PROGETTO MONTAGNAMICA ESTATE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO MONTAGNAMICA ESTATE"

Transcript

1 PROGETTO MONTAGNAMICA ESTATE Sugli esiti e l organizzazione che hanno caratterizzato gli eventi nelle passate stagioni riproponiamo il progetto di: LE FINALITA' DEL PROGETTO MontagnAmica e Sicura in ambiente Estivo Il progetto si rivolge soprattutto alla collettività per accrescere l'attenzione sui rischi che caratterizzano la frequentazione turistica in ambiente montano e per divulgare la conoscenza dei metodi di prevenzione e degli strumenti e tecniche in uso per: la frequentazione e progressione in sicurezza l'autosoccorso il soccorso organizzato. Si tratta di un'attività info-formativa ad ampio spettro, in varie fasi per i vari ambienti, che richiede ripetitività nel tempo ed il coinvolgimento dei vari organismi competenti facenti capo al nostro sodalizio e agli Enti ed Organizzazioni che perseguono le medesime finalità, promuovendo la collaborazione tra essi. Il progetto sarà quindi indirizzato all'ampio bacino d'utenza dei frequentatori della montagna, cioè a tutti i soggetti interessati alle varie discipline amatoriali e sportive che si svolgono in ambiente; questi avranno l opportunità di incontrare le strutture promotrici nelle figure dei titolati volontari del CAI e degli altri soggetti qualificati appartenenti alle Organizzazioni che concorrono all'attuazione del progetto e opereranno con azioni di informazione, formazione in ambito di eventi locali mirati. CHI SONO GLI ORGANIZZATORI I Gruppi Regionali del CAI Veneto e Friuli Venezia Giulia con le Commissioni Tecniche Interregionali e le Scuole di Alpinismo, Sci alpinismo, Arrampicata Libera e Sci fondo Escursionismo, Alpinismo Giovanile, Escursionismo, il Centro Studi Materiali e Tecniche in collaborazione con tutte le Associazioni preposte alla prevenzione, sono le strutture promotrici dell iniziativa patrocinata dalle Regioni Veneto e Friuli Venezia Giulia. Analiticamente, a livello interregionale gli Enti e le Associazioni coinvolte sono:

2 - CAI VENETO CAI FRIULI VENEZIA GIULIA - Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico Delegazioni venete e friulano-giuliane - Collegi Regionali delle Guide Alpine - ARPAV - Soccorso Alpino del Corpo Forestale dello Stato - Soccorso Alpino della Guardia di Finanza - AGESCI-CNGEI - Giovane Montagna IL TARGET DI RIFERIMENTO La frequentazione estiva della montagna vede la tipologia degli utenti ancor più variegata rispetto quella invernale. Registriamo infatti un turismo di gruppo più che individuale, impegnato a scoprire l ambiente che lo circonda attraverso passeggiate, gite, escursioni semplici e su sentieri attrezzati fino alla frequentazione delle ferrate in modo spesso improvvisato. La nostra attenzione, quindi, sarà rivolta ai flussi turistici identificabili in: Nuclei familiari Gruppi parrocchiali organizzati Gruppi scout Cral e dopolavoro Associazioni ricreative (Arci, Uisp, Grest, ecc.) Polisportive CALENDARIO E LOCATIONS DI RIFERIMENTO Il progetto estivo di MontagnAmica e Sicura si svilupperà da giugno a settembre 2012, in concomitanza con l apertura e la chiusura dei rifugi e delle strutture ricettive in quota. Questa concomitanza è voluta non solo per la corrispondenza ai flussi turistici che affolleranno le nostre montagne ed i nostri sentieri ma anche e soprattutto per i privilegi che sono offerti dai Rifugi, considerati punti di riferimento per i nostri presidi.

3 Infatti il ruolo aggregativo dei Rifugi per comitive intenzionate a cimentarsi su qualcosa di più impegnativo della passeggiata è certamente strategico per gli obiettivi di MontagnAmica e Sicura. Altri punti di riferimento da tenere in considerazione sono: Attività ricettive di fondo valle Campi scout Campeggi Villaggi turistici Colonie Case diocesane 1 OBIETTIVO OPERATIVO IL PRESIDIO APERTO Per presidio aperto si intende l organizzazione di un presidio per le informazioni, consigli e suggerimenti in una delle località turistiche montane del Veneto e del Friuli Venezia Giulia, rivolto a coloro che occasionalmente frequentano la zona e alle famiglie in vacanza. Le attività da predisporre devono essere la base minima di formazione per il neofita. Quindi saranno disponibili tutti i materiali per poter affrontare i seguenti temi: LETTURA DEL BOLLETTINO METEOROLOGICO COSA PORTARE NELLO ZAINO DURANTE UN ESCURSIONE COME ORIENTARE UNA PIANTINA TOPOGRAFICA COME VESTIRSI IN MONTAGNA COME ALIMENTARSI IN MONTAGNA CONOSCERE LA SEGNALETICA DEI SENTIERI COME ORIENTARSI CON L OROLOGIO E CON LA BUSSOLA COME ORGANIZZARE UNA GITA

4 COME CI SI DEVE ATTREZZARE SE SI INTENDE PERCORRERE UNA FERRATA COME ATTIVARE IL SOCCORSO 2 OBIETTIVO OPERATIVO IL PRESIDIO MIRATO Per presidio mirato va intesa: A - l organizzazione di un intera giornata di un presidio per le informazioni, consigli e suggerimenti in un area concordata (falesia di fondovalle, campo estivo, campeggio, ecc.) con un gruppo organizzato di riferimento che desidera fare questa esperienza formativa (AGESCI, CNGEI, CRAL DOPOLAVORO, ARCI, POLISPORTIVE, ecc). A ciò seguirà un incontro didattico serale con la proiezione di documenti riassuntivi di conclusione. B - l organizzazione di un pomeriggio/sera in Rifugio con gli ospiti che pernottano in vista dell escursione dell indomani. Le attività da predisporre devono essere quelle di secondo livello di formazione, cioè per chi già frequenta la montagna. Quindi saranno disponibili tutti i materiali per poter affrontare i seguenti temi: COME SI INDOSSA UNA IMBRACATURA COME SI INDOSSA IL CASCO COME SI LEGA IL KIT DA FERRATA ALL IMBRACATURA COME FUNZIONA UN DISSIPATORE COME CHIAMARE IL SOCCORSO COME PROCEDERE IN FERRATA COME COMPORTARSI IN CASO DI EMERGENZA

5 COME ATTIVARE LA CHIAMATA AL 118 E QUALI SONO I DATI NECESSARI DA COMUNICARE LA RESPONSABILITA NELLA CONDUZIONE DEI GRUPPI 3 OBIETTIVO OPERATIVO INCONTRO TECNICO-CULTURALE Organizzare un appuntamento dedicato a MontagnAmica e Sicura possibilmente nel palinsesto dei programmi culturali già previsti dalla propria Sezione CAI o durante gli incontri di organizzazione, nelle loro sedi, dei gruppi target (Agesci, Cral, Colonie, ecc.). Si dovrà predisporre un questionario riassuntivo e conclusivo da far compilare ai presenti, quale feed-back dei contenuti presentati durante la serata. ALTRO Ogni Scuola o gruppo può organizzare alternativamente altri presidi o incontri, ad esempio all interno dei punti vendita di articoli sportivi, concordando il tutto con i responsabili dell insegna in questione (già abbiamo l autorizzazione ad esempio per i negozi Sportler presenti a Udine, Padova, Verona, Treviso, Calalzo, ecc.); Rimangono comunque prioritari gli interventi sul territorio montano caratterizzato da flussi turistici, anche in luoghi diversi da quelli elencati nel calendario proposto. estate 2012 L organizzazione MontagnAmica e Sicura

PROTOCOLLO OPERATIVO

PROTOCOLLO OPERATIVO PROTOCOLLO OPERATIVO PER I RESPONSABILI DI SCUOLE, GRUPPI, TEAM, ECC. CHE INTENDANO PARTECIPARE AL PROGRAMMA DI MONTAGNAMICA E SICURA IN AMBIENTE ESTIVO. Carissimi aderenti all iniziativa MontagnAmica

Dettagli

Programma per la promozione della montagna e delle sue professioni 2017

Programma per la promozione della montagna e delle sue professioni 2017 Programma per la promozione della montagna e delle sue professioni 2017 PREMESSA Al fine di continuare la promozione della montagna e delle sue professioni, intrapresa negli ultimi anni in collaborazione

Dettagli

III Corso Avanzato di Escursionismo (E2) 2017

III Corso Avanzato di Escursionismo (E2) 2017 III Corso Avanzato di Escursionismo (E2) 2017 PROGRAMMA LEZIONI TEORICHE Saluto del Presidente della Sezione Equipaggiamento e materiali 1 13/03/2017 - Equipaggiamento e materiali specifici per l escursionismo

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO

CLUB ALPINO ITALIANO progetto MontagnAmica MontagnAmica è un ambizioso progetto del Club Alpino Italiano in collaborazione con tutte le Associazioni dedite alla formazione e/o prevenzione degli incidenti in montagna. Il 9%

Dettagli

PRIMO CORSO DI QUALIFICA PER ACCOMPAGNATORE SEZIONALE DI CICLOESCURSIONISMO PIANO DIDATTICO

PRIMO CORSO DI QUALIFICA PER ACCOMPAGNATORE SEZIONALE DI CICLOESCURSIONISMO PIANO DIDATTICO PRIMO CORSO DI QUALIFICA PER ACCOMPAGNATORE SEZIONALE DI CICLOESCURSIONISMO 2016-2017 PIANO DIDATTICO PRIMA SESSIONE base culturale Sabato 12.11.2016 ore 8:30 Presentazione del Corso ANE ISFE INV- AS-C

Dettagli

Club Alpino Italiano. Scuola di Alpinismo, Scialpinismo e Arrampicata Libera Sergio Nen. Organizza. 8 maggio 3 luglio 2014 CORSO ROCCIA AR1

Club Alpino Italiano. Scuola di Alpinismo, Scialpinismo e Arrampicata Libera Sergio Nen. Organizza. 8 maggio 3 luglio 2014 CORSO ROCCIA AR1 Club Alpino Italiano Scuola di Alpinismo, Scialpinismo e Arrampicata Libera Sergio Nen Organizza 8 maggio 3 luglio 2014 CORSO ROCCIA AR1 Corso di arrampicata in montagna, rivolto a chi vuole conoscere

Dettagli

Corso di ferrate MF1-2013

Corso di ferrate MF1-2013 CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI PONTEDERA La Sezione di Pontedera in collaborazione con la Scuola di Alpinismo «Cosimo Zappelli» di Viareggio, la Scuola di Alpinismo di Lucca e la Scuola di Alpinismo «Alpi

Dettagli

Turismo attivo in Piemonte: «una montagna di esperienze»

Turismo attivo in Piemonte: «una montagna di esperienze» Convegno sul turismo sostenibile in Alto Adige, Bolzano e dintorni: modello per la Regione Alpina 6 marzo 2013 INDICE I temi e le questioni Il turismo è Il turismo come bisogno Il turismo attivo La montagna

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO. fondato nel 1863

CLUB ALPINO ITALIANO. fondato nel 1863 CLUB ALPINO ITALIANO fondato nel 1863 Articolo 1 e 4 dello Statuto CAI Libera associazione nazionale, Ha per scopo: l alpinismo in ogni sua manifestazione, la conoscenza e lo studio delle montagne (specialmente

Dettagli

CHESA SPECIALE LA MARGNA.

CHESA SPECIALE LA MARGNA. CHESA SPECIALE LA MARGNA A 1750 m di altitudine, nel centro di Celerina, uno dei villaggi significativi dell Engadina-St.Moritz, in posizione centrale e comoda per l accesso alle diverse aree della valle.

Dettagli

2 CORSO per ACCOMPAGNATORI SEZIONALI di ESCURSIONISMO. Commissione Regionale Campana per l'escursionismo - OTTO. Piano di studio

2 CORSO per ACCOMPAGNATORI SEZIONALI di ESCURSIONISMO. Commissione Regionale Campana per l'escursionismo - OTTO. Piano di studio 1ª sessione : BASE CULTURALE COMUNE 1 giorno : domenica 27 gennaio 2013 = 8 ore (in aula) 1. Presentazione dello svolgimento del Corso. 2. Presentazione dei Corsisti: esperienze e capacità sia professionali

Dettagli

Settimana delle Dolomiti Friulane Patrimonio dell UNESCO edizione 2014

Settimana delle Dolomiti Friulane Patrimonio dell UNESCO edizione 2014 PROVINCIA DI PORDENONE Settimana delle Dolomiti Friulane Patrimonio dell UNESCO edizione 2014 Soggetto proponente: Provincia di Pordenone Luogo delle iniziative: Territori dei Comuni interessati dal riconoscimento

Dettagli

Settimana delle Dolomiti Friulane patrimonio dell UNESCO (edizione 2013)

Settimana delle Dolomiti Friulane patrimonio dell UNESCO (edizione 2013) Settimana delle Dolomiti Friulane patrimonio dell UNESCO (edizione 2013) Periodo di svolgimento: giugno - luglio 2013 Luogo delle iniziative : territorio dei Comuni interessati dal riconoscimento UNESCO

Dettagli

Club Alpino Italiano Sez. Uget Torino ATTIVITÀ SOCIALI 2011

Club Alpino Italiano Sez. Uget Torino ATTIVITÀ SOCIALI 2011 Club Alpino Italiano Sez. Uget Torino Alpinismo Alpinismo Giovanile Ciclo Escursionismo Coro Escursionismo Fondo Escursionismo Sci Alpinismo Sci Alpino Sci di Fondo Speleologia Tutela Ambientale Trekking

Dettagli

!!"!!!!"!!"!#! $!! "! %

!!!!!!!!!#! $!! ! % !!"!!!!"!!"!#!!! "! % ! &%'%'% %'() &%'%)% *++, %'(- &%'%)%'% %'(- &%'%)%)%. * %'(/ &%'%)%-% + %'&0 &%'%)%/% %'&- &%'%)%1% 2.+, 3 '&& &%'%)%(%, %'40! " # &%)%'% %'4& &%)%)% *++, %'4& &%)%)%'% ++. %'44

Dettagli

La tua gita? All UniversiCà

La tua gita? All UniversiCà La tua gita? All UniversiCà UNIVERSICÀ DRUOGNO POLO MUSEALE Un polo museale con linguaggi innovativi sulla civiltà alpina ti aspetta a Druogno! Proposte per scuole e gruppi organizzati PRESENTAZIONE L

Dettagli

ALPINISMO. Club Alpino Italiano. Sezione di: Pieve di Cadore Calalzo di Cadore - Domegge di Cadore

ALPINISMO. Club Alpino Italiano. Sezione di: Pieve di Cadore Calalzo di Cadore - Domegge di Cadore GIOVANILE7 201 ALPINISMO Club Alpino Italiano Sezione di: Pieve di Cadore Calalzo di Cadore - Domegge di Cadore Sei dei nostri? Se vuoi stare in compagnia, divertirti e imparare a conoscere l ambiente

Dettagli

Club Alpino Italiano

Club Alpino Italiano Club Alpino Italiano Sezione di FIRENZE CORSI di ESCURSIONISMO 2017 2 Corso Base di Escursionismo 2 Corso Avanzato di Escursionismo REGOLAMENTO I due Corsi di Escursionismo Base () e Avanzato (), sono

Dettagli

A CHI RIVOLGERSI PER

A CHI RIVOLGERSI PER A Accompagnatore turistico : Provincia, Settore Turismo Affittacamere : Provincia, Settore Turismo Agenzia viaggi : Provincia, Settore Turismo Agevolazioni regionali per il turismo : Regione, Sezione Turismo

Dettagli

MR & Associati Comunicazione IL CAI, I GIOVANI E LA MONTAGNA BOLLATE 19 NOVEMBRE 2017

MR & Associati Comunicazione IL CAI, I GIOVANI E LA MONTAGNA BOLLATE 19 NOVEMBRE 2017 MR & Associati Comunicazione IL CAI, I GIOVANI E LA MONTAGNA BOLLATE 19 NOVEMBRE 2017 2 DAL MONITORAGGIO ALLO SVILUPPO DELL ASSOCIAZIONE Il monitoraggio: autunno 2016/estate 2017 1. Questionario Cime a

Dettagli

SCACCHI SPORT & NATURA

SCACCHI SPORT & NATURA SCACCHI SPORT & NATURA Bratto 10-17 Giugno 2012 Divertirsi IMPARANDO IMPARARE divertendosi Campus ludico formativo per bambini e bambine, ragazzi e ragazze dai 6 ai 15 anni Con il patrocinio di: Chi SIAMO

Dettagli

PROGRAMMA 02 PROTEZIONE CIVILE

PROGRAMMA 02 PROTEZIONE CIVILE PROGRAMMA 02 PROTEZIONE CIVILE Assessore: Responsabile: Fausto Carrara Alberto Cigliano INIZIATIVE ED ATTIVITÀ Con riferimento alla pianificazione provinciale di emergenza, nonché allo sviluppo del sistema

Dettagli

A CHI RIVOLGERSI PER

A CHI RIVOLGERSI PER A Accompagnatore turistico : Provincia/Città metropolitana di Venezia, Settore Turismo vedi Affittacamere : Provincia/Città metropolitana di Venezia, Settore Turismo vedi Agenzia viaggi : Provincia/Città

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SERVIZI TURISTICI Processo Gestione di impianti ricettivi con finalità turistiche ricreativo - sportive

Dettagli

PRESENTAZIONE SERVIZI

PRESENTAZIONE SERVIZI PRESENTAZIONE SERVIZI AL SERVIZIO DEL TURISTA LIVE IT YOUR WAY CONSORZIO TURISTICO VIVERE IL GRAPPA LIVE IT YOUR WAY Il Consorzio Vivere il Grappa, grazie all innovazione continua, negli anni ha acquisito

Dettagli

Tre Cime di Lavaredo

Tre Cime di Lavaredo CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Alpinismo Giovanile GITA NAZIONALE PER RAGAZZI/E di ALPINISMO GIOVANILE Tre Cime di Lavaredo Dolomiti di Sesto (28-30 agosto 2015) - 1 - La Commissione Centrale

Dettagli

PREMESSA Il progetto FORMAZIONE Questo primo ciclo d incontri I destinatari di questo primo ciclo

PREMESSA Il progetto FORMAZIONE Questo primo ciclo d incontri I destinatari di questo primo ciclo PREMESSA Il progetto FORMAZIONE per dirigenti sezionali del Club Alpino Italiano costituisce un primo tentativo di fornire un adeguato servizio di formazione/informazione a quanti, all interno delle sezioni

Dettagli

Club Alpino Italiano Sezione di Vercelli

Club Alpino Italiano Sezione di Vercelli Club Alpino Italiano Sezione di Vercelli COMMISSIONE ESCURSIONISMO PROGRAMMA ATTIVITA 2014 Via Stara, 1 13100 Vercelli Tel. e Fax: 0161-250207 www.caivercelli.it - e-mail: info@caivercelli.it Facebook

Dettagli

SICURI A CERCAR FUNGHI. cosa sapere e come muoversi nell ambiente boschivo e montano

SICURI A CERCAR FUNGHI. cosa sapere e come muoversi nell ambiente boschivo e montano SICURI A CERCAR FUNGHI cosa sapere e come muoversi nell ambiente boschivo e montano a cura di Cecconi Filippo 12.06.2017 CI SONO QUATTRO BUONI MOTIVI PER PARLARE DI SICUREZZA 1) Il Gruppo promuove diverse

Dettagli

GIOVEDI 9 GENNAIO 2014 Serata di Presentazione dei corsi di: Sci Alpinismo (SA1) Sci Alpinismo Avanzato (SA2) Cascate di Ghiaccio (AGC1)

GIOVEDI 9 GENNAIO 2014 Serata di Presentazione dei corsi di: Sci Alpinismo (SA1) Sci Alpinismo Avanzato (SA2) Cascate di Ghiaccio (AGC1) CLUB ALPINO ITALIANO - Sezione di Bozzolo Scuola di Alpinismo e SciAlpinismo Sesto Gnaccarini GIOVEDI 9 GENNAIO 2014 Serata di Presentazione dei corsi di: Sci Alpinismo (SA1) Sci Alpinismo Avanzato (SA2)

Dettagli

Elaborazione flash. Osservatorio MPI Confartigianato Sicilia 27/07/2017. Artigianato e turismo in Sicilia

Elaborazione flash. Osservatorio MPI Confartigianato Sicilia 27/07/2017. Artigianato e turismo in Sicilia Sicilia Campania Toscana Marche Calabria Lazio Sardegna Puglia Basilicata Molise Abruzzo Umbria Liguria Emilia-Romagna Veneto Lombardia Friuli-Venezia Giulia Trentino-Alto Adige Piemonte Valle d'aosta

Dettagli

Scuola Sci Alpinismo. Mario Righini CORSI 2018

Scuola Sci Alpinismo. Mario Righini CORSI 2018 Scuola Sci CORSI La Scuola per il vuole ampliare la sua offerta di Corsi e di gite in ambiente invernale, mantenendo l attenzione che la contraddistingue verso l amore, la passione e la sicurezza che ognuno

Dettagli

Scuola Intersezionale di Escursionismo Veronese

Scuola Intersezionale di Escursionismo Veronese Scuola Intersezionale di Escursionismo Veronese (SEZIONI CAI : VERONA, CESARE BATTISTI, SAN BONIFACIO, TREGNAGO, SAN PIETRO INCARIANO, LEGNAGO) Il Corso e rivolto a chi desidera acquisire elementi culturali

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO ORGANIZZAZIONE. di una ESCURSIONE

CLUB ALPINO ITALIANO ORGANIZZAZIONE. di una ESCURSIONE CLUB ALPINO ITALIANO ORGANIZZAZIONE di una ESCURSIONE MONTAGNA IN SICUREZZA 1 FASE COME? CLUB ALPINO ITALIANO a. INFORMAZIONE b. CONSULTAZIONE c. VALUTAZIONE INFORMAZIONI Stagione Ore di luce Situazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12/1993 ART. 2, COMMA 1 RICOGNIZIONE DEL FABBISOGNO - DOMANDA DI EVENTUALE CONTRIBUTO ANNO 2015 QUADRO FRONTESPIZIO

LEGGE REGIONALE 12/1993 ART. 2, COMMA 1 RICOGNIZIONE DEL FABBISOGNO - DOMANDA DI EVENTUALE CONTRIBUTO ANNO 2015 QUADRO FRONTESPIZIO giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOB alla Dgr n. 630 del 28 aprile 2015 pag. 1/12 LEGGE REGIONALE 12/1993 ART. 2, COMMA 1 RICOGNIZIONE DEL FABBISOGNO - DOMANDA DI EVENTUALE CONTRIBUTO ANNO 2015 QUADRO

Dettagli

Approfondimenti. il caso Valle Maira

Approfondimenti. il caso Valle Maira Approfondimenti il caso Valle Maira 265 266 Valle Maira: esempio virtuoso di integrazione tra turismo e sport outdoor a basso impatto ambientale Il turismo escursionistico in Valle Maira La Valle Maira

Dettagli

Corso base di Alpinismo 2013 Corso con modulo residenziale al Monte Rosa

Corso base di Alpinismo 2013 Corso con modulo residenziale al Monte Rosa Club Alpino Italiano Sezione di Roma - Scuola FRANCO ALLETTO Alpinismo, Scialpinismo e Arrampicata Libera www.scuolafrancoalletto.it Corso base di Alpinismo 2013 Corso con modulo residenziale al Monte

Dettagli

La strategia Eusalp e la salvaguardia del patrimonio alpino

La strategia Eusalp e la salvaguardia del patrimonio alpino La strategia Eusalp e la salvaguardia del patrimonio alpino ALPS - Festival internazionale del cinema di montagna nasce con l intento di valorizzare l ambiente, le risorse e il patrimonio culturale che

Dettagli

SVEZIA Variazione % 2006 su

SVEZIA Variazione % 2006 su SVEZIA I flussi turistici su 20002 Svezia A P A P A P A P A P A P 9303 51951 9224 52110 8912 51256 10157 55322 9880 56376 6,2% 8,5% Media gg. 5,6 5,6 5,7 5,4 5,7 Grafico: e PRESENZE SVEZIA - ANNI DAL AL

Dettagli

Club Alpino Italiano

Club Alpino Italiano Club Alpino Italiano Sezione di FIRENZE CORSI di ESCURSIONISMO 2016 1 Corso Base di Escursionismo E1 1 Corso Avanzato di Escursionismo E2 REGOLAMENTO I due Corsi di Escursionismo Base (E1) e Avanzato (E2),

Dettagli

ATTIVITA IN MONTAGNA. di Valerio Bozza

ATTIVITA IN MONTAGNA. di Valerio Bozza ATTIVITA IN MONTAGNA di Valerio Bozza Escursionismo Escursionismo Escursionismo è camminare nella natura al di fuori delle strade asfaltate. L escursionismo si svolge quasi sempre in ambiente montano (bassa

Dettagli

Il Dirigente Responsabile/ Il Responsabile di P.O. delegato: Ermanno Bonomi. Decreto N 4206 del 28 Agosto 2009

Il Dirigente Responsabile/ Il Responsabile di P.O. delegato: Ermanno Bonomi. Decreto N 4206 del 28 Agosto 2009 REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO AREA DI COORDINAMENTO POLITICHE PER IL TURISMO, COMMERCIO E ATTIVITA' TERZIARIE SETTORE POLITICHE DI SVILUPPO E DI PROMOZIONE DEL

Dettagli

Club Alpino Italiano. Sezione di: Pieve di Cadore Calalzo di Cadore - Domegge di Cadore ALPINISMO GIOVANILE

Club Alpino Italiano. Sezione di: Pieve di Cadore Calalzo di Cadore - Domegge di Cadore ALPINISMO GIOVANILE Club Alpino Italiano Sezione di: Pieve di Cadore Calalzo di Cadore - Domegge di Cadore ALPINISMO GIOVANILE 2016 SEI DEI NOSTRI? Se vuoi stare in compagnia, divertirti e imparare a conoscere l ambiente

Dettagli

100 Anni di Storia Alpina INCONTRARSI CLUB ALPINO ITALIANO UGET - TORINO CITTA DI TORINO CIRCOSCRIZIONE IV PARCO DELLA TESORIERA

100 Anni di Storia Alpina INCONTRARSI CLUB ALPINO ITALIANO UGET - TORINO CITTA DI TORINO CIRCOSCRIZIONE IV PARCO DELLA TESORIERA CLUB ALPINO ITALIANO UGET - TORINO PARCO DELLA TESORIERA 1913 013 INCONTRARSI CENTENARIO CAI UGET 100 Anni di Storia Alpina CITTA DI TORINO CIRCOSCRIZIONE IV SAN DONATO - CAMPIDOGLIO - PARELLA Carissimi

Dettagli

Proposte Invernali Escursioni e soggiorni sulla neve

Proposte Invernali Escursioni e soggiorni sulla neve Proposte Invernali Escursioni e soggiorni sulla neve Proposte didattiche - anno scolastico 2014-2015 Escursioni e Soggiorni Piemonte e Valle d Aosta AL.MA.TURISMO AMBIENTE Le escursioni possono essere

Dettagli

100 risposte. Riepilogo. Qualche informazione su di te. Sei un socio CAI? Sei. Quanti anni hai? Modifica questo modulo. Pubblica i dati di analisi

100 risposte. Riepilogo. Qualche informazione su di te. Sei un socio CAI? Sei. Quanti anni hai? Modifica questo modulo. Pubblica i dati di analisi cai.napoli1871@gmail.com 100 risposte Modifica questo modulo Pubblica i dati di analisi Riepilogo Qualche informazione su di te Sei un socio CAI? 40% 12% 4 sono socio CAI Napoli 48 4 sono socio CAI di

Dettagli

La nuova normativa turistica regionale: motivazioni, sfide e opportunità

La nuova normativa turistica regionale: motivazioni, sfide e opportunità Al servizio di gente unica La nuova normativa turistica regionale: motivazioni, sfide e Sergio Bolzonello Vicepresidente Regione FVG Università degli Studi di Udine 3 marzo 2017 Disciplina delle politiche

Dettagli

10 anni. del Centro regionale di Protezione civile al meeting di Lonigo. Longarone Belluno

10 anni. del Centro regionale di Protezione civile al meeting di Lonigo. Longarone Belluno 10 anni del Centro regionale di Protezione civile al meeting di Lonigo Longarone Belluno Meeting della Protezione civile Città di Lonigo 98 IL CENTRO E LA FORMAZIONE Il Centro Regionale Protezione Civile

Dettagli

per Accompagnatori Sezionali

per Accompagnatori Sezionali 1 CORSO REGIONALE di FORMAZIONE e QUALIFICA per Accompagnatori Sezionali di Escursionismo, Cicloescursionismo e Seniores O.T.T.O. Lombardia - 2010 Il Club Alpino Italiano Chi rappresenta - Come funziona

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO OTTO Commissione Regionale Escursionismo Toscana. Scuola Escursionismo Toscana BANDO

CLUB ALPINO ITALIANO OTTO Commissione Regionale Escursionismo Toscana. Scuola Escursionismo Toscana BANDO CLUB ALPINO ITALIANO OTTO Commissione Regionale Escursionismo Toscana Scuola Escursionismo Toscana BANDO Corso qualifica Accompagnatore Sezionale di Escursionismo2014 A.S.E. A.S.C. A.S.S. L OTTO Commissione

Dettagli

Le Norme di Maresca e la Sentieristica attuale..

Le Norme di Maresca e la Sentieristica attuale.. CLUB ALPINO ITALIANO Sezione di MARESCA MONTAGNA PISTOIESE Villaggio Orlando, 100 - CAMPOTIZZORO Le Norme di Maresca e la Sentieristica attuale.. CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI MARESCA MONTAGNA PISTOIESE

Dettagli

Importante accordo firmato dal Gruppo Regionale-GR Piemonte del CAI PROTOCOLLO D INTESA REGIONE PIEMONTE-CAI PER IL TURISMO MONTANO

Importante accordo firmato dal Gruppo Regionale-GR Piemonte del CAI PROTOCOLLO D INTESA REGIONE PIEMONTE-CAI PER IL TURISMO MONTANO Importante accordo firmato dal Gruppo Regionale-GR Piemonte del CAI PROTOCOLLO D INTESA REGIONE PIEMONTE-CAI PER IL TURISMO MONTANO E stato sottoscritto nei giorni scorsi dall assessore regionale alla

Dettagli

La spesa dei turisti in Trentino nella stagione invernale

La spesa dei turisti in Trentino nella stagione invernale PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Assessorato al Turismo Servizio Statistica La spesa dei turisti in Trentino nella stagione invernale 2004-2005 2005 1 Un indagine originale, approfondita e con una storia...

Dettagli

CORSO di ESCURSIONISMO in AMBIENTE INNEVATO

CORSO di ESCURSIONISMO in AMBIENTE INNEVATO Club Alpino Italiano Sezione di Frascati CORSO di ESCURSIONISMO in AMBIENTE INNEVATO gennaio marzo 2017 La Sezione di Frascati del Club Alpino Italiano organizza un corso di Escursionismo in ambiente innevato

Dettagli

SPAGNA Variazione % 2006

SPAGNA Variazione % 2006 SPAGNA I flussi turistici 23 24 25 26 26 su 22 Spagna A P A P A P A P A P A P 6256 16765 7547 2589 7159 2141 776 2197 9761 29169 56,% 74,% Media gg. 2,7 2,7 3, 2,8 3, Grafico: 12 e PRESENZE SPAGNA - ANNI

Dettagli

IN BREVE. CANALE DI FINANZIAMENTO: Fondi POR FESR PIT Provincia dell Aquila

IN BREVE. CANALE DI FINANZIAMENTO: Fondi POR FESR PIT Provincia dell Aquila IN BREVE IL COMMITTENTE Comune di Cappadocia (Aq) CANALE DI FINANZIAMENTO: Fondi POR FESR PIT Provincia dell Aquila LA SFIDA Valorizzare il territorio comunale promuovendo forme di turismo slow a basso

Dettagli

(ASE / ASE-C / ASE-S)

(ASE / ASE-C / ASE-S) CLUB ALPINO ITALIANO Scuola Sezionale di Escursionismo Sezione di Roma Roma, 26 giugno 2013 BANDO del 2 CORSO di FORMAZIONE e VERIFICA per ACCOMPAGNATORI SEZIONALI di ESCURSIONISMO (ASE / ASE-C / ASE-S)

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO Scuola Intersezionale di Escursionismo VERONESE

CLUB ALPINO ITALIANO Scuola Intersezionale di Escursionismo VERONESE CLUB ALPINO ITALIANO Scuola Intersezionale di Escursionismo VERONESE Siamo vecchi! abbiamo 153 anni di storia! Fondazione del Club Alpino Italiano Venne «concepito» sul Monviso nell agosto del 1863, in

Dettagli

Escursioni ed informazione. Informazione escursionistica in Piemonte

Escursioni ed informazione. Informazione escursionistica in Piemonte Escursioni ed informazione Informazione escursionistica in Piemonte Nell anno 2010 il prodotto montagna estiva con 1.650.000 presenze mantiene inviariate le performance precedenti con un segno positivo

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO Scuola Intersezionale di Escursionismo VERONESE

CLUB ALPINO ITALIANO Scuola Intersezionale di Escursionismo VERONESE CLUB ALPINO ITALIANO Scuola Intersezionale di Escursionismo VERONESE Siamo vecchi! abbiamo 153 anni di storia! Fondazione del Club Alpino Italiano Venne «concepito» sul Monviso il 12 agosto del 1863, in

Dettagli

Nella speranza di rinnovare la collaborazione con Voi, ci rendiamo disponibili per eventuali incontri nei vostri istituti.

Nella speranza di rinnovare la collaborazione con Voi, ci rendiamo disponibili per eventuali incontri nei vostri istituti. Cari insegnanti, per la nuova stagione invernale la scuola Sci Stella Alpina Mottarone propone il progetto scuole sulla neve. Da anni operiamo in collaborazione agli istituti scolastici del territorio

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE ANDREA GENOINO CAVA DE TIRRENI ( SA ) DOCENTE RESPONSABILE: prof.ssa Rita D Ancora GRUPPO MIRATO: CLASSE IV A

LICEO SCIENTIFICO STATALE ANDREA GENOINO CAVA DE TIRRENI ( SA ) DOCENTE RESPONSABILE: prof.ssa Rita D Ancora GRUPPO MIRATO: CLASSE IV A LICEO SCIENTIFICO STATALE ANDREA GENOINO CAVA DE TIRRENI ( SA ) PROGETTO a.s. 2011/2012 l OR_SO della montagna ( Percorso di Educazione alla Cultura della Sicurezza e della Protezione Civile ) DOCENTE

Dettagli

Gennaio/marzo. Calendario lezioni teoriche (ore presso la Sezione di Castelfranco Emilia)

Gennaio/marzo. Calendario lezioni teoriche (ore presso la Sezione di Castelfranco Emilia) Gennaio/marzo 6 Corso di Introduzione allo Scialpinismo Organizzazione: SCUOLA DI ALPINISMO E SCIALPINISMO A. MONTANARI Questo corso si rivolge a chi è alla ricerca di un nuovo modo di andare in montagna

Dettagli

PROGRAMMA ESCURSIONI e TREKKING GUIDATI - ESTATE 2016

PROGRAMMA ESCURSIONI e TREKKING GUIDATI - ESTATE 2016 PROGRAMMA ESCURSIONI e TREKKING GUIDATI - ESTATE 2016 Le escursioni si dividono in vari livelli: Facile: con un minimo dislivello adatto a tutti anche a persone più anziane o a bambini piccoli, accessibile

Dettagli

Incontro annuale dei capigita 2015

Incontro annuale dei capigita 2015 Incontro annuale dei capigita 2015 Contenuti Resoconto delle attività dell anno Struttura della formazione CAS e G+S Comunicazioni dal CAS centrale Vario Resoconto attività dell anno Poca neve a inizio

Dettagli

Scuola Superiore per Mediatori Linguistici CIELS Scuola Estiva di Lingua Spagnola Scuola Estiva di Lingua Spagnola

Scuola Superiore per Mediatori Linguistici CIELS Scuola Estiva di Lingua Spagnola Scuola Estiva di Lingua Spagnola La Scuola Superiore per Mediatori Linguistici CIELS, Istituto ad ordinamento universitario, promuove nella propria offerta formativa il progetto della Scuola Estiva di Lingua Spagnola a Navaluenga.con

Dettagli

Settembre 2012 Novembre Il ruolo dello SPORT VENETO nel PANORAMA NAZIONALE

Settembre 2012 Novembre Il ruolo dello SPORT VENETO nel PANORAMA NAZIONALE Settembre 2012 Novembre 2014 Il ruolo dello SPORT VENETO nel PANORAMA NAZIONALE 1 Il progetto L obiettivo del progetto Lo Sport Veneto è quello di mettere in evidenza le peculiarità dello sport veneto,

Dettagli

Il Turista invernale in Trentino

Il Turista invernale in Trentino Il Turista invernale in Trentino Sommario Stagione invernale Due ricerche sul turista invernale: settimane bianche (campione di 1.027 interviste) e festività natalizie (campione di 1.516 interviste) Una

Dettagli

consolidamento e sviluppo di una cultura della sicurezza in montagna conoscere la fondazione

consolidamento e sviluppo di una cultura della sicurezza in montagna conoscere la fondazione consolidamento e sviluppo di una cultura della sicurezza in montagna conoscere la fondazione Fondazione Montagna sicura Montagne sûre è stata istituita con legge della Regione autonoma Valle d Aosta del

Dettagli

(Relatori di maggioranza Baritussio, Piccin) sul. DISEGNO DI LEGGE n <<Valorizzazione delle strutture alpine regionali>>

(Relatori di maggioranza Baritussio, Piccin) sul. DISEGNO DI LEGGE n <<Valorizzazione delle strutture alpine regionali>> N. 194 A RELAZIONI DELLA II COMMISSIONE PERMANENTE (Agricoltura e foreste, sviluppo della montagna, pesca marittima e acquacoltura, industria, artigianato, commercio interno ed estero, fiere e mercati,

Dettagli

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROTEZIONE CIVILE. Comune di. Località ESERCITAZIONE DOCUMENTO DI IMPIANTO

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROTEZIONE CIVILE. Comune di. Località ESERCITAZIONE DOCUMENTO DI IMPIANTO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROTEZIONE CIVILE Comune di Località ESERCITAZIONE DOCUMENTO DI IMPIANTO OBIETTIVI La realizzazione dell esercitazione si prefigge di: - testare la rispondenza degli

Dettagli

FASCE D'ETÀ da 60 in su TOTALE SOCI 50-59

FASCE D'ETÀ da 60 in su TOTALE SOCI 50-59 FASCE D'ETÀ 18-39 fino a 11 12-17 18-39 40-49 50-59 da 60 in su da 60 in su 40-49 da 60 in su TOTALE SOCI fino a 11 12-17 18-39 40-49 La ripartizione è sostanzialmente simile a quella della totalità dei

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Ottobre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine

Dettagli

ESCURSIONI CON RACCHETTE DA NEVE PIEMONTE VALLE DI SUSA BARDONECCHIA INVERNO 20

ESCURSIONI CON RACCHETTE DA NEVE PIEMONTE VALLE DI SUSA BARDONECCHIA INVERNO 20 ESCURSIONI CON RACCHETTE DA NEVE (Ciaspole) ESCURSIONI GUIDATE DIURNE E SERALI-STAGIONE 2017/2018 SGE20 propone in collaborazione con le Guide alpine di Bardonecchia, per la stagione invernale 2017/2018

Dettagli

PROPOSTA DI REVISIONE/COORDINAMENTO DEL SETTORE SCI ESCURSIONISMO / SCI ALPINISMO

PROPOSTA DI REVISIONE/COORDINAMENTO DEL SETTORE SCI ESCURSIONISMO / SCI ALPINISMO PROPOSTA DI REVISIONE/COORDINAMENTO DEL SETTORE SCI ESCURSIONISMO / SCI ALPINISMO Convegno Interregionale Scuole VFG 2015 Alessandro Fattori - Claudio Pellin Commissione Interregionale Scuole VFG 1 PROPOSTA

Dettagli

Bando di partecipazione al IV CORSO PER ISTRUTTORI ARRAMPICATA LIBERA TER 2011

Bando di partecipazione al IV CORSO PER ISTRUTTORI ARRAMPICATA LIBERA TER 2011 Bando di partecipazione al IV CORSO PER ISTRUTTORI ARRAMPICATA LIBERA TER 2011 La Commissione Interregionale TER Scuole di Alpinismo e Sci Alpinismo del Club Alpino Italiano, CISASATER, organizza il IV

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo II GLI ENTI ED ORGANISMI A RILEVANZA TURISTICA

INDICE SOMMARIO. Capitolo II GLI ENTI ED ORGANISMI A RILEVANZA TURISTICA INDICE SOMMARIO Capitolo I PRINCIPI GENERALI 1.1. Definizione del turismo... 1 1.2. Le varie forme di turismo... 3 1.3. I soggetti... 6 1.4. L attivita` dei pubblici poteri. Il ruolo dello Stato... 8 1.5.

Dettagli

ATTIVITA ESTIVE TERZA ETA 2016

ATTIVITA ESTIVE TERZA ETA 2016 ATTIVITA ESTIVE TERZA ETA 2016 1. Denominazione del progetto ATTIVITA ESTIVE PER LA TERZA ETA ANNO 2016 1.1 Soggetto titolare Azienda U.S.L. TOSCANA SUD EST Zona Valdarno Superiore 1.2 Soggetto gestore

Dettagli

ATTIVITÀ DI ESCURSIONISMO (GENNAIO 2016)

ATTIVITÀ DI ESCURSIONISMO (GENNAIO 2016) ATTIVITÀ DI ESCURSIONISMO (GENNAIO 2016) Per informazioni e prenotazioni: http:///iscriversi.html Email: info@friultrekandtrout.com - Cellulare: 3453597254 PER POTER PARTECIPARE ALLE SINGOLE ATTIVITÀ È

Dettagli

Eventi di comunicazione. Pagina 1

Eventi di comunicazione. Pagina 1 Eventi di comunicazione Pagina 1 Dalle sponsorizzazioni agli eventi Sul piano storico, la sponsorizzazione di manifestazioni (anni 70-80) ha anticipato, nel mondo d impresa, il successivo exploit della

Dettagli

Modulo di iscrizione a 29 CORSO ROCCIA mod. 1B - 1C 2009

Modulo di iscrizione a 29 CORSO ROCCIA mod. 1B - 1C 2009 Modulo di iscrizione a 29 CORSO ROCCIA mod. 1B - 1C 2009 Cognome Nome data di nascita luogo di nascita prov. indirizzo n. cap. città telefono casa telefono mobile e-mail n. tessera CAI rilasciata il Sezione

Dettagli

L'agriturismo in FVG al

L'agriturismo in FVG al centro stam L'agriturismo in FVG al 31.12.2009 REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Assessore regionale alle finanze, patrimonio e programmazione Direzione centrale finanze, patrimonio e programmazione

Dettagli

Ufficio Educazione Fisica

Ufficio Educazione Fisica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Ufficio XII Ambito territoriale della provincia di Livorno Ufficio Educazione Fisica Prot. n.9037

Dettagli

IMPOSTA DI SOGGIORNO

IMPOSTA DI SOGGIORNO IMPOSTA DI SOGGIORNO TARIFFE in vigore dal 01.07.2015 VALIDE PER TUTTE LE STRUTTURE NON RICLASSIFICATE SULLA BASE DELLA L.R.V. 11/2013 Le tariffe dell imposta di soggiorno sono articolate in funzione di:

Dettagli

ELENCO ATTIVITA' ESTIVE RAGAZZI ORGANIZZATE DA ASSOCIAZIONI E PARROCCHIE OPERANTI NEL COMUNE DI SEDICO:

ELENCO ATTIVITA' ESTIVE RAGAZZI ORGANIZZATE DA ASSOCIAZIONI E PARROCCHIE OPERANTI NEL COMUNE DI SEDICO: ELENCO ATTIVITA' ESTIVE RAGAZZI ORGANIZZATE DA ASSOCIAZIONI E PARROCCHIE OPERANTI NEL COMUNE DI SEDICO: A.P.S. AMICI E ANZIANI DI ROE E DINTORNI CORSO DI RICAMO Descrizione attività: corso di ricamo Fascia

Dettagli

IV CONFERENZA ITALIANA PER IL TURISMO

IV CONFERENZA ITALIANA PER IL TURISMO IV CONFERENZA ITALIANA PER IL TURISMO Il ruolo delle imprese per uno sviluppo sostenibile Riva del Garda, 20 giugno 2008 565 mila le imprese connesse al turismo oltre al ramo H (alberghi e ristoranti),

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE

DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE 1) Cosa è un attività Turistica Ricettiva? DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE Si definisce attività Ricettiva Turistica quella diretta alla produzione ed all offerta al pubblico di

Dettagli

TESSERAMENTO 2016 È avviato il tesseramento per l'anno 2016. Le quote sono rimaste le stesse dall'anno scorso.

TESSERAMENTO 2016 È avviato il tesseramento per l'anno 2016. Le quote sono rimaste le stesse dall'anno scorso. CAI News 12 gennaio 2016 NOTIZIE DAL CAI IMOLA TESSERAMENTO 2016 È avviato il tesseramento per l'anno 2016. Le quote sono rimaste le stesse dall'anno scorso. La nostra sezione, come sempre, lascia i costi

Dettagli

Incontro n 1-6 marzo IL TEMPO DELLE MELE

Incontro n 1-6 marzo IL TEMPO DELLE MELE Incontro n 1-6 marzo IL TEMPO DELLE MELE Lavoro stagionale: Occupazione temporanea in un determinato periodo. In genere le possibilità si ripetono regolarmente tutti gli anni in diversi settori. Cosa occorre

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO LOGO

CLUB ALPINO ITALIANO LOGO CLUB ALPINO ITALIANO LOGO CLUB ALPINO ITALIANO COSTITUZIONE FONDATO A TORINO IL 23 OTTOBRE 1863 per iniziativa di QUINTINO SELLA IL CLUB ALPINO ITALIANO E COSTITUITO DAI SOCI RIUNITI (BENEMETITI, ORDINARI,

Dettagli

LE CLASSI DELLE MONTAGNE

LE CLASSI DELLE MONTAGNE LE CLASSI DELLE MONTAGNE PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA MONTAGNA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ALICE NOLI CORSO A TEMPO PROLUNGATO SEZIONE D PROTOCOLLO DI INTESA TRA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAMPOMORONE

Dettagli

PROGRAMMA. del. VII Corso di Formazione per Accompagnatori di Escursionismo. del Club Alpino Italiano. Prati di Tivo di Pietracamela (TE)

PROGRAMMA. del. VII Corso di Formazione per Accompagnatori di Escursionismo. del Club Alpino Italiano. Prati di Tivo di Pietracamela (TE) Club Alpino Italiano Gli OTPO Escursionismo dell AREA TERRITORIALE CMI PROGRAMMA del VII Corso di Formazione per Accompagnatori di Escursionismo del Club Alpino Italiano Prati di Tivo di Pietracamela (TE)

Dettagli

La spesa dei turisti in Trentino stagione invernale

La spesa dei turisti in Trentino stagione invernale Assessorato all Agricoltura, Foreste, Turismo e Promozione in Trentino stagione invernale 2009-2010 Trento, 10 novembre 2010 Gli obiettivi dell indagine L indagine si propone di calcolare e analizzare

Dettagli

1) ORGANIZZAZIONE SUL TERRITORIO

1) ORGANIZZAZIONE SUL TERRITORIO PREVENZIONE E SICUREZZA IN ABIENTE INNEVATO PROTOCOLLO ORGANIZZATIVO A LIVELLO DI ZONA 1) ORGANIZZAZIONE SUL TERRITORIO Il progetto promosso dalla Commissione Veneto Giuliano Friulana Scuole di Alpinismo,

Dettagli

SCUOLA INTERREGIONALE DI ALPINISMO GIOVANILE VENETA FRIULANA GIULIANA

SCUOLA INTERREGIONALE DI ALPINISMO GIOVANILE VENETA FRIULANA GIULIANA San Germano dei Berici, 11/04/2016 e p.c. Agli Accompagnatori di AG del Veneto Friuli Venezia Giulia Agli ANAG/VFG Alla CCAGAlla SCAG Al CDR VenetoAl CDR Friuli Venezia Giulia Al Referente del CDR Veneto

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE TRAINER MIDAS

CORSO DI FORMAZIONE TRAINER MIDAS CORSO DI FORMAZIONE TRAINER MIDAS L associazione MIDAS con questo ambizioso progetto si propone come organismo di certificazione della preparazione e formazione nell ambito della Danza Sportiva e del Ballo.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BORGHI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BORGHI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 3847 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato BORGHI Modifiche alla legge 2 gennaio

Dettagli

8-9 LUGLIO PRESENTAZIONE PROGETTO

8-9 LUGLIO PRESENTAZIONE PROGETTO CORDATA REGINA delle OROBIE Presolana, 8-9 LUGLIO 2017 - PRESENTAZIONE PROGETTO - Cordata internazionale per la Sicurezza, Salvaguardia e Sostenibilità in Montagna Provincia di Bergamo CLUB ALPINO ITALIANO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI. Art. 12 Legge 7 agosto 1990 n.241 Approvato con delibera di Consiglio comunale n.44 del

Dettagli