Profilo di competenze linguistiche specifiche per insegnanti di lingue seconde della scuola media

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Profilo di competenze linguistiche specifiche per insegnanti di lingue seconde della scuola media"

Transcript

1 Profilo di ompetenze linguistihe speifihe per insegnnti di lingue seonde dell suol medi Responsili di progetto In ollorzione on PH St. Gllen, Institut Fhdidktik Sprhen Wilfrid Kuster (poprogetto), Mirjm Egli Cuent, Peter Klee, Thoms Roderer HEP Vud Dniel Zpptore Université de Lusnne, Centre de lngues Brigitte Forster Vosiki SUPSI DFA Lorno Gé Stoks, Dniel Kppler Aompgnmento sientifio Sostegno finnzirio e personle IFM, Universität e PH Freiurg Peter Lenz Conferenz svizzer delle rettrii e dei rettori delle lte suole pedgogihe (COHEP) Uffiio Federle dell Cultur (UFC) Giugno 2014

2 Sommrio Informzioni sui Profili di ompetenze linguistihe speifihe per l insegnmento delle lingue seonde 2 Profilo linguistio-professionle: Competenze omunitive 7 Cmpo opertivo 1: Preprzione dell insegnmento 7 Cmpo opertivo 2: Conduzione dell insegnmento 9 Cmpo opertivo 3: Vlutzione, feedk e onsigli 13 Cmpo opertivo 4: Conttti on ltre regioni linguistihe 15 Cmpo opertivo 5: Apprendimento e ggiornmento 17 Profilo linguistio-professionle: Amiti di ttività 20 1

3 Informzioni sui Profili di ompetenze linguistihe speifihe per lʼinsegnmento delle lingue seonde 1. Che os è il Profilo di ompetenze linguistihe? Il profilo di ompetenze linguistio-professionli desrive le ompetenze omunitive d zione di ui l insegnnte di lingue dell suol medi deve disporre per eseritre l su professione. Desrive le ompetenze linguistihe neessrie per relizzre l insegnmento delle lingue seonde in onformità gli oiettivi delle suole pulihe svizzere. Il profilo è stto sviluppto sull se di un nlisi sistemti dei isogni (Needs Anlysis, seondo Long, 2005). In quest nlisi furono integrte vrie fonti nzionli ed internzionli, mnuli solstii, pini di studio, esperienze nell prti e rierhe reltive ll prti, ome nhe esperienze e vlutzioni di insegnnti ed esperte/i. Il profilo desrive le ompetenze linguistihe neessrie per l insegnmento delle lingue, delle strtegie d pprendimento linguistio e dell interulturlità, e inqudr l uso dell lingu nell prti ovvero durnte l insegnmento delle lingue seonde ll suol medi. Per le/gli insegnnti dell suol elementre è stto sviluppto un profilo speifio. Entrmi i profili si orientno verso gli pproi didttii ttuli: didtti plurilingue, insegnmento mirto l ontenuto e ll zione, insegnmento ilingue di un ltr mteri. 2. Genesi Il profilo è stto sviluppto dll Institut Fhdidktik Sprhen dell PHSG (periodo del progetto), l PH di Luern (periodo ), l PH Vud e l SUPSI Lorno (periodo ) in strett ollorzione on l CDPE, l COHEP e l Istituto per il Plurilinguismo (IFM) dell Università/HEP di Friurgo. Inoltre sono stti interpellti esperti ed esperte nzionli ed internzionli. L COHEP e l Uffiio Federle dell Cultur hnno sostenuto il progetto on un ontriuto finnzirio (rt. 10 dell Ordinnz sulle lingue). 3. Oiettivi Il profilo di ompetenze linguistio-professionli speifihe ostituise un qudro di orientmento per l formzione inizile e ontinu nell L2 di insegnnti in ttività o he insegnernno in futuro le lingue seonde. I profili di ompetenze possono essere utilizzti per i seguenti propositi: - Definizione di oiettivi linguistii nell formzione di se e ontinu degli insegnnti; - Sviluppo di orsi di lingue finlizzti ll professione; - Autovlutzione e vlutzione estern dei isogni di formzione inizile e di formzione ontinu di insegnnti in ttività e di quelli futuri; - Certifizione delle ompetenze linguistihe, d es. in ominzione on diplomi internzionli di ompetenz nelle lingue. 4. Chi sono i destintri del profilo di ompetenze? I profili sono indirizzti i seguenti destintri: - Responsili dei pini di studio; - Formtori nell mito dell formzione inizile e ontinu di insegnnti di lingue seonde; - Insegnnti in formzione inizile e in formzione ontinu. 2

4 5. Contenuti dei profili di ompetenze I desrittori di ompetenze speifihe professionli dispiegti nel Profilo sono suddivisi in due rurihe e in inque mpi opertivi pertinenti ll professione: 1. Preprzione dell insegnmento 2. Conduzione dell insegnmento 3. Vlutzione, feedk e onsigli 4. Conttti on ltre regioni linguistihe 5. Apprendimento e ggiornmento Nell ruri ompetenze omunitive, ogni mpo opertivo rhiude dei ompiti omunitivi linguistii pertinenti ll professione, ossi dei desrittori del sper fre, preisti on luni esempi. Cmpo opertivo 1: Preprzione dellʼinsegnmento 1.1 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... omprendere doumenti sritti per poter vlutre l loro pertinenz per un uso nellʼinsegnmento. Comprendere un reve testo utentio (d es. un puliità, delle istruzioni, un resoonto di un film, un nzone, un dirio, un rtiolo di giornle, un testo di un ltr mteri, log, fumetti, e.) per vlutrne l idoneità per l insegnmento. Comprendere ontenuti ulturli in un liro di testo per vlutre l pertinenz per lo sviluppo di ompetenze interulturli. Per un migliore visione d insieme, presentimo solo un limitt selt di esempi. In ppendie, nell ruri miti di ttività e ll interno di ogni mpo opertivo sono presentti, in orsivo, ulteriori esempi. I ompiti sono riprtiti tr gli miti di ompetenze omunitive. Questi ultimi sono mrti on diversi simoli: Leggere Asoltre Srivere Prlre Intergire Strtegie dʼpprendimento e onspevolezz linguisti Tenendo onto dei diversi isogni e usi del profilo, si è erto di rendere utonomo ogni mpo opertivo. Tle proedimento f sì he determinte ttività linguistihe si ripetno d un mpo opertivo ll ltro. Al entro di questo profilo si trovno le ttività linguistihe nell lingu seond. Questo non signifi he l lingu di solrizzzione lole de essere eslus dell insegnmento delle lingue seonde; in un prospettiv plurilingue del proesso d pprendimento, l lingu di solrizzzione ostituise insieme lle ltre lingue l se per l pprendimento dell lingu seond. Inoltre l lingu di solrizzzione è utilizzt spesso per svolgere lune ttività linguistihe, in prtiolre nel mpo opertivo 3 (vlutzione, feedk e onsigli). Un uso onspevole e flessiile dell lingu di solrizzzione f prte dell ompetenz professionle dell insegnnte tnto qunto l pien pdronnz dell lingu seond. (Hll & Cook 2012). Nel mpo opertivo 5 si trovno, in onformità on i nuovi pini di studi, le ompetenze negli miti delle strtegie di pprendimento e di omunizione e dell onspevolezz linguisti, tutte pertinenti per l pprendimento linguistio-ulturle delle/dei (future/i) insegnnti. 3

5 6. Osservzioni Per l insegnmento ilingue di un ltr mteri vengono desritti dei ompiti linguistii omunitivi speifii, evidenziti d tre sterishi (). Attulmente, l insegnmento ilingue di un ltr mteri viene grdulmente integrto nell formzione delle/degli insegnnti e viene prevlentemente insegnto d persone on ompetenze linguistihe superiori ll medi. Tuttvi, i sono numerose forme intermedie di insegnmento mirto i ontenuti (CLIL/EMILE); i desrittori he riferisono questo tipo di insegnmento non sono stti evidenziti in modo speifio. L notzione F è stt utilizzt per ompiti linguistii omunitivi, he seondo le indizioni di didtte/i e insegnnti sono più rilevnti per l formzione inizile e ontinu piuttosto he per l prti quotidin dell insegnmento. 7. Il proesso di sviluppo dei profili di ompetenze L formulzione delle ompetenze linguistihe speifihe per insegnnti di lingue seonde è stt ftt sull se di un nlisi dei isogni linguistii (Needs nlysis) seondo Long (2005). Quest proedur prevede he il fisogno delle ompetenze linguistihe omunitive veng dedotto trmite un ominzione (tringolzione) di diverse fonti di informzione e di vri metodi. Fonti dʼinformzione dellʼnlisi dei isogni seondo Long (2005) Consultzione dei doumenti di riferimento utili ll desrizione di ompiti professionli e di esigenze linguistio-omunitive professionli. Doumenti normtivi Fonti dʼinformzione presi in onsiderzione Portfolio Europeo per l formzione inizile degli insegnnti di lingue (PEFIL) (Newy et l. 2007), Europäishes Profil für die Aus- und Weiterildung von Sprhlehrkräften: ein Referenzrhmen (Kelly et l. 2005), Cdre de référene pour les pprohes plurielles des lngues et des ultures (Cndelier et l. 2007), Portfolio Interkultureller Kompetenz (Byrm et l. 2004), Developing nd Assessing Interulturl Communitive Competene. A guide for lnguge tehers nd teher edutors (Lzr et l. 2007), Qudro omune europeo di riferimento per le lingue (Consiglio d Europ, 2001), Profile Deutsh (Glonit et l. 2005), Niveu B2 pour le frnçis. Un Réferentiel (Beo et l., 2004) Portfolio Europeo delle Lingue, mterile didttio svizzero ttule proveniente d tutte le regioni linguistihe (tedeso, frnese e inglese ome lingu strnier) Pini di studio regionli, settore lingue: Pln d Etudes Romnd, Lehrpln Psseprtout, Lehrpln 21, Bozz del nuovo pino di studio tiinese Osservzioni dell prti Osservzione e videoregistrzione di lezioni in ul (Mettler et l. 2011; Froidevux 2011; Löliger 2013; Viente, in preprzione) Sondggio presso insegnnti (insiders) sui isogni omunitivi Consultzioni di esperte/i Interviste on il orpo insegnnte (Mettler et l. 2011, sondggio online, olloqui on insegnnti di tre regioni linguistihe Didtte/i di lingue seonde, esperte/i dell vlutzione delle ompetenze linguistihe e dei pini di studi, linguiste/i, e. L elorzione dei profili linguistii speifii per l professione è stt ftt sull se di un nlisi preis dell lettertur sientifi e dei doumenti normtivi professionlmente ttinenti (vedi l eleno nell tell) nel ontesto nzionle ed internzionle. Tli doumenti hnno fornito punti di riferimento per l definizione delle ttività linguistihe inerenti ll prti quotidin delle/degli insegnnti di lingue seonde. Le ttività linguistihe sono stte onfrontte on le osservzioni nell prti (videoregistrzioni di lezioni) e le/gli insegnnti hnno potuto esprimere i loro isogni linguistii trmite un sondggio sritto e orle. Infine, trmite un onsultzione estes, il profilo è stto sottoposto insegnnti, formtori delle lte suole pedgogihe e d esperte/i nzionli e internzionli. I risultti sono stti disussi on doenti durnte dei hering nelle tre regioni linguistihe. Sull se del feedk degli insegnnti (insiders) e delle/degli esperte/i il profilo è stto rielorto nell su versione finle. 4

6 9. Biliogrfi Beo, J. et l. (2004). Niveu B2 pour le frnçis. Un Réferentiel. Textes et référenes. Pris: Didier. Byrm et l. (2004). INCA Interulturl Competene Assessment - Portfolio Interkultureller Kompetenz. Cndelier, M. et l. (2007). A trvers les lngues et les ultures: Cdre de référene pour les pprohes plurielles des lngues et des ultures (CARAP/FREPA). Grz, CELV. Chmot, A., O Mlley J. M. (1994). The CALLA Hndook. Implementing the Cognitive Ademi Lnguge Lerning Approh. Addison Wesley Pulishing Compny. Consiglio d Europ (2001), Qudro omune europeo di riferimento per le lingue: pprendimento, insegnmento, vlutzione. Firenze: l Nuov Itli Consilio d Europ (2010). Autoiogrphy of Interulturl Enounters (AIE). Internet: linguisti/utoiogrwe_en.sp Consilio d Europ, PEL III, Portfolio Europeo delle Lingue (Versione svizzer). Bern: Shulverlg plus AG. Coste, D. (2007). Contextuliser les utilistions du Cdre européen ommun de référene pour les lngues. Strsourg: Conseil de l Europe. Internet: Cullen, R. (1998). Teher Tlk nd the Clssroom Context. In: ELT Journl, 52/3, Egli Cuent, M. (2010). Konzept Berufsspezifishe Sprhkurse C1* für Lehrpersonen der Primrstufe (Frnzösish und English). Psseprtout Egli Cuent, M., Klee, P. & Kuster, W. (2010). Berufsspezifishe Fremdsprhenkompetenzen in der Lehrpersonenildung. In: Byloni 1/10, Europäishes Sprhenportfolio IV für den Hohshulereih des Europäishen Sprhenrts (ELC/CEL). Bern: Shulverlg plus AG. Froidevux, A. (2011). L prodution érite dns le profil de lngues étrngères spéifique à l profession d enseignnt u degré seondire. MA Areit: PH St. Gllen. Glonit, M. et l. (2005). Profile Deutsh. Lngensheidt. Hll, G. & Cook, G. (2012). Own Lnguge Use in Lnguge Tehing nd Lerning. In: Lnguge tehing (45.3), Kelly, M. & Hughes, G., Mote, J. & Rtikinen, T. (2007). Prtil Clssroom English. Oxford: Oxford University Press. Kelly, M. & Grenfell, M. (2004). Europäishes Profil für die Aus- und Weiterildung von Sprhlehrkräften: ein Referenzrhmen. Lázár, I. et l. (2007). Developing nd Assessing Interulturl Communitive Competene. A guide for lnguge tehers nd teher edutors (ICCintE), Strsourg: Editions du Conseil de l Europe. Lehrpln 21 (in Konsulttion). Deutshshweizer Erziehungsdirektoren-Konferenz (D-EDK). Internet: Loeliger, M. (2013). Welhen hndlungsorientierten, eruflihen Wortshtz ruhen Primrlehrpersonen für den Unterriht in Deutsh ls Fremd- und Zweitsprhe? Shlusseriht Projektphse I. PH Friourg. Long, M. (2005). Needs Anlysis in Seond Lnguge Lerning. Cmridge: Cmridge University Press. Mettler, M., et l. (2011). Berufsspezifishe Sprhkompetenzen für Lehrpersonen, die Fremdsprhen unterrihten: Prxiseohtungen Teilprojekt II. PHZ Luzern. 5

7 Newy, D. et l. (2007). Portfolio Europeo per l formzione inizile degli insegnnti di lingue (PEFIL/ PEPELF/EPOSA/EPOSTL). Internet: DE/Defult.spx Psseprtout (2009). Ktlog von Kompetenzeshreiungen für die Grundusildung von Lehrpersonen, die n der oligtorishen Shule Fremdsprhen unterrihten. Internes Areitsdokument, Projekt Psseprtout. Psseprtout (2009/2010). Lehrpln Frnzösish und English. Internet: Pln d études romnd (2010). Conférene interntonle de l instrution pulique de l Suisse romnde et du Tessin. Internet: Slttery, M., & Willis, J. (2001). English for Primry Tehers (L nglis à l éole). Oxford: Oxford University Press. Viente, S. (2009). Zur Bedeutung der Beherrshung der Zielsprhe ei Fremdsprhenlehrpersonen. Ein Üerlik üer den Stnd der Forshung. In: Krumm, H.-J./Fndryh, Ch./Hufeisen, B./ Riemer, C. (Hrsg.). Hnduh Deutsh ls Fremd- und Zweitsprhe (Neuereitung). Wlter de Gruyter: Berlin. Wipperfürth, S. (2009). Welhe Kompetenzstndrds ruhen professionelle Fremdsprhenlehrer und -lehrerinnen? In: Forum Sprhe 2/2009,

8 Profilo di ompetenze linguistihe speifihe per insegnnti di lingue seonde dell suol medi Competenze omunitive Cmpo opertivo 1: Preprzione dellʼinsegnmento 1.1 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... omprendere doumenti sritti per poter vlutre l loro pertinenz per un uso nellʼinsegnmento. Comprendere un reve testo utentio (d es. puliità, istruzioni, resoonto di un film, nzone, dirio, rtiolo di giornle, testo di un ltr mteri, log, fumetti, e.) per vlutrne l idoneità per l insegnmento. Comprendere ontenuti ulturli in un liro di testo per vlutre l pertinenz per lo sviluppo di ompetenze interulturli. 1.2 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... omprendere indizioni didttihe e metodologihe per usrle nell preprzione delle lezioni. Comprendere mterili e ommenti reltivi l liro di testo per utilizzrli nell preprzione delle lezioni. 1.3 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... omprendere doumenti sritti per poter vlutre in he misur sono idonei per lʼinsegnmento ilingue di unʼlt mteri Comprendere un testo di un mnule solstio (d es. stori, geogrfi, iologi, miente, soietà, luoghi e tempi, e.). 1.4 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... omprendere doumenti udiovisivi per poter vlutre l loro pertinenz per un uso nellʼinsegnmento. Comprendere un progrmm rdiofonio (d es. intervist, notizirio, risultti sportivi, previsioni del tempo) per segliere un estrtto dtto ll insegnmento. Comprendere un trsmissione televisiv (d es. intervist, disussioni, reportge, notizirio, doumentri) per trovre un estrtto he poss essere integrto nell insegnmento. 1.5 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... omprendere doumenti udiovisivi l fine di poter vlutre in he misur sono dtti llʼinsegnmento ilingue di unʼltr mteri. Comprendere un reve estrtto di un trsmissione televisiv reltiv d ltre mterie (d es. doumentri o reportge su stori, geogrfi, iologi, miente, soietà, e.). 1.6 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... semplifire linguistimente un doumento per poterlo usre nellʼinsegnmento. Semplifire linguistimente un testo (d es. istruzioni, reportge, esperimenti) per poterlo utilizzre nell insegnmento. 1.7 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... ompletre linguistimente un testo per poterlo usre nellʼinsegnmento. Completre un rtiolo (d es. letter, reportge, reensioni) on nnotzioni e un glossrio in modo d poter essere letto utonommente dgli llievi. 7

9 1.8 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... rissumere un doumento per poterlo utilizzre nellʼinsegnmento. Rissumere le informzioni di un testo in un shed d f ompletre gli llievi. Rissumere un pitolo di un liro per dolesenti per usrlo in un telier di lettur. 1.9 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... presentre per isritto ontenuti in modo hiro e strutturto, spiegndoli nhe on degli esempi. Crere un shed on eserizi. Crere un doumento sritto per l presentzione di un tem (d es. PowerPoint, testo ll lvgn, luido per retro proiettore, poster) Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... formulre istruzioni sritte in modo he gli llievi possno lvorre utonommente. Dre onsegne semplii per trovre prole onosiute in un testo. Dre istruzioni semplii per orgnizzre le diverse tppe di un telier Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... formulre domnde sritte per l preprzione dellʼinsegnmento. Formulre domnde di omprensione reltive d un doumento utentio. Preprre domnde in merito l ontenuto di un rgomento Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... prendere ppunti onernenti onsiderzioni personli ed informzioni per l pinifizione dellʼinsegnmento. Annotre rgomenti ed espressioni importnti nell pinifizione di un lezione. Formulre oiettivi d pprendimento e i risultti previsti per un unità didtti Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... trsmettere un messggio ll lsse. Srivere un informzione ll lsse reltiv ll lezione (d es. mterile informtivo, pittform internet, emil) Lsire un messggio ll lsse sull lvgn in so d ssenz dell insegnnte Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... rere mterili per lʼinsegnmento ilingue. Completre un testo on ommenti e un glossrio in modo d essere letto utonommente dgli llievi. Crere un presentzione digitle per un ltr mteri solsti (d es. stori, geogrfi, iologi, miente, soietà, e.). 8

10 Cmpo opertivo 2: Conduzione dellʼinsegnmento 2.1 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... nnotre per isritto singole prole o frsi revi per l lsse nel orso dell lezione. Annotre soluzioni per l lsse. Sviluppre e ompletre uno shem ll lvgn. 2.2 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... moderre per isritto un lvoro online durnte lʼinsegnmento di un lingu seond. Rispondere lle emil he gli llievi srivono svolgendo un ompito. Moderre un disussione in un forum su un pittform didtti online. 2.3 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... inizire un sequenz dʼinsegnmento. Offrire un qudro generle dell prossim lezione, menzionre gli oiettivi. 2.4 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... terminre un sequenz dʼinsegnmento. Fre un ilnio (evidenzire gli oiettivi rggiunti). Pssre d un sequenz d insegnmento ll suessiv in mnier linguistimente pproprit. 2.5 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... trsmettere orlmente qulos ll lsse. Dre vvisi orlmente (d es. tempo, luogo, ompiti s, l propri ssenz). Comunire e giustifire un deisione. 2.6 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... desrivere delle ose gli llievi durnte l lezione. Desrivere un oggetto o un zione per introdurre un nuovo voolo (d es. spiegndo os ssomigli). Desrivere vrie prtihe ulturli (d es. feste e usnze). 2.7 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... presentre ontenuti in modo hiro e strutturto dvnti ll lsse. Confrontre delle lingue ed evidenzire similitudini e differenze. Presentre gli llievi liri e testi di lettur idonei l loro livello e i loro interessi. 2.8 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... spiegre un punto di vist o un rgomento. Spiegre nozioni gli llievi (d es. ome utilizzre onetti generii, dire he os serve un determinto oggetto, os ssomigli, dove o qundo lo si potree trovre). Spiegre gli llievi differenze omportmentli legte ll ultur (d es. nell omunizione non verle, gestulità, mimi). 9

11 2.9 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... esporre rgomenti dvnti ll lsse. Esporre le rgioni per imprre le lingue in un soietà multilingue. Esprimersi in fvore dell rrihimento ulturle ttrverso l sopert di lingue d origine ed evidenzire punti importnti in modo deguto Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... introdurre un nuovo rgomento. Introdurre un nuovo rgomento ll inizio di un nuov sequenz d insegnmento in modo hiro e sistemtio. Introdurre strutture linguistihe semplii utilizzndo un ontesto sensto (ev. on esempi) Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... dre preise onsegne di lvoro. Solleitre gli llievi lvorre on dei testi (d es. opire estrtti, leggere d lt voe, mrre on un roe, ripetere). Dre onsegne preise gli llievi e motivrli fre ttenzione, durnte un testo di solto, lle informzioni generli o speifihe e lle espressioni onosiute, e Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... dre istruzioni orli per lʼorgnizzzione dell lezione. Dre istruzioni gli llievi di utilizzre, preprre o di rimettere posto i mterili solstii (d es. liri, mtite). Dre onsegne preise per l utilizzo dei mterili d pprendimento (shede, giohi pedgogii, telle). Solleitre gli llievi formre gruppi o oppie (d es. in se l genere, pità, interesse) Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... guidre gli llievi l lvoro on diverse risorse per lʼpprendimento. Introdurre un lvoro on un dizionrio rteo o digitle. Presentre ll lsse un miente d pprendimento semplie su internet Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... esprimersi spontnemente rigurdo d un situzione in lsse. Regire in modo spontneo situzioni inspettte durnte l lezione (d es. quluno è mlto, rriv in ritrdo, uss ll port, e.). Regire in modo hiro e risoluto nei onfronti di un lliev o un llievo qundo disturno l lsse Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... rontre un stori ll lsse. Rontre un neddoto ll lsse on l uso di mimi e gesti Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... sintetizzre e presentre orlmente un testo ll lsse. Sintetizzre revemente l trm di un sequenz filmt prim di mostrrl. 10

12 2.17 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... reitre un testo utilizzndo in modo mirto lʼenfsi, il ritmo e lʼintonzione Leggere un stori d lt voe fendo ttenzione ll intonzione e ll gestulità. Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... esprimersi in modo sorrevole nel linguggio speifio dell mteri e dttrlo l livello degli llievi. Spiegre i ontenuti e il voolrio speifio dell mteri. Considerre le ompetenze linguistihe degli llievi durnte l uso del linguggio speifio di ltre mterie (d es. riformulre un rgomentzione). Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di, onformemente l livello dell lsse,... desrivere i ontenuti di un mteri e il loro nesso. Desrivere delle reltà e degli sviluppi storii, geogrfii e ulturli (d es. l situzione nteedente l prim guerr mondile) Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... slutre l lsse e ongedrsi d ess. Slutre l lsse e hiedere ome stnno gli llievi. Mndre l lsse in pus e oglierl qundo ritorn in ul Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... moderre un disussione o un sequenz dʼinsegnmento lsse inter. Dre l prol un lliev o un llievo. Prendere posizione in merito d un rgomento ed esprimere l propri opinione Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... ssiurre l omprensione nellʼinterzione on l lsse. Adttre l veloità e l omplessità d espressione i vri gruppi di livello durnte un presentzione. Verifire l omprensione in modo mirto durnte un presentzione e prfrsre un enunito he non è stto ompreso d luni llievi Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... regire lle domnde e i ontriuti degli llievi. Rispondere domnde sull pronuni e l intonzione nell lingu seond. Distrsi dllo svolgimento previsto dell lezione e rispondere domnde pertinenti sollevte spontnemente dgli llievi Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... porre delle domnde gli llievi. Chiedere ll lsse se tutti sino presenti o meno. Porre domnde sui ontenuti di un testo letto per sviluppre ulteriormente l pprendimento. 11

13 2.25 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... iutre gli llievi individulmente e in modo mirto on spiegzioni e onsigli. Aiutre gli llievi individulmente e in modo mirto nel lvoro on dispositivi digitli in ul (d es. omputer, emer, e.). Aiutre gli llievi nell pprendimento di ltre lingue sndosi su ompetenze già presenti (d es. lingue d origine) L insegnnte è in grdo di... fre d meditore tr le lingue nellʼinsegnmento delle lingue seonde pssndo onspevolmente tr l lingu di solrizzzione e l lingu seond e trsferendo singole sequenze linguistihe d un lingu llʼltr. Sintetizzre revemente un rgomento nell lingu di solrizzzione se neessrio per ssiurre l omprensione. Riprendere ilmente nell lingu seond gli interventi degli llievi riferiti nell lingu di solrizzzione Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... solleitre gli llievi omportrsi in modo pproprito per rere ondizioni fvorevoli llʼpprendimento. Solleitre gli llievi d usre l lingu seond durnte il lvoro di gruppo. Porre dei limiti in situzioni gitte e/o riordre le regole di lsse Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... esprimere emozioni in modo pproprito durnte l lezione Esprimere sentimenti ome gioi, sorpres, tristezz, interesse o isogni durnte l interzione on gli llievi. Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... rispondere domnde reltive d un rgomento. Mettere in tto strtegie plurilingui nel rispondere d un domnd reltiv d un ftto (d es. l formzione dell ten del Jur) per ssiurre l omprensione (per qunto rigurd un spetto linguistio o il ontenuto). Rispondere d un domnd reltiv d un rgomento di ltre mterie e utilizzre un linguggio speifio in modo pproprito. 12

14 Cmpo opertivo 3: Vlutzione, feedk e onsigli 3.1 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... omprendere, nlizzre e vlutre l produzione sritt degli llievi per poter dre un feedk differenzito. Anlizzre gli errori in un testo reve (d es. un reve resoonto, un stori reve) per desriverne le possiili use. Vlutre un testo sritto (d es. un resoonto di un liro, un ontenuto per un sito we) in se speifii riteri (d es. ontenuto, mpiezz lessile, urtezz). 3.2 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... omprendere, nlizzre e vlutre l produzione degli llievi per poter dre un feedk differenzito. Evidenzire si i punti forti si le possiilità di migliormento ll interno di un monologo reve (d es. un reve relzione on ommenti propri, un rissunto di un testo) e in se speifii riteri (d es. ontenuto, mpiezz lessile, urtezz, sorrevolezz, ppropritezz del registro). Vlutre i ontriuti orli di due llieve/i he svolgono un dilogo (d es. su uno smio o sull musi) in se riteri speifii. 3.3 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... formulre ompiti per vlutre in modo mirto le ompetenze di unʼlliev o di un llievo. Formulre domnde sritte per vlutre l omprensione di un testo d solto (d es. nzone, estrtto di un film). 3.4 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... dre istruzioni sritte per lʼutovlutzione e per l vlutzione d prte dei ompgni di lsse. Dre istruzioni sritte per l vlutzione di un presentzione o di un poster d prte dei ompgni. 3.5 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... dre un feedk sritto in merito ll produzione linguisti degli llievi. 3.6 Correggere un testo sritto proponendo formulzioni linguistihe lterntive e dndo onsigli semplii per ulteriori migliormenti. Srivere un feedk reve e semplie (d es. lode, e.) in merito d un testo sritto (d es. l desrizione di un esperienz, letter). Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... dre orlmente istruzioni per lʼutovlutzione e l vlutzione d prte dei ompgni di lsse. Solleitre gli llievi vlutre i propri progressi e risultti d pprendimento. Solleitre gli llievi d usre strumenti di vlutzione delle proprie ompetenze (ome il PEL o un grigli d osservzione). 3.7 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... ommentre le prestzioni linguistihe dell lsse. Dre un feedk semplie ll lsse sul omportmento durnte un ttività (d es. lodre, inorggire, ritire, isimre o vvertire) ll fine di un lezione. 13

15 3.8 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... ondurre un onverszione on lo sopo di vlutre le ompetenze dellʼlliev/o. Condurre un onverszione on singole/i llieve/i per vlutre le loro pità di prteipre d un onverszione in se speifii riteri (d es. ontenuto, mpiezz lessile, urtezz, sorrevolezz, strtegie di onverszione). 3.9 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... dre feedk sulle prestzioni linguistihe degli llievi. Dre feedk revi sui ontriuti degli llievi (d es. lodre, ritire, ongrtulre, premire, mostrre possiilità di migliormento, e.). Dopo presentzioni revi d prte degli llievi, dre un feedk ostruttivo, he li motiv ontinure d pprendere l lingu seond Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo, tenendo onto del pulio, di... dre informzioni per qunto rigurd le prestzioni linguistihe di singole/i llieve/i. Esporre in modo omprensiile l vlutzione delle prestzioni linguistihe e del progresso di un lliev o di un llievo genitori he prlno l lingu seond Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo, tenendo onto del pulio, di... iutre in modo mirto singole/i llieve/i on indizioni e spiegzioni per resere l loro ompetenz di utovlutzione. Sostenere gli llievi nel proesso di utovlutzione on il Portfolio Europeo delle Lingue Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo, tenendo onto del pulio, di... svolgere un olloquio per onsiglire le modlità migliori per ffinre le ompetenze degli llievi. Romndre gli llievi di fissre degli oiettivi personli dopo un vlutzione e disuterne insieme in seguito. Nel olloquio on singole/i llieve/i ffrontre speifihe diffioltà d pprendimento e trovre insieme delle misure possiili. 14

16 Cmpo opertivo 4: Conttti on ltre regioni linguistihe 4.1 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... leggere e omprendere un orrispondenz on persone di ltre regioni linguistihe. Comprendere un letter uffiile di un istituzione situt in un ltr regione linguisti per poter rissumere il ontenuto ll lsse. Comprendere le regole vigenti nell fmigli d oglienz nell mito di uno smio solstio, l fine di omunirli ll lsse. 4.2 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... omprendere informzioni sritte nell lingu seond per l preprzione di unʼttività solsti. Leggere e omprendere doumenti sritti su luoghi ed eventi di rilievo ulturle (d es. déplint, siti we, guid di un museo, pnelli di informzione, e.). 4.3 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... omprendere informzioni orli per l preprzione di unʼttività solsti. Comprendere un presentzione (d es. un udioguid, un visit guidt) per poter preprre un esursione. Comprendere nnuni durnte un soggiorno in un ltr regione linguisti (d es. segreteri telefoni, nnuni trsmessi vi ltoprlnti, e.). 4.4 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo, tenendo onto dei destintri, di... srivere lettere e mil formli e informli nellʼmito dellʼorgnizzzione di ttività solstihe. Stilire onttti on un istituzione nell ltr regione linguisti trmite letter per orgnizzre il progrmm di un settimn (di progetto) o uno smio virtule. Srivere un mil ll ltr/o insegnnte responsile per sollevre d es. un prolem in un fmigli d oglienz nell mito di uno smio solstio. 4.5 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo, tenendo onto dei destintri, di... srivere ppunti e revi messggi sritti nellʼmito di uno smio o di unʼesursione. Trsmettere un reve informzione ll insegnnte dell lsse prtner, (d es. onernente un omportmento sglito di un/ llievo/.) 4.6 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo, tenendo onto dei destintri, di... ompletre un formulrio nellʼmito di uno smio o di unʼesursione. Completre orrettmente il verle uffiile in seguito d un furto. 4.7 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo, tenendo onto dei destintri, di... prlre dvnti d un pulio nellʼmito di unʼttività solsti. Prim di un visit guidt o di un presentzione, introdurre il referente o l person invitt e nnunire il suo intervento. Ringrzire l person responsile nome dell lsse (d es. per l oglienz, l ospitlità, e.). 15

17 4.8 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo, tenendo onto dell interloutore, di... ondurre un disussione formle onernente unʼttività solsti on persone dellʼltr regione linguisti. Condurre un olloquio formle on rppresentnti di istituzioni durnte l orgnizzzione di un soggiorno dell lsse in un ltr regione linguisti. 4.9 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo, tenendo onto dell interloutore, di... ooperre in modo mirto on persone provenienti d ltre regioni linguistihe. Condurre un onverszione online on l insegnnte dell lsse prtner trmite un videoonferenz (d es. skype) per pinifire un o più ttività L insegnnte è in grdo, tenendo onto degli interloutori, di... gire ome meditore tr le lingue nellʼmito di unʼesursione o di uno smio. Durnte un visit guidt, rissumere informzioni pertinenti nell lingu seond o nell lingu di solrizzzione. Trdurre o hirire nell lingu seond domnde d prte degli llievi l referente durnte un visit guidt. 16

18 Cmpo opertivo 5: Apprendimento e ggiornmento 5.1 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... leggere e omprendere l lettertur speilisti sullʼinsegnmento e lʼpprendimento delle lingue. Leggere e omprendere un rtiolo su un spetto importnte dell insegnmento e dell pprendimento delle lingue seonde (d es. l quisizione delle lingue, plurilinguismo). 5.2 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... F leggere e omprendere doumenti di generi e ontenuti diversi per un ulteriore sviluppo delle ompetenze linguistihe e ulturli. Leggere e omprendere lettertur ttule (d es. romnzi, ronti revi, fumetti, lettertur di lrgo onsumo). Leggere testi nrrtivi (d es. romnzi, ronti revi, fumetti, lettertur di lrgo onsumo) per poterli nlizzre dl punto di vist di ontesti ulturli diversi. 5.3 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... leggere e omprendere liri speilistii onernenti unʼltr mteri solsti. Comprendere le nnotzioni per l insegnnte di un mnule pprtenente d un ltr mteri solsti. Leggere, omprendere e nlizzre un rtiolo reltivo ll mteri d insegnre (d es. stori, geogrfi, iologi, miente, soietà, spzi e tempi) per vvlersene sopo professionle. 5.4 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... omprendere presentzioni speilistihe sullʼinsegnmento e lʼpprendimento delle lingue. Comprendere un presentzione sull insegnmento e l pprendimento e prendere ppunti he possno essere omprensiili e utili d ltre persone. Comprendere un trsmissione rdiofoni sull insegnmento e l pprendimento delle lingue. 5.5 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... omprendere presentzioni speilistihe onernenti unʼltr mteri solsti. Comprendere delle presentzioni durnte un orso di formzione ontinu in didtti di un ltr mteri per vvlersene sopo professionle. Comprendere un progrmm rdiofonio onernente rgomenti di un ltr mteri (d es. stori, geogrfi, iologi, miente, soietà, spzi e tempi). 5.6 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... omprendere presentzioni su temi letterri o ulturli utili d uno sviluppo ulteriore delle ompetenze linguistihe ed (inter-)ulturli. Comprendere delle presentzioni durnte un orso onernenti temi letterri o (inter-)ulturli. 5.7 Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... prendere ppunti per sostenere il proprio pprendimento. Annotre i punti prinipli di un presentzione utili l proprio pprendimento. Annotre i ontriuti importnti su un fliphrt durnte un workshop o un telier. 17

19 5.8 F F F 5.9 F F F 5.10 F F Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... redigere un rpporto sulle proprie ttività dʼpprendimento. Riflettere sul proprio pprendimento delle lingue in un iogrfi linguisti e presentrl per isritto tenendo onto del pulio. Stilre un relzione sulle proprie esperienze di prti professionle o di un soggiorno linguistio. Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... presentre spetti dellʼinsegnmento e dellʼpprendimento delle lingue per isritto. Redigere un ommento su un spetto dell insegnmento e dell pprendimento delle lingue ed esporre vri punti di vist illustrti on degli esempi. Redigere un esposizione professionle sull insegnmento e l pprendimento delle lingue per un pittform digitle. Nell lingu seond, l insegnnte è in grdo di... presentre rgomenti di unʼltr mteri per isritto. Redigere un ontriuto su un pittform online nell mito di un formzione in didtti di un ltr mteri solsti L insegnnte è in grdo, tenendo onto del pulio, di... prlre di esperienze reltive llʼinsegnmento e pprendimento delle lingue F F Prlre di esperienze in merito l proprio metodo di insegnmento durnte un workshop o un telier. Prlre delle proprie esperienze d insegnmento e d pprendimento delle lingue. L insegnnte è in grdo, tenendo onto del pulio, di... rissumere testi sullʼinsegnmento delle lingue. Rissumere orlmente un rtiolo sull insegnmento delle lingue F L insegnnte è in grdo, tenendo onto del pulio, di... esporre orlmente spetti dellʼinsegnmento e dellʼpprendimento delle lingue. F Esporre i prteipnti di un workshop il enefiio personle trtto dll pprendimento delle lingue F F L insegnnte è in grdo, tenendo onto del pulio, di... presentre orlmente spetti di unʼltr mteri solsti. Svolgere un reve presentzione durnte un modulo sull insegnmento ilingue di un ltr mteri solsti L insegnnte è in grdo, tenendo onto degli interloutori, di... ondurre un disussione sullʼinsegnmento e lʼpprendimento delle lingue. Prteipre in modo ttivo e ostruttivo d un disussione durnte un orso (d es. orso di lingue, orso di didtti, orso di formzione ontinu). Disutere pregiudizi ulturli o le proprie strtegie d pprendimento delle lingue, in prospettiv di un soggiorno linguistio L insegnnte è in grdo, tenendo onto degli interloutori, di... smire informzioni in modo informle durnte un formzione inizile o ontinu. Commentre un giornt di formzione e disutere le proprie esperienze. 18

20 5.17 L insegnnte è in grdo di... utilizzre molteplii strtegie di produzione e riezione nell lingu seond. Durnte l redzione di testi o un esposizione orle, utilizzre strtegie di produzione nell lingu seond (d es. prourrsi informzioni, pinifire l struttur di un testo, monitorre i proessi di srittur e del prlto). Utilizzre strtegie di interzione (ome d es. rissumere preedenti ontriuti onverszionli, rihiedere un formulzione lterntiv per filitre l omprensione) L insegnnte... non h pur di ommettere errori qundo prl l lingu seond. In un situzione di stress, è in grdo di ontrollre l pur di ommettere errori nell lingu seond e di prendere rishi. È in grdo di riflettere sui propri errori e di servirsene ome fonte di pprendimento L insegnnte è in grdo di... rere legmi tr le lingue e utilizzre le proprie onosenze e ompetenze in ltre lingue per l omprensione e l produzione nell lingu seond. Deodifire un testo in un lingu sonosiut sndosi sulle proprie ompetenze in ltre lingue. Perepire differenze nell entuzione delle prole in lingue diverse L insegnnte... he l lingu d insegnre f prte del proprio repertorio plurilingue. È onspevole del proprio repertorio linguistio omplessivo ed è in grdo di siture l lingu seond in questo repertorio L insegnnte è in grdo di... omprendere il proprio pprendimento delle lingue ome un proesso he dur tutt l vit e di mettere in tto strtegie per mntenere utonommente le sue ompetenze linguistihe e ulturli e per svilupprle ulteriormente. Amplire ontinumente il proprio lessio on strtegie d pprendimento dei vooli per doperrlo durnte l insegnmento dell lingu seond (d es. per l insegnmento ilingue di un ltr mteri, l insegnmento delle lingue e per l omunizione quotidin). Nell prospettiv di uno smio di insegnnti, utovlutre le proprie ompetenze linguistihe generli e di fissre oiettivi on l uso del Portfolio Europeo delle Lingue. 19

Profilo di competenze linguistiche specifiche per le lingue seconde per insegnanti della scuola elementare

Profilo di competenze linguistiche specifiche per le lingue seconde per insegnanti della scuola elementare Profilo di competenze linguistiche specifiche per le lingue seconde per insegnnti dell scuol elementre Responsili di progetto In collorzione con PH St. Gllen, Institut Fchdidktik Sprchen Wilfrid Kuster

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ITALIANO

CURRICOLO VERTICALE DI ITALIANO COMPETENZE DI CITTADINANZA Comunire Aquisire ed interpretre l informzione Agire in modo utonomo e responsile Collorre e prteipre Comunire Imprre d imprre Comunire Imprre d imprre Individure ollegmenti

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA

CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA COMPETENZE DI CITTADINANZA Agire in modo utonomo e responsile CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA COMPETENZE DI CITTADINANZA E TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE DISCIPLINARI TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLA

Dettagli

Analisi dei dati ottenuti dalla raccolta dei Questionari consegnati al Tessuto Imprenditoriale e Commerciale della Città di Magenta

Analisi dei dati ottenuti dalla raccolta dei Questionari consegnati al Tessuto Imprenditoriale e Commerciale della Città di Magenta QUESTIONRIO PINO GENERLE DEL TRFFIO URNO ITTÀ DI MGENT nlisi dei dti ottenuti dll rolt dei Questionri onsegnti l Tessuto Imprenditorile e ommerile dell ittà di Mgent Relizzt d onfommerio Mgent e stno Primo

Dettagli

La parabola. Fuoco. Direttrice y

La parabola. Fuoco. Direttrice y L prol Definizione: si definise prol il luogo geometrio dei punti del pino equidistnti d un punto fisso detto fuoo e d un rett fiss dett direttrie. Un rppresentzione grfi inditiv dell prol nel pino rtesino

Dettagli

PRESENTAZIONE AL QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE DELLA MEMORIA (Everyday Memory Questionnaire - EMQ)

PRESENTAZIONE AL QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE DELLA MEMORIA (Everyday Memory Questionnaire - EMQ) PRESENTAZIONE AL QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE DELLA MEMORIA (Everydy Memory Questionnire - EMQ) Drio Slmso e Giuseppin Viol CNR-Psicologi, Vile Mrx 15-00137 ROMA) L'EMQ (Sunderlnd et l., 1983) si propone

Dettagli

Convenzione del Consiglio d Europa sulla contraffazione dei prodotti sanitari e reati affini che rappresentano una minaccia per la salute pubblica

Convenzione del Consiglio d Europa sulla contraffazione dei prodotti sanitari e reati affini che rappresentano una minaccia per la salute pubblica Convenzione del Consiglio d Europ sull ontrffzione dei prodotti snitri e reti ffini he rppresentno un mini per l slute puli Mos, 28/X/2011 1 Premess Gli Stti memri del Consiglio d Europ e gli ltri firmtri

Dettagli

Modulo 3. del mercato dei capitali. e la Borsa valori. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario

Modulo 3. del mercato dei capitali. e la Borsa valori. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario Modulo Il merto dei pitli e l Bors vlori I destintri del modulo sono gli studenti del qurto nno; essi, dopo ver ppreso quli differenti forme giuridihe un impres può ssumere e, on riferimento lle soietà

Dettagli

L attività bancaria. Unità didattiche che compongono il modulo. L intermediazione creditizia e il mercato dei capitali

L attività bancaria. Unità didattiche che compongono il modulo. L intermediazione creditizia e il mercato dei capitali Modulo L ttività nri I destintri del Modulo sono gli studenti del quinto nno he si pprestno llo studio delle rtteristihe fondmentli dell ttività delle ziende di redito. Al fine di inqudrre il ontesto dell

Dettagli

Lezione 7: Rette e piani nello spazio

Lezione 7: Rette e piani nello spazio Lezione 7: Rette e pini nello spzio In quest lezione i metteremo in un riferimento rtesino ortonormle dello spzio. I primi oggetti geometrii he individuimo sono le rette e i pini. Per qunto rigurd le rette

Dettagli

La statistica nei test Invalsi

La statistica nei test Invalsi L sttisti nei test Invlsi 1) Osserv il grfio seguente he rppresent l distriuzione perentule di fmiglie per numero di omponenti, in se l ensimento 2001.. Qul è l perentule di fmiglie on 2 omponenti? Rispost:..%.

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO II QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI SECONDE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO II QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI SECONDE UNITÀ DI APPRENDIMENTO II QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI SECONDE UNITA DI APPRENDIMENTO Denominzione Compito-prodotto Competenze mirte Comuni/cittdinnz IL TEMPO PASSA IL MONDO GIRA REALIZZAZIONE DI

Dettagli

Modulo 9. Gli scambi con l estero. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario. Obiettivi specifici di sapere

Modulo 9. Gli scambi con l estero. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario. Obiettivi specifici di sapere 8 Modulo 9 Gli smi on l estero I destintri del modulo sono gli studenti del qurto nno he, dopo ver pprofondito le proprie onosenze rigurdo lle rtteristihe e lle funzioni delle ziende merntili, e in prtiolre

Dettagli

T16 Protocolli di trasmissione

T16 Protocolli di trasmissione T16 Protoolli di trsmissione T16.1 Cos indi il throughput di un ollegmento TD?.. T16.2 Quli tr le seguenti rtteristihe dei protoolli di tipo COP inidono direttmente sul vlore del throughput? Impossiilità

Dettagli

- Titolario anno 2015 -

- Titolario anno 2015 - 12/10/2015 Pgin 1 di 19 - Titolrio nno 2015 - Titolo: A Clssi reltive l Titolo A: Desrizione Titolo: AFFARI GENERALI Cod. Clsse: 1 Desrizione Clsse: Fsioli del personle di ruolo e non di ruolo dell mministrzione

Dettagli

d.bisogno c. mi ss io ne iso gni Valorizzare la Villa reale 1 Rendere nuovamente la Villa Reale polo di attrazione e di promozione della città

d.bisogno c. mi ss io ne iso gni Valorizzare la Villa reale 1 Rendere nuovamente la Villa Reale polo di attrazione e di promozione della città nome politio deleghe od. ontesto polit i. d.sse finlità C. sse iso gni d.isogno. mi ss io ne d.missioni.p ro gr m m d.progrmm inditori Dirigente ssegntri o Progrmm.Pr d.progetto oget to resp. Progetto

Dettagli

Imparare: cosa, come, perché.

Imparare: cosa, come, perché. GIOCO n. 1 Imprre: cos, come, perché. L pprendimento scolstico non è solo questione di metodo di studio, m di numerose situzioni di tipo personle e di gruppo, oppure legte l contesto in cui pprendimo.

Dettagli

Lezione. Investimenti Diretti Esteri (FDI) e Imprese Multinazionali

Lezione. Investimenti Diretti Esteri (FDI) e Imprese Multinazionali Lezione Investimenti Diretti Esteri FDI e Imprese Multinzionli 1 Definizioni Dimensione del fenomeno 3 Tipi di IDE 4 Il prdigm OLI 5 Il modello ``knowledge sed speifi ssets 6 Un modello di selt tr esportzione

Dettagli

LEGENDA DEI FASCICOLI DELL'ARCHIVIO titolario A

LEGENDA DEI FASCICOLI DELL'ARCHIVIO titolario A od.menogrfio VATD08000G odie fisle 94000170129 Vi Ahille Grndi, 4-21047 SARONNO (V) - Tel. 02/960.31.66 - Fx 02/967.01.431 e-mil: itzpp@itzpp.it sito internet: www.itzpp.it Sistem Qulità UNI EN ISO 9001

Dettagli

SELLACTION WEB SERVICES PRINT E AFTER PRINT GOLF & EVENTS

SELLACTION WEB SERVICES PRINT E AFTER PRINT GOLF & EVENTS S WEB SERVCES PRN E AFER PRN WEB SERVCES PRN E AFER PRN E l soluzione he integr i servizi per le ziende in un uni reltà. utti i professionisti di riferimento, un unio interloutore e un unio fornitore WEB

Dettagli

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO IN LOCAZIONE A CANONE MODERATO

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO IN LOCAZIONE A CANONE MODERATO DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO IN LOCAZIONE A CANONE MODERATO Il sottosritto rihiedente l ssegnzione dell lloggio: Cognome e nome Codie Fisle Stto di nsit Comune di nsit Dt di nsit Provini di residenz

Dettagli

Lezione 21 Investimenti Diretti Esteri (FDI) e Imprese Multinazionali 1) Definizioni. 5) Il modello ``knowledge based specific assets

Lezione 21 Investimenti Diretti Esteri (FDI) e Imprese Multinazionali 1) Definizioni. 5) Il modello ``knowledge based specific assets Lezione 1 Investimenti Diretti Esteri FDI e Imprese Multinzionli 1 Definizioni Dimensione del fenomeno 3 Tipi di IDE 4 Il prdigm OLI 5 Il modello ``knowledge sed speifi ssets 6 Un modello di selt tr esportzione

Dettagli

Ricostruzione della cresta in zona 1.1. e 2.1 con lembo palatino a scorrimento coronale e posizionamento di due impianti Prima di Keystone Dental

Ricostruzione della cresta in zona 1.1. e 2.1 con lembo palatino a scorrimento coronale e posizionamento di due impianti Prima di Keystone Dental CASO CLINICO Riostruzione dell rest in zon 1.1. e 2.1 on lemo pltino sorrimento oronle e posizionmento di due impinti Prim di Keystone Dentl Andre Grssi, Odontoitr e liero professionist in Reggio Emili

Dettagli

Sondaggio piace l eolico?

Sondaggio piace l eolico? Songgio pie l eolio? Durnte l inugurzione i Stell sono stti istriuiti ei questionri per vlutre l inie i grimento ell eolio prte ell popolzione Sono stti ompilti e quini nlizzti 50 questionri Quest presentzione

Dettagli

Catalogo dettagliato delle prestazioni 2015 (cfr. art. 14 del regolamento del fondo)

Catalogo dettagliato delle prestazioni 2015 (cfr. art. 14 del regolamento del fondo) Ctlogo ettglito elle prestzioni 2015 (cfr. rt. 14 el regolmento el fono) Prestzioni e gli OML reg. e cnt. (Slute e) Socile : Sviluppo e mntenimento i un sistem completo i formzione professionle i bse e

Dettagli

Protocollo di intesa tra :

Protocollo di intesa tra : Protocollo di intes tr : o Comune di Correggio Servizio Socile Integrto AUSL di Reggio Emili Distretfo di Correggio Movimento per l Vit (ssocizione di Volontrito) Crits Croce Ross per lo sviluppo di un

Dettagli

CLASSE PRIMA. OBIETTIVI di apprendimento CONTENUTI al termine della classe 5 a

CLASSE PRIMA. OBIETTIVI di apprendimento CONTENUTI al termine della classe 5 a RTE E IMMGINE urricolo Verticale Scuola Primaria - Istituto omprensivo Statale Nicola Ronchi - ellamare (ari) LSSE PRIM TRGURDI per lo sviluppo delle competenze OIETTIVI di apprendimento ONTENUTI L LUNNO

Dettagli

Esercitazione n. 2. Gian Carlo Bondi VERO/FALSO

Esercitazione n. 2. Gian Carlo Bondi VERO/FALSO Eseritzioni svolte 2010 Suol Duemil 1 Eseritzione n. 2 Aspetti eonomii e lusole el ontrtto i omprvenit Risultti ttesi Spere: gli spetti tenii, giuriii e eonomii el ontrtto i omprvenit. Sper fre: eterminre

Dettagli

Questo materiale è stato prodotto dal progetto Programma di informazione e comunicazione a sostegno degli obiettivi di Guadagnare Salute del

Questo materiale è stato prodotto dal progetto Programma di informazione e comunicazione a sostegno degli obiettivi di Guadagnare Salute del Questo mterile è stto prodotto dl progetto Progrmm di informzione e omunizione sostegno degli oiettivi di Gudgnre Slute del Ministero dell Slute /CCM, in ollorzione ol Ministero dell Istruzione, dell Università

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO STRADI MARANELLO Via Boito, n 27 41053 Maranello Tel. 0536/941110 - fax 0536/945162. Anno Scolastico 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO STRADI MARANELLO Via Boito, n 27 41053 Maranello Tel. 0536/941110 - fax 0536/945162. Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO STRADI MARANELLO Vi Boito, n 27 41053 Mrnello Tel. 0536/941110 - fx 0536/945162 Anno Scolstico 2014/2015 Scuole dell Infnzi Sorelle Agzzi e C.Cssini L Scuol dell Infnzi, sttle

Dettagli

UDA N 2 Scienze e Tecnologie Applicate: Indirizzo INFORMATICA

UDA N 2 Scienze e Tecnologie Applicate: Indirizzo INFORMATICA Sch ed di pro gettzion e d elle Un ità d i App rend imento nu mero 1 UDA N 1 Scienze e Tecnologie Applicte: Indirizzo INFORMATICA UdA N 1 Disciplin Riferimento Titolo The incredibile mchine! informtic

Dettagli

UKUPAN BROJ OSVOJENIH BODOVA

UKUPAN BROJ OSVOJENIH BODOVA ŠIFRA DRŽAVNO TAKMIČENJE IX rzred UKUPAN BROJ OSVOJENIH BODOVA Test pregledl/pregledo...... Podgori,... 2010. godine ASCOLTO I Asolt un volt il testo. Leggi ttentmente l prov propost. Asolt di nuovo il

Dettagli

Verifica del modulo: Il marketing dei prodotti turistici

Verifica del modulo: Il marketing dei prodotti turistici di Alessndro Siviero doente di Eonomi, mrketing e omunizione Strumenti APRILE/MAGGIO 00 Verifi del modulo: Il mrketing dei prodotti turistii Metodi di verifi e l pproio dello studente Nell rtiolo Il mrketing

Dettagli

PIANO di LAVORO A. S. 2013/ 2014

PIANO di LAVORO A. S. 2013/ 2014 Nome docente Borgn Giorgio Mteri insegnt Mtemtic Clsse Previsione numero ore di insegnmento IV G IPSIA ore complessive di insegnmento 33 settimne X 3 ore = 99 ore Nome Ins. Tecn. Prtico Testo in dozione

Dettagli

DESCRIZIONE PROGETTO. Free Software e Didattica

DESCRIZIONE PROGETTO. Free Software e Didattica Vi Lmrmor, 35 00010 Villnov di, Rom, 1. Tipologi progetto : Didttic curriculre Didttic extr-curriculre Accoglienz, orientmento, stge Formzione del personle Altro.. 2. Denominzione progetto Indicre Codice

Dettagli

Convenzione sull'unificazione di taluni elementi del diritto dei brevetti d'invenzione

Convenzione sull'unificazione di taluni elementi del diritto dei brevetti d'invenzione Serie dei Trttti Europei - n 47 Convenzione sull'unificzione di tluni elementi del diritto dei revetti d'invenzione Strsurgo, 27 novemre 1963 Trduzione ufficile dell Cncelleri federle dell Svizzer Gli

Dettagli

Rapporto Interpretativo

Rapporto Interpretativo Rpporto Interprettivo Ell Explorer 2 diemre 2 CONFIDENZIALE Rpporto Interprettivo Ell Explorer Introduzione 2 diemre 2 Introduzione Uso del rpporto Not Bene: il prendere deisioni usndo le informzioni del

Dettagli

PROGRAMMA SOCIO EDUCATIVO DI ANIMAZIONE 2014/2015

PROGRAMMA SOCIO EDUCATIVO DI ANIMAZIONE 2014/2015 PROGRMM SOCIO EDUCTIVO DI NIMZIONE 2014/2015 PRESENTZIONE DELLE TTIVIT' EDUCTIVE INTEGRTE ORDINRIE MENSILI - SETTIMNLI ED EXTR ORDINRIE DI NIMZIONE. Relazione e comunicazione : interventi educativi individuali

Dettagli

Modello di Test 1 I TA L I A NO. www.telc.net

Modello di Test 1 I TA L I A NO. www.telc.net Modello di Test 1 I TA L I A NO B2 www.tel.net Indi e Informzioni per i ndidti 3 Struttur dell esme 4 Esme sritto 5 Esme orle 30 Punteggio 37 Informzioni per i doenti 39 Vlutzione e punteggio 41 Criteri

Dettagli

REGIONE CALABRIA Assessorato Cultura e Beni Culturali

REGIONE CALABRIA Assessorato Cultura e Beni Culturali ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. Troccoli SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO Ministero dell Istruzione dell Università e dell Ricerc Vi Felicizz n. 22-870 Frz. Luropoli di CASSANO ALL

Dettagli

TERAPIA 1. Capitolo 9

TERAPIA 1. Capitolo 9 Cpitolo 9 TERAPIA 1 9.1 DISPOSITIVI OCCLUSALI 158 Bite 160 Plhe di svinolo 164 Plhe di riposizionmento 167 Dispositivi di distrzione rtiolre 169 9.2 TERAPIE MANUALI 170 Distrzione rtiolre 170 Mnovre terpeutihe

Dettagli

P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Per allievi con Bisogni Educativi Speciali

P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Per allievi con Bisogni Educativi Speciali ISTITUTO COMPRENSIVO STILO-BIVONGI Anno scolstico 2015 2016 Scuol sede P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Per llievi con Bisogni Eductivi Specili Percorso A : ordinrio obiettivi comuni ll clsse con

Dettagli

Piano di formazione per l ordinanza sulla formazione professionale di base Specialista in fotografia

Piano di formazione per l ordinanza sulla formazione professionale di base Specialista in fotografia BiPl Titolo definitivo i Pino di formzione per l ordinnz sull formzione professionle di bse Specist in fotogrfi dell 8 dicembre 2004 Prte A - ompetenze Prte B - Grig delle lezioni Prte - Procedur di quficzione

Dettagli

Il Primo Principio della Termodinamica non fornisce alcuna indicazione riguardo ad alcuni aspetti pratici.

Il Primo Principio della Termodinamica non fornisce alcuna indicazione riguardo ad alcuni aspetti pratici. Il Primo Principio dell Termodinmic non fornisce lcun indiczione rigurdo d lcuni spetti prtici. l evoluzione spontne delle trsformzioni; non individu cioè il verso in cui esse possono vvenire. Pistr cld

Dettagli

COMBINAZIONI DI CARICO SOLAI

COMBINAZIONI DI CARICO SOLAI COMBINAZIONI DI CARICO SOLAI (ppunti di Mrio Zfonte in fse di elorzione) Ai fini delle verifihe degli stti limite, seondo unto indito dll normtiv, in generle le ondizioni di rio d onsiderre, sono uelle

Dettagli

Certificato d Italiano. Modello di Test 1. Weiterbildungs-Testsysteme GmbH

Certificato d Italiano. Modello di Test 1. Weiterbildungs-Testsysteme GmbH Certifito d Itlino Weiterildungs-Testsysteme GmH 2 L struttur dei test dei Certifiti Europei di Lingue è il risultto di un progetto di rier relizzto dll Istituto Tedeso per l Formzione degli Adulti (Deutshes

Dettagli

www.scuolaazienda.it MARIO FLORES L OPERATORE TURISTICO SOLUZIONI Vero o falso? Verifica le tue conoscenze Esercizi

www.scuolaazienda.it MARIO FLORES L OPERATORE TURISTICO SOLUZIONI Vero o falso? Verifica le tue conoscenze Esercizi www.scuolaazienda.it MRIO FLORES L OPERTORE 4 TURISTIO SOLUZIONI Vero o falso? Verifica le tue conoscenze Esercizi VERO O FLSO? MOULO 1 1 V, 2 V, 3 F, 4 F 1 V, 2 V, 3 V, 4 F 1 V, 2 F, 3 F, 4 V 1 F, 2 F,

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE "VOLTERRA - ELIA" 60100 TORRETTE DI ANCONA (AN)

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE VOLTERRA - ELIA 60100 TORRETTE DI ANCONA (AN) Eserizio finnzirio 2010 Mod. H (rt. 18,. 2) ENTRATE Voe Progrmmzione definitiv ertte risosse rimste d risuotere e = - 01 Avnzo di mministrzione utilizzto 01 Avnzo Non vinolto 02 Avnzo Vinolto 02 Finnzimento

Dettagli

Componenti per l elaborazione binaria dell informazione. Sommario. Sommario. Approfondimento del corso di reti logiche. M. Favalli.

Componenti per l elaborazione binaria dell informazione. Sommario. Sommario. Approfondimento del corso di reti logiche. M. Favalli. Sommrio Componenti per l elorzione inri ell informzione Approfonimento el orso i reti logihe M. Fvlli Engineering Deprtment in Ferrr Porte logihe 2 Il livello swith 3 Aspetti tenologii 4 Reti logihe omintorie

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 5 DICEMBRE 2014, n.5

REGOLAMENTO REGIONALE 5 DICEMBRE 2014, n.5 5 DICEMBRE 0, n.5 Regolmento di ttuzione di ui l rtiolo 7 dell legge regionle 7 settemre 0, n.6 (Norme in mteri dute dll lto) delle ttività nell mito dell edilizi. Assessorto ll Siurezz nei Cntieri Politihe

Dettagli

- Titolario anno 2015 -

- Titolario anno 2015 - 05/11/2015 Pgin 1 i 11 - Titolrio nno 2015 - Titolo: A Desrizione Titolo: AFFARI GENERALI Clssi reltive l Titolo A: Co. Clsse: 1 Desrizione Clsse: Rpporti on l Provini Utilizzzione Plestr e loli solstii

Dettagli

Test di autovalutazione

Test di autovalutazione UNITÀ ELEMENTI DI CALCOLO ALGEBRICO Test di utovlutzione 0 0 0 0 0 0 60 0 80 90 00 n Il mio punteggio, in entesimi, è n Rispondi ogni quesito segnndo un sol delle lterntive. n Confront le tue risposte

Dettagli

APPROCCI EMPIRICI E RAZIONALI ALLA SINTESI DI NUOVE STRUTTURE ZEOLITICHE

APPROCCI EMPIRICI E RAZIONALI ALLA SINTESI DI NUOVE STRUTTURE ZEOLITICHE APPROCCI EMPIRICI E RAZIONALI ALLA SINTESI DI NUOVE STRUTTURE ZEOLITICHE Roberto Millini Diprtimento di Chimi-Fisi, EniTenologie S.p.A. Vi F. Mritno 26, I-20097 Sn Donto Milnese (MI) e-mil: rmillini@enitenologie.eni.it

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA CONCESSIONE DELLA PROTEZIONE GIURIDICA

REGOLAMENTO SULLA CONCESSIONE DELLA PROTEZIONE GIURIDICA REGOLAMENTO SULLA CONCESSIONE DELLA PROTEZIONE GIURIDICA Il Comitto centrle decret il regolmento seguente conformemente ll rt. 57 e ll rt. 9, cpv. 4 lett. i degli sttuti dell ASI del 5 novemre 00 Tutte

Dettagli

PROVE DI CARICO SU SOLAIO

PROVE DI CARICO SU SOLAIO .5. PROVE DI CARICO SU SOAIO Pg. di PROVE DI CARICO SU SOAIO. Sopo prov intende testre le strutture orizzontli, in termini di resistenz e di rispost elsti, sottoponendole lle mssime solleitzioni possiili

Dettagli

Veneziane e tende tecniche

Veneziane e tende tecniche DECORAZIONE 04 Montre Venezine e tende tenihe 1 Gli ttrezzi LIVELLA A BOLLA RIGHELLO METRO TRAPANO VITI E TASSELLI MATITA CACCIAVITE SEGA PER METALLO TAGLIALAMELLE PER VENEZIANE FORBICI PER TENDE A RULLO

Dettagli

ESERCIZI IN PIÙ ESERCIZI DI FINE CAPITOLO

ESERCIZI IN PIÙ ESERCIZI DI FINE CAPITOLO L RLZIONI L FUNZIONI serizi in più SRIZI IN PIÙ SRIZI I FIN PITOLO TST Nell insieme ell figur, l relzione rppresentt goe ell o elle proprietà: TST L relzione «essere isenente i», efinit nell insieme egli

Dettagli

l apparecchio dalla confezione e controllare i componenti Cavo di alimentazione CA Foglio di supporto/ Foglio di supporto schede in plastica DVD-ROM

l apparecchio dalla confezione e controllare i componenti Cavo di alimentazione CA Foglio di supporto/ Foglio di supporto schede in plastica DVD-ROM Guid di instllzione rpid Inizio ADS-2100 Leggere l Guid di siurezz prodotto prim di onfigurre l pprehio. Quindi, leggere l presente Guid di instllzione rpid per onfigurre e instllre orrettmente il dispositivo.

Dettagli

Piano di formazione dell ordinanza sulla formazione professionale di base Operatore pubblicitario

Piano di formazione dell ordinanza sulla formazione professionale di base Operatore pubblicitario 79614 Pino di formzione dell ordinnz sull formzione professionle di bse Opertore pubblicitrio Prte A Competenze opertive Prte B Progrmm delle lezioni Prte C Procedure di quficzione Prte D Orgnizzzione,

Dettagli

3. Il calcolo a scuola (2): l uso della calcolatrice 1

3. Il calcolo a scuola (2): l uso della calcolatrice 1 Didttic 3. Il clcolo scuol (2): l uso dell clcoltrice 1 Ginfrnco Arrigo 57 1. Clcoli con un sol operzione L prim cos d insegnre d un giovne llievo che voglimo educre ll uso corretto dei moderni mezzi di

Dettagli

Calcolo del costo unitario FASE 1

Calcolo del costo unitario FASE 1 ESERCIZIO Definizione el pino ei entri i osto e eterminzione el osto unitrio i prootto Clolo el osto unitrio FASE 1 Azien i prouzione: proue i eni,,, Il proesso prouttivo prevee 3 fsi o proessi prinipli:

Dettagli

ASSENZE PER ASSISTENZA PORTATORI DI HANDICAP

ASSENZE PER ASSISTENZA PORTATORI DI HANDICAP NORMATIVA ASSENZE PER ASSISTENZA PORTATORI DI HANDICAP A cur di Libero Tssell d Scuol&Scuol del 21/10/2003 Riferimenti normtivi: rt. 21 e 33 5.2.1992 n. 104 e successive modifiche ed integrzioni, Dlgs.

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI FISICA PRIMO BIENNIO CLASSI SECONDE

PROGRAMMAZIONE DI FISICA PRIMO BIENNIO CLASSI SECONDE PROGRAMMAZIONE DI FISICA PRIMO BIENNIO CLASSI SECONDE Nel pino di lvoro sono indicte con i numeri d 1 5 le competenze di bse che ciscun unit' didttic concorre sviluppre, secondo l legend riportt di seguito.

Dettagli

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data...

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data... I numeri rzionli Cpitolo Numeri rzionli Verifi per l lsse prim COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionale 18 febbraio 2010, n. 8)

COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionale 18 febbraio 2010, n. 8) COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionle 18 febbrio 2010, n. 8) N Prot. VARIAZIONE...del (d compilrsi cur dell ufficio competente) Al Comune di.. Il/L sottoscritto/: Cognome Nome Dt

Dettagli

LANGUAGYM è la prima palestra linguistica del distretto ceramico.

LANGUAGYM è la prima palestra linguistica del distretto ceramico. LANGUAGYM è l prim plestr linguistic del stretto cermico. Corsi moderni e ttività fuori ul per fvorire l uso delle lingue nell vit quotin e nel lvoro. CHI SIAMO CERFORM è l Associzione Riconosciut per

Dettagli

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA di Giuli Cnzin e Dominique Cppelletti Come potrete notre inoltrndovi nel corso di Introduzione ll economi, l interpretzione dell teori economic non presuppone conoscenze

Dettagli

IL CONTRATTO RISTORATIVO

IL CONTRATTO RISTORATIVO IL CONTRATTO RISTORATIVO ATTIVITÀ E LABORATORIO i Pol LOBINA PREMESSA L rtiolo nlizz l ntur giurii el ontrtto i ristorzione osì ome viene elinet l Coie el onsumo e è orreto un primo test i verifi sui ontrtti.

Dettagli

SCUOLA PARITARIA E RISORSE FINANZIARIE DOSSIER IN VISTA DELLA FINANZIARIA 2008. Associazione Genitori Scuole Cattoliche 5 ottobre 2007

SCUOLA PARITARIA E RISORSE FINANZIARIE DOSSIER IN VISTA DELLA FINANZIARIA 2008. Associazione Genitori Scuole Cattoliche 5 ottobre 2007 SCUOLA PARITARIA E RISORSE FINANZIARIE DOSSIER IN VISTA DELLA FINANZIARIA 2008 Associzione Genitori Scuole Cttoliche 5 ottobre 2007 Proseguendo nell trdizione formtiv dell Associzione Genitori Scuole Cttoliche,

Dettagli

RIEPILOGO per TIPOLOGIA SPESA Esercizio finanziario 2014

RIEPILOGO per TIPOLOGIA SPESA Esercizio finanziario 2014 Ministero dell'istruzione, dell'università e dell Rier Eserizio finnzirio 2014 Pgin n. 1 Desrizione Progrm mzione definitiv impegnte 01 Personle 138.826,94 41.707,73 41.707,73 0,00 97.119,21 0,00 0,00

Dettagli

La Logica BAN. Formalismo

La Logica BAN. Formalismo Network Security Elements of pplied Cryptogrphy nlisi e progetto di protocolli crittogrfici L logic N Principi di progettzione Csi di studio: Needhm-Schroeder, Otwy- Rees; SSL (old version); 509; GSM Il

Dettagli

Corso di Laurea in Chimica Regolamento Didattico

Corso di Laurea in Chimica Regolamento Didattico Corso di Lure in Chimic Regolmento Didttico Art.. Il Corso di Lure in Chimic h come finlità l formzione di lureti con competenze nei diversi settori dell chimic per qunto rigurd si gli spetti teorici che

Dettagli

Risoluzione. dei triangoli. e dei poligoni

Risoluzione. dei triangoli. e dei poligoni UNITÀ Risoluzione dei tringoli e dei poligoni TEORI Relzioni tr lti e ngoli di un tringolo qulunque (sleno) riteri per risolvere i tringoli qulunque 3 re dei tringoli 4 erhi notevoli dei tringoli 5 ltezze,

Dettagli

] + [ ] [ ] def. ] e [ ], si ha subito:

] + [ ] [ ] def. ] e [ ], si ha subito: OPE OPERAZIONI BINARIE Definizione di operzione inri Dto un insieme A non vuoto, si him operzione (inri) su A ogni pplizione di A in A In generle, un'operzione su A viene indit on il simolo Se (x, y) è

Dettagli

Immobile di via Bagnoli ex scuola elementare di Bagnoli ed area di pertinenza

Immobile di via Bagnoli ex scuola elementare di Bagnoli ed area di pertinenza ino delle Alienzioni e delle Vlorizzzioni Immobiliri Vrinte Art.58 L. 133/2008 Immobile di vi Bgnoli ex suol elementre di Bgnoli ed re di pertinenz Aree in Zon Industrile Relzione r Vigente e Vrinte Uiio

Dettagli

COMUNE DI NUVOLENTO. Provincia di Brescia

COMUNE DI NUVOLENTO. Provincia di Brescia COMUNE DI NUVOLENTO Provinci di Bresci DOMANDA PER LA PARTECIPAZIONE AL BANDO PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER L ASSEGNAZIONE DI MINI ALLOGGI PROTETTI PRESSO IL CENTRO DIURNO IN VIA VITTORIO EMANUALE

Dettagli

Conversione A/D e D/A. Quantizzazione

Conversione A/D e D/A. Quantizzazione Conversione A/D e D/A Per il trttmento dei segnli sempre più vengono preferite soluzioni di tipo digitle. È quindi necessrio, in fse di cquisizione, impiegre dispositivi che convertno i segnli nlogici

Dettagli

Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO

Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO Al termine di ciscun periodo d impost, dopo ver effettuto le scritture di ssestmento e rettific,

Dettagli

Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia

Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia Serie dei Trttti Europei - n 125 Convenzione europe per l protezione degli nimli d ompgni Strsurgo, 13 novemre 1987 Trduzione uffiile dell Cnelleri federle dell Svizzer Premolo Gli Stti memri del Consiglio

Dettagli

Università degli Studi di Palermo Corso di Laurea in Logopedia A. A. 2009-2010. NUMERO STUDENTI IMMATRICOLABILI: n.25 1 ANNO

Università degli Studi di Palermo Corso di Laurea in Logopedia A. A. 2009-2010. NUMERO STUDENTI IMMATRICOLABILI: n.25 1 ANNO Università degli Studi di Plermo orso di Lure in Logopedi A. A. 29-21 NUMERO STUDENTI IMMATRIOLAILI: n.25 1 Semestre 1 ANNO orso integrto 1: Fisic, iochimic,iologi Applict e Genetic FU =1. (cod.mt. 3343

Dettagli

Inizio. Guida di installazione rapida. la macchina dalla confezione e verificare i componenti

Inizio. Guida di installazione rapida. la macchina dalla confezione e verificare i componenti Guid di instllzione rpid Inizio HL-3140CW / HL-3150CDN HL-3150CDW / HL-3170CDW Grzie per ver selto Brother, il vostro supporto è importnte per noi e tenimo in grnde onsiderzione l vostr ttività. Il vostro

Dettagli

La piattaforma Next Generation Guida rapida

La piattaforma Next Generation Guida rapida Gui rpi Quest gui rpi è stt ret on l oiettivo i iutrti fmilirizzre rpimente on le numerose rtteristihe e strumenti isponiili sull pittform Next Genertion. Sopri ove trovre i prootti isponiili e le notizie

Dettagli

Questionario customer satisfaction Career Day 2014

Questionario customer satisfaction Career Day 2014 Questionrio customer stisfction Creer Dy 2014 INTRODUZIONE Attrverso il softwre Survey System è stto sottoposto un questionrio gli/lle studenti/studentesse e lureti/e dell'università di Mcert che hnno

Dettagli

Millenium 3 Interfaccia di comunicazione M3MOD Guida all'uso della Directory operativa 04/2006

Millenium 3 Interfaccia di comunicazione M3MOD Guida all'uso della Directory operativa 04/2006 Millenium 3 Interfi i omunizione M3MOD Gui ll'uso ell Diretory opertiv 04/2006 160633105 Pnormi AGui ll'uso ell Diretory opertiv Introuzione L Diretory opertiv è un file i testo generto l softwre i progrmmzione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI ZANICA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ERNESTINA BELUSSI COMUN NUOVO. Relazione

ISTITUTO COMPRENSIVO DI ZANICA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ERNESTINA BELUSSI COMUN NUOVO. Relazione Relzione Le lssi 1^ A e 1^ B dell Suol Seondri di primo grdo di Comun Nuovo, nell mito di un perorso nnule legto ll eologi (rifiuti e loro riilo), hnno rolto i dti reltivi llo stile di vit di un mpione

Dettagli

8 Equazioni parametriche di II grado

8 Equazioni parametriche di II grado Equzioni prmetrihe di II grdo Un equzione he oltre ll inognit (o lle inognite) ontiene ltre lettere (un o più) si die letterri o prmetri e le lettere sono himte, nhe, prmetri; si suppong he l equzione

Dettagli

Allegato alla D.G. n. 20 del 20 febbraio 2012 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA C.C.I.A.A. DI ASCOLI PICENO TRIENNIO 2012-2014

Allegato alla D.G. n. 20 del 20 febbraio 2012 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA C.C.I.A.A. DI ASCOLI PICENO TRIENNIO 2012-2014 Allegto ll D.G. n. 20 del 20 febbrio 2012 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA C.C.I.A.A. DI ASCOLI PICENO TRIENNIO 2012-2014 1 Sommrio 1. Dti d pubblicre... 3 2. Modlità di pubbliczione

Dettagli

Desk CSS-KPMG Innovare la PA. Presentazione del progetto di ricerca Organization Review. Luciano Hinna

Desk CSS-KPMG Innovare la PA. Presentazione del progetto di ricerca Organization Review. Luciano Hinna Desk CSS-KPMG Innovre l PA Presentzione del progetto di ricerc Orgniztion Review Lucino Hinn Obiettivo del progetto Mettere punto un nuov metodologi, intes come strumento d consegnre lle pubbliche mministrzioni

Dettagli

Formule di Gauss Green

Formule di Gauss Green Formule di Guss Green In queste lezioni voglimo studire il legme esistente tr integrli in domini bidimensionli ed integrli urvilinei sull frontier di questi. In seguito i ouperemo del problem nlogo nello

Dettagli

SAP Business One Top 10

SAP Business One Top 10 SAP Business One Top 10 Dieci motivi per cui le PMI scelgono SAP Business One 1 6 Affidbilità Le PMI riconoscono in SAP un leder su cui poter fre ffidmento. Personlizzzione SAP fornisce soluzioni personlizzte

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE DEI DIPARTIMENTI A.S. 2013-2014

GRIGLIE DI VALUTAZIONE DEI DIPARTIMENTI A.S. 2013-2014 GRIGLIE DI VLUTZIONE DEI DIPRTIMENTI.S. 2013-2014 Per le immagini del P.O.F. si ringraziano la prof.ssa. lario, il prof. F. moruso, il prof L. La Ragione, la prof.ssa S. Salerni e tutti gli allievi del

Dettagli

A.A.2009/10 Fisica 1 1

A.A.2009/10 Fisica 1 1 Mhine termihe e frigoriferi Un mhin termi è un mhin he, grzie un sequenz i trsformzioni termoinmihe i un t sostnz, proue lvoro he può essere utilizzto. Un mhin solitmente lvor su i un ilo i trsformzioni

Dettagli

Istruzioni per l'uso originali

Istruzioni per l'uso originali Istruzioni per l'uso originli SLS 78 M/P-1730 Fotoellule rrier di siurezz Disegno quotto it 03-2010/11 602042 0 150m 24 V DC 300 Hz Alloggimento rousto di metllo on lente in vetro, grdo di protezione IP

Dettagli

LE RETTIFICHE DI STORNO

LE RETTIFICHE DI STORNO Cpitolo 11 LE RETTIFICHE DI STORNO cur di Alfredo Vignò Le scritture di rettific di fine esercizio Sono composte l termine del periodo mministrtivo per inserire nel sistem vlori stimti e congetturti di

Dettagli

Istruzioni per l'uso originali

Istruzioni per l'uso originali Istruzioni per l'uso originli SLSR 8 Fotoellule rrier di siurezz Disegno quotto it 08-2014/08 602066-01 A 2 LS 14m 10-30 V DC 200 Hz Fotoellul rrier di siurezz on lue ross visiile, fino ll t. 2 seondo

Dettagli

Elettronica dei Sistemi Digitali Il test nei sistemi elettronici: guasti catastrofici e modelli di guasto (parte I)

Elettronica dei Sistemi Digitali Il test nei sistemi elettronici: guasti catastrofici e modelli di guasto (parte I) Elettronic dei Sistemi Digitli Il test nei sistemi elettronici: gusti ctstrofici e modelli di gusto (prte I) Vlentino Lierli Diprtimento di Tecnologie dell Informzione Università di Milno, 26013 Crem e-mil:

Dettagli

13. Caratterizzazione sperimentale

13. Caratterizzazione sperimentale B. Zurello rogettzione meni on mterili non onvenzionli 13.1. Generlità 13. Crtterizzzione sperimentle Nell progettzione on mterili ompositi è prssi piuttosto onsolidt vlutre le rtteristihe dell singol

Dettagli

Test di autovalutazione

Test di autovalutazione Test di utovlutzione 0 0 0 0 0 50 0 70 0 0 00 n Il mio punteggio, in entesimi, è n Rispondi ogni quesito segnndo un sol delle 5 lterntive. n Confront le tue risposte on le soluzioni. n Color, prtendo d

Dettagli

4.5 Il Parco dello Sport del Lambro e il PLIS della Media Valle del Lambro

4.5 Il Parco dello Sport del Lambro e il PLIS della Media Valle del Lambro PGT Pino di Governo del Territorio 212 4.5 Il Pro dello Sport del Lmbro e il PLIS dell Medi Vlle del Lmbro Tngenile Est Nuovo pro Cresengo pro Vill Fini Nviglio dell Mrtesn pro Prdisi Lmbro pro dell Mrtesn

Dettagli