Progetto Vinco Voucher, innovazione e conciliazione Relazione finale dell indagine sui fabbisogni di cura delle donne lavoratrici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto Vinco Voucher, innovazione e conciliazione Relazione finale dell indagine sui fabbisogni di cura delle donne lavoratrici"

Transcript

1 Progetto Vinco Voucher, innovazione e conciliazione Relazione finale dell indagine sui fabbisogni di cura delle donne lavoratrici A cura di Sabrina Gallinelli

2 La realizzazione del sondaggio online e del database archiviazione dati è stata curata da Sabrina Gallinelli. La somministrazione del questionario cartaceo è stata curata da Sabrina Gallinelli, Adele Gentile, Maria Antonietta Migliorelli L analisi dei risultati dell indagine sui fabbisogni di cura delle donne lavoratrici è stata curata da Sabrina Gallinelli. Si ringraziano per il loro prezioso contributo: il Rettore Ciro Attaianese, la Referente Rettorale per le Pari Opportunità Fiorenza Taricone, il Consulente del Progetto VINCO Marco Bernuzzi, il Designer per la comunicazione dell Università degli studi di Cassino Edmondo Colella, il Portavoce del Rettore Riccardo Crispino, le Donne intervistate, il Personale delle portinerie, e tutti coloro che hanno partecipato alla realizzazione del progetto.

3 INDICE Analisi dei risultati dell indagine sui fabbisogni di cura delle donne lavoratrici 1. Ripartizione del campione intervistato per criteri di selezione pag Criterio di selezione: Fasce di età delle donne intervistate pag Criterio di selezione: Numero di figli delle donne intervistate pag Criterio di selezione: Fasce di età dei figli delle donne intervistate pag Analisi dei dati raccolti pag Situazione attuale pag Problematiche emerse pag. 4 3 Individuazione della tipologia di Servizio Aziendale da implementare pag Reale esigenza pag Preferenze espresse pag. 6 4 Proposte per favorire la conciliazione pag Servizi da potenziare pag Interventi proposti pag. 8

4 Analisi dei risultati dell indagine sui fabbisogni di cura delle donne lavoratrici Questa relazione rappresenta una prima riflessione sui risultati dell indagine dei fabbisogni delle donne lavoratrici in materia di conciliazione lavoro-famiglia. Si è proceduto alla somministrazione di un questionario ad un campione di 150 donne lavoratrici. Sono state interpellate soprattutto le donne lavoratrici dipendenti dell Università degli Studi di Cassino o di società di servizi esterne, ma operanti presso l Università stessa (Impresa di pulizie). Una minoranza di donne esterne all Ateneo ha contribuito all indagine (mogli, amiche di dipendenti, etc.). Purtroppo in questo breve arco di tempo non è stato possibile sondare ulteriormente le eventuali esigenze delle donne lavoratrici del territorio non appartenenti alla struttura. L obiettivo prioritario del Progetto Vinco è quello d individuare le problematiche connesse all assistenza dei figli, dei genitori anziani, degli adulti disabili da parte delle donne lavoratrici per migliorare la conciliazione lavoro-famiglia. L Università degli Studi di Cassino in questo senso intende concorrere al Progetto Vinco per realizzare una struttura dedicata alla cura dei figli dei dipendenti; pertanto, in questa relazione, verrà analizzata soltanto la sezione relativa all assistenza dei figli, trascurando per il momento gli aspetti legati all assistenza delle persone anziani o dei disabili. L indagine è stata svolta in due modalità: Cartacea (presso le portinerie delle varie sedi dell Ateneo) e Informatica (Online sul sito I risultati più significativi sono stati ottenuti online, con 79 risposte contro le 36 cartacee. A ciò hanno contribuito diversi fattori: la maggiore semplicità di compilazione del questionario informatizzato, la brillante illustrazione del progetto sulla prima pagina del sito di Ateneo e l efficiente diffusione della notizia e della sua importanza tramite il servizio Primo Piano. Al fine di trasmettere risultati attinenti alla realtà, è stato inserito nel questionario online un controllo dell IP della macchina connessa per la compilazione del questionario in modo da eliminare eventuali duplicati o dati errati. Le risposte al questionario online ritenute attendibili sono state suddivise per settore di appartenenza, Tab. 1. Le 36 risposte al questionario cartaceo evidenziate in Tab. 1 non saranno considerate in questa relazione in quanto sono state consegnate al consulente del progetto Vinco e quindi per avere un quadro completo sarà necessario aspettare la pubblicazione ufficiale dei risultati dell indagine. SEDE DI APPARTENENZA RISPOSTE ONLINE RISPOSTE CARTACEE TOTALE Folcara (Eco. Giurisp. Sc. motorie) Ingegneria (Cassino Fr.) Lettere e Filosofia Cassino Servizi di Ateneo Rettorato Totale INTERNI Esterni Università ESTERNI Totale Tab. 1 Risposte del campione di donne in esame 1

5 L indagine ha individuato ed evidenziato i principali ostacoli che impediscono la conciliazione lavoro-famiglia del campione di donne lavoratrici ed i servizi del territorio da potenziare. In particolare l analisi dei risultati è stata implementata nel seguente modo: 1. Ripartizione del campione intervistato per criteri di selezione; 2. Analisi dei dati raccolti; 3. Individuazione della tipologia di Servizio Aziendale da implementare; 4. Proposte per favorire la conciliazione. 1. Ripartizione del campione intervistato per criteri di selezione 1.1 Criterio di selezione: Fasce di età delle donne intervistate La maggiore parte delle donne intervistate (66%) ha un età compresa tra i 34 e 50 anni e rappresenta quindi la fascia maggiormente interessata al servizio aziendale in quanto tra esse il 90% ha uno o più figli. In effetti, nella fascia inferiore anni soltanto il 5% delle donne ha figli, mentre nella fascia superiore (maggiore di 50 anni) l età media dei figli è superiore a 14 anni, Fig. 1. Età media figli>14 anni 16% 18% 5% ha figli Giovani Anni Mature Anni Maggiori 50 90% ha figli 66% Fig. 1 Fasce di età del campione di donne intervistate 1.2 Criterio di selezione: Numero di figli delle donne intervistate Il campione intervistato è stato raggruppato per numero di figli delle donne lavoratrici considerate nell indagine. Da questa rilevazione è emerso che il 24% delle donne intervistate non ha figli e quindi non va preso in considerazione per stabilire l esigenza immediata del servizio aziendale. Le donne sulle quali porre maggiore attenzione sono quelle con uno o più figli in quanto direttamente coinvolte (rispettivamente 23% e 47%). Le famiglie numerose con più di due figli rappresentano soltanto il 6%, Fig. 2. 5% 1% 24% 0 Figli 1 Figlio 2 Figli 3 Figli 4 Figli 47% 23% Fig. 2 Numero di figli del campione di donne intervistate 2

6 Valori % Fasce di età dei figli 1.3 Criterio di selezione: Fasce di età dei figli delle donne intervistate La suddivisione per fasce di età dei bambini delle donne considerate invece ci indica il tipo di servizio aziendale che si potrebbe attuare in funzione dell esigenza predominante. E interessante riflettere sulle percentuali dei bambini appartenenti ad ogni fascia di età per l impostazione adeguata del servizio aziendale. Il campione si divide così, Fig. 3: 20% dei bambini tra 0 e 2 anni: potenziali interessati all asilo nido; 19% dei bambini tra 3 e 5 anni: potenziali interessati al baby parking; 32% dei bambini tra 6 e 14 anni: potenziali interessati alla ludoteca o al dopo scuola sia per periodi scolastici che per periodi estivi; 29% dei bambini sopra ai 14 anni: non più interessati al servizio aziendale. 29% - No Serv. Az. 32% Ludoteca Doposcuola 19 % Baby Parking 14 Anni in poi 6-14 Anni 3-5 Anni 0-2 Anni 20% NIDO Valori (%) Fig. 3 Fasce di età dei figli del campione di donne e probabili esigenze per il servizio aziendale 2. Analisi dei dati raccolti 2.1 Situazione attuale Dall indagine emerge che la maggiore parte dei bambini è in età scolare, quindi durante le ore di lavoro si trova principalmente a scuola (48%) o con i nonni (27%) dopo la scuola o in periodi di vacanza. Dalla classifica precedente riportata al par. 1.3, risulta che il 39% dei bambini ha età inferiore ai 5 anni, di questi il 12% va al nido privato, il 5% al va al nido pubblico, l 8% sta con la baby-sitter e probabilmente la restante parte usufruisce del supporto dei nonni, Fig % % 12% 8% 27% Nido pubblico Nido privato Baby sitter Nonni/parenti Scuola 0 Strutture/Personale di appoggio Fig. 4 Strutture/Personale di appoggio per la cura dei figli del campione di donne durante l orario di lavoro 3

7 Valori % I dati mostrano che poco meno della metà delle donne lavoratrici (48%) utilizza le strutture per la cura dei figli soltanto nella fascia oraria , mentre per il 30% le strutture utilizzate devono coprire l intera giornata ossia la fascia oraria Per il 18% invece nasce l esigenze di una struttura per la cura dei figli soltanto di pomeriggio nella fascia oraria , probabilmente quando la scuola è chiusa. Soltanto il 4% dichiara di avere difficoltà nella cura dei figli fino alle ore 20.00, Fig. 5. 4% 18% 30% 48% Orario Orario Orario Orario Fasce orarie di utilizzo delle strutture/personale di appoggio Fig. 5 Fasce orarie di utilizzo delle Strutture/Personale di appoggio per la cura dei figli del campione di donne durante l orario di lavoro Con riferimento allo schema di Fig.6, tra le donne del campione che si appoggiano a strutture private, il costo mensile più diffuso (40%) va da a % 12% 12% 16% < < Costo < < Costo < < Costo < > % Fig. 6 Costo delle Strutture di appoggio per la cura dei figli del campione di donne 2.2 Problematiche emerse L indagine ha messo in luce i principali ostacoli che impediscono la conciliazione lavoro-famiglia che risulta sempre più difficile per le donne lavoratrici come si evidenzia in Fig. 7. Per ben 39% delle donne le problematiche sorgono soprattutto quando si tratta della malattia dei propri figli: in tale caso una mamma è difficilmente sostituibile. Grandi difficoltà si presentano anche nei periodi di chiusura della scuola (Estate 29%), mentre il 13% delle intervistate dichiara di essere in difficoltà a causa dell orario di lavoro. In effetti, la scuola termina alle ore 13.30, mentre il turno di lavoro tipico di una dipendente universitaria si protrae fino alle ore 14.00, con due rientri settimanali fino alle ore

8 Valori % Valori % 11% 8% 13% 29% 39% Difficoltà Distanza lavoro Difficoltà Orario/Lavoro Difficoltà Estate/Vacanze Difficoltà pomeriggio Difficoltà figli malati Difficoltà di conciliazione lavoro-famiglia Fig. 7 Difficoltà di conciliazione lavoro-famiglia del campione di donne Un ulteriore considerazione va fatta sull aiuto esterno che il campione in esame riceve per la conciliazione lavoro famiglia: il 44% delle donne intervistate beneficia dell aiuto dei nonni, il 22% si appoggia a strutture esterne a pagamento, il 20% si avvale della collaborazione da parte del marito, mentre il 7% delle donne dichiara di risolvere le proprie difficoltà prendendo permessi al lavoro, Fig % 22% 20% 7% 7% Personale di aiuto per la concilaizione lavoro-famiglia Marito Nonni, zii Amici Esterni a pagamento Permessi lavoro Fig. 8 Personale di aiuto per la conciliazione lavoro-famiglia del campione di donne 3. Individuazione della tipologia di Servizio Aziendale da implementare 3.1 Reale esigenza La fase fondamentale dello studio consiste nell analizzare le richieste di attivazione del servizio aziendale e delle preferenze per tale servizio. E importante quindi fare distinzione tra il desiderio di realizzare un servizio aziendale per la cura dei figli e la reale esigenza, escludendo a priori le donne del campione che, pur avendo espresso un parere positivo, non hanno figli di età compresa tra 0 e 14 anni. Per avere un quadro più preciso, è necessario distinguere, tra le risposte favorevoli al servizio aziendale, quelle reali da quelle potenziali. Con riferimento alla Fig.9, da questa valutazione emerge che il 76% del campione intervistato online ha espresso parere favorevole alla realizzazione del servizio aziendale, contro una minoranza del 24% che ha figli di età maggiore di 14 anni. Tra le donne favorevoli bisogna tenere presente che l 8% ha figli di età superiore a 14 anni mentre il 14% non ha figli 5

9 Valori % attualmente. Tali risposte sono importanti per prevedere un futuro utilizzo del servizio aziendale, ma non vanno considerate nell immediato per la progettazione del servizio aziendale. Nello studio sono state prese in considerazione soltanto le risposte delle donne con figli di età tra 0 e 14 anni in quanto rappresentano l esigenza reale attendibile (54%) per l attivazione del servizio aziendale da settembre 2011, Fig % 8% 14 % 54% ESIGENZA REALE Non favorevoli Favorevoli con figli>14 Favorevoli senza figli Favorevoli attendibili 0 Parere per il servizio aziendale Fig. 9 Parere per il servizio aziendale : reale esigenza Infine, i pareri favorevoli attendibili sono stati raggruppati per sede di appartenenza al fine di individuare per ciascuna di esse il grado d interesse. La percentuale più alta di donne interessate al servizio aziendale appartiene alla sede di Ingegneria (37%), percentuali inferiori appartengono rispettivamente alle sedi della Folcara (16%) e del Rettorato (14%). Il 19% delle donne favorevoli appartiene a sedi esterne, Fig % 5% 19% 9% 16% Esterni Folcara Ingegneria Lettere e Filosofia Rettorato Servizi Ateneo 37% Fig. 10 Risposte del campione di donne in esame raggruppato per sede di appartenenza 3.2 Preferenze espresse Una volta individuata la reale esigenza per il servizio aziendale considerando soltanto le risposte attendibili (54%) sono stati di nuovo elaborati i risultati dell indagine in base alla preferenza espressa per tale servizio aziendale. Il questionario somministrato prevedeva le seguenti tipologie di servizio aziendale: 1. nessuna preferenza; 2. asilo nido (0-3 anni); 3. baby parking (3-5 anni); 4. ludoteca (5-14); 5. dopo scuola (5-14). 6

10 Valori % Il campione di donne intervistate esprime la preferenza più alta per il dopo scuola (35%) e per la ludoteca (28%), ma anche l asilo nido e il baby parking raggiungono valori significativi (16%), Fig. 11. E anche vero però che questa valutazione non tiene conto delle risposte cartacee in possesso del consulente del Progetto Vinco (36 questionari) e quindi l analisi ufficiale dei risultati potrebbe risultare leggermente diversa dalla presente. Inoltre, essendo il servizio aziendale aperto al territorio, a causa dei termini di consegna ristretti del questionario, non è stato tenuto conto, delle esigenze delle donne esterne all Ateneo, che potrebbero essere interessate al tale servizio aziendale % 28% 16% 16% 5% Preferenza per il servizio aziendale del campione attendibile Nessuna preferenza Asilo nido Baby Parking Ludoteca Dopo scuola Fig. 11 Preferenza del campione attendibile per il servizio aziendale 4. Proposte per favorire la conciliazione 4.1 Servizi da potenziare Le donne lavoratrici intervistate hanno espresso il loro parere per quanto riguardano i servizi del territorio da potenziare per migliorare la conciliazione lavoro-famiglia. I servizi più richiesti sono soprattutto rivolti alla cura dei figli durante l orario di lavoro in periodi in cui la scuola risulta chiusa (periodo estivo - pomeriggio). Pertanto, il 32% del campione richiede di potenziare le attività ludiche e pomeridiane, mentre il 32% richiede di potenziare le attività sportive e i campi estivi per impegnare il tempo libero dei propri figli, offrendo loro nello stesso tempo un percorso educativo (Fig. 12). Una buona parte (19%) richiede la creazione di nuovi asili nidi o baby parking per la gestione dei più piccoli. Il 14% richiede di attivare la mensa scolastica per la scuola materna ed elementare nel periodo 1 settembre - 30 giugno al fine di conciliare l orario di lavoro con la gestione dei figli (Fig. 12). Infatti, la mensa scolastica nella scuola materna pubblica apre all inizio del mese di ottobre e chiude il 30 maggio, mentre nella scuola elementare non è proprio attiva. Pertanto, le donne lavoratrici sono costrette ad appoggiarsi a strutture di supporto esterne per compensare tali disagi. 7

11 14% 3% 19% Albo baby sitter Asilo nido/ Baby parking Ludoteche/ Attività pomeridiane 32% 32% Attività sportive/campi estivi Mensa scolatica dal 01/09 al 30/06 Fig. 12 Servizi da potenziare per la conciliazione lavoro-famiglia secondo il campione attendibile 4.2 Interventi proposti Gli aspetti più problematici messi in evidenza dall indagine riguardano la necessità di creare i servizi per la cura dei figli nelle aree di lavoro, al fine di facilitare la conciliazione lavoro-famiglia. Inoltre, è fondamentale intensificare i servizi durante il periodo estivo soprattutto per la fascia di età 6-14 anni. La risposta immediata per migliorare la conciliazione lavoro-famiglia si traduce nella realizzazione di una struttura di sostegno per le donne lavoratrici che consenta: 1. la cura dei figli più piccoli durante l intero orario di lavoro; 2. la cura dei figli in età scolare negli orari pomeridiani; 3. la cura dei figli in età scolare nei periodi di chiusura della scuola (estate e festività); 4. il servizio mensa per i bambini che usufruiscono del servizio aziendale. La struttura di sostegno della cura dei figli, attivata direttamente presso l Università degli studi di Cassino, potrebbe assicurare uno o più di uno dei seguenti servizi: 1. Asilo Nido (fascia 0-3 anni): con orario nel periodo 1 settembre-31 luglio con attivazione del servizio mensa; 2. Baby Parking (fascia 3-5 anni): con orario nel periodo 1 settembre-31 luglio con attivazione del servizio mensa; 3. Ludoteca/Dopo scuola (fascia 5-14 anni): con orario nei periodi di chiusura della scuola e con orario nei periodi scolastici, con attivazione del servizio mensa. 8

Progetto T&O (Tempi&Orari) I tempi nelle nostre mani

Progetto T&O (Tempi&Orari) I tempi nelle nostre mani Progetto T&O (Tempi&Orari) I tempi nelle nostre mani Codice identificativo VA/Varese n 31/2005 - Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 405 del 22/06/05 e Delibera di Giunta Comunale n. 45 del 31/10/07

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUI BISOGNI DELLE FAMIGLIE CON FIGLI DI ETA 0-3 ANNI NEL COMUNE DI CORNATE D ADDA

INDAGINE CONOSCITIVA SUI BISOGNI DELLE FAMIGLIE CON FIGLI DI ETA 0-3 ANNI NEL COMUNE DI CORNATE D ADDA Comune di Cornate d Adda Assessorato alle politiche sociali Laboratorio Territoriale Brianza Est PIC Equal II Fase Rif. IT-G2-LOM-061 INDAGINE CONOSCITIVA SUI BISOGNI DELLE FAMIGLIE CON FIGLI DI ETA 0-3

Dettagli

6. Come valuta l'attuale situazione economica della Sua famiglia?

6. Come valuta l'attuale situazione economica della Sua famiglia? QUESTIONARIO CO PROGETTAZIONE SERVIZI PER L INFANZIA E LA FAMIGLIA CITTÀ DI MANTOVA QUESTIONARIO CO PROGETTAZIONE SERVIZI PER L INFANZIA E LA FAMIGLIA Progetto CITTÀ DIRE MANTOVA FAMIGLIA Finanziato dalla

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH ,O7HPSRGHOOH'RQQH Progetto ID 158160 Azioni di sistema E1 FSE Obiettivo 3 http://www.iltempodelledonne.it $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH Per lo studio dei servizi sul territorio,

Dettagli

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI M o d e n a, n o v e m b re 2 0 1 4 1 INDICE Pagina INFORMAZIONI

Dettagli

8. SEGRATE: PIU TEMPO PER LA FAMIGLIA E I FIGLI

8. SEGRATE: PIU TEMPO PER LA FAMIGLIA E I FIGLI 8. SEGRATE: PIU TEMPO PER LA FAMIGLIA E I FIGLI L impegno sarà quello di promuovere azioni di armonizzazione e conciliazione dei tempi di vita, di lavoro e personali: l obiettivo è offrire un aiuto concreto

Dettagli

Comune di Ponte San Nicolò

Comune di Ponte San Nicolò Comune di Ponte San Nicolò SERVIZIO PUBBLICA ISTRUZIONE E SPORT Il Servizio è finalizzato a rendere effettivo il diritto allo studio, alla promozione e valorizzazione delle attività sportive, motorie e

Dettagli

Bisogni e necessità delle famiglie con almeno un bambino fra 0 e 4 anni Risultati del sondaggio

Bisogni e necessità delle famiglie con almeno un bambino fra 0 e 4 anni Risultati del sondaggio Bisogni e necessità delle famiglie con almeno un bambino fra 0 e 4 anni Risultati del sondaggio Conferenza stampa Paolo Beltraminelli Direttore DSS 17 marzo 2015 Indice 1. Perché il sondaggio? 2. Questionario

Dettagli

Conciliazione Famiglia - Lavoro

Conciliazione Famiglia - Lavoro Conciliazione Famiglia - Lavoro Grazie in anticipo per aver accettato di dedicarci il Suo tempo che sarà utile per la riuscita di questa indagine. Lo scopo dell'indagine è quello di analizzare l'attuale

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE REPORT INDAGINE Roma, 16 maggio 2102 Comune di Cosenza RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO Ufficio Relazioni con il Pubblico Strumento n 9: modello report

Dettagli

PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016. SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine

PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016. SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine TAM TAM Cooperativa Sociale Via G. Marconi n.978/b 45021 Badia Polesine (RO) Tel.3332736263

Dettagli

Coordinamento Donne Fisac Piemonte

Coordinamento Donne Fisac Piemonte PIEMONTE : un analisi che parte dal Piemonte Partiamo dal presupposto che ad oggi la suddivisione dei ruoli tra donne ed uomini continua ad essere un utopia. Ce lo confermano le recenti statistiche ISTAT

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE REPORT INDAGINE Roma, 11 maggio Comune di Bisceglie RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO FRONT OFFICE "Accesso e utilizzo dei servizi di sportello" Strumento

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

Indagine sui bisogni delle famiglie con bambini di età 0-6 anni

Indagine sui bisogni delle famiglie con bambini di età 0-6 anni Sant Angelo giano Tel.: 9 Fax: 9 Indagine sui bisogni delle famiglie con bambini di età - anni Comuni di Caselle Landi, Castelnuovo Bocca d'adda, Corno Vecchio, Maleo, San Fiorano, Santo Stefano giano

Dettagli

Antonia Criscenti (componente docente) Alessandra Renna (componente amministrativa) Federica Ferrarello (componente studentesca)

Antonia Criscenti (componente docente) Alessandra Renna (componente amministrativa) Federica Ferrarello (componente studentesca) Antonia Criscenti (componente docente) Alessandra Renna (componente amministrativa) Federica Ferrarello (componente studentesca) Storia>1997-2009 Attività> formazione e intervento Progetti>formazione e

Dettagli

NELL ULTIMO ANNO RIDOTTE LE SPESE PER ABBIGLIAMENTO, SVAGHI E ALIMENTARI

NELL ULTIMO ANNO RIDOTTE LE SPESE PER ABBIGLIAMENTO, SVAGHI E ALIMENTARI COMUNICATO STAMPA LA FAMIGLIA COME SPECCHIO DELLA REALTA PRIMI RISULTATI DELL INDAGINE RISORSA FAMIGLIA. INDAGINE SULLE FAMIGLIE PISTOIESI: CASA, LAVORO, BILANCIO DELL OSSERVATORIO SOCIALE PROVINCIALE

Dettagli

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 RETI TERRITORIALI OBIETTIVO Attivazione di reti territoriali

Dettagli

Obblighi E Fabbisogni Formativi Per Le Piccole Imprese Nel Settore Edile Data di pubblicazione: 12/06/2007

Obblighi E Fabbisogni Formativi Per Le Piccole Imprese Nel Settore Edile Data di pubblicazione: 12/06/2007 Obblighi E Fabbisogni Formativi Per Le Piccole Data di pubblicazione: 12/06/2007 1/7 Sommario: PREMESSA: 3 CORSI OBBLIGATORI SICUREZZA: 4 ESIGENZE FORMATIVE: 5 FORMULARIO: 6 CONCLUSIONI: 7 2/7 PREMESSA:

Dettagli

Un cane per amico. Titolo: Attività da realizzare

Un cane per amico. Titolo: Attività da realizzare Titolo: Un cane per amico L ASD e di Promozione Sociale Do Re Miao! in collaborazione con la comunità pastorale I Tre Arcarcangeli (parrocchia Ss.ma Annunziata dei Greci), Livorno, propone un progetto

Dettagli

4. EDUCAZIONE, FORMAZIONE, CULTURA. 4.5 Politiche per l infanzia e per i giovani

4. EDUCAZIONE, FORMAZIONE, CULTURA. 4.5 Politiche per l infanzia e per i giovani 4. EDUCAZIONE, FORMAZIONE, CULTURA 4.5 Politiche per l infanzia e per i giovani INDICE Inquadramento strategico.................... pag. 125 Risorse impiegate...................... pag. 126-127 Principali

Dettagli

Conciliazione Lavoro - Famiglia (Questionario per le aziende)

Conciliazione Lavoro - Famiglia (Questionario per le aziende) Conciliazione Lavoro - Famiglia (Questionario per le aziende) Grazie in anticipo per aver accettato di dedicarci il Suo tempo che sarà utile per la riuscita di questa indagine. Lo scopo dell'indagine è

Dettagli

Arsenàl.IT. Centro Veneto Ricerca e Innovazione per la Sanità Digitale

Arsenàl.IT. Centro Veneto Ricerca e Innovazione per la Sanità Digitale Risultati del questionario di valutazione del servizio di scarico online del referto nelle aziende riusanti Arsenàl.IT Centro Veneto Ricerca e Innovazione per la Sanità Digitale Informazioni preliminari

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO RELAZIONE INDAGINE SULLA SODDISFAZIONE DELL UTENZA SERVIZI ALLA PRIMA INFANZIA. Anno 2009

COMUNE DI ROVIGO RELAZIONE INDAGINE SULLA SODDISFAZIONE DELL UTENZA SERVIZI ALLA PRIMA INFANZIA. Anno 2009 COMUNE DI ROVIGO RELAZIONE INDAGINE SULLA SODDISFAZIONE DELL UTENZA SERVIZI ALLA PRIMA INFANZIA Anno 2009 1. CARATTERISTICHE E DATI QUANTITATIVI DELLA RICERCA OBIETTIVO DELL INDAGINE L obiettivo dell indagine

Dettagli

Questionario su Welfare Aziendale (in allegato Informativa Privacy ai sensi del D.Lgs 196/03 per il trattamento dei dati)

Questionario su Welfare Aziendale (in allegato Informativa Privacy ai sensi del D.Lgs 196/03 per il trattamento dei dati) Questionario su Welfare Aziendale (in allegato Informativa Privacy ai sensi del D.Lgs 196/03 per il trattamento dei dati) Gent.mo/a. Per WELFARE AZIENDALE si intende un insieme di soluzioni che l'azienda

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ. Procedure del Sistema di Gestione per la Qualità. Scuola Secondaria Superiore. Formazione individuale

CARTA DELLA QUALITÀ. Procedure del Sistema di Gestione per la Qualità. Scuola Secondaria Superiore. Formazione individuale Scuola Secondaria Superiore Formazione individuale Servizi scolastici pomeridiani Via Oss Mazzurana n 8 38122 TRENTO Qualificazione professionale Corsi FSE tel. 0461 233043 fax 0461 222441 Presa d'atto

Dettagli

Comune di Vallesaccarda (Av) Provincia di AVELLINO. Regolamento Comunale Ludoteca Prima Infanzia Il Chicco di Grano

Comune di Vallesaccarda (Av) Provincia di AVELLINO. Regolamento Comunale Ludoteca Prima Infanzia Il Chicco di Grano Comune di Vallesaccarda (Av) Provincia di AVELLINO Regolamento Comunale Ludoteca Prima Infanzia Il Chicco di Grano 1 art. 1 - finalità La Ludoteca infantile è un servizio educativo e sociale di interesse

Dettagli

Ricerca rivolta alle famiglie di bambini di età 0-36 mesi non iscritti ai servizi comunali, anno 2015 L INDAGINE IN SINTESI

Ricerca rivolta alle famiglie di bambini di età 0-36 mesi non iscritti ai servizi comunali, anno 2015 L INDAGINE IN SINTESI Ricerca rivolta alle famiglie di bambini di età 0-36 mesi non iscritti ai servizi comunali, anno 2015 ASPETTI METODOLOGICI L INDAGINE IN SINTESI Indagine a cura di: - Area Organizzazione e gestione servizi

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

DOMANDE RELATIVE ALL AZIENDA

DOMANDE RELATIVE ALL AZIENDA QUESTIONARIO CONOSCITIVO SULLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE VITA&LAVORO E SUI SERVIZI DEL TERRITORIO PER UNA MIGLIORE QUALITA DI VITA Il questionario rientra in una indagine che il Comune di Pavia sta conducendo,

Dettagli

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 COMUNE DI VANZAGHELLO PROVINCIA DI MILANO Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 Il Decreto Legislativo 11 aprile 2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art.

Dettagli

SOGGETTO ATTUATORE (indicare il Partner interessato): La Biotre.sas di Cappella Giuseppe, & C

SOGGETTO ATTUATORE (indicare il Partner interessato): La Biotre.sas di Cappella Giuseppe, & C AZIONE 3: attivazione di accordi sugli orari e sull organizzazione del lavoro, volti a favorire forme di flessibilità finalizzate alla conciliazione dei tempi di vita familiare e di lavoro dei lavoratori

Dettagli

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità COMUNE DI BOLOGNA ALLEGATO al: PROTOCOLLO D INTESA tra IL COMUNE DI BOLOGNA E IMPRESE, COOPERATIVE E ASSOCIAZIONI PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE TATA BOLOGNA PER UN SERVIZIO DI BABY SITTER.

Dettagli

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N 78 del 26 settembre 1997 e N 13 del 12 marzo 1998 TITOLO 1 Finalità

Dettagli

Frascati, Cari Colleghi,

Frascati, Cari Colleghi, Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Frascati, Cari Colleghi, il nuovo Contratto Collettivo Nazionale Integrativo dell INFN, stipulato in data 3 novembre 2003, prevede, alla lett. e) dell articolo 4,

Dettagli

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso Diventerò genitore Istruzioni per l uso 1 Diventare genitore Tutela della salute della donna e del bambino è un grande evento, e ti esprimiamo tutte le nostre più vive congratulazioni. La tutela riconosciuta

Dettagli

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822 C.F. 91040770702 E-mail

Dettagli

QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA

QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA Come è noto la programmazione dei fondi comunitari trae sempre origine da una analisi del contesto territoriale a

Dettagli

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000;

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000; CONVENZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO PAVONI PER LA REALIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI SUPPORTO DOMICILIARE PER L'INTEGRAZIONE SCOLASTICA FAVORE DEGLI ALUNNI SORDI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA. Richiamata

Dettagli

PRESENTAZIONE CENTRO PRIMI PASSI

PRESENTAZIONE CENTRO PRIMI PASSI CATALOGO SERVIZI A.S. 2015/2016 PRESENTAZIONE CENTRO PRIMI PASSI Il Centro Primi Passi (d ora in poi PP) nasce nel 1996 nel quadro di un progetto della Uisp nazionale dedicato allo sviluppo delle abilità

Dettagli

Sostegno a distanza SOSTEGNO A DISTANZA: IN COSA CONSISTE

Sostegno a distanza SOSTEGNO A DISTANZA: IN COSA CONSISTE SOSTEGNO A DISTANZA: IN COSA CONSISTE Sostegno a distanza Si é consolidata ed è in continua espansione una forma di solidarietà che è definita in diversi modi: adozione a distanza, sostegno a distanza,

Dettagli

Welfare, servizi e equità sociale: un indagine delle Acli trentine

Welfare, servizi e equità sociale: un indagine delle Acli trentine Welfare, servizi e equità sociale: un indagine delle Acli trentine 1 La crisi colpisce più le valli L indagine realizzata dall Osservatorio delle Acli trentine ci dà modo di riflettere sulle condizioni

Dettagli

REGOLAMENTO DEI SERVIZI INTEGRATIVI PER LA PRIMA INFANZIA CENTRI GIOCO E SPAZI-BAMBINO

REGOLAMENTO DEI SERVIZI INTEGRATIVI PER LA PRIMA INFANZIA CENTRI GIOCO E SPAZI-BAMBINO (Comuni di Castelnuovo Rangone, Castelvetro di Modena, Savignano sul Panaro, Spilamberto, Vignola) REGOLAMENTO DEI SERVIZI INTEGRATIVI PER LA PRIMA INFANZIA CENTRI GIOCO E SPAZI-BAMBINO Art.1 TIPOLOGIA

Dettagli

Valutazione della Scuola Primaria da parte di alunni e genitori Anno scolastico 2007-2008

Valutazione della Scuola Primaria da parte di alunni e genitori Anno scolastico 2007-2008 Istituto Comprensivo Dante Alighieri Via Giustiniano7 -Trieste Valutazione della Scuola Primaria da parte di alunni e genitori Anno scolastico 2007-2008 I questionari sono stati distribuiti agli alunni

Dettagli

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO Progetto VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità della scuola Profilo della scuola POPPI Codice meccanografico ARIC8R INDICE Introduzione La partecipazione al progetto:

Dettagli

E...STATE CON NOI! PER VIVERE UN GIORNO DA ARTISTA, CUOCO, ACROBATA, BALLERINO, SPORTIVO

E...STATE CON NOI! PER VIVERE UN GIORNO DA ARTISTA, CUOCO, ACROBATA, BALLERINO, SPORTIVO www.ilpuntocoop.it IL PUNTO S.C.S. O.N.L.U.S. Società Cooperativa Sociale 10090 GASSINO T.se (TO) Via Bussolino Centro, 16 E-mail: ilpunto@ilpuntocoop.it Albo Nazionale A119438 P.IVA e Cod. Fisc. 05339380015

Dettagli

Progetto Giochi Invernali Scuola Fabbri/Poerio 2011 2012

Progetto Giochi Invernali Scuola Fabbri/Poerio 2011 2012 Progetto Giochi Invernali Scuola Fabbri/Poerio 2011 2012 Versione 2.2 del 17 Settembre 2011 Scopo del progetto Il Progetto nasce nel 209 per rispondere all esigenza sempre più diffusa tra le famiglie,

Dettagli

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 NOME PROGETTO: COMUNE DI FORMIA IMPARO A VOLARE - 2009 AMBITO D INTERVENTO: assistenza educativa domiciliare sociale, scolastico a favore di minori con disagio

Dettagli

Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA

Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 46 del 13.4.2010 ART. 1 FINALITA 1. Il servizio

Dettagli

1. INTERVENTI ECONOMICI

1. INTERVENTI ECONOMICI PIANO DEGLI INTERVENTI IN MATERIA DI POLITICHE FAMILIARI DEL COMUNE DI TIONE DI TRENTO PER L ANNO 2016 PREMESSA La Provincia Autonoma di Trento ha approvato in data 10 luglio 2009 il Libro Bianco sulle

Dettagli

L'agenda di giovedì 10 luglio

L'agenda di giovedì 10 luglio Politica L'agenda di giovedì 10 luglio L'agenda di giovedì 10 luglio ROMA (11.00) Sala Convegni Città dell Altra economia, largo Frisullo. Conferenza stampa di chiusura del progetto Wonder tata finanziato

Dettagli

Risultati indagine di customer satisfaction

Risultati indagine di customer satisfaction Risultati indagine di customer satisfaction Il Comune di Lecco ha avviato un indagine di customer satisfaction per il 2013. L obiettivo era mirato a raccogliere elementi di valutazione del gradimento da

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ARCI NAPOLI 2) Codice di accreditamento: NZ05738 3) Albo e classe di iscrizione: Regione Campania

Dettagli

Interven( della Regione Calabria per le poli(che di conciliazione Do#.ssa Elisa Mannucci

Interven( della Regione Calabria per le poli(che di conciliazione Do#.ssa Elisa Mannucci Interven( della Regione Calabria per le poli(che di conciliazione Do#.ssa Elisa Mannucci Dipar&mento Lavoro Poli&che della famiglia Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato Strumen( finanziari

Dettagli

I finanziamenti regionali per la famiglia e la conciliazione

I finanziamenti regionali per la famiglia e la conciliazione I finanziamenti regionali per la famiglia e la conciliazione Sono state diffuse nel mese di dicembre le graduatorie relative ai due bandi inseriti nella DGR 2055 del 28 luglio 2011, relativi a progetti

Dettagli

REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE Città di Somma Lombardo REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione CC n. 38 del 20 giugno 2008 Ultima modifica con deliberazione CC n. 52 del 26 luglio 2014 Ripubblicato all Albo

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 Allegato n. 2 alla Delib.G.R. n. 19/4 del 8.5.2012 AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle

Dettagli

Settore Politiche Sociali e di Sostegno alla Famiglia. regolamento. Asili nido Arcobaleno L arca di Noè

Settore Politiche Sociali e di Sostegno alla Famiglia. regolamento. Asili nido Arcobaleno L arca di Noè Settore Politiche Sociali e di Sostegno alla Famiglia regolamento Asili nido Arcobaleno L arca di Noè regolamento Documento aggiornato a febbraio 2013 Indice capo 1 art. 1 art. 2 art. 3 capo 2 art. 4 art.

Dettagli

Processo di elaborazione

Processo di elaborazione Processo di elaborazione Questionario Esterno QUESTIONARIO DI SODDISFAZIONE DELL UTENTE/VISITATORE Gruppo operativo 2.1.2. Performance 1. Nunzia Pandolfi 2. Simona Saltarelli 3. Annalina Notarantonio 4.

Dettagli

Il voucher per la conciliazione lavoro-famiglia. Franca De Battista

Il voucher per la conciliazione lavoro-famiglia. Franca De Battista Il voucher per la conciliazione lavoro-famiglia Franca De Battista Definizione di voucher Strumento di conciliazione vita lavoro Supporto nei percorsi di politiche attive del lavoro Bonus spendibile per

Dettagli

COMUNE DI PISA Direzione Servizi Educativi - Affari Sociali. Attività estive 2014 bambini/e 3-6 anni

COMUNE DI PISA Direzione Servizi Educativi - Affari Sociali. Attività estive 2014 bambini/e 3-6 anni COMUNE DI PISA Direzione Servizi Educativi - Affari Sociali Attività estive 2014 bambini/e 3-6 anni PREMESSA: LE ATTIVITA ESTIVE.. 3 ORGANIZZAZIONE.. 4 QUESTIONARIO DI GRADIMENTO GENITORI...7 SINTESI SUL

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

CRE Centri Ricreativi Estivi Citizen Satisfaction 2012

CRE Centri Ricreativi Estivi Citizen Satisfaction 2012 CRE Centri Ricreativi Estivi Citizen Satisfaction 2012 QUESTIONARI COMPILATI DAI GENITORI DEI BAMBINI CHE HANNO FREQUENTATO I CRE RIVOLTI ALLA FASCIA DI ETÀ 6-11 ANNI Questionari elaborati: 370 Modalità

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PRIMO REPORT DEI DATI OSPOWEB

PRESENTAZIONE DEL PRIMO REPORT DEI DATI OSPOWEB PRESENTAZIONE DEL PRIMO REPORT DEI DATI OSPOWEB Povertà rilevate dai centri di ascolto parrocchiali aderenti al progetto "Centri di ascolto in rete" nell anno 2013 In ascolto per costruire comunità La

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 STUDIO Q QUALITÀ TOTALE SRL organizzazione formazione marketing INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE 3 2 METODOLOGIA 4 3 IL TARGET E IL CAMPIONE D

Dettagli

Indagine sul mondo del lavoro: Direttori del Personale e neolaureati a confronto

Indagine sul mondo del lavoro: Direttori del Personale e neolaureati a confronto Indagine sul mondo del lavoro: Direttori del Personale e neolaureati a confronto Indagine nazionale neolaureati - G.I.D.P/H.R.D.A. A cura di Paolo Citterio Presidente Nazionale Associazione Risorse Umane

Dettagli

Azione Altrotempo Zero Sei

Azione Altrotempo Zero Sei Azione Altrotempo Zero Sei Indagine nuovi servizi bambini e famiglie - 2015 Città di Caselle Torinese (Restituzione risultati - a cura di Daniela Perino, Pro.ge.s.t. s.c.s.) N. 51 risposte (compilazione

Dettagli

Gruppo di lavoro genitori

Gruppo di lavoro genitori Onlus Gruppo di lavoro genitori PREMESSA Noi genitori, consapevoli di quanto sia impegnativo occuparsi dei nostri figli sotto il profilo educativo ed assistenziale, mettiamo a disposizione della scuola

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA PASCOLI SCUOLA SECONDARIA BONIFACIO

ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA PASCOLI SCUOLA SECONDARIA BONIFACIO PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA PASCOLI SCUOLA SECONDARIA BONIFACIO TAM TAM Cooperativa Sociale IVia G. Marconi n.978/b 45021 Badia Polesine (RO) Tel.3332736263 e-mail tamtamcoop@

Dettagli

PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI RAVENNA 2014-2016

PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI RAVENNA 2014-2016 COMUNE DI RAVENNA Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI RAVENNA

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Regolamento del Tirocinio formativo in regime di convenzione

Regolamento del Tirocinio formativo in regime di convenzione Corso di Laurea triennale in Scienze dell'educazione e dei processi formativi Corso di Laurea Magistrale in Progettazione e coordinamento dei servizi educativi Regolamento del Tirocinio formativo in regime

Dettagli

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE Proposta di azione sociale Breve descrizione dell Idea / Progetto /Proposta Il Centro Socio Culturale Il Palazzone nasce in una zona della città legata a doppio filo

Dettagli

Il mio nido non è un parcheggio

Il mio nido non è un parcheggio SAPER CRESCERE Associazione Asili Nido e Scuole dell Infanzia Privati Sede: Corso Venezia, 47/49-20121 Milano Segreteria: Via Lombroso, 54-20137 Milano tel. 02 5511642 - fax 02 5468983 - assonidi@unione.milano.it

Dettagli

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Nel mese di marzo, a chiusura del primo semestre, l Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio ha monitorato il servizio di tutorato

Dettagli

COMUNE DI REGGELLO (Provincia di Firenze)

COMUNE DI REGGELLO (Provincia di Firenze) GARA D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI SCOLASTICI DI PRE SCUOLA E POST SCUOLA 4.09.20-30.06.204 CIG. 3570808D3 ALLEGATO DESCRIZIONE SERVIZI PRE E POST SCUOLA E SITUAZIONE A.S. 20/202

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità Regione Calabria Le politiche conciliative nel Por Calabria FSE 2007/2013: la strategia del dual approach per garantire il gender mainstreaming

Dettagli

RISULTATI QUESTIONARIO GRADIMENTO MENSA

RISULTATI QUESTIONARIO GRADIMENTO MENSA RISULTATI QUESTIONARIO GRADIMENTO MENSA 2014 COMMISSIONE MENSA COMUNE DI SAN LORENZO IN CAMPO COMPONENTE GENITORI REFEZIONE SCOLASTICA RISULTATI QUESTIONARIO GRADIMENTO MENSA - COMUNE DI SAN LORENZO IN

Dettagli

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI REPORT DI RILEVAZIONE DEL GRADIMENTO DEL SERVIZIO EDUCATIVO 0-3 anni Anno Scolastico 2011/12 A cura della Direzione Servizi Educativi - Affari

Dettagli

RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO REPORT INDAGINE Provincia di Lecce RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO Dicembre 2013 REPORT: UFFICIO DI STATISICA FONTE DATI: UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO INDICE

Dettagli

Al termine del lavoro ad uno dei componenti del gruppo verrà affidato l incarico di relazionare a nome di tutto il gruppo.

Al termine del lavoro ad uno dei componenti del gruppo verrà affidato l incarico di relazionare a nome di tutto il gruppo. Pag. 1 di 5 6FRSR analizzare problemi complessi riguardanti la gestione di un sito interattivo proponendo soluzioni adeguate e facilmente utilizzabili da una utenza poco informatizzata. 2ELHWWLYL GD UDJJLXQJHUH

Dettagli

INDAGINE SULLA CONOSCENZA E SODDISFAZIONE DEI CITTADINI IN MERITO AL PERCORSO DI RAVENNA CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA 2019

INDAGINE SULLA CONOSCENZA E SODDISFAZIONE DEI CITTADINI IN MERITO AL PERCORSO DI RAVENNA CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA 2019 COMUNE DI RAVENNA SERVIZIO RISORSE UMANE E QUALITA U.O. ORGANIZZAZIONE, QUALITA E FORMAZIONE INDAGINE SULLA CONOSCENZA E SODDISFAZIONE DEI CITTADINI IN MERITO AL PERCORSO DI RAVENNA CAPITALE EUROPEA DELLA

Dettagli

COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA

COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia Assessorato alla Scuola Gestione Servizi per l Infanzia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA Anno scolastico 2014/2015 COMUNICAZIONE PER

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

CERTIFICAZIONE PARITA DI GENERE

CERTIFICAZIONE PARITA DI GENERE LETTERA DI ADESIONE AL BANDO CERTIFICAZIONE PARITA DI GENERE COMMISSIONE PARI OPPORTUNITA COMUNE DI BIBBIENA Al Comune di Bibbiena Commissione Pari Opportunità Il/la sottoscritto/a in qualità di rappresentante

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

www.ic16verona.gov.it Relazione A.S. 2012-2013

www.ic16verona.gov.it Relazione A.S. 2012-2013 www.ic16verona.gov.it Relazione A.S. 2012-2013 Statistiche, linee di lavoro, considerazioni finali circa la gestione 2012-2013 del sito web dell IC 16 Valpantena. Mariacristina Filippin 14 giugno 2013

Dettagli

ALLEGATO - A Il questionario somministrato alle donne

ALLEGATO - A Il questionario somministrato alle donne ALLEGATO - A Il questionario somministrato alle donne DONNE, LAVORO E FAMIGLIA IN PROVINCIA DI PISTOIA QUESTIONARIO SEZ. 0 - CONDIZIONE UNICA O PREVALENTE D1. Qual è attualmente la sua condizione prevalente

Dettagli

Riteniamo che questa indagine possa fornire un utile contributo per il raggiungimento di tale obiettivo. Modalità per l invio

Riteniamo che questa indagine possa fornire un utile contributo per il raggiungimento di tale obiettivo. Modalità per l invio vembre 2013 QUESTIONARIO di rilevazione dei bisogni di conciliazione lavoro/famiglia a cura del Comitato Unico di Garanzia e del Servizio Pari Opportunità del Comune di Chioggia. Il Comitato Unico di Garanzia

Dettagli

LA PRIMA INDAGINE SULLE SPESE DELLE FAMIGLIE PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE ANNO 2002 SINTESI

LA PRIMA INDAGINE SULLE SPESE DELLE FAMIGLIE PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE ANNO 2002 SINTESI MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA LA PRIMA INDAGINE SULLE SPESE DELLE FAMIGLIE PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE ANNO 2002 SINTESI Nel corso del 2002 si è svolta la

Dettagli

Questionario di interessi professionali Q.I.P.

Questionario di interessi professionali Q.I.P. Questionario di interessi professionali Q.I.P. Gli interessi professionali Nella vita di una persona, la scelta del percorso formativo e della professione rappresentano momenti importanti e significativi.

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA. Proposta di legge di iniziativa dei Consiglieri:

CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA. Proposta di legge di iniziativa dei Consiglieri: CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA Proposta di legge di iniziativa dei Consiglieri: Lorenzo Pellerano Aldo Siri avente ad oggetto: Norme per la disciplina del servizio di tagesmutter

Dettagli

Progetto VOUCHER FRIENDLY

Progetto VOUCHER FRIENDLY Progetto VOUCHER FRIENDLY AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE E L EROGAZIONE DI VOUCHER DI SERVIZIO PER LA CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E DI LAVORO. 1. OBIETTIVI E FINALITÀ L obiettivo prioritario dell

Dettagli

Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010

Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010 UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010 Aprile 2011 Indice Premessa 1. La metodologia adottata. 3 2. Lo

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

QUESTIONARIO GENITORI a.s. 2013/14

QUESTIONARIO GENITORI a.s. 2013/14 QUESTIONARIO GENITORI a.s. 2013/14 a cura della funzione strumentale Prof.ssa Paola Monacelli Questionario distribuito ai genitori dell Istituto comprensivo «G. Pascoli» di Silvi. Grafici relativi ai questionari

Dettagli