Progetto Vinco Voucher, innovazione e conciliazione Relazione finale dell indagine sui fabbisogni di cura delle donne lavoratrici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto Vinco Voucher, innovazione e conciliazione Relazione finale dell indagine sui fabbisogni di cura delle donne lavoratrici"

Transcript

1 Progetto Vinco Voucher, innovazione e conciliazione Relazione finale dell indagine sui fabbisogni di cura delle donne lavoratrici A cura di Sabrina Gallinelli

2 La realizzazione del sondaggio online e del database archiviazione dati è stata curata da Sabrina Gallinelli. La somministrazione del questionario cartaceo è stata curata da Sabrina Gallinelli, Adele Gentile, Maria Antonietta Migliorelli L analisi dei risultati dell indagine sui fabbisogni di cura delle donne lavoratrici è stata curata da Sabrina Gallinelli. Si ringraziano per il loro prezioso contributo: il Rettore Ciro Attaianese, la Referente Rettorale per le Pari Opportunità Fiorenza Taricone, il Consulente del Progetto VINCO Marco Bernuzzi, il Designer per la comunicazione dell Università degli studi di Cassino Edmondo Colella, il Portavoce del Rettore Riccardo Crispino, le Donne intervistate, il Personale delle portinerie, e tutti coloro che hanno partecipato alla realizzazione del progetto.

3 INDICE Analisi dei risultati dell indagine sui fabbisogni di cura delle donne lavoratrici 1. Ripartizione del campione intervistato per criteri di selezione pag Criterio di selezione: Fasce di età delle donne intervistate pag Criterio di selezione: Numero di figli delle donne intervistate pag Criterio di selezione: Fasce di età dei figli delle donne intervistate pag Analisi dei dati raccolti pag Situazione attuale pag Problematiche emerse pag. 4 3 Individuazione della tipologia di Servizio Aziendale da implementare pag Reale esigenza pag Preferenze espresse pag. 6 4 Proposte per favorire la conciliazione pag Servizi da potenziare pag Interventi proposti pag. 8

4 Analisi dei risultati dell indagine sui fabbisogni di cura delle donne lavoratrici Questa relazione rappresenta una prima riflessione sui risultati dell indagine dei fabbisogni delle donne lavoratrici in materia di conciliazione lavoro-famiglia. Si è proceduto alla somministrazione di un questionario ad un campione di 150 donne lavoratrici. Sono state interpellate soprattutto le donne lavoratrici dipendenti dell Università degli Studi di Cassino o di società di servizi esterne, ma operanti presso l Università stessa (Impresa di pulizie). Una minoranza di donne esterne all Ateneo ha contribuito all indagine (mogli, amiche di dipendenti, etc.). Purtroppo in questo breve arco di tempo non è stato possibile sondare ulteriormente le eventuali esigenze delle donne lavoratrici del territorio non appartenenti alla struttura. L obiettivo prioritario del Progetto Vinco è quello d individuare le problematiche connesse all assistenza dei figli, dei genitori anziani, degli adulti disabili da parte delle donne lavoratrici per migliorare la conciliazione lavoro-famiglia. L Università degli Studi di Cassino in questo senso intende concorrere al Progetto Vinco per realizzare una struttura dedicata alla cura dei figli dei dipendenti; pertanto, in questa relazione, verrà analizzata soltanto la sezione relativa all assistenza dei figli, trascurando per il momento gli aspetti legati all assistenza delle persone anziani o dei disabili. L indagine è stata svolta in due modalità: Cartacea (presso le portinerie delle varie sedi dell Ateneo) e Informatica (Online sul sito I risultati più significativi sono stati ottenuti online, con 79 risposte contro le 36 cartacee. A ciò hanno contribuito diversi fattori: la maggiore semplicità di compilazione del questionario informatizzato, la brillante illustrazione del progetto sulla prima pagina del sito di Ateneo e l efficiente diffusione della notizia e della sua importanza tramite il servizio Primo Piano. Al fine di trasmettere risultati attinenti alla realtà, è stato inserito nel questionario online un controllo dell IP della macchina connessa per la compilazione del questionario in modo da eliminare eventuali duplicati o dati errati. Le risposte al questionario online ritenute attendibili sono state suddivise per settore di appartenenza, Tab. 1. Le 36 risposte al questionario cartaceo evidenziate in Tab. 1 non saranno considerate in questa relazione in quanto sono state consegnate al consulente del progetto Vinco e quindi per avere un quadro completo sarà necessario aspettare la pubblicazione ufficiale dei risultati dell indagine. SEDE DI APPARTENENZA RISPOSTE ONLINE RISPOSTE CARTACEE TOTALE Folcara (Eco. Giurisp. Sc. motorie) Ingegneria (Cassino Fr.) Lettere e Filosofia Cassino Servizi di Ateneo Rettorato Totale INTERNI Esterni Università ESTERNI Totale Tab. 1 Risposte del campione di donne in esame 1

5 L indagine ha individuato ed evidenziato i principali ostacoli che impediscono la conciliazione lavoro-famiglia del campione di donne lavoratrici ed i servizi del territorio da potenziare. In particolare l analisi dei risultati è stata implementata nel seguente modo: 1. Ripartizione del campione intervistato per criteri di selezione; 2. Analisi dei dati raccolti; 3. Individuazione della tipologia di Servizio Aziendale da implementare; 4. Proposte per favorire la conciliazione. 1. Ripartizione del campione intervistato per criteri di selezione 1.1 Criterio di selezione: Fasce di età delle donne intervistate La maggiore parte delle donne intervistate (66%) ha un età compresa tra i 34 e 50 anni e rappresenta quindi la fascia maggiormente interessata al servizio aziendale in quanto tra esse il 90% ha uno o più figli. In effetti, nella fascia inferiore anni soltanto il 5% delle donne ha figli, mentre nella fascia superiore (maggiore di 50 anni) l età media dei figli è superiore a 14 anni, Fig. 1. Età media figli>14 anni 16% 18% 5% ha figli Giovani Anni Mature Anni Maggiori 50 90% ha figli 66% Fig. 1 Fasce di età del campione di donne intervistate 1.2 Criterio di selezione: Numero di figli delle donne intervistate Il campione intervistato è stato raggruppato per numero di figli delle donne lavoratrici considerate nell indagine. Da questa rilevazione è emerso che il 24% delle donne intervistate non ha figli e quindi non va preso in considerazione per stabilire l esigenza immediata del servizio aziendale. Le donne sulle quali porre maggiore attenzione sono quelle con uno o più figli in quanto direttamente coinvolte (rispettivamente 23% e 47%). Le famiglie numerose con più di due figli rappresentano soltanto il 6%, Fig. 2. 5% 1% 24% 0 Figli 1 Figlio 2 Figli 3 Figli 4 Figli 47% 23% Fig. 2 Numero di figli del campione di donne intervistate 2

6 Valori % Fasce di età dei figli 1.3 Criterio di selezione: Fasce di età dei figli delle donne intervistate La suddivisione per fasce di età dei bambini delle donne considerate invece ci indica il tipo di servizio aziendale che si potrebbe attuare in funzione dell esigenza predominante. E interessante riflettere sulle percentuali dei bambini appartenenti ad ogni fascia di età per l impostazione adeguata del servizio aziendale. Il campione si divide così, Fig. 3: 20% dei bambini tra 0 e 2 anni: potenziali interessati all asilo nido; 19% dei bambini tra 3 e 5 anni: potenziali interessati al baby parking; 32% dei bambini tra 6 e 14 anni: potenziali interessati alla ludoteca o al dopo scuola sia per periodi scolastici che per periodi estivi; 29% dei bambini sopra ai 14 anni: non più interessati al servizio aziendale. 29% - No Serv. Az. 32% Ludoteca Doposcuola 19 % Baby Parking 14 Anni in poi 6-14 Anni 3-5 Anni 0-2 Anni 20% NIDO Valori (%) Fig. 3 Fasce di età dei figli del campione di donne e probabili esigenze per il servizio aziendale 2. Analisi dei dati raccolti 2.1 Situazione attuale Dall indagine emerge che la maggiore parte dei bambini è in età scolare, quindi durante le ore di lavoro si trova principalmente a scuola (48%) o con i nonni (27%) dopo la scuola o in periodi di vacanza. Dalla classifica precedente riportata al par. 1.3, risulta che il 39% dei bambini ha età inferiore ai 5 anni, di questi il 12% va al nido privato, il 5% al va al nido pubblico, l 8% sta con la baby-sitter e probabilmente la restante parte usufruisce del supporto dei nonni, Fig % % 12% 8% 27% Nido pubblico Nido privato Baby sitter Nonni/parenti Scuola 0 Strutture/Personale di appoggio Fig. 4 Strutture/Personale di appoggio per la cura dei figli del campione di donne durante l orario di lavoro 3

7 Valori % I dati mostrano che poco meno della metà delle donne lavoratrici (48%) utilizza le strutture per la cura dei figli soltanto nella fascia oraria , mentre per il 30% le strutture utilizzate devono coprire l intera giornata ossia la fascia oraria Per il 18% invece nasce l esigenze di una struttura per la cura dei figli soltanto di pomeriggio nella fascia oraria , probabilmente quando la scuola è chiusa. Soltanto il 4% dichiara di avere difficoltà nella cura dei figli fino alle ore 20.00, Fig. 5. 4% 18% 30% 48% Orario Orario Orario Orario Fasce orarie di utilizzo delle strutture/personale di appoggio Fig. 5 Fasce orarie di utilizzo delle Strutture/Personale di appoggio per la cura dei figli del campione di donne durante l orario di lavoro Con riferimento allo schema di Fig.6, tra le donne del campione che si appoggiano a strutture private, il costo mensile più diffuso (40%) va da a % 12% 12% 16% < < Costo < < Costo < < Costo < > % Fig. 6 Costo delle Strutture di appoggio per la cura dei figli del campione di donne 2.2 Problematiche emerse L indagine ha messo in luce i principali ostacoli che impediscono la conciliazione lavoro-famiglia che risulta sempre più difficile per le donne lavoratrici come si evidenzia in Fig. 7. Per ben 39% delle donne le problematiche sorgono soprattutto quando si tratta della malattia dei propri figli: in tale caso una mamma è difficilmente sostituibile. Grandi difficoltà si presentano anche nei periodi di chiusura della scuola (Estate 29%), mentre il 13% delle intervistate dichiara di essere in difficoltà a causa dell orario di lavoro. In effetti, la scuola termina alle ore 13.30, mentre il turno di lavoro tipico di una dipendente universitaria si protrae fino alle ore 14.00, con due rientri settimanali fino alle ore

8 Valori % Valori % 11% 8% 13% 29% 39% Difficoltà Distanza lavoro Difficoltà Orario/Lavoro Difficoltà Estate/Vacanze Difficoltà pomeriggio Difficoltà figli malati Difficoltà di conciliazione lavoro-famiglia Fig. 7 Difficoltà di conciliazione lavoro-famiglia del campione di donne Un ulteriore considerazione va fatta sull aiuto esterno che il campione in esame riceve per la conciliazione lavoro famiglia: il 44% delle donne intervistate beneficia dell aiuto dei nonni, il 22% si appoggia a strutture esterne a pagamento, il 20% si avvale della collaborazione da parte del marito, mentre il 7% delle donne dichiara di risolvere le proprie difficoltà prendendo permessi al lavoro, Fig % 22% 20% 7% 7% Personale di aiuto per la concilaizione lavoro-famiglia Marito Nonni, zii Amici Esterni a pagamento Permessi lavoro Fig. 8 Personale di aiuto per la conciliazione lavoro-famiglia del campione di donne 3. Individuazione della tipologia di Servizio Aziendale da implementare 3.1 Reale esigenza La fase fondamentale dello studio consiste nell analizzare le richieste di attivazione del servizio aziendale e delle preferenze per tale servizio. E importante quindi fare distinzione tra il desiderio di realizzare un servizio aziendale per la cura dei figli e la reale esigenza, escludendo a priori le donne del campione che, pur avendo espresso un parere positivo, non hanno figli di età compresa tra 0 e 14 anni. Per avere un quadro più preciso, è necessario distinguere, tra le risposte favorevoli al servizio aziendale, quelle reali da quelle potenziali. Con riferimento alla Fig.9, da questa valutazione emerge che il 76% del campione intervistato online ha espresso parere favorevole alla realizzazione del servizio aziendale, contro una minoranza del 24% che ha figli di età maggiore di 14 anni. Tra le donne favorevoli bisogna tenere presente che l 8% ha figli di età superiore a 14 anni mentre il 14% non ha figli 5

9 Valori % attualmente. Tali risposte sono importanti per prevedere un futuro utilizzo del servizio aziendale, ma non vanno considerate nell immediato per la progettazione del servizio aziendale. Nello studio sono state prese in considerazione soltanto le risposte delle donne con figli di età tra 0 e 14 anni in quanto rappresentano l esigenza reale attendibile (54%) per l attivazione del servizio aziendale da settembre 2011, Fig % 8% 14 % 54% ESIGENZA REALE Non favorevoli Favorevoli con figli>14 Favorevoli senza figli Favorevoli attendibili 0 Parere per il servizio aziendale Fig. 9 Parere per il servizio aziendale : reale esigenza Infine, i pareri favorevoli attendibili sono stati raggruppati per sede di appartenenza al fine di individuare per ciascuna di esse il grado d interesse. La percentuale più alta di donne interessate al servizio aziendale appartiene alla sede di Ingegneria (37%), percentuali inferiori appartengono rispettivamente alle sedi della Folcara (16%) e del Rettorato (14%). Il 19% delle donne favorevoli appartiene a sedi esterne, Fig % 5% 19% 9% 16% Esterni Folcara Ingegneria Lettere e Filosofia Rettorato Servizi Ateneo 37% Fig. 10 Risposte del campione di donne in esame raggruppato per sede di appartenenza 3.2 Preferenze espresse Una volta individuata la reale esigenza per il servizio aziendale considerando soltanto le risposte attendibili (54%) sono stati di nuovo elaborati i risultati dell indagine in base alla preferenza espressa per tale servizio aziendale. Il questionario somministrato prevedeva le seguenti tipologie di servizio aziendale: 1. nessuna preferenza; 2. asilo nido (0-3 anni); 3. baby parking (3-5 anni); 4. ludoteca (5-14); 5. dopo scuola (5-14). 6

10 Valori % Il campione di donne intervistate esprime la preferenza più alta per il dopo scuola (35%) e per la ludoteca (28%), ma anche l asilo nido e il baby parking raggiungono valori significativi (16%), Fig. 11. E anche vero però che questa valutazione non tiene conto delle risposte cartacee in possesso del consulente del Progetto Vinco (36 questionari) e quindi l analisi ufficiale dei risultati potrebbe risultare leggermente diversa dalla presente. Inoltre, essendo il servizio aziendale aperto al territorio, a causa dei termini di consegna ristretti del questionario, non è stato tenuto conto, delle esigenze delle donne esterne all Ateneo, che potrebbero essere interessate al tale servizio aziendale % 28% 16% 16% 5% Preferenza per il servizio aziendale del campione attendibile Nessuna preferenza Asilo nido Baby Parking Ludoteca Dopo scuola Fig. 11 Preferenza del campione attendibile per il servizio aziendale 4. Proposte per favorire la conciliazione 4.1 Servizi da potenziare Le donne lavoratrici intervistate hanno espresso il loro parere per quanto riguardano i servizi del territorio da potenziare per migliorare la conciliazione lavoro-famiglia. I servizi più richiesti sono soprattutto rivolti alla cura dei figli durante l orario di lavoro in periodi in cui la scuola risulta chiusa (periodo estivo - pomeriggio). Pertanto, il 32% del campione richiede di potenziare le attività ludiche e pomeridiane, mentre il 32% richiede di potenziare le attività sportive e i campi estivi per impegnare il tempo libero dei propri figli, offrendo loro nello stesso tempo un percorso educativo (Fig. 12). Una buona parte (19%) richiede la creazione di nuovi asili nidi o baby parking per la gestione dei più piccoli. Il 14% richiede di attivare la mensa scolastica per la scuola materna ed elementare nel periodo 1 settembre - 30 giugno al fine di conciliare l orario di lavoro con la gestione dei figli (Fig. 12). Infatti, la mensa scolastica nella scuola materna pubblica apre all inizio del mese di ottobre e chiude il 30 maggio, mentre nella scuola elementare non è proprio attiva. Pertanto, le donne lavoratrici sono costrette ad appoggiarsi a strutture di supporto esterne per compensare tali disagi. 7

11 14% 3% 19% Albo baby sitter Asilo nido/ Baby parking Ludoteche/ Attività pomeridiane 32% 32% Attività sportive/campi estivi Mensa scolatica dal 01/09 al 30/06 Fig. 12 Servizi da potenziare per la conciliazione lavoro-famiglia secondo il campione attendibile 4.2 Interventi proposti Gli aspetti più problematici messi in evidenza dall indagine riguardano la necessità di creare i servizi per la cura dei figli nelle aree di lavoro, al fine di facilitare la conciliazione lavoro-famiglia. Inoltre, è fondamentale intensificare i servizi durante il periodo estivo soprattutto per la fascia di età 6-14 anni. La risposta immediata per migliorare la conciliazione lavoro-famiglia si traduce nella realizzazione di una struttura di sostegno per le donne lavoratrici che consenta: 1. la cura dei figli più piccoli durante l intero orario di lavoro; 2. la cura dei figli in età scolare negli orari pomeridiani; 3. la cura dei figli in età scolare nei periodi di chiusura della scuola (estate e festività); 4. il servizio mensa per i bambini che usufruiscono del servizio aziendale. La struttura di sostegno della cura dei figli, attivata direttamente presso l Università degli studi di Cassino, potrebbe assicurare uno o più di uno dei seguenti servizi: 1. Asilo Nido (fascia 0-3 anni): con orario nel periodo 1 settembre-31 luglio con attivazione del servizio mensa; 2. Baby Parking (fascia 3-5 anni): con orario nel periodo 1 settembre-31 luglio con attivazione del servizio mensa; 3. Ludoteca/Dopo scuola (fascia 5-14 anni): con orario nei periodi di chiusura della scuola e con orario nei periodi scolastici, con attivazione del servizio mensa. 8

8. SEGRATE: PIU TEMPO PER LA FAMIGLIA E I FIGLI

8. SEGRATE: PIU TEMPO PER LA FAMIGLIA E I FIGLI 8. SEGRATE: PIU TEMPO PER LA FAMIGLIA E I FIGLI L impegno sarà quello di promuovere azioni di armonizzazione e conciliazione dei tempi di vita, di lavoro e personali: l obiettivo è offrire un aiuto concreto

Dettagli

NELL ULTIMO ANNO RIDOTTE LE SPESE PER ABBIGLIAMENTO, SVAGHI E ALIMENTARI

NELL ULTIMO ANNO RIDOTTE LE SPESE PER ABBIGLIAMENTO, SVAGHI E ALIMENTARI COMUNICATO STAMPA LA FAMIGLIA COME SPECCHIO DELLA REALTA PRIMI RISULTATI DELL INDAGINE RISORSA FAMIGLIA. INDAGINE SULLE FAMIGLIE PISTOIESI: CASA, LAVORO, BILANCIO DELL OSSERVATORIO SOCIALE PROVINCIALE

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 RETI TERRITORIALI OBIETTIVO Attivazione di reti territoriali

Dettagli

E...STATE CON NOI! PER VIVERE UN GIORNO DA ARTISTA, CUOCO, ACROBATA, BALLERINO, SPORTIVO

E...STATE CON NOI! PER VIVERE UN GIORNO DA ARTISTA, CUOCO, ACROBATA, BALLERINO, SPORTIVO www.ilpuntocoop.it IL PUNTO S.C.S. O.N.L.U.S. Società Cooperativa Sociale 10090 GASSINO T.se (TO) Via Bussolino Centro, 16 E-mail: ilpunto@ilpuntocoop.it Albo Nazionale A119438 P.IVA e Cod. Fisc. 05339380015

Dettagli

Il voucher per la conciliazione lavoro-famiglia. Franca De Battista

Il voucher per la conciliazione lavoro-famiglia. Franca De Battista Il voucher per la conciliazione lavoro-famiglia Franca De Battista Definizione di voucher Strumento di conciliazione vita lavoro Supporto nei percorsi di politiche attive del lavoro Bonus spendibile per

Dettagli

REGOLAMENTO OPERATIVO DELL ELENCO PROVINCIALE PER BABYSITTER

REGOLAMENTO OPERATIVO DELL ELENCO PROVINCIALE PER BABYSITTER ALLEGATO 1 REGOLAMENTO OPERATIVO DELL ELENCO PROVINCIALE PER BABYSITTER INDICE 1. Definizione e finalità 2. Soggetti che possono presentare domanda di iscrizione all Elenco 3. Modalità di presentazione

Dettagli

Conciliazione Lavoro - Famiglia (Questionario per le aziende)

Conciliazione Lavoro - Famiglia (Questionario per le aziende) Conciliazione Lavoro - Famiglia (Questionario per le aziende) Grazie in anticipo per aver accettato di dedicarci il Suo tempo che sarà utile per la riuscita di questa indagine. Lo scopo dell'indagine è

Dettagli

Conciliazione Famiglia - Lavoro

Conciliazione Famiglia - Lavoro Conciliazione Famiglia - Lavoro Grazie in anticipo per aver accettato di dedicarci il Suo tempo che sarà utile per la riuscita di questa indagine. Lo scopo dell'indagine è quello di analizzare l'attuale

Dettagli

Azione Altrotempo Zero Sei

Azione Altrotempo Zero Sei Azione Altrotempo Zero Sei Indagine nuovi servizi bambini e famiglie - 2015 Città di Caselle Torinese (Restituzione risultati - a cura di Daniela Perino, Pro.ge.s.t. s.c.s.) N. 51 risposte (compilazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEI SERVIZI INTEGRATIVI PER LA PRIMA INFANZIA CENTRI GIOCO E SPAZI-BAMBINO

REGOLAMENTO DEI SERVIZI INTEGRATIVI PER LA PRIMA INFANZIA CENTRI GIOCO E SPAZI-BAMBINO (Comuni di Castelnuovo Rangone, Castelvetro di Modena, Savignano sul Panaro, Spilamberto, Vignola) REGOLAMENTO DEI SERVIZI INTEGRATIVI PER LA PRIMA INFANZIA CENTRI GIOCO E SPAZI-BAMBINO Art.1 TIPOLOGIA

Dettagli

Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012

Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012 Comune di Gradara Provincia di Pesaro e UrBino Settore Politiche Sociali Assessore Solindo Pantucci Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012 A cura di: Dott.ssa Carmen Pacini Responsabile

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 Allegato n. 2 alla Delib.G.R. n. 19/4 del 8.5.2012 AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE REPORT INDAGINE Roma, 11 maggio Comune di Bisceglie RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO FRONT OFFICE "Accesso e utilizzo dei servizi di sportello" Strumento

Dettagli

Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA

Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 46 del 13.4.2010 ART. 1 FINALITA 1. Il servizio

Dettagli

Scheda di candidatura Pubblica Amministrazione Premio FamigliaLavoro, Terza edizione

Scheda di candidatura Pubblica Amministrazione Premio FamigliaLavoro, Terza edizione Scheda di candidatura Pubblica Amministrazione Premio FamigliaLavoro, Terza edizione L intento della Scheda di candidatura non è soltanto quello di raccogliere informazioni sulle politiche di conciliazione

Dettagli

Indice delle tavole statistiche

Indice delle tavole statistiche INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI SINGOLI O ASSOCIATI - ANNO 1 Indice delle tavole statistiche A) Spesa a livello regionale per interventi e servizi sociali dei comuni singoli e associati Tavola

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

o Busta paga; o Fattura per collaboratori o prestatori esterni soggetti ad IVA. c) Documento che attesta l avvenuto pagamento della prestazione;

o Busta paga; o Fattura per collaboratori o prestatori esterni soggetti ad IVA. c) Documento che attesta l avvenuto pagamento della prestazione; REGIONE CALABRIA Dipartimento Lavoro, Formazione professionale, Politiche Sociali, Cooperazione e Volontariato Via Lucrezia della Valle 88100 Catanzaro MODALITÀ OPERATIVE DI RENDICONTAZIONE DEI VOUCHER

Dettagli

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità COMUNE DI BOLOGNA ALLEGATO al: PROTOCOLLO D INTESA tra IL COMUNE DI BOLOGNA E IMPRESE, COOPERATIVE E ASSOCIAZIONI PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE TATA BOLOGNA PER UN SERVIZIO DI BABY SITTER.

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA. Settore Servizi Sociali, Culturali e Sportivi alla persona

COMUNE DI PERUGIA. Settore Servizi Sociali, Culturali e Sportivi alla persona COMUNE DI PERUGIA Settore Servizi Sociali, Culturali e Sportivi alla persona REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE ALL APERTURA E AL FUNZIONAMENTO DEI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA - Approvato

Dettagli

RAPPORTO AGLI STAKEHOLDER PROGETTO WELL CARE FAMILY

RAPPORTO AGLI STAKEHOLDER PROGETTO WELL CARE FAMILY RAPPORTO AGLI STAKEHOLDER PROGETTO WELL CARE FAMILY Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 1 INDICE L ORIGINE DEL PROGETTO WELL CARE FAMILY... 2 IL PROGETTO WELL CARE FAMILY... 6 1. Sistema

Dettagli

ASL provincia di Mantova Progettazione art.9 Legge 53/2000 PRESENTAZIONE ATTIVITA PROGETTUALI

ASL provincia di Mantova Progettazione art.9 Legge 53/2000 PRESENTAZIONE ATTIVITA PROGETTUALI ASL provincia di Mantova Progettazione art.9 Legge 53/2000 PRESENTAZIONE ATTIVITA PROGETTUALI PREMESSA: CONTESTO E ASPETTI TEORICI PREMESSE LEGGE 53/2000 Disposizioni per il sostegno della maternità e

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 ALLEGATO N. 2 ALLA DELIBERAZIONE N. DEL AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle politiche

Dettagli

Bando interdistrettuale: Misure a sostegno del welfare aziendale e della conciliazione famiglia lavoro

Bando interdistrettuale: Misure a sostegno del welfare aziendale e della conciliazione famiglia lavoro Bando interdistrettuale: Misure a sostegno del welfare aziendale e della conciliazione famiglia lavoro PREMESSA Il lavoro in atto in Regione Lombardia sul tema conciliazione famiglia-lavoro e welfare aziendale

Dettagli

Rapporto agli stakeholder Progetto Well Care Family

Rapporto agli stakeholder Progetto Well Care Family Rapporto agli stakeholder Progetto Well Care Family Introduzione Si ringraziano i presidenti, il consiglio di amministrazione e i direttori di Saf Acli srl e Acli Milano Servizi Fiscali srl per l attenzione

Dettagli

QUESTIONARIO SULL ORARIO DI LAVORO - REPORT ANNO 2013

QUESTIONARIO SULL ORARIO DI LAVORO - REPORT ANNO 2013 QUESTIONARIO SULL ORARIO DI LAVORO - REPORT ANNO 2013 Nella mensilità di maggio, come noto, è stato attivato on line un questionario sull orario di lavoro al fine di raccogliere elementi informativi utili

Dettagli

ALLEGATO - A Il questionario somministrato alle donne

ALLEGATO - A Il questionario somministrato alle donne ALLEGATO - A Il questionario somministrato alle donne DONNE, LAVORO E FAMIGLIA IN PROVINCIA DI PISTOIA QUESTIONARIO SEZ. 0 - CONDIZIONE UNICA O PREVALENTE D1. Qual è attualmente la sua condizione prevalente

Dettagli

REGOLAMENTO ASILI NIDO COMUNALI - AMBITO TERRITORIALE - VALLE SERIANA -

REGOLAMENTO ASILI NIDO COMUNALI - AMBITO TERRITORIALE - VALLE SERIANA - REGOLAMENTO ASILI NIDO COMUNALI - AMBITO TERRITORIALE - VALLE SERIANA - Art. 1 Finalità del Regolamento Questo Regolamento è finalizzato alla realizzazione del processo di coordinamento e d integrazione

Dettagli

AMIGOS servizi per l infanzia, l adolescenza e le famiglie AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO

AMIGOS servizi per l infanzia, l adolescenza e le famiglie AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO CONTESTO: Un percorso di crescita e continuità educativa: bambini 0-6 anni La nostra struttura si occupa dell infanzia e della gioventù dal 2002 offrendo un servizio di Nido d

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo "Dante"

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Dante Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo "Dante" Via Rusnati,1 21013 Gallarate (VA) C.F. 91055810120 Cod. Meccanografico VAIC878006 Tel. 0331.792428 - Fax 0331.774924

Dettagli

Comune di Udine LUDOTECA

Comune di Udine LUDOTECA Comune di Udine LUDOTECA RISULTATI QUESTIONARI CARTACEI Riposte: 53 8.a Può motivare la sua risposta? Buona alternativa alla giornata (domenica) che molti passano nei negozi C'è molto poco per i

Dettagli

Modalità di organizzazione del personale docente e di utilizzazione del personale Ata

Modalità di organizzazione del personale docente e di utilizzazione del personale Ata LICEO CLASSICO STATALE N. FORTEGUERRI LICEO STATALE DELLE SCIENZE UMANE A. VANNUCCI Corso Gramsci, 148 - PISTOIA - Tel. 0573/20302-22328-Fax 0573/24371 Modalità di organizzazione del personale docente

Dettagli

PROGETTO SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

PROGETTO SERVIZIO CIVILE NAZIONALE PROGETTO SERVIZIO CIVILE NAZIONALE ENTE PROPONENTE: C.I.D.E.S. Centro Internazionale dell Economia Sociale Consorzio di Cooperative Sociali SEDE ACCREDITATA: Via Cervellati, 1/f Bologna (BO) 40122 TITOLO

Dettagli

IDEA PER PROGETTO PILOTA RETE TERRITORIALE DI WELFARE INTERAZIENDALE per rispondere alle esigenze di conciliazione della famiglia

IDEA PER PROGETTO PILOTA RETE TERRITORIALE DI WELFARE INTERAZIENDALE per rispondere alle esigenze di conciliazione della famiglia IDEA PER PROGETTO PILOTA RETE TERRITORIALE DI WELFARE INTERAZIENDALE per rispondere alle esigenze di conciliazione della famiglia 1. IL WELFARE AZIENDALE 1.1. Cos è il Welfare aziendale Per welfare aziendale

Dettagli

COMUNE DI VITTUONE (Provincia di Milano) CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL CENTRO RICREATIVO DIURNO 2015 SCRITTURA PRIVATA

COMUNE DI VITTUONE (Provincia di Milano) CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL CENTRO RICREATIVO DIURNO 2015 SCRITTURA PRIVATA COMUNE DI VITTUONE (Provincia di Milano) CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL CENTRO RICREATIVO DIURNO 2015 SCRITTURA PRIVATA L anno duemilaquindici, addì del mese di., in Vittuone presso la

Dettagli

PIANO ANNUALE delle ATTIVITÀ

PIANO ANNUALE delle ATTIVITÀ Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo di Sermide Via Zambelli, 2 46028 Sermide (MN) Tel. 0386 61101 Fax. 0386 960476 email: mnic82200r@istruzione.it - info@icsermide.it

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI INFORMAZIONI COMPLEMENTARI ex art. 71, comma 2, del D.Lgs. n. 163 del 12 aprile 2006 Procedura aperta di carattere

Dettagli

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/12

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/12 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/12 SCHEDE DI VALUTAZIONE AREA STRUTTURALE INDICATORE DELLA PLURALIZZAZIONE DELLE OFFERTE TARIFFARIE Descrizione delle microazioni Agevolazione

Dettagli

Esempi di buone prassi attuate da aziende italiane volte a promuovere le pari opportunità sul lavoro

Esempi di buone prassi attuate da aziende italiane volte a promuovere le pari opportunità sul lavoro CONTRIBUTO DEL SISTEMA CONFINDUSTRIA AL DOCUMENTO ELABORATO IN SENO AL GRUPPO DI LAVORO SULLE PARI OPPORTUNITA DELL UNI (COMMISSIONE RESPONSABILITA SOCIALE DELLE ORGANIZZAZIONI) Esempi di buone prassi

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO E DEL CENTRO DI CUSTODIA ORARIA (Baby Parking)

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO E DEL CENTRO DI CUSTODIA ORARIA (Baby Parking) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO E DEL CENTRO DI CUSTODIA ORARIA (Baby Parking) Indice: SEZIONE I Asilo Nido Premessa Art. 1 - Finalita dell Asilo nido Art. 2 - Ammissioni - criteri e graduatoria

Dettagli

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 COMUNE DI VANZAGHELLO PROVINCIA DI MILANO Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 Il Decreto Legislativo 11 aprile 2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art.

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MODENA COMITATO PARI OPPORTUNITA PREMESSO CHE VISTO CHE

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MODENA COMITATO PARI OPPORTUNITA PREMESSO CHE VISTO CHE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MODENA COMITATO PARI OPPORTUNITA PREMESSO CHE Con delibera in data 15/03/2010 è stato costituito il Comitato per le Pari Opportunità (C.P.O.) dell Ordine degli Avvocati di Modena,

Dettagli

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità Settore Socio-Educativo Fattori della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato. Monitoraggio

Dettagli

Avviso pubblico Accordi Territoriali di Genere (D.D. n. 81 del 07/08/2013 D.D. n. 79 del 26/02/2013) FASE II Progettazione Esecutiva

Avviso pubblico Accordi Territoriali di Genere (D.D. n. 81 del 07/08/2013 D.D. n. 79 del 26/02/2013) FASE II Progettazione Esecutiva P.O.R. Campania FSE 007-03 Asse II Obiettivo Operativo: f) Promuovere azioni di supporto, studi, analisi nonché la predisposizione e sperimentazione di modelli che migliorino la condizione femminile nel

Dettagli

Gestione Turni. Introduzione

Gestione Turni. Introduzione Gestione Turni Introduzione La gestione dei turni di lavoro si rende necessaria quando, per garantire la continuità del servizio di una determinata struttura, è necessario che tutto il personale afferente

Dettagli

COMUNE DI PISA Direzione Servizi Educativi - Affari Sociali. Attività estive 2014 bambini/e 3-6 anni

COMUNE DI PISA Direzione Servizi Educativi - Affari Sociali. Attività estive 2014 bambini/e 3-6 anni COMUNE DI PISA Direzione Servizi Educativi - Affari Sociali Attività estive 2014 bambini/e 3-6 anni PREMESSA: LE ATTIVITA ESTIVE.. 3 ORGANIZZAZIONE.. 4 QUESTIONARIO DI GRADIMENTO GENITORI...7 SINTESI SUL

Dettagli

Regolamento per le uscite (scambi culturali, viaggi e visite di istruzione, uscite didattiche) IIS Antonietti All. M2 CdI 29.11.

Regolamento per le uscite (scambi culturali, viaggi e visite di istruzione, uscite didattiche) IIS Antonietti All. M2 CdI 29.11. Regolamento per le uscite (scambi culturali, viaggi e visite di istruzione, uscite didattiche) IIS Antonietti All. M2 CdI 29.11.2012 1 Articolo 1 Definizioni e norme generali Fatte salve le prescrizioni

Dettagli

L analisi del welfare nelle Valli Bresciane per un nuovo sistema d offerta dei servizi alla persona

L analisi del welfare nelle Valli Bresciane per un nuovo sistema d offerta dei servizi alla persona L analisi del welfare nelle Valli Bresciane per un nuovo sistema d offerta dei servizi alla persona Focus sulla VALLE CAMONICA Socialis, Università degli Studi di Brescia Brescia, 10 dicembre 2014 1 Premessa

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE

PIANO DI AZIONI POSITIVE UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI PERUGIA Comitato Unico di Garanzia per le Pari Opportunità, la Valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni PIANO DI AZIONI POSITIVE 2015-2017 INDICE

Dettagli

Progetto VOUCHER FRIENDLY

Progetto VOUCHER FRIENDLY Progetto VOUCHER FRIENDLY AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE E L EROGAZIONE DI VOUCHER DI SERVIZIO PER LA CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E DI LAVORO. 1. OBIETTIVI E FINALITÀ L obiettivo prioritario dell

Dettagli

1) A quale Livello Acli appartieni? (una sola risposta) Punto famiglia Sportello immigrati Patronato altro: Nessuna risposta

1) A quale Livello Acli appartieni? (una sola risposta) Punto famiglia Sportello immigrati Patronato altro: Nessuna risposta Ricerca e azione sociale per favorire l inclusione delle persone in condizioni di marginalità o di disagio. Progetto, finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali ai sensi della legge

Dettagli

Indirizzo Servizi socio sanitari

Indirizzo Servizi socio sanitari UNIONE EUROPEA R.A.S ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.P.S.A.A. e I.P.S.S.A.R. "DON DEODATO MELONI" SETTORE SERVIZI PER L AGRICOLTURA E LO SVILUPPO RURALE E SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ASSEGNAZIONE E GESTIONE DEI VOUCHER DI CONCILIAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI ALLA PERSONA

LINEE GUIDA PER L ASSEGNAZIONE E GESTIONE DEI VOUCHER DI CONCILIAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI ALLA PERSONA LINEE GUIDA PER L ASSEGNAZIONE E GESTIONE DEI VOUCHER DI CONCILIAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI ALLA PERSONA P.O.R. 2007/2013 OBIETTIVO 2 COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE ASSE II, OBIETTIVO SPECIFICO

Dettagli

Tipo di rischio prevedibile: Mancato controllo dei requisiti di accesso

Tipo di rischio prevedibile: Mancato controllo dei requisiti di accesso Ambito del Rischio: Area D: provvedimenti ampliativi della sfera giuridica dei destinatari privi di effetto economico diretto ed immediato per il destinatario Tipologia Procedimento: Accesso al servizio

Dettagli

Conciliazione dei tempi lavorofamiglia nell'organizzazione aziendale

Conciliazione dei tempi lavorofamiglia nell'organizzazione aziendale Comune di Faenza Comune di Ravenna dei tempi lavorofamiglia nell'organizzazione aziendale Report finale attività formativa Faenza e Ravenna, Febbraio/Marzo 2012 A cura di M. Dalfiume 1 IL PERCORSO Da dove

Dettagli

Inf L.Venturini Pronto Soccorso ospedale di Lugo (RA)

Inf L.Venturini Pronto Soccorso ospedale di Lugo (RA) L INFERMIERE NEL CONTESTO LAVORATIVO DEL PRONTO SOCCORSO; LA MOTIVAZIONE DELLA RICERCA: DALLA IDEAZIONE, ALLO STUDIO DEI DATI, ALLE PROPOSTE PER IL CAMBIAMENTO. Inf L.Venturini Pronto Soccorso ospedale

Dettagli

PROCEDURA PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA SCOLASTICA

PROCEDURA PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA SCOLASTICA PROCEDURA PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA SCOLASTICA Redatto da Silvana Catania Verificato da Edi Oprandi Approvato da Stefano Pedrocchi Data:20/07/2015 Data 20/07/2015 Data:20/07/2015 INDICE

Dettagli

Conciliare i tempi di vita e di lavoro dei dipendenti con minori a carico.

Conciliare i tempi di vita e di lavoro dei dipendenti con minori a carico. 1) Titolo del progetto: Baby Parking in Ospedale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Settore: Educazione e Promozione Culturale Area: E 01 Centri di aggregazione

Dettagli

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 NOME PROGETTO: COMUNE DI FORMIA IMPARO A VOLARE - 2009 AMBITO D INTERVENTO: assistenza educativa domiciliare sociale, scolastico a favore di minori con disagio

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. 35020 Albignasego (PD)

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. 35020 Albignasego (PD) I criteri per le determinazioni del dirigente riferiti a l organizzazione degli uffici e le misure inerenti alla gestione dei rapporti di lavoro ex art. 5, comma 2, del Dlgs n. 165/2001 come novellato

Dettagli

Programma Ore Preziose

Programma Ore Preziose Programma Ore Preziose Assessorato dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale Servizio della Programmazione Sociale e dei Supporti alla Direzione Generale Cagliari, 9 marzo 2009 LA CONCILIAZIONE Conciliare

Dettagli

MT CONSULTING SAS di Dott.ssa Miriam Tirinzoni Via Forestale n. 32-23017 Morbegno (SO) Tel 0342-615355 0342-671779 Fax 0342-673522

MT CONSULTING SAS di Dott.ssa Miriam Tirinzoni Via Forestale n. 32-23017 Morbegno (SO) Tel 0342-615355 0342-671779 Fax 0342-673522 BANDO 84.2 SOSTEGNO DEL WELFARE AZIENDALE ED INTERAZIENDALE E DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO Finalità Regione Lombardia intende sostenere il welfare ponendo al centro le persone e le famiglie attraverso

Dettagli

Un progetto di gestione per gli asili nido

Un progetto di gestione per gli asili nido Master in analisi delle politiche pubbliche COREP Corso Trento 13, 10128 Torino Tel. 011.197 03 730 fax 011.564 51 10 E-mail: mapp@corep.it 7ª edizione: 2005-2006 Tesi di Master Stefania Boccaccio Un progetto

Dettagli

Progetto Giochi Invernali Scuola Fabbri/Poerio 2011 2012

Progetto Giochi Invernali Scuola Fabbri/Poerio 2011 2012 Progetto Giochi Invernali Scuola Fabbri/Poerio 2011 2012 Versione 2.2 del 17 Settembre 2011 Scopo del progetto Il Progetto nasce nel 209 per rispondere all esigenza sempre più diffusa tra le famiglie,

Dettagli

PROGETTO BASE 2011-2012 MIGLIORARE LA QUALITÀ DEL SERVIZIO CON L ASCOLTO DELL UTENTE III FASE DEL PIANO OPERATIVO

PROGETTO BASE 2011-2012 MIGLIORARE LA QUALITÀ DEL SERVIZIO CON L ASCOLTO DELL UTENTE III FASE DEL PIANO OPERATIVO MIGLIORARE LA QUALITÀ DEL SERVIZIO CON L ASCOLTO DELL UTENTE III FASE DEL PIANO OPERATIVO LINEE GUIDA PER LA SOMMINISTRAZIONE DEL QUESTIONARIO CONDIVISIONE. FORMAZIONE E INFORMAZIONE Per l attuazione dell

Dettagli

Breve analisi sull attivazione del Programma CISCO NETWORKING ACADEMY. negli Istituti Secondari Superiori

Breve analisi sull attivazione del Programma CISCO NETWORKING ACADEMY. negli Istituti Secondari Superiori Breve analisi sull attivazione del Programma CISCO NETWORKING ACADEMY negli Istituti Secondari Superiori Lo scopo di questa ricerca è quello di descrivere il percorso che alcune scuole secondarie superiori

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio Allegato A INTESA SUI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE FINALITA, LE MODALITA ATTUATIVE NONCHE IL MONITORAGGIO DEL SISTEMA DI INTERVENTI PER FAVORIRE LA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO,

Dettagli

COMUNE DI MASSA MARITTIMA PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI MASSA MARITTIMA PROVINCIA DI GROSSETO REGOLAMENTO SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA E COLONIA MARINA PER MINORI TITOLO I OGGETTO E FINALITA art. 1 oggetto del regolamento art. 2 tipologie dei servizi TITOLO II I NIDI D INFANZIA art. 3- descrizione

Dettagli

DIREZIONE SERVIZI CIVICI, LEGALITA E DIRITTI SERVIZI ELETTORALI INDAGINE SUI SERVIZI ELETTORALI DEL COMUNE DI GENOVA

DIREZIONE SERVIZI CIVICI, LEGALITA E DIRITTI SERVIZI ELETTORALI INDAGINE SUI SERVIZI ELETTORALI DEL COMUNE DI GENOVA DIREZIONE SERVIZI CIVICI, LEGALITA E DIRITTI SERVIZI ELETTORALI INDAGINE SUI SERVIZI ELETTORALI DEL COMUNE DI GENOVA QUESTIONARIO Obiettivo: indagare il grado di soddisfazione dei cittadini sui servizi

Dettagli

Analisi dei fabbisogni formativi

Analisi dei fabbisogni formativi Analisi dei fabbisogni formativi INTERESSE ALL APPRENDIMENTO DELLA LINGUA INGLESE NEI BAMBINI IN ETA SCOLARE 6-11 ANNI NEL COMUNE DI SCARLINO E NEL COMUNE DI FOLLONICA A cura di LUISA LO PRESTI Anno: Gennaio

Dettagli

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO SUL SERVIZIO

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO SUL SERVIZIO Comune di Signa Prov. Firenze GIOCARE E CREARE: laboratori per bambini 15-36 mesi QUESTIONARIO DI GRADIMENTO SUL SERVIZIO Da rispondere e riconsegnare a : - Prossimo laboratorio effettuato; - URP Comune

Dettagli

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSE QUARTA B G.Galilei VINCI INSEGNANTI: Melani Cinzia, Parri Donatella, Voli Monica, Anno Scolastico 2011-2012 COMPETENZE INTERESSATE: Raccogliere, organizzare

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA. Proposta di legge di iniziativa dei Consiglieri:

CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA. Proposta di legge di iniziativa dei Consiglieri: CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA Proposta di legge di iniziativa dei Consiglieri: Lorenzo Pellerano Aldo Siri avente ad oggetto: Norme per la disciplina del servizio di tagesmutter

Dettagli

www.ic16verona.gov.it Relazione A.S. 2012-2013

www.ic16verona.gov.it Relazione A.S. 2012-2013 www.ic16verona.gov.it Relazione A.S. 2012-2013 Statistiche, linee di lavoro, considerazioni finali circa la gestione 2012-2013 del sito web dell IC 16 Valpantena. Mariacristina Filippin 14 giugno 2013

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE città, data REPORT INDAGINE Nome ente RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO "XXXX" Strumento n 11: modello report di rilevazione della soddisfazione degli utenti

Dettagli

Risultati indagine di customer satisfaction

Risultati indagine di customer satisfaction Risultati indagine di customer satisfaction Il Comune di Lecco ha avviato un indagine di customer satisfaction per il 2013. L obiettivo era mirato a raccogliere elementi di valutazione del gradimento da

Dettagli

02 Orari d apertura L asilo nido il Carillon rimane aperto dal lunedì al venerdì dalle 7.30 alle 18.00.

02 Orari d apertura L asilo nido il Carillon rimane aperto dal lunedì al venerdì dalle 7.30 alle 18.00. Contratto 01 Presentazione L asilo nido il Carillon accoglie tutti i bambini da 4 mesi a 4 anni. I bimbi vengono suddivisi per età, negli spazi a loro dedicati, una o più educatrici, si prende cura di

Dettagli

Sondaggio sui servizi e sulla soddisfazione degli studenti dell USI 2008. Servizio qualità USI Lugano/Mendrisio aprile settembre 2008

Sondaggio sui servizi e sulla soddisfazione degli studenti dell USI 2008. Servizio qualità USI Lugano/Mendrisio aprile settembre 2008 Sondaggio sui servizi e sulla soddisfazione degli studenti dell USI 2008 Servizio qualità USI Lugano/Mendrisio aprile settembre 2008 1. INTRODUZIONE Nel corso del mese di aprile 2008 il Servizio qualità

Dettagli

Le attività che verranno proposte ai bambini hanno come obiettivo pedagogico principale quello di consentire l acquisizione di una propria autonomia,

Le attività che verranno proposte ai bambini hanno come obiettivo pedagogico principale quello di consentire l acquisizione di una propria autonomia, Il Giocanido è un asilo nido nato a seguito di una ventennale esperienza di gioco con i bambini tra il 1^ ed il 3^ anno di età che si propone di cogliere, stimolare e rinforzare le manifestazioni ludiche

Dettagli

ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto. Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione

ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto. Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione 1 PROGETTO ASILO NIDO GESTIONE DEL SERVIZIO ASILO NIDO E DEL POST-NIDO Premessa: La traccia

Dettagli

COMUNE DI LANCIANO (Provincia di Chieti)

COMUNE DI LANCIANO (Provincia di Chieti) COMUNE DI LANCIANO (Provincia di Chieti) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO, DEL LAVORO STRAORDINARIO, DEI PERMESSI, DEI RITARDI E DELLE ASSENZE DEI DIPENDENTI

Dettagli

I Circolo Didattico S. G. Bosco Sestu Via Repubblica, 6 09028 Sestu Tel.070/260146 - C.F. 80006380929 - C.M. CAEE033002

I Circolo Didattico S. G. Bosco Sestu Via Repubblica, 6 09028 Sestu Tel.070/260146 - C.F. 80006380929 - C.M. CAEE033002 I Circolo Didattico S. G. Bosco Sestu Via Repubblica, 6 09028 Sestu Tel.070/260146 - C.F. 80006380929 - C.M. CAEE033002 e-mail: caee033002@istruzione.it pec: caee033002@pec.istruzione.it www.primocircolosestu.gov.it

Dettagli

SERVIZIO DI COORDINAMENTO. ESTATE BAMBINI Progetto

SERVIZIO DI COORDINAMENTO. ESTATE BAMBINI Progetto SERVIZIO DI COORDINAMENTO ESTATE BAMBINI Progetto ESTATE BAMBINI Proposta ludico-educativa estiva per bambini dai 3 ai 6 anni di età A fronte delle richieste pervenute finalizzate alla organizzazione di

Dettagli

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO Progetto VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità della scuola Profilo della scuola POPPI Codice meccanografico ARIC8R INDICE Introduzione La partecipazione al progetto:

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA. Nucleo di Valutazione

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA. Nucleo di Valutazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Nucleo di Valutazione Relazione sulla rilevazione delle opinioni degli studenti laureandi per l anno solare 2009 Roma 11 Maggio 2010 INDICE INTRODUZIONE 3 CARATTERISTICHE

Dettagli

Riteniamo che questa indagine possa fornire un utile contributo per il raggiungimento di tale obiettivo. Modalità per l invio

Riteniamo che questa indagine possa fornire un utile contributo per il raggiungimento di tale obiettivo. Modalità per l invio vembre 2013 QUESTIONARIO di rilevazione dei bisogni di conciliazione lavoro/famiglia a cura del Comitato Unico di Garanzia e del Servizio Pari Opportunità del Comune di Chioggia. Il Comitato Unico di Garanzia

Dettagli

Indagine sulla qualità del servizio mensa: l opinione degli utenti

Indagine sulla qualità del servizio mensa: l opinione degli utenti 12 maggio 06 Indagine sulla qualità del servizio mensa: l opinione degli utenti Premessa L Osservatorio regionale per l Università e per il Diritto allo studio universitario [d ora in avanti Osservatorio],

Dettagli

MEDIA EDUCAZIONE COMUNITA Ripensare i Media per l Educazione e il Benessere

MEDIA EDUCAZIONE COMUNITA Ripensare i Media per l Educazione e il Benessere MEDIA EDUCAZIONE COMUNITA a. Introduzione BAMBINI NON COMMERCIALI Il diritto a pensieri e spazi senza condizionamenti pubblicitari Le relazioni educative, all interno di una famiglia, per essere significative

Dettagli

LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 DIRETTIVE GENERALI DI ATTUAZIONE

LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 DIRETTIVE GENERALI DI ATTUAZIONE Direzione Qualità della Vita, Beni ed Attività Culturali, Sicurezza e Promozione Sociale Servizio Servizi Sociali LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 Norme in materia di servizi educativi per la prima

Dettagli

LAVORATORI TEMPORANEI IN PAGE PERSONNEL INTERIM & SPECIALIZED RECRUITMENT

LAVORATORI TEMPORANEI IN PAGE PERSONNEL INTERIM & SPECIALIZED RECRUITMENT LAVORATORI TEMPORANEI IN PAGE PERSONNEL INTERIM & SPECIALIZED RECRUITMENT BENVENUTO IN PAGE PERSONNEL Siamo orgogliosi che tu faccia parte dei lavoratori somministrati di Page Personnel e ti ringraziamo

Dettagli

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Nel mese di marzo, a chiusura del primo semestre, l Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio ha monitorato il servizio di tutorato

Dettagli

Il Regno delle Favole e La Corte dei Burattini S.r.l.

Il Regno delle Favole e La Corte dei Burattini S.r.l. Il Regno delle Favole e La Corte dei Burattini S.r.l. PROPONE una convenzione per i Vostri dipendenti Pagina 1 di 7 1. Descrizione dell Azienda Il Regno delle Favole e la corte dei burattini S.r.l nasce

Dettagli

Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane In collaborazione con UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Centro Studi Qualità Ambiente Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le

Dettagli

RELAZIONE SULLA QUALITA PERCEPITA SULLA SEZIONE RAGAZZI DELLA BIBLIOTECA CIVICA A. GAMBALUNGA - Dicembre 2007

RELAZIONE SULLA QUALITA PERCEPITA SULLA SEZIONE RAGAZZI DELLA BIBLIOTECA CIVICA A. GAMBALUNGA - Dicembre 2007 RELAZIONE SULLA QUALITA PERCEPITA SULLA SEZIONE RAGAZZI DELLA BIBLIOTECA CIVICA A. GAMBALUNGA - Dicembre 2007 Scopo Misurare la qualità percepita della sezione ragazzi. L attività si inquadra nel processo

Dettagli

COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA

COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia Assessorato alla Scuola Gestione Servizi per l Infanzia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA Anno scolastico 2014/2015 COMUNICAZIONE PER

Dettagli

VADEMECUM PER IL TIROCINIO CURRICULARE CORSO DI STUDI TRIENNALE IN SCIENZE PSICOLOGICHE Approvato nella riunione di Dipartimento del 20 febbraio 2015

VADEMECUM PER IL TIROCINIO CURRICULARE CORSO DI STUDI TRIENNALE IN SCIENZE PSICOLOGICHE Approvato nella riunione di Dipartimento del 20 febbraio 2015 VADEMECUM PER IL TIROCINIO CURRICULARE CORSO DI STUDI TRIENNALE IN SCIENZE PSICOLOGICHE Approvato nella riunione di Dipartimento del 20 febbraio 2015 Presentazione dei tirocini Nel Corso di Studi in Scienze

Dettagli

IL PIANO TERRITORIALE DEGLI ORARI DEL COMUNE DI CARONNO PERTUSELLA

IL PIANO TERRITORIALE DEGLI ORARI DEL COMUNE DI CARONNO PERTUSELLA IL PIANO TERRITORIALE DEGLI ORARI DEL COMUNE DI CARONNO PERTUSELLA dal Progetto PIU.M.A. alle politiche temporali Progetto cofinanziato dalla Regione Lombardia, ex art 6 Legge Regionale 28/2004 Politiche

Dettagli

Famiglia - Lavoro: un binomio possibile

Famiglia - Lavoro: un binomio possibile Milano, 1 ottobre 2015 Famiglia - Lavoro: un binomio possibile La voce delle aziende Daniela Bianco Partner, The European House - Ambrosetti 2015 The European House - Ambrosetti S.p.A.. TUTTI I DIRITTI

Dettagli

Comune di Acquaviva Picena CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO

Comune di Acquaviva Picena CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO Comune di Acquaviva Picena (Provincia di Ascoli Piceno) CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO QUADRIENNIO 1998-2001 COMPARTO AUTONOMIE LOCALI copia bozza accordo decentrato-piccoli comuni PRIMA PARTE

Dettagli