Sommario. Introduzione p Caratteristiche del questionario p Analisi degli utenti intervistati p Risultati del questionario p.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sommario. Introduzione p. 3. 1. Caratteristiche del questionario p. 3. 2. Analisi degli utenti intervistati p. 5. 3. Risultati del questionario p."

Transcript

1 Analisi dei dati del questionario di gradimento dei servizi informativi on-line offerti agli utenti della sezione Montagna e Foreste del sito web regionale. Questionario e analisi realizzati nell ambito del progetto denominato Iniziative informative di tipo innovativo rivolte agli operatori del settore forestale in attuazione della Misura 111, Azione 2 del P.S.R della Regione Piemonte, approvato con D.D. n del Autore: Marco Pignochino Data: 15/12/2009 1

2 Sommario Introduzione p Caratteristiche del questionario p Analisi degli utenti intervistati p Risultati del questionario p.17 a. Conoscenza del sito p.19 b. Download e richieste pubblicazioni p.27 c. Newsletter forestale p.29 Conclusioni p.33 I contenuti della presente opera sono distribuiti secondo i termini di una licenza Creative Commons che permette di riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire e recitare l opera, attribuendone la paternità, purché non a scopi commerciali e senza alterarla o trasformarla. CREATIVE COMMONS PUBLIC LICENCE Attribuzione Non commerciale Non opere derivate 2.5 I termini della licenza sono consultabili all indirizzo 2

3 Introduzione Nell ambito del progetto denominato Iniziative informative di tipo innovativo rivolte agli operatori del settore forestale in attuazione della Misura 111, Azione 2 del P.S.R della Regione Piemonte, approvato con D.D. n del , è stato proposto agli utenti della sezione Montagna e Foreste del sito web regionale e della Newsletter forestale un questionario di gradimento atto a misurare la qualità e la validità comunicativa di tali servizi informativi. Anche a seguito di esperienze pregresse non particolarmente fortunate, fatta salva la necessità informativa per cui è stato predisposto, si è cercato di rendere il questionario il più semplice ed immediato possibile, poiché, come si è detto, questionari poco più complessi non erano in precedenza stati presi in considerazione dagli utenti. In particolare, il precedente questionario era stato compilato da appena undici utenti in sei mesi. E stato invece possibile questa volta raccogliere in tre mesi il parere di 429 utenti, sui 511 cui è stato presentato il questionario e che si sono iscritti al Bollettino forestale nel medesimo periodo. Tale legame dipende dalla decisione di inserire il questionario nel modulo di iscrizione al Bollettino per favorirne la compilazione. In tal modo si è anche potuto eliminare la parte di domande anagrafiche, poiché le informazioni vengono fornite dagli utenti in modo particolarmente approfondito, già durante la compilazione del modulo d iscrizione. 1. Caratteristiche del questionario Il questionario, nell ottica della semplicità cui si è fatto riferimento, si compone di 8 domande a scelta multipla basate principalmente su scale auto-ancoranti e riguardanti tre argomenti specifici: la sezione Montagna e foreste del sito web regionale, le pubblicazioni di argomento forestale disponibili gratuitamente per il download nell omonima sezione, e la Newsletter forestale. Di seguito le domande: 3

4 1. Conosce la Sezione Montagna e Foreste del sito web regionale? SI NO Se sì, come la giudica? Ottima Buona Discreta Sufficiente Pessima Con quale frequenza la visita? Due o più volte alla settimana Una volta alla settimana Due volte al mese Una volta al mese o meno Dia un giudizio alla chiarezza e all organizzazione delle informazioni della sezione: 5 (max) (min) 2. Ha scaricato o richiesto delle pubblicazioni disponibili sul sito? SI NO Se sì, la ha ricevute correttamente? SI NO 4

5 3. E iscritto alla Newsletter forestale? SI NO Se sì, dia un giudizio alla chiarezza e all organizzazione delle notizie: 5 (max) (min) 2. Analisi degli utenti intervistati Come anticipato, tra il ed il , il modulo di iscrizione al Bollettino forestale è stato compilato da 511 utenti, valore che corrisponde quindi al totale degli intervistati. Di questi, 202 si dichiarano operatori del settore forestale, mentre gli altri 309 sono semplici soggetti interessati all argomento. Ad una prima analisi (Tabella 1 e Figura 1) si può dire quindi che solo il 40% dei soggetti opera nel settore e fa parte del core target cui si rivolgono principalmente i servizi di informazione oggetto dell analisi, ma in realtà va tenuto conto che la categorizzazione è stata fatta secondo quanto previsto dalla Misura 111, Azione 2 del P.S.R della Regione Piemonte, e che quindi vengono esclusi da tali categorie soggetti afferenti ad esempio al mondo universitario, ed in particolare alle facoltà di agraria, tanto in qualità di studenti quanto di docenti. unità % Operatori forestali % Non operatori % % Tabella 1 5

6 Operatori forestali 40% Non operatori 60% Figura 2 All interno della categoria operatori forestali inoltre, ben il 75% risulta residente e/o operante in Piemonte, per un totale di 152 soggetti (Tabella 2 e Figura 2). Cifra non indifferente, se si considerano l ormai assodata scarsa dimestichezza con il web (media attraverso cui è stato diffuso principalmente il questionario) di tale categoria 1, ed il tempo limitato cui i dati si riferiscono. unità % Operatori forestali regionali % Operatori forestali fuori regione 50 25% % Tabella 2 1 Il Bollettino forestale è stato realizzato appositamente per cercare di porre rimedio al problema del digital divide tecnologico e soprattutto culturale che caratterizza molti operatori del settore forestale piemontese. A tal proposito si vedano il Piano di Comunicazione Forestale 2008/2009 approvato con D.D. n del e la D.D. n del 02/07/2009 relativa al servizio avente per oggetto Realizzazione di un bollettino cartaceo di informazione in campo forestale. 6

7 Operatori forestali fuori regione 25% Operatori forestali regionali 75% Figura 3 Andando quindi ad incrociare i due dati precedenti, si può evidenziare in particolare come gli operatori forestali regionali corrispondano al 30% dei soggetti analizzati (Tabella 3 e Figura 3). unità % Operatori forestali regionali Operatori forestali fuori regione Non operatori Tabella 3 7

8 Operatori forestali regionali 30% Non operatori 60% Operatori forestali fuori regione 10% Figura 3 Nel particolare, invece, risulta interessante scorporare il dato in base alle province di residenza per rendersi conto della distribuzione sul territorio di questi soggetti. Come si può notare dalla Tabella 4 e dalle Figure 4 e 5, più della metà di essi risiede nella provincia di Torino (51%), cui seguono, per quanto distaccate, quella di Cuneo (18%) e quella di Alessandria (9%), mentre le altre sei province oscillano tutte fra il 3 ed il 6%. Provincia unità % AL 14 9 AT 4 3 BI 9 6 CN NO 8 5 TO VB 5 3 VC Tabella 4 8

9 VB 3% VC 5% AL 9% AT 3% BI 6% CN 18% TO 51% NO 5% Figura AL AT BI CN NO TO VB VC Figura 5 9

10 Anche in questo caso, il dato risulta di primo acchito abbastanza deludente in termini assoluti, ma con un adeguata contestualizzazione si possono ricavare informazioni molto più approfondite, che allo stesso tempo ci permettono di rivalutare il significato dei dati stessi. Popolazione 2 % Operatori % AL AT BI CN NO TO VB VC Piemonte Tabella 5 VC 5 4 VB 3 4 TO NO CN BI AT AL Popolazione Operatori Figura 6 2 Fonte: 10

11 Si è infatti deciso di incrociare i dati in questione con quelli relativi alla distribuzione della popolazione fra le province piemontesi. Come dimostra la Figura 6, non solo i valori risultano particolarmente equilibrati, e le percentuali della distribuzione degli operatori forestali rispecchia il linea di massima quella della popolazione, ma il alcuni casi, qual è quello della provincia di Cuneo, il 18% relativo alla quota di operatori forestali assume un significato molto diverso, poiché supera significativamente il 13% relativo alla distribuzione della popolazione per la medesima provincia. D altronde perfettamente in linea sono anche i dati relativi alla distribuzione territoriale fra le province piemontesi dei soggetti intervistati (Tabella 6 e Figura 7), prescindendo dalla loro appartenenza al settore forestale. Popolazione 3 % Soggetti analizzati % AL AT BI CN NO TO VB VC Piemonte Tabella 6 3 Fonte: 11

12 VB 3% VC 4% AL 8% AT 3% BI 6% CN 16% TO 55% NO 5% Figura 7 VC 4 4 VB 3 4 TO NO CN BI AT 3 5 AL Popolazione Soggetti analizzati Figura 8 12

13 VC VB TO NO CN BI AT AL Popolazione Soggetti analizzati Operatori Figura 9 Incrociando ancora con la distribuzione totale della popolazione, si dimostra interessante di nuovo il dato relativo alla provincia di Cuneo (Tabella 6 e Figure 8 e 9), in cui, non solo gli operatori forestali superano, come si è detto, ampiamente la percentuale relativa alla distribuzione della popolazione, ma anche i semplici interessati, seppur in percentuale più bassa (16%) si attestano sopra tale percentuale. Questa forse la dimostrazione più significativa di quanto inizialmente anticipato circa la caratterizzazione degli operatori forestali che esclude molti soggetti che a vario titolo gravitano attorno al mondo forestale stesso. Non è dato ovviamente fare ipotesi sulle caratteristiche di tali soggetti, sia per mancanza di informazioni adeguate, sia perché tale compito esula dagli scopi della presente analisi. Un ultimo dato interessante, comunque, prima di passare ai risultati del questionario vero e proprio, riguarda la distribuzione degli operatori stessi nelle cinque categorie ricavate a partire dalle definizioni previste dalla Misura 111, Azione 2 del P.S.R , la cui dicitura estesa nel questionario è la seguente: 13

14 1. Titolare o lavoratore dipendente residente nel territorio regionale e/o occupato presso una ditta che abbia una o più unità locali in Piemonte. La ditta deve essere iscritta alla C.C.I.A.A. e svolgere, anche non a titolo principale, attività di abbattimento piante, coltivazione di pioppi e/o altre specie, forestazione, utilizzazione boschi, selvicoltura, gestione di terreni boschivi e attività connesse, giardinaggio e manutenzione aree verdi. 2. Proprietario forestale e/o di impianti di arboricoltura da legno. 3. Operaio, tecnico o funzionario della P.A. residente nel territorio regionale e/o occupato presso Enti Pubblici che abbiano una o più unità locali in Piemonte (I dipendenti della P.A. possono richiedere il bollettino in qualità di "Operatori del settore" solo quando coinvolti nella gestione delle superfici forestali di proprietà comunale e di associazioni di comuni). 4. Tecnico libero professionista operante nel settore forestale. 5. Lavoratore autonomo titolare di Partita I.V.A. operante nel settore forestale. Tipologia unità % Lavoratore autonomo 17 3 Operaio, tecnico, funzionario 28 5 Proprietario forestale 25 5 Tecnico libero professionista Titolare o lavoratore dipendente 41 8 Non operatori Totale Tabella 7 14

15 Lavoratore autonomo 3% Operaio, tecnico, funzionario 5% Proprietario forestale 5% Tecnico libero professionista 18% Non operatori 61% Titolare o lavoratore dipendente 8% Figura 10 Nella Figura 10 (Tabella 7) il dato viene inserito nel più ampio gruppo dei soggetti analizzati, mentre nella Figura 11 (Tabella 8) è possibile considerare i medesimi dati al netto dei non operatori. In ambedue i casi si riscontra una forte preponderanza di Tecnici liberi professionisti (46% e 18%) seguiti da titolari o lavoratori dipendenti di aziende site e/o operanti in Piemonte (20% e 8%), a cui si possono sommare il 12% (5% nel analisi più generale) di proprietari forestali e l 8% (3% nell analisi più generale) di lavoratori autonomi titolari di partita I.V.A., ad evidenziare la netta preponderanza di soggetti privati rispetto a quelli riconducibili ad enti pubblici di diversa natura (14% e 5%); dato interessante e confortante allo stesso tempo, perché dimostra la capacità dell ente di comunicare con il cittadino, evitando una comoda deriva autoreferienzale. Questo dato dimostra inoltre il marcato bisogno informativo del pubblico, che richiede iniziative sempre più mirate, veicolanti informazioni esaustive e tempestive. 15

16 Tipologia unità % Lavoratore autonomo 17 8 Operaio, tecnico, funzionario Proprietario forestale Tecnico libero professionista Titolare o lavoratore dipendente Totale Tabella 8 Titolareo lavoratore dipendente 20% Lavoratore autonomo 8% Operaio, tecnico, funzionario 14% Proprietario forestale 12% Tecnico libero professionista 46% Figura 11 16

17 3. Risultati del questionario Sui 511 soggetti precedentemente presentati, come anticipato ben 429 in tre mesi, pari all 84% del totale hanno risposto al questionario di gradimento (Tabella 9 e Figura 12). Se in parte ciò è dovuto alla semplicità dello stesso, indubbiamente dipende dalla decisione di allegarlo al modulo di iscrizione al Bollettino forestale. Non è azzardato ipotizzare però, tenuto conto che la mancata risposta alle domande non avrebbe inficiato in alcun modo l iscrizione al servizio, che tale successo dipenda anche dall aumento di sensibilità rispetto alle questione di informazione e comunicazione da parte degli utenti, che devono pertanto aver colto l impegno profuso dall ente per migliorare i servizi offerti con l obiettivo di creare un dialogo costante con i cittadini. Unità % SI NO Totale Tabella 9 NO 16% SI 84% Figura 12 17

18 Va inoltre evidenziato come all interno dei 152 operatori forestali piemontesi precedentemente individuati, ben l 86% compili il questionario (Tabella 10 e Figura 13). Superando seppur di poco il valore corrispondente riferito al campione nel suo insieme. Operatori forestali piemontesi unità % Non compilanti Compilanti Totale Tabella 10 Non compilanti 14% Compilanti 86% Figura 13 18

19 Di seguito sono riportati nello specifico i dati relativi ai tre argomenti in cui sono suddivise le otto domande (cfr. pagina 2-4) a. Conoscenza del sito Relativamente al primo gruppo di domande, inerenti la conoscenza della sezione Montagna e foreste del sito web regionale, il 93% dei soggetti (ci si riferisce qui ai soli 429 compilatori) si dichiara conoscitore (Tabella 11 e Figura 14). Conoscenza sito unità % SI NO 30 7 Totale Tabella 11 NO 7% SI 93% Figura 14 19

20 Di questi, il 73% stima buona la propria conoscenza del sito web, ed un altro 18% si dichiara addirittura ottimo conoscitore (Tabella 12 e Figura 15). Valore conoscenza unità % ottima buona discreta 30 8 sufficiente 2 1 non risponde 3 1 Totale Tabella 12 discreta 8% sufficiente 1% non risponde 1% ottima 18% buona 72% Figura 15 20

21 Dati pressoché equivalenti (Tabella 13 e Figure 16 e 17) risultano dalla medesima analisi effettuata sul solo gruppo degli operatori forestali piemontesi che dichiarano di conoscere il sito (Tabella 11 e Figura 14), target principale dei servizi. Valore conoscenza operatori unità % ottima buona discreta sufficiente 1 1 non risponde 6 5 Totale Tabella 13 discreta 10% sufficiente 1% nn risp 5% ottima 11% buona 73% Figura 15 21

22 nn risp 1 5 sufficiente discreta buona ottima operatori forestali piemontesi tutti Figura 17 Pur essendo un autovalutazione, ed in quanto tale necessariamente soggettiva e parziale, si è portati a credere a quanto affermato dagli utenti. Al di là della buona fede di cui li si fa portatori, va evidenziato come in sede di predisposizione del questionario, si sia deciso di mantenere il valore mediano ( discreta in questo caso) in tutte le risposte che prevedevano una votazione. Di norma il valore mediano è sconsigliato, perché porta i soggetti ad appiattirsi su di esso, per evitare di esporsi in giudizi estremizzati verso il polo positivo o quello negativo, proprio la presenza di tale valore però, in questo caso permette di dare maggior credito alle valutazioni positive (in quanto si tratta sempre di valutazioni percentualmente positive) espresse dai soggetti compilanti, sia verso se stessi, ma soprattutto nei confronti dei servizi informativi oggetto del questionario. D altronde tale dato è sostanzialmente in linea con la valutazione che gli utenti danno alla chiarezza e all organizzazione del sito (Tabella 14 e Figura 18) che, basata su di una scala auto-ancorante da uno (valore minimo) a cinque (valore massimo), vede una quasi 22

23 totale assenza di giudizi negativi 0-1% ed un 23% che sceglie il valore mediano, mentre, al netto del 2% che non risponde, tutti gli altri soggetti danno un giudizio buono (62%) o molto buono (12%). Per quanto nell insieme, il valore medio risenta parzialmente della frequenza medio-alta del valore mediano, attestandosi quindi intorno al 3,8. votazione unità % non risponde 6 2 uno 1 0 due 4 1 tre quattro cinque Totale Tabella 14 due 1% uno 0% nn risp cinque 2% 12% tre 23% quattro 62% Figura 18 23

24 Dall incrocio di queste prime informazioni quindi, si può evincere come il giudizio alto dato all organizzazione del sito sia in parte dipendente dalla buona conoscenza che gli utenti stessi hanno del sito e non soltanto dalla struttura del sito web, che, per quanto buona, potrebbe quindi essere migliorata. Pressoché in linea inoltre, sono anche i dati relativi al solo gruppo degli operatori forestali piemontesi (Tabella 15 e Figura 19). votazione unità % non risponde 6 5 uno 0 0 due 4 3 tre quattro cinque Totale Tabella 15 due 3% uno 0% nn risp 5% cinque 10% tre 23% quattro 59% Figura 19 24

25 nn risp 2 5 uno due tre quattro cinque Operatori forestali piemontesi Tutti Figura 20 Altro dato molto interessante è inoltre quello relativo alla frequenza con cui gli utenti visitano il sito web (Tabella 16 e Figura 21). frequenza unità % non risponde 2 1 due o più volte alla settimana 37 9 una volta alla settimana due volte al mese una volta al mese o meno Totale Tabella 16 25

26 nn risp 1% due o più volte alla settimana 9% una volta al mese o meno 33% una volta alla settimana 23% due volte al mese 34% Figura 21 Tale frequenza nella maggior parte dei casi non supera le due visite al mese (34%) e altrettanto spesso (33%) la singola visita mensile. In parte tale scelta è comprensibile tenendo conto della frequenza, anch essa relativamente bassa, di novità pubblicate sul sito, che in ogni caso vengono mensilmente riassunte dalla Newsletter forestale, cui infatti la maggioranza degli utenti in questione è iscritta (cfr. punto c.), e dai tempi medio-lunghi di validità delle notizie. Spesso infatti si tratta di bandi che restano aperti alcuni mesi, di convegni pubblicizzati con largo anticipo, o ancora di nuove pubblicazioni che resteranno disponibili a tempo virtualmente infinito in formato digitale e comunque per alcuni mesi in formato cartaceo. Bisogno però tenere conto di questo dato, poiché, se si rendessero necessari aggiornamenti tempestivi, il sito web, così come attualmente concepito, non riuscirebbe a far fronte a tale necessità e, sempre allo stato attuale, bisognerebbe scegliere fra la possibilità di realizzare un numero straordinario della Newsletter e la mancata comunicazione delle informazioni. Scelte, per motivi diversi, entrambe deprecabili, che evidenziano la necessità dell ente di dotarsi di ulteriori strumenti, quali i feed RSS, atti a informare frequentemente l utente, senza l invasività di mail multiple che non rispettino la scadenza ufficiale della Newsletter forestale e che nelle rarissime occasioni (circa due volte in venti mesi) in cui sono state inviate hanno portato alla 26

27 cancellazione di una, seppur bassissima, percentuale di iscritti, ed al contempo non generino un deficit d informazione nei confronti degli utenti stessi. b. Download e richieste pubblicazioni Per quanto riguarda il download delle pubblicazioni digitali (Tabella 17 e Figura 21) e la richiesta di quelle cartacee, su 429 compilatori 4 sono stati eliminati dall analisi rispetto alle domande relative alle pubblicazioni, perché forniscono dati incongruenti; dei restanti 425, quasi tre-quarti (74%), pari a 313 unità, dichiara di aver scaricato le pubblicazioni dal sito web o di averle richieste in formato cartaceo, dimostrando un forte interesse del pubblico nei confronti del lavoro di divulgazione e approfondimento in campo forestale realizzato dall ente. Download/Richiesta unità % SI NO Totale Tabella 17 NO 26% SI 74% Figura 21 27

28 Molto positivi sono, inoltre, i dati successivi, relativi all effettivo ottenimento delle pubblicazioni (Tabella 18 e Figura 22), in quanto appena il 4% dichiara di aver incontrato problemi nel download o di non averle ricevute quando richieste in formato cartaceo. Un valore talmente basso, pari a 11 soggetti, di cui si può quasi non tener conto alla luce di possibili errori nella compilazione del questionario stesso, oltre che dei tempi tecnici necessari all invio da parte dell ente dei volumi e alla loro ricezione da parte degli utenti. Ottenimento unità % SI NO 11 4 Totale Tabella 18 NO 4% SI 96% Figura 22 28

29 c. Newsletter forestale Gli ultimi dati raccolti attraverso il questionario, sono forse tra i più significativi, e si pongono quale strumento di lettura privilegiato rispetto a quelli precedentemente analizzati, poiché riguardano la Newsletter forestale. La Newsletter è infatti lo strumento informativo più recente e innovativo predisposto dall ente, se si esclude il Bollettino forestale appena avviato. Inoltre, qualora si volesse tener conto anche di tale strumento, la Newsletter resta l innovazione più significativa per quanto riguarda la comunicazione web in ambito forestale posta in essere dalla Regione Piemonte, soprattutto se paragonata al sito web, che, salvo piccole modifiche strumentali, risente pesantemente della mancanza di aggiornamenti strutturali che lo rendano maggiormente usabile da parte degli utenti, a differenza della Newsletter, già progettata per essere il più possibile user friendly. Il dato di base riguarda la quantità di soggetti iscritti al servizio (383) fra quelli che hanno risposto al questionario (429), corrispondenti quindi all 89% del totale (Tabella 19 e Figura 23). Iscritti unità % SI NO Totale Tabella 19 29

30 NO 11% SI 89% Figura 23 Il secondo e più importante dato è invece quello relativo alla chiarezza e all organizzazione delle notizie della Newsletter (Tabella 20 e Figura 24). Alla domanda in questione infatti oltre il 60% degli utenti da voti alti (45%) o molto alti (20%), dichiarandosi quindi soddisfatto del servizio, ed in ogni caso, solo il 2% si divide equamente fra voti bassi e molto bassi, con un restante 13% di voti intermedi. votazione unità % non vota uno 3 1 due 3 1 tre quattro cinque Totale Tabella 20 30

31 cinque 20% non vota 19% uno 1% due 1% tre 14% quattro 45% Figura 24 Interessante può essere anche il confronto con i valori relativi al sito web (Figura 25); come evidenziato infatti, in quel caso il valore medio si attestava intorno al 3,8, nonostante i molti voti positivi. La Newsletter invece raggiunge tranquillamente il 4, essendo, a differenza del caso relativo al sito web, molto pochi i voti di fascia media che abbasserebbero il valore. 31

32 5 4,5 4 4, , ,5 3 2,5 2 1,5 1 Media Newsletter Media sito web Figura 25 Va quindi sottolineato come il prodotto appositamente progettato intorno alle esigenze dell utente venga meglio percepito e valutato, rispetto ad uno che risente di una progettazione vecchia, e parzialmente rinnovata (senza andarne però a modificare la struttura di base) solo per adeguarla a quella della Newsletter. La differenza fra i voti è minima ovviamente, considerando la forte integrazione fra i due strumenti e, soprattutto, il gap molto ridotto fra i valori minimo e massimo della scala, ma risulta significativa per valutare miglioramenti importanti del sito web. 32

33 Conclusioni Ancora prima di entrare nel merito dei dati raccolti, un importante risultato da evidenziare riguarda la scelta di rendere il questionario appetibile allegandolo al modulo d iscrizione al Bollettino forestale, solo in questo modo infatti è stato possibile raccogliere il pochi mesi un cospicuo feedback da parte degli utenti che ha permesso di approfondire il rapporto fra questi ultimi e i servizi informativi on-line di cui sono destinatari. Per quanto riguarda le informazioni che si evincono da tali dati, particolarmente importante risulta quella relativa alla categorizzazione degli utenti. Come si è potuto vedere, gli operatori del settore forestale piemontese corrispondono a circa il 30% del totale. Questa percentuale, non particolarmente alta, conferma prima di tutto la scelta di avviare un servizio informativo su supporto cartaceo per riuscire a raggiungere il maggior numero di operatori dislocati sul territorio regionale, ma allo stesso tempo deve essere contestualizzata e letta nella sua parzialità. E stata infatti utilizzata, all interno del questionario, la definizione di operatore forestale prevista dalla Misura 111, Azione 2 del P.S.R , che risulta alquanto restrittiva e non tiene conto di molti soggetti che gravitano intorno al mondo forestale, ed in molti casi ne fanno parte a pieno titolo. Potrebbe quindi essere utile, in futuro, approfondire tale aspetto per poter caratterizzare al meglio gli utenti, andando ad analizzare la composizione di quel generico 70% di soggetti che attualmente è stato necessario escludere dal novero degli di operatori forestali. Per quanto riguarda le valutazioni dei servizi informativi da parte degli utenti stessi invece, senza entrare nel merito delle singole analisi già presentate, vale la pena di ricordare alcuni importanti risultati. Il primo riguarda il sostanziale giudizio positivo degli utenti nei confronti di tutti i servizi informativi on-line oggetto della valutazione. Il secondo riguarda la frequenza sostanzialmente bassa con cui tali utenti, per quanto soddisfatti dallo strumento, usufruiscono del sito web; elemento da tenere particolarmente in considerazione qualora si decidesse di progettare e avviare ulteriori servizi. Il terzo e ultimo risultato da rimarcare è quello relativo al punteggio relativamente più alto con cui è stata valutata la Newsletter forestale, progettata 33

