Keep it simple Policy responses to the finalcial crisis. Dott. Manuel Borzoni Dott.ssa Michela Linguetta Dott. Lorenzo Gaito

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Keep it simple Policy responses to the finalcial crisis. Dott. Manuel Borzoni Dott.ssa Michela Linguetta Dott. Lorenzo Gaito"

Transcript

1 Keep it simple Policy responses to the finalcial crisis Dott. Mirco Aina Dott. Manuel Borzoni Dott.ssa Michela Linguetta Dott. Lorenzo Gaito

2 Che cosa tratteremo The macro-policy faults: dibattito in corso sulla riforma finanziaria; Regulation, innovation and financial instability: l assunzione di eccessivi rischi derivanti da lacune nel sistema di regolamentazione a livello internazionale, azzardo morale e mancanza di trasparenza sui prodotti finanziari; Crisis management: la gestione della crisi nei paesi più industrializzati e il dibattito in corso sul calo dei prezzi degli assets, le crescenti perdite delle istituzioni finanziarie; Regulatory architecture: separazione tra commercial ed investment banking; regolamentazione bancaria e vigilanza; The regulator s tool box: ingredienti fondamentali della micro-regolamentazione: requisiti patrimoniali e gestione degli incentivi; Coping with an unstable macro-financial environment: disciplina internazionale e sostegno agli agenti di mercato in materia monetaria, fiscale e per le politiche di tasso di cambio (rafforzamento Euro?); Main proposals: proposte per lo sviluppo futuro.

3 Introduzione Obiettivo: Verificare le determinanti dell instabilità finanziaria; Analizzare i possibili comportamenti che Stato ed istituzioni internazionali devono cercare di mettere in atto per arginare e superare la crisi; Possibili sviluppi futuri.

4 The macro-policy faults Fattori che hanno fatto scoppiare la crisi Great moderation Global imbalances

5 Robert Shiller: Interpretazioni gli investitori iniziano a basare le proprie decisioni su quelle altrui, ignorando l informazione privata, poiché ritengono impossibile che tutti gli altri si sbaglino. La politica monetaria è stata troppo vaga, ma non può essere vista semplicemente come un caso esogeno causato dal boom immobiliare, perché la FED è stata preda della stessa delusione degli investitori privati. La FED era diventata un ostaggio dei mercati finanziari.

6 Conseguenze Il risparmio mondiale confluisce negli Stati Uniti a causa della grande attrattiva sia dell economia americana in sé che dalla liquidità disponibile. Aumento credito FED Bassi tassi di interesse Concentrazione risparmi

7 Cosa è successo? Scostamento prezzi assets; Stagnazione salari: mentre il capitalismo era al suo massimo livello, dall altro lato le classi lavoratrici erano sempre più sotto gli effetti del declino dei redditi e dell indebolimento della protezione sociale; Eccessiva crescita nel periodo precedente: l alimentazione della liquidità all interno dei mercati azionari e delle aspettative di profitti sempre maggiori, l insostenibilità del debito privato;

8 Stagnazione della domanda di consumo: (Germania, Giappone, Svizzera); Bolla immobiliare: (Stati Uniti, Regno Unito, Irlanda e Spagna); Accumulo di riserve nei paesi orientali; Squilibri dei pagamenti internazionali; Deprezzamento del dollaro Crisi bancarie

9 Dati Da ottobre 2008 i mercati azionari sono scesi di oltre il 50%; Forte calo della domanda aggregata, del commercio e della produzione; L indebitamento totale dell economia degli Stati Uniti ha superato il 350% del PIL, in gran parte dovuto al settore privato ed in particolare alle famiglie; La più grande bolla immobiliare della storia: i prezzi delle abitazioni sono quasi raddoppiati rispetto al 1996, il precedente boom degli alloggi più drammatico della storia; Durante il biennio vennero emessi mutui sub-prime per 1.2 trilioni di dollari, l 80% dei quali è stato cartolarizzato; Negli Stati Uniti nel 2007 la quota di salari rispetto al PIL è stata la più bassa mai registrata dal 1950; The Economist ha calcolato che il 40% degli utili dell economia del Stati Uniti nel 2007 erano provenienti dal settore finanziario, il quale rappresentava solo il 10% del totale del valore aggiunto.

10 Regulation, innovation and financial instability Il dispiegarsi della crisi trova fondamento in: Crisi della liquidità Sfiducia delle banche Strumenti finanziari esotici

11 Solo attraverso l analisi di carenze specifiche di regolamentazione è possibile costruire misure politiche correttive adeguate Premesse: Nei mercati finanziari esiste un gioco tra le banche e gli altri agenti che si devono innovare continuamente per aggirare il regolamento e rafforzare i ritorni prendendo rischi sempre maggiori e tra chi detta le regole che deve assicurare l assunzione di un rischio moderato; Il free banking è instabile, cioè suscettibile di portare ad un boom del credito e corse agli sportelli, a causa di una combinazione tra incentivi privati e prestiti eccessivi, e di asimmetria informativa sulla qualità dei prestiti.

12 Politiche volte a stabilizzare i sistemi bancari sono esse stesse fonte di instabilità, in particolare quando si tratta di banche too big to fail, a causa degli effetti dirompenti che derivano dal loro fallimento per l intero sistema finanziario o per l economia. Incoraggiamento all assunzione di rischi Incoraggiamento all assunzione di rischi eccessivi da parte del management bancario, che si aspettava di essere salvato dai propri errori da parte delle autorità monetarie e dallo Stato.

13 Bolle speculative Ci sono tre ingredienti principali in ogni bolla speculativa: Eccessivo leveraged del capitale azionario Trust Prestiti call

14 La cartolarizzazione In questo modo le banche trasferiscono il rischio di credito fuori bilancio e riducono i requisiti patrimoniali: La banca cede i propri flussi di cassa (mutui, ma anche altri prestiti) a uno special purpose vehicle (SPV); Lo SPV si finanzia emettendo strumenti finanziari come mortgage backed securities; Il rischio viene trasformato spezzettando i flussi di cassa e ricompattandoli in tranches con profili rischio-rendimento crescenti; Le tranches vengono costituite in modo che le senior tranches ottengano un rating AAA, mentre le tranches più rischiose vengono acquistate dalla banca (toxic asset) per segnalare la bontà dei crediti; Successivi round di cartolarizzazione originano i credit default swap (CDO).

15 Ma una volta che i mercati crollano dopo il momento di massima attività, la liquidità per tali prodotti scompare e questi diventano invendibili, portando al crollo anche i loro mercati nel giro di poche settimane. Un dato che ci fa riflettere su questo abuso è che, nel 2007, mentre ci sono state solo 20 imprese quotate nella borsa di New York con un rating di tripla A, ci sono stati ben prodotti strutturati con rating massimo.

16 Quale ruolo ha giocato la regolamentazione? Il punto di vista della FED era: una volta che i depositanti e gli investitori al dettaglio sono protetti, tutti gli altri agenti e intermediari possono prendersi cura di se stessi e non hanno bisogno di particolari regole prudenziali e di vigilanza. Così un sistema bancario fondamentalmente non regolamentato ha avuto una quota maggioritaria di intermediazione creditizia, che ha fornito strumenti di liquidità tramite un piccolo buffer di capitale e trasparenza sulle sue operazioni.

17 La deregolamentazione non è stata senza conseguenze al di fuori degli Stati Uniti: In Asia ondata di deregolamentazione che ha prontamente destabilizzato i mercati dei capitali asiatici; In Europa (sebbene l UE avesse già rimosso tutte le distinzioni tra commercial ed investment banking), le grandi banche hanno visto un aumento della dimensione del bilancio. Le norme di vigilanza non sembrano sufficienti viste le perdite interne di controllo su strutture enormemente complesse

18 Crisis Management Fallimento Lehman Brothers (15 Settembre 2008) Crisi Wall Street Panico bancario mondiale Intervento dei governi

19 La maggioranza dei governi sono ancora ostili alla nazionalizzazione ECCEZIONE Governo Olandese lo scorso autunno ha rilevato le attività olandesi di Fortis nel settore bancario e assicurativo

20 Come si sono mosse le banche centrali internazionali? Prima linea di difesa BANCHE CENTRALI Liquidità agli istituti finanziari Liquidità interbancaria al mercato dei valori mobiliari Federal Reserve Banca d Inghilterra Estensione linee di credito ai segmenti di intermediazione Perdita indipendenza Banca del Giappone Acquisto titoli corporate Agenzie governative

21 Interventi Riduzione tassi di interesse USA Regno Unito Area Euro 0-0,25% 0,5% 1,5% (livello più basso nella storia della BCE) Linee swap con altre banche centrali rifinanziamento nelle valute domestiche su tutti i mercati principali (eventualmente) Estensione del numero di soggetti che possono beneficiare dei rifinanziamenti

22 Fornitura di liquidità a breve termine a istituzioni finanziarie non bancarie FED Prestiti di sostegno ai consumatori ed alle piccole imprese Acquisto di debito su abitazioni sponsorizzate dal governo connesse ad imprese, ipoteche garantite e titoli del Tesoro a lungo termine Il tesoro e la Federal Deposit Insurance Corporation (FDIC) si impegnano a: coprire le perdite fino ad importi definiti (eventualmente) FED affronterà la copertura delle perdite superiori a tale limite, stampando moneta

23 L ingresso dello Stato Agli inizi dell Ottobre 2008 nel Regno Unito ed in UE Capital Purchase Program (CPP) basato sugli apporti di capitale in forma di Senior Preferred Shares e Warrant. Il 20 febbraio 2009 quota 196 miliardi di dollari a vantaggio di circa 441 istituzioni.

24 Inoltre nel Regno Unito e in UE Sistemically Significant Falling Istitutions (SSFIs) Tageted Investment Programmes (TIP) Maggiore discrezionalità nell individuazione degli enti beneficiari e nella scelta dei termini di supporto

25 Seconde ondate di operazioni STATI UNITI partecipazione del Tesoro nell azionariato delle istituzioni più in difficoltà EUROPA continua ad escludere la nazionalizzazione definitiva. Il Governo britannico ha annunciato un piano di 50 miliardi di sterline per iniettare capitale nelle banche e nelle nuove società in costruzione

26 La situazione in Europa Piano di azione approvato dal Consiglio Europeo nell Ottobre 2008 assicurazione dei depositi rafforzamento delle garanzie governative conferimenti di capitale Sei gruppi bancari finanziari francesi sono stati indicati come idonei a ricevere un capitale di 10,5 miliardi di Euro. Il governo Tedesco ha assegnato 80 miliardi di Euro in conferimenti di capitale, e 20 miliardi di Euro per l acquisto di assets.

27 Regno Unito, Francia e Germania Creazione di nuovi enti per la gestione degli investimenti pubblici di ricapitalizzazione ITALIA Strumenti ibridi computabili nel Core Tier 1 Spagna Acquisto di assets tramite fondo specializzato Governo Irlandese Sostegno alle filiali di banche straniere che operano nel suo territorio.

28 La nazionalizzazione USA PRIMA DOPO Conferimenti di capitale e non acquisto degli assets Acquisto di assets Fermare la diminuzione dei prezzi degli assets stessi. Interrompere il circolo vizioso di perdite generate da ulteriori vendite le quali avrebbero generato a loro volta ulteriori perdite.

29 Di fronte ad una perdita di valore degli assets La divulgazione nei bilanci PANICO DEFAULT Le banche decidono di non comunicarle nei propri bilanci

30 Vantaggi e svantaggi della nazionalizzazione VANTAGGI Con lo scopo di ovviare ad una perdita di fiducia, risulta essere un sostituto efficace delle procedure fallimentari bancarie SVANTAGGI Problemi nella scelta del management e di procedure adeguate al fine di evitare interferenze politiche

31 Strumenti per la gestione della crisi Bad banks Istituti in cui le banche depositano titoli a rischio che hanno perso molto valore e quindi non sono più commerciabili Titoli tossici Nazionalizzazione Banche che non riescono più a stare in piedi da sole La vera distinzione è quella tra le banche che dovrebbero essere immediatamente nazionalizzate e quelle che possono continuare con le proprie gambe

32 MA la FED e la Banca d Inghilterra si sono già mosse in acque inesplorate tramite l acquisto diretto di strumenti finanziari, ad esempio crediti cartolarizzati I poteri di azione della BCE sulla capacità di sostenere la liquidità sono vincolati dal Trattato Europeo SOLUZIONE Fondo Europeo (proposta di Gros e Micossi, 2008) Emissioni di obbligazioni con ricavato a disposizione della BCE

33 Regulatory architecture L intermediazione finanziaria si è sviluppata negli ultimi anni e gli sviluppi del sistema economico e legale hanno profondamente cambiato la morfologia del mercato finanziario (Allen & Santomero, 1998). Negli anni 80 la principale fonte di raccolta di capitale era costituita dall interbancario che ha permesso di sfruttare i differenziali dei tassi sulle operazioni finanziarie offerte sul mercato: wholesale Successivamente, data la forte competitività sull offerta questi prodotti, le banche iniziano ad esporsi sul mercato del capitale offrendo operazioni attraverso la combinazione tra le liabilities e gli assets: off balance sheet

34 La crisi finanziaria è stata scatenata da un elevato indebitamento delle organizzazioni finanziarie sottoscrizione di prodotti derivati, titoli strutturati, securities non dotati di un mercato liquido e di difficile valutazione. Banca commerciale Investment banking Attività bancaria in senso stretto Attività di banca commerciale e di investment banking

35 PROPOSTE De Grauwe (2008) : sistema Glass-Stegal le banche sono escluse nell attività di investimento in equity, derivati e altri prodotti strutturati complessi. Kay (2009) : definizione di banca in senso stretto fornire mezzi di pagamento, fare prestiti commerciali auto-liquidanti ed investire in assets sicuri G-30 (2009) : i prestiti non devono essere controllati da organizzazioni non finanziarie e ci dovrebbero essere dei limiti sull accumulazione dei depositi.

36 Secondo Carmine Di Noia e Stefano Micossi, queste soluzioni sembrano: non necessarie non realizzabili La stabilità del sistema può essere condotta ad un semplice cambiamento delle regole che non implica un ridisegno del mercato finanziario Essi propongono: Lo smembramento e lo scompiglio richiesti per riorganizzare il sistema dovrebbero essere enormi e potrebbero non essere accettati dai legislatori e dai regolatori dei principali centri finanziari tradizionali regole prudenziali sistema di vigilanza più efficace monitorare la stabilità del sistema finanziario e garantire una maggiore trasparenza delle operazioni compiute

37 MOTIVI DELL ESISTENZA DELLA REGOLAMENTAZIONE BANCARIA Asimmetria informativa e protezione degli investitori Non trasparenza delle azioni dei manager, conflitti di interesse tra le diversi aree di operatività bancarie e imperfetta conoscenza della solvibilità della banca da parte dei depositanti. Elevata concentrazione Se i depositi vengono sostituiti dalla raccolta di denaro dal mercato dai prestiti alle grandi società, attraverso l emissione di obbligazioni o commercial paper, l'accesso al sistema di pagamento e l'accesso al credito potrebbe essere più limitato per le famiglie e per le piccole e medie imprese.

38 BANK RUN ( corsa agli sportelli ) Esiste un effetto domino, quando il fallimento di una banca mette in pericolo la solvibilità delle altre banche, provocando una corsa agli sportelli da parte dei depositanti su un numero significativo di banche, innescando così una crisi sistemica. I soggetti sottoposti alla regolamentazione sono le BANCHE e non gli altri intermediari non bancari La stabilità del sistema viene intaccata quando vengono usati i depositi come risorse per l assunzione di rischi elevati Per evitare questo sono necessarie regole prudenziali più stringenti in modo da evitare che le banche non si indebitano eccessivamente e usare i depositi per concedere prestiti (poco rischiosi)

39 Tale approccio non richiede la separazione netta tra banca commerciale ed investment banking, ma imposizione di sanzioni nei confronti delle organizzazioni finanziarie fortemente indebitate Successivamente viene lasciata fallire la banca ed interviene l assicurazione sui depositi per la tutela dei depositanti Una volta che le banche si comportano bene, gli altri intermediari non hanno bisogno di requisiti di capitale, perché se commettono degli errori non vanno ad intaccare la stabilità finanziaria

40 VIGILANZA Un secondo aspetto da vedere per un adeguato sistema di regolamentazione dei mercati finanziari è la struttura ed organizzazione della vigilanza in un ottica globale. Financial Stability Forum (FSF) Istituito dal G7 nel 1999 Forum principale per la cooperazione e concentrazione di decisioni prese dai governi e regolatori nazionali È costituito dalle autorità nazionali dei Paesi del G7+Australia, Hong Kong, Olanda, Singapore, Svizzera e BCE. La crisi ha fatto emergere le debolezze dell FSF per la frammentazione delle competenze tra le diverse autorità dei diversi Paesi. Centralizzazione regolamentazione sistemi di vigilanza tra aree geografiche

41 In USA Progetto PAULSON (2008) Ha proposto una drastica semplificazione delle regole in favore ad un sistema di vigilanza oggettiva in cui la Federal Reserve dovrebbe sorvegliare sulla stabilità a lungo termine di tutte le entità finanziarie. In EUROPA Level Three Committees CEBS per le banche CEIOPS per le compagnie assicurative e per i fondi pensione CESR Market securities autorità responsabile della vigilanza prudenziale Proposta: omogeneità delle linee guida affidata alla CE (come per gli IFRS)

42 The regulator s tool box Nell Aprile 2008 l FSF report sull Enhancing Market and Institutional Resilience (valorizzazione del mercato ed elasticità istituzionale) Modifiche di alcune principali regole: Risk management Asset valuation Sistemi di rating del credito Sensibilità al rischio Diversificazione Requisiti di capitale (capital requirements) Incentivi manageriali Governance degli intermediari finanziari Trasparenza delle attività in bilancio (balance sheet) e dei prodotti finanziari

43 REQUISITI DI CAPITALE OBIETTIVO Limitare l assunzione dei rischi da parte delle banche BASILEA I (recepiti con direttiva europea nel 1989) Patrimonio di Vigilanza Somma degli assets ponderati per il rischio 8% Rischio di credito A partire dal 1996 Rischio di mercato

44 LIMITI Vengono presi in considerazione poche fonti di rischio Il sistema dei coefficienti di ponderazione non discrimina Le banche hanno peggiorato il livello qualitativo dei prestiti Il sistema dei coefficienti di ponderazione è statico Non viene considerata la scadenza dei finanziamenti BASILEA II (recepiti con direttiva europea nel 2008) Requisiti patrimoniali minimi 3 PILASTRI Controllo prudenziale Disciplina di mercato

45 REQUISITI PATRIMONIALI MINIMI Patrimonio di Vigilanza Somma degli assets ponderati per il rischio 8% Rischio di credito Rischio di mercato Rischio operativo Metodo standard Modifiche al calcolo del rischio di credito Metodo basato sui rating interni base Metodo basato sui rating interni avanzato

46 CONTROLLO PRUDENZIALE Collaborazione tra banche ed autorità di vigilanza Assicurare adeguatezza patrimoniale in relazione ai rischi Le autorità hanno la facoltà di intervenire per chiedere la dotazione di capitale superiore al minimo Cercare di anticipare interventi per gestire eventuali situazioni di crisi bancarie DISCIPLINA DI MERCATO Intensificazione degli obblighi informativi e di comunicazione nei confronti del mercato Es: MIFID (per rendere più trasparente il rapporto tra la banca e i risparmiatori)

47 I principali obiettivi di BASILEA La ricerca di protezione degli investitori La limitazione dell assunzione dei rischi Non sono stati raggiunti, anzi le banche europee hanno incrementato sempre più il loro livello di leverage fino a livelli irresponsabili Proposta della Commissione Europea (ottobre 2008) Restrizione dei requisiti di capitale Riferimento al totale degli assets e non in base ad un sistema di ponderazione dei rischi Ridefinizione delle regole nel modo più semplice e armonizzazione dei requisiti

48 Proposta della Commissione Europea (ottobre 2008) Requisiti - extra di capitale sui prestiti concessi ad istituzioni fortemente indebitate e sui prestiti con alto leverage Too Big To Fail riduzione delle aspettative di guadagno

49 Charles Goodhart (2008) e Brunnermeier e altri (2009) Imposizione dei requisiti in modo anticiclico Prestiti bancari scoraggiati attraverso l aumento del costo del capitale, in risposta ad una accelerazione del credito Nota bene: L introduzione di specifici freni sulle banche, può risultare una manovra ancora insufficiente nel riparare l instabilità, perché il boom del credito potrebbe essere generato da politiche monetarie o finanziarie che inevitabilmente conducono ad un fenomeno destabilizzante.

50 La crisi è stata guidata dall assunzione di rischi eccessivi da parte degli intermediari finanziari Compensi pagati ai manager troppo elevati attrarre e trattenere trader e investment banker migliori Soluzioni possibili: ridisegnare gli incentivi dei manager senza soffocare l innovazione finanziaria senza causare nuove distorsioni adottare clausole claw back pagare la parte variabile tramite titoli

51 3 soluzioni precedenti non sufficienti senza il ripristino dell equilibrio negli accordi di governance Rafforzamento del controllo del rischio Gestione del rischio Indipendenti dal profit centre e direttamente responsabili nei confronti di una commissione indipendente e del board

52 Prodotti OTC (over the counter) controllo e gestione del rischio debole-insufficiente Soluzioni: a) standardizzazione; b) aumento della trasparenza; c) aumento della liquidità; d) margini per diversificare il rischio; e) incentivi e disincentivi. BASILEA II

53 Rating misura esposizione al rischio valutazione dei modelli standardizzati percezione sbagliata dell affidabilità

54 Coping with an unstable macro-financial environment Cause principali dell instabilità finanziaria paradisi fiscali politica macro economica USA agevolazioni fiscali sui conti offshore Cause minori: a) Regolamentazione negligente; b) Hedge e private equity funds; c) Prodotti finanziari esotici.

55 Maggiore regolamentazione e maggiore disciplina di mercato delle organizzazioni finanziarie non sono sufficienti occorre una combinazione di riforme monetarie internazionali Il nuovo sistema informare presenza rischi eccessivi sanzionare paesi con politiche instabili strumenti per gestire le crisi e per fornire assistenza ai paesi

56 Basse crescite salariali nelle 2 decadi precedenti nei paesi sviluppati Soluzioni: investimento nel capitale umano spostamento dei lavoratori investimenti diretti economie forti maggiore flessibilità Non si sono verificati economie deboli Rischio: mercato interno ed non sopravvivano ad un periodo protratto di disoccupazione e crescite basse

57 Mkt union bond denominati in aggiustamenti strutturali supporto bilancia dei pagamenti e della valuta raccogliere costo indebitamento pubblico rafforzare i capitali delle banche stimolo domanda domestica

58 Main Proposal Instabilità derivante: dalla politica macroeconomica USA; combinazione della politica monetaria internazionale. Compiti della congiuntura: stabilizzare i mercati finanziari; fermare la spirale degli asset price che deprimono l attività economica; ripristinare la fiducia nel sistema bancario.

59 Strumenti della BCE < di quelli delle altre banche centrali Fondo Europeo Emanazione Eurobonds Aiuto per operazioni di salvataggio

60 Verifica e modifica delle regole di Basilea II Imposizione costi extra sulle attività rischiose Rafforzamento della gestione del rischio Aumento della trasparenza informativa Incentivi appropriati per prodotti OTC

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE Prof. Roberto Bottiglia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale OLTRE LA CRISI: STRATEGIA E FINANZA PER IL RILANCIO

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.it; prospettiva europea, DEM Università Il Mulino di 2011 Brescia Capitolo I. Un Viaggio intorno al mondo Corso di Economia

Dettagli

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Dr. Mario Mazzocchi m.mazzocchi@unibo.it Ricevimento: indicativamente venerdì 11-13, ma disponibile anche in altri giorni e orari (meglio confermare per posta

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

1.4 Le autorità di vigilanza 11 2. 13 2.3 Costi di transazione e liquidità 19 3. 2.5 La redistribuzione dei rischi 28

1.4 Le autorità di vigilanza 11 2. 13 2.3 Costi di transazione e liquidità 19 3. 2.5 La redistribuzione dei rischi 28 Indice Introduzione 1 3 2 1.4 Le autorità di vigilanza 11 2 13 2.3 Costi di transazione e liquidità 19 3 2.5 La redistribuzione dei rischi 28 33 3.1 Le origini della regolamentazione 34 3.3 La disciplina

Dettagli

BANCHE ARGOMENTI. Struttura finanziaria delle aziende di credito Principali aree gestionali La performance bancaria Struttura del sistema bancario

BANCHE ARGOMENTI. Struttura finanziaria delle aziende di credito Principali aree gestionali La performance bancaria Struttura del sistema bancario BANCHE A.A. 2015/2016 Prof. Alberto Dreassi adreassi@units.it DEAMS Università di Trieste ARGOMENTI Struttura finanziaria delle aziende di credito Principali aree gestionali La performance bancaria Struttura

Dettagli

Nota tecnica. Basilea 3. L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale

Nota tecnica. Basilea 3. L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale Nota tecnica Basilea 3 L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale Basilea 3 OBIETTIVO DELLA RIFORMA La riforma intende ovviare alle lacune e alle debolezze strutturali dell Accordo

Dettagli

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario 26 Risparmio Investimenti Sistema Finanziario Il Sistema Finanziario Il sistema finanziario è costituito dalle istituzioni che operano per far incontrare l offerta di denaro (risparmio) con la domanda

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 5 La crisi delle Savings & Loans (cap. 2 libro) La crisi dei Paesi scandinavi (cap. 2 libro) La crisi delle Savings & Loans - 1 Enti specializzati

Dettagli

ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE?

ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE? 476 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE? 21 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 I temi in agenda La ricapitalizzazione

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013 IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

Dettagli

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 1 operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 Interventi sul tema: Le origini della crisi La bolla dei sub-prime e il fallimento di Lehman Brothers La globalizzazione dei

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte 1 Lezione 14 I processi di cartolarizzazione (cap 3) Lo shadow banking system (cap 3) Le agenzie di rating (cap 3) 2 I processi di cartolarizzazione - 1

Dettagli

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche INTERVENTI L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche di MAURIZIO CALELLO È arrivato a conclusione dopo un lungo e intenso lavoro il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Basilea III. Aprile 2013

Basilea III. Aprile 2013 Basilea III Aprile 2013 Basiela I, II, III,. 2 Basilea I 1988 Basilea II 2006 Basilea III 2013 Risposta del Comitato di Basilea alla crisi finanziaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria 3 Il

Dettagli

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii Presentazione, di Roberto Ruozi 1 L attività bancaria 1.1 Una definizione di banca 1.2 Le origini del sistema bancario moderno 1.3 L evoluzione del sistema creditizio nel quadro europeo: concorrenza e

Dettagli

Capire la finanza e la finanza etica

Capire la finanza e la finanza etica Corso Intensivo Capire la finanza e la finanza etica Sabato 5 febbraio 2011 Seminario di Marco Passarella (Università di Bergamo) PRIMA PARTE Il ruolo del pubblico nella regolazione dei mercati. L'evoluzione

Dettagli

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2009/2010 RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@univpm.it

Dettagli

Banche private e banche pubbliche. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014

Banche private e banche pubbliche. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 Banche private e banche pubbliche Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 Un breve percorso storico ci aiuta a mettere a fuoco il cambiamento, la crisi e la situazione

Dettagli

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo Questo modulo si occupa dei problemi della moneta e dei prezzi nel lungo periodo. Prenderemo in esame gli aspetti istituzionali che regolano il controllo del

Dettagli

La crisi dei mercati e l impatto sull economia reale: evoluzione e prospettive

La crisi dei mercati e l impatto sull economia reale: evoluzione e prospettive La crisi dei mercati e l impatto sull economia reale: evoluzione e prospettive MUTUI SUBPRIME Casus belli LA LEVA/LEVERAGE utilizzata dalle banche RISCHIO POTENZIALE > PATRIMONI DISPONIBILI (fonte R&S

Dettagli

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29 00.romaneNadotti:Layout 1 25-09-2009 15:15 Pagina vi Gli Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore In questo volume... Il sito xiii xiv xvi xvii xxiii PARTE I Concetti fondamentali Capitolo 1 Il sistema

Dettagli

A volte il risultato della revisione è l'attribuzione di un rating peggiorativo, che può portare alla revoca in tronco degli affidamenti!

A volte il risultato della revisione è l'attribuzione di un rating peggiorativo, che può portare alla revoca in tronco degli affidamenti! Accade spesso che la banca vada a visitare l azienda solo quando deve acquisirne la relazione o, successivamente, per collocare nuovi prodotti o chiedere maggiori flussi di lavoro o relazioni indotte,

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info La crisi del sistema Dicembre 2008 www.quattrogatti.info Credevo avessimo solo comprato una casa! Stiamo vivendo la più grande crisi finanziaria dopo quella degli anni 30 La crisi finanziaria si sta trasformando

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Giordano Villa Managing Director Chief Credit Officer Italy 31 st May 2011 La quantità di impieghi che le banche possono erogare dipende

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 13 La diffusione del contagio (cap 3) Le cause della crisi (cap.3) La diffusione del contagio - 1 Un fallimento di 250 miliardi di dollari (i mutui

Dettagli

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale IFFI 10 edizione VALORIZZARE L IMPRESA E ATTRARRE GLI INVESTITORI La liquidità dei mercati finanziari per lo sviluppo delle imprese Le scelte per la media impresa tra debito e capitale MILANO, 11 Novembre

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

I prestiti (parte III) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

I prestiti (parte III) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 I prestiti (parte III) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 Problematiche dell attività creditizia OBIETTIVI/DECISIONI: Dimensione Composizione A livello di portafoglio

Dettagli

La strategia finanziaria

La strategia finanziaria La strategia finanziaria Strategie di posizionamento (rivolte all esterno) AZIENDA strategia sociale CONTESTO SOCIALE posizionamento sociale Analisi degli input strategici esterni MERCATI FINANZIARI finanziatori

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

LA GLOBALIZZAZIONE DEL SETTORE BANCARIO

LA GLOBALIZZAZIONE DEL SETTORE BANCARIO LA GLOBALIZZAZIONE DEL SETTORE BANCARIO Corso di Economia Monetaria e Regolamentazione Internazionale Prof. Andrea Filippo Presbitero Federica Catalani Anastasia Zenobi a.a 2009/2010 1 Introduzione: Questo

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 Gennaio 2012 CERCASI LIQUIDITÁ DISPERATAMENTE Mentre prosegue l azione di allentamento delle condizioni monetarie internazionali, il mercato interbancario italiano soffre

Dettagli

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013 Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI Giovanni Guazzarotti Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario

Dettagli

Capital Markets Union

Capital Markets Union Capital Markets Union Obiettivi, proposte e posizioni ABI Giovanni Sabatini Direttore Generale ABI Milano, 17 Settembre 2015 Capital Markets Union: cosa è? La CMU mira a creare entro il 2019 un mercato

Dettagli

Banche e imprese italiane nel credit crunch

Banche e imprese italiane nel credit crunch Convegno Una finanza per la crescita in collaborazione con CO.MO.I Group 12 giugno 2013, Milano Banche e imprese italiane nel credit crunch Angelo Baglioni Università Cattolica e REF Ricerche www.refricerche.it

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE APPENDICE B - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DELLE OBBLIGAZIONI ZERO COUPON CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA

Dettagli

Uno sguardo al mondo esterno

Uno sguardo al mondo esterno Uno sguardo al mondo esterno Gerardo Rescigno 2009 2 In quale contesto ci stiamo muovendo Riduzione della redditività delle Banche e forte orientamento alla selettività Debolezza dell economia domestica

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE FONDO PENSIONE APERTO CARIGE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE I dati e le informazioni riportati sono aggiornati al 31 dicembre 2006. 1 di 8 La SGR è dotata di una funzione di Risk Management

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Gli strumenti finanziari co-finanziati dal Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale permettono di investire,

Dettagli

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee.

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Lezione 16. Effetti asimmetrici nel meccanismo di trasmissione La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Il processo di trasmissione è condizionato da: 1. struttura

Dettagli

HYPO ALPE-ADRIA-BANK

HYPO ALPE-ADRIA-BANK HYPO ALPE-ADRIA-BANK INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo pilastro di Basilea 3 Al 31 dicembre 2014 (Circ. n. 285 del 17 dicembre 2013) 1 Informativa al pubblico Dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

SISTEMA SYMPHONIA REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARMONIZZATI APPARTENENTI AL GESTITI DA SYMPHONIA SGR

SISTEMA SYMPHONIA REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARMONIZZATI APPARTENENTI AL GESTITI DA SYMPHONIA SGR REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARMONIZZATI APPARTENENTI AL SISTEMA SYMPHONIA GESTITI DA SYMPHONIA SGR validità 1 gennio 2012 TESTO A FRONTE PER CONFRONTO VARIAZIONI REGOLAMENTARI

Dettagli

Riflessioni su Northern Rock: la corsa agli sportelli che annunciò la crisi finanziaria globale

Riflessioni su Northern Rock: la corsa agli sportelli che annunciò la crisi finanziaria globale Riflessioni su Northern Rock: la corsa agli sportelli che annunciò la crisi finanziaria globale HYUN SONG SHIN Chiara De Napoli Cinzia Ilardi Giovanni Soardo Introduzione 1866 => Overend Gurney - l assicurazione

Dettagli

Capitolo 10. Il mercato valutario. La strategia di copertura della Volkswagen

Capitolo 10. Il mercato valutario. La strategia di copertura della Volkswagen EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 10 Il mercato valutario La strategia di copertura della Volkswagen 10-3 La Volkswagen, il più grande produttore europeo di autovetture, ha comunicato una diminuzione

Dettagli

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Seminario di confronto tra il settore bancario e l attività immobiliare Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Intervento di Andrea Ragaini Direttore Centrale GRUPPO BANCA CARIGE

Dettagli

Mercati, finanza e regole: guidare l economia. Cremona, 2 febbraio 2013 Simona Beretta

Mercati, finanza e regole: guidare l economia. Cremona, 2 febbraio 2013 Simona Beretta Mercati, finanza e regole: guidare l economia per il bene comune Cremona, 2 febbraio 2013 Simona Beretta Obiettivi di lavoro Collocare le informazioni economico - finanziarie quotidiane in un orizzonte

Dettagli

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito Gregory D. Sutton (+41 61) 280 8421 greg.sutton@bis.org 3. Il mercato internazionale dei titoli di debito La decelerazione dell economia mondiale sembra aver frenato la domanda di nuovi finanziamenti internazionali,

Dettagli

LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI

LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI Corso di Economia finanziaria LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI Dott.ssa Arianna Moschetti Sommario Cosa si intende per sistema finanziario Sistemi Bank o Market oriented Sistema

Dettagli

L'EFFETTO DOMINO DELLA CRISI FINANZIARIA INTERNAZIONALE: DAGLI USA ALL'EUROPA, DALLE BANCHE AGLI STATI, DAL DEBITO ALL'EURO. DOVE SI FERMERA?

L'EFFETTO DOMINO DELLA CRISI FINANZIARIA INTERNAZIONALE: DAGLI USA ALL'EUROPA, DALLE BANCHE AGLI STATI, DAL DEBITO ALL'EURO. DOVE SI FERMERA? L'EFFETTO DOMINO DELLA CRISI FINANZIARIA INTERNAZIONALE: DAGLI USA ALL'EUROPA, DALLE BANCHE AGLI STATI, DAL DEBITO ALL'EURO. DOVE SI FERMERA? 13 Gennaio 2011 Spazio Civico Associazione Civica 19 Premessa:

Dettagli

CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA

CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA 1 CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA Foz Iguacu - 6 Giugno 2014 2 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Le garanzie: strumento di politica economica per i soggetti pubblici 2.

Dettagli

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA 1 OPERATORI FINANZIARI ATTIVI E PASSIVI Gli operatori finanziari possono essere divisi in quattro gruppi: Le famiglie; Le imprese; La pubblica amministrazione; il resto

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 Sintesi del documento pubblicato ai sensi del Titolo IV della Circolare 263/06 della Banca d Italia L Informativa al pubblico adempie all obbligo

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Camera dei Deputati VI Commissione Finanze Audizione del Direttore Generale Pianificazione, Immobiliare e Diversificate Gruppo Unipol

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI PUBBLICI

IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI PUBBLICI IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI PUBBLICI A cura di Gian Nereo Mazzocco Verona, 11 febbraio 2006 Le anticipazioni di tesoreria (art. 222 Tuel) Controparte: istituto tesoriere Limiti: 3/12 delle entrate correnti

Dettagli

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557.

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557. SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 8 1. Il sistema di determinazione dei tassi di cambio utilizzato per eseguire le operazioni in valuta estera ha subìto modifiche nel corso del tempo. Dal 1944 al 1971, secondo

Dettagli

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL REGIONE TOSCANA Consiglio Regionale Gruppo Consiliare Gruppo Misto Firenze, 7 maggio 2013 Al Presidente del Consiglio della Regione Toscana On. Alberto Monaci MOZIONE (ai sensi dell art. 167 Reg. Interno)

Dettagli

Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese

Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese Michele Boccia Responsabile Istituzionali Italia Eurizon Capital Sgr Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset

Dettagli

Una nuova asset class per investitori qualificati. Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori

Una nuova asset class per investitori qualificati. Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori Mercato delle fonti energetiche rinnovabili INVESTIMENTI CAPITALE / CREDITO? INVESTITORI QUALIFICATI PLAYER INDUSTRIALI CARATTERIZZATI

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

21 Ottobre 2014. Gli attori della finanza Andrea Nascè

21 Ottobre 2014. Gli attori della finanza Andrea Nascè 21 Ottobre 2014 Gli attori della finanza Andrea Nascè Argomenti Classificazione degli attori e mappa ideale degli attori Focus su: 1. L investimento ad opera dei 2. Il finanziamento ad opera delle IMPRESE

Dettagli

LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE. Giancarlo Forestieri (Università Bocconi)

LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE. Giancarlo Forestieri (Università Bocconi) LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE Giancarlo Forestieri (Università Bocconi) AGENDA Un quadro d insieme I fattori di contesto I modelli di business tradizionali sono

Dettagli

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio.

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio. anno centodiciannovesimo esercizio Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013 esercizio CXIX 16. Il sistema finanziario Gli andamenti nell anno Nel il sistema finanziario

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Alla fine del 211 la ricchezza netta delle famiglie, ossia la somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie,

Dettagli

The Economics of Structured Finance. Economia delle scelte di portafoglio

The Economics of Structured Finance. Economia delle scelte di portafoglio The Economics of Structured Finance Economia delle scelte di portafoglio La finanza strutturata è il pooling di attività (e.g. prestiti, obbligazioni, mutui) e la conseguente emissione di trance con differenti

Dettagli

Private Banking e Fondi Immobiliari

Private Banking e Fondi Immobiliari 0 Private Banking e Fondi Immobiliari Il mercato dei fondi immobiliari Il mercato dei fondi immobiliari nel mondo e in Europa Nel 2005 il portafoglio dei gestori professionali ha superato gli 800 mld di

Dettagli

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII Relazione Annuale - Roma, 31 maggio 2007 anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO esercizio CXIII Relazione Annuale - Presentata all Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno 2006 - centotredicesimo esercizio

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 Funzioni della moneta Consideriamo i mercati della moneta e delle attività

Dettagli

Risparmio e Investimento

Risparmio e Investimento Risparmio e Investimento Risparmiando un paese ha a disposizione più risorse da utilizzare per investire in beni capitali I beni capitali a loro volta fanno aumentare la produttività La produttività incide

Dettagli

e arrivano le prime perdite

e arrivano le prime perdite e arrivano le prime perdite Con i prezzi delle case in ribasso, le banche che avevano concesso molti mutui subprime ora iniziano a registrare delle perdite sempre più grandi. Concessione del mutuo Pignoramento

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future European Payment Index 2013 Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future Intrum Justitia è il gruppo leader in Europa nei servizi di Credit Management Unica

Dettagli

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I Si propongono nel presente file alcuni esempi di domande estrapolate dagli esami assegnati negli anni accademici precedenti. Lo scopo di tali esemplificazioni non

Dettagli

Gli investimenti in titoli di capitale delle banche per Le società di assicurazione:

Gli investimenti in titoli di capitale delle banche per Le società di assicurazione: Gli investimenti in titoli di capitale delle banche per Le società di assicurazione: Il passaggio dalla crisi finanziaria al Nuovo contesto regolamentare Milan, 7 giugno 2010 GENERALI INVESTMENTS Generali

Dettagli

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Piano Economico Finanziario 2008 e previsioni anni 2009 e 2010 Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Indice Scenario & Previsioni PIANO ANNUALE 2008 1Fonti di finanziamento 2Impieghi 3Ricavi 4Costi

Dettagli

COSTI E BENEFICI DI GESTIRE UNA VALUTA INTERNAZIONALE

COSTI E BENEFICI DI GESTIRE UNA VALUTA INTERNAZIONALE COSTI E BENEFICI DI GESTIRE UNA VALUTA INTERNAZIONALE Pellini Stefania - Pupo Rosina -Tarantini Thomas Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Corso di Politica Economica Avanzato

Dettagli

Informazioni sulla soluzione delle crisi di Banca Marche, Banca Popolare dell Etruria e del Lazio, CariChieti e Cassa di Risparmio di Ferrara

Informazioni sulla soluzione delle crisi di Banca Marche, Banca Popolare dell Etruria e del Lazio, CariChieti e Cassa di Risparmio di Ferrara Informazioni sulla soluzione delle crisi di Banca Marche, Banca Popolare dell Etruria e del Lazio, CariChieti e Cassa di Risparmio di Ferrara Il Governo e la Banca d Italia, in stretta collaborazione e

Dettagli

Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali?

Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali? RESeT INTERNAZIONALE Vox STIJN CLAESSENS, NEELTJE VAN HOREN ED. IT. DI ALDO CARBONE 6 Dicembre 2014 Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali? La crisi finanziaria mondiale ha

Dettagli

La crisi finanziaria del 2007-2010

La crisi finanziaria del 2007-2010 La crisi finanziaria del 2007-2010 1 La cronologia Agosto 2007-Agosto 2008: il preludio alla crisi 31 luglio 2007: Bearn Sterns liquida due hedge funds (fondi speculativi) che investono in attività finanziarie

Dettagli

Il Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 18 Novembre 2014

Il Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 18 Novembre 2014 Il Rapporto sulla Stabilità Finanziaria Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia Università Bocconi, 18 Novembre 2014 Indice o La congiuntura o Il mercato immobiliare o I mercati finanziari

Dettagli

Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 12 Novembre 2015

Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 12 Novembre 2015 Rapporto sulla Stabilità Finanziaria Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia Università Bocconi, 12 Novembre 2015 Indice o I rischi macroeconomici o I rischi settoriali: famiglie e imprese

Dettagli

26/10/2010. I processi di finanziamento. Processi di finanziamento. Processi di gestione monetaria. FABBISOGNO di mezzi finanziari

26/10/2010. I processi di finanziamento. Processi di finanziamento. Processi di gestione monetaria. FABBISOGNO di mezzi finanziari 1. Pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziam. Processi di finanziamento 4. Rimborso dei finanziamenti I processi di finanziamento Processi economici di produzione 2. Acquisizione dei

Dettagli

SEDE DI CAGLIARI. Il credito all economia regionale: Il ruolo degli Intermediari e la nuova regolamentazione di settore

SEDE DI CAGLIARI. Il credito all economia regionale: Il ruolo degli Intermediari e la nuova regolamentazione di settore FORUM PERMANENTE SUL CREDITO E LA FINANZA II^ CONFERENZA REGIONALE SUL CREDITO E LA FINANZA PER LO SVILUPPO Il credito all economia regionale: Il ruolo degli Intermediari e la nuova regolamentazione di

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

U.D.A.I. - Unione Degli Avvocati d Italia Aderente alla Consulta per la Giustizia Europea dei diritti dell Uomo Sezione di Barletta Andria Trani

U.D.A.I. - Unione Degli Avvocati d Italia Aderente alla Consulta per la Giustizia Europea dei diritti dell Uomo Sezione di Barletta Andria Trani U.D.A.I. - Unione Degli Avvocati d Italia Aderente alla Consulta per la Giustizia Europea dei diritti dell Uomo Sezione di Barletta Andria Trani CONVEGNO NAZIONALE Crisi economica e mercato del credito:

Dettagli

BASILEA 2. La struttura generale dell accordo LE TAPPE PRINCIPALI

BASILEA 2. La struttura generale dell accordo LE TAPPE PRINCIPALI BASILEA 2 La struttura generale dell accordo Monica Malta LE TAPPE PRINCIPALI 1974 nasce il Comitato di Basilea dei Paesi del G10 1988 stipula dell accordo "Basilea 1 1996 modifica dell accordo 2001 1

Dettagli

Il Sistema Bancario Cinese

Il Sistema Bancario Cinese Il Sistema Bancario Cinese Andamento e prospettive delle banche domestiche Guido Masella Ambasciata d Italia Pechino 25 settembre 2007 cenni sulla struttura peculiarità evoluzione recente delle principali

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO TASSI/CEDOLE. Semestrale, al 01 maggio e 01 novembre sino al 01/11/2021 incluso. PREZZO/QUOTAZIONE

SCHEDA PRODOTTO TASSI/CEDOLE. Semestrale, al 01 maggio e 01 novembre sino al 01/11/2021 incluso. PREZZO/QUOTAZIONE Emittente Rating Emittente Denominazione delle Obbligazioni Codice ISIN Grado di Subordinazione del Prestito Autorizzazione all emissione Ammontare totale del prestito Valore Nominale e Taglio Minimo Periodo

Dettagli

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO?

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 478 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 24 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Una bolla pronta a scoppiare? Le parole di un esperto

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

BANQUE PRIVÉE EDMOND DE ROTHSCHILD EUROPE

BANQUE PRIVÉE EDMOND DE ROTHSCHILD EUROPE BANQUE PRIVÉE EDMOND DE ROTHSCHILD EUROPE Crisi dell Euro: il rischio bancario Giorgio Solcia Vicenza, 25 giugno 2012 Credenze incrollabili...crollate Gli immobili sono un investimento sicuro che non farà

Dettagli

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri 1 Risparmio e investimento Risparmio è l ammontare di reddito che non viene consumato. Si origina nelle famiglie

Dettagli

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato dei Fondi comuni di investimento mobiliare gestiti da ANIMA SGR S.p.A.

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato dei Fondi comuni di investimento mobiliare gestiti da ANIMA SGR S.p.A. Sistema Anima Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato dei Fondi comuni di investimento mobiliare gestiti da ANIMA SGR S.p.A. Linea Mercati Anima Liquidità Euro Anima Riserva Dollaro

Dettagli

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti alessandro.scopelliti@unirc.it 1. Le origini della crisi nel mercato subprime 2. Il processo di amplificazione della crisi finanziaria 3. L impatto della crisi del settore bancario

Dettagli