PRESENTAZIONE DEI RISULTATI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRESENTAZIONE DEI RISULTATI"

Transcript

1 PRESENTAZIONE DEI RISULTATI GROSSETO, FONDAZIONE IL SOLE 7 DICEMBRE 2011 A cura di: Ioletta Pannocchia, Moreno Toigo, Fabio Baglioni Assistenza tecnica

2 2 IL PROGETTO

3 IL PROGETTO CHIAMATI IN CAUSA PER INVESTIRE E un progetto di partecipazione. Finanziato da: Provincia di Grosseto; Autorità Regionale per la partecipazione. Condotto con l assistenza tecnica di: Promo PA Fondazione; Simurg ricerche. 3

4 IL GRUPPO DI LAVORO (I) Esperti Fabio Baglioni Alessandro Lombrano Silvia Poponcini Gaetano Scognamiglio Roberto Seghi Sergio Signanini Moreno Toigo Comunicazione e web Massimiliano Alù Arianna Arezzini Valeria Ciofi Massimo Cipriani Elisa Palumbo Project management Ioletta Pannocchia Facilitatori Lisa Baldi Andrea Caldelli Andrea Dini Annalisa Marzot Annarita Nigro Maria Vittoria Peccatori Beixi Pena Veronica Tancredi Rita Teodori 4

5 IL GRUPPO DI LAVORO (II) Comitato di garanzia Referente amministrativo Gabriella Cerchiai Laura Cutini Mauro Schiano Valentino Bisconti Donatella Bigozzi 5

6 OBIETTIVO: FAVORIRE LA PARTECIPAZIONE Far emergere il sapere comune. AI cittadini è chiesto di fornire input di programmazione e direzione, in quanto si ritiene che il sapere comune sia per fondamentale per soluzioni socialmente e non solo tecnicamente accettabili. I processi partecipativi mirano a generare condivisione e consenso attraverso un dialogo, che permette d'arrivare a valutazioni più bilanciate, condivise, ragionate e orientate al cambiamento. 6

7 IL TEMA Lo sviluppo dell economia provinciale: la costruzione del piano di sviluppo locale. I punti di forza e di debolezza dell economia provinciale. Come investire le risorse disponibili? Come valorizzare i diversi settori dell economia provinciale? 7

8 LE RISORSE A DISPOSIZIONE Le risorse a disposizione ammontano complessivamente a 55 milioni di Euro. (fonte: Provincia di Grosseto, Dipartimento sviluppo sostenibile) Fondi agevolati Investimenti Formazione professionale Innovazione di processo/prodotto Agricoltura, agro-alimentare, pesca Manifattura ed edilizia Turismo e ristorazione Green economy 10 mil/ (provincia) 8 mil/ + (ministero) 10 mil/ (regione) 10 mil/ (provincia) 1,5 mil/ (ministero) 3,5 mil/ eccetto ristorazione (ministero) 4 mil/ (provincia) 3 mil/ (provincia/regione) 5 mil/ (provincia/regione) 8

9 LE ATTIVITÀ 27 ottobre: incontro plenario iniziale; Novembre: indagine qualitativa - 11 incontri territoriali; indagine quantitativa - questionario on line; 7 dicembre: incontro conclusivo presentazione dei risultati 9

10 10 LA PARTECIPAZIONE

11 IL NUMERO DEI PARTECIPANTI: SCHEDA DI SINTESI I cittadini che hanno partecipato attivamente alle attività del progetto sono in totale: 775 Incontro Numero partecipanti Incontro 27 ottobre Incontri territoriali Incontro 27 ottobre 130 Incontro 7 ottobre Parteciapanti al questioanario Incontri territoriali % Incontro 7 dicembre 60 54% 10% 20% Partecipanti al questionario 427 Totale cittadini intervenuti

12 LA PARTECIPAZIONE SUL TERRITORIO: I COMUNI COINVOLTI Luogo data comuni coinvolti Grosseto Massa Marittima Follonica 8 novembre novembre 2011 Grosseto, Alberese, Marina di Grosseto, Roselle, Batignano, Istia Massa Marittima, Montieri, Gavorrano, Monterotondo 12 novembre 2011 Follonica, Scarlino Gli incontri territoriali si sono svolti in 10 comuni del territorio provinciale, andando a coprire la totalità della Provincia. Castel del Piano Pitigliano Capalbio Roccastrada Grosseto (II) Castiglione della Pescaia Orbetello Scansano 15 novembre novembre novembre 2011 Capalbio 19 novembre novembre 2011 Castel del Piano, Santa Fiora, Arcidosso, Roccalbegna, Semproniano, Cinigiano, Seggiano Pitigliano, Sorano, Manciano, Castell Azzara, Roccastrada, Campangatico, Civitella Paganico Grosseto, Alberese, Marina di Grosseto, Roselle, Batignano, Istia 26 novembre 2011 Castiglione della Pescaia 26 novembre 2011 Orbetello, Monte Argentario, Isola del Giglio 30 novembre 2011 Scansano,Magliano in Toscana 12

13 LA PARTECIPAZIONE AGLI INCONTRI TERRITORIALI Numero Partecipanti Il numero totale dei cittadini che ha partecipato direttamente è stato 158 con una media di 15 partecipanti per ciascun incontro. La partecipazione ha riscosso un notevole successo nelle zone montane: Castel del Piano (27 partecipanti), Pitigliano. 13

14 LA PARTECIPAZIONE VIA WEB Canali di accesso: Il sito web dedicato: Il social network: la pagina facebook Il questionario on line 14

15 DATI ACCESSO SITO WEB Dati sito web Al 6 dicembre il sito web di Chiamati per investire è stato visualizzato complessivamente volte Le pagine più visitate sono Home page: 33 % dei visitatori Pagina Materiali: 10% dei visitatori Pagina Le vostre idee: 7% dei visitatori Pagina Incontri territoriali: 5 % dei visitatori 15

16 SORGENTI DI TRAFFICO Link diretto al sito 52,34% I siti referenti principali sono 36,32% Sito Promo PA Fondazione 692 click Profilo su FaceBook 327 click Sito Provincia di Grosseto 264 click Altri siti 89 click Motori di ricerca 11,34% 16

17 IL GRUPPO FACEBOOK Il gruppo su FaceBook è stato visualizzato volte I post maggiormente visualizzati sono : Il programma del primo incontro La locandina ufficiale Il comunicato stampa 17

18 TIPOLOGIA DI UTENTI FACEBOOK Il maggior numero di utenti che hanno visualizzato la pagina del progetto su FaceBook appartiene al settore uomini dai 35 ai 44 anni di età, per quanto riguarda le donne la fascia che ha manifestato più interesse è quella tra i 25 ed i 34 anni di età, di seguito è possibile visualizzare il report dettagliato. 18

19 SINTESI CONTATTI WEB Sito + facebook viste. Ipotizzando una media di 5 contatti per persona, possiamo stimare che persone si siano interessate all evento. 19

20 IL CAMPIONE CHE HA RISPOSTO AL SONDAGGIO ON LINE Sesso Età Istruzione 427 risposte 20

21 21 I RISULTATI

22 LA CLASSIFICA DEI SETTORI PRIORITARI Turismo Agricoltura Green economy Manifatturiero L indice di priorità considera anche i piazzamenti al secondo e terzo posto. Indice di priorità: indice calcolato considerando i piazzamenti; è massimo (=100) se il settore è sempre stato segnalato al primo posto, è 0 se è sempre segnalato all ultimo posto. 22 Indice sintetico di priorità

23 PUNTI DI FORZA 23

24 PUNTI DI DEBOLEZZA 24

25 TURISMO Il territorio Qualità e bellezza del territorio Beni storici Varietà di paesaggi Bassa antropizzazione L'integrazione Integrato con l'agricoltura (enogastronomia) Punti di forza L'offerta Varietà dell'offerta Le dinamiche aziendali Potenzialità inespresse Elevato valore aggiunto Le dinamiche socio/economiche Qualità della vita Tradizioni locali 25

26 TURISMO Il territorio Mancanza infrastrutture e collegamenti Poca valorizzazione dei beni storici Presenza di situazioni di degrado ambientale L'integrazione Incapacità di lavorare in rete tra le imprese Punti di debolezza L'offerta Stagionalità Poco marketing e programmazione Scarso utilizzo dell'innovazione tecnologica Pochi eventi culturali Contesto Troppa burocrazia Poca professionalità 26

27 AGRICOLTURA I prodotti Qualità Specificità territoriale Varietà della produzione biologica Marchi Punti di forza Ambiente e territorio Situazione ambientale e geografica favorevole Bassa antropizzazione Basso impatto ambientale Vocazione storica Le aziende Buon livello di occupazione Buon livello di professionalità Intersettorialità Si integra con lo sviluppo turistico 27

28 AGRICOLTURA Integrazione Scarsa integrazione tra imprese Scarsa integrazione con l'amministrazione Dimensione sociale Bassa considerazione sociale del ruolo 28 Punti di debolezza Il territorio Trasformazione di annessi agricoli in civile abitazione Troppi impianti fotovoltaici Le aziende Non export e marketing Imprese piccole, frammentate e non in rete NO ricambio generazionale Pochi servizi e strategie Pochi capitali

29 GREEN ECONOMY Punti di forza è intersettoriale genera molta occupazione genera innovazione ambiente naturale favorevole possibilità di realizzare molti nuovi impianti Punti di debolezza rischio sfruttamento intensivo del territorio 29

30 MANIFATTURIERO Punti di forza ambiente favorevole alla nautica genera molta occupazione situazione geografica favorevole alla realizzare impianti a basso impatto ambientale settore che genera innovazione settore ad alto valore aggiunto Punti di debolezza poca formazione del personale manca logistica poca programmazione troppo concentrato sull'edilizia chimica e tessile poco sviluppati 30

31 QUANTO INVESTIRE Fonte: questionario on line Turismo Ristorazione - Agriturismo Agricoltura (agroalimentare, pesca) 31% 25% Manifatturiero (chimica, nautica, edilizia, tessile, meccanica) 20% Green economy (energie rinnovabili e settori connessi) 24% 31

32 TURISMO: DOVE INVESTIRE? Culturale (archeologico, naturalistico) Balneare Sportivo (golf,nautica, diving, ciclistico, Enogastronomico Agriturismo Termale ALTRO L ambito prioritario nel quale investire in campo turistico è il settore culturale, archeologico e naturalistico segnalato al primo posto da 77 persone, pari a circa il 36%. Più o meno allo stesso livello turismo balneare, sportivo e enogastronomico, segnalati dal circa il 15/16%. 32

33 AGRICOLTURA: DOVE INVESTIRE? Vitivinicolo Ortofrutticola e vivaistica Olivicolo Pesca e acquacoltura Allevamento bovino Cerealicolo ALTRO Allevamento ovino NB: Pesca e acquacoltura sono il primo settore nei comuni costieri Nonostante sia già ora uno dei settori più dinamici dell economia provinciale, i rispondenti nella maggior parte dei casi considerano prioritario il settore vitivinicolo, segnalato da 67 persone, pari a circa il 31%. Seguono il settore ortofrutta e vivaistica, il settore olivicolo e la pesca e acquacoltura. 33

34 GREEN ECONOMY: DOVE INVESTIRE? Fotovoltaico per autoconsumo Bioedilizia Istallazione e montaggio impianti energie alternative Geotermia Impianti a biomasse Produzione componentisca per energie alternative Minieolico Nel campo della Green Economy la priorità viene data al Fotovoltaico per autoconsumo e alla bioedilizia. Si privilegia, cioè, la piccola dimensione degli investimenti, che vedano anche la compartecipazione dei privati cittadini. ALTRO 7 34

35 MANIFATTURIERO: DOVE INVESTIRE? Nautica Edilizia Tessile e confezioni Meccanica e elettromeccanica Chimica Arredamento ALTRO In ambito manifatturiero, la priorità su cui investire è il settore nautico, segnalato al primo posto da 82 persone (39%), seguito dal settore edilizio (30%). Gli altri comparti ricevono molte meno segnalazioni. Pochissime segnalazioni per la chimica, uno dei settori portanti dell economia provinciale. 35

36 SIMULAZIONE DESTINAZIONE RISORSE I cittadini sono stati posti in condizione di dover fare delle scelte concrete, non solo di dichiarare dei desiderata : decidere dove spendere concretamente le risorse, ma tenendo presenti i vincoli e le interrelazioni tra gli investimenti e differenziando le tipologie di interventi, in: Investimenti strutturali, ovvero strutture a sostegno economia; Investimenti privati; Formazione e consulenza. Turismo 26 mil/ 48% (valore minimo ,00 valore massimo ,00) Agricoltura 14,7 mil/ 27% (valore minimo ,00 valore massimo ,00) Green economy 7,4 mil/ 13% (valore minimo ,00 valore massimo ,00) Manifatturiero 6,9 mil/ 12% (valore minimo ,00 valore massimo ,00) 36

37 TURISMO (26 MIL/ ) VALORI ESPRESSI IN MILIONI DI EURO. Le risorse destinati a settori che hanno ricevuto meno di ,00 di euro non sono state suddivise Sportivo 8,5 Culturale 6,9 Agriturismo 3.5 Termale 3,3 Enogastrono mico 2,6 Balneare 0,6 3,4 strutturali 2,6 privati 2,5 formazione e consulenza 2,1 strutturali 2,7 privati 2,1 formazione consulenza 0,3 strutturali 2,4 privati 0,8 formazione e consulenza 0,8 strutturali 1,5 privati 1 formazione consulenza 0,2 strutturali 1,6 privati 0,8 formazione consulenza

38 AGRICOLTURA (14,7 MIL/ ) VALORI ESPRESSI IN MILIONI DI EURO. Le risorse destinati a settori che hanno ricevuto meno di ,00 di euro non sono state suddivise Ortofrutta e vivaismo 3,8 0,5 strutturali 2,7 privati 0,6 formazione e consulenza Olivicolo 3,4 0,3 strutturali 2,2 privati 0,9 formazione consulenza Vitivinicolo 2,4 0,2 strutturali 1,6 privati 0,6 formazione e consulenza All ovino 2,4 0,5 strutturali 1,0 privati 0,9 formazione consulenza Cerealicolo 1,4 0,1 strutturali 0,8 privati 0,3 formazione consulenza Pesca Acqua cultura 0,6

39 GREEN ECONOMY (7,4 MIL/ ) VALORI ESPRESSI IN MILIONI DI EURO. Le risorse destinati a settori che hanno ricevuto meno di ,00 di euro non sono state suddivise Bioedilizia 3,9 Geotermia 1,2 Fotovoltaico 0,9 Componentistica 0,9 Biomasse 0,2 2,7 privati 1,2 formazione e consulenza 0,4 strutturali 0,5 privati 0,3 formazione e consulenza solo privati

40 MANIFATTURIERO (6,9 MIL/ ) VALORI ESPRESSI IN MILIONI DI EURO. Le risorse destinati a settori che hanno ricevuto meno di ,00 di euro non sono state suddivise Nautica 4,8 Edilizia 1,5 Tessile 0,6 0,6 struttrali 2,7 privati 1,5 formazione e consulenza 0,1 strutturali 1 privati 0,4 formazione e consulenza

41 I GIACIMENTI DA VALORIZZARE Nel corso dell indagine sono emerse delle significative eccellenze settoriali es. nel settore chimico dove vi sono ampi margini di innovatività e di valore aggiunto nel campo della sostenibilità ambientale. Questi dati rappresentano la realtà ma non danno adeguata voce alle potenzialità che un pubblica amministrazione deve andare a sostenere e valorizzare. 41

42 QUALI AZIONI/INTERVENTI? Formazione professionale Contributi a fondo perduto alle imprese che investono Semplificazione delle procedure amministrative Azioni di marketing territoriale per attirare gli investimenti Investimenti diretti della Provincia in infrastrutture viabilità provinciale Incentivi alle assunzioni Contributi in conto interessi per abbattere i tassi di interesse Investimenti diretti della Provincia in infrastrutture banda larga Investimenti diretti della Provincia in infrastrutture impianti produzione energia Garanzie per prestiti bancari Investimenti nella creazione di centri servizio 62,3 60,0 59,0 54,8 52,6 51,5 50,1 47,9 46,5 45,6 34,2 Le priorità: 1) Formazione 2) Aiuto alle imprese che investono 3) Meno burocrazia 4) Marketing Indice sintetico di priorità

43 LASCIAMO SPAZIO ALLE IDEE 43

44 Azienda/prodotto Sviluppare agricoltura biologica Agricoltura Distribuzione Sviluppare gruppi di acquisto solidale Innovare le culture (anche collegandole al tessile) Creare corner in punti strategici Promuovere l'adozione di marchi di qualità per gli alimenti Mercati a KM 0 Promuovere forme di aggregazione fra i produttori filiera corta Accordi collettivi con la grande distribuzione

45 Nuove tipologie Dal turismo Balneare a quello del mare Turismo Valorizzazione beni e tradizioni Borghi Medioevali Turismo culturale con circuito giardini d'artista Patrimonio Culturale sommerso anche piccoli musei Turismo sociale Turismo Accessibile Turismo sportivo legato anche a nuovi sport come la pesca sportiva anche con barriere sommerse Guide multimediali da fruire su smartphone o tablet Servizi Migliorare La sentieristica Maggiori Posti barca Infrastrutture

46 Istituzionale Green economy Sistema Valorizzare la bioedilizia nei piani strutturali Sviluppare linee guida bioedilizia Favorire il confronto con altri paesi dove ci sono esperienze più avanzate Favorire la mobilità elettrica Creare un polo di ricerca Favorire la micro generazione di energia Creare una filiera

47 Imprese Trasversale Infrastrutture Creare un centro di ricerca sull'economia del mare Sviluppare infrastrutture ITC Favorire le aggregazioni d'imprese Migliorare logistica e trasporti Creare un marchio Maremma Realizzare maggiori azioni di marketing territoriale Territorio Valorizzare la sostenibilità

L esperienza dell 'Area di Crisi di Tossilo. Il PSL dell Areadi Crisi di Porto Torres

L esperienza dell 'Area di Crisi di Tossilo. Il PSL dell Areadi Crisi di Porto Torres Contenuti del seminario 3 Modello I PFSL: un nuovo modello di intervento per contrastare la crisi a favore dello sviluppo locale Esperienze L esperienza dell 'Area di Crisi di Tossilo Focus Area di Crisi

Dettagli

Allegato A PREMESSO RICHIAMATI

Allegato A PREMESSO RICHIAMATI Allegato A PROTOCOLLO D INTESA PER LA PREVENZIONE E IL CONTRASTO DELLE VIOLENZE NEI CONFRONTI DEI SOGGETTI DEBOLI, DELLE DONNE E DELLA VIOLENZA DOMESTICA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PREVENZIONE E IL CONTRASTO

Dettagli

Chiamati in causa per investire

Chiamati in causa per investire Relazione finale Chiamati in causa per investire Provincia di Grosseto 08 Marzo 07 Dicembre 2011 Sostegno regionale a processi partecipativi ex Capo IV l.r. 69/07 Relazione Finale marzo 2012 Processo partecipativo

Dettagli

Economia, finanza e tributi. Emergenza e sicurezza

Economia, finanza e tributi. Emergenza e sicurezza 28/05/2013 INDICE RASSEGNA STAMPA 28/05/2013 Economia, finanza e tributi Corriere Maremma 28/05/2013 p. 12 Ecco "l'aiutino" della Regione ai Comuni 1 Nazione Empoli 28/05/2013 p. 4 Fondi ai Comuni per

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO Allegato A2.4 BILANCIO DELLE EMISSIONI INQUINANTI Riferimento al capitolo 2.6 della Relazione di sintesi PEAP GR A cura di CO.SVI.G., PIN SCRL.

Dettagli

Formazione per l apprendistato. Vademecum del giovane apprendista. Viola Pinzi, Giulio Iannis, Maurizio Serafin, Stefania Milani

Formazione per l apprendistato. Vademecum del giovane apprendista. Viola Pinzi, Giulio Iannis, Maurizio Serafin, Stefania Milani Formazione per l apprendistato Vademecum del giovane apprendista A cura del Centro per l Impiego di Grosseto: Roberta Giulietti, Massimo Caramelli, Lorella Dragoni Testi: Viola Pinzi, Giulio Iannis, Maurizio

Dettagli

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA CONTRATTO DI PAESAGGIO FINALIZZATO ALLA DEFINIZIONE DI UNA STRATEGIA DI SVILUPPO TERRITORIALE E DI RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA DEI TERRITORI MONTANI DI COMUNANZA

Dettagli

Presentazione del Programma di Cooperazione Italia-Francia Marittimo 2014-2020. La cooperazione al cuore del Mediterraneo

Presentazione del Programma di Cooperazione Italia-Francia Marittimo 2014-2020. La cooperazione al cuore del Mediterraneo Presentazione del Programma di Cooperazione Italia-Francia Marittimo 2014-2020 La cooperazione al cuore del Mediterraneo Carta d identità Chi? 5 regioni di Francia e Italia: PACA, Corsica, Liguria, Toscana,

Dettagli

Formazione per l apprendistato Vademecum del giovane apprendista

Formazione per l apprendistato Vademecum del giovane apprendista Formazione per l apprendistato Vademecum del giovane apprendista A cura del Centro per l Impiego di Grosseto: Roberta Giulietti, Massimo Caramelli, Lorella Dragoni Testi: Viola Pinzi, Giulio Iannis, Maurizio

Dettagli

Unione regionale delle province del Veneto Il federalismo e il ruolo e l immagine delle province

Unione regionale delle province del Veneto Il federalismo e il ruolo e l immagine delle province Unione regionale delle province del Il federalismo e il ruolo e l immagine delle province PARTE PRIMA Il ruolo di coordinamento della Provincia Secondo Lei quanto è importante che la sua Provincia abbia

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato Costruiamo la strategia: dall analisi di contesto ai fabbisogni Luca Cesaro INEA Trentino Alto Adige Trento, 6 marzo 2014 Fasi di

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

INFRASTRUTTURE VERDI E ATTIVITÀ PRODUTTIVE innovazione, green networks e nuova domanda di lavoro nel mondo delle imprese

INFRASTRUTTURE VERDI E ATTIVITÀ PRODUTTIVE innovazione, green networks e nuova domanda di lavoro nel mondo delle imprese INFRASTRUTTURE VERDI E ATTIVITÀ PRODUTTIVE innovazione, green networks e nuova domanda di lavoro nel mondo delle imprese Domenico Mauriello Responsabile Centro Studi Unioncamere LE INFRASTRUTTURE VERDI:

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 Attività di preparazione Ottobre 2010: La Commissione licenzia il Documento Europa 2020: per una crescita intelligente,

Dettagli

LE NUOVE POLITICHE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE I MPRESE NELLA PROSPETTIVA DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020

LE NUOVE POLITICHE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE I MPRESE NELLA PROSPETTIVA DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 LE NUOVE POLITICHE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE I MPRESE NELLA PROSPETTIVA DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 \ OBIETTIVI TEMATICI (art.9 Reg.Generale) Interventi attivabili nel periodo 2014-2020 Grado

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010 MISURA 19 CLLD LEADER LA SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 1 Piemonte PROGRAMMAZIONE 2007-2013 PSR 2007-2013 ASSE IV LEADER 13 GRUPPI

Dettagli

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE ASSOCIAZIONE 100 CASCINE RIQUALIFICAZIONE E MESSA A SISTEMA DELLE CASCINE LOMBARDE ACCOGLIENZA PER EXPO 2015 V. 20110926 IL PATRIMONIO: LA RETE 320 Cascine hanno manifestato il loro interesse 106 Cascine

Dettagli

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA PIT N TITOLO DEL PIT PROVINCIA 7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA IDEA FORZA Caratteristiche L idea forza del PIT proposto parte dall assunto che il territorio del Comune di Palermo, collocato

Dettagli

Lo Sviluppo Rurale in Abruzzo nel 2014-2020

Lo Sviluppo Rurale in Abruzzo nel 2014-2020 Incontro con il Partenariato Lo Sviluppo Rurale in Abruzzo nel 2014-2020 Dall analisi alla costruzione della strategia Emanuele Blasi e Barbara Pancino Università degli Studi della Tuscia Viterbo Venerdì

Dettagli

SCHEDA BANDO. REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO RURALE - B.U.R.P. n. 71 del 17-05-2012.

SCHEDA BANDO. REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO RURALE - B.U.R.P. n. 71 del 17-05-2012. SCHEDA BANDO Titolo: Fonte: Programma di Sviluppo Rurale della Puglia (P.S.R.) F.E.A.S.R. 2007-2013. ASSE I: Miglioramento della competitività del settore agricolo e forestale. MISURA 121: Ammodernamento

Dettagli

Valorizzazione delle aree naturali protette come chiave di sviluppo turistico dei territori. www.isnart.it 1

Valorizzazione delle aree naturali protette come chiave di sviluppo turistico dei territori. www.isnart.it 1 Valorizzazione delle aree naturali protette come chiave di sviluppo turistico dei territori www.isnart.it 1 Le aree protette in Italia 23 parchi nazionali (oltre 500 comuni) 152 parchi regionali (quasi

Dettagli

Programma operativo regionale POR CreO FESR 2014-2020

Programma operativo regionale POR CreO FESR 2014-2020 Programma operativo regionale POR CreO FESR 2014-2020 Obiettivo Investimenti per la Crescita e l Occupazione Siena, 27 marzo 2015 Monica Bartolini, Ilaria Buselli Ufficio Autorità di Gestione POR FESR

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 4 5 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

Dal FEP al FEAMP: quale transizione

Dal FEP al FEAMP: quale transizione L attuazione della Politica Europea per la Pesca: Dal FEP al FEAMP Bologna, 08 ottobre 2014 Regione Emilia Romagna FEP: Misura 5.1 Assistenza tecnica Dal FEP al FEAMP: quale transizione Giulio Malorgio

Dettagli

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale BENVENUTO! In questo viaggio attraverso la Lombardia che si prepara ad Expo, potrai scoprire molte cose che forse ancora non sai della tua regione e della

Dettagli

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE Tabella A. sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Fenomeno nuove povertà e precarizzazioni sociali Precarizzazione mercato del lavoro INSICUREZZA SOCIALE E SCENARI SOCIO- ECONOMICI E DEMOGRAFICI

Dettagli

AGRICOLTURA E ARTIGIANATO. Un analisi delle esperienze

AGRICOLTURA E ARTIGIANATO. Un analisi delle esperienze AGRICOLTURA E ARTIGIANATO. Un analisi delle esperienze Attività produttive Artigianato e Agricoltura Questo progetto si pone quattro diversi obiettivi: OBIETTIVO 1: Implementare un modello di economia

Dettagli

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti RESTARTAPP ReStartApp è il primo campus per le nuove imprese dell Appennino: un progetto dedicato ai giovani in possesso di idee d impresa o start up originali e innovative, che vedono nel territorio appenninico

Dettagli

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 Le Reti d Impresa POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 1 Introduzione L esigenza di fare rete riguarda tutte le imprese ma è ancora più importante

Dettagli

Modulo 4: i bandi promossi dagli enti pubblici e privati

Modulo 4: i bandi promossi dagli enti pubblici e privati I BANDI PROMOSSI DAL GAL DELTA 2000 PROSSIME OPPORTUNITA - curiosando qua e la LA PROSSIMA PROGRAMMAZIONE CONSIGLI UTILI I BANDI PROMOSSI DAL GAL DELTA 2000 a favore del turismo Bando per le Microimprese

Dettagli

GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria 2007-2013 PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER

GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria 2007-2013 PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER Programma di Sviluppo Locale BASSO TIRRENO COSENTINO SCHEDA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA PRESENTAZIONE DI PROGETTI

Dettagli

Il Progetto di Marketing Unitario (PMU) Livorno, 21 marzo 2014

Il Progetto di Marketing Unitario (PMU) Livorno, 21 marzo 2014 Il Progetto di Marketing Unitario (PMU) Livorno, 21 marzo 2014 Il quadro di riferimento Por Creo 2007-2013, Linea di intervento 5.3 Obiettivo dell' Attività 5.3. Por Creo 2007-2013: attivare progetti integrati

Dettagli

MAREMMA TERRA DI VINI. Progetto Integrato di Filiera: Regione Toscana Decreto Dirigenziale n. 2359 del 26/05/2015 s.m.i.

MAREMMA TERRA DI VINI. Progetto Integrato di Filiera: Regione Toscana Decreto Dirigenziale n. 2359 del 26/05/2015 s.m.i. MAREMMA TERRA DI VINI Progetto Integrato di Filiera: Regione Toscana Decreto Dirigenziale n. 2359 del 26/05/2015 s.m.i. La Cantina di Pitigliano si propone come promotore e soggetto capofila del Progetto

Dettagli

LOMBARDIA REGIONE CONCRETA

LOMBARDIA REGIONE CONCRETA LOMBARDIA REGIONE CONCRETA PDL DIFESA DEL SUOLO PIÙ DI 200 MILIONI PER LA LOMBARDIA 126 MILIONI PER L AGRICOLTURA 62 MILIONI PER LE IMPRESE 15 MILIONI PER LA MODA E IL DESIGN 1,5 MILIONI AI CITTADINI COLPITI

Dettagli

sviluppo dell umbria

sviluppo dell umbria L internet economy e il suo contributo allo sviluppo dell umbria Mauro Casavecchia l internet economy crea valore e occupazione Contributo diretto di Internet al PIL 2009 Contributo di Internet alla crescita

Dettagli

PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento

PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento L agricoltura trentina prende quota! I 5 passi per consultare facilmente online il PSR

Dettagli

COMITATO TECNICO LAZIO PER EXPO 2015

COMITATO TECNICO LAZIO PER EXPO 2015 Gianfranco Castelli COMITATO TECNICO LAZIO PER EXPO 2015 Linee di indirizzo 8 febbraio 2013 «Nutrire il pianeta. Energia per la vita» è il tema dell Esposizione Universale - Expo 2015 che sarà inaugurata

Dettagli

1 Contributo a fondo perduto fino a 7.000,00 per la redazione dei Piani di Azione per l'energia sostenibile (PAES).

1 Contributo a fondo perduto fino a 7.000,00 per la redazione dei Piani di Azione per l'energia sostenibile (PAES). 1 Contributo a fondo perduto fino a 7.000,00 per la redazione dei Piani di Azione per l'energia sostenibile (PAES). BENEFICIARI: Ente pubblico SPESE FINANZIATE: Risparmio energetico/fonti rinnovabili BANDO

Dettagli

TEMA: INFRASTRUTTURE PER LO SVILUPPO RIUNIONE n. 2 27 giugno 2003

TEMA: INFRASTRUTTURE PER LO SVILUPPO RIUNIONE n. 2 27 giugno 2003 AGGIORNAMENTI TEMA: INFRASTRUTTURE PER LO SVILUPPO RIUNIONE n. 2 27 giugno 2003 Scopo di questa seconda riunione è verificare le proposte strategiche da portare avanti nel processo di copianificazione,

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio LA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE La Fondazione

Dettagli

Il biologico in Toscana

Il biologico in Toscana Quaderno della Il biologico in Toscana 7 Chi promuove il progetto Filiera Corta Bio nella regione CTPB - Coordinamento Toscano Produttori Biologici - e un associazione nata nel 1983 a Firenze per iniziativa

Dettagli

INDAGINE SUI FABBISOGNI DI SERVIZI A FAVORE DELLE IMPRESE DEL SETTORE AGROALIMENTARE

INDAGINE SUI FABBISOGNI DI SERVIZI A FAVORE DELLE IMPRESE DEL SETTORE AGROALIMENTARE A cura di: INDAGINE SUI FABBISOGNI DI SERVIZI A FAVORE DELLE IMPRESE DEL SETTORE AGROALIMENTARE PRESENTAZIONE DEI RISULTATI 1 - Criticità - Fabbisogni - Tendenze di sviluppo Il presente rapporto illustra

Dettagli

Città di Grosseto Il Comune che vogliamo. 2011-2016 - Programma di governo

Città di Grosseto Il Comune che vogliamo. 2011-2016 - Programma di governo 2011-2016 - Programma di governo GROSSETO OGGI La città ha superato gli 80 mila abitanti e la popolazione cresce velocemente. Si diffondono caratteri metropolitani e con essi gli elementi problematici

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

I BILANCI CERVED: FONTE DI INFORMAZIONI SUL MERCATO E STRUMENTO DI GESTIONE

I BILANCI CERVED: FONTE DI INFORMAZIONI SUL MERCATO E STRUMENTO DI GESTIONE I BILANCI CERVED: FONTE DI INFORMAZIONI SUL MERCATO E STRUMENTO DI GESTIONE Il Benchmarking sui bilanci è un fondamentale supporto alla gestione dell azienda Cerved ha appena pubblicato i dati di bilancio

Dettagli

I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia. Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche

I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia. Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche Torino, 3 luglio 2014 Agenda 1 L identikit delle imprese

Dettagli

Canali di finanziamento e buone pratiche in corso di realizzazione

Canali di finanziamento e buone pratiche in corso di realizzazione Progetto D.A.R.E. Bio Difesa dell Ambiente, Risparmio energetico, Edilizia sostenibile Canali di finanziamento e buone pratiche in corso di realizzazione IV Forum plenario dell Agenda 21 del Comune di

Dettagli

FILIERA CORTA PROPOSTA D INTERVENTO ANCONA 03 FEBBRAIO 2011

FILIERA CORTA PROPOSTA D INTERVENTO ANCONA 03 FEBBRAIO 2011 FILIERA CORTA PROPOSTA D INTERVENTO ANCONA 03 FEBBRAIO 2011 Proposta di intervento L ultima fase del lavoro ha riguardato la progettazione di una proposta funzionale che incentivi ed agevoli il sistema

Dettagli

Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella

Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella Opportunità di Finanziamento per i Giovani Relatore: Dr. Agr. Andrea Antonio PANICO Lecce, li 21/02/2015 Confederazione Italiana Agricoltori Lecce- Nuovo PSR PUGLIA

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020

Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020 Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020 Misura 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi Misura 19 LEADER Bianca Maria Eula Direzione opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e foreste Torino,

Dettagli

PRIMO RAPPORTO SULLA COOPERAZIONE IN ITALIA. Giuseppe Roma DG Censis. Roma 29 novembre 2012

PRIMO RAPPORTO SULLA COOPERAZIONE IN ITALIA. Giuseppe Roma DG Censis. Roma 29 novembre 2012 PRIMO RAPPORTO SULLA COOPERAZIONE IN ITALIA Giuseppe Roma DG Censis Roma 29 novembre 2012 La forza della cooperazione nell economia italiana 80 mila cooperative Circa 1 milione 350 mila occupati (7,2%

Dettagli

PIANO DELLE ATTIVITÀ ESTRATTIVE, DI RECUPERO DELLE AREE ESCAVATE E RIUTILIZZO DEI RESIDUI RECUPERABILI DELLA PROVINCIA (PAERP)

PIANO DELLE ATTIVITÀ ESTRATTIVE, DI RECUPERO DELLE AREE ESCAVATE E RIUTILIZZO DEI RESIDUI RECUPERABILI DELLA PROVINCIA (PAERP) PROVINCIA DI GROSSETO DIPARTIMENTO TERRITORIO, AMBIENTE E SOSTENIBILITA SETTORE SVILUPPO DEL TERRITORIO Garante della Comunicazione per il PA.E.R.P. tel. 0564484772 - fax 056420845 e-mail: d.crescenzi@provincia.grosseto.it

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE STRATEGIE DI MARKETING E COMUNICAZIONE PER LA PROMOZIONE DEL TERRITORIO E DELLE PRODUZIONI AGROALIMENTARI TIPICHE

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE STRATEGIE DI MARKETING E COMUNICAZIONE PER LA PROMOZIONE DEL TERRITORIO E DELLE PRODUZIONI AGROALIMENTARI TIPICHE CORSO DI SPECIALIZZAZIONE STRATEGIE DI MARKETING E COMUNICAZIONE PER LA PROMOZIONE DEL TERRITORIO E DELLE PRODUZIONI AGROALIMENTARI TIPICHE PROGETTO. Promuovere uno sviluppo economico basato sul territorio

Dettagli

INSIEME PROTAGONISTI DELLA RIPRESA

INSIEME PROTAGONISTI DELLA RIPRESA INSIEME PROTAGONISTI DELLA RIPRESA SETTORE TURISMO IMPRESE ADERENTI 15 SITO WEB www.alberghilamilanocheconviene.it RETE DI STRUTTURE ALBERGHIERE DELL ALTO MILANESE NATA IN OCCASIONE DI EXPO. PROMUOVE PACCHETTI

Dettagli

Interventi. Strategie. siamo qui. Fabbisogni. Punti forza/debolezza/opportunità/minacce. Contesto generale

Interventi. Strategie. siamo qui. Fabbisogni. Punti forza/debolezza/opportunità/minacce. Contesto generale Il percorso logico Interventi Strategie siamo qui Fabbisogni Punti forza/debolezza/opportunità/minacce Contesto generale Analisi di contesto Indicatori di contesto (individuati dall UE obbligatori) Valutazione

Dettagli

Verso la nuova PAC 2014-2020 per lo sviluppo rurale in Toscana

Verso la nuova PAC 2014-2020 per lo sviluppo rurale in Toscana Verso la nuova PAC 2014-2020 per lo sviluppo rurale in Toscana Roberto Pagni Regione Toscana Dirigente Settore Politiche Comunitarie e Regionali per la competitività Convegno Il sistema agroalimentare

Dettagli

technoarea Gorizia AREA Science Park Investire a Gorizia UDINE 28 settembre 2001 Elena Pianese elena.pianese@area.trieste.it

technoarea Gorizia AREA Science Park Investire a Gorizia UDINE 28 settembre 2001 Elena Pianese elena.pianese@area.trieste.it technoarea Gorizia AREA Science Park Investire a Gorizia UDINE 28 settembre 2001 Elena Pianese elena.pianese@area.trieste.it 1 Il Polo Tecno-Industriale per l Energia di AREA Science Park a Gorizia La

Dettagli

Il mondo produttivo e la Green Economy

Il mondo produttivo e la Green Economy Bologna Venerdì, 22 ottobre 2010 Verso un nuovo PER: linee di indirizzo per un Piano partecipato Il mondo produttivo e la Green Economy LA POLITICA ENERGETICA EUROPEA, LE GREEN TECHNOLOGIES, IL PIANO ANTICRISI

Dettagli

Indagine sul futuro dei Giovani Albergatori Trentini

Indagine sul futuro dei Giovani Albergatori Trentini Indagine sul futuro dei Giovani Albergatori Trentini Risultati dell indagine 2014 Ricerca commissionata dalla Presidente Giovani Albergatori Trentini dott. Francesca Maffei a cura dell Ufficio Marketing

Dettagli

PAG. 3 PERCHÉ PAG. 5 COME PAG. 6 CHI PAG. 9 DOVE \ QUANDO PAG. 10 COSA

PAG. 3 PERCHÉ PAG. 5 COME PAG. 6 CHI PAG. 9 DOVE \ QUANDO PAG. 10 COSA PROGETTO INTEGRATO DI COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE E PROMO COMMERCIALIZZAZIONE PER EXPO2015 PAG. 3 PERCHÉ PAG. 5 COME PAG. 6 CHI PAG. 9 DOVE \ QUANDO PAG. 10 COSA Il progetto Sardinia Expo2015 è stato interamente

Dettagli

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna Lo

Dettagli

Analisi SWOT - Comune di San Gimignano

Analisi SWOT - Comune di San Gimignano Analisi SWOT - Comune di San Gimignano PUNTI DI FORZA Grande patrimonio storico culturale artistico concentrato in un centro storico intatto e preservato nei secoli, dichiarato Patrimonio dell Umanità

Dettagli

IL PROGETTO ECÒ Sistema retail in franchising certificato iso 9001 e iso 14001. Prodotti no food e servizi ecosostenibili

IL PROGETTO ECÒ Sistema retail in franchising certificato iso 9001 e iso 14001. Prodotti no food e servizi ecosostenibili IL PROGETTO ECÒ Sistema retail in franchising certificato iso 9001 e iso 14001. Prodotti no food e servizi ecosostenibili Trasversale alle linee merceologiche Concept flessibile e componibile. (PV da 70

Dettagli

Chi siamo: Trame Territoriali è una Società di servizi non profit e una OLTA Tour Operator On Line

Chi siamo: Trame Territoriali è una Società di servizi non profit e una OLTA Tour Operator On Line TRAME TERRITORIALI Chi siamo: Trame Territoriali è una Società di servizi non profit e una OLTA Tour Operator On Line Cosa facciamo: Trame valorizza il territorio attraverso l identificazione, la selezione,

Dettagli

Aiuti alle piccole imprese innovative di nuova costituzione FINALITÀ Stimolare la nascita di nuove micro e piccole imprese che intendano valorizzare

Aiuti alle piccole imprese innovative di nuova costituzione FINALITÀ Stimolare la nascita di nuove micro e piccole imprese che intendano valorizzare Aiuti alle piccole imprese innovative di nuova costituzione FINALITÀ Stimolare la nascita di nuove micro e piccole imprese che intendano valorizzare a livello produttivo i risultati della ricerca in settori

Dettagli

BANDI AGER Seconda Edizione Olivo e Olio Acquacoltura 16 LUGLIO 2015 MILANO EXPO

BANDI AGER Seconda Edizione Olivo e Olio Acquacoltura 16 LUGLIO 2015 MILANO EXPO BANDI AGER Seconda Edizione Olivo e Olio Acquacoltura 16 LUGLIO 2015 MILANO EXPO TUTTI I SETTORI del nuovo Ager 1 Acquacoltura 2 Agricoltura di montagna Olivo e olio Prodotti caseari Simbolo del Made in

Dettagli

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE ROMA UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE Relatore: Claudio Destro - Presidente Confagricoltura di Roma I nuovi orizzonti dell agricoltura multifunzionale di Roma Milano, 6 settembre 2015 Evoluzioni

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI

PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI BIOLOGICO: NON SOLO MERCATO LE REGOLE L'agricoltura biologica rappresenta uno dei comparti dell'agroalimentare di qualità di maggior

Dettagli

L Area Nord: rispetto a 5 anni fa

L Area Nord: rispetto a 5 anni fa Conclusioni 1 L Area Nord: rispetto a 5 anni fa L Area Nord, nonostante la crisi del 2009 che ha peggiorato le condizioni rispetto al 2008, è comunque cresciuta in termini di ricavi del 25% rispetto al

Dettagli

MOD SAN 01 versione del 21/01/2009

MOD SAN 01 versione del 21/01/2009 COORDINAMENTO PROVINCIALE SUAP GROSSETO D.I.A. AD EFFICACIA IMMEDIATA REGISTRAZIONE STABILIMENTI SETTORE ALIMENTARE NON ASSOGGETTATI A REG. (CE) 853/04 (art. 12, comma 1, D.P.G.R. n 40/R del 1.8.2006)

Dettagli

Bari 18 Gennaio 2016 Gal e Gac: una nuova politica di sviluppo locale in Puglia

Bari 18 Gennaio 2016 Gal e Gac: una nuova politica di sviluppo locale in Puglia Bari 18 Gennaio 2016 Gal e Gac: una nuova politica di sviluppo locale in Puglia LE NOVITA DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 INTRODUZIONE APPROCCIO PLURIFONDO FEASR - FEAMP INTRODUZIONE STRATEGIA AREE INTERNE

Dettagli

LA NUOVA PAC 2014-2020

LA NUOVA PAC 2014-2020 GRUPPO 2013 LA NUOVA PAC 2014-2020 Un analisi delle proposte della Commissione A cura di Fabrizio De Filippis Contributi di: Ferdinando Albisinni, Giovanni Anania, Giuseppe Blasi, Vasco Boatto, Gabriele

Dettagli

Mariarosa Baroni NGV Italy Presidente

Mariarosa Baroni NGV Italy Presidente Le barriere da rimuovere per rispondere alle aspettative della UE e del settore industriale per il NG (CNG, GNL e Biogas) nel breve e medio periodo Autopromotec - 22 maggio 2015 Mariarosa Baroni NGV Italy

Dettagli

INTESA SANPAOLO PRESENTA IL SESTO RAPPORTO ANNUALE SULL ECONOMIA E FINANZA DEI DISTRETTI INDUSTRIALI 2013 CON 50.000 AZIENDE ANALIZZATE

INTESA SANPAOLO PRESENTA IL SESTO RAPPORTO ANNUALE SULL ECONOMIA E FINANZA DEI DISTRETTI INDUSTRIALI 2013 CON 50.000 AZIENDE ANALIZZATE COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO PRESENTA IL SESTO RAPPORTO ANNUALE SULL ECONOMIA E FINANZA DEI DISTRETTI INDUSTRIALI 2013 CON 50.000 AZIENDE ANALIZZATE Migliore andamento delle imprese dei distretti

Dettagli

Agricoltori si nasce o si diventa? Valentina Cattivelli Ricercatrice indipendente e docente a contratto Politecnico di Milano

Agricoltori si nasce o si diventa? Valentina Cattivelli Ricercatrice indipendente e docente a contratto Politecnico di Milano Agricoltori si nasce o si diventa? Valentina Cattivelli Ricercatrice indipendente e docente a contratto Politecnico di Milano Indice Le motivazioni del futuro imprenditore agricolo Le difficoltà Opportunità

Dettagli

Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005

Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005 Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005 slide 1 Introduzione Lo scopo di questo intervento è di presentare un iniziativa che sta muovendo i primi passi in queste settimane e che mira

Dettagli

PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017

PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017 PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017 2 MILIARDI PER IL RILANCIO 2 miliardi di euro di investimenti per le imprese agroalimentari italiane. Queste le risorse del Piano 2015-2017 messo

Dettagli

Verso Expo 2015. Quale banca per lo sviluppo dell economia Green Made in Italy?

Verso Expo 2015. Quale banca per lo sviluppo dell economia Green Made in Italy? 8 GREEN GLOBE BANKING CONFERENCE - 23 Ottobre 2014 Milano Verso Expo 2015. Quale banca per lo sviluppo dell economia Green Made in Italy? MARIO SCOLARI Direttore 2 1. Il sondaggio: caratteristiche e metodologia

Dettagli

La programmazione Leader: un approccio di genere?

La programmazione Leader: un approccio di genere? La programmazione Leader: un approccio di genere? Annalisa Del Prete INEA Mantova, 7 Settembre 2012 Luogo e data Le donne nel rurale: dimensioni e attività (Dati Istat 2011) 51% del totale popolazione

Dettagli

Collegare filiere formative e produttive. Verso i Cluster e i Poli Tecnico Professionali in Regione Lombardia. Valentina Aprea

Collegare filiere formative e produttive. Verso i Cluster e i Poli Tecnico Professionali in Regione Lombardia. Valentina Aprea Collegare filiere formative e produttive Verso i Cluster e i Poli Tecnico Professionali in Regione Lombardia Valentina Aprea Dal diritto allo studio al diritto all occupabilità il diritto all occupazione

Dettagli

IMPRESE IN LOMBARDIA: AGEVOLAZIONE E AIUTI

IMPRESE IN LOMBARDIA: AGEVOLAZIONE E AIUTI DIVIPLUS 2 SRL Via della Vittoria, 47 20025 Legnano (Mi) Telefono 0331.592931 0331.592720 Fax 0331.457504 Pec : diviplus@secmail.it Legnano, Ottobre 2014 Circolare Informativa n. 22/2014 A tutti i gentili

Dettagli

Percorsi fra vino e grandi architetture Un progetto unico in Italia

Percorsi fra vino e grandi architetture Un progetto unico in Italia TOSCANA WINE ARCHITECTURE TOSCANA WINE ARCHITECTURE Percorsi fra vino e grandi architetture Un progetto unico in Italia Un circuito di 25 cantine d autore e di design, contemporanee per le loro lo spirito

Dettagli

La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore

La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore Un indagine esplorativa condotta dalla Fondazione Giordano Dell Amore e dalla Rete Italia America Latina sulle sfide attuali

Dettagli

www.expoveneto.it EXPO 2015

www.expoveneto.it EXPO 2015 www.expoveneto.it La piattaforma web ufficiale della Regione Veneto per l EXPO 2015 L Esposizione Universale sarà un occasione straordinaria di supporto alla crescita e al rilancio economico, confermando

Dettagli

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010 P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza Grazia Manca U.O.Informazione Comunitaria Dipartimento della Multifunzionalità dell Azienda Agricola e delle Filiere Agroalimentari per lo

Dettagli

LO SVILUPPO DELL ECONOMIA DIGITALE: ALCUNE CONSIDERAZIONI PER OPPORTUNITA DI SVILUPPO

LO SVILUPPO DELL ECONOMIA DIGITALE: ALCUNE CONSIDERAZIONI PER OPPORTUNITA DI SVILUPPO LO SVILUPPO DELL ECONOMIA DIGITALE: ALCUNE CONSIDERAZIONI PER OPPORTUNITA DI SVILUPPO 1 Applicando questa metodologia, nel 2009 il valore a livello mondiale dell internet economy poteva essere stimato,

Dettagli

Alimentazione, Agricoltura, Sostenibilità nella Ristorazione Scolatica 16 novembre 2012 Azioni e Strategie messe in atto da POLICOOP volte e ridurre l Impatto Ambientale Quadro generale dello sviluppo

Dettagli

Migliorare la sostenibilità territoriale attraverso il sistema del cibo:

Migliorare la sostenibilità territoriale attraverso il sistema del cibo: Osservatorio CORES CONSUMI, RETI E PRATICHE DI ECONOMIE SOSTENIBILI Migliorare la sostenibilità territoriale attraverso il sistema del cibo: Dalle spinte dal basso verso nuove forme di governance? Il caso

Dettagli

Tavolo La qualità del prodotto e dell esperienza turistica

Tavolo La qualità del prodotto e dell esperienza turistica Provincia Autonoma di Trento Dipartimento turismo, commercio, promozione e internazionalizzazione tsm Trentino School of Management SMT Scuola di Management del Turismo CONFERENZA PROVINCIALE DEL TURISMO

Dettagli

Le aree rurali per uno sviluppo sostenibile

Le aree rurali per uno sviluppo sostenibile INFORMAZIONE PUBBLICITARIA Le aree rurali per uno sviluppo sostenibile Il futuro dell agricoltura non è più legato solo alla produzione di materie prime per l alimentazione, ma anche alla sua centralità

Dettagli

NER 300 PROGETTI DI DIMOSTRAZIONE COMMERCIALE FINALIZZATI AL TRATTENIMENTO, IN TOTALE SICUREZZA AMBIENTALE, E LO STOCCAGGIO GEOLOGICO DI CO2.

NER 300 PROGETTI DI DIMOSTRAZIONE COMMERCIALE FINALIZZATI AL TRATTENIMENTO, IN TOTALE SICUREZZA AMBIENTALE, E LO STOCCAGGIO GEOLOGICO DI CO2. NER 300 PROGETTI DI DIMOSTRAZIONE COMMERCIALE FINALIZZATI AL TRATTENIMENTO, IN TOTALE SICUREZZA AMBIENTALE, E LO STOCCAGGIO GEOLOGICO DI CO2. PROGETTI DI DIMOSTRAZIONE DI TECNOLOGIE INNOVATIVE PER LA PRODUZIONE

Dettagli

Turismo sostenibile e ecoturismo. Febbraio 2011

Turismo sostenibile e ecoturismo. Febbraio 2011 Turismo sostenibile e ecoturismo Febbraio 2011 1 Metodologia Universo di riferimento Popolazione italiana Numerosità campionaria 1.000 cittadini, disaggregati per sesso, età, area di residenza Margine

Dettagli

Il gruppo di lavoro Laura Bovone - Cattolica, facoltà di Scienze Politiche Roberto Conti già dirigente Fiat Marco Carcano Università di Parma Enrico

Il gruppo di lavoro Laura Bovone - Cattolica, facoltà di Scienze Politiche Roberto Conti già dirigente Fiat Marco Carcano Università di Parma Enrico Il gruppo di lavoro Laura Bovone - Cattolica, facoltà di Scienze Politiche Roberto Conti già dirigente Fiat Marco Carcano Università di Parma Enrico Ioli Architetto e già Consigliere Comunale ad Arese

Dettagli

Glossario delle Aree di Studio (*)

Glossario delle Aree di Studio (*) Glossario delle Aree di Studio (*) Glossario Aree di studio Istituti Tecnici AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei

Dettagli

Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte

Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte Assessorato allo Sviluppo della Montagna e alle Foreste Incontro

Dettagli