34 tenendo conto delle caratteristiche degli utenti per favorirne l esperienza d uso, rispetto al sito web ormai datato che venne progettato in modo autoreferenziale tenendo conto più delle informazioni da veicolare (il messaggio) e delle caratteristiche dell ente, che degli effettivi fruitori dello strumento (i destinatari) com è invece ormai prassi comune e consolidata nell ottica di garantire un adeguato livello di usabilità ed accessibilità del servizio. 34

SOMMARIO. 2003 Gruppo 4 - All right reserved 1

SOMMARIO. 2003 Gruppo 4 - All right reserved 1 SOMMARIO STUDIO DEL DOMINIO DI APPLICAZIONE...2 Introduzione...2 Overview del sistema...2 Specificità del progetto 2...2 Utente generico...3 Studente...3 Docente...3 Amministratore di sistema...3 GLOSSARIO...4

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI MR & MISS ETCIU

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI MR & MISS ETCIU REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI MR & MISS ETCIU PROMOSSO DALLA SOCIETA SCA HYGIENE PRODUCTS SPA Via XXV Aprile, 2 55011 ALTOPASCIO (LU) PIVA 03318780966 REA 186295 AREA:

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI INFO BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI Le informazioni contenute in questo documento non vanno in alcun modo a sostituire i contenuti dei bandi e

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

SE MI LASCI NON CRESCI

SE MI LASCI NON CRESCI F.S.E. Fai Scuola con l'europa Evento di lancio del nuovo POR FSE 2014-2020 REGOLAMENTO CONCORSO VIDEO SE MI LASCI NON CRESCI RIVOLTO AGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE SECONDARIA DI II GRADO Regolamento del

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

INFORMAZIONI E CONDIZIONI GENERALI

INFORMAZIONI E CONDIZIONI GENERALI INFORMAZIONI E CONDIZIONI GENERALI Con l'accesso, la visualizzazione, la navigazione o l'utilizzo del materiale o dei servizi disponibili in questo sito o attraverso di esso, l'utente indica di aver letto

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

IL DIRIGENTE. Premesso che:

IL DIRIGENTE. Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU49 04/12/2014 Codice DB1614 D.D. 26 novembre 2014, n. 814 D.G.R. n. 20-587 del 18/11/2014. Programmazione 2014-15. Misura 5: sostegno ai Comuni per la realizzazione di "Programmi di

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

Prot. N. 3156/B33 Crema, 24 Novembre 2014

Prot. N. 3156/B33 Crema, 24 Novembre 2014 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Crema Uno Via Borgo S.Pietro 8-26013 Crema (CR) Tel. 0373-256238 Fax 0373-250556 E-mail ufficio: segreteriacircolo1@libero.it

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0 REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0 PROMOSSO DALLA SOCIETA SCA HYGIENE PRODUCTS SPA Via XXV Aprile, 2 55011 ALTOPASCIO (LU) PIVA 03318780966 REA 186295 SOCIETA

Dettagli

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO Abbiamo predisposto il programma di studio Web per la ricezione automatica dei certificati di malattia direttamente

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

Radar Web PA. Valutazione della qualità dei siti web. Valutazione della qualità dei siti web della Pubblica Amministrazione

Radar Web PA. Valutazione della qualità dei siti web. Valutazione della qualità dei siti web della Pubblica Amministrazione Radar Web PA Valutazione della qualità dei siti web Livello d interazione Sezione di trasparenza Open data Open Content Valutazione Partecipazione Presenza 2.0 Contenuti minimi Dominio.gov Dichiarazioni

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Business Process Reengineering

Business Process Reengineering Business Process Reengineering AMMISSIONE ALL'ESAME DI LAUREA Barbagallo Valerio Da Lozzo Giordano Mellini Giampiero Introduzione L'oggetto di questo lavoro riguarda la procedura di iscrizione all'esame

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino Università di Camerino FONDO DI ATENEO PER LA RICERCA Bando per il finanziamento di Progetti di Ricerca di Ateneo Anno 2014-2015 1. Oggetto del bando L Università di Camerino intende sostenere e sviluppare,

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

Domanda di iscrizione alla prova di accesso ai Corsi di Specializzazione alle attività di sostegno

Domanda di iscrizione alla prova di accesso ai Corsi di Specializzazione alle attività di sostegno Domanda di iscrizione alla prova di accesso ai Corsi di Specializzazione alle attività di sostegno Sommario Introduzione 1 Assistenza. 2 Accedi ai servizi on line. 2 Accesso all area riservata. 3 Domanda

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

IL CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI APPRENDISTATO 2012-2014 A UCS

IL CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI APPRENDISTATO 2012-2014 A UCS IL CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI APPRENDISTATO 2012-2014 A UCS Le attività formative svolte sono riconoscibili e pertanto possono essere oggetto di domanda di rimborso a condizione che: -

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità Direzione Centrale Catasto e Cartografia Modalità di aggiornamento relative alle intestazioni catastali presenti nelle dichiarazioni di DOCFA e nelle Domande di Volture Prima iscrizione degli immobili

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE 1. L istanza di riconoscimento dei CFP, deve essere presentata esclusivamente al CNI mediante una compilazione online di apposito modulo disponibile sulla piattaforma della formazione

Dettagli

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO TEMA Il concorso Un mondo tutto mio è dedicato all ambiente in cui vivono i bambini, come è e come lo vorrebbero. L idea è far descrivere agli alunni il posto ideale

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli v 4.0 1. Requisiti software Lo studente deve essere dotato di connessione internet

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada).

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Aggiornamento 12.07.2014 COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Praticamente esistono due modi per proporre

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

LAUREA TRIENNALE STUDENTI LAUREA MAGISTRALE POST LAUREA

LAUREA TRIENNALE STUDENTI LAUREA MAGISTRALE POST LAUREA Allegato 6 - MOTIVI PRINCIPALI PER CUI GLI UTENTI SI RECANO NELLE BIBLIOTECHE, DOCUMENTI MAGGIORMENTE UTILIZZATI, FATTORI RITENUTI DETERMINANTI PER LA QUALITA DELLE BIBLIOTECHE RISPOSTE PER GRUPPI DI UTENTI

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio Aprile 2011 INDICE 1. ACCESSO ALLA PROCEDURA... 1 2. INSERIMENTO DATI...

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PAGARE IL CONTRIBUTO UNFICATO E MARCA DA BOLLO ONLINE È POSSIBILE E CONSENTE LA COMPLETA REALIZZAZIONE DEL PROCESSO CIVILE TELEMATICO

PAGARE IL CONTRIBUTO UNFICATO E MARCA DA BOLLO ONLINE È POSSIBILE E CONSENTE LA COMPLETA REALIZZAZIONE DEL PROCESSO CIVILE TELEMATICO Pagamento contributo telematico, versione 2.2 del 30/1/2015, SABE SOFT pag. 1 PAGARE IL CONTRIBUTO UNFICATO E MARCA DA BOLLO ONLINE È POSSIBILE E CONSENTE LA COMPLETA REALIZZAZIONE DEL PROCESSO CIVILE

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione dei progetti di servizio civile nazionale da realizzare

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Comune di Firenze Ufficio comunale di Statistica. Indagine sul grado di soddisfazione degli utenti del servizio di assistenza domiciliare

Comune di Firenze Ufficio comunale di Statistica. Indagine sul grado di soddisfazione degli utenti del servizio di assistenza domiciliare Comune di Firenze Ufficio comunale di Statistica Indagine sul grado di soddisfazione degli utenti del servizio di assistenza domiciliare Rilevazione dal 1 ottobre 2007 al 15 novembre 2007 Comune di Firenze

Dettagli

TEST INGEGNERIA 2014

TEST INGEGNERIA 2014 scienze www.cisiaonline.it TEST INGEGNERIA 2014 Ing. Giuseppe Forte Direttore Tecnico CISIA Roma, 1 ottobre 2014, Assemblea CopI DATI CISIA - MARZO, SETTEMBRE 2014 test erogati al 15 settmebre CARTACEI

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ).

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). 1 ADESIONE A IOSI 1.1 Possono aderire al Club IoSi (qui di seguito IoSi ) tutti i

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Divisione Studenti Servizi agli Studenti Divisione Studenti ISU BOCCONI Università Commerciale Luigi Bocconi Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Questo documento riassume le caratteristiche principali

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1 Tipo di documento: Progetto - Commissione Didattica 27 giugno 2011 Pag. 1 di 9 Premessa Il progetto nasce con l obiettivo di: a) informatizzare il processo di presentazione della domanda di laurea in analogia

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

L ORÉAL Italia Per le Donne e la Scienza in collaborazione con la Commissione Nazionale Italiana per l UNESCO Edizione 2014/2015

L ORÉAL Italia Per le Donne e la Scienza in collaborazione con la Commissione Nazionale Italiana per l UNESCO Edizione 2014/2015 L ORÉAL Italia Per le Donne e la Scienza in collaborazione con la Commissione Nazionale Italiana per l UNESCO Edizione 2014/2015 Regolamento per l'istituzione di borse di studio Art. 1 - Scopi e destinatari

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli