TITOLO. L energia del deserto per alimentare il Mediterraneo: è tempo di iniziare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TITOLO. L energia del deserto per alimentare il Mediterraneo: è tempo di iniziare"

Transcript

1 TITOLO L energia del deserto per alimentare il Mediterraneo: è tempo di iniziare LUOGO E DATA 25 giugno 2013 Charlemagne Building Rue de la Loi, 1049 Bruxelles ORGANIZZATORE Commissione Europea RELAZIONE La moderatrice A. Wieland, direttore generale di DII (Desertec Industrial Initiative), ha aperto la conferenza presentando la DII GmbH una joint venture tra imprese private fondata nel 2009 e che oggi include società di Stati dell UE, del Medio Oriente e del Nord Africa (MENA). DII mira a consentire un mercato su scala industriale per l energia rinnovabile nei MENA. A tal fine, DII formula visioni di lungo termine che vengono poi trasformate in specifiche raccomandazioni per ogni Paese, in quadri regolatori e in progetti concreti. Wieland ha ricordato che l UE e l Unione per il Mediterraneo (UpM) giocano un ruolo centrale nel promuovere l energia rinnovabile. N. Ouerfelli, segretario di Stato per l energia e l attività mineraria, ministro dell industria della Tunisia e fondatore della Mediterranean School of Energy, ha presentato il caso della Tunisia e ha iniziato con un riferimento alla situazione politica tunisina. Le elezioni dell ottobre del 2012 hanno portato alla formazione dell Assemblea Nazionale la quale si sta attualmente occupando di redigere una nuova Costituzione per poi giungere a nuove elezioni. Il ministro ha puntualizzato che la via da intraprendere per incrementare la produzione di energia rinnovabile in Tunisia è duplice: maggiore informazione e creazione di un partenariato con il settore privato. Per raggiungere questi obiettivi serve una reale volontà politica che favorisca la definizione di una politica nazionale sull energia. Il sistema energetico tunisino è a rischio, poiché, nonostante la presenza di risorse, c è stato un forte aumento della domanda pertanto è necessaria una transizione energetica. La strategia ideata prevede un nuovo orientamento della politica energetica, diffusione dell informazione, lotta alla precarietà e razionalizzazione economica in tutte le attività. La Tunisia ha definito un quadro regolamentare e uno finanziario per favorire la produzione privata destinata al mercato interno ed estero. Inoltre, è importante per la Tunisia, ha affermato Ouerfelli, sfruttare il vantaggio della propria posizione geografica rafforzando la rete elettrica tunisina e favorendo la sua interconnessione con Paesi vicini quali l Algeria, la Libia e l Italia attraverso collaborazioni bilaterali e multilaterali. In questo modo verrà dato più spazio al livello regionale dato che solo così sarà possibile una transizione energetica e sociale. Infine, Ouerfelli ha puntualizzato che giovedì 27 giugno verrà avviato nel suo Paese un dibattito sull energia che coinvolgerà tutti i livelli della società tunisina dato che la riappropriazione del dibattito è fondamentale per migliorare l uso

2 dell energia rinnovabile nei MENA. Il primo dibattito della mattinata è stato avviato con una presentazione di Desert Power: Getting Started effettuata da F. Zickfeld, segretario generale di DII. Nel giugno del 2012 era stato pubblicato il report Desert Power 2050 per presentare i benefici che potrebbero derivare dalla creazione di un sistema sostenibile ed integrato di gestione dell energia nei Paesi EU- MENA. Vi sono attualmente delle possibilità per accrescere l utilizzo delle energie rinnovabili (RE) nei Paesi MENA, ma l implementazione dovrebbe essere ulteriormente facilitata da fattori non economici come regole più efficaci, ulteriore esperienza nel settore e maggior coinvolgimento di attori privati nel settore energetico. Nel periodo antecedente al 2020 la formulazione di nuove politiche sarà cruciale. Per quanto riguarda il periodo successivo al 2020 sarà estremamente necessario un quadro internazionale più stabile e inclusivo. Desert Power: Getting Started delinea quattro livelli di trasformazione delle RE: la mentalità, le politiche e le regole, gli aspetti economici e la tecnologia. Le analisi condotte da DII hanno dimostrato che la questione delle tecnologie può essere gestita con una certa facilità dato che in alcuni paesi (ad esempio in Tunisia) vi sono già dei buoni sistemi energetici che dovrebbero semplicemente essere sincronizzati con quelli dei Paesi vicini. Dal punto di vista economico e commerciale ci sono buone possibilità per la concentrazione solare (CSP), l energia eolica e il fotovoltaico (PV) che possono generare energia a costi inferiori rispetto alle centrali elettriche alimentate a petrolio. Riguardo alle politiche e regole vi sono cinque condizioni necessarie: accesso alla terra sicuro per i privati, accesso alla rete elettrica, maggiore chiarezza e facilità nell ottenere permessi, dati chiari sull energia solare ed eolica e accesso alla clientela. Tunisia e Marocco sono i Paesi più all avanguardia tra i Paesi MENA. In termini di azioni concrete da intraprendere per quanto riguarda i Paesi MENA è necessario un maggior focus sulle cinque condizioni suddette, accrescere l esperienza (UE come modello di buone pratiche) e aumentare la convergenza degli approcci nazionali al rinnovabile con consumi in comune e certificati. In riferimento alle infrastrutture della rete elettrica, c è ancora molto da fare in tutta l area EU-MENA soprattutto per creare interconnessioni tra Paesi, cooperazione e continuità nelle azioni oltre il A seguito della presentazione della prima parte di Desert Power: Getting Started è stato aperto il dibattito tra i relatori invitati. Il primo intervento è stato quello di C. Burghardt, direttore generale, vice presidente di Business Development & Sales EMEA, First Solar, il quale ha affermato che si riscontra la necessità di costruire nuove istallazioni e che il settore delle RE richiede delle particolari capacità lavorative e per questo non offre posti di lavoro per tutti. Burghardt ha puntualizzato che lo sviluppo non viene dalle semplici opportunità economiche, ma cresce quando viene data alle imprese la possibilità di investire; molto spesso i fondi non mancano, soprattutto nei Paesi del Golfo, ma ci sono molti rischi nel lungo periodo. A seguire, D. Provenzano, ingegnere esperto nella pianificazione delle trasmissioni e interconnessioni per CESI, ha trattato dello studio che CESI ha condotto per la Lega Araba al fine di capire quali sono le aspettative per il futuro. È stato chiesto a Provenzano di esprimersi

3 sul ruolo che il Gulf Cooperation Council (GCC) può avere nel settore delle RE. Provenzano ha ricordato innanzitutto alcune forme di integrazione sovra-regionale tra i Paesi MENA come quella tra i Paesi del Maghreb e quella tra i Paesi membri del GCC. Queste forme di integrazione sono però limitate a causa della mancanza di conoscenze e di un quadro regolatore ben definito. Si può inoltre ricordare un livello di integrazione Sud-Sud in crescita in cui il leader principale è la Lega Araba; mentre quello Nord-Sud (con l UE) si limita principalmente alle infrastrutture. Per quanto riguarda il ruolo del GCC, c è abbastanza accordo tra gli Stati che ne fanno parte sul definire un piano coordinato per le infrastrutture e accordi a livello bi- e multilaterale per il commercio di energia elettrica. I. Luebbeke, senior policy officer per l Ufficio Europeo del WWF, ha ricordato che per il 2030 ci sono tre target vincolanti che riguardano l anidride carbonica, l energia rinnovabile e l efficienza energetica e questo è il quadro all interno del quale devono agire le industrie. Due elementi importanti sono: lavorare sulla transizione energetica nei vari Paesi non solo con un progetto, ma con un quadro regolamentare, come sta facendo la Tunisia, e imparare dalle capacità già acquisite in UE. L ultimo intervento è stato quello di M. Bakkoury, Capo dell Esecutivo dell Agenzia Marocchina per l Energia Solare (MASEN), a cui è stato chiesto di spiegare come il Marocco riesce ad ottenere buoni risultati in questo settore e cosa ci si aspetta dall UE. Bakkoury ha affermato che le condizioni di successo del suo Paese sono dovute alla convergenza delle azioni intraprese. Per settori come questi è importante innanzitutto lavorare a spingere gli attori interessati a condividere prospettive comuni con un dibattito e poi lo Stato si occuperà della continuità da un punto di vista regolamentare. La domanda in Marocco è cresciuta molto pertanto servono migliori capacità che siano anche condivise. Il relatore mira anche alla sensibilizzazione della popolazione riguardo all ecologia. Riguardo ai continui rapporti con l UE, il relatore ha affermato che si tratta sia di una scelta che di una necessità. L UE può contribuire a creare un mercato, un economia di scala per le imprese, e può essere un conduttore per la cooperazione e la convergenza delle politiche e delle visioni. Al termine del primo dibattito è intervenuto M. Hager, Capo del Gabinetto del Commissario Oettinger (Commissione Europea), per trattare delle prospettive per la cooperazione nel settore energetico nell area EU-MENA. I Paesi MENA hanno una posizione geografica più avvantaggiata nell ambito dell energia solare rispetto all UE pertanto nel lungo periodo è utile aumentare i commerci tra le due sponde del Mediterraneo anche attraverso politiche comuni come già si sta tentando di fare con l UpM. Questo sarà fondamentale ai fini della sicurezza e della stabilità. A dicembre ci sarà un incontro, nell ambito dell UpM, dei ministri dell energia per promuovere il Mediterranean Solar Plan (MSP v. sotto) a livello politico. L MSP è un importante iniziativa a livello regionale che ha due principali obiettivi da raggiungere entro il 2020: sviluppare una capacità aggiuntiva di 20 GW di energia rinnovabile e raggiungere risparmi energetici significativi in tutta la regione. Hager ha ricordato che DII nelle sue analisi ha confermato le percezioni dei benefici che derivano dalla cooperazione nella politica EU-

4 MED, UpM e MSP. Riguardo alla riforma del mercato energetico è necessario focalizzarsi sull apertura dei mercati, sulle scelte dei consumatori, sul supporto alla riforma del mercato energetico nei Paesi della sponda sud che sono mercati ovviamente diversi rispetto a quelli della sponda nord, ma tutti i Paesi hanno il comune obiettivo del bisogno di energia rinnovabile. In generale, si ritiene che le risorse pubbliche non siano sufficienti e pertanto c è bisogno di dare un ruolo maggiore al settore privato. Hager ha puntualizzato che non si può semplicemente esportare il modello europeo, bisogna capire bene il ruolo che è stato dato al settore privato fino ad ora negli Stati MENA. Il metodo migliore potrebbe essere quello di avviare una serie di Twinning Projects in cui venga delineata una piattaforma minima di norme comuni da seguire. A questo fine la cooperazione politica è fondamentale. Il secondo dibattito della mattinata è stato avviato da P. Godron, direttore dell area regolamentazione e mercati, DII, che ha proseguito con la presentazione del report Desert Power: Getting Started concentrandosi sugli aspetti post Dal punto di vista delle tecnologie serve un approccio in linea con gli obiettivi europei e un aumento delle capacità dei Paesi MENA che sono più danneggiati dal cambiamento climatico. Lo scopo è arrivare al 2040 con una percentuale di produzione di RE simile tra le due sponde del Mediterraneo. Desert Power: Getting Started identifica una serie di azioni per preparare la situazione attuale al periodo post Per quanto riguarda i Paesi MENA deve essere completata la riforma del mercato dell energia elettrica introducendo dei prezzi che rispecchino i costi di produzione e rafforzando i regolatori indipendenti. Nel quadro EU-MENA deve essere raggiunta una maggiore convergenza delle politiche, prendendo in considerazione la possibilità di definire nuovi target, e un integrazione degli approcci regionali. A seguito della presentazione della seconda parte di Desert Power: Getting Started è stato aperto il dibattito tra i relatori invitati. M. Ragwitz, Fraunhofer ISI, ha trattato di alcuni importanti strumenti per incrementare l utilizzo di energia rinnovabile: servono dei buoni progettisti per il tipo di tecnologie usate in questo settore, supporto specifico per ciascuna tecnologia e una convergenza delle migliori pratiche di progettazione. Oltre al supporto servono tassazioni non discriminatorie e convergenza nei finanziamenti. In riferimento ai finanziamenti è intervenuto P. Lorec, Capo di finanziamenti/fondi e mercati nell ufficio del Primo Ministro francese. Al fine di generare maggiore interconnessione dovrebbe essere creato un mercato comune attraverso le giuste condizioni regolamentari e legali. È necessario inoltre adattare la rete europea per poter ricevere l energia che arriva dai Paesi MENA. Le tecnologie sono abbastanza mature e certi grandi progetti già intrapresi mostrano che quella dell energia rinnovabile è una via che è possibile percorrere, ma implica un grande ruolo del settore privato. J. Kreusel, Capo dell iniziativa Smart Grids Sector dell ABB, ha affermato che ci vorrebbe un quadro chiaro di quelli che sono i bisogni della società, una maggiore consapevolezza della

5 popolazione sull importanza della RE e maggiore integrazione date le differenze di clima e la volatilità delle risorse naturali; solo così gli obiettivi di lungo termine diventeranno raggiungibili. L. Olmos, Comillas, ha ricordato che la Spagna è stata tra i primi paesi ad utilizzare l energia solare e per questo ha compiuto molti errori che sono però serviti per imparare. Olmos ha citato ad esempio le difficoltà nel predisporre un attento monitoraggio della produzione e nel definire la regolamentazione necessaria. T. Emtairah, Executive director di Regional Center for Renewable Energy and Energy Efficiency (RCREEE) centro che collabora nell elaborazione di molti progetti e lavora con la Lega Araba, ha affermato che per poter migliorare la cooperazione Nord-Sud, è necessario definire prima un quadro di lungo termine per creare una cooperazione Sud-Sud. Ci sono già delle istituzioni che lavorano alla convergenza tra Paesi MENA come l Arab Ministerial Council for Electricity che è un consiglio pan-arabo con rappresentanti da 22 Paesi e che produce documenti non vincolanti. L 80% dell agenda del Consiglio riguarda l efficienza energetica e l energia rinnovabile. A livello politico vi sono centri come l RCREEE; mentre a livello industriale un esempio è quello dell Arab Union for Elettricity. Queste istituzioni sono importanti al fine di migliorare la cooperazione e possono inoltre contribuire a cambiare la mentalità di coloro che prendono le decisioni dato che fanno incontrare direttamente i ministri dei vari Paesi. L obiettivo finale è giungere alla stabilità tenendo ben presente che l area EU- MENA da un punto di vista di produzione di energia rinnovabile è una delle più grandi macchine al mondo. LINK Sito Sustainable Energy Week: Sito DII: MSP: Eseguito da: Rebecca Mondani UNIONCAMERE DEL VENETO Delegazione di Bruxelles Av. de Tervueren 67 - B Bruxelles Tel Fax

LA COOPERAZIONE AMBIENTALE PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL MEDITERRANEO

LA COOPERAZIONE AMBIENTALE PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL MEDITERRANEO LA COOPERAZIONE AMBIENTALE PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL MEDITERRANEO Alessandra Bianchi Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Roma, 8 Novembre 2011 IL QUADRO GENERALE (1)

Dettagli

Prospettive per un sistema di energia elettrica sostenibile per la regione EUMENA Sintesi. Dii. Renewable energy bridging continents

Prospettive per un sistema di energia elettrica sostenibile per la regione EUMENA Sintesi. Dii. Renewable energy bridging continents 2050 D e s e r t P o w e r Prospettive per un sistema di energia elettrica sostenibile per la regione EUMENA Sintesi Dii Renewable energy bridging continents Clausola di esonero di responsabilità: I seguenti

Dettagli

Realizzare l Unione Energetica europea. Proposte e raccomandazioni di policy per dare energia alla competitività dell Europa

Realizzare l Unione Energetica europea. Proposte e raccomandazioni di policy per dare energia alla competitività dell Europa Realizzare l Unione Energetica europea Proposte e raccomandazioni di policy per dare energia alla competitività dell Europa Mappa concettuale della Ricerca Contesto di riferimento : un elemento chiave

Dettagli

TITOLO LUOGO E DATA ORGANIZZATORE RELAZIONE

TITOLO LUOGO E DATA ORGANIZZATORE RELAZIONE TITOLO LUOGO E DATA ORGANIZZATORE Infoday on Horizon 2020 SC5: Climate action, Environment, Resource efficiency and Raw Materials 12 Novembre 2013 Commissione europea Centro Conferenze Albert Borschette

Dettagli

TITOLO LUOGO E DATA ORGANIZZATORE RELAZIONE

TITOLO LUOGO E DATA ORGANIZZATORE RELAZIONE TITOLO LUOGO E DATA ORGANIZZATORE Infoday on Horizon 2020 - Research PPPs on Factories of the Future, Energy-efficient Buildings, Green Vehicles and Sustainable Process Industry 16-17 Dicembre 2013 Commissione

Dettagli

PANEL 1: ENERGIA. Signor Presidente Ermolli, caro Ministro Khelil colleghi Ministri, amici imprenditori, signore e signori,

PANEL 1: ENERGIA. Signor Presidente Ermolli, caro Ministro Khelil colleghi Ministri, amici imprenditori, signore e signori, FORUM ECONOMICO-FINANZIARIO PER IL MEDITERRANEO PANEL 1: ENERGIA (Milano, 20 luglio 2009, ore 15) Signor Presidente Ermolli, caro Ministro Khelil colleghi Ministri, amici imprenditori, signore e signori,

Dettagli

G. Trasporti, Telecomunicazioni ed Energia

G. Trasporti, Telecomunicazioni ed Energia G. Allo scopo di rafforzare la competitività, la crescita e l occupazione dell UE, e nel quadro della revisione di medio termine della Strategia Europa 2020, il ruolo delle tecnologie digitali, dell energia

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Gli strumenti della BEI a favore delle RINNOVABILI

Gli strumenti della BEI a favore delle RINNOVABILI Gli strumenti della BEI a favore delle RINNOVABILI Convention Credito al Credito Angela Mancinelli Roma, 26 novembre 2010 INDICE 1. 2. 3. 4. BEI Quadro generale ENERGIA Contesto operativo ENERGIA Strumenti

Dettagli

La cooperazione per il mediterraneo

La cooperazione per il mediterraneo La cooperazione per il mediterraneo L unione per il Mediterraneo La politica europea di vicinato Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento politiche europee Teresa Panariello 1 L Unione per il

Dettagli

TITOLO Social Innovation & Mutual Learning on Micro-Savings in Europe

TITOLO Social Innovation & Mutual Learning on Micro-Savings in Europe TITOLO Social Innovation & Mutual Learning on Micro-Savings in Europe LUOGO E DATA ORGANIZZATORE Hotel Bedford, Rue du Midi 135-137, 1000 Brussels 9-10 Settembre 2013 EFIN-European Financial Inclusion

Dettagli

Ministry for the Environment and Territory TITOLO DEL PROGETTO. MEDREP Programma per le energie rinnovabili nel Mediterraneo

Ministry for the Environment and Territory TITOLO DEL PROGETTO. MEDREP Programma per le energie rinnovabili nel Mediterraneo Ministry for the Environment and Territory Department for Environmental Research and Development TITOLO DEL PROGETTO MEDREP Programma per le energie rinnovabili nel Mediterraneo BACKGROUND Il Programma

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

La sicurezza dell approvvigionamento energetico

La sicurezza dell approvvigionamento energetico La sicurezza dell approvvigionamento energetico * L urgenza di un azione comune e coordinata Durante il programma europeo di ricerca sulla sicurezza dell approvvigionamento energetico, Coordinating Energy

Dettagli

Domande & risposte su Dii

Domande & risposte su Dii Domande & risposte su Dii Energie rinnovabili dai deserti del Nord Africa e del Medio Oriente dalla visione alla realtà Dii Renewable energy bridging continents » La Dii si impegna a favore dello sviluppo

Dettagli

Rinnovabili: costi, benefici e opportunità nei mercati mondiali

Rinnovabili: costi, benefici e opportunità nei mercati mondiali Rinnovabili: costi, benefici e opportunità nei mercati mondiali Prof. Andrea Gilardoni Presidente Osservatorio OIR Rinnovabili 2.0 Roma, 18 aprile L Osservatorio e i suoi Partner Avviato nel 2008 dalla

Dettagli

Federica Guidi. Spunti per l intervento di. Presentazione del World Energy Outlook ENI. Ministro dello Sviluppo Economico. World Energy Otlook 2014

Federica Guidi. Spunti per l intervento di. Presentazione del World Energy Outlook ENI. Ministro dello Sviluppo Economico. World Energy Otlook 2014 Spunti per l intervento di Federica Guidi Ministro dello Sviluppo Economico Presentazione del World Energy Outlook ENI 1 Vorrei innanzitutto salutare e ringraziare l Agenzia Internazionale per l Energia

Dettagli

Tutti sappiamo che il consumo attuale di energia in Europa dipende largamente

Tutti sappiamo che il consumo attuale di energia in Europa dipende largamente Azioni per il pianeta Focus Verso il 2050 Come e perché decarbonizzare l Europa conviene di Jules Kosternhorst Il messaggio è chiaro: la decarbonizzazione del settore energetico europeo rappresenta una

Dettagli

RASSEGNA STAMPA EUROPEA

RASSEGNA STAMPA EUROPEA RASSEGNA STAMPA EUROPEA n. 1/11 10 14 gennaio 2011 Al via Presidenza ungherese dell UE: coinvolgere enti locali e regionali È all'ungheria che spetterà il compito di sostenere e canalizzare lo slancio

Dettagli

L ITALIA VERSO RIO+20

L ITALIA VERSO RIO+20 FORUM DELLA SOCIETÀ CIVILE L ITALIA VERSO RIO+20 Buone pratiche, idee e proposte per il futuro dello sviluppo sostenibile Roma, 10 gennaio 2012 Sintesi dei lavori Introduzione Nella situazione attuale,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CATANIA. Spazio Euromediterraneo dell Istruzione, Alta Formazione e Ricerca

DICHIARAZIONE DI CATANIA. Spazio Euromediterraneo dell Istruzione, Alta Formazione e Ricerca DICHIARAZIONE DI CATANIA Spazio Euromediterraneo dell Istruzione, Alta Formazione e Ricerca Desiderando dare seguito agli orientamenti espressi nella Dichiarazione di Barcellona del 1995 che mira a trasformare

Dettagli

Efficienza energetica: il principale combustibile per l economia europea. Energy Efficiency: the first fuel for the EU economy

Efficienza energetica: il principale combustibile per l economia europea. Energy Efficiency: the first fuel for the EU economy Efficienza energetica: il principale combustibile per l economia europea Energy Efficiency: the first fuel for the EU economy Efficienza energetica: il principale combustibile per l economia europea Come

Dettagli

Sole. del sud. Energia solare nel sud del Mediterraneo. Lo stato e le prospettive dei programmi solari annunciati. progetti 30

Sole. del sud. Energia solare nel sud del Mediterraneo. Lo stato e le prospettive dei programmi solari annunciati. progetti 30 progetti 30 Sole del sud di ROBERTO VIGOTTI* Durante questi ultimi tre anni si sono susseguiti riunioni istituzionali, annunci di piani e consorzi industriali, conferenze, progetti europei relativi a una

Dettagli

IL MEDITERRANEO TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO

IL MEDITERRANEO TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO IL MEDITERRANEO TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO 17 novembre 2011 DIVENTIAMO CITTADINI EUROPEI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER INSEGNANTI XV EDIZIONE TORINO Silvia Colombo Istituto Affari Internazionali (IAI) -

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Efficienza Energetica: problematiche, possibilità,, sviluppi Marcello Capra Dipartimento per l Energia FAST, Fiera di Milano 26 maggio 2009 Il quadro di riferimento nazionale

Dettagli

The role of the Green Economy. and Green Business

The role of the Green Economy. and Green Business INTERNATIONAL WORKSHOP Sviluppo Sostenibile: prodotti, consumo, promozione e marketing territoriale The role of the Green Economy in promoting a new model of Development and Green Business Edoardo Croci

Dettagli

TITOLO LUOGO E DATA ORGANIZZATORE

TITOLO LUOGO E DATA ORGANIZZATORE TITOLO LUOGO E DATA ORGANIZZATORE THE EU DAIRY SECTOR: DEVELOPING BEYOND 2015 Bruxelles, Charlemagne building, Rue de la Loi 170 1000 25 settembre 2013 Commissione europea, DG AGRI RELAZIONE Il regime

Dettagli

Circolare n.3 2 marzo2012

Circolare n.3 2 marzo2012 Circolare n.3 2 marzo2012 C.I.C.U. Comitato Italiano Città Unite Conferenza Regionale del Nord Africa sulla MIGRAZIONE E SVILUPPO organizzata congiuntamente dalle Nazioni Unite e dalla Commissione europea

Dettagli

BIOMASTER Meeting 15 giugno 2012

BIOMASTER Meeting 15 giugno 2012 BIOMASTER Meeting 15 giugno 2012 Comunicazione della Commissione europea del 6 giugno 2012: Renewable Energy: a major player in European energy market Argomenti affrontati 1. Integrare le energie rinnovabili

Dettagli

Contesto generale. Economia

Contesto generale. Economia BOZZA v.20120401 Contesto generale Unione del Grande Maghreb, cioè Libia, Tunisia, Algeria, Marocco e Mauritania. Le lingue ufficiali dell'unione sono il francese e l'arabo La comunanza di lingua (francese)

Dettagli

VERSIONE NON UFFICIALE

VERSIONE NON UFFICIALE VERSIONE NON UFFICIALE DICHIARAZIONE CONGIUNTA DEI MINISTRI DELL ENERGIA, DEL COMMISSARIO EUROPEO E DEI MINISTRI DELL ENERGIA DI ALGERIA, AUSTRALIA, BRASILE, CINA, EGITTO, INDIA, INDONESIA, COREA, LIBIA,

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Approfondimento sui Programmi ENPI CBC MED ENPI Italia Tunisia

Approfondimento sui Programmi ENPI CBC MED ENPI Italia Tunisia DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE ECONOMICADIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA REGIONALE UNITARIA COMUNITARIA Dipartimento della Qualità Direzione Generale della Programmazione Sanitaria, dei Livelli

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2003-2016 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Forum Nord Africa. Approcci e metodi per intrattenere rapporti d affari in maniera strutturata. Stella Occhialini Baveno.

Forum Nord Africa. Approcci e metodi per intrattenere rapporti d affari in maniera strutturata. Stella Occhialini Baveno. Forum Nord Africa Approcci e metodi per intrattenere rapporti d affari in maniera strutturata Stella Occhialini Baveno 11 Novembre 2013 Roncucci&Partners è una business consulting che si occupa da oltre

Dettagli

Il Programma MED 2014-2020

Il Programma MED 2014-2020 Il Programma MED 2014-2020 Obiettivo generale Promuovere una crescita sostenibile nel bacino mediterraneo favorendo pratiche innovative e un utilizzo ragionevole delle risorse (energia, acqua, risorse

Dettagli

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed SPIN - Roma, 13 giugno 2005 Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed Renzo Vanetti, Amministratore Delegato 2 Lisbona/Barcellona: lo stesso concetto di cooperazione Lisbona

Dettagli

Presidenza polacca del Consiglio dell Unione Europea. 1 Luglio 31 Dicembre 2011. Programma

Presidenza polacca del Consiglio dell Unione Europea. 1 Luglio 31 Dicembre 2011. Programma Presidenza polacca del Consiglio dell Unione Europea 1 Luglio 31 Dicembre 2011 Programma Roma, il 29 giugno 2011 1 Priorità della Presidenza Integrazione europea come fonte di crescita Europa sicura Europa

Dettagli

TUNISIA LE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA E LE OPPORTUNITA DI MERCATO

TUNISIA LE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA E LE OPPORTUNITA DI MERCATO TUNISIA LE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA E LE OPPORTUNITA DI MERCATO 1 PREMESSA Parlare di mercato delle Fonti Rinnovabili di Energia in Tunisia significa parlare di tutta un area che ha caratteristiche

Dettagli

Esperienze e prospettive di cooperazione territoriale nell arco alpino

Esperienze e prospettive di cooperazione territoriale nell arco alpino Esperienze e prospettive di cooperazione territoriale nell arco alpino UDINE ITALY 15 Settembre 2015 La Strategia Macroregionale Alpina (EUSALP) Roberta Negriolli REGIONE LOMBARDIA Delegazione di Bruxelles

Dettagli

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi G8 Social Summit People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi Conclusioni della Riunione del G8 sul Lavoro e l Occupazione 1. I Ministri del Lavoro e dell Occupazione dei paesi del G8

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC Finalità: Obiettivo generale Migliorare, attraverso la cooperazione interregionale l efficacia dello sviluppo di politiche regionali nelle aree innovative, l economia della

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Attività Internazionali. Cassa depositi e prestiti

Cassa depositi e prestiti. Attività Internazionali. Cassa depositi e prestiti Cassa depositi e prestiti Attività Internazionali Cassa depositi e prestiti Cassa depositi e prestiti è impegnata nello sviluppo e consolidamento di rapporti istituzionali bilaterali e multilaterali in

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Report sul gas naturale

Report sul gas naturale Report sul gas naturale A) Focus Energia B) Produzione Gas Naturale C) Consumo Gas Naturale D) Riserve Gas Naturale E) Il Commercio Mondiale di Gas Naturale F) I prezzi G) Il Nord America H) L Europa I)

Dettagli

Obiettivi e Strumenti

Obiettivi e Strumenti Libro verde sul quadro al 2030 per le politiche energetiche e climatiche Consultazione pubblica del Ministero dello Sviluppo Economico Risposte Confindustria Confindustria considera il tema affrontato

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

GECA GLOBAL CONSULTING suarl 76, Avenue Habib Bourghiba App. A1-1 2080 Ariana - TUNISIA MF: 1260762R/A/M/000

GECA GLOBAL CONSULTING suarl 76, Avenue Habib Bourghiba App. A1-1 2080 Ariana - TUNISIA MF: 1260762R/A/M/000 GECA GLOBAL CONSULTING suarl 76, Avenue Habib Bourghiba App. A1-1 2080 Ariana - TUNISIA MF: 1260762R/A/M/000 Chi siamo La GECA Global Consulting è una società di consulenza internazionale, costituita a

Dettagli

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori E. Un Economia Europea Inclusiva Alla luce delle conseguenze della crisi finanziaria ed economica, c è un urgente bisogno di evitare il deterioramento della coesione sociale e le sue drammatiche ripercussioni,

Dettagli

MAYORS ADAPT. Promuovere la leadership locale nell adattamento ai cambiamenti climatici

MAYORS ADAPT. Promuovere la leadership locale nell adattamento ai cambiamenti climatici MAYORS ADAPT Promuovere la leadership locale nell adattamento ai cambiamenti climatici Webinar, Pratiche di sostenibilità, 30 Aprile 2014 Karl-Ludwig Schibel, Alleanza per il Clima Italia Indice presentazione

Dettagli

Orientamenti per il POR del Veneto,

Orientamenti per il POR del Veneto, Orientamenti per il POR del Veneto, parte FESR 2014 2020 Venezia, 23 settembre 2013 Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Segreteria Generale della Programmazione Direzione Programmazione Orientamenti

Dettagli

LUOGO E DATA 15 Ottobre 2015 Parlamento Europeo Rue Wiertz, 60 1000 Bruxelles ORGANIZZATORE

LUOGO E DATA 15 Ottobre 2015 Parlamento Europeo Rue Wiertz, 60 1000 Bruxelles ORGANIZZATORE TITOLO Riunione Commissione INTA LUOGO E DATA 15 Ottobre 2015 Parlamento Europeo Rue Wiertz, 60 1000 Bruxelles ORGANIZZATORE Commissione Commercio Internazionale RELAZIONE In data 15 ottobre 2015 si è

Dettagli

L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento

L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento Patto dei Sindaci e politiche per il clima: aggiornamenti e prospettive Mauro Bigi, Federico D Addato Indica srl Indice Inquadramento e aggiornamento

Dettagli

Premio per l'innovazione 2013 - CNR idee che ci aiutano a stare meglio

Premio per l'innovazione 2013 - CNR idee che ci aiutano a stare meglio Premio per l'innovazione 2013 - CNR idee che ci aiutano a stare meglio Sezione A proponente Numero univoco progetto: 291729731485 Anagrafica Promotore Codice univoco progetto 291729731485 Componenti totali

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico PRESIDENZA ITALIANA DEL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA 01 luglio 31 dicembre 2014 ILLUSTRAZIONE PROGRAMMA DI PRESIDENZA PER IL SETTORE ENERGIA Incontro con gli stakeholders

Dettagli

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI.

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. www.assoelettrica.it INTRODUZIONE Vieni a scoprire l energia dove nasce ogni giorno. Illumina, nel cui ambito si svolge la terza edizione

Dettagli

Agenda 21 Scolastica e Cooperazione Decentrata in Bulgaria

Agenda 21 Scolastica e Cooperazione Decentrata in Bulgaria PROGETTO OMD PIANO D AZIONI EDUCATIVE SUGLI OBIETTIVI DI SVILUPPO DEL MILLENNIO ATTRAVERSO I GEMELLAGGI SCOLASTICI NORD / SUD (ref. DCI-NSAED/2009/202-190) Agenda 21 Scolastica e Cooperazione Decentrata

Dettagli

Cooperazione e sviluppo nel Mediterraneo

Cooperazione e sviluppo nel Mediterraneo OpenMed Cooperazione e sviluppo nel Mediterraneo Indice Chi siamo... 4 Le fasi del progetto... 5 Attività completate... 5 1. Analisi degli strumenti informativi esistenti...5 2. Definizione di criteri

Dettagli

L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA

L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA Prospettive di sviluppo delle energie rinnovabili per la produzione di energia elettrica. Opportunità per il sistema industriale nazionale. Intervento di Annalisa

Dettagli

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Buone pratiche nell uso di ambienti di apprendimento collaborativo quali strumenti per favorire la creatività ed identificazione di modelli di successo nel settore metalmeccanico

Dettagli

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020 Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione 1 Il contesto globale Accelerazione e intensificazione delle

Dettagli

IL 1 ISTITUTO EURO-MEDITERRANEO DI TECNOLOGIA L INSA EURO-MÉDITERRANÉE

IL 1 ISTITUTO EURO-MEDITERRANEO DI TECNOLOGIA L INSA EURO-MÉDITERRANÉE cosviluppano IL 1 ISTITUTO EURO-MEDITERRANEO DI TECNOLOGIA L INSA EURO-MÉDITERRANÉE Bienvenido Fès Marocco Bienvenue Willkommen Benvenuto Bem-vindo Welcome MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL INSEGNAMENTO

Dettagli

TITOLO Infoday Horizon 2020 - Future Internet. LUOGO E DATA 31 Gennaio 2014 Albert Borschette Conference Centre Rue Froissart, 36 1040 Bruxelles

TITOLO Infoday Horizon 2020 - Future Internet. LUOGO E DATA 31 Gennaio 2014 Albert Borschette Conference Centre Rue Froissart, 36 1040 Bruxelles TITOLO Infoday Horizon 2020 - Future Internet LUOGO E DATA 31 Gennaio 2014 Albert Borschette Conference Centre Rue Froissart, 36 1040 Bruxelles ORGANIZZATORE DG CONNECT RELAZIONE La giornata informativa

Dettagli

Energia elettrica dall'africa

Energia elettrica dall'africa Tavola Rotonda: Energia elettrica dall'africa Politecnico di Milano, Direzione Operations Italia 1 Sviluppo delle Rinnovabili L Italia in ambito Europeo Obiettivi direttiva 2009/28/CE: (1) Produzione da

Dettagli

Finanza per lo Sviluppo Costruiamo insieme il Programma 2014-2020

Finanza per lo Sviluppo Costruiamo insieme il Programma 2014-2020 Finanza per lo Sviluppo Costruiamo insieme il Programma 2014-2020 Andrea Kirschen Infrastrutture, Energia ed Enti Locali Italia e Malta Bologna 16 Luglio 2013 Prestiti (stipule) nel 2012: 52,2 miliardi

Dettagli

Qualità ambientale nei sistemi produttivi e successo competitivo per le imprese: dalla logica APEA alle Eco-aree produttive.

Qualità ambientale nei sistemi produttivi e successo competitivo per le imprese: dalla logica APEA alle Eco-aree produttive. Qualità ambientale nei sistemi produttivi e successo competitivo per le imprese: dalla logica APEA alle Eco-aree produttive Virginia Lopez Monfalcone, sabato 18 aprile 2015 APEA (Aree produttive ecologicamente

Dettagli

Verona 14-16 Ottobre 2015

Verona 14-16 Ottobre 2015 co-located with LA PRIMA FIERA INTERNAZIONALE SULL EFFICIENZA ENERGETICA Verona 14-16 Ottobre 2015 www.smartenergyexpo.net IL PROGETTO Smart Energy Expo è la prima fiera internazionale dedicata a soluzioni,

Dettagli

Power to Change. VIII Annual Forum on Business Ethics and CSR Milano, 13 dicembre 2011. Sabina Ratti Sustainability Senior Vice President

Power to Change. VIII Annual Forum on Business Ethics and CSR Milano, 13 dicembre 2011. Sabina Ratti Sustainability Senior Vice President Power to Change VIII Annual Forum on Business Ethics and CSR Milano, 13 dicembre 2011 Sabina Ratti Sustainability Senior Vice President Agenda Il profilo dell azienda Dual flag L accesso all energia L

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di

Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di cooperazione, entrato in vigore nel 1978. Queste relazioni

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 27.1.2005 COM(2005) 16 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE Relazione sull'applicazione del piano d'azione per le tecnologie ambientali nel 2004 {SEC(2005)100}

Dettagli

Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei

Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei Il nuovo Piano nazionale della logistica 2011-2020: effetti sul territorio veneto Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei Gian Angelo Bellati

Dettagli

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 !1 COUNCIL OF THE EUROPEAN UNION Brussels, 22 July 2014 Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 Onorevole Presidente, Onorevoli Membri della Commissione, Sono

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Risparmio ed efficienza per l Università

Risparmio ed efficienza per l Università Risparmio ed efficienza per l Università Arturo Lorenzoni Università degli Studi di Padova Università degli Studi di Torino 4 giugno 2014 DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE L intervento in sintesi

Dettagli

TITOLO Innovation Convention 2014

TITOLO Innovation Convention 2014 TITOLO Innovation Convention 2014 LUOGO E DATA ORGANIZZATORE 10-11 Marzo 2014 Square Brussels Meeting Centre (Glass entrance) Mont des Arts Kunstberg - 1000 Bruxelles DG Ricerca e Innovazione RELAZIONE

Dettagli

Cooperazione sanitaria in un SSR: l esperienza della Regione Toscana M. J. Caldés Pinilla

Cooperazione sanitaria in un SSR: l esperienza della Regione Toscana M. J. Caldés Pinilla Cooperazione sanitaria in un SSR: l esperienza della Regione Toscana M. J. Caldés Pinilla Orbassano 10 maggio 2010 Deve una Regione occuparsi di Cooperazione Sanitaria Internazionale? Alcuni elementi dell

Dettagli

Osservatorio sulla Green Economy

Osservatorio sulla Green Economy Osservatorio sulla Green Economy Progetto delle attività 2014-2015 1. Premessa Il tema della green economy è al centro del dibattito internazionale, europeo e nazionale. La Conferenza delle Nazioni Unite

Dettagli

un autentico rilancio dello sviluppo europeo e italiano necessita di un sistema

un autentico rilancio dello sviluppo europeo e italiano necessita di un sistema Le fonti ri n n ova b i l i : politiche e pro s p e t t i ve e u ro p e e di Vittorio Prodi un autentico rilancio dello sviluppo europeo e italiano necessita di un sistema energetico rinnovato e ambientalmente

Dettagli

WP2/D.5. Modello di servizio di consulenza alla carriera del Progetto Docent D. 5 DOC SERVICE. DOCENT Doctors in Enterprise

WP2/D.5. Modello di servizio di consulenza alla carriera del Progetto Docent D. 5 DOC SERVICE. DOCENT Doctors in Enterprise 1 WP2/D.5 Modello di servizio di consulenza alla carriera del Progetto Docent D. 5 DOC SERVICE 2 UN MODELLO PER L EROGAZIONE DI SERVIZI DI CONSULENZA ALLA CARRIERA RISPONDENTE ALLE ESIGENZE DI DOTTORANDI

Dettagli

Il Programma LLP - Leonardo da vinci e il nuovo Programma Erasmus for All (2014 2020) Relatore: Franca Fiacco

Il Programma LLP - Leonardo da vinci e il nuovo Programma Erasmus for All (2014 2020) Relatore: Franca Fiacco Il Programma LLP - Leonardo da vinci e il nuovo Programma Erasmus for All (2014 2020) Relatore: Franca Fiacco Fonte: Comunicazione Commissione europea al Parlamento, al Consiglio, al Comitato economico

Dettagli

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010 Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud Università Ca Foscari Venezia, 10 febbraio 2010 Premesse In riferimento all obiettivo di sensibilizzare ed educare allo sviluppo

Dettagli

Audizione X Commissione Senato sulla Strategia Energetica Nazionale. Roma, 10 ottobre 2012.

Audizione X Commissione Senato sulla Strategia Energetica Nazionale. Roma, 10 ottobre 2012. Audizione X Commissione Senato sulla Strategia Energetica Nazionale. Roma, 10 ottobre 2012. Intervento di Bruno Lescoeur, Amministratore Delegato, Edison Nella prima occasione in cui ho parlato a questa

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 21.10.2015 COM(2015) 602 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA Una tabella di marcia verso una rappresentanza

Dettagli

OUTPLACEMENT INDIVIDUALE E COLLETTIVO

OUTPLACEMENT INDIVIDUALE E COLLETTIVO La nostra Società è nata nel 1992 e negli anni si è particolarmente radicata nei territori dell Emilia Romagna e Toscana. Dal 2012 ha sede anche in Veneto. Abbiamo sviluppato una profonda competenza nelle

Dettagli

Cogenerazione Enti locali e regionali ecc.)

Cogenerazione Enti locali e regionali ecc.) Promozione di pratiche di gestione dell energia nell industria tessile in Grecia, Portogallo, Spagna e Bulgaria EMS Textile SIGMA Consultants Ltd - Grecia Descrizione Il progetto EMS-Textile mirava a promuovere

Dettagli

IL FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI STRATEGICI

IL FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI STRATEGICI Un piano di investimenti per l Europa IL FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI STRATEGICI REG2015/1017 Audizione presso la XIV Commissione del Senato Politiche dell Unione europea Roma, 22 luglio 2015 Adozione

Dettagli

ANICA INCONTRA Europa Creativa e Fondo centrale di garanzia

ANICA INCONTRA Europa Creativa e Fondo centrale di garanzia ANICA INCONTRA Europa Creativa e Fondo centrale di garanzia Il supporto trasversale europeo alle piccole e medie imprese Roma, 20 febbraio 2014 STATO ATTUALE La crisi generale degli Stati dell Unione Europea

Dettagli

Enti Locali Resilienti: La normativa UE 20-20-20 e Roadmap 2050. Elaborazione a cura di: Piero Pelizzaro Kyoto Club 1

Enti Locali Resilienti: La normativa UE 20-20-20 e Roadmap 2050. Elaborazione a cura di: Piero Pelizzaro Kyoto Club 1 Enti Locali Resilienti: La normativa UE 20-20-20 e Roadmap 2050 Elaborazione a cura di: Piero Pelizzaro Kyoto Club 1 Negli ultimi anni diversi comuni hanno sperimentato attività volte alla riduzione delle

Dettagli

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale Il Consiglio dell Unione europea ha adottato a dicembre 2013 il Regolamento relativo al Quadro Finanziario Pluriennale per il periodo

Dettagli

La presenza italiana in Africa subsahariana: opportunità e criticità

La presenza italiana in Africa subsahariana: opportunità e criticità La presenza italiana in Africa subsahariana: opportunità e criticità Venezia, 27 aprile 2015 Raffaele de Lutio Direttore Centrale per i Paesi dell Africa sub-sahariana Attenzione del MAECI verso l Africa

Dettagli

TITOLO LUOGO E DATA ORGANIZZATORE. 15. Audizione pubblica sul nuovo assetto del mercato dell energia.

TITOLO LUOGO E DATA ORGANIZZATORE. 15. Audizione pubblica sul nuovo assetto del mercato dell energia. TITOLO LUOGO E DATA ORGANIZZATORE Audizione pubblica sul nuovo assetto del mercato dell energia 17 Marzo 2016 Parlamento Europeo Rue Wiertz, 60-1000 Bruxelles Commissione per l industria, la ricerca e

Dettagli

L efficienza un driver strategico per il settore dell energia

L efficienza un driver strategico per il settore dell energia L efficienza un driver strategico per il settore dell energia Arturo Lorenzoni Università degli Studi di Padova Milano, 11 luglio 2013 DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE Il potenziale di risparmio

Dettagli

Apprendimento Permanente, Leonardo da Vinci Trasferimento dell Innovazione.

Apprendimento Permanente, Leonardo da Vinci Trasferimento dell Innovazione. PROMETEUS NEWSLETTER 2 PROMETEUS PROmoting obility Expertise of Teachers of EU Students Gentile lettore, Benvenuto al secondo numero della newsletter di PROMETEUS, PROmoting Mobility Expertise of Teachers

Dettagli

La certificazione energetica tra cogenza e volontarietà

La certificazione energetica tra cogenza e volontarietà Osservatorio Comunicazione e Informazione Ambientale La certificazione energetica tra cogenza e volontarietà Edoardo Croci Milano, 12 Dicembre 2011 Obiettivi europei 20-20-20 3 assi chiave, da realizzare

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Linee di sviluppo governative in tema di efficienza energetica Marcello Capra Dipartimento per l Energia EFFICIENZA ENERGETICA, POLITICHE TERRITORIALI E TELERISCALDAMENTO EGEA - Alba, 18 novembre 2011

Dettagli

AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES (COHAFA)

AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES (COHAFA) AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA PER IL SEMESTRE DI PRESIDENZA ITALIANA DEL GRUPPO DI LAVORO SULL AIUTO UMANITARIO (COHAFA) Spunti di intervento 1 INTRODUZIONE

Dettagli