di Danilo G. Cardascia Amministrazione e finanza >> Finanza aziendale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "di Danilo G. Cardascia Amministrazione e finanza >> Finanza aziendale"

Transcript

1 CRISI D IMPRESA E INTERVENTI DI TURNAROUND di Danilo G. Cardascia Amministrazione e finanza >> Finanza aziendale

2 DEFINIZIONE E CAUSE DELLA CRISI «Nell aspetto più propriamente aziendale, la crisi è una manifestazione di tipo patologico, che può svilupparsi su più stadi» 1. I primi segnali si hanno in seguito all emersione di fenomeni di squilibrio e inefficienza che possono avere natura ed origine molto diverse. Una crisi affrontata al primo stadio, quando non ha ancora generato perdite, è più facilmente rimediabile. La difficoltà in proposito è spesso l individuazione delle cause della crisi e la predisposizione in tempi adeguati delle opportune contromisure per evitare di compromettere l economicità stessa dell azienda. Quando e nel momento in cui si presentano, le perdite erodono gradualmente, e con varia velocità, le risorse aziendali. Si ha cioè un processo di depauperamento le cui manifestazioni formali sono l assorbimento delle risorse di bilancio e di quote del capitale e le cui manifestazioni sostanziali sono l erosione della liquidità, l appesantimento dei debiti, l impossibilità di distribuire dividendi, la riduzione delle risorse destinate a funzioni essenziali (R&D, marketing, formazione, comunicazione). L arresto della crisi in questo secondo stadio è sicuramente più difficile e dipende dal quadro di deterioramento cui il sistema è pervenuto. Al di là di un certo limite, la crisi esplode nell insolvenza, che ne è la manifestazione appariscente e clamorosa. A questo punto essa cessa di essere solo un fatto interno dell azienda e genera una serie di effetti palesi che vanno dall incapacità a fronteggiare le scadenze alla perdita di fiducia e di credito, dallo sfaldamento della struttura organizzativa alla perdita progressiva della clientela. Tutto l organismo aziendale ne viene profondamente sconvolto, a tal punto che qualsiasi intervento riparatore appare problematico e con probabilità di successo assai ridotte. In ogni caso sono necessari interventi profondi che investano innanzitutto la struttura del capitale ed il management. All insolvenza può seguire il dissesto, che è una condizione permanente di squilibrio patrimoniale, il cui rimedio è impossibile senza interventi dei creditori che acconsentano a tagli delle loro esposizioni. La storia dei dissesti aziendali è spesso contrassegnata da tardivi riconoscimenti dei sintomi di crisi, dall illusione che spinge ad escludere lo stato di crisi o a minimizzarne la portata, dal timore di adottare misure idonee perché inevitabilmente dolorose. Tavola 1 Andamento delle crisi Fonte: AlixPartners In tali contesti si tende a comunicare all esterno una situazione economico-finanziaria e patrimoniale alterata 2 modificando alcune poste di bilancio e nascondendo la situazione reale in cui versa l azienda. L effetto finale di tali comportamenti è che il processo di disfacimento e di 1 Guatri L., Crisi e risanamento delle imprese, Per nascondere le perdite vengono adottati numerosi espedienti contabili tra i quali: l assunzione in misura ridotta di componenti negativi di reddito di origine stimata (ammortamenti, quote di fondi rischi); l assunzione in misura più elevata di componenti positivi di reddito di origine stimata (rimanenze finali, capitalizzazioni riguardanti le immobilizzazioni tecniche); la capitalizzazione di costi di utilità pluriennale non corrispondenti a beni dotati di materialità; evidenziazione di plusvalenze (per cessioni a terzi o a controllate); la rivalutazioni di beni patrimoniali (titoli, partecipazioni, immobili). Pagina 2 di 14

3 depauperamento diventa via via più grave ed interessa le riserve finanziarie accumulate, fino al limite dell irreversibilità. Le cause Lo studio delle cause delle crisi aziendali può essere condotto seguendo due approcci metodologici distinti 3. Il primo individua cause di natura soggettiva, cioè riconducibili al fattore umano, quale principale protagonista del successo o insuccesso di una realtà imprenditoriale. In primis viene messo sotto accusa il management, dalla cui scarsa capacità quasi sempre dipende in larga parte il cattivo andamento dell azienda. In secondo luogo le critiche vengono indirizzate nei confronti degli azionisti, dalle cui politiche la crisi trae talvolta origine od alimento. 4 Altre critiche, inoltre, possono investire i finanziatori (si pensi all eccessiva «fiducia» concessa da parte delle banche) e gli addetti a determinate funzioni aziendali (produzione, organizzazione, vendita) in connessione a constatate loro inefficienze. Questo tipo di approccio al problema non si rivela però il più significativo ed adatto a descrivere la complessa realtà aziendale. Ciò in quanto la crisi può dipendere da fenomeni e da forze che sfuggono al dominio degli uomini d impresa. Per tali ragioni è più opportuno adottare uno schema di tipo obiettivo nella descrizione e nell analisi delle cause della crisi. In questa ottica possiamo distinguere cinque tipi fondamentali di crisi, in funzione delle cause che le provocano: a) crisi da inefficienza, quando uno o più settori dell attività aziendale operano con rendimenti non il linea con quelli della concorrenza; b) crisi da sovracapacità/rigidità, in seguito a una duratura riduzione del volume della domanda; c) crisi da decadimento dei prodotti, causate da riduzioni dei margini positivi tra prezzi e costi al di sotto del limite necessario per la copertura dei costi fissi; d) crisi da carenze di programmazione e innovazione, intesa come incapacità da un lato di adattare le condizione di svolgimento della gestione ai mutamenti ambientali e dall altro di produrre nuove idee dedicando risorse alla ricerca; e) crisi da squilibrio finanziario/patrimoniale: in realtà è più un effetto che una causa in sé; spesso è dovuta alla combinazione di due o più delle condizioni illustrate in precedenza. Quando considerata in sé, fa riferimento a cause legate a fattori ascrivibili all azienda (rischiosità del settore, forza contrattuale nei confronti delle banche) e all ambiente in cui opera (mercati finanziari non efficienti). Nella realtà accade spesso che le crisi e le cause che le hanno determinate si presentino in combinazione tra loro con una logica temporale di fondo: nella fase iniziale della crisi è più probabile riscontrare inefficienze, carenze di programmazione/ innovazione o decadimento dei prodotti. Solo in un secondo momento, ad aggravare la crisi moltiplicandone le conseguenze, entrano in azione gli altri fenomeni citati: la rigidità e gli squilibri finanziari. LE AZIONI DI INTERVENTO Le crisi aziendali possono essere fronteggiate con modalità e mezzi differenti in ciascuno degli stadi e in funzione del caso specifico. E possibile tuttavia individuare quattro tipologie ricorrenti di intervento in base alle quali il risanamento può essere realizzato: a) per via di ristrutturazione, perseguendo tipicamente il miglioramento dell efficienza dei fattori produttivi essenziali (personale, impianti, materiali.), dell incidenza dei costi fissi di struttura, dell assetto finanziario e patrimoniale; b) per via di riconversione, quando l aspetto dominante è la ricerca di nuove combinazioni prodotti/mercati e dunque si fonda essenzialmente sull innovazione sia tecnologica sia di marketing. Il trasferimento delle risorse disponibili verso nuovi settori e il graduale abbandono dei vecchi ne è l aspetto più evidente; 3 Guatri L., Crisi e risanamento delle imprese, Si pensi ad esempio alla scarsa disponibilità a conferire mezzi propri, ad eccessive distribuzioni di dividendi, all errata scelta del management. Pagina 3 di 14

