Notizie Notizie Notizie

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Notizie Notizie Notizie"

Transcript

1 Newsletter Terzo Settore giugno Notizie Nasce Open-Cooperazione, una finestra aperta sul mondo delle ONG e della Cooperazione Si chiama Open-Cooperazione il nuovo sito (www.open-cooperazione.it) che vuole diventare una vetrina per favorire la trasparenza delle ONG e di tutti gli attori della cooperazione internazionale e promuovere l adeguamento agli standard internazionali. Open-Cooperazione offre un opportunità concreta a tutte le organizzazioni del settore (ONG, Associazioni, onlus, ecc.) di impegnarsi volontariamente nel rendere fruibili i propri dati. Grazie alle informazioni che ogni organizzazione inserirà nel database, Open-Cooperazione comporrà un quadro generale del settore della cooperazione in Italia. Il sito, infatti, aggregherà i dati inseriti e renderà disponibile una fotografia sempre aggiornata, dettagliata e credibile del settore attraverso grafici, mappe e info-grafiche facilmente consultabili dai visitatori. Il nuovo sito è già online e a breve saranno aperte le registrazioni e ogni organizzazione potrà inserire i propri dati nel database. Notizie WEstart: sondaggio sull imprenditoria sociale femminile in Europa European Women s Lobby, piattaforma di associazioni di donne dell Unione Europea che promuove i diritti delle donne e l uguaglianza di genere in Europa, ha lanciato il primo progetto di mappatura delle imprese sociali al femminile in Europa. WEstart, questo il nome del progetto che durerà un anno in via sperimentale, permetterà di conoscere lo stato dell imprenditoria sociale femminile in Europa, contribuendo così ad una maggiore visibilità del settore a livello nazionale e comunitario. La mappatura riguarderà in questa prima fase 10 stati membri dell Unione Europea. Per contribuire a realizzare il processo di mappatura di WEstart, la European Women s Lobby ha lanciato un sondaggio online, rivolto a donne imprenditrici sociali in Europa. Il feedback del questionario aiuterà l Associazione a cogliere le questioni e le problematiche legate all imprenditoria sociale femminile e a portarle nelle sedi politiche nazionali ed europee. Il progetto ha la finalità di promuovere l imprenditoria sociale delle donne e di estendere la mappatura nei restanti Stati membri dell Unione Europea. Sito di riferimento: Notizie Campo giovani 2015: una settimana al servizio della comunità Una settimana per avvicinare i giovani alle tematiche dell'educazione alla salute, alla pace, al servizio verso la propria comunità - anche durante le fasi di un'emergenza - ed alla cooperazione internazionale. Questi gli obiettivi che caratterizzano i campi estivi organizzati dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale e l'associazione italiana della Croce Rossa. Dopo il successo delle precedenti edizioni, per il sesto anno consecutivo la Croce Rossa mette a disposizione 825 posti, divisi in 38 corsi attivati in tutta Italia, per giovani di età compresa tra i 14 e i 20 anni. Ogni corso è caratterizzato da alcune tematiche tipiche fra quelle affrontate giornalmente dai Volontari che prestano servizio nella C.R.I.: capire come meglio tutelare la salute e la vita; combattere ogni discriminazione e proteggere chi non ha alcuna protezione; agire e migliorare la realtà che ci circonda; stringere amicizia e cooperare con l'estero, valutando l'opportunità di intervento. Il tutto con un approccio che avviene in modo informale, al quale si aggiunge la possibilità di fare nuove amicizie, utilizzando in maniera utile il proprio tempo senza rinunciare al divertimento. In tutti i corsi i volontari creeranno un gruppo affiatato. Questa sarà la base di tutte attività, che avranno lo scopo di formare-informare tramite la partecipazione attiva e il divertimento, con attività di socializzazione,

2 ricreative, visite guidate nei luoghi che ci ospitano e momenti di relax. La partecipazione ai corsi è gratuita, ad eccezione delle spese di viaggio e personali che sono a carico dei vincitori. La domanda di partecipazione, corredata dalla documentazione richiesta, deve essere presentata entro l 8 giugno Sito di riferimento: Notizie Cagliari capitale europea del volontariato per il 2016 o per il 2017 Il CSV Sardegna Solidale candiderà Cagliari quale capitale europea del volontariato per il 2016 o il Lo ha annunciato il presidente del CSV Sardegna Solidale, Giampiero Farru, in occasione della recente presentazione della guida alle associazioni, gruppi e movimenti di volontariato presenti in città e denominata "Cagliari Città Solidale". Tra le richieste avanzate dai volontari, la discussione si è incentrata soprattutto sulla necessità di mettere in gioco, a sistema, i beni immobili presenti in città; beni che potrebbero ridiventare patrimonio e bene comune proprio grazie alle associazioni di volontariato. Altro tema rappresentato all'unisono dai volontari quello della mobilità ed in particolare l'abbattimento delle barriere architettoniche che limitano gli spostamenti delle persone con disabilità motorie. Nanda Sedda ha illustrato il contenuto della guida delineando il panorama della presenza associativa a Cagliari. "Un patrimonio di esperienze e di persone di cui la Città deve andare orgogliosa e che può essere meglio valorizzata", ha detto la responsabile del Sa.Sol. Point n. 1 di Cagliari del CSV Sardegna Solidale. Padre Salvatore Morittu e Don Marco Lai hanno presentato le "frontiere" dell'impegno del volontariato descrivendo necessità e bisogni ai quali quotidianamente i volontari danno risposta. Bruno Loviselli, presidente del Co.Ge. Sardegna, ha elogiato il lavoro realizzato con la guida delle associazioni (giunta alla terza edizione), strumento di conoscenza e informazione, ma anche di pratica utilità per amministratori, cittadini e volontari. "Le 336 associazioni presenti e operanti nel Comune di Cagliari sono un patrimonio culturale prima ancora che una risorsa operativa" ha concluso Giampiero Farru, e i volontari che hanno partecipato attivamente, con interventi mirati, hanno concordato sulla necessità di riprendere il percorso comune sui temi condivisi. Perché Cagliari diventi sempre più Città Solidale e possa concretizzarsi la sua candidatura a Capitale Europea del Volontariato. Sodalitas Social Innovation: nuove alleanze tra profit e non profit Sodalitas Social Innovation è il programma che Fondazione Sodalitas ha ideato per migliorare la capacità progettuale del Terzo Settore e favorire la nascita di partnership profit-nonprofit. La partecipazione alla quinta edizione dell iniziativa sarà aperta fino alle ore 18 del 5 giugno 2015 e si svolgerà per il secondo anno consecutivo sulla piattaforma digitale Ideatre60. Le organizzazioni non profit vincitrici si aggiudicheranno i premi speciali messi in palio dalle imprese promotrici. Per i finalisti, inoltre, per la prima volta, sono previsti un percorso formativo mirato e la possibilità di ottenere supporto e consigli da parte di Fondazione Sodalitas e delle imprese partner del progetto. Alle organizzazioni partecipanti a Sodalitas Social Innovation è richiesto di ideare e candidare progetti che facciano riferimento agli ambiti della sostenibilità, del welfare e dell occupazione, ambiti individuati perché particolarmente sentiti per il sempre maggiore impegno che la società si trova ad affrontare su queste tematiche. Sito di riferimento: Dall UE 50 milioni per rafforzare le reti della società civile Il bando Strengthening Regional, European and Global CSO Umbrella Organisations, pubblicato da EuropeAid, mira al rafforzamento delle capacità delle organizzazioni umbrella di categoria che oggi si

3 trovano ad affrontare complesse sfide organizzative e gestionali. Questa call è complementare ad altri strumenti finanziari di supporto, che saranno attivati da EuropeAid nell ambito di altri programmi tematici come il Global Public Goods and Challenges e lo European Instrument for Democracy and Human Rights. L invito a presentare proposte è finanziato dalla priorità 2 del nuovo programma tematico Organizzazioni della Società Civile e Autorità Locali, programma pluriennale del piano , dedicato al rafforzamento di reti regionali e globali di CSO. In linea con gli obiettivi della Comunicazione sulla società civile, la call finanzierà progetti proposti da reti, network di categoria (es. ONG, sindacati, cooperative, fondazioni, ecc.) con le quali l UE istituirà accordi quadro di partenariato (FPAs) definiti dal programma come meccanismi di cooperazione a lungo termine tra la Commissione e i potenziali beneficiari dei grant. Gli obiettivi specifici della call sono: 1. Rafforzare le capacità istituzionali e operative di organizzazioni umbrella per azioni coordinate a livello globale, regionale e/o nazionali; 2. Rafforzare le capacità dei coordinamenti di CSO di rappresentare efficacemente le loro constituency e promuovere il ruolo e la responsabilità dei propri membri. Le proposte progettuali nell ambito di questa call devono riguardare entrambi gli obiettivi specifici di cui sopra. L importo indicativo complessivo reso disponibile è di di euro; il termine per l invio delle proposte è fissato al 12 giugno Sito di riferimento: https://webgate.ec.europa.eu/europeaid/onlineservices/index.cfm?adsschck= &do=publi.detpub&searchtype=qs&orderby=prg&orderbya d=asc&nbpublilist=15&page=1&aoref= Bando Funder35 - L'impresa culturale che cresce C è una nuova e concreta opportunità per le imprese culturali non profit composte da giovani: è il bando Funder35, che mette a disposizione 2 milioni e 650 mila euro di risorse private per sostenerle, accompagnarle e rafforzarle sia sul piano organizzativo che gestionale, premiando l innovatività. L iniziativa è rivolta alle organizzazioni culturali senza scopo di lucro (imprese sociali, cooperative sociali, associazioni culturali, onlus, fondazioni, ecc.) composte in prevalenza da giovani di età inferiore ai 35 anni, impegnate principalmente nell ambito della produzione artistica/creativa in tutte le sue forme, da quelle tradizionali a quelle di ultima generazione o nell ambito dei servizi di supporto alla conoscenza, alla valorizzazione, alla tutela, alla protezione, alla circolazione dei beni e delle attività culturali. Sono organizzazioni caratterizzate spesso da una forte fragilità strutturale e operativa e dalla dipendenza, decisiva, dalle sovvenzioni saltuarie di finanziatori pubblici e privati. Imprese culturali a volte legate al ciclo di vita di progetti occasionali, che non innescano processi in grado di garantire un attività consolidata e costante. Il contesto sfavorevole è aggravato anche dalle difficoltà legate ai bilanci pubblici e impone alle organizzazioni culturali l adozione di nuove strategie per migliorare le capacità di affrontare il mercato. L obiettivo di Funder35 è superare queste criticità, sostenendo e accompagnando le imprese culturali già attive. L iniziativa, nata nel 2012 nell ambito della Commissione per le Attività e i Beni Culturali dell Acri e giunta al suo secondo triennio, quest anno è promossa da 18 fondazioni. Attraverso il bando annuale vengono individuati i migliori progetti presentati da organizzazioni culturali senza scopo di lucro, offrendo loro un opportunità di crescita e di sviluppo attraverso un contributo economico a fondo perduto e un attività di accompagnamento, che prevede un supporto formativo, una serie di facilitazioni e, soprattutto, l adesione e la partecipazione alla comunità di pratiche di Funder35 per lo scambio di idee, modelli e prassi di successo. I territori coinvolti dal Bando sono le regioni Basilicata, Calabria, Campania, Lombardia, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia e Valle d Aosta e le province di Bologna, Modena, Parma e Ravenna in Emilia Romagna, Pordenone e Udine in Friuli-Venezia Giulia, le province della Spezia e di Genova in Liguria, le province di Ascoli Piceno e Ancona nelle Marche, di Firenze, Livorno e Lucca in Toscana, le province di Belluno, Padova, Rovigo, Verona e Vicenza in Veneto. Le imprese culturali potranno partecipare singolarmente o in partnership con altre organizzazioni.

4 Le proposte dovranno essere presentate online dal sito entro il 10 luglio Nati per proteggere: riparte il concorso Con migliaia di storie raccolte lo scorso anno, Nati per Proteggere ha dato vita a un vero e proprio archivio di buone pratiche. Ora il concorso voluto da Axa, principale marchio assicurativo al mondo, riparte. Singoli, associazioni, fondazioni e imprese possono candidare una storia di protezione e concorrere al premio finale di 50mila euro. Migliaia di storie di buone pratiche di protezione raccontate e diffuse sui social network raccolte costituiscono un archivio di tutto rispetto. Tra le 8 storie selezionate per la finale e raccontate attraverso un video che sarà realizzato per l occasione verrà scelto il vincitore. O, meglio, la storia vincitrice. A questa storia - legata a un progetto di concreto aiuto e protezione - andrà il premio da 50mila euro. Non servono grandi progetti. O meglio: non servono progetti che ambiscano a grandi numeri. Per questo, anche quest anno, AXA - primo brand assicurativo a livello mondiale - sui numeri ha deciso di privilegiare le storie. Storie che dovranno raccontare esperienze nell ambito della protezione delle persone, dell ambiente, del patrimonio culturale, dei mestieri e delle imprese. Storie che, altrimenti, senza un racconto e senza un vero progetto, rischiano di rimanere inascoltate o invisibili. Ognuno può autocandidare le proprie storie, sul sito Gli utenti potranno candidare le storie e, nella fase finale, votarle. Dal 4 maggio fino al 16 giugno tutti possono candidare o candidarsi, compilando l apposito form. Chi può partecipare? Singoli, ma anche associazioni, fondazioni, cooperative e imprese, purché operanti in Italia. Che cosa candidare? Storie che abbiano al centro una vicenda di protezione. Tra tutte le storie candidate, una giuria di esperti individuerà entro il 26 giugno le 8 più significative che accederanno alla fase finale. Trasformate in video-storie, queste saranno poi caricate online sul sito del concorso per essere votate dagli utenti dal 5 ottobre al 13 novembre. L esito della votazione online e il giudizio della giuria di esperti decreteranno entro il 20 novembre 2015 la storia vincitrice, che si aggiudicherà così il premio finale del valore di euro da investire, a scelta, fra borse di studio, corsi di formazione o fornitura di attrezzature tecnologiche o altri strumenti utili. La Fondazione Angelo Frammartino ha pubblicato il bando 2015/2016 Giovani pensieri per una cultura di pace, dei diritti, della legalità, della giustizia sociale e ambientale e della convivenza tra i popoli, giunto alla sua ottava edizione, per l assegnazione di 3 borse di studio per la realizzazione di ricerche. Le aree tematiche di riferimento sono le seguenti: 1) La legalità e il rifiuto della violenza per la soluzione dei conflitti e la lotta contro le mafie e la criminalità; 2) le ragioni dell altro: storie di migranti, di rifugiati, di minoranze, di popoli senza patria; 3) la giustizia ambientale; 4) l educazione ambientale; 5) storie di donne, storie di mamme: storie di tutti. Declinare l uguaglianza nel rispetto della diversità. L importo di ogni borsa di studio ammonta a lordi e la scadenza per l invio delle domande è il 13 giugno Possono partecipare alla selezione tutte le persone di età non superiore a 30 anni, di qualsiasi cittadinanza, in possesso di diploma di laurea breve, specialistica o di vecchio ordinamento, o di titolo universitario equipollente. Le borse di studio sono finanziate da Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l Innovazione dell Agricoltura del Lazio (ARSIAL), Cgil e La casa delle case di Monterotondo. La pubblicazione della graduatoria è prevista entro la prima decade di agosto 2015, in concomitanza con il Premio Angelo Frammartino. Il testo completo del bando è scaricabile al link:

5 Lotta alle discriminazioni e promozione dell'integrazione dei Rom Nel quadro del programma Diritti, uguaglianza e cittadinanza la Commissione europea ha pubblicato un bando per il sostegno a progetti volti a promuovere il principio di non discriminazione e l integrazione dei Rom. Il bando mette a disposizione euro per finanziare progetti nazionali o transnazionali che contribuiscano a combattere la discriminazione - sia questa fondata sul sesso, la razza o l'origine etnica, la religione o le convinzioni personali, la disabilità, l'età o l'orientamento sessuale - oppure che promuovano l integrazione dei Rom, con l obiettivo di sostenere l'attuazione delle strategie nazionali di inclusione dei Rom e della Raccomandazione del Consiglio sull'integrazione dei Rom. I progetti selezionati potranno essere cofinanziati fino all 80% dei loro costi ammissibili, ma la sovvenzione richiesta non deve essere inferiore a euro. Il bando rimarrà aperto fino al 7 luglio Per approfondimenti: sc%5fcall%2epdf&t=d&o=15222&a=23244&r=35982 Clima, energia, biodiversità, accesso all acqua e desertificazione: al via le proposte progettuali La Fondazione del Principe Alberto II di Monaco ha recentemente annunciato l apertura dei termini per la presentazione di proposte progettuali sui temi del cambiamento climatico, l energia, la biodiversità, l accesso all acqua e la lotta contro la desertificazione. L ambito geografico di questo ciclo di grant comprende il bacino del Mediterraneo, le regioni polari, e i Paesi a basso sviluppo. Le sovvenzioni non possono superare il 50% di del budget di progetto. La proposta di progetto non può riguardare: il regolare funzionamento delle organizzazioni; i progetti gestiti da una sola persona; le campagne di comunicazione; i progetti e le produzioni cinematografiche e editoriali; i progetti di natura puramente commerciale. I progetti preselezionati saranno contattati per un possibile contributo nel secondo semestre del 2016 e nel primo del Nessun progetto può essere presentato direttamente alla Fondazione. Saranno presi in considerazione solo i progetti presentati attraverso il modulo di domanda on-line. Il termine per la presentazione di proposte preliminari (in francese o inglese) è aperto dal 6 luglio al 14 agosto Sito di riferimento: Europa Creativa: a luglio il nuovo bando per progetti di cooperazione culturale Nell ambito del Sottoprogramma Cultura di Europa Creativa, il sostegno a Progetti di cooperazione europea supporta la realizzazione di progetti di cooperazione culturale mirati a rafforzare la capacità dei settori culturali e creativi di operare a livello transnazionale e internazionale, promuovendo allo stesso tempo la circolazione transnazionale dei prodotti culturali e creativi e la mobilità di coloro che lavorano in questi settori (in particolare gli artisti). Il sostegno viene fornito a 2 tipologie di progetti: - progetti di cooperazione su piccola scala, ovvero iniziative che coinvolgono almeno 3 organizzazioni culturali di 3 diversi Paesi, per le quali il cofinanziamento della Commissione UE può raggiungere il 60% dei loro costi ammissibili, ma non superare i euro; - progetti di cooperazione su larga scala, vale a dire iniziative di maggior respiro che coinvolgono almeno 6 organizzazioni culturali di 6 diversi Paesi; in questo caso il cofinanziamento della Commissione può raggiungere il 50% dei costi eleggibili corrispondenti ad un massimo di euro. Per le organizzazioni culturali interessate a queste opportunità, nei prossimi mesi verrà lanciato il nuovo bando per progetti di cooperazione europea: la call è attesa per luglio 2015,con scadenza ad ottobre 2015.

6 Per prepararsi fin d ora a candidare progetti, può essere utile consultare le linee guida ai progetti di cooperazione pubblicate con il precedente bando, che si è chiuso il 1 ottobre Le linee guida costituiscono parte integrante del bando e illustrano le condizioni specifiche e le caratteristiche che devono essere soddisfatte dai progetti. Sono, quindi, uno strumento che permette di conoscere gli elementi di base, costanti propri dei progetti di cooperazione culturale. Le linee guida sono disponibili alla pagina: Documenti Pubblicato dall Istat il secondo Rapporto sul benessere equo e sostenibile È stato pubblicato dall'istat il 23 aprile 2015 il secondo rapporto UrBes, sul benessere equo e sostenibile nelle città italiane, che offre una panoramica multidimensionale delle tendenze del benessere di 29 Comuni, tra cui 10 città metropolitane. Nell'edizione 2015, rispetto a quella dell'anno scorso, viene migliorata la capacità informativa sul Bes (benessere equo e sostenibile) nelle città attraverso l'aumento del set di indicatori, saliti da 25 a 64, e il rafforzamento della rete dei comuni partecipanti, che passano da 15 a 29 comprendendo quelli capofila delle città metropolitane e gli altri comuni aderenti al Progetto UrBes, nato allo scopo di rilevare le tendenze e i livelli di benessere nelle città italiane. La ricerca ha interessato anche il comune di Cagliari. Il documento è disponibile alla pagina: Documenti Programmi di volontariato al Sud: on line la pubblicazione 280 programmi di volontariato realizzati in sei regioni meridionali grazie ad uno stanziamento di fondi pari a 16 milioni di euro. Sono questi i principali risultati del bando "Sostegno alle reti di volontariato", promosso in questi ultimi 3 anni dalla Fondazione con il Sud per implementare le reti di volontariato nelle regioni meridionali, rafforzandone il ruolo e l'impatto nelle comunità locali, per migliorare e ampliare l'offerta dei servizi erogati ai cittadini. Un importante supporto alle associazioni partecipanti al bando è stato offerto dai CSV del Mezzogiorno, coinvolti in attività di orientamento e accompagnamento nella redazione dei programmi o nel supporto per le reti vincitrici per quanto riguarda gli aspetti gestionali e di rendicontazione. Data l'importanza del progetto, Fondazione con il Sud e CSVnet hanno realizzato una pubblicazione "Programmi di Volontariato al Sud; riflessioni e spunti sul lavoro di rete", per raccontare i principali esiti di questa straordinaria esperienza, presentata lo scorso 15 maggio a Napoli. Il documento è disponibile alla pagina: pubblicazionicsvnet?download=339:programmi-di-volontariato-al-sud Documenti Ricerca sull uguaglianza di genere nei luoghi di lavoro Un puro scandalo : così Papa Francesco ha definito nei giorni scorsi il fatto che, a parità di lavoro, le donne guadagnano meno degli uomini uno scandalo che mediamente, a livello globale, equivale a un divario del 24%. Le parole di Bergoglio, riecheggiate in tutto il pianeta, hanno contribuito a rendere il 1 Maggio, festa tradizionalmente e giustamente dedicata alla celebrazione delle lotte per il lavoro e per condizioni lavorative giuste e dignitose, un ulteriore occasione per riflettere su quanto è necessario fare, sin da oggi, per costruire davvero un mondo di donne e di uomini. Il 2015 è, d altronde, un anno strategico da questo punto di vista, poiché nel prossimo mese di settembre gli Stati membri dell ONU dovranno mettere a punto gli Obiettivi per lo sviluppo sostenibile che, a vent anni

7 di distanza, sostituiranno gli Obiettivi del millennio elaborati nel 1995 e che avranno tra le priorità l eguaglianza di genere e l empowerment delle donne e delle ragazze. Per tali ragioni, è di particolare interesse quanto emerge dal report strategico di UN Women presentato lo scorso 27 aprile, Progress of the World s Women : Transforming Economies, Realizing Rights (Il progresso delle donne nel mondo : trasformare le economie, concretizzare i diritti). Il rapporto prende le mosse dalla Conferenza di Pechino del 1995, mostrando che se è vero che da allora sono stati fatti significativi passi in avanti nei diritti delle donne tuttavia in un era di ricchezza globale senza precedenti, milioni di donne sono intrappolate in lavori malpagati e di bassa qualità, e si vedono negati persino i livelli essenziali di assistenza sanitaria, l acqua e i servizi igienico-sanitari. Le donne portano ancora il peso del lavoro di cura non pagato, reso più pesante dalle politiche di austerità e dai tagli. Il progresso delle donne nel mondo è un lavoro di analisi e ricerca di soluzioni che guarda con speranza e determinazione agli Obiettivi per lo sviluppo sostenibile e che aiuta a ripensare in un ottica di genere non solo tutte le problematiche legate al lavoro, ma lo stesso assetto dell economia mondiale. Un documento, dunque, che merita di essere conosciuto nella sua interezza ovunque si elaborino politiche che presentano un impatto di genere. Come ha sostenuto la curatrice Shahra Razavi, La nuova agenda economica chiesta da UN Women non è un sogno irrealizzabile. Molti Paesi, anche in via di sviluppo e a basso reddito, stanno già attuando alcuni elementi di questa agenda. Il cambiamento di cui abbiamo bisogno è ambizioso, ma si può fare. Creare posti di lavoro più numerosi e di migliore qualità per le donne; ridurre la segregazione occupazionale e i divari retributivi di genere; riconoscere, ridurre e redistribuire il lavoro di cura e domestico non pagato: sono soltanto tre delle dieci Raccomandazioni finali con cui si conclude il rapporto, dieci indicazioni sulle azioni che possono essere intraprese dai governi per avvicinarci a un economia che funzioni realmente per le donne, a beneficio di tutti. Il documento è disponibile alla pagina: Documenti Presentato il rapporto Global Overview 2015 Il numero di persone fuggite all'interno del proprio paese a causa di conflitti o violenze ha raggiunto nel 2014 la cifra record di 38 milioni di persone: in pratica ogni giorno, nel mondo, persone sono state costrette ad abbandonare le proprie case. Questi i dati riportati nel rapporto Global Overview 2015: People internally displaced by conflict and violence, presentato dall l'internal Displacement Monitoring Centre (IDMC), il centro di ricerca del Norwegian Refugee Council (NRC). Il rapporto riguarda le migrazioni forzate che si sono verificate nel 2014 e si basa sui dati forniti da governi, organizzazioni non governative partner e agenzie delle Nazioni Unite. Fornisce dati e analisi degli esodi interni provocati da conflitti e violenza generalizzata in 60 paesi e territori: fa quindi riferimento ai casi di migrazioni forzate all'interno dei paesi. Documenta 38 milioni di sfollati alla fine del 2014, in aumento di 4,7 milioni rispetto al 2013, quando l IDMC segnalava l esistenza di 33,3 milioni di sfollati. Il 60% dei nuovi sfollati si trova in cinque paesi: Iraq, Sud Sudan, Siria, Repubblica Democratica del Congo (RDC) e Nigeria. I civili iracheni sono stati tra le principali vittime dei nuovi esodi interni nel 2014, con almeno 2,2 milioni di persone costrette a fuggire dalle loro case. Altro dato impressionante è quello relativo alla popolazione siriana: almeno il 40% della quale, ovvero 7,6 milioni di persone è sfollata, il numero più alto al mondo. Il rapporto evidenzia, inoltre, come i casi di esodo di lunga durata o prolungati contribuiscano in maniera rilevante all allarmante dato totale sugli sfollati nel mondo. Nel 2014, in quasi il 90% dei 60 paesi e territori monitorati dall IDMC erano presenti persone sfollate da dieci o più anni. È Prevista per giugno la pubblicazione del rapporto Global Trends dell'unhcr, in cui i dati sugli sfollati interni sono integrati con quelli sul numero dei rifugiati e richiedenti asilo. Il documento è disponibile alla pagina: global-overview-2015-en.pdf

8 Eventi Social Enterprise World Forum Il Social Enterprise World Forum (SEWF) è un evento internazionale che vuole offrire alle imprese sociali di tutto il mondo un opportunità di incontro e di discussione su temi che vanno dalle politiche di ampio respiro agli aspetti più concreti, imparando gli uni dagli altri, in un ottica di sviluppo di rete. Nelle ultime edizioni, il numero dei delegati ha sempre superato quello degli eventi dell anno precedente. L alta qualità del pubblico è rappresentata da un mix eclettico di organizzazioni, di progetti comunitari su larga scala delle imprese sociali e del settore pubblico e privato. Sono invitati a partecipare i delegati di tutti i tipi di organizzazioni che hanno interesse nell impresa sociale e vogliono fare una differenze nel mondo. L edizione del 2015 del SEWF, Growing a new economy, si terrà a Milano dal 1 al 3 luglio, presso l università IULM. Nei giorni precedenti e successivi all evento saranno organizzate visite alla scoperta di imprese sociali italiane. Durante il SEWF sono previste plenary session e workshop organizzati in parallelo su cinque temi principali: 1) l ecosistema che promuove l Impresa Sociale; 2) le imprese sociali: una soluzione vincente nella lotta alla povertà; 3) impact investing: riallineare le aspettative; 4) nutrire il pianeta attraverso le imprese sociali; 5) la sfida di una comunicazione efficace per le imprese sociali. Sito di riferimento: Eventi Last call to Europe 2020: conferenza internazionale sulla sostenibilità Mancano solo cinque anni all obiettivo indicato dalla Strategia Europa 2020: realizzare nel Continente una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva. I traguardi da raggiungere riferiti a occupazione, innovazione, istruzione, inclusione sociale e sostenibilità ambientale sono ambiziosi e messi a rischio dai profondi cambiamenti economici e sociali in atto. Last call to Europe 2020 è la conferenza Internazionale dedicata alla sostenibilità che Fondazione Sodalitas organizzerà in collaborazione con CSR Europe il 19 giugno, all interno di EXPO La conferenza vedrà protagoniste le imprese europee all avanguardia per l impegno dedicato a sviluppare l agenda della sostenibilità. L iniziativa si aprirà con una sessione plenaria in cui interverranno rappresentanti della Commissione Europea, del Governo Italiano, di CSR Europe, delle organizzazioni imprenditoriali più rappresentative e i leader alla guida di alcune tra le imprese di riferimento per la qualità della loro strategia di sostenibilità. Nella sessione pomeridiana si svolgeranno tre workshop internazionali, che, con il contributo dei più autorevoli protagonisti mondiali su ciascun tema, faranno il punto sui driver più significativi per realizzare una crescita smart, sostenibile ed inclusiva nei prossimi cinque anni. Durante la conferenza internazionale sarà presentato il Milan Manifesto-Enterprise 2020 : non una dichiarazione programmatica, ma un indicazione sulle priorità e gli impegni delle imprese più avanzate di tutta Europa per costruire un futuro di crescita e inclusione. Il Manifesto sarà il risultato del lavoro sviluppato congiuntamente dalle 41 organizzazioni nazionali che aggregano oltre imprese europee. Il programma della conferenza è disponibile alla pagina:

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014 I NUOVI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE Milano, 11 Febbraio 2014 CONTESTO DI RIFERIMENTO Nel marzo 2010 la Commissione Europea (CE) lancia la strategia EUROPA 2020 per una crescita intelligente, sostenibile

Dettagli

EUROPEAID: Europa e USA: conoscere l Europa 2015-2017. Horizon 2020: Europa in un mondo che cambia: società inclusive, innovative e riflessive

EUROPEAID: Europa e USA: conoscere l Europa 2015-2017. Horizon 2020: Europa in un mondo che cambia: società inclusive, innovative e riflessive EUROPEAID: Europa e USA: conoscere l Europa 2015-2017 EuropeAid/136813/DD/ACT/US Descrizione: La Commissione europea Delegazione USA ha lanciato un bando che ha l obiettivo di promuovere, all interno delle

Dettagli

I GIOVANI PRESI IN CARICO CRESCONO CON LO STESSO RITMO DI QUELLI REGISTRATI: SEGNALE POSITIVO DAI SERVIZI PER L IMPIEGO

I GIOVANI PRESI IN CARICO CRESCONO CON LO STESSO RITMO DI QUELLI REGISTRATI: SEGNALE POSITIVO DAI SERVIZI PER L IMPIEGO Roma, 19 Giugno 2015 I giovani Neet registrati al Programma Garanzia Giovani sono 629.496, quasi 12 mila in più rispetto alla scorsa settimana I GIOVANI PRESI IN CARICO CRESCONO CON LO STESSO RITMO DI

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008 Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Marzo 2008 Il Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi Terzi (2007 2013) 11/04/2011 Flussi migratori ed il contesto

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA Roma, 11 Settembre 2015 I giovani presi in carico sono 441.589. A quasi 159 mila è stata proposta almeno una misura. Il Ministro Poletti ha dato il via al progetto Crescere in Digitale durante la conferenza

Dettagli

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000)

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) «DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) COME NASCE? Il programma subentra a tre programmi che sono stati operativi nel periodo 2007-2013, ovvero i programmi specifici Daphne III e

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 870 MILA UNITÀ, OLTRE 9 MILA IN PIÙ NELL ULTIMA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 870 MILA UNITÀ, OLTRE 9 MILA IN PIÙ NELL ULTIMA SETTIMANA Roma, 20 Novembre 2015 I giovani presi in carico sono 537.671. A più di 228 mila è stata proposta almeno una misura. Crescere in Digitale: oltre 35.100 gli iscritti a dieci settimane dal lancio I GIOVANI

Dettagli

Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD

Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD Invita a presentare iniziative di Sostegno a Programmi e reti di volontariato nelle Regioni del Sud Italia Sommario Sezione

Dettagli

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione, promosso dall Organizzazione Internazionale per

Dettagli

Bilancio Partecipativo 2015. Una iniziativa promossa dall Assessorato allo Sviluppo dei Processi Partecipativi

Bilancio Partecipativo 2015. Una iniziativa promossa dall Assessorato allo Sviluppo dei Processi Partecipativi Bilancio Partecipativo 2015 Una iniziativa promossa dall Assessorato allo Sviluppo dei Processi Partecipativi Che cos'è il Bilancio Partecipativo? Che cos'è il Bilancio Partecipativo? Il Bilancio Partecipativo

Dettagli

LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni

LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni PREMESSA La sperimentazione dei Piani Locali Giovani ha la finalità di sostenere l azione degli enti locali nel campo delle politiche

Dettagli

LA RETE NAZIONALE DI CONFINDUSTRIA TRA GIOVANI, SCUOLA E IMPRENDITORI

LA RETE NAZIONALE DI CONFINDUSTRIA TRA GIOVANI, SCUOLA E IMPRENDITORI LA RETE NAZIONALE DI CONFINDUSTRIA TRA GIOVANI, SCUOLA E IMPRENDITORI IDEE DI IMPRESA IN GARA UN RACCONTO DI COSA SIGNIFICA FARE IMPRESA ATTRAVERSO UNA PIATTAFORMA WEB DEDICATA E UN VERO E PROPRIO CONTEST

Dettagli

EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura. Invito a presentare proposte

EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura. Invito a presentare proposte EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura Invito a presentare proposte EACEA 29/2015 : Sostegno a favore di progetti di cooperazione europei Attuazione del regime del sottoprogramma Cultura Europa

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

Centro di servizi per il volontariato del Lazio. Presidente Paola Capoleva

Centro di servizi per il volontariato del Lazio. Presidente Paola Capoleva Centro di servizi per il volontariato del Lazio Presidente Paola Capoleva Più punti di vista Più punti di vista esistono in un popolo, dai quali esaminare il mondo che tutti ospita in eguale misura e a

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca d intesa con Il Forum delle Associazioni Nazionali dei Genitori VISTO l articolo 3 della Costituzione della Repubblica Italiana, al cui primo

Dettagli

newsletter N.4 Dicembre 2013 Erasmus+ il nuovo programma integrato per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport.

newsletter N.4 Dicembre 2013 Erasmus+ il nuovo programma integrato per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport. newsletter N.4 Dicembre 2013 Questo numero è stato realizzato da: Franca Fiacco ISFOL Agenzia Nazionale LLP Programma settoriale Leonardo da Vinci Erasmus+ il nuovo programma integrato per l istruzione,

Dettagli

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Primo incontro dei partner di progetto 17-18 ottobre 2014 Borgo Pio, 10, Roma Illustrazione del progetto: motivazioni,

Dettagli

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA. Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma

Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA. Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma 2 Scuola, tecnologie e innovazione didattica La tecnologia sembra trasformare

Dettagli

Coopstartup FarmAbility

Coopstartup FarmAbility Coopstartup FarmAbility Bando per la selezione di idee di impresa cooperativa innovativa nell agroalimentare Art. 1 Contesto e obiettivi Coopstartup FarmAbility è un progetto sperimentale per favorire

Dettagli

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione Empowerment of Migrant Associations for Co-development,

Dettagli

100 GIORNI, 100 PROPOSTE Call per l organizzazione di iniziative culturali in Cascina Triulza

100 GIORNI, 100 PROPOSTE Call per l organizzazione di iniziative culturali in Cascina Triulza 100 GIORNI, 100 PROPOSTE Call per l organizzazione di iniziative culturali in Cascina Triulza 1. PREMESSA Per la prima volta nella storia delle Esposizioni Universali, Milano ha ospitato un padiglione

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

LE INIZIATIVE PROMOSSE DALLA COMUNITÀ EUROPEA PER L ANNO 2010 DI LOTTA ALLA POVERTÀ E ALL ESCLUSIONE SOCIALE

LE INIZIATIVE PROMOSSE DALLA COMUNITÀ EUROPEA PER L ANNO 2010 DI LOTTA ALLA POVERTÀ E ALL ESCLUSIONE SOCIALE LE INIZIATIVE PROMOSSE DALLA COMUNITÀ EUROPEA PER L ANNO 2010 DI LOTTA ALLA POVERTÀ E ALL ESCLUSIONE SOCIALE Relatrice _ Angela Martinez Centro Studi ed Iniziative Europeo CE.S.I.E CESIE - ONG- non profit

Dettagli

STUDIO ORAZI Dottori Commercialisti Revisori Contabili

STUDIO ORAZI Dottori Commercialisti Revisori Contabili STUDIO ORAZI Dottori Commercialisti Revisori Contabili Dott. Marco Orazi Dott. Michele Archetti Dott.ssa Paola Porcellana Dott.ssa Mara Zanatta Dott.ssa Francesca Lodrini Dott. Massimo Colombo Dott.ssa

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

IDEE IN COMUNE DESTINATION EXPO MILANO 2015

IDEE IN COMUNE DESTINATION EXPO MILANO 2015 IDEE IN COMUNE DESTINATION EXPO MILANO 2015 CALL RISERVATA AI COMUNI ITALIANI E AI LORO TERRITORI PER LA PRESENZA NEL PADIGLIONE DELLA SOCIETA CIVILE IN EXPO MILANO 2015 1. PREMESSA L'assegnazione a Milano

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

PROGETTO COOPERAZIONE DECENTRATA PER IL RAFFORZAMENTO ISTITUZIONALE DEI COMUNI MONTANI BOSNIACI

PROGETTO COOPERAZIONE DECENTRATA PER IL RAFFORZAMENTO ISTITUZIONALE DEI COMUNI MONTANI BOSNIACI PROGETTO COOPERAZIONE DECENTRATA PER IL RAFFORZAMENTO ISTITUZIONALE DEI COMUNI MONTANI BOSNIACI INTRODUZIONE Nell ambito delle iniziative legate alla Tregua Olimpica realizzate dai partner istituzionali

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE I SERVIZI DI ACCOMPAGNAMENTO ALLE IMPRESE PER LA PARTECIPAZIONE AI BANDI Ludovico Monforte EURODESK Brussels

Dettagli

Bando Volontariato 2015. Reti Nazionali

Bando Volontariato 2015. Reti Nazionali Bando Volontariato 2015 Reti Nazionali SEZIONE 1. CARATTERISTICHE GENERALI DELL INIZIATIVA 1.1 Obiettivi Nell ambito delle numerose iniziative di sostegno al volontariato della Fondazione, il presente

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES Provincia di Pistoia EaSI Employment and Social Innovation Assi PROGRESS e EURES Potenzialità per il lavoro e l integrazione sociale su scala europea Carla Gassani Servizio Politiche attive del Lavoro,

Dettagli

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa Dott.ssa Elisabetta Grigoletto Sezione Formazione Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Berlino 2014 1 Il progetto interregionale Creazione

Dettagli

MISSIONE IMPRESA. capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI

MISSIONE IMPRESA. capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI MISSIONE IMPRESA capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI con le risorse del fondo per lo sviluppo dell imprenditoria giovanile in agricoltura

Dettagli

Alla fine degli anni'60, in tutta Europa iniziano a svilupparsi strutture di informazione dedicate ai giovani.

Alla fine degli anni'60, in tutta Europa iniziano a svilupparsi strutture di informazione dedicate ai giovani. Agenzia Territoriale per i Giovani Concept e strategie future Caccamo, 14 luglio 2010 Aula Consiliare Mico Geraci ore 17,00 Storia degli Informagiovani in Italia Alla fine degli anni'60, in tutta Europa

Dettagli

Bando del Progetto di Supporto allo sviluppo dell autoimprenditorialità sociale per le scuole superiori della regione Sicilia

Bando del Progetto di Supporto allo sviluppo dell autoimprenditorialità sociale per le scuole superiori della regione Sicilia Bando del Progetto di Supporto allo sviluppo dell autoimprenditorialità sociale per le scuole superiori della regione Sicilia 1. Presentazione Piano formativo Social Innovation in Learning e Concorso Social

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni. Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni

Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni. Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni 2 Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni www.volontariatotrentino.it 1 1. Premessa L Associazione

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

Il programma Europa Creativa. Perché Europa Creativa? Obiettivi generali. Obiettivi specifici

Il programma Europa Creativa. Perché Europa Creativa? Obiettivi generali. Obiettivi specifici EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura Invito a presentare proposte EAC/S16/2013 Progetti di cooperazione europea Scadenza: 5 marzo 2014 Scadenza presentazione all URI 21 febbraio 2014 Il programma

Dettagli

Economia sociale e impresa sociale

Economia sociale e impresa sociale Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali DG Terzo settore e formazioni sociali Economia sociale e impresa sociale Intervento di Anna Chiara Giorio 9 gennaio 2014 Indice dell intervento Terzo settore,

Dettagli

FAC-SIMILE SCHEDA DI ADESIONE PARTECIPA.NET PER L ANNO SCOLASTICO 2009/2010. Nome Scuola: IIS Crescenzi Pacinotti, Liceo Galvani, IIS Serpieri,...

FAC-SIMILE SCHEDA DI ADESIONE PARTECIPA.NET PER L ANNO SCOLASTICO 2009/2010. Nome Scuola: IIS Crescenzi Pacinotti, Liceo Galvani, IIS Serpieri,... FAC-SIMILE SCHEDA DI ADESIONE PARTECIPA.NET PER L ANNO SCOLASTICO 2009/2010 LA SCUOLA Nome Scuola: IIS Crescenzi Pacinotti, Liceo Galvani, IIS Serpieri,... Indirizzo... Telefono... E-mail... IL PROGETTO

Dettagli

Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO.

Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale per le Migrazioni

Dettagli

Confi ndustria Modena. Gruppo Giovani Imprenditori

Confi ndustria Modena. Gruppo Giovani Imprenditori Confi ndustria Modena Gruppo Giovani Imprenditori Il Gruppo Giovani Imprenditori Modena CHI SIAMO Il Gruppo Giovani Imprenditori di Modena è elemento integrante della vita associativa di Confi ndustria

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

CONTEST START UP FOOD, PREMIATE LE PRIME TRE MIGLIORI IDEE IMPRENDITORIALI CON UN PREMIO DA

CONTEST START UP FOOD, PREMIATE LE PRIME TRE MIGLIORI IDEE IMPRENDITORIALI CON UN PREMIO DA Roma, 9 Ottobre 2015 I giovani presi in carico sono 485.327. A più di 181 mila è stata proposta almeno una misura. Prosegue il successo di Crescere in Digitale: oltre 31.500 gli iscritti a quattro settimane

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA

IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA PROGETTO IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA Anno 2010 1 Progetto In-Contro Nuovi spazi di comunicazione. Percorsi di partecipazione giovanile

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

Il REPORT SONO OLTRE 888 MILA I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA, QUASI 772 MILA AL NETTO DELLE CANCELLAZIONI. Roma, 4 Dicembre 2015

Il REPORT SONO OLTRE 888 MILA I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA, QUASI 772 MILA AL NETTO DELLE CANCELLAZIONI. Roma, 4 Dicembre 2015 Roma, 4 Dicembre 2015 I giovani presi in carico sono 553.507. A più di 239 mila è stata proposta almeno una misura. Crescere in Digitale: oltre 38.000 gli iscritti a dodici settimane dal lancio. A partire

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR)

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) PROTOCOLLO D INTESA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Associazione Volontari Italiani del Sangue (di seguito denominato AVIS) VISTI gli articoli 2-3-13-19-32

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI

E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI Friuli Venezia Giulia Protocollo d intesa REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA AUSER FVG FEDERSANITA ANCI FVG ANCI FVG PER L INVECCHIAMENTO ATTIVO E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI 1 PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE

Dettagli

EUROPA 2020. TRE priorità. conoscenza e sull'innovazione; profilo delle risorse, più verde e più competitiva;

EUROPA 2020. TRE priorità. conoscenza e sull'innovazione; profilo delle risorse, più verde e più competitiva; EUROPA 2020 TRE priorità crescita intelligente sviluppare un'economia basata sulla conoscenza e sull'innovazione; crescita sostenibile promuovere un'economia più efficiente sotto il profilo delle risorse,

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee IL CONTESTO

Dettagli

Con il patrocinio di. Proposte didattiche di EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBILTA per le Scuole dell Infanzia, A.S. 2015 2016

Con il patrocinio di. Proposte didattiche di EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBILTA per le Scuole dell Infanzia, A.S. 2015 2016 Con il patrocinio di Proposte didattiche di EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBILTA per le Scuole dell Infanzia, A.S. 2015 2016 Gentile insegnante, anche per il presente anno scolastico il Centro di Educazione alla

Dettagli

IL PROGRAMMA SOSTIENE I GIOVANI INTERESSATI ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ

IL PROGRAMMA SOSTIENE I GIOVANI INTERESSATI ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ Roma, 26 Giugno 2015 I giovani Neet registrati al Programma Garanzia Giovani sono 641.412, quasi 12 mila in più rispetto alla scorsa settimana SONO OLTRE 361 MILA I GIOVANI PRESI IN CARICO E A QUASI 119

Dettagli

Vademecum per organizzare un evento CaffExpo

Vademecum per organizzare un evento CaffExpo Vademecum per organizzare un evento CaffExpo 1 - Cosa è CaffExpo Nato da un idea del Centro di Ricerca sull agricoltura sostenibile OPERA e sviluppato grazie al contributo importante di altri centri di

Dettagli

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO Roma, 10 Luglio 2015 I giovani presi in carico sono 380 mila. A oltre 128 mila è stata proposta almeno una misura I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 666 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 50/24 DEL 21.12.2012

DELIBERAZIONE N. 50/24 DEL 21.12.2012 Oggetto: Interventi a favore del sistema cooperativistico regionale. - Modifica parziale della Delib.G.R. n. 23/2 del 29.5.2012. POR FSE 2007-2013. L Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

RASSEGNA STAMPA IL PANE A CHI SERVE

RASSEGNA STAMPA IL PANE A CHI SERVE RASSEGNA STAMPA IL PANE A CHI SERVE A cura di Agenzia Comunicatio COMUNICATO STAMPA CRISI: ACLI ROMA, "4% ROMANI VIVE SOTTO SOGLIA DI POVERTÀ, IL 7% MANGIA IN MANIERA ADEGUATA OGNI DUE GIORNI" Progetto

Dettagli

UNA NUOVA TAPPA DI SMAU A FIRENZE TECHNOLOGY DAYS EXPO: UNA FIERA IN CONTEMPORANEA A SMAU FIRENZE PER FAR INCONTRARE RICERCA E IMPRESA

UNA NUOVA TAPPA DI SMAU A FIRENZE TECHNOLOGY DAYS EXPO: UNA FIERA IN CONTEMPORANEA A SMAU FIRENZE PER FAR INCONTRARE RICERCA E IMPRESA a smau firenze 014 la nuova dimensione espositiva dedicata a cluster, laboratori, spin-off e startup indice UNA NUOVA TAPPA DI SMAU A FIRENZE TECHNOLOGY DAYS EXPO: UNA FIERA IN CONTEMPORANEA A SMAU FIRENZE

Dettagli

Territori 100% Rinnovabili

Territori 100% Rinnovabili Territori 100% Rinnovabili Il progetto europeo Territori 100% Rinnovabili si inserisce nelle politiche ambientali della UE intraprese nella lotta ai cambiamenti climatici tramite un cambiamento nell approvvigionamento

Dettagli

III Workshop Formativo Nazionale Rete Città Sane OMS. Simona Arletti Presidente Nazionale Rete Italiana Città Sane OMS

III Workshop Formativo Nazionale Rete Città Sane OMS. Simona Arletti Presidente Nazionale Rete Italiana Città Sane OMS III Workshop Formativo Nazionale Rete Città Sane OMS Simona Arletti Presidente Nazionale Rete Italiana Città Sane OMS 1 PRINCIPI La salute è la sfida centrale del nostro tempo. Le città, in quanto primo

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

Per valorizzare e dare visibilità alle iniziative di responsabilità sociale, stimolando l innovazione e contribuendo allo sviluppo della CSR

Per valorizzare e dare visibilità alle iniziative di responsabilità sociale, stimolando l innovazione e contribuendo allo sviluppo della CSR Per valorizzare e dare visibilità alle iniziative di responsabilità sociale, stimolando l innovazione e contribuendo allo sviluppo della CSR Il Sodalitas Social Award acquista respiro europeo Promuovere

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE E TERMINE DI PRESENTAZIONE

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE E TERMINE DI PRESENTAZIONE BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO DI 10 PREMI PER TESI DI LAUREA SPECIALISTICA E DI DOTTORATO IN MATERIA DI CONCORRENZA DEL MERCATO E DIRITTI DEI CONSUMATORI La Direzione Generale Armonizzazione del

Dettagli

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Assemblea 17 giugno, ore 11.30 Date: 2011-06-17 1 (11) Ericsson Internal Premessa La Sezione Elettronica ed Elettrotecnica intende rappresentare un importante elemento

Dettagli

Europa 2020 Obiettivi:

Europa 2020 Obiettivi: Europa 2020 Obiettivi: 1. Occupazione 2. R&S innalzamento al 75% del tasso di occupazione (per la fascia di età compresa tra i 20 e i 64 anni) dell'ue aumento degli investimenti in ricerca e sviluppo al

Dettagli

IMPACT 10X10X10 UNIVERSITIES FRAMEWORK. UN Women Solidarity Movement for Gender Equality

IMPACT 10X10X10 UNIVERSITIES FRAMEWORK. UN Women Solidarity Movement for Gender Equality IMPACT 10X10X10 UNIVERSITIES FRAMEWORK 1.0 2.0 HEFORSHE L agenzia delle Nazioni Unite UN Women, promuove la parità di genere e l empowerment femminile. HeforShe è una campagna mondiale volta a sensibilizzare

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

CALL FOR PAPERS. X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR)

CALL FOR PAPERS. X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR) CALL FOR PAPERS X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR) Fondazione Scuola di Alta Formazione per il Terzo Settore (ForTeS) Siena ( Italy) 10 13 luglio 2012 Democratizzazione,

Dettagli

Alleanza contro la povertà

Alleanza contro la povertà Documento costitutivo della Alleanza contro la povertà - Tavolo regionale della Sardegna Le articolazioni regionali della Sardegna delle organizzazioni nazionali che aderiscono all Alleanza contro la povertà

Dettagli

PROGETTO FINESTRE FOCUS

PROGETTO FINESTRE FOCUS Obiettivo Fornire, alle classi che hanno già realizzato negli anni precedenti il progetto Finestre, la possibilità di approfondire il tema del diritto d asilo attraverso specifici percorsi. La musica,

Dettagli

DICHIARAZIONE CONGIUNTA FRA IL MINISTRO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA

DICHIARAZIONE CONGIUNTA FRA IL MINISTRO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA DICHIARAZIONE CONGIUNTA FRA IL MINISTRO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA ed IL MINISTRO DEL LAVORO, DELLA FAMIGLIA E DELLE PARI OPPORTUNITA DELLA ROMANIA IN MATERIA DI PROMOZIONE DELL

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia

Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia Qual è la percentuale di popolazione in Italia raggiunta da servizi di accesso a Internet a banda larga e a banda ultralarga? Quanto

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

I giovani per le città, le città per i giovani

I giovani per le città, le città per i giovani I giovani per le città, le città per i giovani Conferenza stampa di presentazione dell Accordo fra ANCI e Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale PdCMper l utilizzo del riparto 2014

Dettagli

PROPOSTE DI IDEE E PROGETTI INNOVATIVI

PROPOSTE DI IDEE E PROGETTI INNOVATIVI ALTO TAVOLIERE INSIEME Laboratori Urbani di Apricena, Lesina, San Paolo di Civitate Serracapriola e Poggio Imperiale REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l'innovazione Servizio Politiche

Dettagli

Non profit e cultura: stato dell arte. Alcuni dati di scenario. Daria Broglio Istituto per la ricerca sociale

Non profit e cultura: stato dell arte. Alcuni dati di scenario. Daria Broglio Istituto per la ricerca sociale Non profit e cultura: stato dell arte. Alcuni dati di scenario Daria Broglio Istituto per la ricerca sociale Primi dati di scenario: Il valore aggiunto del Sistema Produttivo Culturale Il perimetro del

Dettagli

LA CARTA DEI PRINCIPI PER LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE: CONTESTO ED OBIETTIVI DELL INIZIATIVA CONFEDERALE

LA CARTA DEI PRINCIPI PER LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE: CONTESTO ED OBIETTIVI DELL INIZIATIVA CONFEDERALE LA CARTA DEI PRINCIPI PER LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE: CONTESTO ED OBIETTIVI DELL INIZIATIVA CONFEDERALE Annalisa Oddone, Confindustria Confindustria Sardegna Meridionale 12 giugno 2012 CARTA DEI PRINCIPI

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

7. Svolgimento del progetto

7. Svolgimento del progetto Allegato 4 SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INNOVATIVI ai sensi della l.r. n.1/08 Testo unico delle leggi regionali in materia di volontariato, cooperazione sociale, associazionismo e società

Dettagli

Europa per i cittadini 2007-2013

Europa per i cittadini 2007-2013 Europa per i cittadini 2007-2013 Il Programma ha come scopo primario la promozione della cittadinanza europea attiva, ovvero il coinvolgimento diretto dei cittadini e delle organizzazioni della società

Dettagli

LE POLITICHE GIOVANILI IN ITALIA: ESPERIENZE E PROSPETTIVE

LE POLITICHE GIOVANILI IN ITALIA: ESPERIENZE E PROSPETTIVE www.riccardograssi.it info@riccardograssi.it Master interuniversitario Joventut i Societat Condizione giovanile e politiche giovanili nel sud Europa LE POLITICHE GIOVANILI IN ITALIA: ESPERIENZE E PROSPETTIVE

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA SETTORE NO-PROFIT APRILE 2011 LIVELLO NAZIONALE

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA SETTORE NO-PROFIT APRILE 2011 LIVELLO NAZIONALE NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA SETTORE NO-PROFIT APRILE 2011 LIVELLO NAZIONALE BENEFICIARI DESCRIZIONE SINTETICA DEL BANDO TERMINI DI PRESENTAZIONE Centri di ricerca, Enti pubblici, Imprese, PMI, Università,

Dettagli

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE Carissime amiche, nel ringraziare ancora per avermi eletta nel ruolo di vice Presidente del Distretto Sud Est, vi saluto augurandovi un Anno Sociale all insegna dell impegno e dell amicizia vera. Il mio

Dettagli

Supporto alle Politiche Sociali nella Programmazione nazionale e regionale 2014-2020

Supporto alle Politiche Sociali nella Programmazione nazionale e regionale 2014-2020 Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Presentazione bando congiunto. Nutrire il pianeta 2014

Presentazione bando congiunto. Nutrire il pianeta 2014 Presentazione bando congiunto Nutrire il pianeta 2014 Milano, 5 marzo 2014 Il bando congiunto Un nuovo partenariato pubblico-privato che, in ottica EXPO 2015, intende: promuovere risposte adeguate alle

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile L Agenda 2030 in breve Perché c è bisogno di obiettivi globali per uno sviluppo sostenibile? Il mondo deve far fronte a grandi sfide come la povertà estrema, il

Dettagli