Valutazione dell'idoneità agli studi SUP dei titolari di una maturità professionale. Sondaggio presso la coorte SUP del 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Valutazione dell'idoneità agli studi SUP dei titolari di una maturità professionale. Sondaggio presso la coorte SUP del 2012"

Transcript

1 Conferenza svizzera degli uffici della formazione professionale CSFP Valutazione dell'idoneità agli studi SUP dei titolari di una maturità professionale Sondaggio presso la coorte SUP del 2012 Rapporto sul sottoprogetto 4 9 ottobre 2014

2 Elaborata da econcept AG, Gerechtigkeitsgasse 20, CH-8002 Zurigo / Autori Dora Fitzli, dr. sc. nat. Annelies Karlegger, lic. rer.nat, psicologa, BA in sociologia Max Grütter, dr. oec. publ. Iara Meili, cand. MA psicologia sociale Barbara Haering, dr. sc. nat. PF, dr. h. c. rer. pol. Ultima elaborazione: 9 ottobre 2014

3 / I Sommario Sintesi i 1 Premesse Obiettivi Focus della valutazione Interrogativi di livello sovraordinato Piano di valutazione Struttura del rapporto 5 2 Modello di misurazione del successo negli studi SUP Definizione di idoneità agli studi e successo negli studi Modello di misurazione del successo negli studi quale base per la valutazione 7 3 Metodologia: sondaggio presso la coorte SUP del Gruppo target del sondaggio (coorte SUP 2012) Questionario Sostegno della KFH Sostegno dell'ust, dati SIUS Svolgimento di test preliminari e sondaggio principale Correzione dei dati: validazione ed elaborazione Dimensioni di valutazione 14 4 Caratterizzazione dei partecipanti al sondaggio Caratterizzazione della coorte SUP del 2012 (insieme del gruppo target intervistato) Caratteristiche e tassi di risposta dei partecipanti al sondaggio 24 5 Verifica e ponderazione dei fattori d'incidenza sul successo degli studi Ponderazione dei fattori d'incidenza sul successo o sull'abbandono degli studi Incidenza della formazione pregressa Incidenza delle premesse personali Incidenza delle prestazioni offerte dalle scuole universitarie professionali Influsso esercitato dal contesto di vita degli studenti 66 6 Risposte agli interrogativi di livello sovraordinato Incidenza della maturità professionale sul successo conseguito negli studi SUP 76

4 II / Sommario 6.2 Incidenza di altri fattori sul successo conseguito negli studi SUP Ponderazione dei diversi fattori d'incidenza dal punto di vista degli studenti Ponderazione dei diversi fattori d'incidenza dal punto di vista dei responsabili dei cicli di studio 81 Anhang 83 A-1 Ausgewählte FH-Fachbereiche und deren Bachelorstudiengänge 83 A-2 Grundlagen zum Modell der Einflussfaktoren auf den Studienerfolg an der Fachhochschule 86 A-3 Fragebogen 92 A-4 Berufliche Grundbildungen und Ausbildungsfelder 100 A-5 Plausibilisierung, Bereinigung und Aufbereitung des Datensatzes 107 A-6 Beschreibung der FH-Kohorte A-7 Rücklauf und Beschreibung der Befragungsteilnehmenden 119 A-8 Vergleich der Kohorten 2011 und A-9 Studiengangleitende: Faktoren für Studienerfolg oder Studienabbruch 128 A-10 Erfolgsquoten der Kohorte 2011 (SHIS-Datensatz) 129 A-11 Test der Einflussfaktoren Vorbildung 135 A-12 Test der Einflussfaktoren Persönliche Voraussetzungen 145 A-13 Test der Einflussfaktoren Leistungen der Fachhochschule 146 A-14 Test der Einflussfaktoren Lebenskontext der Studierenden 155 A-15 Beantwortung der Evaluationsfragestellungen Beitrag der Teilprojekte 161 Abkürzungsverzeichnis 165 Literatur 167

5 / i Sintesi Nell'ottica di garantire la qualità e assicurare la gestione della maturità professionale (MP), i partner coinvolti prevedono di istituire un sistema di monitoraggio a lungo termine. A tale proposito, nella primavera del 2012, la Conferenza svizzera degli uffici della formazione professionale (CSFP), d'intesa con i suoi partner, ha affidato alla econcept AG il compito di valutare se i titolari di un diploma di maturità professionale (di seguito «titolari di una MP») fossero idonei a frequentare i cicli di studio delle scuole universitarie professionali (SUP). Ne è scaturito il progetto «Valutazione dell'idoneità agli studi SUP dei titolari di una maturità professionale». Informazioni sulla valutazione Obiettivi La valutazione persegue due obiettivi. Da un lato essa vuole fornire ai Cantoni, alla Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l'innovazione (SEFRI), alle scuole professionali e alle organizzazioni del mondo del lavoro (oml) indicazioni utili sul contributo che la maturità professionale apporta a favore dell'idoneità agli studi presso le SUP da parte dei titolari di una MP. Inoltre, la valutazione intende sostenere i partner nell'istituzione del suddetto sistema di monitoraggio. Oggetto della valutazione La valutazione non si limita a studiare l'aspetto dell'insegnamento, ma intende analizzare la maturità professionale nel suo complesso, tenendo conto anche dell'influsso esercitato dalla formazione professionale di base. Per questo motivo, nell'ambito della valutazione, sono stati considerati soltanto i settori di studio SUP per i quali esistono formazioni professionali di base affini e che sono dunque «alimentati» da una o più MP (cfr. tabella qui sotto, comprese le forme abbreviate). Settori di studio SUP con formazioni professionali di base affini e relativi indirizzi MP Denominazione completa Architettura, edilizia e progettazione Tecnica/IT Chimica e Life Sciences Agricoltura ed economia forestale Economia e servizi Design Lavoro sociale Sanità Forma abbreviata usata nel rapporto Architettura Tecnica/IT Life Sciences Agricoltura Economia Design Lavoro sociale Sanità Elenco dei settori di studio SUP esaminati nell'ambito del progetto: denominazioni complete e forme abbreviate usate nel rapporto In tal modo è stato possibile coinvolgere il 93 per cento di tutti gli studenti SUP. Il sondaggio svolto presso la coorte SUP del 2012, ad esempio, ha interessato quasi

6 ii / Sintesi studenti. Per motivi finanziari e di tempo si è deciso a priori di non determinare le competenze, richieste nelle diverse materie, per poter accedere alla SUP, né di misurare le relative prestazioni dei titolari di una MP. Modello di misurazione del successo negli studi SUP Dopo un'analisi della letteratura specializzata è stato sviluppato, come base per la valutazione e l'elaborazione dei singoli sottoprogetti, un modello di misurazione dei fattori che incidono sul successo negli studi SUP. Secondo questo modello, il buon esito degli studi dipende da numerosi fattori d'incidenza, tra loro interdipendenti. Questi ultimi sono stati raggruppati in quatto principali campi d'incidenza: formazione pregressa, premesse personali, prestazioni delle SUP e contesto di vita durante lo studio. Interrogativi di livello sovraordinato A un livello sovraordinato sono stati formulati quattro interrogativi, in linea con l'obiettivo del mandato, ossia svolgere un'analisi complessiva dell'idoneità agli studi SUP dei titolari di una MP. Interrogativi di livello sovraordinato 1 In che misura la maturità professionale incide sul successo dei titolari di una MP negli studi SUP? 2 In che misura gli altri fattori, ossia la formazione professionale di base, il contesto di vita durante lo studio e le prestazioni delle SUP, incidono sul successo dei titolari di una MP negli studi SUP? 3 Come valutano i titolari di una MP gli influssi della formazione pregressa, del contesto di vita durante lo studio e delle prestazioni delle SUP sul loro successo negli studi SUP? 4 Come valutano i responsabili dei cicli di studio SUP gli influssi della formazione pregressa, del contesto di vita durante lo studio e delle prestazioni delle SUP sul successo conseguito dai titolari di una MP negli studi SUP? Interrogativi di livello sovraordinato posti nell'ambito della valutazione dell'idoneità agli studi SUP dei titolari di una MP. Gli interrogativi di cui sopra sono stati specificati su due livelli. Basandosi sui risultati dei sottoprogetti 1, 3 e 4, il presente rapporto risponde in modo riassuntivo a tutti gli interrogativi. Metodologia Piano di valutazione Per valutare l'idoneità agli studi SUP dei titolari di una MP è stato scelto un approccio poliprospettico. Le analisi dei dati statistici disponibili (sottoprogetto 1, rapporto pubblicato sul sito della CSFP, giugno 2013) sono state correlate con le valutazioni dei responsabili dei cicli di studio bachelor SUP (sottoprogetto 3, rapporto pubblicato sul sito della CSFP, giugno 2013) e con le autovalutazioni degli studenti SUP (sottoprogetto 4, presente rapporto). A titolo complementare, il sottoprogetto 2 ha perseguito l'obiettivo di appurare in che misura il sondaggio presso i titolari di una MP, condotto regolarmente dall'ufficio federale di statistica (UST), potesse essere integrato ai fini di un monitoraggio a lungo termine della maturità professionale.

7 / iii Sondaggio presso la coorte SUP del 2012 Dato che l'idoneità agli studi dei titolari di una MP non può essere determinata facilmente in modo a sé stante, ma si evince soprattutto dai raffronti con gli studenti SUP provvisti di un titolo d'ammissione diverso, è stata integrata nel sondaggio l'intera coorte SUP del 2012 su tutti i settori di studio prescelti. Il sondaggio è stato effettuato all'inizio del 3 semestre (settembre/ottobre 2013), ovvero in un momento in cui gli studenti interpellati avevano già maturato sufficienti esperienze e sostenuto diversi esami presso le rispettive SUP, ma anche in un momento in cui per la maggior parte degli studenti SUP non erano ancora trascorsi più di due anni dal conseguimento della MP. Vi era inoltre la speranza che in questo modo si potessero raggiungere anche gli studenti che avevano abbandonato gli studi durante il primo anno. Il questionario comprendeva domande sulla persona, sull'iter degli studi e sui quattro campi d'incidenza tematici definiti nel modello (formazione pregressa, premesse personali, prestazioni delle SUP e contesto di vita durante gli studi). Il questionario è stato dapprima sottoposto a un test preliminare cui hanno partecipato studenti di tutte le regioni linguistiche e poi adeguato e realizzato sotto forma di questionario online in italiano, tedesco e francese mediante il programma informatico Collector. Il sondaggio si è svolto tra settembre e ottobre 2013, con il prezioso supporto della Segreteria generale della Conferenza dei rettori delle scuole universitarie professionali svizzere, che ha funto da intermediaria tra la econcept AG e le varie segreterie delle SUP. Dopo un'accurata fase di validazione ed elaborazione dei dati e dopo la successiva valutazione delle singole domande, i risultati sono stati raccolti nel presente rapporto. Caratterizzazione della coorte SUP del 2012 Per verificare se, e in che misura, i partecipanti al sondaggio siano rappresentativi della coorte SUP del 2012, quest'ultima è stata caratterizzata in un primo tempo in base a una serie di dati tratti dal sistema d'informazione universitario svizzero (SIUS) e messi a disposizione gratuitamente dall'ust. In un secondo tempo è stato effettuato un confronto con i partecipanti al sondaggio. Inoltre, visto che i dati sul successo negli studi della coorte 2012 non erano ancora disponibili, la coorte del 2012 è stata paragonata alla coorte dell'anno precedente. I dati SIUS sulla coorte SUP del 2011 sono stati utilizzati per individuare le caratteristiche degli studenti di successo e di quelli che hanno abbandonato gli studi dopo un anno. Nel complesso, la caratterizzazione della coorte SUP del 2012 evidenzia che il diploma di maturità professionale è il titolo d'ammissione più frequente (52,6 %). Questo vale anche per la maggior parte dei settori di studio, ossia Architettura, Life Sciences, Agricoltura ed Economia. Nei settori Lavoro sociale e Sanità, inoltre, anche la maturità specializzata (MS) è un titolo d'ammissione frequente (con circa il 30 %). La quota degli studenti SUP con diploma di maturità liceale si è attestata, in media, al di sotto del 20 per cento in tutti i settori di studio. L'80 per cento dei nuovi studenti possiede una maturità professionale di indirizzo tecnico o commerciale. L'affinità tra l'indirizzo MP e il ciclo di studio è elevata:

8 iv / Sintesi l'80 per cento degli studenti titolari di una MP che inizia uno studio SUP, sceglie infatti un ciclo di studio affine all'indirizzo della MP. Tassi di risposta e caratterizzazione dei partecipanti al sondaggio Grazie al sostegno della KFH e delle SUP, nuovi studenti su della coorte SUP del 2012 sono stati invitati a partecipare al sondaggio online. Di questi, hanno effettivamente preso parte al sondaggio 3572 studenti, provenienti da tutti i settori di studio e da tutte le SUP. Se si considerano soltanto i questionari completati per intero, il loro numero si riduce a Presso le grandi SUP (HES-SO, FHNW e ZFH ) hanno completato il questionario circa 500 persone per scuola, il che corrisponde a un tasso di risposta del 18,2 per cento rispetto alla serie di dati SIUS e al 20,4 per cento rispetto a tutti gli studenti interpellati. Tra le singole SUP il tasso di risposta varia notevolmente: presso le SUP BFH, FHNW, FHZ e FHO ha preso parte al sondaggio più di uno studente su quattro, presso la ZFH uno su cinque, presso la SUPSI e la Kalaidos uno su sei e, infine, presso la HES-SO soltanto uno su nove. In sintesi si può affermare che, nonostante la scarsa partecipazione di, rispettivamente, il 18,2 per cento di tutti gli studenti e il 20,4 per cento degli studenti interpellati, il sondaggio condotto presso la coorte SUP del 2012 consente di trarre conclusioni valide per l'insieme del gruppo target. Sia nelle caratteristiche di base prese in esame (età, sesso, nazionalità, studio a tempo pieno/parziale) sia nelle categorie «settori di studio», «cicli di studio» e «titoli d'ammissione» i due gruppi di confronto si sono rivelati molto simili. Le conclusioni che si possono trarre dal sondaggio online si prestano dunque per rispondere agli interrogativi sovraordinati. Quanto agli studenti che hanno abbandonato gli studi, invece, si possono esprimere soltanto alcune prime stime, perché le risposte pervenute sono poche. Risultati Fattori d'incidenza sul buon esito degli studi Per la ponderazione dei vari fattori d'incidenza gli studenti hanno dovuto selezionare i fattori che secondo loro influenzano il buon esito degli studi (o l'abbandono degli stessi). Queste autovalutazioni, classificate in base alla frequenza dei fattori menzionati, presentano un'elevata correlazione con le valutazioni effettuate dai responsabili dei cicli di studio (sottoprogetto 3). Infatti, sia gli studenti sia i responsabili dei cicli di studio ritengono che tra i fattori più importanti vi siano la motivazione nonché determinati aspetti della personalità. Per entrambi i gruppi sono inoltre importanti la formazione pregressa, le prestazioni delle SUP e il sostegno proveniente dal contesto di vita. Nel ponderare i vari fattori d'incidenza, tuttavia, i due gruppi divergono per quanto concerne il tempo dedicato agli studi. Quest'ultimo, infatti, viene percepito come un fattore importante dagli studenti, ma non dai responsabili dei cicli di studio. Quanto all'abbandono degli studi, gli studenti interessati e i responsabili dei cicli di studio hanno addotto a motivazione soprattutto i cosiddetti «fattori push», ossia (fattori)

9 / v deterrenti che inducono gli studenti a gettare la spugna. Ciò significa, nel contempo, che per entrambi i gruppi interpellati non sono tanto i «fattori pull», ossia le interessanti alternative a uno studio SUP, a motivare una tale scelta. Dato che in generale l'uomo tende a imputare i suoi successi alle proprie prestazioni e gli insuccessi a fattori esterni, ossia a internalizzare i successi ed esternalizzare gli insuccessi (Schlag, 2013 secondo Weiner 1992, pag. 91 e segg.), non sorprende che le autovalutazioni degli studenti che hanno abbandonato gli studi divergano dalle considerazioni dei responsabili dei cicli di studio. È comunque interessante notare che chi decide di abbandonare gli studi non attribuisca tanto la sua decisione alla propria situazione socio-economica, come invece tendono a fare i responsabili dei cicli di studio. Fattori d'incidenza sul successo o sull'abbandono degli studi La seguente tabella presenta i risultati concernenti i singoli fattori d'incidenza e la loro importanza. La struttura e i colori della tabella rispecchiano i quattro campi d'incidenza tematici, conformemente al modello di misurazione del successo utilizzato. Campi d'incidenza tematici Formazione pregressa Fattori d'incidenza sul buon esito degli studi Titolo d'ammissione L'analisi delle quote di successo della coorte SUP del 2011 per titolo d'ammissione conferma i buoni risultati dei titolari di una MP, come già constatato nell'ambito del sottoprogetto 1. Con una quota di successo pari all'87 per cento, essi si situano solo leggermente al di sotto della media di tutti gli studenti SUP. Nella maggior parte dei settori di studio i titolari di una MP hanno conseguito risultati al di sopra della media e più o meno corrispondenti a quelli raggiunti dagli studenti con maturità liceale, ad eccezione di Economia e Sanità. Le quote di successo relative al primo anno di studio variano sensibilmente per i diversi settori di studio e oscillano tra l'82 per cento (Economia) e il 97 per cento (Lavoro sociale). Ciò si rispecchia anche nelle quote di successo dei titolari di una MP in questi settori di studio. Gli studenti con una maturità specializzata (MS) ottengono presso le SUP risultati al di sopra della media, in particolare nei settori con un orientamento corrispondente. È degna di nota l'evoluzione positiva delle quote di successo degli studenti con un titolo d ammissione estero, che a differenza della coorte SUP del 2005 conseguono ora in diversi settori di studio (Economia, Design, Lavoro sociale e Sanità) risultati analoghi a quelli della media di tutti gli studenti iscritti in questi stessi settori. Intervallo tra conseguimento del titolo d'ammissione e inizio dello studio SUP Gli studenti che cominciano a studiare presso una SUP subito dopo aver terminato la scuola hanno meno successo di quelli che lasciano trascorrere almeno un anno. Se tuttavia lo studio SUP viene intrapreso solo cinque o più anni dopo il conseguimento del titolo d'ammissione, la quota di successo scende nuovamente. Affinità tra indirizzo MP e ciclo di studio In generale l'affinità tra l'indirizzo MP e il ciclo di studio è un fattore importante. In altre parole, gli studenti che scelgono un campo tematico affine all'indirizzo della maturità professionale presentano quote di successo nettamente superiori. Questo spiega perché gli studenti con maturità professionale di indirizzo sociale e sanitario ottengono risultati buoni in Lavoro sociale e Sanità, ma meno buoni in Life Sciences ed Economia. Costituisce un'eccezione la maturità professionale di indirizzo tecnico che offre una preparazione sufficiente per tutti i settori di studio.

10 vi / Sintesi Oltre a ciò, la quota di successo dei titolari di una MP dipende fortemente dal settore di studio prescelto. Le quote di successo spaziano dall'82 per cento (Life Sciences) al 97 per cento (Lavoro sociale), il che si riflette anche nelle quote di successo dei titolari di una MP, creando un divario tra le quote di successo dei singoli indirizzi di maturità professionale. Affinità tra formazione professionale di base/esperienza lavorativa e ciclo di studio Gli influssi della formazione professionale di base o di un'esperienza professionale generale o specifica sono difficili da comprovare alla luce dei risultati del presente sondaggio. Questi ultimi dimostrano sì che, in generale, i titolari di una MP scelgono un settore di studio per lo più affine alla formazione professionale di base assolta e che tale scelta contribuisce al buon esito degli studi. Tuttavia, un quarto dei titolari di una MP che ha superato con successo il 1 anno di studio mette in discussione il fatto che la formazione professionale di base possa effettivamente rivelarsi utile a superare con successo gli studi. Nel 1 anno di studio esistono evidentemente altri fattori di successo ugualmente importanti o addirittura più importanti ancora della formazione professionale di base. A tale proposito occorre considerare che generalmente nel 1 anno di studio presso le scuole universitarie professionali viene posto l'accento sull'acquisizione di competenze disciplinari nelle materie fondamentali, mentre l'orientamento alla pratica assume un'importanza maggiore nel 2 e 3 anno di studio. Competenze disciplinari Gli studenti SUP di successo, compresi i titolari di una MP, sono complessivamente soddisfatti delle competenze disciplinari acquisite (86,7 %). Nelle singole materie le autovalutazioni espresse sulle competenze disciplinari sono però assai più critiche. È lecito chiedersi, pertanto, se nelle tre materie di maturità professionale più importanti (cosiddette materie top) non vi sia dunque una certa necessità d'intervento. Competenze interdisciplinari La stragrande maggioranza degli studenti di successo, compresi i titolari di una MP, ha giudicato molto utili le competenze interdisciplinari. In determinati settori, i titolari di una MP2 si ritengono più deboli dei titolari di una MP1. Premesse personali Premesse personali Il fatto che i titolari di una MP e di una MS vantino elevate quote di successo proprio nei settori di studio Lavoro sociale e Sanità fa supporre che la domanda relativa alla lettura e alla comprensione di testi specialistici non abbia contribuito a rilevare le capacità di lettura e d'interazione quali fattori di successo a livello di premesse personali. È stata piuttosto rilevata la capacità degli studenti di trattare testi complicati. Questa supposizione è confermata anche dal fatto che gli studenti con un titolo d'ammissione estero siano riusciti a conseguire risultati soltanto mediocri, probabilmente a causa delle loro difficoltà linguistiche. Nel quadro del presente rapporto (cfr. capitolo 5.1) la principale fonte per rispondere alla questione dell'influsso delle premesse personali sul successo accademico rimane dunque la valutazione dei fattori più spesso indicati dagli studenti come determinanti per il successo o per l'abbandono degli studi. I motivi di gran lunga più indicati dagli studenti di successo sono stati «interesse per il ciclo di studi» (oltre l'80 %) e «disciplina e tenacia» (60 %). Questi risultati confermano che sia gli aspetti della personalità (quali la scrupolosità, l'orientamento alle prestazioni, l'autodisciplina e il senso del dovere) sia i fattori motivazionali quali l'esigenza di capire veramente una materia e non soltanto di impararla a memoria («mastery goals and deep processing») nonché il fatto di aver scelto un indirizzo di studio corrispondente ai propri interessi e obiettivi hanno un influsso positivo sulle prestazioni accademiche. Prestazioni delle SUP Qualità dell'insegnamento I risultati confermano l'importanza della qualità dell'insegnamento ai fini del buon esito degli studi. Complessivamente gli studenti di successo esprimono un giudizio positivo sulla qualità delle SUP. La valutazione degli studenti che hanno abbandonato gli studi, per contro, è molto più critica. Questo dato va tuttavia relativizzato, in quanto questi ultimi tendono a imputare il loro insuccesso a fattori esterni. Corsi di preparazione e d'integrazione In base ai dati disponibili non si può stabilire con certezza se i corsi di preparazione e d'integrazione siano un fattore decisivo ai fini del successo accademico. Più di due terzi degli studenti non hanno frequentato alcun corso supplementare. Inoltre, questi corsi di preparazione e

11 / vii d'integrazione sono stati giudicati utili soltanto dai tre quarti degli studenti che li hanno frequentati. Comunque, il fatto che l'offerta sia generalmente ben coordinata con le tre materie più importanti del rispettivo settore di studio e che sia finalizzata a colmare eventuali lacune nelle relative competenze disciplinari, dimostra che questi corsi sono largamente ritagliati sulle esigenze degli studenti, per cui è lecito supporre che contribuiscano in una certa misura a garantire il buon esito degli studi. In alcuni settori la valutazione ha evidenziato una serie di lacune: esse concernono i corsi di fisica per gli studenti di Architettura e Tecnica/IT e i corsi di economia e diritto nonché storia e politica per gli studenti di Lavoro sociale. Offerta di consulenza delle SUP I risultati del sondaggio dimostrano che soltanto una minoranza degli studenti si avvale delle offerte di consulenza delle SUP. Il loro contributo al successo accademico rimane pertanto incerto. Quanto alla loro utilità, non si registrano differenze significative se si confrontano gli studenti di successo e quelli che hanno abbandonato gli studi. Contesto di vita durante gli studi Età La valutazione della coorte SUP del 2011 dimostra che gli studenti più giovani hanno più successo di quelli d'età più avanzata. Sesso Nel 1 anno di studio le donne della coorte SUP del 2011 hanno avuto tendenzialmente più successo dei loro colleghi di sesso maschile, benché le differenze siano minime. Questo dato conferma i risultati già emersi dalla valutazione della coorte SUP del Tempo dedicato allo studio I risultati del sondaggio dimostrano che il tempo dedicato mediamente agli studi dagli studenti di successo varia fortemente a seconda del settore. In termini di media oraria, i cicli in Ingegneria (30 ore) e Lavoro sociale (31,5 ore) occupano gli ultimi posti, mentre quelli in Architettura (51 ore) e Alimentazione e dietetica (46 ore) figurano ai vertici della classifica. Il successo accademico non è dunque direttamente proporzionale alle ore settimanali dedicate agli studi, anche se per conseguire un diploma SUP sembra essere necessario un numero minimo di ore. Il 70 per cento degli studenti a tempo pieno, infatti, dice di aver dedicato allo studio più di 30 ore settimanali, cifra che sembra tracciare il limite minimo. Per gli studenti che hanno abbandonato gli studi, infatti, il numero di ore settimanali dedicate agli studi non superava le 30 unità. Senso di appartenenza a materia di studio e a pari Il sondaggio online condotto presso la coorte SUP del 2012 conferma che il senso di appartenenza alla materia di studio e a pari sono due fattori importanti ai fini del successo accademico. Panoramica dei risultati relativi ai diversi fattori d'incidenza, suddivisi in base ai principali campi d'incidenza tematici: formazione pregressa, premesse personali, prestazioni delle SUP e contesto di vita durante gli studi. Nel complesso, i risultati del sondaggio avvalorano il modello dei fattori d'incidenza sul successo negli studi SUP, secondo cui il buon esito degli studi SUP dipende dall'interazione dei diversi fattori d'incidenza. Nei limiti del possibile l'approccio adottato ha permesso di illustrare isolatamente i vari campi d'incidenza tematici, postulati dal modello. È così stato possibile analizzare in modo accurato e dettagliato i vari aspetti, ricavando informazioni utili sui fattori più rilevanti. L'analisi non si è però concentrata sulla loro interdipendenza. Dato che il successo accademico è quasi sempre riconducibile a una moltitudine di aspetti, sarebbe stato utile effettuare uno studio multifattoriale, ad esempio attraverso un'analisi della regressione. Tuttavia, alla luce delle risorse disponibili e della complessità metodologica, si è deciso di farne a meno.

12 viii / Sintesi Risposte agli interrogativi di livello sovraordinato Le seguenti risposte agli interrogativi di livello sovraordinato si basano sui risultati dei sottoprogetti 1, 3 e 4. Per un approfondimento rimandiamo alle risposte dettagliate contenute nel capitolo conclusivo del presente rapporto. 1 In che misura la maturità professionale incide sul successo dei titolari di una MP negli studi SUP? La maturità professionale si dimostra un valido titolo d'ammissione ai cicli di studio delle SUP. Nei settori di studio Architettura, Tecnica/IT, Life Sciences, Agricoltura, Design e Lavoro sociale i titolari di una MP vantano quote di successo superiori a quelle degli altri studenti. Soltanto nei settori Economia, Società e Sanità i titolari di una MP attestano risultati leggermente inferiori. L'affinità tra l'indirizzo di MP e il ciclo di studio scelto è un fattore importante ai fini del buon esito degli studi. Nel complesso le competenze disciplinari e interdisciplinari vengono giudicate positivamente dai titolari di una MP. Tuttavia, alcune materie di MP (le cosiddette tre materie top), ritenute importanti per superare con successo gli studi presso una SUP, non trasmetterebbero tutte le competenze disciplinari necessarie per determinati settori di studio SUP. 2 In che misura gli altri fattori, ossia la formazione professionale di base, il contesto di vita durante gli studi e le prestazioni delle SUP, incidono sul successo dei titolari di una MP negli studi SUP? I risultati del sondaggio confermano che il buon esito degli studi SUP dipende da una moltitudine di aspetti e che i fattori contemplati dal modello di misurazione del successo negli studi SUP, ripartiti su quattro principali campi d incidenza (ossia formazione pregressa, premesse personali, prestazioni delle SUP e contesto di vita durante gli studi), incidono sul buon esito o sull'abbandono degli studi. In assenza di un'analisi multifattoriale, non è però possibile descrivere dettagliatamente l'interazione tra i vari fattori. L'approccio adottato consente comunque di analizzare questi ultimi in modo dettagliato e accurato. L'importanza della formazione professionale di base e dell'esperienza lavorativa generale, ad esempio, è stata giudicata soltanto lieve. 3&4 Come valutano i titolari di una MP e i responsabili dei cicli di studio SUP gli influssi della formazione pregressa, del contesto di vita durante gli studi e delle prestazioni delle SUP sul loro successo negli studi SUP? Sia gli studenti sia i responsabili dei cicli di studio ritengono che la motivazione e determinati aspetti della personalità siano fattori che esercitano una particolare influenza sul successo negli studi. Per entrambi i gruppi sono inoltre importanti la formazione

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs 3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l'età ordinaria

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Ordinanza del DEFR sull ottenimento retroattivo del titolo di una scuola universitaria professionale 1

Ordinanza del DEFR sull ottenimento retroattivo del titolo di una scuola universitaria professionale 1 Ordinanza del DEFR sull ottenimento retroattivo del titolo di una scuola universitaria professionale 1 414.711.5 del 4 luglio 2000 (Stato 1 gennaio 2015) Il Dipartimento federale dell'economia, della formazione

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando?

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando? Nationale Plattform Naturgefahren PLANAT Plate-forme nationale "Dangers naturels" Plattaforma nazionale "Pericoli naturali" National Platform for Natural Hazards c/o BAFU, 3003 Berna Tel. +41 31 324 17

Dettagli

Accordo intercantonale sui contributi alle spese di formazione nelle scuole professionali di base (Accordo sulle scuole professionali di base, ASPr)

Accordo intercantonale sui contributi alle spese di formazione nelle scuole professionali di base (Accordo sulle scuole professionali di base, ASPr) 3.6. Accordo intercantonale sui contributi alle spese di formazione nelle scuole professionali di base (Accordo sulle scuole professionali di base, ASPr) del 22 giugno 2006 I. Disposizioni generali Art.

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale Corsi di Perfezionamento Professionale I Corsi di Perfezionamento Professionale costituiscono una struttura creata per fornire determinati servizi centrali all ICEC (Istituto cantonale di economia e commercio)

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato?

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato? INDAGINE POST-DIPLOMA 2014 Diplomati nel 2012: n. 264 Indagini compilate: n. 128 (48,5%) Indirizzo liceale frequentato Risposta 1) linguistico (Utenti: 46 Perc.: 35.94%) Risposta 2) naturalistico (Utenti:

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

EHB IFF IU FF P P I 9.1 9.2

EHB IFF IU FF P P I 9.1 9.2 EHB IFF IU FF P P EI OG ENO SSISCHES H O C H SC H UL IN T ITUT FUR BERUFSBILDUNG INSTITUI FEOERAL DES HAUTES ETUOES EN FORMATION PROFESSIONNELLE tsf ttut0 UNIVERSITARIO FEDERALE PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Addio agli studi. L impatto dei fattori sociali e delle motivazioni individuali sulla scelta di abbandonare l università

Addio agli studi. L impatto dei fattori sociali e delle motivazioni individuali sulla scelta di abbandonare l università Università degli Studi di Milano - Bicocca Nucleo di Valutazione Addio agli studi. L impatto dei fattori sociali e delle motivazioni individuali sulla scelta di abbandonare l università Alessandra Caserini

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE Prot. n. 21096/II/1 dell 11 giugno 2009 UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE VISTA la Legge 8 luglio 1998, n. 230, recante "Nuove norme in materia di obiezione

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Nuova legge sulla formazione professionale: un bilancio dopo sei anni

Nuova legge sulla formazione professionale: un bilancio dopo sei anni Nuova legge sulla formazione professionale: un bilancio dopo sei anni Rapporto del Consiglio federale sul sostegno alla formazione professionale duale (in adempimento al postulato Favre 08.3778) Berna,

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Che cos è un Master Universitario? Il Master Universitario è un corso di perfezionamento scientifico e di alta qualificazione formativa, finalizzato

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014 Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO CORSO DI FORMAZIONE PER ISTRUTTORE DI 1 GRADO DI TENNIS ISTRUTTORE DI 1 LIVELLO DI BEACH TENNIS

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Presentazione delle Schede DAT

Presentazione delle Schede DAT UNIVERSITÀ DEGLI STUDI CAGLIARI CAMPUS UNICA Presentazione delle Schede DAT Dati e indicatori statistici Sono di seguito presentati dettagliatamente i dati e gli indicatori richiesti dal Modello CRUI per

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

Art. 3 Procedura di selezione

Art. 3 Procedura di selezione Regolamento per l'attribuzione a professori e ricercatori dell'incentivo di cui all'articolo 29, comma 19 della legge 240/10 (Emanato con Decreto del Rettore n.110 del 4 aprile 2014) Art. 1 Oggetto 1.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 10 settembre 2010, n. 249 Regolamento concernente: «Definizione della disciplina dei requisiti e delle modalita' della formazione iniziale

Dettagli

IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 10 settembre 2010, n. 249 Regolamento concernente: «Definizione della disciplina dei requisiti e delle modalita' della formazione iniziale degli insegnanti della scuola dell'infanzia, della scuola

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Nel 2014 l'ai ha avviato indagini in 2200 casi per sospetto abuso assicurativo e ne ha concluse 2310. In 540

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S)

Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S) Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S) 318.703 i 01.15 2 di 11 Indice 1. Scopo del questionario... 3 2. Compiti degli organizzatori(trici)

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli