a società fare a meno della Natura. persone

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "a società fare a meno della Natura. persone"

Transcript

1 Manifesto programmatico Il MoVimento Pitigliano 5 Stelle nasce da persone liberee che vivono nella nostra terra e che hanno scelto d'impegnarsi direttamentee nella vita politica e amministrativaa del nostro comune e della nostra città. Persone non legate a partiti o a gruppi di potere economico-finanziario e che non appartengono a società segrete, logge massoniche o gruppi eversivi ma che propongono idee e progetti per il bene di tutti. Cittadinii che sanno quanto la vita di tutti noi e il nostro progressoo culturale ed economico dipendano dall'integrazione armonica con la natura e dal rispetto degli altri esseri viventi. La Natura può fare a meno degli uomini ma gli uomini non possono fare a meno della Natura. Stiamo vivendo una crisi del sistema a tutti i livelli. Occorre affrontarla come una grande occasione per migliorare la qualità della nostra vita attraverso scelte lungimiranti, che prevedano una minore e più dolce interazione delle attività umane con gli ambienti naturali. La partecipazione delle persone alla politica è fondamentale: accontentarsi di delegaree i partiti non può esseree la sola attività politica di un cittadino. Dobbiamoo recuperare il nostro senso di responsabilità, studiare e conoscere la realtà in cui viviamo e partecipare direttamente al cambiamento. L'amministrazione locale è lo strumento di gestione e coordinamento della nostra comunità e la sua attività dev'essere assolutamente chiara e trasparente, guidata dai cittadini grazie alla democrazia diretta.

2 PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO PITIGLIANO 5 STELLE TRASPARENZA TURISMO (Marketing Territoriale, Centro Storico) ENERGIE RINNOVABILI (Ambiente, Agricoltura) CULTURA, STORIA E TERRITORIO (Scuola, Politiche Sociali) SALUTE, SICUREZZA E STRUMENTI "Un progetto sostenibile deve avere adiacenze su ognuna delle stelle. Se intendi creare lavoro nel turismo, non puoi prescindere dal benessere e dalla storia, così come se vuoi fare agricoltura competitiva, non puoi fare a meno di una Scuola che getti le basi della tua formazione e di un'azienda ecologica. L'amministrazione del futuro, come la intendiamo noi, deve dare gli strumenti; i cittadini partecipare attraverso forme di democrazia diretta in tutto il processo di costruzione. Entra uno di noi, entra un network di idee, entrano tutti i cittadini."

3 Il MoVimento Pitigliano 5 Stelle adotta i principi nazionali fondamentali, quali: OGNUNO VALE UNO A prescindere dalla carica di rappresentanza di ogni singolo eletto, le decisioni politiche vengono scelte da tutti, un voto una testa. L ultima parola spetta alla maggioranza e non al singolo. La carica politica è da intendersi come mera funzione di portavoce del gruppo. MASSIMO DUE MANDATI PER CARICA ELETTORALE La politica intesa come servizio civile, al termine della carica si mantiene lo status di iscritto non ricandidabile, a garanzia di ricambio generazionale e come unica cura per evitare l apparentamento politico tra poltrona, carica, potere ed economia locale. Già lo fanno le caserme, le banche, e tutte le strutture che conoscono l importanza della rotazione. VIVERE IL PAESE CHE SI VORREBBE AMMINISTRARE E importante conoscere il territorio dove ci si candida, ancora più importante è viverlo e viverci. FARE LA POLITICA SENZA I SOLDI Perché se metti i soldi nella politica, la politica diventa i soldi. In tutte le sedi ove previsti rifiutiamo i rimborsi elettorali, decurtiamo parte degli emolumenti dai consiglieri regionali e altrettanto faremo il prossimo anno per i circa 40 parlamentari che ci rappresenteranno. Anche per il comune di Pitigliano proporremmo l utilizzo di mezzi propri di spostamento, ove possibile, per adempiere alle funzioni politiche dell uopo. CARICA POLITICA IN MANO AL MOVIMENTO Ogni eletto firma le proprie dimissioni in bianco al gruppo il quale, in caso di politiche diverse dallo statuto e dal programma, ha il potere di impugnarle.

4 Trasparenza - Il Comune dalle pareti di vetro. Ordine del Giorno del consiglio comunale tradotto in linguaggio non tecnico, messo online sul sito istituzionale e su una pagina social pubblica (facebook et similia) e aperta a commenti, 7 giorni prima della data in calendario. Fruibilità della diretta streaming su piattaforme online gratuite del consiglio comunale e archiviazione su Youtube.com con tag (parola che identifica gli argomenti trattati) di facile ricerca e link in archivio storico del sito istituzionale del Comune di Pitigliano. Il tutto a garanzia della trasparenza ma anche dell'aumentare della possibilità di partecipare da parte dei cittadini impossibilitati per ragioni di tempo o di lavoro. Affissione pubblica su cartaceo e online delle informative su bandi, concorsi, incentivi e finanziamenti per tutte le categorie. Inventario pubblico online di tutti i beni immobili e strumentali a disposizione dei Cittadini di Pitigliano, con indicazione di destinazione d'uso attuale, scadenza delle concessioni ed eventuali indicazioni d'uso possibili e servizi annessi o futuribili (rete elettrica, internet, allaccio idrico, tipologia catastale ecc.) Elenco pubblico e aggiornato delle licenze, concessioni e consulenze attive e dismesse rilasciate dal comune verso terzi. Calendario degli eventi online a semplificazione dei rapporti tra cittadini e amministrazione, nelle richieste di spazi pubblici e nella scelta della data utile. Referendum cittadini propositivi e senza quorum o a carattere di sondaggio online per scelte non in programma elettorale inerenti lavori pubblici a carattere estetico/artistico e/o di pubblica utilità. I cittadini organizzati partecipano alla vita politica integrando liberamente il lavoro dell amministrazione, la quale può collaborare alla stesura dei testi referendari o adottare le richieste dibattute pubblicamente in spazi liberi e/o in rete. Bilancio Annuale Pubblico Online di facilitata reperibilità e comprensione per i cittadini.

5 Turismo Marketing Territoriale: il piano di rilancio per Pitigliano e per Le Città Del Tufo - Istituzione tavolo territoriale di confronto ad oltranza tra operatori nel settore del turismo ricettivo e non, parti politiche e sociali, associazioni di categoria e annesse al comparto turistico e agricolo, del benessere e dei trasporti, della cultura e della storia, della scuola e dell associazionismo spontaneo, per la realizzazione di un piano strategicoterritoriale che coordini gruppi d acquisto vantaggiosi, etici ed ecologici. Il fine è quello di dare continuità filosofica tra l aspettativa del turista e lo stile ricettivo delle strutture. Una convergenza stilistica naturale che comprenda un coordinamento in rete delle disponibilità ricettive in tempo reale, una caratterizzazione forte di tutte le strutture per determinare un esperienza turistica consigliabile, ripetibile e differente dal resto d Italia: fare di Pitigliano prima, e del territorio circostante poi, un brand riconoscibile e sinonimo di qualità per il turista. Un organizzazione comune dei trasporti da e verso le strutture ricettive, possibilmente ecologica, di attrattiva e di interconnessione con il trasporto pubblico. La finalità è quella di dilatare i periodi di permanenza con pacchetti omnicomprensivi di ampia scelta e personalizzazione nel rispetto dei principi di similarità di cui sopra descritto. Un Marketing Territoriale che comporta una rivisitazione e censimento dell intero patrimonio storico, paesaggistico, agricolo e del benessere, sentieristico e concettuale, a compimento del quale ottenere una mappa territoriale multi-layer chiara, efficace e da diffondere in tutti gli uffici e le agenzie turistiche del mondo. Un marchio che ci faccia riconoscere univocamente, con servizi funzionanti e rinnovate misure di accoglienza turistica, in sinergia con il piano provinciale recentemente promosso ed esplicato dalla Pro-Loco di Pitigliano e dall attuale Assessore al Turismo, da estendere a quelle realtà geologiche, territoriali, storiche e culturali che si vedono in perfetta sintonia con il nostro paese. I comuni delle città del tufo, che riuniti sotto un solo brand si facciano spazio tra le grandi realtà turistiche del centro Italia. La totalità dei punti del nostro programma si incastra alla perfezione in questo che riteniamo sia il progetto fondamentale, la prima pietra fondante di un processo in grado di invertire le tendenze per quello che riguarda numero e qualità dei nostri visitatori, sempre più distratti da tendenze mordi e fuggi, negazione della sostenibilità e del rispetto per la bontà del nostro territorio. Stesso marchio, stesse abitudini, stessa aspettativa minima garantita. Le grandi realtà turistiche italiane lo dimostrano: dove c è forte organizzazione c è seria competitività nei prezzi, e flussi turistici imponenti. Il coinvolgimento di tutti gli attori è fondamentale, il MoVimento Pitigliano 5 Stelle concorre alla tornata elettorale per rimettere gli strumenti politici in mano di tutti, con trasparenza e dedizione. Non ha velleità alcuna, né presunzione, di redigere un piano di tale portata senza l apporto delle intelligenze riunite e a confronto. Questo è decisamente il punto di svolta, e per cambio di rotta, e per cambio di mentalità.

6 - Area attrezzata per i camper e camping e relativi servizi da dare in gestione a cooperative e/o associazioni locali. Un altro punto programmatico che si innesta nel piano generale di Marketing Territoriale. Potremmo supporre che i camperisti siano diametralmente opposti al target turistico ambito dalle nostre strutture ricettive. Cadremmo nell errore di non essere testimoni della realtà. Non è limitando i servizi ai camperisti che ne conterremmo il fenomeno, piuttosto avremmo sgradevoli fuori parcheggio e un esperienza generale poco gradevole per entrambe le parti, quella ospitata e ospitante. Non otterremmo nemmeno un numero maggiore di camere prenotate, perderemmo solamente forse un po di buon feedback da parte di persone che come scelta hanno investito sulla casa su ruote. E inoltre una buona occasione per creare qualche posto di lavoro in più. - Adozione di tutte le misure necessarie affinché sia fatta luce e trasparenza sulle Terme di Pitigliano. Valutazione delle possibilità di sblocco operativo e conseguente completamento dell opera anche attraverso forme consociative e popolari di rifinanziamento dei lavori e delle spettanze. Centro Storico: - Parcheggi lato nord con accessi ai vicoli sotto via Vignoli via Generale Orsini e via Aldobrandeschi, sul modello di Montepulciano Di investimento più modesto rispetto alle altre soluzioni in essere, consente agli abitanti di zone del tutto prive di traffico automobilistico e di possibilità di parcheggio di accedere alla propria abitazione posta nel centro storico direttamente dal proprio mezzo di spostamento, a pochi gradini dalla porta di casa. - Riqualificazione area macerie per area verde urbano ed eventi culturali. Luogo di ritrovo per la terza età ispirato al progetto di Alberto Manzi. Un idea non nuova, ma in quanto ritenuta buona, da riproporre. L utilità turistica dell attuale struttura in ferro è fortemente discutibile, come discutibile ne è l impatto estetico. Dare un senso di aggregazione a quello spazio sarebbe di maggior decoro per un area in grado di garantire calma, scarsa rumorosità, riposo e incontro. L allestimento floro-vivaistico potrebbe essere ottenuto a costi molto limitati, sfruttando sponsorizzazioni di aziende vivaistiche. - Recupero, mantenimento e ripristino, ove possibile, degli antichi portoni in legno delle cantine e degli altri elementi storico-urbanistici. Nella redazione dei regolamenti urbanistici si devono prendere decisioni in linea con la legislazione vigente, pertanto a volte si perde il senso di quello che siamo: un paese caratteristico. A forte tipizzazione del paese abbiamo le nostre splendide cantine e le

7 relative porte in legno. Molto spesso i proprietari, per ragioni di costo, sicurezza o di gusto personale operano scelte differenti dal recupero. E nell interesse del nostro gruppo politico incentivare il mantenimento delle caratterizzazioni del centro storico. - Riqualificazione della zona commerciale/artigianale del centro storico. Il centro storico può ancora essere teatro della vita commerciale di un paese, se alla logica del centro commerciale si contrappone un alternativa competitiva che integri le scelte possibili per i cittadini. Può essere in sintonia con i punti programmatici sul chilometri zero e la filiera corta. Le molte attività che insistono in via Roma e via Zuccarelli potranno partecipare e ospitare le produttività citate in Agricoltura, garantendo continuità al progetto. In particolare si renderebbero necessarie le misure: - ZTL effettiva da via Cavour, ad eccezione dei Cittadini di Pitigliano. All aumentare dei parcheggi sotto la rupe tufacea progressiva limitazione sino alla piazza Petruccioli, con accesso automatizzato a sbarra o a colonna invisibile, sul modello di Viterbo, da attivare nei giorni di maggior flusso turistico. - Forme di riqualificazione verde ed estetica di Via Roma, non in grado, attualmente, di essere il biglietto da visita di Pitigliano attraverso la realizzazione di fioriere e illuminazioni ad hoc, e a quanto di più in linea con i principi estetici di una vera città del tufo (vedi punto precedente sugli elementi caratteristici). - Proposta di modifica consensuale degli orari di apertura nei particolari giorni di massimo flusso turistico. In particolare posticipare la chiusura delle attività, o ampliare l orario di apertura per soddisfare le richieste del turista, abituato altrove a concetti più moderni di accoglienza. - Individuazione aree da destinare ai bagni pubblici, ove non presenti, e manutenzione ordinaria di quelli esistenti.

8 Energie Rinnovabili, Politica Energetica ed Edilizia Sostenibile -Creare sinergia e rispetto tra le scelte energetiche e la vocazione turistica del territorio. Preservare e valorizzare la nostra ricchezza naturalistica e paesaggistica è un dovere così come lo è fare scelte energetiche sostenibili. Come ci siamo impegnati nella divulgazione delle scelte scellerate del governo centrale sul nucleare che ci ha portato a vincere il referendum così saremo impegnati in progetti atti a valorizzare l importanza di scelte sostenibili riguardo gli scenari energetici e di sostenibilità del nostro territorio. -Adesione al Patto dei Sindaci e sottoscrizione del PAES (Piano di Azione per l Energia Sostenibile) Tale documento (a cui hanno aderito migliaia di comuni italiani ed europei che hanno sottoscritto il Patto dei Sindaci) mira a stilare una strategia ed attuare interventi a dimostrare come l Amministrazione intende raggiungere gli obiettivi di riduzione di CO2. Questo impegnerà l Amministrazione a redigere, monitorare e riportare gli obiettivi raggiunti di un Piano per l Energia Sostenibile, attraverso: -Opere di riqualificazione energetica degli edifici pubblici e nel territorio -Miglioramento dell efficienza dei servizi (trasporto pubblico, illuminazione pubblica, risparmio energetico, ecc.) -Attività di comunicazione atte ad accrescere la consapevolezza sociale di un futuro sostenibile Questo progetto è realizzabile attraverso reti di professionisti e associazioni che accompagnano le Amministrazioni nel percorso; dall analisi iniziale delle criticità, alle scelte, agli investimenti, e al reperimento di risorse in ambito di regionale, nazionale ed europeo. - Partecipazione dell Amministrazione al Bando emesso di recente dallo Stato Il sole a scuola. Il Bando mira al finanziamento per la realizzazione di impianti fotovoltaici sui tetti delle scuole italiane e contempla un interessante sinergia con la sensibilizzazione delle nuove generazioni sui temi energetici. - Dislocazione impianti solari per le utenze del centro storico. in area messa a disposizione dal comune o da privati, per garantire il servizio anche in aree soggette a vincolo paesaggistico. Naturale sede saranno le coperture di edilizia industriale e il recupero delle aree di cava dismesse e le altre aree inattive comprese nel

9 piano di maggiorazione degli incentivi del Conto Energia, a contenere il fenomeno speculativo dei campi fotovoltaici. - Graduale sostituzione luminarie pubbliche con equivalenti a tecnologia LED. A fronte di un investimento iniziale, rapido recupero dello stesso a vantaggio di forti riduzioni di consumo energetico e più estesa durata media delle luminarie. - Promozione di corsi di formazione professionale e/o sportelli informativi gratuiti per gli operatori del settore edilizio. Finalità di diffondere le migliori tecniche e tecnologie volte al risparmio energetico. In particolare mettere l accento sulla certificazione energetica degli edifici e sui materiali più consoni per il risparmio ambientale. Corsi di riqualificazione energetica per le vecchie abitazioni ad accrescerne il valore di mercato e l appetibilità abitativa in particolare per il centro storico. Redazione di un documento attestante le dispersioni energetiche per gli edifici pubblici a spettanza comunale. Il fine è di provvedere a migliorarne l efficienza energetica e ad intervenire puntualmente sulle evidenze più dispersive, per un recupero vantaggioso di investimento in termini ambientali ed economici. Oneri di urbanizzazione Privati e Piccole Imprese Imposte di urbanizzazione proporzionali al grado di certificazione energetica dell edificio progettato. Tipologia di infisso, di copertura ad alta efficienza energetica e fondazioni a scambio energetico/geotermico, sono alcuni esempi da prendere in considerazione per la valutazione finale. Ambiente - Rifiuti zero, eliminando gli imballaggi inutili e dannosi per l ambiente. Come esempi l'incentivazione dell'acqua alla spina pubblica, seguendo l esempio del Comune di Castell Azzara. Gli enormi vantaggi sono il prezzo contenuto per i cittadini, l eliminazione delle bottiglie di plastica in discarica, una qualità del prodotto garantita e migliore, e acqua a km zero. Possibilità per i produttori locali di proporre latte sfuso nei supermercati, per mantenere competitivo il prezzo e un giusto margine di profitto alle aziende. - Monitoraggio delle attività di raccolta differenziata in essere. Valutazione a breve e medio periodo del progetto (in avvio) della raccolta differenziata assegnata all azienda COSECA per valutarne le criticità, l adesione dei cittadini

10 all iniziativa e l analisi dei costi/benefici per adottare, ove possibile, una gestione autonoma attraverso cooperative locali. - Promozione, Istituzione e/o utilizzo di un Social Network per il "Car Pooling. Il C.P. è il sistema con il quale, attraverso internet, si viene a conoscenza di tragitti previsti da privati i quali mettono a disposizione uno o più posti sul proprio mezzo, a titolo di divisione delle spese o gratuito, con la finalità di diminuire il numero di mezzi circolanti per stesse destinazioni, con abbattimento dell inquinamento e dei carichi di traffico. - Ridurre gli spostamenti per ricevimenti e riunioni. Nel recepire le nuove tecnologie, il MoVimento Pitigliano 5 Stelle, qualora eletti, si mette a disposizione per ricevere i cittadini in via telematica/skype e in tutte le forme di videoconferenza, telefonia voip (in internet e gratuita) e di messaggistica istantanea o social networking, al fine di facilitare l accesso ai rappresentanti politici e di evitare perdite di tempo in attese e tragitti con i propri mezzi, accedendo comodamente da casa o da qualunque postazione internet di cui si dispone. Abbattere le distanze per abbattere costi ambientali, economici e di tempo. Agricoltura - Chilometri Zero e Filiera Corta. Redazione di un documento sulle produzioni locali, in un tavolo pubblico tra attività produttive, aziende, cittadini ed associazioni, con la finalità di convergere su tutti i punti possibili di scambio delle merci e delle risorse umane all'interno del nostro territorio, a scapito del commercio a lunga distanza. Coinvolgere le attività locali per riservare uno spazio a tutte le produzioni locali certificate, biologiche o di altra forma non consortile, che sia di rilancio al settore ortofrutticolo e di allevamento ovino e bovino. Tali spazi ospiteranno, vista la provenienza locale, solo ortofrutta di stagione a garanzia di una qualità naturale non alterata da conservanti, sostanze nocive e non provenienti da agricoltura intensiva o OGM. Il tutto a vantaggio dei cittadini e del turista che spesso non ha la possibilità di trovare prodotti di zona, e diverrà sponsor naturale per il nostro paese. - Recupero area fieristica per manifestazioni di carattere Agricolo/Fieristico/Folkloristico. - Incentivazione realizzazione bacini di raccolta acque piovane per uso agricolo attraverso campagne di sensibilizzazione, informazione su vantaggi e finanziamenti di settore. Finalità ambientali di salvaguardia dei corsi d acqua e delle risorse idriche non superficiali, abbattimento dei costi agricoli a lungo termine per l utilizzo dell acqua per colture ed allevamenti. - Promozione corsi di formazione in ambito agricolo.

11 Sempre più spesso gli operatori del settore agricolo non riescono a trovare forza lavoro qualificata. Si rende necessaria, a vantaggio dei tanti disoccupati giovani e non, la promozione in sinergia con le associazioni di categoria, di corsi di specializzazione per l agricoltura (potatura, innestatura ecc.)

12 Cultura Storia e Territorio Valorizzazione area sosta Madonna delle Grazie In particolare realizzazione di una piazzola panoramica intitolata a Temistocle Sadun, vista la suggestiva illuminazione del paese, al quale portò la luce elettrica nel 1898 da vero precursore, e relativa messa in sicurezza dell area. A seguito della riqualificazione dell area Macerie, intitolazione della piazza ad Alberto Manzi. Valorizzazione e riqualificazione dei beni archeologici del territorio Creazione di una sinergia tra comunità montana, sovraintendenza archeologica e privati al fine di stilare un documento operativo di intervento per la ristrutturazione, manutenzione, messa in sicurezza, fruibilità (sentieristica) del patrimonio artistico e storico presente nel territorio (Vie cave, Parco Alberto Manzi, Poggio Rota, Tempietto Paleocristiano, necropoli etrusche, cantine non accatastate ecc.). Il tutto con la possibilità di coinvolgere associazioni locali già attive in tal senso, università e istituti di ricerca del settore. Segnalazione tramite volantini e mini-mappe, anche in formato digitale per computer, navigatori e smartphone. Attivazione istituzionale per farle entrare nel patrimonio dell umanità (UNESCO) per ottenere l accesso ai fondi speciali utili alla conservazione degli stessi. - Mappatura dei torrenti presenti nella nostra zona e realizzazione di percorsi con aree di sosta in modo da raggiungere cascate e siti archeologici presenti lungo il loro corso. - Promozione di eventi finalizzati a far conoscere ai ragazzi il territorio, l ambiente e la storia del paese in cui vivono. Attraverso le strutture scolastiche e l attività già esistente delle associazioni culturali, organizzare eventi e escursioni sul territorio in modo da coinvolgere anche i più giovani all esplorazione e quindi alla scoperta delle bellezze di Pitigliano e delle Città del Tufo. Sarebbe utile allo scopo l individuazione di un punto sopraelevato di osservazione del territorio e delle sue rilevanze storiche, preistoriche e naturalistiche, anche mediante l utilizzo di strumenti ottici a postazione fissa. - Realizzazione progetto cantine aperte. Nella difficile opera di osservazione delle evidenze caratteristiche di un paese articolato come Pitigliano, riteniamo fondamentale valorizzare e portare alla visione l immenso patrimonio di cantine e grotte ricavate nei secoli nel tufo del masso pitiglianese. In tal senso sarebbe di grande esempio coordinare le proprietà private e le associazioni preposte, come pro-loco, e cantine nel tufo, al fine di garantirne la massima fruibilità possibile ai visitatori.

13 - Realizzazione software assistenti virtuali e percorsi guidati per i turisti in possesso di smartphone. La finalità è quella di integrare l esperienza turistica tradizionale con software di realtà aumentata, qrcode (particolari codici a barre) per l accesso alle informazioni di ogni singolo bene culturale con relativa traduzione in tutte le lingue del mondo. Costi irrilevanti in virtù della completa gratuità della moltitudine di servizi di traduzione e di audio/video sharing disponibili e facilmente reperibili in rete. - Realizzazione sentiero pedonale e ciclabile che colleghi Valle Orientina e Via S. Chiara. Il fine è quello di realizzare continuità tra le strutture ricettive, termali e sportive della località sopracitata con le vie cave ai piedi del centro storico e nelle vicinanze, ad accrescere l estensione delle vie turistiche e naturalistiche che si presentano oggi come un dedalo di vie interrotte. A tal fine si prefigge la riapertura delle vie sottostanti la rupe tufacea nord, della Selciata e la pulizia dei sentieri adiacenti. - Valorizzazione e riprogettazione logistica del parco archeologico Alberto Manzi. Viste le criticità (problemi di accesso, scarsa visibilità e pubblicità) si intende rilanciare turisticamente il parco. Bonifica del percorso e soluzione al problema noto dell uscita forzata posta a monte e non a valle del sentiero, attraverso l utilizzo di sistemi di videocitofono o altre soluzioni adatte allo scopo. Scuola: - Rinnovo corsi di studio dell istituto Zuccarelli Organizzazione di un confronto tra le parti sociali e produttive, quelle politiche ed amministrative del territorio, con la finalità di individuare un percorso di rilancio dell istituto Zuccarelli adottando nuovi corsi di studio in linea con un progetto unico di sviluppo del territorio (vedi punto sul Marketing Territoriale), che parte dal turismo e si snoda tra salute, ambiente, archeologia sino all agricoltura. In particolare vorremo trasformare i corsi di studio attuali in Tecnico Agrario e Istituto Tecnico per il Turismo. Politiche Sociali ed Associazionismo: - Ampliamento e organizzazione delle opportunità di volontariato civico. Per gli anziani in attività utili alla collettività, dalla sorveglianza del traffico davanti alle scuole alla manutenzione di spazi verdi e locali civici, per i giovani volontari in cerca di prima occupazione da inserire in progetti di formazione sul territorio, ad integrazione di punteggi scolastici e curriculum vitae. - Favorire la nascita di una Banca del Tempo.

14 La Banca del Tempo si fonda sullo scambio di servizi e di attività in armonia con le richieste espresse da ciascuno, permettendo dunque l incontro tra bisogni e disponibilità. E un luogo dove poter vivere concretamente la solidarietà, ma anche dove è possibile valorizzare conoscenze e vocazioni altrimenti non riconosciute. Vista la situazione sociale ed economica del nostro paese, e l innalzamento progressivo dell età media, a Pitigliano la B. del Tempo porterebbe beneficio in termini di assistenza gratuita e maggiore vivibilità per persone in difficoltà. Si tratta di un mutuo scambio di tempo e di professionalità atto a sopperire le carenze e i bisogni di chi, per varie ragioni, non può investire ulteriore denaro in servizi altresì vitali. (Es: l anziana sarta scambia un ora del suo tempo con un ragazzo che le fa la spesa). Tale esperimento è realtà concreta in numerosi comuni d Italia e del Mondo. Controllo dell effettiva accessibilità dei siti Web comunali secondo le leggi nazionali in materia. Spesso l accessibilità delle informazioni sul web è difficoltosa se non impossibile. Per tutte le persone che non dispongano di una connessione ad internet o non siano edotte in materia informatica, redazione di un documento esplicativo in formato cartaceo sulle principali funzionalità delle pagine istituzionali e sul relativo percorso tecnico/mnemonico da adottare per estrapolare le vitali informazioni sempre meno reperibili presso i tradizionali uffici. Messa a disposizione di un accesso alla rete comunale con relative apparecchiature per consultazione e comunicazione. Albo online delle associazioni presenti sul territorio. In particolare l attività di censimento è volta all inquadramento delle circa 50 associazioni esistenti nel territorio per fornire un quadro delle competenze, delle spettanze e delle attività svolte. Ogni associazione potrebbe partecipare all inserimento degli statuti e delle attività in calendario attraverso il sito comunale ufficiale, con uno spazio a loro dedicato. Altra valenza è quella di stilare un confronto diretto tra le associazioni ove, in maniera naturale e del tutto spontanea, si potrebbero trovare adiacenze per coordinare e accorparne alcune dove le evidenze siano in maggio parte o del tutto similari. Il risultato sperato è quello di dar maggior forza alle associazioni e quello di costituire naturalmente un organo unico d incontro tra di esse, al fine di semplificare e potenziare le attività di dialogo e finanziamento tra comune, sponsor e i titolari delle stesse. Giovani: - Realizzazione spazio pubblico per attività di skateboarding e pattinaggio acrobatico. - Progetto di riqualificazione estetica dell area/parco del centro La Cometa Ad opera di volontari per la realizzazione di graffiti, tra i vari ragazzi giovani che si sono proposti, anche all interno di un contest grafico svolto tra gli studenti delle scuole superiori. - Individuazione area demaniale ad uso di circoli di modellismo e motocross.

15 Massima disponibilità nell individuazione di realtà adatte allo scopo, in ottemperanza alle leggi sull inquinamento acustico e le norme sulla sicurezza. Qualunque cittadino, in libera associazione, potrà sottoscrivere richiesta di usufrutto dello spazio con progetti di mantenimento, ampliamento di servizi e sottoscrizione di assicurazione collettiva sugli infortuni. E una realtà molto richiesta nel mondo dei giovani, da integrare con uno spazio adiacente per gli appassionati di modellismo radiocomandato, e altre attività similari all aperto. Ottima opportunità economica e messa in sicurezza di una consuetudine spesso limitata a realtà ufficiose e in quanto tali non coperte da norme di sicurezza. - Istituzione di un forum di discussione per l individuazione delle forme più ambite di aggregazione sociale. Raccogliere idee in internet e nelle scuole, al fine di intercettare gli interessi dei giovani. Incentivare forme di aggregazione socio-culturale, con lo scopo di mettere a disposizione uno spazio autogestito per attività ludico ricreative (sala prove, cineforum, luoghi di lettura, ecc.). Sport: il ruolo del Comune è quello di favorire la pratica sportiva di base, finalizzata alla salute dell individuo, prima che sostenere lo sport professionistico. In tal senso saranno valorizzate quelle associazioni che sapranno proporre un percorso formativo ancor prima che meramente agonistico. Incentivazione allo sviluppo e all insegnamento delle discipline sportive non presenti in paese. Sport in voga come il basket non trovano spazio per mancanza di istruttori e di spazi. Il comune destinerà parte dei capitoli sportivi alla creazione di questi spazi aggregativi, finanziando la formazione sportiva di tutte le discipline che raccolgano attenzioni da parte di giovani e amatori disposti a partecipare e proporre nuove realtà partecipative.

16 Salute Sicurezza e Strumenti Medicina: Valorizzazione e pubblicizzazione del progetto pilota per la medicina integrata a mantenimento della struttura di medicina tradizionale e delle sue funzioni. Concordi o meno sul valore della medicina alternativa, i cittadini di Pitigliano sanno che è solo grazie al finanziamento ottenuto per tali discipline mediche che si è mantenuto in vita l ospedale. Noi che crediamo in tali branchie della medicina, culturalmente non ancora accolte da tutti, conosciamo il valore attrattivo che hanno nei confronti delle persone sensibili all argomento salute. Porteremo ogni tipo di iniziativa che riterremo utile affinché l attenzione regionale e nazionale distragga i fondi necessari che salvino la medicina integrata a Pitigliano, caso unico in tutto l occidente medico a competenza pubblica. Salvando così anche la medicina tradizionale, fondamentale per i servizi quotidiani che svolge. Né avremmo paura di coinvolgere il mondo delle grandi associazioni internazionali, vista l enorme valenza spesso non colta, che ha la nostra struttura ospedaliera. Sebbene fuori dalle competenze meramente locali, ci batteremo strenuamente ed in tutte le sedi, affinché si possano mantenere i reparti attualmente operanti e aggiungere i servizi di: - Pronto soccorso pediatrico - Centro antiveleno Veterinario Sicurezza: - Predisposizione ed inventario dei punti di accesso d'emergenza antincendio, realmente fruibili ed in funzione, in paese e nelle aree strategiche, per garantire approvvigionamento idrico ai Vigili del Fuoco. - Promozione forme di comunicazione partecipata allo scopo di segnalare le criticità riguardo la sicurezza stradale. Allo scopo recepire le molte istanze proposte dalle associazioni motociclistiche presenti sul territorio, ed adesione alle iniziative nazionali ed internazionali per la sensibilizzazione e la messa in sicurezza di svincoli, segnalazioni e tratti stradali ad alta presenza di guardrail costituenti pericolo per i motociclisti. Creazione di un luogo di discussione e segnalazione online accessibile alle osservazioni, anche spontanee, attraverso i canali comunicativi quali Twitter e sms.

17 - Predisposizione di un piano di emergenza Gelo/Neve. Realizzazione di un piano di emergenza (sull onda degli eventi accaduti ultimamente) che permetta al comune di coordinare corpi di cittadini volontari e di inventariare i mezzi privati (di movimento terra) messi a disposizione per i primi interventi di urgenza. Il tutto su base volontaria con rimborso delle spese. Possibilità di reperimento fondi in regione, normalmente destinati agli interventi in stato di calamità. - Manutenzione ordinaria delle vie di reflusso idrico per le precipitazioni ordinarie e straordinarie. Garantire un attenzione al sistema del reflusso idrico in modo da evitare allagamenti. Strumenti: - Realizzazione studio di fattibilità con la rete dei comuni per l adozione del WIMAX. Fondamentale per colmare il grande divario tra le realtà a banda larga e le utenze isolate, non coperte e le attività produttivo-industriali poste in zone senza l accesso alla comunicazione tradizionale su doppino o in assenza di copertura di rete 3G/4G. In parole povere internet e telefonia voip ovunque, accessibile e vantaggioso, veloce e di facile fruizione. Contemporaneamente, in fase di concertazione con gli altri comuni, adozione di soluzioni più contenute volte allo sviluppo ed alla diffusione del wifi libero in aree pubbliche e nel centro storico (sull onda dell iniziativa da noi realizzata e funzionante nel parco pubblico adiacente alla scuola elementare). Più è libero e diffuso l accesso alla rete, più è libero il cittadino di informarsi, partecipare e interagire con le scelte dell amministrazione. - Rinnovo del piano del traffico con partecipazione online e nelle opportune sedi di incontro con in cittadini. E consuetudine amministrativa quella di redimere piani del traffico attraverso consulenze di professionisti esterni. Oltre ad essere una pratica estremamente onerosa, pone il cittadino al di fuori delle decisioni che lo riguardano direttamente, quali la viabilità del proprio paese. Realizzare il piano in rete su un apposito spazio web consentirebbe di abbattere notevolmente i costi a garanzia ulteriore di trasparenza ed effettiva efficacia del progetto.

18 Qualcuno soleva giudicare gli uomini così: Fa quel che può, quel che non può non fa. Ci piace ricordarlo.

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 dell 8.04.2013 INDICE ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO...

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma I PROMOTORI I promotori del progetto DAT COMUNE DI MORBEGNO ENTE CAPOFILA TRAONA DAZIO- CIVO MELLO CERCINO COSIO VALTELLINO - MANTELLO ROGOLO - VALMASINO

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3 non statuto REGOLAMENTO pagina 2 di 5 Articolo 1 Natura e Sede 3 Articolo 2 Durata. 3 Articolo 3 - Contrassegno 3 Articolo 4 Oggetto e finalità 3 Articolo 5 Adesione al MoVimento 4 Articolo 6 Finanziamento

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Ministero dei lavori pubblici Direzione generale edilizia statale e sovvenzionata div. XVI-bis: Norme per i collaudi dei fabbricati costruiti da cooperative edilizie fruenti

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli