Valutazione piano di misurazione medicina somatica acuta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Valutazione piano di misurazione medicina somatica acuta"

Transcript

1 Berna, 29 gennaio 2015 Rapporto di analisi Associazione nazionale per lo sviluppo della qualità in ospedali e cliniche (ANQ) Valutazione piano di misurazione medicina somatica acuta Risultati del sondaggio online tra i gruppi di interesse dell ANQ (Lettura GR) Reto Jörg, lic. rer. soc. Dr. Regula Ruflin

2 Rapporto di analisi Pagina 2 Indice Riepilogo Situazione di partenza Procedura per il rilevamento e l analisi Rilevamento dei dati Analisi dei dati Misurazione degli indicatori di prevalenza caduta e decubito (LPZ) Utilità della misurazione Rapporto comparativo nazionale Temi specifici ospedali e cliniche Fabbisogno di formazione Potenziale di miglioramento Riammissioni e reinterventi (SQLape) Utilità della misurazione Temi specifici ospedali e cliniche Fabbisogno di formazione Potenziale di miglioramento Misurazione delle infezioni del sito chirurgico (Swissnoso) Utilità della misurazione Rapporto comparativo nazionale Temi specifici ospedali e cliniche Fabbisogno di formazione Potenziale di miglioramento Soddisfazione dei pazienti (questionario breve dell ANQ) Utilità della misurazione Rapporto comparativo nazionale Temi specifici ospedali e cliniche Fabbisogno di formazione Potenziale di miglioramento Oneri correlati alla revisione di protesi dell anca e del ginocchio (SIRIS) Utilità del Registro Implementazione Analisi comparative sull utilità delle misurazioni Altri temi di misurazione Raggiungimento degli obiettivi ANQ Servizi del Segretariato generale dell ANQ... 63

3 Rapporto di analisi Pagina 3 Riepilogo Situazione di partenza e metodo L Associazione nazionale per lo sviluppo della qualità in ospedali e cliniche (ANQ) coordina ed effettua misurazioni della qualità nei settori della medicina somatica acuta, della riabilitazione e della psichiatria. Nel quadro della valutazione dell attuale piano di misurazione nel settore della medicina somatica acuta, è stato condotto un sondaggio online presso i principali gruppi di interesse dell ANQ (Cantoni, assicuratori, ospedali e cliniche). Il presente rapporto di analisi si basa su 91 questionari ritornati (tasso di risposta del 48%). Risultati Il riepilogo dei risultati si concentra sulle valutazioni dei partecipanti in merito all utilità e al potenziale di miglioramento dei singoli temi di misurazione, nonché sul raggiungimento degli obiettivi dell ANQ ai sensi dello scopo dell associazione sancito dagli statuti. Per risultati più approfonditi, rimandiamo alle spiegazioni nel rapporto.

4 Rapporto di analisi Pagina 4 La misurazione delle infezioni del sito chirurgico viene considerata la più utile sia come base per il confronto nazionale di ospedali e cliniche, sia nell ottica dello sviluppo della qualità. Questo risultato viene influenzato in modo determinante dalla valutazione sopra la media di ospedali e cliniche. Se invece prendiamo in considerazione soltanto Cantoni e assicuratori, si nota che l'utilità della misurazione delle infezioni del sito chirurgico è ritenuta analoga a quella degli indicatori SQLape e del Registro delle protesi SIRIS, sia quale base per lo sviluppo della qualità negli ospedali, sia per il confronto tra fornitori di prestazioni. Nel complesso, l utilità delle misurazioni dell ANQ percepita da Cantoni e assicuratori è superiore a quella di ospedali e cliniche. Fanno eccezione soltanto la misurazione delle infezioni del sito chirurgico per lo sviluppo della qualità negli ospedali e nelle cliniche e la misurazione della soddisfazione dei pazienti per il confronto tra fornitori di prestazioni. Misurazioni degli indicatori di prevalenza caduta e decubito Il fattore critico nel quadro delle misurazioni degli indicatori di prevalenza caduta e decubito soprattutto dal punto di vista di ospedali e cliniche è la carente rappresentatività dei risultati a causa del basso numero di casi. Il 73% circa degli ospedali e delle cliniche prediligerebbe, nonostante il maggiore onere, una misurazione dell incidenza a una misurazione degli indicatori di prevalenza. 1 Tale disponibilità è degna di nota soprattutto in considerazione del fatto che molti interpellati hanno già indicato l impegno necessario per l attuale rilevamento come ulteriore punto critico. A tale proposito, una concentrazione dello strumento di rilevamento sulle caratteristiche rilevanti (soprattutto nel quadro delle caratteristiche strutturali) e una riduzione della periodicità della misurazione (rilevamento solo a ritmo biennale) sono proposte di ottimizzazione più volte formulate. Per quanto riguarda la redazione di rapporti, vengono valutati criticamente soprattutto il forte ritardo della pubblicazione del rapporto comparativo nazionale 2 e la sua lunghezza. L opinione sul ritardo non è cambiata nonostante il miglioramento conseguito in questo senso dall introduzione delle misurazioni degli indicatori di prevalenza. In vista dell attuazione di misure di miglioramento concrete, inoltre, ospedali e cliniche vedrebbero di buon occhio possibilità di scambio sulle bestpractices, compresi impulsi sullo stato attuale delle conoscenze della ricerca nel campo delle cure. Riammissioni e reinterventi potenzialmente evitabili La critica principale in merito alla misurazione delle riammissioni e dei reinterventi potenzialmente evitabili riguarda il software: le sue lacune al momento non consentono una valutazione sistematica dei dati, il che limita l utilità degli indicatori SQLape, la cui importanza è stata peraltro più volte rimarcata. Oltre al software, dal punto di vista dei fornitori di prestazioni, l attenzione va focalizzata sulla trasparenza e la comprensibilità dell algoritmo alla base del rilevamento. Il confronto dei risultati delle analisi SQLape con dati interni agli ospedali è ancora fonte di molta confusione, il che mette in discussione l utilità degli indicatori per lo sviluppo della qualità. Il terzo punto critico è l attualità della base di dati, rispettivamente, sempre riguardo al software, la necessità di poter analizzare immediatamente i dati al fine di far confluire eventuali nuove conoscenze nello sviluppo della qualità. Misurazione delle infezioni del sito chirurgico (Swissnoso) Come già menzionato nell analisi comparativa, la misurazione delle infezioni del sito chirurgico, rispettivamente i relativi risultati, sono considerati di grande utilità. 3 Anche l assistenza prestata da Swissnoso viene valutata positivamente, 4 quantunque le esperienze in relazione con la validazione in loco da parte di Swissnoso siano divergenti. Le validazioni sono considerate importanti e valutate per lo più positivamente anche nell ottica dell attuazione organizzativa. Dai commenti 1 Cfr. Punto Cfr. anche punto Cfr. capitolo 8 e punti e Cfr. punti e

5 Rapporto di analisi Pagina 5 traspaiono tuttavia anche esperienze meno positive, 5 il che è sicuramente dovuto al fatto che la procedura di validazione deve dapprima essere consolidata anche presso Swissnoso. Un desiderio più volte espresso da parte dei fornitori di prestazioni concerne possibili offerte di sostegno nell analisi e nell interpretazione dei risultati. A questo proposito, per esempio, è stata menzionata l organizzazione di un workshop dedicato all analisi da eseguire autonomamente quale sostegno a ospedali e cliniche. Nell ottica di un possibile aumento dell efficienza, sono altresì state proposte un importazione diretta dei dati dai sistemi informatici delle cliniche e procedure di plausibilizzazione automatizzate per incrementare la qualità dei dati. Infine, analogamente alle misurazioni degli indicatori di prevalenza caduta e decubito è stata auspicata anche in questo caso una pubblicazione più celere del rapporto. 6 Misurazioni della soddisfazione dei pazienti (questionario breve ANQ) Per quanto riguarda le misurazioni della soddisfazione dei pazienti, si constata che tanto l utilità in generale quanto l utilità dei risultati come base per discussioni sulla qualità in seno a ospedali e cliniche è considerata molto positiva in primis dalle cliniche specializzate, 7 tant è vero che sono soprattutto queste ultime a vedere di buon occhio un prolungamento della durata del rilevamento a favore della rappresentatività delle analisi. 8 Nel complesso, invece, ospedali e cliniche considerano in modo per lo più critico un tale prolungamento. A ciò vanno aggiunte le riserve espresse in rapporto allo strumento di rilevamento costituito da sole cinque domande. Tra le proposte figurano soprattutto il completamento del questionario e un aggiustamento della scala di risposte (riduzione degli undici livelli di risposta) al fine di aumentare la rappresentatività dei risultati e di agevolarne l applicazione nell ottica di misure di miglioramento concrete. Le richieste di Cantoni e assicuratori vanno nella direzione di quelle di ospedali e cliniche, senonché i primi annettono maggiore importanza a un accresciuta capacità di discriminazione dello strumento di rilevamento e, di conseguenza, alla prevenzione di effetti plafone. I risultati del sondaggio online denotano infine, oltre alle critiche menzionate riguardo all impostazione del rilevamento, anche una necessità di ottimizzazione della piattaforma Q1. 9 In tale contesto, le osservazioni concernevano per esempio il miglioramento della confrontabilità di gruppi di ospedali, la rappresentazione di tutti gli anni di misurazione per identificare sviluppi e tendenze, e una migliore navigazione tra le singole sedi. Registro delle protesi SIRIS Il Registro delle protesi SIRIS si trova ancora in fase di costruzione. La Fondazione SIRIS ha svolto una valutazione completa più o meno parallelamente al presente sondaggio online il quale, di conseguenza, è limitato a poche domande generali sul Registro. Nel complesso, si constata che al momento il Registro delle protesi SIRIS è di scarsa utilità per i gruppi di interesse. 10 Per maggiori ragguagli rimandiamo alla menzionata valutazione della Fondazione SIRIS. Altri temi di misurazione Il sondaggio online interpellava i partecipanti anche in merito ad altri temi di misurazione da eventualmente integrare nel piano dell ANQ e ad aspetti da considerare nell introduzione di nuovi temi. A tale proposito, è stata sottolineata l importanza del consolidamento e dell ottimizzazione delle attuali misurazioni prima di considerare l ipotesi di introdurne di nuove. La continuità delle attuali misurazioni è inoltre essenziale per creare serie temporali volte a identificare e documentare i cambiamenti. 5 Cfr. Punto Cfr. anche punto Cfr. Punto Cfr. Punto Cfr. punti e Secondo il tipo di ospedale, si notano tuttavia grandi differenze nella valutazione dell utilità, differenze difficilmente interpretabili in considerazione del basso numero di casi di alcuni nosocomi (cfr. punto 7.1.1).

6 Rapporto di analisi Pagina 6 I costi e l utilità attesa sono i primi fattori da valutare nell ottica dell introduzione di nuovi temi di misurazione. Per quanto riguarda i costi, sulla scorta delle esperienze acquisite si attira l attenzione soprattutto sul considerevole onere di ospedali e cliniche per l attuazione delle misurazioni. Un altro fattore menzionato è la necessità di prevenire ridondanze con le attuali misurazioni al di fuori del piano dell ANQ (p.es. piano di misurazione VZK 11 ). Sul fronte degli aspetti positivi, ospedali e cliniche guardano in particolare al potenziale di miglioramento identificabile e concretizzabile grazie alle nuove misurazioni, mentre Cantoni e assicuratori danno maggiore importanza alla confrontabilità di nuovi temi di misurazione, rispettivamente indicatori. Altri elementi considerati importanti sono la celerità della disponibilità dei risultati e lo sfruttamento ottimale dei set di dati esistenti. Tra i possibili nuovi temi di misurazione, i più gettonati sembrano la sicurezza della farmacoterapia, le infezioni riconducibili ai cateteri, la gestione della dimissione, l igiene delle mani e il delirio. È stata inoltre sottolineata la crescente importanza del settore ambulatoriale, un evoluzione alla quale il piano di misurazione dell ANQ dovrà dimostrare di saper adattarsi. Raggiungimento degli obiettivi dell ANQ La valutazione del raggiungimento da parte dell ANQ degli obiettivi sanciti dagli statuti nel quadro dell attuale piano di misurazione è stata per lo più positiva (cfr. figura seguente). Ad eccezione degli item riguardanti la rappresentazione adeguata della qualità delle prestazioni in ospedali e cliniche e l intensificazione dello scambio orientato alla qualità tra fornitori di prestazioni, oltre il 60% dei Cantoni, degli assicuratori, degli ospedali e delle cliniche si è espresso favorevolmente su ogni item. 12 Al contempo, occorre analizzare la valutazione per lo più positiva del raggiungimento degli obiettivi da parte dell ANQ tenendo in considerazione le critiche in merito al rapporto costi/utilità delle misurazioni espresse anche in questo contesto dai gruppi di interesse. 11 Verband Zürcher Krankenhäuser. 12 Categorie di risposta Sono abbastanza d accordo e Sono d accordo.

7 Rapporto di analisi Pagina 7 Servizi del Segretariato generale dell ANQ La qualità dei servizi del Segretariato generale dell ANQ è stata valutata in modo per lo più positivo. I partecipanti dovevano esprimersi sul trasferimento di informazioni (comprensibilità, tempestività, quantità), sul rispetto delle scadenze, sulla chiarezza delle competenze, sulla cordialità nella comunicazione e sulla disponibilità linguistica. È stata individuata necessità di intervento soprattutto a livello di possibilità di comunicazione per i gruppi di interesse francofoni e italofoni. Per gli ospedali e le cliniche, inoltre, non è sempre chiarissimo a chi siano destinate determinate informazioni dell ANQ, che cosa esse comportino e se debbano essere diffuse internamente. La professionalità, la cordialità e la disponibilità del Segretariato generale e dei suoi collaboratori sono particolarmente apprezzate. Procedura successiva Il presente rapporto di analisi costituisce, insieme alla valutazione metodico-contenutistica dell Istituto di ricerca sulla salute pubblica e sulle dipendenze (ISGF, Schweizer Institut für Suchtund Gesundheitsforschung) e a quella specifica del Registro SIRIS, la base per l elaborazione del piano di misurazione a partire dal 2016 nel settore della medicina somatica acuta.

8 Rapporto di analisi Pagina 8 1 Situazione di partenza L Associazione nazionale per lo sviluppo della qualità in ospedali e cliniche (ANQ) coordina ed effettua misurazioni della qualità nei settori della medicina somatica acuta, della riabilitazione e della psichiatria. I risultati consentono di realizzare un confronto trasparente a livello nazionale. Sulla base di questi rilevamenti, gli ospedali e le cliniche possono adottare provvedimenti mirati per il miglioramento della qualità. I membri dell ANQ sono l associazione degli Ospedali H+, santésuisse, gli assicuratori sociali federali, i Cantoni e la Conferenza svizzera delle direttrici e dei direttori cantonali della sanità. Per il settore della medicina somatica acuta, l ANQ ha definito contrattualmente nel piano di misurazione sette indicatori che gli ospedali acuti devono rilevare. Questi indicatori poggiano per lo più su concetti di misurazione esistenti e comprendono i temi seguenti: prevalenza delle cadute (sulla base del concetto di misurazione LPZ); prevalenza dei decubiti (sulla base del concetto di misurazione LPZ); riammissioni potenzialmente evitabili (sulla base del metodo SQLape); reinterventi potenzialmente evitabili (sulla base del metodo SQLape); infezioni del sito chirurgico (rilevamento in collaborazione con Swissnoso); soddisfazione dei pazienti (questionario breve dell ANQ composto di cinque domande); oneri correlati alla revisione di protesi dell anca e del ginocchio (collaborazione con il Registro delle protesi SIRIS). In vista del varo del piano di misurazione dal 2016, l ANQ valuta l attuale piano di misurazione e la sua attuazione. Dopo una valutazione metodico-contenutistica delle misurazioni della qualità, rispettivamente dei temi da esse coperti, svolta dall Istituto di ricerca sulla salute pubblica e sulle dipendenze (ISGF) di Zurigo, 13 l ANQ ha incaricato la socialdesign AG di condurre un sondaggio tra i principali gruppi di interesse (Cantoni, assicuratori, ospedali e cliniche) in merito alle loro esperienze con le misurazioni e alle loro valutazioni sull utilità delle stesse, sul potenziale di miglioramento, sul raggiungimento degli obiettivi dell ANQ e sui servizi del Segretariato generale dell ANQ. Lo scopo è quello di creare una base adeguata per il piano di misurazione dal 2016 e per il perfezionamento delle misurazioni esistenti. Il presente rapporto di analisi presenta i risultati di tale sondaggio. 2 Procedura per il rilevamento e l analisi 2.1 Rilevamento dei dati Il finanziamento e l attuazione delle misurazioni della qualità dell ANQ sono disciplinati nel contratto nazionale di qualità. 14 I partner contrattuali sono in particolare l associazione degli Ospedali H+, santésuisse e la Conferenza svizzera delle direttrici e dei direttori cantonali della sanità. Essi rappresentano i principali gruppi di interesse dell ANQ: da un lato gli ospedali e le cliniche, che aderendo al contratto di qualità si impegnano a effettuare le misurazioni dell ANQ, dall altro gli 13 Cfr. ANQ (2013). Controllo della completezza e della rilevanza del piano di misurazione dell ANQ. Versione breve rapporto di ricerca ISGF di maggio 2012, Associazione nazionale per lo sviluppo della qualità in ospedali e cliniche (ANQ); nonché ANQ (2014): Controllo della completezza e della rilevanza del piano di misurazione dell ANQ. Versione breve seconda parte del rapporto di ricerca ISGF, inclusa. identificazione di opzioni di intervento, Associazione nazionale per lo sviluppo della qualità in ospedali e cliniche (ANQ), in collaborazione con la socialdesign. 14 Cfr.

9 Rapporto di analisi Pagina 9 assicuratori e i Cantoni. Questi tre gruppi di interesse erano anche i destinatari del sondaggio nel contesto della valutazione dell attuale piano di misurazione nel settore della medicina somatica acuta. L inchiesta è stata svolta online in tre lingue con l ausilio dell applicativo 2ask. In collaborazione con l ANQ, è stata dapprima elaborata una bozza del questionario, poi valutata e completata nel quadro di una seduta con rappresentanti dei gruppi di interesse. Durante il periodo di rilevamento (dal 4 agosto al 30 settembre 2014), i destinatari potevano accedere al questionario e partecipare al sondaggio attraverso un link ricevuto per posta elettronica. 2.2 Analisi dei dati La comunicazione di accompagnamento spiegava ai destinatari che solo una persona per ogni ospedale, ogni clinica, ogni Cantone e ogni assicuratore doveva rispondere al questionario. Lo stesso valeva per i gruppi di ospedali (un solo questionario per tutto il gruppo). In seno ai gruppi di interesse, l invito a partecipare al sondaggio è stato esteso anche ad associazioni e federazioni (CDS, Conférence latine des affaires sanitaires et sociales CLASS, CTM, santésuisse, Associazione dei piccoli e medi assicuratori malattia RVK, H+). Ospedali e cliniche hanno invece coinvolto gli incaricati della qualità dei fornitori di prestazioni. Alla fine del periodo di rilevamento, erano stati ritornati 91 questionari compilati completamente, il che corrisponde a un tasso di risposta del 48%. 71 questionari sono stati inviati da rappresentanti dei gruppi di interesse degli ospedali e delle cliniche, sedici da rappresentanti dei Cantoni, quattro da rappresentanti degli assicuratori. La tabella seguente riporta gli ospedali e le cliniche partecipanti al sondaggio online secondo la tipologia dell Ufficio federale di statistica (UST) 15 e in base alle misurazioni svolte dai rispettivi fornitori di prestazioni. 16 Misurazione Misurazione degli indicatori di prevalenza caduta e decubito secondo il concetto LPZ Riammissioni e reinterventi potenzialmente evitabili (SQLape) Infezioni del sito chirurgico secondo Swissnoso Misurazioni della soddisfazione dei pazienti (questionario breve ANQ) Registro SIRIS per le endoprotesi dell anca e del ginocchio Ospedali universitari Presa a carico centralizzata Tipo di ospedale Cure primarie Cliniche specializzate Totale Totale Il questionario comprendeva item rivolti a tutti i destinatari e item riferiti esclusivamente agli ospedali e alle cliniche partecipanti alle misurazioni in questione (p.es. organizzazione della misurazione, manuali, supporto). I risultati delle domande chiuse vengono rappresentati di seguito in base alla ripartizione della frequenza delle risposte nel complesso e ai valori medi del gruppo (cfr. ausilio alla lettura). Secondo la domanda, vengono indicati i valori medi per tipo di ospedale o un confronto tra ospedali e cliniche da un lato e assicuratori e Cantoni dall altro. Ricordiamo che i 15 Cfr. quellen/blank/blank/kh/02.html oppure quellen/blank/blank/kh/02.html. 16 Un ospedale/una clinica si è dichiarato/a per errore come federazione e i filtri del sondaggio online hanno impedito che questo istituto ricevesse le domande sulla partecipazione alle singole misurazioni, rispettivamente le domande specifiche sui singoli temi di misurazione. Si spiega così la differenza del totale del gruppo di interesse Ospedali e cliniche (71) rispetto al totale riportato nella tabella (70).

10 Rapporto di analisi Pagina 10 valori medi poggiano in parte su un numero di casi molto basso e, di conseguenza, vanno interpretati con prudenza. Ciò nondimeno, differenze rilevanti nelle tendenze di risposta devono essere, per quanto possibile, messe in evidenza. Le risposte alle domande aperte vengono per lo più riportate così come formulate dai partecipanti. Gli unici interventi riguardano la cancellazione di osservazioni che avrebbero permesso l identificazione del partecipante e modifiche volte ad agevolare la leggibilità (p.es. punteggiatura, ortografia e rimandi alla numerazione nel rapporto). Sono inoltre state eliminate risposte telegrafiche nulladicenti, come no, nessuno o niente. La plausibilizzazione dei dati mette in risalto che le osservazioni formulate nelle domande aperte sono riconducibili in grandissima parte a partecipanti piuttosto critici, un modello di comportamento analogo ad altri sondaggi. 17 Di conseguenza, nell ottica di una raffigurazione rappresentativa delle opinioni è bene considerare in particolare le analisi quantitative delle domande chiuse e interpretare i commenti alle domande aperte tenendone presente la distorsione. 17 A titolo di verifica, per ogni misurazione sono stati confrontati i valori medi (valutazione dell utilità) dei partecipanti che non hanno risposto alle domande aperte (item potenziale di miglioramento e complementi alle domande specifiche) con quelli dei partecipanti che hanno formulato un commento per almeno una delle domande aperte (T-test). Per la misurazione della soddisfazione dei pazienti si constata, per entrambe le dimensioni dell utilità (confronto tra ospedali e base per lo sviluppo della qualità), una differenza significativa: i partecipanti che non hanno formulato commenti considerano in media più utile la misurazione. Per la misurazione degli indicatori di prevalenza, si constata la stessa differenza per una delle due dimensioni dell utilità. Per l altra, la tendenza è analoga, ma la differenza non è significativa. Ciò vale anche per gli indicatori SQLape. Solo nell ambito delle misurazioni delle infezioni del sito chirurgico i partecipanti che non hanno formulato commenti hanno ritenuto meno utile il rilevamento (per una dimensione dell utilità la differenza è significativa). Questa circostanza è spiegabile con la soddisfazione generale sopra la media per lo status quo: lo si nota anche analizzando i commenti alle misurazioni delle infezioni del sito chirurgico, meno critici rispetto agli altri temi di misurazione. Sulla scorta di queste considerazioni, si può dare per accertato che le osservazioni formulate nelle domande aperte sono in grandissima parte riconducibili a partecipanti piuttosto critici.

11 Rapporto di analisi Pagina 11 3 Misurazione degli indicatori di prevalenza caduta e decubito (LPZ) 3.1 Utilità della misurazione

12 Rapporto di analisi Pagina Rapporto comparativo nazionale Comprensibilità del rapporto comparativo nazionale Utilità del rapporto comparativo nazionale 18 Nel sondaggio, in relazione alla misurazione degli indicatori di prevalenza caduta e decubito è stato ancora utilizzato il termine di rapporto finale. A partire dal rapporto 2013, anche per questo rilevamento si parlerà esclusivamente di rapporto comparativo nazionale.

13 Rapporto di analisi Pagina Tempestività del rapporto comparativo nazionale Grafici interattivi sui risultati pubblicati in modo trasparente

14 Rapporto di analisi Pagina Temi specifici ospedali e cliniche Documentazione d accompagnamento alla misurazione Facilità di utilizzo del settore protetto da login del sito LPZ

15 Rapporto di analisi Pagina Comprensibilità dei dati nel settore protetto da login del sito LPZ Utilità dei dati nel settore protetto da login del sito LPZ

16 Rapporto di analisi Pagina Sensibilizzazione al tema della qualità delle cure Misurazioni degli indicatori di prevalenza come base per la discussione sul tema della qualità

17 Rapporto di analisi Pagina Avvio di progetti concreti grazie ai risultati delle misurazioni degli indicatori di prevalenza Misurazione dell incidenza vs. misurazione degli indicatori di prevalenza

18 Rapporto di analisi Pagina Commenti complementari sulle misurazioni degli indicatori di prevalenza Nel quadro del sondaggio online, gli ospedali e le cliniche partecipanti avevano la possibilità di aggiungere commenti sui temi menzionati al punto 3.3. Tali commenti vengono riportati di seguito, per lo più nella loro formulazione originale (quelli in tedesco e francese sono stati tradotti). Un rilevamento delle cadute e dei decubiti effettuato un giorno l anno non ha senso, in quanto a mio modo di vedere il risultato non è in alcun modo rappresentativo. Mi sembra quindi del tutto superfluo procedere a una pianificazione delle misure. Un rilevamento sull arco di un anno fornirebbe un risultato molto più rilevante, sulla scorta del quale si potrebbero effettivamente elaborare provvedimenti adeguati e valori di riferimento. Siamo un ospedale di piccolissime dimensioni con soli quattro letti nel reparto acuto: i nostri risultati non possono essere confrontati con quelli di nosocomi più grandi. Il nostro ospedale svolge volontariamente una misurazione dell incidenza delle cadute e dei decubiti, i cui risultati sono decisamente più importanti per la discussione interna sul tema della qualità. Senza contare che la misurazione degli indicatori di prevalenza ha fornito in parte tutt altri dati. Nei risultati, mancano statistiche relative al rischio di decubito e sui decubiti verificatisi nell istituto. Dato che da noi il numero di casi è molto basso e che la misurazione è soltanto la fotografia di un momento, per noi è difficile trarne un utilità per lo sviluppo della qualità, senza contare che di regola i nostri pazienti non sono a rischio. Sito LPZ: poco chiaro, non è facile capire su quale livello ci si trovi. Ci vuole una vita per trovare qualcosa. Sarebbe meglio suddividere i siti e collegarli tramite link. Risultati specifici secondo l ospedale: troppe rappresentazioni con troppe informazioni ridondanti. Stamparle significa affogare nella carta. Una sola pagina sarebbe meglio. Sensibilizzazione qualità delle cure/risultati: rendere più rappresentativi i rilevamenti interni e non effettuare misurazioni a campione. [Punto 3.3.4]: sensibilizzazione del personale curante = Sono abbastanza d accordo. [Punto 3.3.8]: la misurazione interna dell incidenza delle cadute è implementata -> l esportazione dei dati deve essere possibile. L interpretazione dei residui è impegnativa, poco rappresentativa ma necessaria in quanto è l unica analisi possibile, il numero complessivo non appare da nessuna parte, le cifre sull andamento sono difficili da identificare, il dashboard è poco chiaro. La documentazione è troppo consistente, c è troppa roba con pochi riferimenti. Le misurazioni dell incidenza vengono già effettuate da diversi ospedali, noi compresi, e l utilità di questi rilevamenti è decisamente superiore a quella della misurazione degli indicatori di prevalenza. Per questioni di efficienza e di risorse, una misurazione nazionale dell incidenza dovrebbe rimpiazzare gli attuali rilevamenti presso gli ospedali, nel caso ideale senza oneri supplementari per i nosocomi e senza ripercussioni sulla qualità (degli strumenti esistenti). L attuazione di misure concrete per quanto riguarda le cadute e i decubiti sulla scorta dei dati rilevati sono questioni interne. Sarebbe in ogni caso utile se, dopo un certo lasso di tempo dallo svolgimento di una misurazione, i nosocomi fossero interrogati sulle misure attuate. Offerta di un valore di riferimento sulle misure attuate negli istituti partecipanti. Il sito protetto da login è molto complicato, all inizio faticavo a capire dove mi trovavo. La misurazione interna dell incidenza è più rappresentativa della misurazione degli indicatori di prevalenza. Il sito in sé è chiaro, sono i percorsi verso i vari documenti a non esserlo sempre (le indicazioni sono di difficile comprensione). Questo studio è obbligatorio perché abbiamo aderito all ANQ, ma nella realtà quotidiana non è così rilevante. Riusciamo a contenere l impegno necessario giusto perché siamo piccoli e

19 Rapporto di analisi Pagina 19 lo studio coinvolge poche persone. La misurazione, rispettivamente i risultati, non hanno un grande influsso sulle cure quotidiane. [Punto 3.3.1]: il rilevamento dei dati è molto impegnativo, e in più non tutti vengono utilizzati per l elaborazione (p.es. scala di dipendenza assistenziale). Non c è proporzione tra l onere necessario per la misurazione e la sua utilità. [Punto 3.3.7]: misure sulla base di strumenti interni (protocollo sulle cadute/misurazione dell incidenza). Una formazione sull utilizzo del dashboard sarebbe benvenuta. Sarebbe interessante individuare tendenze e circostanze che ci sostengono nell aumento della qualità: p. es. vengono adottate troppe misure di prevenzione inefficaci. Quali misure sono invece efficaci secondo i risultati? La misurazione degli indicatori di prevalenza caduta e decubito copre un settore già oggetto di rilevamenti presso la maggior parte delle istituzioni sanitarie. Si tratta di una perdita di tempo senza risultati sostanziali. La documentazione (manuale) è eccessiva. I risultati complessivi degli ospedali giungono troppo tardi. Il tasso di caduta e di decubito viene già rilevato regolarmente in seno alla clinica (indicatori). Nel nostro ospedale, svolgiamo una misurazione permanente dell incidenza sia dei decubiti sia delle cadute, rilevamenti molto più rappresentativi e utili dell impegnativa misurazione degli indicatori di prevalenza in un giorno di riferimento. Capita infatti che in un giorno di riferimento ci sia un caso di decubito e in un altro nessuno. Significa che ogni tanto abbiamo un problema e ogni tanto no? Le indicazioni percentuali non sono soddisfacenti in quanto abbiamo pochi casi. La rappresentatività dei dati è resa discutibile dal basso numero di casi e dal fatto che la misurazione si svolga solo in un giorno. La rappresentazione è complicata, anche se il dashboard ha contribuito a migliorarla. Per far sì che i dati siano utili, occorre lavorarci un bel po. Sarebbe utile disporre di filtri per la selezione dei casi in modo da svolgere analisi approfondite o identificare le diverse costellazioni di rischio. Questi rilevamenti (incidenza delle cadute e prevalenza dei decubiti) erano già previsti prima dell avvento dell ANQ. La presentazione dei risultati non corrisponde alle strutture dell istituto.

20 Rapporto di analisi Pagina Fabbisogno di formazione Commenti sul fabbisogno di formazione Cantoni/assicuratori È risaputo che le disposizioni sulla procedura per il rilevamento dei dati non sono sempre rispettate e non da tutti i fornitori di prestazioni. Auspichiamo che i risultati della misurazione degli indicatori di prevalenza vengano discussi maggiormente in relazione all utilità per la gestione della qualità del singolo ospedale. Dovrebbero essere formulate raccomandazioni per il prosieguo del rilevamento di questi indicatori e per l adozione di misure di miglioramento sulla scorta di quanto i Cantoni rilevano presso gli ospedali (analogamente a quanto avviene con gli indicatori di qualità dell UFSP per il tasso di mortalità). Ospedali e cliniche I criteri per la classificazione dei pazienti mi sembrano eccessivi. Scambio organizzato e strutturato su quali misure sono adottate dai singoli ospedali sulla scorta della misurazione. Apprendimento dagli altri, cooperazione nella pianificazione e nell attuazione di misure ecc. Non bastano misure di formazione per migliorare un metodo di misurazione insufficiente. Occorre acquisire dimestichezza nell interpretazione dei risultati. Altri temi: attuale stato delle conoscenze sui decubiti, sulle cadute, sulle misure restrittive della libertà, sulla malnutrizione, p.es. presentare la ricerca nel campo delle cure. La formazione modulare offerta da due anni è molto apprezzata. Le formazioni condotte dalla signora Vangelooven sono preziosissime. Formazioni comprensibili a tutti e non solo agli esperti di statistica. [Commento complementare su Interpretazione dei risultati ]: includere l utilità dei risultati per l ospedale.

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

La sua cartella sanitaria

La sua cartella sanitaria La sua cartella sanitaria i suoi diritti All ospedale, lei decide come desidera essere informato sulla sua malattia e sulla sua cura e chi, oltre a lei, può anche essere informato Diritto di accesso ai

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Collaborazione tra medici specialisti in psichiatria e psicoterapia e case manager degli assicuratori privati

Collaborazione tra medici specialisti in psichiatria e psicoterapia e case manager degli assicuratori privati Collaborazione tra medici specialisti in psichiatria e psicoterapia e case manager degli assicuratori privati Per facilitare la lettura del testo, si è scelto di non utilizzare esplicitamente la formulazione

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE DI SCREENING COLORETTALE PREVENZIONE SERENA

PROGRAMMA REGIONALE DI SCREENING COLORETTALE PREVENZIONE SERENA PROGRAMMA REGIONALE DI SCREENING COLORETTALE PREVENZIONE SERENA Workshop 2012 Cosa poss(iam iam)o imparare dall esperienza del Piemonte Romano Sassatelli 1962 - Quand'ero bambino, parlavo da bambino, pensavo

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando?

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando? Nationale Plattform Naturgefahren PLANAT Plate-forme nationale "Dangers naturels" Plattaforma nazionale "Pericoli naturali" National Platform for Natural Hazards c/o BAFU, 3003 Berna Tel. +41 31 324 17

Dettagli

Agenzia Sanitaria Regione Emilia-Romagna Sussidi per l autovalutazione e l accreditamento 4 (revisione settembre 2001) LO STANDARD DI PRODOTTO

Agenzia Sanitaria Regione Emilia-Romagna Sussidi per l autovalutazione e l accreditamento 4 (revisione settembre 2001) LO STANDARD DI PRODOTTO LO DI PRODOTTO Le ragioni e lo scopo Il percorso dell accreditamento intende fornire garanzia della qualità dei prodotti che le aziende sanitarie, attraverso elementi di tipo strutturale ed organizzativo,

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento della sanità e della socialità Ufficio del medico cantonale Servizio di promozione e di valutazione sanitaria 1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o Gli Indicatori di Processo Come orientare un azienda al miglioramento continuo Formazione 18 Novembre 2008 UN CIRCOLO VIRTUOSO Miglioramento continuo del sistema di gestione per la qualità Clienti Gestione

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni ALLEGATO 5 Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni Scenario di investimento minimo (progetti di prima priorità) Confronto tra la proiezione finanziaria dei singoli Comuni 2001-2009 e lo scenario

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Enterprise Content Management vi semplifica la vita Enterprise-Content-Management Gestione dei documenti Archiviazione Workflow www.elo.com Karl Heinz

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE Quest Associazione apprezza la decisione dell ISVAP di avviare la procedura per la revisione del regolamento n.5/2006, sull attività degli intermediari

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

4.06 Stato al 1 gennaio 2013

4.06 Stato al 1 gennaio 2013 4.06 Stato al 1 gennaio 2013 Procedura nell AI Comunicazione 1 Le persone che chiedono l intervento dell AI nell ambito del rilevamento tempestivo possono inoltrare una comunicazione all ufficio AI del

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Express Import system

Express Import system Express Import system Manuale del destinatario Sistema Express Import di TNT Il sistema Express Import di TNT Le consente di predisporre il ritiro di documenti, pacchi o pallet in 168 paesi con opzione

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Guida alla compilazione

Guida alla compilazione Guida alla compilazione 1 Guida alla compilazione... 1 PARTE I REGISTRAZIONE ORGANIZZAZIONE... 5 LA PRIMA REGISTRAZIONE... 5 ACCESSO AREA RISERVATA (LOGIN)...11 ANAGRAFICA ORGANIZZAZIONE...12 ANAGRAFICA

Dettagli

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network Di cosa parliamo? La Borsa delle Idee è la soluzione per consentire alle aziende di coinvolgere attivamente le persone (dipendenti, clienti,

Dettagli

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Affidati al monitoraggio di ADAPT e Repubblica degli Stagisti ben 3mila racconti: il problema principale sono i lunghi

Dettagli

Riforma "Specialista del commercio al dettaglio" Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al

Riforma Specialista del commercio al dettaglio Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al Specialista del commercio al Riforma "Specialista del commercio al " Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al (La designazione di persone o gruppi

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli