Trovare le risorse finanziarie per superare la crisi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Trovare le risorse finanziarie per superare la crisi"

Transcript

1 WHITE PAPER Trovare le risorse finanziarie per superare la crisi Cash Management & Working Capital ADVISORY

2

3 Cash Management & Working Capital 3 Trovare le risorse finanziarie per superare la crisi Cash Management & Working Capital Indice Introduzione 5 Quadro macroeconomico e scenario di mercato 7 Debolezza della domanda interna e ripresa incerta Implicazioni per il sistema industriale italiano Il rapporto banca-impresa in Italia Come reperire le risorse finanziarie in periodo di crisi 21 Migliorare la gestione del circolante Altre aree di saving Come cambia la relazione con la banca Le opportunità offerte dalla riforma della legge fallimentare Parlano i CFO: i risultati di una survey internazionale KPMG 29 Appendice 41

4

5 Cash Management & Working Capital 5 Introduzione La grande recessione globale mette le aziende sotto pressione: credit crunch, calo della domanda, competizione sempre più forte, soprattutto da parte delle economie emergenti. La capacità di generare cassa è diventata la priorità. Per molte aziende si tratta di uno snodo cruciale per la loro stessa sopravvivenza. Per rispondere a questa necessità, serve spesso un cambio di mentalità. Significa passare da una logica focalizzata solo sulla crescita del fatturato, ad una vera e propria cultura del cash management. Servono sistemi di pianificazione dei flussi di cassa a livello settimanale o addirittura giornaliero. Occorre avere una situazione chiara e tempestiva dei dati a disposizione. È essenziale agire su aspetti quali la gestione proattiva dei crediti o la definizione di accordi con i fornitori strategici. In molti casi è necessario riconfigurare l intera filiera passando da una produzione per magazzino ad una esclusivamente su ordine al fine di minimizzare i volumi d acquisto. La crisi finanziaria tende anche a modificare il rapporto con la banca, che diventa sempre più formale e strutturato. Gli intermediari, prima di erogare i finanziamenti alle imprese, chiedono business plan con una definizione dettagliata dei fabbisogni finanziari sia di breve che di medio-lungo periodo. In questo scenario, così complesso e nuovo, KPMG è in grado di supportare le imprese sotto diversi aspetti: industriale, finanziario, organizzativo ed operativo. Il Paper vuole fornire alcuni flash di natura operativa, basati sull esperienza concreta maturata sul campo dal team KPMG in particolare su come liberare risorse che sono rimaste intrappolate all interno di processi inefficienti. Infine, il documento presenta le principali evidenze relative ad una survey internazionale KPMG sul tema della gestione della liquidità e del capitale circolante, realizzata mediante un programma di interviste a 350 CFO di aziende appartenenti ai principali settori industriali attive sul mercato statunitense ed europeo (tra cui anche un campione di aziende italiane). Lo studio conferma che il cash management è una vera e propria urgenza aziendale, destinata a rimanere tale, ancora per parecchio tempo.

6

7 Cash Management & Working Capital 7 Quadro macroeconomico e scenario di mercato A cura dell Ufficio Studi KPMG Advisory Debolezza della domanda interna e ripresa incerta La recessione internazionale ha avuto un impatto pesante sulle economie europee. Nel biennio l Italia, ad esempio, ha fatto registrare un calo del PIL superiore al 6%. Tra i fattori che hanno inciso di più su questa flessione si possono menzionare il crollo delle esportazioni, il calo della domanda e degli investimenti. Andamento del PIL E 2011E Italia 1,5% -1,3% -5,1% 1,1% 1,5% Francia 2,3% 0,3% -2,3% 1,4% 1,7% Germania 2,6% 1,0% -4,9% 1,4% 1,9% Gran Bretagna 2,6% 0,6% -4,7% 1,2% 2,2% Spagna 3,6% 0,9% -3,6% -0,3% 0,9% Eurozona-13 2,7% 0,5% -4,0% 0,9% 1,7% I fattori che hanno inciso di più sulla flessione dell economia italiana sono il crollo delle esportazioni, il calo della domanda e degli investimenti. Fonte: OECD Economic Outlook N. 86 Nota: I dati consuntivi dell Italia sono forniti dall Istat. L Eurozona (13) comprende Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Irlanda, Lussemburgo, Olanda, Portogallo, Slovacchia e Spagna. Uno dei punti di forza del nostro modello di sviluppo, ossia l export, ha subito una contrazione pesante pari quasi al 25% nel biennio Andamento delle esportazioni di beni e servizi E 2011E Italia 4,0% -3,7% -20,3% 1,4% 3,5% Francia 2,5% -0,6% -11,0% 4,7% 6,4% Germania 7,8% 2,4% -14,4% 7,2% 8,1% Gran Bretagna -2,8% 1,0% -10,6% 4,4% 6,9% Spagna 6,6% -1,0% -13,5% 5,5% 7,8% Fonte: OECD Economic Outlook N. 86 Dal lato della domanda la crisi economica ha prodotto un calo rilevante nei consumi privati sia in Italia sia in tutta l Eurozona, con l eccezione di Francia e Germania.

8 8 Cash Management & Working Capital Andamento dei consumi privati, % 0% 1,2% 1,6% -0,9% 0,7% 1,1% 0,3% 0,0% -1,0% -1,9% 1,1% -6% E 2011E Italia Francia Germania Gran Bretagna Spagna Eurozona-13 Fonte: OECD Economic Outlook N.86 Nota: L Eurozona (13) comprende Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Irlanda, Lussemburgo, Olanda, Portogallo, Slovacchia e Spagna. Gli investimenti hanno evidenziato una forte contrazione in tutta la zona Euro. Il nostro paese, anche in questo caso, è tra quelli che hanno fatto registrare il calo più consistente (insieme a Spagna e Gran Bretagna). Andamento degli investimenti lordi in capitale fisso, % 0% -15% 4,7% 1,6% 4,0% 0,6% 2,3% -2,9% -0,7% -1,0% -10,6% -12,6% E 2011E Italia Francia Germania Gran Bretagna Spagna Eurozona-13 Fonte: OECD Economic Outlook N.86 Nota: L Eurozona (13) comprende Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Irlanda, Lussemburgo, Olanda, Portogallo, Slovacchia e Spagna. Il nostro paese si trova ad affrontare un problema di eccesso di capacità produttiva, che si traduce in un forte aumento della disoccupazione e in un ampio ricorso a forme di sostegno del reddito. Guardando al futuro, s intravedono, però, dei segnali di ripresa. Per il 2010 le previsioni sull Italia stimano una crescita del PIL dell 1,1%, con una leggera ripresa delle esportazioni (+1,4%) e dei consumi privati (+0,7%). Inoltre, sempre secondo le attese, le imprese italiane potrebbero tornare ad investire nel 2010 (+0,6%). Il nostro paese si trova anche ad affrontare un problema di eccesso di capacità produttiva, che si traduce in un forte aumento della disoccupazione e in un ampio ricorso a forme di sostegno del reddito, come la cassa integrazione. Secondo l OECD, in Italia, infatti, la disoccupazione continua ad aumentare e nei prossimi due anni potrebbe arrivare quasi al 9%, e sfiorare l 11% nell Eurozona.

9 Cash Management & Working Capital 9 Andamento del tasso di disoccupazione E 2011E Italia 6,2% 6,7% 7,8% 8,5% 8,7% Francia 8,0% 7,4% 9,1% 9,9% 10,1% Germania 8,3% 7,2% 7,6% 9,2% 9,7% Gran Bretagna 5,4% 5,7% 8,0% 9,3% 9,5% Spagna 8,3% 11,3% 18,1% 19,3% 19,0% Eurozona-13 7,5% 7,5% 9,4% 10,6% 10,8% Fonte: OECD Economic Outlook N. 86 Nota: I dati consuntivi dell Italia sono forniti dall Istat. L Eurozona (13) comprende Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Irlanda, Lussemburgo, Olanda, Portogallo, Slovacchia e Spagna. Questo peggioramento nel nostro mercato del lavoro ha provocato un notevole incremento della CIG a partire dalla seconda metà del Senza questa misura di sostegno al reddito, del resto, il numero di disoccupati sarebbe stato anche molto più elevato. Nel 2009, secondo l INPS, il numero di ore di cassa integrazione autorizzate (ordinaria, straordinaria e in deroga) è stato pari quasi a un miliardo, con un aumento del 311% rispetto al Il ricorso alla cassa integrazione, già diffuso nell industria negli anni precedenti, ha recentemente interessato anche le classi impiegatizie, sebbene sia notevolmente inferiore. Totale ore CIG autorizzate, (milioni) Ordinaria di cui Operai Straordinaria di cui Operai Ordinaria di cui Impiegati Straordinaria di cui Impiegati Fonte: INPS A rendere ancora più complesso il quadro, si aggiunge, peraltro, la caduta della produttività del lavoro, collegata anche al calo di ore effettivamente lavorate, che si è tradotta in un aumento del costo del lavoro per unità di prodotto (CLUP). Questo fattore influisce negativamente sulla competitività del prezzo finale delle nostre esportazioni sui mercati internazionali. La caduta della produttività del lavoro influisce negativamente sulla competitività del prezzo finale delle nostre esportazioni sui mercati internazionali.

10 10 Cash Management & Working Capital Produttività del lavoro nelle imprese con 500 o più addetti, (dati destagionalizzati - base 2005 = 100) dic-2009 Costo orario del lavoro Ore effettivamente lavorate Fonte: ISTAT, Banca dati Conistat Nonostante questo scenario così fosco, a partire dagli ultimi mesi del 2009 sono emersi alcuni deboli segnali di recupero relativi alle componenti della domanda, confermati anche da un miglioramento nella fiducia dei consumatori e delle imprese. I dati relativi al clima di fiducia delle aziende mostrano, infatti, una tendenza positiva a partire dagli ultimi mesi del L unica dissonanza sembra caratterizzare il settore delle costruzioni, in controtendenza rispetto ai segnali positivi per l industria manifatturiera, il commercio e i servizi. Clima di fiducia delle imprese, (base 2000 = 100) gen-2010 Imprese manifatturiere Imprese commercio Imprese costruzioni Fonte: indagine ISAE sulle imprese, gennaio 2010 A livello internazionale si intravedono i primi segnali di ripresa, seppur con modi e tempi differenti. Per il nostro paese il principale sostegno alla ripresa potrebbe venire dall export, come, peraltro, è avvenuto nel recente passato. A livello internazionale, infatti, si intravedono i primi segnali di ripresa, seppur con modi e tempi differenti. Per l insieme delle economie avanzate, nel prossimo biennio, s ipotizza un aumento moderato del PIL intorno al 2%, con un andamento più favorevole negli Stati Uniti, rispetto all area dell Euro. Per contro, nei principali paesi emergenti, i cosiddetti BRIC, la crescita prosegue a tassi più elevati, trainata dalla domanda interna. La domanda estera proveniente da Cina e India, continuerà a influenzare positivamente il commercio internazionale.

11 Cash Management & Working Capital 11 Andamento del PIL E 2011E Economie avanzate 2,7% 0,5% -3,2% 2,1% 2,4% Area Euro 2,7% 0,6% -3,9% 1,0% 1,6% Stati Uniti 2,1% 0,4% -2,5% 2,7% 2,4% Brasile 5,7% 5,1% -0,4% 4,7% 3,7% Russia 8,1% 5,6% -9,0% 3,6% 3,4% India 9,4% 7,3% 5,6% 7,7% 7,8% Cina 13,0% 9,6% 8,7% 10,0% 9,7% Fonte: IMF, gennaio 2010 In conclusione, lo scenario che si profila per il nostro paese è complesso e caratterizzato da una forte incertezza sui tempi della ripresa. A livello nazionale preoccupano soprattutto l eccesso di capacità produttiva, l aumento della disoccupazione e la conseguente scarsa disponibilità di reddito per i consumi. Tuttavia, la ripresa italiana potrebbe essere trainata dall export, soprattutto se la locomotiva statunitense si rimetterà in moto e se le economie emergenti, soprattutto quelle dei BRIC, manterranno gli attuali tassi di crescita. Lo scenario che si profila per il nostro paese è complesso e caratterizzato da una forte incertezza sui tempi della ripresa. Implicazioni per il sistema industriale italiano La crisi economica ha avuto pesanti effetti sul sistema produttivo e industriale del nostro paese. Gli indicatori relativi alla produzione industriale indicano un forte rallentamento, con una leggera ripresa durante il terzo trimestre del Vi hanno contribuito soprattutto le aziende manifatturiere di beni intermedi, strumentali e di consumo durevole, che avevano subito le contrazioni più marcate. In presenza di una domanda ancora debole, la produzione di beni di consumo non durevole è aumentata in misura più contenuta. Secondo le stime Istat, nel quarto trimestre del 2009 l attività industriale sarebbe lievemente calata rispetto al trimestre precedente, rimanendo su livelli ancora molto bassi. Produzione industriale, Nuovi ordinativi, Fatturato, (dati destagionalizzati - base 2005 = 100) dic-2009 Fatturato Nuovi Ordinativi Produzione Industriale Fonte: ISTAT, Banca dati Conistat; dati relativi all industria e non alle costruzioni

12 12 Cash Management & Working Capital Pur in presenza di un miglioramento del clima di fiducia delle imprese, si registra ancora una debolezza dell attività produttiva. Pur in presenza di un miglioramento del clima di fiducia delle imprese, si registra ancora una debolezza dell attività produttiva. Il volume dei nuovi ordinativi raccolti dall industria, infatti, non ha ancora segnato un recupero significativo rispetto ai minimi registrati nel terzo trimestre 2009 ed è spiegabile in parte con la ricostituzione delle scorte da parte delle imprese che tra il 2008 e 2009 avevano ridotto la produzione. L andamento della produzione industriale si è peraltro tradotto in un deciso calo del fatturato dell industria (-19% tra il 2008 e il 2009) ed alla chiusura di molte imprese nel biennio I dati diffusi da Unioncamere forniscono una fotografia impietosa : nel Registro delle Imprese, il saldo tra iscrizioni di nuove aziende e cessazioni si riduce. Questo in sostanza significa una crescita più sostenuta delle cessazioni. Se si analizzano, invece, le sole imprese artigiane 1, nel 2009 le cessazioni sono aumentate del 3,7% rispetto al 2008, superando le nuove iscrizioni, in calo del 13,5% in questo segmento. Natalità e mortalità delle imprese italiane: Totale Imprese, ,5% ,5% ,2% Nuove Iscritte Cessate Saldo (Iscritte - Cessate) Tendenza Saldo (Iscritte - Cessate) Fonte: Unioncamere-InfoCamere, Movimprese 1 Definite, secondo la legge dell 8 agosto 1985, art. 443, come quelle imprese che hanno come scopo prevalente lo svolgimento di un attività di produzione di beni, escluse le attività agricole, con non più di 32 dipendenti.

13 Cash Management & Working Capital 13 Natalità e mortalità delle imprese italiane: Totale imprese artigiane, ,7% ,4% ,6% Nuove Iscritte Cessate Saldo (Iscritte - Cessate) Tendenza Saldo (Iscritte - Cessate) Fonte: Unioncamere-InfoCamere, Movimprese Parimenti anche la diminuzione del numero di imprese attive nell ultimo anno è più evidente nelle imprese artigiane (-1,4%) rispetto all intero aggregato (-0,6%). La crisi sembra, quindi, acuire le difficoltà delle imprese più piccole. Totale imprese attive Totale Imprese di cui: imprese artigiane Fonte: Unioncamere-InfoCamere, Movimprese È opportuno ricordare che i dati di natalità e mortalità delle imprese risentono del delay tra la cessazione dell attività produttiva e l effettiva cancellazione della società dal Registro delle Imprese. Il numero reale di aziende che hanno cessato la produzione, pertanto, potrebbe essere superiore, e di molto, rispetto a quanto emerge dai dati presentati da Unioncamere. Il tempo che intercorre tra i primi segnali di crisi e il default si è molto ridotto: si è passati da un intervallo medio di 7-8 mesi ad un paio di mesi. Nella fase attuale, una delle principali difficoltà per le imprese è l allungamento dei tempi medi di incasso, attribuibile, in alcuni casi, anche all insolvenza dei propri creditori. I rappresentanti di Confartigianato e Cna, intervenuti lo scorso febbraio durante un audizione al Senato hanno denunciato l allungamento nei tempi di pagamento come una vera e propria piaga. In particolare, tra il 2008 ed il 2009 Il tempo che intercorre tra i primi segnali di crisi e il default si è molto ridotto: si è passati da un intervallo medio di 7-8 mesi ad un paio di mesi.

14 14 Cash Management & Working Capital Nella fase attuale, una delle principali difficoltà per le imprese è l allungamento dei tempi medi di incasso. le imprese che hanno peggiorato le abitudini di pagamento dei debiti commerciali sono aumentate del 30%, mentre la regolarità nei comportamenti di pagamento è scesa dal 50,4% al 41,8% tra il 2007 ed il Già dal 2008, quindi, i tempi medi di pagamento per le imprese che lavorano in subfornitura si sono allungati di 30 giorni. Questa situazione si ripercuote sulla capacità di generazione di flussi di cassa delle aziende, con ingenti problemi di liquidità nella gestione dell attività corrente, ed in particolare nelle relazioni con gli istituti di credito. Tra il 2008 ed il 2009 il tasso di decadimento trimestrale dei finanziamenti per cassa, misurato dal rapporto tra i crediti in sofferenza rettificati nel trimestre e gli impieghi vivi rilevati alla fine del trimestre precedente, è aumentato in tutte le aree d Italia, ad eccezione delle regioni centrali, dove il picco è stato raggiunto alla fine del Tasso di decadimento trimestrale dei finanziamenti per cassa, (Totale Nazionale - società non finanziarie e famiglie produttrici) 0,60% 0,51% 0,66% 0,68% 0,31% 0,33% 0,35% I trim 2008 II trim 2008 III trim 2008 IV trim 2008 I trim 2009 II trim 2009 III trim 2009 Fonte: Banca d Italia, Base Informativa Pubblica on-line

15 Cash Management & Working Capital 15 Il rapporto banca-impresa in Italia Alla contrazione dell attività produttiva si accompagna un rallentamento nell erogazione del credito alle imprese, che, come in ogni fase recessiva, in parte è il riflesso del calo della domanda di finanziamento da parte delle imprese stesse (per la riduzione degli investimenti e delle spese) e in parte è effetto dell irrigidimento delle politiche di erogazione dei prestiti. Le attese, peraltro, non sono confortanti se si pensa che le nuove norme sui ratios patrimoniali (Basilea III), al momento allo studio da parte del Comitato, potrebbero esercitare un azione ulteriormente restrittiva soprattutto per le piccole e medie imprese italiane. Andamento degli impieghi, (Euro milioni) società non finanziarie famiglie produttrici famiglie consumatrici Fonte: Banca d Italia, Supplemento al Bollettino Statistico, aprile 2010 Nota: prestiti erogati a società non finanziarie e famiglie residenti in Italia da banche residenti in Italia e, dall ottobre 2007, dalla Cassa Depositi e Prestiti; valori di fine periodo Dall analisi per cluster dimensionali, tra la fine del 2008 e la fine del terzo trimestre 2009, si osserva una riduzione del credito concesso dalle banche medio-grandi, che, in risposta all aumento dei rischi, sono diventate più selettive. Variazione degli impieghi erogati alla clientela al 30/09/2009 vs 31/12/2008 Sistema Banche Maggiori -0,69% -0,61% Banche Grandi Banche Medie -2,25% -1,80% Banche Piccole 0,24% Banche Minori 2,12% Fonte: elaborazioni KPMG Advisory su dati Banca d Italia, Base Informativa Pubblica on-line Peraltro, la restrizione del credito si evince non solo dalla riduzione dei volumi erogati ma anche da un generale inasprimento delle condizioni di offerta: l allungamento dei tempi medi di erogazione e l utilizzo di specifiche clausole contrattuali volte al contenimento del rischio. In questo contesto le banche piccole, che adottano un approccio localistico, si sono mostrate più reattive rispetto alle esigenze di finanziamento delle imprese. Infatti, in queste realtà i processi di erogazione del credito sono spesso più snelli e rapidi, per la prossimità al territorio In questo contesto le banche piccole, che adottano un approccio localistico, si sono mostrate più reattive rispetto alle esigenze di finanziamento delle imprese.

16 16 Cash Management & Working Capital Il progressivo peggioramento della qualità degli attivi bancari emerge dall andamento delle sofferenze. di riferimento e per la capacità nel saper utilizzare anche le informazioni di carattere qualitativo, raccolte mediante un rapporto più diretto con i clienti. In generale, però, se le banche italiane hanno affrontato la crisi potendo contare su un modello di intermediazione creditizia sano, fondato sull attività tradizionale che ha contribuito a contenere gli urti iniziali delle turbolenze sui mercati finanziari, la recessione, adesso, sta avendo i suoi riflessi sulla parte più importante del business: i crediti. Il progressivo peggioramento della qualità degli attivi bancari emerge dall andamento delle sofferenze che sono notevolmente aumentate nell ultimo anno, soprattutto per le imprese 2 per le quali si osserva un incremento di circa il 44%, ma anche per i privati dove la variazione si attesta a circa il 40%. Andamento delle sofferenze, (Euro milioni) società non finanziarie famiglie produttrici famiglie consumatrici Fonte: Banca d Italia, Supplemento al Bollettino Statistico, aprile 2010 Nota: esposizioni verso società non finanziarie e famiglie residenti in italia delle banche residenti in Italia e, dall ottobre 2007, della Cassa Depositi e Prestiti; valori di fine periodo Pertanto, anche l incidenza delle sofferenze sul totale degli impieghi erogati è notevolmente peggiorata nell ultimo anno, in modo particolare per le imprese: per esse, infatti, l aumento dell indicatore è completamente imputabile all aumento degli stock in sofferenza poichè i crediti erogati nel 2009 sono diminuiti di circa il 2,0%. Andamento dell'incidenza delle sofferenze sugli impieghi erogati, ,74% 7,06% 6,24% 7,55% 4,08% 3,60% 3,00% 2,90% 3,00% 2,46% 4,54% 3,22% società non finanziarie famiglie produttrici famiglie consumatrici Fonte: elaborazioni su dati Banca d Italia, Supplemento al Bollettino Statistico, aprile 2010 Nota: esposizioni verso società non finanziarie e famiglie residenti in italia delle banche residenti in Italia e, dall ottobre 2007, della Cassa Depositi e Prestiti; valori di fine periodo 2 Secondo la classificazione di Banca d Italia sono le società non finanziarie e le famiglie produttrici.

17 Cash Management & Working Capital 17 Anche l andamento degli incagli e degli scaduti degli ultimi trimestri non fa ben sperare: le esposizioni verso la clientela residente in Italia alla fine del terzo trimestre del 2009 erano aumentate rispettivamente del 37% e del 62%, rispetto ai valori di fine Di particolare interesse l andamento dei crediti ristrutturati nel 2009, i cui importi tra il primo e il secondo trimestre sono più che raddoppiati e continuano a mostrare una dinamica di crescita anche per il terzo trimestre Andamento trimestrale dei crediti ristrutturati, 31 dicembre settembre 2009 (Euro milioni) /12/08 31/03/09 30/06/09 30/09/09 Fonte: Banca d Italia, Base Informativa Pubblica on-line L indagine qualitativa sul credito (Indagine trimestrale sul credito, Bank Lending Survey) condotta dalla Banca d Italia presso le banche italiane conferma questa tendenza. Le evidenze della ricerca trimestrale pubblicata a gennaio 2010 mostrano che il credito erogato di fatto ha finanziato le ristrutturazioni del debito, più che gli investimenti, la ricostituzione delle scorte e le operazioni straordinarie. Il credito erogato di fatto ha finanziato le ristrutturazioni del debito. Determinanti della domanda di credito delle imprese (indice di diffusione: valori positivi = espansione; valori negativi = contrazione; scala da -1 a 1) 0,6 0,3 0,0-0,3-0,6 investimenti fissi scorte e capitale circolante fusioni/acquisizioni e ristrutturazione degli assetti societari ristrutturazione del debito I trim 09 II trim 09 III trim 09 IV trim 09 I trim 10 Fonte: Banca d Italia, Indagine trimestrale sul credito, gennaio 2010 (Bank Lending Survey) Secondo l indagine, nell ultimo anno si è osservato un rallentamento generalizzato della domanda di credito soprattutto nel terzo trimestre 2009, riguardante in particolar modo le piccole e medie imprese e i prestiti a breve termine. Nel primo trimestre 2010, ci si attende, invece, un aumento della domanda di credito, in particolare con scadenze di medio-lungo termine e soprattutto da parte delle piccole e medie imprese.

18 18 Cash Management & Working Capital Variazione nella domanda di prestiti e linee di credito da parte delle imprese, escluse le normali oscillazioni stagionali (indice di diffusione: valori positivi = espansione; valori negativi = contrazione; scala da -1 a 1) 0,25 0,10 0,10 0,06 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00-0,13-0,25-0,19 negli ultimi 3 mesi nei successivi 3 mesi IV trim 08 I trim 09 II trim 09 III trim 09 IV trim 09 I trim 10 Fonte: Banca d Italia, Indagine trimestrale sul credito, gennaio 2010 (Bank Lending Survey) La prassi del multiaffidamento non facilita i rapporti banca-impresa in questa fase. Peraltro, la prassi del multiaffidamento, fenomeno che interessa in generale tutte le aziende italiane, ma in particolar modo le piccole e medie imprese, per certi versi non facilita i rapporti banca-impresa in questa fase. Le aziende del nostro paese tendono, infatti, a farsi affidare in media da 2 istituti bancari, ma in alcuni casi, con l aumentare degli importi del fido globale accordato, si arriva addirittura a oltre 10 banche. Numero medio di banche per affidato (settembre 2009) per classi di grandezza del fido globale accordato (Euro) totale da a da a da a da a da a da a da a da a oltre totale 1,29 1,01 1,08 1,22 1,74 2,31 2,94 3,84 5,29 8,33 società non finanziarie 1,97 1,03 1,28 1,58 1,98 2,44 3,05 3,95 5,43 8,82 - industria 2,41 1,03 1,29 1,66 2,17 2,83 3,72 4,88 6,60 10,09 - edilizia 1,83 1,02 1,23 1,48 1,79 2,10 2,53 3,21 4,43 8,46 - servizi 1,82 1,03 1,29 1,58 1,95 2,36 2,87 3,64 4,90 7,65 famiglie produttrici 1,29 1,03 1,20 1,40 1,87 2,35 2,86 3,51 4,62 5,37 Fonte: Banca d Italia, Bollettino Statistico, IV 2009, febbraio 2010 Nota: il totale comprende anche le amministrazioni pubbliche, le società finanziarie e le famiglie consumatrici e altri. L abitudine di mantenere contemporaneamente più relazioni con differenti istituti di credito, risponde alle esigenze sia delle aziende sia delle banche. Le prime possono evitare che le banche traggano vantaggio da una relazione esclusiva imponendo condizioni contrattuali per loro più vantaggiose. Le seconde in questo modo sono in grado di ripartire i rischi con altri istituti di credito, secondo una logica co-assicurativa. Tale prassi, in fasi recessive, può, però, costituire un fattore di amplificazione della stretta creditizia. In tempi di crisi, infatti, è molto probabile che tutte le banche che finanziano l azienda chiedano contemporaneamente il rientro dei fidi ai primi segnali di difficoltà mostrati dall impresa. Questo potrebbe provocare conseguenze negative di carattere generale: con il fallimento dell azienda le banche vedranno andare in sofferenza i propri crediti. Emerge, pertanto, almeno potenzialmente, una relazione diretta tra multiaffidamento e rischiosità della singola impresa.

19 Cash Management & Working Capital 19 Infine, è importante anche evidenziare che le previsioni sul costo del debito bancario sono al rialzo. Infatti, dopo la correzione al ribasso dei tassi d interesse del 2009, le attese sulla dinamica dei tassi bancari sui prestiti alla clientela (famiglie e società non finanziarie) sono quelle di un progressivo, se pur modesto, aumento, che dovrebbe intensificarsi in particolare nel corso del Pertanto, per le imprese sarà più oneroso finanziarsi con il debito bancario. Andamento dei tassi d'interesse medi annui, % 6% 4% 2% 0% E 2011E tasso sui prestiti bancari a breve (fino 1 anno) tasso sui prestiti bancari a lungo termine (oltre 1 anno) tasso medio sui prestiti bancari Fonte: Prometeia, Previsione sui bilanci bancari, aggiornamento febbraio 2010 Note: Tasso sui prestiti bancari a breve: tassi armonizzati relativi all attività con le famiglie e le società non finanziarie. Tasso sui prestiti bancari a lungo termine: media ponderata dei tassi armonizzati con scadenza tra 1 e 5 anni e oltre i 5 anni relativi all attività con le famiglie e le società non finanziarie. Tasso medio sui prestiti bancari: media ponderata dei tassi armonizzati a breve e a medio-lungo termine relativi all attività con le famiglie e le società non finanziarie. In sintesi, di fronte ad un fabbisogno finanziario delle imprese costante o in aumento, non sarà banale stabilizzare la relazione con le banche e l accesso al credito. Sebbene a partire dai prossimi mesi si preveda un certo allentamento nei criteri di offerta (quantità di credito erogato, tempi medi di erogazione, scadenze, richiesta di garanzie, clausole) e una ripresa della domanda di credito da parte delle imprese, le banche tenderanno ad essere ancora più selettive nella concessione del credito per contenere incagli e sofferenze. Di questo trend risentiranno soprattutto le imprese più piccole contraddistinte da basso grado di patrimonializzazione, minore capacità d investimento e dal ricorso alla prassi del multiaffidamento. A questi elementi si devono aggiungere gli effetti potenzialmente restrittivi di Basilea III e, di un possibile moderato aumento del costo del denaro dopo circa due anni di politiche monetarie espansive. Le banche tenderanno ad essere ancora più selettive nella concessione del credito per contenere incagli e sofferenze.

20

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IN OTTICA BASILEA 2 DOTT. GABRIELE TROISE - troise@innofin.net 1 PRINCIPI ISPIRATORI DI BASILEA 2 BASILEA 2 E UNA NORMATIVA DIRETTA ALLE BANCHE. FUNZIONE PRECIPUA DELLA

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE Un decalogo per l impresa ODCEC Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino Confidi Macerata Società Cooperativa per Azioni Possiamo

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014

Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014 Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014 CSC: il credit crunch prosegue nel 2014 - nel 2015 inversione di tendenza?

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

Il credito in Toscana. III trimestre 2014

Il credito in Toscana. III trimestre 2014 Il credito in Toscana III trimestre 2014 Firenze, Febbraio 2015 Il contesto di riferimento Prosegue il rallentamento dei prestiti concessi dalle banche al settore privato italiano (-1,7% il dato di agosto

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Milano, 14 aprile 2011 La crisi finanziaria e i suoi riflessi sull economia reale La crisi internazionale Riflessi sull economia Italiana 2008

Dettagli

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010,

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Hong Kong / Parigi, 12 marzo 2015 Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Nel 2015 prevista una crescita più lenta e un aumento dei prestiti in sofferenza Un nuovo studio

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza l andamento dell economia reale e della finanza PL e Credito Bancario Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre 2014 SE Consulting ha avviato un analisi che mette a disposizione delle

Dettagli

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Indagine Confindustria sul mercato del lavoro nel 2012 Francesca Mazzolari In Italia segnali di fine caduta e ripresa

Dettagli

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 98 GIUGNO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future European Payment Index 2013 Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future Intrum Justitia è il gruppo leader in Europa nei servizi di Credit Management Unica

Dettagli

NUMERO 97 MAGGIO 2015

NUMERO 97 MAGGIO 2015 NUMERO 97 MAGGIO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Indicatore ciclico

Dettagli

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA Perugia, 24 ottobre 2014 In collaborazione con Impieghi: il quadro al 30/06/2014 (dati in mln di e composizione %) IMPIEGHI (in milioni di euro) 1 - IMPRESE 2 - FAMIGLIE

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report I DATI DELLA BANCA D ITALIA CONFERMANO LA SITUAZIONE DI CRITICITA PER IL COMPARTO DELLE COSTRUZIONI. ANCE SALERNO: EDILIZIA, CREDITO SEMPRE DIFFICILE Le sofferenze sui crediti totali

Dettagli

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia Francesco Daveri 1 Le componenti del Pil nel 2008-09 (primo tempo della crisi).. (1) G ha svolto funzione anticiclica; (2) C diminuiti meno del Pil;

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 30/04/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

L attività degli intermediari finanziari

L attività degli intermediari finanziari L economia del Friuli Venezia Giulia L attività degli intermediari finanziari Aula Magna del Dipartimento di Scienze Giuridiche, Del Linguaggio, dell Interpretazione e della Traduzione Università di Trieste

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013 CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 213 U.O. Statistica e studi III 213 Da questo trimestre inizia la pubblicazione di un

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 25/01/2013

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 25/01/2013 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 25/01/2013 Alcuni indicatori economici Focus sull artigianato nella provincia di Vicenza Dati a supporto della mobilitazione nazionale Rete Imprese

Dettagli

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1.000 1k 1,5k OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE Stima e previsione dei tassi di ingresso in sofferenza delle per fascia dimensionale APRILE 2015 #1 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 2 SOFFERENZE

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL ARTIGIANATO E LA PICCOLA IMPRESA IN LIGURIA L Osservatorio Congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa in Liguria

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 SIMONE CAPECCHI * Cresce ancora la domanda di credito da parte delle imprese ma si raffredda negli ultimi 2 trimestri. Al

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Comitato per la qualificazione della spesa pubblica Comitato per lo sviluppo provinciale Sandro Trento Enrico Zaninotto Quadro internazionale: 2010 migliore, ma

Dettagli

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Roma 2 dicembre 2014 AGENDA 1. INTRODUZIONE: IL CONTESTO 2. LE CARATTERISTICHE

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 21 1 Pagina Pagina Pagina Demografia delle imprese reggiane Andamento congiunturale Fallimenti Pagina Pagina Protesti Credito

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Rating interni e controllo. del rischio di credito

Rating interni e controllo. del rischio di credito Rating interni e controllo del rischio di credito esperienze, problemi, soluzioni Milano, 31 marzo 2004 DIREZIONE RISK MANAGEMENT Giovanni Parrillo Responsabile Servizio Rischi di Credito 1 Rating interni:

Dettagli

imprese della provincia di latina luglio 2013

imprese della provincia di latina luglio 2013 imprese della provincia di latina luglio 2013 indagine trimestrale congiunturale sulle imprese della provincia di rapporto di ricerca secondo trimestre 2013 roma, 30 luglio 2013 (12153lq 02) agenda 1.

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità aziendale Novembre 2013 Indice 1. Introduzione 2. La responsabilità della Direzione 3. La responsabilità del revisore 4. Gli indicatori per valutare la continuità

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

RENDICONTO FINANZIARIO

RENDICONTO FINANZIARIO RENDICONTO FINANZIARIO IN OTTICA BASILEA 2 1 Utilità del Rendiconto finanziario L utilità del rendiconto finanziario trae motivo dal fatto che non si ha, quasi mai, coincidenza fra gli andamenti economici

Dettagli

ALBERT. copyright hventiquattro

ALBERT. copyright hventiquattro ALBERT ALBERT MONETIZZARE LE SCORTE Il tuo magazzino: da deposito a risorsa Albert agisce sulle fonti di finanziamento interno. Non tanto in termini di puro taglio dei costi, quanto di recupero di flussi

Dettagli

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie CREDITO AL CONSUMO: GLI EFFETTI DELLA CRISI Da uno studio della Banca d Italia 1, che valuta gli effetti della crisi sul mercato del credito al consumo in Italia, emerge una situazione attuale diversa

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

Il Factoring nelle piccole e medie imprese

Il Factoring nelle piccole e medie imprese Il Factoring nelle piccole e medie imprese Il contesto macroeconomico Il Sistema Bancario e le PMI L intervento del Factoring, 25 Gennaio 2010 1 Credemfactor Spa 2 2 Lo scenario Macroeconomico 3 3 Lo scenario

Dettagli

Scenari macroeconomici e prospettive di crescita

Scenari macroeconomici e prospettive di crescita Scenari macroeconomici e prospettive di crescita Luca Paolazzi Direttore Centro Studi Confindustria Lo scenario economico globale presenta condizioni favorevoli. Ma l incertezza è il maggior ostacolo a

Dettagli

intervento del Direttore Regionale Ing. Adriano Maestri Giovedì 20 settembre ore 09.00 Convento S.Domenico Sala Bolognini - Bologna

intervento del Direttore Regionale Ing. Adriano Maestri Giovedì 20 settembre ore 09.00 Convento S.Domenico Sala Bolognini - Bologna INSIEME PER LA RIPRESA LO STATO DELL ECONOMIA REGIONALE intervento del Direttore Regionale Ing. Adriano Maestri Giovedì 20 settembre ore 09.00 Convento S.Domenico Sala Bolognini - Bologna 1 La congiuntura

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 3// Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative e riflette

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

A volte il risultato della revisione è l'attribuzione di un rating peggiorativo, che può portare alla revoca in tronco degli affidamenti!

A volte il risultato della revisione è l'attribuzione di un rating peggiorativo, che può portare alla revoca in tronco degli affidamenti! Accade spesso che la banca vada a visitare l azienda solo quando deve acquisirne la relazione o, successivamente, per collocare nuovi prodotti o chiedere maggiori flussi di lavoro o relazioni indotte,

Dettagli

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT http://www.sinedi.com ARTICOLO 8 GENNAIO 2007 I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT In uno scenario caratterizzato da una crescente competitività internazionale si avverte sempre di più la necessità di una

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

Il Rating Advisory e attività professionale a supporto della continuità aziendale

Il Rating Advisory e attività professionale a supporto della continuità aziendale Il rapporto banca-impresa Il Rating Advisory e attività professionale a supporto della continuità aziendale Massimo Talone Milano, 18 ottobre 2012 Differenze strutturali e competitive tra piccole e medie

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

PROTEGGERE ED INCASSARE I CREDITI VERSO L ESTERO. Reggio Emilia, 25 marzo 2015. Relatore: Rodolfo Baroni

PROTEGGERE ED INCASSARE I CREDITI VERSO L ESTERO. Reggio Emilia, 25 marzo 2015. Relatore: Rodolfo Baroni PROTEGGERE ED INCASSARE I CREDITI VERSO L ESTERO Reggio Emilia, 25 marzo 2015 Relatore: Rodolfo Baroni Export In un contesto domestico con prospettive incerte vendere sui mercati esteri continua ad essere

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 Duro l impatto della crisi, ma anche dalle PMI del Sud arrivano primi segnali di ripartenza. Servono più imprese gazzelle per trainare ripresa. Più di

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

Pianificazione finanziaria

Pianificazione finanziaria Pianificazione finanziaria La rappresentazione della dinamica finanziaria prospettica capitolo 7 La dinamica finanziaria prospettica Il capitolo 7 approfondisce il tema della proiezione della dinamica

Dettagli

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma)

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) 4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) ANDAMENTI 1 SEMESTRE 2009 PREVISIONI 1I SEMESTRE 2009 COMUNICATO STAMPA L Osservatorio

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/7/1 Pagina 1 Questa

Dettagli

L analisi per flussi ed il rendiconto finanziario

L analisi per flussi ed il rendiconto finanziario L analisi per flussi ed il rendiconto finanziario L analisi di bilancio si compone di due strumenti complementari per la valutazione delle condizioni di economicità delle aziende: gli indici ed il rendiconto

Dettagli

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi più industrializzati. Il Comitato non legifera, formula

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Ad aprile continua la flessione della domanda di credito da parte di famiglie e imprese: -3% i prestiti, -9% i mutui richiesti dalle famiglie;

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/03/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

Il credito in Toscana. II trimestre 2015

Il credito in Toscana. II trimestre 2015 Il credito in Toscana II trimestre 2015 Firenze, Ottobre 2015 08.1 I prestiti a imprese e famiglie Arrivano segnali di distensione dal mercato del credito in Toscana, che risente del miglioramento del

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 29//29 Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative e

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

L interpretazione e l analisi del rendiconto finanziario: il punto di vista dei finanziatori.

L interpretazione e l analisi del rendiconto finanziario: il punto di vista dei finanziatori. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL PRINCIPIO OIC 10 SUL RENDICONTO FINANZIARIO L interpretazione e l analisi del rendiconto finanziario: il punto di vista dei finanziatori. GIULIANO SOLDI

Dettagli

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010, Forbes

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY 27 aprile 2010 Beni Stabili Gestioni S.p.A. SGR rende noto che in

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ALIMENTARE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione L industria alimentare è piuttosto importante per l economia italiana; il valore aggiunto prodotto da questo settore rappresenta

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

«PICCOLE IMPRESE: IL PERCORSO VERSO LA CLASSE A»

«PICCOLE IMPRESE: IL PERCORSO VERSO LA CLASSE A» «PICCOLE IMPRESE: IL PERCORSO VERSO LA CLASSE A» 1 COSA SI INTENDE CON CLASSE «A» La classe di consumo energetico, detta anche classe di efficienza energetica, è una suddivisione della scala di consumi

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 BOLOGNA

LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 BOLOGNA OSSERVATORIO SUL MERCATO IMMOBILIARE Comunicato stampa LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A MAGGIO 2012 Trimestre Bologna Numero di compravendite

Dettagli

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016 CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016 Trieste, 19 febbraio 2016 Corso Vittorio Emanuele II, 47-33170 Pordenone - Tel. +39 0434 381211 - fax +39 0434

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

I vantaggi dell internazionalizzazione delle imprese

I vantaggi dell internazionalizzazione delle imprese delle imprese presentazione Le imprese che avviano un attività di esportazione hanno la possibilità di cogliere una serie importante di opportunità di sviluppo e prosperità quali ad esempio: aumento del

Dettagli