RISK & CRISIS MANAGEMENT come fronteggiare eventi imprevedibili con prontezza ed efficacia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RISK & CRISIS MANAGEMENT come fronteggiare eventi imprevedibili con prontezza ed efficacia"

Transcript

1 con il sostegno di propongono il percorso formativo RISK & CRISIS MANAGEMENT come fronteggiare eventi imprevedibili con prontezza ed efficacia sede del corso: ISFOR 2000, via Pietro Nenni 30, Brescia periodo di svolgimento: 15 novembre-19 dicembre 2007 informazioni ISFOR 2000: tel ,

2 RISK & CRISIS MANAGEMENT come fronteggiare eventi imprevedibili con prontezza ed efficacia SIGNIFICATO E FINALITA Uno stato di crisi può essere generato da un evento improvviso, interno od esterno all azienda, imputabile a cause sconosciute o sottovalutate, in grado di alterare significativamente il normale andamento dell attività aziendale. Il rischio che accada un evento di tal genere, per sua natura inatteso e non assicurabile, richiede un approccio sistematico e preordinato finalizzato non solo a limitare i danni alle persone, ma anche a salvaguardare le dotazioni materiali e immateriali dell azienda. La gestione di una crisi aziendale - che può essere scatenata da disastri ambientali, atti di boicottaggio, terrorismo, imperizia o errori umani - richiede razionalità e tempestività nel quadro di un approccio preventivo e globale volto alla tutela dell organizzazione, della reputazione e dell operatività dell azienda. L intervento formativo si propone pertanto di illustrare le modalità attraverso le quali si possa pianificare un efficace piano di Continuità Operativa, ovvero l insieme organizzato di tutte le iniziative volte a ridurre ad un livello accettabile i danni economici diretti e indiretti derivanti da una condizione di assoluta emergenza, inteso sia a massimizzare la reattività aziendale in caso di crisi, sia a minimizzare i tempi di ripristino dei processi aziendali più critici. DESTINATARI Imprenditori, manager e responsabili di funzione di imprese industriali. Dirigenti e funzionari di aziende di pubblico servizio e della Pubblica Amministrazione Locale: aziende sanitarie locali, comuni, municipalizzate, comunità montane, servizi dell Amministrazione Provinciale e della Protezione Civile, organizzazioni non profit, aziende ospedaliere. RELATORI I docenti a cui è affidato il percorso formativo sono specialisti di Risk & Crisis Management provenienti da primarie società di consulenza e dall Università degli studi di Brescia. Nell ambito della fase conclusiva del percorso formativo è previsto l intervento del direttore generale dell Azienda Sanitaria Locale di Brescia che, tra l altro, sintetizzerà i contenuti attraverso l illustrazione di casi tratti dalla realtà provinciale. PROGRAMMA E ARTICOLAZIONE DIDATTICA Il percorso formativo si articola in sessioni didattiche pomeridiane (orario 15-18). In funzione della duplice tipologia dei partecipanti - espressione sia di piccole e medie imprese industriali, sia di aziende di pubblico servizio - lo svolgimento del corso prevede tre fasi distinte: i contenuti formativi di natura metodologica generale sono svolti nell ambito di 2 sessioni propedeutiche plenarie destinate all insieme dei partecipanti; gli argomenti di natura più specifica sono invece svolti nell ambito di due blocchi di 2 sessioni, ciascuno dei quali frequentato da classi omogenee: la prima formata esclusivamente da esponenti del mondo delle imprese industriali, la seconda dai funzionari delle aziende di pubblico servizio e della Pubblica Amministrazione Locale; la sintesi del programma formativo trova spazio in una sessione plenaria conclusiva. In funzione di tale articolazione, i contenuti del percorso formativo, al termine del quale verrà rilasciato un attestato di frequenza a tutti i partecipanti che abbiano frequentato l intero programma, sono di seguito precisati.

3 FASE PROPEDEUTICA: FONDAMENTI Prima sessione : Giovedì 15 novembre 2007 Introduzione al Risk & Crisis Management. La gestione dei rischi come elemento di business. Evitare le minacce e sfruttare le opportunità. La governance dell azienda e il controllo degli eventi esterni. Approccio manageriale ai rischi: propensione al rischio, valutazione dell accettabilità del rischio in relazione agli obiettivi strategici e all organizzazione. Docente: Fabio Fortunati (CEPER - Centro Prevenzione Rischi - Milano) Seconda sessione : Giovedì 22 novembre 2007 Analisi delle minacce: individuazione degli eventi dannosi per l azienda e loro valutazione. Aree di crisi, scenari di minaccia, eventi dannosi, emergenze interne ed esterne, rischi normativi ed operativi, implicazioni finanziarie, di marketing e di produzione. Vulnerabilità. Impatto. Il concetto di rischio. La mappatura dei rischi: analisi del proprio business, processi aziendali e processi chiave, Gap Analysis, conformità normativa ed economica (Basilea II). La valutazione dei rischi. Business Impact Analysis, pianificazione delle emergenze, formazione e comunicazione interna ed esterna, criteri e metodologie per l aggiornamento tempestivo della valutazione dei rischi e della criticità degli eventi dannosi. Docente: Fabio Fortunati (CEPER - Centro Prevenzione Rischi - Milano) FASE APPLICATIVA: ASPETTI OPERATIVI DESTINATA ALLE IMPRESE INDUSTRIALI Terza sessione: Giovedì 29 novembre 2007 Crisis Management: misure organizzative di prevenzione e protezione, procedure gestionali e operative di risposta, piano di emergenza ambientale e piani di sicurezza, Action & Contingency Plan, Business Continuity Plan, gestione stocastica degli eventi, isolamento della crisi. Risk Management: valutazione continua dei rischi, protocolli e procedure, atti illeciti, conformità normativa nel tempo, check list di controllo, software gestionali, Crisis Recovery: tempestività, efficienza, priorità, impatto a breve e a medio-lungo termine, gestione dei flussi informativi e ruolo del personale. Disaster Recovery. Surveying, Audit e organi di vigilanza. Azioni correttive: ciclo di Deming applicato alle crisi. Docenti: Fabio Fortunati (CEPER, Milano) e Ivan Campa (professionista in Brescia) Quarta sessione: Mercoledì 12 dicembre 2007 La gestione delle risorse umane. Formazione del Crisis Team. Coinvolgimento del personale. Security awarness. Controllo del panico. Come reagire a attentati, catastrofi, emergenze ambientali e atti illeciti. La sicurezza informatica. Il concetto di sicurezza dei sistemi informativi. Riservatezza, integrità, disponibilità. Analisi delle principali tipologie di minacce con specifico riferimento alle imprese industriali. L impatto sull attività aziendale. La normativa italiana: dalle legge 675/96 al decreto legislativo 196/03. Il riferimento ISO (BS 7799). Il modello PDCA. Le dimensioni di intervento: fisica, logica, organizzativa. Etica. Il tema della sicurezza informatica nel contesto della gestione d impresa. La sicurezza nei rapporti con le terze parti. Docenti: Fabio Lisca (Prem1er, Brescia) e Giovanni Guida (Università degli studi di Brescia) DESTINATA A ENTI E AZIENDE DI PUBBLICO SERVIZIO Terza sessione: Venerdì 30 novembre 2007 Crisis Management: misure organizzative di prevenzione e protezione, procedure gestionali operative e di risposta, piano di emergenza ambientale e piani di sicurezza, la continuità operativa delle pubbliche amministrazioni, Action & Contingency Plan, Business Continuity Plan, gestione stocastica degli eventi, isolamento della crisi. Risk Management: valutazione continua dei rischi, protocolli e procedure, atti illeciti, conformità normativa nel tempo, check list di controllo, software gestionali (CNIPA e la banca del riuso del software). Crisis Recovery: tempestività, efficienza, priorità, impatto a breve e a mediolungo termine, gestione dei flussi informativi e ruolo del personale, limiti e potenzialità dei mezzi di comunicazione, coordinamento degli uffici pubblici e delle organizzazioni di pronto soccorso. Disaster Recovery. Surveying, Audit e organi di vigilanza. Azioni correttive: ciclo di Deming applicato alle crisi. Docenti: Fabio Fortunati (CEPER, Milano) e Ivan Campa (professionista in Brescia) Quarta sessione: Giovedì 13 dicembre 2007 La gestione delle risorse umane. La gestione del rischio nel contesto organizzativo della Pubblica Amministrazione Locale. Formazione del Crisis Team. Coinvolgimento del personale. Gestione delle responsabilità. Security awarness. Controllo del panico. Come reagire a disastri, attentati, catastrofi, emergenze ambientali e atti illeciti. L interruzione di pubblico servizio: prevenire il problema e arginare le conseguenze. La sicurezza informatica. Il concetto di sicurezza dei sistemi informativi. Riservatezza, integrità, disponibilità. Il ruolo della sicurezza dei sistemi informativi degli enti pubblici alla luce della innovazione digitale. Analisi delle principali tipologie di minacce con specifico riferimento al contesto dell ente pubblico. L impatto sull attività interna e sull erogazione dei servizi. La normativa italiana: dalle legge 675/96 al decreto legislativo 196/03. Le direttive del CNICA. Il riferimento ISO (BS 7799). Il modello PDCA. Le dimensioni di intervento: fisica, logica, organizzativa, etica. Il tema della sicurezza informatica nel contesto della gestione della pubblica amministrazione. La sicurezza nei rapporti con le terze parti. Docenti: Fabio Lisca (Prem1er, Brescia) e Giovanni Guida (Università degli studi di Brescia) FASE CONCLUSIVA: CASISTICA E LINEE DI SVILUPPO Quinta sessione : mercoledì 19 dicembre 2007 Il direttore generale dell Azienda Sanitaria Locale di Brescia, Carmelo Scarcella, focalizza i contenuti del percorso formativo sulla realtà della provincia di Brescia, illustrando alcuni casi concreti di crisi verificatisi nel passato recente, nonché i processi che hanno condotto al loro controllo e alla loro soluzione. Durante l intervento si affronta inoltre il delicato e decisivo tema della gestione della comunicazione interna ed esterna durante la crisi e nel periodo immediatamente successivo, con il fine di salvaguardare l immagine, la reputazione e la continuità operativa delle aziende.

4 CALENDARIO RIEPILOGATIVO Aziende Destinatarie INDUSTRIALI Fasi formative PROPEDEUTICA APPLICATIVA CONCLUSIVA 1a sessione Giovedì 15 novembre a sessione Giovedì 22 novembre a sessione 4a sessione 5a sessione Giovedì 29 Novembre 2007 Mercoledì 12 Mercoledì 19 PUBBLICO SERVIZIO Giovedì 15 novembre Giovedì 22 novembre Venerdì 30 Novembre 2007 Giovedì 13 Mercoledì 19 MODALITÀ DI ISCRIZIONE Grazie al contributo dell Associazione Industriale Bresciana e al sostegno della Camera di Commercio di Brescia, la partecipazione al percorso formativo è gratuita. Al fine di garantire la massima efficacia all azione didattica, è peraltro previsto un numero chiuso: il percorso è infatti riservato ad un numero massimo di 40 partecipanti, dei quali 20 iscritti da imprese industriali e 20 iscritti da aziende di pubblico servizio. Il perfezionamento dell adesione al percorso formativo deve essere effettuato trasmettendo al più presto a ISFOR 2000 telefax n la scheda di iscrizione allegata, che costituirà il documento rappresentativo per l accoglienza in ordine cronologico delle richieste di partecipazione. Qualora il numero delle adesioni risultasse di gran lunga superiore a quello programmato, saranno prontamente calendarizzate nuove edizioni del percorso formativo.

5 SCHEDA DI ISCRIZIONE (da compilare in ogni sua parte e spedire via telefax a ISFOR 2000 al numero ) la società - l azienda di pubblico servizio RAGIONE SOCIALE DELL IMPRESA oppure DENOMINAZIONE DELL AZIENDA DI PUBBLICO SERVIZIO INDIRIZZO CAP CITTA PROVINCIA TELEFONO TELEFAX CODICE FISCALE PARTITA IVA richiede l iscrizione di NOME E COGNOME NOME E COGNOME al percorso formativo RISK & CRISIS MANAGEMENT come fronteggiare eventi imprevedibili con prontezza ed efficacia destinato alle imprese industriali: 15, 22 e 29 novembre, 12 e 19 dicembre 2007 destinato alle aziende di pubblico servizio: 15, 22 e 30 novembre, 13 e 19 dicembre 2007 Consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs n 196 del Autorizziamo ISFOR 2000 ad inserire i presenti dati aziendali e personali nella propria banca dati onde consentire il regolare svolgimento del rapporto contrattuale, per assolvere ad obblighi di natura contabile, civilistica e fiscale, per effettuare operazioni connesse alla formazione e all organizzazione interna. Autorizziamo altresì la comunicazione dei nostri dati agli studi professionali a cui ISFOR 2000 affida la gestione delle scritture contabili e alle istituzioni preposte alla concessione di contributi alla formazione. Ci è infine noto che potremo esercitare in qualsiasi momento i diritti di cui all articolo 7 della presente normativa. L'informativa dettagliata relativa al trattamento dei dati dell utenza è consultabile nell'apposita sezione del sito internet DATA TIMBRO E FIRMA

Continuità operativa - FAQ

Continuità operativa - FAQ Continuità operativa - FAQ Cosa è la Continuità Operativa? La continuità operativa è l insieme di attività volte a minimizzare gli effetti distruttivi, o comunque dannosi, di un evento che ha colpito un

Dettagli

LA GESTIONE DELLA CONFLITTUALITA PER UNA ORGANIZZAZIONE AZIENDALE EFFICACE. (Prof. Luca Possieri www.creativemanagement-network.

LA GESTIONE DELLA CONFLITTUALITA PER UNA ORGANIZZAZIONE AZIENDALE EFFICACE. (Prof. Luca Possieri www.creativemanagement-network. Studio dei conflitti organizzativi e della loro gestione attraverso modelli innovativi (A.D.R., D.S.D) Riprogettazione delle strutture organizzative e dei sistemi Creazione e operatività di nuovi attori

Dettagli

Per offrire soluzioni di Risk Management

Per offrire soluzioni di Risk Management REAL LOGISTICA ESTATE per consulting è la società di consulenza del gruppo per che opera nell ambito del Risk Management. I servizi offerti, che vanno dall Analisi del rischio al Disaster Recovery Plan,

Dettagli

Master in Economia e Gestione delle Cooperative e Imprese Sociali patrocinato da

Master in Economia e Gestione delle Cooperative e Imprese Sociali patrocinato da u& i UNIVERSITÀ & IMPRESA KOINÒN comunità formazione sostenuto da Master in Economia e Gestione delle Cooperative e Imprese Sociali patrocinato da Management tra economia e solidarietà U.P.I.A. Unione

Dettagli

CERTIQUALITY. La Gestione della Business Continuity : gli standard ISO 31000 ed ISO 22301. P e r u n a m i g l i o r e q u a l i t à d e l l a v i t a

CERTIQUALITY. La Gestione della Business Continuity : gli standard ISO 31000 ed ISO 22301. P e r u n a m i g l i o r e q u a l i t à d e l l a v i t a P e r u n a m i g l i o r e q u a l i t à d e l l a v i t a CERTIQUALITY La Gestione della Business Continuity : gli standard ISO 31000 ed ISO 22301 Dott. Nicola Gatta Direzione Marketing & Industry Management

Dettagli

CERTIQUALITY. Gli standard ISO 31000 per il RiskManagement ed ISO 22301 per la certificazione dei Sistemi di Gestione della Business Continuity

CERTIQUALITY. Gli standard ISO 31000 per il RiskManagement ed ISO 22301 per la certificazione dei Sistemi di Gestione della Business Continuity Per una migliore qualità della vita CERTIQUALITY Gli standard ISO 31000 per il RiskManagement ed ISO 22301 per la certificazione dei Sistemi di Gestione della Business Continuity Dott. Nicola Gatta Direzione

Dettagli

Business continuity management per le strutture che erogano servizi socio sanitari. Con il patrocinio di

Business continuity management per le strutture che erogano servizi socio sanitari. Con il patrocinio di Business continuity management per le strutture che erogano servizi socio sanitari Con il patrocinio di La Business Continuity o Continuità Operativa, è la capacità di un organizzazione di mantenere operative

Dettagli

LA CONTINUITA OPERATIVA Dott. Giovanni Rellini Lerz

LA CONTINUITA OPERATIVA Dott. Giovanni Rellini Lerz Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale: opportunità per i cittadini, adempimenti per le amministrazioni Napoli, 28 aprile 2011 LA CONTINUITA OPERATIVA Dott. Giovanni Rellini Lerz Introduzione alla

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE Titolo progetto: Ente: ALDEBRA SPA Indirizzo: VIA LINZ, 13 38121 TRENTO Recapito telefonico: 0461/302400 Indirizzo e-mail: info@aldebra.com Indirizzo

Dettagli

BUSINESS CONTINUITY CAPABILITY: LE PERSONE AL CENTRO DEL PROCESSO DECISIONALE, OVVERO CULTURA, CONSAPEVOLEZZA E RESPONSABILITÀ

BUSINESS CONTINUITY CAPABILITY: LE PERSONE AL CENTRO DEL PROCESSO DECISIONALE, OVVERO CULTURA, CONSAPEVOLEZZA E RESPONSABILITÀ BUSINESS CONTINUITY CAPABILITY: LE PERSONE AL CENTRO DEL PROCESSO DECISIONALE, OVVERO CULTURA, CONSAPEVOLEZZA E RESPONSABILITÀ Angela Pietrantoni Managing Director cienze per la sicurezza consulting Garantire

Dettagli

ICT RISK MANAGEMENT. Società KAPPA. Introduzione

ICT RISK MANAGEMENT. Società KAPPA. Introduzione ICT RISK MANAGEMENT Società KAPPA Introduzione Carlo Guastone, Convegno AIEA Analisi dei rischi, Verona 26 maggio 2006 APPROCCIO ALLA GESTIONE DEL RISCHIO Definizioni Metodologie per il Risk Management

Dettagli

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE OFFERTA FORMATIVA Titolo: MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Padova, Roma e Bologna. Destinatari: Il Master si rivolge a laureati, preferibilmente in discipline economiche,

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Le certificazioni di sicurezza e la direttiva europea 114/08. Roma, 27 Maggio 2010

Le certificazioni di sicurezza e la direttiva europea 114/08. Roma, 27 Maggio 2010 Le certificazioni di sicurezza e la direttiva europea 114/08 Roma, 27 Maggio 2010 1 Presentazione Relatore Fabio Guasconi Presidente del SC27 di UNINFO e membro del direttivo Head of Delegation per l Italia,

Dettagli

NUOVE METODOLOGIE DI PREVENZIONE INCENDI

NUOVE METODOLOGIE DI PREVENZIONE INCENDI NUOVE METODOLOGIE DI PREVENZIONE INCENDI FIRE SAFETY ENGINEERING E RISK MANAGEMENT: La protezione antincendio all interno di un disegno di risk management Bologna - 29 novembre 2003 Ing. Lucio Silvio Casati

Dettagli

INFORMATION SECURITY MANAGEMENT SYSTEM - ISMS

INFORMATION SECURITY MANAGEMENT SYSTEM - ISMS INFORMATION SECURITY MANAGEMENT SYSTEM - ISMS GETSOLUTION Via Ippolito Rosellini 12 I 20124 Milano Tel: + 39 (0)2 39661701 Fax: + 39 (0)2 39661800 info@getsolution.it www.getsolution.it AGENDA Overview

Dettagli

ISO 27000 family. La GESTIONE DEI RISCHI Nei Sistemi di Gestione. Autore: R.Randazzo

ISO 27000 family. La GESTIONE DEI RISCHI Nei Sistemi di Gestione. Autore: R.Randazzo ISO 27000 family La GESTIONE DEI RISCHI Nei Sistemi di Gestione Autore: R.Randazzo La Norme che hanno affrontato il Tema della gestione dei rischi Concetto di Rischio Agenda Il Rischio all interno della

Dettagli

Sessione di Studio AIEA-ATED. La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi

Sessione di Studio AIEA-ATED. La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi Sessione di Studio AIEA-ATED La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi 24 Novembre 2014 Agenda La gestione del rischio operativo nel Gruppo ISP La gestione degli eventi operativi

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE SECURITY MANAGEMENT

CORSO DI FORMAZIONE SECURITY MANAGEMENT DESTINATARI DEL CORSO Prerequisiti: CORSO DI FORMAZIONE SECURITY MANAGEMENT UNI 10459:1995 UNI 10891:2000 Livello di Istruzione: Diploma di Laurea Esperienza lavorativa di almeno 4 anni maturata nei seguenti

Dettagli

CALENDARIO CORSI DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO ADDETTI ANTINCENDIO

CALENDARIO CORSI DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO ADDETTI ANTINCENDIO CALENDARIO CORSI DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO ADDETTI ANTINCENDIO Corso Data Durata (Ore) Corso per Addetti Rischio Basso (4 ore) 07 giugno 2014 08:30-12:30 4 Corso per Addetti Rischio Medio (8 ore) 14-21

Dettagli

Un metodo per garantire la continuità produttiva ed aumentare la resilienza dell impresa

Un metodo per garantire la continuità produttiva ed aumentare la resilienza dell impresa RISK MANAGEMENT & BUSINESS CONTINUITY Business Continuity per le imprese Un metodo per garantire la continuità produttiva ed aumentare la resilienza dell impresa PER LE IMPRESE VISITA IL SITO: www.exsafe.it

Dettagli

INFORMATION SECURITY MANAGEMENT SYSTEM

INFORMATION SECURITY MANAGEMENT SYSTEM INFORMATION SECURITY MANAGEMENT SYSTEM Gestione della sicurezza informatica in azienda Guida informativa per le PMI con il contributo della 1 Sommario Introduzione 5 Obiettivi 6 Continuità operativa del

Dettagli

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Introduzione alla ISO 27001 La metodologia Quality Solutions Focus on: «L analisi

Dettagli

la relazione sui rischi: strumenti di analisi e gestione Elio Marchetti

la relazione sui rischi: strumenti di analisi e gestione Elio Marchetti la relazione sui rischi: strumenti di analisi e gestione Elio Marchetti Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili Torino, 24 marzo 2009 Indice degli argomenti I parte: strumenti di analisi

Dettagli

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane L esperienza di ATM Il Sistema di Sicurezza nell ambito del Trasporto Pubblico Locale Claudio Pantaleo Direttore Sistemi e Tecnologie Protezione

Dettagli

CORSO BUSINESS CONTINUITY AND DISASTER RECOVERY MANAGEMENT LE 10 PROFESSIONAL PRACTICES

CORSO BUSINESS CONTINUITY AND DISASTER RECOVERY MANAGEMENT LE 10 PROFESSIONAL PRACTICES 1 CORSO BUSINESS CONTINUITY AND DISASTER RECOVERY MANAGEMENT Il corso è finalizzato a illustrare in dettaglio le competenze richieste al Business Continuity Manager per guidare un progetto BCM e/o gestire

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

CORSO EXECUTIVE FULL TIME SHORT MASTER IN INTERNAZIONALIZZAZIONE D IMPRESA

CORSO EXECUTIVE FULL TIME SHORT MASTER IN INTERNAZIONALIZZAZIONE D IMPRESA CORSO EXECUTIVE FULL TIME SHORT MASTER IN INTERNAZIONALIZZAZIONE D IMPRESA Export 2.0: la gestione dell impresa nell attività con l estero Programma Executive Intensive Milano, 16 21 novembre 2015 SHORT

Dettagli

CORSO EXECUTIVE SHORT MASTER IN INTERNAZIONALIZZAZIONE D IMPRESA

CORSO EXECUTIVE SHORT MASTER IN INTERNAZIONALIZZAZIONE D IMPRESA CORSO EXECUTIVE SHORT MASTER IN INTERNAZIONALIZZAZIONE D IMPRESA Export 2.0: la gestione dell impresa nell attività con l estero Formula week end Milano, 6-7, 12-13-14 e 26-27-28 novembre 2015 SHORT MASTER

Dettagli

Meeting Nazionale Evoluzione degli Studi professionali

Meeting Nazionale Evoluzione degli Studi professionali Edizione 10 ottobre 2008 2007 Ciclo Evoluzione ACEF Riproduzione degli studi vietata professionali - Tutti i diritti settimo riservati anno - MARKETING 1 Meeting Nazionale Evoluzione degli Studi professionali

Dettagli

1- Corso di IT Strategy

1- Corso di IT Strategy Descrizione dei Corsi del Master Universitario di 1 livello in IT Governance & Compliance INPDAP Certificated III Edizione A. A. 2011/12 1- Corso di IT Strategy Gli analisti di settore riportano spesso

Dettagli

CALENDARIO CORSI DI FORMAZIONE OTTOBRE/NOVEMBRE 2013

CALENDARIO CORSI DI FORMAZIONE OTTOBRE/NOVEMBRE 2013 CALENDARIO CORSI DI FORMAZIONE OTTOBRE/NOVEMBRE 2013 Corso Data Durata (Ore) Convegno Gli Accordi Stato-Regioni per la Formazione valido come aggiornamento di ore per Datori di Lavoro/R.S.P.P. A.S.P.P.

Dettagli

Claudio Pedrotti, Alessandra Carazzina Milano, 28 maggio 2008

Claudio Pedrotti, Alessandra Carazzina Milano, 28 maggio 2008 Gestione dell emergenza nel processo di integrazione SIA-SSB Claudio Pedrotti, Alessandra Carazzina Milano, 28 maggio 2008 sia ssb 2008 Agenda Il Gruppo SIA-SSB - Aree di Business La struttura di Risk

Dettagli

CORSO MASTER CLASS [LA GESTIONE DELL AZIENDA] LA GOVERNANCE 360 CORSO INTENSIVO DI 7 GIORNATE

CORSO MASTER CLASS [LA GESTIONE DELL AZIENDA] LA GOVERNANCE 360 CORSO INTENSIVO DI 7 GIORNATE CORSO MASTER CLASS [LA GESTIONE DELL AZIENDA] LA GOVERNANCE 360 CORSO INTENSIVO DI 7 GIORNATE MILANO - dal 4 giugno 2013 ROMA - dal 18 giugno 2013 OBIETTIVO Approfondire gli elementi sostanziali del governo

Dettagli

I soci di AUDITA sono orientati ad un profondo rispetto dei valori della deontologia professionale.

I soci di AUDITA sono orientati ad un profondo rispetto dei valori della deontologia professionale. P R E S E N TA Z I O N E AUDITA è una Società di Revisione e Organizzazione Contabile nata nel 2011 su iniziativa di sei professionisti del settore. Opera su tutto il territorio nazionale con la priorità

Dettagli

Progetto di Information Security

Progetto di Information Security Progetto di Information Security Pianificare e gestire la sicurezza dei sistemi informativi adottando uno schema di riferimento manageriale che consenta di affrontare le problematiche connesse alla sicurezza

Dettagli

SICUREZZA FISICA E ICT SECURITY: UN NUOVO MODELLO DI BUSINESS SECURITY

SICUREZZA FISICA E ICT SECURITY: UN NUOVO MODELLO DI BUSINESS SECURITY SICUREZZA FISICA E ICT SECURITY: UN NUOVO MODELLO DI BUSINESS SECURITY DOTT. ALESSANDRO LEGA, CPP Managing Director di Traicon S.r.l. (Gruppo DAB) Nel percorrere il vasto territorio professionale che caratterizza

Dettagli

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE PER IL PROFESSIONISTA DELLA SECURITY AZIENDALE

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE PER IL PROFESSIONISTA DELLA SECURITY AZIENDALE Corso di formazione anno accademico 2014 2015 CORSO DI FORMAZIONE PER IL PROFESSIONISTA DELLA SECURITY AZIENDALE Corso in fase di qualificazione per la Certificazione Professionista della security aziendale

Dettagli

NON COME ONERE DA SUBIRE MA COME OPPORTUNITÀ DA COGLIERE

NON COME ONERE DA SUBIRE MA COME OPPORTUNITÀ DA COGLIERE IL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 NON COME ONERE DA SUBIRE MA COME OPPORTUNITÀ DA COGLIERE PER CREARE UN VANTAGGIO IN GRADO DI GESTIRE L IMPRESA CON UN APPROCCIO MULTIDISCIPLINARE

Dettagli

1. LE MINACCE ALLA SICUREZZA AZIENDALE 2. IL RISCHIO E LA SUA GESTIONE. Sommario

1. LE MINACCE ALLA SICUREZZA AZIENDALE 2. IL RISCHIO E LA SUA GESTIONE. Sommario 1. LE MINACCE ALLA SICUREZZA AZIENDALE 1.1 Introduzione... 19 1.2 Sviluppo tecnologico delle minacce... 19 1.2.1 Outsourcing e re-engineering... 23 1.3 Profili delle minacce... 23 1.3.1 Furto... 24 1.3.2

Dettagli

Gestire l incertezza per competere:

Gestire l incertezza per competere: Gestire l incertezza per competere: trasformare i rischi in opportunità Percorso Formativo Il nuovo modello degli standard internazionali ISO introduce l approccio Risk Based Thinking nella gestione strategica

Dettagli

22 novembre 2010. Università degli Studi de L Aquila

22 novembre 2010. Università degli Studi de L Aquila 22 novembre 2010 Cronoprogramma dell iniziativa 6Aprile 2009: dopo la notte del sisma Unicredit riattiva i propri p servizi in giornata, informa i clienti e assiste i propri dipendenti Estate 2009: con

Dettagli

Certificazione Sistemi di Gestione per la Continuità Operativa. (BCM - Business Continuity Management) - Norma BS 25999-2

Certificazione Sistemi di Gestione per la Continuità Operativa. (BCM - Business Continuity Management) - Norma BS 25999-2 Garantire la continuità operativa in caso di interruzioni, siano esse dovute a incidenti gravi o inconvenienti minori, rappresenta oggi un requisito fondamentale per qualsiasi organizzazione che opera

Dettagli

Per una migliore qualità della vita CERTIQUALITY. La certificazione strumento di Business Continuity: gli standard ISO 27001 e ISO 22301

Per una migliore qualità della vita CERTIQUALITY. La certificazione strumento di Business Continuity: gli standard ISO 27001 e ISO 22301 Per una migliore qualità della vita CERTIQUALITY La certificazione strumento di Business Continuity: gli standard ISO 27001 e ISO 22301 CHI SIAMO Certiquality è una società la cui attività è orientata

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

AEO e sicurezza dei sistemi informativi. Luca Boselli, Senior Manager, KPMG Advisory S.p.A. Milano, 26 giugno 2008

AEO e sicurezza dei sistemi informativi. Luca Boselli, Senior Manager, KPMG Advisory S.p.A. Milano, 26 giugno 2008 AEO e sicurezza dei sistemi informativi Luca Boselli, Senior Manager, KPMG Advisory S.p.A. Milano, 26 giugno 2008 Agenda La sicurezza delle informazioni: introduzione e scenario di riferimento La sicurezza

Dettagli

Banche e Sicurezza 2015

Banche e Sicurezza 2015 Banche e Sicurezza 2015 Sicurezza informatica: Compliance normativa e presidio del rischio post circolare 263 Leonardo Maria Rosa Responsabile Ufficio Sicurezza Informatica 5 giugno 2015 Premessa Il percorso

Dettagli

Corso di 28 ore Mega Italia Media - via Cavallera, 10 Torbole Casaglia - Brescia

Corso di 28 ore Mega Italia Media - via Cavallera, 10 Torbole Casaglia - Brescia Soggetto Formatore Nazionale riconosciuto ope legis art. 8bis, comma 3 del D.Lgs. 626/94 Via Cavallera, 10 25030 Torbole C. (Bs) www.aifos.it - segreteria@aifos.it Centro Formazione AIFOS - organizzazione

Dettagli

25 26 giugno 2014. Achille Sirignano Modelli di Risk Management di Security

25 26 giugno 2014. Achille Sirignano Modelli di Risk Management di Security UNI 10459 Achille Sirignano Security Manager eni S.p.A. A Responsabile Processi e Modelli di Risk Management di Security UNI 10459 1995 Definisce le funzioni essenziali e il profilo del professionista

Dettagli

IFAF. Master in Risk Management

IFAF. Master in Risk Management IFAF Master in Risk Management Padova, 2 marzo 2013 Obiettivi Il Master è stato strutturato con l obiettivo di fornire un supporto alle imprese e ai professionisti che si trovano a dover gestire, nel corso

Dettagli

Qualification Program in Information Security Management according to ISO/IEC 27002. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009

Qualification Program in Information Security Management according to ISO/IEC 27002. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 Qualification Program in Information Security Management according to ISO/IEC 27002 Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 1 Agenda Presentazione Le norme della serie ISO/IEC 27000 La sicurezza delle

Dettagli

METODOLOGIE DI ANALISI DEI RISCHI CORSO DI SPECIALIZZAZIONE PER RSPP

METODOLOGIE DI ANALISI DEI RISCHI CORSO DI SPECIALIZZAZIONE PER RSPP Centro di Formazione Aifos - Regione Toscana SAAS SERVICE Centro di Formazione per la Sicurezza Via S. Maddalena de Pazzi 10 50124 Firenze Tel/Fax 055 2048890 Cell. 329 1331945 Mail : segreteria@626school.it

Dettagli

Insight. Gestire e comunicare la crisi: un caso di successo. N. 24 Maggio 2009

Insight. Gestire e comunicare la crisi: un caso di successo. N. 24 Maggio 2009 Insight N. 24 Maggio 2009 Gestire e comunicare la crisi: un caso di successo Il termine crisi suggerisce istintivamente un momento, nella vita di una persona o di un azienda, dalle conseguenze non prevedibili

Dettagli

La preparazione e la gestione della risposta alle emergenze sanitarie Genova 12-13 Dicembre 2006

La preparazione e la gestione della risposta alle emergenze sanitarie Genova 12-13 Dicembre 2006 La preparazione e la gestione della risposta alle emergenze sanitarie Genova 12-13 Dicembre 2006 Dott.ssa Speranza Sensi ASL 3 Genovese - Regione Liguria SICUREZZA SANITARIA GLOBALE gli impegni assunti

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE PER IMPRENDITORI EDILI

CORSO DI ALTA FORMAZIONE PER IMPRENDITORI EDILI CORSO DI ALTA FORMAZIONE PER IMPRENDITORI EDILI SETTEMBRE 2013 GENNAIO 2014 Fondazione CUOA Da oltre 50 anni Fondazione CUOA forma la nuova classe manageriale e imprenditoriale.è la prima business school

Dettagli

Preaudit Sicurezza / Ambiente. General Risk Assessment

Preaudit Sicurezza / Ambiente. General Risk Assessment General Risk Assessment Conduzione di un General Risk Assessment in coerenza con i requisiti ISO 9001:2015. nel 2015 verrà pubblicata la nuova UNI EN ISO 9001 che avrà sempre più un orientamento alla gestione

Dettagli

CALENDARIO CORSI: Giugno 2015

CALENDARIO CORSI: Giugno 2015 CALENDARIO CORSI: Giugno 2015 Mercoledì 3 Giovedì 4 Venerdì 5 Martedì 9 Mercoledì 10 Giovedì 11 Venerdì 12 Martedì 16 Mercoledì 17 Giovedì 18 Venerdì 19 Martedì 23 Mercoledì 24 Giovedì 25 Venerdì 26 Martedì

Dettagli

La Sicurezza dell Informazione nel Web Information System La metodologia WISS

La Sicurezza dell Informazione nel Web Information System La metodologia WISS 1 Introduzione La Sicurezza dell Informazione nel Web Information System La metodologia WISS Ioanis Tsiouras 1 (Rivista ZeroUno, in pubblicazione) I sistemi informativi con le applicazioni basate su Web

Dettagli

SECURITY MANAGER" (aggiornato alla UNI 10459:2015)

SECURITY MANAGER (aggiornato alla UNI 10459:2015) Art. 1 ATTIVAZIONE Corso di perfezionamento e Aggiornamento Professionale in SECURITY MANAGER" (aggiornato alla UNI 10459:2015) (1000 ore 40 cfu) Anno Accademico 2014/2015 III edizione II sessione L Università

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI

INFORMAZIONI GENERALI Mod.07.02.01.AA brochure_corso_aggiornamento rev. 01 del 19/11/2012 INDIRIZZI TECNICI DI RISK MANAGEMENT - (8 ore) Valido per l aggiornamento quinquennale di ASPP/RSPP ex art. 32 D.Lgs. 81/08 per tutti

Dettagli

HumanWare. Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo

HumanWare. Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo HumanWare Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo Aree di Intervento Sistemi di Analisi e Valutazione delle Posizioni Sistemi di Valutazione delle Prestazioni

Dettagli

I criteri di valutazione/certificazione. Common Criteria e ITSEC

I criteri di valutazione/certificazione. Common Criteria e ITSEC Valutazione formale ai fini della certificazione della sicurezza di sistemi o prodotti IT I criteri di valutazione/certificazione Common Criteria e ITSEC Alla fine degli anni ottanta in Europa si cominciò

Dettagli

La gestione integrata dei rischi aziendali

La gestione integrata dei rischi aziendali Facoltà di SCIENZE LINGUISTICHE E LETTERATURE STRANIERE La gestione integrata dei rischi aziendali Strumento competitivo e a supporto della valutazione del merito creditizio Master Universitario di secondo

Dettagli

LE FRODI BANCARIE. Milano, mercoledì 10 luglio 2013 Spazio Chiossetto Via Chiossetto 20

LE FRODI BANCARIE. Milano, mercoledì 10 luglio 2013 Spazio Chiossetto Via Chiossetto 20 LE FRODI BANCARIE L EVOLUZIONE NORMATIVA IL SISTEMA DI CONTROLLI INTERNI LE FRODI NEI SETTORI RETAIL, CORPORATE E CREDITO AL CONSUMO LE FRODI FINANZIARIE I PROCESSI DI DATA ANALYTICS E REPORTING L ATTIVITA

Dettagli

Valutazione e gestione del rischio - A cura del Dottor Antonio Guzzo, Responsabile CED

Valutazione e gestione del rischio - A cura del Dottor Antonio Guzzo, Responsabile CED Valutazione e gestione del rischio - A cura del Dottor Antonio Guzzo, Responsabile CED Quando parliamo di analisi dei rischi esaminiamo il cosiddetto concetto di information security risk management. Per

Dettagli

Proteggere il proprio business. ISO 22301: continuità operativa.

Proteggere il proprio business. ISO 22301: continuità operativa. Proteggere il proprio business. ISO 22301: continuità operativa. Perché BSI? Grazie allo standard ISO 22301 l azienda può restare sempre operativa. La competenza di BSI in quest ambito può trasformare

Dettagli

Procedure d emergenza e Business Continuity Plan. Dott. Ing. Alfiero Ortali Dirigente Servizio Sistema Informativo E-Governmant Provincia di Perugia

Procedure d emergenza e Business Continuity Plan. Dott. Ing. Alfiero Ortali Dirigente Servizio Sistema Informativo E-Governmant Provincia di Perugia Procedure d emergenza e Business Continuity Plan Dirigente Servizio Sistema Informativo E-Governmant Provincia di Perugia Loreto Ottobre 2011 La business continuity è in sostanza l insieme di attività

Dettagli

Corso di Alta Formazione

Corso di Alta Formazione Corso di Alta Formazione Valori in Movimento: Economia e Gestione di Etica & Security Aziendale. La professionalità del Security Manager ai sensi della Norma UNI10459:1995 MILANO, dicembre 2011 - maggio

Dettagli

BUSINESS RISK CONSULTING RISK. DISPUTES. STRATEGY.

BUSINESS RISK CONSULTING RISK. DISPUTES. STRATEGY. BUSINESS RISK CONSULTING RISK. DISPUTES. STRATEGY. BUSINESS RISK CONSULTING PROCESS OPTIMIZATION Mappatura as is dei processi, definizione dello stato to be, gap analysis, definizione ed implementazione

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL A

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL A Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL A Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

Codice Etico Prima edizione

Codice Etico Prima edizione Codice Etico Prima edizione Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Fen Energia S.p.a. del 11 ottobre 2010 Un assiduo lavoro per eccellere Le recenti evoluzioni del mondo economico avvenute in un

Dettagli

Lezione 22: La Comunicazione Istituzionale Stella Romagnoli

Lezione 22: La Comunicazione Istituzionale Stella Romagnoli Lezione 22: La Comunicazione Istituzionale Stella Romagnoli Comunicazione Istituzionale e reputazione d impresa Strumenti principali: Public Affairs Crisis Management Codice Etico, Bilancio Sociale e Sostenibilità

Dettagli

Risk Assessment e la Norma ISO 9001:2015 parte 3

Risk Assessment e la Norma ISO 9001:2015 parte 3 Risk Assessment e la Norma ISO 9001:2015 parte 3 PROMOSSO E ORGANIZZATO DA IN COLLABORAZIONE CON: 1/40 Risk management: collegamenti e sinergie con il Sistema Qualità Come visto nel precedente intervento,

Dettagli

CAPOGRUPPO BANCARIA Direttive e Manuali di Gruppo Direttive di Gruppo

CAPOGRUPPO BANCARIA Direttive e Manuali di Gruppo Direttive di Gruppo AZIENDA: BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA SPA STRUTTURA EMANANTE: (6974) SERV.ORG. OPERATIVA CODICE TESTO: D 00992 002 DATA PUBBLICAZIONE: 12/10/2006 OGGETTO: Direttiva di Gruppo in materia di Business

Dettagli

Perchè un Master in Homeland Security

Perchè un Master in Homeland Security IV edizione a.a. 2011 12 Perchè un Master in Homeland Security La società moderna richiede maggiore sicurezza Consapevolezza Catastrofi naturali Sicurezza Criminalità Terrorismo 25/10/2011 Roberto Setola

Dettagli

u Politiche di miglioramento della marginalità, valutazione dei costi aziendali e riduzione degli oneri per la crescita della redditività aziendale;

u Politiche di miglioramento della marginalità, valutazione dei costi aziendali e riduzione degli oneri per la crescita della redditività aziendale; I Servizi che TETRIS CONSULTING s.r.l. offre nel settore di Direzionale comprendono: u Implementazione di sistemi di Controllo di Gestione, Reporting, analisi degli scostamenti, politiche di adjustment,

Dettagli

Sicurezza ICT e continuità del Business. Igea Marina Rimini - 5 luglio 2013

Sicurezza ICT e continuità del Business. Igea Marina Rimini - 5 luglio 2013 Sicurezza ICT e continuità del Business Igea Marina Rimini - 5 luglio 2013 Indice L approccio alla Sicurezza ICT La rilevazione della situazione L analisi del rischio Cenni agli Standard di riferimento

Dettagli

Audit & Sicurezza Informatica. Linee di servizio

Audit & Sicurezza Informatica. Linee di servizio Audit & Sicurezza Informatica Linee di servizio Application Control Consulting Molte organizzazioni hanno implementato applicazioni client/server integrate, come SAP e Oracle Queste applicazioni aumentano

Dettagli

BUSINESS CONTINUITY. Newsletter n. 8 2014. Know how in pillole: Dicembre 2014. Che cosa si intende per Business Continuity?

BUSINESS CONTINUITY. Newsletter n. 8 2014. Know how in pillole: Dicembre 2014. Che cosa si intende per Business Continuity? Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la serie delle Newsletter legate agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV esistenti o in fase di costituzione. Questa volta la pillola formativa si riferisce alla

Dettagli

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Convegno sulla Sicurezza delle Informazioni La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Giambattista Buonajuto Lead Auditor BS7799 Professionista indipendente Le norme

Dettagli

Presentazione dell iniziativa ROSI

Presentazione dell iniziativa ROSI Presentazione dell iniziativa ROSI Return on Security Investment Sessione di Studio AIEA, Lugano 19 gennaio 2011 Alessandro Vallega Oracle Italia http://rosi.clusit.it 1 Agenda Il gruppo di lavoro Il metodo

Dettagli

LEAN MANAGEMENT. AREA Area Supply Chain Flow & Network Management. Modulo Avanzato

LEAN MANAGEMENT. AREA Area Supply Chain Flow & Network Management. Modulo Avanzato LEAN MANAGEMENT AREA Area Supply Chain Flow & Network Management Modulo Avanzato LEAN MANAGEMENT Il corso mira a fornire le pratiche organizzative necessarie per creare, gestire e coordinare sia i team

Dettagli

EVENT LEZIONE 11. IL RISK MANAGEMENT La gestione del rischio Il crisis management. Economia e organizzazione degli eventi.

EVENT LEZIONE 11. IL RISK MANAGEMENT La gestione del rischio Il crisis management. Economia e organizzazione degli eventi. LEZIONE 11 IL RISK MANAGEMENT La gestione del rischio Il crisis management Cristiano Habetswallner EVENT RISK MANAGEMENT IL RISCHIO E LA POSSIBILITÀ CHE ACCADA QUALCOSA CHE IMPATTI SUGLI OBIETTIVI DELL

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE E IL CONTROLLO DI GESTIONE DELL IMPRESA

LA PIANIFICAZIONE E IL CONTROLLO DI GESTIONE DELL IMPRESA Percorso di Formazione Manageriale per le PMI 2015 LA PIANIFICAZIONE E IL CONTROLLO DI GESTIONE DELL IMPRESA Presentazione del percorso formativo Nell ambito delle attività necessarie alla buona conduzione

Dettagli

SECURITY STUDIES. Ricerca e Analisi al servizio dell'industria e delle Istituzioni, per la valutazione politica ed economica dei mercati e delle crisi

SECURITY STUDIES. Ricerca e Analisi al servizio dell'industria e delle Istituzioni, per la valutazione politica ed economica dei mercati e delle crisi SECURITY STUDIES Ricerca e Analisi al servizio dell'industria e delle Istituzioni, per la valutazione politica ed economica dei mercati e delle crisi Edizione 2015 IL corso di SECURITY STUDIES Il Corso

Dettagli

Sinottico. Cobit 4.0 ISO 27001 (AS/NZS 4360 NIST 800-300)

Sinottico. Cobit 4.0 ISO 27001 (AS/NZS 4360 NIST 800-300) Sinottico Cobit 4.0 ISO 27001 (AS/NZS 4360 NIST 800-300) Indice generale Cobit 4.0...2 Pianificazione...2 Organizzazione...2 Acquisizione...3 Implementazione...3 Rilascio...4 Supporto...4 Monitoraggio/Valutazione...5

Dettagli

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013 Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi Firenze, 28 Febbraio 2013 Indice ß Introduzione ß Assetti Organizzativi ß Sistema dei Controlli Interni ß Risk Governance ß Conclusioni

Dettagli

social Project management

social Project management Q110 Srl 67100 L Aquila - S.S. 17 Ovest Complesso Panorama - Pal. B Tel. 0862.318379-0862.323890 Fax 0862.1965031 www.q110.it - info@q110.it Ente Formativo accreditato Regione Abruzzo Con il patrocinio

Dettagli

IL BS7799 ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI. Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it BS 7799. Sistemi Informativi S.p.A.

IL BS7799 ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI. Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it BS 7799. Sistemi Informativi S.p.A. IL BS7799 Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it Sistemi Informativi S.p.A. ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI Sistemi Informativi S.p.A. 2 ATTIVITA DELLA SECURITY STUDIO, SVILUPPO ED

Dettagli

Francesco Scribano GTS Business Continuity and Resiliency services Leader

Francesco Scribano GTS Business Continuity and Resiliency services Leader Francesco Scribano GTS Business Continuity and Resiliency services Leader Certificazione ISO 27001: l'esperienza IBM Certificazione ISO 27001: l'esperienza IBM Il caso di IBM BCRS Perchè certificarsi Il

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI ISMS MANAGER/SENIOR MANAGER

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI ISMS MANAGER/SENIOR MANAGER Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI ISMS MANAGER/SENIOR MANAGER

Dettagli

Calamità naturali, incendi, allagamenti e altri sinistri: conoscere e dominare i rischi d impresa

Calamità naturali, incendi, allagamenti e altri sinistri: conoscere e dominare i rischi d impresa - Commissione Formazione - Percorso formativo Calamità naturali, incendi, allagamenti e altri sinistri: conoscere e dominare i rischi d impresa Risk Management e Business Continuity Management System per

Dettagli

Prova finale: certificazione Anra Al termine del percorso Master è prevista una prova finale.

Prova finale: certificazione Anra Al termine del percorso Master è prevista una prova finale. Milano, 15 novembre 2014 Obiettivi Il Master in Risk Management nasce con l obiettivo di dare un supporto alle imprese e ai professionisti che si trovano a dover gestire, nel corso delle loro attività,

Dettagli

Guida alla redazione del Business Continuity Plan per gli intermediari finanziari

Guida alla redazione del Business Continuity Plan per gli intermediari finanziari www.compliancenet.it www.prometeomc.it Guida alla redazione del Business Continuity Plan per gli intermediari finanziari 22 luglio 2010 - versione 1.0 http://www.compliancenet.it/content/guida-business-continuity

Dettagli

Security Manager. Professionista della Security Aziendale

Security Manager. Professionista della Security Aziendale OBIETTIVI e finalità Il programma del corso è progettato per soddisfare le attuali esigenze del mercato e le più recenti normative che richiedono nuove generazioni di manager e professionisti della Security

Dettagli

Master in Risk Management

Master in Risk Management Master in Risk Management Padova, 24 ottobre 2015 Bologna, 31 ottobre 2015 Roma, 7 novembre 2015 Milano, 14 novembre 2015 Obiettivi Il Master in Risk Management nasce con l obiettivo di dare un supporto

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO SECURITY MANAGEMENT

REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO SECURITY MANAGEMENT REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO SECURITY MANAGEMENT Direttore del corso: Chiara Casadio Commissione del Corso di Master: Gianfranco Bonfante Chiara Casadio Cristiana

Dettagli

SEMINARI E FORMAZIONE la nostra attività

SEMINARI E FORMAZIONE la nostra attività SEMINARI E FORMAZIONE la nostra attività AGENDA 1 Seminari su tematiche strategiche e gestionali 2 Seminari sull asset credito e finanza 3 Corsi di formazione AGENDA 1 Seminari su tematiche strategiche

Dettagli

SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site

SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site La Tecnologia evolve velocemente ed anche gli esperti IT più competenti hanno bisogno di una formazione costante per tenere il passo Come

Dettagli