Studio d aggregazione dei comuni del Bellinzonese: Carta dei valori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Studio d aggregazione dei comuni del Bellinzonese: Carta dei valori"

Transcript

1 Studio d aggregazione dei comuni del Bellinzonese: Carta dei valori Siegfried Alberton Professore SUPSI e responsabile Centro competenze inno3 Michele Rigamonti Collaboratore scientifico Centro competenze inno3 Luglio 2013

2 2/50 Indice 1. Introduzione PARTE 1: MODULO 1: CARTA DEI VALORI 2. Metodologia 3. Valori 4. Visione 5. Missione 6. Criticità PARTE 2: OBBIETTIVI OPERATIVI DEI MODULI 2 E 3 7. Elementi istituzionali e organizzativi 7.1. Gruppi tematici per gli elementi istituzionali e organizzativi 8. Assi strategici e progetti faro 8.1. Gruppi tematici per gli assi strategici e i progetti faro 9. Modalità di lavoro, di informazione, comunicazione e di coordinamento per i Moduli 2 e Conclusione 11. Prossimi passi

3 3/50 1. Introduzione Seguendo la volontà dei comuni interessati, nel maggio 2012, la Consavis SA pubblicava uno studio con il quale si esploravano alcuni possibili scenari aggregativi del Bellinzonese. Lo stesso rapporto metteva in luce tre strategie principali: lo status quo, l intensificarsi delle collaborazioni intercomunali e lo scenario dell aggregazione. Quest ultima opzione prevedeva tre varianti: creazione di un solo grande comune, 3 comuni di dimensioni medie o la creazione di un polo centrale di 4-5 comuni. La creazione di un solo grande comune appariva come lo scenario prediletto dai 17 comuni. Il 6 novembre 2012 i comuni interessati firmavano un istanza indirizzata al Consiglio di Stato, per l avvio di una procedura di aggregazione. Facendo seguito a questa istanza, il 28 novembre il Gran Consiglio nominava la Commissione di studio incaricata di elaborare lo studio di aggregazione, poi da sottoporre alla popolazione dei comuni interessati in votazione consultiva (messaggio numero 6711). Con l aiuto di consulenti esterni, lo svolgimento del progetto, prevede una prima fase di serate informative, e quindi l elaborazione di una Carta dei Valori (Modulo 1). Facendo seguito a questo primo modulo, saranno poi approfonditi gli aspetti istituzionali (Modulo 2),e i temi strategici (Modulo 3). Infine un ultimo modulo definirà un piano finanziario ed un piano delle opere, sulla base di quanto emerso dai moduli precedenti. La presentazione del progetto dovrebbe avvenire per giugno La struttura dello studio aggregativo del Bellinzonese e i responsabili di tale progetto sono rappresentati nello schema seguente:

4 4/50 Commissione di Studio Rappresentati dei 17 Comuni Gruppo operativo (GO) Co-presidenza Mario Branda/Andrea Bersani Membri Riccardo Calastri, Ivan Guidotti Direzione di Progetto Philippe Bernasconi Alessandra Sartore Reto Malandrini Cancelleria SEL 1. Comunicazione Direzione di progetto Studio aggregativo Consulente principale: Michele Passardi Eventuale sondaggio Sito WEB Modulo 1 Modulo 2 Modulo 3 Manifesto dei valori Temi istituzionali e Assi strategici e progetti Rivista ai fuochi Responsabile: Siegfried Alberton Responsabile: Michele Passardi organizzativi Responsabile: Riccardo Crivelli faro per il futuro Modulo 4 Piano delle opere e finanze Responsabile: Edy Dell Ambrogio Comunicazione ai media Incontri Municipi Serate pubbliche Fonte: Dipartimento delle Istituzioni SEZIONE DEGLI ENTI LOCALI,(26 marzo 2013), Studio di aggregazione dei Comuni del Bellinzonese, PROPOSTA OPERATIVA In questo contesto, e a seguito dell offerta indirizzata alla Sezione degli Enti Locali, il 7 maggio 2013 il Consiglio di Stato affidava al Centro di Competenze Inno3 (Dipartimento di Scienze aziendali e sociali DSAS, SUPSI), l elaborazione del Modulo 1: Carta dei Valori dello studio di aggregazione del Bellinzonese, sotto la direzione del Professor Siegfried Alberton, con l accompagnamento di un pool di consulenti (Michele Passardi, Edy Dell Ambrogio e Riccardo Crivelli) e con l aiuto di un collaboratore scientifico (Michele Rigamonti).

5 5/50 PARTE 1: MODULO 1: CARTA DEI VALORI Il modulo 1 voleva perseguire due obbiettivi specifici e tre altri obbiettivi più operativi legati ai moduli successivi:

6 6/50 I due obiettivi specifici al modulo 1 erano: Identificare, selezionare, discutere e condividere i valori di fondo, la visione e la missione del nuovo Comune. I valori (principi guida), la visione (aspirazioni, proiezioni nel futuro) e la missione (via da seguire per raggiungere la visione nel rispetto dei principi guida) rappresentano le fondamenta di tutto lo studio. Identificare, selezionare, discutere e condividere le principali criticità della situazione attuale nei 17 comuni e le priorità d azione da seguire nel processo aggregativo. I tre obiettivi operativi concernenti i moduli successivi erano invece: Identificare, selezionare, discutere e condividere gli assi strategici, i progetti per il futuro e i temi istituzionali e organizzativi importanti per il Bellinzonese su cui lavorare nei moduli 2 e 3. Identificare, discutere e condividere la composizione dei gruppi di lavoro per lo svolgimento dei moduli 2 e 3. Definire, discutere e condividere le regole del gioco per la gestione dei moduli 2 e 3. Considerati gli obbiettivi e l importanza del Modulo 1 nell economia di tutto lo studio aggregativo, i consulenti hanno deciso di svolgere i lavori nell ambito di un workshop di due giorni che ha avuto luogo il 7 e 8 giugno al Convento del Bigorio. Il presente documento ne presenta ed analizza i risultati. Il presente rapporto è diviso in due parti principali: la prima sezione è dedicata ai risultati specifici al Modulo 1: il capitolo due presenta la metodologia adottata e un terzo capitolo presenterà il percorso che ha permesso di elaborare i valori guida del nuovo comune. Il capitolo 4, presenterà gli elementi che hanno permesso di giungere alla formulazione della Visione. Il capitolo 5 si focalizzerà sulla Missione: ovvero cosa dovrà fare il nuovo comune per adempiere alla Visione, restando coerente con i valori guida formulati all inizio. Il capitolo seguente permetterà di farsi un idea di quelle che sono le criticità percepite nel Bellinzonese dai membri della commissione di studio. La seconda parte è dedicata agli obbiettivi operativi dei Moduli 2 e 3: il capitolo 7 presenta i temi istituzionali e organizzativi ed il capitolo 8 gli assi strategici e i progetti faro. Il capitolo 9 presenta

7 7/50 le modalità di lavoro, di informazione, comunicazione e di coordinamento. Un capitolo finale chiuderà questo documento con una sintesi dei risultati principali e con delle considerazioni sui prossimi passi da fare.

8 8/50 2. Metodologia Per raggiungere gli obiettivi del modulo 1 è stata seguita una metodologia quanti-qualitativa strutturata in tre fasi: Fase 1: Lavori preliminari Raccolta e aggiornamento dati socio-economici, finanziari ed istituzionali dei 17 comuni (dati secondari, studi e rapporti già elaborati, ecc.) (Report) Sondaggio online diretto ai membri della commissione di studio sulle percezioni soggettive riguardanti il futuro Comune che nascerà dall eventuale aggregazione. Fase 2: Workshop (2 giorni di clausura al Bigorio, 7 e 8 giugno 2013) Al workshop hanno partecipato i membri della commissione di studio e il gruppo di consulenti incaricati dello studio aggregativo. I lavori in workshop sono stati moderati dal Prof. Alberton secondo modalità, strumenti e tecniche tipiche applicate alla risoluzione di problemi complessi e coadiuvato dal gruppo di consulenti. Di seguito presentiamo una tabella con tutti i partecipanti al worskhop: Membri della Commissione di studio Comune Arbedo- Castione Bellinzona Cadenazzo Camorino Claro Membro VS Elisabetta Ghirlanda S Mario Branda S Flavio Petraglio S Vincenzo Mozzini S Roberto Keller

9 9/50 Giubiasco Gnosca Gorduno Gudo Moleno Monte Carasso Pianezzo Preonzo S Andrea Bersani S Moreno Pedrazzi VS Emilio Kronauer VS Giacomo Zanini S Angelo Jam S Ivan Guidotti VS Michel Delbue S Fabio Pasinetti S. Antonino S Christian Vitta S. Antonio S Daniela Tamagni Sementina S Riccardo Calastri Consulenti Nome Siegfried Alberton Michele Passardi Affiliazione Professore SUPSI, Responsabile Centro di Competenze Inno3 lic. oec. HSG, Consavis SA Edy dell Ambrogio Riccardo Crivelli

10 10/50 Il programma dettagliato delle due giornate è riportato di seguito: Programma- venerdì : Valori/Visione/Missione/Criticità Quando Cosa Chi Arrivo Tutti (plenum) Inizio lavori Tutti (plenum) Benvenuto-obiettiviprogramma Valori (identificazione, discussione, selezione, condivisione) Visione (identificazione, discussione, selezione, condivisione) Missione (identificazione, discussione, selezione, condivisione) Criticità (identificazione, discussione, selezione, condivisione) Alberton (plenum) Partecipanti (in 3 gruppi e in plenum) coordinati da Consulenti Partecipanti (in 3 gruppi e in plenum) coordinati da Consulenti Partecipanti (in 3 gruppi e in plenum) coordinati da Consulenti Partecipanti (in 3 gruppi e in plenum) coordinati da Consulenti

11 11/50 Programma- sabato : Assi strategici/progetti faro/gruppi tematici/ regole del gioco per moduli 2+3 Quando Cosa Chi Inizio lavori Tutti (plenum) Benvenuto-obiettiviprogramma Assi strategici e progetti faro per il futuro Temi istituzionali e organizzativi Alberton (plenum) Partecipanti (in 3 gruppi e in plenum) coordinati da Consulenti Partecipanti (in 3 gruppi e in plenum) coordinati da Consulenti Pranzo Tutti Regole funzionamento moduli Gruppi tematici per modulo 2 e 3 (identificazione, discussione, selezione, composizione, condivisione) Consulenti (plenum) Partecipanti in plenum coordinati da Consulenti Conclusioni e follow up Consulenti (Plenum) Fine lavori e rientro Tutti

12 12/50 Fase 3: Follow up Analisi e restituzione dei risultati dei lavori in workshop (Primo Report intermedio). Introdurre le procedure discusse durante l ultimo incontro. Discussione con il comitato operativo (secondo report intermedio) Discussione e condivisione finale dei risultati del modulo 1 ( riunione plenaria: commissione studio, SEL, consulenti) (Report finale)

13 13/50 3. Valori I lavori al Bigorio sono cominciati, secondo programma, con l elaborazione dei valori del nuovo Comune. In una prima fase è stato chiesto ai partecipanti, divisi in tre gruppi, di formulare 5 valori fondamentali. I membri si sono potuti aiutare ed ispirare grazie a delle carte tematiche. I risultati dei gruppi sono infine stati presentati sotto forma di flipchart. La tabella seguente mostra gli elementi scaturiti dal lavoro di ogni singolo gruppo. Gruppo 1 Gruppo 2 Gruppo 3 Territorio: peculiarità, vivibilità, qualità, sicurezza, lavoro Solidarietà: identità locale (associazioni, ), fra le nuove identità aggregative Servizio pubblico: collegamenti, servizi, strutture dislocate Rappresentatività istituzionale: parità di trattamento Fedeltà alle istituzioni Rispetto democratico Dedizione e tenacia Solidarietà Sicurezza Salvaguardia del territorio Salvaguardia delle peculiarità locali Qualità di vita Imprenditorialità Rispetto, salvaguardia delle specificità Qualità dei servizi Forte capacità progettuale Autonomia d azione Equilibrio tra radici e comunità Rispetto Determinazione Fiducia Appartenenza Identità Sostenibilità (sviluppo sostenibile) Solidarietà (equità) Trasparenza tra cittadini o istituzioni Libertà (di espressione) Apertura Sviluppo

14 14/50 Figura 1, 2 e 3: I risultati dei Gruppi 1, 2 e 3

15 15/50 In un secondo tempo, è stato chiesto ai singoli gruppi di presentare e condividere oralmente i propri risultati in plenum. Hanno inoltre potuto votare tramite bullet point i valori che secondo loro erano più importanti. Di seguito sono presentati gli elementi principali scaturiti dalle discussioni: Identificazione in un territorio Bellinzonese : già oggi, da parte dei cittadini, vi è una sorta di identificazione in un territorio Bellinzonese Autonomia: riconoscersi nel comune ed essere capaci di rivendicare i propri compiti sono due facce della stessa medaglia Fiducia e rispetto: nelle istituzioni e tra i cittadini, ciò garantirebbe una Bellinzona di classe A per tutti. Qualità di vita e sviluppo sostenibile: elementi essenziali del futuro comune. Vicinanza e trasparenza: il dialogo tra i cittadini e le istituzioni ne favorirebbero i rapporti. La trasparenza tra questi due attori è une elemento da non dimenticare. Solidarietà e rispetto: verso le identità e le specificità locali che vanno riconosciute e sostenute. Equità: tra i cittadini e i comuni. Creare un nuovo Comune: il processo aggregativo consiste nel creare un nuovo comune, e non nell allargamento di uno già esistente. Aprirsi e svilupparsi Identità e appartenenza: sono due elementi che devono completarsi a vicenda. È necessaria un sintesi tra i due. Si crea un nuovo comune ma salvaguardando le specificità locali.

16 16/50 L intergenerazionalità: tra i comuni e i cittadini è un altro elemento importante. Nel proiettare il comune nel futuro, è indispensabile chiedersi chi ne saranno i cittadini. In una terza parte, tenendo conto degli elementi scaturiti durante le discussioni, i consulenti hanno riassunto e formalizzato i risultati dei gruppi in una forma condivisa da tutti. I valori del nuovo Comune saranno dunque: VALORI Qualità di vita e sviluppo sostenibile Solidarietà (equità) e rispetto delle peculiarità Fiducia e trasparenza Identità e appartenenza Servizio pubblico

17 17/50 4. Visione Il secondo tema all ordine del giorno, era l elaborazione della visione. La coerenza con i valori elaborati il mattino fungeva da vincolo imprescindibile. Completando la frase, Tra anni il mio Bellinzonese ideale, si distinguerà dagli altri agglomerati grazie a, ai tre gruppi, è stato chiesto di formulare in poche parole, quella che dovrà essere la missione del nuovo comune. La tabella sottostante mostra i tre risultati ottenuti. VISIONI Tra anni il Bellinzonese sarà una regione che ha colto le opportunità di una ritrovata centralità a vantaggio di uno sviluppo economico e sociale sostenibile Un agglomerato dove grazie ad un accresciuta accessibilità (ferroviaria/autostradale) sarà possibile una migliore integrazione economica con il resto della Svizzera, favorendo lo sviluppo di poli d eccellenza (biomed/ferrovie) che promuoveranno nuove iniziative economiche Cosciente della propria centralità, godrà della qualità del proprio territorio e sfrutterà le opportunità di sviluppo economico assicurate dai nuovi collegamenti AlpTransit. Il Bellinzonese svilupperà offerte nel campo delle nuove tecnologie e della ricerca, per le quali la qualità di vita e la localizzazione sono fattori determinanti

18 18/50 Figura 3: I risultati dei tre gruppi di lavoro

19 19/50 In seguito, ai partecipanti è stato chiesto di condividere i propri risultati in plenum. Ne è seguita una discussione della quale elenchiamo gli elementi principali: Ritrovato collegamento con il Nord: grazie ad AlpTransit e a nuovi collegamenti autostradali sarà possibile ritrovare un collegamento con la parte più a Nord della Svizzera. Nuove realtà sociali ed economiche: AlpTransit potrà favorire un ricongiungimento con le realtà sociali ed economiche del nord della Svizzera. Sarà per esempio possibile sviluppare una sorta di pendolarismo tra il Ticino e il Nord della Svizzera. Valorizzazione e diversificazione: questi nuovi movimenti permetteranno di accedere a nuove professioni e di valorizzare nuove attività sul territorio dell agglomerato, favorendone la diversificazione. Sviluppare i collegamenti con il Sud: i legami con l Italia e con i poli di Lugano e Chiasso-Mendrisio non vanno dimenticati: anche questi, grazie a dei tempi di percorrenza molto più brevi, permetterebbero di sviluppare ancor più i legami già esistenti. Pressione sui salari e sul territorio: bisogna però considerare che l entrata di lavoratori a basso costo dal nord e dal sud, creerebbe una pressione al ribasso sui salari, a scapito del livello di vita attuale. In più, la qualità di vita e l accresciuta accessibilità aumenterebbero la pressione sul territorio, che andrebbe gestito adeguatamente. Piani regolatori: un eventuale fusione dei piani regolatori andrebbe discussa.

20 20/50 Tenendo conto degli elementi scaturiti durante la fase di plenum, i consulenti hanno elaborato una forma condivisa da tutti. La visione del nuovo comune è stata infine formulata come segue: VISIONE Grazie ad una ritrovata centralità (Alptransit) e alla qualità di vita, tra anni il Bellinzonese potrà sviluppare una migliore integrazione con il resto della Svizzera, favorire nuovi centri d eccellenza (Bio-Med, Polo tecnologia ferroviaria), promuovere iniziative economiche nel rispetto dello sviluppo sostenibile

21 21/50 5. Missione Il terzo compito della prima giornata di lavoro costituiva nell elaborazione della Missione del nuovo Comune. Sempre divisi in tre gruppi, ai partecipanti è stato chiesto di completare la frase: Cosa farà la nuova Città in favore dei suoi cittadini e della sua economia, puntando a quali risultati (obbiettivi strategici). Questa frase è servita per mettere in evidenza il COSA, il PER CHI e il PERCHÉ. Ai partecipanti è stato chiesto di formulare una frase ad effetto coerente con i valori e la visione. Gruppo 1 Gruppo 2 Gruppo 3 L unione permetterà di creare lavoro e qualità di vita Crescere dinamica per la nostra Bellinzona del futuro Vivere bene Collegarsi efficacemente Crescere Lavorando Insieme per tutti Figura 4: I risultati dei tre gruppi di lavoro

22 22/50 La discussione in plenum, ha permesso di far emergere gli elementi seguenti: Vivere bene = qualità di vita Collegarsi efficacemente = collegarsi verso l esterno, ma anche verso l interno e a livello dei servizi Crescere lavorando = sviluppo sostenibile Insieme per tutti = solidarietà Dinamismo: è importante che la città possa progettare e creare, ma con un obbiettivo, ossia, il lavoro e la qualità di vita Crescere e progredire: è necessario crescere e progredire ma in modo dinamico, con una marcia in più Infine, i consulenti hanno rielaborato la missione del nuovo comune nel modo seguente: MISSIONE Unirsi per continuare a vivere bene, collegarsi efficacemente e crescere lavorando Insieme, più forti, per tutti

23 23/50 6. Criticità Il programma di venerdì 7 giugno, si è concluso con una riflessione sulle principali criticità del Bellinzonese. È stato chiesto ai gruppi di realizzarne una lista (sfide-timori, opportunità, ) secondo il loro grado d impatto. Anche in questo caso la coerenza con i valori, la visione e la missione era importante. Di seguito quanto emerso dai lavori in gruppo. Gruppo 1 Gruppo 2 Gruppo 3 Campanilismo Paura del cambiamento Paura di non essere rappresentati (perdita di controllo) Situazione economica difficile (limiti degli aiuti cantonali) Dimensione del progetto Differente forza economica trai vari comuni Coordinamento tra le realtà attuali e future Efficacità/Efficienza dell amministrazione pubblica Pianificazione selvaggia Imprenditorialità Leadership Trasporti Disponibilità di territorio per lo sviluppo previsto Frammentazione e distanza tra i centri abitati Marginalizzazione (mancata solidarietà, mancati servizi) Insediamenti nocivi in zone periferiche Perdita di rappresentanza Perdita di prossimità con l autorità Allentamento dello spirito comunitario Paura del cambiamento Mancanza di spirito imprenditoriale Perdita di cadreghini Aumento moltiplicatore Perdita di servizi particolari e privilegi Sfiducia, litigiosità, e invidia (campanilismo)

24 24/50 Figura 5: I flipchart dei tre gruppi

25 25/50 Una discussione in plenum ha permesso ai gruppi di condividere i propri risultati. La tabella seguente ne riporta gli elementi principali. Cancellazione di spazi verdi: paura che si riaprano delle zone verdi per cercare uno sviluppo che non ha più spazio nel centro Territorio insufficiente: paura che il territorio disponibile non sia a sufficienza per lo sviluppo previsto Territorio sufficiente: non vi è alcuna necessità di liberare nuovi spazi. Inoltre lo sviluppo urbano è limitato da molti fattori. Il problema di un sovrasviluppo sembrerebbe dunque infondato. Risorse disponibili: la questione è sapere se per lo sviluppo previsto le risorse siano disponibili o no: bisognerebbe innanzi tutto chiedersi che tipo di sviluppo si vuole portare avanti Peso dell Amministrazione pubblica: spesso, dall esterno ma anche dall interno, si ha tendenza a vedere nell amministrazione pubblica un freno allo sviluppo. Si vuole evitare che questo settore si appesantisca ulteriormente e blocchi lo sviluppo di altri settori. Mancanza di una leadership politica: i funzionari si sono sostituiti ai politici. Prossimità: malgrado l imponenza dell amministrazione pubblica, è necessario garantire la vicinanza ai comuni più piccoli. Servizi pubblici: I livelli qualitativi e quantitativi devono essere gli stessi di quelli del centro o del comune con lo standard più alto? È in ogni caso impossibile fornire lo stesso livello qualitativo e quantitativo ad ogni comune. Limiti degli aiuti finanziari: potrebbe porre un freno al processo aggregativo

26 26/50 PARTE 2: OBBIETTIVI OPERATIVI DEI MODULI 2 E 3

27 27/50 7. Temi istituzionali e organizzativi Durante il secondo giorno, uno dei compiti richiesti ai partecipanti è stata l elaborazione di una lista dei temi istituzionali e organizzativi più importanti per il Bellinzonese. In un primo tempo, è stato chiesto di elaborare una lista di temi legati all organizzazione e alle istituzioni del nuovo comune, e di posizionarli in una matrice URGENZA-IMPATTO. Gruppo 1 Impatto Comune di prossimità Forme organizzative nuove per temi specifici (sport, gestione territorio, ) Rappresentanza politica delle frazioni Urgenza

28 28/50 Gruppo 2 Proffessionalizzazione (tempo dedicato) Scuole Impatto Nuovo modello organizzativo Rappresentanza amministrativa Sportelli: funzioni centrali Rappresentanza di quartiere Uguaglianza Media Previdenza professionale Territorio e piano regolatore Rappresentanza politica Urgenza AMB TERIS

29 29/50 Gruppo 3 Impatto Poteri esecutivo, Legislativo o Rappresentanza Organizzazione o Aziende (acqua ed energia) o Scuole o UTC o Amministrazione o Sicurezza Consorzi ROD + Cassa pensioni + Contabilità Funzionalità o Centralizzazione o Decentramento antenne Logistica o Utilizzazione spazio esistenti Urgenza

30 30/50 In un secondo tempo i gruppi hanno avuto la possibilità di presentare oralmente i propri risultati a tutti gli altri. Di seguito trovate i punti principali scaturiti dalle discussioni. Comune di prossimità: servizio di accoglienza e di trasmissione delle informazioni al gradino più alto, più efficace Creazione di un nuovo regolamento organico: le cariche istituzionali dovrebbero essere rimesse a concorso. Nuovi funzionari: ma provenienti dall interno, permetterebbero di portare e approfittare di un know-how molto importante. Non tutto può essere uniformato: i contributi specifici presenti in certi comuni non possono essere estesi a tutti gli altri. Necessità di un sindaco professionista : necessità di una carica più completa in termini di tempo dedicato (60%). La retribuzione dovrebbe essere proporzionale al tempo dedicato. Dare ai politici il tempo di fare politica. Salari e tempo investito: bisogna adeguare i salari e aumentare il tempo da investire, o trovare dei volontari diventa difficile.

31 31/50 Tenendo conto degli elementi scaturiti durante le discussioni, i consulenti, hanno elaborato una sintesi condivisa da tutti. Questi cinque temi corrisponderanno a cinque gruppi di lavoro, che nel Modulo 2 dovranno approfondire questi elementi. ISTITUZIONI E ORGANIZZAZIONE Modello organizzativo Rappresentanza Offerta di servizi Enti esterni e Aziende Personale e LPP

32 32/ Gruppi di lavoro tematici per i temi istituzionali e organizzativi Ad ogni tema sarà affiancato un gruppo di lavoro specifico che avrà il compito di analizzare e approfondire il soggetto: ognuno di questi team sarà composto da 1 membro della Commissione, quale Presidente, 1 segretario (Segretario del Comune di provenienza del Presidente, per organizzazione e dati), 1 consulente (per redazione bozza rapporto e coordinamento di merito) e 3-4 membri, su proposta della Commissione e da essa ratificati. Di seguito trovate una descrizione più dettagliata di quelli che saranno i mandati di ogni gruppo di lavoro. Gruppo di lavoro 1 Tema / Progetto Modello organizzativo Coordinatore Segretario Consulente R. Keller (Claro) S. Grisetti Bontognali M. Passardi Sintesi del mandato / Compito Individuare le linee essenziali del modello organizzativo del nuovo Comune in relazione a - ripartizione in aree - selezione del personale chiave - livelli di delega - rapporti con enti esterni (> GL 4) - presenza e diffusione dell amministrazione sul territorio (> GL 3) Indicare le modalità di transizione dalle strutture attuali al nuovo concetto di gestione Tecnologie e sistemi di supporto alla gestione

33 33/50 Gruppo di lavoro 2 Tema / Progetto Rappresentanza Coordinatore Segretario Consulente Membri F. Pasinetti (Preonzo) E. Beltraminelli R. Crivelli M. Branda Sintesi del mandato / Compito Individuare le proposte in relazione a - dimensione e composizione degli organi politici (Municipio, CC, Commissioni) - ruolo e impegno dei membri dell esecutivo - organismi di rappresentanza locale - modalità di relazione con Parrocchie, Patriziati e Associazioni locali - modalità di interazione con la cittadinanza (informazione e comunicazione) - circondari elettorali E- Government Gruppo di lavoro 3 Tema / Progetto Offerta di servizi Coordinatore Segretario Consulente D. Tamagni (S. Antonio) R. Malandrini M. Passardi Sintesi del mandato / Compito Individuare le linee guida per i servizi alla popolazione in relazione ai seguenti criteri - centralizzazione / decentralizzazione - livello qualitativo - finanziamento (tasse per prestazioni / imposte) Proporre idee di concretizzazione (esempi) per i seguenti settori chiave: - scuole (SI /SE)

34 34/50 - sicurezza - servizi di cancelleria Gruppo di lavoro 4 Tema / Progetto Enti esterni, Aziende comunali e Consorzi Coordinatore F. Petraglio (Cadenazzo). Segretario M. Suà Consulente M. Passardi Sintesi del mandato / Compito Individuare compiti e opportunità di crescita per enti esterni e aziende al nuovo Comune nei seguenti settori - servizi industriali (acqua, elettricità, gas, depurazione, rifiuti) - servizi sociali, assistenza, anziani - gestione del territorio (rete stradale, verde pubblico, infrastrutture, patrimonio immobiliare) - sport e svago Indicare modelli di collaborazione con la nuova amministrazione comunale Indicare possibilità di semplificazione istituzionale e operativa, integrazione e scioglimento

35 35/50 Gruppo di lavoro 5 Tema / Progetto Personale e previdenza professionale Coordinatore Segretario Consulente V. Mozzini (Camorino) P. Bernasconi / A. Benelli E. Dell Ambrogio Sintesi del mandato / Compito Individuare i modelli di riferimento per la gestione del personale e le modalità di passaggio dal regime attuale a quello futuro (garanzie minime). Identificare il modello di riferimento per la previdenza professionale del nuovo Comune. Identificare le modalità di riattribuzione delle funzioni secondo il nuovo modello organizzativo (> GL 1)

36 36/50 8. Assi strategici e progetti faro per il futuro L elaborazione di una lista degli assi strategici e i progetti faro per il futuro costituiva un secondo obbiettivo. In una prima parte, ai tre gruppi, è stato chiesto di elaborare degli assi strategici o progetti faro e di posizionarli in una matrice URGENZA-IMPATTO. La coerenza con i valori, la visione, la missione e le criticità elaborate nelle fasi precedenti, restava un elemento essenziale. Gruppo 1 Impatto Strutture e servizi per anziani Investimenti a sostegno e mantenimento Ospedale + master in medicina Tram d agglomerato Investimenti per attrezzare aree da mettere a disposizione delle start-up Poli d eccellenza: o o o o Biomedicina Ferroviario Sviluppo sostenibile Amministrazione pubblica Investimenti per valorizzare aree di svago, territorio e Parco del Piano in funzione turistica Semisvincolo Urgenza

37 37/50 Gruppo 2 Impatto Stazione Ticino Quartieri residenza (AlpTransit) Riqualifica urbana OFFS Centro competenze FFS/PRIV Zona Industriale Nord/Sud Biomed IRB/IOSI Ospedale Cantonale Piano del Parco di Magadino (turismo di giornata) Urgenza Mobilità lenta

38 38/50 Gruppo 3 Impatto Ricerca e Formazione o OSG /Ospedale Cantonale o IOSI o IRB o Polo tecnologico Ferroviario Turismo o Valorizzazione montagne o Parc Adula o Parco Piano di Magadino o Valorizzazione monumenti storici Qualità insediativa e gestione del territorio o Mobilità o Servizi Pubblici / Infrastrutture o Buona Amministrazione Urgenza

39 39/50 In un secondo tempo i gruppi hanno potuto presentare i propri risultati in plenum. La tabella seguente riporta gli elementi principali di queste discussioni. L urgenza di un progetto non dipende solamente dalla volontà politica. Bisogna saper cogliere le opportunità. La buona amministrazione e la sua efficacia sono importanti per i cittadini. Per raggiungere gli obbiettivi bisogna porsi l asticella molto in alto, così da partire con una marcia in più. Grazie a questi elementi, i consulenti hanno in seguito elaborato quelli che saranno i temi e gli assi strategici e i progetti faro da analizzare e approfondire nel Modulo 3. ASSI STRATEGICI E PROGETTI FARO Scienze della vita Scienze dell Amministrazione Turismo, Svago, Beni culturali Tecnologia e promozione industriale Insediamenti e mobilità

40 40/ Gruppi di lavoro tematici per gli assi strategici e i progetti faro Ad ognuno di questi temi, come nel caso degli elementi istituzionali e organizzativi, sarà affiancato un gruppo di lavoro specifico che avrà il compito di analizzare e approfondire il soggetto. Di seguito trovate una descrizione più dettagliata di quelli che saranno i mandati di ogni gruppo di lavoro. Gruppo di lavoro 1 Tema / Progetto Scienze della vita Consulente R. Crivelli Coordinatore Zanini (Gudo) Sintesi del mandato / Compito Individuare i possibili centri di eccellenza nell ambito delle scienze della vita, tenendo conto - degli istituti esistenti (IOSI, IRB, OSG) - dell importanza cantonale e nazionale - delle prospettive di sviluppo nel settore medico-ospedaliero (ospedale cantonale, master in medicina) Definire una possibile strategia volta a creare le condizioni quadro per un loro sviluppo Gruppo di lavoro 2 Tema / Progetto Scienze dell amministrazione Consulente R. Crivelli Coordinatore C. De Gottardi (Lumino)

VALE IL DISCORSO ORALE

VALE IL DISCORSO ORALE VALE IL DISCORSO ORALE Convegno SUPSI-SIA/TI-ATG-Rotary Club Mendrisiotto AlpTransit 2019: un futuro ad alta velocità per il Ticino? «Una rivoluzione per la mobilità e un opportunità per il territorio»

Dettagli

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI REGOLAMENTO Regolamento Forum dei Giovani Pag. 1 di 8 ART.1 Istituzione Il Consiglio Comunale della Città di Pollena Trocchia riconosciuto: l importanza

Dettagli

Parc Adula Progetto di parco nazionale. Una piccola Svizzera nel cuore delle Alpi

Parc Adula Progetto di parco nazionale. Una piccola Svizzera nel cuore delle Alpi Parc Adula Progetto di parco nazionale Una piccola Svizzera nel cuore delle Alpi 1 Una piccola Svizzera nel cuore delle Alpi, Associazione Parc Adula, Marzo 2011 Missione Il progetto Parc Adula si prefigge

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Elaborazione Ufficio Servizi Culturali Ottobre 2007 INDICE Art. 1 Principi ispiratori Art. 2 Consulta delle Associazioni Art. 3 Finalità ed attività Art. 4

Dettagli

Studio strategico Locarnese

Studio strategico Locarnese Studio strategico Locarnese Modulo: La regione vista dai suoi cittadini e amministratori Workshop sintesi Siegfried Alberton & Giuliano Guerra Locarno, 13.12.2008 Obiettivi Ricordaredati quantitativi sullo

Dettagli

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO STATUTO ART. 1 - COSTITUZIONE E FINALITA Il COMITATO GENITORI MONTEOLIMPINO dei PLESSI

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI Indice PREFAZIONE INTRODUZIONE La Consulta dei Medici in Formazione Specialistica SItI L attività della Consulta Normativa MATERIALI E METODI Studi inclusi RISULTATI Competenze teoriche - Attività didattica

Dettagli

NUOVO STATUTO CONSORTILE del Consorzio Protezione civile Regione del Bellinzonese

NUOVO STATUTO CONSORTILE del Consorzio Protezione civile Regione del Bellinzonese CONSORZIO PROTEZIONE CIVILE REGIONE DEL BELLINZONESE Via Lugano 1, casella postale 1213, 6501 Bellinzona Sportello: lunedì venerdì 09.45 11.45 / 14.00 16.00 Tel 091 825 41 33 - Fax 091 826 31 15 - Email

Dettagli

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità Auser: Sistemi di Welfare e Comunità 1. Ricomporre i Bisogni della Persona Provando a declinare alcune problematiche dall'agenda sociale, sembra che il tema degli anziani, dei mutamenti demografici, delle

Dettagli

Studio strategico Malcantone Ovest

Studio strategico Malcantone Ovest Studio strategico Malcantone Ovest Dal presente al futuro in un ottica strategica Risultati della serata pubblica e pianificazione della fase II Redazione Andrea Huber Docente-ricercatore Centro competenze

Dettagli

DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI

DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI MODENA, GIUGNO 2006 Pagina 1 di 6 Premessa Questo documento nasce dalla volontà di formalizzare l avvio di una rete di soggetti operanti, a vario titolo,

Dettagli

PROPOSTE per un PROGRAMMA di LAVORO del CODAU

PROPOSTE per un PROGRAMMA di LAVORO del CODAU PROPOSTE per un PROGRAMMA di LAVORO del CODAU Premessa Nel rispetto delle linee tracciate dal nuovo Statuto approvato dall Assemblea del 18-19-20 marzo 2004, si ritiene opportuno fare una premessa metodologica,

Dettagli

Deliberazione del Comitato di gestione n. 6 di data 6 maggio 2015.

Deliberazione del Comitato di gestione n. 6 di data 6 maggio 2015. Deliberazione del Comitato di gestione n. 6 di data 6 maggio 2015. Oggetto: Adozione dell aggiornamento del Programma pluriennale 2011-2015 da sottoporre alla Giunta provinciale. La legge provinciale 23

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 3: SERVIZI PER LO SVILUPPO LOCALE DEI TERRITORI Sintesi risultati incontro del 11 Marzo 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO

Dettagli

Programma Integrato Urbano PIU Europa CITTA di AVELLINO

Programma Integrato Urbano PIU Europa CITTA di AVELLINO Programma Integrato Urbano PIU Europa CITTA di AVELLINO Cabina di Regia del 26 gennaio 2009 Regolamento per l organizzazione ed il funzionamento della Cabina di Regia Città di Avellino Programma Integrato

Dettagli

La costituzione degli Organismi della Partecipazione della SdS di Firenze

La costituzione degli Organismi della Partecipazione della SdS di Firenze SOCIETA DELLA SALUTE DI FIRENZE La costituzione degli Organismi della Partecipazione della SdS di Firenze Gruppo di lavoro: Andrea Aleardi Assessorato alla Partecipazione Comune di Firenze Roberto Bocchieri

Dettagli

UDINE: UN COMUNE FUORI DAL COMUNE PROPOSTE DI BILANCIO PARTECIPATIVO

UDINE: UN COMUNE FUORI DAL COMUNE PROPOSTE DI BILANCIO PARTECIPATIVO 1 UDINE: UN COMUNE FUORI DAL COMUNE PROPOSTE DI BILANCIO PARTECIPATIVO 2 Serata Conclusiva CORSO di FORMAZIONE COSTRUIAMO UN COMUNE FUORI DAL COMUNE Quale bilancio partecipativo per la nostra città? Proposte

Dettagli

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Approvato con deliberazione C.C. n. 48 del 08/09/2015 In vigore dal 9 ottobre 2015 www.comune.genova.it

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Inverigo Provincia di Como SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDICE INTRODUZIONE TITOLO I FINALITA E PRINCIPI Art. 1 - Finalità e oggetto Art. 2 - Principi di riferimento

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO E DELL ASSOCIAZIONISMO

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO E DELL ASSOCIAZIONISMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO E DELL ASSOCIAZIONISMO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 36 del 04.05.2006 Indice ART. 1 - OBIETTIVI...2 ART. 2 - FUNZIONI DELLA CONSULTA...2

Dettagli

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani Descrizione Progetto Il progetto, attraverso un processo partecipativo che coinvolge tutti i soggetti istituzionali, economici e

Dettagli

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il Marketing territoriale Il territorio, sia esso una città, un area urbana, un area turistica

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI COMUNE DI FLUMINIMAGGIORE PROVINCIA DI Carbonia Iglesias REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del INDICE Art. 1 Principi ispiratori Art. 2

Dettagli

Verbale incontro XV^ Consulta Sport Sala riunioni ANCI PIEMONTE - Piazza Palazzo di Città n. 1 Torino 17 maggio 2010 ore 10.00

Verbale incontro XV^ Consulta Sport Sala riunioni ANCI PIEMONTE - Piazza Palazzo di Città n. 1 Torino 17 maggio 2010 ore 10.00 Verbale incontro XV^ Consulta Sport Sala riunioni ANCI PIEMONTE - Piazza Palazzo di Città n. 1 Torino 17 maggio 2010 ore 10.00 Si veda foglio firme PRESENTI ORDINE DEL GIORNO 1) Insediamento della Consulta

Dettagli

CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI

CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI PREMESSA La presente premessa costituisce parte integrante del regolamento. Alcuni anni fa, in un momento in cui la realtà giovanile ha cominciato a prendere maggiormente

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI PRESIDENTE: (Art. 22 del Regolamento della Struttura di Base) 1. convoca la Presidenza almeno una

Dettagli

Il Canton Ticino a Expo 2015

Il Canton Ticino a Expo 2015 Il Canton Ticino a Expo 2015 Paolo Beltraminelli Presidente del Consiglio di Stato Luigi Pedrazzini Delegato cantonale Expo 2015 del Consiglio di Stato Giampiero Gianella Cancelliere dello Stato Il Canton

Dettagli

COMUNE DI GORNO Provincia di Bergamo

COMUNE DI GORNO Provincia di Bergamo COMUNE DI GORNO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ECOMUSEO DELLE MONTAGNE E DELLE MINIERE DI GORNO Le montagne, le miniere e la gente di Gorno: cultura e tradizioni locali per

Dettagli

Cantiere formativo territoriale Associazione Intercomunali delle Valli delle Dolomiti friulane verso l Unione

Cantiere formativo territoriale Associazione Intercomunali delle Valli delle Dolomiti friulane verso l Unione Cantiere formativo Riordino del sistema regione Autonomie Locali del Friuli Venezia Giulia Cantiere formativo territoriale Associazione Intercomunali delle Valli delle Dolomiti friulane verso l Unione

Dettagli

Intergenerazionalità una risorsa per la società

Intergenerazionalità una risorsa per la società Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento scienze aziendali e sociali Intergenerazionalità una risorsa per la società Pratiche, proposte, interventi Pomeriggio Serata di di

Dettagli

COMUNE DI DECIMOMANNU

COMUNE DI DECIMOMANNU COMUNE DI DECIMOMANNU REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E CULTURALI. (Approvato con Deliberazione di C.C. n. del ) 1 INDICE

Dettagli

CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 17.09.2012 INDICE Art.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI ZONA 4 DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI ZONA 4 DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI ZONA 4 DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Approvato con delibera del CdZ4 N.127 del 09/05/2013 Parte prima PRINCIPI GENERALI Art. 1 PREMESSA Il presente regolamento definisce le finalità,

Dettagli

BOZZA DEL 13 SETTEMBRE 2006

BOZZA DEL 13 SETTEMBRE 2006 PROVINCIA DI BOLOGNA Settore Pianificazione Territoriale http://cst.provincia.bologna.it/ptcp/psc.htm BOZZA DEL 13 SETTEMBRE 2006 APPROFONDIMENTI TECNICI MODI E TEMPI DI SVOLGIMENTO DELLA CONFERENZA DI

Dettagli

STATUTO DEL FORUM PER LE POLITICHE GIOVANILI DELLA CITTA DI GROSSETO

STATUTO DEL FORUM PER LE POLITICHE GIOVANILI DELLA CITTA DI GROSSETO STATUTO DEL FORUM PER LE POLITICHE GIOVANILI DELLA CITTA DI GROSSETO Art. 1 Istituzione ed impegni dell Amministrazione Comunale Il Consiglio Comunale di Grosseto, riconosciuta l importanza di coinvolgere

Dettagli

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE.

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. INDICE TITOLO I ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI art. 1 Finalità

Dettagli

L organizzazione di un Sistema trasfusionale articolato, variegato e complesso come quello italiano non può prescindere da un progetto comune,

L organizzazione di un Sistema trasfusionale articolato, variegato e complesso come quello italiano non può prescindere da un progetto comune, 1 L organizzazione di un Sistema trasfusionale articolato, variegato e complesso come quello italiano non può prescindere da un progetto comune, globale e soprattutto condiviso, che coinvolga tutte le

Dettagli

FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ

FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ DI BENEVENTO REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Titolo I Principi generali Art. 1 Il Forum della Gioventù della Provincia di Benevento è un organismo di partecipazione, rappresentanza

Dettagli

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA ART. 1 Istituzione STATUTO - REGOLAMENTO E istituito ai sensi dell art. 23 della L.R. 21 Febbraio 2005, n.12 il Comitato Paritetico

Dettagli

PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti

PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti 1. MOTIVAZIONI E SCELTE ESSENZIALI La capacità competitiva dell Italia nel mercato internazionale del turismo è largamente

Dettagli

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO D I R E Z I O N E G E N E R L E P E R L O S T A T U S D E L L O S T U D E N T E, L E P O L I T I C H E G I O V A N I L I E L E A T T I V I T A M O T O R I E

Dettagli

PROTOCOLLO DI ALMERIA ASSOCIAZIONE EUROPEA DEI CENTRI STORICI

PROTOCOLLO DI ALMERIA ASSOCIAZIONE EUROPEA DEI CENTRI STORICI PROTOCOLLO DI ALMERIA ASSOCIAZIONE EUROPEA DEI CENTRI STORICI ORIGINI Dopo l approvazione della proposta della città di Almeria per il recupero del suo centro storico, nel giugno del 2008, nel contesto

Dettagli

CITTA DI BIELLA AGENDA 21 LOCALE REGOLAMENTO DEL FORUM PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE

CITTA DI BIELLA AGENDA 21 LOCALE REGOLAMENTO DEL FORUM PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE CITTA DI BIELLA AGENDA 21 LOCALE REGOLAMENTO DEL FORUM PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE 1. Disposizioni generali Il Forum Agenda 21 di Biella è promosso dal Comune di Biella nell ambito della valorizzazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA DI COSENZA DI LECCE DI MATERA DI TARANTO PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL TAVOLO DI CONSULTAZIONE PERMANENTE TRA LE PROVINCE DEL GOLFO DI TARANTO (COSENZA,

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI

STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI Art. 1 Costituzione e sede L Associazione SOCI GIOVANI BCC Don Rizzo costituitasi in Alcamo per volere di un gruppo di giovani

Dettagli

Associazione di Volontariato ARCI 690.

Associazione di Volontariato ARCI 690. STATUTO Art 1 E costituita con sede in Cascina, presso i locali della Pubblica Assistenza, Via Comaschi, 46 un Associazione di Volontariato che assume la denominazione di Associazione di Volontariato ARCI

Dettagli

forum COMUNALE DEI GIOVANI LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE

forum COMUNALE DEI GIOVANI LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI UN forumcomunale DEI GIOVANI forum COMUNALE DEI GIOVANI Promuovere l interesse e la partecipazione dei giovani alla vita sociale e politica del comune e della regione

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Linee guida alla compilazione del Modello on line C Unione Europea Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Fondo Europeo per i Rifugiati Fondo Europeo per i Rimpatri

Dettagli

Art. 4 - DIRITTI E DOVERI DEGLI ADERENTI

Art. 4 - DIRITTI E DOVERI DEGLI ADERENTI Art. 1 - COSTITUZIONE 1.1 E costituita l associazione Immagine Pensiero il Prato di Assio che in seguito sarà denominata l associazione. L associazione adotta come riferimento la legge quadro del volontariato

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Scheda informativa: avamprogetto per la procedura di consultazione Strategia Reti elettriche

Scheda informativa: avamprogetto per la procedura di consultazione Strategia Reti elettriche Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni (DATEC) Ufficio federale dell energia 28 novembre 2014 Scheda informativa: avamprogetto per la procedura di consultazione

Dettagli

CITTÀ DI GALATINA PROV. DI LECCE. Copia Deliberazione della Giunta Comunale N. 126 / 2014

CITTÀ DI GALATINA PROV. DI LECCE. Copia Deliberazione della Giunta Comunale N. 126 / 2014 CITTÀ DI GALATINA PROV. DI LECCE Copia Deliberazione della Giunta Comunale N. 126 / 2014 OGGETTO: ADEONE ALLA ASSOCIAZIONE BORGHI AUTENTICI D ITALIA. L anno duemilaquattordici il giorno tre del mese di

Dettagli

STATUTO FORUM DEI GIOVANI

STATUTO FORUM DEI GIOVANI STATUTO FORUM DEI GIOVANI ART.1 ADOZIONE DELLO STATUTO L Amministrazione Comunale di Osimo, con deliberazione del Consiglio Comunale del 3.8.2011, riconosciute: - l importanza di coinvolgere i giovani

Dettagli

******************* Regolamento per la costituzione ed il funzionamento della Consulta Comunale per il Volontariato **************************

******************* Regolamento per la costituzione ed il funzionamento della Consulta Comunale per il Volontariato ************************** ******************* Regolamento per la costituzione ed il funzionamento della Consulta Comunale per il Volontariato ************************** Approvato con delibera consiliare n. 180 del 18 Dicembre 2012.

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

CARTA della promozione della

CARTA della promozione della Il Forum è un'iniziativa del DSS e del DECS per migliorare la qualità della vita nella scuola CARTA della promozione della in Ticino c/o Centro didattico cantonale Viale Stefano Franscini 32 6500 Bellinzona

Dettagli

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province Le tecniche operative solitamente applicate in questa fase sono l intervista diretta a testimoni privilegiati (telefonica e/o verbale), e la ricerca con l ausilio di internet. I testimoni privilegiati

Dettagli

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 Articolo 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina, in attuazione di quanto previsto all articolo 13, lettera g), dello Statuto della

Dettagli

Regolamento Interno Bambini nel Deserto (approvato dall Assemblea dei Soci 10.04.2011)

Regolamento Interno Bambini nel Deserto (approvato dall Assemblea dei Soci 10.04.2011) Regolamento Interno Bambini nel Deserto (approvato dall Assemblea dei Soci 10.04.2011) Indice 1 Premessa 1 Definizioni 2 Sostenitore 2 Volontario 2 Socio 2 Settore 2 Gruppo di Lavoro 2 Gruppo Locale 2

Dettagli

STATUTO DEL COMITATO DEI GENITORI

STATUTO DEL COMITATO DEI GENITORI Statuto del Comitato Genitori I.C. Da Rosciate 2009 1 Istituto Comprensivo A. Da Rosciate STATUTO DEL COMITATO DEI GENITORI Il Comitato dei Genitori è uno degli organi che consente la partecipazione dei

Dettagli

Liberi di fare la differenza.

Liberi di fare la differenza. Liberi di fare la differenza. 4 l azienda il profilo Consulenza, a pieno titolo. Valori & Finanza Investimenti è una SIM (Società di Intermediazione Mobiliare) indipendente che opera secondo un modello

Dettagli

Ingegnere Giuseppe Baldo

Ingegnere Giuseppe Baldo AATO Venezia Ambiente Viale Ancona, 24 30170 Venezia - Mestre Tel. +39 041 5322078 - Fax +39 041 2597151 mail: info@veneziaambiente.it Programma dettagliato della comunicazione per la redazione del rapporto

Dettagli

PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI

PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI 7 8 PROGETTO 1.1: GLI INTERVENTI A FAVORE DELL ARTIGIANATO, DEL COMMERCIO, DEGLI ESERCIZI OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2014-2016

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra la Regione Campania, l Amministrazione Comunale della Città di Caserta e l Istituto Diocesano Sostentamento Clero

PROTOCOLLO D INTESA. tra la Regione Campania, l Amministrazione Comunale della Città di Caserta e l Istituto Diocesano Sostentamento Clero PROTOCOLLO D INTESA tra la Regione Campania, l Amministrazione Comunale della Città di Caserta e l Istituto Diocesano Sostentamento Clero Riqualificazione dell area ex Ma.C.Ri.Co. Il Parco Urbano di Caserta

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FORUM COMUNALE DEI GIOVANI (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 88 del 28/9/04)

REGOLAMENTO DEL FORUM COMUNALE DEI GIOVANI (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 88 del 28/9/04) REGOLAMENTO DEL FORUM COMUNALE DEI GIOVANI (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 88 del 28/9/04) Art. 1 Istituzione il Consiglio Comunale di San Giorgio a Cremano, riconosciuto: l importanza

Dettagli

1 Associazione Internazionale delle Carità fondate da San Vincenzo dè Paoli.

1 Associazione Internazionale delle Carità fondate da San Vincenzo dè Paoli. STATUTO GRUPPI DI VOLONTARIATO VINCENZIANO AIC ITALIA Approvato dal Comitato di Presidenza nazionale il 10 maggio 2007 Approvato dal Consiglio nazionale il 10 maggio 2007 Art. 1 - Costituzione I Gruppi

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE. ToscanaSpazio TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE. ToscanaSpazio TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ToscanaSpazio TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA 1) Denominazione E costituita, ai sensi degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile una Associazione senza scopo di lucro denominata

Dettagli

Comune di Paduli Provincia di Benevento

Comune di Paduli Provincia di Benevento Comune di Paduli Provincia di Benevento Regolamento di funzionamento del Forum dei giovani di Paduli (BN) per la partecipazione giovanile, in attuazione della carta europea della partecipazione dei giovani

Dettagli

CONSULTA AMBIENTE E TERRITORIO STATUTO CONSULTA AMBIENTE E TERRITORIO

CONSULTA AMBIENTE E TERRITORIO STATUTO CONSULTA AMBIENTE E TERRITORIO CONSULTA AMBIENTE E TERRITORIO STATUTO Art. 1 Istituzione I Comuni di...istituiscono e fondano la CONSULTA AMBIENTE E TERRITORIO La Consulta ha la propria sede istituzionale presso il municipio del Comune,

Dettagli

Verbale 01. focus design e grafica. Verbale 01 - riunione del 12/02/2014

Verbale 01. focus design e grafica. Verbale 01 - riunione del 12/02/2014 Verbale 01 Redatto da: Daniele Druella, Tommaso Delmastro, Yussef Ech-Chibani, Michele Cafarelli Di seguito, brevemente, un report del nostro primo incontro: 00 - Introduzione dei Consiglieri Alessandro

Dettagli

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO Progetto Qualità INTESA-CCA 2014-2016 Pagina 1 PROGETTO QUALITA 2014-2016 PREMESSA: Il progetto dopo il periodo di avvio e consolidamento, in base alle osservazioni poste

Dettagli

Task force locale presso la Regione Siciliana

Task force locale presso la Regione Siciliana Task force locale presso la Regione Siciliana DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA DEFINIZIONE DEL REGOLAMENTO AFFERENTE LA RETE REGIONALE DEI /DELLE REFERENTI INTERDIPARTIMENTALI DI PARI OPPORTUNITA Bozza di lavoro

Dettagli

Città di Pomezia Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

Città di Pomezia Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Città di Pomezia Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI ADOTTATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N.72 DEL 30DICEMBRE2014 REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA. il MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO rappresentato dal Capo Gabinetto, Pres. Mario Torsello;

PROTOCOLLO D INTESA TRA. il MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO rappresentato dal Capo Gabinetto, Pres. Mario Torsello; PROTOCOLLO D INTESA TRA il MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO rappresentato dal Capo Gabinetto, Pres. Mario Torsello; il DIPARTIMENTO per gli AFFARI REGIONALI, TURISMO E SPORT, della Presidenza del Consiglio

Dettagli

VERBALE DELLA COMMISSIONE SCIENTIFICA DI ATENEO SEDUTA DEL 26 MAGGIO 2008

VERBALE DELLA COMMISSIONE SCIENTIFICA DI ATENEO SEDUTA DEL 26 MAGGIO 2008 VERBALE DELLA COMMISSIONE SCIENTIFICA DI ATENEO SEDUTA DEL 26 MAGGIO 2008 Il giorno 26 maggio 2008 alle ore 15.00 si è riunita presso i locali della Facoltà di Architettura la Commissione scientifica di

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE F.O.R.G.A.T. (Formazione, Opportunità, Recupero, Giovani, Ambiente e Territorio) o.n.l.u.s. ART.

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE F.O.R.G.A.T. (Formazione, Opportunità, Recupero, Giovani, Ambiente e Territorio) o.n.l.u.s. ART. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE F.O.R.G.A.T. (Formazione, Opportunità, Recupero, Giovani, Ambiente e Territorio) o.n.l.u.s. ART.1 DENOMINAZIONE E costituita un associazione non riconosciuta ai sensi degli artt.

Dettagli

Formazione e sviluppo per la Pubblica Amministrazione

Formazione e sviluppo per la Pubblica Amministrazione Formazione e sviluppo per la Pubblica Amministrazione area C La gestione delle risorse economiche e finanziarie per lo sviluppo sostenibile dell ente locale L Agenzia per la Formazione, l Orientamento

Dettagli

Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA

Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA CITTÀ DI GIUGLIANO IN CAMPANIA Provincia di Napoli Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA N. 50. Data 03/04/2014 OGGETTO: AVVISO PUBBLICO PER INTERVENTI FINALIZZATI ALLA PREDISPOSIZIONE,

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

ASCOLTO ATTIVO E GOVERNANCE NEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DI STEZZANO

ASCOLTO ATTIVO E GOVERNANCE NEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DI STEZZANO ASCOLTO ATTIVO E GOVERNANCE NEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DI STEZZANO FASI AZIONI PER L AVVIO DEL PROCESSO Maggio 2007 Con il contributo dell Agenda21 Isola bergamasca Dalmine Zingonia Le fasi del

Dettagli

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S.

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. NUOVO PONTE DI NONA - VIA GASTINELLI N. 58-00132 ROMA TEL. 06/22180417- fax: 06/22188121 C.M.RMIC8CR006

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con Delibera del Commissario Straordinario n. 15 del 01/02/2002) Art. 1 Istituzione del Servizio E istituito

Dettagli

Vademecum per organizzare un evento CaffExpo

Vademecum per organizzare un evento CaffExpo Vademecum per organizzare un evento CaffExpo 1 - Cosa è CaffExpo Nato da un idea del Centro di Ricerca sull agricoltura sostenibile OPERA e sviluppato grazie al contributo importante di altri centri di

Dettagli

WORKSHOP DI APPROFONDIMENTO Il Programma Annuale Unità didattiche PRG1 PRG2

WORKSHOP DI APPROFONDIMENTO Il Programma Annuale Unità didattiche PRG1 PRG2 WORKSHOP DI APPROFONDIMENTO Il Programma Annuale Unità didattiche PRG1 PRG2 Il caso L istituto comprensivo Città del sole si trova in una cittadina di circa 40.000 abitanti, il cui territorio si frammenta

Dettagli

Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche. diegomosna.it

Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche. diegomosna.it Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche diegomosna.it Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche segreteria@diegomosna.it facebook.com/diegomosna.it @diegomosna 3 La coalizione

Dettagli

IN ITINER@ BANDO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO MONUMENTALE DEDICATO A VISITE ED ITINERARI

IN ITINER@ BANDO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO MONUMENTALE DEDICATO A VISITE ED ITINERARI IN ITINER@ BANDO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO MONUMENTALE DEDICATO A VISITE ED ITINERARI Criteri generali Obiettivi del bando Il bando intende promuovere la vocazione turistico-culturale dei Comuni

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

Comune di Casaluce REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

Comune di Casaluce REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI Comune di Casaluce REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 14 del 22/7/2009 1 REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE

Dettagli

1 Il processo partecipativo per le decisioni operative

1 Il processo partecipativo per le decisioni operative 1 Il processo partecipativo per le decisioni operative Per individuare la vision e la strategia del PAES è stato realizzato un percorso di progettazione partecipata avvenuto principalmente attraverso la

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE DI DIDATTICA INNOVATIVA E DI SIMULAZIONE IN MEDICINA E PROFESSIONI SANITARIE SIMNOVA

REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE DI DIDATTICA INNOVATIVA E DI SIMULAZIONE IN MEDICINA E PROFESSIONI SANITARIE SIMNOVA DIVISIONE PRODOTTI SETTORE ALTA FORMAZIONE Via Duomo, 6 13100 Vercelli VC Tel. 0161 261 528/9- Fax 0161 210 289 progetti.didattica@uniupo.it REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE DI DIDATTICA INNOVATIVA

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ATTIVITA' PRODUTTIVE, RICERCA E INNOVAZIONE

DIREZIONE GENERALE ATTIVITA' PRODUTTIVE, RICERCA E INNOVAZIONE 2239 Identificativo Atto n. 163 DIREZIONE GENERALE ATTIVITA' PRODUTTIVE, RICERCA E INNOVAZIONE DETERMINAZIONI IN ORDINE AL RICONOSCIMENTO DI CLUSTER TECNOLOGICI REGIONALI LOMBARDI E AL SOSTEGNO DELLE ATTIVITÀ

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 4 della Legge Costituzionale n.185/2005 e l articolo 6 della Legge Qualificata n.186/2005; Promulghiamo

Dettagli

GLI OBIETTIVI, I CONTENUTI E LE ATTIVITÀ DEL PERCORSO FORMATIVO

GLI OBIETTIVI, I CONTENUTI E LE ATTIVITÀ DEL PERCORSO FORMATIVO DAL LAVORO AL PENSIONAMENTO 1 GLI OBIETTIVI, I CONTENUTI E LE ATTIVITÀ DEL PERCORSO FORMATIVO Chiara Cassurino, Genova Modulo 1 Il Percorso formativo dal lavoro al pensionamento : a chi si rivolge e perché?

Dettagli

Fa stato il discorso orale. Egregi signori, Gentili signore,

Fa stato il discorso orale. Egregi signori, Gentili signore, Discorso pronunciato dal Consigliere di Stato Michele Barra in occasione dell inaugurazione del Convegno Sfide e opportunità della grande mobilità organizzato da Lions Regio Insubrica Mendrisio, 5 ottobre

Dettagli