Trovare le risorse finanziarie per superare la crisi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Trovare le risorse finanziarie per superare la crisi"

Transcript

1 WHITE PAPER Trovare le risorse finanziarie per superare la crisi Cash Management & Working Capital ADVISORY

2

3 Cash Management & Working Capital 3 Trovare le risorse finanziarie per superare la crisi Cash Management & Working Capital Indice Introduzione 5 Quadro macroeconomico e scenario di mercato 7 Debolezza della domanda interna e ripresa incerta Implicazioni per il sistema industriale italiano Il rapporto banca-impresa in Italia Come reperire le risorse finanziarie in periodo di crisi 21 Migliorare la gestione del circolante Altre aree di saving Come cambia la relazione con la banca Le opportunità offerte dalla riforma della legge fallimentare Parlano i CFO: i risultati di una survey internazionale KPMG 29 Appendice 41

4

5 Cash Management & Working Capital 5 Introduzione La grande recessione globale mette le aziende sotto pressione: credit crunch, calo della domanda, competizione sempre più forte, soprattutto da parte delle economie emergenti. La capacità di generare cassa è diventata la priorità. Per molte aziende si tratta di uno snodo cruciale per la loro stessa sopravvivenza. Per rispondere a questa necessità, serve spesso un cambio di mentalità. Significa passare da una logica focalizzata solo sulla crescita del fatturato, ad una vera e propria cultura del cash management. Servono sistemi di pianificazione dei flussi di cassa a livello settimanale o addirittura giornaliero. Occorre avere una situazione chiara e tempestiva dei dati a disposizione. È essenziale agire su aspetti quali la gestione proattiva dei crediti o la definizione di accordi con i fornitori strategici. In molti casi è necessario riconfigurare l intera filiera passando da una produzione per magazzino ad una esclusivamente su ordine al fine di minimizzare i volumi d acquisto. La crisi finanziaria tende anche a modificare il rapporto con la banca, che diventa sempre più formale e strutturato. Gli intermediari, prima di erogare i finanziamenti alle imprese, chiedono business plan con una definizione dettagliata dei fabbisogni finanziari sia di breve che di medio-lungo periodo. In questo scenario, così complesso e nuovo, KPMG è in grado di supportare le imprese sotto diversi aspetti: industriale, finanziario, organizzativo ed operativo. Il Paper vuole fornire alcuni flash di natura operativa, basati sull esperienza concreta maturata sul campo dal team KPMG in particolare su come liberare risorse che sono rimaste intrappolate all interno di processi inefficienti. Infine, il documento presenta le principali evidenze relative ad una survey internazionale KPMG sul tema della gestione della liquidità e del capitale circolante, realizzata mediante un programma di interviste a 350 CFO di aziende appartenenti ai principali settori industriali attive sul mercato statunitense ed europeo (tra cui anche un campione di aziende italiane). Lo studio conferma che il cash management è una vera e propria urgenza aziendale, destinata a rimanere tale, ancora per parecchio tempo.

6

7 Cash Management & Working Capital 7 Quadro macroeconomico e scenario di mercato A cura dell Ufficio Studi KPMG Advisory Debolezza della domanda interna e ripresa incerta La recessione internazionale ha avuto un impatto pesante sulle economie europee. Nel biennio l Italia, ad esempio, ha fatto registrare un calo del PIL superiore al 6%. Tra i fattori che hanno inciso di più su questa flessione si possono menzionare il crollo delle esportazioni, il calo della domanda e degli investimenti. Andamento del PIL E 2011E Italia 1,5% -1,3% -5,1% 1,1% 1,5% Francia 2,3% 0,3% -2,3% 1,4% 1,7% Germania 2,6% 1,0% -4,9% 1,4% 1,9% Gran Bretagna 2,6% 0,6% -4,7% 1,2% 2,2% Spagna 3,6% 0,9% -3,6% -0,3% 0,9% Eurozona-13 2,7% 0,5% -4,0% 0,9% 1,7% I fattori che hanno inciso di più sulla flessione dell economia italiana sono il crollo delle esportazioni, il calo della domanda e degli investimenti. Fonte: OECD Economic Outlook N. 86 Nota: I dati consuntivi dell Italia sono forniti dall Istat. L Eurozona (13) comprende Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Irlanda, Lussemburgo, Olanda, Portogallo, Slovacchia e Spagna. Uno dei punti di forza del nostro modello di sviluppo, ossia l export, ha subito una contrazione pesante pari quasi al 25% nel biennio Andamento delle esportazioni di beni e servizi E 2011E Italia 4,0% -3,7% -20,3% 1,4% 3,5% Francia 2,5% -0,6% -11,0% 4,7% 6,4% Germania 7,8% 2,4% -14,4% 7,2% 8,1% Gran Bretagna -2,8% 1,0% -10,6% 4,4% 6,9% Spagna 6,6% -1,0% -13,5% 5,5% 7,8% Fonte: OECD Economic Outlook N. 86 Dal lato della domanda la crisi economica ha prodotto un calo rilevante nei consumi privati sia in Italia sia in tutta l Eurozona, con l eccezione di Francia e Germania.

8 8 Cash Management & Working Capital Andamento dei consumi privati, % 0% 1,2% 1,6% -0,9% 0,7% 1,1% 0,3% 0,0% -1,0% -1,9% 1,1% -6% E 2011E Italia Francia Germania Gran Bretagna Spagna Eurozona-13 Fonte: OECD Economic Outlook N.86 Nota: L Eurozona (13) comprende Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Irlanda, Lussemburgo, Olanda, Portogallo, Slovacchia e Spagna. Gli investimenti hanno evidenziato una forte contrazione in tutta la zona Euro. Il nostro paese, anche in questo caso, è tra quelli che hanno fatto registrare il calo più consistente (insieme a Spagna e Gran Bretagna). Andamento degli investimenti lordi in capitale fisso, % 0% -15% 4,7% 1,6% 4,0% 0,6% 2,3% -2,9% -0,7% -1,0% -10,6% -12,6% E 2011E Italia Francia Germania Gran Bretagna Spagna Eurozona-13 Fonte: OECD Economic Outlook N.86 Nota: L Eurozona (13) comprende Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Irlanda, Lussemburgo, Olanda, Portogallo, Slovacchia e Spagna. Il nostro paese si trova ad affrontare un problema di eccesso di capacità produttiva, che si traduce in un forte aumento della disoccupazione e in un ampio ricorso a forme di sostegno del reddito. Guardando al futuro, s intravedono, però, dei segnali di ripresa. Per il 2010 le previsioni sull Italia stimano una crescita del PIL dell 1,1%, con una leggera ripresa delle esportazioni (+1,4%) e dei consumi privati (+0,7%). Inoltre, sempre secondo le attese, le imprese italiane potrebbero tornare ad investire nel 2010 (+0,6%). Il nostro paese si trova anche ad affrontare un problema di eccesso di capacità produttiva, che si traduce in un forte aumento della disoccupazione e in un ampio ricorso a forme di sostegno del reddito, come la cassa integrazione. Secondo l OECD, in Italia, infatti, la disoccupazione continua ad aumentare e nei prossimi due anni potrebbe arrivare quasi al 9%, e sfiorare l 11% nell Eurozona.

9 Cash Management & Working Capital 9 Andamento del tasso di disoccupazione E 2011E Italia 6,2% 6,7% 7,8% 8,5% 8,7% Francia 8,0% 7,4% 9,1% 9,9% 10,1% Germania 8,3% 7,2% 7,6% 9,2% 9,7% Gran Bretagna 5,4% 5,7% 8,0% 9,3% 9,5% Spagna 8,3% 11,3% 18,1% 19,3% 19,0% Eurozona-13 7,5% 7,5% 9,4% 10,6% 10,8% Fonte: OECD Economic Outlook N. 86 Nota: I dati consuntivi dell Italia sono forniti dall Istat. L Eurozona (13) comprende Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Irlanda, Lussemburgo, Olanda, Portogallo, Slovacchia e Spagna. Questo peggioramento nel nostro mercato del lavoro ha provocato un notevole incremento della CIG a partire dalla seconda metà del Senza questa misura di sostegno al reddito, del resto, il numero di disoccupati sarebbe stato anche molto più elevato. Nel 2009, secondo l INPS, il numero di ore di cassa integrazione autorizzate (ordinaria, straordinaria e in deroga) è stato pari quasi a un miliardo, con un aumento del 311% rispetto al Il ricorso alla cassa integrazione, già diffuso nell industria negli anni precedenti, ha recentemente interessato anche le classi impiegatizie, sebbene sia notevolmente inferiore. Totale ore CIG autorizzate, (milioni) Ordinaria di cui Operai Straordinaria di cui Operai Ordinaria di cui Impiegati Straordinaria di cui Impiegati Fonte: INPS A rendere ancora più complesso il quadro, si aggiunge, peraltro, la caduta della produttività del lavoro, collegata anche al calo di ore effettivamente lavorate, che si è tradotta in un aumento del costo del lavoro per unità di prodotto (CLUP). Questo fattore influisce negativamente sulla competitività del prezzo finale delle nostre esportazioni sui mercati internazionali. La caduta della produttività del lavoro influisce negativamente sulla competitività del prezzo finale delle nostre esportazioni sui mercati internazionali.

10 10 Cash Management & Working Capital Produttività del lavoro nelle imprese con 500 o più addetti, (dati destagionalizzati - base 2005 = 100) dic-2009 Costo orario del lavoro Ore effettivamente lavorate Fonte: ISTAT, Banca dati Conistat Nonostante questo scenario così fosco, a partire dagli ultimi mesi del 2009 sono emersi alcuni deboli segnali di recupero relativi alle componenti della domanda, confermati anche da un miglioramento nella fiducia dei consumatori e delle imprese. I dati relativi al clima di fiducia delle aziende mostrano, infatti, una tendenza positiva a partire dagli ultimi mesi del L unica dissonanza sembra caratterizzare il settore delle costruzioni, in controtendenza rispetto ai segnali positivi per l industria manifatturiera, il commercio e i servizi. Clima di fiducia delle imprese, (base 2000 = 100) gen-2010 Imprese manifatturiere Imprese commercio Imprese costruzioni Fonte: indagine ISAE sulle imprese, gennaio 2010 A livello internazionale si intravedono i primi segnali di ripresa, seppur con modi e tempi differenti. Per il nostro paese il principale sostegno alla ripresa potrebbe venire dall export, come, peraltro, è avvenuto nel recente passato. A livello internazionale, infatti, si intravedono i primi segnali di ripresa, seppur con modi e tempi differenti. Per l insieme delle economie avanzate, nel prossimo biennio, s ipotizza un aumento moderato del PIL intorno al 2%, con un andamento più favorevole negli Stati Uniti, rispetto all area dell Euro. Per contro, nei principali paesi emergenti, i cosiddetti BRIC, la crescita prosegue a tassi più elevati, trainata dalla domanda interna. La domanda estera proveniente da Cina e India, continuerà a influenzare positivamente il commercio internazionale.

11 Cash Management & Working Capital 11 Andamento del PIL E 2011E Economie avanzate 2,7% 0,5% -3,2% 2,1% 2,4% Area Euro 2,7% 0,6% -3,9% 1,0% 1,6% Stati Uniti 2,1% 0,4% -2,5% 2,7% 2,4% Brasile 5,7% 5,1% -0,4% 4,7% 3,7% Russia 8,1% 5,6% -9,0% 3,6% 3,4% India 9,4% 7,3% 5,6% 7,7% 7,8% Cina 13,0% 9,6% 8,7% 10,0% 9,7% Fonte: IMF, gennaio 2010 In conclusione, lo scenario che si profila per il nostro paese è complesso e caratterizzato da una forte incertezza sui tempi della ripresa. A livello nazionale preoccupano soprattutto l eccesso di capacità produttiva, l aumento della disoccupazione e la conseguente scarsa disponibilità di reddito per i consumi. Tuttavia, la ripresa italiana potrebbe essere trainata dall export, soprattutto se la locomotiva statunitense si rimetterà in moto e se le economie emergenti, soprattutto quelle dei BRIC, manterranno gli attuali tassi di crescita. Lo scenario che si profila per il nostro paese è complesso e caratterizzato da una forte incertezza sui tempi della ripresa. Implicazioni per il sistema industriale italiano La crisi economica ha avuto pesanti effetti sul sistema produttivo e industriale del nostro paese. Gli indicatori relativi alla produzione industriale indicano un forte rallentamento, con una leggera ripresa durante il terzo trimestre del Vi hanno contribuito soprattutto le aziende manifatturiere di beni intermedi, strumentali e di consumo durevole, che avevano subito le contrazioni più marcate. In presenza di una domanda ancora debole, la produzione di beni di consumo non durevole è aumentata in misura più contenuta. Secondo le stime Istat, nel quarto trimestre del 2009 l attività industriale sarebbe lievemente calata rispetto al trimestre precedente, rimanendo su livelli ancora molto bassi. Produzione industriale, Nuovi ordinativi, Fatturato, (dati destagionalizzati - base 2005 = 100) dic-2009 Fatturato Nuovi Ordinativi Produzione Industriale Fonte: ISTAT, Banca dati Conistat; dati relativi all industria e non alle costruzioni

12 12 Cash Management & Working Capital Pur in presenza di un miglioramento del clima di fiducia delle imprese, si registra ancora una debolezza dell attività produttiva. Pur in presenza di un miglioramento del clima di fiducia delle imprese, si registra ancora una debolezza dell attività produttiva. Il volume dei nuovi ordinativi raccolti dall industria, infatti, non ha ancora segnato un recupero significativo rispetto ai minimi registrati nel terzo trimestre 2009 ed è spiegabile in parte con la ricostituzione delle scorte da parte delle imprese che tra il 2008 e 2009 avevano ridotto la produzione. L andamento della produzione industriale si è peraltro tradotto in un deciso calo del fatturato dell industria (-19% tra il 2008 e il 2009) ed alla chiusura di molte imprese nel biennio I dati diffusi da Unioncamere forniscono una fotografia impietosa : nel Registro delle Imprese, il saldo tra iscrizioni di nuove aziende e cessazioni si riduce. Questo in sostanza significa una crescita più sostenuta delle cessazioni. Se si analizzano, invece, le sole imprese artigiane 1, nel 2009 le cessazioni sono aumentate del 3,7% rispetto al 2008, superando le nuove iscrizioni, in calo del 13,5% in questo segmento. Natalità e mortalità delle imprese italiane: Totale Imprese, ,5% ,5% ,2% Nuove Iscritte Cessate Saldo (Iscritte - Cessate) Tendenza Saldo (Iscritte - Cessate) Fonte: Unioncamere-InfoCamere, Movimprese 1 Definite, secondo la legge dell 8 agosto 1985, art. 443, come quelle imprese che hanno come scopo prevalente lo svolgimento di un attività di produzione di beni, escluse le attività agricole, con non più di 32 dipendenti.

13 Cash Management & Working Capital 13 Natalità e mortalità delle imprese italiane: Totale imprese artigiane, ,7% ,4% ,6% Nuove Iscritte Cessate Saldo (Iscritte - Cessate) Tendenza Saldo (Iscritte - Cessate) Fonte: Unioncamere-InfoCamere, Movimprese Parimenti anche la diminuzione del numero di imprese attive nell ultimo anno è più evidente nelle imprese artigiane (-1,4%) rispetto all intero aggregato (-0,6%). La crisi sembra, quindi, acuire le difficoltà delle imprese più piccole. Totale imprese attive Totale Imprese di cui: imprese artigiane Fonte: Unioncamere-InfoCamere, Movimprese È opportuno ricordare che i dati di natalità e mortalità delle imprese risentono del delay tra la cessazione dell attività produttiva e l effettiva cancellazione della società dal Registro delle Imprese. Il numero reale di aziende che hanno cessato la produzione, pertanto, potrebbe essere superiore, e di molto, rispetto a quanto emerge dai dati presentati da Unioncamere. Il tempo che intercorre tra i primi segnali di crisi e il default si è molto ridotto: si è passati da un intervallo medio di 7-8 mesi ad un paio di mesi. Nella fase attuale, una delle principali difficoltà per le imprese è l allungamento dei tempi medi di incasso, attribuibile, in alcuni casi, anche all insolvenza dei propri creditori. I rappresentanti di Confartigianato e Cna, intervenuti lo scorso febbraio durante un audizione al Senato hanno denunciato l allungamento nei tempi di pagamento come una vera e propria piaga. In particolare, tra il 2008 ed il 2009 Il tempo che intercorre tra i primi segnali di crisi e il default si è molto ridotto: si è passati da un intervallo medio di 7-8 mesi ad un paio di mesi.

14 14 Cash Management & Working Capital Nella fase attuale, una delle principali difficoltà per le imprese è l allungamento dei tempi medi di incasso. le imprese che hanno peggiorato le abitudini di pagamento dei debiti commerciali sono aumentate del 30%, mentre la regolarità nei comportamenti di pagamento è scesa dal 50,4% al 41,8% tra il 2007 ed il Già dal 2008, quindi, i tempi medi di pagamento per le imprese che lavorano in subfornitura si sono allungati di 30 giorni. Questa situazione si ripercuote sulla capacità di generazione di flussi di cassa delle aziende, con ingenti problemi di liquidità nella gestione dell attività corrente, ed in particolare nelle relazioni con gli istituti di credito. Tra il 2008 ed il 2009 il tasso di decadimento trimestrale dei finanziamenti per cassa, misurato dal rapporto tra i crediti in sofferenza rettificati nel trimestre e gli impieghi vivi rilevati alla fine del trimestre precedente, è aumentato in tutte le aree d Italia, ad eccezione delle regioni centrali, dove il picco è stato raggiunto alla fine del Tasso di decadimento trimestrale dei finanziamenti per cassa, (Totale Nazionale - società non finanziarie e famiglie produttrici) 0,60% 0,51% 0,66% 0,68% 0,31% 0,33% 0,35% I trim 2008 II trim 2008 III trim 2008 IV trim 2008 I trim 2009 II trim 2009 III trim 2009 Fonte: Banca d Italia, Base Informativa Pubblica on-line

15 Cash Management & Working Capital 15 Il rapporto banca-impresa in Italia Alla contrazione dell attività produttiva si accompagna un rallentamento nell erogazione del credito alle imprese, che, come in ogni fase recessiva, in parte è il riflesso del calo della domanda di finanziamento da parte delle imprese stesse (per la riduzione degli investimenti e delle spese) e in parte è effetto dell irrigidimento delle politiche di erogazione dei prestiti. Le attese, peraltro, non sono confortanti se si pensa che le nuove norme sui ratios patrimoniali (Basilea III), al momento allo studio da parte del Comitato, potrebbero esercitare un azione ulteriormente restrittiva soprattutto per le piccole e medie imprese italiane. Andamento degli impieghi, (Euro milioni) società non finanziarie famiglie produttrici famiglie consumatrici Fonte: Banca d Italia, Supplemento al Bollettino Statistico, aprile 2010 Nota: prestiti erogati a società non finanziarie e famiglie residenti in Italia da banche residenti in Italia e, dall ottobre 2007, dalla Cassa Depositi e Prestiti; valori di fine periodo Dall analisi per cluster dimensionali, tra la fine del 2008 e la fine del terzo trimestre 2009, si osserva una riduzione del credito concesso dalle banche medio-grandi, che, in risposta all aumento dei rischi, sono diventate più selettive. Variazione degli impieghi erogati alla clientela al 30/09/2009 vs 31/12/2008 Sistema Banche Maggiori -0,69% -0,61% Banche Grandi Banche Medie -2,25% -1,80% Banche Piccole 0,24% Banche Minori 2,12% Fonte: elaborazioni KPMG Advisory su dati Banca d Italia, Base Informativa Pubblica on-line Peraltro, la restrizione del credito si evince non solo dalla riduzione dei volumi erogati ma anche da un generale inasprimento delle condizioni di offerta: l allungamento dei tempi medi di erogazione e l utilizzo di specifiche clausole contrattuali volte al contenimento del rischio. In questo contesto le banche piccole, che adottano un approccio localistico, si sono mostrate più reattive rispetto alle esigenze di finanziamento delle imprese. Infatti, in queste realtà i processi di erogazione del credito sono spesso più snelli e rapidi, per la prossimità al territorio In questo contesto le banche piccole, che adottano un approccio localistico, si sono mostrate più reattive rispetto alle esigenze di finanziamento delle imprese.

16 16 Cash Management & Working Capital Il progressivo peggioramento della qualità degli attivi bancari emerge dall andamento delle sofferenze. di riferimento e per la capacità nel saper utilizzare anche le informazioni di carattere qualitativo, raccolte mediante un rapporto più diretto con i clienti. In generale, però, se le banche italiane hanno affrontato la crisi potendo contare su un modello di intermediazione creditizia sano, fondato sull attività tradizionale che ha contribuito a contenere gli urti iniziali delle turbolenze sui mercati finanziari, la recessione, adesso, sta avendo i suoi riflessi sulla parte più importante del business: i crediti. Il progressivo peggioramento della qualità degli attivi bancari emerge dall andamento delle sofferenze che sono notevolmente aumentate nell ultimo anno, soprattutto per le imprese 2 per le quali si osserva un incremento di circa il 44%, ma anche per i privati dove la variazione si attesta a circa il 40%. Andamento delle sofferenze, (Euro milioni) società non finanziarie famiglie produttrici famiglie consumatrici Fonte: Banca d Italia, Supplemento al Bollettino Statistico, aprile 2010 Nota: esposizioni verso società non finanziarie e famiglie residenti in italia delle banche residenti in Italia e, dall ottobre 2007, della Cassa Depositi e Prestiti; valori di fine periodo Pertanto, anche l incidenza delle sofferenze sul totale degli impieghi erogati è notevolmente peggiorata nell ultimo anno, in modo particolare per le imprese: per esse, infatti, l aumento dell indicatore è completamente imputabile all aumento degli stock in sofferenza poichè i crediti erogati nel 2009 sono diminuiti di circa il 2,0%. Andamento dell'incidenza delle sofferenze sugli impieghi erogati, ,74% 7,06% 6,24% 7,55% 4,08% 3,60% 3,00% 2,90% 3,00% 2,46% 4,54% 3,22% società non finanziarie famiglie produttrici famiglie consumatrici Fonte: elaborazioni su dati Banca d Italia, Supplemento al Bollettino Statistico, aprile 2010 Nota: esposizioni verso società non finanziarie e famiglie residenti in italia delle banche residenti in Italia e, dall ottobre 2007, della Cassa Depositi e Prestiti; valori di fine periodo 2 Secondo la classificazione di Banca d Italia sono le società non finanziarie e le famiglie produttrici.

17 Cash Management & Working Capital 17 Anche l andamento degli incagli e degli scaduti degli ultimi trimestri non fa ben sperare: le esposizioni verso la clientela residente in Italia alla fine del terzo trimestre del 2009 erano aumentate rispettivamente del 37% e del 62%, rispetto ai valori di fine Di particolare interesse l andamento dei crediti ristrutturati nel 2009, i cui importi tra il primo e il secondo trimestre sono più che raddoppiati e continuano a mostrare una dinamica di crescita anche per il terzo trimestre Andamento trimestrale dei crediti ristrutturati, 31 dicembre settembre 2009 (Euro milioni) /12/08 31/03/09 30/06/09 30/09/09 Fonte: Banca d Italia, Base Informativa Pubblica on-line L indagine qualitativa sul credito (Indagine trimestrale sul credito, Bank Lending Survey) condotta dalla Banca d Italia presso le banche italiane conferma questa tendenza. Le evidenze della ricerca trimestrale pubblicata a gennaio 2010 mostrano che il credito erogato di fatto ha finanziato le ristrutturazioni del debito, più che gli investimenti, la ricostituzione delle scorte e le operazioni straordinarie. Il credito erogato di fatto ha finanziato le ristrutturazioni del debito. Determinanti della domanda di credito delle imprese (indice di diffusione: valori positivi = espansione; valori negativi = contrazione; scala da -1 a 1) 0,6 0,3 0,0-0,3-0,6 investimenti fissi scorte e capitale circolante fusioni/acquisizioni e ristrutturazione degli assetti societari ristrutturazione del debito I trim 09 II trim 09 III trim 09 IV trim 09 I trim 10 Fonte: Banca d Italia, Indagine trimestrale sul credito, gennaio 2010 (Bank Lending Survey) Secondo l indagine, nell ultimo anno si è osservato un rallentamento generalizzato della domanda di credito soprattutto nel terzo trimestre 2009, riguardante in particolar modo le piccole e medie imprese e i prestiti a breve termine. Nel primo trimestre 2010, ci si attende, invece, un aumento della domanda di credito, in particolare con scadenze di medio-lungo termine e soprattutto da parte delle piccole e medie imprese.

18 18 Cash Management & Working Capital Variazione nella domanda di prestiti e linee di credito da parte delle imprese, escluse le normali oscillazioni stagionali (indice di diffusione: valori positivi = espansione; valori negativi = contrazione; scala da -1 a 1) 0,25 0,10 0,10 0,06 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00-0,13-0,25-0,19 negli ultimi 3 mesi nei successivi 3 mesi IV trim 08 I trim 09 II trim 09 III trim 09 IV trim 09 I trim 10 Fonte: Banca d Italia, Indagine trimestrale sul credito, gennaio 2010 (Bank Lending Survey) La prassi del multiaffidamento non facilita i rapporti banca-impresa in questa fase. Peraltro, la prassi del multiaffidamento, fenomeno che interessa in generale tutte le aziende italiane, ma in particolar modo le piccole e medie imprese, per certi versi non facilita i rapporti banca-impresa in questa fase. Le aziende del nostro paese tendono, infatti, a farsi affidare in media da 2 istituti bancari, ma in alcuni casi, con l aumentare degli importi del fido globale accordato, si arriva addirittura a oltre 10 banche. Numero medio di banche per affidato (settembre 2009) per classi di grandezza del fido globale accordato (Euro) totale da a da a da a da a da a da a da a da a oltre totale 1,29 1,01 1,08 1,22 1,74 2,31 2,94 3,84 5,29 8,33 società non finanziarie 1,97 1,03 1,28 1,58 1,98 2,44 3,05 3,95 5,43 8,82 - industria 2,41 1,03 1,29 1,66 2,17 2,83 3,72 4,88 6,60 10,09 - edilizia 1,83 1,02 1,23 1,48 1,79 2,10 2,53 3,21 4,43 8,46 - servizi 1,82 1,03 1,29 1,58 1,95 2,36 2,87 3,64 4,90 7,65 famiglie produttrici 1,29 1,03 1,20 1,40 1,87 2,35 2,86 3,51 4,62 5,37 Fonte: Banca d Italia, Bollettino Statistico, IV 2009, febbraio 2010 Nota: il totale comprende anche le amministrazioni pubbliche, le società finanziarie e le famiglie consumatrici e altri. L abitudine di mantenere contemporaneamente più relazioni con differenti istituti di credito, risponde alle esigenze sia delle aziende sia delle banche. Le prime possono evitare che le banche traggano vantaggio da una relazione esclusiva imponendo condizioni contrattuali per loro più vantaggiose. Le seconde in questo modo sono in grado di ripartire i rischi con altri istituti di credito, secondo una logica co-assicurativa. Tale prassi, in fasi recessive, può, però, costituire un fattore di amplificazione della stretta creditizia. In tempi di crisi, infatti, è molto probabile che tutte le banche che finanziano l azienda chiedano contemporaneamente il rientro dei fidi ai primi segnali di difficoltà mostrati dall impresa. Questo potrebbe provocare conseguenze negative di carattere generale: con il fallimento dell azienda le banche vedranno andare in sofferenza i propri crediti. Emerge, pertanto, almeno potenzialmente, una relazione diretta tra multiaffidamento e rischiosità della singola impresa.

19 Cash Management & Working Capital 19 Infine, è importante anche evidenziare che le previsioni sul costo del debito bancario sono al rialzo. Infatti, dopo la correzione al ribasso dei tassi d interesse del 2009, le attese sulla dinamica dei tassi bancari sui prestiti alla clientela (famiglie e società non finanziarie) sono quelle di un progressivo, se pur modesto, aumento, che dovrebbe intensificarsi in particolare nel corso del Pertanto, per le imprese sarà più oneroso finanziarsi con il debito bancario. Andamento dei tassi d'interesse medi annui, % 6% 4% 2% 0% E 2011E tasso sui prestiti bancari a breve (fino 1 anno) tasso sui prestiti bancari a lungo termine (oltre 1 anno) tasso medio sui prestiti bancari Fonte: Prometeia, Previsione sui bilanci bancari, aggiornamento febbraio 2010 Note: Tasso sui prestiti bancari a breve: tassi armonizzati relativi all attività con le famiglie e le società non finanziarie. Tasso sui prestiti bancari a lungo termine: media ponderata dei tassi armonizzati con scadenza tra 1 e 5 anni e oltre i 5 anni relativi all attività con le famiglie e le società non finanziarie. Tasso medio sui prestiti bancari: media ponderata dei tassi armonizzati a breve e a medio-lungo termine relativi all attività con le famiglie e le società non finanziarie. In sintesi, di fronte ad un fabbisogno finanziario delle imprese costante o in aumento, non sarà banale stabilizzare la relazione con le banche e l accesso al credito. Sebbene a partire dai prossimi mesi si preveda un certo allentamento nei criteri di offerta (quantità di credito erogato, tempi medi di erogazione, scadenze, richiesta di garanzie, clausole) e una ripresa della domanda di credito da parte delle imprese, le banche tenderanno ad essere ancora più selettive nella concessione del credito per contenere incagli e sofferenze. Di questo trend risentiranno soprattutto le imprese più piccole contraddistinte da basso grado di patrimonializzazione, minore capacità d investimento e dal ricorso alla prassi del multiaffidamento. A questi elementi si devono aggiungere gli effetti potenzialmente restrittivi di Basilea III e, di un possibile moderato aumento del costo del denaro dopo circa due anni di politiche monetarie espansive. Le banche tenderanno ad essere ancora più selettive nella concessione del credito per contenere incagli e sofferenze.

20

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale di Luca Martini e Valerio Vimercati (*) In un contesto dove l accesso al credito da parte delle imprese risulta

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Luglio 2014 L Osservatorio congiunturale sull industria delle costruzioni è curato dalla

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO DEBT RESTRUCTURING AND BANKRUPTCY ALERT Febbraio 2012 LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Negli ultimi mesi i giornali hanno parlato molto di due interventi legislativi

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Advisory Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 1 2 3 Il trend del risparmio gestito prima e dopo la crisi finanziaria

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa

Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa FEDERAZIONE DELLE COOPERATIVE RAIFFEISEN Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa Intervento di Carmelo Barbagallo Capo del Dipartimento di Vigilanza

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli