Atelier Urban Center Bologna, 3 dicembre 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Atelier Urban Center Bologna, 3 dicembre 2014"

Transcript

1 PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (PAES). INCONTRO DI COORDINAMENTO Atelier Urban Center Bologna, 3 dicembre 2014

2 Agenda della giornata - Restituzione dell indagine dei firmatari PAES e stato di attuazione - Presentazione del progetto Rigenera - Punto Informativo Energia - La campagna di comunicazione per la riqualificazione energetica degli Edifici Residenziali - Promozione del PAES e obiettivi - Presentazione della seconda fase di indagine - Cerimonia di Firma - Visita alla mostra permanente di Urban Center

3 Restituzione dell indagine sui firmatari

4 Gli obie(vi del PAES

5 Edifici residenziali Gli interven7 quan7ficabili in CO2

6 Edifici residenziali Altri proge( non quan7ficabili in CO2 ACER - Rig.ener.a Rigenerazione energe+ca del patrimonio edilizio pubblico Confabitare - Energy Manager di condominio Realizzazione di una campagna di check up energe+co presso gli associa+ Comune di Bologna, CNA, Unindustria, BPER, Unipol Banca Accordo sull efficienza energe7ca degli edifici Definizione di prodo9 finanziari per piccoli interven+ vol+ al miglioramento dell efficienza energe+ca degli appartamen+

7 terziario e produ(vo Gli interven7 quan7ficabili in CO2

8 terziario e produ(vo Altri proge( non quan7ficabili in CO2 BolognaFiere - EXPOLOGICO Riduzione dell impa=o ambientale della 25esima edizione del SANA Aeroporto Sistema di ges7one dell energia e altre inizia7ve Implementazione del sistema di ges+one dell'energia conforme allo standard UNI ISO Gruppo Hera - Sistema di ges7one dell energia Implementazione del Sistema di Ges+one dell Energia conforme allo standard ISO Università di Bologna Piano della sostenibilità ambientale Installazione di un sistema di building automa+on ed acquisizione da+

9 Produzione locale di energia Gli interven7 quan7ficabili in CO2

10 Produzione locale di energia Altri proge( non quan7ficabili in CO2 CNA e Unindustria Bologna - I te( di Bologna dall amianto a fotovoltaico Rimozione dell'amianto dai te9 di Bologna realizzando impian+ fotovoltaici e migliorando l'isolamento termico degli edifici Azienda Ospedaliera Sant Orsola - Centrale di trigenerazione Riduzione del consumo energe+co

11 Mobilità e traspor7 Gli interven7 quan7ficabili in CO2

12 Mobilità e traspor7 Altri proge( non quan7ficabili in CO2 Università di Bologna e Legambiente - Inizia7ve sui veicoli priva7 e car sharing Razionalizzazione e riqualificazione del parco auto aziendale e adozione del car sharing Aeroporto G. Marconi - Stazione di ricarica Realizzazione di una stazione di ricarica dei veicoli ele=rici totalmente green CAAB - City logis7c Rivisitazione del sistema di distribuzione merci dell ul+mo miglio

13 Comune di Bologna Gli interven7 quan7ficabili in CO2

14 Comune di Bologna Altri proge( non quan7ficabili in CO2 Comune di Bologna Nuovo contra=o con Enel Sole per la riqualificazione della rete di pubblica illuminazione Realizzazione di 5 chilometri di piste ciclabili nei quar+eri Reno e Borgo Panigale Nuovo percorso ciclabile nel Viale Toglia9 Riqualificazione del percorso naturalis+co Lungo Reno Collegamento ciclabile con fermata SFM (Servizio Ferroviario Metropolitano) di Via Casteldebole Tangenziale della bici - 1 stralcio Completamento ciclabile Asta Casaralta Avvio bando per nuovo appalto ges+one immobili comunali

15 Formazione, informazione e comunicazione

16 Gli associa7 dei firmatari

17 Avvio monitoraggio PAES Nuovo servizio per: Monitoraggio del PAES ed aggiornamento Bilancio delle emissioni: Aggiornamento del bilancio energe+co e dell'inventario delle emissioni Redazione report di monitoraggio e compilazione del template di monitoraggio delle azioni sul sito del Pa=o dei sindaci Redazione di proposta di aggiornamento delle schede PAES Realizzazione e sperimentazione di un tool- kit di riqualificazione energe+ca rivolto ai condomini residenziali di medie e grandi dimensioni

18 INSERIRE IMMAGINE?? I te( di Bologna, dall amianto al fotovoltaico promosso da CNA e Unindustria per realizzare interven7 concre7 di riqualificazione energe7co ambientale su i metri quadra+ di te9 bolognesi a=ualmente ricoper+ dall'amianto, che potranno trasformarsi in superficie fotovoltaica producendo 2,2 MWp di energia e a9rando euro di inves+men+ (incluso isolamento termico della copertura). 18

19 Showroom Energia e Ambiente Azione del PAES sul coinvolgimento di scuole e ci=adini, centro per l'educazione su energia, rifiu+ e clima. Nel periodo dicembre 2013 dicembre 2014 ha accolto 126 classi per un totale di 2870 studen7 70 classi sono già prenotate per fine 2014 e inizio 2015 PERCORSI PER LE SCUOLE Clima e paesaggio: come riconoscere gli effe1 del riscaldamento globale Storia di un hamburger Giocando con le energie rinnovabili Archeologia tra i rifiu< Acqua: ciclo, energia e clima S.O.S. Clima Dal ciclo del carbonio al risparmio di elebricità in casa L energia del sole Rifiu< ed energia: un legame nascosto Dove c è civiltà ci sono rifiu<? Quando l energia si fa Bio Una casa col cappobo Sviluppo umano e energia. Una storia di influenze reciproche Il nucleare, l'uomo e l'ambiente Una cibà a energia solare Simulazione di installazione di un pannello fotovoltaico Una cibà evoluta usa le 3R Le foreste non sono tube uguali

20 Comune di Bologna Formazione, informazione e comunicazione

21 Comune di Bologna Formazione, informazione e comunicazione

22 Comune di Bologna Formazione, informazione e comunicazione PROGETTI progetto didattico Una casa in classe A con Istituti Aldini e sportello Aldini lavoro progetto didattico La transizione energetica con Collegio periti Industriali concorso Frigo a Spreco Zero progetto Energycity, campagna di sensibilizzazione di scuole e cittadini sulle dispersioni termiche nelle abitazioni redazione Newsletter periodiche su Energia e Ambiente (5 numeri) progetto GovernEE Corso per facility manager e decisori politici workshop Progetto Class 1 progetto Changing With The Climate didattica e corsi di formazione per docenti

23 Verso una strategia climatica integrata 23

24 Il progetto BLUEAP Cordinatore: Comune di Bologna Partner: Kyoto Club, Ambiente Italia, ARPA Emilia Romagna durata: 36 mesi (01/10/ /09/2015) Comitato scientifico: costituito da 9 esperti nazionali ed internazionali coordinati dal CMCC Obiettivo principale: la redazione e l'adozione di un Piano di Adattamento al Cambiamento Climatico per la città di Bologna. Il Comune di Bologna con il progetto BLUEAP e nell'ambito dell'iniziativa Mayors Adapt promossa dalla Commissione Europea ha avviato il percorso per costruire una città resiliente, capace cioè di proteggere i propri cittadini, il territorio e le infrastrutture dai danni causati dai cambiamenti climatici. 24

25 Gli step del progetto Il percorso partecipato Vulnerabilità e rischi di Bologna Incremento delle temperature Crisi idrica e siccità Aumento eventi meteorologici non convenzionali

26 La del piano di Documento strategico: Vulnerabilità, strategie e obiettivi Piano operativo: linee di intervento e Azioni La città di Bologna ha aderito al Mayors Adapt a ottobre Il Documento Strategico sarà discusso in consiglio entro il 2014 Il Piano di Adattamento completo di Piano Operativo verrà approvato nel 2015.

27 Presentazione del progetto Rigenera

28

29 Progetto: del Comune di Bologna Oggetto: efficientamento energetico del patrimonio residenziale pubblico Project Management: A.C.E.R. Bologna CONTESTO GENERALE SOCIALE Crescita dei costi dell energia. Difficoltà di sostenerli per le famiglie. AMBIENTALE Aumento dei fattori che inducono cambiamenti climatici. VINCOLI Mancanza finanziamenti STRUTTURALI per l ERP Risorse LOCALI limitate Tempi stretti per agire Cultura specifica in evoluzione Vincoli imposti dalla normativa sui L.L.P.P. OBIETTIVI Riduzione dell incidenza energetica sulle bollette degli inquilini. Migliorare la qualità dell abitare e dell aria. Innescare la riqualificazione dell esistente patrimonio.

30 IL PATRIMONIO GESTITO PER BOLOGNA alloggi 750 fabbricati COMPLESSIVAMENTE alloggi

31 DOVE AGIRE? COME AGIRE? CON QUALI RISORSE? CON QUALI STRUMENTI?

32 DOVE AGIRE? SUL PATRIMONIO IMMOBILIARE DI PROPRIETA E CON RISCALDAMENTO CENTRALIZZATO COME AGIRE? ATTIVANDO LE RISORSE ED IL KNOW HOW DELLE AZIENDE «ESPERTE» NEL SETTORE DELL ENERGIA CON QUALI RISORSE? ATTRAVERSO L UTILIZZO DI RISORSE MESSE A DISPOSIZIONE DA BOLOGNA CON EFFETTO VOLANO, INNESCO, STIMOLANDO L INVESTIMENTO DI TERZI. CON QUALI STRUMENTI? OVVERO COME RENDERE ATTRAENTE L IMPEGNO?

33 ATTRAVERSO il dialogo competitivo. (art. 58 D.Lgs 163/2006 e ss.mm.ii) IL DIALOGO COMPETITIVO PERMETTE ALLE ESCO DI ESPRIMERE IL LORO POTENZIALE PROGETTUALE, ECONOMICO E FINANZIARIO IN UN CONTESTO PRIVO DEI VINCOLI TIPICI DI UN APPALTO, GIUNGENDOVI SUCCESSIVAMENTE IN UNA CONDIZIONE WIN WIN PER LA PA E I POTENZIALI APPALTATORI. L APPALTO, IN UN CONTESTO DI REGOLE E VINCOLI NORMATIVI, DECRETERA QUINDI LA MIGLIORE OFFERTA.

34 il dialogo competitivo Punti di FORZA Punti di DEBOL EZZA Punti di forza non necessita di un progetto esecutivo redatto dalla S.A; non necessita di diagnosi energetiche sviluppate dalla S.A., ma di una dettagliata data room energetica (storico consumi anche decennale ); valorizza al massimo il know how delle ES. Co; e di debolezza? consente di approdare a nuove tecnologie; consente di individuare insieme la massima esposizione economico-finanziaria delle ES.Co, definendo univocamente il perimetro dell intervento SOSTENIBILE

35 ...gli interventi previsti nel primo step «sperimentale» 950 alloggi 23 i fabbricati 13 agglomerati 2,2 mln il contributo Comunale, per lavori complessivi pari a 6,5 mln 1 dialogo competitivo 3 distinte gare ripetibile n volte fino a esaurimento

36 Il committente Comune di Bologna La cabina di regia L officina Azienda Casa Emilia Romagna della provincia di Bologna NOMISMA Comune di Bologna Azienda Casa Emilia Romagna della provincia di Bologna C.I.R.I. Edilizia e Costruzioni - Università di Bologna Studio ingegneria More Energy HABITECH

37 CONCLUSIONI Questo modello può rappresentare la via per consentire di riqualificare energeticamente il patrimonio residenziale e non residenziale di TUTTI i soggetti PUBBLICI Offre alcuni vantaggi rispetto ad un approccio tradizionale: PROGETTO-GARA-APPALTO Non è sempre necessario redigere «impegnative» diagnosi energetiche MA OCCORRE fornire una dettagliata data room energetica (che deve essere in possesso delle S.A.); Si puo avviare in presenza di limitate (seppur presenti) risorse economiche pubbliche (effetto volano o catalizzatore); Sfrutta, sulla base di una procedura assolutamente pubblica e trasparente, il know how dell imprenditoria privata con la messa in campo di tutte le loro potenzialità (dialogo competitivo).

38 ...ringrazio per l attenzione Ing. Nicola Luigi Serravalle Direttore Generale ACER Bologna

39 Presentazione del punto informativo sull energia

40 Obie(vo del punto informa7vo Creare un servizio informa+vo, aperto al pubblico e a +tolo gratuito, funzionale a fornire il supporto conosci+vo di base u+le ad agevolare processi di riqualificazione energe+ca degli edifici esisten+.

41 Il di CNA: temi e strumen7 Temi: soluzioni tecnico / tecnologiche per il risparmio energe+co e l u+lizzo di fon+ rinnovabili negli edifici; quadro dei sistemi incen+van+ disponibili; finanziamen+ dedica+; valutazioni di fa9bilità, dimensionamento, cos+ di massima e ipotesi di risparmio Strumento di lavoro: apposita pia=aforma informa+ca per registrare, archiviare e lavorare tu9 i quesi+

42 Il di CNA: accesso Presentazione dei quesi+ a=raverso risorse CNA e personale dello Sportello Unico Edilizia del Comune di Bologna Possibilità di presentazione autonoma dei quesi+ tramite pagina web

43 Il di CNA: ges7one Analisi dei quesi+ pervenu+ e loro accorpamento per tema+che omogenee => ges+one ad hoc su richieste per TEE da imprese Organizzazione degli appuntamen+ presso gli spazi dello Sportello Unico per l Edilizia Effe=uazione degli incontri con coinvolgimento delle competenze tecniche necessarie Rispe=o di specifiche tempis+che

44 Il di CNA: monitoraggio Raccolta del livello di soddisfazione degli uten+ del Punto Informazione Energia Raccolta di feedback circa l eventuale esecuzione di interven+ di efficientamento energe+co

45 Inizia7ve collaterali Disponibilità per incontri di approfondimento su ques+oni specifiche nell ambito di assemblee condominiali Incontri forma+vi su strumen+ per la ges+one energe+ca degli edifici Mailing list degli uten+ del Punto Informazione Energia per invio news Organizzazione di even+ pubblici disloca+ nei quar+eri

46 Punto Informazione Energia la proposta di TARGET : Industrie Terziario di medio-grandi dimensioni OGGETTO : Servizi Informa+vi gratui+ Supporto nell individuazione di interven+ di efficienza energe+ca Supporto nell individuazione dei regimi incen+van+ Sopralluoghi in campo Predisposizione materiale informa+vo Organizzazione di even+ rivol+ al target per la promozione del Punto Informazione Energia e di inizia+ve di risparmio energe+co MODALITA : Accesso tramite pia=aforma principale predisposta da Comune e CNA Conta9 telefonici e via mail Sopralluoghi sul posto per le Aziende con consumi energe+ci sopra una soglia iden+ficata

47 Punto Informazione Energia i temi da affrontare CERTIFICATI BIANCHI Opportunità incen+vante per l efficienza energe+ca Ampia applicabilità in campo industriale Notevole potenziale di ritorni economici Potenziale di riduzione del tempo di ritorno economico ~ 30-40% OBBLIGO Dlgs.102/14 DIAGNOSI ENERGETICHE In capo alle «Grandi Aziende» (> 250 dipendenti, fatturato > 50 Mln ) In alternativa a SGE ISO Obbligo ma anche opportunità di individuazione interventi di efficienza energetica e riduzione dei costi Implementazione di strumenti monitoraggio consumi più adeguati Rela+vamente ad entrambi i macro- temi individua+: Verrà fornito supporto per l interpretazione della norma+va e per l individuazione degli adempimen+ derivan+ Verrà fornita una scheda di raccolta da+ per effe=uare uno screening energe+co preliminare finalizzato ad individuare possibilità di risparmio energe+co

48 Campagna di comunicazione per la riqualificazione degli Edifici Residenziali

49 Obie(vo Informare la cittadinanza sulla possibilità di usufruire degli incentivi per la riqualificazione energetica dei propri edifici (Ecobonus) e spingerli a considerare l investimento in interventi in quest ambito.

50 Analisi del contesto Per comprendere l'approccio e la propensione dei cittadini verso gli interventi sugli edifici, il tono di voce e i contenuti prioritari per la campagna di comunicazione. 1. Focus group 2. Sondaggio online

51 1. Focus group Quando: dicembre 2014 Chi: cittadini bolognesi reclutati sulla base di criteri pertinenti rispetto ai temi, e utili a favorire una discussione ricca ed eterogenea Metodologia: focus group qualitativo di 2 ore circa discussione di taglio pragmatico

52 2. Sondaggio Quando: somministrazione dicembre-febbraio 2015 Metodologia: Online form da diffondere con: Newsletter Social network

53 Strumen7 di comunicazione Sito web del PAES Newsletter del PAES Punto Informazione Energia Campagna Adwords Materiale informativo Social Network Video ad hoc Tutte le azioni connesse verranno pianificate e calibrate a partire dall elaborazione (in corso) di una digital strategy dettagliata.

54 Sito web del PAES e Riorganizzazione dei contenuti Creazione di una scheda dettagliata per ogni progetto portato avanti dai partner del PAES Sezione dedicata al Punto Informativo Energia Invio periodico newsletter

55 Punto Informazione Energia L'hub informativo principale, fisicamente nello Sportello Edilizia del Comune di Bologna e gestito in partenariato con CNA e Hera verrà allestito per comunicare al meglio il PAES e le misure degli incentivi. Lo sportello verrà vestito con l immagine coordinata del PAES Video nella sala d attesa Materiali informativi

56 Punto Informazione Energia (2) Lo sportello sarà accessibile anche dal web: Form per i cittadini sul sito del PAES, preventivo all appuntamento specifico Accesso al form dal sito dello Sportello Edilizia Altri accessi logici al form (attraverso link)

57 Campagna Adwords Una campagna pubblicitaria da attivare su Google, basata sulla scelta dei termini ricercati per raccogliere informazioni su questi temi. Perché: limitato tempo a disposizione, efficacia misurabile e possibilità di assestamento in corso Quando: da marzo a ottobre 2014 A questa si affiancherà una specifica campagna DEM

58 Materiale informa7vo Un pieghevole informativo completo e un flyer, secondo i formati più congeniali a distribuzione e promozione. Perché: Mezzo tradizionale che affianca la campagna, da distribuire presso hub di Comune e PAES e da inviare Quando: i materiali saranno disponibili a partire da marzo 2014, in via di definizione un piano di distribuzione

59 Social Network Oltre che per comunicare ulteriormente con i cittadini, per permettere l interazione 2.0 con gli influencer del settore. La voce principale sarà quella di UCB (in mancanza di social del PAES). Quando: si inseriranno queste tematiche nel piano editoriale di UCB a partire da gennaio 2015 Canali: facebook, twitter, youtube

60 Video Cosa: un video che racconta cos è il PAES (già esistente) + 4/5 video brevi in motion graphic, con focus su interventi di riqualificazione energetica eleggibili, dal più semplice al più complesso. Come: i video verranno pubblicati su youtube e verranno promossi attraverso i social, ma anche con una campagna AD ad hoc Quando: i video saranno online da aprile 2015

61 La campagna è del PAES! Per potenziare la campagna di comunicazione, serve la collaborazione di tutti i partner. Referente web Sito Invio newsletter Referente social Distribuzione materiali cartacei In sede Ad eventi Da spedire

62 Promozione del PAES e obiettivi

63 Strumenti di comunicazione 1) far conoscere il PAES alla ci=adinanza; 2) promuovere le azioni dei partner del PAES. Come? Aggiornamento degli strumen7 di comunicazione WEB

64 Strumenti di comunicazione Sito web del PAES 2) Newsle=er mensile del PAES; 3) Quaderno di Urban Center: Come il PAES cambia Bologna ; 4) Il Plas+co della ci=à visibile presso la mostra permanente di Urban Center. Tu=e le azioni connesse verranno pianificate e calibrate a par+re dall elaborazione (in corso) di una digital strategy de=agliata.

65 1) Sito web del PAES

66 Sito web del PAES: interventi a) Aggiornamento quo+diano; b) Riorganizzazione dei contenu+: Creazione di una scheda de=agliata per ogni proge=o portato avan+ dai partner del PAES Possibilità di visualizzare i proge9 in elenco o in una mappa Sezione dedicata al Punto Informa+vo Energia (database CNA) Sito in doppia lingua: ITA/ENG Promozione sul sito dei partner del PAES

67 2) Newsletter PAES a) Primo invio: 12 Novembre 2015; b) Invio a cadenza mensile; c) Suddivisione dei contenu+ in: News; Even+; Proge=o del mese + foto. Invio ad una mailing list aggiornata; Diffusione sui social UCB.

68 Come il PAES cambia Bologna Serie: I quaderni monografici di Urban Center Bologna. Impostazione grafica: segue la linea ado=ata nelle preceden+ pubblicazioni della stessa collana: traduzione abbreviata in inglese ad ogni paragrafo; approfondimen+ in BOX colora+ (= pagina). Presuppos7 da cui par7re: Bologna, come mol+ contes+ urbano mondiali, è cara=erizzata da alcune problema+che a cui il PAES mira a rispondere. Importante: far emergere una riflessione su che cosa significa, oggi, dar vita ad un PAES. Target: ci=adini e pubblico specializzato. Linguaggio: semplice e comprensibile.

69 3) Il plastico della città di Bologna Al centro della mostra permanente di Urban Center, vi è un grande plas+co del territorio metropolitano bolognese (modello in scala 1:4.000), animato da proiezioni colorate, che supporta i visitatori nella comprensione della geografia della ci=à e dei contenu+ in mostra. Il plas+co verrà implementato da una nuova mappa che me=erà in evidenza gli interven+ del PAES.

70 La mappa del plastico

71 Presentazione della seconda fase di indagine presso i firmatari del PAES

72 Gli obie(vi della seconda fase di indagine presso i firmatari del PAES Raccogliere dai firmatari del protocollo informazioni qualita+ve e quan+ta+ve su proge( e inves7men7 coeren+ con gli obie9vi del PAES previs7 nella seconda fase dell accordo so=oscri=o ( ) Il monitoraggio produrrà informazioni su due livelli: qualita7vo, rispe=o alle inizia+ve promosse da ciascun sogge=o; quan7ta7vo, in termini di energia e CO2 per s+mare (quando possibile) l impa=o potenziale dei proge9 rileva+. Nel corso dell indagine si aggiornerà anche il quadro degli interven+ realizza+ successivamente alla precedente rilevazione (giugno 2014)

73 Gli strumen7 della seconda fase di indagine Ques+onario per la raccolta delle azioni realizzate da giugno a dicembre 2014 e previste dal 2015 al 2020 Help Desk su appuntamento Interviste di taglio strategico da concordare sulla base dei proge9/interessi rileva+

74 Il ques7onario PARTE A. DATI GENERALI PARTE B. INTERVENTI REALIZZATI DA GIUGNO 2014 A DICEMBRE 2014 PARTE C. INTERVENTI PREVISTI PER IL PERIODO

75 Il ques7onario

76

77

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future.

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Roma, 11.11.2014

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Product Overview. ITI Apps Enterprise apps for mobile devices

Product Overview. ITI Apps Enterprise apps for mobile devices Product Overview ITI Apps Enterprise apps for mobile devices ITI idea, proge2a e sviluppa apps per gli uten6 business/enterprise che nell ipad, e nelle altre pia2aforme mobili, possono trovare un device

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014 AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager Novembre 2014 AZZEROCO 2 AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

L esperienza del Green Energy Audit

L esperienza del Green Energy Audit L esperienza del Green Energy Audit Arch. Ph.D. Annalisa Galante Adjunct Professor Research Associate - Dipartimento ABC - Politecnico di Milano Coordinamento corsi di formazione - Comunicazione e Marketing

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel

Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel FATTURAZIONE ELETTRONICA Fa# PA è il servizio online di fa/urazione ele/ronica semplice e sicuro

Dettagli

Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo

Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo Enrico Biele, FIRE Green shipping summit 2014 26 giugno 2014, Napoli Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Lecce, 19.02.2014 La

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

Valore di costo procedimen+ sinte+ci

Valore di costo procedimen+ sinte+ci Corso di valutazione es+ma+va del proge5o Clasa a.a. 2012/13 Valore di costo procedimen+ sinte+ci Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini arch. Pietro Bonifaci Il mercato delle costruzioni LE

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference XIII TOP / POJ / ODG / TDR B4b IT OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA 1 ACXIII_B4b_1_it

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Mai più senza smartphone.

Mai più senza smartphone. Mai più senza smartphone. Il telefonino ha superato il pc come mezzo di consultazione del web: 14,5 milioni contro 12,5 milioni.* Sempre più presente, lo smartphone è ormai parte integrante delle nostre

Dettagli

IL PORTALE DELLE AGEVOLAZIONI

IL PORTALE DELLE AGEVOLAZIONI IL PORTALE DELLE AGEVOLAZIONI - Manuale Operativo - www.finanziamenti-a-fondo-perduto.it COS E COME FUNZIONA Portale di aggiornamenti su agevolazioni ed incentivi che prevede: Servizio di ricerca online

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT MASTER Istituto Studi Direzionali Management Academy EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT SEDI E CONTATTI Management Academy Sida Group master@sidagroup.com www.mastersida.com

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Accesso in cloud alle informazioni mul1mediali, provenien1 da più fon1 e canali di comunicazione (Es. rassegna stampa)

Accesso in cloud alle informazioni mul1mediali, provenien1 da più fon1 e canali di comunicazione (Es. rassegna stampa) Accesso in cloud alle informazioni mul1mediali, provenien1 da più fon1 e canali di comunicazione (Es. rassegna stampa) Massimiliano Viglian1 Solu1on Specialist Applica1on Division CBT Comunicazione integrata

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa Progr. n. 156 Oggetto n. 3124: Approvazione atto di indirizzo e coordinamento sui requisiti di rendimento energetico e sulle procedure di certificazione energetica degli edifici. (Proposta della Giunta

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali

15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali Informa(on and Communica(on Technology supply chain security 15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali Luca Lazzaretto Rosangela D'Affuso Padova, 29 aprile 2015 1 15

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale tavolo energia/pmi - 19 marzo 2007 Sala Consigliare A cura di: Andrea

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Parc Hotel Villa Immacolata

Parc Hotel Villa Immacolata SEMINARIO di presentazione del corso: USO EFFICIENTE DELLE RISORSE ENERGETICHE: L AZIENDA E L ENERGY MANAGEMENT Pescara, 13 Marzo 2009 Segreteria organizzativa Centro Congressi Strada Comunale San Silvestro,

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Efficienza Capitale 1

Efficienza Capitale 1 Efficienza Capitale 1 Efficienza energetica, abbattimento Co2, risparmio e investimenti, controllo social PREMESSA Gli edifici pubblici devono essere i luoghi dove curare il nostro presente. Le scuole

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

BANDO PER IL COFINANZIAMENTO DI PROGRAMMI DI ATTIVAZIONE E DI ATTUAZIONE DI AGENDE 21 LOCALI Anno 2007 DESCRIZIONE TECNICA

BANDO PER IL COFINANZIAMENTO DI PROGRAMMI DI ATTIVAZIONE E DI ATTUAZIONE DI AGENDE 21 LOCALI Anno 2007 DESCRIZIONE TECNICA Modulo B BANDO PER IL COFINANZIAMENTO DI PROGRAMMI DI ATTIVAZIONE E DI ATTUAZIONE DI AGENDE 21 LOCALI Anno 2007 PROGETTO REBIR RISPARMIO ENERGETICO, BIOEDILIZIA, RIUSO ENTE proponente PROVINCIA DI LUCCA

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

Fatti trovare... Fatti preferire! Web Site» E-Commerce» Social Media» Web Marketing» Photo» Video» Graphic design

Fatti trovare... Fatti preferire! Web Site» E-Commerce» Social Media» Web Marketing» Photo» Video» Graphic design Fatti trovare... Fatti preferire! Web Site» E-Commerce» Social Media» Web Marketing» Photo» Video» Graphic design Come si trovano oggi i clienti? Così! ristorante pizzeria sul mare bel Perchè è importante

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

uno sguardo d insieme Daniela Luise Project manager ECO Courts

uno sguardo d insieme Daniela Luise Project manager ECO Courts Il progetto ECO Courts: uno sguardo d insieme Daniela Luise Project manager ECO Courts IL PROGETTO IN BREVE ECO Courts è l acronimo di ECOlogical COurtyards United for Resources saving through smart Technologies

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli