Instituto di Tecnologia di Cork, Irlanda, 3 GePros, Germania. Abstract

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Instituto di Tecnologia di Cork, Irlanda, pwalsh@cit.ie. 3 GePros, Germania. Abstract"

Transcript

1 Il progetto S-cube: L Applicazione dei Giochi di Ruolo Online per promuovere lo sviluppo di Soft Skill nell ambito delle IS in Europa: Analisi dei Fabbisogni Formativi Déirdre O Byrne 1, Paul Walsh 1, Jonathan Moizer 2, Jonathan Lean 2, Ralf Freidrich 1,, 3 Elena Dell'Aquila 2 1 Instituto di Tecnologia di Cork, Irlanda, 2 Università di Plymouth, Regno Unito 3 GePros, Germania Abstract Di seguito viene presentata una descrizione di come la tecnologia dei RolePlay Online viene applicata nell ambito delle imprese sociali (IS) allo scopo di promuovere lo sviluppo di Soft Skill (competenze relazionali). Il documento fornisce indicazioni in merito ai diversi riferimenti contestuali relativi al settore delle IS nei 3 paesi europei facenti parte del progetto. Inoltre vengono riportate le linea guida della ricerca svolta in ambito dei Soft Skill risultati rilevanti per le IS. Vengono inoltre presentati i risultati di un sondaggio europeo disegnato con lo scopo di valutare le esigenze di formazione nell ambito dei Soft Skill delle IS. I risultati del sondaggio evidenziano l importanza e l esigenza di un approccio di apprendimento blended per la formazione dei Soft Skill Introduzione Il presente documento si propone di delineare il lavoro recentemente svolto all interno del progetto S-cube, un progetto di ricerca europeo della durata di due anni ( ). S-cube nasce con lo scopo di individuare e promuovere lo sviluppo di Soft Skill attraverso l uso dei cosiddetti serious game, ovvero simulazioni virtuali interattive che consentono l esercizio in un ambiente simulato e protetto di specifiche abilità e competenze da applicare a contesti del mondo reale. I beneficiari sono rapresentati dai principali attori che operano all interno del settore delle IS. Il documento fornisce una panoramica del percorso svolto in ambito sia accademico che aziendale, rappresentanti i due principali contesti di ricerca del progetto, ed una descrizione del lavoro svolto fino ad oggi Background del progetto S-cube Il prgetto S-Cube vede la collaborazione di quattro partner europei per sviluppare una metodologia di training on-line, basata sull utilizzo di giochi di ruolo, che ha come obiettivo quello di promuovere e sviluppare le competenze socio-relazionali (soft-skills) dei principali attori operanti nell ambito delle IS. Il progetto, della durata di due anni, è coordinato dall Università di Plymouth (RU) in collaborazione con l Università degli Studi di Napoli Federico II (Italia), l Istituto di Tecnologia di 1 P a g e

2 Cork, CIT (Irlanda), e la Società di Consulenza GeProS (Germania). Il progetto è stato finanziato nel 2011 nell ambito del programma dell Unione Europea Leonardo (Trasferimento dell Innovazione). Le tre S rappresentate nel titolo del progetto S-Cube ne esprimono il senso e gli obiettivi: Soft- Skills per le IS (Soft-Skills for Social Enterprises) Obiettivi del progetto Obiettivo specifico del progetto è quello di sviluppare e testare una piattaforma on-line realizzata per promuovere e migliorare i Soft Skill dei principali attori operanti nelle IS. A questo scopo verrà inoltre sviluppata una metodologia di formazione per l erogazione del processo di apprendimento, sottoposta a verifica e valautazione nel corso del progetto stesso. S-cube si propone di testare il sistema EUTOPIA sviluppato in un precedente progetto Leonardo, EUTOPIA-MT, (Dipartimento di Scienze Relazionali della Università di Napoli Federico II - UNINA), individuarne e implementarne gli adattamenti sia metodologici che tecnologici per l uso nelle IS e, verificarne l efficacia formativa da un punto di vista metodologico. Il riferimento a tali tecnologie risponde alla esigenza di creare un prodotto a sostegno del processo di apprendimento che possa essere diponibile a tutti coloro che esprimono un particolare interesse formativo. Il sistema consente un interazione in tempo reale tra gli attori del processo formativo, indipendentemente dalla distanza fisica e dalla disponibiltà di specifiche risorse, siano esse economiche o logistiche Contesto economico-politico europeo di riferimento Negli ultimi anni le IS hanno ricevtuo un crescente interesse da parte delle politiche pubbliche all interno dell UE. La loro crescita ha contribuito a definire nuovi nuovi paradigmi economici e sociali legati ad aspetti di finanziamento, management, etica e valori su cui si fonda l impresa. Questi sviluppi sono stati inizialmente identificati nel 1993, con il significativo sviluppo Libro bianco in materia dell UE (Commissione dell UE, 1993), da allora fiore all occhiello delle iniziative dell UE, Unità Innovazione, Piattaforma Europea contro la Povertà e l Esclusione Sociale (CE 2010) e per il Mercato Unico (CE, 2011a). Questi sviluppi sono stati più recentemente promossi ed appoggiati dall intoduzione di una nuova iniziativa per l impresa sociale della Commissione Europea, Business Sociale avviata nel mese di Ottobre del 2011, (UE 2011b). Nel lanciare questa iniziativa, il Presidente della Commissione, José Manuel Barroso (2011) ha parlato con entusiasmo di come l IS può contribuire a ridurre numerosi problemi sociali in tutta Europa, disoccupazione e povertà comprese. Egli ha inoltre sottolineato come... azioni a livello della UE possono agire da acceleratori di attività di business sociale, attraverso la sensibilizzazione del settore e del suo enorme potenziale. Attività di business sociale stanno diventanto una parte dinamica e in crescita dell economia sociale europea, rappresentante milioni di lavoratori Cosa si intende con il termine Impresa Sociale Il numero delle IS in Europa è notevolmente cresciuto negli ultimi anni. (Borgaza, et al 2008; Defourney & Nyssens 2008; Martin & Thompson, 2010; Dublino Patto & Credo Clann 2010; Ridley- Duff & Bull, 2011). La loro comparsa ha avuto un impatto sulle politiche pubbliche nell UE, così come si evince dall introduzione dell Iniziativa Business Sociale (UE 2011b), riconosciuto per la prima volta in modo significativo nel Libro Bianco della Commissione Europea Delors sui temi della Crescita, Competitività e Occupazione (EU 1993). Le IS rappresentano un modo diverso di fare impresa rispetto a ciò che viene tradizionalmente inteso nel contesto di una attività commerciale, cui obiettivo è esclusivamente realizzare un profitto 2 P a g e

3 aziendale (spesso indicato come paradigma single bottom line). Le IS operano sul mercato per creare profitto, ma al tempo stesso presentano delle missioni sociali. La sfida principale per le IS è quella di mantenere la loro posizione commerciale all interno del mercato, e allo stesso tempo essere fedeli ai propri impegni sociali. Questo è spesso indicato come paradigma double bottom line. I profitti finanziari generati dalle IS vengono reinvestiti in iniziative ed attività che hanno un obiettivo sociale, creando così un dividendo sociale per la comunità in cui operano. Molte IS si impegnano in attività ispirate al cosidetto paradigma triple bottom line che include anche un riferimento a pratiche ambientali sostenibili, le IS si impegnano a perseguire simultaneamente tre obiettivi di equità sociale, qualità ambientale, prosperità economica Cosa si intende per Soft Skill e perché sono importanti Con il termine Soft Skill fa riferimento a quelle competenze che coinvolgono interazioni tra persone e che sono indirizzate all apprendimento di comportamenti legati allo sviluppo di capacità socio-relazionali. I cambiamenti che hanno caratterizzato la gestione delle impresee la stessa organzzazione del lavoro, hanno visto il supermento del tradizionale modello verticale-gerarchico, progettato principalmente per consentire al vertice di controllare le attività svolte dalla base, e l affermazione di una strutta orizzontale che invece sposta l attenzione sulle competenze dei lavoratori, comprendenti i Soft Skill. Queste nuove strutture stanno emergendo come un elemento critico per il successo, l efficacia e l efficienza organizzativi. Tali strutture puntano sul coordinamento orizzontale delle attività lavorative, utilizzando spesso gruppi di persone appartenenti ad aree funzionali diverse e con diversi gradi di responsabilità ed autonomia decisionale. Per operare sul mercato in modo efficace queste strutture organizzative sono chiamate a puntare ed investire su competenze socio-relazionali quali comunicazione, risoluzione dei conflitti, negoziazione, leadership efficace, pensiero strategico e team building, solo per citare alcuni dei Soft Skill che sono considertati necessari dai nuovi orientamenti del mercato e del business. È generalmente accettato che nel mondo del lavoro i Soft Skill dei diversi attori che la compongono, dal nuovo assunto al top managment, può aumentare l'efficacia di una organizzazione. Come suggerito dal Parlamento e dal Consiglio Europei queste competenze sono intrinseche allo sviluppo dell innovazione e da considerarsi uno forte stimolo per la crescita dell occupazione. Attualmente nel mercato del lavoro competenze tecniche e titoli di studio rappresentano solo il presupposto necessario ma, non sufficiente per poter accedere ad un deteminato settore professionale. I Soft Skill, sono e saranno i più rilevanti in vista dei futuri mercati del lavoro soggetti alla costante e crescente competitività del mercato globale del lavoro. È degno di nota citare che i risultati di un sondaggio svolto dall Organizzazione Gallup (2010) per conto della Direzione Generale per l'istruzione e la Cultura della Commissione Europea hanno sottolineato un crescente bisogno di competenze relazionali/intra-interpersonali. L indagine in questione è stata condotta in 27 Stati membri dell'ue, comprendenti rappresentanti di diverse impresee settori industriali. L attività di ricerca è stata approfondita con un totale di oltre interviste. I risultati hanno mostrato che i Soft Skill considerati più importanti dai datori di lavoro riguardano la capacità di adattamento e di agire adeguatamente in situazioni nuove, capacità di analisi e problem solving, e capacità di comunicazione. 4.1 Perché i soft skill sono importanti per le IS Sia che si usi il paradigma single, double e triple bottom line per caratterizzare le differenze tra il modello tradizionale di business aziendale e IS, è possibile individuare degli aspetti in comune tra i due modelli. Le IS allo stesso modo delle impreseaziendali necessitano di essere competitive e di saper affrontare la sfida della sostenibilità finanziaria per avere successo. Data l'importanza che per 3 P a g e

4 queste imprese la missione sociale assume, è chiaro un maggiore coinvolgimento tra IS e sviluppo dei Soft Skill. Promozione, sviluppo e miglioramento dei Soft Skill nell ambito delle IS, contribuiscono chiaramente allo sviluppo di pratiche di lavoro e modi di operare propri delle IS stesse che puntano ad agire sul ruolo della responsabilità personale e collettiva nel perseguimento degli obiettivi sociali Serious Games nel progetto S-cube I Serious Game stanno diventando sempre più diffusi ed applicati in una vasta gamma di contesti di insegnamento e di apprendimento. A differenza dei video giochi che hanno principalmte uno scopo ludico, i Serious Game vengono utilizzati a scopo formativo o divulgativo. Questi giochi sono anche progettati per stimolare la motivazione degli utenti e fornire una esperienza di apprendimento caratterizzata anche dal divertimento. I Serious Game, infatti, pur presentandosi come dei giochi, rappresentano delle simulazioni di processi ed eventi reali. All interno del progetto S-cube per serious game si intende simulazioni a scopo formativo e di apprendimento che prendono forma all interno di ambienti virtuali popolati da avatar. Scopo del progetto S-cube è quello di sviluppare, realizzare ed erogare formazione attravero lo strumento dei Serious Game. Le simulazioni sono state progettate per rispondere ai bisogni formativi delle IS. La costruzione e l identificazione degli scenari di apprendimento per le IS, è stata infatti preceduta da un attenta analisi dei bisogni che ha visto coinvolte le IS dei paesi partner. I risultati dell analisi dei fabbisogni formativi hanno fornito e forniranno elementi chiave per la costruzione e lo sviluppo degli scenari di apprendimento per lo sviluppo di specifici Soft Skill per le IS coinvolte. L Università di Plymouth, RU e l Università di Napoli sono in procinto di concludere la definizione e la creazione degli scenari di apprendimento. 6.1 S-cube: Materiali e Metodi All interno del progetto S-cube l analisi dei fabbisogni formativi (AFF) è stata svolta in tre dei paesi partner del progetto, ed ha fornito indicazioni chiare e puntuali per l identificazione e la descrizione degli scenari di apprendimento. Oltre a rivelare le esigenze formative delle IS nell ambito dello sviluppo dei Soft Skill, l AAF ha consentito di individuare gli elementi chiave per la costruzione e lo sviluppo di un modello generale delle competenze per le IS. Allo scopo di identificare e comprendere i punti di vista degli attori delle IS, l AFF si è avvalsa dell impiego di diversi strumenti di raccolta dati. Più di venti interviste individuali in profondità sono state condotte in tre dei paesi parter del progetto. In seguito la somministrazione di un questionario on-line ha fornito ulteriori preziose informazioni per la progettazione della formazione. Un focus gruop avente come oggetto i risulti delle interviste e del questionatio online è stato condotto con dirigenti, impiegati e stakeholder della comunità delle IS allo scopo di ottenere ulteriori elementi utili alla progettazione e definizione dei contenuti degli scenari di apprendimento. Si prevede, inoltre, di utilizzare i risultati dell AFF per creare un esperienza formativa ispirata ad approccio pedagogico efficace, interattivo, coinvolgente, diversa dai principi che guidano la didattica tradizionale, in modo che si possa mettere a disposizione dei formandi scenari di apprendimento innovativi. L Istituto di Tecnologia di Cork (Irlanda) responsabile di questa attività del progetto, ha collaborato strettamente con l Unversità di Plymouth e GeProS nella formulazione e realizzazione dell AFF. 4 P a g e

5 6.2 Indicazioni emerse dalle interviste Ventidue interviste semistrutturate in profondità sono state condotte in tre dei paesi partner del progetto: Inghliterra, Irlanda e Germania. Le interviste sono state disegnate allo scopo di studiare ed individuare le esigenze di formazione in termini di Soft Skill delle IS. L intervista consisteva sia in domande a risposta chiusa che aperte. Le trascrizioni delle interviste sono state elaborare con un metodo di analisi del contenuto della ricerca qualitativa, il coding (Silverman, D. 2011) che organizza i dati, fornendone elementi interpretativi per l analisi. Il testo delle interviste è stato sottoposto ad analisi sintattico-lessicale e codificato intorno a temi emergenti rilevanti. In seguito tali codici sono stati analizzati con il metodo di analisi del testo definito metamatrix (Miles, M.B., 1994). Questo ha consentito di individuare ed estrarre quelli che sono fattori e aspetti chiave per le IS e le loro relative connessioni. Gli item relativi alle domande chiuse sono stati codificati con una scala ad intervallo a 10 modalità. Questo tipo di analisi ha consentito di dare un supporto quantitativo più obiettivo a ciò che è emerso dall analisi qualitativa. Un dizionario generale delle competenze è stato condiviso con i soggetti intervistati delle IS durante la fase delle interviste, in modo da poter negoziare e per questo condividere un comune linguaggio rispetto al significato e alle definizioni dei Soft Skill descritti nel modello delle competenze. Inoltre, anche le indicazioni ottenute dalle interviste hanno contribuito a fornire elementi utili per la definizione del modello delle competenze, basato su 17 competenze organizzate in 3 clusters. Per dotare il processo di valutazione di ulteriore accuratezza per ciascuna competenza sono stati individuati una serie di indicatori comportamentali. Dall analisi dello scarto tra competenze considerate come prevalenti e competenze considerate come importanti (ovvero prevalenza meno importanza) è stato possibile stabilire in che grado un certo Soft Skill non è rappresentato sufficientemente rispetto alla sua importanza. La presenza di un maggiore o più elevato scarto positivo tra i due valori medi è stato indice di due tendenze: in primo luogo, che la prevalenza è inferiore all importanza attribuita ai Soft Skill, in secondo luogo, che maggiore è il divario tra i due valori, maggiore è la disparità che esite tra presenza e prevalenza dei Soft Skill rispetto alla loro importanza Indicazioni delle interviste dell Istituto di Tecnologia di Cork I risultati delle interviste somministrate da CIT con gli stakeholders delle IS irlandesi hanno rivelato che i Soft Skill sono considerati dimensioni di estremo valore dalle IS. In risposta alla richiesta di valutare il gruppo dei 17 Soft Skill in termini di importanza ed utilità per le IS (su una scala che va da 1=molto importante/utile a 10= meno importante/utile) èstata rilevata una tendenza da parte degli intervistati a rispondere con una media inferiore a 3 rispetto a 13 dei 17 Soft Skill individuati. Di questi 17, i Soft Skill considerati come i più importanti sono i seguenti: 1. Comunicazione 2. Leadership Efficace 3. Consultazione 4. Pensiero Strategico 5. Attenzione alle relazioni 6. Problem solving creativo 7. Risoluzione dei conflitti 5 P a g e

6 Un indicazione di quanto la comunicazione sia considerata il Soft Skill prevalente è espressa dalla affermazione che segue di un Amministratore delegato di un impresa sociale avente sede nella città di Cork: La comunicazione assume un valore di elevata importanza in quanto permea ogni ambito di questa impresa, dalla gestione alla supervisone dei partecipanti, quindi per me la comunicazione è da considerarsi al primo posto. Nonostante la comunicazione sia emersa statisticamente come il Soft Skill più importante, alcuni intervistati hanno assegnato il valore di 1, espressione del Soft Skill più importante, alla leadership efficace. Questo Soft Skill sembra essere particolarmente importante per le IS. Considerata la scarsità di risorse l operato dei leader è determinato e motivato dalla visione che guida le lore Imprese, aspetto questo contribuisce alla promozione stessa di ledership efficace. Questo aspetto è stato messo in evidenza da un manager senior di una compagnia che ha come scopo quello di sostenere gli imprenditori sociali: La leadership efficace è molto importante. Io la metterei al primo posto. Le persone che si occupano di convincere persone a lavorare per loro, e di motivarli molto spesso lavorano in condizioni di risorse molto limitate. Essere essere in grado di guidare le persone sulla base di una visone; una vsione che è per lo più solo la tua, almeno inizialmente; Il sistema dei premi potrebbe essere diverso da quello disponibile altrove, quindi è molto importante. È significativo che, nonostante l'importanza attribuitavi, l aspetto di prevalenza di Soft Skill è rimasto un po in secondo piano rispetto alla percezione della loro importanza ed utilità: per esempio la leadership efficace cui è stato assegnato il secondo punteggio più alto in temini di utilità, è stata percepita come skill non prevalente in termini di presenza nell organizzazione dagli intervistati delle IS (considerando anche le tendenze centrali). Infatti ad eccezione di un Soft Skill abilità di convincere 16 dei 17 Soft Skill esaminati hanno registrato un livello medio di prevalenza inferiore al loro relativo punteggio di importanza, dato presente nella maggior parte dei casi in modo significativo. Sembra quindi emergere un messaggio molto chiaro dagli intervistati dal CIT, ovvero che i Soft Skill sono considerati dimensioni di valore nelle IS, ma risultano essere notevolmente carenti. Questo dato non sembra rappresentare una sorpresa per un intervistato di Cork, specializzando in IS: Le IS, direi, e abbiamo appena fatto una valutazione, i dati di ritorno ci dicono che non stanno facendo bene allo stesso modo nelle diverse aree. Molto poco rispetto alla leadership efficace.... La comunicazione è molto scarsa,.... La stessa forbice tra Soft Skill considerati altamente importanti da un lato e la scarsità della loro prevalenza èstata registata in molti dei casi riportati dagli intervistati di Plymouth Indicazioni delle interviste dell Università di Plymouth Dall analisi dei risultati degli intervasti di Plymouth emerge, anche in questo caso, che l importanza asseganta ai Soft Skill occupa un posto di assoluto rilievo, con indicazioni simili a quelle individuate per i cluster del CIT. Infatti su 12 dei 17 Soft Skill proposti, gli intervistati hanno assegnato un punteggio in termini di importanza che a livello medio si colloca tra 1 e 3 (1=più importante): 1. Comunicazione 2. Effective Leadership Efficace 6 P a g e

7 3. Presa di decisione 4. Flessibilità 5. Ascolto attivo 6. Capacità di Giudizio 7. Efficacia personale È interessante notare come i primi due Soft Skill sono gli stessi indicati sia dagli intervistati di CIT che Plymouth, e che inoltre, in entrambi i casi si presentano nello stesso ordine in termini di importanza. Si tratta di comunicazione (1) e leadership efficace (2). Sono stati riscontrati dei parallelismi anche in merito alle interviste di CIT: i commenti di un accademico di Plymouth esperto in IS rispecchiano infatti quelli di un manager senior di Cork (due ruoli completamente diversi) che ha attributo un valore critico al ruolo quasi carismatico che la visione di un leader assume nel promuovere leadership efficace: È importante perché riguarda la capacità di delega, di trasmettere efficacemente ciò che si intende comunciare. In molti casi il leader diventa espressione, simbolo di una certa impresa sociale. Aspetti simili sono rintracciabili nelle parole un gestore di una Impresa sociale IT che fornisce un esempio di come la leadership efficace può essere espressa praticamente: Nella necessità di articolare la visione / passione in armonia con ciò che viene prodotto e con il conseguente impatto sociale. Un elemento chiave emerso dagli intervistati del Regno Unito riguarda l interrelazione tra la maggior parte dei Soft Skill indicati, aspetto che ha caratterizzato anche i risultati delle interviste in Germania e a Cork. È evidente il legame simbiotico esistente tra la gamma di Soft Skill proposti e la loro relativa importanza. Ciò è esemplificato dai commenti di un dirigente di un impresa sociale di Plymouth: Noi lavorariamo molto col cliente, coaching individuale, mentoring, quindi la comunicazione è particolarmente importante. Collegata a questa ci sono l'ascolto attivo e la capacità di mettersi in discussione. È importante avere una idea chiara di quelli che sono i rischi per l'azienda e, valutare quali di questi sono importanti e da prendere in considerazione. Aspetti quali adattamento, flessibilità, risoluzione dei conflitti, influenza e persuasione sono tutti importanti. La leadership è un aspetto interessante per ciascuna cultura organizzativa. Sulla questione della prevalenza di Soft Skill, i risultati ottenuti dal gruppo di Plymouth rispecchiano da vicino quelli ottenuti dall Istituto Tecnologico di Cork, dal momento che tutti i 17 Soft Skill sono ritenuti significativamente meno diffusi (mediamente) all'interno delle imprese sociali rispetto alla loro valutazione d importanza ed utilità. Anche in questo caso, come nel caso di Cork, questa conclusione è rappresentata nelle interviste di Plymouth, avvenute con uno specialista del settore il quale da una complessiva valutazione delle competenze generali relative alle Soft Skill all'interno delle imprese sociali: "Possibili, scarsi livelli di competenze nel settore" In un'altra intervista, un dirigente di un organizzazione sociale ha suggerito che le competenza relative alle Soft Skill non sono sempre presenti: "l ablità è estremamente variabile. In una piccola imprese sociale e d avvio recente, tutti fanno tutto in modo necessario a coprire molte aree ". L'importanza delle Soft Skill come modo di colmare l aspetto economico, sociale e a volte anche ambientale ('triple bottom linè) all'interno di imprese sociali è evidente in alcune delle interviste di Plymouth oltre che in quelle in Irlanda e in Germania. Il commento di un accademico di Plymouth nell'area delle imprese sociali è particolarmente illuminante a questo proposito: "Ottenere il lavoro fatto quando ci sono anche le intenzioni sociali anche interessanti - che collegano l'idealismo con il realismo..." 7 P a g e

8 6.2.3 Risultati delle interviste di GeProS Il gruppo tedesco (GeProS) ha esposto un forte sostegno per l'importanza ed utilità delle Soft Skill, 10 Soft Skill su 17 hanno raggiunto una media non inferiore a tre. Considerando la media dei punteggi le sette Soft Skill più importanti ed utili sono: 1. Essere in grado di convincere 2. Comunicazione 3. Consultazione 4. Comprendere le relazioni 5. Problem Solving creativo 6. Team building 7. Capacità di influenzare Ancora una volta la Soft Skill della comunicazione si colloca tra i primi due posti per GeProS, come per Plymouth e CIT, mentre la consultazione e il problem solving creativo sono in posizioni alte nella classifica sia per GeProS che per il gruppo di Cork. L'importanza di come la comunicazione gioca è evidente dai commenti di un coordinatore di un impresa sociale: "Facciamo newsletter e networking e incontri con tutti i partecipanti. Inoltre, devo essere in grado di convincere e di comunicare in modo breve e conciso quello che la rete di comunicazione rappresenta. " Il collegamento tra diverse Soft Skill in modo quasi continuo, si è notato particolmente nel caso degli intervistati di Plymouth, ed anche in alcune interviste nel gruppo Tedesco. La comunicazione e l'ascolto attivo (tra le atre Soft Skill) sono trattate insieme e sembra che siano imparate insieme, come un dirigente di un organizzazione sociale osserva:"sono certo che l'ascolto attivo e la comunicazione è un ottimo strumento per risolvere i problemi, e deve essere continuamente esercitato." Nonostante la capacità di comunicazione si è classificata la seconda più importante, questa si posiziona secondo la prevalenza in imprese sociali ad un livello inferiore, ovvero solo alla metà delle 17 Soft Skill esaminate. Questo dato statistico è sostenuto dai molti commenti degli intervistati, per esempio: "Comunicazione-abbastanza buona. Problem solving creativo - buono. Il pensiero strategico - esigenze un miglioramento " (SE Manager) "La comunicazione potrebbe essere migliore. L'auto-consapevolezza Buona " (SE Coordinatore) "Difficile da giudicare." (SE Manager) "Comunicazione - buona, l'efficacia personale - potrebbe essere migliore, grado di convincere - molto buono, elasticità -. potrebbe essere meglio" (Manager SE) 6.3 Una complessiva valutazione dei risultati delle interviste attraverso i vari patner Come previsto nel complesso, i risultati rispecchiano le valutazioni dei tre partner del progetto, come esaminato precendentemente. I risultati stabiliti in due dei gruppi (CIT e Plymouth) indicano la comunicazione e la leadership efficace ai primi posti in termini di importanza ed utilità. 8 P a g e

9 Quese due Soft Skill hanno anche il più alto divario relativo alla prevalenza in imprese sociali, il che significa che queste Soft Skill sono significativamente sottorappresentate in una impresa sociale nonostante la loro enorme importanza. Esattamente lo stesso si può dire per altre quattro Soft Skill, indicate con un simile divairio, quali: Processo decisionale Il pensiero strategico Risoluzione dei conflitti Giudizio Le interviste indicano che queste sei Soft Skill sono tra le più ricercate nel complesso, anche per le 22 persone intervistate che hanno una stretta partecipazione in IS, vale a dire imprenditori sociali, formatori, ecc. In termini generali, al di là della disparità tra la media della prevalenza e la media dell importanza, sirultano essere in classifica le piu alte delle Soft Skill e inoltre, nel complesso le cifre dimostrano che la media dei punteggi di queste sei Soft Skill, le posizionano come le abilità più utili, esattamente nello stesso ordine precedemente visto. Riguardo l'individuazione della necessità di Soft Skill in un ambiente di formazione, è evidente in tutte le interviste che una interazione faccia a faccia per facilitare le Soft Skill di apprendimento è estremamente importante. Inoltre, i nuovi sistemi informatici possono esser utilizzati per realizzare questo obiettivo. In questo modo, le moderne infrastrutture IT non sono contro la continua necessità di promuovere l'apprendimento faccia a faccia. In effetti, l IT è in grado di supportare l'apprendimento faccia a faccia. Il matrimonio tra le Soft Skill e IT può anche creare un ambiente di apprendimento di nuove abilita che è coerente con lo sviluppo degli individui in linea con i principi di auto-aiuto delle imprese sociali. Questo è chiaro dalle seguenti frasi estrapolate da alcune interviste. In molti contesti la miglio forma in cui avviene la fomazione è quella faccia a faccia per i piccoli gruppi. È tutto rigurdante la fiducia, i sentimenti personali. Ci sono problemi relativi ai costi e il tempo che possono essere visti, noi abbamo necessita di rompere il modello, un sistema online potrebbe fare queso. Una piattaforma digitale potrebbe essere un grande cosa (Plymouth IT SE Manager) Sono un fan dei metodi misti, come online e classic (workshop, e-learning o tutorial) wquesta è la cosa giusta per me. Nella parte online mi piace vvedere teoria e conoscenze di base e role-plays (SE Manager, Germany) Webinar sarebbe una grande cosa. Una serie di webinar sarebbe davvero interessante, credo. Quallo che sarebbe molto utile è un webinar che può riunire molte persone con interessi e simili background e poi si può anche avere una funzione di chat e la gente può prenderespunto da li e condividere esperienze e apprendimento. Quindi, non sei solo ad imparare dall' insegnate o dall esperto, ma anche dai tuoi coetanei e si sta anche costruendo un networkin tal senso della rete al suo interno " (Manager e allenatore SE, Irlanda) 7.1 Questionario on-line Oltre alle interviste, un questionario on-line è stata condotta in tutte le regione dei partner per avere ulteriori opinioni sulle esigenze di formazione delle IS in materia di Soft Skill. Le impese sociali 9 P a g e

10 furono inizialmente il target da considerare ma vennero anche registrate le opinoni di altre parti interessate. In questa sezione verranno analizzate le statistiche e le tendenze emerse La metodologia on-line Come la letteratura indica, le IS sono diverse e rappresentano una vasta gamma di attività. Di conseguenza, un campione stratificato è stata selezionato in ciascun area dei partner che ampiamente rappresentano ogni strato della popolazione delle IS. Il campione della popolazione è stato costruito attraverso una varietà di database nelle zone di ciauscun partner, rappresentando lo strato della generale popolazione emersa. Un questionario composto da oltre 29 domande (comprese le aree delle sotto-domande) è stato sviluppato, che comprende gli scopi e gli obiettivi della analisi dei fabbisogni formativi. L'indagine ha riguardato tre sezioni: demografica, le Soft Skill e la metodologia d'istruzione e formazione. Il questionario è stato codificato e messo on-line. L'indagine è stata inizialmente condotta con un piccolo numero di partecipanti al fine di valuatarlo ulteriormente e migliorarlo. Il collegamento è stato diffuso a ciascuno dei campioni precedentemente identificati all'interno di ogni area partner. Un totale di 134 persone ha provato a rispondere al questonario, ma solo 103 persone hanno completato tutte le 29 domande, dando un tasso di risposta del 76,9%. Il Regno Unito ha il tasso piu alto di risposte; con il 42%, seguita dalla Germania con il 38% e l Irlanda con il 19%. Queste percentuali sono consistenti con la distribuzone di impese sociali in queste regioni Le occupazioni degli intervistati Come si puo vedere dalla fig. 1, il gruppo piu ampio di intervistati sono rappresentati da membri del consiglio e senior manager di IS. Questi due gruppi insieme corrispondono al 55.5% del totale delle risposte al questionario. Mentre i volontari e i lavoratori a pagamento sono il 30.8%, le categorie di manager e supervisori insieme rappresentano il 13.7%. Dei partecipanti che hanno espresso la loro opinione, l 87.3% di questi sono direttamente coinvolti con un organizzazione sociale. I rimanenti partecipanti al questionario si descrivono come ad esempio formatori, avvocati, utenti del servizio ecc. 10 P a g e

11 Figura 1. Posizioni occupazionali all interno delle imprese sociali Divisione rurale ed urbana Il rapporto numerico registrato tra gli intervistati provenienti dalla città e da fuori città, è all incirca 3 a 1, a favore delle IS urbane (vedere fig. 2). L attuale percentuale è del 74.8% per le IS urbane e il 25.2% per quelle fuori città. Risulta inoltre una alta diversità di livelli nelle differenti aree di business ma non è evidente un forte indicatore. I partecipanti hanno indicato di venire da diverse aree del business, per esempio una larga parte di questi opera nel settore dei servizi industriali, nella salute e nell educazione. 11 P a g e

12 Figura 2. Divisione rurale ed urbana La grandezza dell imprese sociali in base al numero di impiegati Come è illustrato dalla fig. 3, gran parte dei rispondenti (70.3%) sono associate con IS composte da meno di 30 persone, confermando la tendenza che le impese di questo tipo tendono essere tra la piccola e media grandezza. Sebbene una considerevole parte dei rispondenti (15.3%) riportano di essere parte di IS con piu di 70 dipendenti. 12 P a g e

13 Figura 3: Numero di impiegati nelle imprese sociali rispondenti Capacità di comunicazione In tutte le aree relative alla capacità comunicativa (comunicazione, consultazione, abilità d influenzare e abilità nel convincere) i risultati indicano che il livello di importanza assegnato a questo gruppo eccede il livello di percezione che i rispondenti hanno nella loro esperienza in una impesa sociale. (vedi fig. 4 e 5). Attraverso le 4 aree delle capacità comunicative, una media del 43.25% dei rispondenti assegnano un livello massimo d importanza (1) a tutte le capacità di questa area, mentre solo una media del 20% dei partecipanti assegna lo stesso livello di presenza a queste stesse capacità in una impesa sociale. Questo indica che il piu alto grado d importanza,ovvero il 43.25% è assegnato alle capacità comunicative. Tenendo in considerazione la fig.4 in congiunzione con la fig. 5 (vedi sotto) possiamo osservare che il 67.5% degli intervistati danno una grossa importanza alle capacità comunicative, ma solo il 30.4% sentono che le capacità comunicative esistono a tal livello (esempio: meno della metà). 13 P a g e

14 Figura 4: Capacità di Communicazione- valutazione dell importanza 14 P a g e

15 Figura 5. Capacità di Communicazione - livello di percezione nelle organizazzioni sociali Le soft skill relative alla qualità manageriale Dalla Fig. 6 è possibile calcolare che il 47,6% degli intervistati ha assegnato in media il livello 1 d'importanza, tra i sei Soft Skill che comprendono: alta qualità di gestione, leadership efficace, risoluzione dei conflitti, problem solving creativo, team building, gestione strategica e il processo decisionale. Confrontando il dato del 47,6% (il livello più alto di importanza) con l'esistenza percepita (Fig.7) di queste stesse competenze all'interno di IS (24,2%), risulta evidente un ampio divario che indica che queste Soft Skill sono significativamente sottorappresentate all'interno imprese sociali, nonostante la loro espressione di grande importanza nella fig. 6. Prendendo in cosiderazione le singole competenze all'interno del gruppo, risulta evidente che questo divario è ancora più grande in alcuni casi. Il 53,9% (Fig. 6) degli intervistati citano una leadership efficace come la più importante. Tuttavia, solo il 28,3% (Fig. 7) degli intervistati vede che queste Soft Skill sono effettivamente esistenti all'interno del propria impresa sociale. Figura 6. Qualità Manageriali - valutazione d importanza 15 P a g e

16 Figura 7. Qualità Manageriali- livello di percezione nelle organizazzioni sociali Capacità inter/intra personali Nel gruppo delle capacità inter/intra personali, come rappresentato in fig. 8 sotto, una media del 42% degli intervistati ha assegnato il livello 1 d importanza alle sette competenze sociali di questo gruppo (Capacità di recupero, Ascolto attivo, Flessibilità, Consapevolezza di sé, Efficacia personale, Comprensione nei rapporti e Giudizio). In termini di come gli intervistati vedono queste competenze presenti nelle IS (Fig. 9), emerge che solo il 24,3% degli intervistati ha assegnato un valore 1. Ancora una volta si può dedurre un ampio divario che emerge tra l importanza attribuita e il livello di percezione dell'esistenza di tali Soft Skill nell IS. Il più grande divario che emerge, tra importanza attribuita e la presenza assegnata, riguarda la capacità nella comprensione di rapporti, con il 47% e 19,6% rispettivamente, mostrando un divario del 27,4%. 16 P a g e

17 Figura 8. Inter/Intra Capacità Personali - valutazione d importanza Figura 9. Inter/Intra Capacità Personali - livello di percezione nelle organizazzioni sociali Gruppo delle capacità comunicative e lo sviluppo personale/professionale Alla domanda su quanto siano importanti le competenze comunicative (Fig. 10) rispetto allo sviluppo personale e professionale degli intervistati, una media del 45,5% degli intervistati assegna il 17 P a g e

18 livello più alto (1) alle quattro Soft Skill: comunicazione, consultazione, capacità di influenzare e capacità di convincere. Il 55,9% indica che la comunicazione (un sottoinsieme del gruppo globale) è di grande importanza, seguito da essere in grado di convincere al 48%. Figura 10. Capacità Comunicativa- Importanza nello sviluppo personale/professionale Qualità manageriale e sviluppo personale/professionale In media, poco più del 48% degli intervistati assegnano un livello 1 d importanza, per quanto riguarda le sei Soft Skill che compongono il gruppo della Qualità Manageriale. 58,4% degli intervistati ha attribuito un livello di importanza 1 per l'abilità individuale di leadership efficace, seguito dal 54,5% di pensiero strategico (Fig.11). La capacità di leadership efficace ha ottenuto un livello piu alto d importanza: del 58,4% mentre il pensiero strategico segue con il 54,5%. 18 P a g e

19 Figura 11. Qualità Manageriali Gruppo di Capacità e Sviluppo Personale/Professionale Capacità inter/intra personali e sviluppo personale/professionale Quando è stato chiesto agli intervistati se ritengono che il gruppo di capacità inter/intra personali è stato importante per il loro sviluppo personale e professionale, un totale del 36,4% ha assegnato un livello 1 di valore. All'interno di questo gruppo all'abilità individuale all ascolto attivo è stato assegnato il punteggio più alto del 42,6%, seguito da efficacia personale al 40,6%. Combinando i livelli di valore di 1 e 2 di queste due Soft Skill, una media del 34,3% degli intervistati riferisce che questi punteggi sono i più alti in importanza. 19 P a g e

20 Figura 12. Capacità Inter/Intra Personale Importanza nello sviluppo personale/professionale 8.1 Training and education delivery Agli intervistati è stato chiesto di dare un propria opinione su quale sia la modalita adeguata per la formazione e l educazione nell area delle Soft Skill. Come si può vedere dalla fig. 13, una percentuale elevata di intervistati è d'accordo o fortemente d'accordo (78,6%) che la formazione in materia di Soft Skill è necessaria. Questo dato è in linea con le differenza singificativa emersa dai dati precedenti,i quali mostravano che, anche se veniva assegnato un alto livello d importanza alle Soft Skill, la percezione della loro esistenza effettiva nelle IS degli intervistati era piuttosto bassa. Altre domande sono state poste in relazione ad iniziative di formazione. 20 P a g e

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Lo spettacolo di una vecchia fatiscente imbarcazione da diporto, sia in decomposizione nel suo ormeggio che mezza affondata con gli alberi che spuntano dall acqua

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05. QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.2013 Il progetto QUEST Gli obiettivi Offrire supporto alle città

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Corsi di General English

Corsi di General English Corsi di General English 2015 A Londra e in altre città www.linglesealondra.com Cerchi un corso di inglese a Londra? Un soggiorno studio in Inghilterra o in Irlanda? I nostri corsi coprono ogni livello

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network Di cosa parliamo? La Borsa delle Idee è la soluzione per consentire alle aziende di coinvolgere attivamente le persone (dipendenti, clienti,

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Le Dashboard di cui non si può fare a meno

Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le aziende più sensibili ai cambiamenti stanno facendo di tutto per cogliere qualsiasi opportunità che consenta loro di incrementare il business e di battere

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare?

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? TECNICHE H. Sei Cappelli per Pensare 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? Il metodo dei sei cappelli per pensare è stato inventato da Edward de Bono nel 1980. I cappelli rappresentano

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

ATTIVITA DI RIELABORAZIONE TESTUALE MEDIANTE LA PIATTAFORMA MOODLE Progetto Cl@ssi 2.0

ATTIVITA DI RIELABORAZIONE TESTUALE MEDIANTE LA PIATTAFORMA MOODLE Progetto Cl@ssi 2.0 Congresso Nazionale SIREM Milano, 5-6 giugno 2012 ATTIVITA DI RIELABORAZIONE TESTUALE MEDIANTE LA PIATTAFORMA MOODLE Progetto Cl@ssi 2.0 Valentina Pennazio, Andrea Traverso, Davide Parmigiani Università

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Tirocini: uno sguardo all Europa

Tirocini: uno sguardo all Europa www.adapt.it, 18 luglio 2011 Tirocini: uno sguardo all Europa di Roberta Scolastici SCHEDA TIROCINI IN EUROPA Francia Spagna Lo stage consiste in una esperienza pratica all interno dell impresa, destinata

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT MASTER Istituto Studi Direzionali Management Academy EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT SEDI E CONTATTI Management Academy Sida Group master@sidagroup.com www.mastersida.com

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli