Studio d aggregazione dei comuni del Bellinzonese: Carta dei valori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Studio d aggregazione dei comuni del Bellinzonese: Carta dei valori"

Transcript

1 Studio d aggregazione dei comuni del Bellinzonese: Carta dei valori Siegfried Alberton Professore SUPSI e responsabile Centro competenze inno3 Michele Rigamonti Collaboratore scientifico Centro competenze inno3 Luglio 2013

2 2/50 Indice 1. Introduzione PARTE 1: MODULO 1: CARTA DEI VALORI 2. Metodologia 3. Valori 4. Visione 5. Missione 6. Criticità PARTE 2: OBBIETTIVI OPERATIVI DEI MODULI 2 E 3 7. Elementi istituzionali e organizzativi 7.1. Gruppi tematici per gli elementi istituzionali e organizzativi 8. Assi strategici e progetti faro 8.1. Gruppi tematici per gli assi strategici e i progetti faro 9. Modalità di lavoro, di informazione, comunicazione e di coordinamento per i Moduli 2 e Conclusione 11. Prossimi passi

3 3/50 1. Introduzione Seguendo la volontà dei comuni interessati, nel maggio 2012, la Consavis SA pubblicava uno studio con il quale si esploravano alcuni possibili scenari aggregativi del Bellinzonese. Lo stesso rapporto metteva in luce tre strategie principali: lo status quo, l intensificarsi delle collaborazioni intercomunali e lo scenario dell aggregazione. Quest ultima opzione prevedeva tre varianti: creazione di un solo grande comune, 3 comuni di dimensioni medie o la creazione di un polo centrale di 4-5 comuni. La creazione di un solo grande comune appariva come lo scenario prediletto dai 17 comuni. Il 6 novembre 2012 i comuni interessati firmavano un istanza indirizzata al Consiglio di Stato, per l avvio di una procedura di aggregazione. Facendo seguito a questa istanza, il 28 novembre il Gran Consiglio nominava la Commissione di studio incaricata di elaborare lo studio di aggregazione, poi da sottoporre alla popolazione dei comuni interessati in votazione consultiva (messaggio numero 6711). Con l aiuto di consulenti esterni, lo svolgimento del progetto, prevede una prima fase di serate informative, e quindi l elaborazione di una Carta dei Valori (Modulo 1). Facendo seguito a questo primo modulo, saranno poi approfonditi gli aspetti istituzionali (Modulo 2),e i temi strategici (Modulo 3). Infine un ultimo modulo definirà un piano finanziario ed un piano delle opere, sulla base di quanto emerso dai moduli precedenti. La presentazione del progetto dovrebbe avvenire per giugno La struttura dello studio aggregativo del Bellinzonese e i responsabili di tale progetto sono rappresentati nello schema seguente:

4 4/50 Commissione di Studio Rappresentati dei 17 Comuni Gruppo operativo (GO) Co-presidenza Mario Branda/Andrea Bersani Membri Riccardo Calastri, Ivan Guidotti Direzione di Progetto Philippe Bernasconi Alessandra Sartore Reto Malandrini Cancelleria SEL 1. Comunicazione Direzione di progetto Studio aggregativo Consulente principale: Michele Passardi Eventuale sondaggio Sito WEB Modulo 1 Modulo 2 Modulo 3 Manifesto dei valori Temi istituzionali e Assi strategici e progetti Rivista ai fuochi Responsabile: Siegfried Alberton Responsabile: Michele Passardi organizzativi Responsabile: Riccardo Crivelli faro per il futuro Modulo 4 Piano delle opere e finanze Responsabile: Edy Dell Ambrogio Comunicazione ai media Incontri Municipi Serate pubbliche Fonte: Dipartimento delle Istituzioni SEZIONE DEGLI ENTI LOCALI,(26 marzo 2013), Studio di aggregazione dei Comuni del Bellinzonese, PROPOSTA OPERATIVA In questo contesto, e a seguito dell offerta indirizzata alla Sezione degli Enti Locali, il 7 maggio 2013 il Consiglio di Stato affidava al Centro di Competenze Inno3 (Dipartimento di Scienze aziendali e sociali DSAS, SUPSI), l elaborazione del Modulo 1: Carta dei Valori dello studio di aggregazione del Bellinzonese, sotto la direzione del Professor Siegfried Alberton, con l accompagnamento di un pool di consulenti (Michele Passardi, Edy Dell Ambrogio e Riccardo Crivelli) e con l aiuto di un collaboratore scientifico (Michele Rigamonti).

5 5/50 PARTE 1: MODULO 1: CARTA DEI VALORI Il modulo 1 voleva perseguire due obbiettivi specifici e tre altri obbiettivi più operativi legati ai moduli successivi:

6 6/50 I due obiettivi specifici al modulo 1 erano: Identificare, selezionare, discutere e condividere i valori di fondo, la visione e la missione del nuovo Comune. I valori (principi guida), la visione (aspirazioni, proiezioni nel futuro) e la missione (via da seguire per raggiungere la visione nel rispetto dei principi guida) rappresentano le fondamenta di tutto lo studio. Identificare, selezionare, discutere e condividere le principali criticità della situazione attuale nei 17 comuni e le priorità d azione da seguire nel processo aggregativo. I tre obiettivi operativi concernenti i moduli successivi erano invece: Identificare, selezionare, discutere e condividere gli assi strategici, i progetti per il futuro e i temi istituzionali e organizzativi importanti per il Bellinzonese su cui lavorare nei moduli 2 e 3. Identificare, discutere e condividere la composizione dei gruppi di lavoro per lo svolgimento dei moduli 2 e 3. Definire, discutere e condividere le regole del gioco per la gestione dei moduli 2 e 3. Considerati gli obbiettivi e l importanza del Modulo 1 nell economia di tutto lo studio aggregativo, i consulenti hanno deciso di svolgere i lavori nell ambito di un workshop di due giorni che ha avuto luogo il 7 e 8 giugno al Convento del Bigorio. Il presente documento ne presenta ed analizza i risultati. Il presente rapporto è diviso in due parti principali: la prima sezione è dedicata ai risultati specifici al Modulo 1: il capitolo due presenta la metodologia adottata e un terzo capitolo presenterà il percorso che ha permesso di elaborare i valori guida del nuovo comune. Il capitolo 4, presenterà gli elementi che hanno permesso di giungere alla formulazione della Visione. Il capitolo 5 si focalizzerà sulla Missione: ovvero cosa dovrà fare il nuovo comune per adempiere alla Visione, restando coerente con i valori guida formulati all inizio. Il capitolo seguente permetterà di farsi un idea di quelle che sono le criticità percepite nel Bellinzonese dai membri della commissione di studio. La seconda parte è dedicata agli obbiettivi operativi dei Moduli 2 e 3: il capitolo 7 presenta i temi istituzionali e organizzativi ed il capitolo 8 gli assi strategici e i progetti faro. Il capitolo 9 presenta

7 7/50 le modalità di lavoro, di informazione, comunicazione e di coordinamento. Un capitolo finale chiuderà questo documento con una sintesi dei risultati principali e con delle considerazioni sui prossimi passi da fare.

8 8/50 2. Metodologia Per raggiungere gli obiettivi del modulo 1 è stata seguita una metodologia quanti-qualitativa strutturata in tre fasi: Fase 1: Lavori preliminari Raccolta e aggiornamento dati socio-economici, finanziari ed istituzionali dei 17 comuni (dati secondari, studi e rapporti già elaborati, ecc.) (Report) Sondaggio online diretto ai membri della commissione di studio sulle percezioni soggettive riguardanti il futuro Comune che nascerà dall eventuale aggregazione. Fase 2: Workshop (2 giorni di clausura al Bigorio, 7 e 8 giugno 2013) Al workshop hanno partecipato i membri della commissione di studio e il gruppo di consulenti incaricati dello studio aggregativo. I lavori in workshop sono stati moderati dal Prof. Alberton secondo modalità, strumenti e tecniche tipiche applicate alla risoluzione di problemi complessi e coadiuvato dal gruppo di consulenti. Di seguito presentiamo una tabella con tutti i partecipanti al worskhop: Membri della Commissione di studio Comune Arbedo- Castione Bellinzona Cadenazzo Camorino Claro Membro VS Elisabetta Ghirlanda S Mario Branda S Flavio Petraglio S Vincenzo Mozzini S Roberto Keller

9 9/50 Giubiasco Gnosca Gorduno Gudo Moleno Monte Carasso Pianezzo Preonzo S Andrea Bersani S Moreno Pedrazzi VS Emilio Kronauer VS Giacomo Zanini S Angelo Jam S Ivan Guidotti VS Michel Delbue S Fabio Pasinetti S. Antonino S Christian Vitta S. Antonio S Daniela Tamagni Sementina S Riccardo Calastri Consulenti Nome Siegfried Alberton Michele Passardi Affiliazione Professore SUPSI, Responsabile Centro di Competenze Inno3 lic. oec. HSG, Consavis SA Edy dell Ambrogio Riccardo Crivelli

10 10/50 Il programma dettagliato delle due giornate è riportato di seguito: Programma- venerdì : Valori/Visione/Missione/Criticità Quando Cosa Chi Arrivo Tutti (plenum) Inizio lavori Tutti (plenum) Benvenuto-obiettiviprogramma Valori (identificazione, discussione, selezione, condivisione) Visione (identificazione, discussione, selezione, condivisione) Missione (identificazione, discussione, selezione, condivisione) Criticità (identificazione, discussione, selezione, condivisione) Alberton (plenum) Partecipanti (in 3 gruppi e in plenum) coordinati da Consulenti Partecipanti (in 3 gruppi e in plenum) coordinati da Consulenti Partecipanti (in 3 gruppi e in plenum) coordinati da Consulenti Partecipanti (in 3 gruppi e in plenum) coordinati da Consulenti

11 11/50 Programma- sabato : Assi strategici/progetti faro/gruppi tematici/ regole del gioco per moduli 2+3 Quando Cosa Chi Inizio lavori Tutti (plenum) Benvenuto-obiettiviprogramma Assi strategici e progetti faro per il futuro Temi istituzionali e organizzativi Alberton (plenum) Partecipanti (in 3 gruppi e in plenum) coordinati da Consulenti Partecipanti (in 3 gruppi e in plenum) coordinati da Consulenti Pranzo Tutti Regole funzionamento moduli Gruppi tematici per modulo 2 e 3 (identificazione, discussione, selezione, composizione, condivisione) Consulenti (plenum) Partecipanti in plenum coordinati da Consulenti Conclusioni e follow up Consulenti (Plenum) Fine lavori e rientro Tutti

12 12/50 Fase 3: Follow up Analisi e restituzione dei risultati dei lavori in workshop (Primo Report intermedio). Introdurre le procedure discusse durante l ultimo incontro. Discussione con il comitato operativo (secondo report intermedio) Discussione e condivisione finale dei risultati del modulo 1 ( riunione plenaria: commissione studio, SEL, consulenti) (Report finale)

13 13/50 3. Valori I lavori al Bigorio sono cominciati, secondo programma, con l elaborazione dei valori del nuovo Comune. In una prima fase è stato chiesto ai partecipanti, divisi in tre gruppi, di formulare 5 valori fondamentali. I membri si sono potuti aiutare ed ispirare grazie a delle carte tematiche. I risultati dei gruppi sono infine stati presentati sotto forma di flipchart. La tabella seguente mostra gli elementi scaturiti dal lavoro di ogni singolo gruppo. Gruppo 1 Gruppo 2 Gruppo 3 Territorio: peculiarità, vivibilità, qualità, sicurezza, lavoro Solidarietà: identità locale (associazioni, ), fra le nuove identità aggregative Servizio pubblico: collegamenti, servizi, strutture dislocate Rappresentatività istituzionale: parità di trattamento Fedeltà alle istituzioni Rispetto democratico Dedizione e tenacia Solidarietà Sicurezza Salvaguardia del territorio Salvaguardia delle peculiarità locali Qualità di vita Imprenditorialità Rispetto, salvaguardia delle specificità Qualità dei servizi Forte capacità progettuale Autonomia d azione Equilibrio tra radici e comunità Rispetto Determinazione Fiducia Appartenenza Identità Sostenibilità (sviluppo sostenibile) Solidarietà (equità) Trasparenza tra cittadini o istituzioni Libertà (di espressione) Apertura Sviluppo

14 14/50 Figura 1, 2 e 3: I risultati dei Gruppi 1, 2 e 3

15 15/50 In un secondo tempo, è stato chiesto ai singoli gruppi di presentare e condividere oralmente i propri risultati in plenum. Hanno inoltre potuto votare tramite bullet point i valori che secondo loro erano più importanti. Di seguito sono presentati gli elementi principali scaturiti dalle discussioni: Identificazione in un territorio Bellinzonese : già oggi, da parte dei cittadini, vi è una sorta di identificazione in un territorio Bellinzonese Autonomia: riconoscersi nel comune ed essere capaci di rivendicare i propri compiti sono due facce della stessa medaglia Fiducia e rispetto: nelle istituzioni e tra i cittadini, ciò garantirebbe una Bellinzona di classe A per tutti. Qualità di vita e sviluppo sostenibile: elementi essenziali del futuro comune. Vicinanza e trasparenza: il dialogo tra i cittadini e le istituzioni ne favorirebbero i rapporti. La trasparenza tra questi due attori è une elemento da non dimenticare. Solidarietà e rispetto: verso le identità e le specificità locali che vanno riconosciute e sostenute. Equità: tra i cittadini e i comuni. Creare un nuovo Comune: il processo aggregativo consiste nel creare un nuovo comune, e non nell allargamento di uno già esistente. Aprirsi e svilupparsi Identità e appartenenza: sono due elementi che devono completarsi a vicenda. È necessaria un sintesi tra i due. Si crea un nuovo comune ma salvaguardando le specificità locali.

16 16/50 L intergenerazionalità: tra i comuni e i cittadini è un altro elemento importante. Nel proiettare il comune nel futuro, è indispensabile chiedersi chi ne saranno i cittadini. In una terza parte, tenendo conto degli elementi scaturiti durante le discussioni, i consulenti hanno riassunto e formalizzato i risultati dei gruppi in una forma condivisa da tutti. I valori del nuovo Comune saranno dunque: VALORI Qualità di vita e sviluppo sostenibile Solidarietà (equità) e rispetto delle peculiarità Fiducia e trasparenza Identità e appartenenza Servizio pubblico

17 17/50 4. Visione Il secondo tema all ordine del giorno, era l elaborazione della visione. La coerenza con i valori elaborati il mattino fungeva da vincolo imprescindibile. Completando la frase, Tra anni il mio Bellinzonese ideale, si distinguerà dagli altri agglomerati grazie a, ai tre gruppi, è stato chiesto di formulare in poche parole, quella che dovrà essere la missione del nuovo comune. La tabella sottostante mostra i tre risultati ottenuti. VISIONI Tra anni il Bellinzonese sarà una regione che ha colto le opportunità di una ritrovata centralità a vantaggio di uno sviluppo economico e sociale sostenibile Un agglomerato dove grazie ad un accresciuta accessibilità (ferroviaria/autostradale) sarà possibile una migliore integrazione economica con il resto della Svizzera, favorendo lo sviluppo di poli d eccellenza (biomed/ferrovie) che promuoveranno nuove iniziative economiche Cosciente della propria centralità, godrà della qualità del proprio territorio e sfrutterà le opportunità di sviluppo economico assicurate dai nuovi collegamenti AlpTransit. Il Bellinzonese svilupperà offerte nel campo delle nuove tecnologie e della ricerca, per le quali la qualità di vita e la localizzazione sono fattori determinanti

18 18/50 Figura 3: I risultati dei tre gruppi di lavoro

19 19/50 In seguito, ai partecipanti è stato chiesto di condividere i propri risultati in plenum. Ne è seguita una discussione della quale elenchiamo gli elementi principali: Ritrovato collegamento con il Nord: grazie ad AlpTransit e a nuovi collegamenti autostradali sarà possibile ritrovare un collegamento con la parte più a Nord della Svizzera. Nuove realtà sociali ed economiche: AlpTransit potrà favorire un ricongiungimento con le realtà sociali ed economiche del nord della Svizzera. Sarà per esempio possibile sviluppare una sorta di pendolarismo tra il Ticino e il Nord della Svizzera. Valorizzazione e diversificazione: questi nuovi movimenti permetteranno di accedere a nuove professioni e di valorizzare nuove attività sul territorio dell agglomerato, favorendone la diversificazione. Sviluppare i collegamenti con il Sud: i legami con l Italia e con i poli di Lugano e Chiasso-Mendrisio non vanno dimenticati: anche questi, grazie a dei tempi di percorrenza molto più brevi, permetterebbero di sviluppare ancor più i legami già esistenti. Pressione sui salari e sul territorio: bisogna però considerare che l entrata di lavoratori a basso costo dal nord e dal sud, creerebbe una pressione al ribasso sui salari, a scapito del livello di vita attuale. In più, la qualità di vita e l accresciuta accessibilità aumenterebbero la pressione sul territorio, che andrebbe gestito adeguatamente. Piani regolatori: un eventuale fusione dei piani regolatori andrebbe discussa.

20 20/50 Tenendo conto degli elementi scaturiti durante la fase di plenum, i consulenti hanno elaborato una forma condivisa da tutti. La visione del nuovo comune è stata infine formulata come segue: VISIONE Grazie ad una ritrovata centralità (Alptransit) e alla qualità di vita, tra anni il Bellinzonese potrà sviluppare una migliore integrazione con il resto della Svizzera, favorire nuovi centri d eccellenza (Bio-Med, Polo tecnologia ferroviaria), promuovere iniziative economiche nel rispetto dello sviluppo sostenibile

21 21/50 5. Missione Il terzo compito della prima giornata di lavoro costituiva nell elaborazione della Missione del nuovo Comune. Sempre divisi in tre gruppi, ai partecipanti è stato chiesto di completare la frase: Cosa farà la nuova Città in favore dei suoi cittadini e della sua economia, puntando a quali risultati (obbiettivi strategici). Questa frase è servita per mettere in evidenza il COSA, il PER CHI e il PERCHÉ. Ai partecipanti è stato chiesto di formulare una frase ad effetto coerente con i valori e la visione. Gruppo 1 Gruppo 2 Gruppo 3 L unione permetterà di creare lavoro e qualità di vita Crescere dinamica per la nostra Bellinzona del futuro Vivere bene Collegarsi efficacemente Crescere Lavorando Insieme per tutti Figura 4: I risultati dei tre gruppi di lavoro

22 22/50 La discussione in plenum, ha permesso di far emergere gli elementi seguenti: Vivere bene = qualità di vita Collegarsi efficacemente = collegarsi verso l esterno, ma anche verso l interno e a livello dei servizi Crescere lavorando = sviluppo sostenibile Insieme per tutti = solidarietà Dinamismo: è importante che la città possa progettare e creare, ma con un obbiettivo, ossia, il lavoro e la qualità di vita Crescere e progredire: è necessario crescere e progredire ma in modo dinamico, con una marcia in più Infine, i consulenti hanno rielaborato la missione del nuovo comune nel modo seguente: MISSIONE Unirsi per continuare a vivere bene, collegarsi efficacemente e crescere lavorando Insieme, più forti, per tutti

23 23/50 6. Criticità Il programma di venerdì 7 giugno, si è concluso con una riflessione sulle principali criticità del Bellinzonese. È stato chiesto ai gruppi di realizzarne una lista (sfide-timori, opportunità, ) secondo il loro grado d impatto. Anche in questo caso la coerenza con i valori, la visione e la missione era importante. Di seguito quanto emerso dai lavori in gruppo. Gruppo 1 Gruppo 2 Gruppo 3 Campanilismo Paura del cambiamento Paura di non essere rappresentati (perdita di controllo) Situazione economica difficile (limiti degli aiuti cantonali) Dimensione del progetto Differente forza economica trai vari comuni Coordinamento tra le realtà attuali e future Efficacità/Efficienza dell amministrazione pubblica Pianificazione selvaggia Imprenditorialità Leadership Trasporti Disponibilità di territorio per lo sviluppo previsto Frammentazione e distanza tra i centri abitati Marginalizzazione (mancata solidarietà, mancati servizi) Insediamenti nocivi in zone periferiche Perdita di rappresentanza Perdita di prossimità con l autorità Allentamento dello spirito comunitario Paura del cambiamento Mancanza di spirito imprenditoriale Perdita di cadreghini Aumento moltiplicatore Perdita di servizi particolari e privilegi Sfiducia, litigiosità, e invidia (campanilismo)

24 24/50 Figura 5: I flipchart dei tre gruppi

25 25/50 Una discussione in plenum ha permesso ai gruppi di condividere i propri risultati. La tabella seguente ne riporta gli elementi principali. Cancellazione di spazi verdi: paura che si riaprano delle zone verdi per cercare uno sviluppo che non ha più spazio nel centro Territorio insufficiente: paura che il territorio disponibile non sia a sufficienza per lo sviluppo previsto Territorio sufficiente: non vi è alcuna necessità di liberare nuovi spazi. Inoltre lo sviluppo urbano è limitato da molti fattori. Il problema di un sovrasviluppo sembrerebbe dunque infondato. Risorse disponibili: la questione è sapere se per lo sviluppo previsto le risorse siano disponibili o no: bisognerebbe innanzi tutto chiedersi che tipo di sviluppo si vuole portare avanti Peso dell Amministrazione pubblica: spesso, dall esterno ma anche dall interno, si ha tendenza a vedere nell amministrazione pubblica un freno allo sviluppo. Si vuole evitare che questo settore si appesantisca ulteriormente e blocchi lo sviluppo di altri settori. Mancanza di una leadership politica: i funzionari si sono sostituiti ai politici. Prossimità: malgrado l imponenza dell amministrazione pubblica, è necessario garantire la vicinanza ai comuni più piccoli. Servizi pubblici: I livelli qualitativi e quantitativi devono essere gli stessi di quelli del centro o del comune con lo standard più alto? È in ogni caso impossibile fornire lo stesso livello qualitativo e quantitativo ad ogni comune. Limiti degli aiuti finanziari: potrebbe porre un freno al processo aggregativo

26 26/50 PARTE 2: OBBIETTIVI OPERATIVI DEI MODULI 2 E 3

27 27/50 7. Temi istituzionali e organizzativi Durante il secondo giorno, uno dei compiti richiesti ai partecipanti è stata l elaborazione di una lista dei temi istituzionali e organizzativi più importanti per il Bellinzonese. In un primo tempo, è stato chiesto di elaborare una lista di temi legati all organizzazione e alle istituzioni del nuovo comune, e di posizionarli in una matrice URGENZA-IMPATTO. Gruppo 1 Impatto Comune di prossimità Forme organizzative nuove per temi specifici (sport, gestione territorio, ) Rappresentanza politica delle frazioni Urgenza

28 28/50 Gruppo 2 Proffessionalizzazione (tempo dedicato) Scuole Impatto Nuovo modello organizzativo Rappresentanza amministrativa Sportelli: funzioni centrali Rappresentanza di quartiere Uguaglianza Media Previdenza professionale Territorio e piano regolatore Rappresentanza politica Urgenza AMB TERIS

29 29/50 Gruppo 3 Impatto Poteri esecutivo, Legislativo o Rappresentanza Organizzazione o Aziende (acqua ed energia) o Scuole o UTC o Amministrazione o Sicurezza Consorzi ROD + Cassa pensioni + Contabilità Funzionalità o Centralizzazione o Decentramento antenne Logistica o Utilizzazione spazio esistenti Urgenza

30 30/50 In un secondo tempo i gruppi hanno avuto la possibilità di presentare oralmente i propri risultati a tutti gli altri. Di seguito trovate i punti principali scaturiti dalle discussioni. Comune di prossimità: servizio di accoglienza e di trasmissione delle informazioni al gradino più alto, più efficace Creazione di un nuovo regolamento organico: le cariche istituzionali dovrebbero essere rimesse a concorso. Nuovi funzionari: ma provenienti dall interno, permetterebbero di portare e approfittare di un know-how molto importante. Non tutto può essere uniformato: i contributi specifici presenti in certi comuni non possono essere estesi a tutti gli altri. Necessità di un sindaco professionista : necessità di una carica più completa in termini di tempo dedicato (60%). La retribuzione dovrebbe essere proporzionale al tempo dedicato. Dare ai politici il tempo di fare politica. Salari e tempo investito: bisogna adeguare i salari e aumentare il tempo da investire, o trovare dei volontari diventa difficile.

31 31/50 Tenendo conto degli elementi scaturiti durante le discussioni, i consulenti, hanno elaborato una sintesi condivisa da tutti. Questi cinque temi corrisponderanno a cinque gruppi di lavoro, che nel Modulo 2 dovranno approfondire questi elementi. ISTITUZIONI E ORGANIZZAZIONE Modello organizzativo Rappresentanza Offerta di servizi Enti esterni e Aziende Personale e LPP

32 32/ Gruppi di lavoro tematici per i temi istituzionali e organizzativi Ad ogni tema sarà affiancato un gruppo di lavoro specifico che avrà il compito di analizzare e approfondire il soggetto: ognuno di questi team sarà composto da 1 membro della Commissione, quale Presidente, 1 segretario (Segretario del Comune di provenienza del Presidente, per organizzazione e dati), 1 consulente (per redazione bozza rapporto e coordinamento di merito) e 3-4 membri, su proposta della Commissione e da essa ratificati. Di seguito trovate una descrizione più dettagliata di quelli che saranno i mandati di ogni gruppo di lavoro. Gruppo di lavoro 1 Tema / Progetto Modello organizzativo Coordinatore Segretario Consulente R. Keller (Claro) S. Grisetti Bontognali M. Passardi Sintesi del mandato / Compito Individuare le linee essenziali del modello organizzativo del nuovo Comune in relazione a - ripartizione in aree - selezione del personale chiave - livelli di delega - rapporti con enti esterni (> GL 4) - presenza e diffusione dell amministrazione sul territorio (> GL 3) Indicare le modalità di transizione dalle strutture attuali al nuovo concetto di gestione Tecnologie e sistemi di supporto alla gestione

33 33/50 Gruppo di lavoro 2 Tema / Progetto Rappresentanza Coordinatore Segretario Consulente Membri F. Pasinetti (Preonzo) E. Beltraminelli R. Crivelli M. Branda Sintesi del mandato / Compito Individuare le proposte in relazione a - dimensione e composizione degli organi politici (Municipio, CC, Commissioni) - ruolo e impegno dei membri dell esecutivo - organismi di rappresentanza locale - modalità di relazione con Parrocchie, Patriziati e Associazioni locali - modalità di interazione con la cittadinanza (informazione e comunicazione) - circondari elettorali E- Government Gruppo di lavoro 3 Tema / Progetto Offerta di servizi Coordinatore Segretario Consulente D. Tamagni (S. Antonio) R. Malandrini M. Passardi Sintesi del mandato / Compito Individuare le linee guida per i servizi alla popolazione in relazione ai seguenti criteri - centralizzazione / decentralizzazione - livello qualitativo - finanziamento (tasse per prestazioni / imposte) Proporre idee di concretizzazione (esempi) per i seguenti settori chiave: - scuole (SI /SE)

34 34/50 - sicurezza - servizi di cancelleria Gruppo di lavoro 4 Tema / Progetto Enti esterni, Aziende comunali e Consorzi Coordinatore F. Petraglio (Cadenazzo). Segretario M. Suà Consulente M. Passardi Sintesi del mandato / Compito Individuare compiti e opportunità di crescita per enti esterni e aziende al nuovo Comune nei seguenti settori - servizi industriali (acqua, elettricità, gas, depurazione, rifiuti) - servizi sociali, assistenza, anziani - gestione del territorio (rete stradale, verde pubblico, infrastrutture, patrimonio immobiliare) - sport e svago Indicare modelli di collaborazione con la nuova amministrazione comunale Indicare possibilità di semplificazione istituzionale e operativa, integrazione e scioglimento

35 35/50 Gruppo di lavoro 5 Tema / Progetto Personale e previdenza professionale Coordinatore Segretario Consulente V. Mozzini (Camorino) P. Bernasconi / A. Benelli E. Dell Ambrogio Sintesi del mandato / Compito Individuare i modelli di riferimento per la gestione del personale e le modalità di passaggio dal regime attuale a quello futuro (garanzie minime). Identificare il modello di riferimento per la previdenza professionale del nuovo Comune. Identificare le modalità di riattribuzione delle funzioni secondo il nuovo modello organizzativo (> GL 1)

36 36/50 8. Assi strategici e progetti faro per il futuro L elaborazione di una lista degli assi strategici e i progetti faro per il futuro costituiva un secondo obbiettivo. In una prima parte, ai tre gruppi, è stato chiesto di elaborare degli assi strategici o progetti faro e di posizionarli in una matrice URGENZA-IMPATTO. La coerenza con i valori, la visione, la missione e le criticità elaborate nelle fasi precedenti, restava un elemento essenziale. Gruppo 1 Impatto Strutture e servizi per anziani Investimenti a sostegno e mantenimento Ospedale + master in medicina Tram d agglomerato Investimenti per attrezzare aree da mettere a disposizione delle start-up Poli d eccellenza: o o o o Biomedicina Ferroviario Sviluppo sostenibile Amministrazione pubblica Investimenti per valorizzare aree di svago, territorio e Parco del Piano in funzione turistica Semisvincolo Urgenza

37 37/50 Gruppo 2 Impatto Stazione Ticino Quartieri residenza (AlpTransit) Riqualifica urbana OFFS Centro competenze FFS/PRIV Zona Industriale Nord/Sud Biomed IRB/IOSI Ospedale Cantonale Piano del Parco di Magadino (turismo di giornata) Urgenza Mobilità lenta

38 38/50 Gruppo 3 Impatto Ricerca e Formazione o OSG /Ospedale Cantonale o IOSI o IRB o Polo tecnologico Ferroviario Turismo o Valorizzazione montagne o Parc Adula o Parco Piano di Magadino o Valorizzazione monumenti storici Qualità insediativa e gestione del territorio o Mobilità o Servizi Pubblici / Infrastrutture o Buona Amministrazione Urgenza

39 39/50 In un secondo tempo i gruppi hanno potuto presentare i propri risultati in plenum. La tabella seguente riporta gli elementi principali di queste discussioni. L urgenza di un progetto non dipende solamente dalla volontà politica. Bisogna saper cogliere le opportunità. La buona amministrazione e la sua efficacia sono importanti per i cittadini. Per raggiungere gli obbiettivi bisogna porsi l asticella molto in alto, così da partire con una marcia in più. Grazie a questi elementi, i consulenti hanno in seguito elaborato quelli che saranno i temi e gli assi strategici e i progetti faro da analizzare e approfondire nel Modulo 3. ASSI STRATEGICI E PROGETTI FARO Scienze della vita Scienze dell Amministrazione Turismo, Svago, Beni culturali Tecnologia e promozione industriale Insediamenti e mobilità

40 40/ Gruppi di lavoro tematici per gli assi strategici e i progetti faro Ad ognuno di questi temi, come nel caso degli elementi istituzionali e organizzativi, sarà affiancato un gruppo di lavoro specifico che avrà il compito di analizzare e approfondire il soggetto. Di seguito trovate una descrizione più dettagliata di quelli che saranno i mandati di ogni gruppo di lavoro. Gruppo di lavoro 1 Tema / Progetto Scienze della vita Consulente R. Crivelli Coordinatore Zanini (Gudo) Sintesi del mandato / Compito Individuare i possibili centri di eccellenza nell ambito delle scienze della vita, tenendo conto - degli istituti esistenti (IOSI, IRB, OSG) - dell importanza cantonale e nazionale - delle prospettive di sviluppo nel settore medico-ospedaliero (ospedale cantonale, master in medicina) Definire una possibile strategia volta a creare le condizioni quadro per un loro sviluppo Gruppo di lavoro 2 Tema / Progetto Scienze dell amministrazione Consulente R. Crivelli Coordinatore C. De Gottardi (Lumino)

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni ALLEGATO 5 Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni Scenario di investimento minimo (progetti di prima priorità) Confronto tra la proiezione finanziaria dei singoli Comuni 2001-2009 e lo scenario

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

visto l articolo 6 capoverso 5 del Regolamento del Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione del 1 giugno 2014 (Regolamento CSSI),

visto l articolo 6 capoverso 5 del Regolamento del Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione del 1 giugno 2014 (Regolamento CSSI), Dipartimento federale dell economia, della formazione e della ricerca DEFR Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione CSSI Direttive del Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione che

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello

Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Ufficio delle scuole comunali Collegio degli ispettori Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Bellinzona, dicembre 2010 Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Comunicazioni

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali,

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali, Messaggio municipale 7/2012 accompagnante la richiesta di un credito di fr. 700'000 per la progettazione definitiva della tappa prioritaria della rete tram Signor Presidente, signore Consigliere comunali,

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale Corsi di Perfezionamento Professionale I Corsi di Perfezionamento Professionale costituiscono una struttura creata per fornire determinati servizi centrali all ICEC (Istituto cantonale di economia e commercio)

Dettagli

CONTRATTI di FIUME e di LAGO

CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO DGR n 16-2610 del

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando?

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando? Nationale Plattform Naturgefahren PLANAT Plate-forme nationale "Dangers naturels" Plattaforma nazionale "Pericoli naturali" National Platform for Natural Hazards c/o BAFU, 3003 Berna Tel. +41 31 324 17

Dettagli

Rapporto alla Cittadinanza Bellinzona, dicembre 2003

Rapporto alla Cittadinanza Bellinzona, dicembre 2003 Il Consiglio di Stato della Repubblica e Cantone del Ticino Rapporto alla Cittadinanza Bellinzona, dicembre 2003 Aggregazione dei Comuni di Brione Verzasca, Corippo, Frasco, Gerra Verzasca (frazione di

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c.

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Data e Sede: 1-2 dicembre 2010 - Roma Evento ECM N N. rif. ECM 10033589 crediti 9 Programma e

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo Programma Attuativo Regionale del Fondo Aree Sottoutilizzate 2007-2013 (PAR FAS) 1

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Articolo 1 - Costituzione E' costituita una Associazione denominata: Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP)

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

A B C. II. Cos è il Consiglio comunale. 1 La composizione e l elezione del Consiglio comunale. 2 La carica di consigliere comunale

A B C. II. Cos è il Consiglio comunale. 1 La composizione e l elezione del Consiglio comunale. 2 La carica di consigliere comunale II. 1 La composizione e l elezione del Consiglio comunale 2 La carica di consigliere comunale 3 I gruppi in Consiglio comunale 4 Le Commissioni del Consiglio comunale 5 Le competenze decisionali del Consiglio

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro 1 ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) È istituita per opera dei coniugi GASPARINI LUCIANO e PRAVATO CANDIDA, l Associazione UNA NUOVA SPERANZA O.N.L.U.S. con sede in Mirano (VE) Scaltenigo Via

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli