Report Questionario on line

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Report Questionario on line"

Transcript

1 Report Questionario on line LOMBARDIA 2020 Progetto Conciliazione Famiglia Lavoro : Consultazione Cittadini Consultazione Enti/Assoc./Aziende 9 marzo 2011 / Versione 2

2 Indice: Lombardia Conciliazione famiglia-lavoro La consultazione dei cittadini Il profilo socio-professionale dei rispondenti I servizi a sostegno delle Il lavoro e la contrattazione sociale Il libro verde La consultazione degli enti, associazioni, aziende Il profilo dei rispondenti Gli aspetti interni alle organizzazioni Gli aspetti esterni alle organizzazioni Il Libro Verde /03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 2

3 Lombardia Conciliazione famiglia-lavoro Nel mese di novembre del 2010 la Regione Lombardia avviava la consultazione pubblica sui temi della conciliazione famiglia lavoro con riferimento al Libro Verde predisposto dall Assessorato alla Famiglia, Conciliazione, Integrazione e Solidarietà Sociale. L obiettivo dichiarato era quello di consentire a ciascuno di manifestare un proprio orientamento rispetto alle suggestioni introdotte (nel Libro Verde), di fare proposte, indicare ulteriori soluzioni ai problemi, condividere ipotesi di sviluppo e assumere impegni. La consultazione, rivolta sia ai cittadini che alle istituzioni, enti o associazioni, si è svolta con il supporto del sito dove gli utenti potevano consultare il Libro Verde e gli allegati di approfondimento, compilare il questionario predisposto per la raccolta delle opinioni, ricevere informazioni sullo stato d avanzamento della consultazione. Al termine della consultazione, il 31 gennaio 2010, si contavano circa visite al sito e pagine visitate. I questionari compilati sono stati da parti dei cittadini e 160 da parte di istituzioni, enti o associazioni. E questo un risultato ampiamente soddisfacente (le indagini di opinione svolte con simili modalità di somministrazione dei questionari raramente raggiungono la soglia dei questionari compilati) che testimonia una forte attenzione al tema promosso nell indagine. Regione Lombardia. Conciliazione famiglia-lavoro. Accessi al sito mese visite pagine visitate pagine/visite novembre dicembre gennaio Totale /03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 3

4 1. La consultazione dei cittadini. I temi della consultazione svolta tramite il questionario rivolto ai cittadini possono letti nella successiva wordcloud: sono i problemi della famiglia e del lavoro nel loro intreccio con i servizi, i soggetti e le condizioni che possono favorirne la conciliazione (i questionari sono interamente proposti in allegato). I temi del questionario rivolto ai cittadini [Lm6/Fm1] 1 In modo più organico, il questionario ai cittadini può essere articolato in 3 sezioni: 1 I codici indicati sotto la wordcloud indicano i parametri di estrazione: la lunghezza minima delle parole estratte dal testo originario (Lm, in questo caso 6) e la loro frequenza minima (Fm, in questo caso anche una sola ricorrenza). Nella wordcloud le parole estratte sono proposte in ordine alfabetico e il numero di ricorrenze è dato dall altezza del carattere (il font 10 per il minimo, il font 24 per il massimo). Si ringraziano Barbara Bonavota e Fernando Cinquegrani (ProDomoSua) per il programma di creazione delle wordcloud. 9/03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 4

