Urban Manager for Security Safety and Crisis Management

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Urban Manager for Security Safety and Crisis Management"

Transcript

1 Executive Agency, Education, Audiovisual and Culture Urban Manager for Security Safety and Crisis Management Final Report Public Part LLP IT-LEONARDO-LMP

2 Project information Project acronym: Project title: Project number: Sub-programme or KA: Project website: URBIS Urban Manager for Security Safety and Crisis Management LLP IT-LEONARDO-LMP Leonardo da Vinci Reporting period: From 01/11/2011 To 30/04/2014 Report version: V.1 Date of preparation: 03/06/2014 Beneficiary organisation: SINERGIE Società Consortile a Responsabilità Limitata Project coordinator: Speranza Boccafogli Project coordinator organisation: SINERGIE Società Consortile a Responsabilità Limitata Project coordinator telephone number: Project coordinator address: This project has been funded with support from the European Commission. This publication [communication] reflects the views only of the author, and the Commission cannot be held responsible for any use which may be made of the information contained therein Copyright Education, Audiovisual & Culture Executive Agency. The document may be freely copied and distributed provided that no modifications are made, that the source is acknowledged and that this copyright notice is included LLP IT-LEONARDO-LMP 2

3 Executive Summary I professionisti che lavorano per la gestione della sicurezza urbana devono affrontare una realtà in costante evoluzione nella quale numerosi fattori endogeni ed esogeni richiedono un aggiornamento delle competenze e nuove strategie di intervento. I rapidi mutamenti che si verificano nella società implicano anche un mutamento delle competenze non solo di chi lavora nel campo della sicurezza urbana, ma anche delle future generazioni di professionisti. La formazione di professionisti diventa quindi indispensabile poiché indispensabile è la creazione di un dialogo critico tra la comunità della ricerca, che genera innovazione, e i decisori politici, che possono implementare quell innovazione a livello politico. È quindi chiaro che le principali attività e responsabilità nel contesto della sicurezza urbana vertono attorno alle seguenti comunità di esperti: professionisti, soggetti pubblici e scienziati. Tali comunità hanno partecipato attivamente al progetto URBIS per conseguire l obiettivo principale, vale a dire lo sviluppo di un nuovo profilo professionale e il percorso formativo correlato per la gestione della sicurezza urbana, precisando conoscenze, competenze e ambiti di responsabilità. A tal fine, il progetto ha cercato di dare una risposta alle seguenti domande attraverso una ricerca realizzata mediante sondaggi basati su questionari, colloqui, gruppi di interesse e metodi innovativi, come la Commissione Delphi: Esistono le condizioni necessarie per creare questo nuovo profilo? Quali sono i compiti di un gestore della sicurezza urbana? Qual è il profilo di un gestore della sicurezza urbana? Come opera un gestore della sicurezza urbana? Chi dovrebbe diventare gestore della sicurezza urbana? Come viene formato un gestore della sicurezza urbana? Le risposte a tali domande hanno consentito di individuare gli ambiti prioritari per l elaborazione di un percorso formativo per questo profilo professionale, sviluppare un programma di formazione e sottoporlo a test nei paesi partner. È pertanto necessario attribuire una notevole importanza non solo ai contenuti e ai materiali didattici innovativi sviluppati, ma anche agli strumenti creati per rafforzare il ruolo delle autorità nella gestione della sicurezza urbana. Di fatto, la raccolta di oltre 100 buone pratiche diventa essenziale sotto questo aspetto. Questi materiali costituiscono inoltre la base per un impiego futuro dei risultati del progetto: come viene spiegato in seguito nel report, alcuni materiali verranno inseriti in altri progetti mentre il percorso di formazione elaborato verrà promosso ed esportato verso nuovi paesi, adattandolo alle esigenze locali. Allo scopo di realizzare i sopraccitati obiettivi, è stato costituito il consorzio URBIS utilizzando una pluralità di competenze, dagli specialisti in scienze sociali agli esperti nella formazione e istruzione professionale, ai decisori politici provenienti da Italia, Regno Unito, Slovenia e Turchia. Per maggiori informazioni sul profilo dei diversi partner e sugli esiti del progetto è possibile consultare il sito web del progetto disponibile in 4 lingue: inglese, italiano, turco, sloveno (www.urbisproject.eu) LLP IT-LEONARDO-LMP 3

4 Indice 1. OBIETTIVI DEL PROGETTO APPROCCIO DEL PROGETTO ESITI E RISULTATI DEL PROGETTO PARTENARIATO PIANI PER IL FUTURO CONTRIBUTO ALLE POLITICHE DELL UE EVENTI LLP IT-LEONARDO-LMP 4

5 1. Obiettivi del progetto L obiettivo principale del progetto URBIS era la creazione di un nuovo profilo professionale per la gestione dei problemi di sicurezza nelle aree urbane: l Urban Security Manager for Security Safety and Crisis Management (Gestore della sicurezza urbana per la sicurezza e la gestione delle crisi, nel seguito denominato Gestore della sicurezza urbana o USM). Tenendo conto delle differenze presenti tra i diversi paesi dell UE in termini di infrastrutture e background culturali, il progetto ha cercato di definire un approccio comune per migliorare la gestione locale della sicurezza urbana, innovando percorsi di formazione continua. A questo scopo, durante lo sviluppo finale del quadro formativo è stata condotta un analisi specifica del significato attribuito dai potenziali utenti finali (autorità nazionali/locali, comunità scientifica, professionisti) alla nozione di gestione della sicurezza urbana, sono stati individuati i soggetti investiti dell autorità di gestire la sicurezza urbana e, infine, sono state definite le abilità e le competenze da rendere disponibili per migliorare l offerta formativa esistente. Una volta definito l obiettivo principale, vale a dire la definizione di un profilo professionale, il progetto si è sviluppato sulla base di alcune domande specifiche. Esistono le condizioni per creare questo nuovo profilo? Qual è il significato di Urban Security Manager? Qual è il profilo associato all Urban Security Manager? Come lavora il Urban Security Manager? Chi può ricoprire il ruolo di Urban Security Manager? Come viene formato il Urban Security Manager? Le risposte a queste domande sono state ottenute raggiungendo i seguenti obiettivi specifici: 1. Riconoscimento dello stato dell arte e analisi delle esigenze. L analisi ha fornito un confronto dettagliato tra poteri legali, esigenze, profili e corsi di formazione nel campo della sicurezza urbana, mettendo in luce una situazione disomogenea che ha indotto il progetto a individuare gli aspetti comuni dei problemi e degli approcci alla gestione della sicurezza urbana, da tradurre in aree specifiche di conoscenze, competenze e abilità obbligatorie. 2. Il nuovo profilo professionale e l impatto a livello locale. Il progetto ha analizzato le possibilità d implementazione del nuovo profilo a livello locale, tenendo in considerazione i punti di vista delle autorità locali, nonché l impatto potenziale in termini di opportunità di carriera. 3. Individuazione delle esigenze di formazione. Gruppi di interesse con utenti finali appropriati hanno confermato l esigenza di un ulteriore professionalizzazione dei soggetti impegnati nella gestione della sicurezza urbana. In particolare, rimane un considerevole margine di sviluppo per programmi di formazione innovativi. 4. Progettazione e test del programma di formazione. Un programma di insegnamento e apprendimento post-laurea è stato progettato e sottoposto a test attraverso un gruppo composto da USM attuali e potenziali, ponendo l accento su una comprensione comparativa della sicurezza urbana all interno dell UE ed esaminando le possibilità di uno scambio di competenze ed esperienze tra le autorità LLP IT-LEONARDO-LMP 5

6 Per la realizzazione di ciascun obiettivo delineato, il ruolo degli utenti finali è risultato fondamentale. Il loro coinvolgimento è di fatto riscontrabile in ogni fase dell attività: nell analisi dello stato dell arte, nell individuazione di esigenze di formazione emergenti e future (grazie in particolare a sondaggi basati su questionari, gruppi di interesse, verifiche pilota) e, a livello più generale, negli eventi di divulgazione collegati al progetto. La triplice caratterizzazione dei principali soggetti interessati è stata fondamentale, poiché ognuno di loro opera a livelli diversi nell individuazione e nell implementazione delle strategie di sicurezza urbana: a) Autorità locali/nazionali: il valore offerto dal progetto a questa sfera è sicuramente correlato alla possibilità che le autorità locali non solo introducano profili innovativi all interno del proprio organico, ma adottino anche le buone pratiche e le esperienze disponibili in contesti analoghi. b) Comunità scientifica: il progetto pone chiaramente l accento sull importanza di combinare le metodologie e gli approcci scientifici con le politiche strategiche e, di conseguenza, sull importanza di offrire programmi di istruzione d alto livello. c) Professionisti: in un contesto locale, gli agenti di polizia sono i principali utenti finali per quanto riguarda il livello operativo. Se, tuttavia, ci si sposta al livello di collaborazione tra più enti, entrano in gioco altri soggetti interessati con compiti di prevenzione e intervento sui problemi di sicurezza urbana, ad esempio i pianificatori urbani, le ONG e la protezione civile LLP IT-LEONARDO-LMP 6

7 2. Approccio del progetto L approccio sviluppato dal progetto URBIS rispecchia l evoluzione logica degli obiettivi indicati nel precedente paragrafo. L esame dello stato dell arte è stato condotto in un primo momento attraverso una ricerca sulla documentazione e, successivamente, attraverso un metodo misto denominato Commissione Delphi, una tecnica di comunicazione strutturata qualitativa che si avvale di una commissione di esperti. La ricerca sulla documentazione ha consentito di esaminare tutte le informazioni documentali relative ai contesti legislativi e politici attuali (sia nazionali che comunitari) e a qualunque percorso formativo mentre, fattore ben più innovativo e importante, la Commissione Delphi è servita a sondare la base di conoscenze di tre comunità di esperti, nello specifico quella dei decisori politici nazionali, quella dei professionisti locali e quella degli esperti scientifici, relativamente alle seguenti domande: 1. Che cosa può significare gestione della sicurezza urbana? (PROBLEMI) 2. Quali autorità sono, o dovrebbero essere, legalmente incaricate e autorizzate a gestire la sicurezza urbana? (SOGGETTI RESPONSABILI) 3. Quali capacità e competenze devono avere, o dovrebbero avere, le autorità designate per assumersi tale responsabilità? (COMPETENZE) 4. Quali percorsi formativi vengono attualmente forniti, o dovrebbero essere forniti, in supporto al loro lavoro? (FORMAZIONE) La collazione delle risposte degli esperti al questionario iniziale ha prodotto un breve report in cui venivano riepilogate le problematiche e le priorità principali. Questo report è stato fatto circolare nuovamente tra gli esperti, unitamente a un secondo questionario finalizzato all individuazione di aree di consenso e disaccordo, sia in merito ai problemi della sicurezza urbana sia in merito al potenziale contributo dei programmi di istruzione e formazione alla sicurezza pubblica e alla prevenzione del crimine. Un terzo report con questionario offriva agli esperti la possibilità finale di commentare qualsiasi area di consenso e disaccordo. Gli esperti della Commissione sono stati selezionati tra i rappresentanti degli utenti finali: Comunità scientifica: la European Society of Criminology (ESC) ha fornito esperti provenienti dai seguenti paesi: Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Portogallo, Slovenia, Spagna, Svezia, Paesi Bassi, Turchia e Regno Unito. Decisori politici: le risposte della seconda commissione sono state raccolte in collaborazione con il segretariato della European Crime Prevention Network (EUCPN), che è stato direttamente responsabile di coinvolgere i rappresentanti degli Stati membri. Al pannello hanno partecipato i rappresentanti dei governi dei seguenti paesi: Belgio, Bulgaria, Cipro, Repubblica Ceca, Danimarca, Germania, Italia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Romania e Slovenia. Professionisti: la terza commissione ha visto la partecipazione di membri del European Forum for Urban Security (EFUS). I paesi coperti da tale commissione sono: Belgio, Repubblica Ceca, Francia, Germania, Grecia, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo, Romania, Spagna e Regno Unito. La metodologia e i risultati provenienti dall indagine hanno condotto a una seconda fase di ricerca incentrata sulla descrizione dei profili e sull impatto a livello locale. L obiettivo era rappresentato dalla definizione del profilo e della struttura di un modulo standard ad uso delle autorità locali per il reclutamento di USM LLP IT-LEONARDO-LMP 7

8 Il modulo standard conteneva domande destinate agli esperti ed è stato fatto circolare sotto forma di sondaggio basato su questionario, ancora una volta tra accademici, decisori politici nazionali e professionisti locali. Per i paesi dell UE il questionario è stato inviato ai membri della National Community Safety Network (NCSN), dell EUCPN e dell EFUS e relativi forum nazionali (Belgio, Francia, Germania, Italia, Lussemburgo, Portogallo, Spagna). Per la Turchia, infine, è stato adottato un approccio diverso, considerata la scarsa sensibilizzazione del paese nei confronti dei problemi di sicurezza urbana. In questo paese, il partner di progetto turco ha condotto colloqui con i rappresentanti delle autorità locali. Nel complesso, sono stati raccolti 23 riscontri per un totale di 13 paesi. A livello locale si è provveduto con un metodo pratico, cioè raccogliendo alcuni esempi di progetti esemplari che hanno offerto sicurezza in contesti urbani. I progetti in questione hanno illustrato il ventaglio delle diverse combinazioni ottenibili dall unione delle differenti risposte a e dei differenti problemi di sicurezza urbana, messi in evidenza dal riconoscimento dello stato dell arte. La ricerca è stata condotta dai partner, realizzando una panoramica basata sulle conoscenze dei vari partner e sulla riconoscibilità di un progetto/programma all interno del rispettivo contesto nazionale. In aggiunta a tutto ciò, sono state condotte ricerche sul web, sfogliando i siti istituzionali delle comunità locali, degli enti e delle associazioni impegnate in programmi o iniziative dirette a problemi specifici. L analisi dell impatto locale è stata immediatamente seguita dall individuazione delle esigenze di formazione di studenti e professionisti, alla luce dell offerta formativa esistente. Per valutare questo aspetto e misurare anche il livello di interesse suscitato dal nuovo profilo professionale, i partner di progetto hanno organizzato nei rispettivi paesi un totale di 8 gruppi di interesse costituiti da studenti e professionisti (vedi Tabella 1). I partecipanti hanno dapprima ricevuto i materiali relativi al progetto e successivamente, durante la riunione del gruppo di interesse, hanno dovuto esprimere un opinione relativa al profilo di USM. Il dibattito strutturato è stato organizzato soprattutto in base all elenco di competenze e conoscenze richieste, presentate sotto forma e sulla base dell attrattiva di questa nuova professione, per verificare se i partecipanti considerano la figura di USM un opportunità per carriere professionali future. Tabella 1 Paese Italia UK Focus Group Focus Group 1: 8 studenti di laurea triennale in Scienze Politiche. Focus Group 2: 7 studenti e 3 professionisti iscritti al Master in Politiche della Sicurezza. Focus Group 1: 6 laureati ricercatori della Scuola di Scienze Sociali. Focus Group 2: 6 studenti della Scuola di Scienze Sociali LLP IT-LEONARDO-LMP 8

9 Turchia Slovenia Focus Group 1:. 15 studenti della Facoltà di Economia e Scienze Amministrative. Focus Group 2: 8 professionisti. Focus Group 3: 7 studenti della Scuola di Formazione per la Polizia. Focus Group 1: 34 studenti di laurea specialistica della Facoltà di Giustizia Penale e Studi sulla Sicurezza. La fase finale fa riferimento alla Progettazione e test del programma di formazione. Il piano di studi è stato creato sulla base dei risultati precedenti per consentire la valutazione di processi e realtà fondamentali del contesto attuale. Alcuni moduli di formazione sviluppati sono stati sottoposti a test nei paesi partner con diversi gruppi target. La durata media dei corsi pilota è stata di ore e i partecipanti totali sono stati 79, come descritto in Tabella 2. Tabella 2 Paese Numero di partecipanti Italia 18 UK 7 Target Groups Professionisti: forze di polizia locale, funzionari delle pubblica amministrazione. Studenti universitari (masters, postgraduate doctoral e undergraduate). Turchia 20 Professionisti provenienti da diverse autorità locali. Slovenia 34 Studenti e professionisti provenienti dalla Municipalità di Ljubljana LLP IT-LEONARDO-LMP 9

10 Alcune attività hanno inoltre accompagnato trasversalmente ciascuna fase del progetto, come le azioni di valutazione e diffusione, descritte di seguito. Per assicurare l affidabilità dei risultati ottenuti, il consorzio URBIS ha definito una strategia. Sono state quindi definite linee guida per lo svolgimento delle analisi quantitative e qualitative per la durata del progetto. Le principali metodologie utilizzate sono: - KPI (Key performance indicators, principali indicatori di performance) della gestione di progetto - Questionari strutturati - Analisi del file di registro - Analisi di siti web/social network - Questionari semistrutturati Il processo di valutazione è stato ulteriormente migliorato creando un gruppo consultivo di progetto con compiti di consultazione e supervisione. I pareri del gruppo consultivo sono stati ottenuti tramite , chiamate telefoniche e, ove possibile, incontri. Il gruppo consultivo era composto da due membri del consorzio del progetto e da due membri esterni in rappresentanza della NCSN e della EUCPN. Il supporto dei membri del gruppo consultivo è risultato determinante anche per la diffusione di risultati del progetto. Gli esiti del progetto sono stati resi noti all ampia rete di contatti e collaborazioni posta in essere dalle associazioni rappresentate nel gruppo, sia durante gli incontri e gli eventi correlati al progetto stesso, sia durante gli incontri e gli eventi organizzati dalle due organizzazioni. Per maggiori informazioni si rimanda all elenco di eventi riportato al capitolo 7. In linea generale, un piano di valorizzazione ha sovrinteso alla promozione dei risultati del progetto, descrivendo le principali attività di promozione e divulgazione da svolgere, in termini di materiali, pubblicazioni ed eventi. Di seguito elenchiamo i principali canali di comunicazione e promozione sviluppati: Materiali informativi Incontri ed eventi Mass media Cartoline postali Volantini Poster Presentazione del progetto Incontri con i partner Incontri organizzati dall EACEA Eventi di settore Gruppi di interesse Corsi pilota Conferenza finale Sito web Social network Comunicati stampa e articoli Newsletter Piattaforma EVE Database ADAM Rete ENTER La comunicazione dei risultati del progetto e relativa sostenibilità è stata assicurata anche con le seguenti azioni: - consultazione/coinvolgimento di gruppi target in attività di progetto (vale a dire sondaggi, gruppi di interesse, eventi): il coinvolgimento attivo di gruppi target ha promosso una maggiore comprensione dei risultati del progetto, aumentando il consenso e l accettazione generale; LLP IT-LEONARDO-LMP 10

11 - conferma dei risultati del progetto da parte di organi istituzionali (vale a dire gruppo consultivo, eventi correlati al progetto): riscontri e riconoscimenti positivi da parte delle istituzioni dell UE hanno aggiunto valore ai risultati ottenuti, agevolandone quindi la trasmissione ad altre organizzazioni/altri settori; - produzione di materiali pronti all uso (vale a dire buone pratiche, materiali didattici): i prodotti concettuali possono essere utilizzati immediatamente per la creazione di attività didattiche innovative e per migliorare la gestione locale attraverso uno scambio di competenze ed esperienze; - diffusione su ampia scala dei risultati del progetto (vale a dire eventi di settore ed eventi locali): risultati ed esperienze positive sono state promosse nei confronti delle autorità e dei decisori locali per sensibilizzarli sulle esperienze esistenti e promuovere l adozione delle buone pratiche; - effetto moltiplicatore (vale a dire nuovi progetti, nuove forme di collaborazione): per promuovere l adozione del programma di formazione e delle qualifiche nei diversi paesi dell UE è stata instaurata una collaborazione con organizzazioni non partner LLP IT-LEONARDO-LMP 11

12 3. Esiti e risultati del progetto Ci sono stati importanti sviluppi legislativi e politici, sia a livello europeo che a livello nazionale, nell ambito della prevenzione del crimine e della sicurezza urbana, come evidenziato dalla ricerca per il riconoscimento dello stato dell arte. Tuttavia, il concetto di gestione della sicurezza urbana, sia dal punto di vista politico, sia quale insieme di azioni effettuate a livello istituzionale, viene ancora sviluppato in maniera non uniforme a livello europeo con significative differenze dal punto di vista delle esperienze, delle risorse e delle competenze tra le diverse regioni, paesi e città. Nonostante le difficoltà nel tradurre il concetto di sicurezza urbana nelle varie regioni e paesi d Europa, è stato possibile individuare la presenza di denominatori comuni in relazione ai seguenti aspetti: a) tipologie di problemi, risposte e metodi di gestione in materia di sicurezza urbana; Sette problemi principali sono stati identificati dai gruppi di esperti coinvolti: 1. violenza contro le persone (inclusa la violenza domestica); 2. furti; 3. esclusione sociale e disoccupazione giovanile; 4. comportamenti antisociali e inciviltà; 5. abuso di alcol e di stupefacenti; 6. immigrazione e coesione sociale; 7. bande criminali e criminalità organizzata. Sono stati individuati quattro principali tipi di risposta ai problemi identificati: 1. giustizia penale; 2. risk management; 3. giustizia riparativa; 4. giustizia sociale. b) attori responsabili per la gestione della sicurezza urbana; La responsabilità della gestione della sicurezza urbana resta prevalentemente nelle mani di attori che agiscono a livello statale; C è un vasto consenso sullo sviluppo di partnership di stampo multilaterale, nonché sullo sviluppo di competenze di problem solving preventivo da affiancare a quelle legate al sistema di giustizia penale; L equilibrio tra responsabilità di gestione operative e di gestione strategica è ancora poco chiaro; In un ambito nascente di politiche e prassi, c è ancora incertezza in merito a quale debbano essere i rispettivi ruoli di rappresentanti politici eletti, funzionari delle amministrazioni locali ed esperti scientifici. c) competenze e tipo di formazione futura richiesta. La formazione e le competenze specialistiche nella gestione della sicurezza urbana in un ottica di multi-attorialità, nonché l uso del problem-solving strategico LLP IT-LEONARDO-LMP 12

13 sono riconosciuti in maniera disomogenea e sono scarsamente sviluppati all interno di paesi e regioni d Europa; Il gap principale è riconducibile all assenza di specifici corsi post-laurea nell ambito del problem-solving ed all assenza di corsi per la gestione della sicurezza urbana correlati ai livelli 6, 7 e 8 del Quadro Europeo delle Qualifiche (European Qualification Framework. EQF) destinati agli attuali, e soprattutto futuri, manager della sicurezza urbana; Il problem-solving con approccio multi-attoriale è tuttora marginale in molti contesti europei ma c è ancora molto spazio per sviluppare competenze multidisciplinari (in parte generiche, in parte collegate al contesto locale specifico) attraverso la creazione di corsi di formazione e di programmi di studio riferiti ai livelli EQF 6,7 e 8. Oltre ad esaminare il contesto legislativo e lo scenario generale dei diversi paesi dell UE, il progetto si proponeva di rispondere alla necessità di creare innovazione nell istruzione senza ignorare le esigenze e le aspettative dei protagonisti locali. Per questo motivo è stato importante comprendere l impatto del nuovo profilo a livello locale. In particolare, il progetto ha fornito un modulo standard per il reclutamento degli USM nel quale venivano descritti i compiti, le responsabilità principali, l esperienza richiesta, le competenze e le conoscenze ulteriori, le caratteristiche personali desiderabili, i criteri di selezione e la procedura di selezione per la posizione. Volendo realizzare un modulo potenzialmente utilizzabile in realtà diverse, in aggiunta a un insieme centrale di conoscenze e competenze essenziali il modulo presentava un elenco di conoscenze e competenze desiderabili, selezionabili dalle autorità locali in base al contesto specifico. Per quanto riguarda le aspettative operative del nuovo profilo, il progetto ha inoltre cercato di capire chi, a parere degli intervistati, dovrebbe essere responsabile della gestione della sicurezza urbana e quali competenze sono necessarie per adempiere a tale responsabilità. Le risposte fornite dai responsabili locali hanno contribuito in modo importante ad approfondire la comprensione di questo aspetto. Nello specifico: - Le risposte dei soggetti locali hanno messo in luce un elevato livello di consenso sulla crescente importanza dell adozione di approcci preventivi multi-attoriale e multi-settoriali da parte delle autorità responsabili per affrontare i problemi della sicurezza urbana. Inoltre, è stata ampiamente riconosciuta l esigenza di una maggiore attenzione alla cooperazione tra i diversi soggetti a diversi livelli politici. - È stato riscontrato un chiaro consenso in merito alle modalità ottimali per gestire la responsabilità della sicurezza urbana: tale responsabilità dovrebbe essere adempiuta dalle amministrazioni locali attraverso la figura del sindaco e la dimensione multi-attoriale di tale gestione dovrebbe essere ulteriormente migliorata attraverso l inclusione di partner associati, operanti al di là del sistema di controllo convenzionale. - Gli intervistati hanno sostenuto lo sviluppo di competenze locali, complete, diversificate e multidisciplinari all interno delle amministrazioni comunali. Diversi intervistati hanno fatto esplicitamente notare il ritardo attualmente presente nelle varie competenze scientifiche e capacità analitiche necessarie per isolare schemi e tendenze nelle minacce alla sicurezza urbana e formulare, implementare e valutare le risposte in base a tali competenze. Gli intervistati hanno fatto notare l esigenza di una maggiore correlazione e interazione tra i mondi della ricerca accademica e quello della pratica e della politica. - Vi è l esigenza di un programma di istruzione e formazione che sappia condividere conoscenze generali, relative a problemi e approcci comuni, che fornisca agli studenti anche LLP IT-LEONARDO-LMP 13

14 la capacità di trasferire tali conoscenze generali nei contesti specifici in cui vengono applicate. È stato chiesto agli intervistati di individuare quali opportunità di impiego prevedessero per un professionista che soddisfacesse i criteri descritti nel modulo di reclutamento per USM. In base agli interessanti commenti e suggerimenti ricevuti, gli intervistati sono stati suddivisi in tre gruppi: 1) Intervistati che indicano posizioni già esistenti che, a loro parere, possono essere adeguatamente occupate dal nuovo profilo. 2) Intervistati che prendono seriamente in considerazione la creazione della nuova posizione di USM nei rispettivi paesi, ma dichiarano che vi sono già professionisti locali in grado di svolgerne le funzioni. 3) Intervistati che cercano di individuare possibilità che consentano di creare una posizione per il nuovo profilo. Come ricordato in precedenza, la gestione della sicurezza urbana varia profondamente da un paese all altro. Vi è quindi la chiara esigenza di formare una figura in grado di adattare le conoscenze e le competenze a un contesto operativo specifico. Per offrire uno strumento pratico che consenta di migliorare le strategie locali è stata compilata una raccolta di buone pratiche. Tale raccolta guiderà i soggetti responsabili e gli USM futuri nella gestione e nella risoluzione dei problemi, adattando tali pratiche al contesto locale. La raccolta è costituita da oltre 100 buone pratiche e offre un esempio per tutte e 28 le combinazioni (categorie) possibili ricavabili dall unione delle quattro diverse Tipologie di risposta e dei sette Problemi affrontati nell ambito della sicurezza urbana. Se i risultati del sondaggio condotto tra i soggetti locali hanno confermato la correlazione tra il nuovo profilo e le prospettive di impiego, i risultati della ricerca svolta sulle esigenze di formazione ci hanno consentito di comprendere il punto di vista di studenti e professionisti, vale a dire di coloro che potrebbero diventare USM. Il fruttuoso dibattito con studenti e professionisti ha evidenziato le lacune presenti nei percorsi di formazione esistenti, favorendo alcune proposte per migliorare i corsi attuali grazie alle competenze e alle conoscenze definite attraverso il progetto URBIS. I risultati dell analisi hanno portato alla definizione del programma di formazione e dei test ai quali tale programma è stato sottoposto. Il nuovo piano di studi è stato creato nella consapevolezza che gli enti e le professioni in posizione di decidere le politiche hanno assistito a profondi cambiamenti negli ultimi anni, in particolare per quanto riguarda le strutture di pianificazione, fornitura e prassi di servizi che vedono il coinvolgimento dei settori pubblici, privati e di volontariato. La nuova pubblica amministrazione e i relativi progressi compiuti dal movimento per una risoluzione dei problemi basata su prove hanno profonde implicazioni per i requisiti di formazione e istruzione tra i soggetti coinvolti nella formulazione di politiche. Il programma di formazione si propone quindi di offrire informazioni in merito ai processi e alle realtà principali del contesto moderno, presentando inoltre ambiti di conoscenza dei quali gli operatori del settore, a prescindere dalle responsabilità che loro competono, necessiteranno per muoversi. Per raggiungere gli obiettivi summenzionati, sono stati sviluppati i seguenti 8 moduli didattici. Quattro moduli obbligatori di specializzazione: 1. Ricerca nell ambito della sicurezza urbana, della criminalità e della giustizia 2. Interventi nell ambito della sicurezza urbana, della criminalità e della giustizia LLP IT-LEONARDO-LMP 14

15 3. Nuova pubblica amministrazione 4. Partenariati e collaborazioni multi-attoriali: teoria e pratica Due moduli obbligatori generici: 1. Principi di approccio e prassi di indagine 2. Politiche e pratiche basate su ricerca e prove Due moduli opzionali di specializzazione (da decidere in base al paese/alla regione/alla città specifica in termini di problematiche e sfide contestuali specifiche). I test dei moduli didattici sono stati condotti per mezzo di specifici corsi pilota in ciascun paese partner. L Italia, il Regno Unito e la Slovenia hanno scelto di condurre il test sui Moduli 1 e 2 mentre la Turchia ha scelto l implementazione del Modulo 4. In tutti i paesi il l esito del corso pilota è stato molto positivo, con partecipanti estremamente interessati agli argomenti trattati e soddisfatti. In generale è stato riscontrato un buon livello di attenzione e partecipazione ai dibattiti. Il corso è stato valutato come una proposta di valore e un ottima intuizione da proseguire in futuro. In Italia, Turchia e Slovenia, i professionisti hanno trovato il corso pilota un attività di formazione molto utile, con il giusto equilibrio fra teoria e pratica. In particolare, i partecipanti italiani hanno apprezzato la capacità del corso di mettere in relazione le esperienze pratiche con un modello teorico, insegnando quindi una nuova interpretazione analitica delle esperienze e dei problemi. I professionisti sloveni, che hanno partecipato alla formazione insieme ad alcuni studenti, hanno valutato la partecipazione reciprocamente proficua, così come il collegamento e l interazione tra teoria e pratica (e LLP IT-LEONARDO-LMP 15

16 viceversa) che ha consentito agli studenti di acquisire una comprensione pratica del processo di risoluzione dei problemi. In Turchia, il corso di formazione pilota è stato ritenuto dai professionisti una buona opportunità per incontrarsi, approfondire e scambiare conoscenze. Infine, i partecipanti del Regno Unito sono rimasti colpiti dalle competenze generiche e da quelle più specifiche da un punto di vista criminologico, relative alla risoluzione dei problemi e all analisi dei dati, impartite dal modulo e relativa valutazione. L applicazione di un approccio improntato allo studio e alla risoluzione dei problemi di sicurezza urbana e relativa gestione è parso azzeccato ai partecipanti britannici. Per maggiori informazioni sugli esiti del progetto, si rimanda ai report e alla documentazione pubblicata sul sito web del progetto (http://www.urbisproject.eu/index.php/it/prodotti.html) LLP IT-LEONARDO-LMP 16

17 4. Partenariato I partner partecipanti al progetto provenivano da diversi paesi e aree geografiche: Italia, Regno Unito, Slovenia e Turchia. In aggiunta alla diversità geografica, è stata ricercata la complementarietà delle diverse aree di competenza. Per questo motivo è stata garantita la partecipazione di erogatori d istruzione e formazione professionale, istituti accademici e autorità. La combinazione delle diverse competenze ha agevolato la collaborazione, aumentando al contempo il valore dei risultati ottenuti. Inoltre, la partecipazione di un paese candidato ha offerto l opportunità di avviare un dialogo con i paesi mediterranei e consentito al progetto URBIS di superare i confini dell UE. Il consorzio comprendeva: Sinergie Soc. Cons. a r. l. - Italia Cardiff University - UK T.C. Konak - Turchia University of Maribor - Slovenia Tuttavia, il principale vantaggio di lavorare all interno di un partenariato UE è stato lo scambio di conoscenze ed esperienze e l ampliamento della rete di collaborazione. Per l intera durata del progetto è stata incoraggiata la cooperazione con i gruppi target esterni al consorzio. L implementazione di attività specifiche e, in generale, la diffusione dei risultati del progetto hanno visto la partecipazione delle seguenti organizzazioni. European Society of Criminology (ESC) Fondata nel 2000, si propone di fungere da forum di diffusione delle conoscenze criminologiche a livello europeo. European Union Crime Prevention Network (EUCPN) L EUCPN è stata creata nel 2001 dal Consiglio dell Unione europea per promuovere e incentivare la condivisione delle buone pratiche e le attività di prevenzione del crimine in tutta l Unione europea. European Forum for Urban Security (EFUS) Fondato nel 1987 e supportato dal Consiglio d Europa, l EFUS si propone di rendere più efficaci le politiche di riduzione della criminalità e promuovere il ruolo delle autorità locali nell ambito delle politiche nazionali ed europee. Forum Italiano per la Sicurezza Urbana (FISU) Il Forum italiano per la sicurezza urbana è un associazione, attiva dal 1996, di circa cinquanta Città, Province e Regioni italiane il cui obiettivo è quello di promuovere nuove politiche di sicurezza urbana. National Community Safety Network (Regno Unito) L NCSN è un organizzazione a supporto dei soggetti impegnati nella creazione di collettività più sicure in tutto il Regno Unito e in Europa. Oltre alla composizione del consorzio URBIS, è stata prestata notevole attenzione ai membri del team di progetto. In questo senso, è stato garantito un corretto equilibrio in termini di origine, sesso e background. La capacità di innovare dipende, tra le altre cose, dall abilità di formare gruppi di ricerca in cui entrambi i generi vengono rappresentati. Questi gruppi tendono ad avere più successo di LLP IT-LEONARDO-LMP 17

18 gruppi formati da sole donne o da soli uomini. Background ed esperienze differenti stimolano la creatività, elemento fondamentale per il successo nei processi di innovazione. Oltre all impatto sulla qualità della ricerca e dell innovazione, la parità di genere influisce anche sulla democrazia e sulla rilevanza sociale della ricerca. Questi elementi sono fondamentali nell impegno dell UE e il team di URBIS li ha incoraggiati attraverso l implementazione del progetto. AMANDA Zuffi Sinergie SARA Cattabriga Sinergie LEILA Zarini Sinergie SPERANZA Boccafogli Sinergie ROSSELLA Selmini Sinergie BERNARDA Tominc Univ. of Maribor GULDAN Kalem T.C. Konak TURKAN Canbaz T.C. Konak GORDON Hughes Cardiff Univ. ADAM Edwards Cardiff Univ. NICHOLAS Lord Cardiff Univ. G. GUIDO Nobili FISU GORAZD Mesko Univ. of Maribor ANDREJ Sotlar Univ. of Maribor LLP IT-LEONARDO-LMP 18

19 5. Piani per il futuro I prodotti sviluppati nell ambito del progetto in termini di strumenti per le amministrazioni locali, contenuti e materiali didattici e riscontri ricevuti durante gli eventi di divulgazione e la fase pilota denotano un livello di interesse e qualitativo innegabilmente elevato, sia a livello locale che internazionale. È quindi intenzione dei partner intensificare il futuro utilizzo dei risultati, sfruttando in primo luogo tutti gli strumenti già disponibili, come il sito web e le previste conferenze annuali (vale a dire Eurocrim, le riunioni dei comitati di EUCPN e FISU) che da alcuni anni ospitano i workshop del progetto. Come ricordato in precedenza, i partner hanno presentato anche un nuovo progetto denominato TrUST, finalizzato al trasferimento e all adattamento dei risultati del progetto URBIS a nuovi paesi e nuovi gruppi target. In questo senso, il progetto ha cercato nuove collaborazioni, confermando ancora una volta il valore delle attività realizzate. In aggiunta ai partner URBIS, al nuovo progetto hanno aderito: - Consiglio Nazionale delle Ricerche, Italia - National Community Safety Network, UK - Lietuvos Teises Institutas - Law Institute of Lithuania, Lituania - Universiteit Leiden, The Netherlands - Polícia Municipal de Lisboa da Câmara Municipal de Lisboa, Portogallo - Forum Italiano per la sicurezza urbana, Italia I risultati del progetto URBIS verranno inoltre promossi all interno del progetto BESECURE (www.besecure-project.eu), commissionato dall UE nell ambito del Settimo programma quadro, per aiutare i decisori politici locali nella creazione, perfezionamento e implementazione delle politiche di sicurezza nelle zone urbane. Nello specifico, il progetto BESECURE includerà in un database dedicato accessibile l insieme delle buone pratiche definite dal progetto URBIS. A livello locale, l utilizzo dei risultati da parte dei partner, in collaborazione con le organizzazioni che hanno sostenuto le attività del progetto (FISU, NCSN, ecc.), potrà svolgersi nel modo seguente: - creazione e implementazione di corsi di formazione per i professionisti, in base al modello sviluppato dal progetto URBIS; - aggiornamento dei programmi accademici attraverso l introduzione di contenuti innovativi e/o l adozione dell intero programma sviluppato dal progetto. Il sito web esistente sarà quindi mantenuto e al suo interno verranno implementate le attività collaterali (collaborazione con BESECURE, eventi, ecc.), il nuovo progetto se approvato e la promozione di eventi di formazione eventualmente pianificati LLP IT-LEONARDO-LMP 19

20 6. Contributo alle politiche dell UE Data la sua natura, il progetto suscita un ventaglio di interessi diversificato e, di conseguenza, l applicazione di svariate politiche UE pertinenti. Per quanto riguarda le politiche in materia di istruzione, il progetto agevola la realizzazione dei seguenti obiettivi: Comunicato di Bruges 1 - Incoraggiare nuovi approcci all insegnamento e all istruzione attraverso una cooperazione internazionale tra istituzioni: la promozione di una qualifica europea da parte di un consorzio transnazionale aggiunge valore all intero programma di formazione e al contesto didattico in cui docenti/professori e studenti si troveranno a cooperare. La cooperazione in contesti multiculturali migliora la capacità delle persone di lavorare all interno di contesti diversificati e il conseguente adattamento delle stesse. - Migliorare la capacità dell istruzione e della formazione professionale di rispondere alle mutevoli esigenze del mercato del lavoro: il progetto promuove una maggiore comprensione delle competenze emergenti e dei cambiamenti che interessano i ruoli già esistenti nel campo della ricerca. - Includere la formazione sul lavoro in tutti i corsi di formazione professionale: la formazione pratica svolta durante la fase dei test ha consentito ai partecipanti di acquisire competenze pratiche e migliorare l assimilazione delle competenze richieste. Quadro strategico per la cooperazione europea nel settore dell istruzione e della formazione - Sviluppare qualifiche collegate al Quadro Europeo delle Qualifiche (European Qualification Framework, EQF): coerentemente con i descrittori dell EQF, la qualifica è stata definita sulla base di un insieme di conoscenze, competenze e abilità. La qualifica è stata inoltre valutata in base ai livelli stabiliti dall EQF. - Acquisire competenze trasversali: le competenze trasversali nel campo della sicurezza urbana sono state garantite attraverso lo sviluppo di competenze in materia di risoluzione dei problemi e gestione strategica. - Aggiornare i piani di studio: il programma di formazione ha tenuto conto delle esigenze e delle aspettative emergenti, offrendo quindi una gamma di conoscenze in linea con gli sviluppi del mercato. Iniziativa Un agenda per nuove competenze e per l occupazione - Migliorare l individuazione delle esigenze di formazione: attraverso attività e consulenze con gruppi di utenti finali è stato possibile individuare le lacune dell offerta formativa. L individuazione rispecchia gli interessi e le problematiche dei differenti gruppi target (accademici, scienziati, autorità e professionisti locali), migliorando in tal modo l approccio di collaborazione reciproca per il riconoscimento delle esigenze. - Evolversi verso sistemi di qualifica basati sui risultati didattici: il programma di formazione è stato creato prendendo in considerazione i risultati e le unità didattiche, assicurando una considerevole flessibilità ai sistemi di qualifica e supportando il riconoscimento dei titoli tra sistemi di istruzione diversi. 1 Nell ambito del Processo di Copenaghen, il 7 dicembre 2010, i ministri europei per l Istruzione e la formazione professionale, le parti sociali europee e la Commissione europea hanno adottato il Comunicato di Bruges su una maggiore cooperazione europea in materia di istruzione e formazione professionale per il periodo LLP IT-LEONARDO-LMP 20

URBIS-518620-LLP-1-2011-1-IT-LEONARDO-LMP. Deliverable 4.2 EXECUTIVE SUMMARY

URBIS-518620-LLP-1-2011-1-IT-LEONARDO-LMP. Deliverable 4.2 EXECUTIVE SUMMARY Deliverable 4.2 EXECUTIVE SUMMARY Selezione di buone prassi in Turchia, UK, Slovenia e in altri paesi europei I pericoli e le forme di violenza attuali rendono oggi giorno la sicurezza una delle più importanti

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015 LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego Laura Robustini EURES Adviser 04 Marzo 2015 IL LAVORO IN EUROPA EURES promuove la mobilità geografica ed occupazionale sostenendo i

Dettagli

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO Capitolo 3 L ITER FORMATIVO Il programma di formazione degli osteopati ha la responsabilità di creare figure professionali del più alto livello. Il livello di preparazione dell osteopata professionista

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Comunicato stampa. Focus sulle strutture dell'istruzione superiore in Europa 2004/05. La struttura in due cicli: una realtà in Europa

Comunicato stampa. Focus sulle strutture dell'istruzione superiore in Europa 2004/05. La struttura in due cicli: una realtà in Europa Focus sulle strutture dell'istruzione superiore in Europa 2004/05 Tendenze nazionali nel Processo di Bologna Comunicato stampa In occasione della Conferenza dei Ministri dell'istruzione superiore di Bergen

Dettagli

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte La Agenda Seoul, obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte è uno dei maggiori

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

NEWSLETTER. Edizione 3, Aprile 2014. 2. Panoramica sui contenuti. 3. Partnership di successo. 4. Prossime tappe. 5.

NEWSLETTER. Edizione 3, Aprile 2014. 2. Panoramica sui contenuti. 3. Partnership di successo. 4. Prossime tappe. 5. NEWSLETTER Edizione 3, Invecchiamento Attivo, fatelo voi! La Comunità di Apprendimento per l Invecchiamento Attivo @Learn è un progetto multilaterale Grundtvig che riunisce le organizzazioni partner da

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

YEPP International Resource Centre (YEPP IRC)

YEPP International Resource Centre (YEPP IRC) YEPP International Resource Centre (YEPP IRC) Introduzione Il termine YEPP si riferisce all approccio e al metodo, riguardanti l empowerment dei giovani e lo sviluppo di comunità, che sono stati sviluppati

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI Indice PREFAZIONE INTRODUZIONE La Consulta dei Medici in Formazione Specialistica SItI L attività della Consulta Normativa MATERIALI E METODI Studi inclusi RISULTATI Competenze teoriche - Attività didattica

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

Il Portfolio Europeo delle Lingue

Il Portfolio Europeo delle Lingue Il Portfolio Europeo delle Lingue Una guida introduttiva per aziende, enti pubblici e associazioni in genere Il Portfolio Europeo delle Lingue propone standard internazionali che permettono di misurare

Dettagli

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE:

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: VALORI PER SOCIETÀ SICURE ED INTERCULTURALI di Giovanna Spagnuolo Ci manca la comunità perché ci manca la sicurezza Z. Bauman (Voglia di comunità, Laterza, Bari-Roma,

Dettagli

Gli aspetti strategici dei progetti di ricerca. Gli aspetti strategici dei progetti di ricerca

Gli aspetti strategici dei progetti di ricerca. Gli aspetti strategici dei progetti di ricerca Gli aspetti strategici dei progetti di ricerca Gli aspetti strategici dei progetti di ricerca Quali aspetti considerare? Management Comunicazio ne Aspetti etici Gender Professionalizzazione della gestione

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 2/6 1 PRESENTAZIONE DEL CONSORZIO Il Consorzio Multisettoriale Piemontese, nuova denominazione del Consorzio Aziende Metalmeccaniche

Dettagli

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre Commission européenne Comunicato stampa L autonomia scolastica in Europa Politiche e modalità attuative

Dettagli

LLP-LDV/TOI/2007/PT/12

LLP-LDV/TOI/2007/PT/12 Project Number LLP-LDV/TOI/2007/PT/12 WP3 Curriculum formatori Partner responsabile: Business and Development Center, ul. Wieniawskiego 56b/5 35-603 Rzeszow - PL Contatto: Magdalena Malinowska tel +48

Dettagli

Autovalutaizone delle competenze chiave nela formazione degli adulti Progetto VINTAGE

Autovalutaizone delle competenze chiave nela formazione degli adulti Progetto VINTAGE ONLINE TOOL FOR SELF-EVALUATION OF KEY COMPETENCES IN ADULT AGE Autovalutaizone delle competenze chiave nela formazione degli adulti Progetto VINTAGE L Aquila, 13th Marzo 2014 Laura VETTRAINO Reference:

Dettagli

ForIndLog. Miglioramento della capacità di ricerca ed innovazione delle risorse umane nell ambito della Logistica e del Trasporto

ForIndLog. Miglioramento della capacità di ricerca ed innovazione delle risorse umane nell ambito della Logistica e del Trasporto ForIndLog Miglioramento della capacità di ricerca ed innovazione delle risorse umane nell ambito della Logistica e del Trasporto Fondo Sociale Europeo Misura D.4 Miglioramento delle risorse umane nel settore

Dettagli

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile Azioni a carattere innovativo finanziate nel quadro dell'art. 6 del regolamento relativo al Fondo Sociale Europeo, Linea di Bilancio B2-1630,"Strategie locali per l'occupazione e innovazione" Strategie

Dettagli

In-Diversity Newsletter 3

In-Diversity Newsletter 3 Newsletter 3 APRILE 2012 This project has been funded with support from the European Commission. This communication reflects the views only of the authors, and the Commission cannot be held responsible

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELLE ORGANIZZAZIONI E DELLA COMUNICAZIONE

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELLE ORGANIZZAZIONI E DELLA COMUNICAZIONE LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELLE ORGANIZZAZIONI E DELLA COMUNICAZIONE CLASSE LM-51 SECONDO CICLO: LICENZA O LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA Il secondo ciclo di Licenza o Laurea Magistrale

Dettagli

RELAZIONE ATTIVITÀ I SEMESTRE A.A. 2014-2015

RELAZIONE ATTIVITÀ I SEMESTRE A.A. 2014-2015 RELAZIONE ATTIVITÀ I SEMESTRE A.A. 2014-2015 Breve introduzione La Commissione Accompagnamento al Lavoro del Dipartimento di Studi e Ricerche Aziendali (Management & Information Technology), muovendo dalle

Dettagli

Articolo 1 - Oggetto. Articolo 2 Target. Articolo 3 Realizzazione

Articolo 1 - Oggetto. Articolo 2 Target. Articolo 3 Realizzazione Articolo 1 - Oggetto Il presente Video Contest si inserisce nell ambito del progetto europeo Comenius PLAYWEB, facente parte del POF della scuola per gli anni scolastici 2012-2013 e 2013-2014. Come proposta

Dettagli

LA STRUTTURA DEL RAV

LA STRUTTURA DEL RAV GUIDA PRATICA ALLA ELABORAZIONE DEL RAV IN FUNZIONE DEL MIGLIORAMENTO Dino Cristanini Vico Equense 30 Gennaio 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 CONTESTO E RISORSE Quali vincoli presentano? Quali leve positive

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione Rec(2001)1 del Comitato dei Ministri (degli Esteri) agli Stati membri sul Servizio Sociale (adottato dal Comitato dei Ministri (degli Esteri)0il

Dettagli

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES Provincia di Pistoia EaSI Employment and Social Innovation Assi PROGRESS e EURES Potenzialità per il lavoro e l integrazione sociale su scala europea Carla Gassani Servizio Politiche attive del Lavoro,

Dettagli

CALL FOR PAPERS. X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR)

CALL FOR PAPERS. X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR) CALL FOR PAPERS X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR) Fondazione Scuola di Alta Formazione per il Terzo Settore (ForTeS) Siena ( Italy) 10 13 luglio 2012 Democratizzazione,

Dettagli

2) PARTENARIATO LOCALE

2) PARTENARIATO LOCALE 2) PARTENARIATO LOCALE Introduzione Questo documento è una analisi basata sulle presentazioni e sugli scambi di materiale raccolto durante il lavoro del gruppo tematico che è stato condotto all interno

Dettagli

DOCUMENTO DELLA QUALITA

DOCUMENTO DELLA QUALITA DOCUMENTO DELLA QUALITA INTRODUZIONE Il Documento della Qualità di Share Training srl ha come obiettivo quello di rendere note le caratteristiche della propria attività secondo criteri di trasparenza,

Dettagli

Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica.

Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica. Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica. Premessa Il Dipartimento per le pari opportunità ha tra le sue competenze

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

Politica per la Qualità della Formazione

Politica per la Qualità della Formazione Politica per la Qualità della Formazione Valutazione e accreditamento lasciano un segno se intercettano la didattica nel suo farsi, se inducono il docente a rendere il suo rapporto con i discenti aperto,

Dettagli

PROGETTO IL PROGETTO DEL DIPARTIMENTO SALUTE SI COLLOCA NELL INZIATIVA COMUNITARIA INTERREG

PROGETTO IL PROGETTO DEL DIPARTIMENTO SALUTE SI COLLOCA NELL INZIATIVA COMUNITARIA INTERREG PROGETTO IL PROGETTO DEL DIPARTIMENTO SALUTE SI COLLOCA NELL INZIATIVA COMUNITARIA INTERREG III C WEST ZONE ED E E TITOLATO: HEALTH CLUSTER NETWORK: ENGAGING THE HEALTH SECTOR MORE EFFECTIVELY IN REGIONAL

Dettagli

Gioventù in Azione 2007-2013

Gioventù in Azione 2007-2013 Gioventù in Azione 2007-2013 Gioventù in Azione Un programma comunitario per i giovani dai 13 ai 30 Promuove la mobilità di gruppo e individuale, la partecipazione, e il protagonismo giovanile Opera nel

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

Osservatorio Turistico di Destinazione Comune di CHIANCIANO TERME(SI) REGOLAMENTO

Osservatorio Turistico di Destinazione Comune di CHIANCIANO TERME(SI) REGOLAMENTO Osservatorio Turistico di Destinazione Comune di CHIANCIANO TERME(SI) REGOLAMENTO PRINCIPI E FINALITA GENERALI 1. L Osservatorio Turistico di Destinazione del Comune di Chianciano Terme (SI) (di seguito

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa.

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. La moneta La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA La moneta e le istituzioni monetarie Le forme fisiche assunte dalla moneta sono diverse,

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Lifelong Learning Programme - Programma di apprendimento permanente

Lifelong Learning Programme - Programma di apprendimento permanente Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il trattato UE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Articolo 149 Contribuire allo sviluppo della qualità dell istruzione

Dettagli

Il Programma LLP - Leonardo da vinci e il nuovo Programma Erasmus for All (2014 2020) Relatore: Franca Fiacco

Il Programma LLP - Leonardo da vinci e il nuovo Programma Erasmus for All (2014 2020) Relatore: Franca Fiacco Il Programma LLP - Leonardo da vinci e il nuovo Programma Erasmus for All (2014 2020) Relatore: Franca Fiacco Fonte: Comunicazione Commissione europea al Parlamento, al Consiglio, al Comitato economico

Dettagli

Special project Newsletter 1

Special project Newsletter 1 PO F.S.E. Regione Abruzzo 2007-23, Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo 2007-2008; Codice Identificativo (CIG) n. 64280FF5 L incremento dei fabbisogni di assistenza per non i autosufficienti ed il

Dettagli

Chi attua il Programma Gioventù in Azione? Education, Audiovisual, and Culture Executive Agency

Chi attua il Programma Gioventù in Azione? Education, Audiovisual, and Culture Executive Agency Gioventù in Azione 2007-2013 2013 Gioventù in Azione è: Un programma comunitario per i giovani dai 13 ai 30 Promuove la mobilità di gruppo e individuale, la partecipazione, e il protagonismo giovanile

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione, promosso dall Organizzazione Internazionale per

Dettagli

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER Indice INTRODUZIONE... 3 CF1 - SVILUPPARE IL CASO PER IL FUNDRAISING... 4 CF 1.1 : INDIVIDUARE LE NECESSITÀ DI FUNDRAISING DI UN ORGANIZZAZIONE NONPROFIT;...

Dettagli

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI?

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Il piano di investimenti per l Europa consisterà in un pacchetto di misure volte a sbloccare almeno 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati

Dettagli

PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA

PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA L accesso all informazione è un diritto fondamentale di ogni studente, con o senza disabilità e/o specifiche

Dettagli

Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-2020: i fondi a gestione diretta per la cultura ERASMUS+

Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-2020: i fondi a gestione diretta per la cultura ERASMUS+ Al servizio di gente unica Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-2020: i fondi a gestione diretta per la cultura ERASMUS+ Erasmus+: obiettivi generali Il programma Erasmus+ contribuisce

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA

OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA PROGETTARE IN EUROPA Risultati attesi La partecipazione ad un bando europeo presuppone, prima di tutto, lo sviluppo di un idea progettuale contenutisticamente

Dettagli

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento LIFELONG LEARNING PROGRAMME Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento permanente, o Lifelong Learning Programme (LLP), è stato istituito con decisione del Parlamento europeo e del

Dettagli

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE Il progetto In Pratica Idee alla pari e alcuni esempi di pratiche realizzate e di esperienze regionali di successo IRS Istituto per la Ricerca

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO L organizzazione di un progetto è la realizzazione del processo di pianificazione. In altre parole, organizzare significa far funzionare le cose. Nello specifico, implica una

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA 22.9.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 286/23 V (Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA Invito a presentare proposte Programma Cultura (2007-2013) Implementazione del programma:

Dettagli

PROGRAMMI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI NEL SETTORE DELL ISTRUZIONE

PROGRAMMI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI NEL SETTORE DELL ISTRUZIONE PROGRAMMI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI NEL SETTORE DELL ISTRUZIONE Pubblicato il Bando per la presentazione di proposte relativo al Programma Socrates a sostegno del settore dell'istruzione Obiettivi

Dettagli

5 Orientamento all Europa Marina Silverii 1

5 Orientamento all Europa Marina Silverii 1 5 Orientamento all Europa Marina Silverii 1 Idocumenti ufficiali della Commissione Europea relativi all istruzione e alla formazione a partire dal 1996 (anno europeo del lifelong learning), ribadiscono

Dettagli

MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE. Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No

MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE. Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No DOCENTE : FOGLI MAURIZIO BENVENUTI SERGIO MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE A.S.: 2014 / 2015 CLASSE: 4 AMS Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No Gli obiettivi disciplinari

Dettagli

Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali

Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE PER I RAPPORTI CON L'UNIONE EUROPEA E PER I RAPPORTI INTERNAZIONALI UFFICIO

Dettagli

LEONARDO DA VINCI Formazione professionale Scheda riassuntiva

LEONARDO DA VINCI Formazione professionale Scheda riassuntiva LEONARDO DA VINCI Formazione professionale Scheda riassuntiva Descrizione generale Il Programma Leonardo da Vinci si propone di collegare le politiche alle pratiche nel campo dell istruzione e formazione

Dettagli

newsletter N.4 Dicembre 2013 Erasmus+ il nuovo programma integrato per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport.

newsletter N.4 Dicembre 2013 Erasmus+ il nuovo programma integrato per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport. newsletter N.4 Dicembre 2013 Questo numero è stato realizzato da: Franca Fiacco ISFOL Agenzia Nazionale LLP Programma settoriale Leonardo da Vinci Erasmus+ il nuovo programma integrato per l istruzione,

Dettagli

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI 1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI 2. PRESENTAZIONE 3. SERVIZI FORNITI E AREE DI INTERVENTO 4. I PRINCIPI FONDAMENTALI 5. TUTELA E VERIFICA 6. DATI DELLA SEDE 1. CHE COS È LA CARTA DEI

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L UNIVERSITA, L ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE E PER LA RICERCA Direzione Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo Studio Ufficio IV Il Processo di Bologna Lo Spazio

Dettagli

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO Data: Ottobre, 2013 UniCredit Group - Public MISSION E AMBITO DI COMPETENZA L Internal Audit è una funzione indipendente nominata dagli Organi di Governo della Società ed è parte

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

Il contributo del Programma Leonardo da Vinci al Lifelong Learning e le prospettive per la nuova fase di programmazione

Il contributo del Programma Leonardo da Vinci al Lifelong Learning e le prospettive per la nuova fase di programmazione From the Lifelong Learnig Programme to Erasmus for All Investing in high quality education and training Istituto di Istruzione Superiore Crescenzi Pacinotti di Bologna 24 maggio 2013 Il contributo del

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A. LAVORO E ACCOGLIENZA a cura di S. Campisi INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A.

Dettagli

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene: FONDO SOCIALE EUROPEO IN ROMANIA Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è lo strumento principale tramite il quale l Unione Europea finanzia gli obiettivi strategici delle politiche di occupazione. Da 50 anni,

Dettagli

Avviso di selezione per 3 posizioni organizzative di quadro presso la Fondazione BBS

Avviso di selezione per 3 posizioni organizzative di quadro presso la Fondazione BBS Avviso 2015D-01 del 14/03/2015 Avviso di selezione per 3 posizioni organizzative di quadro presso la Fondazione BBS La Fondazione Bologna University Business School (di seguito BBS o Scuola ) rappresenta

Dettagli

da una parte dall altra

da una parte dall altra Area Generale di Coordinamento 17 - Istruzione, Educazione, Formazione Professionale, Osservatorio Regionale Settore 03 - Politiche Giovanili e del Forum Regionale della Gioventù Agenzia Nazionale per

Dettagli

EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura. Invito a presentare proposte

EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura. Invito a presentare proposte EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura Invito a presentare proposte EACEA 29/2015 : Sostegno a favore di progetti di cooperazione europei Attuazione del regime del sottoprogramma Cultura Europa

Dettagli

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale In questa periodo sono un fase di sottoscrizione gli Accordi di Programma nei diversi ambiti territoriali nella Provincia di Cuneo. La ricerca

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

Europa per i cittadini 2007-2013

Europa per i cittadini 2007-2013 Europa per i cittadini 2007-2013 Il Programma ha come scopo primario la promozione della cittadinanza europea attiva, ovvero il coinvolgimento diretto dei cittadini e delle organizzazioni della società

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

CORSO DI PERFEZIONAMENTO PROJECT MANAGEMENT PER LA MONTAGNA METODOLOGIE E STRUMENTI DI GESTIONE DI UN PROGETTO

CORSO DI PERFEZIONAMENTO PROJECT MANAGEMENT PER LA MONTAGNA METODOLOGIE E STRUMENTI DI GESTIONE DI UN PROGETTO CORSO DI PERFEZIONAMENTO PROJECT MANAGEMENT PER LA MONTAGNA METODOLOGIE E STRUMENTI DI GESTIONE DI UN PROGETTO 46 10 44 N 10 19 48 E In attuazione dell Accordo di Programma tra MIUR e UNIVERSITA DEGLI

Dettagli

STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA

STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA Quali sono gli obiettivi dell Unione nel realizzare i programmi per la mobilità? Questi programmi rientrano all interno della politica di istruzione, formazione

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO.

Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale per le Migrazioni

Dettagli