La comunicazione e gli strumenti di partecipazione on line. Allegato al Documento Intermedio. Allegato al documento intermedio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La comunicazione e gli strumenti di partecipazione on line. Allegato al Documento Intermedio. Allegato al documento intermedio"

Transcript

1 La comunicazione e gli strumenti di partecipazione on line Allegato al Documento Intermedio UNIONE EUROPEA REGIONE SICILIANA 1 Progetto promosso dal Comune di Marsala e cofinanziato a valere sui fondi della Delibera CIPE 35/2005 Assistenza tecnica alla redazione del Piano Strategico:Centro Studi PIM, Avventura Urbana, Eures Group e Itinera Lab

2 2 Allegato al documento intermedio

3 Sommario 1. Premessa Gli strumenti di comunicazione Le iniziative di coinvolgimento della comunità La comunicazione e partecipazione on-line I sondaggi on line La partecipazione attraverso facebook

4 1. Premessa Il presente documento contiene la descrizione dei principi, dei destinatari e delle azioni di comunicazioni che, ad oggi hanno accompagnano l intero processo di elaborazione del Piano strategico. Il processo di costruzione di Piano è accompagnato, infatti, da un Piano della comunicazione che sappia valorizzare le azioni di coinvolgimento degli attori locali, e più in generale della comunità locale, in tutte le fasi del processo. Inoltre, il Piano strategico, così com è stato impostato dall amministrazione, prevede, oltre alle fasi di apertura al pubblico del processo, fasi di analisi, studio e sintesi dei risultati che devono anch esse essere comunicate per fornire ai partecipanti al processo gli strumenti informativi e conoscitivi adeguati per migliorare la formazione della visione complessiva di sviluppo del territorio e le conseguenti azioni e progetti strategici da realizzare. Da questo punto di vista, le azioni di comunicazioni hanno risposto a questa duplice esigenza: da un lato informare la comunità locale sul processo in corso, dall altro attivare canali di comunicazioni efficaci per far circolare le informazioni e le conoscenze necessarie alla costruzione condivisa del Piano stesso. Le azioni di comunicazione si sono ispirate a tre principi: la trasparenza, la tempestività e la semplicità del linguaggio comunicativo. Il Piano strategico rappresenta la sintesi di un patto che le forze politiche, economiche e sociali di una città sottoscrivono per realizzare una propria idea di futuro. Per giungere però alla sottoscrizione del patto è necessario che durante il processo si verifichino alcune condizioni che portino alla costruzione di un sistema di fiducia e reciproco rispetto tra gli attori del territorio. Una della condizioni affinché si instauri un sistema di fiducia è che tutti gli attori possano accedere liberamente alle informazioni e queste sia comunicate in modo trasparente. In altre parole, è fondamentale che l insieme delle informazioni e delle conoscenze che sono prodotte durante il processo di costruzione del Piano siano pubblicizzate e rese immediatamente disponibili al pubblico. La tempestività rappresenta l altro elemento che può predisporre gli attori locali ad un clima di maggiore fiducia, in quanto, la collettività potrà prendere immediatamente visione dei documenti prodotti e dei risultati raggiunti, verificare il contenuto dei documenti stessi ed eventualmente proporre integrazioni e modifiche. Infine, l ultimo elemento che ha contraddistinto l azione di comunicazione, è stata l efficacia del linguaggio utilizzato. Nel caso specifico il linguaggio comunicativo è stato tarato per essere rivolto all intera collettività di Marsala e soprattutto ai giovani, utilizzando, in tal senso i social network come strumenti di diffusione delle informazioni e partecipazione alle scelte progettuali. Pertanto, la semplicità del linguaggio e la descrizione e l uso ridotto di un linguaggio tecnico sono stati i principi che hanno ispirato l elaborazione e l uso dei vari strumenti di comunicazione adottati. 4

5 1. Gli strumenti di comunicazione Le attività di comunicazione sono state precedute dallo studio ed elaborazione di un logo e di un immagine coordinata delle iniziative di comunicazione. La scelta del logo e dell identità visiva del Piano Strategico, inteso come filo visivo ed emotivo che collega tutte le azioni realizzate e che consente ai cittadini e agli attori sociali ed istituzionali di percepire questo legame, è stata oggetto di uno specifico sondaggio on line, come descritto nel capitolo successivo. Con tale sondaggio si è voluto lanciare un messaggio chiaro al territorio di apertura del processo e di partecipazione nella formulazione delle scelte del Piano Strategico sin dalla scelta dell identità grafica. Sono state sottoposte al sondaggio pubblico le seguenti quattro proposte: Un segno per il cambiamento Il segno di un cambiamento è rappresentato dai li colorati che si intrecciano a formare una spirale in crescita e apertura. I fili colorati sono le molte forze e risorse che intrecciate possono fare un cambiamento, un fuoco d artificio, il fuoco d inizio, da cui riavviare lo sviluppo. Il concetto è sfumato verso il significato di far crescere e sviluppare le proprie risorse e sono stati applicati due colori, verde e blu, terra e mare. Il punto di forza di questa proposta è la sua sintesi, la leggerezza e capacità espressiva legata ad un concetto astratto, che non deve veicolare tante informazioni ma solo un modo di sentire Un mosaico di valore Questa proposta è nata immaginando di far riferimento ad un elemento della storia di Marsala, ovvero il mosaico. Il mosaico è rivisitato in chiave attuale e semplii cato e proprone varianti di colore della terra e del mare accostati a disegnare la punta. Lo stesso gioco di disposizione dei quadrati potrebbe essere ripreso negli elaborati grafici e nell impaginazione, alternando foto e colori. Il punto di forza di questa proposta è lo sviluppo di una texture, ovvero di un tipo di oggetto grafico molto facile da declinare e sviluppare quando si realizzano pagine web, depliant e manifesti. Il territorio in movimento Questo logo gioca con la forma della m, trasformandola. La m è diventa un simbolo morbido che richiama quasi l idea di un morso! I punti di forza di questa proposta sono: il fatto che può essere usato come un marchio icona, i colori vivaci e accattivanti e la forma sinuosa, che apre la strada a riempire gli elaborati grafici di colori e forme Una nave verso il futuro La proposta prende spunto dalla nave punica di Marsala, una cosa unica al mondo! L idea è quella di sfruttare la metafora del viaggio, della partenza, del remare tutti nella stessa direzione e levare gli scudi, le proprie forze di fronte alle si de che il futuro pone. La m è unita ad un segno grafico molto essenziale che ricorda la punta molto particolare dell antica nave conservata a Marsala, la i la di pallini ricorda la forma degli scudi e rappresenta le forze che muovono la nave. Il punto di forza di questa proposta è che il logo è radicato in qualcosa che appartiene alla città di Marsala e a nessun altra, e nello spesso tempo è un immagine contemporanea, espressiva e glamour. 5

6 6 Allegato al documento intermedio

7 7 Allegato al documento intermedio

8 8 Allegato al documento intermedio

9 9 Allegato al documento intermedio

10 10 Allegato al documento intermedio

11 La scelta dell identità visiva ha consentito di definirne l applicazione negli strumenti di comunicazione adottati. Qui di seguito si riporta l applicazione dell identità grafica nei principali strumenti di comunicazione adottati in occasione dell evento di partecipazione pubblica dal titolo Ascoltare Marsala: conversazioni sul futuro della Città e che si allegano in originale. 11

12 12 Allegato al documento intermedio

13 13 Allegato al documento intermedio

14 14 Allegato al documento intermedio

15 2. Le iniziative di coinvolgimento della comunità Parallelamente all attività di ascolto, al fine stimolare il coinvolgimento della società locale attraverso pratiche inclusive via via più estese, nel mese di dicembre è stato lanciato un concorso di disegno dal titolo Vorrei crescere con la mia Città, con l obiettivo di coinvolgere i bambini delle quinte classi delle scuole elementari nella costruzione, attraverso il disegno, di un viaggio immaginario nella Marsala in cui vorrebbero vivere, abitare, crescere, studiare, lavorare, nell orizzonte temporale di proiezione del piano (il 2020). Al concorso hanno partecipato circa 100 bambini. 15

16 16 Allegato al documento intermedio

17 Al fine di sensibilizzare e avvicinare la comunità locale ai temi della gestione, della valorizzazione e dello sviluppo del territorio, la Città di Marsala ha aderito, inoltre, alla Giornata nazionale del Paesaggio 2011 organizzata dall Associazione Mondi Locali. Il tema del paesaggio, della sua tutela e della valorizzazione quale risorsa attorno alla quale costruire una strategia di sviluppo futuro della città, è stato uno degli argomenti emersi nel corso del processo di ascolto. L adesione a tale iniziativa di livello nazionale ha costituito l occasione per fare una riflessione collettiva sul paesaggio della fiumara del Sossio, ambito naturalistico di straordinaria bellezza, le cui potenzialità, in termini di valorizzazione e fruizione, saranno valutate nel corso di in una camminata lungo gli argini della fiumara quale momento propedeutico di una successiva fase di elaborazione progettuale. A tutti i partecipanti sarà chiesto di documentare la giornata con fotografie e considerazioni scritte sul valore dei luoghi visitati. Il materiale raccolto sarà quindi la base sulla quale si svilupperà un successivo momento di incontro con la popolazione, per proporre una riflessione sui principi della Convenzione europea del paesaggio e soprattutto sulle strategie di sviluppo da inserire nel piano strategico. Qui di seguito la locandina di invito alla partecipazione alla giornata, programmata per il 26 giugno

18 18 Allegato al documento intermedio

19 3. La comunicazione e partecipazione on-line A supporto del processo di comunicazione e partecipazione caratterizzante l attività di redazione del Piano Strategico è stato realizzato un sito internet (www.pianostrategicomarsala.net) ed è stata attivata una specifica pagina all interno dei uno dei più diffusi social network (www.facebook.com/pianostrategicomarsala). Il sito Internet è stato inteso non solo quale mero strumento di esplorazione documentale e di informazione sull andamento del processo, quanto anche come supporto ai processi di partecipazione ed ascolto. Si è ritenuto, infatti, che la crescita del numero degli utenti Internet fosse una risorsa da sfruttare per conseguire un avvicinamento della pubblica amministrazione ai cittadini su tutte quelle materie in cui è auspicabile l attivazione di forme diversificate di ascolto sociale e per intercettare quelle istanze provenienti da una fascia di popolazione più giovane, generalmente più incline all uso degli strumenti informatici. Coerentemente con queste finalità, il sito è stato articolato nelle seguenti tre sezioni: Una sezione News, finalizzata a porre in evidenza non solo le notizie relative allo svolgimento del processo di pianificazione strategica, quanto anche una selezione delle notizie sulle attività istituzionali o sulla progettualità emergente che intercettano le finalità della pianificazione strategica; Una sezione denominata Forum online, in cui sono presenti diverse funzionalità per garantire più proficue forme di contatto e di ascolto della cittadinanza, e in particolare: (a) uno spazio per condurre sondaggi online periodici, su tematiche (condivise con l amministrazione comunale) che si ritengono interessanti per consolidare le attività di ascolto all interno del processo di pianificazione strategica; (b) una funzionalità di geoblog, per invitare i cittadini a formulare proposte in forma georeferenziata relative a spazi, servizi o infrastrutture di interesse per il miglioramento della qualità della vita della città. Una sezione denominata Il Piano Strategico, contenente tutte le informazioni e i documenti relativi all andamento del processo ed ai suoi risultati, nonché una serie di riferimenti per mettere l utente nelle condizioni di orientarsi tra le tematiche della pianificazione strategica. 19

20 HOME PAGE DEL SITO INTERNET 20

21 Il sito è stato attivato il 12 ottobre 2010, in coincidenza con la presentazione alla cittadinanza del processo di pianificazione strategica e alla data del 31 marzo 2011 ha registrato 2163 visitatori unici assoluti e più di 3600 visite con una media di 18,73 visite al giorno. L aggiornamento costante del sito e la sollecitazione attraverso l invio costante di mail informative sul processo hanno consentito di instaurare un dialogo continuo tra cittadini e gruppo di lavoro ed un processo di arricchimento delle informazioni e delle proposte per il territorio, in particolare attraverso la somministrazione di sondaggi e l attivazione di un Geoblog. I SONDAGGI ON LINE Il primo sondaggio sottoposto alla cittadinanza Marsalese ha riguardato la scelta del logo e dell identità visiva del Piano Strategico, inteso come filo visivo ed emotivo che collega tutte le azioni realizzate e che consente ai cittadini e agli attori sociali ed istituzionali di percepire questo legame. Con tale sondaggio si è voluto lanciare un messaggio chiaro al territorio di apertura del processo e di partecipazione nella formulazione delle scelte del Piano Strategico sin dalla scelta dell identità grafica. Sono state sottoposte al sondaggio pubblico le seguenti quattro proposte: 21

22 SONDAGGIO 1: LE QUATTRO PROPOSTE DI IDENTITÀ VISIVA Un segno per il cambiamento Il segno di un cambiamento è rappresentato dai li colorati che si intrecciano a formare una spirale in crescita e apertura. I fili colorati sono le molte forze e risorse che intrecciate possono fare un cambiamento, un fuoco d artificio, il fuoco d inizio, da cui riavviare lo sviluppo. Il concetto è sfumato verso il significato di far crescere e sviluppare le proprie risorse e sono stati applicati due colori, verde e blu, terra e mare. Il punto di forza di questa proposta è la sua sintesi, la leggerezza e capacità espressiva legata ad un concetto astratto, che non deve veicolare tante informazioni ma solo un modo di sentire Un mosaico di valore Questa proposta è nata immaginando di far riferimento ad un elemento della storia di Marsala, ovvero il mosaico. Il mosaico è rivisitato in chiave attuale e semplii cato e proprone varianti di colore della terra e del mare accostati a disegnare la punta. Lo stesso gioco di disposizione dei quadrati potrebbe essere ripreso negli elaborati grafici e nell impaginazione, alternando foto e colori. Il punto di forza di questa proposta è lo sviluppo di una texture, ovvero di un tipo di oggetto grafico molto facile da declinare e sviluppare quando si realizzano pagine web, depliant e manifesti. Il territorio in movimento Questo logo gioca con la forma della m, trasformandola. La m è diventa un simbolo morbido che richiama quasi l idea di un morso! I punti di forza di questa proposta sono: il fatto che può essere usato come un marchio icona, i colori vivaci e accattivanti e la forma sinuosa, che apre la strada a riempire gli elaborati grafici di colori e forme Una nave verso il futuro La proposta prende spunto dalla nave punica di Marsala, una cosa unica al mondo! L idea è quella di sfruttare la metafora del viaggio, della partenza, del remare tutti nella stessa direzione e levare gli scudi, le proprie forze di fronte alle si de che il futuro pone. La m è unita ad un segno grafico molto essenziale che ricorda la punta molto particolare dell antica nave conservata a Marsala, la i la di pallini ricorda la forma degli scudi e rappresenta le forze che muovono la nave. Il punto di forza di questa proposta è che il logo è radicato in qualcosa che appartiene alla città di Marsala e a nessun altra, e nello spesso tempo è un immagine contemporanea, espressiva e glamour. 22

23 I risultati del sondaggio, a cui hanno partecipato più di 100 cittadini, hanno premiato la prima proposta grafica con il 35,9% di preferenze Il secondo sondaggio ha avuto l obiettivo di verificare le azioni ritenute prioritarie per rilanciare lo sviluppo della città. E stata sottoposta la seguente domanda: Quali scelte fareste per il futuro della Città? proponendo 7 possibili risposte a cui gli interlocutori dovevano attribuire un ordine di priorità. SONDAGGIO 2: AZIONI PRIORITARIE PER RILANCIARE IL FUTURO DELLA CITTÀ Quali scelte fareste per il futuro della Città? Potenziare il Porto e le infrastrutture 14,20% 10,20% 18,10% Migliorare la qualità dello spazio fisico Potenziare l'accoglienza turistica 14,60% Valorizzare l'agricoltura e le tipicità produttive 14,70% Promuovere l'offerta culturale 13,40% 14,80% Valorizzare il sistema della formazione e delle competenze Altro I risultati del secondo sondaggio, a cui hanno partecipato circa 100 cittadini, mettono in evidenza un sostanziale equilibrio fra le tematiche di intervento proposte, con una leggera preferenza del tema relativo alle infrastrutture e del porto in particolare collegato al potenziamento dell accoglienza turistica. Con l obiettivo di integrare il processo di pianificazione con le scelte operative di breve periodo aventi rilevanza strategica, e fare in modo, quindi che l approccio strategico e partecipativo cominciasse ad essere internalizzato all interno della 23

24 struttura burocratica dell ente, è stato proposto la realizzazione di un terzo sondaggio avente come obiettivo acquisire utili indicazioni circa la destinazione di un area che dal processo stesso di pianificazione e dalle attività di ascolta risultava essere individuata come area strategica di sviluppo della città. L occasione è stata data dalla firma di un protocollo di intesa tra l Amministrazione Comunale ed il Ministero della Difesa riguardante per la valorizzazione ed alienazione degli immobili militari dell'area di Punta Alga, con annessi Hangar Nervi. L importanza dell area sia per la sua posizione geografica che per il valore dal punto di vista architettonico delle sue costruzioni.ha suggerito all amministrazione comunale di avviare un processo di consultazione della cittadinanza da inserire all interno del processo di pianificazione strategica. In tal senso il sondaggio ha voluto sottoporre alla valutazione dei cittadini i principi progettuali, i valori da tenere in considerazione nella successiva attività di progettazione e riqualificazione dell Area. Ai cittadini è stata sottoposta la seguente domanda Quali ritieni che siano i principi progettuali da considerare nella riqualificazione dell area ex-militare dei Capannoni Nervi?, proponendo le seguenti opzioni a cui attribuire un ordine di priorità. I risultati del terzo sondaggio, a cui hanno partecipato circa 90 cittadini, hanno evidenziato il prevalere dei principi storico-culturali, dei principi ecologici ispirati alla sostenibilità ambientale ed energetica ed i principi gestionali, quali principi prioritari che devono guidare la progettazione e la scelta delle funzioni da insediare nell area. 24

25 Quali ritieni che siano i principi progettuali da considerare nella riqualificazione dell area ex-militare dei Capannoni Nervi? L'adozione di criteri progettuali ispirati alla sostenibilità ambientale ed energetica (Principi ecologici) Il rispetto del valore storicoarchitettonico degli edifici (Principi storico-culturali) 12,40% 9,90% 15,60% La presenza di funzioni sociali e ricreative rivolte all'intera collettività (Fruibilità 15,60% 16,80% L integrazione urbanistica con altri interventi del waterfront urbano (Integrazione territoriale) 14,70% 14,80% La previsione di funzioni in grado di garantirne la sostenibilità gestionale (Principi gestionali) Il valore simbolico degli edifici come porta di accesso alla città (Principi simbolici) Altro 25

26 26 Allegato al documento intermedio

27 IL GEOBLOG Particolarmente innovativo come strumento ed interessante dal punto di vista dei risultati ottenuti è stato l attivazione del Geoblog per il Piano Strategico, un sistema che ha consentito a tutti i cittadini di suggerire progetti ed iniziative che possono contribuire a migliorare la qualità della vita della città localizzate spazialmente. Si tratta di uno strumento elaborato a supporto del processo partecipativo del piano strategico ma che potrebbe in futuro essere ulteriormente sviluppato per essere utilizzato per facilitare i processi di dialogo fra i cittadini e la pubblica amministrazione e come mezzo di comunicazione interattiva per la discussione pubblica di temi e progetti nell ottica di migliorare la ricognizione dei bisogni e l efficacia delle scelte da parte della pubblica amministrazione Tale strumento, sviluppato con un interfaccia utente semplice ed intuitiva, consente a chi accede al sistema di esprimere in modo semplice e diretto le proprie opinioni su problematiche di natura urbana, consente inoltre di fornire indicazioni, suggerimenti, proposte progettuali per la costruzione condivisa di mappe cognitive tematiche del territorio. Il Geoblog ha permesso di costruire una prima versione della "mappa dei progetti dei cittadini". GEOBLOG DEL PIANO STRATEGICO Attraverso il Geoblog i cittadini hanno avuto la possibilità di localizzare le proprie proposte progettuali o suggerimenti, che sono state classificate all interno di specifiche categorie di intervento. Alla data odierna sono pervenuti i seguenti 63 suggerimenti progettuali di intervento: 27

28 Riqualificazione Urbana: Riqualificazione di Corso Calatafimi, divieto di sosta e fermata lungo tutto il corso Calatafimi, allargare i marciapiedi, manto stradale e illuminazione nuovi ; Riqualificazione/recupero litorale sud! Una città turistica legata al mare non può prescindere dalla presenza di spiagge degne di questo nome! ; Riqualificazione/recupero litorale sud! Una città turistica legata al mare non può prescindere dalla presenza di spiagge degne di questo nome! ; Riqualificare l'area di Piazza del Popolo, rendendola area pedonale, ciclabile e con verde pubblico, e procedendo al trasferimento dell'autostazione nei pressi della Stazione Ferroviaria ; Riqualificazione di tutta l'area di Piazza del Popolo, via Vespri e Piazza Mameli con: demolizione della Stazione degli autobus urbani (il capolinea sarà spostato presso l'ex scalo merci ferroviario); realizzazione di parcheggio a raso (al posto della Autostazione) in adiacenza la via E. Alagna e la via Mazzini; realizzazione di una piazza pedonale nell'attuale area di parcheggio; Collocazione di cicloposteggi e colonnine di ricarica per veicoli elettrici; Chiusura al traffico veicolare di via Vespri e piazza Mameli (passaggio consentito solo alle bici e piccoli mezzi elettrici); Il carico e scarico merci sarà consentito solo a mezzo di carrelli elettrici ; Ritengo sia bello, qualificante ed utile, concedere a titolo gratuito a tutti coloro che ne facessero richiesta, la possibilità di creare punti vendita di piante e fiori per tutto il centro storico della Città. (vedasi Firenze, Roma, Bologna, Milano, Genova ecc. per non parlare delle Città straniere come Parigi, Stoccolma, Berlino, Praga), darebbero allegria, profumo e colore ad un centro storico parecchio monocromatico ; Riqualificazione dell'intera zona Archeologica, miglioramento della viabilità, creazione di aree di sosta, accessibilità al parco archeologico, istituzione di navette (mezzi pubblici) che effettuano il giro del centro storico o quanto meno lo circoscrivono, una sorta di circonvallazione interna (vedi Milano) che permetterebbe di lasciare l'auto in sosta e di muoversi coi mezzi o a piedi. Bike Point - noleggio gratuito o a pagamento di biciclette (vedi Milano), si potrebbero creare dei punti di noleggio bici, uno in zona Piazza della Vittoria ed un altro in zona Piazza del Popolo (è un esempio), con l'annessa creazione di percorsi ciclabili ; Trasformare l'area ex Idroscalo A.M. in una area destinata al Salone Nautico del Mediterraneo. Salvaguardando i capannoni Nervi (monumento nazionale) che data la grandezza ben si prestano ad ospitare le imbarcazioni. Altresì, il resto dell'area può essere destinata a cittadella degli sport acquatici ; Recupero del centro storico: acquistare tutti i ruderi o fabbricati vecchi del centro storico, ristrutturarli e dotandoli di pannelli solari. una volta ristrutturati darli, tramite un apposito bando a giovani coppie, bisognosi, anziani a modiche cifre. obbiettivi: -recupero e valorizzazione centro storico; -dare una casa a chi non ce l'ha; - evitare di intasare i già popolati quartieri periferici; -risparmio del suolo pubblico; - 28

29 risparmio energetico, dovuto all'utilizzo dei pannelli solari sulle abitazioni; tutto ciò, e già realtà in alcune città (vedi Parigi) ; Non avrebbe più senso in una Città avere l'autostazione posizionata nelle vicinanze della Stazione Ferroviaria, piuttosto che ad una distanza di qualche Km come invece abbiamo qui a Marsala?? allora mi chiedo, perché non procedere alla riqualificazione dell'area vicino alla Stazione Ferroviaria che attualmente viene destinata a deposito ed alla riconversione della stessa per adibirla ad Autostazione? in tal modo ci sarebbe inoltre la possibilità di riqualificare anche Piazza del Popolo, facendola diventare un ulteriore "salotto" di Marsala. Ma soprattutto si renderebbe molto più agevole, ai turisti in visita alla nostra città, la possibilità di spostamento e visita della stessa! Rendere Marsala un cosiddetto "Comune Rinnovabile", mediante l'inserimento, qualora ancora non vi fosse, all'interno del proprio Regolamento Edilizio, dell'obbligo di installazione di pannelli solari (sia termico che fotovoltaico) nei nuovi interventi edilizi (nuove costruzioni) e nelle ristrutturazioni di una certa consistenza. Provvedendo anche a solarizzare i tetti degli edifici pubblici, come scuole, biblioteche, uffici, impianti sportivi, ecc. ; Riqualificazione di Piazza G. Marconi (o P.zza Porticella). ( ) Da rivedere assolutamente l'immagine, l'estetica magari rivalorizzandola con giardini curati, prati verdi, parco giochi per bambini, una illuminazione meritevole di questa piazza. Programmare un servizio di vigilanza attento a beneficio della sicurezza del cittadino, senza però dimenticare mai la praticità e i servizi che si possono ricavare per la viabilità attraverso la creazione di un parcheggio sotterraneo, tutto questo a beneficio della scorrevolezza e organizzazione del traffico cittadino.. ;. Valorizzazione delle bellezze naturali e paesaggistiche intrinseche in una cava di tufo dismessa al fine di ricavarne un polo d'attrazione turistica ; Viabilità e Parcheggi: Collegamento SS115-Via Tunisi: ampliare la sede stradale in modo da permettere un buon collegamento tra queste due importanti arterie e snellire il traffico sulla via mazara ; Per migliorare la viabilità tra la città di Marsala ed i suoi lidi, istituire permanentemente due distinti sensi unici di marcia (che verrebbero ad essere a due corsie). Il primo che vada dal Lungomare Vincenzo Florio verso i Lidi, ed il secondo che, in direzione contraria colleghi, attraverso la strada Contrada Casabianca/Via Mario Gandolfo, i Lidi con la città (in piccola parte, oggi avviene così unicamente nei fine settimana del periodo estivo. Ma la via Mario Gandolfo rimane a doppio senso di circolazione, creando notevoli difficoltà nella viabilità). Ovviamente si dovrebbe provvedere anche all'apertura di strade, a doppio senso di circolazione, perpendicolari alle due succitate arterie, in modo da consentire il passaggio da una all'altra. Così facendo ci sarebbe inoltre la possibilità di creare delle piste ciclabili/pedonali che da Marsala conducano ai Lidi e viceversa ; 29

30 Contrada San Silvestro. Riqualificazione dell'area, in cui sono presenti abitazioni e attività artigianali che insistono su una strada non asfaltata, priva di marciapiedi e parcheggi, che crea agli abitanti e fruitori molti disagi ; Rivedere e migliorare la viabilità di Corso Calatafimi e di Via Sirtori. Negli ultimi anni il traffico veicolare si è notevolmente intensificato, rendendo le due arterie stradali difficilmente percorribili, soprattutto in alcune ore della giornata. Si potrebbe pensare all'istituzione di sensi unici e all'apertura, qualora necessario, di ulteriori strade che colleghino Corso Calatafimi alla Via Dante Alighieri/Circonvallazione. Bisognerebbe infine cercare una soluzione alla problematica costituita dai passaggi a livello che, nelle ore di traffico più intenso, spesso sono a sbarre chiuse per consentire il passaggio dei treni. In questo caso si potrebbe pensare a dei sottopassaggi simili a quello già esistente nei pressi di Corso Gramsci ; Attualmente la città viene falciata in due dalla linea ferroviaria,e i collegamenti tra le due parti avviene soltanto tramite 5 passaggi a livello, un sovrappasso e un sottopasso. Varie strade sono a fondo cieco a causa della ferrovia (esempio: via libertà, zona stadio, etc). Il caos viabile che si verifica durante la chiusura dei passaggi a livello è notorio a tutti. E' necessaria una soluzione che elimini tutti i passaggi a livello dell'area urbana, ripristini i collegamenti viabili interrotti, utilizzi l'area soprastante per realizzare un nuovo collegamento viario. Tale soluzione è quella di interrare nel tratto urbano la linea ferrata, vedi Palermo ; Piazza del Popolo e la piazza che non ha niente di quello che si può definire tale, rappresenta per me altri spazi importanti nel centro di marsala ma inutili e sprecati anzi crea difficoltà enormi di viabilità. La mia proposta e' quella di trasferire il traffico dei bus e la stessa stazione nella zona della stazione ferroviaria". Come già qualcuno ha proposto, occorre abbattere quello scempio di struttura cementizia e creare una piazza verde rialzata, magari realizzando qualche monumento con un gioco d'acqua ovviamente abbellita da prato verde aiuole ecc. Ovviamente la piazza oltre che il lato estetico fungerebbe da rotatoria darebbe luce alla città e anche in questo caso come ho già detto di Piazza Francesco Pizzo creare per quanto e' grande la piazza parcheggi sotterranei... ; Rivalorizzazione della piazza Francesco Pizzo con giardini curati e' illuminazione meritevole di questa piazza ma principalmente un parcheggio pubblico sotterraneo per quanto e' grande la piazza. A mio avviso una grande opera che ci permetterebbe di guadagnare viabilità e una grande disponibilità di posti auto. Ritengo che questa città (in particolare nel centro ) abbia bisogno di opere di miglioramento e non di costruzione quindi non riempiamo più di cemento questa città ma abbelliamo quello che abbiamo ; Un'altro parcheggio che si può realizzare nelle vicinanze del centro è lo spazio non utilizzato adiacente al cimitero. 1-riqualificazione piazza Sant'Agostino con la posa di basolato e nuovi arredi; 2-divieto di sosta in tutta l'area, soprattutto l'ingresso del cimitero; 3-creare una nuovo area x la vendita dei fiori; 4-realizzazione P. multipiano (max 2 piani) dietro l'attuale area di vendita dei fiori; 5-realizzazione di un viale alberato e una zona verde tra piazza cimitero e il nuovo Parcheggio ; 30

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015 Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico Sala della Giostra 19/09/2015 Presentazione Risultati - Il programma Accoglienza partecipanti e caffè di benvenuto Presentazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA 1. PREMESSA Il Comune di Olbia, attraverso l elaborazione del Piano Strategico Olbia Città d Europa si è dotato di uno di programmazione dello sviluppo locale, attraverso

Dettagli

PREMESSA Piano Strutturale

PREMESSA Piano Strutturale PREMESSA il Comune ha avviato la procedura di revisione ed aggiornamento del Piano Strutturale, il documento che disegna il futuro del territorio, sia per il suo sviluppo, sia per la sua tutela. Per permettere

Dettagli

Mesagne vivibile a piedi e in bicicletta. Studio di fattibilità a cura di Antonio Licciulli, Cosimo Dadorante, Alberto Marescotti

Mesagne vivibile a piedi e in bicicletta. Studio di fattibilità a cura di Antonio Licciulli, Cosimo Dadorante, Alberto Marescotti Mesagne vivibile a piedi e in bicicletta Studio di fattibilità a cura di Antonio Licciulli, Cosimo Dadorante, Alberto Marescotti L Associazione CICLOAMICI FIAB Vision Mesagne e il suo territorio Pianura

Dettagli

9 ambito progettuale stazione ferroviaria

9 ambito progettuale stazione ferroviaria 9 ambito progettuale stazione ferroviaria Project manager: gruppo dirigenti: master plan e progettazione urbanistica: progettazione urbana: progettazione opere pubbliche: Lavorare in team si lavora in

Dettagli

Primo Incontro di ascolto in Zona 2

Primo Incontro di ascolto in Zona 2 Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Primo Incontro di ascolto in Zona 2 Cascina Cattabrega,via Trasimeno 49 20 luglio 2015 All incontro hanno preso parte 36 persone. I partecipanti sono stati 25

Dettagli

La Salute in tutte le Politiche Forum tematico

La Salute in tutte le Politiche Forum tematico La Salute in tutte le Politiche Forum tematico VOTA PER LA TUA CITTA Report dei risultati dell indagine svolta tra i cittadini Leccesi per l estensione della zona a traffico limitato Promossa da: Forum

Dettagli

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Lo scenario: Il punto di partenza L isolamento che Castelfranco Veneto soffre da anni è testimoniato anche dalla mancanza di strategia e di progettualità

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA tra

PROTOCOLLO D INTESA tra PROTOCOLLO D INTESA tra Regione Campania Provincia di Napoli Comune di Napoli Autorità Portuale di Napoli Bagnolifutura S.p.A. Unione degli Industriali di Napoli 34 AMERICA S CUP WORLD SERIES EVENTS A

Dettagli

E un idea nata per caso

E un idea nata per caso Che cos è? E un idea nata per caso E possibile realizzare ciclabili vicine, parallele o immediatamente affiancate alle grandi vie presenti nel Paese? Collegamenti sostenibili ed ecologici che permetterebbero

Dettagli

Laboratorio sulla riqualificazione urbana: La città edificata Laboratorio su orti urbani e spazi verdi: coltiviamo la città

Laboratorio sulla riqualificazione urbana: La città edificata Laboratorio su orti urbani e spazi verdi: coltiviamo la città Ascoltare il Territorio Fase 3 Sintesi dei Laboratori del P.O.C. 28 Gennaio 2014 6 Febbraio 2014 Laboratorio sulla riqualificazione urbana: La città edificata Laboratorio su orti urbani e spazi verdi:

Dettagli

REPORT WORLD CAFÈ 07 E 14 MARZO 2015

REPORT WORLD CAFÈ 07 E 14 MARZO 2015 REPORT WORLD CAFÈ 07 E 14 MARZO 2015 Facciamo Centro è un percorso partecipativo promosso dal Comune di Reggiolo per costruire con i cittadini una decisione condivisa sulla rigenerazione e sul rilancio

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI LETTERA AI CITTADINI Cari concittadini, il presente lavoro è redatto per approfondire la conoscenza degli interventi previsti

Dettagli

DOCUMENTO del gruppo La città accessibile

DOCUMENTO del gruppo La città accessibile DOCUMENTO del gruppo La città accessibile TITOLO DELLA PROPOSTA: Bella e accessibile Follonica /problemi di ieri e di oggi Fino al 1836 poco più di uno stradello collegava il primo forno fusorio, Forno

Dettagli

POLITICA URBANISTICA - LINEE GUIDA DEL NUOVO PIANO URBANISTICO COMUNALE (PUC) VIABILITA

POLITICA URBANISTICA - LINEE GUIDA DEL NUOVO PIANO URBANISTICO COMUNALE (PUC) VIABILITA 11 POLITICA URBANISTICA - LINEE GUIDA DEL NUOVO PIANO URBANISTICO COMUNALE (PUC) VIABILITA LE STRADE - Anello Viario Via Bixio-Zampillo-Via Roma-Chiesa Russa: Dopo la realizzazione del parcheggio sotto

Dettagli

Strade extraurbane e interramento Rho Monza pag. 31. Riqualificazione delle metrotranvie (Milano Seregno e Milano. Limbiate) pag.

Strade extraurbane e interramento Rho Monza pag. 31. Riqualificazione delle metrotranvie (Milano Seregno e Milano. Limbiate) pag. Una visione di città, per essere completa, non può tralasciare tutto ciò che riguarda il tema dei trasporti. Gli spostamenti, infatti, sono alla base della moderna vita sociale e di relazione, ci spostiamo

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LIGURIA COMUNE DI GENOVA P.O.R. LIGURIA (2007-2013) ASSE 3 - SVILUPPO URBANO COMUNE PROPONENTE GENOVA

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LIGURIA COMUNE DI GENOVA P.O.R. LIGURIA (2007-2013) ASSE 3 - SVILUPPO URBANO COMUNE PROPONENTE GENOVA UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LIGURIA COMUNE DI GENOVA P.O.R. LIGURIA (2007-2013) ASSE 3 - SVILUPPO URBANO COMUNE PROPONENTE GENOVA PROGETTO INTEGRATO SAMPIERDARENA I Progetti Integrati nel

Dettagli

Rapporto Finale Schede questionario per il Documento di Orientamento Strategico

Rapporto Finale Schede questionario per il Documento di Orientamento Strategico CITTÀ DI TORRE DEL GRECO (Provincia di Napoli) 4 a area - AMBIENTE TERRITORIO E INFRASTRUTTURE UFFICIO TEAM PROGETTO DIRIGENTE DEL SETTORE Ing. Giovanni Salerno Documento elaborato da: Arch. Michele Sannino

Dettagli

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale fe r ma t a S. R it a via ma ssaren ti Nella zona intorno a via Scandellara (tra via del Terrapieno, la ferrovia Sfm Veneta e la

Dettagli

Documento di Proposta Partecipata (DocPP)

Documento di Proposta Partecipata (DocPP) Documento di Proposta Partecipata (DocPP) Titolo del processo Superare le barriere mentali: l'accessibilità come chiave della qualità del turismo sulle colline piacentine Responsabile del processo e curatore

Dettagli

GLI INDIRIZZI DI PIANIFICAZIONE: PIANO REGOLATORE DEL PORTO E RIQUALIFICAZIONE DELL INTERFACCIA PORTO CITTA CITTA

GLI INDIRIZZI DI PIANIFICAZIONE: PIANO REGOLATORE DEL PORTO E RIQUALIFICAZIONE DELL INTERFACCIA PORTO CITTA CITTA GLI INDIRIZZI DI PIANIFICAZIONE: PIANO REGOLATORE DEL PORTO E RIQUALIFICAZIONE DELL INTERFACCIA PORTO CITTA CITTA ELIO CIRALLI, dr. eng. Obiettivi del Piano Regolatore del Porto, definiti nei documenti

Dettagli

Dipartimento Riqualificazione Urbana Settore Piani e Progetti Urbanistici U.I. Progettazione Urbanistica. POC rigenerazione di patrimoni pubblici

Dipartimento Riqualificazione Urbana Settore Piani e Progetti Urbanistici U.I. Progettazione Urbanistica. POC rigenerazione di patrimoni pubblici Dipartimento Riqualificazione Urbana Settore Piani e Progetti Urbanistici U.I. Progettazione Urbanistica POC rigenerazione di patrimoni pubblici 3 9 2015 NATURA, FORMAZIONE E OBIETTIVI DEL POC_RPP elaborati

Dettagli

Le potenzialità localizzative

Le potenzialità localizzative Le potenzialità localizzative La ricognizione delle potenzialità localizzative nell'area livornese ha un duplice obiettivo: individuare le aree già pronte che si prestano ad essere promosse nel breve termine

Dettagli

CONCORSO DI IDEE PER LA RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA ED URBANISTICA DEL SISTEMA DEI PARCHI URBANI RELAZIONE ILLUSTRATIVA ( 33684495 )

CONCORSO DI IDEE PER LA RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA ED URBANISTICA DEL SISTEMA DEI PARCHI URBANI RELAZIONE ILLUSTRATIVA ( 33684495 ) CONCORSO DI IDEE PER LA RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA ED URBANISTICA DEL SISTEMA DEI PARCHI URBANI RELAZIONE ILLUSTRATIVA ( 33684495 ) Comune di Ciriè TRE ETTARI concorso di idee 2 SPIEGAZIONI DELLE SCELTE

Dettagli

Presentazione della richiesta per la realizzazione di interventi di riqualificazione territoriale e di adeguamento del sistema della mobilità

Presentazione della richiesta per la realizzazione di interventi di riqualificazione territoriale e di adeguamento del sistema della mobilità Presentazione della richiesta per la realizzazione di interventi di riqualificazione territoriale e di adeguamento del sistema della mobilità connessi alla realizzazione di un intervento a carattere commerciale

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici IV Incontro di ascolto in Zona 1 CAM Falcone e Borsellino - corso Garibaldi, 27 24 settembre 2015

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici IV Incontro di ascolto in Zona 1 CAM Falcone e Borsellino - corso Garibaldi, 27 24 settembre 2015 Sintesi degli incontri di ascolto pubblici IV Incontro di ascolto in Zona 1 CAM Falcone e Borsellino - corso Garibaldi, 27 24 settembre 2015 All incontro hanno preso parte 34 persone, di cui 19 donne e

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Quarto Incontro di ascolto in Zona 2 Centro Socio Ricreativo, via Sammartini 71/73 28 settembre 2015

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Quarto Incontro di ascolto in Zona 2 Centro Socio Ricreativo, via Sammartini 71/73 28 settembre 2015 Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Quarto Incontro di ascolto in Zona 2 Centro Socio Ricreativo, via Sammartini 71/73 28 settembre 2015 Il quarto incontro di ascolto con i cittadini della zona

Dettagli

La mappa delle esigenze del territorio

La mappa delle esigenze del territorio La mappa delle esigenze del territorio Settembre - Ottobre 2014 Luoghi di aggregazione Valorizzando strutture già esistenti, serve la creazione di nuovi luoghi di socializzazione e integrazione, per favorire

Dettagli

Programma Amministrativo Alla gente di Ranica chiederemo sempre di partecipare e di esprimere le opinioni e le proposte di ciascuno sui vari problemi: sarà per noi il punto di partenza per risolverli.

Dettagli

Programmi Integrati di Agevolazione PIA TURISMO (Art. 50 Reg. Regionale 17/2014)

Programmi Integrati di Agevolazione PIA TURISMO (Art. 50 Reg. Regionale 17/2014) Programmi Integrati di Agevolazione PIA TURISMO (Art. 50 Reg. Regionale 17/2014) Avviso a sportello a partire dal 03 giugno 2015 La gestione del presente strumento è di competenza della Regione Puglia

Dettagli

Città di Sesto San Giovanni

Città di Sesto San Giovanni Il forum dei ragazzi INDICAZIONI PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI SESTO SAN GIOVANNI L assemblea del Forum dei Ragazzi, dopo aver ricevuto dall Amministrazione Comunale l incarico di elaborare indicazioni

Dettagli

Comune di Fano - Piano Triennale delle spese in c/capitale 2014-2016

Comune di Fano - Piano Triennale delle spese in c/capitale 2014-2016 01) Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 05) S e r v i z i o Gestione dei beni demaniali e patrimoniali 01) INTERVENTO Acquisizione di beni immobili 20105101 MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Dettagli

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva Municipio 1 Centro Est Caserma Gavoglio, una rigenerazione urbana di interesse del quartiere e della città: esame delle principali tematiche 20 giugno 2015, dalle ore 09:30 alle ore 13:30, Scuola Duca

Dettagli

08LUALAN RELAZIONE. 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale

08LUALAN RELAZIONE. 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale 08LUALAN RELAZIONE 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale La principale caratteristica dell area oggetto di intervento è la forte presenza dell area boscata, è l essere quasi estranea rispetto

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici I Incontro di ascolto in Zona 3 presso Circolo ACLI Milan Noeuva, via Pascoli 4 22 luglio 2015

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici I Incontro di ascolto in Zona 3 presso Circolo ACLI Milan Noeuva, via Pascoli 4 22 luglio 2015 Sintesi degli incontri di ascolto pubblici I Incontro di ascolto in Zona 3 presso Circolo ACLI Milan Noeuva, via Pascoli 4 22 luglio 2015 All incontro hanno partecipato 40 persone registrate (più alcuni

Dettagli

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo:

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo: PREMESSA Gli eventi traumatici e l'instabilità amministrativa che hanno dolorosamente segnato gli ultimi quaranta anni della nostra città hanno disperso le già labili tracce della sua tradizione comunale

Dettagli

una bicicletta è una bicicletta

una bicicletta è una bicicletta I mezzi di trasporto servono per spostarsi più rapidamente ma a causa del traffico la velocità di spostamento medio a Roma è solo di 23 Km/h. È necessario valorizzare gli spostamenti condivisi, il trasporto

Dettagli

Gruppo di lavoro territorio. I questionari conoscitivi

Gruppo di lavoro territorio. I questionari conoscitivi Gruppo di lavoro territorio I questionari conoscitivi Aprile 2010 Presentazione Questionario sul "Puc Partecipato" a cura di Alessia Fracchia e Valentina Rivera In previsione della redazione del nuovo

Dettagli

Mobilità e Sistemi di Trasporto nel territorio. Esperienze e prospettive di Mobilità e Trasporto Elettrico nel Comune di Perugia

Mobilità e Sistemi di Trasporto nel territorio. Esperienze e prospettive di Mobilità e Trasporto Elettrico nel Comune di Perugia 104 Convegno Nazionale AEIT Mobilità e Trasporto Elettrico per l'italia di domani - Roma, 13-14 giugno 2012 Mobilità e Sistemi di Trasporto nel territorio Esperienze e prospettive di Mobilità e Trasporto

Dettagli

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni Empoli Centrale numero di treni e passeggeri giornalieri feriali sabato domenica 198 189 124 6.961 4.580 3.315 Localizzazione La stazione di Empoli ha una posizione molto centrale, a poca distanza dal

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

Il progetto Movicentro: l esperienza del Comune di Cuneo. Città di Cuneo Assessorato alla mobilità e ai trasporti

Il progetto Movicentro: l esperienza del Comune di Cuneo. Città di Cuneo Assessorato alla mobilità e ai trasporti Negli ultimi anni i livelli di traffico e di inquinamento atmosferico registrati a Cuneo hanno indotto istituzioni e cittadini all adozione di nuove e più sostenibili modalità di spostamento. Il Comune

Dettagli

... RocCaffè. Una seconda Piazza per Pieve. Pieve di Cento, 03 marzo 2012. La riqualificazione dell area fra Porta Bologna e la Rocca:

... RocCaffè. Una seconda Piazza per Pieve. Pieve di Cento, 03 marzo 2012. La riqualificazione dell area fra Porta Bologna e la Rocca: ...... RocCaffè Pieve di Cento, 03 marzo 2012 La riqualificazione dell area fra Porta Bologna e la Rocca: Una seconda Piazza per Pieve Percorso di consultazione partecipata della cittadinanza Rapporto

Dettagli

COMUNE DI GENOVA. Progetto Integrato PRA MARINA

COMUNE DI GENOVA. Progetto Integrato PRA MARINA COMUNE DI GENOVA Progetto Integrato PRA MARINA 1 Obiettivo Restituire agli abitanti di Prà l accesso alla Fascia di Rispetto. A questo si legano le esigenze di alleviare il peso di un traffico eccessivo

Dettagli

CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA RIQUALIFICAZIONE URBANA DEL LUNGOMARE DI LEVANTE LOTTO NORD Isola di Ortigia, Siracusa

CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA RIQUALIFICAZIONE URBANA DEL LUNGOMARE DI LEVANTE LOTTO NORD Isola di Ortigia, Siracusa CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA RIQUALIFICAZIONE URBANA DEL LUNGOMARE DI LEVANTE LOTTO NORD Isola di Ortigia, Siracusa DOCUMENTO DI INDIRIZZO PROGETTUALE I FASE 1 INDICE INTRODUZIONE pag. 3 CARATTERISTICHE

Dettagli

SCENARIO: CON UNA MOBILITÀ SANA, EFFICIENTE E RISPETTOSA DELL'AMBIENTE

SCENARIO: CON UNA MOBILITÀ SANA, EFFICIENTE E RISPETTOSA DELL'AMBIENTE Dare continuità al processo di Agenda 21 locale CRITICITA' C1: attraversamento del centro storico incoraggiato per mancanza della chiusura dell anello di tangenziale - C2: mancanza di spazi - C3: impedimenti

Dettagli

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O Q U E S T I O N A R I O C O N O S C I T I V O P A R T E C I P A Z I O N E

Dettagli

c. MIGLIORAMENTO ED ESPANSIONE DELLE INFRASTRUTTURE E CON- SEGUENTE VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO

c. MIGLIORAMENTO ED ESPANSIONE DELLE INFRASTRUTTURE E CON- SEGUENTE VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO INFRASTRUTTURE E TERRITORIO Pag. 51 c. MIGLIORAMENTO ED ESPANSIONE DELLE INFRASTRUTTURE E CON- SEGUENTE VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO Quadro di riferimento Le infrastrutture sono lo scheletro del territorio,

Dettagli

PISTOIA ED IL COMMERCIO

PISTOIA ED IL COMMERCIO Pistoia PISTOIA ED IL COMMERCIO FAR VIVERE E RILANCIARE IL COMMERCIO NEL CENTRO STORICO È NECESSARIO UN ACCORDO CONDIVISO Pistoia Confesercenti ha dimostrato di avere a cuore il commercio del centro storico.

Dettagli

STRUTTURA UNICA PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO POLITICHE COMUNITARIE E PROGRAMMI DI SVILUPPO DEI COMUNI DI

STRUTTURA UNICA PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO POLITICHE COMUNITARIE E PROGRAMMI DI SVILUPPO DEI COMUNI DI STRUTTURA UNICA PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO POLITICHE COMUNITARIE E PROGRAMMI DI SVILUPPO DEI COMUNI DI COMUNE DI CINQUEFRONDI Provincia di Reggio Calabria Regione Calabria Assessorato Urbanistica

Dettagli

FACILITATORI: Chiara Pignaris, Damiano Partescano, Francesco Acciai, Elisa Bertagnini

FACILITATORI: Chiara Pignaris, Damiano Partescano, Francesco Acciai, Elisa Bertagnini INCONTRO WORLD CAFÈ - REPORT Gorarella e Barbanella Martedì 30 Giugno ore 18:00-20:00 presso l ex sala circoscrizionale di Barbanella, via Gozzi 22 Grosseto PARTECIPANTI: 36 cittadini di diversa età e

Dettagli

Workshop EWWUD Lisbona 2010. Progetto di ridestinazione del porto containers di Alcantara e dei cantieri di Santos. Ricollegare Lisbona al lungofiume.

Workshop EWWUD Lisbona 2010. Progetto di ridestinazione del porto containers di Alcantara e dei cantieri di Santos. Ricollegare Lisbona al lungofiume. Workshop EWWUD Lisbona 2010. Progetto di ridestinazione del porto containers di Alcantara e dei cantieri di Santos. Ricollegare Lisbona al lungofiume. Gruppo di lavoro diretto da Ado Franchini. Con Andrea

Dettagli

PIA Turismo - Aiuti alle grandi imprese e alle PMI per programmi integrati di investimento

PIA Turismo - Aiuti alle grandi imprese e alle PMI per programmi integrati di investimento PIA Turismo - Aiuti alle grandi imprese e alle PMI per programmi integrati di investimento FINALITÀ Destagionalizzazione dei flussi turistici RISORSE DISPONIBILI Euro 15 milioni BENEFICIARI Grande impresa

Dettagli

Istituto Comprensivo Giovanni XXIII Terrasini V.le G. Consiglio, 1-90049 Terrasini (PA) UNA PISTA CICLABILE A TERRASINI

Istituto Comprensivo Giovanni XXIII Terrasini V.le G. Consiglio, 1-90049 Terrasini (PA) UNA PISTA CICLABILE A TERRASINI Istituto Comprensivo Giovanni XXIII Terrasini V.le G. Consiglio, 1-90049 Terrasini (PA) Settimana Unesco di Educazione allo Sviluppo Sostenibile 2010 LA MOBILITA 8 14 novembre 2010 UNA PISTA CICLABILE

Dettagli

ADESSO!PISTOIA QUALI POLITICHE PER IL CENTRO STORICO

ADESSO!PISTOIA QUALI POLITICHE PER IL CENTRO STORICO ADESSO!PISTOIA QUALI POLITICHE PER IL CENTRO STORICO Queste brevi riflessioni vogliono costituire uno stimolo al dibattito su un tema centrale per la vita di Pistoia, vale a dire sulla questione dell assetto

Dettagli

Programma amministrativo

Programma amministrativo Programma amministrativo AMBIENTE E SOSTENIBILITA Riduzione dei rifiuti: Redazione del Piano Comunale per la Riduzione della Produzione dei Rifiuti. Il Piano è uno strumento necessario per individuare

Dettagli

BILANCIO PARTECIPATIVO: ECCO I RISULTATI Gettonati soprattutto parchi e piste ciclabili

BILANCIO PARTECIPATIVO: ECCO I RISULTATI Gettonati soprattutto parchi e piste ciclabili BILANCIO PARTECIPATIVO: ECCO I RISULTATI Gettonati soprattutto parchi e piste ciclabili Si è chiusa lo scorso 30 settembre la prima fase del bilancio partecipativo. Nelle righe che seguono diamo conto

Dettagli

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani Descrizione Progetto Il progetto, attraverso un processo partecipativo che coinvolge tutti i soggetti istituzionali, economici e

Dettagli

PROGRAMMA POLITICO PER LA LEGISLATURA 2016 2021

PROGRAMMA POLITICO PER LA LEGISLATURA 2016 2021 Il Movimento Politico NoiCambiamo si affaccia per la prima volta sulla scena politica Nojana e si presenta come l unica vera novità volendo offrire all Elettorato attivo un autentica alternativa alle cosiddette

Dettagli

Un nuovo modello di sviluppo LA CENTRALITA DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA CASTAGNETO CARDUCCI

Un nuovo modello di sviluppo LA CENTRALITA DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA CASTAGNETO CARDUCCI Un nuovo modello di sviluppo LA CENTRALITA DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA CASTAGNETO CARDUCCI AGRICOLTURA COMMERCIO TURISMO ARTIGIANATO In questi anni l Amministrazione Comunale ha portato avanti l azione

Dettagli

Le opere pubbliche. Scala mobile o altro dal parcheggio da Docciola al centro tipo piazza XX Settembre.

Le opere pubbliche. Scala mobile o altro dal parcheggio da Docciola al centro tipo piazza XX Settembre. Le opere pubbliche Complessivamente la rotatoria in via Pisana risulta l opera pubblica maggiormente indicata come priorità. Seguono l adeguamento degli impianti sportivi, il nuovo museo dell alabastro,

Dettagli

MOBILITA. Più di ottanta le presenze, purtroppo nessun dialogo. n. 279 Anno 2013

MOBILITA. Più di ottanta le presenze, purtroppo nessun dialogo. n. 279 Anno 2013 n. 279 Anno 2013 MOBILITA Più di ottanta le presenze, purtroppo nessun dialogo Si è svolto Venerdì 13 Maggio l incontro sulla mobilità. Il Sindaco ha aperto i lavori seguito dagli interventi: di Franco

Dettagli

Pianificazione della ciclabilità

Pianificazione della ciclabilità Pianificazione della ciclabilità Planning of cycling Enrico Goberti Provincia di Ferrara 22 ottobre 2010 PREMESSA PISTE CICLABILI: Sono strade definite e normate dal Codice della Strada (Ministero dei

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI SCHEMA PROGRAMMA DEI LAVORI PUBBLICI E OPERE PUBBLICHE PIANO TRIENNALE 2006 2007 2008 ELENCO ANNUALE 2006

SETTORE LAVORI PUBBLICI SCHEMA PROGRAMMA DEI LAVORI PUBBLICI E OPERE PUBBLICHE PIANO TRIENNALE 2006 2007 2008 ELENCO ANNUALE 2006 Comune di Follonica SETTORE LAVORI PUBBLICI il Comune di follonica è certificato ISO 14.001/96 SCHEMA PROGRAMMA DEI LAVORI PUBBLICI E OPERE PUBBLICHE PIANO TRIENNALE 2006 2007 2008 ELENCO ANNUALE 2006

Dettagli

UBICAZIONE Il Comune di Legnano

UBICAZIONE Il Comune di Legnano Ex Fonderia LEGNANO UBICAZIONE Il Comune di Legnano Il Comune di Legnano ha 60.000 abitanti ed è situato a circa 20 km a nord ovest di Milano. L area della Ex Fonderia, inserita in un contesto prettamente

Dettagli

Costruiamo insieme la città di domani. Servizi e innovazione per favorire la mobilità sostenibile

Costruiamo insieme la città di domani. Servizi e innovazione per favorire la mobilità sostenibile Costruiamo insieme la città di domani Servizi e innovazione per favorire la mobilità sostenibile Chi è SABA Il mondo del parcheggio, in mani esperte Siamo una grande realtà nel settore dei parcheggi pubblici

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL BILANCIO PARTECIPATO 2015. Capo I - Disposizioni generali

REGOLAMENTO COMUNALE DEL BILANCIO PARTECIPATO 2015. Capo I - Disposizioni generali Comune di c Caronno Pertusella Provincia di Varese Iniziativa del Sindaco di Caronno Pertusella coordinata da Marco Giudici: Assessore Bilancio, Tributi, Attività Economiche Produttive, Tempo Libero. REGOLAMENTO

Dettagli

GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA

GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA a.s. 2014-2015 L.1 Prof. Vincenzo Ninni 1 FINALITA DEL CORSO IL CORSO DI GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA DELL AMBIENTE DI LAVORO HA IL COMPITO DI FORNIRE TUTTE LE INDICAZIONI

Dettagli

IL PARCHEGGIO SOSTENIBILE: LA SOLUZIONE PER IL PROBLEMA TRAFFICO NELLE MARINE DI NARDO (LE)

IL PARCHEGGIO SOSTENIBILE: LA SOLUZIONE PER IL PROBLEMA TRAFFICO NELLE MARINE DI NARDO (LE) IL PARCHEGGIO SOSTENIBILE: LA SOLUZIONE PER IL PROBLEMA TRAFFICO NELLE MARINE DI NARDO (LE) Al via un altra stagione estiva, mobilità primo (e trentennale) problema da risolvere di Marco Gaballo Un altra

Dettagli

COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI PROVINCIA DI PERUGIA DELIBERA DELLA GIUNTA COMUNALE N. 89 DEL 07-04-2011 OGGETTO: POLITICA AMBIENTALE. OBIETTIVI, TRAGUARDI E PROGRAMMI AMBIENTALI PARERE TECNICO Ai sensi dell Art. 49, comma

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici. Terzo incontro di ascolto in Zona 2. Casa delle Associazioni, via Miramare 9.

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici. Terzo incontro di ascolto in Zona 2. Casa delle Associazioni, via Miramare 9. Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Terzo incontro di ascolto in Zona 2 Casa delle Associazioni, via Miramare 9 16 Settembre 2015 Il terzo incontro di ascolto con i cittadini della zona 2 ha avuto

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE In adeguamento al Regolamento n.1 di attuazione della legge regionale n. 50/2012, articolo 2 - comma 6, nel Comune di Tezze sul Brenta è stata individuata un area degradata

Dettagli

ELEZIONI AMMINISTRATIVE DH 15/16 MAGGIO DI SANTA MARINA. CANDIDATA A SiNDACO LISTA /ILA STELLA"

ELEZIONI AMMINISTRATIVE DH 15/16 MAGGIO DI SANTA MARINA. CANDIDATA A SiNDACO LISTA /ILA STELLA ELEZIONI AMMINISTRATIVE DH 15/16 MAGGIO 2011 COMUNE DI SANTA MARINA CANDIDATA A SiNDACO ALESSANDRA GIUDICE LISTA /ILA STELLA" PROGRAMMA ELETIORALE POLITICA DEL TERRITORIO TUTELA E VALORIZZAZIONE DELL'AMBIENTE

Dettagli

Comune di Ceggia. Parco della MEMORIA. Analisi dei siti proposti. Dott. Stefano Roman - Paesaggista Società Terra

Comune di Ceggia. Parco della MEMORIA. Analisi dei siti proposti. Dott. Stefano Roman - Paesaggista Società Terra Comune di Ceggia arco della MEMORIA Analisi dei siti proposti Dott. Stefano Roman - aesaggista Società Terra 05 ottobre 2012 Simbologia Come spesso si è avuto modo di sottolineare, il progetto arco della

Dettagli

Centro Storico. Gruppo di lavoro G5 - Centro Storico. Programma Politico 2014 2019. Referente gruppo:

Centro Storico. Gruppo di lavoro G5 - Centro Storico. Programma Politico 2014 2019. Referente gruppo: Centro Storico Gruppo di lavoro G5 - Centro Storico Referente gruppo: Angelo Esposto Candidato Portavoce Consigliere angelo2013@outlook.it Membri Gruppo: Patrizio Monarca Lucio Bernetti Leonardo Rinaldi

Dettagli

Progettazione di percorsi ecoturistici e valorizzazione urbanistica del Fiume Piave

Progettazione di percorsi ecoturistici e valorizzazione urbanistica del Fiume Piave Progetto Drava Piave Fiumi e Architetture nr.3241 del 25/11/08 Concorso di Idee Progettazione di percorsi ecoturistici e valorizzazione urbanistica del Fiume Piave Relazione Descrittiva Descrizione generale

Dettagli

PROPOSTE PER IL CONSIGLIO COMUNALE RAGAZZI

PROPOSTE PER IL CONSIGLIO COMUNALE RAGAZZI PROPOSTE PER IL CONSIGLIO COMUNALE RAGAZZI Anno Sc. 2006/ 07 Classe 4^ A Migliorare la scuola (giardino, fontana ) Ambiente a San Vito (verde, traffico, pulizia) Venire a scuola a piedi o in bicicletta

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

IL CANNOCCHIALE VERDE

IL CANNOCCHIALE VERDE RELAZIONE DI APPROFONDIMENTO TEMATICO IL CANNOCCHIALE VERDE Codice: GOUDRON8 PERCORSO PROGETTUALE Il CANNOCCHIALE VERDE In questa sintetica metafora crediamo di aver racchiuso l intento, gli obiettivi

Dettagli

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Piani territoriali urbanistici regionali orientati dal punto di vista paesistico ed ecologico (ex l. 431/85) Piani paesistici regionali (ex l. 431/85)

Dettagli

Le aree tematiche erano tre: la strada, lo spazio aperto e l architettura residenziale.

Le aree tematiche erano tre: la strada, lo spazio aperto e l architettura residenziale. LABORATORIO CREATIVO PER BAMBINI IO SCELGO IL VERDE ROMA - 09/10 MAGGIO 2015 A cura di Arch. Caterina Campaci e Arch. Alessia Novelli 1.PREMESSA L idea è nata dalle tematiche proposte dalla manifestazione

Dettagli

Isola Pedonale Navigli

Isola Pedonale Navigli Isola Pedonale Navigli Come Lega Nord stiamo studiando una soluzione condivisa, che concili i desideri e le esigenze di residenti, gestori di locali serali e le varie attività diurne, affinché la realizzazione

Dettagli

Percorsi Palermo. microinterventi di ricucitura del tessuto urbano. risultati del questionario. arch. Michelangelo Pavia.

Percorsi Palermo. microinterventi di ricucitura del tessuto urbano. risultati del questionario. arch. Michelangelo Pavia. Percorsi Palermo microinterventi di ricucitura del tessuto urbano Pedonalizzare il centro storico di Palermo: cosa ne pensi? risultati del questionario arch. Michelangelo Pavia febbraio 2013 spazio al

Dettagli

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Scheda tecnica MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Redazione a cura di Contesto Oramai in molte realtà urbane è diventato difficoltoso riuscire a percorrere il tragitto che separa la

Dettagli

Piano Integrato d Area del Medio Lago

Piano Integrato d Area del Medio Lago Provincia di Brescia Comunità montana del Sebino Bresciano Piano Integrato d Area del Medio Lago (Comuni di Marone, Monte Isola, Sale Marasino, Sulzano) Terzo stato di avanzamento giugno 2005 Indice 1)

Dettagli

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 ELEZIONI COMUNALI AL COMUNE DI FISCIANO - 15/16 MAGGIO 2011 Programma 1 Area Politiche Sociali e Servizi alla Persona 2 Ambiente e Territorio 3 Giovani -

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO,FACOLTA DI INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA RI(S)TRUTTURAZIONE DI CERNUSCO LOMBARDONE

POLITECNICO DI MILANO,FACOLTA DI INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA RI(S)TRUTTURAZIONE DI CERNUSCO LOMBARDONE POLITECNICO DI MILANO,FACOLTA DI INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA RI(S)TRUTTURAZIONE DI CERNUSCO LOMBARDONE 12esima EDIZIONE DEL PREMIO DI STUDIO Laure Larouzè AMBIENTE_COSTRUITO_IN_MODO_SOSTENIBILE Progetto

Dettagli

LE CLASSI 1 e 2 Scuola Media Gioacchino da Fiore Sede coordinata di le Castella PRESENTANO

LE CLASSI 1 e 2 Scuola Media Gioacchino da Fiore Sede coordinata di le Castella PRESENTANO LE CLASSI 1 e 2 Scuola Media Gioacchino da Fiore Sede coordinata di le Castella PRESENTANO Progetto di recupero naturalistico di un terreno confiscato ANNO SCOLASTICO 2010/2011 V Bando di concorso Regoliamoci

Dettagli

Il Piano urbanistico esecutivo

Il Piano urbanistico esecutivo Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Firenze Il Piano urbanistico esecutivo Le scelte effettuate all interno del Piano urbanistico esecutivo (Pue), si focalizzano intorno alla rivitalizzazione

Dettagli

La Mobilità Sostenibile in campo:

La Mobilità Sostenibile in campo: La Mobilità Sostenibile in campo: LE INIZIATIVE DEL MOBILITY MANAGER DI AREA DEL COMUNE DI CATANIA La figura professionale del Mobility Manager di area è stata introdotta dal Decreto del 27/03/1998 "Mobilità

Dettagli

Città di Grosseto Il Comune che vogliamo. 2011-2016 - Programma di governo

Città di Grosseto Il Comune che vogliamo. 2011-2016 - Programma di governo 2011-2016 - Programma di governo GROSSETO OGGI La città ha superato gli 80 mila abitanti e la popolazione cresce velocemente. Si diffondono caratteri metropolitani e con essi gli elementi problematici

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI 1 AREA TECNICA Direttore Ing. Carlo Faccin Titolo Raccomandazioni ad indirizzo dell attività degli

Dettagli

Proposte della CNA Rieti per la valorizzazione e la viabilità del centro storico

Proposte della CNA Rieti per la valorizzazione e la viabilità del centro storico Rieti Associazione Provinciale 02100 Rieti P.zza Cavour, 54 Tel. (0746) 251082 Fax (0746) 498598 E-Mail: cna.rieti@tiscali.it www.cnarieti.it Proposte della CNA Rieti per la valorizzazione e la viabilità

Dettagli

SCHEDA INTERVENTO n.10.3.1.4 - Promozione del Parco fluviale

SCHEDA INTERVENTO n.10.3.1.4 - Promozione del Parco fluviale SCHEDA INTERVENTO n.10.3.1.4 - Promozione del Parco fluviale QUADRO CONOSCITIVO Breve descrizione dell intervento Il parco fluviale di Cuneo trova origine in una proposta avanzata dai cittadini nel lontano

Dettagli

AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA

AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA Area tematica: AMBIENTE URBANO Indice documento 1 Area tematica ambiente urbano: individuazione delle sessioni di lavoro 3 Richiesta prime indagine a campione sul

Dettagli

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 1. CARATTERISTICHE DELLA LINEA Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 2. IL RUOLO DELLE GREENWAYS

Dettagli