Gestione del rischio di Product Recall: prevenzione, assicurazione e crisis management

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gestione del rischio di Product Recall: prevenzione, assicurazione e crisis management"

Transcript

1 Gestione del rischio di Product Recall: prevenzione, assicurazione e crisis management Presentato a : Presentato da: Convegno ANRA SWISS RE Marco Terzago, SKF Group Risk Management - Risk Manager SW Europe & Asia SKF Industrie S.p.A. Milano, 30 maggio 2013

2 Frequenza: un trend in aumento Nuove tecnologie, nuovi canali distributivi, nuovi concorrenti Cicli di vita dei prodotti più brevi Attenzione verso le tematiche di Product Liability tradizionalmente elevata in USA e Canada, in crescita anche nei paesi dell UE Panorama legislativo sempre più restrittivo: Direttiva sulla sicurezza generale dei prodotti (D. Lgs. 115/95) Direttiva Macchine (D.P.R. 459/96) Codice del Consumo (D. Lgs. 6 settembre 2005, n. 106) Compiti e responsabilità per gli operatori (produttori e distributori) in aumento in termini di sicurezza, tracciabilità, ecc. SKF Area Risk Management Slide 2

3 Conseguenze: la crisi da Recall Se non correttamente gestiti, i danni da Recall possono portare le aziende ad uno stato di crisi a causa di: Perdita di quote di mercato Perdite finanziarie non sostenibili per: Risarcimenti Spese legali Interruzione dell attività Costi delle campagne di richiamo Danni di immagine irreversibili Viceversa, se correttamente gestiti, i danni da Recall possono portare le aziende ad un rafforzamento dell immagine (rischio / opportunità) SKF Area Risk Management Slide 3

4 Come trattare questo rischio? Applicando criteri di Risk Management combinando soluzioni assicurative ad azioni di controllo fisico (prevenzione e protezione). Analisi INDIVIDUAZIONE VALUTAZIONE PATRIMONIO ATTIVITA PERSONE Eventi dannosi Frequenza Gravità ELIMINAZIONE TRASFERIMENTO CONTRATTI Acquisti Trasporto Commesse Trattamento CONTROLLO FISICO PREVENZIONE PROTEZIONE Subforniture Franchigie / Scoperti RITENZIONE PARZIALE TOTALE Sotto-limiti Ripianamento diretto Autoassicurazione ASSICURAZIONE Captive Company Rischi residuali Rischi obbligatori Revisione SKF Area Risk Management Slide 4 AUDITING DEL PROCESSO

5 2. IL TRATTAMENTO ASSICURATIVO Il trattamento assicurativo

6 Recall: i contratti di assicurazione Ritiro Prodotti: limitatamente ai prodotti di primo impianto la copertura assicurativa garantisce il rimborso delle spese sostenute dall'assicurato per ritirare e/o distruggere i prodotti che egli abbia venduto o distribuito dal momento in cui: 1. Tali prodotti abbiano causato danni a terzi o 2. sia dimostrata la possibilità che possano causarne o 3. le Autorità competenti ne abbiano ordinato il ritiro o la distruzione in quanto hanno causato o si presume possano causare danni a terzi. Per spese sostenute si intendono unicamente quelle: 1. di annuncio comunicazione e trasporto rese necessarie a seguito di una operazione di ritiro dei prodotti. 2. per la distruzione dei prodotti. 3. per l'impiego di mano d'opera diversa da quella regolarmente preposta dalle società del gruppo dell'assicurato alle operazioni di ritiro, trasporto e distruzione dei prodotti. 4. Le spese di montaggio e rimontaggio dei prodotti dell'assicurato. 5. Relative prestazioni di lavoro straordinario corrisposto al personale regolarmente preposto dall'assicurato alle operazioni dall'assicurato alle operazioni di ritiro, trasporto o distruzione dei prodotti. In caso di ritiro diretto dei prodotti dell'assicurato, rimane all'assicurato l'iniziativa e la responsabilità di decisione circa l'organizzazione delle operazioni di ritiro, trasporto o distruzione dei prodotti. In caso di ritiro di "prodotti finiti" di terzi destinati al consumo e/o all'utilizzo finale e fabbricati con l'impegno di "prodotti intermedi" fabbricati dall'assicurato, resta esplicitamente convenuto che al società assicuratrice tiene indenne l'assicurato delle somme da questi dovute ai terzi fabbricanti i "prodotti finiti" di cui sopra SKF Area Risk Management Slide 6

7 Massimali e tassi MASSIMALI => definiti in base a: Valutazione di rischio Benchmark di settore Disponibilità del mercato assicurativo Budget di spesa TASSI => dipendono da: Tipologia del prodotto Volumi di produzione Sinistrosità pregressa Estensione territoriale della copertura (USA/Canada) Massimali Scoperti e franchigie SKF Area Risk Management Slide 7

8 Allocazione premi / franchigie Criterio di allocazione dei premi Fatturato (esclusi i prodotti destinati al settore aeronautico e aerospaziale), esposizione del "business", esportazioni in USA / Canada, storia sinistri. Franchigie In tutto il mondo RC da prodotto difettoso USD Y Costi di Smontaggio / Reinstallazione USD 5*Y Prodotti di terzi in manutenzione, custodia, controllo USD Y Ritiro prodotti (Recall) - "Automotive" USD 50*Y Ritiro prodotti (Recall) non Automotive USD 25*Y SKF Area Risk Management Slide 8

9 Limiti delle soluzioni assicurative Vi sono costi non coperti dalla polizza: Sono esclusi i prodotti destinati all aftermarket. E escluso il controvalore del prodotto assicurato. Franchigie Superamento dei limiti di risarcimento Perdite quote di mercato Danni da immagine Spesa per la copertura assicurativa a volte insostenibile se non si controlla il livello di sinistrosità Reperibilità della copertura assicurativa problematica a fronte di rischi elevati Le aziende devono necessariamente analizzare in dettaglio ogni fase del loro processo produttivo e distributivo, intervenendo con azioni di controllo fisico per ridurre il rischio di danni da Recall SKF Area Risk Management Slide 9

10 2. IL TRATTAMENTO FISICO DEL RISCHIO Il trattamento fisico del rischio

11 Misure di controllo fisico del Rischio Sono costituite dai sistemi di prevenzione (procedure) e dai sistemi di protezione messi in atto dall azienda per ridurre i rischi associati alla RCP. Le elenchiamo: 1. La gestione totale della Qualità (TQM) 2. Le tecniche di progettazione (DFS/M/A/Q FTA HazOp FMECA) 3. L uso del prodotto 4. La conformità alla pratica industriale 5. La gestione delle modifiche di progetto 6. Le tecniche di comunicazione di prodotto 7. La qualificazione dei fornitori 8. Il controllo della qualità 9. Il sistema di tracciabilità dei prodotti e la conservazione dei dati 10. Il Piano di Richiamo del Prodotto SKF Area Risk Management Slide 11

12 TRACCIABILITA Sono presenti in letteratura molte definizioni di tracciabilità Una definizione storica è quella data dalle Norme ISO 8402 (poi confluite nelle ISO 9000): La capacità di ritrovare la storia, l utilizzo o la localizzazione di una entità mediante un identificazione registrata SKF Area Risk Management Slide 12

13 SISTEMA DI TRACCIABILITA Il sistema di tracciabilità del prodotto è costituito dall insieme degli elementi fisici, tecnologici e procedurali che consentono di realizzare la tracciabilità del prodotto e dei suoi componenti SKF Area Risk Management Slide 13

14 SISTEMA DI TRACCIABILITA Codici a barre Sistemi gestionali informatizzati Procedure di registrazione Procedure di identificazione Reclami Database clienti Etichette SISTEMI FISICI D IDENTIFICAZIONE ORGANIZZAZIONE E PROCEDURE DATI E INFORMAZIONI Fatture Ordini Marchi Chip Accordi con fornitori, distributori, clienti, ecc. Fogli di lavoro Database di produzione SKF Area Risk Management Slide 14

15 INVESTIRE IN TRACCIABILITÀ CONVIENE? BENEFICI Obblighi normativi Maggiori garanzie di qualità Maggiori garanzie di sicurezza Contenimento del danno da RCP attraverso la riduzione del numero di prodotti da ritirare e dei tempi per la loro identificazione Aumento delle possibilità di rivalsa nei confronti di fornitori e terzisti Miglioramento della propria immagine COSTI Software Hardware Risorse umane Etc. SKF Area Risk Management Slide 15

16 RITIRO / RICHIAMO Differenza Ritiro / Richiamo (D. Lgs. 6 settembre 2005, n. 206) Ritiro: qualsiasi misura volta ad impedire la distribuzione e l esposizione di un prodotto pericoloso, nonché la sua offerta al consumatore Richiamo: le misure volte ad ottenere la restituzione di un prodotto pericoloso che il fabbricante o il distributore ha già fornito o reso disponibile ai consumatori.imposto dalle autorità?!.imposto da un partner commerciale?!.volontario?! SKF Area Risk Management Slide 16

17 RITIRO / RICHIAMO Obblighi del produttore Il produttore adotta misure proporzionate in funzione delle caratteristiche del prodotto fornito per ( ) intraprendere le iniziative opportune per evitare tali rischi, compresi il ritiro del prodotto dal mercato ed il richiamo Le misure di ritiro, di richiamo e di informazione al consumatore, hanno luogo su base volontaria o su richiesta delle competenti autorità Il richiamo interviene quando altre azioni non siano sufficienti a prevenire i rischi del caso, ovvero quando i produttori lo ritengano necessario o vi siano tenuti in seguito a provvedimenti dell'autorità competente. SKF Area Risk Management Slide 17

18 RITIRO / RICHIAMO Obblighi della casa automobilistica Qualora i produttori e i distributori sappiano o debbano sapere, sulla base delle informazioni in loro possesso e in quanto operatori professionali, che un prodotto da loro immesso sul mercato o altrimenti fornito al consumatore presenta per il consumatore stesso rischi incompatibili con l'obbligo generale di sicurezza, informano immediatamente le amministrazioni competenti, di cui all'articolo 106, comma 1, precisando le azioni intraprese per prevenire i rischi per i consumatori RAPEX SKF Area Risk Management Slide 18

19 DECISIONE DI RICHIAMO INFORMAZIONI A DISPOSIZIONE Rischio grave VALUTAZIONE DEL RISCHIO Rischio moderato Rischio basso Conformità a norme e standard Legame causale rischi / incidenti Tipologie di utilizzatori Probabilità e Gravità eventi CLASSIFICAZIONE DEL RISCHIO Quantità di prodotti/utenti interessati SKF Area Risk Management Slide 19

20 RITIRO / RICHIAMO Compiti principali dei produttori di componenti? Informare immediatamente i clienti in caso di accertamento di difetti dei prodotti forniti Fornire dati ed indicazioni specifiche ai clienti in merito Tipologia di difetti Identificazione e numerosità dei lotti di componenti potenzialmente difettosi Partecipare alla decisione sulle azioni necessarie per ripristinare la sicurezza dei prodotti Collaborare con i clienti alle operazioni di ritiro/richiamo e ripristino dei prodotti SKF Area Risk Management Slide 20

21 RITIRO / RICHIAMO Azioni Interrompere la produzione del componente a rischio e isolare le scorte a magazzino Ritirare il prodotto dai magazzini dei clienti e raccolti durante le operazioni di smontaggio Pianificare i necessari interventi correttivi a correzione del difetto del prodotto in fase di progettazione, produzione, etc. Rilavorare o smaltire i prodotti difettosi smontati dai veicoli Riprendere la produzione Monitorare l efficacia degli interventi effettuati e se necessario pianificare ulteriori azioni correttive SKF Area Risk Management Slide 21

22 PIANO di RICHIAMO (PdR) PdR Richiamare i prodotti senza un preciso piano significa correre il rischio di aumentare i costi diretti di richiamo del 30-50% causa impreparazione e dunque errori e rifacimenti Senza contare gli effetti deleteri sull immagine aziendale! Un efficace Piano di Richiamo del Prodotto, può essere messo in atto solo quando siano state definite preventivamente le risorse umane, economiche, le strategie di comunicazione, le azioni e le tempistiche necessarie alla gestione di una situazione di crisi da Product Recall. SKF Area Risk Management Slide 22

23 PIANO di RICHIAMO (PdR) PdR Il Piano di Richiamo del Prodotto ha il compito di facilitare il percorso operativo e decisionale che l azienda dovrà seguire in caso di richiamo del prodotto Il Piano deve definire specifici compiti e responsabilità operative e decisionali per i diversi soggetti coinvolti Il Piano deve indicare i criteri per prendere la decisione di richiamo le principali azioni da intraprendere I riferimenti alle procedure da seguire SKF Area Risk Management Slide 23

24 PdR: principali azioni da intraprendere PdR Interrompere la produzione del prodotto a rischio e isolare le scorte Informare le autorità competenti (Ministeri delle attività produttive, della salute, del lavoro- ex Art.106 Codice del Consumo; in USA National Highway Traffic Safety Administration = NHTSA) Ritirare il prodotto dalla distribuzione Individuare i proprietari dei prodotti da richiamare Impostare un programma di comunicazione Pianificare i necessari interventi correttivi Concordare gli interventi previsti con distributori, clienti, ecc. Implementare le azioni di richiamo ed I relativi interventi correttivi Implementare i necessari interventi a correzione del difetto del prodotto in fase di progettazione, produzione, ecc. Riprendere la produzione (?!) Monitorare l efficacia degli interventi effettuati e se necessario pianificare ulteriori azioni correttive SKF Area Risk Management Slide 24

25 PdR: risorse umane PdR Il Piano deve definire specifiche responsabilità sia operative che decisionali per i diversi soggetti coinvolti: Direzione aziendale Product Liability Board (Comitato per la sicurezza del prodotto con partecipazione di Vendite, Legale, Qualità, Produzione, ecc.) Coordinatore delle azioni di Richiamo Responsabili di produzione Addetti alle vendite ecc. SKF Area Risk Management Slide 25

26 PdR: risorse economiche PdR Il piano definirà con anticipo il budget delle operazioni di ritiro e/o retrofit ovvero : Costi di gestione; Costi di lavoro; Materiali; Costi dei servizi di supporto; Costi di assistenza; Costi di Avviso; Costi di Assicurazione; Costi di Spedizione; Parcelle Legali (stabilire accordi preliminari con Studi Legali) Parcelle di Esperti (ad es. società di comunicazione) SKF Area Risk Management Slide 26

27 PdR: strategie di comunicazione PdR SKF Area Risk Management Slide 27

28 SUGGERIMENTI Stabilire e formalizzare un Piano di Richiamo del Prodotto che includa almeno: compiti interni in termini di comunicazione e notifica di reclami e lamentele potenzialmente critiche Criteri e responsabilità per la decisione di richiamo Aspetti operativi e compiti durante le fasi richiamo Pianificare le strategie di comunicazione verso i clienti e verso l esterno Definire specifici accordi con partner commerciali, tecnici e Studi Legali da utilizzare in caso di Recall SKF Area Risk Management Slide 28

29 SKF Area Risk Management Slide 29 ESEMPI DI SINISTRI

30 Sinistro Recall Caso Elementi caratteristici dell evento Il ruolo dei fornitori. Anche un componente di valore irrisorio può procurare danni ingenti. Anche un componente in produzione da svariati anni può generare problemi gravi. SKF Area Risk Management Slide 30

31 Sinistro Recall - 2 A seguito della non corretta applicazione delle procedure di qualità è stato procurato un sinistro da Campagna di Richiamo Elementi caratteristici dell evento: I sinistri sono la conseguenza della concorrenza di più eventi. Le campagne di richiamo sono sempre operate sulla base delle decisioni prese dal costruttore. L azienda assicurata subisce queste decisioni, pur rispondendone economicamente. SKF Area Risk Management Slide 31

32 CONCLUSIONI Le aziende del settore automotive sono sempre più esposte a rischi di danni da Product Recall Un sinistro da Product Recall può portare una Azienda ad uno stato di crisi Per gestire al meglio i rischi di danni da Product Recall è importante Prevenire l insorgenza di difetti e malfunzionamenti attraverso l assegnazione di adeguate risorse ai processi di progettazione, analisi di rischio, qualità, etc. Avere un efficace sistema di tracciabilità del prodotto Definire compiti e responsabilità ad-hoc su e pianificare le azioni di richiamo del prodotto con un Piano di Richiamo Dotarsi di coperture assicurative adeguate e customizzate Sensibilizzare il personale riguardo alle tematiche RCP e Recall SKF Area Risk Management Slide 32

33 SKF Area Risk Management Slide 33 Questions?

34 GRAZIE PER LA VOSTRA ATTENZIONE! Marco Terzago SKF Industrie S.p.A. Risk Manager / Consigliere ANRA Via Pinerolo, Airasca (TO) Tel: ; Fax: Web: / SKF Area Risk Management Slide 34

35 FINE DELLA PRESENTAZIONE SKF Area Risk Management Slide 35

36 SKF Area Risk Management Slide 36 SEZIONE LINK

37 RAPEX Nel 2011 il RAPEX ha segnalato misure restrittive riguardanti prodotti pericolosi Source RAPEX report 2012 SKF Area Risk Management Slide 37

38 RAPEX Il 10% ca. delle misure restrittive hanno riguardato prodotti automotive Source RAPEX report 2012 SKF Area Risk Management Slide 38

39 RECALL CAMPAIGN IN AUTOMOTIVE IN GERMANIA Source Kraftfahrt-Bundesamt (KBA)- German Federal Motor Transport Authority SKF Area Risk Management Slide 39

Il trattamento del rischio di Product Liability & Recall: prevenzione e trasferimento assicurativo

Il trattamento del rischio di Product Liability & Recall: prevenzione e trasferimento assicurativo Il trattamento del rischio di Product Liability & Recall: prevenzione e trasferimento assicurativo Presentato a : Presentato da: Convegno ANFIA: Le problematiche assicurative nel mondo Auto Marco Terzago,

Dettagli

Scenario di settore. Le problematiche assicurative nel Mondo dell Auto Torino, 15 ottobre 2009 - Centro Congressi Lingotto

Scenario di settore. Le problematiche assicurative nel Mondo dell Auto Torino, 15 ottobre 2009 - Centro Congressi Lingotto Le problematiche assicurative nel Mondo dell Auto Scenario di settore Aldo Marzano - ANIA Francesco Bruno Willis La situazione in Italia Dati prodotti dal Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti

Dettagli

RISCHIO INQUINAMENTO & SOLUZIONI ASSICURATIVE

RISCHIO INQUINAMENTO & SOLUZIONI ASSICURATIVE RISCHIO INQUINAMENTO & SOLUZIONI ASSICURATIVE Sala delle Colonne BPM Milano 29 aprile 2010 Francesco G. Paparella Presidente AIBA PERCHE IL BROKER Nel 2009 i broker: hanno intermediato il 46,1% dei rami

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

la relazione sui rischi: strumenti di analisi e gestione Elio Marchetti

la relazione sui rischi: strumenti di analisi e gestione Elio Marchetti la relazione sui rischi: strumenti di analisi e gestione Elio Marchetti Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili Torino, 24 marzo 2009 Indice degli argomenti I parte: strumenti di analisi

Dettagli

Recall and crisis management negli standard volontari di certificazione del settore alimentare

Recall and crisis management negli standard volontari di certificazione del settore alimentare Recall and crisis management negli standard volontari di certificazione del settore alimentare Maria Chiara Ferrarese Responsabile Divisione agro, food & packaging e Responsabile Progettazione e Innovazione,

Dettagli

Seminari informativi in tema di Assicurazione dei rischi delle imprese. Anno 2010

Seminari informativi in tema di Assicurazione dei rischi delle imprese. Anno 2010 Seminari informativi in tema di Assicurazione dei rischi delle imprese Anno 2010 IL RISK MANAGEMENT: COME ANALIZZARE E GESTIRE CORRETTAMENTE I RISCHI IN AZIENDA PRESENTAZIONE: Ogni azienda, nell'ambito

Dettagli

Torino, 15 ottobre 2009 - Centro Congressi Lingotto. Torino, 15 ottobre 2009 - Centro Congressi Lingotto. All Consulting

Torino, 15 ottobre 2009 - Centro Congressi Lingotto. Torino, 15 ottobre 2009 - Centro Congressi Lingotto. All Consulting Le problematiche assicurative nel Mondo dell uto Torino, 15 ottobre 2009 - Centro Congressi Lingotto Il processo di liquidazione e criticità nella fase di Loss djustment per i casi di RC Prodotto/Ritiro

Dettagli

Il programma Liability per i fornitori di Sogefi Group

Il programma Liability per i fornitori di Sogefi Group Creare cultura nella filiera: Il programma Liability per i fornitori di Sogefi Group Risk Manager Sogefi SpA Sogefi Group Risk Management Organizzazione di RM: creata nel Novembre 2002 Scopo: ottenere

Dettagli

Contratto per la fornitura di ingranaggi, con assistenza tecnica TRA

Contratto per la fornitura di ingranaggi, con assistenza tecnica TRA 1 Spett.le ESSE STAMPI SpA Oggetto: Contratto per la fornitura di ingranaggi, con assistenza tecnica TRA CLIENTE ITALIA S.p.A. - con sede legale in Milano di seguito menzionata come CLIENTE ITALIA E ESSE

Dettagli

1 - OGGETTO DELL ASSICURAZIONE

1 - OGGETTO DELL ASSICURAZIONE OGGETTO E DELIMITAZIONE DELL' ASSICURAZIONE PROFESSIONAL Amministratore di stabili condominiali SCHEDA DI COPERTURA 005 Le condizioni che seguono integrano le Condizioni di Assicurazione previste dal mod.

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

Indicazioni per un aggiornamento della documentazione ai sensi della Direttiva 2007/47

Indicazioni per un aggiornamento della documentazione ai sensi della Direttiva 2007/47 Indicazioni per un aggiornamento della documentazione ai sensi della Direttiva 2007/47 Modifiche alla fascicolazione tecnica: Come noto la fascicolazione tecnica di un dispositivo medico su misura, che

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001 Ing. Sandro Picchiolutto Fabbisogni di qualificazione e certificazione (Q&C) di competenze, servizi e sistemi per l efficienza energetica e le fonti rinnovabili Q&C dei sistemi di gestione in base alla

Dettagli

L assicurazione del rischio da prodotto difettoso.

L assicurazione del rischio da prodotto difettoso. L assicurazione del rischio da prodotto difettoso. Dott.ssa Raffaella Tassinari Treviso, 13/04/2012 D o Perché la polizza RC Prodotti? Mutate tecnologie di produzione; Molteplicità di partecipanti al processo

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Premessa : ogni fornitura comprende esclusivamente la merce e i servizi indicati nel relativo ordine d acquisto, nel preventivo e/o nella lettera di conferma d ordine accettati

Dettagli

PROFILI GIURIDICI DEL RISCHIO DI RESPONSABILITÀ AMBIENTALE

PROFILI GIURIDICI DEL RISCHIO DI RESPONSABILITÀ AMBIENTALE Rischio Inquinamento e Soluzioni Assicurative Milano, 29 aprile 2010 PROFILI GIURIDICI DEL RISCHIO DI RESPONSABILITÀ AMBIENTALE Prof Avv. Alberto Monti Università Commerciale Luigi Bocconi Studio Legale

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITA CIVILE PRODOTTI PARTE 1 NOTIZIE GENERALI

ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITA CIVILE PRODOTTI PARTE 1 NOTIZIE GENERALI Helvetia Compagnia Svizzerad Assicurazioni SA Rappresentanza Generale e Direzione per l Italia 20139 Milano, Via G.B. Cassinis, 21 Metro 3 - Staz. Porto di Mare Tel. 5351.1 (20 linee), Telefax 5520360

Dettagli

Assicurazione della Responsabilita Civile Prodotti Proposta - questionario

Assicurazione della Responsabilita Civile Prodotti Proposta - questionario Assicurazione della Responsabilita Civile Prodotti Proposta - questionario Ditta Proponente Indirizzo Sito Internet www. PARTE 1 º - NOTIZIE GENERALI 1 Descrizione sommaria di tutti i prodotti per i quali

Dettagli

ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITA CIVILE PRODOTTI PROPOSTA QUESTIONARIO

ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITA CIVILE PRODOTTI PROPOSTA QUESTIONARIO Ditta Proponente: ASCURAZIONE DELLA RESPONSABILITA CIVILE PRODOTTI PROPOSTA QUESTIONARIO Indirizzo: Comune: PARTE I TIZIE GENERALI 1) Descrizione sommaria di tutti i prodotti per i quali il Proponente

Dettagli

Tecnobroker s.r.l. Via G. Casaregis, 42-1 - 16129 Genova Telefono 010.593632 Fax 010.9998696 Web: www.tecnobroker.com Email:

Tecnobroker s.r.l. Via G. Casaregis, 42-1 - 16129 Genova Telefono 010.593632 Fax 010.9998696 Web: www.tecnobroker.com Email: Tecnobroker s.r.l. Via G. Casaregis, 42-1 - 16129 Genova Telefono 010.593632 Fax 010.9998696 Web: www.tecnobroker.com Email: tecnobroker@tecnobroker.it Pec emailcertificata@pec.tecnobroker.it Il Broker

Dettagli

IRIS International Railway Industry Standard

IRIS International Railway Industry Standard Italiano Appendice, 19 Giugno 2008 IRIS International Railway Industry Standard Hier kann ein kleiner Text stehen Hier kann ein kleiner Text stehen Hier kann ein kleiner Text stehen Hier kann ein kleiner

Dettagli

DAL COSTO DELLA FLOTTA AL TCO

DAL COSTO DELLA FLOTTA AL TCO DAL COSTO DELLA FLOTTA AL TCO Case history LAVAZZA Corporate General Services Manager Laura Echino Milano, 23 ottobre 2013 1 IL GRUPPO IL FATTURATO 2012 1.330,7 milioni di euro 3 LAVAZZA oggi è presente

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA 1 SCOPO... 1 2 RIFERIMENTI... 1 3 APPLICABILITÀ... 1 4 CLAUSOLE GENERALI... 2 4.1 Accesso allo stabilimento... 2 4.2 Riservatezza... 2 4.3 Sub-fornitura... 2 4.4 Garanzia... 2 5 DISPOSIZIONI IN MATERIA

Dettagli

LA SICUREZZA SUL LAVORO LA NORMA BS OHSAS 18001 E LA CERTIFICAZIONE

LA SICUREZZA SUL LAVORO LA NORMA BS OHSAS 18001 E LA CERTIFICAZIONE G E S T I R E LA SICUREZZA SUL LAVORO LA NORMA E LA CERTIFICAZIONE Premessa La sicurezza sui luoghi di lavoro è un argomento che da molto tempo è all attenzione del nostro Paese. Gli incidenti sui luoghi

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità IL RISCHIO Il rischio è la distribuzione dei possibili scostamenti dai risultati attesi per effetto di eventi di incerta manifestazione, interni

Dettagli

ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITA' CIVILE PRODOTTI PROPOSTA - QUESTIONARIO

ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITA' CIVILE PRODOTTI PROPOSTA - QUESTIONARIO ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITA' CIVILE PRODOTTI PROPOSTA - QUESTIONARIO Ditta Proponente: Part. IVA Indirizzo Comune PARTE 1ª - NOTIZIE GENERALI 1) Descrizione sommaria di tutti i prodotti (Per ogni

Dettagli

In merito al DDL che prevede la partecipazione del capitale nelle farmacie

In merito al DDL che prevede la partecipazione del capitale nelle farmacie Legge annuale per il mercato e la Concorrenza (A.S. 2085) Audizione presso la X Commissione Industria, Commercio, Turismo Senato della Repubblica Roma, 12 novembre 2015 La Distribuzione Intermedia Farmaceutica

Dettagli

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE CITTÀ DI ALESSANDRIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PIAZZA DELLA LIBERTÀ N. 1 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Art. 28 comma 1, 1bis e art. 29, D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Circolare Ministero del

Dettagli

Parte 2 Attività professionali e informazioni sul reddito

Parte 2 Attività professionali e informazioni sul reddito Proposta di assicurazione R.C. Professionale di società informatiche Si prega di rispondere a tutte le domande, senza lasciare parti non compilate. Se per rispondere ad una qualsiasi delle domande lo spazio

Dettagli

Le caratteristiche distintive di Quick Budget

Le caratteristiche distintive di Quick Budget scheda prodotto QUICK BUDGET Mercato imprevedibile? Difficoltà ad adeguare le risorse a una domanda instabile e, di conseguenza, a rispettare i budget?tempi e costi troppo elevati per la creazione di budget

Dettagli

Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale

Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale La spirale perversa LEGGI SOCIALI ED AMBIENTALI PIÙ RESTRITTIVE POLITICI INDUSTRIA PERCEZIONE NEGATIVA DEGLI STAKEHOLDER PRESSIONE PER UNA MIGLIORE

Dettagli

EasyMACHINERY ERPGestionaleCRM. partner

EasyMACHINERY ERPGestionaleCRM. partner ERPGestionaleCRM partner La soluzione software per le aziende di produzione di macchine Abbiamo trovato un software e un partner che conoscono e integrano le particolarità del nostro settore. Questo ci

Dettagli

Programmi di verifica dei fornitori stranieri per gli importatori di alimenti per l uomo e gli animali

Programmi di verifica dei fornitori stranieri per gli importatori di alimenti per l uomo e gli animali Informazioni sulla FSMA (Legge per la modernizzazione della sicurezza alimentare) Programmi di verifica dei fornitori stranieri per gli importatori di alimenti per l uomo e gli animali Riepilogo/sommario

Dettagli

rispetto a... La normativa Quadro normativo Quadro normativo Regolamento dell'unione Europea Regolamento rintracciabilità sicurezza

rispetto a... La normativa Quadro normativo Quadro normativo Regolamento dell'unione Europea Regolamento rintracciabilità sicurezza rispetto a... La normativa rintracciabilità sicurezza Quadro normativo COGENTE: disposizione di legge che impone l adozione di un sistema gestionale o di uno standard di qualità VOLONTARIO: regola tecnica

Dettagli

GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE

GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE Le seguenti disposizioni compongono la Politica di Tutela dei Dati relativi alle Risorse Umane del Gruppo Dassault

Dettagli

PERSONA. con il Cliente

PERSONA. con il Cliente con il Cliente inprima PERSONA La necessità degli imprenditori di trasferire una quantità sempre maggiore di rischi, deve essere supportata da una continua evoluzione del prodotto assicurativo. La vera

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Estratto Disciplinare tecnico del Marchio collettivo 5 colori del benessere

Estratto Disciplinare tecnico del Marchio collettivo 5 colori del benessere Estratto Disciplinare tecnico del Marchio collettivo 5 colori del benessere Unione Nazionale tra le Organizzazioni di Produttori Ortofrutticoli Agrumari e di Frutta in Guscio E vietata la riproduzione,

Dettagli

Il Risk Management: l approccio tradizionale

Il Risk Management: l approccio tradizionale Il processo di Risk Management Insurance Brokers Office - Risk Management Elio Marchetti Molecular Biotechnology Center Torino, 27 giugno 2007 Introduzione al Risk Management e all analisi dei rischi per

Dettagli

Programma di Assistenza. per il Personale Dirigente delle Aziende associate a Confindustria

Programma di Assistenza. per il Personale Dirigente delle Aziende associate a Confindustria Programma di Assistenza per il Personale Dirigente delle Aziende associate a Confindustria Previndustria S.p.A. Previndustria S.p.A. nasce nel 1975 con un preciso obiettivo: progettare e realizzare soluzioni

Dettagli

VII Forum Politeia. Supply Chain sostenibile end-to-end. Angelo Spina

VII Forum Politeia. Supply Chain sostenibile end-to-end. Angelo Spina VII Forum Politeia Supply Chain sostenibile end-to-end Angelo Spina 1 www.acquistiesostenibilita.org 4 ACQUISTI &SOSTENIBILITA - Vietata la riproduzione anche parziale ed il ri-editing ad hoc Vers.1.0

Dettagli

Convegno Ecoreati e gestione del rischio aziendale.

Convegno Ecoreati e gestione del rischio aziendale. In collaborazione con : Convegno Ecoreati e gestione del rischio aziendale. Presentazione di : Ing. Gianpaolo Sara Presidente - Euranet Ing. Guido Galazzetti CEO Euranet 29 ottobre 2015 Palazzo dei Congressi

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE 1 GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE Ing. Enrico Perfler Eudax s.r.l. Milano, 23 Gennaio 2014 Indice 2 Il concetto di rischio nei dispositivi medici

Dettagli

POLIZZA II RISCHIO PER LA RESPONSABILITA' CIVILE DEL RISCHIO FERROVIARIO

POLIZZA II RISCHIO PER LA RESPONSABILITA' CIVILE DEL RISCHIO FERROVIARIO POLIZZA II RISCHIO PER LA RESPONSABILITA' CIVILE DEL RISCHIO FERROVIARIO Ottobre 2015 DEFINIZIONI I seguenti vocaboli, indicati nella polizza, significano : Contraente TPER S.p.A. che stipula il contratto

Dettagli

GRUPPO DASSAULT SYSTÈMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI DEI CANDIDATI

GRUPPO DASSAULT SYSTÈMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI DEI CANDIDATI GRUPPO DASSAULT SYSTÈMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI DEI CANDIDATI Nello svolgimento delle proprie attività, Dassault Systèmes e le sue controllate (collettivamente 3DS ) raccolgono i Dati Personali

Dettagli

MANUALE DELLE PROCEDURE. Istruzione Operativa Pag. 2 di 10. IO 01.CondGar_DV: Condizioni di garanzia prodotti Divisione Vehicle

MANUALE DELLE PROCEDURE. Istruzione Operativa Pag. 2 di 10. IO 01.CondGar_DV: Condizioni di garanzia prodotti Divisione Vehicle Istruzione Operativa Pag. 2 di 10 1. SCOPO Definire le condizioni generali di garanzia dei prodotti realizzati e/o venduti dalla Divisione Vehicle, nonché la conseguente gestione del materiale Non Conforme

Dettagli

Assicurazione della Responsabilità Civile degli Amministratori, dei Sindaci e dei Direttori Generali

Assicurazione della Responsabilità Civile degli Amministratori, dei Sindaci e dei Direttori Generali Assicurazione della Responsabilità Civile degli Amministratori, dei Sindaci e dei Direttori Generali Agenda 1. Chubb 2. Mercato della D&O in Europa e in Italia 3. Diffusione della Polizza D&O in Italia

Dettagli

Assicurazione professionale

Assicurazione professionale Assicurazione professionale dei medici-chirurghi e odontoiatri Caratteristiche per una copertura assicurativa ideale massima Caratteristiche per una copertura assicurativa ideale massima Nell analisi delle

Dettagli

l Assicurazione italiana in cifre luglio 2009

l Assicurazione italiana in cifre luglio 2009 l Assicurazione italiana in cifre luglio 29 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei

Dettagli

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 GENERALITA Il Sistema di Gestione Aziendale rappresenta la volontà di migliorare le attività aziendali,

Dettagli

è la soluzione per la piccola e media impresa orientata alle lavorazioni su commessa

è la soluzione per la piccola e media impresa orientata alle lavorazioni su commessa è un azienda nata come capogruppo di aziende consolidate da anni nel settore informatico e rimasta unica per fusione delle sue consociate. Come tale rispecchia quelle che sono le radici di provenienza,

Dettagli

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido Starter Package è una versione realizzata su misura per le Piccole Imprese, che garantisce una implementazione più rapida ad un prezzo ridotto. E ideale per le aziende che cercano ben più di un semplice

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI DIREZIONE GENERALE AVVISO PUBBLICO PER INDAGINE DI MERCATO FINALIZZATA ALL EVENTUALE AFFIDAMENTO DIRETTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER L UNIVERSITA DEGLI

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici Claudio Arcari Piacenza,15 Febbraio 2001 Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo I Titolo II Titolo III Titolo

Dettagli

Authorised Economic Operator (AEO) Sicurezza sul sistema logistico. Silvia Nakos, Manager, KPMG Advisory S.p.A. Milano, 26 giugno 2008

Authorised Economic Operator (AEO) Sicurezza sul sistema logistico. Silvia Nakos, Manager, KPMG Advisory S.p.A. Milano, 26 giugno 2008 Authorised Economic Operator (AEO) Sicurezza sul sistema logistico Silvia Nakos, Manager, KPMG Advisory S.p.A. Milano, 26 giugno 2008 Premessa Analisi iniziale Pre-assessment modifiche Il percorso per

Dettagli

Perché è importante la valutazione dei rischi?

Perché è importante la valutazione dei rischi? Intervista al sig. Jukka Takala, direttore dell'agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro Bilbao, 28 aprile 2008 Cosa si intende per valutazione dei rischi? Jukka Takala: La valutazione dei

Dettagli

Responsabilità civile Professionale degli intermediari assicurativi

Responsabilità civile Professionale degli intermediari assicurativi Responsabilità civile Professionale degli intermediari assicurativi Questionario Avviso Importante Questa proposta deve essere compilata in inchiostro da un socio, consigliere o dirigente della Società

Dettagli

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization )

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) Linea Guida sulla Responsabilità Sociale delle Organizzazioni. Nasce da lavoro

Dettagli

Polizza RC Professionale

Polizza RC Professionale Polizza RC Professionale Polizza RC Professionale tutela le perdite patrimoniali cagionate a terzi compresi i clienti, derivanti da errori e omissioni nell'esercizio dell'attività professionale. Coperture

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi.

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. 5. Processi Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. Il criterio vuole approfondire come l azienda agrituristica

Dettagli

La soluzione informatica carrelli elevatori web nasce per risolvere e gestire le problematiche legate al settore carrelli elevatori.

La soluzione informatica carrelli elevatori web nasce per risolvere e gestire le problematiche legate al settore carrelli elevatori. COS È La soluzione informatica carrelli elevatori web nasce per risolvere e gestire le problematiche legate al settore carrelli elevatori. Il sistema consente di vendere noleggiare manutenere riparare

Dettagli

EasyPLAST. Siamo riusciti a trasferire in EasyPLAST tutte le informazioni e le procedure che prima erano gestite con fogli excel

EasyPLAST. Siamo riusciti a trasferire in EasyPLAST tutte le informazioni e le procedure che prima erano gestite con fogli excel Abbiamo completamente eliminato i costi di personalizzazione e di continuo sviluppo per cercare di adattare un prodotto software orizzontale e generalista alle problematiche del nostro settore Un software

Dettagli

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization )

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) Linea Guida sulla Responsabilità Sociale delle Organizzazioni. Nasce da lavoro di un gruppo Multistakeholder internazionale, coordinato da

Dettagli

CONCETTI E DEFINIZIONI

CONCETTI E DEFINIZIONI Contenuti del DVR CONCETTI E DEFINIZIONI Valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori presenti nell ambito dell organizzazione in cui essi prestano la propria

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA DI RECUPERO E SMALTIMENTO DEI PNEUMATICI FUORI USO:

IL NUOVO SISTEMA DI RECUPERO E SMALTIMENTO DEI PNEUMATICI FUORI USO: Servizi alla Comunità AUTORIPARAZIONE IL NUOVO SISTEMA DI RECUPERO E SMALTIMENTO DEI PNEUMATICI FUORI USO: TUTTO QUELLO CHE È NECESSARIO SAPERE IN 16 DOMANDE D 1) Perché è stato istituito il Contributo

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12. Learning Center Engineering Management INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Autore: Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.2007 VIA

Dettagli

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 SANDRO COSSU VALUTATORE SISTEMI DI GESTIONE CERTIQUALITY Oristano 27 Maggio 2008 GLI STRUMENTI

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

TorreBar S.p.A. Svolgimento

TorreBar S.p.A. Svolgimento TorreBar S.p.A. Svolgimento 2. Partendo dalle informazioni sopra esposte, si costruisca la mappa strategica specificando le relazioni di causa effetto tra le diverse prospettive della BSC. Azioni Crescita

Dettagli

Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza

Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza Quarta, la soluzione informatica per la costruzione di un Sistema Qualità, Ambiente e Sicurezza fortemente integrato è in grado di garantire l efficacia

Dettagli

Associazione Italiana Information Systems Auditors

Associazione Italiana Information Systems Auditors Associazione Italiana Information Systems Auditors Agenda AIEA - ruolo ed obiettivi ISACA - struttura e finalità La certificazione CISA La certificazione CISM 2 A I E A Costituita a Milano nel 1979 Finalità:

Dettagli

,,,,, ,,, omississ,,, Art. 5. Misure per la concorrenza e per la tutela del consumatore nei servizi assicurativi

,,,,, ,,, omississ,,, Art. 5. Misure per la concorrenza e per la tutela del consumatore nei servizi assicurativi LEGGE 2 aprile 2007, n.40 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 31 gennaio 2007, n. 7, recante misure urgenti per la tutela dei consumatori, la promozione della concorrenza, lo sviluppo

Dettagli

I processi aziendali e l industria della cornice di legno.

I processi aziendali e l industria della cornice di legno. I processi aziendali e l industria della cornice di legno. Productio Flow può essere classificato come un sistema software progettato ad hoc sulle esigenze gestionali dell industria della cornice di legno

Dettagli

L Assicurazione italiana in cifre

L Assicurazione italiana in cifre L Assicurazione italiana in cifre Luglio 2010 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini avranno il significato di seguito

Dettagli

Senato della Repubblica X Commissione Industria

Senato della Repubblica X Commissione Industria Senato della Repubblica X Commissione Industria Memoria Anigas in ordine allo schema di decreto legislativo recante attuazione delle direttive europee 2009/72/CE, 2009/73/CE e 2008/92/CE relative a norme

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.04 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

Area Applicativa: Qualità

Area Applicativa: Qualità Il software progettato e sviluppato per gestire in modo del tutto informatizzato le attività relative al controllo qualità aziendale. Un applicazione specifica che consente di raccogliere dati, analizzarli

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto l'articolo 23 del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla

Dettagli

Global Pro Contaminazione Accidentale e Dolosa

Global Pro Contaminazione Accidentale e Dolosa Global Pro Contaminazione Accidentale e Dolosa Allianz Global Corporate & Specialty Milano 13 Maggio 2013 Indice 1 Il rischio contaminazione Pag. 3 2 Il prodotto Global Pro Pag. 5 3 La valutazione del

Dettagli

LE SOLUZIONI PER L'INDUSTRIA AMMINISTRARE I PROCESSI

LE SOLUZIONI PER L'INDUSTRIA AMMINISTRARE I PROCESSI LE SOLUZIONI PER L'INDUSTRIA AMMINISTRARE I PROCESSI (ERP) Le soluzioni Axioma per l'industria Le soluzioni di Axioma per l'industria rispondono alle esigenze di tutte le aree funzionali dell azienda industriale.

Dettagli

FORMAZIONE SULLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI (D.LGS. 81/2008)

FORMAZIONE SULLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI (D.LGS. 81/2008) FORMAZIONE SULLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI (D.LGS. 81/2008) La normativa La società e i servizi di formazione Qualsiasi attività (aziende, studi professionali, negozi ecc.) che abbia almeno un

Dettagli

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1 Analisi della catena logistica Analisi della catena logistica 1 La visione tradizionale della logistica nel settore manifatturiero Utile 4% Costi della Logistica 21% Utile Costi logistici Costi del Marketing

Dettagli

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu CHI SIAMO Carmaconsulting nasce dall intuizione dei soci fondatori di offrire

Dettagli

TE WIND S.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING

TE WIND S.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING TE WIND S.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione di TE Wind S.A. in data 7 ottobre 2013-1 - Premessa In applicazione dell art. 11 combinato con l art. 17

Dettagli

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTI PLASTICI IN POLIPROPILENE CON CONTENUTO RICICLATO

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTI PLASTICI IN POLIPROPILENE CON CONTENUTO RICICLATO PROCEDURA OPERATIVA REGOLE PARTICOLARI PER PRODOTTI PLASTICI IN 0 15/03/2012 RQ LTM 1 di 7 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...3 2. TERMINOLOGIA...3 2.1 RICICLO DI MATERIALI PLASTICI...3 2.2 MATERIALE PLASTICO

Dettagli

Contaminazione dei Prodotti

Contaminazione dei Prodotti Response XL Italia XL Group Insurance Contaminazione dei Prodotti 2 01 Introduzione 02 Response XL il nostro network, il nostro approccio 03 Servizio di consulenza per la gestione delle crisi e dei rischi

Dettagli

Progetto il Ponte srl si occupa di progettazione e sviluppo di progetti per l internazionalizzazione delle aziende

Progetto il Ponte srl si occupa di progettazione e sviluppo di progetti per l internazionalizzazione delle aziende Company Profile Progetto il Ponte srl si occupa di progettazione e sviluppo di progetti per l internazionalizzazione delle aziende Assistenza alle aziende italiane nel pianificare e attuare un percorso

Dettagli

Presentazione della Società

Presentazione della Società Presentazione della Società La Società G & A S.p.A. nasce dalla fusione dei rami d azienda trasporto prodotti petroliferi di AUTOSPED G S.p.A. e AGOGLIATI G. & B. S.r.l. G & A S.p.A. opera nel settore

Dettagli

PROCEDURA DELLA QUALITÀ

PROCEDURA DELLA QUALITÀ Pagina 1 di 8 PROCEDURA DELLA QUALITÀ GESTIONE DEL PRODOTTO NON CONFORME INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. PROCEDURE E ISTRUZIONI OPERATIVE COLLEGATE 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI 4. MODALITA

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE.

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE. I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE. 1 Nel panorama legislativo italiano la Salute e la Sicurezza sul Lavoro sono regolamentate da un gran numero di

Dettagli

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Sommario Procedure gestionali obbligatorie secondo ISO 9001:2008; Gestione Documenti; Audit Interni; Non Conformità; Azioni di miglioramento (azioni correttive

Dettagli

INTERVENTO FORMATIVO SULLA SICUREZZA

INTERVENTO FORMATIVO SULLA SICUREZZA INTERVENTO FORMATIVO SULLA SICUREZZA Destinatari: Tutto il Personale Scolastico in servizio RIFERIMENTI NORMATIVI ACCORDI STATO REGIONI DEL 21/12/2011 (Accordo tra il Ministro del lavoro e delle politiche

Dettagli