5 1. una prima sezione (Q1-1) permette di conoscere le condizioni socio-professionali dei rispondenti e in particolare la loro condizione famigliare: il numero di figli in maggiore o minore età, gli obblighi di cura verso familiari conviventi e non; 2. una seconda sezione (Q1-2 e Q1-3 e Q1-6) chiede un approfondimento sui problemi dei servizi per le : i servizi per la prima infanzia e i servizi per gli anziani e le persone non autosufficienti, il problema dei trasporti e degli orari; 3. si chiede quindi ai cittadini (Q1-3 e Q1-4) di evidenziare gli ostacoli che l attività lavorativa frappone alla vita della famiglia e le opportunità che la tecnologia, l organizzazione del lavoro, la contrattazione tra le parti sociali possono mettere in campo per facilitarne la conciliazione. Nelle conclusioni riporteremo il grado di soddisfazione espresso dai rispondenti rispetto alle iniziative che la Regione Lombardia ha già posto in campo e il loro grado di adesione alle indicazioni programmatiche del Libro Verde L indagine sui cittadini ha coinvolto rispondenti di età media di circa 43 anni. La significatività delle risposte ai fini dell approfondimento delle tematiche del Libro Verde è assicurata: 1. da un ampia presenza di donne (il 78,1% dei rispondenti), 2. da una diffusa provenienza dei rispondenti dall intero territorio, 3. dalla condizione famigliare dei rispondenti: l 89,2% in pluricomponente, il 72,4% con figli, il 56,9 con figli minorenni, 4. dalla condizione sociale dei rispondenti: in assoluta prevalenza in condizione lavorativa (per il 95,0%) e con titolo di studio elevato (il 91,0% con media superiore o con laurea), 5. dall arricchimento dei temi oggetto della consultazione che i rispondenti hanno apportato rispondendo con suggerimenti, commenti, riflessioni e indicazioni di casi ai quesiti a risposta aperta. 9/03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 5

6 1.1 Il profilo socio-professionale dei rispondenti Queste caratteristiche rilevate dei partecipanti alla consultazione coincidono con l obiettivo di coinvolgimento della campagna di promozione della indagine: acquisire la più ampia espressione di attese, suggerimenti e opinioni sulle iniziative del governo regionale dai soggetti più sensibili, attivi e interessati da queste politiche. Una generalizzazione delle risultanze dell indagine all intero bacino dei soggetti su cui gli indirizzi e le misure delle politiche regionali sulla famiglia direttamente incidono deve quindi tener conto delle differenze tra lo specifico profilo socio professionale dei rispondenti e quello della popolazione lombarda in generale: appunto delle differenze nella distribuzione per genere, per età (con una maggior incidenza nei rispondenti delle classi d età tra 30 e 54 anni), per titolo di studio (con una maggior incidenza di soggetti con alta scolarizzazione) e per condizione professionale (con una maggior incidenza in condizione lavorativa e in posizione dipendente). Si deve tener conto anche, per gli specifici problemi che il questionario tratta, di una distribuzione per provenienza territoriale che, sebbene rifletta da vicino la distribuzione provinciale della popolazione lombarda, appare più concentrata nei comuni capoluogo. cartogrammi Lombardia Conciliazione famiglia-lavoro. Provincia e Comune di residenza/domicilio: donne 9/03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 6

7 cartogrammi Lombardia Conciliazione famiglia-lavoro. Provincia e Comune di residenza/domicilio: uomini cartogrammi Lombardia Conciliazione famiglia-lavoro. Provincia e Comune di residenza/domicilio: totale rispondenti La condizione famigliare dei rispondenti, come mostra la successiva tabella che pure semplifica le risposte fornite ai quesiti relativi alla struttura famigliare, è molto dispersa. Ci sono indubbiamente tipologie più ricorrenti di altre: la famiglia pluricomponente, senza persone anziane o non autosufficienti in famiglia, con nessun figlio (16,4%), o con un figlio (20,1%) o due figli minorenni (19,9%). Tuttavia è difficile raccordare quest insieme di situazioni diverse ai modelli sociologici di riferimento. 9/03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 7

8 Regione Lombardia. Conciliazione famiglia-lavoro. Condizione famigliare dei rispondenti numero componenti Monocomponente Pluricomponente numero figli nessuno uno due figli minorenni nessuno nessuno anziani in famiglia % No 8.9% Sì 0.4% No 0.5% Sì 0.1% uno No 0.2% nessuno No 0.3% Sì 0.1% uno No 0.1% due No 0.1% più di due nessuno No 0.1% nessuno uno due più di due nessuno nessuno uno nessuno uno due nessuno uno due più di due No 16.4% Sì 1.7% No 5.0% Sì 0.8% No 20.1% Sì 0.6% No 6.5% Sì 0.6% No 4.3% Sì 0.2% No 19.9% Sì 0.9% No 1.5% Sì 0.2% No 1.3% Sì 0.1% No 1.9% Sì 0.1% No 6.5% Sì 0.6% Totale 100.0% 9/03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 8

9 Si è preferito piuttosto unificare i profili famigliari con una metodologia statistica 2 che, azzerando le differenze riconducibili a variazioni casuali intorno ai poli di aggregazione, ne permettesse almeno una semplificazione descrittiva 3. E possibile così riconoscere tra i rispondenti quattro gruppi omogenei. Nel primo gruppo ( giovani) il rispondente ha un età media relativamente più giovane (32,7 anni al 31 dicembre 2010). La famiglia si compone di 3 persone con figlio minorenne, più raramente di 2 persone senza figli. Il livello di scolarizzazione è alto, come d altronde anche per gli altri gruppi ad eccezione di quello residuale (altre ). Comprende anche persone di cittadinanza straniera e il rispondente si trova per lo più in condizione lavorativa. Il gruppo comprende 216 casi. Nel secondo gruppo (coppie mature) troviamo tutti italiani, in condizione lavorativa, con titolo di studio elevato ed età media superiore ai 40 anni. La famiglia è composta quasi esclusivamente da 2 persone, coniugate o conviventi. Più spesso che negli altri gruppi il rispondente è donna. Il gruppo comprende 107 casi. Il terzo gruppo ( tradizionali) si compone in modo quasi esclusivo di coppie con due figli minorenni. La residenza del nucleo famigliare è in altissima prevalenza in comuni minori della Regione o fuori della Regione Lombardia. Nella prevalenza dei casi il rispondente è uomo, con titolo di studio di media superiore o di laurea. Il gruppo conta 101 rispondenti. Il quarto gruppo (altre ), il più consistente (1.132 rispondenti), presenta situazioni più differenziate al suo interno: in questo gruppo vi è una consistente componente di soggetti non in condizione lavorativa (circa il 10% tra studenti, pensionati, casalinghe e, soprattutto, persone in cerca di prima o nuova occupazione); qui si ritrovano tanto i soggetti più giovani quanto quelli più anziani, tanto i single (celibi/nubili, divorziati, separati) che le con più alto numero di componenti. La vive in un ambiente cittadino e ha maggiori incombenze rispetto agli altri gruppi legate alla cura di familiari conviventi o non conviventi. Il rispondente, spesso con cittadinanza straniera, ha un titolo di studio meno elevato rispetto agli altri gruppi. 2 Con cluster analysis si indicano quell insieme di tecniche di analisi multivariata nel nostro caso il metodo delle nubi dinamiche sui primi assi di una analisi delle corrispondenze multiple - che minimizzano la varianza interna alle partizioni e massimizzano la varianza tra le partizioni permettendo quindi il riconoscimento di gruppi omogenei e distinti all interno di un collettivo. 3 Anche la cluster analysis trova in questo caso difficoltà a operare una generale classificazione per gruppi omogenei: il gruppo residuale presenta una consistenza molto elevata (1.132 rispondenti) che una costruzione in un numero maggiore dei gruppi oltre i quattro qui descritti permette solo in minima parte di segmentare. 9/03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 9

10 1.2 I servizi a sostegno delle Le risposte ai temi del questionario si correlano spesso alle condizioni famigliari e socio economiche dei rispondenti. Le allargate ( tradizionali, altre ) riescono, ad esempio, a far fronte con minor affanno alle difficoltà di integrazione tra vita professionale e vita personale. Tab Regione Lombardia. Conciliazione famiglia-lavoro. 22. Come giudica il suo rapporto fra luogo di vita e di lavoro? giovani coppie mature tradizionali altre totale Insufficiente 19.4% 17.7% 17.6% 12.3% 18.9% Sufficiente 31.3% 38.7% 27.9% 32.4% 33.5% Buono 40.3% 33.9% 51.5% 49.8% 38.3% Ottimo 9.0% 9.7% 2.9% 5.5% 9.2% totale 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% Oltre la metà dei rispondenti appartenenti a tradizionali e altre giudica buono o ottimo la personale condizione di integrazione tra luogo di vita e luogo di lavoro (Tab.1.2.1). Tab Regione Lombardia. Conciliazione famiglia-lavoro. 3. Quali sono secondo lei i principali ostacoli all integrazione tra vita professionale e vita personale? giovani coppie mature tradizionali altre totale Esigenze lavorative Scarsa offerta di servizi Orari e organizzazione di trasporti pubblici e viabilità valori medi tra 1, per nulla, e 5, moltissimo Gli stessi gruppi sembrano avere minori criticità nel rapporto con il lavoro, i servizi, l organizzazione dei trasporti e degli orari (Tab ), sebbene, al pari e più degli altri gruppi, abbiano necessità di ricorrere ai servizi sanitari, scolastici, di trasporto e pubblici in generale essenziali alla gestione della vita famigliare 9/03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 10

11 (Tab.1.2.3), e sebbene, al pari e più degli altri gruppi, individuino nei nidi per l infanzia e nei servizi di assistenza per gli anziani i principali supporti alla conciliazione famiglia lavoro (Tab ). Tab Regione Lombardia. Conciliazione famiglia-lavoro. 23. Quanto ritiene che la vita delle persone sia condizionata dalla organizzazione e dagli orari di: giovani coppie mature tradizionali altre totale a. Trasporti b. Servizi sanitari c. Servizi scolastici d. Servizi pubblici valori medi tra 1, per nulla, e 5, moltissimo 9/03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 11

12 Tab Regione Lombardia. Conciliazione famiglia-lavoro. 7. Quanto i seguenti servizi e interventi aiutano la famiglia nella conciliazione famiglia-lavoro? giovani coppie mature tradizionali altre totale Servizi prima infanzia: Nidi Servizi prima infanzia: Micronidi Servizi prima infanzia: Centri Prima infanzia Servizi prima infanzia: Nido famiglia Baby parking, Centri ricreativi, Centri estivi Baby sitting Accompagnamento a scuola, a visite mediche Dopo scuola/supporto allo studio Piccoli lavori domestici Servizi di assistenza domiciliare per anziani Supporto al disbrigo di pratiche valori medi tra 1, per nulla, e 5, moltissimo 9/03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 12

13 Tab Regione Lombardia. Conciliazione famiglia-lavoro. 7. Quanto i seguenti servizi e interventi aiutano la famiglia nella conciliazione famiglia-lavoro? giovani coppie mature tradizionali altre totale Servizi prima infanzia (da 0 a 3 anni) offerti da: Nidi Servizi di assistenza domiciliare per anziani e/o soggetti non autosufficienti Dopo scuola/supporto allo studio Servizi prima infanzia (da 0 a 3 anni) offerti da: Centri Prima infanzia Servizi prima infanzia (da 0 a 3 anni) offerti da: Micronidi Baby parking /Centri ricreativi e/o di animazione/ Centri estivi Supporto al disbrigo di pratiche Accompagnamento a scuola, a visite mediche, allo sport, al gioco, etc. Servizi prima infanzia (da 0 a 3 anni) offerti da: Nido famiglia Baby sitting Piccoli lavori domestici che favoriscano la fruizione della politica attiva valori medi tra 1, per nulla, e 5, moltissimo Ciò perché la famiglia allargata permette di distribuire su un maggior numero di componenti le incombenze della vita personale; ciò perché la famiglia stessa è erogatrice di servizi di assistenza e cura (un questionario riporta: L'unica vera risorsa sulla quale una donna può contare sono i nonni ) Si è tuttavia ancora ben lontani da un equa ripartizione delle incombenze famigliari tra i membri della famiglia: sebbene la consapevolezza che tutti debbano contribuire alla gestione famigliare sia ormai ampiamente diffusa (Tab ), è sulle donne, anche per ammissione degli uomini, che si riversano i principali impegni di cura (Tab ). 9/03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 13

14 Tab Regione Lombardia. Conciliazione famiglia-lavoro. 5. Quando in famiglia ci sono bambini piccoli, persone malate o anziani non autosufficienti, chi dovrebbe occuparsi della loro cura? giovani coppie mature tradizionali altre totale Donna 6.5% 1.4% 6.8% 4.1% 4.4% Entrambi dovrebbero contribuire 93.5% 97.2% 93.2% 95.7% 95.3% Uomo 1.4% 0.3% 0.3% totale 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% Tab Regione Lombardia. Conciliazione famiglia-lavoro. 6. Chi si occupa della pulizia e della gestione della casa nel suo nucleo famigliare? giovani coppie mature tradizionali altre totale Donna 37.8% 40.8% 32.4% 49.7% 46.1% Entrambi contribuiscono 62.2% 57.7% 66.2% 47.4% 51.6% Uomo 1.4% 1.4% 3.0% 2.3% totale 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% Questo generale svantaggio delle donne è solo in parte attenuato in rapporto dal livello sociale raggiunto: se tra i rispondenti con titolo di studio di media inferiore la percentuale di quanti affermano che entrambi i sessi contribuiscono al mantenimento della casa è solo del 43,2%, questa incidenza sale per i rispondenti con titolo di studio superiore (45,7%) o per i laureati (57,3%); se la percentuale dei rispondenti con qualifica operaia è del 48,1%, maggiore è la quota per gli impiegati (51,3%) e, in modo più significativo, per imprenditori, liberi professionisti, dirigenti e alti funzionari (60,6%). Gli asili nido per la prima infanzia e l assistenza domiciliare per gli anziani sono i servizi maggiormente necessari. Questo viene ribadito e rafforzato anche da quanti rispondono al quesito sulla opportunità di introdurre nuovi servizi. 9/03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 14

15 Opportunità di nuovi servizi [Lm7/Fm6] E sulla accessibilità dei servizi per i bambini e per gli anziani dal punto di vista dei costi, della distribuzione territoriale e degli orari di questi servizi che ci si sofferma nei commenti: Già se ci fossero e funzionassero tutti i servizi sopra elencati potremmo considerarci quasi al pari di altri paesi europei Sarebbe utile fornire supporto economico a chi non riesce ad avere accesso ai nidi comunali Tutti quelli elencati sopra, in quanto poco scarsamente esistenti sul territorio e se esistenti carissimi e quindi non accessibili. Più che nuovi servizi forse sarebbe il caso di potenziare quelli già in essere, tenendo in considerazione la grande diversità di accesso agli stessi per chi non abita in città. Basterebbe aumentare il numero dei servizi già individuati Tutti i precedenti elencati: non sempre sono presenti e soprattutto a prezzi accessibili E' ovvio che l'introduzione di nuovi servizi migliorerebbe la conciliazione, ma molto sinceramente basterebbe, prima, far funzionare bene quelli già presenti, e poi aumentarne il numero (es: nidi, nidofamiglia) Non servirebbero tanto nuovi servizi quanto maggiore duttilità di orari Tutti quelli sopra elencati visto che sono ancora oggi scarsi nel territorio e molto costosi Ritengo sia più utile migliorare e integrare quelli esistenti Sarebbe sufficiente sviluppare tutti i servizi elencati sopra. Più che 'nuovi' servizi serve ottimizzare quelli esistenti: migliorarli, articolarli e garantire un accesso a basso costo. Anzitutto migliorare quelli già esistenti in quanto scarsi e/o troppo costosi Sarebbe già molto che quelli esistenti fossero sufficienti per tutti e che avessero un costo alla portata delle (vedi asili nido) Il fatto è che questi servizi sono molto utili, ma non ci sono nel mio paese Il mio Comune offre numerosi servizi al riguardo; non rilevo però uniformità sul territorio più ampio. La rete dei servizi, anche nel solo ambito distrettuale è disomogenea, dettata dalle risorse e dalla sensibilità dei singoli comuni. 9/03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 15

16 Tutti questi aiuti sono validissimi, ma che senso ha un baby parking che chiude alle 18 come il nido, scuola dell'infanzia o elementare? Si avrebbe bisogno di strutture il cui orario di chiusura si estendesse fino a sera e il cui costo non fosse troppo elevato Ma si segnalano anche tre istanze particolarmente sentite e presenti in più casi: la insostituibilità dei genitori nella cura dei figli, e quindi la centralità dell intervento sui temi della flessibilità del lavoro, la personalizzazione dei servizi e, infine, la necessità che vi sia più ampia informazione sulle opportunità. Qualche esempio della prima istanza: I genitori dovrebbero poter occuparsi direttamente dei propri figli e, anche se non lavoratori dipendenti, (dovrebbero poter godere) di orari flessibili Tutti quelli descritti sopra, ma soprattutto vanno aiutati i genitori ad occuparsi dei propri figli, non sostituirsi a loro nella gestione e nella cura perché passino le loro giornate al lavoro. L'aiuto dei vari componenti della famiglia, sia uomo che donna, sono ineguagliabili confrontati con gli aiuti esterni di associazione o badanti. La regione dovrebbe spendere meglio dando direttamente alle che ne hanno necessità: + part-time per i genitori Il "mestiere" di genitore non è molto delegabile. Si può conciliare famiglia e lavoro ed essere sereni se ci si può permettere un buon supporto di aiuto domestico, ma ciò richiede disponibilità di denaro (i servizi si pagano!) Migliori politiche di assenza-minor presenza dal lavoro. Non mi piacerebbe comunque che io sono al lavoro e qualcun altro si occupi dei miei figli. Vorrei avere la libertà di poter decidere di fare un figlio e gestirmi il lavoro in modo autonomo. Qualche esempio della seconda istanza (a cui si possono associare anche le numerose richieste di tagesmutter, correttamente individuato e specificato come operatore educativo esperto a supporto dell azione dei genitori): Consulente per controllo corretta gestione (del) rapporto figli-genitori Aiuto di personale specializzato nella cura dei bambini e degli anziani a domicilio. Si verrebbero a creare nuove figure professionali. Io ho il marito disabile, vorrei che di fronte a questo tipo di problemi ci fosse più umanità e meno burocrazia. Per l'infanzia invece più accessi alle strutture che accudiscano i ragazzi che sono spesso soli e isolati. Bisognerebbe rivedere il modello di (assistenza) Servizi assistenza domiciliare per anziani (anche psicologica), servizi di accompagnamento ai figli, anche oltre l'età dell'infanzia, con personale appositamente formato.. Servizi agli anziani, compagnia. Qualche esempio della terza: Mancanza di informazione, mancanza di incentivazione di forme flessibili a livello aziendale e di promozione di reti informali [Mancanza di] assistenza per conoscere le modalità di accesso ai servizi offerti dallo stato o da enti pubblici e privati, agli aiuti (contributi) disponibili e alle pratiche necessarie all accesso Gestione pubblica e gestione privata nei commenti si contrappongono: c è chi auspica un ulteriore ampliamento ai soggetti privati e chi ne denuncia gravi carenze di professionalità e motivazione. 9/03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 16

17 1.3 Il lavoro e la contrattazione sociale L impegno lavorativo riversa sulle, su quelle giovani in particolare, un peso enorme (Tab.1.3.1). Tab Regione Lombardia. Conciliazione famiglia-lavoro. 9. A suo giudizio, quanto influiscono gli impegni di lavoro sulla vita familiare? giovani coppie mature tradizionali altre totale Per nulla Poco 0.4% Abbastanza 4.5% 8.5% 2.7% 9.4% 5.8% Molto 37.4% 54.9% 48.6% 42.3% 42.9% Moltissimo 58.1% 36.6% 48.6% 47.9% 51.3% totale 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% media Di contro gli impegni famigliari non comportano particolare sofferenza nella gestione famigliare (Tab ). Sono comunque sempre le giovani ad accusare maggiormente la contrapposizione tra lavoro e famiglia e a vivere questo intreccio in termini spesso di rinuncia: rinuncia a una piena realizzazione nell ambito dell attività professionale o rinuncia ai diritti/dovere del genitore. 9/03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 17

