MONITORAGGIO BREVETTUALE Settore Fotovoltaico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MONITORAGGIO BREVETTUALE Settore Fotovoltaico"

Transcript

1 MONITORAGGIO BREVETTUALE Settore Fotovoltaico TECNOLOGIE DI PUNTA A cura di Susanna Paoni OTTOBRE 2012

2 La presente pubblicazione è stata realizzata da UMBRIA INNOVAZIONE nell ambito delle attività di cui al Programma di animazione per lo sviluppo di progetti aziendali di innovazione nelle PMI umbre POR FESR Asse I Attività c1, affidatele con Convenzione Rep. N del 21/12/2011. UMBRIA INNOVAZIONE è un'agenzia regionale che opera con l obiettivo di accrescere e promuovere la cultura dell innovazione all interno della Regione Umbria sostenendo la capacità competitiva delle piccole e medie imprese. Tra le principali attività: - Il supporto al governo regionale dell Umbria e alle strutture tecniche ad esso collegate in materia di innovazione. - La promozione e l integrazione fra il sistema della ricerca e il sistema produttivo. - La partecipazione diretta ai programmi di cooperazione scientifica. - La valorizzazione della cultura dell innovazione. UMBRIA INNOVAZIONE coordina il Programma i-start, Innovazione Supporto Tecnico di Animazione Ricerca e Tecnologie. Il Programma i-start si pone l obiettivo di guidare, animare e supportare le PMI nell intero processo dell innovazione, dalle modalità di sviluppo di idee innovative fino alla valutazione, implementazione, tutela e proposta sul mercato di prodotti e servizi innovativi.

3 PREMESSA Prima ancora di intraprendere un attività inventiva, i ricercatori sono soliti documentarsi su possibili soluzioni tecniche già sviluppate: il monitoraggio brevettuale, quale ricerca sullo stato della tecnica, consente loro di acquisire una base di informazioni iniziali senza duplicare sforzi di ricerca già compiuti da altri e di evitare che i frutti del loro ingegno siano limitati in originalità, da tecniche preesistenti o che addirittura risultino già brevettati da altri. I brevetti sono una fonte di informazione tecnica di prim ordine completamente accessibile al pubblico e di grande valore per tutte le fasi dell attività aziendale, dalla ricerca allo sviluppo, dalla produzione alla commercializzazione. Essi sono l espressione del potenziale innovativo di un dato settore o di una particolare azienda. I brevetti forniscono una descrizione dettagliata dell invenzione, del suo funzionamento, illustrano gli effetti della tecnologia e indicano la soluzione al problema tecnico di partenza. In essi è illustrato lo stato dell arte tecnologico con espresso riferimento alle soluzioni preesistenti adottate dalla concorrenza. I brevetti ci consentono quindi di valutare lo stato della tecnica e di individuare i problemi connessi alle tecnologie note; ci forniscono indicazioni sui settori di applicazione, esempi di applicazioni industriali e campi di intervento e ci illustrano le possibili alternative tecnologiche.

4 IL MONITORAGGIO BREVETTUALE Il monitoraggio brevettuale ha diverse funzioni. Ci fornisce informazioni aggiornate sui brevetti più recenti. Ci permette di accertare lo stato della tecnica, l evoluzione tecnologica e il trend di mercato di un dato settore e quindi di orientare al meglio ricerche, studi e strategie aziendali. Ci consente di conoscere e monitorare il potenziale innovativo e le strategie della concorrenza Facilita la nascita di relazioni e/o collaborazioni industriali nazionali ed internazionali, attraverso accordi di trasferimento tecnologico, partnership, licenze Il monitoraggio brevettuale è un ottima fonte di informazioni aggiornate: i brevetti rappresentano un vasto e prezioso bacino di documentazione tecnica il cui numero cresce molto rapidamente. Ad oggi abbiamo più di 50 milioni di brevetti internazionali, ai quali, ogni anno, se ne aggiungono più di Se si considera che ciascun brevetto viene reso pubblico ed accessibile dopo 18 mesi dal deposito, ne risulta che l informazione brevettuale, oltre ad essere abbondante e dettagliata, è anche aggiornata. Il monitoraggio brevettuale è particolarmente utile per il reperimento di informazioni su soluzioni tecniche: infatti, come previsto dalla legge, il brevetto deve contenere la descrizione del problema, le soluzioni ed i vantaggi tecnici ed economici. Il brevetto fornisce quindi una descrizione dettagliata del settore tecnologico interessato, delle sue carenze, delle problematiche riscontrate e delle migliorie conseguibili con la soluzione depositata. Inoltre, una sua sezione è specificatamente dedicata all illustrazione dello stato dell arte tecnologico più recente. Valutando soluzioni diverse a problemi analoghi si possono quindi ricostruire i trend tecnologici in atto nel singolo settore e dedurre indicazioni su quelli futuri. 1

5 Infine, visto che i brevetti vengono pubblicati e resi accessibili al pubblico soltanto dopo 18 mesi dalla data del deposito, può accadere che a tale data il prodotto non sia ancora completamente sviluppato o che non sia stato ancora lanciato sul mercato. Pertanto, analizzando la documentazione brevettuale è possibile conoscere le tendenze dei prodotti con un significativo anticipo. La lettura di un monitoraggio brevettuale consente agli addetti ai lavori di risparmiare tempo e costi evitando di cercare informazioni già disponibili di evitare ricerche di paragone con i propri prodotti di valutare la possibilità di sfruttare soluzioni già esistenti o di utilizzarle come punto di partenza per eventuali modifiche od evoluzioni Lo sfruttamento delle informazioni sullo stato della tecnica, ricavabili dal monitoraggio brevettuale, consente da un lato, di ridurre tempi e costi di sviluppo e produzione, dall altro, di ridurre il rischio di investire in tecnologie già esistenti e quindi non più tutelabili. Il monitoraggio brevettuale fornisce chiare indicazioni sull attività brevettuale e sulle competenze di concorrenti, partner o futuri clienti e ci offre l opportunità di individuare i soggetti con le maggiori competenze tecnologiche a livello internazionale in un dato settore e di avviare con loro rapporti di collaborazione in attività di R&S, accordi di trasferimento tecnologico ed industriali. Ci fornisce anche gli strumenti per individuare eventuali licenzianti, o aziende interessate all acquisto dei nostro brevetto o al loro sfruttamento (licenziatari) o addirittura partner con cui siglare accordi di cross licensing. 2

6 LA METODOLOGIA Il presente report è stato realizzato con l obiettivo di fornire agli addetti ai lavori una rassegna dei più significativi brevetti internazionali registrati negli ultimi 3 anni nel settore delle TECNOLOGIE PER L ENERGIA FOTOVOLTAICA. La ricerca dei brevetti è stata effettuata nei principali database brevettuali internazionali secondo il criterio delle parole-chiave. La metodologia adottata per la selezione dei brevetti e per la composizione della rassegna, si è basata essenzialmente sui seguenti elementi: prossimità temporale: sono stati presi in esame soltanto i brevetti pubblicati successivamente al 1 gennaio 2010; qualità del brevetto: sono stati inclusi nella rassegna soltanto i brevetti più rilevanti dal punto di vista tecnico-scientifico; applicabilità del brevetto: sono stati selezionati soltanto i brevetti che, a nostro giudizio, hanno maggiori potenzialità di applicazione nel mercato di riferimento. Nell ultima sezione del presente report abbiamo inserito una tabella di sintesi che riporta i dati salienti relativi ai brevetti inseriti, in base al loro ordine di inserimento. Per ciascuno dei brevetti inseriti nel report è disponibile copia originale. La rassegna che segue, seppur significativa, non può essere considerata esaustiva. 3

7 IL SETTORE Un fattore che concorre in modo determinante allo sviluppo di un settore è dato dal grado di competitività delle imprese che vi operano. La competitività non risiede soltanto nella capacità di praticare prezzi concorrenziali ma, in particolare, nella capacità di aggiornare costantemente il proprio livello tecnologico e di riconoscere e possibilmente anticipare i mutamenti delle esigenze del mercato e conseguentemente, di introdurre con tempestività le innovazioni necessarie o, semplicemente desiderate. Dalle indagini condotte è emerso che il settore delle tecnologie per l energia fotovoltaica, è caratterizzato, a livello mondiale, da un andamento fortemente dinamico, determinato dalla veloce espansione del solare fotovoltaico, inesauribile, accessibile, facile da sfruttare e da una diffusa politica di incentivi governativi a favore dell istallazione di pannelli fotovoltaici. Il silicio, nelle sue varie forme, mono, policristallino o amorfo, è il materiale maggiormente utilizzato nella produzione di pannelli fotovoltaici: più del 90% dei pannelli prodotti utilizzano silicio. Il silicio utilizzato a questo scopo è generalmente quello di scarto della più sofisticata tecnologia dei transistor, ciononostante il suo costo di produzione rimane abbastanza elevato ed in prospettiva, la sua scarsa disponibilità originata proprio dalla crescita del fotovoltaico, può condizionarne lo sviluppo. Per tale motivo, numerose aziende stanno cercando dei materiali alternativi. Oltre alla possibilità di sostituire il silicio con materiali a basso costo, anche di tipo sintetico come ad esempio i nuovi materiali plastici, i più attivi team di ricerca internazionali stanno cercando soluzioni che contemporaneamente, consentano di aumentare il rendimento di conversione e di ridurre il costo dell energia prodotta. L attuale rendimento di un sistema di conversione fotovoltaica che sfrutta celle al silicio è poco soddisfacente: varia tra il 10 e il 15% circa. Si ritiene però che l utilizzo di nuovi materiali semiconduttori (Gallio, Tellurio, Indio) e nuove tecnologie consentiranno ben presto di raddoppiare l efficienza. Inoltre, l investimento per un impianto fotovoltaico è ancora elevato e l energia elettrica prodotta con questa tecnologia ha un costo superiore fino a 5 volte rispetto all energia prodotta con i sistemi tradizionali. 4

8 IL PANORAMA MONDIALE Il 2011 è stato un anno estremamente importante per il fotovoltaico italiano, caratterizzato da una forte crescita delle installazioni e dall approvazione di alcuni provvedimenti legislativi in materia (v. Decreto Salva Alcoa ). Nel corso del 2011, in Italia, sono stati installati nuovi impianti per MW (quasi tre volte la potenza esistente al ), per un totale complessivo di impianti fotovoltaici ed una potenza complessiva di MW, che hanno fatto guadagnare al nostro Paese il secondo posto nella classifica mondiale per potenza fotovoltaica installata (28%) e il primo posto, davanti alla Germania (25%), per nuova capacità installata nell anno. Il 2011 è stato un anno eccezionale anche per il fotovoltaico mondiale: la potenza complessiva installata nel mondo ha raggiunto i 24 GW, con una crescita del 26% rispetto al Mercato mondiale del fotovoltaico 2011 Installazioni totali in % India 3% UK 3% Canada 3% Resto del mondo 16% Italia 36% AustraliaFrance 3% 5% Giappone 7% Cina 11% USA 13% Fonte: ns. elaborazione dati IMS Research 5

9 A livello europeo si è registrato un rallentamento, dovuto principalmente agli impianti acquistati e non ancora installati, in particolare in Germania e nella Repubblica Ceca. Secondo l analisi di IMS Reaserch, la quota europea sulla domanda mondiale sta diminuendo (dall 82% del 2010 al 68% del 2011), mentre i mercati americani e asiatici, Usa e Cina in primis, sono in crescita, da essi proviene infatti l 85% della crescita globale delle installazioni 2011, tendenza che, secondo gli esperti, dovrebbe continuare nel 2012, quando la quota di nuovi impianti scenderà al 50%. Nel 2012 il mercato del fotovoltaico non crollerà anzi, le prospettive fanno ipotizzare un mercato globale di più di 30 GW a per l anno in corso. In Germania si prevede che il mercato avrà volumi pressoché simili a quelli del 2010 e 2011, con circa 6,9 GW, grazie soprattutto a una spinta nella seconda parte dell anno e un accelerazione del mercato per l edilizia residenziale e commerciale che in alcuni casi, complice il crollo dei prezzi, potrà avvicinarsi alla grid parity (prezzo del kwh prodotto dal sistema FV uguale o inferiore a quello acquistato dalla rete). Se il mercato italiano, che nel 2011 è stato uno di quelli di punta, si ridurrà nel 2012 come previsto (circa 2,5 GW di potenza installata), a riportare il settore fotovoltaico in una posizione più in linea di galleggiamento con l attuale overcapacity, ci sarà la domanda della Cina (oltre 4 GW) e degli Stati Uniti (circa 3,5 GW), a cui si aggiungerà quella di Giappone (quasi 2 GW) e India (più di un GW), insieme ad altri più piccoli mercati emergenti. I prezzi dei moduli al silicio si sono abbassati del 45% tra il primo trimestre 2011 e il primo del Il prezzo del modulo sta velocemente arrivando a 0,60 /W (0,80 $/W), stima prevista per l ultimo trimestre Per le celle il calo è addirittura valutato nel 58%. Ancora più ampi i decrementi per i wafer (-63%) e per il policristallino (-65%). La competizione è una sfida molto importante ed è necessario che l Italia la colga aumentando il proprio know-how ed investendo nella ricerca. Il fotovoltaico tradizionale, infatti, ha diversi limiti: tra questi, il fatto di sfruttare solo una parte delle emissioni solari e solo in condizioni ottimali di esposizione. E gli studiosi si stanno muovendo proprio in 6

10 questa direzione nel tentativo di realizzare un fotovoltaico di terza generazione, più efficiente e capace di sfruttare tutta l'energia disponibile. 7

11 LA DIFFUSIONE DELLE TECNOLOGIE Dal punto di vista tecnologico, nel corso del 2010 le celle di seconda generazione (film) hanno avuto una diffusione minore di quella prevista, con il silicio cristallino che conta ancora per circa l 82% dell installato complessivo a livello mondiale. Tuttavia numerose sono le imprese che si stanno impegnando nell uso del film sottile (thin film) che, utilizzando strati molto sottili di silicio ne richiede un minor impiego, incontrando le esigenze attuali di contenimento dei costi. La tecnologia del film sottile mostra però, rispetto al fotovoltaico di prima generazione, una minore efficienza, aspetto sul quale si sta orientando la ricerca. Tra le tecnologie di seconda generazione, il Tellururo di Cadmio ha accresciuto il suo peso percentuale rispetto all installato totale (9%) e rispetto alle altre tecnologie di seconda generazione (45%), facendo registrare a fine 2010 un installato cumulato a livello internazionale superiore ai MW. Anche il Silicio Amorfo (a-si) ha visto aumentare il proprio peso a livello internazionale passando dal 5 all 8% della potenza complessiva installata; ciò è dovuto alla diffusione, nel corso del 2010, delle celle ad eterogiunzione, che utilizzano normalmente più strati di silicio monocristallino e amorfo. La crescita della tecnologia al Tellururo di Cadmio e al silicio amorfo è andata a discapito delle tecnologie CIS/CIGS (Diseleniuro di Indio e Rame e Diseleniuro di Indio, Gallio e Rame). Le stime sulle prospettive di crescita delle tecnologie di seconda generazione identificano in circa il 22-24% il peso delle celle a film sottile sulla nuova potenza installata entro fine 2012 a livello internazionale. La tecnologia del fotovoltaico a concentrazione (o CPV Concentrating Photo-Voltaic) suscita particolare interesse tra gli operatori del settore che ritengono che i costi possano essere ridotti da 4-4,5 /W a 2-2,5 /W, con il raggiungimento di un maggiore livello di maturità della tecnologia nel breve-medio termine. Il fotovoltaico a concentrazione è una grande promessa per il futuro del settore. 8

12 La chiave di volta sta in una lente che concentra la radiazione solare su una piccola cella al silicio che in queste condizioni può arrivare a livelli d efficienza molto elevati (a differenza delle normali celle solari al silicio, che trasformano in energia la radiazione solare su di essa incidente). Il pannello fotovoltaico a concentrazione deve essere montato su un inseguitore ad alta precisione, in quanto il mancato allineamento rispetto al Sole, anche di pochi gradi, fa calare l efficienza. Un incognita riguarda poi la durata dei dispositivi, che potrebbero degradarsi rapidamente considerate le alte temperature e la grande quantità di luce in gioco. A differenza del fotovoltaico tradizionale, l Italia è in ritardo su questo fronte: esistono soltanto due impianti pilota di questa tipologia, mentre maggiore diffusione si trova in Spagna e negli Stati Uniti. 9

13 10

14 GLI ORIENTAMENTI DELLA RICERCA: IL FOTOVOLTAICO DI TERZA GENERAZIONE Crescente è l attenzione per il fotovoltaico di terza generazione che comprende celle solari potenzialmente capaci di superare i limiti delle celle tradizionali e di migliorare il rapporto efficienza/costo sia di quelle di "prima generazione" (basate sul silicio cristallino e utilizzate nei comuni pannelli monocristallini e policristallini), sia quelle di "seconda generazione" (basate sulla riduzione dei costi delle celle di prima generazione mediante l'impiego di tecnologie di "film sottile", usate negli attuali pannelli a silicio amorfo o, più in generale, nei moduli fotovoltaici a film sottile). Il fotovoltaico di terza generazione comprende le celle polimeriche, le celle organiche, le celle ibride, le celle multigiunzione (accopiate ai concentratori ottici ed usate nel fotovoltaico a concentrazione) e a tandem, le celle a nanocristalli, le celle basate sui quantum dots, etc. Vediamo alcune tipologie di celle fotovoltaiche di terza generazione. Le celle fotovoltaiche polimeriche sono un tipo di celle solari flessibili. Possono essere realizzate in vari modi, che includono le ben note celle organiche (o celle solari plastiche) basate sulla chimica "organica", cioè del carbonio e celle realizzate attraverso film sottili di semiconduttori depositati su differenti tipi di polimeri: in particolare, le cosiddette celle ibride abbinano i semiconduttori organici con quelli inorganici. Rispetto alle classiche celle al silicio, le celle polimeriche sono leggere, flessibili, utilizzano materiali abbondanti e non sono costose da produrre. Presentano, però due importanti svantaggi: 1. hanno un efficienza da 1/3 a 1/2 inferiore rispetto a quella delle celle tradizionali realizzate con materiali rigidi; 2. sono relativamente instabili per quanto riguarda la degradazione fotochimica. 11

15 Le celle fotovoltaiche organiche comprendono tutti quei dispositivi la cui parte fotoattiva è basata sui composti organici del carbonio. La struttura base è detta "a sandwich" ed è composta da un substrato, generalmente vetro ma anche plastica flessibile, e da una o più sottilissime pellicole che contengono i materiali fotoattivi, frapposte tra due elettrodi conduttivi. Le celle organiche più efficienti utilizzano una miscela di materiali in cui un pigmento assorbe la radiazione solare e gli altri componenti estraggono la carica per produrre elettricità. La gamma di pigmenti che possono essere impiegati include quelli a base vegetale, come le antocianine derivate dai frutti di bosco, i polimeri e le molecole sintetizzate in modo da massimizzare l'assorbimento dello spettro solare. I vantaggi e la differenziazione dei moduli fotovoltaici organici rispetto ad altre tecnologie sono numerosi. Tali vantaggi derivano dal substrato organico (plastica) e dal processo di fabbricazione a stampa e sono sintetizzabili in: - maggiore flessibilità - minor peso per mq. Le celle solari organiche comprendono le celle organiche pure (la cui parte attiva è totalmente organica o polimerica), le celle dye sensitized (la cui parte fotoelettricamente attiva è costituita da un pigmento, da ossido di titanio e da un elettrolita), le celle ibride (che utilizzano sia semiconduttori organici ovvero basati sul carbonio, sia normali semiconduttori inorganici) e ibride biologico. Come detto sopra, le celle fotovoltaiche organiche sono flessibili, hanno dei costi di produzione contenuti, un elevato coefficiente di assorbimento della luce ma presentano una bassa efficienza (circa il 3-6%) ed una bassa stabilità (per quanto concerne ossidazione, riduzione, ricristallizzazione e variazioni di temperatura, che possono degradare il dispositivo nel tempo), e sono meno robuste di quelle inorganiche. 12

16 Le celle ibride, in cui dei nanomateriali semiconduttori fotoattivi inorganici vengono introdotti in celle fotovoltaiche basate su un sottile film polimerico organico che fa da matrice, sono il principale tipo di celle solari organiche su cui si orienta oggi la ricerca: esse combinano i vantaggi degli innovativi semiconduttori organici con quelli dei classici semiconduttori inorganici. Le microcelle solari sferiche al silicio sono gocce altamente trasparenti (anche fino all 80%) di silicio solidificato di 1,8 millimetri di diametro, e presentano una elevata flessibilità di applicazione. Queste celle possono essere incluse in un vetro per creare, ad es., una finestra solare trasparente capace di assorbire la radiazione proveniente da qualsiasi direzione o angolo. Poiché entrambi i lati del substrato possono raccogliere la luce da qualunque angolazione, consentono di migliorare l efficienza di conversione. Le microcelle solari sferiche possono essere inserite anche in superfici flessibili, dando loro forme inusuali o permettendogli di venire curvate se necessario. Le celle solari organiche e semitrasparenti sono colorate e leggere e trovano numerosi impieghi: possono essere applicate sulla superficie di auto, tende e per la copertura continua di edifici sia come pareti che come vetrate. Hanno uno spessore di mezzo millimetro, operano anche con la debole luce interna ad un edificio e sono interamente riciclabili. Sono disponibili in vari formati e potenze per le diverse applicazioni dell edilizia (pensiline per auto, finestre, ecc), dell elettronica (caricabatterie per cellulari, computer, ecc.), dell abbigliamento (borse, zaini, ecc.). 13

17 E possibile scegliere sia il livello di trasparenza alla luce che l ampiezza dello spettro. Le celle solari a pigmenti sensibili ricaricabili (DSSC Dye Sensitized Solar Cells o celle di Graz, dal nome del suo inventore), sono celle fotovoltaiche elettrochimiche più efficienti delle classiche celle al silicio e significativamente più economiche, grazie all impiego di materiali a basso costo come il biossido di titanio. Queste celle sono completamente ricaricabili infatti processi chimici non tossici consentono di rimuovere e sostituire l eventuale pigmento sensibile usurato presente nelle celle installate con del pigmento nuovo, consentendo così il ripristino delle prestazioni originali ed hanno l indiscusso vantaggio di riuscire a produrre energia anche in condizioni di illuminazione non ottimali. Le celle fotovoltaiche multi-uso a pigmenti (DY) utilizzano l innovativa tecnologia della fotosintesi artificiale. Sono composte da un elettrolita, uno strato di titanio ed un pigmento che svolge una funzione analoga a quella della clorofilla: quando la luce colpisce il pigmento, libera elettroni che vengono assorbiti dal titanio, generando una corrente. Queste celle solari sono disponibili in vari colori, sono flessibili e robuste e, a seconda del loro impiego, utilizzano come substrato vetro, metallo, ceramica o plastica. Rispetto alle celle al silicio, sono meno sensibili all angolo di incidenza della radiazione, funzionano anche con la luce artificiale e sono poco sensibili a variazioni di temperatura e agli ombreggiamenti. La norvegese EnSol e con la collaborazione di un team di ricercatori dell Università di Leicester (UK), sta sviluppando delle celle fotovoltaiche a nanocristalli (o "quantum dots") spray, un nuovo tipo di film sottile di celle solari che potrà essere "spruzzato" sulle superfici di materiali utilizzati negli edifici, per trasformarle in pannelli fotovoltaici. 14

18 Questi moduli sono quasi totalmente trasparenti e chiari nel caso si tratti di vetri e, viceversa, fortemente assorbenti nel caso siano destinati alla copertura delle pareti esterne. In questa tecnologia di film sottile considerata quasi di quarta generazione, un sottilissimo strato di microcristalli viene depositato su un vetro che funge da substrato. Un vetro fotovoltaico risulta dunque, alla fine, composto da nanoparticelle metalliche inglobate in una matrice composita trasparente. La società spera di far raggiungere alle celle a nanocristalli impiegate un'efficienza di almeno il 20%, e di immettere il prodotto sul mercato entro il Un team di ricercatori dell UCLA Henry Samueli School of Engineering and Applied Science e dell UCLA California Institute Nanosistemi (CNSI), ha scoperto che le celle solari polimeriche a tandem, che utilizzano celle con differenti bande di assorbimento, sono in grado di raccogliere in un modo molto efficace una quantità maggiore di radiazioni solari. Per ottenere questo effetto è però necessario che i materiali delle celle a tandem siano compatibili tra di loro per una raccolta efficiente della luce. Il dispositivo tandem riduce al minimo le perdite di energia; ogni materiale di assorbimento utilizzato dal dispositivo cattura infatti una parte diversa dello spettro solare e così la cella tandem è in grado di mantenere la corrente e aumentare la tensione in uscita. Lo spettro solare è molto ampio e copre il visibile e l invisibile, l infrarosso e l UV; Il team di ricerca spera di raggiungere il 15% di efficienza nei prossimi anni. Il fotovoltaico vegetale. Una recente sperimentazione condotta dal biofisico Andreas Mershin, ricercatore del Massachusetts Institute of Technology (USA) ha consentito di produrre energia rinnovabile, da foglie morte ed erba tagliata. Mershin ha sostituito lo strato di silicio 15

19 delle celle fotovoltaiche tradizionali con un impasto di molecole adibite alla fotosintesi. Per ora il rendimento è dello 0,1%, mentre per essere di qualche utilità il dispositivo deve raggiungere almeno il 2%. Mershin sta comunque proseguendo i suoi studi alla ricerca di risultati migliori. Il fotovoltaico vegetale è anche oggetto del Progetto di ricerca AGROSOL, condotto da un team di ricercatori che vede coinvolti il Consiglio per la Ricerca e la sperimentazione in Agricoltura (CRA), il Dipartimento di Ingegneria Elettronica dell Università di Roma Tor Vergata e l azienda agricola Pierini Alessandro & C. Società Agricola S.S., impegnati a valutare il potenziale della melanzana nella produzione di antociani come supporto allo sviluppo della tecnologia fotovoltaica organica di terza generazione. L utilizzo di pigmenti naturali per la conversione dell energia solare non è di certo una novità, ma in questo caso specifico ciò che colpisce è l elemento da cui essi vengono estratti, ovvero la buccia della melanzana. Con AGROSOL sono state utilizzate sostanze coloranti naturali, e non di sintesi, come spesso accade in questo ambito della ricerca. I vantaggi di questo nuovo approccio tecnologico risiedono nell abbassamento dei costi di produzione, nella sostenibilità legata all uso delle piante e nei problemi di smaltimento significativamente inferiori rispetto a quelli imputati al fotovoltaico classico. Gli svantaggi sono invece legati agli alti costi di produzione e al basso livello di efficienza di conversione(circa il 2% contro il 20% del fotovoltaico classico). Anche se la melanzana non è l unica specie in grado di produrre antociani tuttavia è in grado di coniugare un alta produzione di antociani legati alla superficie di produzione, dato che l antociano viene prodotto su tutta la buccia. L elevata resa produttiva del pigmento ( mg pigmento/100 g prodotto fresco), infatti, unitamente al ciclo di vita relativamente corto della pianta, alla produttività scalare e alle esigenze pedo-climatiche sono stati i fattori preponderanti la scelta. Le celle a giunzione multipla rappresentano una tecnologia fotovoltaica dagli altissimi rendimenti. 16

20 Le celle a giunzione multipla consentono dii sfruttare una più ampia fascia dell irradiazione solare. Questo risultato si ottiene sovrapponendo più giunzioni. La tecnologia a giunzione multipla permette di realizzare celle fotovoltaiche dalle dimensioni di pochi mm 2 con rendimenti altissimi (30-40%). L ultima frontiera della ricerca italiana - finanziata dall Unione Europea e pubblicata su Nature Photonics - dimostra che è possibile aumentare l efficienza dei sistemi fotovoltaici sfruttando nuove proprietà quantistiche del silicio nanostrutturato. Un risultato che apre allo sviluppo di celle fotovoltaiche di terza generazione a basso costo ed alto rendimento. Un team di ricercatori del Dipartimento di Scienze e Metodi dell Ingegneria, Dipartimento di Fisica, Centro Interdipartimentale En&Tech dell Università degli studi di Modena e Reggio Emilia e dell Istituto di Nanoscienze del CNR, hanno dimostrato come sia possibile aumentare l efficienza dei dispositivi fotovoltaici sfruttando la natura quantistica dell interazione tra nanocristalli di silicio. Il silicio è uno degli elementi più abbondanti sulla crosta terrestre il suo impiego nella realizzazione di dispositivi fotovoltaici è fondamentale per garantire uno sviluppo sostenibile. Si prevede che il fotovoltaico possa garantire alle prossime generazioni un energia sicura e pulita. L aumento dell efficienza energetica di tali dispositivi passa per lo sviluppo di nuove strategie fotovoltaiche e i ricercatori hanno mostrato la possibilità di sfruttare l interazione tra elementi nanostrutturati di silicio per lo sviluppo di nuovi dispositivi fotovoltaici simulando sistemi costituiti da nanocristalli di silicio posti tra loro a distanze inferiori al nanometro. I risultati hanno mostrato che la natura quantistica delle interazioni ha l'effetto complessivo di aumentare il numero di cariche generate per singolo fotone assorbito, e perciò migliorare le prestazioni del dispositivo solare. Un risultato, questo, che apre allo sviluppo di celle fotovoltaiche di terza generazione a basso costo e alto rendimento. 17

21 MONITORAGGIO BREVETTUALE Nelle pagine che seguono abbiamo riportato delle schede sintetiche relative ai brevetti selezionati secondo i criteri indicati in precedenza. La maggioranza dei brevetti che compongono il monitoraggio sono relativi a celle fotovoltaiche innovative, di terza e quarta generazione, in particolare, a celle fotovoltaiche polimeriche, organiche, ibride, a pigmenti sensibili ricaricabili (DSSC), multi-uso a pigmenti (DY), a nanocristalli (o quantum dots), a tandem e a giunzione multipla. Per ciascun brevetto, ove disponibili, sono stati riportati: titolo inventore richiedente numero di pubblicazione numero di domanda numero di priorità data di pubblicazione classificazione europea dei brevetti classificazione internazionale dei brevetti breve riassunto disegni 18

Le nuove tecnologie per il PROF.SSA ANNUNZIATA SANSEVERINO DIEI-UNICLAM

Le nuove tecnologie per il PROF.SSA ANNUNZIATA SANSEVERINO DIEI-UNICLAM Le nuove tecnologie per il fotovoltaico PROF.SSA ANNUNZIATA SANSEVERINO DIEI-UNICLAM Celle solari di prima generazione Diffusionei Detengono l 85 % del mercato. Materiali Si basano sull utilizzo dei wafer

Dettagli

TECNOLOGIE FOTOVOLTAICHE MODERNE

TECNOLOGIE FOTOVOLTAICHE MODERNE TECNOLOGIE FOTOVOLTAICHE MODERNE Indice 1- Prefazione... 3 2- Introduzione al fotovoltaico 2.1- Storia del fotovoltaico 4 2.2- Principali applicazioni... 5 2.3- Prospettive future... 6 3- Nozioni Fondamentali

Dettagli

TEMATICHE DI RICERCA E SVILUPPI FUTURI NEL CAMPO DEI SISTEMI FOTOVOLTAICI

TEMATICHE DI RICERCA E SVILUPPI FUTURI NEL CAMPO DEI SISTEMI FOTOVOLTAICI TEMATICHE DI RICERCA E SVILUPPI FUTURI NEL CAMPO DEI SISTEMI FOTOVOLTAICI Prof. Ing. Simone Castellan Dipartimento di Elettrotecnica, Elettronica ed Informatica, Università di Trieste simone.castellan@deei.units.it

Dettagli

Impianti fotovoltaici di seconda generazione http://www.impresaoggi.com/it/articoli/er13.pdf

Impianti fotovoltaici di seconda generazione http://www.impresaoggi.com/it/articoli/er13.pdf Impianti fotovoltaici di seconda generazione http://www.impresaoggi.com/it/articoli/er13.pdf 1. Premessa Il settore dell energia fotovoltaica, fino a oggi, è stato dominato dal silicio. Le ragione di questo

Dettagli

Materiali per l energia solare: la ricerca eni

Materiali per l energia solare: la ricerca eni Materiali per l energia solare: la ricerca eni Roberto Fusco Istituto eni Donegani 3 a Conferenza Nazionale su Chimica & Energia: Milano, 17/10/2012 Record di efficienza delle celle fotovoltaiche R&D eni

Dettagli

Le Nanotecnologie applicate ai materiali

Le Nanotecnologie applicate ai materiali Nanotecnologie: una piccola grande rivoluzione Padova Fiere, 5 marzo 2005 Le Nanotecnologie applicate ai materiali Massimo Guglielmi Università di Padova Dipartimento di Ingegneria Meccanica Settore Materiali

Dettagli

La Filiera Fotovoltaica. e le varie tipologie di pannelli fotovoltaici

La Filiera Fotovoltaica. e le varie tipologie di pannelli fotovoltaici La Filiera Fotovoltaica e le varie tipologie di pannelli fotovoltaici prof. ing. Alfonso Damiano alfio@diee.unica.it 1 La cella fotovoltaica è l elemento base per la realizzazione di un sistema fotovoltaico

Dettagli

ENERGIA DA FOTOVOLTAICO: PROSPETTIVE, INNOVAZIONE E RICERCA

ENERGIA DA FOTOVOLTAICO: PROSPETTIVE, INNOVAZIONE E RICERCA FIERA DEL LEVANTE, 17 SETTEMBRE 2009 ENERGIA DA FOTOVOLTAICO: PROSPETTIVE, INNOVAZIONE E RICERCA Prof. GIUSEPPE GRASSI UNIVERSITA DEL SALENTO 1 FONTI ENERGETICHE Negli ultimi 300 anni l umanità ha cambiato

Dettagli

ENEA - Centro Ricerche PORTICI

ENEA - Centro Ricerche PORTICI ENEA - Centro Ricerche PORTICI L ENEA e la ricerca di sistema elettrico: Il fotovoltaico innovativo - 12 luglio 211 Film sottili di silicio: Sviluppo di substrati di ZnO per un efficace intrappolamento

Dettagli

Progetto Luce. Come catturare l energia della luce solare

Progetto Luce. Come catturare l energia della luce solare Progetto Luce Come catturare l energia della luce solare Luce - Energia Tutta l energia disponibile sulla terra ci proviene dal Sole Il Sole emette energia con la distribuzione spettrale di un corpo nero

Dettagli

Il fotovoltaico di Terza Generazione

Il fotovoltaico di Terza Generazione Regione Lazio Il fotovoltaico di Terza Generazione Monica Coppola CHOSE - Polo Solare Organico - Regione Lazio Università di Roma Tor Vergata Sabato, 15 Novembre 2008 Energie rinnovabili Si definisce Energia

Dettagli

FILM SOTTILE QUALI I VANTAGGI? Le differenze tra la tecnologia > FV TESTATI E PROVATI PER VOI

FILM SOTTILE QUALI I VANTAGGI? Le differenze tra la tecnologia > FV TESTATI E PROVATI PER VOI > FV TESTATI E PROVATI PER VOI FILM SOTTILE QUALI I VANTAGGI? A CURA DI GABI FRIESEN E IVANO POLA ISAAC QUANTUNQUE OCCUPI ANCORA UNA PICCOLA FETTA DI MERCATO, LE PREVISIONI INDICANO UNA FORTE CRESCITA

Dettagli

Energia: una necessità e un opportunità di sviluppo per la Sardegna

Energia: una necessità e un opportunità di sviluppo per la Sardegna Cagliari, 15 luglio 2011 T Hotel, Via dei Giudicati, Cagliari Convegno Regionale della CGIL e della FILCTEM sul tema Energia: una necessità e un opportunità di sviluppo per la Sardegna Allegato 4 IL SOLARE

Dettagli

Evoluzione della tecnologia FV. Sauro Secci

Evoluzione della tecnologia FV. Sauro Secci Evoluzione della tecnologia FV Sauro Secci Orientamenti di ricerca e sviluppo nel fotovoltaico Nuove tecnologie per ridurre i cos7 industriali Miglioramento dell efficienza delle celle solari esisten7

Dettagli

due mondi sempre più vicini TECHNOLOGY

due mondi sempre più vicini TECHNOLOGY due mondi sempre più vicini Il mondo del fotovoltaico è stato fino ad oggi dominato dal silicio. Tuttavia, una grossa potenzialità di riduzione dei costi del FV risiede in quella che viene definita la

Dettagli

CELLE SOLARI Antocianine: catalizzatori naturali per l energia solare

CELLE SOLARI Antocianine: catalizzatori naturali per l energia solare Chimica delle antocianine Energia solare Materiali semiconduttori Introduzione Esperimento CELLE SOLARI Antocianine: catalizzatori naturali per l energia solare Drogaggio Celle fotovoltaiche Bibliografia

Dettagli

OLED: Struttura. NB la maggior parte del peso della struttura è dovuta al substrato. I elettrodo: catodo metallico 1 (Mg-Al o Li-Al o Ca, 200 nm)

OLED: Struttura. NB la maggior parte del peso della struttura è dovuta al substrato. I elettrodo: catodo metallico 1 (Mg-Al o Li-Al o Ca, 200 nm) OLED: Struttura I elettrodo: catodo metallico 1 (Mg-Al o Li-Al o Ca, 200 nm) Anodo (polimero o molecola organica, 100 nm) II elettrodo ITO 2 (Indium Tin Oxide 200 nm) Substrato trasparente 1 Metalli con

Dettagli

PIANO DIDATTICO SCIENZA DEI MATERIALI PER LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA

PIANO DIDATTICO SCIENZA DEI MATERIALI PER LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA PIANO DIDATTICO SCIENZA DEI MATERIALI PER LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA Celle solari: dai mirtilli agli spaghetti CONVERSIONE FOTOVOLTAICA: L ENERGIA DEL FUTURO v Energia inesauribile e rinnovabile v Non

Dettagli

CELLE FOTOVOLTAICHE ORGANICHE

CELLE FOTOVOLTAICHE ORGANICHE INDICE: PREFAZIONE UN PO DI STORIA CHE COSA SONO LE CELLE DI GRAETZEL EFFICIENZA DI UNA CELLA DSSC COME L ABBIAMO COSTRUITA COME FUNZIONA ARTICOLO DI GIORNALE SULLE CELLE AL MIRTILLO CONCLUSIONE 1 CELLE

Dettagli

Vetro e risparmio energetico 29 ottobre 2009 Fiera Milano Rho

Vetro e risparmio energetico 29 ottobre 2009 Fiera Milano Rho Vetro e risparmio energetico 29 ottobre 2009 Fiera Milano Rho Il settore fotovoltaico: Quadro della situazione tecnica e normativa Argomenti trattati 2 La conversione fotovoltaica della luce solare Le

Dettagli

Nuove frontiere dei materiali fotovoltaici

Nuove frontiere dei materiali fotovoltaici Nuove frontiere dei materiali fotovoltaici Aldo Di Carlo - Centre for Hybrid and Organic Solar Energy Regione Lazio Università degli studi di Roma «Tor Vergata» e DYEPOWER, Roma Efficienza Celle Multigiunzioni

Dettagli

La ricerca eni sull energia solare

La ricerca eni sull energia solare La ricerca eni sull energia solare Roberto Fusco Istituto eni Donegani Novara 16 Workshop T.A.C.E.C.: Efficienza Energetica e Tecnologie Chimiche nelle Produzioni Elettriche e Energetiche Milano, 23/05/2013

Dettagli

Energenia sponsorizza eventi a favore della bioagricoltura e dello sport per ragazzi

Energenia sponsorizza eventi a favore della bioagricoltura e dello sport per ragazzi Energenia sponsorizza eventi a favore della bioagricoltura e dello sport per ragazzi Via Positano 21, 70014 Conversano (BA) Tel.080 2141618 Fax 080 4952302 WWW.ENERGENIA.NET www.energenia.net 1 EDUCARSI

Dettagli

Risultati più rilevanti ottenuti dal MIT nell ambito del Solar Frontiers Program 2008-2009

Risultati più rilevanti ottenuti dal MIT nell ambito del Solar Frontiers Program 2008-2009 Risultati più rilevanti ottenuti dal MIT nell ambito del Solar Frontiers Program 2008-2009 I moduli fotovoltaici attualmente disponibili sono lastre di vetro rigide che incapsulano fragili wafer di silicio,

Dettagli

Le celle solari ad arseniuro di gallio per applicazioni spaziali

Le celle solari ad arseniuro di gallio per applicazioni spaziali Le celle solari ad arseniuro di gallio per applicazioni spaziali Carlo Flores AEI Giornata di Studio 2/12/2004 1 La cella solare Le cella solare è un dispositivo a semiconduttore in cui una giunzione converte

Dettagli

Impatto Ambientale dei Processi Produttivi Associati alle Fonti Energetiche Rinnovabili

Impatto Ambientale dei Processi Produttivi Associati alle Fonti Energetiche Rinnovabili Impatto Ambientale dei Processi Produttivi Associati alle Fonti Energetiche Rinnovabili prof. ing. Alfonso Damiano Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica Università degli Studi di Cagliari

Dettagli

Gli impianti fotovoltaici

Gli impianti fotovoltaici Gli impianti fotovoltaici 1. Principio di funzionamento degli impianti fotovoltaici La tecnologia fotovoltaica permette di trasformare direttamente l energia solare incidente sulla superficie terrestre

Dettagli

Le attività di ricerca dell Enel sul solare. Gioacchino Bellia Enel Ingegneria e Innovazione Area tecnica ricerca

Le attività di ricerca dell Enel sul solare. Gioacchino Bellia Enel Ingegneria e Innovazione Area tecnica ricerca Le attività di ricerca dell Enel sul solare Gioacchino Bellia Enel Ingegneria e Innovazione Area tecnica ricerca 1 Agenda Il contesto tecnologico Il ruolo specifico di ENEL Highlights tecnologiche Il ruolo

Dettagli

NUOVA COPERTURA DELL EDIFICIO BARATTA

NUOVA COPERTURA DELL EDIFICIO BARATTA NUOVA COPERTURA DELL EDIFICIO BARATTA Per individuare una soluzione alla copertura in eternit dell edificio in data 4 febbraio 2009 abbiamo potuto partecipare alla fiera made expo di Milano sull architettura

Dettagli

Tecniche di produzione del Silicio. Silicio monocristallino: Processo Czochralski e metodo del floating zone

Tecniche di produzione del Silicio. Silicio monocristallino: Processo Czochralski e metodo del floating zone Tecniche di produzione del Silicio Silicio monocristallino: Processo Czochralski e metodo del floating zone Processo Czochralski Il processo consiste nel sollevamento verticale a bassissima velocità di

Dettagli

Centro Congressi Frentani Workshop Il fotovoltaico in Italia nel triennio 2011-2013

Centro Congressi Frentani Workshop Il fotovoltaico in Italia nel triennio 2011-2013 Relatore: Ph.D.dott.Ing. Eleonora Petrolati - CEO Azienda: Dyers Centro Congressi Frentani Workshop Il fotovoltaico in Italia nel triennio 2011-2013 Contenuti: Il fotovoltaico organico: stato dell arte

Dettagli

Seminario Tecnico a cura della CDS Consulting. 09 Luglio 2009 - Investire in fotovoltaico: vantaggi ed opportunità - Alessandro Candio CDS Consulting

Seminario Tecnico a cura della CDS Consulting. 09 Luglio 2009 - Investire in fotovoltaico: vantaggi ed opportunità - Alessandro Candio CDS Consulting Investire in fotovoltaico: vantaggi ed opportunità Seminario Tecnico a cura della CDS Consulting L Energia Solare Fotovoltaica e il Conto Energia Come diventare autoproduttori di energia All interno del

Dettagli

Sistema di generazione di potenza elettrica a gel fotovoltaico. Ing. Alessandro Cariani R&D Modutech S.r.l.

Sistema di generazione di potenza elettrica a gel fotovoltaico. Ing. Alessandro Cariani R&D Modutech S.r.l. Sistema di generazione di potenza elettrica a gel fotovoltaico Ing. Alessandro Cariani R&D S.r.l. Primo test funzionale Gel fotovoltaico Problema: Come realizzare un sistema di generazione di energia rinnovabile

Dettagli

I CONCENTRATORI LUMINESCENTI

I CONCENTRATORI LUMINESCENTI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA DIPARTIMENTO DI SCIENZA DEI MATERIALI, U5 STRATEGIE MODERNE PER IMBOTTIGLIARE LA LUCE: I CONCENTRATORI LUMINESCENTI Alessandro Sanguineti* Photonics and Biophotonics

Dettagli

Polo di ricerca nel settore fotovoltaico (start: 10/2/2011)

Polo di ricerca nel settore fotovoltaico (start: 10/2/2011) 2011-2013 Polo di ricerca nel settore fotovoltaico (start: 10/2/2011) WP5 costituire un laboratorio chimico per la sintesi di molecole e nanosistemi funzionali e sviluppo di materiali innovativi per la

Dettagli

G.B. ZORZOLI INTRODUZIONE ALLE FONTI RINNOVABILI

G.B. ZORZOLI INTRODUZIONE ALLE FONTI RINNOVABILI G.B. ZORZOLI INTRODUZIONE ALLE FONTI RINNOVABILI Pisa, 03.02.09 ENERGIA SOLARE COME FONTE DELLE ENERGIE RINNOVABILI RADIAZIONE SOLARE VERSO TERRA: 173.000 TW RIFLESSIONE VERSO LO SPAZIO (SOPRATTUTTO NUBI):

Dettagli

Incontri per l innovazione. Fonti rinnovabili d energia per le imprese: la tecnologia fotovoltaica. Amaro, 24 marzo 2006

Incontri per l innovazione. Fonti rinnovabili d energia per le imprese: la tecnologia fotovoltaica. Amaro, 24 marzo 2006 La tecnologia stato dell arte e prospettive Luca Tommasoni impianti fotovoltaici L impianto fotovoltaico è composto da: Moduli fotovoltaici Strutture di sostegno Inverter di conversione Collegamenti impianti

Dettagli

POTENZIAMENTO ASSE SCIENTIFICO TECNOLOGICO. SCHEDA N 1: Eolico. A cura della Funzione Strumentale Graziella Vaiana

POTENZIAMENTO ASSE SCIENTIFICO TECNOLOGICO. SCHEDA N 1: Eolico. A cura della Funzione Strumentale Graziella Vaiana POTENZIAMENTO ASSE SCIENTIFICO TECNOLOGICO SCHEDA N 1: Eolico OGGETTO: informativa sulle fonti di energie rinnovabili. Eolico A tutti i docenti di Scuola dell infanzia Elementare e media Istituto Comprensivo

Dettagli

Progetto Luce. Come catturare l energia della luce solare

Progetto Luce. Come catturare l energia della luce solare Progetto Luce Come catturare l energia della luce solare Luce - Energia Tutta l energia disponibile sulla terra ci proviene dal sole Il sole emette energia come un corpo nero Solo una parte di questa energia

Dettagli

La radiazione solare che raggiunge il pianeta Terra può essere convertita in energia elettrica mediante:

La radiazione solare che raggiunge il pianeta Terra può essere convertita in energia elettrica mediante: La radiazione solare che raggiunge il pianeta Terra può essere convertita in energia elettrica mediante: - la conversione fotovoltaica, che permette la trasformazione diretta dell energia solare in elettricità

Dettagli

CONCORSO PER LA PROGETTAZIONE DI UN GIOCATTOLO ECOLOGICO AUTOASSEMBLABILE

CONCORSO PER LA PROGETTAZIONE DI UN GIOCATTOLO ECOLOGICO AUTOASSEMBLABILE CONCORSO PER LA PROGETTAZIONE DI UN GIOCATTOLO ECOLOGICO AUTOASSEMBLABILE Fondazione di Comunità di Messina con la Fondazione Horcynus Orca e con l Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria

Dettagli

Alcuni casi di progetti di ricerca industriale in ambito fotovoltaico realizzati dagli associati del Polo di Innovazione POLIBRE Bruno Bellone

Alcuni casi di progetti di ricerca industriale in ambito fotovoltaico realizzati dagli associati del Polo di Innovazione POLIBRE Bruno Bellone Attività confinanziata con risorse FESR P.O.R. Piemonte FESR 2007-2013 IL FOTOVOLTAICO SENZA INCENTIVI: dal V conto energia alla Grid Parity Pollein, 27 aprile 2013 Alcuni casi di progetti di ricerca industriale

Dettagli

Materiali per Energia e Sensoristica: Alessandro Abbotto, Simona Binetti, Dario Narducci

Materiali per Energia e Sensoristica: Alessandro Abbotto, Simona Binetti, Dario Narducci Materiali per Energia e ensoristica: Alessandro Abbotto, imona Binetti, Dario arducci Materiali per energia solare c-ilicon solar cells Today, approximately 87 % of cumulative installed PV modules are

Dettagli

La casa ecologica:una sfida possibile 28 feb 2008 Bioedilizia e pannelli solari: meno difficile di quel che sembra

La casa ecologica:una sfida possibile 28 feb 2008 Bioedilizia e pannelli solari: meno difficile di quel che sembra La casa ecologica:una sfida possibile 28 feb 2008 Bioedilizia e pannelli solari: meno difficile di quel che sembra 1. Fotovoltaico cos è 2. Tipologie di celle fotovoltaiche 3. Fotovoltaico: possibilità

Dettagli

Analisi e Prospettive di Sviluppo del Fotovoltaico in Sardegna

Analisi e Prospettive di Sviluppo del Fotovoltaico in Sardegna Analisi e Prospettive di Sviluppo del Fotovoltaico in Sardegna prof. ing. Alfonso Damiano Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica Università degli Studi di Cagliari media dell'estensione della

Dettagli

GIANNA REGINATO ICCOM- CNR POLO SCIENTIFICO - SESTO FIORENTINO

GIANNA REGINATO ICCOM- CNR POLO SCIENTIFICO - SESTO FIORENTINO GIANNA REGINATO ICCOM- CNR POLO SCIENTIFICO - SESTO FIORENTINO http://ec.europa.eu/europe2020/index_en.htm 20 20 20-20% nell emissione di gas serra (1990) +20% di efficienza energetica 20% di energia da

Dettagli

Provincia di Olbia Tempio Attività di formazione inerenti le energie rinnovabili e l efficienza energetica. Marcello Antinucci antinucci@ecuba.

Provincia di Olbia Tempio Attività di formazione inerenti le energie rinnovabili e l efficienza energetica. Marcello Antinucci antinucci@ecuba. Provincia di Olbia Tempio Attività di formazione inerenti le energie rinnovabili e l efficienza energetica Marcello Antinucci antinucci@ecuba.it www.ecuba.it Decreto Legislativo 29 dicembre 2003, n. 387

Dettagli

Come individuare la qualità di un modulo FV

Come individuare la qualità di un modulo FV Come individuare la qualità di un modulo FV Ing. Cinzia Camilloni info@energiadelsole.it Costi del FV I Moduli fotovoltaici, all interno di un impianto, rappresentano la principale voce di costo. Per questo

Dettagli

L efficienza energetica e l energia rinnovabile applicata all architettura

L efficienza energetica e l energia rinnovabile applicata all architettura L efficienza energetica e l energia rinnovabile applicata all architettura DR CLAUDIA BETTIOL GAVIN TULLOCH MANAGING DIRECTOR GLOBAL 12 MARZO 2010 INDICE DYE SOLAR CELLS (DSC) CHE COSA SONO? SOLAR POWER

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI ENERGIE RINNOVABILI: PRESENTE E FUTURO NEL TERRITORIO LODIGIANO IMPIANTI FOTOVOLTAICI Dott. Ing. Andrea Locatelli Cos'è un impianto fotovoltaico? Un impianto fotovoltaico è un impianto elettrico costituito

Dettagli

Nuove filiere energetiche in Emilia Romagna. Fotovoltaico

Nuove filiere energetiche in Emilia Romagna. Fotovoltaico Nuove filiere energetiche in Emilia Romagna Fotovoltaico Massimo Mazzer Rete Alta Tecnologia, Emilia Romagna Capo-progetto Dipartimento Sistemi di Produzione del CNR CNR-IMEM Parma co-fondatore di QuantaSol

Dettagli

Tecnologie fotovoltaiche piane e a concentrazione

Tecnologie fotovoltaiche piane e a concentrazione Vicenza, 26 settembre 2014 Tecnologie fotovoltaiche piane e a concentrazione Davide Del Col Università degli Studi di Padova Dipartimento di Ingegneria Industriale Progetto regione Veneto SMUPR n. 4148

Dettagli

Solare fotovoltaico Fonti rinnovabili G.V. Fracastoro

Solare fotovoltaico Fonti rinnovabili G.V. Fracastoro Solare fotovoltaico Il fotovoltaico Generalità e dati statistici di mercato Principi fisici Tecnologia del fotovoltaico Sistemi stand-alone e grid connected Criteri e metodi di dimensionamento degli impianti

Dettagli

fotovoltaico ecologico inesauribile conveniente GUIDA AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

fotovoltaico ecologico inesauribile conveniente GUIDA AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI il ecologico inesauribile conveniente GUIDA AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI COS È L ENERGIA fotovoltaica La tecnologia fotovoltaica è un sistema che sfrutta l energia solare e la trasforma, direttamente e istantaneamente,

Dettagli

Assicurati un futuro radioso! Tecnologia fotovoltaica SANYO. Un investimento per il futuro.

Assicurati un futuro radioso! Tecnologia fotovoltaica SANYO. Un investimento per il futuro. Assicurati un futuro radioso! Tecnologia fotovoltaica SANYO. Un investimento per il futuro. Che cos è la tecnologia fotovoltaica? La tecnologia fotovoltaica è sinonimo di un futuro sicuro e tranquillo!

Dettagli

SWAN. Doccia solare. L acqua, meravigliosa sensazione quando scroscia sul mio corpo così calda, gentile, mi rilassa...

SWAN. Doccia solare. L acqua, meravigliosa sensazione quando scroscia sul mio corpo così calda, gentile, mi rilassa... SWAN Doccia solare L acqua, meravigliosa sensazione quando scroscia sul mio corpo così calda, gentile, mi rilassa... Gianna Fagarazzi SWAN: Doccia solare che sfrutta le proprietà del fotovoltaico ricavato

Dettagli

Solare fotovoltaico in Sardegna

Solare fotovoltaico in Sardegna Sardegna Ricerche Progetto cluster Solare fotovoltaico in Sardegna Regolamento Novembre 2007 Premessa Sardegna Ricerche, nella sua funzione di parco tecnologico, è una rete regionale di infrastrutture

Dettagli

Integrazione del fotovoltaico nelle aree urbane: highlights tecnologiche e prospettive di sviluppo

Integrazione del fotovoltaico nelle aree urbane: highlights tecnologiche e prospettive di sviluppo Integrazione del fotovoltaico nelle aree urbane: highlights tecnologiche e prospettive di sviluppo Gioacchino Bellia ENEL Ingegneria e Innovazione Research technical area Potenza installata nel mondo Source

Dettagli

Polimeri semiconduttori negli OLED

Polimeri semiconduttori negli OLED Polimeri semiconduttori negli OLED Nella figura viene mostrato uno schema di funzionamento di un Organic Light Emitting Diode (OLED). Il catodo e formato da un elettrodo di Alluminio (Magnesio o Calcio)

Dettagli

ISIDE srl. Tecnologia solare a concentrazione Per la migliore efficienza di conversione. Solar energy research & products. Ing. Massimiliano Renzi

ISIDE srl. Tecnologia solare a concentrazione Per la migliore efficienza di conversione. Solar energy research & products. Ing. Massimiliano Renzi ISIDE srl Solar energy research & products Tecnologia solare a concentrazione Per la migliore efficienza di conversione Ing. Massimiliano Renzi La nostra VISION Il consumo di energia a livello mondiale

Dettagli

POSSIBILI SVILTUPPI DEI SISTEMI PV A CONCENTRAZIONE

POSSIBILI SVILTUPPI DEI SISTEMI PV A CONCENTRAZIONE Dipartimento di Fisica Università di Ferrara POSSIBILI SVILTUPPI DEI SISTEMI PV A CONCENTRAZIONE Prof. Giuliano Martinelli Dipartimento di Fisica - Università di Ferrara Laboratorio ERG POLO TECNOLOGICO

Dettagli

Scienza dei Materiali. Nanotecnologie. Celle solari. Dipartimento di Scienza dei Materiali. Università degli Studi di Milano Bicocca

Scienza dei Materiali. Nanotecnologie. Celle solari. Dipartimento di Scienza dei Materiali. Università degli Studi di Milano Bicocca Scienza dei Materiali & Nanotecnologie Celle solari Dipartimento di Scienza dei Materiali Università degli Studi di Milano Bicocca Storia delle celle solari 1839 Alexandre E. Becquerel osserva per la prima

Dettagli

IL PANNELLO SOLARE IN SILICIO POLICRISTALLINO

IL PANNELLO SOLARE IN SILICIO POLICRISTALLINO Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Novità legislative (nuovo conto energia), problematiche tecniche, problematiche di installazione, rapporti con gli Enti IL PANNELLO SOLARE IN SILICIO POLICRISTALLINO

Dettagli

TECNOLOGIA FOTOVOLTAICA DI TERZA GENERAZIONE ORGANICA ED IBRIDA

TECNOLOGIA FOTOVOLTAICA DI TERZA GENERAZIONE ORGANICA ED IBRIDA TECNOLOGIA FOTOVOLTAICA DI TERZA GENERAZIONE ORGANICA ED IBRIDA Filippo De Angelis, Simona Fantacci ed Antonio Sgamellotti Computational Laboratory for Hybrid and Organic (CLHyO) Photovoltaics, Istituto

Dettagli

e le varie tipologie di pannelli fotovoltaici

e le varie tipologie di pannelli fotovoltaici La Filiera Fotovoltaica e le varie tipologie di pannelli fotovoltaici prof. ing. Alfonso Damiano alfio@diee.unica.it 1 La cella fotovoltaica è l elemento base per la realizzazione di un sistema fotovoltaico

Dettagli

HARDTOP MINI HARDTOP BUSINESS CARD PAD

HARDTOP MINI HARDTOP BUSINESS CARD PAD HARDTOP Il consolidato incontro qualità/prezzo Stampato in quadricromia offset sotto la superficie in plastica antistatica ruvida con base in gomma sintetica spessore 2 o 4 mm. Formati standard: cm 23

Dettagli

IL FOTOVOLTAICO -FUNZIONAMENTO- -TIPOLOGIE- -DIMENSIONAMENTO PRELIMINARE-

IL FOTOVOLTAICO -FUNZIONAMENTO- -TIPOLOGIE- -DIMENSIONAMENTO PRELIMINARE- IL FOTOVOLTAICO -FUNZIONAMENTO- -TIPOLOGIE- -DIMENSIONAMENTO PRELIMINARE- IL FENOMENO FTV: LA SCOPERTA L intensità della corrente in una cella elettrolitica con elettrodi in platino aumenta con l esposizione

Dettagli

Le potenzialità del fotovoltaico: lo stato dell arte e la ricerca in ENEA

Le potenzialità del fotovoltaico: lo stato dell arte e la ricerca in ENEA Agenzia Nazionale per le Nuove tecnologie, l Energia l e lo Sviluppo economico sostenibile Le potenzialità del fotovoltaico: lo stato dell arte e la ricerca in ENEA Paola Delli Veneri ENEA - Centro Ricerche

Dettagli

RELAZIONE LABORATORIO DI FIBRE OTTICHE

RELAZIONE LABORATORIO DI FIBRE OTTICHE RELAZIONE LABORATORIO DI FIBRE OTTICHE 1.1 DATA: 20 maggio 2009 1.2 COMPOSIZIONE DEL GRUPPO: CALIFANO Alessio Pagina 1 1.3 STRUMENTI UTILIZZATI: Strumento Marca e modello Caratteristiche Laser Diode Controller

Dettagli

nuove tecnologie per lo sviluppo sostenibile

nuove tecnologie per lo sviluppo sostenibile Fonti rinnovabili e nucleare: nuove tecnologie per lo sviluppo sostenibile del sistema elettrico italiano Ing. Paolo Ricci Consigliere Delegato di TerniEnergia Milano 9 ottobre 2009 - Palazzo Mezzanotte

Dettagli

Nanotecnologie per il fotovoltaico organico

Nanotecnologie per il fotovoltaico organico 4 convegno tematico "Energia solare" 23 settembre 2011 Camera di Commercio - Trieste Nanotecnologie per il fotovoltaico organico Enrico Sovernigo, Simone Dal Zilio, Alessandro Pozzato, Massimo Tormen Sommario:

Dettagli

Ing. Paolo Ricci Consigliere Delegato di TerniEnergia

Ing. Paolo Ricci Consigliere Delegato di TerniEnergia Ing. Paolo Ricci Consigliere Delegato di TerniEnergia Milano - 30 novembre 2009 1 TerniEnergia TerniEnergia, costituita nel mese di settembre del 2005 e parte del Gruppo Terni Research, opera nel settore

Dettagli

LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105

LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 6 Tecnologie ambientali per le Apea FOTOVOLTAICO Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni aria scarichi acqua rifiuti rumore

Dettagli

L ENERGIA ALTERNATIVA CHE NON LASCIA IMPRONTE

L ENERGIA ALTERNATIVA CHE NON LASCIA IMPRONTE L ENERGIA ALTERNATIVA CHE NON LASCIA IMPRONTE SVILUPPO ENERGETICO ALLA LUCE DEL SOLE rete elettrica normalmente usata per la fornitura di energia Il mercato fotovoltaico continua la sua espansione Megacells:

Dettagli

KIWA, testing, certification & inspection worldwide: Servizi di certificazione per una qualità globale garantita dei prodotti fotovoltaici

KIWA, testing, certification & inspection worldwide: Servizi di certificazione per una qualità globale garantita dei prodotti fotovoltaici Partner for progress KIWA, testing, certification & inspection worldwide: Servizi di certificazione per una qualità globale garantita dei prodotti fotovoltaici Cosa sono i prodotti fotovoltaici? Moduli

Dettagli

Fotovoltaico (photovoltaic PV) Impianto SERPA SOLAR da 11 MW, Alentejo, Portogallo

Fotovoltaico (photovoltaic PV) Impianto SERPA SOLAR da 11 MW, Alentejo, Portogallo Fotovoltaico (photovoltaic PV) Impianto SERPA SOLAR da 11 MW, Alentejo, Portogallo Energia Solare Il sole fornisce alla terra luce solare che oltre l atmosfera (sunlight at top of the atmosphere) ha una

Dettagli

PROGETTO Relazione descrittiva

PROGETTO Relazione descrittiva PARCHEGGI PISCINA E CIMITERO COMUNE DI PEGOGNAGA PROVINCIA DI MANTOVA REGIONE LOMBARDIA PROGETTO Relazione descrittiva PER LA REALIZZAZIONE DI DUE IMPIANTI FOTOVOLTAICI DA 97,92 kwp CADAUNO DATA 12 aprile

Dettagli

Energia da Fonti Rinnovabili

Energia da Fonti Rinnovabili Energia da Fonti Rinnovabili Dipartimenti coinvolti Progettazione Molecolare (proponente), Terra e Ambiente, Energia e Trasporti, Agroalimentare, Scienze della Vita, Materiali e Dispositivi Stato dell

Dettagli

21 Aprile 2010. Vittorio Chiesa Energy & Strategy Group Politecnico di Milano. www.energystrategy.it

21 Aprile 2010. Vittorio Chiesa Energy & Strategy Group Politecnico di Milano. www.energystrategy.it 21 Aprile 2010 Vittorio Chiesa Energy & Strategy Group Politecnico di Milano www.energystrategy.it Energy & Strategy Group - 2010 Osservatorio sulle energie rinnovabili e sull efficienza energetica 2008

Dettagli

CORSO SULLA TECNOLOGIA DEL SOLARE FOTOVOLTAICO

CORSO SULLA TECNOLOGIA DEL SOLARE FOTOVOLTAICO Nel dimensionamento di massima di un impianto fotovoltaico si deve tenere conto diduedue aspetti: - la superficie utile disponibile, dalla quale dipende la potenza massimainstallabile; -il fabbisogno elettrico

Dettagli

Quanto dura un impianto? La durata di un impianto è di 25 anni.

Quanto dura un impianto? La durata di un impianto è di 25 anni. f o t o v o l t a i c o Cos è un impianto fotovoltaico? Un impianto fotovoltaico è un impianto che consente la produzione di energia elettrica attraverso l energia solare, sfruttando le proprietà di materiali

Dettagli

Painting with the palette knife

Painting with the palette knife T h e O r i g i n a l P a i n t i n g K n i v e s Dipingere con la spatola Painting with the palette knife Made in Italy I t a l i a n M a n u f a c t u r e r La ditta RGM prende il nome dal fondatore

Dettagli

Potenzialità attuali e a breve periodo delle rinnovabili in Italia

Potenzialità attuali e a breve periodo delle rinnovabili in Italia Potenzialità attuali e a breve periodo delle rinnovabili in Italia Massimo Mazzer CNR-IMEM Parma Capo-progetto Dipartimento Sistemi di Produzione del CNR Visiting Professor Imperial College London La prima

Dettagli

Soluzioni fotovoltaiche SunPower. Un futuro sostenibile e vantaggioso per la tua azienda

Soluzioni fotovoltaiche SunPower. Un futuro sostenibile e vantaggioso per la tua azienda Soluzioni fotovoltaiche SunPower Un futuro sostenibile e vantaggioso per la tua azienda SunPower, leader mondiale nelle soluzioni fotovoltaiche Più energia per la tua azienda Da oltre un quarto di secolo,

Dettagli

Room 2005 Zhongshang Building No.100 HongKong Middle Road Qingdao China code 266071 tel 008653285891039 e-mail: fazio@cinaservizi.

Room 2005 Zhongshang Building No.100 HongKong Middle Road Qingdao China code 266071 tel 008653285891039 e-mail: fazio@cinaservizi. Qingdao VERSOEST International MODULI FOTOVOLTAICI FLESSIBILI a- Si 2012 Intensità relativa Qingdao VERSOEST International Nel settore del fotovoltaico oggi il costo di acquisto del sistema si aggira intorno

Dettagli

FOCUS Febbraio 2015. Energia da impianti fotovoltaici: un analisi statistica a livello regionale. Fonti: Rapporto Statistico 2013 e 2012 del GSE

FOCUS Febbraio 2015. Energia da impianti fotovoltaici: un analisi statistica a livello regionale. Fonti: Rapporto Statistico 2013 e 2012 del GSE Fonti: Rapporto Statistico 213 e 212 del GSE Solare Fotovoltaico. Banca Dati SIMERI - sistema di monitoraggio delle fonti rinnovabili. Eurostat (Data on solar collector's surface displays information on

Dettagli

Candidato: Giacomo Argentero Relatore: Prof. Paolo Gambino. 20 Luglio 2010

Candidato: Giacomo Argentero Relatore: Prof. Paolo Gambino. 20 Luglio 2010 Candidato: Giacomo Argentero Relatore: Prof. Paolo Gambino 20 Luglio 2010 Converte l energia luminosa proveniente dal sole in energia elettrica mediante effetto fotovoltaico. È costituito da più celle

Dettagli

Panoramica Aziendale. Fondata Società U.S.A. nel 2007. HQ & R&D in Fremont, CALIFORNIA

Panoramica Aziendale. Fondata Società U.S.A. nel 2007. HQ & R&D in Fremont, CALIFORNIA Introduzione Silevo Panoramica Aziendale Fondata Società U.S.A. nel 2007 Sedi Fondatori Technologia HQ & R&D in Fremont, CALIFORNIA Produzione in Hangzhou, Cina Magazzino x Europa in Rotterdam. Dr. Zheng

Dettagli

ALLEGATO A: La tecnologica fotovoltaica

ALLEGATO A: La tecnologica fotovoltaica ALLEGATO A: La tecnologica fotovoltaica A. 1 La radiazione solare La radiazione solare è definita come l energia elettromagnetica emessa dal sole. All'interno del sole, a temperature di alcuni milioni

Dettagli

Come produrre energia elettrica

Come produrre energia elettrica Come produrre energia elettrica Il Solare Fotovoltaico e' una tecnologia che permette di utilizzazione l'energia dal sole per la produzione di energia elettrica. Un dispositivo fotovoltaico è, infatti,

Dettagli

Università degli Studi di Torino. Corso di Laurea Magistrale in Fisica delle Tecnologie Avanzate. Approfondimento per il Corso di Energia e Ambiente

Università degli Studi di Torino. Corso di Laurea Magistrale in Fisica delle Tecnologie Avanzate. Approfondimento per il Corso di Energia e Ambiente Università degli Studi di Torino Corso di Laurea Magistrale in Fisica delle Tecnologie Avanzate Approfondimento per il Corso di Energia e Ambiente Modulo: Fonti Energetiche Docente: Paolo Gambino Le celle

Dettagli

Dipartimento di Energia Sezione Elettrica. Grande Capannone 2 Piano Via La Masa 34 20156 Milano Tel: +39.02.2399.8506 Fax: +39.02.2399.

Dipartimento di Energia Sezione Elettrica. Grande Capannone 2 Piano Via La Masa 34 20156 Milano Tel: +39.02.2399.8506 Fax: +39.02.2399. Dipartimento di Energia Sezione Elettrica Grande Capannone 2 Piano Via La Masa 34 20156 Milano Tel: +39.02.2399.8506 Fax: +39.02.2399.8566 CALCOLO DEL PERFORMANCE RATIO E DEL FATTORE DI TRASPOSIZIONE DELL

Dettagli

Fotovoltaico. Tutto quello che devi sapere sul fotovoltaico

Fotovoltaico. Tutto quello che devi sapere sul fotovoltaico Fotovoltaico Tutto quello che devi sapere sul fotovoltaico La superficie del sole,( con un volume di 1.300.000 volte quello della terra), ha una temperatura intorno ai 5500 C, e irradia nello spazio energia

Dettagli

Ecoroof Solar. Speciale tecnico

Ecoroof Solar. Speciale tecnico Circa la metà dell energia dell intero pianeta è prodotta con fonti combustibili fossili non rinnovabili e causa principale delle emissioni di CO2 in atmosfera. L accordo di Kyoto ha stabilito che almeno

Dettagli

SEGATO ANGELA. Progettazione, costruzioni stampi per lamiera Stampaggio metalli a freddo conto terzi

SEGATO ANGELA. Progettazione, costruzioni stampi per lamiera Stampaggio metalli a freddo conto terzi SEGATO ANGELA Progettazione, costruzioni stampi per lamiera Stampaggio metalli a freddo conto terzi Designing and manufacturing dies for sheet metal and metal forming for third parties. Segato Angela,

Dettagli

IL FOTOVOLTAICO. Gualtieri Francesco Malinverno Christian Mazzi Matteo

IL FOTOVOLTAICO. Gualtieri Francesco Malinverno Christian Mazzi Matteo IL FOTOVOLTAICO di Gualtieri Francesco Malinverno Christian Mazzi Matteo Cos è il fotovoltaico? Il termine fotovoltaico è composto dalla parola greca phos (cioè luce ) e Volt, che è l unità di misura della

Dettagli

Sistemi solari attivi

Sistemi solari attivi D.A.D.I. L. Vanvitelli Corso di Laurea Magistrale in Architettura Laboratorio di Costruzione dell Architettura I A a.a. 2015/16 Prof. Sergio Rinaldi sergio.rinaldi@unina2.it 04_05_2016 9 Sistemi solari

Dettagli

Guida per principianti ai Pannelli fotovoltaici

Guida per principianti ai Pannelli fotovoltaici Guida per principianti ai Pannelli fotovoltaici Perché informarsi sui pannelli fotovoltaici? Perché: Producono una fonte di energia pulita Potete essere pagati per la vostra produzione di energia INDICE

Dettagli

PERCHE TAIWAN. SETTORE FOTOVOLTAICO.

PERCHE TAIWAN. SETTORE FOTOVOLTAICO. 1 PERCHE TAIWAN. Il centro dell economia globale si sta spostando dall ovest verso l est del mondo, dai mercati maturi verso quelli emergenti. La posizione geografica di Taiwan, la rende la scelta perfetta

Dettagli

fotovoltaico faq schede di consultazione

fotovoltaico faq schede di consultazione fotovoltaico faq schede di consultazione f o t o v o l t a i c o Cos è un impianto fotovoltaico? Un impianto fotovoltaico è un impianto che consente la produzione di energia elettrica attraverso l energia

Dettagli