6 4. LITOSTRATIGRAFIA...6 5. CARATTERIZZAZIONE

Dettagli