4 c) per via di ridimensionamento, quando il momento essenziale dell intervento è nel senso di una sostanziale modifica delle dimensioni. Questo tipo di risanamento trova applicazione prevalente nelle crisi che hanno all origine fenomeni di sovracapacità produttiva, indotti da errori di previsione, da cadute della domanda globale o da squilibri provocati dalla concorrenza internazionale. E sicuramente una delle forme più traumatiche di risanamento, a motivo dei drastici tagli al personale che impone; d) per via di riorganizzazione, quando il punto essenziale dell intervento ha attinenza agli aspetti organizzativi: definizione di aree di responsabilità, predisposizione di migliori controlli, circolazione più efficace delle informazioni, nuovi assetti della produzione e della ricerca, nuovi metodi di vendita, miglioramenti della gestione strategica. Pur ammettendo l utilità di queste distinzioni va però rilevato che i piani di risanamento generalmente investono contemporaneamente più di uno degli aspetti citati e/o richiedono soluzioni disegnate su misura. Il fronteggiamento delle perdite: alternativa tra intervento e cessione/liquidazione In fase avanzata, lo stato di crisi si palesa in tutta la sua evidenza anche all esterno, con un intensità direttamente correlata alla dimensione e alle caratteristiche delle perdite subite. In base al significato attribuito alle perdite 5, si pone all azienda la scelta tra il loro fronteggiamento utilizzando una o più delle modalità di risanamento o l avvio di un processo di cessione/liquidazione (Tavola 2). Il fronteggiamento è spesso una lotta contro il tempo: occorre valutare lo stato attuale dell azienda, individuare il percorso di risanamento più adatto considerando il rischio e la probabilità di ottenere dei risultati, coinvolgere il management preesistente o di nuova assunzione, ottenere il consenso di coloro che sono chiamati a sopportare sacrifici (azionisti, banche o creditori) e ricercare nuove risorse finanziarie. Diversamente, intraprendere un operazione di cessione o la liquidazione dell azienda significa, nelle condizioni di perdita in cui l azienda opera, andare incontro ad una sensibile decurtazione del valore realizzabile rispetto al valore patrimoniale investito (tecnicamente attraverso la stima di un badwill). Peraltro, la cessione di aziende in perdita è spesso difficoltosa ed avviene a condizioni di netto sfavore per il cedente, la cui forza contrattuale è limitata e talvolta nulla. La cessione, dunque, è una soluzione prioritaria solo quando l intervento risanatorio è stato escluso o si è palesato impossibile. Il limite minimo attribuibile all azienda è costituito dal valore di liquidazione. Questa comporta pesanti sacrifici in termini di realizzo delle attività. Molti valori attivi perdono gran parte dei loro contenuti, in quanto finalizzati all utilizzo in quell impresa (magazzino, crediti). Solo per i beni adattabili ad altre attività (beni immobili ed impianti generici, macchine agevolmente trasferibili) si può in sostanza conservare una parte apprezzabile del valore di funzionamento. A fronte dell attivo che si riduce di valore e diviene di difficile realizzo, le passività (TFR, debiti generalmente rinnovabili, fornitori) esigono invece di essere sollecitamente onorate. 5 Le perdite possono presentare significati profondamente diversi e pertanto vanno attentamente analizzate. L analisi delle perdite è un giudizio complesso basato sui seguenti fondamentali aspetti: a) intensità della stessa; b) andamento storico ed eventuale tendenza; c) struttura dei margini; d) confronto tra perdite apparenti e reali; e) conseguenze a livello finanziario. Pagina 4 di 14

5 Tavola 2 Fattori di crisi Fattori di crisi Perdite Valutazione degli interventi necessari Fabbisogni finanziari Risultati economici Stima del rischio Ottenimento dei Decisione d intervento Positiva - Negativa Ricerca di nuovi i Smobilizzi Cession Liquidazion Fonte: Guatri L., Crisi e risanamento delle imprese, 1986 Non si può dimenticare che esistono anche pesanti vincoli di natura sociale, in considerazione dei quali la decisione di cessare l attività di un azienda industriale viene sottoposta a dura opposizione. Il che significa rilevanti costi supplementari, in connessione al prolungamento dell attività produttiva nel tempo, per rendere graduale il processo di smobilizzo e meno traumatico l esodo del personale esuberante. Per questi motivi alla gestione liquidatoria viene non di rado preferita la cessione dell azienda, certa e definitiva, anche a condizioni molto onerose. La liquidazione è preferita solo quando il prezzo di cessione risulta chiaramente inferiore rispetto al suo risultato finale. LE AZIONI DI INTERVENTO IN CONDIZIONI D INSOLVENZA O DI DISSESTO FINANZIARIO I problemi di salvataggio e di rilancio di aziende cadute in stato di insolvenza, o addirittura di dissesto, presentano difficoltà ed incertezze in massimo grado. Ciò in quanto l insolvenza, quando pure sia giudicata transitoria e rimediabile, comporta pesanti e spesso insopportabili conseguenze quali: perdita del credito, disfacimento dell immagine e della credibilità, cadute di efficienza, graduale smembramento della forza lavoro. In questo stato l intervento risulta tanto urgente quanto limitato in termini di strumenti e possibilità (Tavola 3). Pagina 5 di 14

6 Tavola 3 Urgenza delle azioni di intervento Fonte: AlixPartners Per una migliore comprensione del problema, occorre distinguere tra due condizioni d insolvenza: si parla infatti di un insolvenza temporanea, caratterizzata da reversibilità; e di un insolvenza definitiva (dissesto). Ambedue i tipi di insolvenza sono ovviamente caratterizzati da una comune circostanza: l incapacità dell azienda di soddisfare con regolarità le proprie obbligazioni. Affinché l insolvenza sia giudicata temporanea, occorre che lo squilibrio finanziario sia attenuato da due essenziali condizioni: la permanenza di un residuo equilibrio patrimoniale della azienda (capitale netto positivo); la presenza di prospettive economiche favorevoli, anche a seguito di interventi di ristrutturazione e di rilancio. La prima condizione indica che l azienda è ancora in grado di sopportare il rischio del tentativo di recupero, mettendo a repentaglio la parte rimanente del capitale, senza gravare sui creditori. Inizialmente, infatti, viene richiesto ai creditori solo il rinvio dei termini d incasso dei loro crediti. La seconda condizione ha un duplice significato. Innanzitutto, senza il recupero dell equilibrio economico, è da escludere la possibilità di recupero dell equilibrio finanziario. In secondo luogo, l attesa ragionevole di un futuro equilibrio economico è spesso elemento necessario per affermare un residuo valore del capitale netto 6. Quando l insolvenza non è rimediabile, nel senso ora indicato, e diventa definitiva (dissesto), i creditori hanno la certezza pratica che i loro crediti sono in parte già compromessi, salvo la graduatoria in funzione dei privilegi, e che ogni tentativo di recupero o di risanamento, in alternativa all ipotesi liquidatoria, è compiuto a loro rischio ed a loro spese. In ambedue le situazioni di insolvenza, temporanea e definitiva, si presenta l alternativa tra la continuazione dell attività aziendale (in tutto, od almeno in parte) e la cessazione, con conseguente liquidazione dell azienda. La continuazione dell attività ha come fine precipuo il risanamento dell azienda o di sue parti definite (divisioni, settori, singole unità produttive) ed ha come premessa la definizione di un adeguato piano di risanamento. Quest ultimo è la risposta, tradotta in termini operativi, al problema del fronteggiamento dell insolvenza. Il tentativo di risanamento di un impresa in stato d insolvenza può concretamente essere affrontato in varie forme: a) mediante il regolamento consensuale del passivo: consolidamenti (accordi coi creditori intesi al rinvio delle scadenze dei debiti) e concordati stragiudiziali (accordi coi creditori che prevedono decurtazioni all importo dei crediti); b) mediante le procedure definite e disciplinate dalla legge: amministrazione controllata, amministrazione straordinaria, concordato preventivo. Alcune delle forme d intervento elencate, riguardano stati d insolvenza temporanea (consolidamenti, amministrazione controllata); mentre altre si riferiscono necessariamente o 6 Alcuni rilevanti valori dell attivo, infatti, non possono essere stimati sul piano puramente patrimoniale (in funzione dei costi di ricostruzione o di riacquisto); occorre dimostrare la possibilità del loro successivo conveniente utilizzo in senso economico (capacità di sopportare i futuri ammortamenti, di realizzare i valori senza perdite, ecc.); diversamente, dai valori di funzionamento si passa ai valori di liquidazione. Pagina 6 di 14

7 prevalentemente a stati d insolvenza definitivi, cioè a veri e propri dissesti (concordati stragiudiziali, amministrazione straordinaria, concordato preventivo). UNA PANORAMICA SUGLI INVESTIMENTI IN AZIENDE IN CRISI IN ITALIA In Italia, le aziende in grado di riprendersi e di uscire indenni da una dichiarata condizione d insolvenza, con le loro sole forze, sono state ad oggi relativamente poche. Più frequente è stato il caso di imprese tratte in salvo grazie ad interventi pubblici diretti a tutelare interessi d ordine generale (preservare settori produttivi giudicati rilevanti per l economia nazionale 7 ) o scopi sociali (evitare gravi problemi di disoccupazione). Il salvataggio con mezzi statali, tuttavia, sottintende quasi sempre uno squilibrio tra il costo dell intervento ed i recuperi possibili (in termini di valore delle aziende tratte in salvo) che limita il ricorso a tale strumento solo ad un numero ristretto di aziende. Altre volte è capitato che operazioni di risanamento aziendale siano state effettuate da privati investitori operanti nello stesso settore dell azienda in crisi. L imprenditore concorrente, infatti, si trova in una posizione privilegiata di intervento in quanto, più di ogni altro, è in grado di capire le motivazioni della crisi, lo stato reale in cui versa l azienda e in ultimo di quantificarne il valore. Decisamente poco numerose sono state, invece, le operazioni realizzate da investitori professionali o fondi di turnaround. Tra queste, la quasi totalità ha visto protagonisti soggetti stranieri che hanno individuato in Italia delle ottime occasioni per conseguire capital gain 8. I fondi di turnaround Recentemente, sulla scia di paesi dotati di mercati più evoluti (Stati Uniti e Gran Bretagna), si stanno presentano nuove possibilità offerte da operatori nazionali specializzati nell attività di turnaround e, cioè, nell investimento in imprese in stato di tensione economico-finanziaria, se non di fallimento, con l obiettivo di risanarle e rilanciarle sul mercato. In letteratura, questi soggetti vengono fatti rientrare nell ampia categoria di investitori nel capitale di rischio ( i c.d. private equity e venture capital funds 9 ), la cui attività si sostanzia nell apporto di risorse finanziarie (sotto forma di partecipazione al capitale azionario o di sottoscrizione di titoli obbligazionari convertibili in azioni) e competenze tecnico-manageriali, per un arco temporale medio-lungo, in aziende dotate di un progetto e di un potenziale di sviluppo. Nello specifico si usa distinguere le vari tipologie di investitori in aziende in crisi con riferimento al momento o stadio della crisi in cui subentrano. Con il nome di later stage o turnaround investors si indicano quelli che intervengono in operazioni di ristrutturazione o riconversione di imprese mature, prima che intervenga il declino. Diversamente, ai vulture 10 o bankruptcy investors viene ricondotta l attività di investimento in imprese in stato di dissesto o vicine a situazioni di bancarotta e liquidazione. La differenza è più formale che sostanziale e trae origine da motivazioni storiche 11 che associano a questi ultimi investitori una connotazione negativa in quanto acquistano aziende 7 Si pensi ai casi dell IRI, sorta negli anni Trenta, e dell ENI. 8 Si ricordino i casi del fondo Wexford sbarcato in Italia nel 1995 per acquisire la Magneti Marelli e i cantieri Riva o del fondo Cerberus che ha rilevato le società operative della Fila per conto della sua controllata Sport Brand International LLC, o del fondo Stellican per il Vicenza Calcio. 9 Private equity provides equity capital to enterprises non quoted on a stock market. Private equity can be used to develop new product and technologies, to expand working capital, to make acquisition, or to strengthen a company s balance sheet. It can also resolve ownership and management issues. [ ] Venture capital is, strictly speaking, a subset of private equity and refers to equity investments made for the launch, early development, or expansion of a business, European Venture Capital Association. 10 Il termine vulture (avvoltoio), [ ] tradisce un iniziale giudizio negativo, quasi che la funzione di questi soggetti avesse poco di etico per il fatto di operare con aziende in forte difficoltà, profittando della loro situazione. Danovi, Il termine vulture capital è stato coniato negli Stati Uniti negli anni 80 dai fondatori di Intel per indicare l attività di quei venture capitalists che sottraevano personale qualificato alle società di successo per creare società concorrenti. J.W.Wilson, The New Venturers: inside the high-stakes world of venture capital, Pagina 7 di 14

8 decotte a prezzi [ ] pari ad una percentuale minima del valore degli assets, per poi rivendere gli assets a prezzi di mercato e ricavare un guadagno sulla differenza. L ESEMPIO DEGLI STATI UNITI In un analisi delle operazioni di investimento in aziende in crisi, occorre prendere come parametro di riferimento il mercato del turnaround statunitense in quanto vanta le origini storiche più lontane e le caratteristiche dell offerta più ampie. Il merito lo si deve in parte ad un sistema legislativo che agevola il cambiamento e il recupero di entità in crisi. All interno del Bankruptcy Reform Act del , è contenuto il fondamento degli interventi di turnaround e vulture capital negli Stati Uniti, il Chapter 11. Esso si basa sull istituto della reorganization, attraverso la quale il debitore ha il vantaggio della sospensione delle azioni esecutive, della cancellazione di alcuni debiti e soprattutto di presentare egli stesso un piano di ristrutturazione. Questo meccanismo ha permesso un intimo collegamento tra la proprietà di titoli rappresentativi del capitale di rischio e la possibilità di intervento e quindi di creazione del valore, obiettivo principale degli investitori professionali in aziende in crisi. Con riferimento ai soggetti presenti sul mercato e alle strutture operative adottate, si nota un offerta notevolmente differenziata, tipica di un mercato evoluto. Tra gli investitori, infatti, si possono trovare imprese private, fondi comuni (aperti o chiusi), broker, banche commerciali e investment bank. La specializzazione dei players statunitensi avviene in funzione di diverse variabili tra le quali la tipologia di strumento finanziario nel quale investono (distressed equity o debt securities), il momento di realizzazione dell investimento (nella fase di maturità o di declino), la strategia adottata una volta assunta una determinata posizione nel capitale della società target (passive o active investors) e la modalità utilizzata per generare l apprezzamento della partecipazione (blocking position o active management). Investitori in distressed debt securities Gli investitori in distressed debt securities acquistano titoli rappresentativi del capitale di debito di società che affrontano situazioni di squilibrio finanziario o che sono sottoposte a procedura concorsuale. L acquisto dei titoli avviene a prezzi scontati e a volte notevolmente inferiori al loro valore nominale. L assunzione della posizione di creditore della società in dissesto è il presupposto per l applicazione di differenti strategie. Gli investitori che seguono una strategia di tipo passive si limitano a selezionare un portafoglio diversificato di titoli in distress sulla base di tecniche di market timing (previsioni sull andamento futuro del mercato) e di security selection (analisi dei titoli sottovalutati). L apprezzamento del portafoglio viene ricercato, pertanto, solo sulla base di tecniche di analisi finanziaria. Gli active investors, invece, intervengono direttamente con azioni volte a massimizzare o il valore della singola partecipazione da loro detenuta (strategie speculative o di blocking) o il valore complessivo dell azienda target. Nel primo caso, l obiettivo viene raggiunto a seguito del processo di negoziazione tra il rappresentante dell azienda in crisi e i creditori, i quali devono fornire il loro consenso per dar via al progetto di ristrutturazione. Secondo le regole di approvazione del piano di riorganizzazione previste dal Chapter 11, acquistando poco più di un terzo del valore dei crediti di una classe, un creditore può proporsi in blocking position ed impedire l approvazione della proposta 13 finché non viene loro assicurato un rimborso vantaggioso. 12 Il BRA è composto da quattro Titles. Il Title I contiene norme di diritto sostanziale e procedurale ed è suddiviso in otto capitoli. I capitoli 7, 9, 11, 12, 13 disciplinano quattro diverse procedure concorsuali. Il capitolo 7 è concettualmente simile alle tradizionali procedure di liquidazione seguite in gran parte dei Paesi. I restanti capitoli disciplinano le procedure aventi come scopo non la liquidazione ma il risanamento della struttura finanziaria del debitore, attraverso la predisposizione di un piano di rimborso dei creditori omologato dal tribunale. In particolare il capitolo 11 è destinato a persone fisiche, società di persone o di capitali e trusts aventi scopo di lucro. 13 Il Bankruptcy Code distingue i creditori in classi differenti e stabilisce che il piano è approvato con il voto favorevole di tutte le classi. La singola classe approva il piano se viene raggiunta una maggioranza qualificata di almeno i 2/3 dei votanti e di metà del numero dei creditori. Pagina 8 di 14

9 Distressed Debt Securities Passive Basato su tecniche di market timing e securities Active Blocking Position Basato su tecniche di negoziazione del Hands on Pre e Post approvazione del piano Nel secondo caso l investitore ricerca una posizione rilevante tra i finanziatori della società con lo scopo di promuovere egli stesso un piano di ristrutturazione. Se quest ultimo garantisce ai creditori almeno il valore di liquidazione del credito, il proponente del piano può strutturare un debt-equity swap, attraverso il quale ottenere una partecipazione rilevante o di controllo nell impresa e portare a termine il piano di risanamento 14 direttamente o con l aiuto di consulenti specializzati. Investire in distressed equity securities L investimento in distressed equity securities, nonostante sia più rischioso del precedente, è agevolato negli Stati Uniti dal fatto che i titoli azionari non vengono sospesi dalle contrattazioni 15 quando sottoposti a procedure di riorganizzazione. Anche in questo caso, gli operatori si differenziano per la diversa strategia adottata: passive o hands on. I primi, mirano ad investire in aziende solide che magari attraversano una fase di difficoltà transitoria di natura finanziaria. Notevole importanza, in questo caso, viene data all attività di valutazione e selezione delle società al fine di escludere quelle dal profilo di rischio più alto. Se, infatti, la l impresa risulta successivamente insolvente, i creditori chiederanno l avvio della procedura di liquidazione (secondo le norme del Chapter 7 liquidation) a danno degli azionisti 16. Se invece la società viene sottoposta a procedura di riorganizzazione (Chapter 11 reorganization), il debitore (azionista) avrà il diritto di proporre in via prioritaria un piano di riorganizzazione 17, ma correndo consistenti rischi legati alla diluizione del capitale (post riorganizzazione), alla dinamica del rimborso del debito in presenza di un patrimonio non capiente e alle norme che in genere favoriscono la classe dei debitori 18. Gli operatori hands on, diversamente, cercano un coinvolgimento attivo nella gestione sul modello di intervento descritto nei paragrafi successivi. In questo caso, l investitore preferisce entrare nel capitale in una fase precedente allo stato di insolvenza 19, e con quote che ne assicurino il controllo, in modo da poter disporre di più ampi strumenti di intervento e quindi maggiori probabilità di successo. 14 Tale intervento può, peraltro, essere effettuato anche quando il piano di ristrutturazione è già stato definito. L investitore può acquistare i titoli di debito da un creditore, attenderne la conversione in azioni ordinarie a seguito dell approvazione del piano ed esercitare il controllo sulla società. 15 In Italia invece, il regolamento di Borsa Italiana, stabilisce che l ammissione dell emittente (società quotata) a procedure concorsuali è motivo sufficiente per la sospensione dalla quotazione dello stesso. 16 In questo caso l azienda viene ceduta ed i proventi distribuiti tra i creditori secondo la absolute priority rule, la quale stabilisce che il rimborso di un creditore (o di un azionista) possa avvenire sole se è stato risarcito completamente il creditore con priorità superiore. 17 I piano di riorganizzazione può essere presentato da numerosi soggetti. Tale facoltà spetta in esclusiva al debitore nei primi 100 giorni dall inizio della procedura (exclusivity period). Trascorsi questi termini, l iniziativa passa a qualsiasi parte interessata (party in interest). 18 Pur essendo rischiosa la gestione passive viene comunque utilizzata da numerosi fondi pensione di grandi imprese e di enti pubblici statunitensi allo scopo di diversificare l allocazione del loro portafoglio. 19 E tuttavia da rilevare che il Chapter 11 consente di realizzare un investimento anche dopo la dichiarazione di fallimento: se i soci si impegnano ad effettuare nuovi conferimenti, eventualmente acquistando i titoli azionari emessi durante la riorganizzazione (plan funding), viene concessa una deroga alla absolute priority rule e l azionista può mantenere la posizione di controllo (c.d. new contribution exemption). Pagina 9 di 14

10 LA STRUTTURA DI UN FONDO DI TURNAROUND In Italia il mercato del turnaround non è ancora così sviluppato e l offerta si sostanzia nell acquisizione di una posizione rilevante in imprese in crisi, col fine di assumerne la gestione (hands on) e riportarle a generare valore. Lo strumento che meglio si presta a tale finalità è quello del fondo di investimento mobiliare chiuso diretto a sottoscrittori qualificati. Questo prevede la presenza di tre elementi: un veicolo (il fondo) nel quale confluiscono i capitali da investire, una banca depositaria che svolge funzioni di controllo e una società di gestione del fondo che nell ordinamento italiano si presenta nella forma di società di gestione del risparmio (Sgr) 20. Banca Depositari Investitori - Conferimento dei fondi Mandato di gestione Fondo di Turnaround Distresse d Co. Distresse N.1 d Co. Distresse N. d Co. N. Gestione Partecipazione ai capital gain Piano di risanament o SGR Mandato di gestione operativa Advisory Company Il fondo si configura come patrimonio autonomo, suddiviso in una pluralità di quote, distinto a tutti gli effetti dal patrimonio della società di gestione del fondo. Le caratteristiche del singolo fondo dipendono dalle scelte fatte in merito ad alcune variabili e cioè, il settore industriale e l area geografica in cui investire, la tipologia e la dimensione dell investimento e lo strumento e la percentuale di ingresso (quote di maggioranza o minoranza) nelle imprese. Il vincolo del riscatto delle quote soltanto a scadenze prestabilite, tipico del fondo chiuso, garantisce, al management team della società di gestione, risorse certe durante tutta la fase di investimento. La Sgr è incaricata di definire il regolamento del fondo nel quale vengono indicate tutte le scelte effettuate in merito agli elementi di gestione, la struttura, le modalità di partecipazione e la politica di investimento. Chiaramente oggetto dell investimento saranno società in crisi finanziaria, o con problemi operativi, società underperforming o società non strategiche all interno del gruppo di appartenenza e in generale imprese, nazionali o estere, che necessitano di un deciso intervento di cambiamento. Meno facile risulta, invece, la determinazione della durata del fondo e del commitment del singolo investimento a causa delle incertezze legate alla buona riuscita dell intervento di turnaround nei tempi e con i costi preventivati. La Sgr è dotata di una propria struttura organizzativa e finanziaria ed ha il compito di realizzare l attività di investimento attraverso la strutturazione e amministrazione del fondo nonché la generazione del deal flow. In considerazione della specificità delle competenze richieste dall attività di turnaround, è però possibile che la Sgr deleghi la gestione di una o più fasi dell attività di investimento ad una società di consulenza specializzata (advisory company). In questi casi, risulta fondamentale stabilire la remunerazione e l estensione della delega di gestione, i limiti di autonomia e i profili di responsabilità di entrambe le entità. L advisor può essere una persona fisica o una società che, in qualità di consulente, si incarica di ricercare sul territorio le migliori opportunità di investimento da proporre al fondo e di seguirle operativamente, per conto della Sgr. 20 Introdotta dal D.lgs. n. 58/98 (il Testo Unico delle Finanze). Pagina 10 di 14

11 Con particolare riferimento alle competenze richieste per intervenire in operazioni di ristrutturazione, la figura dell advisor viene associata a quella del crisis manager in relazione alla capacità di questi professionisti di applicare tradizionali tecniche di gestione in circostanze piuttosto inusuali 21. La gestione del piano di risanamento aziendale, infatti, richiede professionisti che oltre ad avere competenze in ambito tecnico-manageriale, finanziario e legale, siano in grado di operare in situazioni straordinarie in termini di tempo e risorse disponibili. Nel regolamento del fondo deve essere indicata anche la c.d. banca depositaria, alla quale devono essere affidati due compiti fondamentali: la custodia degli strumenti finanziari e delle disponibilità liquide del fondo e il controllo della legittimità delle operazioni di emissione e rimborso delle quote del fondo, il calcolo del loro valore e la destinazione dei redditi del fondo. L INTERVENTO DEI FONDI DI TURNAROUND Quando un azienda attraversa un fase di crisi, il corso dei titoli azionari o di debito si avvicina a valori prossimi a quelli di liquidazione. Scopo del fondo di turnaround è, quindi, quello di realizzare un piano di risanamento che riporti la società in condizioni operative normali in tempi accettabili. Raggiunto questo obiettivo, il corso dei titoli risalirà a valori pari a quelli di aziende comparabili presenti sul mercato. Sebbene ogni realtà aziendale rappresenti un caso unico, e ogni crisi aziendale sia frutto di determinanti inscindibili dalla stessa storia imprenditoriale, nella prassi, si sono affermati dei modelli per superare le crisi, validi per la generalità dei casi. Seguendo uno degli approcci più quotati 22, il risanamento viene perseguito per gradi attraverso il raggiungimento progressivo di quattro obiettivi: 1) subentrare nell azienda e ristabilire il controllo in termini finanziari e di leadership, 2) comunicare alla platea di stakeholders il percorso di risanamento che ci si accinge a realizzare, 3) normalizzare l attività, 4) riportare in equilibrio la struttura finanziaria e patrimoniale della società. L impatto iniziale è probabilmente quello che influisce maggiormente. L operare dei fondi di turnaround si basa su uno stile di gestione c.d. di cash colture in quanto, durante il fronteggiamento della crisi, ciò che determina il successo o meno dell intervento è la capacità di valutare, stabilizzare e risolvere situazioni che implicano un dispendio di liquidità. In Primis, si procede andando ad analizzare la situazione finanziaria a breve termine e a pianificare i flussi di cassa su base settimanale (coprendo in media un periodo di cento giorni). L attenzione è concentrata sul capitale circolante: si interviene sul fronte dei fornitori, gestendo i ritardi e assicurando la continuazione della fornitura, su quello dei clienti, evitandone la dispersione e garantendo il rispetto degli impegni presi, e sul circolante fisico, attraverso la dismissione del magazzino. Parallelamente si agisce sulla raccolta delle risorse: da una parte occorre preservare la continuità del rapporto con i finanziatori tradizionali e eventualmente negoziare un uscita guidata, e dall altro individuare nuovi portatori di capitale per il piano di risanamento che ci si accinge ad intraprendere. 21 Ancora Slatter & Lovett: a crisis is a situation that threatens the high-priority goals of the organization [its survival], restricts the amount of time available for response, and surprises decision-makers by its occurrence, thereby engendering high levels of stress", Corporate Recovery: Managing Companies in Distress, Elaborato da AlixPartners, advisory company specializzata in interventi di crisis management e protagonista di casi di successo quali WorldCom, Kmart, Hayes Lemmerz, Umbro, ISH. Pagina 11 di 14

12 Fonte: Alix Partners Mentre si procede a stabilizzare l emorragia finanziaria in corso, il crisis manager si occupa anche di riconfigurare l assetto organizzativo e di leadership interno, andando a posizionare in ruoli chiave figure capaci di gestire situazioni ad alto stress e che sappiano assurgere a figure di riferimento nel team aziendale. Il passo successivo serve a ristabilire un clima di fiducia con i soggetti (forza lavoro, fornitori, banche) che sono stati o saranno chiamati a sopportare dei sacrifici nel corso del risanamento. Un messaggio chiaro e diretto ha anche un effetto positivo e sinergico nei confronti degli stakeholder. La normalizzazione della gestione aziendale prevede invece la realizzazione di uno dei quattro interventi di risanamento descritti nei paragrafi precedenti, volti a ridefinire le strategie, l organizzazione aziendale e i processi critici del nuovo soggetto economico. A volte l azienda ne esce fuori notevolmente cambiata in termini dimensionali, di core business e di mercati serviti: vengono implementati nuovi modelli organizzativi e sistemi di controllo interno, si migliora la circolazione e la gestione delle informazioni, si utilizzano nuove tecnologie che permettono drastiche riduzioni nei costi. Il soggetto economico risultante, presenta in sintesi un profilo operativo e di rischio nettamente migliorato al punto che, nella maggior parte dei casi, si procede a rinegoziare le fonti di finanziamento (specialmente quelle bancarie) e ad individuare una struttura finanziaria e patrimoniale adeguata alla nuova gestione e ai progetti futuri di sviluppo. Se e quando il risanamento ha avuto successo, il fondo procede al disinvestimento della sua partecipazione e all incasso dell eventuale capital gain. I canali attraverso cui si realizza il disinvestimento possono essere classificati nelle seguenti categorie: a) IPO, Initial Public Offering, ovvero la cessione della partecipazione mediante offerta pubblica di vendita su un mercato regolamentato; b) Trade sale: cessione della partecipazione attraverso una trattativa privata che porta alla cessione a nuovi soci (industriali o finanziari) ovvero alla fusione con altra società; c) Secondary Buy-Out: acquisto della società partecipata da parte di un altro investitore finanziario, magari specializzato in expansion financing; d) Buy-Back: cessione della partecipata al socio di maggioranza o ai manager ovvero riacquisto delle azioni da parte della società stessa, entro i limiti dettati dal codice civile (vale a dire fino a un massimo del 10 per cento del capitale sociale). Esistono purtroppo anche casi in cui si procede al write-off, e cioè alla svalutazione contabile integrale della partecipazione, a seguito della perdita di valore (fair market value pari a zero in caso di cessione) della stessa. La strategia di uscita, come nel caso di altre tipologie di fondi di PE o VC, viene elaborata a partire dal momento stesso della selezione degli investimenti; anzi, l aver individuato a priori un possibile acquirente industriale (o finanziario) costituisce un valido motivo o presupposto per l investimento. Pagina 12 di 14

13 CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE SUL CASO ITALIANO Il mercato delle imprese in dissesto in Italia, pur rappresentando una quota marginale degli investimenti in PE e VC, possiede delle ottime potenzialità di sviluppo nel prossimo futuro. A questo contribuiscono alcuni fattori propri del sistema industriale e finanziario italiano tra i quali si possono citare l elevato numero di società con ottimi trascorsi industriali, interessate da temporanei squilibri finanziari; il notevole ammontare di debiti in sofferenza relativi a società non finanziarie, detenuti da banche e gestiti in un ottica inefficiente di realizzo; la scarsa dotazione di capitale e l eccessivo ricorso a forme di finanziamento a breve, propri delle aziende italiane. Un notevole impulso potrebbe provenire anche dall intervento del legislatore, atteso da anni, riguardo alla disciplina fallimentare. Fino ad oggi la normativa italiana al contrario di quella statunitense, ha adottato un modello di tipo sanzionatorio-affittivo, in cui si è data priorità all interesse dei creditori e non al beneimpresa. In sostanza si è agevolata la liquidazione (con percentuali e tempi di realizzo dei crediti a livelli molto bassi) e l eliminazione dal mercato di quelle imprese incapaci di far fronte ai propri debiti. D altra parte si è manifestata la mancanza di una procedura diretta al risanamento e alla continuazione dell impresa. Ne è risultato un sistema di risoluzione legale della crisi incompatibile con la realizzabilità di un turnaround di successo. L introduzione prossima di un modello contrattualistico (basato su un ampia autonomia privata, sia all interno delle procedure concorsuali, sia al di fuori, grazie ad una regolamentazione volta a dare stabilità agli accordi stragiudiziali) potrebbe concedere maggiori spazi d operatività sul modello del mercato statunitense. La previsione, poi, dell istituto dell esdebitazione, attraverso il quale l imprenditore potrà riprendere l esercizio dell impresa commerciale senza macchie e debiti pregressi, contribuirà a rendere certi e definitivi gli effetti delle procedure. In tal modo, per un fondo che decidesse di entrare nel capitale di un impresa non ancora in dissesto, i rischi connessi all operazione sarebbero notevolmente inferiori rispetto al passato. Si ravvisa, tuttavia, il perdurare di ostacoli di altra natura, non ancora affrontati efficacemente dal legislatore. Si pensi in primo luogo alla normativa in tema di responsabilità penale per i reati connessi al fallimento. L autorità giudiziaria, infatti, tende a valutare ex-post, qualunque operazione diretta ad evitare o a ritardare il fallimento, come concorso alla determinazione del dissesto e quindi come causa di pregiudizio ai creditori. In più, il sistematico utilizzo dell azione revocatoria, per la conservazione del patrimonio del debitore, comporta un elevato rischio di annullamento delle operazioni di ristrutturazione attraverso la cessione parziale di beni dell impresa. Pagina 13 di 14

14 GLOSSARIO ADVISOR Figura professionale il cui ruolo principale è quello di fornire consulenza alle imprese tramite competenze necessarie allo sviluppo e alla risoluzione di modelli di valutazione razionale del rischio. CRISIS MANAGER Ogni scelta aziendale costituisce una minaccia ed è produttrice di rischio, ma genera anche differenziale positivo per le imprese che la sanno gestire al meglio, creando nuovo valore. Per questa ragione la figura professionale del crisis manager deve avere la capacità di individuare e quantificare le possibili minacce, deve averne la consapevolezza, ma nel contempo deve saper estrapolare dalle stesse (e far conoscere ai vertici aziendali) le opportunità che ne derivano.. Documento reperibile, assieme ad altre monografie, nella sezione Dossier del sito Documento pubblicato su licenza di WKI - Ipsoa Editore Fonte: Amministrazione & FInanza Quindicinale di gestione, pianificazione e controllo aziendale, Ipsoa Editore Copyright: WKI - Ipsoa Editore Pagina 14 di 14

La gestione di un processo di distressed M&A. Modena 10 novembre 2010

La gestione di un processo di distressed M&A. Modena 10 novembre 2010 La gestione di un processo di distressed M&A Modena 10 novembre 2010 Indice 1. Crisi d impresa e modalità d intervento 2. La gestione di un processo di ristrutturazione /distressed M&A e il ruolo dell

Dettagli

Economia e Gestione delle Imprese Industriali Avanzato Interventi privatistici

Economia e Gestione delle Imprese Industriali Avanzato Interventi privatistici Economia e Gestione delle Imprese Industriali Avanzato Interventi privatistici Accordi di ristrutturazione dei debiti (Art. 182 bis) Accordo di ristrutturazione con almeno il 60% dei creditori Deposito

Dettagli

Il MAC, dunque, costituisce un opportunità nuova pe rché fino ad oggi il capitale di rischio poteva essere accessibile ai terzi solo attraverso: 1.

Il MAC, dunque, costituisce un opportunità nuova pe rché fino ad oggi il capitale di rischio poteva essere accessibile ai terzi solo attraverso: 1. In Italia, nel settembre 2007, è nato un nuovo mercato dedicato alla piccola e media impresa: il MAC, Mercato Alternativo del Capitale.Come è noto il sistema economico italiano è composto da un numero

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Convegno OIC 6: Ristrutturazione del debito e informativa di bilancio Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE Dott. Luca Magnano San Lio Senior

Dettagli

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Prof. Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo alessandro.berti@uniurb.it Urbino, a.a.

Dettagli

L impresa recuperata La soluzione delle crisi di impresa dopo il Decreto Sviluppo 2012

L impresa recuperata La soluzione delle crisi di impresa dopo il Decreto Sviluppo 2012 CARISMI CONVEGNI L impresa recuperata La soluzione delle crisi di impresa dopo il Decreto Sviluppo 2012 CENTRO STUDI I CAPPUCCINI 28 Marzo 2013 LA SOLUZIONE DELLE CRISI DI IMPRESA DOPO IL DECRETO SVILUPPO

Dettagli

Termini quali dissesto, crisi, squilibrio stanno tutti ad identificare un malessere che può portare alla definitiva insolvenza dell impresa.

Termini quali dissesto, crisi, squilibrio stanno tutti ad identificare un malessere che può portare alla definitiva insolvenza dell impresa. Turnaround La crisi d impresa La crisi di un impresa raramente dipende da una singola causa o evento, spesso è il risultato di una serie di concause che portano o che possono portare, in un periodo di

Dettagli

Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity

Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity Capitale di rischio Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity di Amedeo De Luca Le Pmi italiane costituiscono la struttura portante del sistema economico nazionale, sia per

Dettagli

COMPAGNIA DELLA RUOTA SPA

COMPAGNIA DELLA RUOTA SPA INDICE PREMESSA 1 TIPOLOGIA DI OPERAZIONI DI INVESTIMENTO CORE 2 GESTIONE DEL RISCHIO 4 UTILIZZO DI LEVA FINANZIARIA 5 SPA STRATEGIA E POLITICA DI INVESTIMENTO Milano Via Camperio 9 Sede Legale in Biella

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA.

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. MC2 Impresa è un Fondo Comune d Investimento Mobiliare chiuso e riservato (ex testo unico D.Lgs 58/98) costituito per iniziativa di

Dettagli

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE Un decalogo per l impresa ODCEC Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino Confidi Macerata Società Cooperativa per Azioni Possiamo

Dettagli

ARENA Agroindustrie Alimentari S.p.A.

ARENA Agroindustrie Alimentari S.p.A. COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI ARENA DELIBERA L AUMENTO DI CAPITALE RISERVATO A SOLAGRITAL FINO AD EURO 45 MILIONI IN 36 MESI Roma, 20 aprile 2010. Si informa che in data odierna il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli e le partecipazioni

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 13 01.04.2015 Gli accordi di ristrutturazione del debito Concordato preventivo, accordo di ristrutturazione del debito e piano di risanamento attestato

Dettagli

Il finanziamento delle start-up

Il finanziamento delle start-up Il finanziamento delle start-up Ing. Diego Viviani MIP - Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale diego.viviani@polimi.it Indice Introduzione Le fonti di finanziamento dell impresa I

Dettagli

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Internet Stock In concomitanza alla crescente popolarità del settore Internet osservata

Dettagli

L ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI E IL CONCORDATO PREVENTIVO

L ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI E IL CONCORDATO PREVENTIVO Massimiliano Di Pace Mini riforma fallimentare 2 L ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI E IL CONCORDATO PREVENTIVO Massimiliano Di Pace Massimiliano Di Pace è professore straordinario di Politica economica

Dettagli

Allegato 2: Le attestazioni speciali di cui agli artt. 182 quinquies e 186 bis l.f. (cenni)

Allegato 2: Le attestazioni speciali di cui agli artt. 182 quinquies e 186 bis l.f. (cenni) Allegato 2: Le attestazioni speciali di cui agli artt. 182 quinquies e 186 bis l.f. (cenni) 1. L oggetto delle attestazioni speciali L art. 182- quinquies, comma 1, l.f. stabilisce che, se l impresa debitrice

Dettagli

L attività d investimento nel capitale di rischio

L attività d investimento nel capitale di rischio Ciclo di seminari sulla finanza d impresa L attività d investimento nel capitale di rischio Finalità e strategie operative Massimo Leone INVESTIMENTO ISTITUZIONALE NEL CAPITALE DI RISCHIO Apporto di risorse

Dettagli

MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a.

MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a. Offerta al pubblico e ammissione alle negoziazioni di quote del fondo comune di investimento immobiliare chiuso ad accumulazione ed a distribuzione dei proventi denominato MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE Private Equity e Venture Capital Il private equity e il venture capital Anni 80 Con venture capital si definiva l apporto di capitale azionario, da parte di operatori

Dettagli

La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari

La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari Tavole sinottiche a cura di Giulio Andreani Professore di diritto tributario alla Scuola Superiore dell Economia

Dettagli

ENTRIAMO IN AZIENDA 3

ENTRIAMO IN AZIENDA 3 ENTRIAMO IN AZIENDA 3 Imprese industriali sistema informativo di bilancio e imposizione fiscale TOMO 1 IL SISTEMA INFORMATIVO DI BILANCIO M O BILANCIO D U L O 3 BILANCIO D ESERCIZIO ANALISI PER INDICI

Dettagli

Nota 14 Patrimonio netto

Nota 14 Patrimonio netto Nota 14 Patrimonio netto E così composto: (migliaia di euro) 31.12.2008 31.12.2007 Capitale emesso 10.673.804 10.673.793 meno Azioni proprie (14.450) (700) Capitale 10.659.354 10.673.093 Riserva da sovrapprezzo

Dettagli

Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase

Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase STRUMENTI DI SOLUZIONE DELLA CRISI D IMPRESA ALTERNATIVI AL FALLIMENTO Con la riforma del diritto fallimentare ad opera della l. n. 80 del

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

L intervento degli investitori in capitale di rischio nelle aziende in crisi

L intervento degli investitori in capitale di rischio nelle aziende in crisi S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO XI FORUM S.A.F.: Le operazioni sul capitale nell ambito degli attuali scenari economici L intervento degli investitori in capitale di rischio nelle aziende

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO BCC

Dettagli

LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI

LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI IL MANDATO IRREVOCABILE AD INCASSARE E A DISTRIBUIRE IL CREDITO ERARIALE ATTRIBUITO A UNA SOCIETA FIDUCIARIA: ESAME DI UN CASO PRATICO 1 Il problema - Le Procedure

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA

DOCUMENTO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA DOCUMENTO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA Edizione 05/2011 INDICE Informazioni su CheBanca! e sui servizi di investimento offerti 2 1. Dati che CheBanca! 2 2. Autorizzazione alla prestazione dei servizi di

Dettagli

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5 focus modulo 4 lezione 50 La gestione finanziaria La correlazione tra investimenti e finanziamenti L analisi dei flussi finanziari 1. I flussi finanziari I flussi finanziari che hanno origine dall attività

Dettagli

Ippolito Consulting temporary management restructuring & turnaround consulenza di direzione temporary management consulenza di direzione

Ippolito Consulting temporary management restructuring & turnaround consulenza di direzione temporary management consulenza di direzione Ippolito Consulting IppolitoConsulting nasce da un iniziativa di Francesco Ippolito, che ha concentrato in un unica proposta una rete di contatti professionali specializzati nella gestione di crisi aziendali

Dettagli

Alessandro Danovi. Brescia, 4 marzo 2011. Convegno La Gestione dei processi di Turnaround aziendale

Alessandro Danovi. Brescia, 4 marzo 2011. Convegno La Gestione dei processi di Turnaround aziendale Centro Findustria Università degli Studi di Bergamo Entrepreneurial Lab OCRI - OSSERVATORIO CRISI E RISANAMENTO DELLE IMPRESE Brescia, 4 marzo 2011 Convegno La Gestione dei processi di Turnaround aziendale

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Finanziare le start-up

Finanziare le start-up Stampa Finanziare le start-up admin, Riccardo Ferranti in Bilancio Finanziare le startup Avviare un impresa è il sogno di molte persone che hanno acquisito conoscenze e competenze in un determinato settore

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

24 marzo 2015 IN AZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA SPA

24 marzo 2015 IN AZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA SPA Informazioni per gli Azionisti RELATIVE ALL OPERAZIONE DI PAGAMENTO DEL DIVIDENDO PER L ESERCIZIO 2014 SU AZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA SPA DI EURO 0, 40 IN CONTANTI OPPURE A SCELTA DELL AZIONISTA

Dettagli

Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca www.bancadiimola.it

Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca www.bancadiimola.it INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A (Titolo illiquido ai sensi della Comunicazione Consob n. 9019104 del 2 marzo 2009) Copia della presente Policy è a disposizione

Dettagli

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE Sommario: - 1. La natura dell istituto e i presupporti. 1.1. La natura dell istituto. 1.2. Rapporto con il concordato preventivo.

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2008 E IL PROGETTO DI BILANCIO DI MONTEFIBRE

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2008 E IL PROGETTO DI BILANCIO DI MONTEFIBRE Montefibre SpA Via Marco d Aviano, 2 20131 Milano Tel. +39 02 28008.1 Contatti societari: Ufficio titoli Tel. +39 02 28008.1 E-mail titoli@mef.it Sito Internet www.montefibre.it IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Il Concordato preventivo

Il Concordato preventivo Mini Master di diritto Fallimentare Bergamo, Rotonda dei Mille 1 Sede ODCEC di Bergamo 21-25-28 novembre 2-5 dicembre 2011 Il Concordato preventivo con ristrutturazione Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano strategico di investimento e di risk budgeting art. 4.3 e art. 7.4 del Regolamento per la

Dettagli

In momenti di incertezza e di instabilità

In momenti di incertezza e di instabilità LA GESTIONE DELLA TESORERIA ALLA LUCE DELLA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI In momenti di incertezza e di instabilità finanziaria il governo dei flussi di tesoreria assume una notevole importanza all interno

Dettagli

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE BANCA DELLA MARCA - STEP UP / STEP DOWN

Dettagli

Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria. Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A.

Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria. Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A. Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A. Disclaimer Il presente documento è stato elaborato unicamente al fine di fornire generiche

Dettagli

Gestione patrimoniale e finanziaria

Gestione patrimoniale e finanziaria Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività svolta nel corso del 2013 Durante il 2013 le politiche di investimento adottate dall area finanza hanno perseguito, in un ottica

Dettagli

Gli strumenti per il superamento della crisi d impresa. Massimiliano Bonamini Verona, 25 Novembre 2010

Gli strumenti per il superamento della crisi d impresa. Massimiliano Bonamini Verona, 25 Novembre 2010 Gli strumenti per il superamento della crisi d impresa Massimiliano Bonamini Verona, 25 Novembre 2010 Agenda Gli strumenti per il superamento della crisi d impresa: - Ristrutturazioni in bonis - Piani

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

B.S.G.Q.V.A. TASSO FISSO 158^ EMISSIONE/2012 15/03/2014

B.S.G.Q.V.A. TASSO FISSO 158^ EMISSIONE/2012 15/03/2014 ALLEGATO 2C - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO Banca San Giorgio Quinto Valle Agno - Società Cooperativa Sede sociale in Via Perlena, 78-36030 Fara Vicentino (VI) Iscritta

Dettagli

BVA&PARTNERS Crescere nel tuo Business, insieme &PARTNERS

BVA&PARTNERS Crescere nel tuo Business, insieme &PARTNERS BVA&PARTNERS Crescere nel tuo Business, insieme VA &PARTNERS L attività di investimento istituzionale nel capitale di rischio Con il termine investimento istituzionale nel capitale di rischio si intende

Dettagli

GESTIRE EFFICACEMENTE IL DEBITO: CONCORDATI STRAGIUDIZIALI, PIANI DI RISTRUTTURAZIONE E TRANSAZIONI FISCALI

GESTIRE EFFICACEMENTE IL DEBITO: CONCORDATI STRAGIUDIZIALI, PIANI DI RISTRUTTURAZIONE E TRANSAZIONI FISCALI GESTIRE EFFICACEMENTE IL DEBITO: CONCORDATI STRAGIUDIZIALI, PIANI DI RISTRUTTURAZIONE E TRANSAZIONI FISCALI Milano, 15 settembre 2009 Dott. Matteo Durola INDICE Introduzione Il piano di risanamento ex

Dettagli

I FONDI CHIUSI: STRUMENTI DI CRESCITA PER LE AZIENDE

I FONDI CHIUSI: STRUMENTI DI CRESCITA PER LE AZIENDE Confindustria Palermo I FONDI CHIUSI: STRUMENTI DI CRESCITA PER LE AZIENDE intervento di AMEDEO GIURAZZA Amministratore Delegato - Vertis SGR SpA Palermo, 6 febbraio 2008 1 I FONDI CHIUSI: CARATTERISTICHE,

Dettagli

Le analisi di bilancio per indici

Le analisi di bilancio per indici Riclassificazione e interpretazione Le analisi di bilancio per indici di Silvia Tommaso - Università della Calabria Obiettivo delle analisi di bilancio è quello di ottenere informazioni adeguate a prendere

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO BCC

Dettagli

PRODOTTO STRUTTURALE PER CREDITI IMMOBILIARI ANOMALI. PMS - tutti i diritti riservati

PRODOTTO STRUTTURALE PER CREDITI IMMOBILIARI ANOMALI. PMS - tutti i diritti riservati PRODOTTO STRUTTURALE PER CREDITI IMMOBILIARI ANOMALI PMS - tutti i diritti riservati La crisi e il territorio Può una Banca essere vicina al territorio in un periodo di crisi? PMS - tutti i diritti riservati

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

OPPORTUNITÀ E FUTURO. Glossario

OPPORTUNITÀ E FUTURO. Glossario OPPORTUNITÀ E FUTURO Glossario A Acceleratore d impresa L acceleratore d impresa è una struttura di supporto alle start-up. Simile all incubatore, l acceleratore supporta le imprese nel passaggio dalla

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO ZERO COUPON BCC

Dettagli

Gli Accordi di Ristrutturazione del Debito

Gli Accordi di Ristrutturazione del Debito Gli Accordi di Ristrutturazione del Debito Art. 182bis e 182 ter R.D. 16 marzo 1942, n. 267 Paolo Bonolis Fabrizio Spagnolo Federico Raffaelli Roma, GLI ACCORDI EX ART. 182 BIS LEGGE FALLIMENTARE Istituto

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA TITOLI A TASSO FISSO TITOLI DI RISPARMIO PER L ECONOMIA MERIDIONALE BPSA TASSO FISSO 22/05/2012 22/05/2016

Dettagli

Informativa di bilancio nei casi di ristrutturazione del debito

Informativa di bilancio nei casi di ristrutturazione del debito IL BILANCIO DELLE PMI NELLA FASE DI CRISI - I PARTE - Informativa di bilancio nei casi di ristrutturazione del debito Palermo, 5 novembre 2013 Simona Natoli Agenda Introduzione: la definizione di «situazione

Dettagli

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Il bilancio delle banche e l analisi delle performance Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Premessa Il bilancio bancario presenta caratteristiche distintive

Dettagli

Bilancio al 31 dicembre 2012: prorogata la deroga sulla valutazione dei titoli non immobilizzati

Bilancio al 31 dicembre 2012: prorogata la deroga sulla valutazione dei titoli non immobilizzati Focus di pratica professionale di Fabio Giommoni Bilancio al 31 dicembre 2012: prorogata la deroga sulla valutazione dei titoli non immobilizzati Premessa Il Decreto del 18 dicembre 2012 del Ministero

Dettagli

PROSPETTO BASE. CONDIZIONI DEFINITIVE relative al programma di prestiti obbligazionari denominato

PROSPETTO BASE. CONDIZIONI DEFINITIVE relative al programma di prestiti obbligazionari denominato CASSA RURALE DI TRENTO - Banca di Credito Cooperativo - Società Cooperativa con sede legale in Trento, via Belenzani 6. Iscritta all albo delle banche tenuto dalla Banca d'italia al n. 2987.6; al Registro

Dettagli

LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI BANCARI

LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI BANCARI 1 LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI BANCARI La Legge 130/1999 ha introdotto in Italia la disciplina della cartolarizzazione dei crediti bancari, più nota come securitization, mutuandola dal sistema bancario

Dettagli

Mercato Alternativo del Capitale e private equity

Mercato Alternativo del Capitale e private equity Confindustria Palermo Mercato Alternativo del Capitale e private equity interventi di AMEDEO GIURAZZA Amministratore Delegato - Vertis SGR SpA Palermo, 15 novembre 2007 1 Presentazione di Vertis SGR e

Dettagli

II- Nel corso degli ultimi anni anche grazie all intervento dei principi contabili internazionali la situazione finanziaria della società ha iniziato

II- Nel corso degli ultimi anni anche grazie all intervento dei principi contabili internazionali la situazione finanziaria della società ha iniziato ANDREA LOLLI LA RILEVAZIONE DELLE SITUAZIONI DI CRISI FINANZIARIA NELLA DOCUMENTAZIONE CONTABILE DELLE S.P.A. E QUALE STRUMENTO DI CONTROLLO DELLA GESTIONE. I- Nel corso degli ultimi anni il mondo delle

Dettagli

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012 Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività 2012 Gruppo Unipol perimetro ante acquisizione Premafin Durante il 2012 le politiche di investimento hanno perseguito, in un

Dettagli

10 domande e 10 risposte

10 domande e 10 risposte 10 domande e 10 risposte Lo sapevate che... Il factoring è uno strumento per gestire professionalmente i crediti ed è un complemento ideale del finanziamento bancario. Il factoring è utile per tutte le

Dettagli

Informazioni per gli Azionisti

Informazioni per gli Azionisti Informazioni per gli Azionisti RELATIVE ALL OPERAZIONE DI PAGAMENTO DEL DIVIDENDO PER L ESERCIZIO 2013 SU AZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA SPA DI EURO 0, 40 IN CONTANTI OPPURE A SCELTA DELL AZIONISTA

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

Il bilancio delle società di capitali

Il bilancio delle società di capitali Il bilancio delle società di capitali RIMANENZE La voce comprende: - le merci: i prodotti che l impresa acquista per la rivendita; - le materie prime: le materie e le sostanze che sono destinate ad entrare

Dettagli

Prof. Bruno Pirozzi. Anno accademico 2004-2005. Materiale ad uso esclusivamente didattico e con circolazione limitata agli studenti

Prof. Bruno Pirozzi. Anno accademico 2004-2005. Materiale ad uso esclusivamente didattico e con circolazione limitata agli studenti Prof. Bruno Pirozzi Anno accademico 20042005 Materiale ad uso esclusivamente didattico e con circolazione limitata agli studenti PROGRAMMA Ore 60 MODULO 1 1l azienda e il suo insieme :struttura e risorse

Dettagli

Crisi d impresa e ristrutturazione aziendale

Crisi d impresa e ristrutturazione aziendale Crisi d impresa e ristrutturazione aziendale La redazione del piano e la sua attestazione Masiani Consulting Consulenze di direzione 1. 2. 3. Perdite economiche costanti e/o rilevanti Insufficienza patrimoniale

Dettagli

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA MARCA - TASSO VARIABILE BANCA DELLA MARCA

Dettagli

PERDITE SU CREDITI E CRISI DI IMPRESA: LE NOVITÀ DEL DECRETO

PERDITE SU CREDITI E CRISI DI IMPRESA: LE NOVITÀ DEL DECRETO PERDITE SU CREDITI E CRISI DI IMPRESA: LE NOVITÀ DEL DECRETO INTERNAZIONALIZZAZIONE DI LUCA GAIANI DOTTORE COMMERCIALISTA 1. Competenza delle perdite su crediti Il decreto legislativo sulla internazionalizzazione

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO ANALISI DI DUE CASE STUDY

RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO ANALISI DI DUE CASE STUDY RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO ANALISI DI DUE CASE STUDY Milano, 21 settembre 2013 A cura dell Avv. Antonio Azzarà Strumenti per la gestione della crisi: generale Le ristrutturazioni sono realizzate principalmente

Dettagli

FAPI PROVINCIA DI SALERNO P.zza XXIV Maggio n. 14 84122 Salerno Tel./fax: 0893180420 email: fapisalerno@gmail.com

FAPI PROVINCIA DI SALERNO P.zza XXIV Maggio n. 14 84122 Salerno Tel./fax: 0893180420 email: fapisalerno@gmail.com FAPI PROVINCIA DI SALERNO P.zza XXIV Maggio n. 14 84122 Salerno Tel./fax: 0893180420 email: fapisalerno@gmail.com FAPI Federazione Artigiani Pensionati Italiani offre un servizio concreto ai suoi associati.

Dettagli

La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona

La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona Dott. Luca Guarnieri Responsabile Liaison Office Area Ricerca Università degli Studi di

Dettagli

Seminario dott.ssa Silvia Cecchini del 4 marzo 2013 STRUMENTI GIURIDICI NELLE SOLUZIONI DELLE CRISI D IMPRESA

Seminario dott.ssa Silvia Cecchini del 4 marzo 2013 STRUMENTI GIURIDICI NELLE SOLUZIONI DELLE CRISI D IMPRESA Seminario dott.ssa Silvia Cecchini del 4 marzo 2013 STRUMENTI GIURIDICI NELLE SOLUZIONI DELLE CRISI D IMPRESA Normativa di riferimento modifiche -apportate dal legislatore al R.D.267/1942 (legge fallimentare

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Lesmo Società Cooperativa

Banca di Credito Cooperativo di Lesmo Società Cooperativa PROSPETTO SEMPLIFICATO Per l offerta al pubblico di cui all articolo 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob n. 11971/99 Pubblicato in data 18/12/2012 Banca di Credito Cooperativo di Lesmo Società Cooperativa

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI

I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI 28.6.2013 di Giovanni Sandrini, Commercialista Sommario: 1. Premesse - 2. I finanziamenti nelle imprese in crisi - 3. I finanziamenti suddivisi

Dettagli

FONDI COMUNI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI

FONDI COMUNI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI (in vigore dal 15 aprile 2015) FONDI COMUNI Il presente Regolamento è stato approvato dall organo

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Sede Legale in Corso San Giorgio, 36 64100 Teramo Iscritta all Albo delle Banche al n. 5174 Capitale Sociale Euro 50.000.000,00 i.v. N.ro iscrizione nel Registro delle Imprese di Teramo 00075100677 CONDIZIONI

Dettagli

Pirelli & C. S.p.A. Integrazione al Documento informativo

Pirelli & C. S.p.A. Integrazione al Documento informativo Pirelli & C. S.p.A. Sede in Milano Viale Piero e Alberto Pirelli n. 25 Capitale sociale euro 1.345.380.534,66 Registro delle Imprese di Milano n. 00860340157 Repertorio Economico Amministrativo n. 1055

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI MOBILIARI INTERNI

REGOLAMENTO DEI FONDI MOBILIARI INTERNI REGOLAMENTO DEI FONDI MOBILIARI INTERNI Art. 1 Costituzione e denominazione dei Fondi Interni. La Compagnia istituisce 2 Fondi Mobiliari Interni denominati: Cattolica Previdenza Bilanciato; Cattolica Previdenza

Dettagli

Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE. di Pietro Dalena (*)

Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE. di Pietro Dalena (*) Strumenti di P&C Pianificazione Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE di Pietro Dalena (*) L attività di comunicazione dello stato di salute gestionale si deve strutturare

Dettagli

Le Crisi d Impresa tra Legge 132/2015 e prospettive di Riforma organica. Il ruolo delle Banche

Le Crisi d Impresa tra Legge 132/2015 e prospettive di Riforma organica. Il ruolo delle Banche Le Crisi d Impresa tra Legge 132/2015 e prospettive di Riforma organica Il ruolo delle Banche Roundtable Roma 12 Febbraio 2016 Qualità del Credito e dinamiche dei Non Performing Loans (NPL) Livelli elevati

Dettagli

Banca Centropadana Zero Coupon 03.09.2012-16.12.2019 Serie 342 ISIN: IT0004846694

Banca Centropadana Zero Coupon 03.09.2012-16.12.2019 Serie 342 ISIN: IT0004846694 10. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A ZERO COUPON Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede sociale in Piazza IV Novembre 11 26862 Guardamiglio (LO) Iscritta all

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART 1 Denominazione CNP UniCredit Vita al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti degli Aderenti, in base a quanto stabilito dal Regolamento e dalle

Dettagli

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento Alberto Balestreri 1. Il tema dovrebbe essere declinato sia in funzione dei settori di attività delle PMI che, più in generale, in funzione di

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Gli aspetti fiscali dei diversi strumenti/canali di finanziamento

Gli aspetti fiscali dei diversi strumenti/canali di finanziamento FINANZIARE IN MODO EQUILIBRATO LA CRESCITA Gli aspetti fiscali dei diversi strumenti/canali di finanziamento slide 1 FINANZIAMENTO CREDITO BANCARIO FINANZIAMENTO SOCI LEASING CAMBIALI FINANZIARIE PRESTITI

Dettagli

Crisi aziendale e strategie di risanamento

Crisi aziendale e strategie di risanamento Crisi aziendale e strategie di risanamento Lara Penco Dipartimento di Economia Università degli Studi di Genova (lpenco@economia.unige.it) 1 Agenda La crisi aziendale: definizione e processo Le strategie

Dettagli

LE OPERAZIONI DI LEVERAGE BUY OUT: CARATTERISTICHE, OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO ED IMPLICAZIONI FINANZIARIE

LE OPERAZIONI DI LEVERAGE BUY OUT: CARATTERISTICHE, OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO ED IMPLICAZIONI FINANZIARIE LE OPERAZIONI DI LEVERAGE BUY OUT: CARATTERISTICHE, OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO ED IMPLICAZIONI FINANZIARIE a cura Giuseppe Demauro L espressione Leveraged buy out (LBO) la cui traduzione significa acquisizione

Dettagli

Banca Valsabbina T.F. 3,50% 14/12/2012-2015 ISIN IT0004874324

Banca Valsabbina T.F. 3,50% 14/12/2012-2015 ISIN IT0004874324 BANCA VALSABBINA S.C.p.A. iscritta al registro delle Imprese di Brescia e CCIAA di Brescia REA n.9187 Capitale Sociale 107.390.481 i.v. Sede Legale: via Molino, 4-25078 Vestone (BS) Direzione Generale:

Dettagli