18 Tab Regione Lombardia. Conciliazione famiglia-lavoro. 10. E quanto influiscono gli impegni famigliari sul lavoro? giovani coppie mature tradizionali altre totale Per nulla 3.2% 8.5% 1.1% 4.8% Poco 10.3% 16.9% 17.6% 17.9% 12.3% Abbastanza 27.6% 31.0% 33.8% 28.1% 28.6% Molto 32.7% 31.0% 35.1% 33.6% 32.2% Moltissimo 26.3% 12.7% 13.5% 19.3% 22.0% totale 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% media Questa contrapposizione trova fondamento anzitutto nella miopia delle aziende a cogliere la piena realizzazione delle aspettative dei dipendenti verso la famiglia come fattore di sviluppo e vantaggio concorrenziale (Tab ). Tab Regione Lombardia. Conciliazione famiglia-lavoro. Per una azienda la soddisfazione dei dipendenti è un costo da affrontare o un vantaggio su cui investire? giovani coppie mature tradizionali altre totale Costo 11.5% 1.6% 7.4% 8.3% 8.9% Vantaggio 88.5% 98.4% 92.6% 91.7% 91.1% totale 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% Le ragioni del vantaggio che la conciliazione comporta per l impresa sono principalmente nell equazione maggior serenità dei lavoratori = maggior produttività dell impresa. E' dimostrato che un dipendente felice è un dipendente più produttivo. Semplifico: Una migliore gestione della vita personale di una persona consente una minore dispersione di risorse, un lavoratore "alleggerito", quindi una resa più performante nella propria attività lavorativa. La presenza di dipendenti più serene, in quanto meno assillate dai problemi famigliari, porterebbe ad un maggior rendimento e ad una maggiore attenzione nello svolgimento delle attività d'impresa 9/03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 18

19 Il valore aggiunto che può dare una risorsa che si ritenga soddisfatta del suo impegno professionale e del suo contributo alla vita familiare è inestimabile. Il dipendente con meno problemi lavora meglio ed è più soddisfatto. Più tempo a disposizione fuori dal lavoro, si tradurrebbe in meno assenteismo e più resa. Ma non solo. Vantaggi offerti dalla conciliazione all impresa [Lm7/Fm6] Crescerebbe il senso d appartenenza dei lavoratori e la loro fiducia nell impresa; verrebbe assicurata la loro partecipazione agli obiettivi, comporterebbe un cambiamento delle organizzazioni nella direzione di uno sviluppo per progetti, sicuramente più efficiente di un sistema fondato sull orario di lavoro. Meno assenteismo, più continuità nel lavoro, più attenzione e dedizione, senso di appartenenza da parte dei lavoratori che percepirebbero l'impresa capace di promuovere azioni di conciliazione come una alleata nel costruire condizioni di vita migliori In termini di fidelizzazione del dipendente e di soddisfazione/serenità che influirebbe certamente oltre che sul benessere della persona, anche sui risultati del lavoro Un guadagno in termini di aumento di senso di appartenenza del dipendente alla struttura e di minori assenze dovute a migliori condizioni di conciliazione La conciliazione consente di elevare il senso di appartenenza all'impresa; migliora la qualità della vita e dell'attività dell'individuo; riduce le assenze dovute a stress o a impegni familiari. Permetterebbe alle aziende di avvalersi, a tutti i livelli e in particolar modo, nelle funzioni di leadership, di una risorsa importante ed essenziale in un azienda moderna, una risorsa capace di interpretare i bisogni del mercato, sicuramente meno corruttibile, più equilibrata: le donne e quanti hanno obblighi rispetto alla propria famiglia. 9/03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 19

20 Aprirebbe il mercato del lavoro alle donne che oggi ne sono escluse quindi consentirebbe alle imprese di avere maggior scelta nella selezione dei talenti Accesso ad un numero più ampio di risorse umane pregiate' Le differenze di vedute e lo stile delle scelte tipicamente dei leader femminili hanno permesso, ad esempio alla Volvo Cars, il rilancio della immagine (aziendale) e un successo di marketing, più vicino alle richieste degli utenti Una donna in grado di gestire una famiglia non incontrerà nessun tipo di difficoltà nel gestire un ufficio, saprà instradare e valorizzare ognuno e tenere ordine in tutto. Quindi maggiore efficienza e risparmio Introduzione di stili organizzativi e di leadership meno competitivi e più attenti a diversi criteri di vantaggio aziendale e socio-culturale. Il mercato é formato da individui e se l'impresa al suo interno rispecchia il mondo esterno riesce ad offrire servizi e prodotti per tutti, dall'interno la visione é parziale e il risultato sarà parziale. Molti vedono però la conciliazione anche come irrinunciabile dovere per l impresa moderna, socialmente responsabile, partecipe dei destini dell intera società e non solo provvisoria struttura dedita al profitto. E l azienda il principale attore della conciliazione (Tab ), per le sue ampie possibilità d intervento su tutti gli ambiti di attrito tra lavoro e famiglia e principalmente sull assenza di flessibilità nel lavoro e sulla scarsa considerazione e, spesso, sull emarginazione delle donne madri. Tab Regione Lombardia. Conciliazione famiglia-lavoro. 20. Quanto le aziende possono facilitare processi di conciliazione intervenendo nei seguenti ambiti? giovani coppie mature tradizionali altre totale a. Organizzazione dell attività lavorativa: flessibilità orari, utilizzo di tecnologie, ecc b. Cultura aziendale e comunicazione interna c. Benefit aziendali (retribuzioni/voucher/kit di beni) d. Servizi di cura e time saving I gruppi presentano delle differenze sui modi ritenuti più adeguati per l affermarsi di condizioni lavorative in grado di assicurare una maggiore armonia della vicenda famigliare (Tab ). 9/03/2011 Conciliazione Famiglia Lavoro Cittadini / Enti,Associazioni, Aziende Pagina 20

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

PROGETTO PROVINCIALE CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E TEMPI DI LAVORO DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI FORLì-CESENA

PROGETTO PROVINCIALE CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E TEMPI DI LAVORO DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI FORLì-CESENA Servizio Istruzione, Formazione e Politiche del Lavoro Ufficio Pianificazione Azioni di sistema, formazione per utenze svantaggiate e femminili PROGETTO PROVINCIALE CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E TEMPI

Dettagli

I costi percepiti della maternità per le madri lavoratrici e per le imprese

I costi percepiti della maternità per le madri lavoratrici e per le imprese I costi percepiti della maternità per le madri lavoratrici e per le imprese FEBBRAIO 2012 Indice Introduzione 2 1. I costi diretti 2 2. I costi diretti e indiretti della maternità percepiti dai datori

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Caratteristiche e cause del fenomeno e analisi delle politiche per contenerlo e ridurlo AGOSTO 2011 Not

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Campagna per la promozione dell affidamento familiare Il primo diritto che andrebbe assicurato ad ogni bambino è quello

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Al servizio del lavoro

Al servizio del lavoro www.lavoro.regione.lombardia.it Al servizio del lavoro Guida alle politiche di Regione Lombardia a sostegno dell occupazione. Opportunità e iniziative: per chi è disoccupato per i lavoratori colpiti dalla

Dettagli

CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012

CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012 CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012 ACCORDI SINDACALI BITRON SpA IL CONTESTO Il Gruppo Bitron è presente nella provincia di Cuneo con due unità produttive In provincia

Dettagli

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE Formiche.net 9 settembre 2013 CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE di Alessandra Servidori Il Ministro del lavoro e delle politiche sociali Enrico Giovannini e il Vice ministro Cecilia Guerra

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

Conciliare famiglia e lavoro: un aiuto dai fondi Articolo 9 della Legge 53/2000

Conciliare famiglia e lavoro: un aiuto dai fondi Articolo 9 della Legge 53/2000 Focus Isfol Conciliare famiglia e lavoro: un aiuto dai fondi Articolo 9 della Legge 53/2000 Donatella Gobbi ISSN: 1974-4986 collana Focus Isfol numero 2009/2 dicembre www.isfol.it tema coesione sociale

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione?

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione? 1. Anagrafica 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? Cooperativa Sociale Comune Consorzio Sociale ASL Azienda Servizi alla persona Organizzazione di volontariato Azienda Speciale Comunità

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

COMUNE DI SAN SPERATE Provincia di Cagliari Cap. 09026 UFFICIO SERVIZI SOCIALI P.I. CULTURA SPORT

COMUNE DI SAN SPERATE Provincia di Cagliari Cap. 09026 UFFICIO SERVIZI SOCIALI P.I. CULTURA SPORT COMUNE DI SAN SPERATE Provincia di Cagliari Cap. 9 UFFICIO SERVIZI SOCIALI P.I. CULTURA SPORT Prot. del.. QUESTIONARIO SU GRADO DI SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI RELAZIONE Nell anno il Comune di San Sperate

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli