Atelier Urban Center Bologna, 3 dicembre 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Atelier Urban Center Bologna, 3 dicembre 2014"

Transcript

1 PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (PAES). INCONTRO DI COORDINAMENTO Atelier Urban Center Bologna, 3 dicembre 2014

2 Agenda della giornata - Restituzione dell indagine dei firmatari PAES e stato di attuazione - Presentazione del progetto Rigenera - Punto Informativo Energia - La campagna di comunicazione per la riqualificazione energetica degli Edifici Residenziali - Promozione del PAES e obiettivi - Presentazione della seconda fase di indagine - Cerimonia di Firma - Visita alla mostra permanente di Urban Center

3 Restituzione dell indagine sui firmatari

4 Gli obie(vi del PAES

5 Edifici residenziali Gli interven7 quan7ficabili in CO2

6 Edifici residenziali Altri proge( non quan7ficabili in CO2 ACER - Rig.ener.a Rigenerazione energe+ca del patrimonio edilizio pubblico Confabitare - Energy Manager di condominio Realizzazione di una campagna di check up energe+co presso gli associa+ Comune di Bologna, CNA, Unindustria, BPER, Unipol Banca Accordo sull efficienza energe7ca degli edifici Definizione di prodo9 finanziari per piccoli interven+ vol+ al miglioramento dell efficienza energe+ca degli appartamen+

7 terziario e produ(vo Gli interven7 quan7ficabili in CO2

8 terziario e produ(vo Altri proge( non quan7ficabili in CO2 BolognaFiere - EXPOLOGICO Riduzione dell impa=o ambientale della 25esima edizione del SANA Aeroporto Sistema di ges7one dell energia e altre inizia7ve Implementazione del sistema di ges+one dell'energia conforme allo standard UNI ISO Gruppo Hera - Sistema di ges7one dell energia Implementazione del Sistema di Ges+one dell Energia conforme allo standard ISO Università di Bologna Piano della sostenibilità ambientale Installazione di un sistema di building automa+on ed acquisizione da+

9 Produzione locale di energia Gli interven7 quan7ficabili in CO2

10 Produzione locale di energia Altri proge( non quan7ficabili in CO2 CNA e Unindustria Bologna - I te( di Bologna dall amianto a fotovoltaico Rimozione dell'amianto dai te9 di Bologna realizzando impian+ fotovoltaici e migliorando l'isolamento termico degli edifici Azienda Ospedaliera Sant Orsola - Centrale di trigenerazione Riduzione del consumo energe+co

11 Mobilità e traspor7 Gli interven7 quan7ficabili in CO2

12 Mobilità e traspor7 Altri proge( non quan7ficabili in CO2 Università di Bologna e Legambiente - Inizia7ve sui veicoli priva7 e car sharing Razionalizzazione e riqualificazione del parco auto aziendale e adozione del car sharing Aeroporto G. Marconi - Stazione di ricarica Realizzazione di una stazione di ricarica dei veicoli ele=rici totalmente green CAAB - City logis7c Rivisitazione del sistema di distribuzione merci dell ul+mo miglio

13 Comune di Bologna Gli interven7 quan7ficabili in CO2

14 Comune di Bologna Altri proge( non quan7ficabili in CO2 Comune di Bologna Nuovo contra=o con Enel Sole per la riqualificazione della rete di pubblica illuminazione Realizzazione di 5 chilometri di piste ciclabili nei quar+eri Reno e Borgo Panigale Nuovo percorso ciclabile nel Viale Toglia9 Riqualificazione del percorso naturalis+co Lungo Reno Collegamento ciclabile con fermata SFM (Servizio Ferroviario Metropolitano) di Via Casteldebole Tangenziale della bici - 1 stralcio Completamento ciclabile Asta Casaralta Avvio bando per nuovo appalto ges+one immobili comunali

15 Formazione, informazione e comunicazione

16 Gli associa7 dei firmatari

17 Avvio monitoraggio PAES Nuovo servizio per: Monitoraggio del PAES ed aggiornamento Bilancio delle emissioni: Aggiornamento del bilancio energe+co e dell'inventario delle emissioni Redazione report di monitoraggio e compilazione del template di monitoraggio delle azioni sul sito del Pa=o dei sindaci Redazione di proposta di aggiornamento delle schede PAES Realizzazione e sperimentazione di un tool- kit di riqualificazione energe+ca rivolto ai condomini residenziali di medie e grandi dimensioni

18 INSERIRE IMMAGINE?? I te( di Bologna, dall amianto al fotovoltaico promosso da CNA e Unindustria per realizzare interven7 concre7 di riqualificazione energe7co ambientale su i metri quadra+ di te9 bolognesi a=ualmente ricoper+ dall'amianto, che potranno trasformarsi in superficie fotovoltaica producendo 2,2 MWp di energia e a9rando euro di inves+men+ (incluso isolamento termico della copertura). 18

19 Showroom Energia e Ambiente Azione del PAES sul coinvolgimento di scuole e ci=adini, centro per l'educazione su energia, rifiu+ e clima. Nel periodo dicembre 2013 dicembre 2014 ha accolto 126 classi per un totale di 2870 studen7 70 classi sono già prenotate per fine 2014 e inizio 2015 PERCORSI PER LE SCUOLE Clima e paesaggio: come riconoscere gli effe1 del riscaldamento globale Storia di un hamburger Giocando con le energie rinnovabili Archeologia tra i rifiu< Acqua: ciclo, energia e clima S.O.S. Clima Dal ciclo del carbonio al risparmio di elebricità in casa L energia del sole Rifiu< ed energia: un legame nascosto Dove c è civiltà ci sono rifiu<? Quando l energia si fa Bio Una casa col cappobo Sviluppo umano e energia. Una storia di influenze reciproche Il nucleare, l'uomo e l'ambiente Una cibà a energia solare Simulazione di installazione di un pannello fotovoltaico Una cibà evoluta usa le 3R Le foreste non sono tube uguali

20 Comune di Bologna Formazione, informazione e comunicazione

21 Comune di Bologna Formazione, informazione e comunicazione

22 Comune di Bologna Formazione, informazione e comunicazione PROGETTI progetto didattico Una casa in classe A con Istituti Aldini e sportello Aldini lavoro progetto didattico La transizione energetica con Collegio periti Industriali concorso Frigo a Spreco Zero progetto Energycity, campagna di sensibilizzazione di scuole e cittadini sulle dispersioni termiche nelle abitazioni redazione Newsletter periodiche su Energia e Ambiente (5 numeri) progetto GovernEE Corso per facility manager e decisori politici workshop Progetto Class 1 progetto Changing With The Climate didattica e corsi di formazione per docenti

23 Verso una strategia climatica integrata 23

24 Il progetto BLUEAP Cordinatore: Comune di Bologna Partner: Kyoto Club, Ambiente Italia, ARPA Emilia Romagna durata: 36 mesi (01/10/ /09/2015) Comitato scientifico: costituito da 9 esperti nazionali ed internazionali coordinati dal CMCC Obiettivo principale: la redazione e l'adozione di un Piano di Adattamento al Cambiamento Climatico per la città di Bologna. Il Comune di Bologna con il progetto BLUEAP e nell'ambito dell'iniziativa Mayors Adapt promossa dalla Commissione Europea ha avviato il percorso per costruire una città resiliente, capace cioè di proteggere i propri cittadini, il territorio e le infrastrutture dai danni causati dai cambiamenti climatici. 24

25 Gli step del progetto Il percorso partecipato Vulnerabilità e rischi di Bologna Incremento delle temperature Crisi idrica e siccità Aumento eventi meteorologici non convenzionali

26 La del piano di Documento strategico: Vulnerabilità, strategie e obiettivi Piano operativo: linee di intervento e Azioni La città di Bologna ha aderito al Mayors Adapt a ottobre Il Documento Strategico sarà discusso in consiglio entro il 2014 Il Piano di Adattamento completo di Piano Operativo verrà approvato nel 2015.

27 Presentazione del progetto Rigenera

28

29 Progetto: del Comune di Bologna Oggetto: efficientamento energetico del patrimonio residenziale pubblico Project Management: A.C.E.R. Bologna CONTESTO GENERALE SOCIALE Crescita dei costi dell energia. Difficoltà di sostenerli per le famiglie. AMBIENTALE Aumento dei fattori che inducono cambiamenti climatici. VINCOLI Mancanza finanziamenti STRUTTURALI per l ERP Risorse LOCALI limitate Tempi stretti per agire Cultura specifica in evoluzione Vincoli imposti dalla normativa sui L.L.P.P. OBIETTIVI Riduzione dell incidenza energetica sulle bollette degli inquilini. Migliorare la qualità dell abitare e dell aria. Innescare la riqualificazione dell esistente patrimonio.

30 IL PATRIMONIO GESTITO PER BOLOGNA alloggi 750 fabbricati COMPLESSIVAMENTE alloggi

31 DOVE AGIRE? COME AGIRE? CON QUALI RISORSE? CON QUALI STRUMENTI?

32 DOVE AGIRE? SUL PATRIMONIO IMMOBILIARE DI PROPRIETA E CON RISCALDAMENTO CENTRALIZZATO COME AGIRE? ATTIVANDO LE RISORSE ED IL KNOW HOW DELLE AZIENDE «ESPERTE» NEL SETTORE DELL ENERGIA CON QUALI RISORSE? ATTRAVERSO L UTILIZZO DI RISORSE MESSE A DISPOSIZIONE DA BOLOGNA CON EFFETTO VOLANO, INNESCO, STIMOLANDO L INVESTIMENTO DI TERZI. CON QUALI STRUMENTI? OVVERO COME RENDERE ATTRAENTE L IMPEGNO?

33 ATTRAVERSO il dialogo competitivo. (art. 58 D.Lgs 163/2006 e ss.mm.ii) IL DIALOGO COMPETITIVO PERMETTE ALLE ESCO DI ESPRIMERE IL LORO POTENZIALE PROGETTUALE, ECONOMICO E FINANZIARIO IN UN CONTESTO PRIVO DEI VINCOLI TIPICI DI UN APPALTO, GIUNGENDOVI SUCCESSIVAMENTE IN UNA CONDIZIONE WIN WIN PER LA PA E I POTENZIALI APPALTATORI. L APPALTO, IN UN CONTESTO DI REGOLE E VINCOLI NORMATIVI, DECRETERA QUINDI LA MIGLIORE OFFERTA.

34 il dialogo competitivo Punti di FORZA Punti di DEBOL EZZA Punti di forza non necessita di un progetto esecutivo redatto dalla S.A; non necessita di diagnosi energetiche sviluppate dalla S.A., ma di una dettagliata data room energetica (storico consumi anche decennale ); valorizza al massimo il know how delle ES. Co; e di debolezza? consente di approdare a nuove tecnologie; consente di individuare insieme la massima esposizione economico-finanziaria delle ES.Co, definendo univocamente il perimetro dell intervento SOSTENIBILE

35 ...gli interventi previsti nel primo step «sperimentale» 950 alloggi 23 i fabbricati 13 agglomerati 2,2 mln il contributo Comunale, per lavori complessivi pari a 6,5 mln 1 dialogo competitivo 3 distinte gare ripetibile n volte fino a esaurimento

36 Il committente Comune di Bologna La cabina di regia L officina Azienda Casa Emilia Romagna della provincia di Bologna NOMISMA Comune di Bologna Azienda Casa Emilia Romagna della provincia di Bologna C.I.R.I. Edilizia e Costruzioni - Università di Bologna Studio ingegneria More Energy HABITECH

37 CONCLUSIONI Questo modello può rappresentare la via per consentire di riqualificare energeticamente il patrimonio residenziale e non residenziale di TUTTI i soggetti PUBBLICI Offre alcuni vantaggi rispetto ad un approccio tradizionale: PROGETTO-GARA-APPALTO Non è sempre necessario redigere «impegnative» diagnosi energetiche MA OCCORRE fornire una dettagliata data room energetica (che deve essere in possesso delle S.A.); Si puo avviare in presenza di limitate (seppur presenti) risorse economiche pubbliche (effetto volano o catalizzatore); Sfrutta, sulla base di una procedura assolutamente pubblica e trasparente, il know how dell imprenditoria privata con la messa in campo di tutte le loro potenzialità (dialogo competitivo).

38 ...ringrazio per l attenzione Ing. Nicola Luigi Serravalle Direttore Generale ACER Bologna

39 Presentazione del punto informativo sull energia

40 Obie(vo del punto informa7vo Creare un servizio informa+vo, aperto al pubblico e a +tolo gratuito, funzionale a fornire il supporto conosci+vo di base u+le ad agevolare processi di riqualificazione energe+ca degli edifici esisten+.

41 Il di CNA: temi e strumen7 Temi: soluzioni tecnico / tecnologiche per il risparmio energe+co e l u+lizzo di fon+ rinnovabili negli edifici; quadro dei sistemi incen+van+ disponibili; finanziamen+ dedica+; valutazioni di fa9bilità, dimensionamento, cos+ di massima e ipotesi di risparmio Strumento di lavoro: apposita pia=aforma informa+ca per registrare, archiviare e lavorare tu9 i quesi+

42 Il di CNA: accesso Presentazione dei quesi+ a=raverso risorse CNA e personale dello Sportello Unico Edilizia del Comune di Bologna Possibilità di presentazione autonoma dei quesi+ tramite pagina web

43 Il di CNA: ges7one Analisi dei quesi+ pervenu+ e loro accorpamento per tema+che omogenee => ges+one ad hoc su richieste per TEE da imprese Organizzazione degli appuntamen+ presso gli spazi dello Sportello Unico per l Edilizia Effe=uazione degli incontri con coinvolgimento delle competenze tecniche necessarie Rispe=o di specifiche tempis+che

44 Il di CNA: monitoraggio Raccolta del livello di soddisfazione degli uten+ del Punto Informazione Energia Raccolta di feedback circa l eventuale esecuzione di interven+ di efficientamento energe+co

45 Inizia7ve collaterali Disponibilità per incontri di approfondimento su ques+oni specifiche nell ambito di assemblee condominiali Incontri forma+vi su strumen+ per la ges+one energe+ca degli edifici Mailing list degli uten+ del Punto Informazione Energia per invio news Organizzazione di even+ pubblici disloca+ nei quar+eri

46 Punto Informazione Energia la proposta di TARGET : Industrie Terziario di medio-grandi dimensioni OGGETTO : Servizi Informa+vi gratui+ Supporto nell individuazione di interven+ di efficienza energe+ca Supporto nell individuazione dei regimi incen+van+ Sopralluoghi in campo Predisposizione materiale informa+vo Organizzazione di even+ rivol+ al target per la promozione del Punto Informazione Energia e di inizia+ve di risparmio energe+co MODALITA : Accesso tramite pia=aforma principale predisposta da Comune e CNA Conta9 telefonici e via mail Sopralluoghi sul posto per le Aziende con consumi energe+ci sopra una soglia iden+ficata

47 Punto Informazione Energia i temi da affrontare CERTIFICATI BIANCHI Opportunità incen+vante per l efficienza energe+ca Ampia applicabilità in campo industriale Notevole potenziale di ritorni economici Potenziale di riduzione del tempo di ritorno economico ~ 30-40% OBBLIGO Dlgs.102/14 DIAGNOSI ENERGETICHE In capo alle «Grandi Aziende» (> 250 dipendenti, fatturato > 50 Mln ) In alternativa a SGE ISO Obbligo ma anche opportunità di individuazione interventi di efficienza energetica e riduzione dei costi Implementazione di strumenti monitoraggio consumi più adeguati Rela+vamente ad entrambi i macro- temi individua+: Verrà fornito supporto per l interpretazione della norma+va e per l individuazione degli adempimen+ derivan+ Verrà fornita una scheda di raccolta da+ per effe=uare uno screening energe+co preliminare finalizzato ad individuare possibilità di risparmio energe+co

48 Campagna di comunicazione per la riqualificazione degli Edifici Residenziali

49 Obie(vo Informare la cittadinanza sulla possibilità di usufruire degli incentivi per la riqualificazione energetica dei propri edifici (Ecobonus) e spingerli a considerare l investimento in interventi in quest ambito.

50 Analisi del contesto Per comprendere l'approccio e la propensione dei cittadini verso gli interventi sugli edifici, il tono di voce e i contenuti prioritari per la campagna di comunicazione. 1. Focus group 2. Sondaggio online

51 1. Focus group Quando: dicembre 2014 Chi: cittadini bolognesi reclutati sulla base di criteri pertinenti rispetto ai temi, e utili a favorire una discussione ricca ed eterogenea Metodologia: focus group qualitativo di 2 ore circa discussione di taglio pragmatico

52 2. Sondaggio Quando: somministrazione dicembre-febbraio 2015 Metodologia: Online form da diffondere con: Newsletter Social network

53 Strumen7 di comunicazione Sito web del PAES Newsletter del PAES Punto Informazione Energia Campagna Adwords Materiale informativo Social Network Video ad hoc Tutte le azioni connesse verranno pianificate e calibrate a partire dall elaborazione (in corso) di una digital strategy dettagliata.

54 Sito web del PAES e Riorganizzazione dei contenuti Creazione di una scheda dettagliata per ogni progetto portato avanti dai partner del PAES Sezione dedicata al Punto Informativo Energia Invio periodico newsletter

55 Punto Informazione Energia L'hub informativo principale, fisicamente nello Sportello Edilizia del Comune di Bologna e gestito in partenariato con CNA e Hera verrà allestito per comunicare al meglio il PAES e le misure degli incentivi. Lo sportello verrà vestito con l immagine coordinata del PAES Video nella sala d attesa Materiali informativi

56 Punto Informazione Energia (2) Lo sportello sarà accessibile anche dal web: Form per i cittadini sul sito del PAES, preventivo all appuntamento specifico Accesso al form dal sito dello Sportello Edilizia Altri accessi logici al form (attraverso link)

57 Campagna Adwords Una campagna pubblicitaria da attivare su Google, basata sulla scelta dei termini ricercati per raccogliere informazioni su questi temi. Perché: limitato tempo a disposizione, efficacia misurabile e possibilità di assestamento in corso Quando: da marzo a ottobre 2014 A questa si affiancherà una specifica campagna DEM

58 Materiale informa7vo Un pieghevole informativo completo e un flyer, secondo i formati più congeniali a distribuzione e promozione. Perché: Mezzo tradizionale che affianca la campagna, da distribuire presso hub di Comune e PAES e da inviare Quando: i materiali saranno disponibili a partire da marzo 2014, in via di definizione un piano di distribuzione

59 Social Network Oltre che per comunicare ulteriormente con i cittadini, per permettere l interazione 2.0 con gli influencer del settore. La voce principale sarà quella di UCB (in mancanza di social del PAES). Quando: si inseriranno queste tematiche nel piano editoriale di UCB a partire da gennaio 2015 Canali: facebook, twitter, youtube

60 Video Cosa: un video che racconta cos è il PAES (già esistente) + 4/5 video brevi in motion graphic, con focus su interventi di riqualificazione energetica eleggibili, dal più semplice al più complesso. Come: i video verranno pubblicati su youtube e verranno promossi attraverso i social, ma anche con una campagna AD ad hoc Quando: i video saranno online da aprile 2015

61 La campagna è del PAES! Per potenziare la campagna di comunicazione, serve la collaborazione di tutti i partner. Referente web Sito Invio newsletter Referente social Distribuzione materiali cartacei In sede Ad eventi Da spedire

62 Promozione del PAES e obiettivi

63 Strumenti di comunicazione 1) far conoscere il PAES alla ci=adinanza; 2) promuovere le azioni dei partner del PAES. Come? Aggiornamento degli strumen7 di comunicazione WEB

64 Strumenti di comunicazione Sito web del PAES 2) Newsle=er mensile del PAES; 3) Quaderno di Urban Center: Come il PAES cambia Bologna ; 4) Il Plas+co della ci=à visibile presso la mostra permanente di Urban Center. Tu=e le azioni connesse verranno pianificate e calibrate a par+re dall elaborazione (in corso) di una digital strategy de=agliata.

65 1) Sito web del PAES

66 Sito web del PAES: interventi a) Aggiornamento quo+diano; b) Riorganizzazione dei contenu+: Creazione di una scheda de=agliata per ogni proge=o portato avan+ dai partner del PAES Possibilità di visualizzare i proge9 in elenco o in una mappa Sezione dedicata al Punto Informa+vo Energia (database CNA) Sito in doppia lingua: ITA/ENG Promozione sul sito dei partner del PAES

67 2) Newsletter PAES a) Primo invio: 12 Novembre 2015; b) Invio a cadenza mensile; c) Suddivisione dei contenu+ in: News; Even+; Proge=o del mese + foto. Invio ad una mailing list aggiornata; Diffusione sui social UCB.

68 Come il PAES cambia Bologna Serie: I quaderni monografici di Urban Center Bologna. Impostazione grafica: segue la linea ado=ata nelle preceden+ pubblicazioni della stessa collana: traduzione abbreviata in inglese ad ogni paragrafo; approfondimen+ in BOX colora+ (= pagina). Presuppos7 da cui par7re: Bologna, come mol+ contes+ urbano mondiali, è cara=erizzata da alcune problema+che a cui il PAES mira a rispondere. Importante: far emergere una riflessione su che cosa significa, oggi, dar vita ad un PAES. Target: ci=adini e pubblico specializzato. Linguaggio: semplice e comprensibile.

69 3) Il plastico della città di Bologna Al centro della mostra permanente di Urban Center, vi è un grande plas+co del territorio metropolitano bolognese (modello in scala 1:4.000), animato da proiezioni colorate, che supporta i visitatori nella comprensione della geografia della ci=à e dei contenu+ in mostra. Il plas+co verrà implementato da una nuova mappa che me=erà in evidenza gli interven+ del PAES.

70 La mappa del plastico

71 Presentazione della seconda fase di indagine presso i firmatari del PAES

72 Gli obie(vi della seconda fase di indagine presso i firmatari del PAES Raccogliere dai firmatari del protocollo informazioni qualita+ve e quan+ta+ve su proge( e inves7men7 coeren+ con gli obie9vi del PAES previs7 nella seconda fase dell accordo so=oscri=o ( ) Il monitoraggio produrrà informazioni su due livelli: qualita7vo, rispe=o alle inizia+ve promosse da ciascun sogge=o; quan7ta7vo, in termini di energia e CO2 per s+mare (quando possibile) l impa=o potenziale dei proge9 rileva+. Nel corso dell indagine si aggiornerà anche il quadro degli interven+ realizza+ successivamente alla precedente rilevazione (giugno 2014)

73 Gli strumen7 della seconda fase di indagine Ques+onario per la raccolta delle azioni realizzate da giugno a dicembre 2014 e previste dal 2015 al 2020 Help Desk su appuntamento Interviste di taglio strategico da concordare sulla base dei proge9/interessi rileva+

74 Il ques7onario PARTE A. DATI GENERALI PARTE B. INTERVENTI REALIZZATI DA GIUGNO 2014 A DICEMBRE 2014 PARTE C. INTERVENTI PREVISTI PER IL PERIODO

75 Il ques7onario

76

77

Rigenerazione Energetica del patrimonio residenziale pubblico gestito da A.C.E.R. Bologna

Rigenerazione Energetica del patrimonio residenziale pubblico gestito da A.C.E.R. Bologna Rigenerazione Energetica del patrimonio residenziale pubblico gestito da A.C.E.R. Bologna COSA Rigenerazione del patrimonio residenziale pubblico DOVE Comune di Bologna COME Energe:ca, ma non solo PROBLEMI

Dettagli

L importanza dell intervento sul patrimonio storico nell ambito degli obiettivi del PAES del Comune di Bologna. Giovanni Fini Comune di Bologna

L importanza dell intervento sul patrimonio storico nell ambito degli obiettivi del PAES del Comune di Bologna. Giovanni Fini Comune di Bologna L importanza dell intervento sul patrimonio storico nell ambito degli obiettivi del PAES del Comune di Bologna Giovanni Fini Comune di Bologna CNA Bologna Energy Art Care 21/5/2015 Le azioni del PAES -

Dettagli

Amianto ed Energia: il problema e le possibili soluzioni

Amianto ed Energia: il problema e le possibili soluzioni Amianto ed Energia: il problema e le possibili soluzioni I te% fotovoltaici di Bologna l energia dall amianto Bologna, 26 novembre 2014 Origini del proge,o: nel 2013, nell ambito del percorso di concertazione

Dettagli

Sfide energetico-ambientali ed opportunità di business. Strumenti di gestione e bilanci integrati. Le iniziative del PAES

Sfide energetico-ambientali ed opportunità di business. Strumenti di gestione e bilanci integrati. Le iniziative del PAES Sfide energetico-ambientali ed opportunità di business. Strumenti di gestione e bilanci integrati Le iniziative del PAES Francesco Tutino - Comune di Bologna Settore Ambiente ed Energia -Ufficio Energia

Dettagli

Ancona 22 ottobre 2012 Fabio Travagliati Politiche Comunitarie Autorità di Gestione FESR e FSE

Ancona 22 ottobre 2012 Fabio Travagliati Politiche Comunitarie Autorità di Gestione FESR e FSE Ancona 22 ottobre 2012 Fabio Travagliati Politiche Comunitarie Autorità di Gestione FESR e FSE implementare l iden-tà visuale del POR- FESR e la riconoscibilità della sua azione e del valore aggiunto da

Dettagli

Azioni del PAES del Comune di Bologna: CONDOMINI- Riqualificazione energetica

Azioni del PAES del Comune di Bologna: CONDOMINI- Riqualificazione energetica Azioni del PAES del Comune di Bologna: CONDOMINI- Riqualificazione energetica Bologna, 4 marzo 2015 In collaborazione con: Nell ambito del Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) del Comune di

Dettagli

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE 1. PREMESSA Le trasformazioni economiche, politiche, sociali e ambientali che in questi ultimi decenni hanno investito, in modo

Dettagli

Crescita sostenibile e intelligente

Crescita sostenibile e intelligente Crescita sostenibile e intelligente per lo sviluppo locale Per la realizzazione di questo documento sono state utilizzate immagini di: Archivio Parlamento europeo Avete un tesoro verde. Approfittatene.

Dettagli

RUBRICA ERP L implementazione e la gesone di un ERP può seguire i principi dell IT Governance? L IT Governance applicata ai sistemi ERP

RUBRICA ERP L implementazione e la gesone di un ERP può seguire i principi dell IT Governance? L IT Governance applicata ai sistemi ERP RUBRICA ERP L implementazione e la gesone di un ERP può seguire i principi dell IT Governance? L IT Governance applicata ai sistemi ERP INDICE Introduzione Intervista all Ing. Paolo Di Mar!no, Responsabile

Dettagli

L esperienza del Comune di Reggio Emilia

L esperienza del Comune di Reggio Emilia Convegno di presentazione IL PATTO DEI SINDACI PER I COMUNI DELL UNIONE VAL D ENZA L esperienza del Comune di Reggio Emilia Montecchio, 16 febbraio 2013 I firmatari del Patto si impegnano a ridurre di

Dettagli

Formazione tecnici di settore EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO

Formazione tecnici di settore EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO Formazione tecnici di settore EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO Particolare attenzione alla mobilità ciclabile QUESTIONI Difficoltà di realizzazione di piste ciclabili Ci sono i percorsi che servono? L

Dettagli

Energy Performance Day 2014. !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Milano,!26!novembre!2014!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!ing.!Daniele!Ziveri!

Energy Performance Day 2014. !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Milano,!26!novembre!2014!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!ing.!Daniele!Ziveri! Energy Performance Day 2014!!!! finanziamenti per l efficienza energetica!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Milano,!26!novembre!2014!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!ing.!Daniele!Ziveri! Chi!è!BIT?!

Dettagli

Workshop Risparmiare energia e ridurre i costi di esercizio A cura di CNA Urban Center, Sala Atelier 18 ottobre 2013

Workshop Risparmiare energia e ridurre i costi di esercizio A cura di CNA Urban Center, Sala Atelier 18 ottobre 2013 Conosciamo meglio i contratti di Servizio Energia, una soluzione per efficientare un immobile a basso impatto economico Workshop Risparmiare energia e ridurre i costi di esercizio A cura di CNA Urban Center,

Dettagli

1 RAPPORTO DI MONITORAGGIO. Piano d Azione Energia Sostenibile Comune di Teolo. -Marzo 2014-

1 RAPPORTO DI MONITORAGGIO. Piano d Azione Energia Sostenibile Comune di Teolo. -Marzo 2014- 1 RAPPORTO DI MONITORAGGIO Piano d Azione Energia Sostenibile Comune di Teolo -Marzo 2014- COMUNE DI TEOLO SUPPORTO TECNICO: CONSORZIO UNIVERSITARIO DI RICERCA APPLICATA C/O UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

Dettagli

Un modello di contratto per la garanzia di prestazione. Responsabile Servizio Energia

Un modello di contratto per la garanzia di prestazione. Responsabile Servizio Energia PROGETTO FRESH Un modello di contratto per la garanzia di prestazione energetica (EPC) Ing. Luigi Guerra Responsabile Servizio Energia Progetto Europeo Fresh PROBLEMI GENERALI: Crescita dei costi dell

Dettagli

Presentazione linee guida di progetto Attività marketing per il complesso del centro natatorio del Comune di Cologno al Serio (BG) Aprile 2015

Presentazione linee guida di progetto Attività marketing per il complesso del centro natatorio del Comune di Cologno al Serio (BG) Aprile 2015 Presentazione linee guida di progetto Attività marketing per il complesso del centro natatorio del Comune di Cologno al Serio (BG) Aprile 2015 1 INDICE LE DIRETTRICI 1. Plus&Plus 2. Plus&Plus per il Centro

Dettagli

Indice. Prefazione 13

Indice. Prefazione 13 Indice Prefazione 13 1 Energia e sostenibilità: il ruolo chiave dell Energy 15 management 1.1 Sviluppo sostenibile e sistemi energetici 16 1.2 Il contesto delle politiche energetiche: competitività, energia

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE - PAES Baseline e individuazione azioni

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE - PAES Baseline e individuazione azioni IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE - PAES Baseline e individuazione azioni SPES Consul>ng Società di consulenza in materia energetica ed ambientale. Ci occupiamo di pianificazione energetica a

Dettagli

Il Programma Energe-co ambientale regionale (PEAR) di Regione Lombardia: Un opportunità per gli En- Locali

Il Programma Energe-co ambientale regionale (PEAR) di Regione Lombardia: Un opportunità per gli En- Locali Il Programma Energe-co ambientale regionale (PEAR) di Regione Lombardia: Un opportunità per gli En- Locali Dino De Simone Direzione Energia di Finlombarda 18 giugno 2014 IL QUADRO LEGISLATIVO E LA PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Piano Operativo di Animazione

Piano Operativo di Animazione ALLEGATO A Direzione Regionale Risorsa Umbria. Federalismo, Risorse Finanziarie Umane e Strumentali Piano Operativo di Animazione POR FESR 2007-2013 - ASSE III Efficienza Energetica e Sviluppo delle Fonti

Dettagli

L uso dei fondi stru@urali per la riqualificazione degli alloggi di ERP

L uso dei fondi stru@urali per la riqualificazione degli alloggi di ERP FONDI STRUTTURALI POR FESR 2007/2013 Programma OperaJvo 2007/2013 (POR) CompeJJvità ed Occupazione L uso dei fondi stru@urali per la riqualificazione degli alloggi di ERP Ing. Sebastiano Ciavarella Il

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

Un progetto territoriale condiviso. Giovanna Rossi Enrico Bartoletti Provincia di Livorno

Un progetto territoriale condiviso. Giovanna Rossi Enrico Bartoletti Provincia di Livorno Il Piano di Azione Congiunto per l Energia sostenibile dell Isola d Elba Un progetto territoriale condiviso Giovanna Rossi Enrico Bartoletti Provincia di Livorno LA RISPOSTA DEL JRC 2 Gli Interventi previsti

Dettagli

Azioni del PAES del Comune di Bologna: CONDOMINI- Riqualificazione energetica

Azioni del PAES del Comune di Bologna: CONDOMINI- Riqualificazione energetica Azioni del PAES del Comune di Bologna: CONDOMINI- Riqualificazione energetica Francesco Tutino, Comune di Bologna Seminario Rigenerazione Urbana e Riqualificazione Energetica Sala Biagi - Quartire Santo

Dettagli

IL WELFARE DEL FUTURO: QUALI PROSPETTIVE PER IL WELFARE AZIENDALE IN ITALIA?

IL WELFARE DEL FUTURO: QUALI PROSPETTIVE PER IL WELFARE AZIENDALE IN ITALIA? IL WELFARE DEL FUTURO: QUALI PROSPETTIVE PER IL WELFARE AZIENDALE IN ITALIA? Convegno MetLife Roma, 16 ottobre 2012 Milano, 18 ottobre 2012 Franca Maino e Giulia Mallone Dipartimento di Scienze Sociali

Dettagli

PROGETTO I.MO.S.M.I.D. LIFE+ 2009

PROGETTO I.MO.S.M.I.D. LIFE+ 2009 PROGETTO I.MO.S.M.I.D. LIFE+ 2009 Progetto Life Sustainable Cruise - L'applicazione della metodologia LCA nei progetti europei: stato dell'arte e future opportunità Genova, 12 dicembre 2012 Un progetto

Dettagli

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili ALBA AUDITORIUM FONDAZIONE FERRERO IL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI NEL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DEL PIANO 20/20/20 Agostino Ghiglia Assessore all energia La nuova pianificazione regionale Nel dicembre

Dettagli

(PA), 11-12.07.2013 WORKSHOP IEE COVENANT CAPACITY

(PA), 11-12.07.2013 WORKSHOP IEE COVENANT CAPACITY COVENANT CAPACITY Capacity building of local governments to advance Local Climate and Energy Action from planning to action to monitoring GIORNATE DI FORMAZIONE Il Patto dei Sindaci: opportunità di crescita

Dettagli

Audizione del. Direttore del Consorzio CEV. Gaetano Zoccatelli

Audizione del. Direttore del Consorzio CEV. Gaetano Zoccatelli Disegno di Legge n. 1541 conversione in legge del Decreto Legge 24 giugno 2014, n.91 Disposizioni urgenti per il settore agricolo, la tutela ambientale e l efficientamento energetico dell edilizia scolastica

Dettagli

PROGETTO GRAN SASSO IN RETE. Esperienze e buone pratiche di e-learning per le PMI in Abruzzo. Franca Masciulli Servizio Alta Formazione INFN - LNGS

PROGETTO GRAN SASSO IN RETE. Esperienze e buone pratiche di e-learning per le PMI in Abruzzo. Franca Masciulli Servizio Alta Formazione INFN - LNGS PROGETTO GRAN SASSO IN RETE Esperienze e buone pratiche di e-learning per le PMI in Abruzzo Franca Masciulli Servizio Alta Formazione INFN - LNGS L Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e i Laboratori

Dettagli

UN ESIGENZA IMPROCRASTINABILE

UN ESIGENZA IMPROCRASTINABILE Pagina 1 UN ESIGENZA IMPROCRASTINABILE L edilizia determina il quaranta per cento dei consumi totali di energia ed è tra i settori maggiormente responsabili delle emissioni di gas serra, della produzione

Dettagli

Aree produttive sostenibili e Green marketing

Aree produttive sostenibili e Green marketing Aree produttive sostenibili e Green marketing IL GREEN MARKETING COME OPPORTUNITÀ DI RILANCIO ECONOMICO Il marketing green si occupa di inserire nel mercato prodotti che salvaguardano l ambiente attraverso

Dettagli

linee guida milano smart city

linee guida milano smart city maggio 2014 linee guida milano smart city introduzione La trasformazione di una ci1à in una Smart City è un processo complesso perché richiede una profonda innovazione delle infrastru1ure materiali e immateriali,

Dettagli

WORKSHOP TECNICO COME FARE UNA DIAGNOSI ENERGETICA Diagnosi nel terziario GesWone del mulwsito: opportunità e modalità operawve

WORKSHOP TECNICO COME FARE UNA DIAGNOSI ENERGETICA Diagnosi nel terziario GesWone del mulwsito: opportunità e modalità operawve Via San Fermo, 15-27100 Pavia tel. 0382 1938033 e fax 0382 1938034 www.alens.it - info@alens.it Cod. Fiscale e P.IVA 02474810187 Registro Imprese Pavia R.E.A. PV - 276542 WORKSHOP TECNICO COME FARE UNA

Dettagli

ESCo Energy Service Company

ESCo Energy Service Company ESCo Energy Service Company Chi sono le ESCo. Le ESCo. (Energy Service Company) sono Società di Servizi Energetici (SSE) che realizzano progetti di ristrutturazione energetica finalizzati a ridurre al

Dettagli

Consumo troppo? Cosa fare? L approccio del FM al tema dell energia negli immobili esistenti

Consumo troppo? Cosa fare? L approccio del FM al tema dell energia negli immobili esistenti Consumo troppo? Cosa fare? L approccio del FM al tema dell energia negli immobili esistenti Relatori: Emilio Giacomini Responsabile Area Operativa Ceg Facility Raffaele Tardi Energy Manager Ceg Facility

Dettagli

TORINOSMARTCITY. ROMA - 9 Febbraio 2012

TORINOSMARTCITY. ROMA - 9 Febbraio 2012 TORINOSMARTCITY DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY: IL PERCORSO DELLA CITTA DI TORINO ROMA - 9 Febbraio 2012 1 LE TAPPE 29 gennaio 2008 nell ambito della seconda edizione della Settimana Europea dell energia

Dettagli

UNA COOPERATIVA CHE INVESTE NEL PROPRIO FUTURO

UNA COOPERATIVA CHE INVESTE NEL PROPRIO FUTURO IL PIANO STRATEGICO/INDUSTRIALE 2012-2014 UNA COOPERATIVA CHE INVESTE NEL PROPRIO FUTURO L elaborazione del primo Piano Strategico/Industriale di Tecnicoop si inserisce in un progetto complessivo di rinnovamento

Dettagli

CONTENUTI. Contesto di riferimento. L inventario delle emissioni. Definizione degli obiettivi. Ambiti d azione per il nuovo piano

CONTENUTI. Contesto di riferimento. L inventario delle emissioni. Definizione degli obiettivi. Ambiti d azione per il nuovo piano 2 CONTENUTI Contesto di riferimento L inventario delle emissioni Definizione degli obiettivi Ambiti d azione per il nuovo piano Concertazione e partecipazione Aggiungere: Normativa e piano triennale regionale

Dettagli

Specialis nell Energy Saving

Specialis nell Energy Saving Specialis nell Energy Saving LA STORIA Geicolender S.p.a., società dall'esperienza ventennale nei se!ori della ges one e manutenzione di impian tecnologici ed edifici complessi, nell'aprile 2011 incomincia

Dettagli

Materiali didattici «Smart City» BOLOGNA SMART CITY. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Materiali didattici «Smart City» BOLOGNA SMART CITY. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Materiali didattici «Smart City» GREEN JOBS Formazione e Orientamento INTRODUZIONE La città di Bologna occupa il secondo posto nella classifica italiana delle città smart. Gli indicatori elaborati confermano

Dettagli

La prima piattaforma italiana di crowdfunding per la realizzazione di green infrastructures

La prima piattaforma italiana di crowdfunding per la realizzazione di green infrastructures La prima piattaforma italiana di crowdfunding per la realizzazione di green infrastructures 1 COME NASCE OPEN GAIA OPEN GAIA nasce dall esperienza maturata attraverso il progetto LIFE+ GAIA cofinanziato

Dettagli

I Progetti di Responsabilità Sociale d Impresa della Provincia di Modena

I Progetti di Responsabilità Sociale d Impresa della Provincia di Modena Milano, 24 settembre 2008 I Progetti di Responsabilità Sociale d Impresa della Provincia di Modena Anna Bernardi, U.O. Industria, Artigianato e Servizi Elisa Rossi, U.O. Sviluppo Sostenibile e Agenda 21

Dettagli

La Direttiva 2012/27/UE sull efficienza energetica

La Direttiva 2012/27/UE sull efficienza energetica Indipendenza Energetica e Decarbonizzazione Il ruolo della Cogenerazione nel raggiungimento degli obiettivi 2020 per l Italia Opportunità ed ostacoli La Direttiva 2012/27/UE sull efficienza energetica

Dettagli

Le Esco e il Finanziamento Tramite Terzi: strumenti strategici per lo sviluppo del settore dell'efficienza energetica

Le Esco e il Finanziamento Tramite Terzi: strumenti strategici per lo sviluppo del settore dell'efficienza energetica : strumenti strategici per lo sviluppo del settore dell'efficienza energetica Claudio G. Ferrari Presidente Esco Italia Erba, 04 dicembre 2009 FINANZIA ENERGIA 3-4 dicembre 2009 Lariofiere, Erba AGENDA

Dettagli

LA RIVOLUZIONE DIGITALE E LE NUOVE OPPORTUNITÁ PER LE IMPRESE

LA RIVOLUZIONE DIGITALE E LE NUOVE OPPORTUNITÁ PER LE IMPRESE LA RIVOLUZIONE DIGITALE E LE NUOVE OPPORTUNITÁ PER LE IMPRESE Durata: 24 ore Calendario: 8 appuntamen semanali (dalle 19.30 alle 22.30) a parre dal mese di maggio Prezzo: 100,00 + iva, grazie ai contribu

Dettagli

Quartieri liberi dalle auto, Città amiche dei pedoni e della bici

Quartieri liberi dalle auto, Città amiche dei pedoni e della bici Quartieri liberi dalle auto, Città amiche dei pedoni e della bici Maria Berrini, Presidente AMBIENTE ITALIA Consigliere dell Ordine degli Architetti di Milano e Provincia Membro del Consiglio di Indirizzo

Dettagli

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Relazione illustrativa sul SEAP (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Il Parlamento Europeo nel dicembre 2008 ha approvato il pacchetto clima-energia volto a conseguire

Dettagli

Progetto Lumière. Smart Facility & Energy Management Il Progetto Lumière per il retrofit energetico dell illuminazione urbana

Progetto Lumière. Smart Facility & Energy Management Il Progetto Lumière per il retrofit energetico dell illuminazione urbana Progetto Lumière Smart Facility & Energy Management Il Progetto Lumière per il retrofit energetico dell illuminazione urbana Bologna 24 Ottobre 2014 Nicoletta Gozo ENEA Coordinatrice Progetto Lumière efficacia

Dettagli

UN AEROPORTO VERDE CARBON NEUTRAL un Accordo Territoriale per la Decarbonizzazione dello Scalo bolognese COMUNE DI CALDERARA DI RENO

UN AEROPORTO VERDE CARBON NEUTRAL un Accordo Territoriale per la Decarbonizzazione dello Scalo bolognese COMUNE DI CALDERARA DI RENO UN AEROPORTO VERDE CARBON NEUTRAL un Accordo Territoriale per la Decarbonizzazione dello Scalo bolognese COMUNE DI CALDERARA DI RENO I NUMERI DELL AEROPORTO 6,5 Milioni di passeggeri all anno (2014) Nel

Dettagli

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE 2014 MALCESINE ORIZZONTE 2020 LE SCHEDE AZIONE

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE 2014 MALCESINE ORIZZONTE 2020 LE SCHEDE AZIONE PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE MALCESINE ORIZZONTE LE SCHEDE AZIONE PAES 2 3 4 INDICE SETTORE RESIDENZIALE... 6 CLASSIFICAZIONE TERMICA... 6 CALDAIE AD ALTA EFFICIENZA... 8 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA

Dettagli

This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme

This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme Obiettivi dell incontro Il percorso Cosa è stato fatto Opportunità di visibilità

Dettagli

Consumi Energetici nelle aziende: Conoscenza Razionalizzazione Interventi di Efficientamento Monitoraggio Continuo

Consumi Energetici nelle aziende: Conoscenza Razionalizzazione Interventi di Efficientamento Monitoraggio Continuo Consumi Energetici nelle aziende: Conoscenza Razionalizzazione Interventi di Efficientamento Monitoraggio Continuo GREEN ENERGY PLUS S.R.L. Via della Ricerca Scientifica snc c/o Parco Scientifico Romano

Dettagli

SMART CITY PER CRESCERE

SMART CITY PER CRESCERE Centrostudi.Net SMART CITY PER CRESCERE Il modello Unindustria per l integrazione funzionale delle aree urbane del Lazio Viterbo, 9 luglio 2013 SMART CITY PER CRESCERE La Smart City è una città intelligente,

Dettagli

LUMIERE L Efficienza Energetica al servizio dell Illuminazione Pubblica

LUMIERE L Efficienza Energetica al servizio dell Illuminazione Pubblica LUMIERE L Efficienza Energetica al servizio dell Illuminazione Pubblica Premessa PREMESSA L illuminazione pubblica costituisce oggi una delle maggiori voci della spesa energetica dei Comuni italiani, voce

Dettagli

Dossier. Agenzia Fiorentina per l Energia. Breve nota sull Agenzia Fiorentina per l Energia ed i servizi per il territorio in campo energetico.

Dossier. Agenzia Fiorentina per l Energia. Breve nota sull Agenzia Fiorentina per l Energia ed i servizi per il territorio in campo energetico. Dossier Agenzia Fiorentina per l Energia 2015 Breve nota sull Agenzia Fiorentina per l Energia ed i servizi per il territorio in campo energetico. Agenzia Fiorentina per l 'Energia Viale Belfiore, 4 50144

Dettagli

Immagina il tuo PAES(e) Elabora il nostro PAES

Immagina il tuo PAES(e) Elabora il nostro PAES Comune di Castello d Argile Immagina il tuo PAES(e) Elabora il nostro PAES FORUM PARTECIPATO ALL ELABORAZIONE DEL PAES Primo incontro sabato 1 febbraio Costituzione del Forum della popolazione e degli

Dettagli

L.E.D. s.r.l. Audit Energe1co

L.E.D. s.r.l. Audit Energe1co L.E.D. s.r.l. Audit Energe1co 1 L AUDIT ENERGETICO 2 L AUTID ENERGETICO L audit energetico è una procedura sistematica per ottenere: 1) una adeguata conoscenza del profilo energetico in termini di consumi

Dettagli

Stato del arte dell Efficienza Energe2ca: I meccanismi d incen2vazione

Stato del arte dell Efficienza Energe2ca: I meccanismi d incen2vazione Stato del arte dell Efficienza Energe2ca: I meccanismi d incen2vazione Rino Romani Unità Tecnica Efficienza Energetica -UTEE 1 Sommario Domanda di energia e efficienza energe2ca Strategia Energe2ca Nazionale

Dettagli

Mario Daviddi Yousave spa - responsabile settore PA

Mario Daviddi Yousave spa - responsabile settore PA Il ruolo delle ESCo nella riqualificazione energetica dei Comuni e il Project Financing come strumento per il Finanziamento Tramite Terzi degli interventi Mario Daviddi Yousave spa - responsabile settore

Dettagli

ENEA-UTEE-ERT e Tavolo EPBD2

ENEA-UTEE-ERT e Tavolo EPBD2 ENEA-UTEE-ERT e Tavolo EPBD2 Conto Termico:finanziabilità bancabilità degli interventi di qualificazione energetica in edilizia il contributo ai «10 cantieri» per il conto termico Strumenti e metodologie

Dettagli

Un approccio di sistema per dare concretezza al tema della riqualificazione energetica del patrimonio edilizio: il modello "Condomini Intelligenti"

Un approccio di sistema per dare concretezza al tema della riqualificazione energetica del patrimonio edilizio: il modello Condomini Intelligenti Un approccio di sistema per dare concretezza al tema della riqualificazione energetica del patrimonio edilizio: il modello "Condomini Intelligenti" Fondazione Muvita per il Patto dei Sindaci: competenze,

Dettagli

L importanza dell efficienza energetica per l industria

L importanza dell efficienza energetica per l industria L importanza dell efficienza energetica per l industria Massimo Di Domenico Responsabile Unità Energia Assolombarda Sesto San Giovanni, 26 marzo 2015 Copyright 2015 Assolombarda L evoluzione normativa

Dettagli

Da Energy Manager a Esperto in Gestione dell Energia

Da Energy Manager a Esperto in Gestione dell Energia Argomenti trattati Evoluzione delle figura professionale: da EM a EGE L Esperto in Gestione dell Energia Requisiti, compiti e competenze secondo UNI CEI 11339 Opportunità Schema di certificazione L Energy

Dettagli

Gruppo di Lavoro Agende 21 Locali per Kyoto

Gruppo di Lavoro Agende 21 Locali per Kyoto Gruppo di Lavoro Agende 21 Locali per Kyoto Daniela Luise Padova Verifica dello stato di avanzamento delle iniziative in corso di realizzazione e programma delle attività per il 2008 Rimini, 6 giugno 2008

Dettagli

Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio

Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio Fondi strutturali 2014-2020 Guida pratica Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio State progettando i Programmi Operativi che plasmeranno

Dettagli

LE ASSOCIAZIONI IT Il valore aggiunto per i professional del seore (parte 4)

LE ASSOCIAZIONI IT Il valore aggiunto per i professional del seore (parte 4) LE ASSOCIAZIONI IT Il valore aggiunto per i professional del seore (parte 4) INDICE Intervista alla Do.ssa Antonella Ferrari, Presidente di ClubTI Milano 23 gennaio 2012 Intervista alla Do.ssa Antonella

Dettagli

Bolzano 20 settembre 2012

Bolzano 20 settembre 2012 Il SEAP di Firenze: Patto dei Sindaci e pianificazione strategica della città Alessandra Barbieri Comune di Firenze, Area Coordinamento Sviluppo Urbano Una cittànon può essere amministrata e basta. Non

Dettagli

Riqualificazione energetica nell ambito del progetto Smart City: i casi di Treviso e Jesolo

Riqualificazione energetica nell ambito del progetto Smart City: i casi di Treviso e Jesolo Riqualificazione energetica nell ambito del progetto Smart City: i casi di Treviso e Jesolo Prof. ing. Luigi Schibuola Dipartimento di Culture del Progetto - Università IUAV di Venezia Unità di ricerca

Dettagli

Energy Manager. Un interprete per l efficienza energetica.

Energy Manager. Un interprete per l efficienza energetica. Energy Manager. Un interprete per l efficienza energetica. La figura dell Energy Manager (EM) è stata introdotta con la Legge 10/91. L articolo 19 dispone infatti la nomina annuale di un tecnico responsabile

Dettagli

LA RIVOLUZIONE DIGITALE E LE NUOVE OPPORTUNITÁ PER LE IMPRESE

LA RIVOLUZIONE DIGITALE E LE NUOVE OPPORTUNITÁ PER LE IMPRESE LA RIVOLUZIONE DIGITALE E LE NUOVE OPPORTUNITÁ PER LE IMPRESE Durata: 24 ore Calendario: 8 appuntamen semanali (dalle 19.30 alle 22.30) a parre dal mese di maggio Prezzo: 100,00 + iva, grazie ai contribu

Dettagli

Le strategie energetiche nelle aree urbane dell Emilia-Romagna per il 2020

Le strategie energetiche nelle aree urbane dell Emilia-Romagna per il 2020 Dipartimento di Chimica Industriale «Toso Montanari» UNIVERSITA DI BOLOGNA Le strategie energetiche nelle aree urbane dell Emilia-Romagna per il 2020 Leonardo Setti Università di Bologna CIRI ENERGIA&

Dettagli

SIRAM al servizio del progresso energetico

SIRAM al servizio del progresso energetico SIRAM al servizio del progresso energetico Il Gruppo Siram in Italia SIRAM SPA Leader in Italia nei servizi energetici e multitecnologici per il mercato Pubblico e Privato sede legale Milano 4 Unità di

Dettagli

Sistemi di gestione dell energia e diagnosi energetiche obbligatorie : costi e benefici Ing. Raffaele Scialdoni

Sistemi di gestione dell energia e diagnosi energetiche obbligatorie : costi e benefici Ing. Raffaele Scialdoni Sistemi di gestione dell energia e diagnosi energetiche obbligatorie : costi e benefici Ing. Raffaele Scialdoni Argomen( tra,a( Definizioni e riferimen( norma(vi su strumen( ed a,ori del risparmio energe(co

Dettagli

«WEBDESI PROJECT» www.esserelite.com

«WEBDESI PROJECT» www.esserelite.com «WEBDESI PROJECT» ADVERTISING» www.esserelite.com About ESSERE ELITE S.r.l. Professionisti della comunicazione dal 1989. SUL MERCATO DA PIÙ DI 20 ANNI Essere Elite è un agenzia di comunicazione che offre

Dettagli

La stesura del PAES, dal recupero dei dati al coinvolgimento dei portatori di interessi: problematiche riscontrate e soluzioni adottate.

La stesura del PAES, dal recupero dei dati al coinvolgimento dei portatori di interessi: problematiche riscontrate e soluzioni adottate. Piani d Azione per l Energia Sostenibile Aspetti tecnici ed operativi Trento, 15 maggio 2014 SalaBelli,PiazzaDanten.15 La stesura del PAES, dal recupero dei dati al coinvolgimento dei portatori di interessi:

Dettagli

Bentornata efficienza energetica Le Aziende di Housing Sociale

Bentornata efficienza energetica Le Aziende di Housing Sociale Bentornata efficienza energetica Le Aziende di Housing Sociale Un sistema a sostegno della Green-Economy Marco Corradi Presidente ACER Reggio Emilia Presidente gruppo di lavoro Esperti Energia del Cecodhas

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO Riccardo Tardiani Coordinamento Ambiente Comune di Verona Smart Energy Expo - Sala Smart City y & Communities

Dettagli

PIÙ ENERGIA ALL ENERGIA.

PIÙ ENERGIA ALL ENERGIA. PIÙ ENERGIA ALL ENERGIA. COFELY. Leader nell efficienza energetica e ambientale. Gestione energia e fotovoltaico Case History // Comune e Provincia di Roma Per il Comune di Roma, Cofely si occupa della

Dettagli

Illuminazione pubblica: Piani della Luce, Energia e Sostenibilità per una gestione intelligente della città

Illuminazione pubblica: Piani della Luce, Energia e Sostenibilità per una gestione intelligente della città Giornata n 01/2014 Network, efficienza e managerialità nella gestione dell illuminazione pubblica Illuminazione pubblica: Piani della Luce, Energia e Sostenibilità per una gestione intelligente della città

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

L INIZIATIVA PATTO DEI SINDACI. Giovanni Vicentini

L INIZIATIVA PATTO DEI SINDACI. Giovanni Vicentini L INIZIATIVA PATTO DEI SINDACI Giovanni Vicentini La strategia europea al 2020 20% di fonti rinnovabili nei consumi energetici per usi finali 20% in meno (rispetto al livello tendenziale al 2020) nei consumi

Dettagli

Energetiqa srl PRESENTAZIONE SOCIETARIA

Energetiqa srl PRESENTAZIONE SOCIETARIA L energia è quella risorsa di cui ogni organismo ha bisogno per vivere e per svolgere qualsiasi attività. Per muoverci, come per pensare, utilizziamo infatti l energia immagazzinata nel nostro corpo. Anche

Dettagli

L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento

L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento Patto dei Sindaci e politiche per il clima: aggiornamenti e prospettive Mauro Bigi, Federico D Addato Indica srl Indice Inquadramento e aggiornamento

Dettagli

AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA di REGGIO EMILIA

AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA di REGGIO EMILIA AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA di REGGIO EMILIA MODELLO DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Quadro di riferimento regionale Piano Energetico Regionale Ai consumi

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT il Piano Spostamenti Casa-Lavoro (PSCL)

MOBILITY MANAGEMENT il Piano Spostamenti Casa-Lavoro (PSCL) MOBILITY MANAGEMENT il Piano Spostamenti Casa-Lavoro (PSCL) Gli strumenti e le tecniche per definire un piano di mobilità e realizzare un database di supporto al Mobility Mangement Torino, aprile 2010

Dettagli

Soluzioni e Proge-! Datakey Software Engineering Srl 1

Soluzioni e Proge-! Datakey Software Engineering Srl 1 Soluzioni e Proge- 1 Datakey 30 anni di SoSware Datakey nasce Nel 1985, avente ad ogge0o l a2vità di proge0azione di servizi informa:ci opera trasformazioni orientate alla crescita; E cer:ficata ISO 9001

Dettagli

PER IL CLIENTE. Possibilità di circolare anche nelle giornate di blocco del traffico

PER IL CLIENTE. Possibilità di circolare anche nelle giornate di blocco del traffico 1. COS E E un servizio che permette di avere a disposizione un auto e pagarla solo per il suo reale utilizzo a tariffa predefinita. Auto di diverse tipologie sono a disposizione dei city users dislocate

Dettagli

Cofely Italia Pensiamo con innovazione. Agiamo con efficienza.

Cofely Italia Pensiamo con innovazione. Agiamo con efficienza. Cofely Italia Pensiamo con innovazione. Agiamo con efficienza. Benvenuti in Cofely, dove l energia è più efficiente. vi offriamo tutto per DarvI SoLo CIò ChE vi SErvE. presente in circa 40 paesi nel mondo

Dettagli

Etexia: Ingegneria per l Energia

Etexia: Ingegneria per l Energia Etexia: Ingegneria per l Energia I PARTE: Company Profile II PARTE: E 2 MAP Etexia Energy Management Protocol BIOMASSA FOTOVOLTAICO/SOLARE EOLICO POMPE DI CALORE ILLUMINAZIONE ENERGIA DOMOTICA Pag.2 I

Dettagli

Il Piano di Adattamento della città di Bologna. Piero Pelizzaro Lorenzo Bono Kyoto Club / Ambiente Italia

Il Piano di Adattamento della città di Bologna. Piero Pelizzaro Lorenzo Bono Kyoto Club / Ambiente Italia Il Piano di Adattamento della città di Bologna Piero Pelizzaro Lorenzo Bono Kyoto Club / Ambiente Italia Il progetto BlUEAP (LIFE11 ENV/IT/119) Cordinatore: Comune di Bologna Partner: Kyoto Club, Ambiente

Dettagli

Modelli di finanziamento innovativi per investimenti nell efficienza energetica: Progetto Europeo MARTE

Modelli di finanziamento innovativi per investimenti nell efficienza energetica: Progetto Europeo MARTE Modelli di finanziamento innovativi per investimenti nell efficienza energetica: Progetto Europeo MARTE Fabio Travagliati Regione Marche Politiche Comunitarie e Autorità di Gestione FESR e FSE Fondi Strutturali

Dettagli

Politiche energetiche e Comuni. Maurizio Mangialardi

Politiche energetiche e Comuni. Maurizio Mangialardi Politiche energetiche e Comuni Maurizio Mangialardi 1 L eccellenza del nostro territorio marchigiano è fatta di sapiente equilibrio tra la sua crescita, la necessaria innovazione, e la curadel suo prezioso

Dettagli

Street & Urban Lighting LED e Nuove tecnologie per la pubblica illuminazione. Città di Venezia. Assessore ai lavori pubblici Alessandro Maggioni

Street & Urban Lighting LED e Nuove tecnologie per la pubblica illuminazione. Città di Venezia. Assessore ai lavori pubblici Alessandro Maggioni Street & Urban Lighting LED e Nuove tecnologie per la pubblica illuminazione Padova - 10 Ottobre 2013 Città di Venezia Assessore ai lavori pubblici Alessandro Maggioni ILLUMINAZIONE PUBBLICA nella città

Dettagli

Strumenti Finanziari: VEXA ex art. 37 Reg. 1303/2013

Strumenti Finanziari: VEXA ex art. 37 Reg. 1303/2013 Strumenti Finanziari: VEXA ex art. 37 Reg. 1303/2013 Comitato di Sorveglianza - 12 maggio 2015 Gli Strumenti Finanziari nella Programmazione 2014-2020 (1/2) Il Contesto Europeo La Programmazione 2014-2020

Dettagli

Il Progetto Green Industries e le opportunità per le PMI in materia di risparmio energetico e di riqualificazione

Il Progetto Green Industries e le opportunità per le PMI in materia di risparmio energetico e di riqualificazione Il Progetto Green Industries e le opportunità per le PMI in materia di risparmio energetico e di riqualificazione 18 novembre 2014, Modena Teresa Bagnoli, ASTER Green Industries: soluzioni innovative per

Dettagli

FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES. REPORT 13 Aprile 2012 Atelier Urban Center

FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES. REPORT 13 Aprile 2012 Atelier Urban Center FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES REPORT 13 Aprile 2012 Atelier Urban Center 2 Incontro Tavolo 3: Interventi nel settore terziario, industriale e dell economia verde Report sintetico dell'incontro del

Dettagli

WORKSHOP. Bilanci energetici e stima delle emissioni di gas serra alla scala locale: potenzialità e criticità (Milano, 17 Maggio 2010)

WORKSHOP. Bilanci energetici e stima delle emissioni di gas serra alla scala locale: potenzialità e criticità (Milano, 17 Maggio 2010) WORKSHOP Bilanci energetici e stima delle emissioni di gas serra alla scala locale: potenzialità e criticità (Milano, 17 Maggio 2010) Politiche di mitigazione dei cambiamenti climatici alla scala locale:

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Recuperare e riqualificare il patrimonio edilizio GUIDA A CURA DELLA IQT CONSULTING AZIENDA CERTIFICATA UNI EN ISO 9001:2008 PERCHÉ RIQUALIFICARE IL PROPRIO PATRIMONIO EDILIZIO

Dettagli