Art director: Massimo Cerasi Grafici: Donatella Quaranta, Carlo Alberto Torlai

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Art director: Massimo Cerasi Grafici: Donatella Quaranta, Carlo Alberto Torlai"

Transcript

1

2 Il presente lavoro, predisposto dalla Direzione Mercati e Risk Management dell ISMEA, propone una metodologia di intervento pubblico per gestire in modo coerente e sistematico le crisi di reddito che possono interessare le imprese agricole italiane. Il lavoro è stato progettato da Ezio Castiglione e coordinato da Raffaele Borriello. Hanno fatto parte del gruppo di lavoro: Filippo Arfini, Fabrizio De Filippis, Michele Donati, Corrado Giacomini e Andrea Stoppa. Art director: Massimo Cerasi Grafici: Donatella Quaranta, Carlo Alberto Torlai Questa ricerca è stata effettuata con il contributo del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Copyright 2007 Ismea, Roma 2 È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata, compresa la fotocopia, anche ad uso interno o didattico, non autorizzata.

3 Sintesi del rapporto L o studio presentato in questo rapporto illustra un potenziale meccanismo di intervento pubblico per gestire in modo coerente e sistematico le crisi di reddito che interessano le imprese agricole italiane. Il meccanismo è stato elaborato in modo da soddisfare i requisiti previsti dalla Comunicazione della Commissione al Consiglio relativa alla gestione dei rischi e delle crisi nel settore agricolo (Com(2005)74). In tale Comunicazione viene fornita una definizione di crisi di reddito e vengono indicate le caratteristiche affinché un sistema per la gestione di tali crisi risulti compatibile con le regole della Politica agricola comune e del WTO e in linea con la disciplina UE sugli aiuti di Stato in agricoltura. La categoria di reddito a cui viene fatto riferimento nello studio è il reddito lordo. Rispetto al reddito netto, il reddito lordo risulta meno influenzato dalle caratteristiche strutturali e patrimoniali dell azienda e dalle strategie adottate dell imprenditore, riflette quindi in modo più diretto l insorgenza di condizioni di crisi dovute a fattori esogeni comuni a tutte le imprese dell area o del settore considerato. Data la scarsa diffusione di riferimenti contabili nelle imprese agricole italiane, il meccanismo proposto si fonda sull analisi del Reddito lordo standard (RLS) elaborato dalla RICA (Rete d informazione contabile agricola). Al fine di migliorare la tempestività di determinazione del RLS di fonte RICA, tale base dati viene appositamente aggiornata e integrata. Per assegnare alle imprese il diritto a ricevere integrazioni in caso di crisi di reddito, il RLS aziendale dell anno in esame (RLS aziendale corrente) viene comparato con un reddito medio di riferimento (RLS aziendale di benchmark), rappresentato dalla media del RLS aziendale dei tre anni precedenti. L integrazione al reddito delle imprese viene erogata nel caso in cui la riduzione del RLS aziendale corrente rispetto al RLS aziendale di benchmark superi il 30%. L ammontare dell integrazione erogata non può andare oltre il 70% della riduzione rilevata. Tali condizioni soddisfano le indicazioni prescritte dal WTO per le misure non distorsive degli scambi e della produzione (scatola verde). Il processo di determinazione della riduzione del RLS aziendale è articolato in due fasi distinte: la fase di allerta e la fase di verifica. Nella fase di allerta vengono determinati il RLS corrente e di benchmark per ciascun processo produttivo a livello di area omogenea (ad es. il RLS della produzione di pesche nettarine in provincia di Ravenna o il RLS del frumento duro in Puglia). Il confronto fra il RLS corrente e di benchmark per processo produttivo permette di individuare la presenza di una potenziale situazione di crisi a livello di settore su 3

4 4 base territoriale. La fase di verifica, permette di riscontrare se, e in che misura, la crisi a livello di settore produttivo in una determinata zona si ripercuote sul reddito delle imprese. - Al termine della campagna produttiva, le imprese che hanno svolto le attività per le quali nella fase di allerta è stata segnalata una situazione di crisi nella loro area possono chiedere all amministrazione di riferimento la verifica del proprio reddito aziendale. Tale verifica viene eseguita ricostruendo il reddito aziendale in termini di RLS. - Il RLS aziendale è costituito dalla somma dei RLS dei diversi processi produttivi condotti in azienda. Il RLS dei processi produttivi per le diverse aziende viene ottenuto moltiplicando il RLS del processo nell area omogenea di appartenenza per la superficie investita o per il numero di capi allevati. - Se la riduzione del RLS aziendale corrente rispetto al RLS aziendale di benchmark dell azienda interessata è superiore al 30%, questa avrà diritto ad un integrazione del reddito in misura non superiore al 70% della riduzione registrata. - Il meccanismo proposto può operare attraverso l autocertificazione dell ordinamento colturale aziendale dell anno in esame, redatta dal conduttore al momento in cui viene richiesta l integrazione del reddito; oppure, tramite una dichiarazione resa ad inizio campagna in cui le imprese interessate a partecipare allo schema di stabilizzazione del reddito comunicano alla preposta amministrazione locale l ordinamento produttivo che intendono seguire. Nel primo caso viene privilegiata la semplicità amministrativa del meccanismo; nell ipotesi alternativa si tenta di porre l amministrazione al riparo da dichiarazioni fraudolente, volte ad ottenere l aiuto al reddito anche in assenza dell effettiva presenza di una situazione di crisi. Le risorse necessarie a finanziare lo schema proposto potrebbero derivare da uno dei cinque punti percentuali del prelievo effettuato sulle politiche di mercato della Pac attraverso la modulazione. Considerazioni sullo schema proposto: - il ricorso all utilizzo di dati standard permette di superare la carenza di dati contabili a livello aziendale e ha il vantaggio di utilizzare informazioni economiche che non possono essere manipolate dai produttori e che non risentono degli effetti di gestione dei processi produttivi nelle singole aziende; - la suddivisione dello schema nelle fasi di allerta e verifica permette di disporre di una fase di monitoraggio delle condizioni reddituali nei diversi settori produttivi a livello territoriale; tale articolazione permette inoltre di ridurre significativamente l impatto amministrativo della misura, in quanto la verifica della riduzione del reddito aziendale viene effettuata solo per le imprese che operano in uno dei settori per i quali la fase di allerta ha evidenziato una situazione di crisi;

5 - la soglia di riduzione del 30% rappresenta un livello di criticità elevato, soprattutto nel caso del reddito aziendale complessivo, per definizione meno variabile delle singole voci che lo compongono. Il meccanismo entra quindi in azione solamente negli effettivi casi di crisi riducendo l impegno finanziario necessario; - l effettiva applicabilità del sistema proposto è funzione della possibilità di aggiornare tempestivamente le basi dati Rica con informazioni statistiche raccolte a livello locale. Lo studio mette in evidenza come tale operazione appaia tecnicamente realizzabile, ma indica anche la necessità di verificarne la reale praticabilità nelle diverse realtà territoriali. Al riguardo, un efficace coordinamento fra amministrazioni locali e organismi di rilevazione risulterebbe determinante. 5

6 6

7 Indice 1. Introduzione 9 2. Il dibattito sulla gestione del rischio e delle crisi di mercato nella UE La Comunicazione della Commissione sulla gestione delle crisi e la tutela del reddito agricolo Le indicazioni della Comunicazione Il concetto di crisi La definizione di reddito da utilizzare nella rilevazione delle crisi La misura del reddito lordo aziendale Modello per la verifica dello stato di crisi per le aziende agricole italiane Un possibile schema per la determinazione dello stato di crisi Alcuni aspetti applicativi della determinazione del RLS di benchmark e del RLS corrente La dimensione territoriale Un esempio di determinazione dello stato di crisi La determinazione dello stato di allerta La verifica dello stato di crisi Conclusioni 33 Appendice 1: Il RLS nella RICA 35 A1.1 La struttura della RICA 35 A1.2 Metodologia di calcolo del RLS per processo 38 Appendice 2: Determinazione del RLS per i processi produttivi dell Emilia Romagna 43 A2.1 Il RLS per i prodotti vegetali 43 A2.2 Il RLS per la zootecnia 45 A2.3 Identificazione dei coefficienti di aggiornamento per i prezzi dei prodotti agricoli e per i costi di produzione e calcolo del RLS corrente per prodotto 49 Appendice 3: Regole Wto per la scatola verde 53 7

8 8

9 1. Introduzione L agricoltura è un attività rischiosa. Lo è come tutte le attività d impresa, ma lo è anche in misura maggiore, sia sul fronte produttivo che reddituale. Sul fronte produttivo, perché l agricoltura è, come si suole dire, una fabbrica a cielo aperto, nella quale i fattori climatici contribuiscono in misura rilevante alla quantità e alla qualità dei prodotti ottenuti e sono solo in minima parte sotto il controllo dell imprenditore. Sul fronte dei risultati economici dell impresa, l esposizione al rischio dipende essenzialmente dalla naturale tendenza alla variabilità dei prezzi dei prodotti venduti dagli agricoltori, frutto di una serie di fattori strutturali che dominano negativamente il mercato dei prodotti agricoli. Gli effetti negativi del rischio d impresa, in particolare del rischio di mercato, sono stati in passato in larghissima misura neutralizzati dall intervento della Politica agricola comune (PAC), che per anni ha sostenuto i ricavi degli agricoltori con un robusto sistema di prezzi garantiti ad un livello minimo relativamente alto e mediamente remunerativo, fornendo al contempo sbocchi sicuri per quantità quasi illimitate di prodotto. Come è noto, questo sistema di sostegno non è stato omogeneamente applicato a tutti i prodotti agricoli, tuttavia non è azzardato affermare che, grazie (o per colpa?) della PAC un paio di generazioni di agricoltori europei sono stati esposti al rischio di mercato in misura molto meno accentuata di quanto sarebbe accaduto in assenza dell intervento pubblico. Questo modello di agricoltura e di politica agraria, molto rassicurante ma anche altamente distorsivo e assai poco dinamico, è entrato in crisi irreversibile già nel corso degli anni novanta ed è poi definitivamente tramontato nei primi anni del nuovo secolo, sotto la spinta di due potenti fattori di cambiamento. Il primo fattore, certo il più potente, è l inarrestabile processo di globalizzazione che da circa un decennio sta investendo anche l agricoltura, assecondato e ratificato, più che determinato, dagli accordi di liberalizzazione commerciale che l UE ha sottoscritto e/o sta negoziando sia sul versante multilaterale (in seno all Organizzazione Mondiale del Commercio) che regionale (tra tutti, l area di libero scambio con i paesi mediterranei, che partirà nel 2010). Un processo di cui la liberalizzazione dei flussi di commercio di beni e la maggiore concorrenza di prezzo di paesi con costi di produzione più bassi rappresenta, per certi versi, la faccia più immediata, ma forse anche meno importante, rispetto ai ben più profondi effetti globalizzanti legati al movimento dei fattori di produzione ed alla reciproca contaminazione dei modelli economico-sociali. Il secondo fattore di cambiamento, più specifico, ma per l agricoltura altrettanto potente, è il processo di riforma che ha interessato la PAC negli ultimi quindici anni: 9

10 10 dalla riforma Mac Sharry del 1992, passando per Agenda 2000 del 1999, fino alla riforma Fischler del In particolare, con questa ultima riforma, che dal 1 gennaio 2006 è a regime in tutta Europa, si è chiuso il cerchio, con l introduzione del cosiddetto pagamento unico aziendale, completamente disaccoppiato dalla quantità prodotta, che sostituisce la quasi totalità dei vecchi aiuti della PAC legati alle diverse produzioni e che, soprattutto, non si affida più al sistema di prezzi minimi garantiti. Si tratta di un cambiamento che non è azzardato definire epocale, che sottrae il settore dalle acque tranquille di un sistema basato sui prezzi fissati dal mercato politico di Bruxelles e preventivamente annunciati ai produttori ad inizio campagna; e che invece, per così dire, lancia il settore e le sue fragili imprese nel mare aperto, nelle acque agitate dalla concorrenza e dalla globalizzazione, pur dotandole di un robusto salvagente rappresentato dal pagamento unico disaccoppiato,. Ed è proprio questo il punto, giacché in futuro le scelte produttive degli agricoltori europei non saranno più guidate da sussidi legati a questa o a quella produzione, ma da una valutazione basata sui conti colturali, sui costi e sui prezzi attesi e, dunque, sulla scommessa che sta dietro qualunque scelta imprenditoriale, per definizione associata all assunzione di rischio: quel rischio d impresa che, come si diceva all inizio, nel nuovo contesto determinato dagli effetti della liberalizzazione e della riforma della PAC si carica, oltre che del rischio produttivo (in termini di resa e di qualità del prodotto) del rischio di mercato, in termini di incertezza di sbocchi e di variabilità dei prezzi. Non sorprende, quindi, che anche in Italia l interesse per la gestione del rischio d impresa in agricoltura sia cresciuto sensibilmente negli ultimi anni, anche se il dibattito è rimasto in larga misura confinato all interno del tema pur importantissimo dei rischi produttivi. In particolare, ciò ha prodotto una significativa azione di riforma del sistema di solidarietà nazionale, progettato negli anni settanta del secolo scorso e ormai non più in linea con le attuali condizioni della finanza pubblica e con le esigenze del mercato. Tale riforma ha portato all adozione di un nuovo approccio nella filosofia di sostegno del Fondo di Solidarietà Nazionale (FSN) in cui l intervento, tradizionalmente basato sulla compensazione dei danni subiti, è stato orientato maggiormente verso strumenti per la gestione del rischio (polizze assicurative). Tale revisione è stata accompagnata dall introduzione di alcune novità quali, ad esempio, l armonizzazione dei testi normativi con le regole comunitarie, l istituzione del Piano assicurativo nazionale, il potenziamento degli incentivi per le polizze pluririschio e multirischio, la creazione del Fondo di Riassicurazione. Nonostante tali innovazioni, i cui frutti devono peraltro ancora manifestarsi pienamente, il sistema centrato sul Fondo di Solidarietà Nazionale non prevede la possibilità di interventi in caso di crisi di mercato e non esistono strumenti per la tutela diretta del reddito aziendale né di tipo pubblico né di tipo privato. In realtà, alcuni tentativi di introdurre tali meccanismi di salvaguardia sono stati compiuti. Con il decreto legge n. 280 del 2004, poi non convertito, il Governo aveva introdotto un meccanismo di sostegno per il quale la dichiarazione di grave crisi di

11 mercato, operata con decreto del Ministro delle politiche agricole e forestali, consentiva l attivazione delle procedure di sostegno compensativo già previste dall articolo 5 del decreto legislativo n. 102 del 2004 per le imprese agricole colpite da calamità naturale 1. La Commissione europea evidenziò immediatamente l incompatibilità della norma ed un successivo decreto legge, il n. 22 del 2005, convertito nella legge n. 71 del 29 aprile 2005, ripropose il sostegno alle imprese colpite da crisi di mercato, ma con riferimento alla riduzione del reddito aziendale. Anche tale provvedimento venne ritenuto dalla Commissione europea non conforme alla normativa comunitaria, tanto da indurre il legislatore nazionale a ricondurre, con il decreto legge n. 182 del 2005, convertito con modifiche nella legge n. 231 del 2005, i fondi destinati alle crisi di mercato allo strumento del de minimis 8. Le modalità proposte dall amministrazione italiana per dotare le imprese agricole di strumenti per la difesa dei redditi non sono state dunque accolte favorevolmente dalla Commissione; pare perciò necessario ricondurre il dibattito sulla gestione delle crisi di mercato e sulla tutela dei redditi agricoli nei confini di quanto effettivamente consentito dalla normativa comunitaria. Da un lato, per tentare, nei limiti del possibile, di sviluppare una riflessione nazionale che possa anche condizionare l evoluzione futura di tale normativa; dall altro, per essere comunque pronti a sfruttare le opportunità che essa potrà offrire per varare un sistema efficiente e moderno con cui fronteggiare le sempre più ricorrenti crisi di mercato, quali quelle del pomodoro da industria, delle pesche e dell uva da tavola - ma anche della questione avicola - nelle quali circostanze avverse ritenute fuori della ordinaria variabilità di mercato rischiano di mettere a repentaglio la stabilità delle imprese agricole e, talvolta, di intere filiere. La strada da seguire è certamente quella di partire dalla Comunicazione della Commissione al Consiglio relativa alla gestione dei rischi e delle crisi nel settore agricolo (Com(2005)74), un documento di indirizzo che rappresenta una novità di grande rilievo, per almeno due ordini di motivi: innanzitutto, perché prova a mettere ordine nel dibattito comunitario sulla gestione del rischio, inquadrandolo nel contesto della nuova Pac, basata sul sostegno disaccoppiato e sul riorientamento al mercato; inoltre, perché propone un approccio metodologico alla gestione del rischio di mercato di ampio respiro, finora affrontato solo parzialmente nella OCM carne bovina, fissando i paletti entro i quali affrontare la questione, in riferimento alla necessità di tutelare il reddito aziendale. In quest ottica, l obiettivo di questo studio è quello di inserirsi nella discussione promossa dalla Comunicazione della Commissione, cominciando ad esaminare i passi da compiere per concretizzare in possibili modelli applicativi le indicazioni che essa riporta. Inoltre, come si diceva, ciò potrebbe anche servire a rilanciare a livello comunitario il dibattito sul rischio in agricoltura dove, dopo una proficua fase di confronto e di elaborazione, la spinta propulsiva si va esaurendo. Lo studio si apre con una breve disamina del dibattito che ha portato la Commissione alla elaborazione della Comunicazione su rischi e crisi, per passare poi all analisi delle proposte che essa contiene, esaminando con particolare attenzione la defini- 11

12 zione di crisi, in riferimento alle differenze tra crisi di tipo congiunturale e crisi di tipo strutturale. Eventuali strumenti per la gestione delle crisi di mercato dovrebbero essere pensati, infatti, per tutelare situazioni critiche momentanee e non per tenere in vita sistemi produttivi fuori mercato 3. Esaminata la definizione di crisi di mercato, il documento prosegue valutando in che misura la proposta della Commissione possa costituire il presupposto ed il riferimento per mettere in campo nella realtà italiana un sistema per la tutela del reddito dei produttori. Lo studio analizza quindi la situazione italiana ed elabora un modello di intervento, mettendo in luce anche i possibili problemi applicativi che tale schema potrebbe incontrare. 1) Le produzioni colpite da grave crisi di mercato erano quelle «per le quali il prezzo medio unitario rilevato ai sensi dell articolo 127, comma 3, della legge 23 dicembre 2000, n. 388, su base mensile, sia inferiore del trenta per cento del prezzo medio unitario del triennio precedente.» 2) Il cosiddetto de minimis consente agli Stati membri la possibilità di intervenire a propria discrezione per sostenere i redditi delle aziende agricole entro un tetto massimo di spesa pari a euro per agricoltore in tre anni per un totale inferiore allo 0,3% del valore della produzione nazionale 3) Relativamente alla differenza tra crisi congiunturali e strutturali, il recente caso della filiera avicola appare paradigmatico: la riduzione della domanda di prodotti avicoli ed il conseguente crollo del prezzo di mercato di tali prodotti è palesemente attribuibile ad un fenomeno congiunturale, peraltro non prevedibile: il timore di contrarre l influenza aviaria attraverso il consumo di carne avicola. Una volta rientrato tale timore, non vi è ragione di ritenere che la domanda debba restare depressa. Mentre nel caso citato il carattere congiunturale della crisi è del tutto evidente, non sempre potrebbe essere altrettanto agevole (per questioni sia tecniche che politiche) riuscire a classificare le crisi in una delle due categorie. Questo è ovviamente un problema da tenere in considerazione e sul quale andrebbero forse investiti ulteriori sforzi di analisi per mettere a punto indicatori che permettano di definire le differenze fra i due tipi di crisi con la maggiore chiarezza possibile. 12

13 2. Il dibattito sulla gestione del rischio e delle crisi di mercato nella UE A partire dall inizio degli anni novanta la politica agricola comune (Pac) ha registrato una forte spinta al cambiamento che ha sensibilmente modificato i meccanismi di intervento pubblico in agricoltura e l ambiente economico di riferimento delle aziende agricole europee. La Riforma MacSharry del 1992 ha avviato un significativo processo di limitazione e riorientamento degli strumenti di garanzia, proseguito con la riforma del 1999 (Agenda 2000) e culminato nel 2003 con la Riforma Fischler che ha sancito il definitivo disaccoppiamento dei pagamenti dalla produzione. Il forte ridimensionamento dei meccanismi d intervento, la spinta all apertura delle frontiere UE e la riduzione degli aiuti specifici per coltura hanno aumentato il livello di concorrenzialità dei mercati nonché l influenza delle dinamiche internazionali sul mercato europeo. In questo ambito, il dibattito sulla gestione del rischio e delle crisi di mercato prende avvio dall esame delle modifiche che la Pac ha generato nel quadro economico di riferimento per le imprese agricole, ed in particolare in merito al grado di esposizione al rischio dell attività agricola (in termini di intensità, frequenza e varietà) e alla sua percezione nello svolgimento dell attività economica e produttiva. Tale constatazione appare ancora più rilevante alla luce delle numerose crisi di settore che hanno attraversato l Unione Europea a partire dalla fine degli anni novanta (BSE, polli alla diossina, influenza aviaria) che se, da una parte, hanno condotto alla definizione di un articolato corpus legislativo in materia di tutela della salute del consumatore, dall altra, hanno evidenziato la debolezza del comparto agricolo di fronte a improvvisi e violenti shock di mercato. A questo si aggiungono ulteriori fonti di incertezza per l agricoltore derivanti dai cambiamenti relativi al settore dei rischi tecnologici (ad es. gli OGM), alla percezione da parte dell opinione pubblica della questione ambientale, della sicurezza alimentare e al conseguente comportamento dei consumatori. Prendendo atto dei mutamenti dell ambiente economico, il dibattito comunitario sul rischio in agricoltura ha preso avvio dall individuazione delle fonti di rischio legate all attività agricola allo scopo di evidenziare i possibili strumenti da adottare nella loro gestione. La definizione di tali strumenti, tuttavia, oltre che dalle norme sulla concorrenza interna è condizionata dagli impegni sottoscritti dalla UE negli accordi WTO dell Uruguay Round che, seppur limitando il livello del sostegno interno per il settore primario, consente nell ambito della scatola verde l utilizzo di alcune misure a protezione del reddito agricolo purché non distorsive del commercio e senza supporto al prezzo di mercato e alla produzione 4. 13

14 Tabella Cronologia del dibattito sul rischio in agricoltura a livello UE Gennaio 2001 DG-Agri - Documento di lavoro DG AGRI Risk managment Tools for Eu Agriculture Marzo 2002 Consiglio UE (6270/02) - Memorandum presidenza spagnola su gestione dei rischi nel settore dell'agricoltura e dell'allevamento maggio 2002 Madrid - Conferenza internazionale assicurazioni agricole e garanzia dei redditi Maggio 2003 Consiglio UE (9023/03) - Memorandum presidenza greca su rischi naturali e le assicurazioni nel settore agricolo 6 giugno 2003 Salonicco - seminario su possibili interventi in caso di calamità naturali nel settore agricolo dicembre 2004 Conferenza su costi materiali ed immateriali della lotta contro le malattie animali Giugno 2003 Consiglio (dich. 163/03) - Conclusioni sulla riforma della PAC Dicembre 2003 Consiglio UE (14998/1/03) - Conclusioni del Consiglio Agricoltura Marzo 2005 Commissione UE - COM(2005)74 Comunicazione della Commissione al Consiglio relativa alla gestione dei rischi e delle crisi nel settore agricolo Documento di lavoro della Commissione Risk and crises management in agriculture (allegato alla COM (2005) 74) Il primo atto ufficiale che affronta in materia organica l argomento è il documento di lavoro della Commissione europea del 2001 (Risk Management Tools for EU Agriculture) 5. Tale documento affronta la materia delle assicurazioni agricole con un approccio puramente descrittivo. Dopo avere esaminato sinteticamente le diverse categorie di rischio, vengono passati in rassegna gli strumenti per fronteggiarli, le politiche pubbliche di sostegno e le esperienze dei principali Paesi europei e nordamericani. In merito agli strumenti assicurativi vengono fornite alcune valutazioni sui sistemi più avanzati adottati nella UE e negli altri Paesi, evidenziandone le differenze e le peculiarità. Successivamente alla pubblicazione del documento di lavoro del 2001, il dibattito si sposta a livello politico e, nel marzo 2002, la Presidenza spagnola del Consiglio dell UE trasmette al Consiglio un Memorandum sulle assicurazioni agricole nella gestione dei rischi nel settore dell agricoltura e dell allevamento nel quale si sottolineano i rischi e le nuove esigenze derivanti dall evoluzione della PAC (riduzione dei prezzi garantiti e fluttuazioni dei mercati), dall insorgenza di malattie, dalla crescente preoccupazione per le problematiche ambientali, dalla tracciabilità nel settore alimentare e dalle incertezze derivanti dai cambiamenti e dalle alterazioni climatiche. Le conclusioni del documento suggeriscono una gestione di tali rischi con meccanismi ex-ante che potrebbero contribuire a raggiungere gli obiettivi generali della PAC, valutando anche l opportunità di adottare una strategia comunitaria in materia. La discussione al Consiglio Europeo del Gruppo problemi agricoli orizzontali del 9 aprile 2002 evidenzia una posizione più prudente dei Membri del nord Europa rispetto ai Paesi del Mediterraneo, non escludendo, tuttavia, una compartecipazione tra settore pubblico e privato nella gestione di eventuali strumenti comuni. 14

15 Su questi temi il 13 e 14 maggio 2002 si svolge a Madrid una conferenza internazionale sul tema Assicurazioni agricole e garanzia dei redditi che invita a svolgere una riflessione sull opportunità di istituire un quadro comune di base per la gestione dei rischi allo scopo di determinare nuovi strumenti da integrare come complemento nella politica agricola comune da applicare dopo il A poco più di un anno di distanza, il 7 maggio 2003 anche la Presidenza greca presenta al Consiglio un Memorandum sui rischi naturali e le assicurazioni nel settore agricolo e, su tale materia, il 6 giugno 2003 si tiene a Salonicco un seminario per esaminare i possibili interventi in caso di calamità naturali nel settore agricolo. In tale occasione viene elaborato un documento che sviluppa le conclusioni elaborate dalla Presidenza spagnola, sottolineandone l assoluta priorità per il comparto agricolo, e individua due tipologie di misure comuni che possono contribuire direttamente alla stabilità dei redditi agricoli e/o che possono contribuire alla convergenza dei sistemi nazionali di protezione degli agricoltori contro i rischi naturali. Le prime sono intese a sviluppare il mercato assicurativo nel settore delle assicurazioni agricole mentre le seconde si concentrano sul miglioramento dell efficacia dell intervento statale in caso di catastrofi naturali. Le conclusioni del Consiglio del giugno 2003 sulla riforma della PAC includono una dichiarazione della Commissione nella quale si annuncia l esame di «misure specifiche per affrontare rischi, crisi e calamità a livello nazionale in agricoltura» e l impegno a valutare la possibilità di introdurre «il finanziamento di tali misure mediante un punto percentuale della modulazione direttamente ridistribuito agli Stati membri e l inserimento, in ciascuna organizzazione comune di mercato, di un articolo che autorizzi la Commissione ad agire in caso di crisi di portata comunitaria, sulla falsariga di quanto previsto in tale ipotesi dall organizzazione comune di mercato delle carni bovine» 6. All interno di un dibattito sulla gestione del rischio focalizzato principalmente sulle assicurazioni agricole, la dichiarazione della Commissione sottolinea il forte interesse a livello comunitario per il controllo delle crisi, individuando una possibile fonte di finanziamento e le modalità operative sul modello dell art. 38 del Reg.(CE)1254/99 7. Le conclusioni del Consiglio Agricoltura del dicembre 2003, svolto nel periodo di presidenza dell Italia, invitano la Commissione a: proseguire il dibattito sviluppatosi in ambito Ue circa l esigenza di individuare nuovi e più adeguati strumenti per la gestione dei rischi agricoli; aggiornare l inventario degli strumenti di gestione del rischio disponibili negli Stati membri; migliorare lo scambio di informazioni; esaminare diverse opzioni per la gestione del rischio (auto-responsabilizzazione del settore agricolo, evitando distorsioni della concorrenza); valutare le opportunità offerte dagli orientamenti comunitari in materia di aiuti di Stato. Il 15 e il 16 dicembre 2004 la Presidenza olandese del Consiglio approfondisce l analisi relativamente al settore zootecnico, organizzando una conferenza sui costi materiali ed immateriali della lotta contro le malattie animali. Dopo quattro anni di dibattito in materia di gestione del rischio in agricoltura, il 15

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con DECRETO 18 aprile 2016, n.4293 Ripartizione delle risorse del fondo per gli investimenti nel settore lattiero caseario ai sensi dell articolo 1, commi 214-217, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge

Dettagli

L ASSICURAZIONE CONTRO LE CALAMITA ED AVVERSITA ATMOSFERICHE

L ASSICURAZIONE CONTRO LE CALAMITA ED AVVERSITA ATMOSFERICHE Presidenza Tel. 080/ 574. 77. 30 Bari 11 settembre 2006 Direzione Tel. 080/ 574. 46. 52-574. 48. 80 Centro Oper. Prov. Tel. 080/ 574. 48. 26-574. 47. 33 Telefax 080/ 527.73.42 L ASSICURAZIONE CONTRO LE

Dettagli

Gestione del rischio

Gestione del rischio FORUM INTERNAZIONALE DELL AGRICOLTURA E DELL ALIMENTAZIONE POLITICHE EUROPEE SVILUPPO TERRITORIALE MERCATI Gestione del rischio Roberto D Auria Workshop su La nuova Pac - Un analisi dell accordo del 26

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Il futuro della PAC quali prospettive per le assicurazioni e fondi di mutualizzazione? Pasquale DI RUBBO Policy Advisor Trento 1 Aprile 2011

Il futuro della PAC quali prospettive per le assicurazioni e fondi di mutualizzazione? Pasquale DI RUBBO Policy Advisor Trento 1 Aprile 2011 Il futuro della PAC quali prospettive per le assicurazioni e fondi di mutualizzazione? Pasquale DI RUBBO Policy Advisor Trento 1 Aprile 2011 Che cosa sono il Copa e la Cogeca? Il Copa Gli agricoltori europei

Dettagli

Il fondo mutualistico: strumento per la gestione del rischio

Il fondo mutualistico: strumento per la gestione del rischio Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Convegno Assicurazioni e gestione del rischio in agricoltura: nuovi strumenti ed innovazioni operative Perugia 26 gennaio 2011 Il fondo mutualistico:

Dettagli

La Prospettiva Europea

La Prospettiva Europea Seminario sulle Assicurazioni in Agricoltura 29 Marzo 2004 La Prospettiva Europea Bruno Buffaria Commissione Europea Direzione Generale Agricoltura Dibattito a livello europeo 1999: Studio pubblicato dalla

Dettagli

AGEA AGEA. Dr.ssa Concetta Lo Conte Perugia, 26 gennaio 2010. Misure di sostegno all assicurazione sul raccolto

AGEA AGEA. Dr.ssa Concetta Lo Conte Perugia, 26 gennaio 2010. Misure di sostegno all assicurazione sul raccolto AGEA AGEA Dr.ssa Concetta Lo Conte Perugia, 26 gennaio 2010 Misure di sostegno all assicurazione sul raccolto 2 OPPORTUNITA ASSICURATIVE DAL 2010 assicurazione dei raccolti, degli animali e delle piante,

Dettagli

Il sistema assicurativo

Il sistema assicurativo Il sistema assicurativo Tipologie di rischio in agricoltura Strumenti per la difesa dai rischi Sistema assicurativo italiano Polizze multirischio Sistemi assicurativi di altri Paesi Tipologie di rischio

Dettagli

L utilizzazione dell art. 68 e la gestione del rischio nella nuova Pac

L utilizzazione dell art. 68 e la gestione del rischio nella nuova Pac Workshop Gli strumenti per l assicurazione del rischio di impresa nello scenario della nuova Pac L utilizzazione dell art. 68 e la gestione del rischio nella nuova Pac Roma, 3 marzo 2009 Angelo Frascarelli

Dettagli

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI 5.1.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 3/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 3/2008 DEL CONSIGLIO del 17 dicembre

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali IL MINISTRO Prot. 0008809 VISTO il decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 102 e successive modifiche, concernente interventi finanziari a sostegno delle imprese agricole; VISTI i Capi I, III e IV del medesimo

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto l'articolo 23 del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla

Dettagli

PSRN Programma di Sviluppo Rurale Nazionale

PSRN Programma di Sviluppo Rurale Nazionale PSRN Programma di Sviluppo Rurale Nazionale Gestione dei rischi in agricoltura - Assicurazioni del raccolto, degli animali e delle piante (art. 37 del Reg. Ue 1305/2013) Quadro d insieme A partire dal

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 Verso un utilizzo più strategico imparando dall esperienza maturata Roberto D Auria Mario Guido Gruppo di lavoro Competitività Roma, 28 ottobre 2013 L esperienza

Dettagli

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche INTERVENTI L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche di MAURIZIO CALELLO È arrivato a conclusione dopo un lungo e intenso lavoro il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali

Dettagli

Notizie dall Unione europea

Notizie dall Unione europea Commissione Speciale sui Rapporti con l Unione europea e sulle Attività Internazionali della Regione Notizie dall Unione europea 20 novembre 2006 La Commissione europea propone un divieto totale del commercio

Dettagli

ASSICURAZIONI AGRICOLE AGEVOLATE

ASSICURAZIONI AGRICOLE AGEVOLATE ASSICURAZIONI AGRICOLE AGEVOLATE I numeri della campagna 2011 I Fondi di mutualità Perugia, gennaio 2012 Il ruolo dell ISMEA per le assicurazioni agricole agevolate ISMEA realizza servizi assicurativi

Dettagli

PAC 2014-2020 LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA, TUTTE LE NOVITÀ PER IL 2015

PAC 2014-2020 LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA, TUTTE LE NOVITÀ PER IL 2015 Speciale n.4 PAC 2014-2020 LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA, TUTTE LE NOVITÀ PER IL 2015 Per la gestione del rischio in agricoltura il 2015 lo possiamo considerare l anno zero viste le tante novità.

Dettagli

GLI STRUMENTI PER LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA ESPERIENZE ESTERE E SISTEMA ITALIANO. Marzo 2009

GLI STRUMENTI PER LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA ESPERIENZE ESTERE E SISTEMA ITALIANO. Marzo 2009 GLI STRUMENTI PER LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA ESPERIENZE ESTERE E SISTEMA ITALIANO Marzo 2009 GLI STRUMENTI PER LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA ESPERIENZE ESTERE E SISTEMA ITALIANO CONTENUTI

Dettagli

Il ruolo degli investitori assicurativi verso un economia sostenibile

Il ruolo degli investitori assicurativi verso un economia sostenibile Il ruolo degli investitori assicurativi verso un economia sostenibile Sergio Paci Dipartimento di Finanza Responsabile Divisione Pensions and Insurance Carefin Roma, 4 novembre 2014 Assicurazione, sostenibilità

Dettagli

Osservazioni e proposte ANIGAS

Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 30/11 REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEL GAS NATURALE Proposte di revisione della deliberazione 6 settembre 2005, n. 185/05 Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 14 settembre 2011 Pagina 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

LE NUOVE MISURE DELLA GESTIONE DEI RISCHI PAOLA GROSSI

LE NUOVE MISURE DELLA GESTIONE DEI RISCHI PAOLA GROSSI LE NUOVE MISURE DELLA GESTIONE DEI RISCHI PAOLA GROSSI PRESIDENTE GRUPPO GESTIONE DEI RISCHI COPA-COGECA 1. QUALI I RISCHI PER UN IMPRESA AGRICOLA 2. PERCHE SOSTENERE LA GESTIONE DEI RISCHI 3. LE POSSIBILITÀ

Dettagli

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza Riferimenti normativi Articolo 20 lettera a) punto iv) ed articolo 24 Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 15 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue.

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue. OGGETTO: Programma nazionale di sostegno al settore vitivinicolo misura investimenti. Regolamento (CE) n. 1308/2013 articolo 50. Bando annualità 2016. DGR/CR n. 96 del 19/11/2015. NOTA PER LA TRASPARENZA:

Dettagli

Avversità atmosferiche e assicurazioni in agricoltura

Avversità atmosferiche e assicurazioni in agricoltura Avversità atmosferiche e assicurazioni in agricoltura Avversità atmosferiche INTRODUZIONE DEFINIZIONI PROCEDURA DI DELIMITAZIONE TIPOLOGIA AIUTI RICHIEDIBILI QUANDO SI PUO RICHIEDERE L AIUTO? ENTITÀDEGLI

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

2012/27/UE INTEGRARE EFFICIENZA ENERGETICA E CRESCITA

2012/27/UE INTEGRARE EFFICIENZA ENERGETICA E CRESCITA Le proposte degli Amici della Terra Italia sul recepimento della Direttiva 2012/27/UE INTEGRARE EFFICIENZA ENERGETICA E CRESCITA Un nuovo obiettivo di riduzione dell intensità energetica per coniugare

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1394 Seduta del 21/02/2014

DELIBERAZIONE N X / 1394 Seduta del 21/02/2014 DELIBERAZIONE N X / 1394 Seduta del 21/02/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE E di pochi giorni fa la circolare n. 51/E emessa dall Agenzia delle Entrate, con la quale si chiariscono i requisiti

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2113 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI VANNUCCI, BERSANI Agevolazioni per l arredo della prima casa di abitazione e dell ufficio,

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Manifesto CLASSIFICARE LA VULNERABILITA SISMICA DEI FABBRICATI

Manifesto CLASSIFICARE LA VULNERABILITA SISMICA DEI FABBRICATI Manifesto CLASSIFICARE LA VULNERABILITA SISMICA DEI FABBRICATI Come certificare la sicurezza e la sostenibilità del patrimonio immobiliare favorendo lo sviluppo economico BEN 7 MILIONI DI EDIFICI IN ITALIA

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI Norberto Arquilla * L analisi di ciò che è stato fatto, nel corso degli ultimi anni, per la fiscalità del settore del risparmio non

Dettagli

Allegato 11 Modello di Rapporto annuale di controllo

Allegato 11 Modello di Rapporto annuale di controllo Allegato 11 Modello di Rapporto annuale di controllo Modello di Rapporto annuale di controllo a norma dell articolo 62 par. 1, lettera d) punto i) del Regolamento (CE) n. 1083/2006 e dell articolo 18 paragrafo

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

CircolariABI 27.2. 2001 1. serie Legale n. 12. BILANCI BANCARI (pos. 1205)

CircolariABI 27.2. 2001 1. serie Legale n. 12. BILANCI BANCARI (pos. 1205) BILANCI BANCARI (pos. 1205) Bilanci delle banche con strumenti finanziari quotati sui mercati regolamentati Richiesta di informazioni ai sensi dell art. 114 del d.lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 Premessa La

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali COMUNICATO STAMPA CREDITO, CATANIA: NUOVI STRUMENTI PER L AGRICOLTURA ITALIANA Il nostro Paese sta attraversando una congiuntura difficile ed uno

Dettagli

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA a.a. 2009-2010 Facoltà di Economia, Università Roma Tre Archivio Statistico delle Imprese Attive (ASIA) L archivio è costituito dalle unità economiche che

Dettagli

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ISMEA Direzione Servizi di Mercato e Supporti Tecnologici Dr. Mario Schiano lo Moriello 1

Dettagli

Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società IV trimestre 2010

Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società IV trimestre 2010 8 aprile 2011 Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società IV trimestre 2010 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. +39 06.4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel.

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

Le opportunità della politica di sviluppo rurale

Le opportunità della politica di sviluppo rurale Le opportunità della politica di sviluppo rurale Fonte Inea Forme innovative di integrazione in agricoltura per favorire l insediamento dei giovani nel settore primario ) La politica di sviluppo rurale

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

I prezzi dei cereali in Italia

I prezzi dei cereali in Italia Workshop Prezzi agricoli ed emergenza alimentare: cause, effetti, implicazioni per le politiche I prezzi dei cereali in Italia Roma, 8 luglio 2008 Angelo Frascarelli Università degli Studi di Perugia angelof@unipg.it

Dettagli

Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti

Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti Deliberazione del 10 febbraio 1999 Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti LA COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Visto il decreto legislativo 21

Dettagli

Il sistema di consulenza aziendale e il nuovo PSR

Il sistema di consulenza aziendale e il nuovo PSR Il sistema di consulenza aziendale e il nuovo PSR Bari, 24 ottobre 2006 Massimiliano Schiralli Premessa Dalla riforma di medio termine della PAC al regolamento per lo sviluppo rurale approvato il 20 settembre

Dettagli

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Errore. L'argomento parametro è sconosciuto. Direzione Commercio Artigianato PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Sintesi dei risultati Maggio 2002 Piccolo, grande, nuovo.

Dettagli

Il Regime di Pagamento Unico. Simone Severini DAFNE Facoltà di Agraria Viterbo

Il Regime di Pagamento Unico. Simone Severini DAFNE Facoltà di Agraria Viterbo Il Regime di Pagamento Unico Simone Severini DAFNE Facoltà di Agraria Viterbo Riforma Fischler (2003) Motivazioni della riforma Allargamento dell UE del 2004 (15 25 Stati Membri): Nuovi SM: rapporto abitanti/agricoltori;

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO

LA GESTIONE DEL RISCHIO LA GESTIONE DEL RISCHIO NELLA NUOVA PAC: LO STRUMENTO PER LA STABILIZZAZIONE DEL REDDITO ROBERTO D AURIA www.ismea.it www.ismeaservizi.it TRENTO, 28/03/2014 REGOLAMENTO (UE) N.1305/2013 - SR 2014-2020

Dettagli

MAIS, SOIA E FRUMENTO NEL VENETO: DAL CAMPO AL MERCATO

MAIS, SOIA E FRUMENTO NEL VENETO: DAL CAMPO AL MERCATO MAIS, SOIA E FRUMENTO NEL VENETO: DAL CAMPO AL MERCATO In collaborazione con Università degli Studi di Padova Università degli Studi di Parma Università degli Studi di Verona Dipartimento Territorio e

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 155, FATTA A GINEVRA IL 22 GIUGNO 1981, E RELATIVO PROTOCOLLO, FATTO A GINEVRA IL 22 GIUGNO

Dettagli

ACCORDO QUADRO TRA L UFFICIO PARLAMENTARE DI BILANCIO (UPB) L ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA (ISTAT)

ACCORDO QUADRO TRA L UFFICIO PARLAMENTARE DI BILANCIO (UPB) L ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA (ISTAT) ACCORDO QUADRO TRA L UFFICIO PARLAMENTARE DI BILANCIO (UPB) E L ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA (ISTAT) PER DISCIPLINARE LA COLLABORAZIONE IN MATERIA DI MODELLI DI PREVISIONE MACROECONOMICA E MODELLI

Dettagli

Art. 2 Soggetti beneficiari

Art. 2 Soggetti beneficiari BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE ALLE IMPRESE COLPITE DALL ESONDAZIONE DEL FIUME SERCHIO NELLA PROVINCIA DI PISA Art. 1 Finalità

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli - Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli Roma 04 Dicembre 2012 1 Signor Ministro Passera, a nome mio e

Dettagli

La nuova Politica Agricola Comune (PAC)

La nuova Politica Agricola Comune (PAC) Argomenti trattati La nuova Politica Agricola Comune (PAC) Il percorso per giungere alla nuova PAC I principali elementi della discussione in atto Lo Sviluppo Rurale nella nuova PAC Spunti di riflessione

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 16 aprile 2014 Spett.le Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Direzione Osservatorio, Vigilanza e Controlli Piazza Cavour 5 20121 Milano Oggetto: Osservazioni al DCO AEEG

Dettagli

Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su. Infrastrutture, crescita e competitività

Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su. Infrastrutture, crescita e competitività Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su Infrastrutture, crescita e competitività Piero Casadio Confindustria, 15 dicembre 2011 1 Introduzione Il capitolo del Rapporto di Confindustria

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità aziendale Novembre 2013 Indice 1. Introduzione 2. La responsabilità della Direzione 3. La responsabilità del revisore 4. Gli indicatori per valutare la continuità

Dettagli

PROGETTO DI 18.05.2006 COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE. relativa alla revisione delle modalità di fissazione dei tassi di riferimento

PROGETTO DI 18.05.2006 COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE. relativa alla revisione delle modalità di fissazione dei tassi di riferimento IT PROGETTO DI 18.05.2006 COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE relativa alla revisione delle modalità di fissazione dei tassi di riferimento 1. TASSI DI RIFERIMTO E TASSI DI ATTUALIZZAZIONE Nell ambito del

Dettagli

Allegato alla DGR n. del

Allegato alla DGR n. del Accordo ai sensi dell art. 15 della legge n. 241/90 tra il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, la Regione Puglia e l'istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare (ISMEA)

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Oggetto: Linee guida per l attuazione da parte di Amministrazioni e altri soggetti diversi dal Ministero

Dettagli

Orientamenti dell Unione europea per gli aiuti di Stato nei settori agricolo e forestale 2014-2020

Orientamenti dell Unione europea per gli aiuti di Stato nei settori agricolo e forestale 2014-2020 Allegato alla Delib.G.R. n. 13/11 del 31.3.2015 Legge regionale 11 marzo 1998, n. 8, articolo 23. Aiuti per i danni alla produzione agricola. Nuove direttive di attuazione. 1. Quadro normativo Orientamenti

Dettagli

Indice. Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia. Premessa 14/10/2010

Indice. Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia. Premessa 14/10/2010 Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia Grano Italia, Bologna 30 settembre - 1 ottobre 2010 Aula Magna della Facoltà di Agraria Prof. Gabriele Canali SMEA, Alta Scuola

Dettagli

5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori

5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori 5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori Riferimenti normativi Articolo 20 lett. A) punto ii e Articolo 22 del Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 13 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori DOCUMENTO DI LAVORO

Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori DOCUMENTO DI LAVORO PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori 26.10.2009 DOCUMENTO DI LAVORO relativo alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

RACCORDO TRA LE SPESE IN CONTO CAPITALE REGISTRATE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI E NEI CONTI NAZIONALI ELABORATI DALL ISTAT

RACCORDO TRA LE SPESE IN CONTO CAPITALE REGISTRATE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI E NEI CONTI NAZIONALI ELABORATI DALL ISTAT RACCORDO TRA LE SPESE IN CONTO CAPITALE REGISTRATE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI E NEI CONTI NAZIONALI ELABORATI DALL ISTAT Da alcuni anni l ISTAT e il DPS hanno avviato un attività sistematica di raffronto

Dettagli

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002).

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002). Commissione Agricoltura Senato - Roma, 25 Luglio 2013 Presentazione ISA è una società di intermediazione finanziaria, partecipata al 100% dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf),

Dettagli

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010 DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010 Modalita' di applicazione della comunicazione della Commissione europea «Quadro temporaneo dell'unione per le misure di aiuto di Stato

Dettagli

L entità della risorse

L entità della risorse Per l Europa: Becker et al. (2010) mostrano che i sussidi europei hanno accelerato la crescita del PIL pro capite di circa 1-1,5 punti percentuali nel corso di un periodo di programmazione di 7 anni. Busillo

Dettagli

Esempio basato sullo schema di Scheda sintetica. SCHEDA SINTETICA Informazioni chiave per gli aderenti (in vigore dal ******)

Esempio basato sullo schema di Scheda sintetica. SCHEDA SINTETICA Informazioni chiave per gli aderenti (in vigore dal ******) Esempio basato sullo schema di Scheda sintetica OMEGA FONDO P E N S I O N E N E G O Z I A L E P E R I L A V O R A T O R I D E L S E T T O R E ALFA ( O M E G A ) iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LA NOZIONE E LE CARATTERISTICHE DELLA CONTABILITÀ ANALITICA...

Dettagli

Servizi di consulenza a favore delle aziende agricole Articolo 16. La misura persegue in particolare i seguenti obiettivi:

Servizi di consulenza a favore delle aziende agricole Articolo 16. La misura persegue in particolare i seguenti obiettivi: Misura Articolo e paragrafo del Regolamento (CE) n. 1698/2005 Codice Giustificazione Servizi di a favore delle aziende agricole Articolo 16 La crescente complessità tecnica delle diverse fasi dell attività

Dettagli

Legge federale sulla politica regionale

Legge federale sulla politica regionale Legge federale sulla politica regionale Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 103 della Costituzione federale 1 ; visto il messaggio del Consiglio federale del

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 1871 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore BARBOLINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 2 NOVEMBRE 2007 Misure in materia di sicurezza per le rivendite di generi

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione speciale dei prezzi

SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione speciale dei prezzi SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione speciale dei prezzi Indagine conoscitiva sulle determinanti della dinamica del sistema dei prezzi e delle tariffe, sull'attività dei pubblici poteri e sulle ricadute

Dettagli

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Intervento Convegno ANAV del 17 /2/2004. (Noleggio autobus ai sensi della l. 218/2003) Con la legge quadro n. 218/2003, entrata in vigore

Dettagli

Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014

Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014 Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA - DIPARTIMENTO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA

Dettagli

Cementir Holding: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati consolidati al 31 marzo 2015

Cementir Holding: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati consolidati al 31 marzo 2015 Cementir Holding: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati consolidati al 31 marzo Ricavi a 204,7 milioni di Euro (206,6 milioni di Euro nel primo trimestre ) Margine operativo lordo a 24,2

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Prot. N. 7103 del 31 marzo 2015 Avviso pubblico Presentazione di manifestazioni di interesse per l accesso ai benefici del Programma nazionale di sviluppo rurale 2014-2020, Misura 17 - Gestione dei Rischi,

Dettagli

Allegato 1 alla D.C. n. 15 del 22 dicembre 2008 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI

Allegato 1 alla D.C. n. 15 del 22 dicembre 2008 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI Allegato 1 alla D.C. n. 15 del 22 dicembre 2008 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI TITOLO I CRITERI GENERALI ART. 1 PRINCIPI 1. Il presente regolamento

Dettagli

DCO 656/2014/R/GAS Meccanismi regolatori di incentivazione per lo sviluppo di ulteriori prestazioni di punta da stoccaggio del sistema nazionale

DCO 656/2014/R/GAS Meccanismi regolatori di incentivazione per lo sviluppo di ulteriori prestazioni di punta da stoccaggio del sistema nazionale DCO 656/2014/R/GAS Meccanismi regolatori di incentivazione per lo sviluppo di ulteriori prestazioni di punta da stoccaggio del sistema nazionale Documento per la consultazione Milano, 19 gennaio 2015 1

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012 6 REGOLAMENTO REGIONALE 31 gennaio 2012, n. 2 Regolamento per la concessione di aiuti di importanza minore (de minimis) alle PMI e abrogazione dei Regolamenti Regionali n. 24 del 21 novembre 2008 e n.

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli