comunicare la crisi >>>>

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "comunicare la crisi >>>>"

Transcript

1 comunicare la crisi

2 tutto può precipitare in una crisi Catastrofi naturali attentati incidenti scalate ostili trans-fotografie copertine black-out cadute di sistemi paralisi dei collegamenti mucca pazza uranio impoverito aeroporti bloccati scioperi diossina antrace frane 2

3 una definizione La crisi è un evento straordinario, il cui accadimento e la cui visibilità all esterno minacciano di produrre un effetto negativo sulle attività e sulla reputazione dell organizzazione, rispetto al quale la prontezza e la pertinenza della risposta diventano fondamentali (Emanuele Invernizzi) 3

4 gli aspetti della crisi l eccezionalità dell evento critico, straordinario e spesso inaspettato la visibilità dell evento negativo e dei suoi effetti all esterno, perché resi noti ed amplificati dai media; l unica realtà della crisi è quella percepita come vera dai pubblici di riferimento dell organizzazione 3. la necessità di una risposta tempestiva e pertinente nelle 24 ore successive, determinante per il successo/fallimento nella tutela degli obiettivi fondamentali e per salvare la reputazione dell organizzazione. 4

5 le tipologie della crisi Crisi cobra: improvvise Crisi pitone: covano nell ambiente e nella stessa struttura magari causate da demotivazione interna, livello scadente della gestione, scarsa comunicazione interna 5

6 I segnali della crisi Prime voci in ambienti circoscritti (sindacati, corridoi ) Segnalazioni sui social, blog Contestazioni formali e non da parte degli utenti/clienti Prime telefonate di giornalisti Escono i primi pezzi : agenzie, brevi, articoli, interviste Partono le prime dichiarazioni in libertà Esplode il dibattito in rete Arrivano i grandi quotidiani Parte il dibattito politico Mass media assediano il palazzo L opinione pubblica si divide in colpevolisti e non

7 caratteristiche Fattore sorpresa Assenza di tempo Scarsità delle informazioni Pressione interna ed esterna crisi di fiducia da parte degli stakeholder Difficoltà organizzative interne Improvvisazione paura

8 il ciclo di vita di una crisi Mitroff e Pauchant sono arrivati a definire 7 fasi della crisi: Allarme: individuare in anticipo i segnali è importante. A volte la struttura si irrigidisce e nega il problema Paura: pericolo immobilità Impatto: la crisi esplode. Caos, mancano riferimenti. I media pressano. Si diffondono le voci 8

9 il ciclo di vita di una crisi Bilancio: è la capacità di riprendere in mano la situazione facendo il punto e cercando di organizzare una risposta che deve essere rapida e pertinente Salvataggio: primi interventi per limitare i danni ponendo fine a fase emergenza Rimedio: si pone fine alla causa della crisi 7. Ripristino: a breve si fa ripartire attività; a lungo recupero e miglioramento posizione 9

10 il crisis management E un processo sistematico di prevenzione e gestione delle situazioni di crisi. Consiste nella messa a punto e nell applicazione di strategie e tattiche, che possano prevenire o modificare l impatto di eventi critici sull organizzazione 4 fasi: 1. Prevedere 1. Programmare 1. Comunicare e gestire la crisi 1. Gestire il dopo crisi 10

11 Il crisis Team E l unità organizzativa, in staff col vertice dell organizzazione, che ha il compito di programmare e gestire la crisi Realizza i protocolli organizzativi: mette in atto il piano di comunicazione della crisi Composto da responsabili di diverse aree: comunicazione, ufficio stampa, risorse umane, ufficio legale, sicurezza, resp. di settore Ruolo fondamentale è svolto dal Portavoce: il volto del crisis team. L unico a rilasciare dichiarazioni.

12 il processo di crisis management Prevedere: attivare un sistema di audit della crisi attraverso l analisi dei rischi e monitorare i segnali premonitori che le crisi producono prima di manifestarsi Secondo Mitroff qualunque azienda/organizzazione prima o poi dovrà affrontare una crisi e quindi devo porsi queste domande: - A quale tipo di crisi siamo esposti? - Quando, come e dove si può verificare? 12

13 il processo di crisis management 2. Programmare: elaborare piani di intervento per mettere a disposizione metodologie condivise per contenere i danni: la capacità di comunicare in stato di crisi non si improvvisa Nei piani vengono esplicitati: - le procedure operative - i canali di comunicazione - le attrezzature - il personale impegnato - compiti e responsabilità (crisis management team)

14 il processo di crisis management 3. Comunicare la crisi: fase decisiva La comunicazione è l elemento chiave di un sistema di gestione della crisi Obiettivo: tutelare la reputazione dell organizzazione 14

15 la comunicazione di crisi Deve essere: Tempestiva Aggiornata Centralizzata Trasparente Rivolta all interno e all esterno Diretta ai media, prima che sul sito Aperta all ascolto 15

16 la comunicazione di crisi 1. tempestiva Essere i primi a comunicare è essenziale Prendere l iniziativa: la dichiarazione iniziale è la prima ed essenziale azione di comunicazione di crisi Inviare al più presto la dichiarazione iniziale per gestire e non subire il processo di informazione e accreditarsi come fonte autorevole Accentrare il flusso di informazioni e di dati per divenire subito punto di riferimento e fonte primaria 16

17 la comunicazione di crisi 2. aggiornata La velocità e la pressione dei media richiede aggiornamenti frequenti Garantire un flusso continuo di informazioni: comunicati aggiornati con dati e notizie (mai lasciare vuoti di informazione) Deve rivolgersi a tutti i media 17

18 la comunicazione di crisi 3. centralizzata La comunicazione di crisi deve essere coerente, per non perdere il controllo (comunicare in modo contraddittorio o confuso mina credibilità) Mettere in evidenza le misure di sicurezza di cui dispone l organizzazione 18

19 la comunicazione di crisi 4. trasparente Fortemente riferita a valori etici dichiarati: fondata su una reputazione costruita nel tempo e su relazioni forti con i media Essere chiari e esaustivi: fornire notizie non commenti 19

20 la comunicazione di crisi 5. rivolta all interno e all esterno All interno I giornalisti hanno sempre fonti interne All esterno Tracciare tutti gli interlocutori 20

21 la comunicazione di crisi 6. precedenza ai media Non pubblicare sul sito notizie non ancora date ai media Il ruolo di Internet e dei Social Sito: serve per informare il pubblico (aggiornamenti) Press room on line: comunicati stampa e successivi aggiornamenti, fotografie e dichiarazioni Monitoraggio on line: sondare rumors, opinioni e commenti e contrattaccare 21

22 la comunicazione di crisi 7. apertura all ascolto Fondamentale in questo il ruolo di internet, social, centralino, numero verde Monitorare le notizie date dai media: per fare eventuali correzioni 22

23 messaggi e contenuti Riconoscimento del problema e degli interlocutori Bisogna subito far capire di essere coinvolti dalla crisi e disponibili a fornire informazioni, anche se occorre prendersi il tempo necessario L assunzione di responsabilità sociale Non ammettere le proprie colpe compromette la credibilità dell organizzazione. Bisogna essere credibili, chiari, usare paragoni, dati concreti, cercare pareri autorevoli favorevoli La dimostrazione di serietà Bisogna comunicare la volontà di approfondire e rimuovere le cause della crisi e gli eventuali provvedimenti correttivi 23

24 messaggi e contenuti Non dire bugie (non nascondere fatti rilevanti) È inutile tenerla bassa o dire: no comment Perdere il filo delle informazioni Azzeccare il tono (alto, basso, difensivo, offensivo, burocratico )

25 il processo di crisis management Gestire il dopo crisi: - valutazioni a posteriori per mettere a punto e migliorare sistemi di monitoraggio e difesa - capire e rimuovere le cause che l hanno generata - riflettere sulla gestione della comunicazione 25

La comunicazione del rischio

La comunicazione del rischio La comunicazione del rischio Di Mauro Palazzi (modificata) A cura di Luigi Triggiano Medico di medicina generale 1 OBIETTIVI DEL CORSO migliorare le conoscenze sulla comunicazione e sulle sue criticità

Dettagli

RBIT/HRC-TEC 2013 Robert Bosch GmbH 2012. All rights reserved, also regarding any disposal, exploitation, reproduction, editing, distribution, as

RBIT/HRC-TEC 2013 Robert Bosch GmbH 2012. All rights reserved, also regarding any disposal, exploitation, reproduction, editing, distribution, as 1 RBIT/HRC-TEC 2013 Robert Bosch GmbH 2012. All rights reserved, also regarding any disposal, exploitation, reproduction, editing, distribution, as well as in the event of applications for industrial property

Dettagli

Lezione 22: La Comunicazione Istituzionale Stella Romagnoli

Lezione 22: La Comunicazione Istituzionale Stella Romagnoli Lezione 22: La Comunicazione Istituzionale Stella Romagnoli Comunicazione Istituzionale e reputazione d impresa Strumenti principali: Public Affairs Crisis Management Codice Etico, Bilancio Sociale e Sostenibilità

Dettagli

LA COMUNICAZIONE IN STATO DI CRISI

LA COMUNICAZIONE IN STATO DI CRISI LA COMUNICAZIONE IN STATO DI CRISI Come prevenire e gestire la comunicazione in situazioni emergenziali. Quello che non vorremmo mai accadesse ma è bene tener presente AREA PUBBLICHE RELAZIONI E REPUTAZIONE

Dettagli

Prefazione di Franco Angioni Centro di Documentazione Giornalistica

Prefazione di Franco Angioni Centro di Documentazione Giornalistica Mauro De Vincentiis comunicare l'emergenza crisis management: la gestione delle notizie che non si vorrebbero mai dare Prefazione di Franco Angioni Centro di Documentazione Giornalistica Libro strutturato

Dettagli

Piccola guida per autori al Crisis Management

Piccola guida per autori al Crisis Management Stefano Calicchio Piccola guida per autori al Crisis Management Come gestire opinioni negative e critiche mantenendo alta la reputazione del proprio libro 1 2 Copyright 2007 Stefano Calicchio tutti i diritti

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE CRISI RELATIVE AL MERCATO IN AMBITO FEDERBIO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE CRISI RELATIVE AL MERCATO IN AMBITO FEDERBIO Premessa La certificazione nel settore del biologico è un punto di forza che trasmette al pubblico finale un valore aggiunto elevato e lo guida nelle scelte di acquisto. L esito di questa attività può

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2014-2015. Master universitario di I livello in Management e Gestione della Comunicazione di Crisi e di Emergenza

ANNO ACCADEMICO 2014-2015. Master universitario di I livello in Management e Gestione della Comunicazione di Crisi e di Emergenza FORMULARIO per istituzione e attivazione master di I e II livello ANNO ACCADEMICO 2014-2015 Master universitario di I livello in Management e Gestione della Comunicazione di Crisi e di Emergenza Annuale

Dettagli

STRUMENTI E TECNICHE LEZIONE 3: BRAND REPUTATION. La reputazione di un brand dipende da due fattori collegati e interconnessi:

STRUMENTI E TECNICHE LEZIONE 3: BRAND REPUTATION. La reputazione di un brand dipende da due fattori collegati e interconnessi: WEB 2.0 STRUMENTI E TECNICHE LEZIONE 3: BRAND REPUTATION Tina Fasulo VERSO LA DIGITAL BRAND REPUTATION La reputazione di un brand dipende da due fattori collegati e interconnessi: Ciò che viene comunicato

Dettagli

le interviste condotte ai rappresentanti di Scandinavian Airlines e di organizzazioni che con essa hanno collaborato alla gestione dell emergenza.

le interviste condotte ai rappresentanti di Scandinavian Airlines e di organizzazioni che con essa hanno collaborato alla gestione dell emergenza. Sintesi La presente tesi si propone di descrivere e analizzare la gestione di crisi attivata dalla compagnia aerea Scandinavian Airlines, in seguito al coinvolgimento nell incidente di Linate dell 8 ottobre

Dettagli

EVENT LEZIONE 11. IL RISK MANAGEMENT La gestione del rischio Il crisis management. Economia e organizzazione degli eventi.

EVENT LEZIONE 11. IL RISK MANAGEMENT La gestione del rischio Il crisis management. Economia e organizzazione degli eventi. LEZIONE 11 IL RISK MANAGEMENT La gestione del rischio Il crisis management Cristiano Habetswallner EVENT RISK MANAGEMENT IL RISCHIO E LA POSSIBILITÀ CHE ACCADA QUALCOSA CHE IMPATTI SUGLI OBIETTIVI DELL

Dettagli

La comunicazione istituzionale. Lorenza Rossini

La comunicazione istituzionale. Lorenza Rossini La comunicazione istituzionale La comunicazione istituzionale La comunicazione istituzionale riguarda l impresa nella sua interezza e pone al centro del messaggio la sua identità, i suoi valori, i suoi

Dettagli

CRISIS MANAGEMENT BASE PER NON ADDETTI AI LAVORI

CRISIS MANAGEMENT BASE PER NON ADDETTI AI LAVORI Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT Anno Accademico 2013-2014 CORSO DI CRISIS MANAGEMENT BASE PER NON ADDETTI AI LAVORI FINALITÀ E DESTINATARI Perché parlare di Crisis Management?Prepararsi

Dettagli

Lezione 18: PR e rapporti con i media Stella Romagnoli

Lezione 18: PR e rapporti con i media Stella Romagnoli Lezione 18: PR e rapporti con i media Definizione Ambiti e obiettivi Le aree di intervento I target Strumenti e Strategie della Comunicazione d'impresa 2 Le Relazioni Pubbliche (Public Relations) governano

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

INDAGINE PROFESSIONI A CONFRONTO: COME I RELATORI PUBBLICI E I GIORNALISTI ITALIANI PERCEPISCONO LA PROPRIA PROFESSIONE E QUELLA DELL ALTRO

INDAGINE PROFESSIONI A CONFRONTO: COME I RELATORI PUBBLICI E I GIORNALISTI ITALIANI PERCEPISCONO LA PROPRIA PROFESSIONE E QUELLA DELL ALTRO INDAGINE PROFESSIONI A CONFRONTO: COME I RELATORI PUBBLICI E I GIORNALISTI ITALIANI PERCEPISCONO LA PROPRIA PROFESSIONE E QUELLA DELL ALTRO Analisi elaborata da Chiara Valentini e Toni Muzi Falconi SINTESI

Dettagli

Media Office Coordinator

Media Office Coordinator TERMINI DI RIFERIMENTO RUOLO: AREA/DIPARTIMENTO: SEDE DI LAVORO: Media Office Coordinator Marketing e Comunicazione Divisione Comunicazione Media and Celebrities Department Save the Children Italia Onlus

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Parte II Le aree della comunicazione d impresa

Parte II Le aree della comunicazione d impresa Parte II Le aree della comunicazione d impresa Cap.3 La comunicazione istituzionale Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 fabio.forlani@uniurb.it La comunicazione istituzionale: definizione

Dettagli

La comunicazione per la gestione delle crisi

La comunicazione per la gestione delle crisi 8 La comunicazione per la gestione delle crisi Emanuele Invernizzi e Rossella Gambetti Nessuna organizzazione, nessun prodotto, nessun personaggio pubblico può considerarsi immune dal rischio di crisi.

Dettagli

Insight. Gestire e comunicare la crisi: un caso di successo. N. 24 Maggio 2009

Insight. Gestire e comunicare la crisi: un caso di successo. N. 24 Maggio 2009 Insight N. 24 Maggio 2009 Gestire e comunicare la crisi: un caso di successo Il termine crisi suggerisce istintivamente un momento, nella vita di una persona o di un azienda, dalle conseguenze non prevedibili

Dettagli

Crisi aziendali: prevederle, gestirle e contenerle

Crisi aziendali: prevederle, gestirle e contenerle Crisi aziendali: prevederle, gestirle e contenerle Sergio Pisano - MS&L Italia Milano, 17 maggio 2005 L azienda e lo scenario nel quale essa si muove sono entità dinamiche in continuo cambiamento Negli

Dettagli

CODICE ETICO E DI CONDOTTA PROFESSIONALE

CODICE ETICO E DI CONDOTTA PROFESSIONALE CODICE ETICO E DI CONDOTTA PROFESSIONALE CAPITOLO 1. VISIONE ED AREA DI APPLICAZIONE 1.1 Visione e scopo In qualità di professionisti del project management, ci assumiamo l impegno di agire in modo giusto

Dettagli

BILANCIO SOCIALE SA 8000

BILANCIO SOCIALE SA 8000 BILANCIO SOCIALE SA 8000 ITAF srl www.itafsrl.it Pag 1 di 9 INDICE 1Introduzione... 3 2 PROFILO AZIENDALE 2.1 Company Profile.. 3 2.2 Certificazioni e Qualifiche...3 2.3 Attività realizzate.4 2.3 I valori..4

Dettagli

RISK & CRISIS MANAGEMENT come fronteggiare eventi imprevedibili con prontezza ed efficacia

RISK & CRISIS MANAGEMENT come fronteggiare eventi imprevedibili con prontezza ed efficacia con il sostegno di propongono il percorso formativo RISK & CRISIS MANAGEMENT come fronteggiare eventi imprevedibili con prontezza ed efficacia sede del corso: ISFOR 2000, via Pietro Nenni 30, Brescia periodo

Dettagli

Oltre l ufficio stampa. Strategie e strumenti delle relazioni con i media

Oltre l ufficio stampa. Strategie e strumenti delle relazioni con i media Oltre. Strategie e strumenti delle relazioni con i media Dott. Andrea Cerase COMUNICAZIONE PER IL MANAGEMENT D IMPRESA (Proff. V. Martino, A. Rocchi) La scaletta dell incontro Dal alle media relation Il

Dettagli

Judgment. Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement.

Judgment. Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement. Judgment Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement.com 2014 Hogan Assessment Systems PERSONALITÀ E DECISIONI I problemi

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria

Città di Tortona Provincia di Alessandria Città di Tortona Provincia di Alessandria REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RIPRESE AUDIO-VIDEO DELLE SEDUTE DEL CONSIGLIO COMUNALE E DELLE COMMISSIONI CONSILIARI Approvato con Deliberazione del Consiglio

Dettagli

Introduzione. Non è la più forte delle specie che sopravvive, né la più intelligente, ma quella più reattiva ai cambiamenti.

Introduzione. Non è la più forte delle specie che sopravvive, né la più intelligente, ma quella più reattiva ai cambiamenti. Introduzione Non è la più forte delle specie che sopravvive, né la più intelligente, ma quella più reattiva ai cambiamenti. ( Charles Darwin) La recente crisi finanziaria ha messo a dura prova la capacità

Dettagli

Area Standard Buona pratica Ambito di applicazione

Area Standard Buona pratica Ambito di applicazione Area Standard Buona pratica Ambito di applicazione Sviluppo sistema di gestione del rischio clinico Prevenzione e gestione degli eventi avversi Gestione della relazione e della comunicazione interna e

Dettagli

Approvato in Consiglio di Amministrazione del 14 novembre 2008

Approvato in Consiglio di Amministrazione del 14 novembre 2008 Approvato in Consiglio di Amministrazione del 14 novembre 2008 Copia n Prot. In consegna a (Nome e Cognome) Funzione / Società SEZ 1 Pagina 2/2 INDICE INDICE DEI CONTENUTI 1 INTRODUZIONE...1 2 AMBITO DI

Dettagli

«Risk Management in ospedale, tra governance e assicurazioni»

«Risk Management in ospedale, tra governance e assicurazioni» «Risk Management in ospedale, tra governance e assicurazioni» LA SALUTE: ASSICURARE LA MEDICINA E PROTEGGERE I CITTADINI Roma, 29 novembre 2012 Teatro Capranica 1 agenda Chi è Cineas Lo scenario L ospedale

Dettagli

Questionario di fine modulo Accoglienza

Questionario di fine modulo Accoglienza Questionario di fine modulo Accoglienza Si propongono di seguito n. 18 di domande chiuse con 4 possibili risposte. Solo una risposta è corretta. Le domande sono state divise in 4 sezioni (A, B, C, D).

Dettagli

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali Il sistema di controllo interno Argomenti della lezione 1 - Controllo Interno: definizione e componenti 2 - Ambiente di controllo 3 - Valutazione

Dettagli

Risk Assessment e la Norma ISO 9001:2015 parte 3

Risk Assessment e la Norma ISO 9001:2015 parte 3 Risk Assessment e la Norma ISO 9001:2015 parte 3 PROMOSSO E ORGANIZZATO DA IN COLLABORAZIONE CON: 1/40 Risk management: collegamenti e sinergie con il Sistema Qualità Come visto nel precedente intervento,

Dettagli

Un fattore decisivo per il vostro business è far arrivare il vostro messaggio al giusto pubblico.

Un fattore decisivo per il vostro business è far arrivare il vostro messaggio al giusto pubblico. Un fattore decisivo per il vostro business è far arrivare il vostro messaggio al giusto pubblico. Per raggiungere i vostri obiettivi affidatevi a dei professionisti. UFFICI STAMPA PR WEB UFFICI STAMPA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA ADOTTATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.125 DEL 26.05.2005

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA ADOTTATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.125 DEL 26.05.2005 REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA ADOTTATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.125 DEL 26.05.2005 Modificato con delibera di C.C. 138 del 09 giugno 2006 Indice Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi

Dettagli

LA GESTIONE DELLA CONFLITTUALITA PER UNA ORGANIZZAZIONE AZIENDALE EFFICACE. (Prof. Luca Possieri www.creativemanagement-network.

LA GESTIONE DELLA CONFLITTUALITA PER UNA ORGANIZZAZIONE AZIENDALE EFFICACE. (Prof. Luca Possieri www.creativemanagement-network. Studio dei conflitti organizzativi e della loro gestione attraverso modelli innovativi (A.D.R., D.S.D) Riprogettazione delle strutture organizzative e dei sistemi Creazione e operatività di nuovi attori

Dettagli

Codice Etico INDICE INTRODUZIONE I PRINCIPI GENERALI RELAZIONI CON GLI STAKEHOLDER SALVAGUARDIA AMBIENTALE PRESCRIZIONI SPECIFICHE

Codice Etico INDICE INTRODUZIONE I PRINCIPI GENERALI RELAZIONI CON GLI STAKEHOLDER SALVAGUARDIA AMBIENTALE PRESCRIZIONI SPECIFICHE Codice Etico INDICE INTRODUZIONE I PRINCIPI GENERALI RELAZIONI CON GLI STAKEHOLDER SALVAGUARDIA AMBIENTALE PRESCRIZIONI SPECIFICHE COMITATO DI CONTROLLO DEL CODICE ETICO DENUNCIA DELLE VIOLAZIONI 2 3 3

Dettagli

Reputation Day. Come governare e influenzare le informazioni in rete

Reputation Day. Come governare e influenzare le informazioni in rete Come governare e influenzare le informazioni in rete 2014 The European House - Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Questo documento è stato ideato e preparato da TEH-A per il cliente destinatario;

Dettagli

CODICE ETICO AZIENDALE

CODICE ETICO AZIENDALE Testo approvato dal Consiglio di Amministrazione di Orienta S.p.a del 15/12/2010 INDICE 1. INTRODUZIONE 3 2. VALORI ETICI 3 3. CRITERI DI CONDOTTA 3 4. COMPORTAMENTO SUL LUOGO DI LAVORO 6 5. CONFLITTTO

Dettagli

Premesse Il diritto all informazione, alla libera espressione delle opinioni e alla critica è un diritto umano fondamentale.

Premesse Il diritto all informazione, alla libera espressione delle opinioni e alla critica è un diritto umano fondamentale. Dichiarazione dei doveri e dei diritti dei giornalisti Premesse Il diritto all informazione, alla libera espressione delle opinioni e alla critica è un diritto umano fondamentale. poter contare su condizioni

Dettagli

ONLINE REPUTATION GUIDE

ONLINE REPUTATION GUIDE ONLINE REPUTATION GUIDE Consigli per gestire la Web Reputation La Web Reputation può influenzare la crescita o il declino di un'azienda. Cosa stanno dicendo i tuoi clienti circa il tuo business, prodotto

Dettagli

FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA. Rev 0 del 21/10/2011 Firma

FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA. Rev 0 del 21/10/2011 Firma FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA Rev 0 del 21/10/2011 Firma PREMESSA FORMAPI S.r.l. è l Ente di formazione della Confimi Impresa Abruzzo (Confederazione dell Industria Manifatturiera

Dettagli

Monitoring the Ethical Code enforcement in the organizations: from values to stakeholder satisfaction. Federico Versace. Politeia

Monitoring the Ethical Code enforcement in the organizations: from values to stakeholder satisfaction. Federico Versace. Politeia CORPORATE SOCIAL RESPONSIBILITY RATINGS Politeia Sixth Annual Forum on Business Ethics and Corporate Social Responsibility in a Global Economy Milan 2010 Monitoring the Ethical Code enforcement in the

Dettagli

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Convegno sulla Sicurezza delle Informazioni La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Giambattista Buonajuto Lead Auditor BS7799 Professionista indipendente Le norme

Dettagli

CODICE ETICO Articolo 1 Soluzioni HR

CODICE ETICO Articolo 1 Soluzioni HR CODICE ETICO Articolo 1 Soluzioni HR Aut. Min. Lav. 1118/SG del 26/11/04 INDICE 1.INTRODUZIONE 3 2.VALORI ETICI 3 3.CRITERI DI CONDOTTA 4 4 Relazioni con gli azionisti 4 Relazioni con interlocutori esterni

Dettagli

Fondo Pensione Gruppo Intesa Sanpaolo Aggiornato al 19/04/2012. Fondo Pensione per il Personale delle Aziende del Gruppo Bancario Intesa Sanpaolo

Fondo Pensione Gruppo Intesa Sanpaolo Aggiornato al 19/04/2012. Fondo Pensione per il Personale delle Aziende del Gruppo Bancario Intesa Sanpaolo Fondo Pensione per il Personale delle Aziende del Gruppo Bancario Intesa Sanpaolo CODICE ETICO Premessa Scopo esclusivo del Fondo è l erogazione di trattamenti pensionistici complementari del sistema obbligatorio

Dettagli

La nuova sicurezza nello scenario economico e sociale

La nuova sicurezza nello scenario economico e sociale La nuova sicurezza nello scenario economico e sociale DOTT.SSA PAOLA GUERRA ANFOSSI VERONA, 12 MARZO 2010 ARENA 2010 VALORE DELLA SICUREZZA INTEGRATA, RIPRESA ECONOMICA E SVILUPPO SOSTENIBILE Scenari di

Dettagli

Come comunicare il richiamo del prodotto

Come comunicare il richiamo del prodotto Come comunicare il richiamo del prodotto Stefania Balzan Dipartimento di Biomedicina Comparata e Alimentazione V.le Margherita, 84 Vicenza stefania.balzan@unipd.it Come vi sentireste se vi nascondessero

Dettagli

Marketing e comunicazione

Marketing e comunicazione 1 Marketing e comunicazione Dal sito al portale: un evoluzione basilare Corticelli Comunicazione s.a.s - Amm. Dr. Paolo Corticelli Hooray Group SA Amm. Dr.ssa Sabrina Princigalli 2 Una considerazione di

Dettagli

Web reputation, qualità e turismo accessibile. Associazione Italiana Cultura Qualità Treviso 13 marzo 2013 Carlo Boselli

Web reputation, qualità e turismo accessibile. Associazione Italiana Cultura Qualità Treviso 13 marzo 2013 Carlo Boselli Web reputation, qualità e turismo accessibile Associazione Italiana Cultura Qualità Treviso 13 marzo 2013 Carlo Boselli Iso e Web reputation sono inconciliabili? Peso amministrativo e burocrazia contro

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

Recall and crisis management negli standard volontari di certificazione del settore alimentare

Recall and crisis management negli standard volontari di certificazione del settore alimentare Recall and crisis management negli standard volontari di certificazione del settore alimentare Maria Chiara Ferrarese Responsabile Divisione agro, food & packaging e Responsabile Progettazione e Innovazione,

Dettagli

Giampaolo Azzoni Syllabus del Corso di Relazioni pubbliche A.A. 2014-2015 (argomenti delle lezioni e testi commentati)

Giampaolo Azzoni Syllabus del Corso di Relazioni pubbliche A.A. 2014-2015 (argomenti delle lezioni e testi commentati) Giampaolo Azzoni Syllabus del Corso di Relazioni pubbliche A.A. 2014-2015 (argomenti delle lezioni e testi commentati) 1 29.09.14 Relazioni pubbliche vs. pubblicità. 1 Un esempio di campagna RP sui media:

Dettagli

Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento

Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento Innovazione per la Pubblica Amministrazione Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento Fabio Monteduro CISPA-Università di Roma Tor Vergata fabio.monteduro@uniroma2.it

Dettagli

Il ruolo delle Assicurazioni nelle catastrofi naturali. Ing. Sergio Ginocchietti

Il ruolo delle Assicurazioni nelle catastrofi naturali. Ing. Sergio Ginocchietti Il ruolo delle Assicurazioni nelle catastrofi naturali Ing. Sergio Ginocchietti Workshop CNR-IRPI -Torino, 13/2/2015 Agenda Un quadro del rischio alluvionale in Italia dal punto di vista dell assicuratore

Dettagli

Incidenti ed Incidenti Mancati

Incidenti ed Incidenti Mancati Incidenti ed Incidenti Mancati 1/16 MEMORIA PASSATO INTELLIGENZA PRESENTE PREVISIONE Casi storici... La sicurezza oggi FUTURO La sicurezza domani 2/16 Ciò che è accaduto in passato accadrà ancora. Ciò

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

what your brand wants Relazioni Pubbliche

what your brand wants Relazioni Pubbliche Relazioni Pubbliche ottimi motivi per una campagna di RP Progettiamo e sviluppiamo campagne di Relazioni Pubbliche utilizzando in modo strategico ed integrato attività di comunicazione online ed offline

Dettagli

Il modulo formativo C1 Elementi di dettaglio

Il modulo formativo C1 Elementi di dettaglio INTRODUZIONE AI SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA 23-05-2013 Il modulo formativo C1 Elementi di dettaglio 1) Introduzione ai sistemi di gestione della sicurezza; 2) Le attività tecnico amministrative;

Dettagli

COME PARLARE DI CULTURA ONLINE

COME PARLARE DI CULTURA ONLINE Registro 6 COME PARLARE DI CULTURA ONLINE Consigli per gestire contenuti e pubblico creando un magazine di successo TIPS&TRICKS DI SIMONE SBARBATI INDEX 3 5 8 13 15 Introduzione Senza nome resta (sempre)

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO RIGHT HUB Srl

CODICE DI COMPORTAMENTO RIGHT HUB Srl CODICE DI COMPORTAMENTO RIGHT HUB Srl Il Business è nulla senza l etica. Il Codice di Comportamento esprime gli impegni e le responsabilità, nella conduzione degli affari, assunti da Right Hub verso tutti

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

Gestione di una commessa. dal marketing al project management, le specializzazioni di un processo cruciale per l'azienda

Gestione di una commessa. dal marketing al project management, le specializzazioni di un processo cruciale per l'azienda Gestione di una commessa dal marketing al project management, le specializzazioni di un processo cruciale per l'azienda ObiettivI Della GIORNATA: L importanza della comunicazione in ogni processo aziendale

Dettagli

Codice Etico Prima edizione

Codice Etico Prima edizione Codice Etico Prima edizione Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Fen Energia S.p.a. del 11 ottobre 2010 Un assiduo lavoro per eccellere Le recenti evoluzioni del mondo economico avvenute in un

Dettagli

Lista Geologi per la Professione

Lista Geologi per la Professione ELEZIONI DEL CONSIGLIO REGIONALE DEI GEOLOGI DEL PIEMONTE Lista Geologi per la Professione PROGRAMMA Considerazioni generali La nostra candidatura in seno al consiglio dell Ordine e la presentazione di

Dettagli

Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale

Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale La spirale perversa LEGGI SOCIALI ED AMBIENTALI PIÙ RESTRITTIVE POLITICI INDUSTRIA PERCEZIONE NEGATIVA DEGLI STAKEHOLDER PRESSIONE PER UNA MIGLIORE

Dettagli

Il rischio lavorativo valutazione rappresentazione

Il rischio lavorativo valutazione rappresentazione diapositiva 1 Prof. Federico Ricci Psicologo del lavoro e delle organizzazioni Facoltà di Scienze della Comunicazione e dell Economia Università di Modena e Reggio Emilia Stili di vita salutari sul lavoro:

Dettagli

PRESENTAZIONE N #9 OLTRE LA SCRITTURA: IL COMPORTAMENTO NELLA RETE SUI BLOG

PRESENTAZIONE N #9 OLTRE LA SCRITTURA: IL COMPORTAMENTO NELLA RETE SUI BLOG PRESENTAZIONE N #9 OLTRE LA SCRITTURA: IL COMPORTAMENTO NELLA RETE SUI BLOG 16 gennaio 2015 OLTRE LA SCRITTURA: IL COMPORTAMENTO NELLA RETE SUI BLOG Introduzione Le attività dei blogger I social influencer

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

Toyota: come riconquistare la fiducia dei clienti

Toyota: come riconquistare la fiducia dei clienti Toyota: come riconquistare la fiducia dei clienti La Toyota è nella bufera. Nelle ultime settimane sono arrivati i richiami di 7 modelli di auto potenzialmente difettose, misure di controllo attivate negli

Dettagli

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti 10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti Nel 2013 hanno chiuso in Italia oltre 50.000 aziende, con un aumento di oltre

Dettagli

Monitoraggio Programmi Triennali della Trasparenza e Delibera n. 2/2012. Aprile 2012

Monitoraggio Programmi Triennali della Trasparenza e Delibera n. 2/2012. Aprile 2012 Monitoraggio Programmi Triennali della Trasparenza e Delibera n. 2/2012 1 Aprile 2012 Le amministrazioni, in sede di prima adozione del Programma per la trasparenza e l integrità, hanno prestato una maggiore

Dettagli

MILLENIUM SISTEMA AMBIENTE srl. Via Tiberina 98/N 06053 Deruta - PG. Codice Etico

MILLENIUM SISTEMA AMBIENTE srl. Via Tiberina 98/N 06053 Deruta - PG. Codice Etico MILLENIUM SISTEMA AMBIENTE srl Via Tiberina 98/N 06053 Deruta - PG Codice Etico Millenium Sistema Ambiente Srl Codice Etico Introduzione Il presente codice etico rappresenta l enunciazione dei valori aziendali,

Dettagli

Piano della Comunicazione Anno 2011

Piano della Comunicazione Anno 2011 Piano della Comunicazione Anno 2011 Legge n.150/2000 D.P.R. 21-9-2001 n. 422 Approvato con deliberazione di G.C. n. 81 del 20/10/2011 1/8 INTRODUZIONE 2/8 PREMESSA Nello scenario socio-economico attuale,

Dettagli

BRAND ED EVENTI. Tra queste in particolare

BRAND ED EVENTI. Tra queste in particolare 1 CHI SIAMO comevoi, nata nel 2011, è un'agenzia di comunicazione composta da un gruppo di soci che vantano esperienza decennale nel campo dell editoria e della comunicazione. MISSION La nostra missione

Dettagli

Comunicazione di impresa (corso progredito) Franco Guzzi

Comunicazione di impresa (corso progredito) Franco Guzzi Comunicazione di impresa (corso progredito) Franco Guzzi 4 gruppo slide utilizzate a lezione (17, 18 e 19 novembre 2010) Corso di laurea magistrale in Comunicazione politica e sociale 2 anno a.a. 2010/2011

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

Gestire le crisi con il crisis management

Gestire le crisi con il crisis management Gli eventi riscontrati nelle imprese Effetti e fenomeni quale tipo di episodio negativo ha incontrato la sua società? - in % quali impatti hanno avuto gli eventi negativi sull azienda? - in % Sviluppi

Dettagli

COMUNICAZIONE DI CRISI

COMUNICAZIONE DI CRISI LA Esempi e Tecniche 1 LA VICENDA GENERALI - MIDI (1) Primavera 1988: le Assicurazioni Generali di Trieste, presiedute da Enrico Randone, lanciano grandi manovre oltre le Alpi, promettendo alleanza e cooperazione

Dettagli

Brand reputa+on: lo specchio del Revenue Tina Ingaldi Consulente Revenue e Marke5ng

Brand reputa+on: lo specchio del Revenue Tina Ingaldi Consulente Revenue e Marke5ng s Brand reputa+on: lo specchio del Revenue Tina Ingaldi Consulente Revenue e Marke5ng Brand Reputation La reputazione di un marchio passa oggi anche a

Dettagli

CODICE ETICO ASVI - SCHOOL FOR MANAGEMENT & SOCIAL CHANGE

CODICE ETICO ASVI - SCHOOL FOR MANAGEMENT & SOCIAL CHANGE CODICE ETICO di ASVI - SCHOOL FOR MANAGEMENT & SOCIAL CHANGE INDICE 1. Definizione della Vision di ASVI, School for Management & Social Change 2. Definizione della Mission di ASVI, School for Management

Dettagli

Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012

Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012 Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012 Al World Public Relations Forum 2012 di Melbourne quasi 800 delegati provenienti da 29 paesi hanno approvato il Melbourne Mandate, un appello

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 Sommario 1. Il Sistema di Controllo Interno e di

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

Standard di Connotazione

Standard di Connotazione Standard di Connotazione 1000 Finalità, Poteri e Responsabilità Le finalità, i poteri e le responsabilità dell attività di internal audit devono essere formalmente definite in un Mandato di internal audit,

Dettagli

www.gardaland.it Codice di Comportamento

www.gardaland.it Codice di Comportamento www.gardaland.it Codice di Comportamento Castelnuovo del Garda, marzo 2009 PREMESSA La Salute e la Sicurezza sono le nostre priorità più importanti, e la Direzione di GARDALAND S.r.l. si impegna a migliorarle

Dettagli

La Business Continuity per la resilienza delle organizzazioni

La Business Continuity per la resilienza delle organizzazioni sicurezza preventiva La Business Continuity per la resilienza delle organizzazioni ANGELA PIETRANTONI BUSINESS CONTINUITY MANAGER (CBCI) 32 LA SALVAGUARDIA DEL BUSINESS DAGLI EVENTI DISASTROSI È UNA NECESSITÀ

Dettagli

LA CRISI DELL IMPRESA ED I SUOI SEGNALI METODI STRATEGICI E MODELLI PREDITTIVI STRUMENTI PER FRONTEGGIARE LA CRISI D IMPRESA

LA CRISI DELL IMPRESA ED I SUOI SEGNALI METODI STRATEGICI E MODELLI PREDITTIVI STRUMENTI PER FRONTEGGIARE LA CRISI D IMPRESA Comitato Pari Opportunità ODCEC Torino in collaborazione con Aidda - Federmanager Minerva Gammadonna Apid con il Patrocinio di Regione Piemonte LA CRISI DELL IMPRESA ED I SUOI SEGNALI METODI STRATEGICI

Dettagli

Proteggere il proprio business. ISO 22301: continuità operativa.

Proteggere il proprio business. ISO 22301: continuità operativa. Proteggere il proprio business. ISO 22301: continuità operativa. Perché BSI? Grazie allo standard ISO 22301 l azienda può restare sempre operativa. La competenza di BSI in quest ambito può trasformare

Dettagli

CAPITOLO 3. Sabina Nuti*

CAPITOLO 3. Sabina Nuti* CAPITOLO 3 FIDUCIA E TRASPARENZA NEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO Sabina Nuti* Il tema della fiducia dei cittadini nei confronti della pubblica amministrazione ed in particolare del sistema sanitario pubblico,

Dettagli

SOSTENIBILE S.r.l. CONSULENZA STRATEGICA PER LA SOSTENIBILITA

SOSTENIBILE S.r.l. CONSULENZA STRATEGICA PER LA SOSTENIBILITA SOSTENIBILE S.r.l. CONSULENZA STRATEGICA PER LA SOSTENIBILITA CHI SIAMO Un team formato da professionisti esperti di marketing, comunicazione e CSR, che ha scelto di mettere al servizio della sostenibilità

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA CONTINUITÀ OPERATIVA DELLA DISTRIBUZIONE DI BANCONOTE IN EURO

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA CONTINUITÀ OPERATIVA DELLA DISTRIBUZIONE DI BANCONOTE IN EURO PROTOCOLLO DI INTESA PER LA CONTINUITÀ OPERATIVA DELLA DISTRIBUZIONE DI BANCONOTE IN EURO La Banca d Italia, che - ai sensi dell art. 97 del Decreto Legge n. 1/2012 convertito nella Legge n. 27/2012 -

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEL PERSONALE ARAN

CODICE DI COMPORTAMENTO DEL PERSONALE ARAN CODICE DI COMPORTAMENTO DEL PERSONALE ARAN Approvato dal Collegio di indirizzo e controllo con delibera n. 12 del 26 febbraio 2014 ai sensi dell art. 54, comma 5 del d. lgs. n. 165/2001 INDICE Art. 1 Disposizioni

Dettagli

Il Continuous Auditing come garanzia di successo dell IT Governance

Il Continuous Auditing come garanzia di successo dell IT Governance Il Continuous Auditing come garanzia di successo dell IT Governance Essere consapevoli del proprio livello di sicurezza per agire di conseguenza A cura di Alessandro Da Re CRISC, Partner & CEO a.dare@logicalsecurity.it

Dettagli

Integrazione dei percorsi e sistema qualità nel Dipartimento di Salute Mentale. Gaddomaria Grassi

Integrazione dei percorsi e sistema qualità nel Dipartimento di Salute Mentale. Gaddomaria Grassi Integrazione dei percorsi e sistema qualità nel Dipartimento di Salute Mentale Gaddomaria Grassi Reggio Emilia 9 novembre 2007 Integrazione dei percorsi e sistema qualità nel DSM - Integrazione e Salute

Dettagli

REGOLAMENTO per la certificazione dei sistemi di gestione per la qualità

REGOLAMENTO per la certificazione dei sistemi di gestione per la qualità REGOLAMENTO per la certificazione dei sistemi di gestione per la qualità Il presente documento, è stato approvato dal Direttore. L originale firmato è conservato presso la Segreteria. 0. STORIA Questa

Dettagli

Stoccolma 2010 e Melbourne 2012: un riposizionamento strategico delle RP

Stoccolma 2010 e Melbourne 2012: un riposizionamento strategico delle RP Stoccolma 2010 e Melbourne 2012: un riposizionamento strategico delle RP 14 ottobre 2013 Prof. Giampaolo Azzoni Giampaolo Azzoni 2 RELATORI: GIAMPAOLO AZZONI - TONI MUZI FALCONI Indice degli argomenti

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli