Guida degli strumenti per i Gruppi di Supporto Locale URBACT II

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida degli strumenti per i Gruppi di Supporto Locale URBACT II"

Transcript

1 Guida degli strumenti per i Gruppi di Supporto Locale URBACT II Giugno 2013 SVILUPPARE CAPACITÀ COINVOLGERE GLI STAKEHOLDERS TRARRE IL MASSIMO VANTAGGIO DALLO SCAMBIO TRANSNAZIONALE LAVORARE CON GLI ATTORI LOCALI PIANO D'AZIONE PARTECIPATIVO

2 1 Pubblicato da URBACT 5, Rue Pleyel, Saint-Denis, Francia Tel Fax: Responsabile della pubblicazione: Melody Houk Autori: Eddy Adams, Raffaele Barbato, Melody Houk, Sally Kneeshaw, Simina Lazar Design: Martyn Allen Stampa: Bialec, Nancy (Francia) 2013 URBACT Tutti i diritti riservati. Ringraziamenti: Daniel Garnier, Jenny Koutsomarkou, Alberto Merolla, Alison Partridge, Peter Ramsden e Willem Van Winden Fotografia: András Ekés e Sally Kneeshaw

3 3 Guida degli strumenti per i Gruppi di Supporto Locale URBACT II Giugno 2013

4 SOMMARIO 4 Sommario 4 PREMESSA 6 Introduzione al Programma URBACT 8 Parte 1 Gruppi di Supporto Locale URBACT e 1.1 Gruppi di Supporto Locale e Piani d Azione Locale Coinvolgimento degli stakeholders locali Lavorare con gli stakeholders nel proprio Gruppo di Supporto Locale Pianificazione Sfruttare al meglio lo scambio transnazionale Sviluppo delle Competenze 58

5 5 Parte 2 Strumenti e riferimenti utili 2.1 Il modello ciclico di pianificazione Analisi degli stakeholders Matrice dell Importanza / Influenza degli stakeholders Strumento di autovalutazione della performance dei Gruppi di Supporto Locale Grafico albero dei problemi Tavola delle azioni Strumento di autovalutazione dei Piani d'azione Locale Riferimenti utili 78

6 PREMESSA Innanzitutto, dobbiamo liberarci dalla tendenza ad identificare le città con i loro edifici e ricordare che la città reale è fatta di esseri viventi, non di cemento. Edward Glaeser URBACT lavora con le città e le persone. La nostra missione consiste nel promuovere uno sviluppo urbano sostenibile e in quest ottica è fondamentale coltivare i talenti degli stakeholders delle città in tutta l Unione Europea. Sviluppando le nostre capacità, possiamo rendere le città europee più forti, più eque e più pulite. Al centrodell attività URBACT vi sono due approcci principali: lo sviluppo urbano integrato e i piani d azione partecipativi. Queste iniziative sono basate su un approccio olistico che tiene conto delle dimensioni fisiche, economiche e sociali dello sviluppo urbano, in una prospettiva sostenibile. L approccio partecipativo - lo sviluppo di forti partnership fra organismi pubblici, settore privato e società civile (compresi cittadini e abitanti)- viene riconosciuto come una pietra miliare delle politiche per uno sviluppo urbano efficiente. I Gruppi di Supporto Locale URBACT traducono questi principi in dinamiche locali concrete che mirano a incoraggiare la proprietà condivisa dei processi di pianificazione urbana e a rafforzare le capacità degli attori locali. Gli strumenti URBACT sono ideati per gli stakeholders coinvolti nelle reti URBACT e che ricopriranno un ruolo attivo nell impegnativo processo di definizione e di implementazione partecipata di politiche pubbliche. Tali strumenti sono stati aggiornati con le esperienze delle reti tematiche approvate negli ultimi anni per aiutare le città partner a condurre Gruppi di Supporto Locale URBACT efficienti e a sviluppare Piani d Azione Locale (PAL). Oltre al Programma Nazionale di Formazione, l Università estiva e la formazione per i rappresentanti politici sono elementi chiave del nostro repertorio di attività di supporto alla comunità di città. 1 Glaeser Edward, Il Trionfo della città, Bompiani 2013, pagina 15

7 7 Nelle seguenti sezioni presentiamo le linee guida e gli strumenti che si sono rivelati utili nel riunire gli stakeholders delle città, nel facilitare la collaborazione nell analisi delle problematiche urbane e la creazione collaborativa di soluzioni. La guida degli strumenti URBACT viene proposta come fonte d ispirazione e orientamento e non intende essere prescrittiva o restrittiva. Siamo consapevoli dell esistenza di numerose culture di lavoro e di una varietà di approcci diversi all interno dell Europa. Ciascun GSL URBACT lavora su di problematiche diverse, pertanto gli strumenti e i metodi di lavoro dovranno essere adattati alle circostanze specifiche. Il Segretariato URBACT sarà lieto di ricevere i vostri commenti sulla presente guida, unitamente a nuove idee ed esempi di coproduzione per proseguire nell evoluzione dei GSL URBACT e per ispirare i responsabili per le politiche urbane. Auguriamo buon lavoro a tutti gli attori locali URBACT impegnati nel creare città sostenibili e piene di vitalità. Il Segretariato URBACT

8 Introduzione al Programma URBACT 8 Come ulteriore sviluppo del programma URBACT I ( ), URBACT II ( ) è un programma europeo di apprendimento e di scambio che promuove lo sviluppo urbano integrato e sostenibile in linea con gli obiettivi della strategia Europa Cofinanziato dalla Commissione Europea, dai 28 Stati Membri e da 2 Stati Partner (Norvegia e Svizzera), URBACT consente alle città europee di lavorare insieme e di sviluppare soluzioni efficaci e sostenibili per le principali problematiche urbane.

9 9 Nello specifico, URBACT ha l obiettivo di incoraggiare lo sviluppo urbano integrato e sostenibile attraverso le seguenti azioni: Facilitando lo scambio e l'apprendimento di esperienze fra i responsabili delle politiche urbane, i decisori ed i tecnici; Divulgando le buone pratiche e gli insegnamenti tratti dagli scambi e assicurando il trasferimento delle conoscenze; Aiutando i responsabili delle politiche urbane e i tecnici (compresi i responsabili dei Programmi Operativi) a definire e mettere in pratica i Piani d Azione per uno sviluppo urbano sostenibile. Per conseguire tali obiettivi, il Programma permette la creazione di Reti Tematiche relative a alle diverse problematiche urbane. Approvate tramite bandi pubblici, ogni rete coinvolge da 8 a 10 partner di almeno 3 diversi Stati Membri o Stati Partner. I partner possono essere città, autorità regionali, autorità nazionali e centri di ricerca. Ogni rete tematica ha un Lead Partner e un Lead Expert.

10 URBACT II - Fatti salienti (Aggiornamento giugno 2013) URBACT II - Tempistiche del programma 10 3 Bandi 45 Reti tematiche 7 Gruppi di lavoro Partner del progetto: 445 Città partner 27 Organismi pubblici equivalenti 14 Autorità regionali 13 Università e Centri di ricerca Ciascuna rete tematica ha un budget di URBACT II - Temi Asse prioritario 1 Città, Motori di Crescita e Occupazione Innovazione ed economia della conoscenza Innovazione sociale Occupazione e mobilità dei lavoratori Imprenditorialità Asse prioritario 2 Città attrattive e coesive Sviluppo integrato di aree degradate e di aree a rischio Inclusione attiva Sviluppo di economie urbane ad alta efficienza energetica e a bassa emissione di CO 2 Miglioramento della pianificazione urbana Bandi Bando q Invio di proposte progettuali, ecc. q Fase di sviluppo q Invio dei Formulari Finali, ecc. q Fase di implementazione Invio di proposte progettuali, valutazione da parte di un panel di esperti esterni e approvazione da parte del Comitato di Monitoraggio URBACT per accedere alla fase di Sviluppo Fase di Sviluppo (6 mesi) Sviluppo del progetto Finalizzazione del partenariato Elaborazione dello studio preliminare Avvio dei Gruppi di Supporto Locale Preparazione dei Formulari Finali e dei documenti amministrativi I progetti approvati ricevono il supporto dei responsabili dei Poli Tematici e del Segretariato URBACT Invio dei Formulari Finali, valutazione da parte di un panel esterno di esperti e approvazione da parte del Comitato di Monitoraggio URBACT per entrare nella fase di implementazione Fase di implementazione (27 mesi) Scambio transnazionale e attività di apprendimento Gruppi di supporto locale attivi a livello locale Attività di sviluppo delle capacità (capacity building) Elaborazione e realizzazione dei Piani d Azione Locale Coordinamento da parte dei Poli Tematici per la capitalizzazione dei risultati dei progetti

11 URBACT II - Partner (aggiornamento giugno 2013) Lead Partners Partners 11

12 12

13 PARTE PRIMA 13 Gruppi di Supporto Locale URBACT e piani d azione partecipativi

14 1.1 Gruppi di Supporto Locale e Piani d Azione Locale 14 Che cos è un Gruppo di Supporto Locale URBACT? I Gruppi di Supporto Locale URBACT sono un elemento basilare del programma URBACT. Ad ogni città partner all interno di una rete URBACT viene richiesto di costituire un GSL URBACT per riunire tutti gli stakeholders locali pertinenti rispetto alle tematiche da affrontare (ad esempio la disoccupazione giovanile o la riqualificazione di aree degradate). Tali attori locali sono coinvolti nel processo di sviluppo ed implementazione di politiche locali di definizione urbano. I Gruppi di Supporto Locale URBACT sono il veicolo attraverso si concretizza l approccio integrato e partecipativo alle politiche urbane. Riunendo insieme partner diversi per collaborare su una problematica specifica e beneficiare dello scambio di esperienze a livello transnazionale, il Gruppo di Supporto Locale garantisce un risultato più rigoroso e più innovativo, che conduce alla co-produzione di un Piano d Azione Locale. L esperienza inoltre rafforza le capacità degli operatori e degli stakeholders locali a progettare e implementare soluzioni più sostenibili per affrontare le problematiche future. Che cos è un Piano d Azione Locale? Un Piano d Azione Locale (PAL) è un documento strategico che definisce bisogni identificati, analizza problemi e opportunità e propone soluzioni fattibili e sostenibili. Tutte le città partner della rete URBACT devono creare un PAL che può essere redatto in una varietà di formati. Per la città, il Piano d Azione Locale è innanzitutto e soprattutto uno strumento utile e concreto per risolvere un problema locale e/o migliorare una specifica situazione locale. Nel programma URBACT, il Piano d Azione Locale è il risultato del processo partecipativo del Gruppo di Supporto Locale. Il PAL contiene una tabella di marcia e un piano dettagliato (con le tempistiche e le informazioni sui finanziamenti) che definisce soluzioni per le politiche urbane della città partner rispetto a temi individuati in ciascuna rete URBACT.

15 15 Che cosa fanno i Gruppi di Supporto Locale URBACT? I principali obiettivi di un Gruppo di Supporto Locale URBACT consistono nell utilizzare il quadro e i metodi URBACT per progettare Piani d Azione Locale per uno sviluppo urbano sostenibile e per rafforzare negli stakeholders locali la capacità di sviluppare politiche efficienti. Le attività del Gruppo di Supporto Locale URBACT comprendono: il contributo allo scambio transnazionale e al processo di apprendimento a livello di rete la comunicazione dei risultati a livello locale e la divulgazione, ad una comunità più ampia, degli insegnamenti appresi la partecipazione ai corsi di formazione organizzati a livello europeo e nazionale nell ambito del programma URBACT al fine di sviluppare le capacità degli stakeholders locali locali l analisi delle problematiche locali, la ricerca di soluzioni e infine lo sviluppo di un Piano d Azione Locale per risolvere tali problematiche il consolidamento delle conoscenze derivate dallo scambio transnazionale (knowhow, buone pratiche, valutazione peer review ecc. provenienti da altre città, interne alla propria rete o esterne) nel processo di definizione delle politiche pubbliche

16 Il seguente schema fornisce una panoramica delle principali attività svolte dai Gruppi di Supporto Locale URBACT durante il ciclo di vita del progetto. 16 Coinvolgere i membri del GSL Partecipare alle sessioni di formazione Condividere le conoscenze Selezionare gli stakeholders fondamentali SVILUPPO DELLE CAPACITÀ Identificare gli stakeholders fondamentali COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDERS Contattarli e selezionarli Organizzare gli stakeholders Definire il formato del gruppo Gestione e compiti amministrativi Preparare inputs adeguati Selezionare i partecipanti pertinenti per ciascun argomento di ciascun seminario Organizzare lil coinvolgimento Basarsi sulle conclusioni del seminario TRARRE IL MASSIMO VANTAGGIO DALLO SCAMBIO TRANSNAZIONALE Renderlo sostenibile Utilizzare la metodologia PCM (Project Cycle Management) PIANO D AZIONE PARTECIPATIVO LAVORARE CON GLI STAKEHOLDERS Gestione e compiti amministrativi Organizzare riunioni Garantire una buona comunicazione on line Divulgare i risultati Valutare l efficacia Definire la copertura territoriale

17 Ciascuna rete URBACT definisce i propri termini di riferimento per i Gruppi di Supporto Locale URBACT adatti alle problematiche che si intendono affrontare, ad esempio l utilizzo degli spazi pubblici o la creazione di nuovi posti di lavoro. Questi termini di riferimento vengono concordati all inizio della fase d implementazione e identificano: le principali categorie di stakeholders da coinvolgere nei Gruppi di Supporto Locale URBACT all interno della rete, il numero medio di riunioni da organizzare a livello locale, le modalità di partecipazione dei membri dei GSL URBACT alle attività transnazionali, le modalità con cui i membri dei GSL URBACT condivideranno a livello locale ciò che avranno appreso dalle attività transnazionali, i contributi attesi dal Gruppo di Supporto Locale URBACT a livello di rete, i membri fondamentali che beneficeranno delle iniziative di capacity-building. Una volta concordati da tutti i partner, i termini di riferimento costituiranno poi la base su cui ciascuna città partner stabilisce la tabella di marcia del proprio Gruppo di Supporto Locale URBACT, definendone l impostazione e le modalità di funzionamento. Quali sono gli attori coinvolti nei Gruppi di Supporto Locale URBACT? Ogni città si distingue per un mix diverso di stakeholders coinvolti nel Gruppo di Supporto Locale URBACT. Nella fase iniziale, le città devono identificare gli stakeholders che hanno un interesse per le questioni politiche individuate. I Gruppi dovrebbero includere rappresentanti di: Dipartimenti diversi all interno dell amministrazione locale, Politici, responsabili delle diverse politiche settoriali connesse alla tematica da affrontare, Beneficiari finali, ad es. giovani, anziani, migranti, ecc., utenti finali, cittadini, Terzo settore, ONG, imprese sociali, in particolare chi rappresenta gli interessi di gruppi specifici o fornisce servizi pubblici, Diversi livelli di governo in relazione alle politiche settoriali pertinenti (quartiere, città, autorità metropolitana, regione), Settore privato, business community, datori di lavoro, fornitori di servizi pubblici, Autorità di Gestione di Programmi Operativi (FESR o FSE). I seguenti capitoli sul coinvolgimento e la partecipazione degli stakeholders all interno di un GSL forniscono maggiori informazioni su come determinare e modificare la composizione del gruppo. 17

18 Che cosa fare se già esistono un Gruppo o un Piano d Azione locali? In alcune città coinvolte nelle reti URBACT, esiste già un gruppo locale e/o una politica locale sulla tematica scelta. In questi casi non occorre duplicare o creare un gruppo aggiuntivo, ma i partner possono esaminare la struttura esistente ed eventualmente modificarla se necessario. Il Gruppo di Supporto Locale URBACT potrebbe essere un sottogruppo di un forum esistente, oppure un attività URBACT potrebbe entrare a far parte del programma di talegruppo. Si tratta di un obiettivo fondamentale del programma URBACT per garantire che l impatto del Gruppo di Supporto Locale URBACT e del Piano d Azione Locale sulle pratiche e politiche locali sia sostenibile. Lo sviluppo di approcci partecipativi è impegnativo e richiede tempo ed energia. Questo investimento dovrebbe essere sostenibile affinché la città possa beneficiarne nel lungo termine. 18 In base allo stesso principio, la partecipazione ad una rete URBACT e ad uno scambio transnazionale possono contribuire a riesaminare, valutare e migliorare i piani esistenti. Se già esiste un piano d azione a livello locale, la città potrà utilizzare la sua esperienza di networking per rivedere il piano esistente o per completarlo, specialmente se un aspetto della problematica non è stato precedentemente considerato (ad es. dimensione sociale, fisica, economica, ambientale). Il Piano d Azione Locale URBACT costituirà dunque un documento che valuterà l avanzamento del piano esistente, determinerà degli aggiustamenti in linea con gli insegnamenti appresi dalle altre città URBACT e svilupperà azioni nuove o rielaborate al fine di risolvere meglio le problematiche urbane identificate. Qual è il calendario? I Gruppi di Supporto Locale URBACT vengono costituiti ed operano nei limiti della durata di vita delle reti URBACT, normalmente per un periodo di due anni. Il Piano d Azione Locale viene definito entro mesi dall inizio della rete URBACT cosi da poter disporre del tempo necessario per comunicare i risultati e implementare le prime azioni.

19 Come possono essere finanziate le attività incluse nei Piani d Azione Locale? Se da un lato il Programma supporta lo scambio transnazionale e le attività di apprendimento e di sviluppo dei piani d azione integrati a livello locale attraverso il supporto di esperti, formazioni, ecc., URBACT non offre finanziamenti per l implementazione dei Piani d Azione Locale. Tuttavia, uno dei vantaggi principali della partecipazione ad una rete URBACT è l opportunità di identificare risorse potenziali di finanziamento e di investimento durante il processo di pianificazione delle azioni. Le Autorità di Gestione sono le istituzioni responsabili in ciascun Stato Membro per l'erogazione dei Fondi Strutturali europei. Il programma URBACT incoraggia fortemente le reti a costruire una stretta collaborazione con le Autorità di Gestione dei Programmi Operativi, sia del Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale (FESR) che del Fondo Sociale Europeo (FSE). L obiettivo è di incrementare la capacità delle città di garantire il finanziamento di attività incluse nei Piani d Azione Locale. I Gruppi di Supporto Locale URBACT sono pertanto incoraggiati ad invitare le Autorità di Gestione a partecipare pienamente tanto alle attività locali quanto alle attività transnazionali di una rete. Questo aiuta ad allineare le esigenze e le priorità reali alle potenziali fonti di finanziamento. Alcune reti URBACT hanno riunito con successo i rappresentanti delle Autorità di Gestione di diverse Regioni in riunioni appositamente organizzate per consentire la loro partecipazione allo scambio transnazionale sul tema del progetto. Queste riunioni portano ad una migliore comprensione delle tematiche concrete delle città da parte delle agenzie che gestiscono i fondi europei attraverso uno scambio diretto di opinioni e di conoscenze. Diverse città URBACT hanno presentato con successo domande di finanziamento sulla base dei loro Piani d Azione Locale ad altri programmi nazionali ed europei, come i programmi di ricerca o di inclusione sociale. 19

20 20 Quale supporto è messo a disposizione dal Programma URBACT? URBACT fornisce ai partner numerose risorse per aiutarli a trarre il massimo vantaggio dalla loro partecipazione alle reti e a sviluppare Piani d Azione Locale solidi ed integrati. Finanziamento Ciascuna rete dispone di un budget massimo di Una parte di questi fondi possono essere utilizzati direttamente per le attività del Gruppo di Supporto Locale per la logistica, il pagamento di servizi di assistenza esterni, le spese di viaggio sostenute dai membri del Gruppo di Supporto Locale URBACT per partecipare alle riunioni transnazionali, alle iniziative di capacity building o ad altri eventi del programma. Supporto degli Esperti Ciascuna rete dispone di un pacchetto di 166 giorni per l accompagnamento di esperti, in aggiunta al budget di rete. Tali risorse possono essere suddivise fra il Lead Expert nominato e un numero limitato di Esperti Tematici. Il loro ruolo è quello di accompagnare ciascuna rete durante lo sviluppo e l implementazione della tabella di marcia e nella produzione di risultati. Mentre il Lead Expert è la figura principale che fornirà esperienza, metodologia e supporto generale al Lead Partner e a tutti i partner del progetto, gli esperti tematici forniscono assistenza ad hoc su problematiche specifiche correlate al tema di ciascuna rete. Coordinatori del Gruppo di Supporto Locale A livello locale, ciascun project partner è responsabile della designazione di un coordinatore 2 del Gruppo di Supporto Locale URBACT, incaricato di guidare il GSL e di garantire la sua coerenza con il piano. Il coordinatore del Gruppo di Supporto Locale URBACT agisce inoltre come un ponte fra le attività di networking transnazionale e il GSL. Il loro compito è di: organizzare le riunioni del Gruppo di Supporto Locale URBACT, supervisionare la produzione del Piano d Azione Locale, relazionare sulle attività del Gruppo di Supporto Locale URBACT a livello di rete, organizzare il contributo del Gruppo di Supporto Locale URBACT alle attività transnazionali, partecipare alle riunioni di rete transnazionali e ai seminari di capacity building, riferire ai membri del GSL URBACT. 2 Il Coordinatore GSL URBACT può essere scelto all interno dell amministrazione dell ente locale oppure può essere un consulente esterno. Vi sono inoltre casi in cui il partner del progetto agisce come Coordinatore del GSL, permettendo così una connessione più forte fra le attività transnazionali e le attività locali del progetto. Considerando l aumento di budget per il Terzo Bandoi, i partner sono invitati, se ritenuto necessario, a ricorrere ad esperti esterni per l animazione e la definizione della composizione del Gruppo.. Tutti gli aspetti di budget dovrebbero essere discussi e concordati fra i partner.

21 Strumenti Il Segretariato URBACT, responsabile dell implementazione generale del Programma, fornisce supporto alle reti su tutti gli aspetti del ciclo di vita del progetto. La presente guida, così come altri documenti e linee guida, forniscono esempi e strumenti su come affrontare al meglio alcuni aspetti. Le seguenti cinque sezioni guideranno le città URBACT attraverso le fasi necessarie per costruire un Gruppo di Supporto Locale URBACT e coprodurre un Piano d Azione Locale. Una serie di strumenti, documenti e risorse utili sono forniti nella Parte 2. 21

22 1.2 Coinvolgimento degli stakeholders locali 22 Coinvolgere le persone giuste nel proprio Gruppo di Supporto Locale URBACT è un compito impegnativo. Far lavorare insieme gli stakeholders pertinenti è il modo migliore di fornire solide fondamenta alla pianificazione dell azione e alla coproduzione del Piano d Azione Locale. La presente sezione costituisce una guida alle diverse fasi della costituzione del Gruppo di Supporto Locale URBACT: Definizione del Gruppo di Supporto Locale URBACT - a livello di rete Costruzione del Gruppo di Supporto Locale URBACT a livello locale In tutti i casi, tanto il gruppo quanto i suoi risultati dovrebbero rappresentare l intera comunità di beneficiari. È essenziale identificare gli stakeholders giusti, selezionarli e invitarli a partecipare. Un processo di mappatura condiviso fra i partner del progetto è un buon modo per stabilire chi deve essere invitato a partecipare e perché, quale contributo ci si attende da ogni stakeholder e come deve essere ricercato quel contributo. Le indicazioni della presente guida e gli strumenti forniti nella Parte 2 aiutano ad intraprendere un efficace analisi degli attori locali, a identificare la natura e gli interessi degli stakeholders da coinvolgere, a considerarne l influenza e l interesse potenziali relativamente alle attività del Gruppo di Supporto Locale URBACT. La struttura di ciascun Gruppo di Supporto Locale URBACT viene definita in relazione ad un particolare contesto ed a circostanze specifiche non esistendo una soluzione di tipo universale. Gli obiettivi, le attività e la composizione di ogni singolo Gruppo di Supporto Locale URBACT dipendono dall argomento, dalla natura del progetto, dalle attività proposte, dalle esigenze locali e dall esperienza nello sviluppo degli approcci partecipativi.

23 Definizione del Gruppo di Supporto Locale URBACT - a livello di rete Ciascuna rete URBACT concorda i termini di riferimento definendo i principi basilari di creazione e funzionamento dei Gruppi di Supporto Locale URBACT. Questo esercizio avviene nella fase di avvio della rete e fornisce un quadro coerente per tutte le città all interno della rete. La definizione dei termini di riferimento potrebbe essere l oggetto di una sessione di lavoro durante uno dei primi seminari della fase d implementazione, insieme all individuazione degli stakeholders fondamentali e alla decisione di come i membri del Gruppo di Supporto Locale URBACT saranno coinvolti nelle varie attività della rete transnazionale,del loro contributo e del vantaggio che potranno trarne. Lo scambio fra città partner sugli approcci partecipativi è inoltre una grande opportunità di apprendimento indipendentemente dall esperienza dei diversi partner in questo ambito. Suggerimenti e consigli I termini di riferimento dovrebbero includere: Composizione - Categorie principali di attori locali da coinvolgere nei Gruppi di Supporto Locale URBACT, inclusa l identificazione di dipartimenti pertinenti all interno delle amministrazioni locali, rappresentanti politici, beneficiari o utenti finali, settore privato, Autorità di Gestione dei Programmi Operativi o altri potenziali finanziatori. Approccio iniziale - Possibili modalità di selezione, approccio e motivazione degli stakeholders per il loro coinvolgimento nei GSL URBACT. Struttura - Idee per l organizzazione del gruppo, come il numero approssimativo dei membri, definizione di un gruppo ristretto ed gruppo allargato, ecc. Reporting Modo in cui i partner del progetto riferiranno sulle attività del proprio Gruppo di Supporto Locale agli altri partner della rete. Ruolo del Gruppo di Supporto Locale nelle attività di rete, ad es. ospitare seminari, produzione di casi studioi, ecc. Calendario dell attività - obiettivi delle prime riunioni, frequenza delle riunioni e bozza di calendario

24 24 Buona Pratica Esempio della rete OP-ACT: Il Lead Partner e il Lead Expert hanno fornito alla rete uno schema generale degli stakeholders da contattare sulla base degli obiettivi generali del progetto. Lo schema comprendeva alcune domande da rivolgere agli stakeholders per sondare il loro potenziale contributo e i loro suggerimenti su come mobilitare i diversi attori. È possibile trovare maggiori informazioni a riguardo nel secondo numero della Newsletter OP-ACT. È importante che i tutti i Gruppi di Supporto Locale URBACT valutino come possono coinvolgere i rappresentanti eletti locali e le Autorità di Gestione dei Programmi Operativi sin dalla fase iniziale al fine di garantire che la dinamica del Gruppo di Supporto Locale URBACT, la problematica affrontata e il futuro Piano d Azione Locale siano tenuti presenti dai decisori strategici e dai potenziali finanziatori. In quest ottica le reti URBACT possono produrre un breve presentazione del Programma e della propria rete (obiettivi, tematiche identificate, risultati attesi) come uno strumento per incentivare gli stakeholders a partecipare. Tale documento dovrebbe essere tradotto nelle lingue locali e utilizzato da tutti i partner nella presentazione a livello locale del progetto e del Gruppo di Supporto Locale URBACT e nella fase di coinvolgimento dei potenziali stakeholders Costruzione del Gruppo di Supporto Locale URBACT - a livello locale Nella valutazione di quali stakeholders coinvolgere nel Gruppo di Supporto Locale URBACT il primo passo è quello di identificare strutture simili che già operano a livello locale Se nella propria città esiste già un gruppo che si occupa di un tema simile, sarebbe opportuno puntare ad una sinergia piuttosto che iniziare tutto da zero. In questo modo si eviterebbe una ridondanza e una reazione potenzialmente negativa da parte degli stakeholders coinvolti nelle strutture esistenti. Esistono diversi esempi di Gruppi di Supporto Locale URBACT che hanno lavorato in questo modo, compreso il caso di Liverpool descritto di seguito.

25 Buona Pratica Esempio di Liverpool World Heritage Site (Liverpool Patrimonio Mondiale dell UNESCO), rete HerO: Il Gruppo di Supporto Locale URBACT è stato costruito sulla struttura esistente del Gruppo direttivo Liverpool World Heritage Site (WHS) creato nel 2001, quando la città ha iniziato il suo processo di candidatura per il label World Heritage Site. Dopo essere entrato nella rete HerO, il ruolo dei membri al gruppo è stata riesaminata. In primo luogo, tutti i membri hanno riaffermato il proprio impegno di supporto e partecipazione alla gestione e alla prosecuzione del Gruppo direttivo World Heritage Site. In secondo luogo, il consiglio municipale ha effettuato un riesame dell idoneità dei membri coinvolti. Gli stakeholders sono stati analizzati e classificati in base al loro livello d interesse e del loro livello d influenza. L obiettivo era di evitare l inclusione di stakeholders passivi o negativi e di creare un gruppo di stakeholders primari che avessero un interesse positivo e un influenza significativa. Si è infine giunti alla conclusione che tutti i membri già presenti erano effettivamente stakeholders primari, pertanto a nessuno di loro è stato chiesto di lasciare il GSL URBACT. Tuttavia, l operazione ha consentito di rilevare la mancanza di alcune voci fondamentali. Dopo le indagini svolte, un rappresentante di ciascuna delle due agenzie assenti è entrato a far parte del Gruppo (cfr. elaborazione del Piano d Azione Locale di Liverpool). Il seguente processo in 3 fasi è utile quando si considera il coinvolgimento degli stakeholders: a) Effettuare una mappatura iniziale degli stakeholders potenziali b) Motivare gli stakeholders potenziali a diventare membri del GSL URBACT c) Strutturare il GSL URBACT a) Effettuare una mappatura iniziale degli stakeholders potenziali Utilizzando i termini di riferimento della rete, ciascuna città, collettivamente, insieme ai colleghi della municipalità e ad altri partner coinvolti, identifica gli stakeholders locali. Successivamente queste prime idee sulla composizione del gruppo possono essere condivise con il Lead Partner e il Lead Expert, i quali potrebbero fornire un parere su eventuali lacune o possibili soggetti da aggiungere. Nella sezione Strumenti (Parte 2) sono presentati due strumenti che possono aiutare ad identificare gli stakeholders pertinenti da coinvolgere e che possono essere utilizzati a diversi stadi del ciclo di pianificazione: la griglia dell analisi degli stakeholder e la matrice d influenza/interesse. Questi strumenti possono essere utilizzati per effettuare la mappatura degli stakeholders locali con un primo gruppo ristretto di attori, ad esempio provenienti dall amministrazione locale, poi con un gruppo allargato di membri potenziali del Gruppo di Supporto Locale URBACT. Ripetere l esercizio in gruppi di lavoro aiuta a controllare la validità della panoramica iniziale di stakeholders e il punto di vista dei membri del Gruppo di Supporto Locale URBACT può aggiungere pertinenza e consistenza alla struttura del gruppo. Raccomandiamo di ripetere questo esercizio più volte durante il ciclo di vita del progetto per procedere, se necessario, ad adattamenti della composizione del gruppo. La griglia è particolarmente utile per migliorare la comprensione della differenza fra gli stakeholders potenziali primari e secondari e può quindi essere utilizzata per assegnare i ruoli e le responsabilità di ciascun attore all interno del Gruppo di Supporto Locale URBACT. 25

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

URBACT III e il ruolo delle città per lo sviluppo urbano sostenibile in Europa

URBACT III e il ruolo delle città per lo sviluppo urbano sostenibile in Europa URBACT III e il ruolo delle città per lo sviluppo urbano sostenibile in Europa Il programma URBACT III Obiettivi e attività Aree tematiche 3 Tipi di network Beneficiari Come partecipare Calendario previsto

Dettagli

EaSI: il programma dell Unione europea per l occupazione e l innovazione sociale*

EaSI: il programma dell Unione europea per l occupazione e l innovazione sociale* EaSI: il programma dell Unione europea per l occupazione e l innovazione sociale* Il programma Occupazione e innovazione sociale (EaSI- Employment and Social Innovation) è il nuovo strumento finanziario

Dettagli

L ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: come avviare la gestione

L ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: come avviare la gestione L ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: come avviare la gestione Introduzione Questa è la fase in cui i partner iniziano realmente ad apportare il loro contributo in termini di attività e risultati,

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM. I.C. San Francesco di Paola Messina MEIC86500V

PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM. I.C. San Francesco di Paola Messina MEIC86500V PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM CODICE MECCANOGRAFICO SCUOLA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* MEIC86500V I.C. San Francesco di Paola Messina (X ) COMPLETO - ( ) PARZIALE MARZO 2015 1

Dettagli

Interreg MED 2014-2020

Interreg MED 2014-2020 Interreg MED 2014-2020 http://interreg-med.eu/en/first-call-for-project-proposals/ Lo scorso 23 giugno a Marsiglia si è aperto ufficialmente il programma di cooperazione transnazionale Interreg MED. Queste

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan * Abstract Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan, propose per primo il Global Compact in un discorso al World Economic

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan Scegliamo di unire il potere dei mercati con l autorevolezza degli ideali universalmente riconosciuti. 1. Le opportunità del Patto

Dettagli

CONF/PLE(2009)CODE1 CODICE DI BUONE PRASSI PER LA PARTECIPAZIONE CIVILE NEL PROCESSO DECISIONALE

CONF/PLE(2009)CODE1 CODICE DI BUONE PRASSI PER LA PARTECIPAZIONE CIVILE NEL PROCESSO DECISIONALE CONF/PLE(2009)CODE1 CODICE DI BUONE PRASSI PER LA PARTECIPAZIONE CIVILE NEL PROCESSO DECISIONALE Adottato dalla Conferenza delle OING nel corso della riunione del 1 Ottobre 2009 Indice I. Introduzione

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

Il Working Partnership

Il Working Partnership Il Working Partnership Il Working Partnership è uno strumento/risorsa per tutti coloro che sono interessati allo sviluppo e al miglioramento del lavoro di partnership. Lo strumento deriva da un precedente

Dettagli

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE 4 GIUGNO 2014 Feedback report Nome dell organizzazione: Indirizzo: Referente: ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

Dettagli

Documenti internazionali sulla mobilità, la sicurezza stradale e lo sviluppo sostenibile Raccolta curata dal sito web mobilita&sicurezzastradale

Documenti internazionali sulla mobilità, la sicurezza stradale e lo sviluppo sostenibile Raccolta curata dal sito web mobilita&sicurezzastradale ACCORDO di BRISTOL Incontro informale tra i Ministri europei della Politica Urbana CREARE delle COMUNITA SOSTENIBILI in EUROPA Conclusioni della Presidenza Britannica dell UE BRISTOL Dicembre 2005 Meeting

Dettagli

Garanzia Giovani La proposta del Ministero del Lavoro Roma, Struttura di Missione Lunedì 30 Settembre 2013

Garanzia Giovani La proposta del Ministero del Lavoro Roma, Struttura di Missione Lunedì 30 Settembre 2013 1 Garanzia Giovani La proposta del Ministero del Lavoro Roma, Struttura di Missione Lunedì 30 Settembre 2013 2 Il percorso seguito 30 luglio 2013, insediamento della Struttura di Missione e presentazione

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

I. Partenariato. II. Verifica

I. Partenariato. II. Verifica Lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Raggiungere gli obiettivi Comunicato della Conferenza dei Ministri dell Istruzione Superiore, Bergen, 19-20 Maggio 2005 Noi, Ministri dell Istruzione Superiore

Dettagli

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto 11 1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto Poiché ciascun progetto è un processo complesso ed esclusivo, una pianificazione organica ed accurata è indispensabile al fine di perseguire

Dettagli

c) sviluppare un approccio metodologico avanzato che includa sia una dimensione locale sia una transnazionale;

c) sviluppare un approccio metodologico avanzato che includa sia una dimensione locale sia una transnazionale; Titolo del progetto Localizzazione dell intervento Programma INTourAct Area SEE South East Europe Asse I Cooperazione economica, sociale e istituzionale Misura Sviluppo delle sinergie transazionali per

Dettagli

La Governance partenariale

La Governance partenariale La Governance partenariale Sommario Introduzione... 1 1. Modello di governance del partenariato per il Programma di cooperazione MED 2014-2020... 2 1.1. Introduzione... 2 1.2. Codice europeo di condotta

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

La gestione delle informazioni per l accesso ai finanziamenti comunitari

La gestione delle informazioni per l accesso ai finanziamenti comunitari La gestione delle informazioni per l accesso ai finanziamenti comunitari Dall idea alla individuazione della proposta progettuale Germana Di Falco Expert Italia Parte prima L APPROCCIO STRATEGICO AI FINANZIAMENTI

Dettagli

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632)

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L autore è il

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA

ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA I. Le principali sfide da affrontare con il CLLD Il Community-led local development (CLLD) è uno strumento normato dai regolamenti

Dettagli

PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA

PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA L accesso all informazione è un diritto fondamentale di ogni studente, con o senza disabilità e/o specifiche

Dettagli

Benchmarking tool (Questionario di valutazione comparativa)

Benchmarking tool (Questionario di valutazione comparativa) Benchmarking tool (Questionario di valutazione comparativa) Questo progetto è stato finanziato con il sostegno della Commissione Europea. Questo portale riflette il punto di vista degli sviluppatori e

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

LIFE+ Caratteristiche. LIFE+ Il nuovo strumento finanziario dell Unione Europea per l ambiente. Obiettivi generali di LIFE+

LIFE+ Caratteristiche. LIFE+ Il nuovo strumento finanziario dell Unione Europea per l ambiente. Obiettivi generali di LIFE+ LIFE+ Il nuovo strumento finanziario dell Unione Europea per l ambiente Sportello LIFE+ I testi di questa presentazione sono integrati dai commenti a voce dei relatori aggiornati alla data indicata. Letti

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri Talent Management 2020 Scenari e prospettive futuri INTRODUZIONE Le funzioni delle Risorse Umane (Human Resources-HR) non solo forniscono molti servizi interni, come la selezione del personale, il sostegno

Dettagli

Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani

Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani Udine Italy 15 Settembre 2015 Wania Moschetta Regione Friuli Venezia Giulia This programme

Dettagli

Mandati Programma nazionale di prevenzione e lotta alla povertà 2014 2018

Mandati Programma nazionale di prevenzione e lotta alla povertà 2014 2018 Sostegno alla prima infanzia P01.1 Sostegno alla prima infanzia Offerte e canali informativi Le offerte e i canali informativi in Svizzera sui temi gravidanza, parto, prima infanzia, sanità ed educazione

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4 Consiglio di amministrazione CENTRO DI TRADUZIONE DEGLI ORGANISMI DELL UNIONE EUROPEA STRATEGIA 2008-2012 CT/CA-017/2008IT INDICE I- LA RAISON D ÊTRE DEL CENTRO...3 I-1. LA NOSTRA MISSIONE... 3 I-2. IL

Dettagli

Successo A Foreignerslife

Successo A Foreignerslife Guida per il Successo A Foreignerslife Informazioni chiave per un esposizione di successo La lista delle cose da fare Prima, Durante, e Dopo Foreignerslife SOMMARIO I. Prima Dell esposizione: Fa I Compiti

Dettagli

Come viene valutato un progetto nell ambito del programma Europe-Aid

Come viene valutato un progetto nell ambito del programma Europe-Aid Come viene valutato un progetto nell ambito del programma Europe-Aid Principi generali e metodologia M. Flavia Di Noto - 9 dicembre 2010 Venezia Fasi di una proposta di progetto presentata a Europe-Aid

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC Finalità: Obiettivo generale Migliorare, attraverso la cooperazione interregionale l efficacia dello sviluppo di politiche regionali nelle aree innovative, l economia della

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012

QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012 QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012 Competenze di coaching per Tutti i Coach 1. Rispettare le linee guida etiche, legali e professionali 2. Stabilire il contratto di coaching e gli obiettivi

Dettagli

ACCORDO in materia di. ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM. Indice

ACCORDO in materia di. ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM. Indice ACCORDO in materia di ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM Stipulato da: ALSTOM, rappresentata da Patrick Dubert, E: la FEM (Federazione Europea Metalmeccanici), rappresentata da Bart

Dettagli

CSV.net Gruppo Europa Programma esecutivo 2008

CSV.net Gruppo Europa Programma esecutivo 2008 CSV.net Gruppo Europa Programma esecutivo 2008 OBIETTIVI STRATEGICI Nel corso del 2007 si è venuto precisando ed arricchendo il ruolo ed il potenziale del Gruppo Europa che ha superato la fase sperimentale

Dettagli

Feedback report. Direzione Didattica 2 Circolo Niscemi (CL)

Feedback report. Direzione Didattica 2 Circolo Niscemi (CL) Feedback report Direzione Didattica 2 Circolo Niscemi (CL) 13 febbraio 2014 Feedback report Nome dell organizzazione: Indirizzo: Referente: Telefono: Fax: Direzione Didattica -2 Circolo Niscemi Via Calatafimi,

Dettagli

Che cosa è la semplificazione? 3. Come è possibile semplificare? 4. Quali sono le proposte della Commissione? 5

Che cosa è la semplificazione? 3. Come è possibile semplificare? 4. Quali sono le proposte della Commissione? 5 Commissione europea Semplificare la politica di coesione per gli anni 2014-2020 Indice Introduzione 2 Che cosa è la semplificazione? 3 Come è possibile semplificare? 4 Quali sono le proposte della Commissione?

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2003-2016 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, RIUNITI IN SEDE DI CONSIGLIO, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, RIUNITI IN SEDE DI CONSIGLIO, I. INTRODUZIONE C 463/4 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 23.12.2014 Conclusioni del Consiglio e dei Rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, su un piano di lavoro per la cultura

Dettagli

Pianificazione e organizzazione del processo di autovalutazione. Piano di massima aprile 2011

Pianificazione e organizzazione del processo di autovalutazione. Piano di massima aprile 2011 Pianificazione e organizzazione del processo di autovalutazione Piano di massima aprile Premessa Il presente piano è stato redatto dalla risorsa facente capo alla Funzione Qualità dr.ssa Antonina Pennacchio

Dettagli

URBACT. NEWSLETTER 3, APRILE 2015 www.urbact.eu

URBACT. NEWSLETTER 3, APRILE 2015 www.urbact.eu URBACT NEWSLETTER 3, APRILE 2015 www.urbact.eu 2 IL PROGETTO URBACT MARKETS SI CONCLUDE MENTRE I PARTNERS CONTINUANO A SCAMBIARE CONOSCENZE E COLLABORAZIONI Più di 30 rappresentanti dai 9 partner di URBACT

Dettagli

ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO

ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI ASTI - PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015/18 2 INDICE SEZIONE 1 Scegliere gli obiettivi di processo più utili e necessari

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi G8 Social Summit People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi Conclusioni della Riunione del G8 sul Lavoro e l Occupazione 1. I Ministri del Lavoro e dell Occupazione dei paesi del G8

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L UNIVERSITA, L ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE E PER LA RICERCA Direzione Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo Studio Ufficio IV Il Processo di Bologna Lo Spazio

Dettagli

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 REPORT Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 Mestre, 28 giugno 2012 Regione del Veneto - Direzione Piani e Programmi Settore Primario Autorità di Gestione PSR Veneto 2007-2013 Il

Dettagli

URBACT II Strumenti per i Gruppi di Supporto Locale

URBACT II Strumenti per i Gruppi di Supporto Locale Programma Europeo per lo sviluppo urbano sostenibile Unione Europea URBACT II Strumenti per i Gruppi di Supporto Locale Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale guida alla creazione di Piani di Azione Locali

Dettagli

Avvio della programmazione 2007-13

Avvio della programmazione 2007-13 Avvio della programmazione 2007-13 Definizione dei criteri di selezione degli interventi per l attuazione delle strategie previste dal Programma Cagliari 9.11.2007 1 Le prossime scadenze Attività Definizione

Dettagli

NEWSLETTER N. 6 LUGLIO 2014

NEWSLETTER N. 6 LUGLIO 2014 NEWSLETTER N. 6 LUGLIO 2014 Caro lettore, La newsletter che hai nelle tue mani è l ultimo numero delle newsletter di MANERGY. Il progetto, iniziato nel Maggio del 2011, è infatti giunto al termine. Negli

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

Procedura di Valutazione Interna

Procedura di Valutazione Interna LIFE Project Number Inception Report - ANNEX Covering the project activities from 01/01/2012 to 31/08/2012 Reporting Date LIFE+ PROJECT NAME or Acronym

Dettagli

Rendere le Città Resilienti

Rendere le Città Resilienti Rendere le Città Resilienti La Campagna Mondiale 2010-2015 per la prevenzione dei rischi da calamità naturale Rendere le Città resilienti: la mia Città si prepara, mira a far sì che Sindaci, Amministrazioni

Dettagli

Piano annuale della comunicazione

Piano annuale della comunicazione Agenzia Formazione Orientamento Lavoro di Monza e Brianza Piano annuale della comunicazione 2014 Approvato con verbale di determinazione dell amministratore unico n. 30 del 15/11/2013 SOMMARIO Premessa

Dettagli

Glossario Project Cycle Management

Glossario Project Cycle Management Glossario Project Cycle Management Albero degli obiettivi Diagramma, utilizzato nell ambito dell Approccio del Quadro Logico, che permette di rappresentare, in un quadro unitario, ciò che si potrebbe osservare

Dettagli

REGIONE TOSCANA Direzione Generale della Presidenza Settore Attività Internazionali

REGIONE TOSCANA Direzione Generale della Presidenza Settore Attività Internazionali All. D REGIONE TOSCANA Direzione Generale della Presidenza Settore Attività Internazionali LEGGE REGIONALE 22 MAGGIO 2009 n. 26 PIANO REGIONALE PER LA PROMOZIONE DI UNA CULTURA DI PACE PERIODO 2007/2010

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale 1/7 Servizi Integrati del Clima Aziendale Oggi, in molte aziende, la comunicazione verso i dipendenti rappresenta una leva gestionale attivata dal vertice aziendale, organizzata, coerente con gli obiettivi

Dettagli

MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006

MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006 MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006 Co-finanziamento per progetti imprenditoriali di co-sviluppo 1 presentati da immigrati senegalesi e ghanesi regolarmente residenti in Italia Codice di riferimento: MIDA- 02-

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIREZIONE AMMINISTRATIVA Servizio programmazione e sviluppo progetti Un modello organizzativo per la gestione dei volontari Dott.ssa Mimma De Gasperi Servizio programmazione

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO 20.9.2008 C 241/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 16 maggio

Dettagli

Procedure di presentazione e di selezione

Procedure di presentazione e di selezione Procedure di presentazione e di selezione Luciano Di Fonzo Education, Audiovisual and Culture Executive Agency Bruxelles, 24 aprile 2014 1 Scopo della presentazione Massimizzare le chances di presentare

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

Modernizzare l organizzazione del lavoro. - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti. Comunicazione della Commissione

Modernizzare l organizzazione del lavoro. - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti. Comunicazione della Commissione Modernizzare l organizzazione del lavoro - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti Comunicazione della Commissione 1. Introduzione 1.1 Obiettivo della comunicazione L'obiettivo della comunicazione

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

EPULIA - Enjoy Puglia using Ubiquitous technology in Landscape Interactive Adventures

EPULIA - Enjoy Puglia using Ubiquitous technology in Landscape Interactive Adventures UNIONE EUROPEA FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE. MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO IL LAVORO E L INNOVAZIONE PO FESR PUGLIA 2007-2013 Asse I Linea di Intervento

Dettagli

Presentazione della Rete Rurale Nazionale Task Force Leader. Lamezia Terme 5 marzo 2010

Presentazione della Rete Rurale Nazionale Task Force Leader. Lamezia Terme 5 marzo 2010 Presentazione della Rete Rurale Nazionale Task Force Leader mezia Terme 5 marzo 2010 1 Rete Rurale Nazionale -Organizzazione TF Rete Leader Segretariato tecnico Comitato Scientifico 2 Il contesto Gli attori

Dettagli

ICARUS Good Practices

ICARUS Good Practices ICARUS Good Practices Lista delle cose che possiamo fare per rendere più efficaci gli interventi sindacali sui comitati aziendali europei. Azioni possibili dei rappresentanti del CAE 1 Stabilire e mantenere

Dettagli

DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO

DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO L 260/20 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 3.10.2009 DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO DECISIONE N. 922/2009/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 16

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 300 PIANIFICAZIONE DELLA REVISIONE CONTABILE DEL BILANCIO

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 300 PIANIFICAZIONE DELLA REVISIONE CONTABILE DEL BILANCIO PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 300 PIANIFICAZIONE DELLA REVISIONE CONTABILE DEL BILANCIO (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Piani integrati per lo sviluppo locale Progetti di marketing territoriale Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Sviluppo di prodotti turistici Strategie e piani di comunicazione Percorsi

Dettagli

FORMULARIO DI CANDIDATURA

FORMULARIO DI CANDIDATURA AVVISO PUBBLICO A PRESENTARE PROPOSTE NEL SETTORE DELLE POLITICHE GIOVANILI Azione ProvincEgiovani Anno 2013 FORMULARIO DI CANDIDATURA Parte I Identificazione della proposta Parte II.a Informazioni sul

Dettagli

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento.

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Una volta realizzata l analisi del contesto di riferimento e dei fabbisogni formativi che esso esprime (vedi UF 2.1), il progettista dispone

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

EXPO BANDO. entaree. per. 1 di 8

EXPO BANDO. entaree. per. 1 di 8 EXPO MILANO 201 5 BANDO Buone Pratiche di Sviluppo Sostenibile per la Sicurezza Alime entaree 1 di 8 1. PREMESSA Lo Sviluppo Sostenibile è un processo di cambiamento tale per cui lo sfruttamento delle

Dettagli

Inutili o inutilizzati? Come usare i fondi europei con risultati concreti e in tempi brevi?

Inutili o inutilizzati? Come usare i fondi europei con risultati concreti e in tempi brevi? Inutili o inutilizzati? Come usare i fondi europei con risultati concreti e in tempi brevi? Il caso (virtuoso) dei progetti di sviluppo urbano finanziati dal POR FESR Lazio Torino, 24 aprile 2015 1 Abstract

Dettagli

Figure Professionali «Eco-innovazioni»

Figure Professionali «Eco-innovazioni» Figure Professionali «Eco-innovazioni» FACILITATORE DI PROGETTI GREEN IN PARTNERSHIP MULTISTAKEHOLDER GREEN JOBS Formazione e Orientamento FACILITATORE DI PROGETTI GREEN IN PARTNERSHIP MULTISTAKEHOLDER

Dettagli

Il peer-coaching all interno del progetto SUSTAIN

Il peer-coaching all interno del progetto SUSTAIN REPORT DI SINTESI sul PEER-COACHING Il peer-coaching all interno del progetto SUSTAIN Nel progetto SUSTAIN il peer coaching (coaching reciproco tra pari) è stato ideato come parte integrante della fase

Dettagli

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Introduzione Nome dell ente Comune di Padova, Italia Logo del

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

Bari, an European SMART CITY. Avv. Marco Lacarra, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bari

Bari, an European SMART CITY. Avv. Marco Lacarra, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bari Bari, an European SMART CITY Avv. Marco Lacarra, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bari I cambiamenti climatici sono un fenomeno di portata globale, tuttavia le città possono contribuire in maniera

Dettagli

Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA

Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA www.isemoa.eu Il progetto ISEMOA è iniziato nel Maggio 2010 e durerà fino al Maggio 2013. ISEMOA è cofinanziato dall Unione Europea con il

Dettagli

GARANZIA PER I GIOVANI: LE RISPOSTE DELL UNIONE E DELL ITALIA ALLA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE*.

GARANZIA PER I GIOVANI: LE RISPOSTE DELL UNIONE E DELL ITALIA ALLA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE*. GARANZIA PER I GIOVANI: LE RISPOSTE DELL UNIONE E DELL ITALIA ALLA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE*. (*Il presente articolo è frutto esclusivo del pensiero dell Autore e non impegna in alcun modo l Amministrazione

Dettagli

2) PARTENARIATO LOCALE

2) PARTENARIATO LOCALE 2) PARTENARIATO LOCALE Introduzione Questo documento è una analisi basata sulle presentazioni e sugli scambi di materiale raccolto durante il lavoro del gruppo tematico che è stato condotto all interno

Dettagli

LEZIONI APPRESE DEGLI STAKEHOLDER DEI PROGETTI DI COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA

LEZIONI APPRESE DEGLI STAKEHOLDER DEI PROGETTI DI COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA LEZIONI APPRESE DEGLI STAKEHOLDER DEI PROGETTI DI COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA Venezia, Palazzo Grandi Stazioni 20 dicembre 2013 Benedetta Pricolo Regione del Veneto Unità di Progetto di Cooperazione

Dettagli

Messaggio della Presidente della Conferenza Internazionale ONG dopo l incontro tenutosi il 13.02.2015 con le ONG.

Messaggio della Presidente della Conferenza Internazionale ONG dopo l incontro tenutosi il 13.02.2015 con le ONG. Messaggio della Presidente della Conferenza Internazionale ONG dopo l incontro tenutosi il 13.02.2015 con le ONG. Parigi, 25 Febbraio 2015 Carissimi, durante l incontro tenutosi il 13.02.2015, i membri

Dettagli