Report Questionario on line

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Report Questionario on line"

Transcript

1 Report Questionario on line LOMBARDIA 2020 Progetto Conciliazione Famiglia Lavoro : Consultazione Cittadini Consultazione Enti/Assoc./Aziende 9 marzo 2011 / Versione 2

2 Indice: Lombardia Conciliazione famiglia-lavoro La consultazione dei cittadini Il profilo socio-professionale dei rispondenti I servizi a sostegno delle Il lavoro e la contrattazione sociale Il libro verde La consultazione degli enti, associazioni, aziende Il profilo dei rispondenti Gli aspetti interni alle organizzazioni Gli aspetti esterni alle organizzazioni Il Libro Verde /03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 2

3 Lombardia Conciliazione famiglia-lavoro Nel mese di novembre del 2010 la Regione Lombardia avviava la consultazione pubblica sui temi della conciliazione famiglia lavoro con riferimento al Libro Verde predisposto dall Assessorato alla Famiglia, Conciliazione, Integrazione e Solidarietà Sociale. L obiettivo dichiarato era quello di consentire a ciascuno di manifestare un proprio orientamento rispetto alle suggestioni introdotte (nel Libro Verde), di fare proposte, indicare ulteriori soluzioni ai problemi, condividere ipotesi di sviluppo e assumere impegni. La consultazione, rivolta sia ai cittadini che alle istituzioni, enti o associazioni, si è svolta con il supporto del sito dove gli utenti potevano consultare il Libro Verde e gli allegati di approfondimento, compilare il questionario predisposto per la raccolta delle opinioni, ricevere informazioni sullo stato d avanzamento della consultazione. Al termine della consultazione, il 31 gennaio 2010, si contavano circa visite al sito e pagine visitate. I questionari compilati sono stati da parti dei cittadini e 160 da parte di istituzioni, enti o associazioni. E questo un risultato ampiamente soddisfacente (le indagini di opinione svolte con simili modalità di somministrazione dei questionari raramente raggiungono la soglia dei questionari compilati) che testimonia una forte attenzione al tema promosso nell indagine. Regione Lombardia. Conciliazione famiglia-lavoro. Accessi al sito mese visite pagine visitate pagine/visite novembre dicembre gennaio Totale /03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 3

4 1. La consultazione dei cittadini. I temi della consultazione svolta tramite il questionario rivolto ai cittadini possono letti nella successiva wordcloud: sono i problemi della famiglia e del lavoro nel loro intreccio con i servizi, i soggetti e le condizioni che possono favorirne la conciliazione (i questionari sono interamente proposti in allegato). I temi del questionario rivolto ai cittadini [Lm6/Fm1] 1 In modo più organico, il questionario ai cittadini può essere articolato in 3 sezioni: 1 I codici indicati sotto la wordcloud indicano i parametri di estrazione: la lunghezza minima delle parole estratte dal testo originario (Lm, in questo caso 6) e la loro frequenza minima (Fm, in questo caso anche una sola ricorrenza). Nella wordcloud le parole estratte sono proposte in ordine alfabetico e il numero di ricorrenze è dato dall altezza del carattere (il font 10 per il minimo, il font 24 per il massimo). Si ringraziano Barbara Bonavota e Fernando Cinquegrani (ProDomoSua) per il programma di creazione delle wordcloud. 9/03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 4

5 1. una prima sezione (Q1-1) permette di conoscere le condizioni socio-professionali dei rispondenti e in particolare la loro condizione famigliare: il numero di figli in maggiore o minore età, gli obblighi di cura verso familiari conviventi e non; 2. una seconda sezione (Q1-2 e Q1-3 e Q1-6) chiede un approfondimento sui problemi dei servizi per le : i servizi per la prima infanzia e i servizi per gli anziani e le persone non autosufficienti, il problema dei trasporti e degli orari; 3. si chiede quindi ai cittadini (Q1-3 e Q1-4) di evidenziare gli ostacoli che l attività lavorativa frappone alla vita della famiglia e le opportunità che la tecnologia, l organizzazione del lavoro, la contrattazione tra le parti sociali possono mettere in campo per facilitarne la conciliazione. Nelle conclusioni riporteremo il grado di soddisfazione espresso dai rispondenti rispetto alle iniziative che la Regione Lombardia ha già posto in campo e il loro grado di adesione alle indicazioni programmatiche del Libro Verde L indagine sui cittadini ha coinvolto rispondenti di età media di circa 43 anni. La significatività delle risposte ai fini dell approfondimento delle tematiche del Libro Verde è assicurata: 1. da un ampia presenza di donne (il 78,1% dei rispondenti), 2. da una diffusa provenienza dei rispondenti dall intero territorio, 3. dalla condizione famigliare dei rispondenti: l 89,2% in pluricomponente, il 72,4% con figli, il 56,9 con figli minorenni, 4. dalla condizione sociale dei rispondenti: in assoluta prevalenza in condizione lavorativa (per il 95,0%) e con titolo di studio elevato (il 91,0% con media superiore o con laurea), 5. dall arricchimento dei temi oggetto della consultazione che i rispondenti hanno apportato rispondendo con suggerimenti, commenti, riflessioni e indicazioni di casi ai quesiti a risposta aperta. 9/03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 5

6 1.1 Il profilo socio-professionale dei rispondenti Queste caratteristiche rilevate dei partecipanti alla consultazione coincidono con l obiettivo di coinvolgimento della campagna di promozione della indagine: acquisire la più ampia espressione di attese, suggerimenti e opinioni sulle iniziative del governo regionale dai soggetti più sensibili, attivi e interessati da queste politiche. Una generalizzazione delle risultanze dell indagine all intero bacino dei soggetti su cui gli indirizzi e le misure delle politiche regionali sulla famiglia direttamente incidono deve quindi tener conto delle differenze tra lo specifico profilo socio professionale dei rispondenti e quello della popolazione lombarda in generale: appunto delle differenze nella distribuzione per genere, per età (con una maggior incidenza nei rispondenti delle classi d età tra 30 e 54 anni), per titolo di studio (con una maggior incidenza di soggetti con alta scolarizzazione) e per condizione professionale (con una maggior incidenza in condizione lavorativa e in posizione dipendente). Si deve tener conto anche, per gli specifici problemi che il questionario tratta, di una distribuzione per provenienza territoriale che, sebbene rifletta da vicino la distribuzione provinciale della popolazione lombarda, appare più concentrata nei comuni capoluogo. cartogrammi Lombardia Conciliazione famiglia-lavoro. Provincia e Comune di residenza/domicilio: donne 9/03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 6

7 cartogrammi Lombardia Conciliazione famiglia-lavoro. Provincia e Comune di residenza/domicilio: uomini cartogrammi Lombardia Conciliazione famiglia-lavoro. Provincia e Comune di residenza/domicilio: totale rispondenti La condizione famigliare dei rispondenti, come mostra la successiva tabella che pure semplifica le risposte fornite ai quesiti relativi alla struttura famigliare, è molto dispersa. Ci sono indubbiamente tipologie più ricorrenti di altre: la famiglia pluricomponente, senza persone anziane o non autosufficienti in famiglia, con nessun figlio (16,4%), o con un figlio (20,1%) o due figli minorenni (19,9%). Tuttavia è difficile raccordare quest insieme di situazioni diverse ai modelli sociologici di riferimento. 9/03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 7

8 Regione Lombardia. Conciliazione famiglia-lavoro. Condizione famigliare dei rispondenti numero componenti Monocomponente Pluricomponente numero figli nessuno uno due figli minorenni nessuno nessuno anziani in famiglia % No 8.9% Sì 0.4% No 0.5% Sì 0.1% uno No 0.2% nessuno No 0.3% Sì 0.1% uno No 0.1% due No 0.1% più di due nessuno No 0.1% nessuno uno due più di due nessuno nessuno uno nessuno uno due nessuno uno due più di due No 16.4% Sì 1.7% No 5.0% Sì 0.8% No 20.1% Sì 0.6% No 6.5% Sì 0.6% No 4.3% Sì 0.2% No 19.9% Sì 0.9% No 1.5% Sì 0.2% No 1.3% Sì 0.1% No 1.9% Sì 0.1% No 6.5% Sì 0.6% Totale 100.0% 9/03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 8

9 Si è preferito piuttosto unificare i profili famigliari con una metodologia statistica 2 che, azzerando le differenze riconducibili a variazioni casuali intorno ai poli di aggregazione, ne permettesse almeno una semplificazione descrittiva 3. E possibile così riconoscere tra i rispondenti quattro gruppi omogenei. Nel primo gruppo ( giovani) il rispondente ha un età media relativamente più giovane (32,7 anni al 31 dicembre 2010). La famiglia si compone di 3 persone con figlio minorenne, più raramente di 2 persone senza figli. Il livello di scolarizzazione è alto, come d altronde anche per gli altri gruppi ad eccezione di quello residuale (altre ). Comprende anche persone di cittadinanza straniera e il rispondente si trova per lo più in condizione lavorativa. Il gruppo comprende 216 casi. Nel secondo gruppo (coppie mature) troviamo tutti italiani, in condizione lavorativa, con titolo di studio elevato ed età media superiore ai 40 anni. La famiglia è composta quasi esclusivamente da 2 persone, coniugate o conviventi. Più spesso che negli altri gruppi il rispondente è donna. Il gruppo comprende 107 casi. Il terzo gruppo ( tradizionali) si compone in modo quasi esclusivo di coppie con due figli minorenni. La residenza del nucleo famigliare è in altissima prevalenza in comuni minori della Regione o fuori della Regione Lombardia. Nella prevalenza dei casi il rispondente è uomo, con titolo di studio di media superiore o di laurea. Il gruppo conta 101 rispondenti. Il quarto gruppo (altre ), il più consistente (1.132 rispondenti), presenta situazioni più differenziate al suo interno: in questo gruppo vi è una consistente componente di soggetti non in condizione lavorativa (circa il 10% tra studenti, pensionati, casalinghe e, soprattutto, persone in cerca di prima o nuova occupazione); qui si ritrovano tanto i soggetti più giovani quanto quelli più anziani, tanto i single (celibi/nubili, divorziati, separati) che le con più alto numero di componenti. La vive in un ambiente cittadino e ha maggiori incombenze rispetto agli altri gruppi legate alla cura di familiari conviventi o non conviventi. Il rispondente, spesso con cittadinanza straniera, ha un titolo di studio meno elevato rispetto agli altri gruppi. 2 Con cluster analysis si indicano quell insieme di tecniche di analisi multivariata nel nostro caso il metodo delle nubi dinamiche sui primi assi di una analisi delle corrispondenze multiple - che minimizzano la varianza interna alle partizioni e massimizzano la varianza tra le partizioni permettendo quindi il riconoscimento di gruppi omogenei e distinti all interno di un collettivo. 3 Anche la cluster analysis trova in questo caso difficoltà a operare una generale classificazione per gruppi omogenei: il gruppo residuale presenta una consistenza molto elevata (1.132 rispondenti) che una costruzione in un numero maggiore dei gruppi oltre i quattro qui descritti permette solo in minima parte di segmentare. 9/03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 9

10 1.2 I servizi a sostegno delle Le risposte ai temi del questionario si correlano spesso alle condizioni famigliari e socio economiche dei rispondenti. Le allargate ( tradizionali, altre ) riescono, ad esempio, a far fronte con minor affanno alle difficoltà di integrazione tra vita professionale e vita personale. Tab Regione Lombardia. Conciliazione famiglia-lavoro. 22. Come giudica il suo rapporto fra luogo di vita e di lavoro? giovani coppie mature tradizionali altre totale Insufficiente 19.4% 17.7% 17.6% 12.3% 18.9% Sufficiente 31.3% 38.7% 27.9% 32.4% 33.5% Buono 40.3% 33.9% 51.5% 49.8% 38.3% Ottimo 9.0% 9.7% 2.9% 5.5% 9.2% totale 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% Oltre la metà dei rispondenti appartenenti a tradizionali e altre giudica buono o ottimo la personale condizione di integrazione tra luogo di vita e luogo di lavoro (Tab.1.2.1). Tab Regione Lombardia. Conciliazione famiglia-lavoro. 3. Quali sono secondo lei i principali ostacoli all integrazione tra vita professionale e vita personale? giovani coppie mature tradizionali altre totale Esigenze lavorative Scarsa offerta di servizi Orari e organizzazione di trasporti pubblici e viabilità valori medi tra 1, per nulla, e 5, moltissimo Gli stessi gruppi sembrano avere minori criticità nel rapporto con il lavoro, i servizi, l organizzazione dei trasporti e degli orari (Tab ), sebbene, al pari e più degli altri gruppi, abbiano necessità di ricorrere ai servizi sanitari, scolastici, di trasporto e pubblici in generale essenziali alla gestione della vita famigliare 9/03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 10

11 (Tab.1.2.3), e sebbene, al pari e più degli altri gruppi, individuino nei nidi per l infanzia e nei servizi di assistenza per gli anziani i principali supporti alla conciliazione famiglia lavoro (Tab ). Tab Regione Lombardia. Conciliazione famiglia-lavoro. 23. Quanto ritiene che la vita delle persone sia condizionata dalla organizzazione e dagli orari di: giovani coppie mature tradizionali altre totale a. Trasporti b. Servizi sanitari c. Servizi scolastici d. Servizi pubblici valori medi tra 1, per nulla, e 5, moltissimo 9/03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 11

12 Tab Regione Lombardia. Conciliazione famiglia-lavoro. 7. Quanto i seguenti servizi e interventi aiutano la famiglia nella conciliazione famiglia-lavoro? giovani coppie mature tradizionali altre totale Servizi prima infanzia: Nidi Servizi prima infanzia: Micronidi Servizi prima infanzia: Centri Prima infanzia Servizi prima infanzia: Nido famiglia Baby parking, Centri ricreativi, Centri estivi Baby sitting Accompagnamento a scuola, a visite mediche Dopo scuola/supporto allo studio Piccoli lavori domestici Servizi di assistenza domiciliare per anziani Supporto al disbrigo di pratiche valori medi tra 1, per nulla, e 5, moltissimo 9/03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 12

13 Tab Regione Lombardia. Conciliazione famiglia-lavoro. 7. Quanto i seguenti servizi e interventi aiutano la famiglia nella conciliazione famiglia-lavoro? giovani coppie mature tradizionali altre totale Servizi prima infanzia (da 0 a 3 anni) offerti da: Nidi Servizi di assistenza domiciliare per anziani e/o soggetti non autosufficienti Dopo scuola/supporto allo studio Servizi prima infanzia (da 0 a 3 anni) offerti da: Centri Prima infanzia Servizi prima infanzia (da 0 a 3 anni) offerti da: Micronidi Baby parking /Centri ricreativi e/o di animazione/ Centri estivi Supporto al disbrigo di pratiche Accompagnamento a scuola, a visite mediche, allo sport, al gioco, etc. Servizi prima infanzia (da 0 a 3 anni) offerti da: Nido famiglia Baby sitting Piccoli lavori domestici che favoriscano la fruizione della politica attiva valori medi tra 1, per nulla, e 5, moltissimo Ciò perché la famiglia allargata permette di distribuire su un maggior numero di componenti le incombenze della vita personale; ciò perché la famiglia stessa è erogatrice di servizi di assistenza e cura (un questionario riporta: L'unica vera risorsa sulla quale una donna può contare sono i nonni ) Si è tuttavia ancora ben lontani da un equa ripartizione delle incombenze famigliari tra i membri della famiglia: sebbene la consapevolezza che tutti debbano contribuire alla gestione famigliare sia ormai ampiamente diffusa (Tab ), è sulle donne, anche per ammissione degli uomini, che si riversano i principali impegni di cura (Tab ). 9/03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 13

14 Tab Regione Lombardia. Conciliazione famiglia-lavoro. 5. Quando in famiglia ci sono bambini piccoli, persone malate o anziani non autosufficienti, chi dovrebbe occuparsi della loro cura? giovani coppie mature tradizionali altre totale Donna 6.5% 1.4% 6.8% 4.1% 4.4% Entrambi dovrebbero contribuire 93.5% 97.2% 93.2% 95.7% 95.3% Uomo 1.4% 0.3% 0.3% totale 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% Tab Regione Lombardia. Conciliazione famiglia-lavoro. 6. Chi si occupa della pulizia e della gestione della casa nel suo nucleo famigliare? giovani coppie mature tradizionali altre totale Donna 37.8% 40.8% 32.4% 49.7% 46.1% Entrambi contribuiscono 62.2% 57.7% 66.2% 47.4% 51.6% Uomo 1.4% 1.4% 3.0% 2.3% totale 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% Questo generale svantaggio delle donne è solo in parte attenuato in rapporto dal livello sociale raggiunto: se tra i rispondenti con titolo di studio di media inferiore la percentuale di quanti affermano che entrambi i sessi contribuiscono al mantenimento della casa è solo del 43,2%, questa incidenza sale per i rispondenti con titolo di studio superiore (45,7%) o per i laureati (57,3%); se la percentuale dei rispondenti con qualifica operaia è del 48,1%, maggiore è la quota per gli impiegati (51,3%) e, in modo più significativo, per imprenditori, liberi professionisti, dirigenti e alti funzionari (60,6%). Gli asili nido per la prima infanzia e l assistenza domiciliare per gli anziani sono i servizi maggiormente necessari. Questo viene ribadito e rafforzato anche da quanti rispondono al quesito sulla opportunità di introdurre nuovi servizi. 9/03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 14

15 Opportunità di nuovi servizi [Lm7/Fm6] E sulla accessibilità dei servizi per i bambini e per gli anziani dal punto di vista dei costi, della distribuzione territoriale e degli orari di questi servizi che ci si sofferma nei commenti: Già se ci fossero e funzionassero tutti i servizi sopra elencati potremmo considerarci quasi al pari di altri paesi europei Sarebbe utile fornire supporto economico a chi non riesce ad avere accesso ai nidi comunali Tutti quelli elencati sopra, in quanto poco scarsamente esistenti sul territorio e se esistenti carissimi e quindi non accessibili. Più che nuovi servizi forse sarebbe il caso di potenziare quelli già in essere, tenendo in considerazione la grande diversità di accesso agli stessi per chi non abita in città. Basterebbe aumentare il numero dei servizi già individuati Tutti i precedenti elencati: non sempre sono presenti e soprattutto a prezzi accessibili E' ovvio che l'introduzione di nuovi servizi migliorerebbe la conciliazione, ma molto sinceramente basterebbe, prima, far funzionare bene quelli già presenti, e poi aumentarne il numero (es: nidi, nidofamiglia) Non servirebbero tanto nuovi servizi quanto maggiore duttilità di orari Tutti quelli sopra elencati visto che sono ancora oggi scarsi nel territorio e molto costosi Ritengo sia più utile migliorare e integrare quelli esistenti Sarebbe sufficiente sviluppare tutti i servizi elencati sopra. Più che 'nuovi' servizi serve ottimizzare quelli esistenti: migliorarli, articolarli e garantire un accesso a basso costo. Anzitutto migliorare quelli già esistenti in quanto scarsi e/o troppo costosi Sarebbe già molto che quelli esistenti fossero sufficienti per tutti e che avessero un costo alla portata delle (vedi asili nido) Il fatto è che questi servizi sono molto utili, ma non ci sono nel mio paese Il mio Comune offre numerosi servizi al riguardo; non rilevo però uniformità sul territorio più ampio. La rete dei servizi, anche nel solo ambito distrettuale è disomogenea, dettata dalle risorse e dalla sensibilità dei singoli comuni. 9/03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 15

16 Tutti questi aiuti sono validissimi, ma che senso ha un baby parking che chiude alle 18 come il nido, scuola dell'infanzia o elementare? Si avrebbe bisogno di strutture il cui orario di chiusura si estendesse fino a sera e il cui costo non fosse troppo elevato Ma si segnalano anche tre istanze particolarmente sentite e presenti in più casi: la insostituibilità dei genitori nella cura dei figli, e quindi la centralità dell intervento sui temi della flessibilità del lavoro, la personalizzazione dei servizi e, infine, la necessità che vi sia più ampia informazione sulle opportunità. Qualche esempio della prima istanza: I genitori dovrebbero poter occuparsi direttamente dei propri figli e, anche se non lavoratori dipendenti, (dovrebbero poter godere) di orari flessibili Tutti quelli descritti sopra, ma soprattutto vanno aiutati i genitori ad occuparsi dei propri figli, non sostituirsi a loro nella gestione e nella cura perché passino le loro giornate al lavoro. L'aiuto dei vari componenti della famiglia, sia uomo che donna, sono ineguagliabili confrontati con gli aiuti esterni di associazione o badanti. La regione dovrebbe spendere meglio dando direttamente alle che ne hanno necessità: + part-time per i genitori Il "mestiere" di genitore non è molto delegabile. Si può conciliare famiglia e lavoro ed essere sereni se ci si può permettere un buon supporto di aiuto domestico, ma ciò richiede disponibilità di denaro (i servizi si pagano!) Migliori politiche di assenza-minor presenza dal lavoro. Non mi piacerebbe comunque che io sono al lavoro e qualcun altro si occupi dei miei figli. Vorrei avere la libertà di poter decidere di fare un figlio e gestirmi il lavoro in modo autonomo. Qualche esempio della seconda istanza (a cui si possono associare anche le numerose richieste di tagesmutter, correttamente individuato e specificato come operatore educativo esperto a supporto dell azione dei genitori): Consulente per controllo corretta gestione (del) rapporto figli-genitori Aiuto di personale specializzato nella cura dei bambini e degli anziani a domicilio. Si verrebbero a creare nuove figure professionali. Io ho il marito disabile, vorrei che di fronte a questo tipo di problemi ci fosse più umanità e meno burocrazia. Per l'infanzia invece più accessi alle strutture che accudiscano i ragazzi che sono spesso soli e isolati. Bisognerebbe rivedere il modello di (assistenza) Servizi assistenza domiciliare per anziani (anche psicologica), servizi di accompagnamento ai figli, anche oltre l'età dell'infanzia, con personale appositamente formato.. Servizi agli anziani, compagnia. Qualche esempio della terza: Mancanza di informazione, mancanza di incentivazione di forme flessibili a livello aziendale e di promozione di reti informali [Mancanza di] assistenza per conoscere le modalità di accesso ai servizi offerti dallo stato o da enti pubblici e privati, agli aiuti (contributi) disponibili e alle pratiche necessarie all accesso Gestione pubblica e gestione privata nei commenti si contrappongono: c è chi auspica un ulteriore ampliamento ai soggetti privati e chi ne denuncia gravi carenze di professionalità e motivazione. 9/03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 16

17 1.3 Il lavoro e la contrattazione sociale L impegno lavorativo riversa sulle, su quelle giovani in particolare, un peso enorme (Tab.1.3.1). Tab Regione Lombardia. Conciliazione famiglia-lavoro. 9. A suo giudizio, quanto influiscono gli impegni di lavoro sulla vita familiare? giovani coppie mature tradizionali altre totale Per nulla Poco 0.4% Abbastanza 4.5% 8.5% 2.7% 9.4% 5.8% Molto 37.4% 54.9% 48.6% 42.3% 42.9% Moltissimo 58.1% 36.6% 48.6% 47.9% 51.3% totale 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% media Di contro gli impegni famigliari non comportano particolare sofferenza nella gestione famigliare (Tab ). Sono comunque sempre le giovani ad accusare maggiormente la contrapposizione tra lavoro e famiglia e a vivere questo intreccio in termini spesso di rinuncia: rinuncia a una piena realizzazione nell ambito dell attività professionale o rinuncia ai diritti/dovere del genitore. 9/03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 17

18 Tab Regione Lombardia. Conciliazione famiglia-lavoro. 10. E quanto influiscono gli impegni famigliari sul lavoro? giovani coppie mature tradizionali altre totale Per nulla 3.2% 8.5% 1.1% 4.8% Poco 10.3% 16.9% 17.6% 17.9% 12.3% Abbastanza 27.6% 31.0% 33.8% 28.1% 28.6% Molto 32.7% 31.0% 35.1% 33.6% 32.2% Moltissimo 26.3% 12.7% 13.5% 19.3% 22.0% totale 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% media Questa contrapposizione trova fondamento anzitutto nella miopia delle aziende a cogliere la piena realizzazione delle aspettative dei dipendenti verso la famiglia come fattore di sviluppo e vantaggio concorrenziale (Tab ). Tab Regione Lombardia. Conciliazione famiglia-lavoro. Per una azienda la soddisfazione dei dipendenti è un costo da affrontare o un vantaggio su cui investire? giovani coppie mature tradizionali altre totale Costo 11.5% 1.6% 7.4% 8.3% 8.9% Vantaggio 88.5% 98.4% 92.6% 91.7% 91.1% totale 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% Le ragioni del vantaggio che la conciliazione comporta per l impresa sono principalmente nell equazione maggior serenità dei lavoratori = maggior produttività dell impresa. E' dimostrato che un dipendente felice è un dipendente più produttivo. Semplifico: Una migliore gestione della vita personale di una persona consente una minore dispersione di risorse, un lavoratore "alleggerito", quindi una resa più performante nella propria attività lavorativa. La presenza di dipendenti più serene, in quanto meno assillate dai problemi famigliari, porterebbe ad un maggior rendimento e ad una maggiore attenzione nello svolgimento delle attività d'impresa 9/03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 18

19 Il valore aggiunto che può dare una risorsa che si ritenga soddisfatta del suo impegno professionale e del suo contributo alla vita familiare è inestimabile. Il dipendente con meno problemi lavora meglio ed è più soddisfatto. Più tempo a disposizione fuori dal lavoro, si tradurrebbe in meno assenteismo e più resa. Ma non solo. Vantaggi offerti dalla conciliazione all impresa [Lm7/Fm6] Crescerebbe il senso d appartenenza dei lavoratori e la loro fiducia nell impresa; verrebbe assicurata la loro partecipazione agli obiettivi, comporterebbe un cambiamento delle organizzazioni nella direzione di uno sviluppo per progetti, sicuramente più efficiente di un sistema fondato sull orario di lavoro. Meno assenteismo, più continuità nel lavoro, più attenzione e dedizione, senso di appartenenza da parte dei lavoratori che percepirebbero l'impresa capace di promuovere azioni di conciliazione come una alleata nel costruire condizioni di vita migliori In termini di fidelizzazione del dipendente e di soddisfazione/serenità che influirebbe certamente oltre che sul benessere della persona, anche sui risultati del lavoro Un guadagno in termini di aumento di senso di appartenenza del dipendente alla struttura e di minori assenze dovute a migliori condizioni di conciliazione La conciliazione consente di elevare il senso di appartenenza all'impresa; migliora la qualità della vita e dell'attività dell'individuo; riduce le assenze dovute a stress o a impegni familiari. Permetterebbe alle aziende di avvalersi, a tutti i livelli e in particolar modo, nelle funzioni di leadership, di una risorsa importante ed essenziale in un azienda moderna, una risorsa capace di interpretare i bisogni del mercato, sicuramente meno corruttibile, più equilibrata: le donne e quanti hanno obblighi rispetto alla propria famiglia. 9/03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 19

20 Aprirebbe il mercato del lavoro alle donne che oggi ne sono escluse quindi consentirebbe alle imprese di avere maggior scelta nella selezione dei talenti Accesso ad un numero più ampio di risorse umane pregiate' Le differenze di vedute e lo stile delle scelte tipicamente dei leader femminili hanno permesso, ad esempio alla Volvo Cars, il rilancio della immagine (aziendale) e un successo di marketing, più vicino alle richieste degli utenti Una donna in grado di gestire una famiglia non incontrerà nessun tipo di difficoltà nel gestire un ufficio, saprà instradare e valorizzare ognuno e tenere ordine in tutto. Quindi maggiore efficienza e risparmio Introduzione di stili organizzativi e di leadership meno competitivi e più attenti a diversi criteri di vantaggio aziendale e socio-culturale. Il mercato é formato da individui e se l'impresa al suo interno rispecchia il mondo esterno riesce ad offrire servizi e prodotti per tutti, dall'interno la visione é parziale e il risultato sarà parziale. Molti vedono però la conciliazione anche come irrinunciabile dovere per l impresa moderna, socialmente responsabile, partecipe dei destini dell intera società e non solo provvisoria struttura dedita al profitto. E l azienda il principale attore della conciliazione (Tab ), per le sue ampie possibilità d intervento su tutti gli ambiti di attrito tra lavoro e famiglia e principalmente sull assenza di flessibilità nel lavoro e sulla scarsa considerazione e, spesso, sull emarginazione delle donne madri. Tab Regione Lombardia. Conciliazione famiglia-lavoro. 20. Quanto le aziende possono facilitare processi di conciliazione intervenendo nei seguenti ambiti? giovani coppie mature tradizionali altre totale a. Organizzazione dell attività lavorativa: flessibilità orari, utilizzo di tecnologie, ecc b. Cultura aziendale e comunicazione interna c. Benefit aziendali (retribuzioni/voucher/kit di beni) d. Servizi di cura e time saving I gruppi presentano delle differenze sui modi ritenuti più adeguati per l affermarsi di condizioni lavorative in grado di assicurare una maggiore armonia della vicenda famigliare (Tab ). 9/03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 20

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 RETI TERRITORIALI OBIETTIVO Attivazione di reti territoriali

Dettagli

MATERIALE A SUPPORTO DEL WORKSHOP TERRITORIALE REGIONE PUGLIA WELFARE AZIENDALE. ISTITUTO PER LA RICERCA SOCIALE (IRS) Capofila BRIGHT.

MATERIALE A SUPPORTO DEL WORKSHOP TERRITORIALE REGIONE PUGLIA WELFARE AZIENDALE. ISTITUTO PER LA RICERCA SOCIALE (IRS) Capofila BRIGHT. Direzione generale per le politiche attive, i servizi per il lavoro e la formazione DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA Promozione di un azione di sistema volta alla programmazione e attuazione degli

Dettagli

Bando interdistrettuale: Misure a sostegno del welfare aziendale e della conciliazione famiglia lavoro

Bando interdistrettuale: Misure a sostegno del welfare aziendale e della conciliazione famiglia lavoro Bando interdistrettuale: Misure a sostegno del welfare aziendale e della conciliazione famiglia lavoro PREMESSA Il lavoro in atto in Regione Lombardia sul tema conciliazione famiglia-lavoro e welfare aziendale

Dettagli

Conciliazione Famiglia - Lavoro

Conciliazione Famiglia - Lavoro Conciliazione Famiglia - Lavoro Grazie in anticipo per aver accettato di dedicarci il Suo tempo che sarà utile per la riuscita di questa indagine. Lo scopo dell'indagine è quello di analizzare l'attuale

Dettagli

POLITICHE PER LA FAMIGLIA

POLITICHE PER LA FAMIGLIA Segreteria Confederale Servizio Politiche di Cittadinanza e della Salute POLITICHE PER LA FAMIGLIA Documento in preparazione alla Conferenza sulla Famiglia 1 Premessa I provvedimenti del Governo sono serviti

Dettagli

Funzioni e strategie operative per il consolidamento dell offerta di servizi socio-educativi sul territorio: gli orientamenti della regione Puglia

Funzioni e strategie operative per il consolidamento dell offerta di servizi socio-educativi sul territorio: gli orientamenti della regione Puglia Funzioni e strategie operative per il consolidamento dell di servizi socio-educativi sul territorio: gli orientamenti della regione Puglia (Francesca Zampano Regione Puglia) 1. Finalità, obiettivi e direttrici

Dettagli

Se la sussidiarietà diventa un voucher

Se la sussidiarietà diventa un voucher Voucher universale: ragioni e obiettivi della proposta Perché istituire un voucher universale per i servizi alla persona e alla famiglia? Quali sono i risultati attesi della riforma? di Roberto Cicciomessere

Dettagli

Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015

Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015 Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015 (Art. 48 D.Lgs. 11.4.2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art. 6 della L. 28 novembre 2005, n. 246) Il tema delle pari

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Linea 3 - possibilità alle aziende che vogliano sperimentare formule di conciliazione dei tempi La

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

Sondaggio realizzato da Ispos Public Affair IL RISPARMIO E LE GIOVANI ENERAZIONI

Sondaggio realizzato da Ispos Public Affair IL RISPARMIO E LE GIOVANI ENERAZIONI Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. Sondaggio realizzato da Ispos Public Affair IL RISPARMIO E LE GIOVANI ENERAZIONI NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al regolamento

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

FAMIGLIA E SOGGETTI SOCIALI

FAMIGLIA E SOGGETTI SOCIALI MOD. ISTAT/IMF-10/B1.03 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Provincia INDAGINE STATISTICA MULTISCOPO SULLE FAMIGLIE FAMIGLIA E SOGGETTI SOCIALI 1 2... Comune... Sezione di Censimento...

Dettagli

Indagine conoscitiva sul livello di benessere organizzativo del Comune di Triggiano. A cura del Servizio del Personale. Anno 2013

Indagine conoscitiva sul livello di benessere organizzativo del Comune di Triggiano. A cura del Servizio del Personale. Anno 2013 Indagine conoscitiva sul livello di benessere organizzativo del Comune di Triggiano A cura del Servizio del Personale Anno 2013 Indice Introduzione 4 Obiettivi dell indagine 5 Note metodologiche 6 Caratteristiche

Dettagli

POLITICHE DI CONCILIAZIONE IN AZIENDA: RAPPORTO PIEMONTE 2014

POLITICHE DI CONCILIAZIONE IN AZIENDA: RAPPORTO PIEMONTE 2014 POLITICHE DI CONCILIAZIONE IN AZIENDA: RAPPORTO PIEMONTE 2014 Monitoraggio e best practices delle imprese piemontesi POLITICHE DI CONCILIAZIONE IN AZIENDA: RAPPORTO PIEMONTE 2014 L Indagine sulla conciliazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 43 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 75/14031 P.G. NELLA SEDUTA DEL 26/05/1994 - MODIFICATO CON DELIBERAZIONE N. 75/I23765 P.G. NELLA

Dettagli

Riteniamo che questa indagine possa fornire un utile contributo per il raggiungimento di tale obiettivo. Modalità per l invio

Riteniamo che questa indagine possa fornire un utile contributo per il raggiungimento di tale obiettivo. Modalità per l invio vembre 2013 QUESTIONARIO di rilevazione dei bisogni di conciliazione lavoro/famiglia a cura del Comitato Unico di Garanzia e del Servizio Pari Opportunità del Comune di Chioggia. Il Comitato Unico di Garanzia

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA

PROVINCIA DI PIACENZA PROVINCIA DI PIACENZA DI SVILUPPO E QUALIFICAZIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI PER BAMBINI N ETA 0-3 ANNI INDIRIZZI GENERALI PER IL TRIENNIO 2001-2003 Approvato con atto C.P. 29.10.2001 n.133 Ufficio Politiche

Dettagli

Conciliare famiglia e lavoro: buone pratiche di welfare aziendale

Conciliare famiglia e lavoro: buone pratiche di welfare aziendale Conciliare famiglia e lavoro: buone pratiche di welfare aziendale Prof. Giovanna Rossi Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla Famiglia WELFARE AZIENDALE Nuove politiche retributive per tutelare il potere

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA DIREZIONE ATTIVITA AMMINISTRATIVA SERVIZIO ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE UFFICIO ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA Report finali

Dettagli

Indagine sul personale dipendente Questionario Benessere organizzativo ANAC REPORT CONCLUSIVO

Indagine sul personale dipendente Questionario Benessere organizzativo ANAC REPORT CONCLUSIVO Direzione centrale Organizzazione Direzione centrale Risorse Umane Indagine sul personale dipendente Questionario Benessere organizzativo ANAC REPORT CONCLUSIVO DICEMBRE 2014 1 A. Premessa La somministrazione

Dettagli

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione 44 FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI IL PACCHETTO DI INVESTIMENTI SOCIALI PER LA CRESCITA E LA COESIONE È LO STRUMENTO CREATO DALL UNIONE EUROPEA PER CONTRASTARE LA POVERTÀ E L EMARGINAZIONE SOCIALE. L ARTICOLO

Dettagli

SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO AI SENSI DELL ART. 3 c. 8 lett. a) DELL INTESA

SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO AI SENSI DELL ART. 3 c. 8 lett. a) DELL INTESA INTESA SUI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE FINALITA, LE MODALITA ATTUATIVE NONCHE IL MONITORAGGIO DEL SISTEMA DI INTERVENTI PER FAVORIRE LA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO, SOTTOSCRITTA

Dettagli

ORARIO DI LAVORO, UGUAGLIANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE FRA LAVORO E VITA FAMILIARE

ORARIO DI LAVORO, UGUAGLIANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE FRA LAVORO E VITA FAMILIARE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO, UGUAGLIANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE FRA LAVORO E VITA FAMILIARE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO, UGUAGLIANZA DI GENERE

Dettagli

IDEA PER PROGETTO PILOTA RETE TERRITORIALE DI WELFARE INTERAZIENDALE per rispondere alle esigenze di conciliazione della famiglia

IDEA PER PROGETTO PILOTA RETE TERRITORIALE DI WELFARE INTERAZIENDALE per rispondere alle esigenze di conciliazione della famiglia IDEA PER PROGETTO PILOTA RETE TERRITORIALE DI WELFARE INTERAZIENDALE per rispondere alle esigenze di conciliazione della famiglia 1. IL WELFARE AZIENDALE 1.1. Cos è il Welfare aziendale Per welfare aziendale

Dettagli

Politiche familiari: ruolo degli attori territoriali e dell autorità centrale

Politiche familiari: ruolo degli attori territoriali e dell autorità centrale Politiche familiari: ruolo degli attori territoriali e dell autorità centrale Rosita d Angiolella Comitato tecnico Scientifico Osservatorio Famiglia Festival della Famiglia Riva del Garda Politiche familiari

Dettagli

. IL VOUCHER DI CONCILIAZIONE VITA PRIVATA - VITA LAVORATIVA

. IL VOUCHER DI CONCILIAZIONE VITA PRIVATA - VITA LAVORATIVA . IL VOUCHER DI CONCILIAZIONE VITA PRIVATA - VITA LAVORATIVA Condofuri, 25 ottobre 2008 Alcuni esempi: IL PESO DEL LAVORO DI CURA SULLE DONNE: La mia famiglia è molto numerosa. Io mi occupo di tutto anche

Dettagli

Capo III Strumenti, procedure della programmazione ed ambiti territoriali

Capo III Strumenti, procedure della programmazione ed ambiti territoriali LEGGE REGIONALE 14 APRILE 1999, n.22 "Interventi educativi per l infanzia e gli adolescenti" INDICE TITOLO I Disposizioni generali art. 1. Finalità TITOLO II Soggetti, programmazione e organizzazione Capo

Dettagli

COMMISSIONE CONSILIARE III. Sanità e Assistenza. Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI

COMMISSIONE CONSILIARE III. Sanità e Assistenza. Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI COMMISSIONE CONSILIARE III Sanità e Assistenza Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI Argomento n. 4 all ordine del giorno: ITR N. 3113 Bando per l'accesso alla "Dote

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO INDAGINI SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO, SUL GRADO DI CONDIVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE E SULLA VALUTAZIONE DEL SUPERIORE GERARCHICO RELATIVE ALL ANNO 2013 Documento

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA. Proposta di legge di iniziativa dei Consiglieri:

CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA. Proposta di legge di iniziativa dei Consiglieri: CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA Proposta di legge di iniziativa dei Consiglieri: Lorenzo Pellerano Aldo Siri avente ad oggetto: Norme per la disciplina del servizio di tagesmutter

Dettagli

Conciliazione Lavoro - Famiglia (Questionario per le aziende)

Conciliazione Lavoro - Famiglia (Questionario per le aziende) Conciliazione Lavoro - Famiglia (Questionario per le aziende) Grazie in anticipo per aver accettato di dedicarci il Suo tempo che sarà utile per la riuscita di questa indagine. Lo scopo dell'indagine è

Dettagli

15 proposte concrete per migliorare la vita delle donne

15 proposte concrete per migliorare la vita delle donne 15 proposte concrete per migliorare la vita delle donne (e quella degli uomini) Per un maggior sostegno alla maternità e alla paternità 1 UNA TUTELA PER TUTTE LE MAMME L Italia ha uno dei tassi di natalità

Dettagli

MT CONSULTING SAS di Dott.ssa Miriam Tirinzoni Via Forestale n. 32-23017 Morbegno (SO) Tel 0342-615355 0342-671779 Fax 0342-673522

MT CONSULTING SAS di Dott.ssa Miriam Tirinzoni Via Forestale n. 32-23017 Morbegno (SO) Tel 0342-615355 0342-671779 Fax 0342-673522 BANDO 84.2 SOSTEGNO DEL WELFARE AZIENDALE ED INTERAZIENDALE E DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO Finalità Regione Lombardia intende sostenere il welfare ponendo al centro le persone e le famiglie attraverso

Dettagli

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 COMUNE DI VANZAGHELLO PROVINCIA DI MILANO Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 Il Decreto Legislativo 11 aprile 2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art.

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e classe

Dettagli

Le cure primarie in Italia: verso quali orizzonti di cura ed assistenza

Le cure primarie in Italia: verso quali orizzonti di cura ed assistenza Le cure primarie in Italia: verso quali orizzonti di cura ed assistenza Le cure primarie in Italia oggi: i risultati dell Osservatorio Tematiche esplorate Cittadini No Profilo campionatura del rispondente

Dettagli

Università Commerciale Luigi Bocconi Econpubblica Centre for Research on the Public Sector SHORT NOTES SERIES

Università Commerciale Luigi Bocconi Econpubblica Centre for Research on the Public Sector SHORT NOTES SERIES Università Commerciale Luigi Bocconi Econpubblica Centre for Research on the Public Sector SHORT NOTES SERIES Per una crescita di tutti: formazione, lavoro, conciliazione Alessandra Casarico, Paola Profeta

Dettagli

PARITA TRA I SESSI NELLE CARRIERE ACCADEMICHE TESTIMONIANZA DALLA AUSTRALIA

PARITA TRA I SESSI NELLE CARRIERE ACCADEMICHE TESTIMONIANZA DALLA AUSTRALIA PARITA TRA I SESSI NELLE CARRIERE ACCADEMICHE TESTIMONIANZA DALLA AUSTRALIA Gillian Whitehouse School of Political Science and International Studies University of Queensland Australia Temi e punti centrali

Dettagli

EDUCATIVA TERRITORIALE

EDUCATIVA TERRITORIALE EDUCATIVA TERRITORIALE L attivazione di questo servizio è subordinata al finanziamento della L. 285/97 (Disposizioni per la promozione di diritti e opportunità per l infanzia e l adolescenza). DEFINIZIONE

Dettagli

TRA PREMESSO TUTTO QUANTO SOPRA PREMESSO OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO:

TRA PREMESSO TUTTO QUANTO SOPRA PREMESSO OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO: PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE. TRA La Prefettura di Modena, l Amministrazione

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

ALLEGATO 1. Regione proponente: Regione Toscana

ALLEGATO 1. Regione proponente: Regione Toscana ALLEGATO 1 PROGETTO POLITICHE RELATIVE ALLE PARI OPPORTUNITA. SOSTEGNO AL LAVORO DI CURA IN FAMIGLIA ATTRAVERSO CONTRIBUTI ECONOMICI A FAVORE DEL CAREGIVER DELLA PERSONA ANZIANA NON AUTOSUFFICIENTE A DOMICILIO.

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) Servizio Civile Nazionale Provincia di Foggia SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: PROVINCIA DI FOGGIA Piazza XX Settembre

Dettagli

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA DONATA BIANCHI, SILVIA MAMMINI, ROSA DI GIOIA ...FINALITÀ verificare

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE (PROGETTO) - PRASSI OPERATIVA SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D

SPECIFICHE TECNICHE (PROGETTO) - PRASSI OPERATIVA SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D ALLEGATO D SPECIFICHE TECNICHE (PROGETTO) - PRASSI OPERATIVA SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) A FAVORE DI PERSONE: ANZIANE, DISABILI, IN SITUAZIONE DI DISAGIO PSICHICO E/O SOCIALE (Il presente

Dettagli

Regione Lombardia. Direzione Generale Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione. Indicatori di Responsabilità sociale d Impresa per le aziende

Regione Lombardia. Direzione Generale Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione. Indicatori di Responsabilità sociale d Impresa per le aziende Regione Lombardia Direzione Generale Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione Indicatori di Responsabilità sociale d Impresa per le aziende 1 Premessa In un contesto che cambia a livello globale,

Dettagli

REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013. I servizi per l infanzia. Roma 27 ottobre 2011

REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013. I servizi per l infanzia. Roma 27 ottobre 2011 REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013 Politiche nel campo dell inclusione sociale I servizi per l infanzia Roma 27 ottobre 2011 1 LE PRIORITA DEL WELFARE PUGLIESE Rimettere le persone al centro delle politiche

Dettagli

LE INIZIATIVE PER LA CONCILIAZIONE VITA-LAVORO DEI DIPENDENTI INAIL

LE INIZIATIVE PER LA CONCILIAZIONE VITA-LAVORO DEI DIPENDENTI INAIL LE INIZIATIVE PER LA CONCILIAZIONE VITA-LAVORO DEI DIPENDENTI INAIL PREMESSA Le profonde trasformazioni di natura demografica, sociale ed economica che hanno interessato i paesi europei a partire dagli

Dettagli

RAPPORTO AGLI STAKEHOLDER PROGETTO WELL CARE FAMILY

RAPPORTO AGLI STAKEHOLDER PROGETTO WELL CARE FAMILY RAPPORTO AGLI STAKEHOLDER PROGETTO WELL CARE FAMILY Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 1 INDICE L ORIGINE DEL PROGETTO WELL CARE FAMILY... 2 IL PROGETTO WELL CARE FAMILY... 6 1. Sistema

Dettagli

Rapporto agli stakeholder Progetto Well Care Family

Rapporto agli stakeholder Progetto Well Care Family Rapporto agli stakeholder Progetto Well Care Family Introduzione Si ringraziano i presidenti, il consiglio di amministrazione e i direttori di Saf Acli srl e Acli Milano Servizi Fiscali srl per l attenzione

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio Allegato A INTESA SUI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE FINALITA, LE MODALITA ATTUATIVE NONCHE IL MONITORAGGIO DEL SISTEMA DI INTERVENTI PER FAVORIRE LA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO,

Dettagli

PERCORSI FEMMINILI DI SUCCESSO IN IMPRESE DI ECCELLENZA

PERCORSI FEMMINILI DI SUCCESSO IN IMPRESE DI ECCELLENZA PERCORSI FEMMINILI DI SUCCESSO IN IMPRESE DI ECCELLENZA pro FRANCESCA BERTAGNA Parmamoda D E L L E M I L I A R O M A G N A 2 L AZIENDA Un laboratorio di idee, abilità e tecniche: dalla formazione alle

Dettagli

Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti

Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti Francesca Rizzi, Roberta Marracino, Laura Toia - McKinsey & Company In un contesto in cui i vincoli di finanza pubblica rappresentano una limitazione

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA FAMIGLIA, INFANZIA ADOLESCENZA E MINORI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Pablo Picasso Maternità INDICE Interventi di accesso,

Dettagli

Tesi di laurea triennale. Università degli Studi di Macerata. Corso di laurea di servizio sociale

Tesi di laurea triennale. Università degli Studi di Macerata. Corso di laurea di servizio sociale Tesi di laurea triennale Università degli Studi di Macerata Corso di laurea di servizio sociale Titolo della tesi: Lavoro femminile e pari opportunità Anno accademico 2012-2013 Studentessa: Michela Santarelli

Dettagli

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate Le opinioni dei Capi di Istituto e dei responsabili scolastici dei progetti -25- -26- Nota

Dettagli

Indagine sull assistenza familiare in Italia: il contributo degli immigrati

Indagine sull assistenza familiare in Italia: il contributo degli immigrati Indagine sull assistenza familiare in Italia: il contributo degli immigrati 2013 Documento di sintesi a cura del Centro Studi e Ricerche Idos in collaborazione con Il panorama della collaborazione familiare

Dettagli

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017 Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio

Dettagli

8. SEGRATE: PIU TEMPO PER LA FAMIGLIA E I FIGLI

8. SEGRATE: PIU TEMPO PER LA FAMIGLIA E I FIGLI 8. SEGRATE: PIU TEMPO PER LA FAMIGLIA E I FIGLI L impegno sarà quello di promuovere azioni di armonizzazione e conciliazione dei tempi di vita, di lavoro e personali: l obiettivo è offrire un aiuto concreto

Dettagli

Scheda di candidatura Pubblica Amministrazione Premio FamigliaLavoro, Terza edizione

Scheda di candidatura Pubblica Amministrazione Premio FamigliaLavoro, Terza edizione Scheda di candidatura Pubblica Amministrazione Premio FamigliaLavoro, Terza edizione L intento della Scheda di candidatura non è soltanto quello di raccogliere informazioni sulle politiche di conciliazione

Dettagli

Report soddisfazione dell utenza nei servizi educativi per la prima infanzia

Report soddisfazione dell utenza nei servizi educativi per la prima infanzia Report soddisfazione dell utenza nei servizi educativi per la prima infanzia Processo: Monitoraggio della soddisfazione dell utenza nei servizi educativi per la prima infanzia P 5.2 Pagina 1 di 8 Questionari

Dettagli

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Nell ambito del progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti si è proceduto alla realizzazione di quattro focus

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO PREMESSO: - che occorre una azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali

Dettagli

PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia

PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia ABSTRACT PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia La riforma del sistema scolastico ha delineato nuovi possibili scenari all interno dei quali devono

Dettagli

MATERIALE A SUPPORTO DEL WORKSHOP TERRITORIALE REGIONE SICILIA LA CONCILIAZIONE. ISTITUTO PER LA RICERCA SOCIALE (IRS) Capofila BRIGHT.LY BRIGHT.

MATERIALE A SUPPORTO DEL WORKSHOP TERRITORIALE REGIONE SICILIA LA CONCILIAZIONE. ISTITUTO PER LA RICERCA SOCIALE (IRS) Capofila BRIGHT.LY BRIGHT. Direzione generale per le politiche attive, i servizi per il lavoro e la formazione DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA Promozione di un azione di sistema volta alla programmazione e attuazione degli

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Tavolo. Crescita ed equità

Tavolo. Crescita ed equità Tavolo Crescita ed equità Roma 19 giugno 2007 Le Organizzazioni dell artigianato e del commercio, preso atto delle linee di intervento indicate nella relazione del Ministro del Lavoro e della Previdenza

Dettagli

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D. COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 29.09.2005

Dettagli

Il contesto economico attuale; l individuazione di nuovi ambiti di attività che rispondano sia alle esigenze delle comunità di dotarsi di una rete di

Il contesto economico attuale; l individuazione di nuovi ambiti di attività che rispondano sia alle esigenze delle comunità di dotarsi di una rete di Il contesto economico attuale; l individuazione di nuovi ambiti di attività che rispondano sia alle esigenze delle comunità di dotarsi di una rete di servizi in una logica di sussidiarietà pubblico - privato

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA L Università degli studi di Messina In collaborazione con il Comitato Pari Opportunità Piano di Azioni positive triennio 2008/2011 Le azioni positive sono, com è noto, lo strumento fondamentale per l attuazione

Dettagli

PIÙ TURISMO PER LO SVILUPPO, PIÙ SOSTEGNO AL TURISMO SOCIALE

PIÙ TURISMO PER LO SVILUPPO, PIÙ SOSTEGNO AL TURISMO SOCIALE Rappresentanza italiana PIÙ TURISMO PER LO SVILUPPO, PIÙ SOSTEGNO AL TURISMO SOCIALE La ricorrenza del 50 anniversario dell O.I.T.S. (Organizzazione Internazionale del Turismo Sociale), ex B.I.T.S., ci

Dettagli

BENESSERE ORGANIZZATIVO I RISULTATI DELL INDAGINE CONOSCITIVA SPERIMENTALE

BENESSERE ORGANIZZATIVO I RISULTATI DELL INDAGINE CONOSCITIVA SPERIMENTALE BENESSERE ORGANIZZATIVO I RISULTATI DELL INDAGINE CONOSCITIVA SPERIMENTALE La prima indagine in via sperimentale L indagine è stata avviata, su iniziativa del Responsabile della prevenzione della corruzione

Dettagli

NELL ULTIMO ANNO RIDOTTE LE SPESE PER ABBIGLIAMENTO, SVAGHI E ALIMENTARI

NELL ULTIMO ANNO RIDOTTE LE SPESE PER ABBIGLIAMENTO, SVAGHI E ALIMENTARI COMUNICATO STAMPA LA FAMIGLIA COME SPECCHIO DELLA REALTA PRIMI RISULTATI DELL INDAGINE RISORSA FAMIGLIA. INDAGINE SULLE FAMIGLIE PISTOIESI: CASA, LAVORO, BILANCIO DELL OSSERVATORIO SOCIALE PROVINCIALE

Dettagli

aspetti aziendali e di gestione del ASP E FONDAZIONI personale Forlì 14 dicembre 2004

aspetti aziendali e di gestione del ASP E FONDAZIONI personale Forlì 14 dicembre 2004 ASP E FONDAZIONI aspetti aziendali e di gestione del personale Forlì 14 dicembre 2004 1 Le fondazioni come soggetto dell economia aziendale l economia aziendale ha per oggetto l ordine economico degli

Dettagli

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/12

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/12 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/12 SCHEDE DI VALUTAZIONE AREA STRUTTURALE INDICATORE DELLA PLURALIZZAZIONE DELLE OFFERTE TARIFFARIE Descrizione delle microazioni Agevolazione

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Delega al Governo in materia di tutela delle donne contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali

DISEGNO DI LEGGE. Delega al Governo in materia di tutela delle donne contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali DISEGNO DI LEGGE Delega al Governo in materia di tutela delle donne contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali d iniziativa dei senatori: AMATI COLLI 1 Onorevoli senatori! In Italia il

Dettagli

IV.3 Politiche per l equità

IV.3 Politiche per l equità IV.3 Politiche per l equità L indice di povertà relativa, misurato con la metodologia comunitaria, è nel nostro paese del 19 per cento (quota della popolazione che vive sotto la linea di povertà relativa),

Dettagli

Periodo (01 Aprile 29 Maggio 2015)

Periodo (01 Aprile 29 Maggio 2015) BANDO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI UN CONTRIBUTO ECONOMICO UNA TANTUM RIVOLTO AD AZIENDE PUBBLICHE E PRIVATE, ASSOCIAZIONI, e PROFESSIONISTI ISCRITTI AGLI ALBI CHE ADOTTANO PROCEDURE DI BUONE PRASSI PER

Dettagli

PICCOLI PASSI VERSO GRANDI DIRITTI

PICCOLI PASSI VERSO GRANDI DIRITTI PICCOLI PASSI VERSO GRANDI DIRITTI La CGIL e L INFANZIA 0-3 anni Il NIDO 3-6 anni La scuola dell Infanzia La legge 285 del 1997, disposizioni per la promozione dei diritti dell infanzia e dell adolescenza

Dettagli

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 a cura del nucleo di autovalutazione guidato dalla FS prof. Busatto Il percorso di formazione In vista della compilazione del RAV (Rapporto

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Allegato A Indagini sul personale dipendente Gentilecollega, La

Dettagli

una iniziativa promossa da Welfare, Italia: focus sul Lazio. Ridare valore alle risorse di famiglie e lavoratori Sintesi

una iniziativa promossa da Welfare, Italia: focus sul Lazio. Ridare valore alle risorse di famiglie e lavoratori Sintesi una iniziativa promossa da Welfare, Italia: focus sul Lazio. Ridare valore alle risorse di famiglie e lavoratori Sintesi Roma, 19 settembre 2013 Indice 1. L integrazione familiare dell offerta sanitaria

Dettagli

ASL provincia di Mantova Progettazione art.9 Legge 53/2000 PRESENTAZIONE ATTIVITA PROGETTUALI

ASL provincia di Mantova Progettazione art.9 Legge 53/2000 PRESENTAZIONE ATTIVITA PROGETTUALI ASL provincia di Mantova Progettazione art.9 Legge 53/2000 PRESENTAZIONE ATTIVITA PROGETTUALI PREMESSA: CONTESTO E ASPETTI TEORICI PREMESSE LEGGE 53/2000 Disposizioni per il sostegno della maternità e

Dettagli

Lo standard di certificazione Family Audit. Presentazione ad aziende Gian Paolo Barison

Lo standard di certificazione Family Audit. Presentazione ad aziende Gian Paolo Barison Lo standard di certificazione Family Audit Presentazione ad aziende Gian Paolo Barison Il Family Audit Il Family Audit è una certificazione aziendale che riconosce l'impegno di un'organizzazione per l

Dettagli

I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI

I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI TUTELA DELLA DONNA E DEL FANCIULLO: LEGGE 242/1902 CARCANO Riveste un importanza notevole per aver introdotto il congedo di maternità di un mese dopo il parto, riducibile

Dettagli

La Città delle Donne

La Città delle Donne La Città delle Donne La qualità della vita delle Donne a Milano e una rappresentazione della città basata sulle statistiche di genere Eugenia Bernabei - MeglioMilano Alberto Colorni Politecnico di Milano

Dettagli

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro Ammortizzatori sociali Giovani Donne AMMORTIZZATORI SOCIALI La riforma punta al rafforzamento degli ammortizzatori sociali ed alla estensione delle

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2015-2017

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2015-2017 PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2015-2017 Proposto dal Comitato Unico di Garanzia della Scuola Approvato dal Consiglio Direttivo nella seduta del 28 ottobre 2015 Piazza dei Cavalieri, 7 56126 Pisa-Italy

Dettagli

FOCUS GROUP SU BENESSERE DEGLI OPERATORI DELL AZIENDA USL DI REGGIO EMILIA

FOCUS GROUP SU BENESSERE DEGLI OPERATORI DELL AZIENDA USL DI REGGIO EMILIA AUSLRE Protocollo n 2015/0068531 del 31/07/2015 (Allegato) Pagina 1 di 7 FOCUS GROUP SU BENESSERE DEGLI OPERATORI DELL AZIENDA USL DI REGGIO EMILIA A cura di Manuela Predieri e Benedetta Riboldi - Comitato

Dettagli

Donna, una parola, mille ruoli Questionario

Donna, una parola, mille ruoli Questionario Donna, una parola, mille ruoli Questionario sul ruolo femminile a Cavour, nella società, nella famiglia, nel lavoro Gent.ma cittadina, Fino agli anni sessanta, la donna ha avuto un ruolo subalterno nella

Dettagli

Il Quotidiano in Classe

Il Quotidiano in Classe Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati dagli studenti sul HYPERLINK "ilquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Matilde Soana Supervisione di Sofia Macchiavelli

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Professionisti: a quali condizioni? Le condizioni di lavoro

Professionisti: a quali condizioni? Le condizioni di lavoro Conferenza stampa Professionisti: a quali condizioni? Le condizioni di lavoro Daniele Di Nunzio (IRES-CGIL) Presentazione n. 06/2011 Roma, 27 aprile 2011 I gruppi professionali Questionario on-line: per

Dettagli

Psicologia e Giustizia Anno VI, numero 2 Luglio Dicembre 2005 IN CASI DI SEPARAZIONE E DIVORZIO

Psicologia e Giustizia Anno VI, numero 2 Luglio Dicembre 2005 IN CASI DI SEPARAZIONE E DIVORZIO SCIENZE PSICO-SOCIALI E AFFIDAMENTO DEI FIGLI IN CASI DI SEPARAZIONE E DIVORZIO GIUDICE DEL TRIBUNALE DI MILANO SILVANA D ANTONA Pur avendo maturato esperienza in materia di diritto di famiglia solo da

Dettagli

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014 A cura del gruppo di lavoro TelePAT L articolazione del sistema di monitoraggio Focalizzare i punti di forza e le aree di miglioramento Verificare lo

Dettagli