PROGETTI SCOLASTICI E OLTRE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTI SCOLASTICI E OLTRE"

Transcript

1 PROGETTI SCOLASTICI E OLTRE Report etwinning

2 Publisher Central Support Service for etwinning (CSS) European Schoolnet (EUN Partnership AISBL) Rue de Trèves Brussels Belgium Authors Christina Crawley, Anne Gilleran, Santi Scimeca, Riina Vuorikari, Patricia Wastiau Design coordination and language issues Christina Crawley, Alexa Joyce, Nathalie Scheeck, Silvia Spinoso Design, DTP and printing Hofi Studio, Czech Republic Photo Credits Gérard Launet, Laurence Mouton / PhotoAlto Getty Images / Lifetime learning Print run 300 ISBN Published in September The views expressed in this publication are those of the authors and not necessarily those of European Schoolnet or the etwinning Central Support Service. This book is published under the terms and conditions of the Attribution 3.0 Unported Creative Commons licence (http://creativecommons.org/licenses/by/3.0/). This publication was created with the financial support of the Lifelong Learning Programme of the European Union. This publication reflects the views only of the authors and the European Commission cannot be held responsible for any use which may be made of the information contained therein.

3 etwinning Progetti scolastici e oltre Sommario Introduzione Capitolo 1 Statistiche Capitolo 2 Questionario condotto fra gli utenti Capitolo 3 Learning Events Capitolo 4 Gruppi etwinning Conclusioni

4 2

5 etwinning Progetti scolastici e oltre Introduzione Nel 2010, etwinning celebrerà il suo quinto anniversario. All epoca del lancio, nel gennaio 2005, il programma rispondeva alle indicazioni del Consiglio Europeo di Barcellona (marzo 2002) che vedeva nei gemellaggi scolastici un opportunità per i giovani di imparare ed esercitare le competenze in materia di Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione (TIC), e che sottolineava l esigenza di promuovere un modello di società europea multiculturale. Nel contempo, si riconosceva la necessità di sviluppare ulteriormente la collaborazione scolastica e conferirle una dimensione pan-scolastica. In linea con queste argomentazioni, la Commissione Europea propose che etwinning diventasse un grande fattore di catalizzazione per intensificare la cooperazione già in corso fra le scuole. etwinning fu allora identificato come una delle principali azioni del Programma elearning finalizzato a promuovere la collaborazione scolastica attraverso le TIC. Lo straordinario successo registrato da etwinning negli ultimi anni, tanto dal punto di vista qualitativo che da quello quantitativo, ha stimolato diverse riflessioni sulla direzione che il sistema scuola (inteso come dinamiche relative a insegnamento e apprendimento) stava prendendo. In particolare, è stato chiaro sin da subito che il tradizionale paradigma della collaborazione scolastica era diventato troppo restrittivo, che le TIC erano entrate a far parte dell ambiente scolastico quotidiano e che l apprendimento (tanto per gli studenti quanto per gli insegnanti) stava avvenendo quanto a spazio e tempo in contesti più fluidi. Quando, nel 2007, fu lanciato il Programma per l Apprendimento Permanente della Commissione Europea (Lifelong Learning Programme - LLP), etwinning (in quanto parte dell azione Comenius) iniziò a svolgere un ruolo essenziale nell istruzione, molto oltre le previsioni iniziali. I principali punti di forza di etwinning sono sempre stati la flessibilità e l assenza di formalità. In quanto iniziativa che parte dal basso ed è fortemente legata alla realtà, agli insegnanti viene concessa la facoltà di decidere cosa fare e come farlo, alla sola condizione che vengano utilizzate le TIC ed esista una 3

6 4

7 etwinning Progetti scolastici e oltre collaborazione con colleghi di un altra nazione europea. etwinning si occupa del resto: ambienti online per trovare partner e sviluppare progetti di collaborazione scolastica, supporto e consulenza pedagogica, iniziative di formazione e riconoscimento per ciò che tanti insegnanti stanno già facendo. In breve, etwinning ha sempre offerto un sistema composto di vari elementi nel quale gli insegnanti più innovativi possano sentirsi a casa, trovare colleghi con il loro stesso modo di vedere le cose, e coinvolgerne altri. Un tale ambiente, in un primo tempo frequentato dagli insegnanti più esperti, è ben presto diventato un modello per moltissimi altri. L ambiente etwinning è adatto non solo per creare una rete di contatti e comunicare, ma anche per condividere la pratica e le esperienze. Così, etwinning è diventato, pian piano ma con decisione, il luogo da frequentare per tutti gli insegnanti interessati ad andare oltre il proprio orizzonte scolastico, incontrare colleghi di tutta Europa e aiutare i loro studenti a collaborare con studenti stranieri. Nell autunno 2008, è stata lanciata una piattaforma etwinning completamente rinnovata. Grazie ai suggerimenti impliciti ed espliciti della comunità degli oltre etwinner all epoca registrati 1, il Portale etwinning ha subìto una trasformazione radicale: un look completamente nuovo, con nuovi strumenti, tutti finalizzati a un approccio in linea con le tendenze del Web 2.0. Le ragioni di questa scelta si basano sull analisi delle abitudini e delle aspettative degli utenti, così come sono emerse nei risultati del questionario condotto nel 2008 e presentato nella Sezione 2. Grazie a questa indagine, ci si è resi conto che gli etwinner che usavano la piattaforma non si limitavano a iniziare progetti e lavorare in gemellaggio (o in Twins): gli insegnanti, infatti, effettuavano il log-in nella piattaforma per sfruttare il suo potenziale di comunità con migliaia di colleghi. Il livello di interazione fra gli etwinner era diventato multidimensionale. I progetti scolastici erano solo una delle molte attività che gli etwinner si aspettavano di poter fare una volta entrati nella piattaforma. Per esempio, la dimensione del rapid learning e del peer learning stava rapidamente assumendo sempre maggiore importanza. Il ruolo di etwinning era semplicemente quello di fornire gli strumenti e l ambiente per facilitare e stimolare questo processo. Tra la fine del 2008 e l inizio del 2009, etwinning ha cominciato a diversificare la sua offerta. Gli etwinner, ovviamente, possono sempre effettuare il log-in e usare la piattaforma come facevano prima, ma con il valore aggiunto che oggi il Portale 1 In gergo, un utente registrato viene chiamato etwinner. A giugno 2009, il numero di etwinner ha superato quota

8 offre molte caratteristiche tipiche del social network finalizzate a facilitare la comunicazione e il networking. Gli insegnanti possono sempre trovare dei partner ancor più facilmente di prima e iniziare dei progetti (per i quali possono ottenere Certificati di Qualità e premi). Ma ora gli etwinner possono anche partecipare a svariate altre attività, come seguire workshop online (gli etwinning Learning Events) ed entrare a far parte di gruppi. Possono condividere le loro risorse con i colleghi e contribuire a e commentare kit per i progetti. In breve, etwinning è andato oltre la sua natura originaria di ambiente per lo sviluppo di progetti per configurarsi come un insieme multidimensionale di risorse per gli insegnanti. Non a caso, il motto etwinning è cambiato da Partenariati scolastici in Europa a La comunità delle scuole europee. Tutti i cambiamenti e i miglioramenti appena menzionati non sarebbero stati possibili senza un attenta valutazione e analisi del feedback ricevuto dagli utenti. Questo report fornisce un compendio di tale feedback suddiviso nelle sezioni che seguono: 1 Statistiche Una comunità online di quasi insegnanti registrati (dati di inizio giugno 2009) crea un enorme quantità di informazioni: abitudini degli utenti, analisi degli accessi al sito, interazione fra utenti, strumenti usati, ecc. Queste informazioni vengono continuamente analizzate e discusse con diverse figure professionali allo scopo di ottenere una lettura delle tendenze e delle prospettive di etwinning. I dati e i commenti disponibili in questo report rendono conto delle scoperte più interessanti e importanti. 6

9 2 Questionario condotto fra gli utenti etwinning Progetti scolastici e oltre Alla fine del 2008, poche settimane dopo il lancio della nuova piattaforma, è stato lanciato un questionario online destinato agli etwinner 2 di ogni paese. Composto di domande aperte e a risposta multipla, il questionario è stato completato da un totale di persone. Il capitolo ad esso dedicato in questo report presenta le tendenze più interessanti e identifica alcune tematiche per lo sviluppo futuro di etwinning. 3 Learning Events In linea con l obiettivo di offrire agli etwinner delle opportunità di apprendimento semplici, efficaci e informali, sono stati lanciati una serie di Learning Events (workshop online moderati, della durata di una settimana). Nella loro prima versione, questi eventi hanno riscosso un enorme successo, il che conferma il bisogno di una comunità online nella quale l apprendimento sia strettamente collegato al contesto nel quale avviene. 4 Gruppi etwinning Sfruttando il potenziale di sotto-comunità di utenti basate su materie o argomenti, sono stati fondati diversi Gruppi etwinning pilota, con l intento di testare la possibilità di forgiare la piattaforma etwinning in questa direzione. I risultati di questo primo progetto pilota dimostrano l interesse degli etwinner verso la costituzione di team (per quanto virtuali) con colleghi, e la condivisione di pratiche ed esperienze ben al di là dei progetti scolastici. 2 Gli insegnanti registrati a etwinning vengono normalmente chiamati etwinner. 7

10 8

11 etwinning Progetti scolastici e oltre Statistiche Capitolo 1 I dati risultanti dall analisi d uso della piattaforma etwinning sono estremamente utili per monitorare tendenze e opportunità, e per sviluppare le strategie adatte per correggere o migliorare i vari strumenti offerti. Questi dati possono essere classificati in due grandi categorie: Dati provenienti dall analisi di utilizzo degli strumenti telematici (che riguarda l uso del Portale Dati riguardanti l interazione fra gli utenti e i vari strumenti etwinning (es. registrazione, Desktop, strumenti per il social networking e TwinSpace). Questo capitolo fornisce una breve panoramica delle tendenze e delle statistiche più significative che sono state considerate indicatori essenziali per qualunque decisione riguardante gli aggiustamenti da apportare a etwinning a breve e medio termine. Portale Uno dei principali punti di forza di etwinning sin dal suo lancio è stata l imponente quantità di utenti, che ha continuato a crescere nel tempo. Quando il Portale etwinning è stato inaugurato nel gennaio 2005, l obiettivo era quello di ottenere in breve tempo un ampio numero di visite, che a loro volta avrebbero portato un numero soddisfacente di registrazioni da parte di scuole e insegnanti. In quanto iniziativa del tutto nuova, lo scopo principale era quello di farsi conoscere dal maggior numero di insegnanti possibile. 9

12 Figura 1. Visite mensili Febbraio 2005 Febbraio 2006 Febbraio 2007 Febbraio 2008 Febbraio 2009 Il grafico in Figura 1 mostra la crescita delle visite totali registrata negli ultimi cinque anni, riferite al mese di febbraio. Come si può vedere, la crescita è stata stabile nei primi quattro anni (più o meno l 80% all anno), e poi ha registrato una notevole accelerazione nell anno scolastico , con una crescita di più del 300% rispetto all anno precedente. Questa è una chiara risposta al lancio della nuova piattaforma. La Figura 2 mostra un confronto fra gli anni scolastici e Il trend messo in luce in Figura 1 si conferma per tutti i mesi. Figura 2. Visite mensili e settembre giugno settembre giugno , , , ,000 1 sett sett nov nov gen gen mar mar mag mag 2008 Questi due grafici riassumono il profondo impatto che etwinning ha avuto sugli insegnanti europei, con un considerevole aumento durante lo scorso anno scolastico di insegnanti interessati a visitare il Portale etwinning e magari entrare a far parte della grande comunità etwinning. 10

13 etwinning Progetti scolastici e oltre Registrazioni Gli insegnanti che si registrano a etwinning vengono chiamati etwinner e costituiscono un network sempre più consolidato di utenti che trovano nella piattaforma un luogo ideale per condividere esperienze, idee e, possibilmente, trovare un partner per un progetto. Figura 3. Registrazioni quotidiane / / / / / La Figura 3 mostra il trend delle registrazioni quotidiane sul Portale. La cifra soprastante i palloncini gialli (che rappresentano gli anni scolastici) indica il numero totale di membri registrati durante quel periodo di tempo. Come si può vedere, nonostante etwinning oggi non sia più un iniziativa nuova e, circa due anni fa, sia iniziata una fase di consolidamento, sono molti gli insegnanti che continuano ancora a registrarsi. Tuttavia, il numero medio di insegnanti registrati per ciascuna scuola è ancora piuttosto basso (circa 1,3 insegnanti per scuola, per un totale di scuole), il che significa che siamo ancora in una fase in cui nuove scuole vengono coinvolte. Con ogni probabilità, la prossima fase di etwinning vedrà più insegnanti registrarsi per ciascuna scuola. È inoltre interessante notare come, degli oltre utenti registrati sul Portale, circa siano ancora attivi (cioè usino gli strumenti offerti ed effettuino il log-in). Questo indica un tasso di ritorno verso il sito insolitamente alto, che dimostra l esistenza di una comunità di utenti molto impegnati e fidelizzati. 11

14 Principale intento di etwinning è stato quello di fornire una piattaforma per trovare partner con cui iniziare una collaborazione a un progetto. Si è già detto che questa è solo una parte della storia, dal momento che si svolgono molte altre attività. Tuttavia, il modo più esplicito e tangibile per entrare a far parte di etwinning resta quello di fondare un progetto con colleghi stranieri. Sin dal lancio di etwinning nel 2005, sono stati registrati più di progetti e le Unità Nazionali etwinning ne hanno approvato un totale di , con quasi scuole coinvolte in tutta Europa. Nel complesso, i progetti hanno visto la partecipazione di più di insegnanti (molte scuole prendono parte a più di un progetto), il che porta se si calcola una media di 50 studenti per progetto a più di mezzo milione di studenti. Sebbene i progetti durino normalmente un anno scolastico, molti proseguono anche oltre. Oggi (giugno 2009), sono circa gli insegnanti impegnati attivamente in progetti. Figura 4. Registrazioni quotidiane dei progetti / / / / / Il grafico in Figura 4 presenta il numero di registrazioni quotidiane dal lancio di etwinning, e i totali per anno scolastico. Un aumento costante mostra che trovare dei partner e iniziare dei progetti è sempre un aspetto di etwinning assai praticato, che non sembra perdere importanza nonostante l introduzione di altre opportunità, come i Learning Events, i Gruppi etwinning e il social networking in generale. 12

15 etwinning Progetti scolastici e oltre Figura 5. cinque e più 11 % quattro 5 % tre 11 % due 73 % Figura 6. Numero di membri dei progetti. Fascia d età nei progetti. La natura e la composizione dei progetti registrati mostra quanto etwinning sia ricco e diversificato. La stragrande maggioranza dei progetti è ancora fra due partner, come mostra Figura 5. Tuttavia, un numero crescente di progetti (27%) coinvolge più di due partner, indicando un aumento del networking fra etwinner, e un livello di dedizione che permette di superare le ovvie difficoltà legate alla gestione di progetti a più partner. Fascia d età 12 > % Fascia d età 0 > % Misto 29 % Un altro interessante fattore è quello legato alla fascia d età degli studenti coinvolti nei progetti. Come ci si aspettava, la maggior parte dei progetti vede la partecipazione delle scuole superiori, dove le lingue straniere rivestono un ruolo importante. Tuttavia, la presenza di scuole primarie e dell infanzia è relativamente importante (16%), così come lo sono i gruppi con fasce d età miste, cioè con studenti che vanno dalla scuola primaria (< 11) a quella secondaria. Di media, i progetti coinvolgono 50 studenti (di solito, due classi da 25). 13

16 14

17 etwinning Progetti scolastici e oltre Community Nell ottobre 2008, il Portale etwinning è stato aggiornato con nuove caratteristiche che soddisfacevano il bisogno degli insegnanti registrati di entrare e restare in contatto con altri etwinner. Il primo strumento da valorizzare è stato l area Contatti, che come in ogni sito web di social networking è il luogo in cui gli amici possono condividere ciò che fanno. Fino al lancio del nuovo Portale, gli etwinner avevano un totale di contatti (accumulati in più di quattro anni di attività). Cinque mesi dopo il lancio del nuovo Portale, questa cifra era aumentata del 30% e aveva raggiunto i Sul Desktop etwinning, gli etwinner possono consultare i profili di altri membri, vedere a quali progetti stanno partecipando e chi sono i loro contatti. Questa funzione si è dimostrata estremamente utile per gli insegnanti che volevano entrare in contatto con altri colleghi. In particolare, gli etwinner possono facilmente segnalare il loro interesse per la condivisione delle idee mettendo un anch io nei profili degli altri insegnanti. In soli cinque mesi, sono stati lasciati anch io. Se un utente desidera approfondire il contatto, può scrivere un messaggio nella bacheca di un altro utente. Finora sono stati lasciati più di messaggi. Inoltre, gli etwinner possono usare il sistema di messaggeria interna, che consente la comunicazione privata e diretta. Gli utenti di etwinning si sono scambiati quasi messaggi. Gli etwinner possono anche arricchire il loro profilo con informazioni su ciò che stanno facendo, caricare foto delle loro attività (finora ne sono state caricate 4.000) e descrivere i loro interessi. Se gli etwinner non riescono a trovare dei partner usando l apposito motore di ricerca, possono lasciare un messaggio nel forum. Con una media di più di messaggi a trimestre e un tasso di risposte incredibilmente alto, il forum etwinning per la ricerca dei partner è diventato uno degli strumenti più efficaci per trovare dei partner per progetti etwinning, oltre che per partenariati Comenius e altre attività internazionali. Infine, etwinning ha promosso i Kit per i progetti 3, allo scopo di incentivare e facilitare l organizzazione e la registrazione di un progetto. Con il lancio del nuovo Portale, ora è possibile indicare interesse per uno specifico kit allo scopo di facilitare il processo di ricerca del partner. In appena cinque mesi, quasi utenti hanno usato questa opportunità. 3 Un programma di lavoro già predisposto e basato su un tema specifico. 15

18 TwinSpace A tutti i progetti etwinning viene assegnato uno spazio di lavoro collaborativo chiamato TwinSpace. Sta agli insegnanti coinvolti nel progetto decidere se usare questo ambiente virtuale, o se servirsi di altri strumenti. Il TwinSpace è un opportunità offerta a tutti. Sin dal lancio di etwinning nel 2005, le Unità Nazionali etwinning hanno approvato qualcosa come progetti e sono stati creati altrettanti TwinSpace, con più di utenti. La stragrande maggioranza dei TwinSpace (88%) registra almeno un log-in, mentre il 66% ne conta almeno sei (a indicare un interesse che va oltre la semplice curiosità). La tabella mostra altri indicatori che misurano l uso rispetto al numero totale di TwinSpace creati. TwinSpace con almeno... % del totale... 1 log in 88%... 1 cartella creata 43%... 1 pagina web creata 20%... 1 archivio di file creato 51% L uso del TwinSpace è dimostrato dagli indicatori generali presentati nella tabella sottostante, che riguardano le funzioni principali come il caricamento di file e foto, la pubblicazione di pagine web (pubbliche o private) e i messaggi (in forum e mailbox). Funzione Numero File caricati Foto caricate nelle photogallery Pagine web Messaggi nei forum Messaggi inviati nelle mailbox

19 etwinning Progetti scolastici e oltre Un altro dato significativo è il tasso di pubblicazione. Quasi TwinSpace (corrispondenti al 30%) sono stati pubblicati dagli amministratori e sono quindi visibili su Internet senza bisogno di effettuare il log in. A questi TwinSpace si può accedere dalla sezione omonima sul Portale pubblico: Spunti di riflessione L Azione etwinning sta crescendo! Questo è un dato di fatto. Inoltre, si intravvede un certo grado di consolidamento e l avvento di un approccio più esplicitamente orientato al social networking, che ha dato avvio a contatti fra gli insegnanti basati su metodi non disponibili prima. Mantenere questo slancio, incoraggiare l interazione e continuare a supportare il lavoro ai progetti nelle scuole sono le priorità di etwinning per i prossimi anni. 17

20 18

21 etwinning Progetti scolastici e oltre Questionario condotto fra gli utenti Capitolo 2 Come si è visto nella Sezione 1, durante l anno scolastico è stato fatto molto per incoraggiare gli etwinner a interagire fra loro. Per capire meglio il contesto di questo sviluppo si possono esaminare i risultati del questionario condotto fra gli utenti durante questo periodo. Questa sezione offre una panoramica degli aspetti principali messi in luce dal questionario, basato su domande a risposta multipla e su domande aperte. Nel periodo 23 novembre 23 dicembre 2008, l Unità Europea etwinning (CSS), in collaborazione con le Unità Nazionali etwinning (NSS), ha condotto un sondaggio fra i partecipanti. È stato utilizzato un questionario online disponibile in 22 lingue. Entro il 23 dicembre, sono state ricevute in tutto risposte valide. 2.1 Profilo degli intervistati La distribuzione degli intervistati per nazione è una fedele rappresentazione degli utenti etwinning in Europa. Come ci si attendeva, la maggioranza era costituita da insegnanti, due terzi dei quali insegna nella scuola secondaria e più di un quarto in quella primaria. Nel complesso, gli insegnanti di lingue straniere dominano lo scenario e costituiscono quasi la metà degli intervistati (nella scuola primaria sono più di un terzo di chi ha scelto di rispondere al questionario). 19

22 Tabella 2. Principali materie insegnate 55 % 50 % 45 % 40 % 35 % 30 % 25 % 20 % 15 % 10 % 5 % 0 % Lingue straniere Materie dell istruzione primaria Informatica/TIC Lingua e letteratura Matematica/geometria 2.2 Come vengono sviluppati i progetti etwinning? Gestione del tempo Scuola primaria Scuola secondaria inferiore Scuola secondaria superiore Altro Storia Geografia Materie del ciclo pre-scolastico Biologia Studi sociali/sociologia Educazione civica Interdisciplinare Fisica Educazione ambientale Chimica Tecnologia I progetti etwinning vengono sviluppati in misura pressoché paritaria durante l orario scolastico e al di fuori di esso. Tabella 3. Quali momenti hai dedicato allo sviluppo del progetto? 35 % 30 % 25 % 20 % 15 % 10 % 5 % 0 % Durante l orario scolastico Soprattutto durante l orario scolastico, ma alcune attività sono state condotte in momenti extra-scolastici Circa il 50% durante l orario scolastico e il 50% al di fuori di esso Per lo più al di fuori dell orario scolastico Esclusivamente al di fuori dell orario scolastico 20

23 etwinning Progetti scolastici e oltre Ostacoli e sfide Come si può vedere dal grafico che segue, i maggiori ostacoli e le sfide più importanti (ciascuno dei quali rappresenta le risposte di circa un quarto dei partecipanti) sono (1) mancanza di tempo e (2) problemi di accesso e funzionamento delle TIC. Le difficoltà nel trovare un partner adatto sono state menzionate da un intervistato su sei. Tutti gli altri ostacoli sono stati citati da meno del 15% degli intervistati: per esempio, solo l 8% ha indicato ostacoli di ordine linguistico. È inoltre importante notare che il 25% circa degli intervistati ha affermato di non aver dovuto affrontare particolari ostacoli né superare sfide specifiche (combinazione fra non ho incontrato ostacoli e non risponde ). Tabella 4. Principali sfide e ostacoli affrontati durante il progetto 0% 5% 10% 15% 20% 25% Mancanza di tempo Ho avuto problemi di accesso e funzionamento delle attrezzature TIC a livello scolastico È stato difficile trovare un partner adatto È stato difficile organizzare il lavoro di collaborazione online La piattaforma online di etwinning mi è sembrata difficile da usare Altri colleghi non hanno supportato il progetto Il mio partner ha lasciato il progetto Ho avuto problemi linguistici nella comunicazione con il mio partner Altro È stato difficile integrare il progetto nel curriculum È stato difficile formulare idee per un progetto La dirigenza scolastica non ha appoggiato il progetto Gli studenti non erano interessati I genitori non hanno supportato il progetto Non ho incontrato ostacoli Nessuna risposta 21

24 Collaborazione e comunicazione I due terzi dei partecipanti al sondaggio ha affermato di aver avuto la collaborazione di altri docenti, mentre i genitori e i membri del consiglio scolastico sono stati coinvolti in un quarto dei casi circa. Meno del 20% ha affermato di non aver intrattenuto alcuna forma di collaborazione con i membri della comunità scolastica durante la realizzazione di un progetto etwinning. Tabella 5. Collaborazione con altri membri della comunità scolastica 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% Staff docente Genitori Consiglio scolastico Staff amministrativo Altro personale non docente Staff della biblioteca Altro Settore consulenza Nessuna collaborazione da parte di altri membri della comunità scolastica In termini di comunicazione, quasi l 80% dei partecipanti al sondaggio ha discusso il proprio progetto etwinning con il resto dello staff docente. Nel 60% dei casi, c è stata una comunicazione formale con i membri del consiglio scolastico e nel 50% circa dei casi le informazioni sul progetto etwinning sono state pubblicate sul sito web della scuola. 22

25 etwinning Progetti scolastici e oltre Tabella 6. Campagna di comunicazione sul progetto È stato comunicato al resto dello staff docente 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% È stato comunicato al consiglio scolastico È stato pubblicato nel sito web della scuola, o sul sito web della scuola si trovano dei link al progetto Sono state inviate lettere/ ai genitori È stata organizzata una copertura sui media locali (stampa, radio, televisione ) È stato oggetto di conferenze nell ambito delle attività di formazione degli insegnanti Sono stati pubblicati articoli sulla stampa specializzata Altro 2.3 Impatto sulla pratica didattica Agli insegnanti partecipanti al questionario è stato chiesto di indicare quale impatto avesse avuto etwinning sulle loro competenze didattiche e su altri aspetti. Come si vede dal grafico che segue, per quasi tutte le voci proposte dal sondaggio, più del 75% degli insegnanti ha affermato che c era stato un impatto, spesso anche piuttosto considerevole. La sola eccezione è rappresentata dalla questione del riconoscimento da parte delle autorità locali (es. crediti): ciò è dovuto al fatto che questi schemi di punteggio e riconoscimento non sono in vigore in tutte le nazioni che partecipano a etwinning. Inaspettatamente, la risposta È stato divertente ha ottenuto le percentuali più alte. 23

26 24

27 etwinning Progetti scolastici e oltre Tabella 7. Impatto sulla pratica didattica 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% È stato divertente Interesse nel prendere parte a ulteriori progetti di innovazione Miglioramento delle competenze TIC Miglioramento delle competenze di comunicazione con persone che parlano un altra lingua Conoscenza di altri sistemi scolastici Apprendimento di nuovi metodi didattici Miglioramento delle mie competenze didattiche Miglioramento delle competenze di lavoro in team interdisciplinari Riconoscimento da parte delle autorità locali (crediti) Impatto elevato Impatto normale Impatto minimo Nessun impatto Un interessante domanda da porsi è se gli insegnanti che hanno dichiarato di aver deciso di partecipare a etwinning spinti dal desiderio di migliorare le loro competenze didattiche abbiano effettivamente raggiunto il loro scopo. Abbiamo dunque esaminato più da vicino le quattro competenze elencate nel grafico qui sopra (TIC, lingua straniera, didattica e lavoro in team) e abbiamo messo a confronto i risultati fra gli insegnanti che hanno risposto a questa domanda e quelli che hanno indicato che una delle ragioni (o la ragione principale) per la quale hanno partecipato a etwinning è stata quella di voler migliorare le proprie competenze didattiche. Basandoci sulle risposte, abbiamo creato una scala di punteggi, da 1 a 4 (4 = impatto molto forte; 3 = impatto normale; 2 = impatto minimo; e 1 = nessun impatto). I risultati dell analisi sono presentati nella Tabella 8. 25

28 Tabella 8. Punteggi relativi all impatto sul miglioramento delle competenze. Insegnanti che hanno Tutti gli insegnanti partecipato a etwinning per migliorare le proprie competenze didattiche Migliorare le competenze TIC Migliorare le competenze nelle lingue straniere Migliorare le competenze didattiche Migliorare le competenze di lavoro in team Chiaramente, l impatto di etwinning sul miglioramento delle competenze è stato persino più alto fra gli insegnanti che sono entrati a far parte di etwinning perché, più nello specifico, volevano migliorare le loro competenze didattiche. Un analisi simile è stata condotta per insegnanti di materie specifiche. Abbiamo preso in esame le quattro materie più insegnate (si veda Tabella 2): lingue straniere, materie dell istruzione primaria, informatica/tic, lingue/letteratura. Nel complesso, sembra esserci poca o nessuna deviazione dal punteggio medio: l impatto sul miglioramento delle competenze è stato in una qualche misura inferiore per gli insegnanti di lingue e letteratura; gli insegnanti della scuola primaria hanno migliorato le competenze TIC più della media; gli insegnanti di TIC e matematica hanno migliorato le loro competenze nelle lingue straniere più di altri. 2.4 Impatto a livello della scuola Per sette delle undici aree elencate nel grafico che segue, fra il 75% e il 90% dei partecipanti al sondaggio ha affermato di aver notato un impatto sulla scuola, a volte anche sostanziale. Il primo elemento degno di nota è stato l aumento della motivazione fra gli studenti. Come si può osservare dalle risposte, la partecipazione a etwinning migliora anche la cultura scolastica e il clima all interno della scuola stessa, con una maggiore predisposizione alla collaborazione e allo sviluppo di nuovi progetti. 26

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28 Ministero d e l l i s t r u z i o n e, d e l l università e della r i c e r c a (MIUR) Di r e z i o n e Ge n e r a l e p e r g l i Affari In t e r n a z i o n a l i INDIRE Un i t à It a l i a n a d i Eu

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO n n u u m e r r o m o n o g r a nf i u c m o e r o m Sistemi scolastici europei Sistemi 2012 Sistemi di valutazione scolastici europei Sistemi sc dellõ istruzione in Europa2012 ALCUNI PAESI A CONFRONTO

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Il contenuto di questa pubblicazione può essere riprodotto per fini non commerciali, citando chiaramente la fonte. Contatti: redazionellp@indire.

Il contenuto di questa pubblicazione può essere riprodotto per fini non commerciali, citando chiaramente la fonte. Contatti: redazionellp@indire. Elena Maddalena Agenzia nazionale LLP, Unità Comunicazione Coordinamento editoriale: Sara Pagliai, Coordinatrice Agenzia nazionale LLP Pubblicazione a cura di: Elena Maddalena Elaborazione dati: Paolo

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Aggiornamento 2010. Assumere in Europa. una guida per i datori di lavoro. eures.europa.eu. Commissione europea

Aggiornamento 2010. Assumere in Europa. una guida per i datori di lavoro. eures.europa.eu. Commissione europea Aggiornamento 2010 Assumere in Europa una guida per i datori di lavoro eures.europa.eu Commissione europea Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI OPUSCOLO Opportunità di ricerca transnazionale Vi interessa la ricerca europea? Research*eu è il mensile della direzione generale della Ricerca per essere

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Nuove tecnologie per l inclusione

Nuove tecnologie per l inclusione Nuove tecnologie per l inclusione Sviluppi e opportunità per i paesi europei EUROPEAN AGENCY for S p e c ia l N e e d s a n d I n c lus i ve Ed u cati o n NUOVE TECNOLOGIE PER L INCLUSIONE Sviluppi e

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI

PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI La formazione docente per l inclusione PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI TE I I European Agency for Development in Special Needs Education La formazione docente per l inclusione PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

Bambini e adolescenti ai margini

Bambini e adolescenti ai margini UNICEF Centro di Ricerca Innocenti Report Card 9 Bambini e adolescenti ai margini Un quadro comparativo sulla disuguaglianza nel benessere dei bambini nei paesi ricchi uniti per i bambini La Innocenti

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Lo spettacolo di una vecchia fatiscente imbarcazione da diporto, sia in decomposizione nel suo ormeggio che mezza affondata con gli alberi che spuntano dall acqua

Dettagli

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network Di cosa parliamo? La Borsa delle Idee è la soluzione per consentire alle aziende di coinvolgere attivamente le persone (dipendenti, clienti,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Gli europei e le lingue: indagine speciale di Eurobarometro

Gli europei e le lingue: indagine speciale di Eurobarometro COMMISSIONE EUROPEA DG Istruzione e cultura Formazione professionale Politica linguistica Gli europei e le lingue: indagine speciale di Eurobarometro INDICE Introduzione...1 Conoscenze linguistiche degli

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

LA FORMAZIONE DOCENTE PER UN SISTEMA

LA FORMAZIONE DOCENTE PER UN SISTEMA I European Agency for Development in Special Needs Education LA FORMAZIONE DOCENTE PER UN SISTEMA SCOLASTICO INCLUSIVO IN TUTTA EUROPA Sfide ed opportunità TE I LA FORMAZIONE DOCENTE PER UN SISTEMA SCOLASTICO

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

LA MOBILITÀ NELLA FORMAZIONE DEI DOCENTI IN EUROPA

LA MOBILITÀ NELLA FORMAZIONE DEI DOCENTI IN EUROPA la mobilità nella formazione dei docenti in europa LA MOBILITÀ NELLA FORMAZIONE DEI DOCENTI IN EUROPA MIUR Direzione Generale per gli Affari Internazionali Eurydice Direzione Generale per gli Affari Internazionali

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione.

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione. Il rapporto dell OCSE intitolato Education at a Glance: OECD Indicators è una fonte autorevole d informazioni accurate e pertinenti sullo stato dell istruzione nel mondo. Il rapporto presenta dati sulla

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

5 %>"G: (JPWFOU} JO NPWJNFOUP * 08*/>0 Mµ&VSPQB TPTUJFOF J HJPWBOJ -67 6 D3"G: 63 & E"G& > 5J * * 5 6 1G:/ &G& "34 7 / "3*D 83: & in & U 3 OP "

5 %>G: (JPWFOU} JO NPWJNFOUP * 08*/>0 Mµ&VSPQB TPTUJFOF J HJPWBOJ -67 6 D3G: 63 & EG& > 5J * * 5 6 1G:/ &G& 34 7 / 3*D 83: & in & U 3 OP in U OP Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse essere fatto delle informazioni contenute nella presente pubblicazione.

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Mai più senza smartphone.

Mai più senza smartphone. Mai più senza smartphone. Il telefonino ha superato il pc come mezzo di consultazione del web: 14,5 milioni contro 12,5 milioni.* Sempre più presente, lo smartphone è ormai parte integrante delle nostre

Dettagli

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA,

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, IL REGNO DI DANIMARCA, LA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA,

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Il Progetto Orient@mente

Il Progetto Orient@mente Il Progetto Orient@mente Presentazione, 25 marzo 2015 Marina Marchisio Dipartimento di Matematica G. Peano Orient@mente Progetto di UNITO che ha come scopo la realizzazione di un orientamento in ingresso

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Micro.Stat Workshop laboratori

Micro.Stat Workshop laboratori Promozione e diffusione della cultura statistica Micro.Stat Workshop laboratori I numeri raccontano storie a chi li sa leggere. Le statistiche parlano di ciò che siamo e della società in cui viviamo. Chi

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

ForAge Il primo Rapporto annuale

ForAge Il primo Rapporto annuale ForAge Il primo Rapporto annuale Cos'é ForAge E' una rete multilaterale europea che ha lo scopo, per contribuire ad alti livelli qualitativi nella ricerca e nella pratica, di informare su tutto quanto

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa 03 NOV 2014 Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa Da oggi Artoni Europe, servizio internazionale di Artoni Trasporti, raggiunge ben 32 paesi Europei con

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli