ELEMENTI DI PROGETTAZIONE FOTOVOLTAICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ELEMENTI DI PROGETTAZIONE FOTOVOLTAICO"

Transcript

1 ELEMENTI DI PROGETTAZIONE FOTOVOLTAICO

2

3 INDICE GENERALE Mercato del fotovoltaico Tecnologia delle celle fotovoltaiche Componenti d'impianto Configurazione dell'impianto Soluzioni d'impianto PV Il Conto Energia

4 IL MERCATO DEL FOTOVOLTAICO

5 IL MERCATO DEL FOTOVOLTAICO 5

6 POTENZA ANNUALE INSTALLATA NEL MONDO 6

7 POTENZA ANNUALE INSTALLATA NEL MONDO 7

8 POTENZA INSTALLATA PER AREA IN EU NEL 2006 MW Mln Mln ,5 Mln 58 Mln 32 Mln 25 Mln 13,7 Mln 10,5 Mln 6,2 Mln EU DE ES IT FR AT UK BE GR 8

9 POTENZA INSTALLATA PER AREA IN EU NEL

10 POTENZA ANNUALE INSTALLATA IN ITALIA 540 Mln MW 240 Mln Mln 26 Mln 30 Mln 70 Mln anno (*) (*) stima Riello S.p.A. 10

11 POTENZA ANNUALE INSTALLATA IN ITALIA 11

12 I PRODUTTORI DI CELLE FOTOVOLTAICHE MW Q-Cells Sharp Suntech Kyocera First Solar Photon International 12

13 I PRODUTTORI DI CELLE FOTOVOLTAICHE 13

14 QUOTE DI MERCATO PER TIPOLOGIA DI CELLE Film sottile quota % 55% Silicio amorfo Silicio policristallino 35% Silicio monocristallino 14

15 QUOTE DI MERCATO PER TIPOLOGIA DI CELLE 15

16 TECNOLOGIA DELLE CELLE FOTOVOLTAICHE

17 TECNOLOGIA DELLE CELLE FOTOVOLTAICHE 17

18 TIPOLOGIE DI CELLE silicio monocristallino efficienza: 13-17% Celle in silicio silicio policristallino efficienza: 11-15% silicio amorfo efficienza: 6-8% Celle a film sottile CIS (copper indium diselinide) CIGS (copper indium gallium diselinide) efficienza: 7-9% CdTe (telloruro di cadmio) efficienza: 6-9% 18

19 TIPOLOGIE DI CELLE Silicio Celle in silicio cristallino: maggiore efficienza disponibile stabilità delle prestazioni nel tempo ampia disponibilità Celle in silicio amorfo: possibilità di creare film di spessore di 1-2 mm basso impiego di materiale utilizzabili supporti flessibili o vetrosi problemi di stabilità nel tempo basso costo di produzione ridotta efficienza Film sottile Celle in CIS/CIGS: materiali poco costosi processo facilmente automatizzabile buona stabilità maggiore tolleranza agli ombreggiamenti minore influenza della temperatura Celle in CdTe: ridotta efficienza della cella nell insieme del modulo tecnologia non ancora standardizzata 19

20 ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DEL SILICIO cristallizzazione Silicio monocristallino solidificazione Estrazione della quarzite Riduzione e purificazione Silicio policristallino nessuna cristallizzazione Silicio amorfo 20

21 ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DEL SILICIO Estrazione della quarzite. Riduzione della quarzite a Si metallurgico in forno ad arco (1500 C) SiO 2 + 2C Si + 2CO (1500 C) Purificazione a Si elettronico Si + 3HCl SiHCl 3 + H 2 SiHCl 3 + H 2 Si + 3HCl Produzione del lingotto di Si monocristallino (cristallizzazione Czochralsky) o Si policristallino (solidificazione direzionale). Produzione del wafer tramite taglio del lingotto. 21

22 CARATTERISTICHE DELLE CELLE FOTOVOLTAICHE efficienza mq per kwp Si monocristallino 13-17% 7-9 mq Si policristallino 11-15% 8-9 mq Si amorfo 6-8% mq 22

23 CARATTERISTICHE DELLE CELLE FOTOVOLTAICHE Celle in silicio monocristallino: Maggiore efficienza Maggiore sensibilità alla temperatura Spessore: 0,2-0,3 mm Dimensioni: 100x100mm, 125x125mm, 156x156mm Colore: blu scuro, nero Celle in silicio policristallino: Buona efficienza Minore sensibilità alla temperatura Ottimo compromesso tra efficienza e sensibilità alla temperatura Spessore: 0,23-0,35 mm Dimensioni: 125x125mm, 156x156mm, 210x210mm Colore: blu Celle in silicio amorfo Ridotta efficienza Bassa sensibilità alla temperatura Possibilità di creare forme a scelta (elevata integrazione architettonica) Dimensioni: max modulo 2x3m Spessore substrato vetroso: 1-3mm Spessore silicio: 0,001mm 23

24 LA PRODUZIONE DELLE CELLE IN Si POLICRISTALLINO Wafer grezzo Lisciatura superficiale Grigliatura superficiale 24

25 LA PRODUZIONE DELLE CELLE IN Si POLICRISTALLINO Il wafer, caricato positivamente per mezzo di drogaggio con boro, presenta sulla sua superficie delle irregolarità che potrebbero originare fenomeni dei riflessione rilevanti. Il trattamento di lisciatura elimina le rugosità superficiali e rende la cella pronta ai successivi trattamenti superficiali. Per aumentare la superficie sensibile della cella vengono fatte delle grigliature regolari che migliorano il rendimento della cella. 25

26 LA PRODUZIONE DELLE CELLE IN Si POLICRISTALLINO fosforo - fosforo - fosforo - fosforo - Drogaggio Trattamento antiriflesso 26

27 LA PRODUZIONE DELLE CELLE IN Si POLICRISTALLINO Per attivare l effetto fotoelettrico la cella viene caricata negativamente sulla parte superficiale. Il drogaggio negativo viene eseguito con fosforo in forno a 900 C. La cella si trova ad avere due polarità differenti sulle due superfici e risulta ora fotosensibile. Per conferire alla superficie esposta (-) alla radiazione solare un maggiore assorbimento, viene fatto un trattamento antiriflesso che conferisce una colorazione blu. La cella ha uno spessore complessivo di 250 μm, con lo strato n di circa 0,5 μm. 27

28 LA PRODUZIONE DELLE CELLE IN Si POLICRISTALLINO Grigliatura secondaria Posizionamento bus line e griglia secondaria Bus line Deposizione posteriore posizionamento bus line posteriori 28

29 LA PRODUZIONE DELLE CELLE IN Si POLICRISTALLINO Per consentire il flusso di cariche vengono posizionati sulla superficie esposta i bus line e una griglia secondaria composti da una lega di argento per ridurre al minimo le resistenza elettriche. Il processo viene eseguito con fissaggio a 200 C. Griglia e bus line hanno spessore studiato in modo da ridurre la loro superficie occupata senza compromettere il rendimento della cella per eccessive resistenze elettriche. Posteriormente, non essendo la zona sensibile alla luce, viene eseguita una deposizione di pasta di alluminio su tutta la superficie e successivamente si pongono i bus line. 29

30 LA PRODUZIONE DELLE CELLE IN Si POLICRISTALLINO Affondamento dei bus line Taglio laser dei bordi 250 μm 0,5 μm Antiriflesso blu Bus N Giunzione P-N P Bus Alluminio 30

31 LA PRODUZIONE DELLE CELLE IN Si POLICRISTALLINO La superficie che ha subito il trattamento antiriflesso possiede uno stato non conduttivo e le cariche non riescono ad attraversarlo per arrivare al bus. Per ottenere un ottimale flusso sia nei bus superiori che inferiori questi vengono affondati (processo in forno a 900 C per 20 minuti) fino ad a vere un contatto con la parte interna della cella. Il taglio al laser lungo i bordi elimina eventuali cortocircuitazioni lungo il perimetro della cella. 31

32 L EFFETTO FOTOVOLTAICO 32

33 L EFFETTO FOTOVOLTAICO La radiazione solare che incide sulla parte n delle celle genera delle coppie elettrone-lacuna in entrambe le zone n e p. Il campo elettrico separa gli elettroni in eccesso generati dall assorbimento della luce dalle rispettive lacune, spingendoli in direzioni opposte (gli elettroni verso la zona n e le lacune verso la zona p) per cui si genera una differenza di potenziale. Se si connette la giunzione p-n con un conduttore, nel circuito esterno si otterrà un flusso di elettroni che parte dallo strato n, a potenziale maggiore, verso lo strato p, a potenziale minore. Fino a quando la cella resta esposta alla luce, l'elettricità fluisce con regolarità sotto forma di corrente continua. Valori tipici di una cella: U= 0,5V; I= 7A. 33

34 INFLUENZA DELL IRRAGGIAMENTO Corrente I (A) Voltaggio U (V) 34

35 INFLUENZA DELL IRRAGGIAMENTO La potenza erogata da una cella fotovoltaica, e quindi anche dal modulo, è legata alla corrente generata. Questa dipende direttamente dall irraggiamento incidente e ciò determina la potenza istantanea disponibile. E evidente che la maggiore produzione si avrà in giornate serene e durante le ore in cui i raggi solari risultano il più prossimi alla perpendicolare del pannello. Per ogni curva di funzionamento sono definiti i seguenti punti caratteristici: Tensione a vuoto (Uoc): intercetta sull asse U (V); valori tipici: 0,600-0,615V Corrente di corto circuito (Isc): intercetta sull asse I (A); valori tipici: 7,85-8,25A Punto di massima potenza (MPP): punto prossimo al ginocchio della curva; valori tipici: 3,6-3,8 Wp. 35

36 EFFETTO DELLA TEMPERATURA Corrente I (A) Voltaggio U (V) 36

37 EFFETTO DELLA TEMPERATURA Le celle fotovoltaiche subiscono una diminuzione di resa all aumentare della loro temperatura. Le celle a film sottile sono quelle che meno risentono di questo effetto mentre le celle in silicio monocristallino sono le più sensibili. In linea generale la perdita di potenza per ogni grado centigrado in più è di circa il 0,5%. A titolo esemplificativo, una cella funzionante a 55 C (30 C in più rispetto ai 25 C di test) ha una perdita del 15%. Per limitare l innalzamento della temperatura di funzionamento, va sempre valutato il livello di aerazione in quanto i moduli solitamente hanno temperature di funzionamento oscillanti tra i 40 C e i 70 C. I valori caratteristici di una cella Q-CELLS in silicio policristallino è pari a -0,43%W/ C. I valori che mediamente si riscontrano in celle in Si monocristallino sono di -0,5%W/ C. In zone calde, come il sud Italia, una minore perdita per temperatura è fondamentale per l efficienza del sistema. 37

38 ASSEMBLAGGIO DEL MODULO Assemblaggio del modulo + - Diodo di by-pass Collegamento delle celle cornice alluminio sigillante vetro EVA tedlar celle Sigillamento del modulo 38

39 ASSEMBLAGGIO DEL MODULO Le celle, per poter essere meglio sfruttate e protette vengono collegate per creare il modulo con le seguenti fasi: collegamento in serie delle celle fino ad ottenere la forma e/o la potenza voluta collegamento in parallelo di 2 o 3 gruppi di celle con diodi di by-pass pressatura sottovuoto delle celle tra due lamine di EVA assemblaggio con vetro antiriflesso superiormente e tedlar (resistente ai raggi UV) posteriormente inserimento lungo il bordo di una cornice in alluminio. 39

40 EFFETTO DELL OMBREGGIAMENTO Corrente I (A) Voltaggio U (V) 40

41 EFFETTO DELL OMBREGGIAMENTO Nel collegamento in serie, una cella ombreggiata non eroga più corrente e diventa per le altre un assorbitore. Questo passaggio di corrente nella cella comporta un innalzamento localizzato della temperatura (hot spot) e porta al danneggiamento. Per impedire tale fenomeno, gruppi di celle vengono collegati in parallelo tramite dei diodi di bypass (2 o 3 a seconda del costruttore). In caso di ombreggiamento parziale del modulo, quella porzione viene saltata ed la curva caratteristica viene modificata. Senza diodi la corrente del modulo verrebbe determinata da quella della cella ombreggiata e quindi una porzione del modulo comunque rimane produttiva. 41

42 COMPONENTI DELL IMPIANTO

43 I COMPONENTI DELL IMPIANTO 43

44 IL MODULO FOTOVOLTAICO Caratteristiche: - Dimensioni: 992x1507x33mm - 54 celle in silicio policristallino 156 x 156 mm - Profilo in alluminio con angolari arrotondati - Scatola posteriore con 3 diodi di by-pass e prese Tyco-Solarlok - Grado di protezione: classe II, IP 65 - Certificati secondo EN 61215: Vetro: Solatex 3,2 mm - Materiale di accoppiamento: Etimex - Materiale retro pannello: Isovolta DATI TECNICI THE/SOL PV Pmpp Umpp Impp Uoc Isc W V A V A THE/SOL PV ,11 7,40 32,62 7,85 THE/SOL PV ,10 7,45 32,69 7,89 THE/SOL PV ,57 7,63 32,98 8,04 Coefficienti di temperatura: Pmpp: 0,46 %/K Uoc: -116,1 mv/k Isc: +4,4 ma/k Tolleranza di resa: +/- 4,5 % Tensione massima del sistema 1000 V DC Condizioni di prova: AM 1,5 I= 1000 W/m 2 T= 25 C 44

45 IL MODULO FOTOVOLTAICO Le tabelle tecniche dei moduli sono sempre riferite a determinate condizioni di prova: irraggiamento: 1000 W/q massa d aria: 1,5 temperatura del modulo: 25 C. A queste condizioni si determinano i parametri elettrici del modulo al cosiddetto punto di massima potenza o di picco: Pmpp (W): potenza di picco erogata Umpp (V): tensione corrispondente alla Pmpp Impp (A): corrente corrispondente alla Pmpp. Altri parametri per definire le condizioni limite sono: Uoc (V): tensione a circuito aperto Isc (A): corrente di cortocircuito Coefficienti di temperatura: definiscono la perdita di resa all aumentare della temperatura. Vengono utilizzati dai simulatori dinamici (tipo PVSOL) per calcolare la produzione energetica in determinate condizioni climatiche. Tolleranza di resa: indica il range in cui ricade la potenza reale di picco del modulo; un valore ridotto, oltre ad essere indice di test accurati su celle e modulo, consente di ridurre le perdite da mismatch. Tensione massima di sistema: maggiore è il valore più alte sono le tensioni con cui si può far lavorare il sistema, riducendo così le perdite. 45

46 LE STRUTTURE DI FISSAGGIO A incasso nel tetto Su tetto inclinato (retrofit) Su tetto piano A terra 46

47 LE STRUTTURE DI FISSAGGIO Totalmente integrato migliore effetto architettonico maggiore difficoltà di installazione perdite di resa fino al 20% per l innalzamento delle temperatura utilizzabile solo con tetti ventilati inclinazione minima da rispettare (usualmente 25 ). Sovrapposto a tetto ridotto impatto estetico facile installazione utilizzabile sulla maggior parte di coperture sufficiente aerazione inclinazione minima di 15 per avere un effetto di autopulizia. Su tetto piano o a terra elevata superficie richiesta per mantenere la distanza minima tra le file maggiore esposizione al vento e al carico alla neve maggiore impegno progettuale per l adattamento alle diverse tipologie di coperture. 47

48 I QUADRI DI PARALLELO Barre di parallelo in rame Diodi di stringa Collegamento stringhe Sezionatore 48

49 I QUADRI DI PARALLELO Svolge la funzione di mettere in parallelo le varie stringhe di moduli in modo da immettere nell inverter la corrente generata con due sole connessioni. Protegge dalle sovratensioni i moduli e l inverter. Contiene i fusibili di stringa per proteggere da sovraccarico i moduli fotovoltaici ad i cavi di stringa. Contiene l interruttore principale in modo da sezionare il campo fotovoltaico. Opzionalmente possono contenere i collegamenti per sensori ausiliari per monitorare le singole le stringhe e per la gestione di un sistema antifurto. 49

50 L INVERTER 50

51 L INVERTER Converte la corrente continua fornita dal generatore fotovoltaico in alternata di qualità comparabile con quella della rete elettrica per l immissione in rete. Da una opportuna forma d onda all output. Regola il valore effettivo del voltaggio di output. Massimizza l energia prodotta dal generatore fotovoltaico (MPPT) al variare dell uscita del generatore fotovoltaico. Efficienza: 85-95%. Indicazioni progettuali: tenere un rapporto tra potenza inverter e generatore fotovoltaico tra 0,9-1,0 l intervallo di tensione della variazione del punto di massima potenza del campo fotovoltaico deve ricadere nel range di ricerca dell MPP dell inverter la tensione massima del generatore non deve mai superare la massima ammissibile dell inverter installare l inverter in ambienti con possibilità di ricambio d aria. 51

52 I CAVI 52

53 I CAVI I cavi del circuito lato continua e i cavi del circuito del lato alternata devono percorrere tubi e/o canaline separate e distinte. I cavi in corrente continua devono avere i seguenti requisiti : devono essere in grado di sostenere la corrente di corto circuito tra i poli e verso terra resistere ai raggi UV, e alle variazioni di temperatura (-40 C -20 C) devono essere dimensionati in modo tale che le perdite siano contenute al minimo (<2%) essere flessibili, sottili, leggeri e maneggevoli devono ammettere una tensione massima = 2kV resistere al fuoco, ed essere a bassa tossicità in caso di incendio. I cavi utilizzati sono: cavo tipo FG70R 0,6/1kV a doppio isolamento: per la posa su tetto per la connessione dei moduli al quadro di parallelo e/o di campo. Non necessita di elementi di protezione cavo tipo N07V-K 450/750V cordina: necessita di posa in tubo o guaina. Non utilizzabile per la connessione dei moduli sul tetto. All esterno e all esposizione ai raggi solari utilizzare tubazioni in metallo (tubazioni in materiale plastico dopo un periodo non lunghissimo di esposizione ai raggi solari potrebbero deteriorarsi) Per il cablaggio di moduli fino a 4A di corrente cc utilizzare cavi che abbiano una sezione di almeno 2,5 mm 2 ; per correnti superiori usare cavi con sezioni di 4 mm 2. La posa dei cavi non deve ostruire il deflusso dell'acqua piovana. Per le connessioni tra quadro di parallelo e/o di campo all'inverter si usano cavi tipo NYM o NYY (necessaria la prova di corto circuito trai i poli e verso terra). 53

54 L EFFICIENZA DEL SISTEMA Rendimento cella: 15% 15% Temperatura: 9% Mismatch stringhe: 8% Circuito cc: 3% Inverter: 15% Servizi ausiliari: 3% Perdite Ombreggiamento: 3% Sporcamento: 2% 10,8% Resa impianto: 10,8% 54

55 L EFFICIENZA DEL SISTEMA Temperatura: la temperatura aumenta le resistenze elettriche nel modulo e ne riduce la resa istantanea. Mismatch: i moduli non hanno tutti la stessa potenza ma oscillano attorno alla potenza di picco. Minore è la tolleranza di resa e più i moduli saranno simili. Una tolleranza elevata fa si che vi siano moduli di potenza inferiore che vanno a rallentare anche gli altri appartenenti alla stringa. I cavi vanno dimensionati in base alla corrente che li percorre e alla distanza da percorrere. Le perdite massime ammesse nei cavi sono del 3%. L inverter è il componente più sollecitato termicamente. La sua efficienza è legata ad una sua ottimale ventilazione. 55

56 POSIZIONAMENTO DEI PANNELLI Superficie necessaria: falda: 10 m 2 per kwp superficie orizzontale: 20 m 2 per kwp 10 m 2 /kwp 20 m 2 /kwp IRRAGGIAMENTO % RISPETTO ALL OTTIMALE Condizioni ottimali: Orientamento: sud Inclinazione: 30 INCLINAZIONE MODULI 56

57 POSIZIONAMENTO DEI PANNELLI La superficie netta di moduli per 1 kwp è di circa 8 mq. Per l installazione va sempre previsto ulteriore spazio di manovra. Le installazioni a terra o su tetto piano richiedono una superficie doppia (20 mq/kwp) rispetto all installazione su falda. L installazione su tetto ha dei costi aggiuntivi per la messa in sicurezza. Nell installazione a suolo o su tetto piano posizionare i pannelli ad un altezza da terra sufficiente per evitare l accumulo di neve alla base dei pannelli o l ombreggiamento causato dall erba. Il posizionamento migliore, alle latitudini italiane, è con orientamento/inclinazione di sud/30. 57

58 DISTANZA TRA LE FILE DI PANNELLI H A β=30 P = H x p A = H x a P D D = H x d 45 L L = H x l 44 2,40 2,20 2,00 Parametri per la distanzatra file parallele con moduli con angolo di inclinazione 30 l p a d l , ,60 1,40 1,20 1,00 0,80 0,60 0,40 0,20 0,00 47,0 46,5 46,0 45,5 45,0 44,5 44,0 43,5 43,0 42,5 42,0 41,5 41,0 40,5 40,0 39,5 39,0 38,5 38,0 37,5 37,0 36,5 36,0 35,5 35,0 Parametro d p a 37 Latitudine 58

59 DISTANZA TRA LE FILE DI PANNELLI Per il calcolo della distanza minima tra file parallele di pannelli inclinati si può utilizzare il grafico oppure le formule qui sotto. I dati fondamentali sono, in entrambe i casi: - Latitudine del luogo di installazione - H: altezza del modulo - β: inclinazione del modulo (tilt), alle nostre latitudini l angolo ottimale è 30. A = H x senβ = H x 0,5 P = H x cos β = H x 0,866 D = A x tan(23,5 -latitudine) Le formule possono essere utilizzate anche per calcolare la distanza da mantenere per evitare l ombreggiamento di un ostacolo posto a sud del campo fotovoltaico. 59

60 PRODUCIBILITA DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO Nord: kwh per kwp Centro: kwh per kwp Sud: kwh per kwp 60

61 PRODUCIBILITA DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO Ogni sito è caratterizzato da un profilo climatico proprio composto da temperatura, irraggiamento solare, velocità del vento. La radiazione solare in Italia varia da kwh per m 2 all anno al nord fino a kwh per m 2 all anno al sud. Le rese annuali possono variare di circa +/-10%. Nel semestre estivo si producono i 3/4 dell'energia producibile nell'arco dell'anno. L utilizzo di programmi di simulazione dinamica (tipo PVSOL) consente di avere in tempi rapidi e con una certa precisione la stima di produzione dell impianto. L accuratezza dei dati di partenza (località, orientamento, inclinazione, tipo componenti, configurazione) sono fondamentali per avere una corretta stima. 61

62 I COSTI DELL IMPIANTO Costi medi di manutenzione annuale: 1-1,5% dell investimento. Vita utile dell impianto: 25 anni. Suddivisione dei costi struttura 6% inverter 13% montaggio 10% sviluppo progetto 6% moduli 65% 62

63 I COSTI DELL IMPIANTO Moduli: la quota maggiore del costo di un impianto fotovoltaico è data dai moduli. Strutture: in caso di tipologie di strutture particolari la sua quota percentuale può aumentare fino al 10%. Inverter: le architetture multi-inverter hanno generalmente costi leggermente superiori. Installazione: l installazione a terra è la più semplice e veloce ma potrebbe richiedere opere di sistemazione del terreno. Progettazione: oltre a certificare l impianto, la progettazione dovrebbe comprendere anche le pratiche per l accesso agli incentivi in Conto Energia. 63

64 CONFIGURAZIONE DELL IMPIANTO

65 CRITERI DI SCELTA DELL IMPIANTO Utenza privata consumi bassi (max kwh ca. all anno) utenza monofase installazione su falda o tetto piano. Utenza uffici/artigianato/piccola industria consumi medio-bassi (max kwh ca. all anno) utenza trifase installazione su falda o tetto piano. Autoproduzione Destinato alla persona fisica o giuridica che produce energia elettrica e la utilizza in misura non inferiore al 70% annuo per uso proprio ovvero per uso delle società controllate, della società controllante e delle società controllate dalla medesima controllante, nonché per uso dei soci delle società cooperative di produzione e distribuzione dell'energia elettrica. Produzione Impianto per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. 65

66 UTENZA PRIVATA Consumo annuale (kwh) kwh esempio nord Italia Calcolo resa annuale specifica (kwh/kwp) kwh anno/kwp Calcolo potenza impianto fv richiesta per produzione=consumo P= 3.300/1.250 = 2,64 kwp Configurazione elettrica dell impianto 14 THE/SOL PV INVERTER M26 Verifica dello spazio richiesto 27 mq Sup. disponibile non sufficiente Configurazione corretta 66

67 UTENZA PRIVATA L impianto va valutato secondo il servizio di scambio sul posto: l energia prodotta viene scalata dalla bolletta. Il dato base di partenza è il consumo elettrico annuale. Tale dato è ricavabile dalla somma delle singole bollette. Il dato di una singola bolletta non ha valore rappresentativo a causa delle forti variazioni mensili e stagionali nei consumi. La resa annuale specifica di un impianto fotovoltaico deve tenere conto della località e può essere ricavata da un software di simulazione. Per sfruttare al meglio l impianto fotovoltaico in scambio sul posto, questo deve avere una produzione annuale vicina ai consumi dell utenza. La potenza di picco richiesta = consumi annuali dell utenza / resa specifica annuale. Qualora lo spazio richiesto non fosse disponibile per l installazione, si deve procedere ad una nuova configurazione riducendo la potenza dell impianto fotovoltaico. 67

68 UTENZA UFFICI/ARTIGIANATO/PICCOLA INDUSTRIA Consumo annuale (kwh) kwh esempio nord Italia Calcolo resa annuale specifica (kwh/kwp) kwh anno /kwp Calcolo potenza impianto fv richiesta per produzione=consumo P = /1.250 = 18,4 kwp Configurazione elettrica dell impianto 16 moduli THE/SOL PV 195 x 6 stringhe + inverter T 190 Verifica dello spazio richiesto 180 mq Sup. disponibile non sufficiente Configurazione corretta 68

69 UTENZA UFFICI/ARTIGIANATO/PICCOLA INDUSTRIA L impianto va valutato secondo il servizio di scambio sul posto: l energia prodotta viene scalata dalla bolletta. Il dato base di partenza è il consumo elettrico annuale. Tale dato è ricavabile dalla somma delle singole bollette. La resa annuale specifica di un impianto fotovoltaico deve tenere conto della località e può essere ricavata da un software di simulazione. Per sfruttare al meglio l impianto fotovoltaico in scambio sul posto questo deve avere una produzione annuale vicina ai consumi dell utenza. La potenza di picco richiesta = resa specifica annuale / consumi annuali dell utenza. Per questo tipo di utenze, l impianto potrebbe risultare di potenza superiore ai 20kW, limite massimo per lo scambio sul posto. Se la potenza risulta di poco superiore, conviene limitarsi ai 20kW in modo da sfruttare lo scambio sul posto. La finanziaria 2008 innalza tale valore a 200 kwp (attualmente mancano ancora i decreti attuativi). 69

70 AUTOPRODUZIONE Ciclo di consumo annuale (kwh) Calcolo resa annuale specifica (kwh/kwp) Calcolo potenza impianto fv richiesta per produzione 70% consumo Configurazione elettrica dell impianto Verifica dello spazio richiesto Sup. disponibile non sufficiente Configurazione corretta 70

71 AUTOPRODUZIONE Per potersi configurare come autoproduttore è necessario produrre energia elettrica e utilizzarla in misura non inferiore al 70% annuo. E importante avere un monitoraggio del ciclo di consumo annuale. Gli impianti di questo tipo, destinati ad utenze dai consumi elevati, sono generalmente di taglio medio-grandi. La verifica dello spazio richiesto è fondamentale in quanto è vincolante anche sulla definizione o meno del titolo di autoproduttore. Il titolo di autoproduttore consente di avere una maggiorazione del 5% sulla tariffa incentivante del Conto Energia. La restante energia non autoconsumata può essere venduta. 71

72 VENDITA Sup. disponibile non sufficiente Potenza richiesta Verifica spazio richiesto Spazio disponibile Calcolo potenza impianto fotovoltaico Calcolo resa annuale specifica (kwh/kwp) Configurazione elettrica dell impianto Configurazione corretta 72

73 VENDITA L impianto è dimensionato sulla potenza da installare o sulla superficie disponibile. La produzione energetica viene incentivata dalla tariffa del Conto Energia e venduta. La configurazione di produttore determina la denuncia di Officina Elettrica. 73

74 CRITERI GENERALI DI DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO Potenza impianto Superficie disponibile Consumo energetico verifica superficie disponibile calcolo numero di pannelli calcolo potenza impianto calcolo numero pannelli calcolo potenza impianto calcolo numero di pannelli verifica configurazione elettrica verifica configurazione elettrica 74 verifica superficie disponibile verifica configurazione elettrica

75 CRITERI GENERALI DI DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO I dati disponibili determinano il punto di partenza per il dimensionamento dell impianto. I grandi impianti hanno come dato di partenza la potenza richiesta (ampio spazio a disposizione) o la superficie disponibile (non c è limite di potenza). Il dato di consumo di energia elettrica, utile se l impianto è di potenza minore o uguale a 20kW, permette di calcolare l impianto avente una produzione annuale vicina ai consumi. La verifica della configurazione elettrica è sempre necessaria ed è quella che definisce l esatta potenza e configurazione dell impianto. 75

76 CONFIGURAZIONE ELETTRICA DELL IMPIANTO Temperatura minima: -10 C Temperatura massima: +70 C Potenza campo fotovoltaico Scelta inverter: potenza inverter = 85-95% potenza del campo fv Calcolo tensione MPP a Tmin e Tmax del modulo Verifica compatibilità con corrente nominale e massima dell inverter Calcolo corrente totale stringhe Calcolo numero di stringhe Configurazione impianto definita Definizione numero moduli per stringa Calcolo numero minimo e massimo di moduli in serie per MPPT Calcolo tensione a vuoto a Tmin del modulo Calcolo numero massimo di moduli in serie ammissibili 76

77 CONFIGURAZIONE ELETTRICA DELL IMPIANTO T min =-10 C ΔT min = -35 C T max =+70 C ΔT max = +45 C P nom,inv =0,85 0,95 x P nom,fv V mpp (T min )=V mpp + (ΔT min x K T,Voc ) V mpp (T max )=V mpp + (ΔT max x K T,Voc ) n mod,max = V mppt, max / V mpp (T max ) n mod,min = V mppt,min / V mpp (T min ) V oc (T min )=V oc + (ΔT min x K T,Voc ) n mod,max.amm. = V cc,max / V oc (T min ) I mpp,str = n str x I mpp <=I cc,nom I mpp,str = n str x I mpp <I cc,max Calcolo dei salti di temperatura risp. alle STC Scelta dell inverter nel corretto range di potenza risp. Al campo fotovoltaico Tensione alla temperatura minima del modulo Tensione alla temperatura massima del modulo Numero massimo di moduli per stringa Numero minimo di moduli per stringa Tensione massima raggiungibile dal modulo Numero max ammissibile di moduli per stringa Verifica corrente nominale e massima delle stringhe in ingresso all inverter 77

78 SOLUZIONI D IMPIANTO PV

79 SOLUZIONI D IMPIANTO PV 79

80 SOLUZIONI D IMPIANTO PV 2,5 kwp 80

81 SCAMBIO SUL POSTO 2,5 kwp ESEMPIO DI UN IMPIANTO INSTALLATO A FIRENZE SUD 30 UTENZA PRIVATA PARZIALMENTE INTEGRATO IN REGIME DI SCAMBIO SUL POSTO CONTO ENERGIA IN REGIME DI SCAMBIO SUL POSTO: kwh X 0,44 /kwh = SOMMA ANNUALE ACCREDITATA DAL GSE PRODUZIONE ANNUA STIMATA TARIFFA INCENTIVANTE GSE ENERGIA RISPARMIATA: kwh X 0,18 /kwh = 567 RISPARMIO SULLA BOLLETTA ENEL PRODUZIONE ANNUA STIMATA COSTO MEDIO DEL kwh ENEL RENDITA ANNUALE = RENDITA ANNUALE DELL INVESTIMENTO 81

82 SOLUZIONI D IMPIANTO PV 15 kwp 82

83 SCAMBIO SUL POSTO 15 kwp ESEMPIO DI UN IMPIANTO INSTALLATO A FIRENZE SUD 30 UTENZA INDUSTRIALE PARZIALMENTE INTEGRATO IN REGIME DI SCAMBIO SUL POSTO (PRODUZIONE = CONSUMO) CONTO ENERGIA IN REGIME DI SCAMBIO SUL POSTO: kwh X 0,42 /kwh = SOMMA ANNUALE ACCREDITATA DAL GSE PRODUZIONE ANNUA STIMATA TARIFFA GSE INCENTIVANTE ENERGIA RISPARMIATA: kwh X 0,12 /kwh = RISPARMIO SULLA BOLLETTA ENEL CONSUMO ANNUALE STIMATA COSTO MEDIO DEL kwh ENEL RENDITA ANNUALE = RENDITA ANNUALE DELL INVESTIMENTO 83

ELEMENTI DI PROGETTAZIONE FOTOVOLTAICO

ELEMENTI DI PROGETTAZIONE FOTOVOLTAICO ELEMENTI DI PROGETTAZIONE FOTOVOLTAICO INDICE GENERALE Il mercato del fotovoltaico............................................... 4 Tecnologia delle celle fotovoltaiche........................................

Dettagli

Gli impianti fotovoltaici

Gli impianti fotovoltaici Gli impianti fotovoltaici 1. Principio di funzionamento degli impianti fotovoltaici La tecnologia fotovoltaica permette di trasformare direttamente l energia solare incidente sulla superficie terrestre

Dettagli

Gli impianti fotovoltaici

Gli impianti fotovoltaici Gli impianti fotovoltaici 1. Principio di funzionamento Il principio di funzionamento dei pannelli fotovoltaici è detto "effetto fotovoltaico". L' effetto fotovoltaico si manifesta nel momento in cui una

Dettagli

ARCHITETTURA E FOTOVOLTAICO: VERSO L AUTONOMIA ENERGETICA DEGLI EDIFICI

ARCHITETTURA E FOTOVOLTAICO: VERSO L AUTONOMIA ENERGETICA DEGLI EDIFICI ARCHITETTURA E FOTOVOLTAICO: VERSO L AUTONOMIA ENERGETICA DEGLI EDIFICI Andrea Olivero 28/03/2008-1 Agenda 1. Perché installare un sistema fotovoltaico? 2. Che cos é il Conto Energia? 3. Come funziona

Dettagli

CONTO ENERGIA. Incentivazione della produzione di energia elettrica mediante l istallazione di impianti Fotovoltaici. Envipark

CONTO ENERGIA. Incentivazione della produzione di energia elettrica mediante l istallazione di impianti Fotovoltaici. Envipark CONTO ENERGIA Incentivazione della produzione di energia elettrica mediante l istallazione di impianti Fotovoltaici L energia solare La potenza radiante del sole prima di entrare nell atmosfera è in media

Dettagli

INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI, azienda giovane, flessibile e dinamica, è presente nel settore delle ENERGIE ALTERNATIVE RINNOVABILI con esperienza e professionalità. Si propone per impianti fotovoltaici

Dettagli

Energia Solare Fotovoltaica

Energia Solare Fotovoltaica Energia Solare Fotovoltaica Sezione 5 Il Progetto di un impianto fotovoltaico Corso di ENERGETICA A.A. 011/01 Docente: Prof. Renato Ricci Dipartimento di Ingegneria Industriale e Scienze Matematiche Dati

Dettagli

MAZZA OSVALDO. Via Roma, 26/a 35010 Campo San Martino (PD) IMPIANTO FOTOVOLTAICO POTENZA 3,375 KWP GRID CONNECTED

MAZZA OSVALDO. Via Roma, 26/a 35010 Campo San Martino (PD) IMPIANTO FOTOVOLTAICO POTENZA 3,375 KWP GRID CONNECTED MAZZA OSVALDO Installazione e manutenzione impianti elettrici civili ed industriali Via Roma, 26/a 35010 Campo San Martino (PD) IMPIANTO FOTOVOLTAICO POTENZA 3,375 KWP GRID CONNECTED RELAZIONE TECNICA

Dettagli

ESSEZETA fotovoltaico - pag. 1

ESSEZETA fotovoltaico - pag. 1 IMPIANTO FOTOVOLTAICO Un impianto fotovoltaico è un impianto di produzione di energia elettrica che utilizza come fonte primaria l energia solare. Il cuore dell impianto è costituito essenzialmente dai

Dettagli

PROGETTO Relazione descrittiva

PROGETTO Relazione descrittiva PARCHEGGI PISCINA E CIMITERO COMUNE DI PEGOGNAGA PROVINCIA DI MANTOVA REGIONE LOMBARDIA PROGETTO Relazione descrittiva PER LA REALIZZAZIONE DI DUE IMPIANTI FOTOVOLTAICI DA 97,92 kwp CADAUNO DATA 12 aprile

Dettagli

GUIDA CONTO ENERGIA. (DM 19 febbraio 2007)

GUIDA CONTO ENERGIA. (DM 19 febbraio 2007) GUIDA AL CONTO ENERGIA (DM 19 febbraio 2007) Sede Legale: Via Erennio Modestino, 25-00175 Roma Sede Operativa: TecnoPolo Tiburtino - Via Giacomo Peroni, 442/444-00131 Roma C.F./P.IVA: 08434491000 REA:

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

TECNOLOGIA FOTOVOLTAICA

TECNOLOGIA FOTOVOLTAICA TECNOLOGIA FOTOVOLTAICA - Che cosa è un impianto fotovoltaico? Un impianto fotovoltaico trasforma direttamente l energia solare in energia elettrica. Esso è composto essenzialmente da: moduli o pannelli

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici Impianti fotovoltaici Prof. Arch. Gianfranco Cellai Gli obblighi di legge A decorrere dal 1 gennaio 2009, nel regolamento edilizio, ai fini del rilascio del permesso di costruire, deve essere prevista,

Dettagli

Installazione di un impianto fotovoltaico oggi in Italia: dall autorizzazione al conto economico

Installazione di un impianto fotovoltaico oggi in Italia: dall autorizzazione al conto economico Installazione di un impianto fotovoltaico oggi in Italia: dall autorizzazione al conto economico Stefano Ristuccia Ravenna, 8 Ottobre 2008 Percorso 3 Energia Lab meeting M: Conto Energia e dintorni Prospettive

Dettagli

Polo Tecnologico- Orizzonte Srl

Polo Tecnologico- Orizzonte Srl IL NUOVO CONTO ENERGIA (DECRETO 19-02-2007) 2007) LA RICHIESTA DELL INCENTIVAZIONE PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Dott. Marcello Ghigliotti Polo Tecnologico- Orizzonte Srl Navacchio (Cascina) www.orizzontesrl.it

Dettagli

Il Sole: una fonte energetica inesauribile

Il Sole: una fonte energetica inesauribile Il Sole: una fonte energetica inesauribile IL SOLARE TERMICO Pur essendo l Italia il Paese del Sole, questa fonte importante, gratuita, non inquinante e inesauribile è tuttora molto poco sfruttata, soprattutto

Dettagli

Energia da fonti rinnovabili. Solare fotovoltaico

Energia da fonti rinnovabili. Solare fotovoltaico Energia da fonti rinnovabili Solare fotovoltaico Definizione Un impianto solare fotovoltaico converte la radiazione proveniente dal sole in energia elettrica. Come funziona La prerogativa della tecnologia

Dettagli

PROGETTO SOLE La realizzazione di un impianto fotovoltaico

PROGETTO SOLE La realizzazione di un impianto fotovoltaico PROGETTO SOLE La realizzazione di un impianto fotovoltaico Il Governo italiano ha presentato il 19 febbraio scorso il "Nuovo piano sull'efficienza energetica, sulle rinnovabili e sull'eco industria", con

Dettagli

IL SOLARE FOTOVOLTAICO: un opportunità per tutti!!!!

IL SOLARE FOTOVOLTAICO: un opportunità per tutti!!!! Taranto, 28 Maggio 2009 IL SOLARE FOTOVOLTAICO: un opportunità per tutti!!!! Dott. Ing. Carlo ZIZZI Dott.ssa Francesca MASELLA LE NOSTRE PRINCIPALI ATTIVITA INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO sostituzione

Dettagli

PRIMO PREMIO Iniziative di sostenibilità

PRIMO PREMIO Iniziative di sostenibilità PRIMO PREMIO Iniziative di sostenibilità 1 2 3 Inclinazione ed esposizione: Molto importante sono pertanto l esposizione e l inclinazione del tetto rispetto all orizzontale dei moduli fotovoltaici: nella

Dettagli

Solare Termico e Fotovoltaico per cittadini e agricoltori

Solare Termico e Fotovoltaico per cittadini e agricoltori Solare Termico e Fotovoltaico per cittadini e agricoltori DEFINIZIONI Solare Termico: utilizzo della radiazione solare per produrre acqua calda Solare Fotovoltaico: utilizzo della radiazione solare per

Dettagli

Chilowattora (kwh) Unità di misura dell energia elettrica. Un chilowattora è l energia consumata in un ora da un apparecchio utilizzatore da 1 kw.

Chilowattora (kwh) Unità di misura dell energia elettrica. Un chilowattora è l energia consumata in un ora da un apparecchio utilizzatore da 1 kw. Acquirente unico (AU) Acquirente Unico è la società per azioni del gruppo Gestore dei Servizi Energetici GSE Spa, alla quale è affidato per legge il ruolo di garante della fornitura di energia elettrica

Dettagli

Un impianto fotovoltaico trasforma direttamente l'energia solare in energia elettrica.

Un impianto fotovoltaico trasforma direttamente l'energia solare in energia elettrica. FOTOVOLTAICO Che cosa è un impianto fotovoltaico? Un impianto fotovoltaico trasforma direttamente l'energia solare in energia elettrica. E' composto essenzialmente dai moduli fotovoltaici, da un inverter

Dettagli

GLI IMPIANTI DI ENERGIA FOTOVOLTAICI ASPETTI GESTIONALI PER I CONDOMINI

GLI IMPIANTI DI ENERGIA FOTOVOLTAICI ASPETTI GESTIONALI PER I CONDOMINI GLI IMPIANTI DI ENERGIA FOTOVOLTAICI ASPETTI GESTIONALI PER I CONDOMINI 1 Alcuni parametri per la prefattibiltà In un impianto fotovoltaico 1 kw di picco produce mediamente: - al Nord Italia - c.a. 1.150

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Conto Energia per il fotovoltaico: Il ruolo del GSE e modalità per l accesso agli incentivi

Conto Energia per il fotovoltaico: Il ruolo del GSE e modalità per l accesso agli incentivi Conto Energia per il fotovoltaico: Il ruolo del GSE e modalità per l accesso agli incentivi Francesco Trezza GSE - Direzione Operativa - Unità Ingegneria Seminario Assolombarda Milano, 20-02- 2007 www.gsel.it

Dettagli

Cosa è il Conto energia? Come funziona il quarto Conto energia? Cosa devo fare per ottenere la tariffa incentivante del Conto energia?

Cosa è il Conto energia? Come funziona il quarto Conto energia? Cosa devo fare per ottenere la tariffa incentivante del Conto energia? FAQ Cosa è il Conto energia? Con il Decreto Ministeriale del 05 Maggio 2011 è stato introdotto il nuovo Quarto Conto Energia per il riconoscimento degli incentivi Statali ai proprietari di impianti fotovoltaici.

Dettagli

Seminario Tecnico a cura della CDS Consulting. 09 Luglio 2009 - Investire in fotovoltaico: vantaggi ed opportunità - Alessandro Candio CDS Consulting

Seminario Tecnico a cura della CDS Consulting. 09 Luglio 2009 - Investire in fotovoltaico: vantaggi ed opportunità - Alessandro Candio CDS Consulting Investire in fotovoltaico: vantaggi ed opportunità Seminario Tecnico a cura della CDS Consulting L Energia Solare Fotovoltaica e il Conto Energia Come diventare autoproduttori di energia All interno del

Dettagli

Introduzione ai sistemi fotovoltaici

Introduzione ai sistemi fotovoltaici Introduzione ai sistemi fotovoltaici Effetto fotovoltaico La conversione dell energia elettromagnetica proveniente dal sole in energia elettrica tramite l effetto fotovoltaico si basa sulle proprietà dei

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici Impianti fotovoltaici Prof. Arch. Gianfranco Cellai Corso Fondazione Architetti di Firenze Gli obblighi di legge A decorrere dal 1 gennaio 2009, nel regolamento edilizio, ai fini del rilascio del permesso

Dettagli

PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO DI UNA CELLA FOTOVOLTAICA

PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO DI UNA CELLA FOTOVOLTAICA PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO DI UNA CELLA FOTOVOLTAICA Una cella fotovoltaica è costituita da materiale semiconduttore opportunamente trattato in relazione alla struttura atomica e alla relativa conduzione

Dettagli

Energia solare fotovoltaica e Conto Energia

Energia solare fotovoltaica e Conto Energia Energia solare fotovoltaica e Conto Energia Come diventare autoproduttori di energia pulita Perché si sfrutta l energia solare La potenza radiante del Sole prima di entrare nell atmosfera è in media 1.367

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI connessi alla RETE ELETTRICA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI connessi alla RETE ELETTRICA ENERGIA SOLARE IMPIANTI FOTOVOLTAICI connessi alla RETE ELETTRICA Prima parte: principi generali Seconda parte: conto energia Dal sito del GSE www.gse.it Il contatore fotovoltaico (06/03/2009) Nuovo conto

Dettagli

Misure e incentivi per l efficienza energetica

Misure e incentivi per l efficienza energetica Misure e incentivi per l efficienza energetica Docente incaricato in Economia e Gestione delle Imprese Dipartimento B.E.S.T. - Politecnico di Milano Indice 1. Finanziaria 2007. Agevolazioni per il risparmio

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì - Prof. Arch. Pasquale Falconetti IMPIANTI FOTOVOLTAICI AGGIORNAMENTO 15/05/2013 ENERGIA SOLARE e IRRAGGIAMENTO

Dettagli

ANALISI DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO

ANALISI DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO n ANALISI DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO Il presente progetto è relativo alla realizzazione di un impianto di produzione di energia elettrica tramite conversione fotovoltaica, avente una potenza di picco pari

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI: VALUTAZIONI SULLA FATTIBILITA E CONVENIENZA ECONOMICA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI: VALUTAZIONI SULLA FATTIBILITA E CONVENIENZA ECONOMICA VALUTAZIONI SULLA FATTIBILITA E CONVENIENZA ECONOMICA partner of: 13.10.2008 1 IRRAGGIAMENTO SOLARE - E l energia irradiata dal sole a seguito della fusione dell idrogeno in elio - Trasferimento dell energia

Dettagli

Incentivi e Agevolazioni Solare. Fotovoltaico

Incentivi e Agevolazioni Solare. Fotovoltaico Incentivi e Agevolazioni Solare Fotovoltaico Conto Energia 2007 Il Decreto Tariffe Incentivanti Procedure e documentazione IL DECRETO Decreto Ministeriale 19 Febbraio 2007 - G.U. n n 43-21/02/07. Ministero

Dettagli

Impianti Fotovoltaici

Impianti Fotovoltaici Impianti Fotovoltaici Gianluca Gatto Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di ingegneria Elettrica ed Elettronica 1 INDICE Impiego dell energia solare Effetto fotovoltaico Tipologie Impianti

Dettagli

Impianti Fotovoltaici

Impianti Fotovoltaici Impianti Fotovoltaici Indice Cos'è un impianto fotovoltaico... 2 Dove puo' essere installato... 5 Quanta elettricità produce... 6 Quanti anni puo funzionare... 7 Autorizzazioni per l installazione... 7

Dettagli

Relazione impianto fotovoltaico

Relazione impianto fotovoltaico Relazione impianto fotovoltaico 1.1 Generalità L impianto, oggetto del presente documento, si propone di conseguire un significativo risparmio energetico per la struttura che lo ospita, costituita dal

Dettagli

DETRAZIONE FISCALE DEL 50%

DETRAZIONE FISCALE DEL 50% Progettazione Impianti fotovoltaici Ing. Isoldi Amedeo Via pescara 123A 84021 Buccino (SA) Tel/Fax. 0828.9523.79 Cell: 339.34.10.486 e-m@il: info@isep-engineering.com DETRAZIONE FISCALE DEL 50% OGGETTO:

Dettagli

Question 1 Perché è utile produrre l'energia elettrica in prossimità del luogo in cui serve? Scegliere una risposta.

Question 1 Perché è utile produrre l'energia elettrica in prossimità del luogo in cui serve? Scegliere una risposta. Question 1 Perché è utile produrre l'energia elettrica in prossimità del luogo in cui serve? a. Si produce energia nelle ore di maggior richiesta b. Si limita il tempo di ritorno energetico dell'impianto

Dettagli

CONTO ENERGIA LE TRENTA DOMANDE PIU CALDE (Fonte FV n. 6 anno V, novembre-dicembre 2008)

CONTO ENERGIA LE TRENTA DOMANDE PIU CALDE (Fonte FV n. 6 anno V, novembre-dicembre 2008) CONTO ENERGIA LE TRENTA DOMANDE PIU CALDE (Fonte FV n. 6 anno V, novembre-dicembre 2008) 1) Che cosa s intende per meccanismo d incentivazione in conto energia? Il Conto Energia è un incentivo per l installazione

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici La ESCo del Sole nuove energie per risparmiare Impianti fotovoltaici Tecnologie per produrre energia rinnovabile Scheda - Impianti solari fotovoltaici (PV)* L impianto solare fotovoltaico Vi è una differenza

Dettagli

DISCIPLINA FISCALE DEGLI INCENTIVI PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

DISCIPLINA FISCALE DEGLI INCENTIVI PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DISCIPLINA FISCALE DEGLI INCENTIVI PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI (rif. Circ. n. 46/E dell Agenzia Entrate del 19 luglio 2007) Principali novità della circolare 1. I contributi spettanti a titolo di tariffa

Dettagli

Il pannello FV. Esempi di pannelli al. silicio amorfo di facile integrazione. Esempi di pannelli al. silicio cristallino 41

Il pannello FV. Esempi di pannelli al. silicio amorfo di facile integrazione. Esempi di pannelli al. silicio cristallino 41 Il pannello FV Esempi di pannelli al silicio amorfo di facile integrazione Esempi di pannelli al silicio cristallino 41 IL PANNELLO FV 42 Cassetta di terminazione posta sul retro del modulo tenuta stagna

Dettagli

Lo sviluppo del progetto di un impianto fotovoltaico industriale

Lo sviluppo del progetto di un impianto fotovoltaico industriale Federico May Commercial Operations ForGreen SpA Lo sviluppo del progetto di un impianto fotovoltaico industriale Federico May ForGreen Spa Viale del Lavoro, 33 37135 Verona forgreen.it L impianto fotovoltaico

Dettagli

Esempio di Conto Energia

Esempio di Conto Energia Esempio di Conto Energia Esempio di Conto Energia fotovoltaico Ecco un esempio di Conto Energia per un impianto fotovoltaico da 3kw con Scambio sul Posto. Supponiamo di installare sul tetto della nostra

Dettagli

La normativa è regolamentata dal Decreto Ministeriale del 19 febbraio 2007 e dalla Delibera AEEG del 13 aprile 2007.

La normativa è regolamentata dal Decreto Ministeriale del 19 febbraio 2007 e dalla Delibera AEEG del 13 aprile 2007. 1. GENERALITA Tariffe incentivanti e periodo di diritto (DM 19/02/207 art.6) La normativa è regolamentata dal Decreto Ministeriale del 19 febbraio 2007 e dalla Delibera AEEG del 13 aprile 2007. L impianto

Dettagli

GUIDA per PICCOLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI in CONTO ENERGIA con modalità di SCAMBIO SUL POSTO

GUIDA per PICCOLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI in CONTO ENERGIA con modalità di SCAMBIO SUL POSTO GUIDA per PICCOLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI in CONTO ENERGIA con modalità di SCAMBIO SUL POSTO Premessa Il presente documento vuole essere una guida semplice, ma il più esauriente possibile, per consentire

Dettagli

Relatori: Fabbretti Ing. Valerio Gobbetti Per. Ind. Federico. Cerea, 21 Aprile 2008. Informenergia. IMPIANTI FOTOVOLTAICI connessi alla RETE ELETTRICA

Relatori: Fabbretti Ing. Valerio Gobbetti Per. Ind. Federico. Cerea, 21 Aprile 2008. Informenergia. IMPIANTI FOTOVOLTAICI connessi alla RETE ELETTRICA Relatori: Fabbretti Ing. Valerio Gobbetti Per. Ind. Federico Cerea, 21 Aprile 2008 Informenergia IMPIANTI FOTOVOLTAICI connessi alla RETE ELETTRICA Prima parte: principi generali Seconda parte: conto energia

Dettagli

ANALISI DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO

ANALISI DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO ANALISI DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO Il presente progetto è relativo alla realizzazione di un impianto di produzione di energia elettrica tramite conversione fotovoltaica, avente una potenza di picco pari

Dettagli

Il presente documento ha lo scopo di fornire una panoramica di queste due applicazioni. Pagina 1 di 7

Il presente documento ha lo scopo di fornire una panoramica di queste due applicazioni. Pagina 1 di 7 IMPIANTI FOTOVOLTAICI Un impianto fotovoltaico è un impianto per la produzione di energia elettrica. La tecnologia fotovoltaica permette di trasformare direttamente l energia solare incidente sulla superficie

Dettagli

ASSESSORATO ALLE ATTIVITA PRODUTTIVE SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA

ASSESSORATO ALLE ATTIVITA PRODUTTIVE SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA ALLEAGATO A1 SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw CONNESSI ALLA RETE SCOPO Lo scopo della presente specifica è quello di

Dettagli

FOTOVOLTAICO FOTOVOLTAICO

FOTOVOLTAICO FOTOVOLTAICO 284 KIT 3 kw 285 KIT 6 kw 286 KIT 10 kw 287 KIT 20 kw KIT 280 Il fotovoltaico Fondital propone oggi gli strumenti per contribuire, con una energia amica della natura, a raggiungere gli ambiziosi obiettivi

Dettagli

Il solare fotovoltaico in pratica

Il solare fotovoltaico in pratica Il solare fotovoltaico in pratica Presentazione effettuata in occasione dell'incontro organizzato dall'assessorato all'ambiente del Comune di Selvazzano Dentro il giorno 28 aprile 2008 presso il Centro

Dettagli

1. Cenni sul Nuovo Conto Energia. Incentivazione. Premi incentivanti

1. Cenni sul Nuovo Conto Energia. Incentivazione. Premi incentivanti Impianti fotovoltaici su immobili pubblici e risparmio energetico nella pubblica amministrazione: Un opportunità per il riequilibrio dei conti (A cura dell Ing. Gianluca Toso) 1. Cenni sul Nuovo Conto

Dettagli

Conto Energia (D.M. 28 luglio 2005)

Conto Energia (D.M. 28 luglio 2005) Conto Energia (D.M. 28 luglio 2005) lo sviluppo che consente alla generazione presente di soddisfare i propri bisogni senza compromettere la capacità delle future generazioni di soddisfare i loro propri

Dettagli

Il solare fotovoltaico in Italia. Confronto con i dati della Provincia di Brescia

Il solare fotovoltaico in Italia. Confronto con i dati della Provincia di Brescia Il solare fotovoltaico in Italia Confronto con i dati della Provincia di Brescia Perché il solare fotovoltaico? Protocollo di Kyoto: riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra (CO 2 ) dell 8% entro

Dettagli

TERZO CONTO ENERGIA: www.riabitalia.it. infonord@riabitalia.it 02 47950601 infocentro@riabitalia.it 06 91712093 infosud@riabitalia.

TERZO CONTO ENERGIA: www.riabitalia.it. infonord@riabitalia.it 02 47950601 infocentro@riabitalia.it 06 91712093 infosud@riabitalia. TERZO CONTO ENERGIA: Possono usufruire degli incentivi definiti nel Decreto tutti gli impianti che entrano in esercizio dopo il 31/12/2010 a seguito di interventi di nuova costruzione, rifacimento totale

Dettagli

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA. PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw CONNESSI ALLA RETE

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA. PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw CONNESSI ALLA RETE SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw CONNESSI ALLA RETE SCOPO Lo scopo della presente specifica è quello di fornire le

Dettagli

DOMANDE più FREQUENTI SUL SOLARE FOTOVOLTAICO

DOMANDE più FREQUENTI SUL SOLARE FOTOVOLTAICO DOMANDE più FREQUENTI SUL SOLARE FOTOVOLTAICO Superficie per kilowatt. A seconda del tipo di pannello 7-8 metri quadrati producono un kilowatt. Nel caso di coperture di tetti con guaina flessibile 20 metri

Dettagli

Provincia di Olbia Tempio Attività di formazione inerenti le energie rinnovabili e l efficienza energetica. Marcello Antinucci antinucci@ecuba.

Provincia di Olbia Tempio Attività di formazione inerenti le energie rinnovabili e l efficienza energetica. Marcello Antinucci antinucci@ecuba. Provincia di Olbia Tempio Attività di formazione inerenti le energie rinnovabili e l efficienza energetica Marcello Antinucci antinucci@ecuba.it www.ecuba.it Decreto Legislativo 29 dicembre 2003, n. 387

Dettagli

PROGETTO ENERGIE RINNOVABILI : FOTOVOLTAICO SU IMMOBILI COMUNALI

PROGETTO ENERGIE RINNOVABILI : FOTOVOLTAICO SU IMMOBILI COMUNALI 151 COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell'umanità Settore Ambiente e Attività Produttive Servizio Ambiente Unità Organizzativa Energia PROGETTO ENERGIE RINNOVABILI : FOTOVOLTAICO SU IMMOBILI COMUNALI

Dettagli

1 GENERALITA pag. 3 2 PREMESSE pag. 3 3 IRRADIAZIONE GIORNALIERA MEDIA MENSILE SUL PIANO ORIZZONTALE pag. 3 4 CRITERIO GENERALE DI PROGETTO pag.

1 GENERALITA pag. 3 2 PREMESSE pag. 3 3 IRRADIAZIONE GIORNALIERA MEDIA MENSILE SUL PIANO ORIZZONTALE pag. 3 4 CRITERIO GENERALE DI PROGETTO pag. INDICE 1 GENERALITA pag. 3 2 PREMESSE pag. 3 3 IRRADIAZIONE GIORNALIERA MEDIA MENSILE SUL PIANO ORIZZONTALE pag. 3 4 CRITERIO GENERALE DI PROGETTO pag. 4 4.1 Criterio di stima dell energia prodotta pag.

Dettagli

PROGETTO C. IMPIANTO FOTOVOLTAICO DA 48,30 KWp RELAZIONE TECNICA

PROGETTO C. IMPIANTO FOTOVOLTAICO DA 48,30 KWp RELAZIONE TECNICA PROGETTO C 1 IMPIANTO FOTOVOLTAICO DA 48,30 KWp RELAZIONE TECNICA COMMITTENTE : COMUNE DI BOBBIO PIAZZA SANTA CHIARA, 2 29022 BOBBIO (PC) 1 GRAZIA MARIACONCETTA PERAZZO (Ingegnere civile,idraulico,sanitario,geometra)

Dettagli

Mediamente per realizzare 1 kw di impianto fotovoltaico occorrono almeno 7 m2.

Mediamente per realizzare 1 kw di impianto fotovoltaico occorrono almeno 7 m2. Cos'è un impianto fotovoltaico? Un impianto fotovoltaico è un impianto che consente la produzione di energia elettrica attraverso l energia solare, sfruttando le proprietà di materiali sensibili alla luce

Dettagli

Greenergy Srl Partner Tecnico dello Sportello Energia del Comune di Avigliana. Pagina 1

Greenergy Srl Partner Tecnico dello Sportello Energia del Comune di Avigliana. Pagina 1 Presentazione Impianto fotovoltaico del Comune di Avigliana (TO) Piazza del Popolo Greenergy Srl Partner Tecnico dello Sportello Energia del Comune di Avigliana Pagina 1 GREENERGY S.r.l. Realizzazione

Dettagli

PROGETTO SCUOLA. IMPIANTO FOTOVOLTAICO DA 85,10 KWp RELAZIONE TECNICA

PROGETTO SCUOLA. IMPIANTO FOTOVOLTAICO DA 85,10 KWp RELAZIONE TECNICA 1 PROGETTO SCUOLA IMPIANTO FOTOVOLTAICO DA 85,10 KWp RELAZIONE TECNICA COMMITTENTE : COMUNE DI BOBBIO PIAZZA SANTA CHIARA, 2 29022 BOBBIO (PC) 1 GRAZIA MARIACONCETTA PERAZZO (Ingegnere civile,idraulico,sanitario,geometra)

Dettagli

L incentivazione del Fotovoltaico e il ruolo del GSE. www.gsel.it

L incentivazione del Fotovoltaico e il ruolo del GSE. www.gsel.it L incentivazione del Fotovoltaico e il ruolo del GSE www.gsel.it 2 Indice II GSE Gestore dei Servizi Elettrici L incentivazione del Fotovoltaico: : il conto energia Il Decreto 19 febbraio 2007 3 Il GSE

Dettagli

La produzione di elettricità

La produzione di elettricità UTILIZZO FONTI RINNOVABILI IL SOLARE Parma 19.02.2008 La produzione di elettricità 2. Modello centrale linee AAT-AT-MT-BT derivazione 3. Modello produzione consumo nelle stesso sito Fotovoltaico Autoproduzione

Dettagli

3 INCONTRO FORMATIVO Terzo Conto energia e vantaggi economici

3 INCONTRO FORMATIVO Terzo Conto energia e vantaggi economici Aosta, 09 Dicembre 2010 3 INCONTRO FORMATIVO Terzo Conto energia e vantaggi economici Rosalia Guglielminotti Parleremo di : IL TERZO CONTO ENERGIA COME FUNZIONA E PRINCIPALI NOVITA INSTALLARE UN IMPIANTO

Dettagli

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende il fotovoltaico quanto costa e quanto rende gli incentivi /1 In Italia, da settembre 2005, è attivo un meccanismo di incentivazione, definito Conto Energia, per la produzione di energia elettrica mediante

Dettagli

ENERGIA FOTOVOLTAICA. vantaggi energetici economici ambientali. www.qenergy.it. slide master ver.2-06

ENERGIA FOTOVOLTAICA. vantaggi energetici economici ambientali. www.qenergy.it. slide master ver.2-06 ENERGIA FOTOVOLTAICA vantaggi energetici economici ambientali Il sistema fotovoltaico Un sistema fotovoltaico è un impianto capace di sfruttare la radiazione solare per convertirla in energia elettrica.

Dettagli

Forme di incentivazione e finanziamento degli impianti fotovoltaici

Forme di incentivazione e finanziamento degli impianti fotovoltaici Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni Università degli Studi di Palermo Forme di incentivazione e finanziamento degli impianti fotovoltaici Ing. Salvatore Favuzza

Dettagli

La casa ecologica:una sfida possibile 28 feb 2008 Bioedilizia e pannelli solari: meno difficile di quel che sembra

La casa ecologica:una sfida possibile 28 feb 2008 Bioedilizia e pannelli solari: meno difficile di quel che sembra La casa ecologica:una sfida possibile 28 feb 2008 Bioedilizia e pannelli solari: meno difficile di quel che sembra 1. Fotovoltaico cos è 2. Tipologie di celle fotovoltaiche 3. Fotovoltaico: possibilità

Dettagli

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA Allegato 6 SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI SISTEMI FOTOVOLTAICI DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw CONNESSI ALLA RETE PREMESA Ai fini della corretta interpretazione della

Dettagli

P I Ù E N E R G I A P U L I T A

P I Ù E N E R G I A P U L I T A PIÙ ENERGIA PULITA Come operiamo PiQuadro Energia è una giovane realtà imprenditoriale che opera a livello nazionale nel settore delle energie rinnovabili. PiQuadro Energia è una società del Gruppo PiQuadro,

Dettagli

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Per quanto attiene gli impianti connessi alla rete elettrica, vengono qui presentati i criteri di progettazione elettrica dei principali componenti,

Dettagli

Calcolo della producibilità di un impianto fotovoltaico

Calcolo della producibilità di un impianto fotovoltaico Calcolo della producibilità di un impianto fotovoltaico UNI/TS 11300-4, Guida CEI 82-25 EDIFICIO INDIRIZZO Edificio di civile abitazione Via G. Puccini 10 - BORGOMANERO (NO) COMMITTENTE INDIRIZZO Sig.

Dettagli

I contratti con il GSE: aspetti gestionali ed economici

I contratti con il GSE: aspetti gestionali ed economici IL FOTOVOLTAICO PER LE IMPRESE I contratti con il GSE: aspetti gestionali ed economici Workshop CERSAA 18 dicembre 2009 INDICE Il Conto Energia: incentivi per gli impianti fotovoltaici Modalità di cessione

Dettagli

SIEL Spa e SIAC Srl. Impianti fotovoltaici. connessi alla rete. grid connected

SIEL Spa e SIAC Srl. Impianti fotovoltaici. connessi alla rete. grid connected SIEL Spa e SIAC Srl Impianti fotovoltaici connessi alla rete grid connected 1 Cella fotovoltaica La cella fotovoltaica è l elemento base del generatore fotovoltaico, è costituita da materiale semiconduttore

Dettagli

fotovoltaico ecologico inesauribile conveniente GUIDA AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

fotovoltaico ecologico inesauribile conveniente GUIDA AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI il ecologico inesauribile conveniente GUIDA AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI COS È L ENERGIA fotovoltaica La tecnologia fotovoltaica è un sistema che sfrutta l energia solare e la trasforma, direttamente e istantaneamente,

Dettagli

1. L'energia solare. Svantaggi: - Costi di installazione elevati - Ampie superfici - Tempi di ritorno dell investimento (7-10 anni)

1. L'energia solare. Svantaggi: - Costi di installazione elevati - Ampie superfici - Tempi di ritorno dell investimento (7-10 anni) 1. L'energia solare Produzione di energia elettrica attraverso i pannelli fotovoltaici, che sfruttano le proprietà di particolari materiali, come il silicio, in grado di produrre energia elettrica se irradiati

Dettagli

Energia Decreto 19 Febbraio 2007

Energia Decreto 19 Febbraio 2007 Guida al Conto Energia Decreto 19 Febbraio 2007 Aenergy S.r.l. Via G. Porzio N.4 Isola E3 Centro Direzionale 80143 Napoli P.IVA 05582431219 Tel 0828-1962327 Fax 0828-1962415 E-Mail info@aenergy.it Web

Dettagli

Brevi Note sul V Conto energia a sostegno degli impianti solari fotovoltaici.

Brevi Note sul V Conto energia a sostegno degli impianti solari fotovoltaici. Brevi Note sul V Conto energia a sostegno degli impianti solari fotovoltaici. Premessa Dal 27 Agosto entra pienamente in funzione il il DM 5 luglio 2012 definito (Quinto Conto Energia), le tariffe incentivanti

Dettagli

Relazione tecnica dell impianto fotovoltaico

Relazione tecnica dell impianto fotovoltaico Relazione tecnica dell impianto fotovoltaico di Potenza: 13,20 kwp Località: Crotone Soggetto Responsabile: Iride s.r.l. Luogo e data Il Tecnico -------------------- RELAZIONE TECNICA DATI PROGETTISTA

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO E ENERGIE RINNOVABILI SOLARE FOTOVOLTAICO SOLARE TRERMICO E FOTOVOLTAICO. MADE IN Italy

RISPARMIO ENERGETICO E ENERGIE RINNOVABILI SOLARE FOTOVOLTAICO SOLARE TRERMICO E FOTOVOLTAICO. MADE IN Italy SOLARE FOTOVOLTAICO MADE IN Italy SOLARE TRERMICO E FOTOVOLTAICO 8. COGLIERE L OPPORTUNITÀ DEL FOTOVOLTAICO RICAVI INCENTIVANTE CONTO ENERGIA Il Quinto Conto Energia, con il Decreto 12 Luglio 2012, stabilisce

Dettagli

IL NUOVO CONTO ENERGIA Presentazione del 27/02/2007

IL NUOVO CONTO ENERGIA Presentazione del 27/02/2007 IL NUOVO CONTO ENERGIA Presentazione del 27/02/2007 AUTOMAZIONE 2000 Prendi il controllo! www.automazione2000.it 1 Chi può beneficiare del Conto Energia? Persone fisiche Persone giuridiche Soggetti pubblici

Dettagli

La fiscalità del fotovoltaico

La fiscalità del fotovoltaico La fiscalità del fotovoltaico Il modulo offre una panoramica sui diversi regimi fiscali cui è sottoposto un impianto fotovoltaico, in base al regime tariffario degli incentivi e degli usi finali dell'energia

Dettagli

CONSULENZA PROGETTAZIONE FORNITURA INSTALLAZIONE COLLAUDO PRATICHE CONTO ENERGIA. Per Info : 334 9777983 info@alexelettronica.it

CONSULENZA PROGETTAZIONE FORNITURA INSTALLAZIONE COLLAUDO PRATICHE CONTO ENERGIA. Per Info : 334 9777983 info@alexelettronica.it CONSULENZA PROGETTAZIONE FORNITURA INSTALLAZIONE COLLAUDO PRATICHE CONTO ENERGIA Per Info : 334 9777983 info@alexelettronica.it Che cosa è un impianto fotovoltaico? Un impianto fotovoltaico trasforma l

Dettagli

Energia Solare per gli Hotel e il Turismo

Energia Solare per gli Hotel e il Turismo Avvocati, Dottori Commercialisti e Revisori Contabili Energia Solare per gli Hotel e il Turismo Cagliari, 23 Marzo 2010 1 Incentivi al Fotovoltaico: il Conto Energia II Condizioni per l accesso alle tariffe

Dettagli

Room 2005 Zhongshang Building No.100 HongKong Middle Road Qingdao China code 266071 tel 008653285891039 e-mail: fazio@cinaservizi.

Room 2005 Zhongshang Building No.100 HongKong Middle Road Qingdao China code 266071 tel 008653285891039 e-mail: fazio@cinaservizi. Qingdao VERSOEST International MODULI FOTOVOLTAICI FLESSIBILI a- Si 2012 Intensità relativa Qingdao VERSOEST International Nel settore del fotovoltaico oggi il costo di acquisto del sistema si aggira intorno

Dettagli

Regime IVA del conto energia sugli impianti fotovoltaici

Regime IVA del conto energia sugli impianti fotovoltaici IRPEF/IRES Regime IVA del conto energia sugli impianti fotovoltaici di Carlo Corradin (*) LA NOVITA Incentivi agli impianti fotovoltaici L art. 7 del D.Lgs. 29 dicembre 2003 n. 387, emanato in attuazione

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI ENERGIE RINNOVABILI: PRESENTE E FUTURO NEL TERRITORIO LODIGIANO IMPIANTI FOTOVOLTAICI Dott. Ing. Andrea Locatelli Cos'è un impianto fotovoltaico? Un impianto fotovoltaico è un impianto elettrico costituito

Dettagli

LE NUOVE TARIFFE INCENTIVANTI (C.D. CONTO ENERGIA ) PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

LE NUOVE TARIFFE INCENTIVANTI (C.D. CONTO ENERGIA ) PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI LE NUOVE TARIFFE INCENTIVANTI (C.D. CONTO ENERGIA ) PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Il Ministero dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministero dell Ambiente e della Tutela del territorio e del mare

Dettagli

ANALISI DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO

ANALISI DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO ANALISI DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO Il presente progetto è relativo alla realizzazione di un impianto di produzione di energia elettrica tramite conversione fotovoltaica, avente una potenza di picco pari

Dettagli

SISTEMI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI

SISTEMI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI L E N E R G I A C H E T I R I S P E T TA L E N E R G I A C H E T I R I S P E T TA L E N E R G I A C H E T I R I S P E T TA SISTEMI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI L E N E R

Dettagli