La comunicazione e gli strumenti di partecipazione on line. Allegato al Documento Intermedio. Allegato al documento intermedio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La comunicazione e gli strumenti di partecipazione on line. Allegato al Documento Intermedio. Allegato al documento intermedio"

Transcript

1 La comunicazione e gli strumenti di partecipazione on line Allegato al Documento Intermedio UNIONE EUROPEA REGIONE SICILIANA 1 Progetto promosso dal Comune di Marsala e cofinanziato a valere sui fondi della Delibera CIPE 35/2005 Assistenza tecnica alla redazione del Piano Strategico:Centro Studi PIM, Avventura Urbana, Eures Group e Itinera Lab

2 2 Allegato al documento intermedio

3 Sommario 1. Premessa Gli strumenti di comunicazione Le iniziative di coinvolgimento della comunità La comunicazione e partecipazione on-line I sondaggi on line La partecipazione attraverso facebook

4 1. Premessa Il presente documento contiene la descrizione dei principi, dei destinatari e delle azioni di comunicazioni che, ad oggi hanno accompagnano l intero processo di elaborazione del Piano strategico. Il processo di costruzione di Piano è accompagnato, infatti, da un Piano della comunicazione che sappia valorizzare le azioni di coinvolgimento degli attori locali, e più in generale della comunità locale, in tutte le fasi del processo. Inoltre, il Piano strategico, così com è stato impostato dall amministrazione, prevede, oltre alle fasi di apertura al pubblico del processo, fasi di analisi, studio e sintesi dei risultati che devono anch esse essere comunicate per fornire ai partecipanti al processo gli strumenti informativi e conoscitivi adeguati per migliorare la formazione della visione complessiva di sviluppo del territorio e le conseguenti azioni e progetti strategici da realizzare. Da questo punto di vista, le azioni di comunicazioni hanno risposto a questa duplice esigenza: da un lato informare la comunità locale sul processo in corso, dall altro attivare canali di comunicazioni efficaci per far circolare le informazioni e le conoscenze necessarie alla costruzione condivisa del Piano stesso. Le azioni di comunicazione si sono ispirate a tre principi: la trasparenza, la tempestività e la semplicità del linguaggio comunicativo. Il Piano strategico rappresenta la sintesi di un patto che le forze politiche, economiche e sociali di una città sottoscrivono per realizzare una propria idea di futuro. Per giungere però alla sottoscrizione del patto è necessario che durante il processo si verifichino alcune condizioni che portino alla costruzione di un sistema di fiducia e reciproco rispetto tra gli attori del territorio. Una della condizioni affinché si instauri un sistema di fiducia è che tutti gli attori possano accedere liberamente alle informazioni e queste sia comunicate in modo trasparente. In altre parole, è fondamentale che l insieme delle informazioni e delle conoscenze che sono prodotte durante il processo di costruzione del Piano siano pubblicizzate e rese immediatamente disponibili al pubblico. La tempestività rappresenta l altro elemento che può predisporre gli attori locali ad un clima di maggiore fiducia, in quanto, la collettività potrà prendere immediatamente visione dei documenti prodotti e dei risultati raggiunti, verificare il contenuto dei documenti stessi ed eventualmente proporre integrazioni e modifiche. Infine, l ultimo elemento che ha contraddistinto l azione di comunicazione, è stata l efficacia del linguaggio utilizzato. Nel caso specifico il linguaggio comunicativo è stato tarato per essere rivolto all intera collettività di Marsala e soprattutto ai giovani, utilizzando, in tal senso i social network come strumenti di diffusione delle informazioni e partecipazione alle scelte progettuali. Pertanto, la semplicità del linguaggio e la descrizione e l uso ridotto di un linguaggio tecnico sono stati i principi che hanno ispirato l elaborazione e l uso dei vari strumenti di comunicazione adottati. 4

5 1. Gli strumenti di comunicazione Le attività di comunicazione sono state precedute dallo studio ed elaborazione di un logo e di un immagine coordinata delle iniziative di comunicazione. La scelta del logo e dell identità visiva del Piano Strategico, inteso come filo visivo ed emotivo che collega tutte le azioni realizzate e che consente ai cittadini e agli attori sociali ed istituzionali di percepire questo legame, è stata oggetto di uno specifico sondaggio on line, come descritto nel capitolo successivo. Con tale sondaggio si è voluto lanciare un messaggio chiaro al territorio di apertura del processo e di partecipazione nella formulazione delle scelte del Piano Strategico sin dalla scelta dell identità grafica. Sono state sottoposte al sondaggio pubblico le seguenti quattro proposte: Un segno per il cambiamento Il segno di un cambiamento è rappresentato dai li colorati che si intrecciano a formare una spirale in crescita e apertura. I fili colorati sono le molte forze e risorse che intrecciate possono fare un cambiamento, un fuoco d artificio, il fuoco d inizio, da cui riavviare lo sviluppo. Il concetto è sfumato verso il significato di far crescere e sviluppare le proprie risorse e sono stati applicati due colori, verde e blu, terra e mare. Il punto di forza di questa proposta è la sua sintesi, la leggerezza e capacità espressiva legata ad un concetto astratto, che non deve veicolare tante informazioni ma solo un modo di sentire Un mosaico di valore Questa proposta è nata immaginando di far riferimento ad un elemento della storia di Marsala, ovvero il mosaico. Il mosaico è rivisitato in chiave attuale e semplii cato e proprone varianti di colore della terra e del mare accostati a disegnare la punta. Lo stesso gioco di disposizione dei quadrati potrebbe essere ripreso negli elaborati grafici e nell impaginazione, alternando foto e colori. Il punto di forza di questa proposta è lo sviluppo di una texture, ovvero di un tipo di oggetto grafico molto facile da declinare e sviluppare quando si realizzano pagine web, depliant e manifesti. Il territorio in movimento Questo logo gioca con la forma della m, trasformandola. La m è diventa un simbolo morbido che richiama quasi l idea di un morso! I punti di forza di questa proposta sono: il fatto che può essere usato come un marchio icona, i colori vivaci e accattivanti e la forma sinuosa, che apre la strada a riempire gli elaborati grafici di colori e forme Una nave verso il futuro La proposta prende spunto dalla nave punica di Marsala, una cosa unica al mondo! L idea è quella di sfruttare la metafora del viaggio, della partenza, del remare tutti nella stessa direzione e levare gli scudi, le proprie forze di fronte alle si de che il futuro pone. La m è unita ad un segno grafico molto essenziale che ricorda la punta molto particolare dell antica nave conservata a Marsala, la i la di pallini ricorda la forma degli scudi e rappresenta le forze che muovono la nave. Il punto di forza di questa proposta è che il logo è radicato in qualcosa che appartiene alla città di Marsala e a nessun altra, e nello spesso tempo è un immagine contemporanea, espressiva e glamour. 5

6 6 Allegato al documento intermedio

7 7 Allegato al documento intermedio

8 8 Allegato al documento intermedio

9 9 Allegato al documento intermedio

10 10 Allegato al documento intermedio

11 La scelta dell identità visiva ha consentito di definirne l applicazione negli strumenti di comunicazione adottati. Qui di seguito si riporta l applicazione dell identità grafica nei principali strumenti di comunicazione adottati in occasione dell evento di partecipazione pubblica dal titolo Ascoltare Marsala: conversazioni sul futuro della Città e che si allegano in originale. 11

12 12 Allegato al documento intermedio

13 13 Allegato al documento intermedio

14 14 Allegato al documento intermedio

15 2. Le iniziative di coinvolgimento della comunità Parallelamente all attività di ascolto, al fine stimolare il coinvolgimento della società locale attraverso pratiche inclusive via via più estese, nel mese di dicembre è stato lanciato un concorso di disegno dal titolo Vorrei crescere con la mia Città, con l obiettivo di coinvolgere i bambini delle quinte classi delle scuole elementari nella costruzione, attraverso il disegno, di un viaggio immaginario nella Marsala in cui vorrebbero vivere, abitare, crescere, studiare, lavorare, nell orizzonte temporale di proiezione del piano (il 2020). Al concorso hanno partecipato circa 100 bambini. 15

16 16 Allegato al documento intermedio

17 Al fine di sensibilizzare e avvicinare la comunità locale ai temi della gestione, della valorizzazione e dello sviluppo del territorio, la Città di Marsala ha aderito, inoltre, alla Giornata nazionale del Paesaggio 2011 organizzata dall Associazione Mondi Locali. Il tema del paesaggio, della sua tutela e della valorizzazione quale risorsa attorno alla quale costruire una strategia di sviluppo futuro della città, è stato uno degli argomenti emersi nel corso del processo di ascolto. L adesione a tale iniziativa di livello nazionale ha costituito l occasione per fare una riflessione collettiva sul paesaggio della fiumara del Sossio, ambito naturalistico di straordinaria bellezza, le cui potenzialità, in termini di valorizzazione e fruizione, saranno valutate nel corso di in una camminata lungo gli argini della fiumara quale momento propedeutico di una successiva fase di elaborazione progettuale. A tutti i partecipanti sarà chiesto di documentare la giornata con fotografie e considerazioni scritte sul valore dei luoghi visitati. Il materiale raccolto sarà quindi la base sulla quale si svilupperà un successivo momento di incontro con la popolazione, per proporre una riflessione sui principi della Convenzione europea del paesaggio e soprattutto sulle strategie di sviluppo da inserire nel piano strategico. Qui di seguito la locandina di invito alla partecipazione alla giornata, programmata per il 26 giugno

18 18 Allegato al documento intermedio

19 3. La comunicazione e partecipazione on-line A supporto del processo di comunicazione e partecipazione caratterizzante l attività di redazione del Piano Strategico è stato realizzato un sito internet (www.pianostrategicomarsala.net) ed è stata attivata una specifica pagina all interno dei uno dei più diffusi social network (www.facebook.com/pianostrategicomarsala). Il sito Internet è stato inteso non solo quale mero strumento di esplorazione documentale e di informazione sull andamento del processo, quanto anche come supporto ai processi di partecipazione ed ascolto. Si è ritenuto, infatti, che la crescita del numero degli utenti Internet fosse una risorsa da sfruttare per conseguire un avvicinamento della pubblica amministrazione ai cittadini su tutte quelle materie in cui è auspicabile l attivazione di forme diversificate di ascolto sociale e per intercettare quelle istanze provenienti da una fascia di popolazione più giovane, generalmente più incline all uso degli strumenti informatici. Coerentemente con queste finalità, il sito è stato articolato nelle seguenti tre sezioni: Una sezione News, finalizzata a porre in evidenza non solo le notizie relative allo svolgimento del processo di pianificazione strategica, quanto anche una selezione delle notizie sulle attività istituzionali o sulla progettualità emergente che intercettano le finalità della pianificazione strategica; Una sezione denominata Forum online, in cui sono presenti diverse funzionalità per garantire più proficue forme di contatto e di ascolto della cittadinanza, e in particolare: (a) uno spazio per condurre sondaggi online periodici, su tematiche (condivise con l amministrazione comunale) che si ritengono interessanti per consolidare le attività di ascolto all interno del processo di pianificazione strategica; (b) una funzionalità di geoblog, per invitare i cittadini a formulare proposte in forma georeferenziata relative a spazi, servizi o infrastrutture di interesse per il miglioramento della qualità della vita della città. Una sezione denominata Il Piano Strategico, contenente tutte le informazioni e i documenti relativi all andamento del processo ed ai suoi risultati, nonché una serie di riferimenti per mettere l utente nelle condizioni di orientarsi tra le tematiche della pianificazione strategica. 19

20 HOME PAGE DEL SITO INTERNET 20

21 Il sito è stato attivato il 12 ottobre 2010, in coincidenza con la presentazione alla cittadinanza del processo di pianificazione strategica e alla data del 31 marzo 2011 ha registrato 2163 visitatori unici assoluti e più di 3600 visite con una media di 18,73 visite al giorno. L aggiornamento costante del sito e la sollecitazione attraverso l invio costante di mail informative sul processo hanno consentito di instaurare un dialogo continuo tra cittadini e gruppo di lavoro ed un processo di arricchimento delle informazioni e delle proposte per il territorio, in particolare attraverso la somministrazione di sondaggi e l attivazione di un Geoblog. I SONDAGGI ON LINE Il primo sondaggio sottoposto alla cittadinanza Marsalese ha riguardato la scelta del logo e dell identità visiva del Piano Strategico, inteso come filo visivo ed emotivo che collega tutte le azioni realizzate e che consente ai cittadini e agli attori sociali ed istituzionali di percepire questo legame. Con tale sondaggio si è voluto lanciare un messaggio chiaro al territorio di apertura del processo e di partecipazione nella formulazione delle scelte del Piano Strategico sin dalla scelta dell identità grafica. Sono state sottoposte al sondaggio pubblico le seguenti quattro proposte: 21

22 SONDAGGIO 1: LE QUATTRO PROPOSTE DI IDENTITÀ VISIVA Un segno per il cambiamento Il segno di un cambiamento è rappresentato dai li colorati che si intrecciano a formare una spirale in crescita e apertura. I fili colorati sono le molte forze e risorse che intrecciate possono fare un cambiamento, un fuoco d artificio, il fuoco d inizio, da cui riavviare lo sviluppo. Il concetto è sfumato verso il significato di far crescere e sviluppare le proprie risorse e sono stati applicati due colori, verde e blu, terra e mare. Il punto di forza di questa proposta è la sua sintesi, la leggerezza e capacità espressiva legata ad un concetto astratto, che non deve veicolare tante informazioni ma solo un modo di sentire Un mosaico di valore Questa proposta è nata immaginando di far riferimento ad un elemento della storia di Marsala, ovvero il mosaico. Il mosaico è rivisitato in chiave attuale e semplii cato e proprone varianti di colore della terra e del mare accostati a disegnare la punta. Lo stesso gioco di disposizione dei quadrati potrebbe essere ripreso negli elaborati grafici e nell impaginazione, alternando foto e colori. Il punto di forza di questa proposta è lo sviluppo di una texture, ovvero di un tipo di oggetto grafico molto facile da declinare e sviluppare quando si realizzano pagine web, depliant e manifesti. Il territorio in movimento Questo logo gioca con la forma della m, trasformandola. La m è diventa un simbolo morbido che richiama quasi l idea di un morso! I punti di forza di questa proposta sono: il fatto che può essere usato come un marchio icona, i colori vivaci e accattivanti e la forma sinuosa, che apre la strada a riempire gli elaborati grafici di colori e forme Una nave verso il futuro La proposta prende spunto dalla nave punica di Marsala, una cosa unica al mondo! L idea è quella di sfruttare la metafora del viaggio, della partenza, del remare tutti nella stessa direzione e levare gli scudi, le proprie forze di fronte alle si de che il futuro pone. La m è unita ad un segno grafico molto essenziale che ricorda la punta molto particolare dell antica nave conservata a Marsala, la i la di pallini ricorda la forma degli scudi e rappresenta le forze che muovono la nave. Il punto di forza di questa proposta è che il logo è radicato in qualcosa che appartiene alla città di Marsala e a nessun altra, e nello spesso tempo è un immagine contemporanea, espressiva e glamour. 22

23 I risultati del sondaggio, a cui hanno partecipato più di 100 cittadini, hanno premiato la prima proposta grafica con il 35,9% di preferenze Il secondo sondaggio ha avuto l obiettivo di verificare le azioni ritenute prioritarie per rilanciare lo sviluppo della città. E stata sottoposta la seguente domanda: Quali scelte fareste per il futuro della Città? proponendo 7 possibili risposte a cui gli interlocutori dovevano attribuire un ordine di priorità. SONDAGGIO 2: AZIONI PRIORITARIE PER RILANCIARE IL FUTURO DELLA CITTÀ Quali scelte fareste per il futuro della Città? Potenziare il Porto e le infrastrutture 14,20% 10,20% 18,10% Migliorare la qualità dello spazio fisico Potenziare l'accoglienza turistica 14,60% Valorizzare l'agricoltura e le tipicità produttive 14,70% Promuovere l'offerta culturale 13,40% 14,80% Valorizzare il sistema della formazione e delle competenze Altro I risultati del secondo sondaggio, a cui hanno partecipato circa 100 cittadini, mettono in evidenza un sostanziale equilibrio fra le tematiche di intervento proposte, con una leggera preferenza del tema relativo alle infrastrutture e del porto in particolare collegato al potenziamento dell accoglienza turistica. Con l obiettivo di integrare il processo di pianificazione con le scelte operative di breve periodo aventi rilevanza strategica, e fare in modo, quindi che l approccio strategico e partecipativo cominciasse ad essere internalizzato all interno della 23

24 struttura burocratica dell ente, è stato proposto la realizzazione di un terzo sondaggio avente come obiettivo acquisire utili indicazioni circa la destinazione di un area che dal processo stesso di pianificazione e dalle attività di ascolta risultava essere individuata come area strategica di sviluppo della città. L occasione è stata data dalla firma di un protocollo di intesa tra l Amministrazione Comunale ed il Ministero della Difesa riguardante per la valorizzazione ed alienazione degli immobili militari dell'area di Punta Alga, con annessi Hangar Nervi. L importanza dell area sia per la sua posizione geografica che per il valore dal punto di vista architettonico delle sue costruzioni.ha suggerito all amministrazione comunale di avviare un processo di consultazione della cittadinanza da inserire all interno del processo di pianificazione strategica. In tal senso il sondaggio ha voluto sottoporre alla valutazione dei cittadini i principi progettuali, i valori da tenere in considerazione nella successiva attività di progettazione e riqualificazione dell Area. Ai cittadini è stata sottoposta la seguente domanda Quali ritieni che siano i principi progettuali da considerare nella riqualificazione dell area ex-militare dei Capannoni Nervi?, proponendo le seguenti opzioni a cui attribuire un ordine di priorità. I risultati del terzo sondaggio, a cui hanno partecipato circa 90 cittadini, hanno evidenziato il prevalere dei principi storico-culturali, dei principi ecologici ispirati alla sostenibilità ambientale ed energetica ed i principi gestionali, quali principi prioritari che devono guidare la progettazione e la scelta delle funzioni da insediare nell area. 24

25 Quali ritieni che siano i principi progettuali da considerare nella riqualificazione dell area ex-militare dei Capannoni Nervi? L'adozione di criteri progettuali ispirati alla sostenibilità ambientale ed energetica (Principi ecologici) Il rispetto del valore storicoarchitettonico degli edifici (Principi storico-culturali) 12,40% 9,90% 15,60% La presenza di funzioni sociali e ricreative rivolte all'intera collettività (Fruibilità 15,60% 16,80% L integrazione urbanistica con altri interventi del waterfront urbano (Integrazione territoriale) 14,70% 14,80% La previsione di funzioni in grado di garantirne la sostenibilità gestionale (Principi gestionali) Il valore simbolico degli edifici come porta di accesso alla città (Principi simbolici) Altro 25

26 26 Allegato al documento intermedio

27 IL GEOBLOG Particolarmente innovativo come strumento ed interessante dal punto di vista dei risultati ottenuti è stato l attivazione del Geoblog per il Piano Strategico, un sistema che ha consentito a tutti i cittadini di suggerire progetti ed iniziative che possono contribuire a migliorare la qualità della vita della città localizzate spazialmente. Si tratta di uno strumento elaborato a supporto del processo partecipativo del piano strategico ma che potrebbe in futuro essere ulteriormente sviluppato per essere utilizzato per facilitare i processi di dialogo fra i cittadini e la pubblica amministrazione e come mezzo di comunicazione interattiva per la discussione pubblica di temi e progetti nell ottica di migliorare la ricognizione dei bisogni e l efficacia delle scelte da parte della pubblica amministrazione Tale strumento, sviluppato con un interfaccia utente semplice ed intuitiva, consente a chi accede al sistema di esprimere in modo semplice e diretto le proprie opinioni su problematiche di natura urbana, consente inoltre di fornire indicazioni, suggerimenti, proposte progettuali per la costruzione condivisa di mappe cognitive tematiche del territorio. Il Geoblog ha permesso di costruire una prima versione della "mappa dei progetti dei cittadini". GEOBLOG DEL PIANO STRATEGICO Attraverso il Geoblog i cittadini hanno avuto la possibilità di localizzare le proprie proposte progettuali o suggerimenti, che sono state classificate all interno di specifiche categorie di intervento. Alla data odierna sono pervenuti i seguenti 63 suggerimenti progettuali di intervento: 27

28 Riqualificazione Urbana: Riqualificazione di Corso Calatafimi, divieto di sosta e fermata lungo tutto il corso Calatafimi, allargare i marciapiedi, manto stradale e illuminazione nuovi ; Riqualificazione/recupero litorale sud! Una città turistica legata al mare non può prescindere dalla presenza di spiagge degne di questo nome! ; Riqualificazione/recupero litorale sud! Una città turistica legata al mare non può prescindere dalla presenza di spiagge degne di questo nome! ; Riqualificare l'area di Piazza del Popolo, rendendola area pedonale, ciclabile e con verde pubblico, e procedendo al trasferimento dell'autostazione nei pressi della Stazione Ferroviaria ; Riqualificazione di tutta l'area di Piazza del Popolo, via Vespri e Piazza Mameli con: demolizione della Stazione degli autobus urbani (il capolinea sarà spostato presso l'ex scalo merci ferroviario); realizzazione di parcheggio a raso (al posto della Autostazione) in adiacenza la via E. Alagna e la via Mazzini; realizzazione di una piazza pedonale nell'attuale area di parcheggio; Collocazione di cicloposteggi e colonnine di ricarica per veicoli elettrici; Chiusura al traffico veicolare di via Vespri e piazza Mameli (passaggio consentito solo alle bici e piccoli mezzi elettrici); Il carico e scarico merci sarà consentito solo a mezzo di carrelli elettrici ; Ritengo sia bello, qualificante ed utile, concedere a titolo gratuito a tutti coloro che ne facessero richiesta, la possibilità di creare punti vendita di piante e fiori per tutto il centro storico della Città. (vedasi Firenze, Roma, Bologna, Milano, Genova ecc. per non parlare delle Città straniere come Parigi, Stoccolma, Berlino, Praga), darebbero allegria, profumo e colore ad un centro storico parecchio monocromatico ; Riqualificazione dell'intera zona Archeologica, miglioramento della viabilità, creazione di aree di sosta, accessibilità al parco archeologico, istituzione di navette (mezzi pubblici) che effettuano il giro del centro storico o quanto meno lo circoscrivono, una sorta di circonvallazione interna (vedi Milano) che permetterebbe di lasciare l'auto in sosta e di muoversi coi mezzi o a piedi. Bike Point - noleggio gratuito o a pagamento di biciclette (vedi Milano), si potrebbero creare dei punti di noleggio bici, uno in zona Piazza della Vittoria ed un altro in zona Piazza del Popolo (è un esempio), con l'annessa creazione di percorsi ciclabili ; Trasformare l'area ex Idroscalo A.M. in una area destinata al Salone Nautico del Mediterraneo. Salvaguardando i capannoni Nervi (monumento nazionale) che data la grandezza ben si prestano ad ospitare le imbarcazioni. Altresì, il resto dell'area può essere destinata a cittadella degli sport acquatici ; Recupero del centro storico: acquistare tutti i ruderi o fabbricati vecchi del centro storico, ristrutturarli e dotandoli di pannelli solari. una volta ristrutturati darli, tramite un apposito bando a giovani coppie, bisognosi, anziani a modiche cifre. obbiettivi: -recupero e valorizzazione centro storico; -dare una casa a chi non ce l'ha; - evitare di intasare i già popolati quartieri periferici; -risparmio del suolo pubblico; - 28

29 risparmio energetico, dovuto all'utilizzo dei pannelli solari sulle abitazioni; tutto ciò, e già realtà in alcune città (vedi Parigi) ; Non avrebbe più senso in una Città avere l'autostazione posizionata nelle vicinanze della Stazione Ferroviaria, piuttosto che ad una distanza di qualche Km come invece abbiamo qui a Marsala?? allora mi chiedo, perché non procedere alla riqualificazione dell'area vicino alla Stazione Ferroviaria che attualmente viene destinata a deposito ed alla riconversione della stessa per adibirla ad Autostazione? in tal modo ci sarebbe inoltre la possibilità di riqualificare anche Piazza del Popolo, facendola diventare un ulteriore "salotto" di Marsala. Ma soprattutto si renderebbe molto più agevole, ai turisti in visita alla nostra città, la possibilità di spostamento e visita della stessa! Rendere Marsala un cosiddetto "Comune Rinnovabile", mediante l'inserimento, qualora ancora non vi fosse, all'interno del proprio Regolamento Edilizio, dell'obbligo di installazione di pannelli solari (sia termico che fotovoltaico) nei nuovi interventi edilizi (nuove costruzioni) e nelle ristrutturazioni di una certa consistenza. Provvedendo anche a solarizzare i tetti degli edifici pubblici, come scuole, biblioteche, uffici, impianti sportivi, ecc. ; Riqualificazione di Piazza G. Marconi (o P.zza Porticella). ( ) Da rivedere assolutamente l'immagine, l'estetica magari rivalorizzandola con giardini curati, prati verdi, parco giochi per bambini, una illuminazione meritevole di questa piazza. Programmare un servizio di vigilanza attento a beneficio della sicurezza del cittadino, senza però dimenticare mai la praticità e i servizi che si possono ricavare per la viabilità attraverso la creazione di un parcheggio sotterraneo, tutto questo a beneficio della scorrevolezza e organizzazione del traffico cittadino.. ;. Valorizzazione delle bellezze naturali e paesaggistiche intrinseche in una cava di tufo dismessa al fine di ricavarne un polo d'attrazione turistica ; Viabilità e Parcheggi: Collegamento SS115-Via Tunisi: ampliare la sede stradale in modo da permettere un buon collegamento tra queste due importanti arterie e snellire il traffico sulla via mazara ; Per migliorare la viabilità tra la città di Marsala ed i suoi lidi, istituire permanentemente due distinti sensi unici di marcia (che verrebbero ad essere a due corsie). Il primo che vada dal Lungomare Vincenzo Florio verso i Lidi, ed il secondo che, in direzione contraria colleghi, attraverso la strada Contrada Casabianca/Via Mario Gandolfo, i Lidi con la città (in piccola parte, oggi avviene così unicamente nei fine settimana del periodo estivo. Ma la via Mario Gandolfo rimane a doppio senso di circolazione, creando notevoli difficoltà nella viabilità). Ovviamente si dovrebbe provvedere anche all'apertura di strade, a doppio senso di circolazione, perpendicolari alle due succitate arterie, in modo da consentire il passaggio da una all'altra. Così facendo ci sarebbe inoltre la possibilità di creare delle piste ciclabili/pedonali che da Marsala conducano ai Lidi e viceversa ; 29

30 Contrada San Silvestro. Riqualificazione dell'area, in cui sono presenti abitazioni e attività artigianali che insistono su una strada non asfaltata, priva di marciapiedi e parcheggi, che crea agli abitanti e fruitori molti disagi ; Rivedere e migliorare la viabilità di Corso Calatafimi e di Via Sirtori. Negli ultimi anni il traffico veicolare si è notevolmente intensificato, rendendo le due arterie stradali difficilmente percorribili, soprattutto in alcune ore della giornata. Si potrebbe pensare all'istituzione di sensi unici e all'apertura, qualora necessario, di ulteriori strade che colleghino Corso Calatafimi alla Via Dante Alighieri/Circonvallazione. Bisognerebbe infine cercare una soluzione alla problematica costituita dai passaggi a livello che, nelle ore di traffico più intenso, spesso sono a sbarre chiuse per consentire il passaggio dei treni. In questo caso si potrebbe pensare a dei sottopassaggi simili a quello già esistente nei pressi di Corso Gramsci ; Attualmente la città viene falciata in due dalla linea ferroviaria,e i collegamenti tra le due parti avviene soltanto tramite 5 passaggi a livello, un sovrappasso e un sottopasso. Varie strade sono a fondo cieco a causa della ferrovia (esempio: via libertà, zona stadio, etc). Il caos viabile che si verifica durante la chiusura dei passaggi a livello è notorio a tutti. E' necessaria una soluzione che elimini tutti i passaggi a livello dell'area urbana, ripristini i collegamenti viabili interrotti, utilizzi l'area soprastante per realizzare un nuovo collegamento viario. Tale soluzione è quella di interrare nel tratto urbano la linea ferrata, vedi Palermo ; Piazza del Popolo e la piazza che non ha niente di quello che si può definire tale, rappresenta per me altri spazi importanti nel centro di marsala ma inutili e sprecati anzi crea difficoltà enormi di viabilità. La mia proposta e' quella di trasferire il traffico dei bus e la stessa stazione nella zona della stazione ferroviaria". Come già qualcuno ha proposto, occorre abbattere quello scempio di struttura cementizia e creare una piazza verde rialzata, magari realizzando qualche monumento con un gioco d'acqua ovviamente abbellita da prato verde aiuole ecc. Ovviamente la piazza oltre che il lato estetico fungerebbe da rotatoria darebbe luce alla città e anche in questo caso come ho già detto di Piazza Francesco Pizzo creare per quanto e' grande la piazza parcheggi sotterranei... ; Rivalorizzazione della piazza Francesco Pizzo con giardini curati e' illuminazione meritevole di questa piazza ma principalmente un parcheggio pubblico sotterraneo per quanto e' grande la piazza. A mio avviso una grande opera che ci permetterebbe di guadagnare viabilità e una grande disponibilità di posti auto. Ritengo che questa città (in particolare nel centro ) abbia bisogno di opere di miglioramento e non di costruzione quindi non riempiamo più di cemento questa città ma abbelliamo quello che abbiamo ; Un'altro parcheggio che si può realizzare nelle vicinanze del centro è lo spazio non utilizzato adiacente al cimitero. 1-riqualificazione piazza Sant'Agostino con la posa di basolato e nuovi arredi; 2-divieto di sosta in tutta l'area, soprattutto l'ingresso del cimitero; 3-creare una nuovo area x la vendita dei fiori; 4-realizzazione P. multipiano (max 2 piani) dietro l'attuale area di vendita dei fiori; 5-realizzazione di un viale alberato e una zona verde tra piazza cimitero e il nuovo Parcheggio ; 30

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 Fiorire del Secchia La costruzione di un Parco Aperto Obbiettivi: Salvaguardare l ambientale;

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

LISTA PROGETT I- Fonte di finanziamento: REGIONE

LISTA PROGETT I- Fonte di finanziamento: REGIONE N. Denominazione Livello di Progett Gen Set Cat Importo in migliaia di euro 1. Pavimentazione ed arredo urbano vie, piazze, centro storico, via Bixio, Cancellieri, Dei Mille, Esecutiva 1 1 1 959 VIA CAVOUR

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta PREMESSA L itinerario lungo il corso del fiume Brenta è motivato dalla presenza di un area di notevole interesse ambientale che merita una sua specifica valorizzazione anche a livello di turismo minore

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani, d'improvviso, non esistessero più gli artigiani? Una macchina

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

12 - APQ Beni Culturali

12 - APQ Beni Culturali 12 - APQ Beni Culturali Assessorato Pubblica Istruzione Schede di sintesi per intervento al 31 dicembre 2006 Cagliari, febbraio 2007 12 - Beni Culturali Indice Pag. Intervento 1 APQ Originario 1 1 - SarBC-SF1

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO CEMENTO E SOLO CEMENTO Il futuro di Salò non può essere ancora di mattoni, di seconde case, di case vuote e di case invendute. La volumetria approvata (oltre 250 appartamenti) corrisponde a circa il 10%

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2013/2015 DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNE DI ALCAMO

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2013/2015 DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNE DI ALCAMO SCHEDA : PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 0/05 DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNE DI ALCAMO QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI ARCO TEMPORALE DI VALIDITÀ DEL PROGRAMMA TIPOLOGIE RISORSE Disponibilità finanziaria

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA DGR n 896 del 24/06/2003 Pubblicata sul Bur n 62 del 11/07/2003 2 OGGETTO: Legge n.447/1995 Legge quadro sull inquinamento acustico e legge regionale 14 novembre 2001, n.28 Norme per

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Progetto Nazionale di Educazione al Patrimonio 2011-2012 Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Presentazione Sul presupposto che si conserva

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA COMUNE DI RAVENNA Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA Anno scolastico 2007/2008 PREMESSA Il Piedibus è il modo più sano, sicuro, divertente ed ecologico per andare e tornare da scuola. E un autobus

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note:

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note: REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COLLOCAZIONE DI INSEGNE DI ESERCIZIO, CARTELLI, ALTRI MEZZI PUBBLICITARI, SEGNALI TURISTICI E DI TERRITORIO E SEGNALI CHE FORNISCONO INDICAZIONE DI SERVIZI UTILI Approvato:

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli