JESOLO LUGLIO 2014 OGGETTO: TESTO DELLE 14 ISTANZE PARTECIPATIVE AI SENSI DELL ART. 3 DEL REGOLAMENTO SULLA PARTECIPAZIONE POPOLARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "JESOLO LUGLIO 2014 OGGETTO: TESTO DELLE 14 ISTANZE PARTECIPATIVE AI SENSI DELL ART. 3 DEL REGOLAMENTO SULLA PARTECIPAZIONE POPOLARE"

Transcript

1 Al Sindaco di Jesolo Agli assessori competenti in materia Ai capo gruppo del consiglio comunale JESOLO LUGLIO 2014 OGGETTO: TESTO DELLE 14 ISTANZE PARTECIPATIVE AI SENSI DELL ART. 3 DEL REGOLAMENTO SULLA PARTECIPAZIONE Spettabile Comune di Jesolo, come da accordi con il segretario, inviamo in formato Qui di seguito i titoli in ordine progressivo e numerati: 1) Abbinare i referendum comunali alle votazioni nazionali ed europee 2) Utilizzare scrutatori volontari 3) Eliminare il quorum di validità dai referendum comunali 4) Diminuire il numero di firme necessarie per indire un referendum comunale 5) DEMOCRAZIA ELETTRONICA 6) REFERENDUM PROPOSITIVI/DELIBERATIVI/CONFERMATIVI 7) CERTIFICAZIONE UTENTE SUL SITO COMUNALE 8) Regolamento sulla partecipazione 9) Adozione Codice Etico Carta di Pisa 10) Bilancio partecipativo 11) Spazi gratuiti per associazioni, gruppi senza fini di lucro 12) NEWSLETTER COMUNALE EVENTI POLITICI 13) Spazio per associazioni per minoranze 14) OPEN DATA

2 1) abbinare i referendum comunali alle votazioni nazionali ed europee, VISTO CHE aumentare la partecipazione al voto è un dovere di ogni amministrarore questo provvedimento farebbe risparmiare i soldi dell amministrazione comunale e tempo e fatica ai cittadini, come a Rovereto il risparmio è esattamente del 50% sui costi di gestione recentemente anche a Rovereto li hanno inseriti oggi i referendum a rovereto pos sono essere utilizzati approvata la mozione abbinamento referendum comunali a v otazioni nazionali ed europee/ CHIEDIAMO con la presente istanza di inserire l obbligo di abbinamento di eventuali referendum comunali alle elezioni nazionali ed europee nello Statuto o nel regolamento sui referendum

3 2) Utilizzare scrutatori volontari VISTO CHE grazie a questa proposta i referendum non hanno quasi costi. si usa lo stesso metodo in varie parti della Svizzera. a Berceto, un comune in provincia di Parma di 2200 abitanti, hanno speso solo 200 euro per la stampa delle schede per effettuare 2 votazioni referendarie. pr scrutatori volontari per ref erendum comunali spesa di 200 euro/ in questo periodo bisogna cercare di risparmiare il più possibile ed ottimizzare le risorse del Comune si potrebbero finalmente organizzare referendum a Jesolo e cadrebbe la maggior obiezione all uso di questi strumenti, ossia il costo elevato; CHIEDIAMO che venga inserito nel regolamento sui referendum la possibilità di usare scrutatori volontari

4 3) eliminare il quorum di validità dai referendum comunali VISTO CHE sia il Sindaco Zoggia che lo sfidante al ballottaggo Martin si sono espressi a favore del quorum zero per i referendum l Italia è l ultimo paese dell Europa Occidentale a prevedere un quorum di validità nell ultimo anno, in seguito ad una campagna informativa di comitati cittadini a Venezia, Vicenza e Bolzano lo hanno eliminato, ed a breve si aggiungeranno le amministrazioni comunali del MoVimento 5 Stelle a Mira, Parma, Senago, Assemini e Comacchio alle elezioni questo quorum non esiste perchè, giustamente, rifarle ogni volta sarebbe solo uno spreco di soldi. anche il governatore Luca Zaia si è espresso a favore del quorum zero e a Luglio il Consiglio Regionale Veneto lo ha eliminato dai referendum sulle fusioni unioni con voto unanime, motivandolo con così aumenta la partecipazione è antistorico è giusto che chi vota decide stampa/dettaglio comunicati?_s pp_detailid= la commissione europea per la democrazia ha inserito il quorum zero nel codice di buona condotta per i referendum AD% %29008rev ita CHIEDIAMO che sia eliminata dallo Statuto Comunale all art. 85 comma 1 la frase se ha partecipato alla votazione la maggioranza degli aventi diritto, e di adeguare il relativo regolamento sui referendum

5 4) diminuire il numero di firme necessarie per indire un referendum comunale VISTO CHE i referendum sono gli unici strumenti a disposizione del cittadino, insieme al voto elettorale, per poter esercitare la propria sovranità i cittadini non hanno dietro strutture come i partiti per aiutarli a fare pubblicità alle proprie iniziative e lo fanno quindi gratis a livello nazionale il numero di firme necessarie è l 1% in Svizzera, dove conoscono bene l argomento, il numero di firme varie dallo 0,25 al 5% a Jesolo è stato messo il 20% di firme necessarie per indirlo, rendendo di fatto lo strumento inutilizzabile quanto è stato redatto il regolamento di Jesolo, le firme necessarie erano 100 ed in seguito al primo (ed unico) referendum effettuato, la giunta aumentò il numero necessario del 400%, non si sa bene su quali criteri nei comuni vicini a noi il numero di firme necessario varia tra il 5% ed il 10%. nei comuni guidati da una giunta a 5 Stelle stanno abbassando la soglia per favorire la partecipazione dei cittadini CHIEDIAMO che sia modificato l art. 83 comma 3 lettera b dello Statuto Comunale, portando così il numero di firme necessarie per indire un referendum ad un livello accessibile, preferibilmente compreso tra l 1% ed il 5%

6 5) DEMOCRAZIA ELETTRONICA VISTO CHE l'art. 9 del decreto 82/2005 prevede che: "Lo Stato favorisce ogni forma di uso delle nuove tecnologie (..) per facilitare l'esercizio dei diritti politici e civili sia individuali che collettivi" tra i diritti politici e civili ci sono quelli previsti dall'art. 8 del TUEL, ossia le istanze/petizioni/proposte/referendum lo stesso decreto, aggiornato dal 33/2013, prevede che il canale preferenziale per l interazione tra pubblica amministrazione ed i cittadini debba essere internet il Veneto ha appena concluso l Agenda Digitale, dove tra le richieste più votate c è proprio quella riguardante la democrazia elettronica e digitale il Portale sulla partecipazione online/ il Comune di Jesolo dal 2005 ad oggi non ha inserito nessuno strumento di partecipazione elettronica nello Statuto e nei Regolamenti, e sono passati 8 anni dall obbligo sancito dal decreto stiamo parlando di strumenti che altre amministrazione hanno già messo in funzione, quali le petizioni ed i sondaggi online o la raccolta firme per i referendum con la PEC CHIEDIAMO che il Comune si impegni a lavorare su questa tema, organizzando un agenda digitale per Jesolo.

7 6) INSERIRE I REFERENDUM PROPOSITIVI/DELIBERATIVI/CONFERMATIVI VISTO CHE il TUEL prevede che ogni Comune puo inserire qualunque tipo di referendum il referendum abrogativo è uno strumento ormai sorpassato e non efficace, ampiamente dimostrato in Italia dai referendum sul finanziamento pubblico ai partiti e sull abolizione del ministero dell agricoltura, re introdotti con nomi diversi tutti gli studi mondiali sugli istituti referendari hanno dimostrato che gli unici veramente efficaci sono quelli deliberativi e confermativi nell ultimo anno vari comuni e provincie li hanno introdotti, a partire dall alto adige (giusto il 30 Settembre alcuni comitati hanno raccolto le firme per il primo referendum confermativo) e sono presenti nello Statuto sia di San Donà di Piave che della Provincia di Venezia, senza andare troppo distante Sia il Comune di Mira che quello di Parma li hanno inseriti nel proprio statuto. CHIEDIAMO che il Comune di Jesolo si impegni ad inserire questi strumenti nello Statuto Comunale

8 7) ISTANZE PETIZIONI PROPOSTE TENUTO CONTO CHE l art. 8 del T.U.E.L. prevede che nello Statuto sia previste procedure per l'ammissione di istanze, petizioni e proposte di cittadini singoli o associati dirette a promuovere interventi per la migliore tutela di interessi collettivi e devono essere, altresì, determinate le garanzie per il loro tempestivo esame Con la presente chiediamo al Comune di sistemare la parte riguardante questi strumenti di partecipazione: nello statuto e nell apposito regolamento di Jesolo non sono previsti tempi certi per le risposte da dare ai cittadini singoli, ma solo per quelli associati.

9 8) REGOLAMENTO SULLA PARTECIPAZIONE Con la presente chiediamo al Comune di Jesolo di impegnarsi a modificare il regolamento sulla partecipazione, così da aggiornarlo e renderlo piu moderno. Chiediamo un impegno del Comune su questo tema.

10 9) ADOZIONE CODICE ETICO CARTA DI PISA chiediamo al Comune di Jesolo l adozione della Carta di Pisa o di carta equivalente a livello europeo, per rafforzare la trasparenza e la legalità nella P.A., in particolare contro la corruzione e infiltrazione mafiosa. Il Comune di Parma la inserirà a breve nello Statuto, si potrebbe inserire un articolo come il seguente: L'Amministrazione Comunale riconosce i valori etici contenuti nella ""Carta di Pisa"" (o in documento europeo equipollente),codice etico destinato agli enti e amministratori locali al fine di rafforzare la trasparenza e la legalità nella Pubblica Amministrazione e contro la corruzione e infiltrazione mafiosa. Gli Amministratori si impegnano ad uniformare la propria azione ai principi enunciati. NOTE: sarà necessario specifico atto che regolamenterà ulteriori modalità di verifica del rispetto degli obblighi contenuti nel "codice". Per approfondimenti clicca sul link: a roma la carta di pisa il codice etico di avv iso pubblico per gli enti e gli amministratori locali il testo on line_ shtml

11 11) BILANCIO PARTECIPATIVO Bilancio partecipativo: i processi partecipativi individuano le priorità sia sugli investimenti che sui tagli. Gli organi territoriali (Comitati e Assemblee di cittadini), selezionano le priorità integrati da tavoli tematici a cui partecipano tecnici, come già succede in varie città italiane tipo Capannori, Grottamare, Modena, in Toscana, in Sicilia.. DOMANDA Questa amministrazione ha intenzione di utilizzare questo strumento nel corso del proprio mandato?

12 11) Spazi gratuiti per associazioni, gruppi senza fini di lucro Con la presente istanze chiediamo che: a) La richiesta di suolo pubblico sia concessa gratuitamente ad Associazioni di promozione sociale, volontariato, partiti, posto che non abbiano fini di lucro. b) Snellimento della burocrazia per le Associazioni che vogliono creare momenti di aggregazione e partecipazione tra i cittadini. c) Posizionamento di bacheche che permettano l'esposizione di materiale informativo senza fine di lucro disposte nei quartieri che permettano ai cittadini di informarli di eventuali iniziative (es. biblioteca civica e ospedale vecchio).

13 12) NEWSLETTER COMUNALE EVENTI POLITICI Con la presente facciamo istanza al Sindaco per chiedere di ampliare i servizi della newsletter, aggiungendo alle opzioni la possibilità di ricevere le mail selezionate per tag o categoria DOMANDA Siete favorevoli a creare questo nuovo servizio a favore dei cittadini digitali?

14 13) Spazio per associazioni TENUTO CONTO CHE Il Comune di Jesolo deve prevedere la valorizzazione ed il sostegno dello sviluppo di libere forme associative e la promozione di organismi di partecipazione popolare all'amministrazione locale. CHIEDIAMO CHE l'amministrazione Comunale metta a disposizione di tutti i cittadini, gruppi e organismi sociali a carattere democratico, strutture e spazi idonei con condizioni e modalità d'uso da deliberare appositamente. Per la copertura delle spese, può essere richiesto il pagamento di un corrispettivo a copertura delle spese come già succede a Quarto d Altino e San Stino, dove con 7 10 Euro hai a disposizione una sala con videoproiettore. DOMANDA Siete favorevoli a creare un nuovo regolamento per la concessione degli immobili comunali nel quale verranno previste forme di agevolazione per cittadini, comitati spontanei e associazioni varie?

15 20) OPEN DATA Ad ottobre 2012 il Comune di Venezia ha adottato una delibera sugli open data, Il metodo stesso di costruzione dei Principi è stato particolarmente significativo, perché è frutto di un percorso di partecipazione e collaborazione tra Amministrazione e Cittadini, in particolare è d'obbligo ricordare la fruttuosa discussione con il gruppo "#opendatavenezia" E uno dei principi cardine nella pubblicazione degli "open data" è proprio la partecipazione dei cittadini, che potranno infatti concorrere al processo suggerendo dataset da pubblicare, segnalando incongruenze, riutilizzando i dati resi disponibili. Il decreto legislativo 7 Marzo 2005 n. 82 stabilisce che le autonomie locali assicurano la disponibilità, gestione, accesso, trasmissione e la fruibilità dell informazione in modalità digitale e si organizzano a tale fine utilizzando con le modalità più appropriate le tecnologie dell informazione e della comunicazione art. 50: i dati delle P.A. (..) ne consenato la fruizione e riutilizzazione da parte di altre P.A. e dai privati art. 54: i dati pubblici contenuti nei siti delle P.A. sono fruibili gratuitamente e senza necessità di indentififazione informatica art. 68: le P.A. adottano soluzioni informatiche che consentono la rappresentazione dei dati in pià formati, di cui almento uno di tipo aperto CHIEDIAMO al Comune di Jesolo se vogliono votare una delibera simile a quella di Venezia riguardo gli open data Qui di seguito il testo votato da Venezia, a cui potreste agganciarvi per avere a poco prezzo i software necessari (se il link non funziona, cercare open data ottobre 2012 venezia, il file è il DG_2012_485 / PD 2012/639

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 1. PREMESSA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 1. PREMESSA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2015 1. PREMESSA Il principio della trasparenza, inteso come accessibilità totale a tutti gli aspetti dell organizzazione, è un elemento essenziale

Dettagli

C O M U N E D I G A M B E L L A R A PIAZZA PAPA GIOVANNI XXIII, 4-36053 GAMBELLARA (VICENZA)

C O M U N E D I G A M B E L L A R A PIAZZA PAPA GIOVANNI XXIII, 4-36053 GAMBELLARA (VICENZA) Deliberazione N 61 del 25.08.2014 COPIA Protocollo N del Verbale della deliberazione della GIUNTA COMUNALE O G G E T T O ADOZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014 2016. L anno

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino

Comune di Nogarole Vicentino Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Introduzione: organizzazione e funzioni

Dettagli

COMUNE DI MONGARDINO Provincia di Asti

COMUNE DI MONGARDINO Provincia di Asti COPIA ALBO COMUNE DI MONGARDINO Provincia di Asti DELIBERAZIONE N 6 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO : D.LGS. 14 MARZO 2013 - APPROVAZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO;

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; Approvato con deliberazione di G.M. n. 57 del 24/03/2003 REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 Allegato n. 1) alla Determinazione del Segretario Generale n. 10/2014 COMUNE DI MARTELLAGO Obiettivi di tà per l anno 2014 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n.

Dettagli

COMUNE DI TICINETO. (Provincia di Alessandria) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. PERIODO 2014-2016

COMUNE DI TICINETO. (Provincia di Alessandria) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. PERIODO 2014-2016 COMUNE DI TICINETO (Provincia di Alessandria) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. PERIODO 2014-2016 Approvato con D.G.C. n. 10 del 31/01/2014 1. PREMESSA Il Decreto legislativo 14 marzo

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (art. 10 del D.Lgs 14 marzo 2013 n. 33) Finalità del Piano Con il presente programma triennale per la trasparenza e l integrità, l ATC di

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI STRUMENTI PARTECIPATIVI DEL COMUNE DI VIMERCATE

REGOLAMENTO DEGLI STRUMENTI PARTECIPATIVI DEL COMUNE DI VIMERCATE REGOLAMENTO DEGLI STRUMENTI PARTECIPATIVI DEL COMUNE DI VIMERCATE Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 40 del 30 ottobre 2012 1 REGOLAMENTO DEGLI STRUMENTI PARTECIPATIVI DEL COMUNE DI VIMERCATE

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario

Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015 2017 1 1 Approvato con deliberazione della Giunta

Dettagli

N. 117 Del 28/07/2015

N. 117 Del 28/07/2015 Piazza Duomo, 1 C.A.P. 80035 - C.F. 84003330630 - Partita I.V.A. : 01549321212 COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 117 Del 28/07/2015 OGGETTO: Approvazione bilancio partecipativo anno 2015 - STANZIAMENTO

Dettagli

Regolamento del Registro Comunale delle Associazioni e delle Consulte di Settore ISTITUZIONE E COMPOSIZIONE DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI

Regolamento del Registro Comunale delle Associazioni e delle Consulte di Settore ISTITUZIONE E COMPOSIZIONE DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI Regolamento del Registro Comunale delle Associazioni e delle Consulte di Settore TITOLO I ISTITUZIONE E COMPOSIZIONE DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI Articolo 1 ISTITUZIONE 1. E istituito il Registro Comunale

Dettagli

Comparazione testo disegno di legge delega TS Camera Emendamenti Lepri

Comparazione testo disegno di legge delega TS Camera Emendamenti Lepri Comparazione testo disegno di legge delega TS Camera Emendamenti Lepri Testo: Art. 5. (Attività di volontariato, di promozione sociale e di mutuo soccorso) 1. Con i decreti legislativi di cui all'articolo

Dettagli

Consultazione how-to. Guida alla consultazione pubblica sulle Riforme Costituzionali

Consultazione how-to. Guida alla consultazione pubblica sulle Riforme Costituzionali Consultazione how-to Guida alla consultazione pubblica sulle Riforme Costituzionali 1 2 3 4 5 Autonomie Territoriali Forma di Governo e Parlamento Parlamentarismo o Presidenzialismo? Secondo te, l attuale

Dettagli

Manuale informativo per conoscere tutto sul progetto di fusione del tuo Comune

Manuale informativo per conoscere tutto sul progetto di fusione del tuo Comune Manuale informativo per conoscere tutto sul progetto di fusione del tuo Comune Cosa è la fusione È un progetto nato per creare un nuovo Comune di oltre 7mila abitanti, più visibile dal punto di vista politico

Dettagli

Comune di Casaluce REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

Comune di Casaluce REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI Comune di Casaluce REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 14 del 22/7/2009 1 REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE

Dettagli

COMUNE DI CASTROCARO TERME E TERRA DEL SOLE Provincia di Forlì Cesena

COMUNE DI CASTROCARO TERME E TERRA DEL SOLE Provincia di Forlì Cesena Originale COMUNE DI CASTROCARO TERME E TERRA DEL SOLE Provincia di Forlì Cesena DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE Numero: 116 Data: 11/12/2012 OGGETTO: PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

Dettagli

COMUNE DI BARASSO (Provincia di Varese)

COMUNE DI BARASSO (Provincia di Varese) COMUNE DI BARASSO (Provincia di Varese) Approvate con delibera della Giunta Comunale n.30 del 18.05.2015 Linee guida per la disciplina di accesso e riutilizzo delle banche dati (open data) Redatte ai sensi

Dettagli

in collaborazione con

in collaborazione con in collaborazione con LINEE GUIDA PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEI BENI CONFISCATI ALLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA Giugno 2012 IL RIUTILIZZO DEI BENI CONFISCATI: UN PERCORSO DI RISCATTO CIVILE Vogliamo

Dettagli

IL DISEGNO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA PARTE SECONDA DELLA COSTITUZIONE

IL DISEGNO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA PARTE SECONDA DELLA COSTITUZIONE IL DISEGNO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA PARTE SECONDA DELLA COSTITUZIONE APPROVATO IN SEDE REFERENTE DALLA 1 a COMMISSIONE DEL SENATO NELLA SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2014 WWW.RIFORMECOSTITUZIONALI.GOV.IT ELEMENTI

Dettagli

Regolamento dell Albo Comunale delle Associazioni

Regolamento dell Albo Comunale delle Associazioni COMUNE DI OLIVETO CITRA Provincia di Salerno Regolamento dell Albo Comunale delle Associazioni Approvato con deliberazione C.C. n. 14 del 26.04.2013 In vigore dal 26.04.2013 1 TITOLO I TITOLO I - ISTITUZIONE

Dettagli

Provincia di Padova. Deliberazione della Giunta Provinciale. SEDUTA del 17/02/2014 283 N di Reg. 26

Provincia di Padova. Deliberazione della Giunta Provinciale. SEDUTA del 17/02/2014 283 N di Reg. 26 Provincia di Padova Deliberazione della Giunta Provinciale SEDUTA del 17/02/2014 283 N di Reg. 26 Oggetto: ADOZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA'. TRIENNIO 2014-2016. L anno DUEMILAQUATTORDICI

Dettagli

COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo

COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo Allegato alla deliberazione C.C. n. 39 del 19/9/2005 COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER LA COMUNICAZIONE ART. 1 - PRINCIPI GENERALI... 2 ART. 2 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 2 ART.

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Programma triennale per la trasparenza e l integrità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale G. Falcone e P. Borsellino Via G. Giolitti, 11 20022 Castano Primo (MI) Tel. 0331 880344 fax 0331 877311 C.M. MIIC837002

Dettagli

Allegato A REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA)

Allegato A REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA) Allegato A REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA) REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 COMUNE DI COLLAZZONE Provincia di Perugia PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 Adottato con deliberazione di Giunta Comunale n.. del. Premessa: Il presente programma triennale

Dettagli

Le tre componenti del successo del Movimento 5 Stelle:

Le tre componenti del successo del Movimento 5 Stelle: Le tre componenti del successo del Movimento 5 Stelle: 1) l assunzione di un ruolo di imprenditore politico da parte di une comico conosciuto e affermato. 2) la costruzione di un movimento a partire dal

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017. (art. 10 del D.Lgs 14 marzo 2013 n. 33 )

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017. (art. 10 del D.Lgs 14 marzo 2013 n. 33 ) Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 (art. 10 del D.Lgs 14 marzo 2013 n. 33 ) 1. Finalità del Piano Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di

Dettagli

COMUNE DI FANO Provincia di Pesaro e Urbino Segreteria Generale. Servizio di Regolarità Amministrativa e Contabile

COMUNE DI FANO Provincia di Pesaro e Urbino Segreteria Generale. Servizio di Regolarità Amministrativa e Contabile COMUNE DI FANO Provincia di Pesaro e Urbino Segreteria Generale Servizio di Regolarità Amministrativa e Contabile 2 referto semestrale attività svolta- anno 2014 Prot.n. 500 del 07 gennaio 2015 Al Presidente

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FORMAZIONE AVANZATA e-government 1. Premessa Oggi l innovazione nella pubblica amministrazione (PA) e, in particolare,

Dettagli

Oggetto : Adozione Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione 2015-2017.

Oggetto : Adozione Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione 2015-2017. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 13 28 gennaio 2015 Immediatamente Eseguibile Oggetto : Adozione Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione 2015-2017.

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI URPUFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO Piazza Palazzo di Città 9a www.comune.torino.it/urp T

CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI URPUFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO Piazza Palazzo di Città 9a www.comune.torino.it/urp T UFFICIO PORTAVOCE DEL SINDACO, RAPPORTI CON IL CITTADINO E UFFICIO STAMPA CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI URPUFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO Piazza Palazzo di Città 9a www.comune.torino.it/urp T 2014

Dettagli

Gassino t.se, 16 dicembre 2014

Gassino t.se, 16 dicembre 2014 2014_12_mozione_open_sourceopensource - pagina 1 di 6 Gassino t.se, 16 dicembre 2014 Oggetto: Mozione Open Source a: Sindaco della Città di Gassino Torinese Sig. Paolo Cugini Assessore di competenza Il

Dettagli

1. Premessa. - gli obiettivi che l ente si pone per dare piena attuazione al principio di trasparenza;

1. Premessa. - gli obiettivi che l ente si pone per dare piena attuazione al principio di trasparenza; 1. Premessa Il Parco Valle Lambro dimostra la propria piena partecipazione al processo di attivazione delle buone prassi di trasparenza ed etica con l adozione del presente piano, intitolato Programma

Dettagli

LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA

LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA L UE è uno Stato, una confederazione, una federazione, un organizzazione internazionale? È un organizzazione internazionale dotata di ampi poteri che configurano cessioni

Dettagli

''DIRO' LA MIA! DECIDIAMO INSIEME PER LA NOSTRA CITTÀ'' - INDIRIZZI E MODALITÀ DI REALIZZAZIONE DEL PRIMO BILANCIO PARTECIPATIVO DEL COMUNE DI RHO.

''DIRO' LA MIA! DECIDIAMO INSIEME PER LA NOSTRA CITTÀ'' - INDIRIZZI E MODALITÀ DI REALIZZAZIONE DEL PRIMO BILANCIO PARTECIPATIVO DEL COMUNE DI RHO. N.118 DEL ''DIRO' LA MIA! DECIDIAMO INSIEME PER LA NOSTRA CITTÀ'' - INDIRIZZI E MODALITÀ DI REALIZZAZIONE DEL PRIMO BILANCIO PARTECIPATIVO DEL COMUNE DI RHO. Relazione l Assessore al Bilancio, Patrimonio

Dettagli

COMUNE DI ALTAVILLA MILICIA

COMUNE DI ALTAVILLA MILICIA COMUNE DI ALTAVILLA MILICIA (Prov. Palermo) Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2013 2015 (approvato con Deliberazione della Giunta Comunale n. 6 del 28.2.2014) Relazione della Responsabile

Dettagli

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013)

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA POR OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) Comitato di Sorveglianza 13 maggio 2011 REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO

Dettagli

CENTRO ANZIANI DI PORCIA

CENTRO ANZIANI DI PORCIA Centro anziani di Porcia Associazione di volontariato O.N.L.U.S Iscritto al n 930 del Registro del Volontariato F.V.G Decreto iscrizione n. 1574 del 23.04.2015 Via delle Risorgive, 3-33080 Porcia (PN)

Dettagli

ETICA E TRASPARENZA nella PA

ETICA E TRASPARENZA nella PA ETICA E TRASPARENZA nella PA Avv. Prof. Ernesto Belisario http://blog.ernestobelisario.eu Palermo, 18 maggio 2011 Associazione Italiana per l Open Government www.datagov.it PREMESSA "L idea della partecipazione

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E RIUTILIZZO DEI DATI

REGOLAMENTO SULLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E RIUTILIZZO DEI DATI REGOLAMENTO SULLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E RIUTILIZZO DEI DATI REGOLAMENTO SULLA FACOLTA DI ACCESSO TELEMATICO E RIUTILIZZO DEI DATI Sommario Art. 1 - Principi, finalità, e oggetto...3 Art. 2 -

Dettagli

Luca Milani Agenzia veneta per i pagamenti in agricoltura Affari istituzionali - Servizio archivistico

Luca Milani Agenzia veneta per i pagamenti in agricoltura Affari istituzionali - Servizio archivistico Tracce digitali Trasparenza e accessibilità dei siti web della PA Luca Milani Agenzia veneta per i pagamenti in agricoltura Affari istituzionali - Servizio archivistico 10 giugno 2015 Archivisti *el web

Dettagli

Regolamento Sito Web Istituzionale del Comune di Motta Visconti

Regolamento Sito Web Istituzionale del Comune di Motta Visconti Regolamento Sito Web Istituzionale del Comune di Motta Visconti INDICE Art. 1 - Sito web istituzionale Art. 2 - Oggetto del Regolamento Art. 3 - Soggetti competenti e gestione sito web Art. 4 - Contenuti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO COMUNE DI COLOGNO AL SERIO Provincia di Bergamo Allegato alla deliberazione del C.C. N. 17 in data 03.04.2007 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO CAPO

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 109 DEL 21 OTTOBRE 2015 O G G E T T O

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 109 DEL 21 OTTOBRE 2015 O G G E T T O DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 109 DEL 21 OTTOBRE 2015 O G G E T T O NOMINA DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO DI CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA (D.LGS. N.8272005). L anno duemilaquindici il giorno ventuno

Dettagli

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO STATUTO ART. 1 - COSTITUZIONE E FINALITA Il COMITATO GENITORI MONTEOLIMPINO dei PLESSI

Dettagli

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.)

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) (Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 24.06.2010 e successiva modifica con deliberazione consiliare n. 50 del 25.09.2012) PREMESSA

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2010-2012

PROVINCIA DI LECCE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2010-2012 PROVINCIA DI LECCE SERVIZIO INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2010-2012 INDICE 1. PREMESSA 2. STRUMENTI 3. INDIVIDUAZIONE DATI DA PUBBLICARE 4. INDIVIDUAZIONE

Dettagli

COMUNE DI TORCHIAROLO Provincia di Brindisi

COMUNE DI TORCHIAROLO Provincia di Brindisi COMUNE DI TORCHIAROLO Provincia di Brindisi Via C. Colombo n. 1 72020 Tel. 0831/622085 Fax 0831/620672 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSOCIAZIONISMO LOCALE Approvato con deliberazione di CC n. 46 del 04/12/2012

Dettagli

COMUNE DI BARIANO PROVINCIA DI BERGAMO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI BARIANO PROVINCIA DI BERGAMO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI BARIANO PROVINCIA DI BERGAMO Deliberazione N. 113 Codice Ente 10021 C O P I A OGGETTO: VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE APPROVAZIONE OBIETTIVI DI ACCESSIBILITÀ DEL SITO WEB PER

Dettagli

GIORNATA DELLA TRASPARENZA 2012

GIORNATA DELLA TRASPARENZA 2012 GIORNATA DELLA TRASPARENZA 2012 Pillole di Trasparenza Concorso Farmacie e Opendata Claudia Biffoli Direzione Generale del Sistema Informativo e Statistico Sanitario Ufficio IV ex DGSI Roma, 12 Dicembre

Dettagli

COMUNE DI BOVEZZO Provincia di Brescia

COMUNE DI BOVEZZO Provincia di Brescia COMUNE DI BOVEZZO Provincia di Brescia REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA) INDICE Pagina TITOLO I Disposizioni Generali

Dettagli

LA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI E DELL IDENTITA SICILIANA (di seguito Assessorato)

LA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI E DELL IDENTITA SICILIANA (di seguito Assessorato) PROTOCOLLO D INTESA PER LA INDIVIDUAZIONE DI AZIONI COMUNI VOLTE A MIGLIORARE LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE DELLE CITTA D ARTE DELLA SICILIA TRA LA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI

Dettagli

Comune di Lograto. Provincia di Brescia

Comune di Lograto. Provincia di Brescia Comune di Lograto Provincia di Brescia REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA) (approvato con la deliberazione del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI SALA CONSILINA Provincia di Salerno

COMUNE DI SALA CONSILINA Provincia di Salerno COMUNE DI SALA CONSILINA Provincia di Salerno GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE *** COPIA *** numero 89 del 22-06-2015 OGGETTO: ISTANZA CROCE ROSSA ITALIANA SEZIONE DI SALA CONSILINA. CONCESSIONE PATROCINIO.

Dettagli

Privacy Policy INTRODUZIONE GENERALE

Privacy Policy INTRODUZIONE GENERALE Privacy Policy INTRODUZIONE GENERALE La presente Policy ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione di questo sito di proprietà di Consorzio dei Commercianti del Centro Commerciale di Padova, in

Dettagli

Rossana Arioli Piazza Formenti, 3 20013 Magenta (MI) 02 9735205 ufficio.stampa@comunedimagenta.it www.comunedimagenta.it

Rossana Arioli Piazza Formenti, 3 20013 Magenta (MI) 02 9735205 ufficio.stampa@comunedimagenta.it www.comunedimagenta.it Categoria 3 85 Scheda del progetto Comune di Magenta Rossana Arioli Piazza Formenti, 3 20013 Magenta (MI) 02 9735205 ufficio.stampa@comunedimagenta.it www.comunedimagenta.it Progetto di rinnovamento sito

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

Smart. Amministrazione Trasparente Alberatura Area Affari Generali. Funzionalità principali. Descrizione sintetica SCHEDA PRODOTTO

Smart. Amministrazione Trasparente Alberatura Area Affari Generali. Funzionalità principali. Descrizione sintetica SCHEDA PRODOTTO Alberatura La soluzione consente di assolvere agli obblighi di legge in materia di trasparenza per quanto riguarda la strutturazione della sezione amministrazione trasparente quale link proposto nella

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO Approvato con deliberazione del C.C. n dei 00.00.201 CAPO I VALORIZZAZIONE DELLE FORME ASSOCIATIVE Art. 1 Principi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELLE AUTONOMIE LOCALI E DELLA FUNZIONE PUBBLICA

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELLE AUTONOMIE LOCALI E DELLA FUNZIONE PUBBLICA Legge regionale sulla semplificazione e trasparenza amministrativa Tempi certi e più brevi per la conclusione dei procedimenti (art.2) Tempi certi e più brevi per la conclusione dei procedimenti(art.2)

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità 2015-2018

Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità 2015-2018 Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità 2015-2018 IL CONSIGLIO D ISTITUTO VISTO IL D.L.vo 150/2009 VISTO L ART. 32 della L.69/2009 VISTA LA L. 190/2012 VISTO IL D.L.vo n.33/2013 VISTA la circolare

Dettagli

MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI

MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI Premessa Ai sensi dell art. 2 comma 594 e 598 della Legge n.244/2007 (Legge Finanziaria 2008),

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita istituto d'istruzione superiore liceo classico e scientifico v. julia ACRI (CS) PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita Anni 2014-2016 Deliberato dal Consiglio d Istituto in data 04/06/2014

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 16 gennaio 2013, n. 3

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 16 gennaio 2013, n. 3 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 16 gennaio 2013, n. 3 Sistema di valutazione del livello di sostenibilità ambientale degli edifici in attuazione della Legge Regionale Norme per l abitare sostenibile

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 54/2008 (Atti del Consiglio) Norme in materia di sostegno alla innovazione delle attività professionali intellettuali. *************** Approvata dal

Dettagli

Regolamento per l elezione di Segretari e Assemblee delle Unioni provinciali/territoriali, dei Segretari e dei Direttivi dei Circoli

Regolamento per l elezione di Segretari e Assemblee delle Unioni provinciali/territoriali, dei Segretari e dei Direttivi dei Circoli Visti: l articolo 15 dello Statuto nazionale del Partito Democratico; gli articoli 4, 5, 6, 7 dello Statuto regionale del PD dell Umbria; l articolo 12 del Regolamento per l elezione del Segretario e dell

Dettagli

COMUNE DI RUSSI REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI ZONA

COMUNE DI RUSSI REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI ZONA COMUNE DI RUSSI REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI ZONA Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 2 del 25/02/2014 Art. 1 - ISTITUZIONE E FINALITA' 1. In attuazione dei principi enunciati nell art. 8 dello

Dettagli

COMUNE DI JESOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI JESOLO Provincia di Venezia COMUNE DI JESOLO Provincia di Venezia PROCESSO VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N 269 DEL 24/09/2013 ad oggetto: ATTO DI INDIRIZZO ALLA SOCIETA' JESOLO TURISMO PER LA REALIZZAZIONE DELL'INIZIATIVA

Dettagli

COMUNE DI TRAVERSETOLO Provincia di PARMA

COMUNE DI TRAVERSETOLO Provincia di PARMA COMUNE DI TRAVERSETOLO Provincia di PARMA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 111 DEL 26/11/2014 Oggetto: CONTRIBUTO ALLA ASSOCIAZIONE ITALIANA DONATORI DI ORGANI,TESSUTI E CELLULE- GRUPPOCOMPRENSORIALE

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 4369 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa del senatore PASSIGLI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 1 o DICEMBRE 1999 Norme in materia

Dettagli

Regolamento sull Albo e l Assemblea delle associazioni

Regolamento sull Albo e l Assemblea delle associazioni Regolamento sull Albo e l Assemblea delle associazioni Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 16 del 31.03.2014 Immediatamente esecutivo I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della Resistenza,

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi ASSEMBLEA LEGISLATIVA Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 546 del 22/10/2014 Proposta: DAL/2014/566 del 22/10/2014 Struttura proponente: Oggetto:

Dettagli

Comunità Collinare Vigne & Vini

Comunità Collinare Vigne & Vini Copia Albo Comunità Collinare Vigne & Vini PROVINCIA DI ASTI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA DELL UNIONE N.3/2014 OGGETTO: D.LGS. 14 MARZO 2013 - APPROVAZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. ORDINE NEI CONFRONTI DEL COMUNE DI COLLERETTO GIACOSA PER LA VIOLAZIONE DELL ARTICOLO 9 DELLA LEGGE 22 FEBBRAIO 2000, N. 28 L AUTORITÀ NELLA riunione

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 1 Il Comitato di Sorveglianza dei Programmi Operativi Regionali (POR)

Dettagli

CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI

CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI PREMESSA La presente premessa costituisce parte integrante del regolamento. Alcuni anni fa, in un momento in cui la realtà giovanile ha cominciato a prendere maggiormente

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017. (Ai sensi del decreto legislativo n. 33/2013) Prot. n. 521/U/2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017. (Ai sensi del decreto legislativo n. 33/2013) Prot. n. 521/U/2014 Prot. n. 521/U/2014 Ferrara, 18 dicembre 2014 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 (Ai sensi del decreto legislativo n. 33/2013) Documento approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE PROVINCIA DI NOVARA

COMUNE DI GALLIATE PROVINCIA DI NOVARA COMUNE DI GALLIATE PROVINCIA DI NOVARA ART. 12 L. 7.8.1990 N. 241 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CESSIONE DI FINANZIAMENTI E DI BENEFICI ECONOMICI A PERSONE, AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI Approvato

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Segreteria Regionale per la Sanità Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto Maurizio

Dettagli

nome classe data la repubblica, la costituzione Quanti voti ha ricevuto la monarchia? Quanti la repubblica?...

nome classe data la repubblica, la costituzione Quanti voti ha ricevuto la monarchia? Quanti la repubblica?... Giugno 946, nasce la Repubblica Leggi il testo poi osserva la tabella con i dati del referendum e rispondi alle domande. Dopo la guerra era necessario creare uno Stato nuovo in cui venissero riconosciuti

Dettagli

Allegato A REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI IN FORMA CIVILE ART.1

Allegato A REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI IN FORMA CIVILE ART.1 Allegato A REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI IN FORMA CIVILE ART.1 La celebrazione del matrimonio, come regolato degli art.101 e 106 e seguenti del Codice Civile, è attività istituzionale garantita.

Dettagli

LINNE GUIDA PROGETTO Aci Bonaccorsi Sei Tu Il Bilancio Partecipato Del Comune di Aci Bonaccorsi

LINNE GUIDA PROGETTO Aci Bonaccorsi Sei Tu Il Bilancio Partecipato Del Comune di Aci Bonaccorsi LINNE GUIDA PROGETTO Aci Bonaccorsi Sei Tu Il Bilancio Partecipato Del Comune di Aci Bonaccorsi PREMESSA DALL INFORMAZIONE ALLA PARTECIPAZIONE: UN PERCORSO PER LA DEMOCRAZIA AD ACI BONACCORSI Il Comune

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CASA DELLA CITTÀ LEOPOLDA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CASA DELLA CITTÀ LEOPOLDA Associazione Casa della Città Leopolda Piazza Guerrazzi 56125 Pisa Tel. 050.21531 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CASA DELLA CITTÀ LEOPOLDA Titolo primo: i principi generali Art. 1 1. L Associazione Casa della

Dettagli

Roma Capitale: Open Data come nuova frontiera della comunicazione tra istituzioni e cittadini

Roma Capitale: Open Data come nuova frontiera della comunicazione tra istituzioni e cittadini Roma Capitale: Open Data come nuova frontiera della comunicazione tra istituzioni e cittadini Roma, 13 Novembre 2013 Ing. Carolina Cirillo Direttore Servizi Informatici e Telematici Agenda Perché l Open

Dettagli

N. 6 23.01. LA GIUNTA COMUNALE

N. 6 23.01. LA GIUNTA COMUNALE N. 6 del 23.01.2006 OGGETTO: AFFIDAMENTO SERVIZI DI ASSISTENZA ESPLETAMENTO PRATICHE E RELATIVE CERTIFICAZIONI PER L OTTENIMENTO DI PROVVIDENZE ASSISTENZIALI. LA GIUNTA COMUNALE VISTO il D. Lgs. 31 marzo

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE CONSIGLIO COMUNALE CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE (proposta dei cittadini titolari dei diritti di partecipazione ai sensi dell'articolo 13 dello Statuto della Città e dell'articolo

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013 2015 1 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Oggetto e Finalità Organizzazione e

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 16 maggio 2011, n. 1101

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 16 maggio 2011, n. 1101 16959 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 16 maggio 2011, n. 1101 DGR 1079/2008. Linee Guida per i siti web delle Aziende ed Istituti Pubblici del SSR e per l utilizzo della posta elettronica certificata.

Dettagli

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO REGISTRO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO REGISTRO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO REGISTRO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE Approvato con deliberazione del C.C. n. 120 del 28.11.2005 1 INDICE Titolo I - Registro delle associazioni

Dettagli

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri).

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri). Il Presidente propone la trattazione dell ordine del giorno urgente presentato dal gruppo consiliare Lega Nord Lega Lombarda avente per oggetto: Accesso al contributo regionale per l installazione di pannelli

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Rapporto nazionale sull utilizzo

Dettagli

Certificati di malattia digitali

Certificati di malattia digitali Certificati di malattia digitali Decreto legislativo n. 150/2009 in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni Roma,

Dettagli

Regolamento IO DONO SICURO. Per le Organizzazioni Non Profit con entrate inferiori ai 300.000

Regolamento IO DONO SICURO. Per le Organizzazioni Non Profit con entrate inferiori ai 300.000 Regolamento IO DONO SICURO Per le Organizzazioni Non Profit con entrate inferiori ai 300.000 1 INDICE 1. Regolamento di ammissione 1.1 Presentazione 1.2 Criteri di ammissione 1.3 Criteri di rinnovo per

Dettagli

COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE Provincia di Varese

COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE Provincia di Varese COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE Provincia di Varese TITOLO I RAPPORTI CON L ASSOCIAZIONISMO ART. 1: Principi e finalità Il Comune riconosce e promuove il valore culturale, di solidarietà e di promozione sociale

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MUROS PROVINCIA DI SASSARI O R I G I N A L E DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 24 del 18/03/2015 OGGETTO: Obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle

Dettagli

COMUNE DI ORATINO Provincia di Campobasso

COMUNE DI ORATINO Provincia di Campobasso Repubblica Italiana COMUNE DI ORATINO Provincia di Campobasso DELIBERAZIONE di GIUNTA MUNICIPALE ORIGINALE n. 47 del 24-06-2013 OGGETTO: DETERMINAZIONE DELLA MISURA DELL INDENNITA DI CARICA SPETTANTE AL

Dettagli

AZIENDA SPECIALE CONSORTILE PER I SERVIZI ALLA PERSONA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

AZIENDA SPECIALE CONSORTILE PER I SERVIZI ALLA PERSONA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA AZIENDA SPECIALE CONSORTILE PER I SERVIZI ALLA PERSONA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione n.41/2014 INDICE PREMESSA... 3 1. LE PRINCIPALI

Dettagli