Politecnico di Milano. Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale. Anno Accademico Relatore: L. Di Renzo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Politecnico di Milano. Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale. Anno Accademico 2011-2012. Relatore: L. Di Renzo"

Transcript

1 Politecnico di Milano Anno Accademico Disciplina: Le altre criticità del Trasporto Aereo: l Emergency Response Plan (ERP) Relatore: Com.te L. Di Renzo 1

2 Statistiche Negli ultimi anni, abbiamo avuto una media di 1 incidente ogni 3 settimane Negli anni 80, 90 e 2000 la media di morti all anno è stata La causa primaria di incidenti (più dell 80%) è Human Error Il Maintenance Error è secondo solo al Pilot Error come causa di incidenti 2

3 3

4 INCIDENTE > e poi? 1. Investigazione (da parte delle Autorità) 2. Attivazione del Piano di Emergenza 4/116

5 INCIDENTE > Criticità 1. Che tipo di Investigazione? 2. Piano di Emergenza = Emergency Response Plan (E.R.P.), Contingency Plan, o Crisis Management Plan? 5/116

6 Reg. CE 996/2010 Articolo 20 Informazioni sulle persone (= LISTA PASSEGGERI) e sulle merci pericolose a bordo Articolo 21 Assistenza alle vittime di incidenti aerei e ai loro familiari 6

7 ERP - Gestione per professionisti: Perchè? N di incidenti per unità di tempo è in aumento Attitudine dei media Velocità della diffusione delle notizie nel mondo Velocità nella costruzione (influenza..) dell opinione pubblica Legislazione USA & Brasile era già in essere, EU e resto del mondo stanno seguendo Altissime aspettative del pubblico e delle Autorità possono causare il fallimento della Compagnia 7

8 Facts & figures: esempi PAN-AM/Lockerbie abitanti con soli 2 Hotels In 24 hours, oltre 1000 reporters nell area I familiari delle vittime furono alloggiati in hotels a Glasgow ed Edimburgo (+1 ora di macchina) Kenyons e lo staff di compagnia furono alloggiati a Carlisle (+ 2 ore di macchina) 8

9 Facts & figures: esempi TWA 800 ha generato telefonate nelle prime 24 ore. ha dovuto gestire 22 differenti enti Governativi (NTSB, DOT, FAA, Croce Rossa, FBI, Dept. of State, etc.) ha dovuto gestire più di 27 familiari per passeggero, che volevano andare sul luogo del disastro. Il 90 % dei familiari delle vittime voleva andare sul luogo del disastro. 9

10 Facts & figures: conseguenze Dall'incidente di Lockerbie, le associazioni di Familiari hanno cominciato una pressante attività di lobbing per fare approvare una legislazione in favore della verifica delle liste passeggeri e dell assistenza ai familiari delle vittime. La realtà ha evidenziato che, in un incidente major, potremmo avere sulla scena del disastro fino a giornalisti entro le 2 ore, che potrebbero arrivare a entro le prime 12 ore. 10

11

12 Emergency Management: cos è? Processi chiave: 1. Emergency Response (Crisis Management): - Orientato all Aeromobile (Crash site) - Attivazione Emergency Management - Struttura Emergency Management 2. Supporto ed Assistenza gestionale - Call-Centre (pax info. + assistenza) - Gestione dei centri / personale - Go-teams - Volontari x supporto famiglie/parenti 12

13 Emergency Management: cos è? 3. Verifica LISTA PASSEGGERI - integrazione con i partners - time constraints 4. Gestione Comunicazioni - coordinamento centrale - participazione, assistenza, coinvolgimento 13

14 Emergency Management: cos è? 5. Investigazione Incidente - Coinvolgimento in differenti tipi di "INVESTIGAZIONE" - participazione nell'investigazione "TECNICA" (?) 6. "Business Continuity Plan" - continuare e/o riprendere le operazioni 14

15 Provate ad immaginare cosa succederebbe e cosa fareste se un volo di compagnia da JFK a Napoli scomparisse, alle 01.31z, dai radar del controllo nei pressi di Halifax... 15

16 16

17 17

18 18

19 ...e se queste fossero le uniche cose recuperate dalla zona dell incidente aereo? 19

20 20

21 Familiari/Parenti ed Amici Ci sono risorse sufficenti per intervistare ed ottenere informazioni da queste persone?..e/o per assisterle mentre la persona cara viene identificata? 21

22 Alcune problematiche da gestire Bagagli, effetti Personali, Cargo, ecc. dal luogo del disastro. Cosa ci può essere in un bagaglio? Rimborsi immediati? Quanto? Se 2 passeggeri portano lo stesso valore? Se diverso? 22

23 Chi andrà a raccoglierli se la Polizia e/o le Autorità Locali non lo fanno?...e se la Polizia li ha presi ma non ne ha più bisogno per le indagini Chi li gestirà a nostro nome? 23

24 Chi li ripulirà e riparerà, e chi identificherà il legittimo proprietario? 24

25 Quale Compagnia crede che un incidente aereo potrebbe accadere anche a lei?...una compagnia che vuole sopravvivirere ad un incidente aereo! 25

26 IATA The danger of having the Company s reputation wounded, is greatest during the first hours Ci vogliono anni per creare una buona reputazione e soli pochi secondi per distruggerla IRRIMEDIABILMENTE! 26

27 CRISIS MANAGEMENT Aree di intervento Risposta organizzata Piano di comunicazione ASSIST Attivazione piano/ Esecuzione checklists Certificazione lista pax Gestione media HQ Apt Dep Apt Arr Apt Crash Go Teams Numero verde Web site 27

28 Definizione: che cos'è una CRISI? Una situazione anormale, o anche una PERCEZIONE, che è al difuori dello scopo delle attività quotidiane ma che MINACCIA Le Operazioni, La Safety, La Security La Reputazione...di una Organizzazione! 28

29 Elementi presenti in una Crisi Evento inaspettato (generalmente mortale, presunto tale, o di alto impatto emotivo) Confusione Rapida "escalation" degli eventi Problemi di Comunicazione Sconvolgimento della normali strutture organizzative Risorse isolate o non disponibili Tempi ridottissimi di "decision-making", con sconvolgimanto del suo normale processo Focalizzano l'attenzione dei Media Richiesta continua di informazioni 29

30 Nella pratica, un evento diventa CRISI quando: Rivelano gravi carenze/problemi nell organizzazione della Compagnia; Confermano o rafforzano l immagine negativa della stessa; Costringono i Media e/o le Autorità a mettere sotto la lente la compagnia; Le risposte pubbliche della Compagnia (o la loro mancanza) contrastano/sono ostili ai Media o ad altri Stakeholders chiave 30

31 Crisis Management: cos'è? Il processo con cui l'organizzazione gestisce un evento grave che minaccia, o rischia di danneggiare l'organizzazione, i suoi stakeholders, o la clientela/pubblico; ha un grande impatto (su tutto), e gli permette di cominciare il "recovery". I 3 principali elementi in molte definizioni di crisi sono: (1) minaccia all'organizzazione, (2) l'elemento sorpresa, e (3) tempi ridottissimi di decisione. 31

32 Perché è importante prepararsi per affrontare una situazione di Crisi? Per SOPRAVVIVERE alla crisi Normative internazionali lo impongono I migliori vettori mondiali lo fanno Soddisfare le aspettative del Pubblico Contenere le conseguenze legali e di immagine Continuare o riprendere, il prima possibile, le Operazioni (BCP = Business Continuity Plan) 32

33 Fasi del "Crisis Management" Le fasi critiche nella gestione operativa di una crisi sono: Pianificazione Identificazione Valutazione della Minaccia & del rischio Risposta Immediata Servizi di Emergenza "Containement" "Recovery" "Business continuity" 33

34 Critical Incident Management Plan Business Continuity Plan Emergency Mgt Plan Recovery Plan Activity Risk Management Process Emergency Response Continuity Response Recovery Response Time 34

35 "Crisis Management" : organizzazione (A) Conoscenza della propria Organizzazione (B) Formulazione di "Policy" interne (C) Pianificazione (D) Implementazione & Operazioni (E) Monitoraggio & Azioni Correttive (F) "Management review" 35

36 Obiettivi Strategici dell ERP Ridurre la tensione durante un incidente Dimostrare la determinazione e la competenza della Compagnia Controllare i flussi e l accuratezza delle informazioni Gestire efficacemente le RISORSE 36

37 Piani di Emergenza Le varie check-list contenute nel Piano di EMERGENZA devono essere utilizzate con costante attenzione alla Policy ed agli obiettivi della compagnia. La questione non è quindi esclusivamente tecnica (procedure, compiti, mansioni, ecc.) ma culturale.

38 Policy Le azioni ed i comportamenti successivi ad una situazione di crisi dovranno tenere conto innanzi tutto degli aspetti umanitari nei confronti di parenti ed amici delle persone coinvolte nell evento. Dovrà inoltre essere posta costante attenzione a tutti i risvolti legali e di immagine della compagnia.

39 Obiettivi Tattici 1. L' ERP deve essere in linea con le filosofie accettate a livello mondiale e sviluppato sullo SCENARIO CRITICO 2. Da implementare: piani particolareggiati, per ciascuno scalo della rete aziendale Check-lists interni di ogni singola funzione aziendale accordi con enti/organizzazioni esterni e con altre Compagnie Volontari ASSIST Piano di Crisis Communications 3. Addestramento > Esercitazioni > Aggiornamenti ERP 39

40 Evento Attivazione Perdita dell aeromobile e gravi danni alle persone o decessi Gravi danni all aeromobile e gravi danni alle persone o decessi Gravi danni all aeromobile e danni lievi o nulli alle persone Gravi danni alle persone o decessi e danni lievi all aeromobile Atti di pirateria aerea/ Unlawful Interferences (es: Hijacking, Bomba a bordo, ecc.) Danni lievi all aeromobile e danni nulli alle persone ma con classificazione accident/seriuos incident da parte delle Autorità Aeronautiche. Lievi danni alle persone e nessun danno all aeromobile. Gravi inconvenienti operativi/eventi di grande impatto sui Media/Pubblico (es: scioperi) Attivazione TOTALE Sala CRISI Relazioni Esterne Ops Volo ERC LCC ASSIST (if req.) Sala CRISI Relazioni Esterne

41 Accident Hijacking Serious Incident Anomalous Events OCC Business Continuity Plan OCC Crisis Unit Processo di allertamento tipo Emergency Response Plan Company Crisis Room ERC Emergency Response Centre Toll free number ASSIST Information technologies & Facilities Investigative Go-Team Safety & Security Depart & Arrival Airport/Station & apt. next to crash site Operating Centre of Allied Company (if Available) Response Go-Team Public Relations Media Eng. & Maint. Dept. Flight Operations Commercial Dept. & Tour Operators Administration, Finance & Insurance Legal Public Authorities Passenger List certification Unit Quality Manager 41

42 Processo di Gestione dell Emergenza Crisis Room ERC Emergency Response Centre Public Relations Company Dept./office Interior & Foreign Min. Crisis Units Investigative Go-Team Press, MEDIA KK Main Station LCC Local Dep/Arr Airport/Station Passenger List Certification Unit EPIC Airports Involved (if available) ASSIST Toll free number Call centre Response Go-Team Crisis Unit of each Company Dept/Body Consultants (if any) Allied Company if available / necessary C.R.I. E.O.S. Kenyon Blake Forensic Dept. Public Authorities (unless contacted by individual Dept.) 42

43 Gruppo Gestione Crisi Autorita' Ministeriali Gruppo Locale Periferico Autorita' Aeroportuali Servizi di Soccorso Assistenza ai Sopravvissuti Assistenza al GO-TEAM Assistenza alle famiglie

44 Certificazione Lista Passeggeri Departure Station: DCS data, Coupons/Boarding Cards Info forms: Toll-free number/call Centre Passengers List Certification Unit Crisis Room(s) Emergency Response Centre Pax Data: Frequent Flyers, Credit Cards, Electronic tickets, etc. Data gathered from Allied Companies Tour Operators Emergency Procedures Information Centre at each involved Airport 44

45 Priorità basilari ( min) Confermare i dettagli dell incidente ed aprire le linee di comunicazioni (telefoni APERTI!) Attivare le Check-list delle azioni immediate Prenotare/assicurare Hotac e le predisposizioni per le conferenze Predisporre la sicurezza (security) dei vari siti (se richiesto) Reperire, secure e fare copie di tutta la documentazione di volo Contattare lo Staff chiave (sistema in uso?)

46 Priorità basilari ( min) Allocare, Briefingare ed inviare nelle postazioni interessate il relativo Staff Staff di Compagnia presso il Centro di gestione emergenze delle Autorità Aeroportuali Invio Manutenzione presso il luogo dell incidente? Inviare il Personale di Compagnia, del GHA / altre Compagnie ai centri di raccolta accoglienza Il portavoce di Compagnia in Sala Stampa (o centro di coordinamento con la Stampa) Continuare ad aggiornare la Crisis Room/ERC con le info disponibili

47 Priorità basilari ( min) Soddisfare i bisogni immediati dei Sopravvissuti e dei Familiari Coordinare tutti i Centri coninvolti ed ottenere informazioni Cominciare la verifica e valutazione dei dettagli informativi sui passeggeri per emettere la lista Passeggeri ASAP! 47

48 COMUNICAZIONE in caso di CRISI 48

49 3 settembre 1998 In termini di sequenza degli eventi, ecco la nuova realtà da fronteggiare: il caso SWISSAIR, volo SR 111 da JFK precipitato ad Halifax ha fatto storia. 49

50 Perché gli eventi aeronautici Accadono senza preavviso 2. Possono essere catastrofici 3. Rafforzano la diffusa percezione che volare non è sicuro 4. Attirano i media in tutto il mondo 50

51 Sequenza tipica di interesse dei Media 1 giorno Scala del disastro Riporto dei testimoni I rottami ancora in fumo 2 Giorno Le vittime I parenti disperati 3 Giorno: cominciano le speculazioni! 51

52 On the air I primi Reporti ed Interviste in TV entro 15 minuti dall evento Gli Elicotteri (tempo permettendo ) lanciati entro 15 min. Le prime Interviste ai privati entro 30 min. Squadra al completo di persone sul sito entro 180 min. Trasmissioni al mattino, all ora di pranzo, alla sera, H24 I produttori TV, normalmente stabiliscono collegamenti diretti con i servizi di emergenza (vantaggio sulle Compagnie) 52

53 Quale è l interesse della stampa? Vendere i giornali che vuol dire anche catturare l interesse e l attenzione dei lettori con notizie sensazionali Ottenere risposte immediate a problemi complessi, cosa che contrasta con i tempi necessari per l accertamento dei fatti Se non ottengono le informazioni che vorrebbero speculano (e c è sempre qualcuno disposto ad aiutarli ) 53

54 Quale è l interesse della Compagnia? Che non venga negativamente influenzata nel pubblico la percezione del rischio Volo Che preconcetti e pregiudizi non portino ad enfatizzare alcuni eventi, ignorandone altri Che una riattaccata o un rientro al parcheggio non diventino terrore a bordo Che l interesse della stampa sia rivolto più al che cosa è accaduto piuttosto che al cosa sarebbe successo se. 54

55 Perché un piano per la comunicazione.. 1. Perché il caos e la complessità alimentano le speculazioni che, nella catena informativa, sostituiscono i fatti!! 2. Perché i Media sono onnipresenti ; non devono niente a nessuno; sono sempre predisposti a credere al peggio. 55

56 Perché un piano per la comunicazione.. 2. Perché i Media non dormono mai (è sempre prima serata da qualche parte) possono mandare in onda in pochi minuti immagini live da tutto il mondo hanno spazio e tempo illimitato sono più globali di qualsiasi Compagnia vogliono risposte immediate e sono quelli che definiranno l evento per il pubblico ( audience )!! 56

57 Perché un piano per la comunicazione e perché la loro prospettiva è che: tra incidenti gravi (mortali) e non, con l'aumentare del traffico aereo, il n di incidenti nell'unità di tempo aumenta (anche se il "RATEO" diminuisce!).. e quindi la SICUREZZA del VOLO fa sempre notizia ed è sempre da prima pagina. 57

58 La Crisis Communication : il VECCHIO modello 1. La comunicazione con i Media fatta solo dal centro (Top Management) 2. Allo Staff di Front-line era proibito parlare alla Stampa, specialmente in caso di Crisi 3. Estrema lentezza e cautela = assenza di informazioni - No comment 4. Focalizzato sul mercato nazionale 58

59 La Crisis Commnication : il NUOVO modello 1. Le attività di comunicazione sono coordinate dal centro 2. La responsabilità della risposta iniziale delegata anche al Front-line 3. Designare ed Addestrare i Managers di Front-Line come Portavoce 4. Organizzare la Compagnia per rispondere Rapidamente ed Efficacemente ovunque, ed in ogni momento! 59

60 La comunicazione sarà efficace se : Si è PREPARATI, che significa : AVERE UN PIANO PROVARLO APPLICARLO MODIFICARLO SE NECESSARIO Si è RAPIDI; Si mantiene la CALMA. 60

61 Comunicazione in caso di CRISI OBIETTIVI & PRIORITA Tattici del C.M. : 1. Aiutare i Media a focalizzarsi sui fatti e su ciò che la compagnia ha fatto bene; 2. Mostrare la compagnia come sicura, efficiente e attenta ai problemi delle persone (parlare in positivo ); 3. Non compromettere la fiducia della gente nella Compagnia. 61

62 Principi generali del C.M. Una Compagnia può avere il miglior piano del mondo, ma se questo non tiene conto della REALTA, può causare più problemi di quanti ne risolva. Ricordarsi sempre che: a. è una INVESTIGAZIONE b. non è un evento MEDIATICO c. le REALTA locali sono determinanti 62

63 a. E una INVESTIGAZIONE Un Incidente (Accident) è un evento in cui sono morte delle persone e l investigazione serve per prevenire futuri incidenti, partendo dall'identificazione delle "root causes". 63

64 b. Non è un evento MEDIATICO Chi si preoccupa di che cosa hanno bisogno o cosa vogliono i Media, basa la propria strategia sulla reazione che può quindi essere inappropriata, frenetica e confusa. 64

65 c. Prepararsi ad operare nelle varie realtà locali! In molte nazioni l inchiesta è un processo lineare e controllato. In tantissima altre hanno procedure più complicate, basate su criteri quali: politica, cultura, apertura mentale ed uno stile comunicativo proprio. 65

66 ATTORI del processo (1) Ci sono molte potenziali controparti in un incidente: ognuna ha un suo stile comunicativo ed ogni stile può avere un effetto diverso sull inchiesta. E cruciale per la Compagnia conoscere la potenziale informazione a loro disposizione e che direzione, tale informazione, può far prendere all inchiesta. 66

67 ATTORI del processo (2) chi si basa sui Fatti; i Politici; gli Opinion Leaders ; gli Emotivi ; i Sindacati; i Media

68 Livelli / Stili di Comunicazione Attori Investigatori Autorità Legali Familiari Media Domande / Interesse Responsabili, coinvolti, tecnici Responsabili, coinvolti, tecnici Chi testimonierà? Perché sono morti? Cosa è successo? 68

69 I DON Ts nel C.M. Non avere un messaggio (provato!) Speculare (supposizioni errate) Negare l evidenza e le responsabilità Panico Assenza di processo logico (es.: Relazioni Esterne slegate dall inchiesta) 69

70 I DO s nel C.M. Umanizzare; Essere parte del processo; Basso livello di expertise e rimando agli esperti; Dare i FATTI; Coinvolgimento Front-Line. 70

71 Esempi (1) TWA (B747-Esploso in volo) Mancata assistenza ai familiari delle vittime (>> ASSIST) EGYPTAIR (B767-precipitato in mare) Non preparata ad un inchiesta USA Mancato controllo della situazione Strategia inappropriata (+ contrasto e speculazioni con NTSB/FBI) 71

72 Esempi (2) AIR FRANCE (Concorde-Parigi) Aspetti negativi: Concorde - Processo Francese complicato Autorità di Governo Aspetti positivi: Incidente tecnico - Supporto in loco - Controllo iniziale anche della parte USA - Aderenza al processo investigativo - Gestione di Squadra 72

73 Comunicazione ben fatta.. 73

74 Lessons Learned 74

75 Lessons Learned Alaska 621 LAX Attivazione di 4 centri accoglimento familiari (LAX; SFO; SEA; EUG); Persone assistite inizialmente 90, cresciute fino a 600 dopo una settimana; Impiegati 400 volontari + Red Cross. 75

76 Lessons Learned Alaska - punti di forza Era stato fatto addestramento al personale; Erano stati fatti briefing periodici di aggiornamento ai 10 Top Executives; Entro 3 giorni sono stati distribuiti $ per famiglia. 76

77 77

78 Lessons Learned Thai Surat Thani Airbus 310; 11 dicembre 1998; Crash 2 km prima della pista al terzo tentativo di atterraggio in cattive condizioni meteo; 101 vittime e 45 sopravvissuti. 78

79 Lessons Learned Thai Surat Thani Certificazione lista passeggeri: Lista accettati inizialmente presa per corretta senza ulteriori verifiche; 3 pax avevano biglietti sotto altro nome; Alcuni no-show risultavano accettati; Alcuni nomi avevano errori di spelling; Molte famiglie thailandesi hanno appreso la notizia dalla TV, alcune famiglie straniere sono state avvertite 4 giorni dopo l evento. 79

80 Lessons Learned Thai Surat Thani Relazioni Esterne Gestione autonoma e scoordinata dei contatti con le famiglie; Autonoma assunzione di responsabilità per la notifica alle famiglie; Non tempestiva notifica ai media del numero verde; Rilascio di nominativi di pax ai media effettuato autonomamente. 80

81 Lessons Learned Thai Surat Thani Relazioni Esterne Rilascio di dati e informazioni personali senza coordinamento con la struttura che offriva assistenza alle famiglie; Pubblica dimostrazione di incompetenza, disorganizzazione, improvvisazione, scarsa professionalità. Risultato: pessimo ritorno di immagine 81

82 Lessons Learned Thai Surat Thani Aspetti assicurativi Scarso controllo delle spese e della gestione dei fondi; Tentativo di forzare la mano ai familiari con tentativo di conciliazione in tempi troppo ravvicinati; Mancanza di corretta gestione dell informazione alle famiglie sulle problematiche assicurative, i diritti delle vittime e loro familiari; Mancanza di informazioni sulla copertura delle spese mediche per i passeggeri ricoverati in ospedale. 82

83 Lessons Learned Thai Surat Thani Aspetti gestionali generali Mancata richiesta tempestiva di supporto professionale per pulizia e restituzione degli effetti personali; Difficoltà connesse alla gestione dei bagagli; Problemi legati alla notifica della notizia alle famiglie; Mancanza di manualistica; Mancanza di procedure consolidate; Mancanza di addestramento; Mancanza di esercitazioni; Ciò ha portato a improvvisazione, duplicazione di compiti e attività, mancanza di sistematicità nell intervento. 83

84 Lessons Learned SQ-006 Cronologia eventi Aereo decolla da pista chiusa Aereo si spezza in 3 prende fuoco 82 vittime (78 pax + 4 crew) 7 ore dopo incidente, 150 staff SIA del Team di Supporto sono in rotta da SIN a TPE. Volo Speciale organizzato da LAX a TPE per i famigliari 84

85 Lessons Learned SQ-006 LAX: Problematiche mal gestite Accoglienza e assistenza ai familiari; Gestione privacy familiari e pax: Percorsi alternativi Sale stampa Security per l hotel Gestione differenziata dei familiari dei deceduti e dei sopravvissuti Uso sale VIP / strutture alberghiere Rientro corpi / bare / urne dei pax deceduti; Security aeroportuale / security privata; Rientro dei sopravvissuti da Taipei: Problematiche doganali; Passaporti; Feriti / ustionati. 85

86 Lessons Learned MD 11 Swissair - SR 111 3/9/98 JFK-GVA TOB: 215 (Delta = 53, SR = 162, + 14 Crew) 23 nazionalità e 158 famiglie coinvolte Delta bloccò TUTTI gli Hotel di Halifax 1 Flt Crew e 55 Cabin Crew non abili al volo per trauma emotivo 86

87 Lessons Learned Events log 0018z decollo 0114z fumo in cockpit 0124z dichiarazione di emergenza 0131z l ATC perde il contatto radar 0230z IL TORONTO STAR AVVISA LA SWISSAIR 0238z controllo con ACARS conferma SR z CNN riporta l incidente 0300z Avvio dell E.R.P. di compagnia

88 ORA ZERO (03:00 Z) + 00:15 - MONCTON ATC CONFERMA + 00:30 - I CONTATTO CON DELTA - ATTIVATO NUMERO VERDE + 01:30 - TUTTI I MEMBRI CRISIS ALLERTATI + 02:00 - LA SWISSAIR CONFERMA LA NOTIZIA CON UN BREVE COMUNICATO STAMPA + 02:15 - VENGONO COMUNICATI ALLA STAMPA I NUMERI VERDI PER I FAMILIARI + 02:20 - VIENE INFORMATO NTSB + 02:50 - EMERGENCY COMMITEE DI ZRH COMPLETO Lessons Learned + 03:00 - PRIMA CONFERENZA STAMPA A ZRH (08:00 lt) 88

89 Lessons Learned + 04:00 - VENGONO PUBBLICATI EXTRA VOLI PER:. GVA PER LO STAFF DI SUPPORTO. HALIFAX PER GO-TEAM + 04:15 - DELTA PIANIFICA DUE EXTRA FLIGHTS PER SUPPORT STAFF + 05:30 - COMPLETATA VERIFICA LISTA PAX no survivors expected + 05:40 - VIENE CONSEGNATA LA LISTA PASSEGGERI ALLE AUTORITA + 07:30 - PRIMA CONFERENZA STAMPA A NEW YORK (sono le 05:30 l.t.) + 17:00 - DELTA OFFRE 100 CARE GIVERS PER SEPT :00 - VIENE RESA PUBBLICA LA LISTA DELLE VITTIME 89

90 Lessons Learned 04 SETT.: TRASFERITI AD HALIFAX (CON VOLI SPECIALI) FAMILIARI DA ZURIGO DA NEW YORK 5 SETT. : INVIATE LE CONDOGLIANZE DELLA COMPAGNIA A TUTTI I FAMILIARI 6 SETT. : RIENTRO DEI PRIMI 74 FAMILIARI DAL LUOGO DEL DISASTRO 14 SETT. : SI CHIUDE LA SALA CRISI (TRASFERIMENTO DELLE ATTIVITA DA COMPIERE ALLA POST EMERGENCY ORGANIZATION ) 90

91 Lessons Learned TELEFONATE IN ARRIVO NELLE PRIME 24 ORE: ATLANTA: (200 LINEE ATTIVATE) ZURIGO : (55 LINEE ATTIVATE) (TELEFONATE TOTALI ) 91

92 Lessons Learned DOPO UNA SETTIMANA SWISSAIR EFFETTUA UN CONTROLLO SULL ANDAMENTO DELLE PRENOTAZIONI: NESSUNA DIMINUZIONE ANZI Alcuni MEDIA esaltano l efficienza e la sensibilità della Compagnia MONTREAL 17/18 NOVEMBRE

93 Lessons Learned SAS - Milano Linate, 8/10/2001, MD Vittime sulla SAS 4 Vittime sul CESSNA 4 Vittime a terra SAS ha risposto prontamente dal momento che l incidente è accaduto in un giorno lavorativo SAS realizza immediatamente che non può permettersi di sbagliare: l impatto sui Media è enorme! SAS dovette decidere se mettere a terra l intera flotta Le procedure di emergenza della SAS coprivano solo le prime 24 ore ed i 14 giorni successivi. 93

94 Lessons Learned SAS ha dovuto richiedere l aiuto di qualsiasi partner/service provider: non potevano far fronte all emergenza da soli! Il coinvolgimento con le famiglie e la determinazione del TOP Management è stato vitale. SAS dichiarò che è stato fondamentale avere un unico collegamento con l area dell incidente. Una sola linea sempre aperta ed uno Staff dedicato. Emergency Response downgradato dopo 1 settimana. Emergency Centre chiuso, ma il Family Assistance Centre (FAC) e Media Response Centre attivato a piena capacità. A seguito del de-briefing, SAS aumenta la dimensione del Response Team da 400 a 800 persone. Per 6 mesi dopo l incidente, le relazioni con le famiglie è stata intensa e continua. 94

95 Lessons Learned SAS ha fornito assistenza legale gratuita alle famiglie. SAS ha messo su e gestito un database per le famiglie per contattarsi reciprocamente: importantissimo per formare l associazione dei famigliari delle vittime. SAS ha avuto specialisti per assistenza per problematiche culturali. Pagamento iniziale di $ per famiglia entro una settimana. 95

96 Lessons Learned SAS ha avuto staff dedicato per lavorare con il Team incaricato di identificare le vittime (dati ante-mortem dentali e medici) 6711 effetti personali recuperati. La maggior parte restituiti. SAS ha organizzato e presenziato a tutte le riunioni dell associazione famigliari (e continua a farlo!). Anniversario dopo 1 anno Cerimonia commemorativa a Milano. Costo totale di $ 500,000 incluso il trasporto dei famigliari (circa 1000 persone). Nell occasione SAS ha dichiarato che..loro ci saranno sempre per i famigliari ma in modo passivo. 96

97 Lessons Learned I Famigliari hanno detto della SAS: Voi avete trasformato una giornata miserevole in una giornata di dignità, rispetto, comunione e ricordo. Ora si può avere una nuovo approccio alla vita 97

98 Firestone (1978) Lessons Learned Firestone Tires (USA), although knowing that problems existed with some products, continued to sell faulty tires to the public. Many deaths resulted and Firestone eventually recalled over 7 million tires. Firestone did not respond well to the crisis. Lives were lost, the company s sales and share prices were crippled and their reputation destroyed Firestone failed to manage the crisis!!! 98

99 Lessons Learned Johnson & Johnson Media reported that Tylenol, a best selling product of the Pharmaceutical giant Johnson & Johnson, had been tampered-with (1982). Johnson & Johnson reacted promptly and honestly All Tylenol products were re-recalled Cyanide tablets had been inserted into Tylenol packs on Supermarket shelves deaths had occurred Public confidence had been damaged but was regained!!! CCTV caught the perpetrator. 99

100 Lessons Learned FEMA & Hurricane Katrina Katrina (2005) left over 1200 deaths and 1000 s homeless FEMA Federal Emergency Management Agency heavily criticised FEMA conducted a simulation 1 year earlier, but: The simulation was not followed-up Budgets were not allocated Work was not done Aid was not delivered as promised Despite planning, management was still inadequate FEMA Director forced to resign 100

101 Conclusione Ignorare il Problema non serve: non svanisce Possibile perdita di Vite umane Possibile perdita di mezzi di sussistenza Reputazione & fiducia distrutte Eventi da gestire con estrema cautela Condurre periodiche esercitazioni e "Follow-Up" Mantenere buoni rapporti con i Media e fornire loro appropriate informazioni 101

102 Emergency Response Plan When the time comes to use the plan, the time to plan is over Failing to plan, is planning to fail 102

103 Per concludere, senza... Comunicazione, Coordinazione & Cooperazione C è solo Caos, Crisi & Confusione Un efficace risposta richiede coordinazione tra molte Direzioni/Enti/Agenzie ed i rispettivi PIANI

104 Ma soprattutto La gente può dimenticare un incidente aereo, ma non dimenticherà mai una risposta negligente da parte della Compagnia e.. se pensate che la sicurezza sia costosa.. 104

105 ?????? Domande???? Grazie!

Emergency Response Planning in ambito industria aeronautica

Emergency Response Planning in ambito industria aeronautica CENTRO ALTI STUDI PER LA DIFESA Istituto Superiore di Stato Maggiore Interforze Emergency Response Planning in ambito industria aeronautica Com.te Enrico Della Gatta 07/09/2010 con la collaborazione di

Dettagli

Politecnico di Milano. Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale. Anno Accademico Relatore: L. Di Renzo

Politecnico di Milano. Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale. Anno Accademico Relatore: L. Di Renzo Politecnico di Milano Anno Accademico 2010-2011 Disciplina: Le altre criticità del Trasporto Aereo: l Emergency Response Plan (ERP) Relatore: Com.te L. Di Renzo 1 Statistiche Negli ultimi 3 anni, abbiamo

Dettagli

EVENT LEZIONE 11. IL RISK MANAGEMENT La gestione del rischio Il crisis management. Economia e organizzazione degli eventi.

EVENT LEZIONE 11. IL RISK MANAGEMENT La gestione del rischio Il crisis management. Economia e organizzazione degli eventi. LEZIONE 11 IL RISK MANAGEMENT La gestione del rischio Il crisis management Cristiano Habetswallner EVENT RISK MANAGEMENT IL RISCHIO E LA POSSIBILITÀ CHE ACCADA QUALCOSA CHE IMPATTI SUGLI OBIETTIVI DELL

Dettagli

comunicare la crisi >>>>

comunicare la crisi >>>> comunicare la crisi tutto può precipitare in una crisi Catastrofi naturali attentati incidenti scalate ostili trans-fotografie copertine black-out cadute di sistemi paralisi dei collegamenti mucca pazza

Dettagli

PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA WIN (WELLFARE DI INIZIATIVA).

PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA WIN (WELLFARE DI INIZIATIVA). PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA WIN (WELLFARE DI INIZIATIVA). Ing Paolo Neri 4 Settembre 2014 Associazione Vecchie e Nuove Povertà Empoli IL «PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA» Missione: favorire l uscita dal

Dettagli

Quando la sicurezza stradale è una priorità. ISO 39001 Road Safety Management System

Quando la sicurezza stradale è una priorità. ISO 39001 Road Safety Management System Quando la sicurezza stradale è una priorità. ISO 39001 Road Safety Management System ISO 39001: per una migliore gestione della sicurezza stradale Si stima che entro il 2030 gli incidenti stradali saranno

Dettagli

La gestione della crisi: CRM. G. Scagliarini

La gestione della crisi: CRM. G. Scagliarini La gestione della crisi: CRM G. Scagliarini Obiettivi Introdurre concetto di CRM Razionale della Simulazione Cosa hanno in comune aeronautica, anestesia e emergency medicine? Elementi comuni Alta complessità

Dettagli

LA CONTROVERSA DINAMICA dei soccorsi RELAZIONE FINALE ANSV

LA CONTROVERSA DINAMICA dei soccorsi RELAZIONE FINALE ANSV Linate 8 ottobre 2001 LA CONTROVERSA DINAMICA dei soccorsi RELAZIONE FINALE ANSV www.aerohabitat.org 1 SAFETY, CONFORMITA ICAO AerohabitatCentroStudi ha prodotto, tra l altro, numerosi documenti ed analisi

Dettagli

Recall and crisis management negli standard volontari di certificazione del settore alimentare

Recall and crisis management negli standard volontari di certificazione del settore alimentare Recall and crisis management negli standard volontari di certificazione del settore alimentare Maria Chiara Ferrarese Responsabile Divisione agro, food & packaging e Responsabile Progettazione e Innovazione,

Dettagli

CORSO BUSINESS CONTINUITY AND DISASTER RECOVERY MANAGEMENT LE 10 PROFESSIONAL PRACTICES

CORSO BUSINESS CONTINUITY AND DISASTER RECOVERY MANAGEMENT LE 10 PROFESSIONAL PRACTICES 1 CORSO BUSINESS CONTINUITY AND DISASTER RECOVERY MANAGEMENT Il corso è finalizzato a illustrare in dettaglio le competenze richieste al Business Continuity Manager per guidare un progetto BCM e/o gestire

Dettagli

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale Comune di Concorezzo Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale RELAZIONE D Mansionari Rev. 01 Sindaco V i g e r s r l Via Madonna del Noce 34 22070 Grandate (CO) Tel. (031) 564 933 Fax (031) 729 311

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Self Booking on line by e-travel Management. L importanza di un On Line Booking Tool Tailor Made, come leva per ridurre i costi dei viaggi

Self Booking on line by e-travel Management. L importanza di un On Line Booking Tool Tailor Made, come leva per ridurre i costi dei viaggi Self Booking on line by e-travel Management L importanza di un On Line Booking Tool Tailor Made, come leva per ridurre i costi dei viaggi Self Booking: cos è? È la soluzione web based che permette direttamente

Dettagli

La soluzione intelligente per gestire la vostra flotta taxi

La soluzione intelligente per gestire la vostra flotta taxi La soluzione intelligente per gestire la vostra flotta taxi Dite addio ai vostri vecchi terminali di bordo, alle ore passate vicino alle colonnine in attesa di una chiamata, alle polemiche con i colleghi

Dettagli

Contaminazione dei Prodotti

Contaminazione dei Prodotti Response XL Italia XL Group Insurance Contaminazione dei Prodotti 2 01 Introduzione 02 Response XL il nostro network, il nostro approccio 03 Servizio di consulenza per la gestione delle crisi e dei rischi

Dettagli

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO Data: Ottobre, 2013 UniCredit Group - Public MISSION E AMBITO DI COMPETENZA L Internal Audit è una funzione indipendente nominata dagli Organi di Governo della Società ed è parte

Dettagli

DONAZIONE e TRAPIANTO di ORGANI e di TESSUTI

DONAZIONE e TRAPIANTO di ORGANI e di TESSUTI DONAZIONE e TRAPIANTO di ORGANI e di TESSUTI A cura del Coordinatore Locale Donazione e Trapianti Asl 1 dott. Ezio Szorenyi I TRAPIANTI NON ESISTONO SENZA DONAZIONI Ad oggi non è possibile sostituire un

Dettagli

Media Office Coordinator

Media Office Coordinator TERMINI DI RIFERIMENTO RUOLO: AREA/DIPARTIMENTO: SEDE DI LAVORO: Media Office Coordinator Marketing e Comunicazione Divisione Comunicazione Media and Celebrities Department Save the Children Italia Onlus

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE.

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE. I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE. 1 Nel panorama legislativo italiano la Salute e la Sicurezza sul Lavoro sono regolamentate da un gran numero di

Dettagli

Come operare in sicurezza al CSCS

Come operare in sicurezza al CSCS Come operare in sicurezza al CSCS Cosa fare in caso di emergenza Sicurezza, salute e ambiente (Sicherheit, Gesundheit und Umwelt SGU) 2 Indice Introduzione... 5 Segnalazioni emergenze concetti di base...

Dettagli

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica.

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica. IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA Ogni decisione sul da farsi viene presa dal leader. Tutte le cose da farsi

Dettagli

www.learningschool.it

www.learningschool.it Piano di Formazione Scuola Vendite Progetto Finanziato dal Fondo Coordinato da e Informazioni: Gli ultimi 2 anni, causati dalla profonda crisi economica internazionale, hanno visto un rallentamento del

Dettagli

Salute e sicurezza: una priorità per tutte le organizzazioni. Lo standard OHSAS 18001 può aiutarvi a gestire al meglio i rischi.

Salute e sicurezza: una priorità per tutte le organizzazioni. Lo standard OHSAS 18001 può aiutarvi a gestire al meglio i rischi. Salute e sicurezza: una priorità per tutte le organizzazioni. Lo standard OHSAS 18001 può aiutarvi a gestire al meglio i rischi. BSI vi aiuta a gestire i rischi e ad accrescere il benessere aziendale.

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Per offrire soluzioni di Risk Management

Per offrire soluzioni di Risk Management REAL LOGISTICA ESTATE per consulting è la società di consulenza del gruppo per che opera nell ambito del Risk Management. I servizi offerti, che vanno dall Analisi del rischio al Disaster Recovery Plan,

Dettagli

Informativa Privacy ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003

Informativa Privacy ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003 Informativa Privacy ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 (codice in materia di protezione dei dati personali) prevede la tutela delle

Dettagli

Premessa... 1. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4

Premessa... 1. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4 Sommario Premessa... 1 Fasi del processo... 3 Zone di rischio... 4 Premessa Le tecnologie informatiche hanno rivoluzionato da tempo il modo in cui lavorano le aziende e le organizzazioni in genere. Gestire

Dettagli

IL MESTIERE DEL SECURITY MANAGER. Alessandro Lega, CPP Senior Security Consultant

IL MESTIERE DEL SECURITY MANAGER. Alessandro Lega, CPP Senior Security Consultant IL MESTIERE DEL SECURITY MANAGER Alessandro Lega, CPP Senior Security Consultant Cercheremo di arrivare alla definizione del ruolo e del profilo che meglio descrivono il mestiere del Security Manager tramite

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI FOSSOMBRONE A.P.S. AREA 3 Attività Emergenza

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI FOSSOMBRONE A.P.S. AREA 3 Attività Emergenza CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI FOSSOMBRONE A.P.S. AREA 3 Attività Emergenza Corso per aspiranti volontari C.R.I. CROCE ROSSA ITALIANA AREA 3 Attività Emergenza a cura del VOLONTARIO Sandrino Guidarelli

Dettagli

vertours for business

vertours for business vertours for soddisfiamo le tue esigenze Holidays Incoming Events Business il gruppo vertours > Fondato nel 1949 a Verona > Oggi alla terza generazione in azienda > Un team operativo consolidato di 25

Dettagli

XXVII Convegno Nazionale di IT Auditing, Security e Governance Innovazione e Regole: Alleati o Antagonisti?

XXVII Convegno Nazionale di IT Auditing, Security e Governance Innovazione e Regole: Alleati o Antagonisti? XXVII Convegno Nazionale di IT Auditing, Security e Governance Innovazione e Regole: Alleati o Antagonisti? L innovazione applicata ai controlli: il caso della cybersecurity Tommaso Stranieri Partner di

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER Indice INTRODUZIONE... 3 CF1 - SVILUPPARE IL CASO PER IL FUNDRAISING... 4 CF 1.1 : INDIVIDUARE LE NECESSITÀ DI FUNDRAISING DI UN ORGANIZZAZIONE NONPROFIT;...

Dettagli

Cosa significa misurare una strategia Riflessioni e pratiche dal mondo dell impresa. Andrea Manfredi Roma, 25 Novembre 2013

Cosa significa misurare una strategia Riflessioni e pratiche dal mondo dell impresa. Andrea Manfredi Roma, 25 Novembre 2013 Cosa significa misurare una strategia Riflessioni e pratiche dal mondo dell impresa Andrea Manfredi Roma, 25 Novembre 2013 Contenuti del documento SuperMoney Media Group Blasting News Cosa significa misurare

Dettagli

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Al verificarsi di un evento a carattere sovracomunale (Tipo B), o di un evento che interessa un singolo Comune ma che il Comune stesso

Dettagli

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Introduzione alla ISO 27001 La metodologia Quality Solutions Focus on: «L analisi

Dettagli

In caso di catastrofe AiTecc è con voi!

In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In questo documento teniamo a mettere in evidenza i fattori di maggior importanza per una prevenzione ottimale. 1. Prevenzione Prevenire una situazione catastrofica

Dettagli

SERVIZI PMI. Project management outsourcing. Business Impact Analysis (BIA) Disaster Recovery Plan Design (DRP)

SERVIZI PMI. Project management outsourcing. Business Impact Analysis (BIA) Disaster Recovery Plan Design (DRP) SERVIZI PMI Project management outsourcing La vita (dell IT) è quella cosa che succede mentre siamo impegnati a fare tutt altro e quindi spesso capita di dover implementare una nuova piattaforma applicativa,

Dettagli

Agenzia Regionale di Protezione Civile &!!

Agenzia Regionale di Protezione Civile &!! Agenzia Regionale di Protezione Civile!!!"#$ % &!! '()* &+#),) Ascoltiamo un po. Parole chiave di Velasco Motivazione Mentalità vincente Esercizio Impegno Adattamento Flessibilità Punti in comune. Quali

Dettagli

Soluzioni per la tua crescita

Soluzioni per la tua crescita Soluzioni per la tua crescita Sviluppiamo il tuo business Una storia di successi Co.Mark nasce a Bergamo nel 1998 come studio di consulenza professionale nel campo dei servizi di temporary management per

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Comune di ROCCAFRANCA (BS) Piano di Emergenza Comunale

Comune di ROCCAFRANCA (BS) Piano di Emergenza Comunale R1 RISCHIO VIABILISTICO R1.1 Incidente stradale Descrizione: SCHEDA SCENARIO La protezione civile interviene nel caso di incidenti di vaste proporzioni che possono avere ricadute sulla popolazione o sull'ambiente.

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

Nella Mia Città si Respira!

Nella Mia Città si Respira! Nella Mia Città si Respira! Un Programma Scolastico per le Scuole Medie Superiori della Provincia di Torino Unità didattica 11 La Pianificazione della Mobilità in città: misure di sostegno alla mobilità

Dettagli

SSEP Il Servizio di Supporto nell Emergenza Psicosociale In Croce Rossa

SSEP Il Servizio di Supporto nell Emergenza Psicosociale In Croce Rossa SSEP Il Servizio di Supporto nell Emergenza Psicosociale In Croce Rossa Il Servizio di Psicologia SSEP: Squadre di Soccorso per l Emergenza Psicologica Servizio di Supporto per l Emergenza Psicosociale

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO GAS Versione 0.0 del 01.07.2011 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA Evento: Guasto o rottura con

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

Un azienda di qualità ISO 9001, lo standard più diffuso al mondo

Un azienda di qualità ISO 9001, lo standard più diffuso al mondo Un azienda di qualità ISO 9001, lo standard più diffuso al mondo BSI aiuta le organizzazioni a raggiungere l eccellenza. BSI aiuta a migliorare le organizzazioni per farle crescere e funzionare al meglio.

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

Adotta anche Tu una legge per i bambini di Haiti. Presenta. Modificare la legge sulle adozioni e adottare in via d emergenza i

Adotta anche Tu una legge per i bambini di Haiti. Presenta. Modificare la legge sulle adozioni e adottare in via d emergenza i Adotta anche Tu una legge per i bambini di Haiti Presenta Modificare la legge sulle adozioni e adottare in via d emergenza i bambini dei paesi devastati da terremoti e altri disastri. Perché? Il terremoto

Dettagli

PROCEDURA. Comune di S. Rocco al Porto Ufficio di Protezione Civile GESTIONE DEGLI EVACUATI NEI CENTRI DI ACCOGLIENZA DURANTE LE EMERGENZE

PROCEDURA. Comune di S. Rocco al Porto Ufficio di Protezione Civile GESTIONE DEGLI EVACUATI NEI CENTRI DI ACCOGLIENZA DURANTE LE EMERGENZE Comune di S. Rocco al Porto Ufficio di Protezione Civile Stesura Bozza: Maggio 2001 (Gruppo di Lavoro S. Rocco + CRI di Lodi) 1 Verifica: 13 Ottobre 2001 PROCEDURA GESTIONE DEGLI EVACUATI NEI CENTRI DI

Dettagli

L'analisi del fenomeno della violenza attraverso le rilevazioni dell'istat

L'analisi del fenomeno della violenza attraverso le rilevazioni dell'istat L'analisi del fenomeno della violenza attraverso le rilevazioni dell'istat Maria Giuseppina Muratore Pisa, 26 novembre 2013 Gli omicidi di donne: un quadro costante nel tempo Gli omicidi risultano in forte

Dettagli

ATTIVAZIONE DELLE ALLERTE

ATTIVAZIONE DELLE ALLERTE Come si applica: ATTIVAZIONE DELLE ALLERTE Ogni volta il Servizio Dipartimentale ASL disponga di informazioni relative alla presenza di un rischio grave per la salute umana, animale o per l ambiente, l

Dettagli

Applicazioni Verticali Emergency Solutions

Applicazioni Verticali Emergency Solutions Applicazioni Verticali Emergency 1 Comunicare in situazioni estreme Durante la predisposizione di un piano di Protezione Civile, risulta di fondamentale importanza, unitamente alla predisposizione di mezzi

Dettagli

ADDESTRAMENTO. Accredited School

ADDESTRAMENTO. Accredited School 1 ADDESTRAMENTO Accredited School Tutte le normative che disciplinano il trasporto di merci pericolose, per aereo, strada e mare, impongono oramai che tutto il personale coinvolto nelle spedizioni di dette

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - IMPIEGATO SERVIZI MARKETING E COMUNICAZIONE - DESCRIZIONE

Dettagli

La miopia organizzativa

La miopia organizzativa Miopia Organizzativa: Incertezza e Previsione nelle Organizzazioni Maurizio Catino Università di Milano - Bicocca La miopia organizzativa L incapacità a tutti i livelli (individuale, organizzativo, interorganizzativo)

Dettagli

motivare ed incentivare il personale di front line;

motivare ed incentivare il personale di front line; Quality Training e Valore Impresa srl, società di consulenza specializzate nel campo della Customer Satisfaction, del Front Line Management e del Trade Marketing, mettono a frutto le loro competenze per

Dettagli

Proteggere il proprio business. ISO 22301: continuità operativa.

Proteggere il proprio business. ISO 22301: continuità operativa. Proteggere il proprio business. ISO 22301: continuità operativa. Perché BSI? Grazie allo standard ISO 22301 l azienda può restare sempre operativa. La competenza di BSI in quest ambito può trasformare

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO

PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO REDAZIONE DI PIANO COMUNALE DI EMERGENZA TOMO 3 : RISCHIO INCENDI DI INTERFACCIA TOMO 4 : RISCHIO SISMICO TOMO 5 : RISCHIO NIVOLOGICO MARZO 2014 1 Indice TOMO

Dettagli

Il costo d impresa nel non fare relazioni pubbliche in un periodo di crisi

Il costo d impresa nel non fare relazioni pubbliche in un periodo di crisi Il costo d impresa nel non fare relazioni pubbliche in un periodo di crisi Toni Muzi Falconi Methodos SpA New York University Firenze, 17 maggio 2009 Alla fine del secolo scorso lo sviluppo delle nuove

Dettagli

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Convegno sulla Sicurezza delle Informazioni La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Giambattista Buonajuto Lead Auditor BS7799 Professionista indipendente Le norme

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE S.M.O.M.

REGOLAMENTO GENERALE S.M.O.M. PREFAZIONE L associazione SMOM è un luogo, un punto d incontro di sensibilità e progettualità comuni, a sostegno della riduzione delle disparità sociali esistenti fra i popoli. Quindi per il diritto alla

Dettagli

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi _NICOLA COMODO Dipartimento di Sanità Pubblica Università degli Studi di Firenze L IL RUOLO DELLA SANITA PUBBLICA NELLE GRAVI EMERGENZE LA SORVEGLIANZA

Dettagli

Reputation Day. Come governare e influenzare le informazioni in rete

Reputation Day. Come governare e influenzare le informazioni in rete Come governare e influenzare le informazioni in rete 2014 The European House - Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Questo documento è stato ideato e preparato da TEH-A per il cliente destinatario;

Dettagli

Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE

Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE FORUMPA SANITA' 2001 Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: VERSO UN DISTRETTO FORTE Amministrazione proponente:

Dettagli

Condizioni di contratto ed al tre informazioni importanti

Condizioni di contratto ed al tre informazioni importanti Condizioni di contratto ed al tre informazioni importanti CONDIZIONI DI CONTRATTO ED ALTRE INFORMAZIONI IMPORTANTI SI INFORMANO I PASSEGGERI CHE EFFETTUANO UN VIAGGIO CON DESTINAZIONE FINALE O UNO STOP

Dettagli

TURNING YOUR DESIRE INTO REALITY

TURNING YOUR DESIRE INTO REALITY CONTACT US: Winfly Corso Sempione 32B - Milano Aviosuperficie E. Mattei Via Sant Angelo 75010 Pisticci Scalo (Matera) +39 0236683102 TURNING YOUR DESIRE INTO REALITY www.winfly.eu www.basilicata-airport.eu

Dettagli

CAPITOLO 4 MANAGER E COMUNICAZIONE D IMPRESA

CAPITOLO 4 MANAGER E COMUNICAZIONE D IMPRESA CAPITOLO 4 MANAGER E COMUNICAZIONE D IMPRESA Indice 4.1 LA COMUNICAZIONE INTERNA...............................................69 Comprendere lo stato dell arte...................................................70

Dettagli

RISK & CRISIS MANAGEMENT come fronteggiare eventi imprevedibili con prontezza ed efficacia

RISK & CRISIS MANAGEMENT come fronteggiare eventi imprevedibili con prontezza ed efficacia con il sostegno di propongono il percorso formativo RISK & CRISIS MANAGEMENT come fronteggiare eventi imprevedibili con prontezza ed efficacia sede del corso: ISFOR 2000, via Pietro Nenni 30, Brescia periodo

Dettagli

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi.

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. 5. Processi Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. Il criterio vuole approfondire come l azienda agrituristica

Dettagli

Vision strategica della BCM

Vision strategica della BCM Vision strategica della BCM BCM Ticino Day 2015 Lugano 18 settembre 2015 Susanna Buson Business Continuity Manager and Advisor CBCP, MBCI Agenda Business Continuity vs Business Resilience Business Continuity

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2014-2015. Master universitario di I livello in Management e Gestione della Comunicazione di Crisi e di Emergenza

ANNO ACCADEMICO 2014-2015. Master universitario di I livello in Management e Gestione della Comunicazione di Crisi e di Emergenza FORMULARIO per istituzione e attivazione master di I e II livello ANNO ACCADEMICO 2014-2015 Master universitario di I livello in Management e Gestione della Comunicazione di Crisi e di Emergenza Annuale

Dettagli

Taminco: incremento della produttività della forza vendite grazie all app Sales Anywhere

Taminco: incremento della produttività della forza vendite grazie all app Sales Anywhere 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.. Taminco: incremento della produttività della forza vendite grazie all app Sales Anywhere Partner Taminco Settore di mercato Industria chimica

Dettagli

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance CUSTOMER SUCCESS STORY Febbraio 2014 Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance PROFILO DEL CLIENTE Settore: servizi IT Società: Lexmark Dipendenti: 12.000 Fatturato:

Dettagli

Costruire un nuovo modo di gestire l assicurazione. Consolidare il nostro modello attraverso una costante innovazione e il focus totale sul cliente

Costruire un nuovo modo di gestire l assicurazione. Consolidare il nostro modello attraverso una costante innovazione e il focus totale sul cliente BENVENUTI Semplificare la vita dei nostri clienti Costruire un nuovo modo di gestire l assicurazione Consolidare il nostro modello attraverso una costante innovazione e il focus totale sul cliente Il cliente

Dettagli

ALLEGATO 1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO

ALLEGATO 1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO ALLEGATO 1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO . IntrodDescrizione del Servizio a) Procedura di accreditamento Il Centro Servizi (CS) che richiede l accreditamento per la fornitura dell accesso fisico al Sistema

Dettagli

CIRCOLARE. SERIE GENERALE Data: 09/10/2013 GEN-XX PIANO NAZIONALE ENAC PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE CONCERNENTI L INCIDENTE AEREO BOZZA

CIRCOLARE. SERIE GENERALE Data: 09/10/2013 GEN-XX PIANO NAZIONALE ENAC PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE CONCERNENTI L INCIDENTE AEREO BOZZA CIRCOLARE SERIE GENERALE Data: 09/10/2013 PIANO NAZIONALE ENAC PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE CONCERNENTI L INCIDENTE AEREO BOZZA Le Circolari contengono interpretazioni e metodi accettabili di conformità

Dettagli

CONGRATULAZIONI E BENVENUTO NEL TUO NUOVO BUSINESS Lo scopo di questo training è di introdurti ad un nuovo modello di distribuzione

CONGRATULAZIONI E BENVENUTO NEL TUO NUOVO BUSINESS Lo scopo di questo training è di introdurti ad un nuovo modello di distribuzione CONGRATULAZIONI E BENVENUTO NEL TUO NUOVO BUSINESS Lo scopo di questo training è di introdurti ad un nuovo modello di distribuzione RAGGIUNGERE IL SUCCESSO NON È QUESTIONE DI FORTUNA O CASUALITÀ, MA LA

Dettagli

Acquisizione di prodotti e servizi Parte 1

Acquisizione di prodotti e servizi Parte 1 Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A5_1 V1.0 Acquisizione di prodotti e servizi Parte 1 Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03

POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03 POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03 FIRMA: RIS DATA DI EMISSIONE: 13/3/2015 INDICE INDICE...2 CHANGELOG...3 RIFERIMENTI...3 SCOPO E OBIETTIVI...4 CAMPO DI APPLICAZIONE...4 POLICY...5

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

L Utente principale sarà il nostro primo contatto. Se avete un rappresentante, come ad esempio un parente, amico o avvocato, completare la pag. 5.

L Utente principale sarà il nostro primo contatto. Se avete un rappresentante, come ad esempio un parente, amico o avvocato, completare la pag. 5. Modulo di reclamo Spedire a: Credit and Investments Ombudsman Case Management Fax: 02 9273 8440 Indirizzo postale: PO Box A252, Sydney South NSW 1235 Questo modulo ci permetterà di raccogliere e utilizzare

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione Forum P.A. - ROMA, 6 Maggio 2003 Vorrei utilizzare questo tempo a mia disposizione

Dettagli

Modello OAIS. Modello di riferimento. Il Modello. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012. Un modello di riferimento dovrebbe descrivere:

Modello OAIS. Modello di riferimento. Il Modello. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012. Un modello di riferimento dovrebbe descrivere: Modello OAIS Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Prof.ssa E. Gentile Progettazione e Produzione di Contenuti Digitali 1 Modello di riferimento Un modello di riferimento dovrebbe descrivere: le componenti

Dettagli

Le Attività Sociali SAN BONIFACIO Corso OPERATORI-SOCCORRITORI P.C. 02/10/2010. In emergenza

Le Attività Sociali SAN BONIFACIO Corso OPERATORI-SOCCORRITORI P.C. 02/10/2010. In emergenza Le Attività Sociali SAN BONIFACIO Corso OPERATORI-SOCCORRITORI P.C. 02/10/2010 In emergenza I Volontari CRI Impegnati anche nel Sociale? SI! Prevenire e lenire le sofferenze delle persone, rispettare la

Dettagli

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6 Pag. 1 di 6 L Informedica è una giovane società fondata nel 2004 che opera nel settore dell'information Technology per il settore medicale. Negli ultimi anni attraverso il continuo monitoraggio delle tecnologie

Dettagli

Authorised Economic Operator (AEO) Sicurezza sul sistema logistico. Silvia Nakos, Manager, KPMG Advisory S.p.A. Milano, 26 giugno 2008

Authorised Economic Operator (AEO) Sicurezza sul sistema logistico. Silvia Nakos, Manager, KPMG Advisory S.p.A. Milano, 26 giugno 2008 Authorised Economic Operator (AEO) Sicurezza sul sistema logistico Silvia Nakos, Manager, KPMG Advisory S.p.A. Milano, 26 giugno 2008 Premessa Analisi iniziale Pre-assessment modifiche Il percorso per

Dettagli

A cura di: Giangiacomo Freyrie

A cura di: Giangiacomo Freyrie 1 Buongiorno. La collaborazione con Federcongressi&eventi entra nel vivo e nella fase più operativa. Partiamo dal gruppo dei PCO. Il primo con cui siamo entrati in contatto e con cui abbiamo cominciato

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE INTEGRATA TERRITORIALE DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI USCITA DALLA VIOLENZA

PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE INTEGRATA TERRITORIALE DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI USCITA DALLA VIOLENZA PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE INTEGRATA TERRITORIALE DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI USCITA DALLA VIOLENZA PREMESSO che il Servizio Associato Pari Opportunità dell Unione dei Comuni Valdichiana Senese

Dettagli

A seguito di numerosi disservizi e voli cancellati nei

A seguito di numerosi disservizi e voli cancellati nei 2 A seguito di numerosi disservizi e voli cancellati nei principali aeroporti italiani, l ENAC, Ente Nazionale per l Aviazione Civile, ha provveduto a congelare alla compagnia MyAir la licenza, in base

Dettagli

Muoversì: polizza multirischi per chi viaggia.

Muoversì: polizza multirischi per chi viaggia. Muoversì: polizza multirischi per chi viaggia. DATI DI MERCATO... pag. 2 LA SOLUZIONE UGF: MUOVERSI... pag. 3 DATI DI MERCATO IL SETTORE TURISTICO NEL 2011 SARÀ IN RIPRESA. ESTATE 2011: IN PARTENZA TRE

Dettagli

Scheda informativa gestione dei rischi per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro

Scheda informativa gestione dei rischi per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro Scheda informativa gestione dei rischi per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro Questa scheda informativa offre indicazioni generali per le persone che gestiscono un azienda o un iniziativa imprenditoriale

Dettagli

A chi partecipa a un panel realizzato dalla nostra società, garantiamo la tutela di tutte le informazioni personali forniteci.

A chi partecipa a un panel realizzato dalla nostra società, garantiamo la tutela di tutte le informazioni personali forniteci. VISION CRITICAL COMMUNICATIONS INC. REGOLE AZIENDALI SULLA PRIVACY DESCRIZIONE GENERALE Per noi della Vision Critical Communications Inc. ("VCCI"), il rispetto della privacy costituisce parte essenziale

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

Contenuti di un sito web alcune considerazioni

Contenuti di un sito web alcune considerazioni Contenuti di un sito web alcune considerazioni Contenuti unici, interessanti e di qualità Il principale problema che tutti i siti devono affrontare riguarda l aere contenuti unici, interessanti e di qualità.

Dettagli

ParcheggiTrenitalia.it TERMINI E CONDIZIONI

ParcheggiTrenitalia.it TERMINI E CONDIZIONI ParcheggiTrenitalia.it TERMINI E CONDIZIONI 1. ParcheggiTrenitalia.it è solamente un agenzia di prenotazioni e di conseguenza ogni responsabilità, anche legali, per tutti i veicoli ricadono sul parcheggio,

Dettagli

Overbooking e negato imbarco

Overbooking e negato imbarco IL TRASPORTO AEREO Prenotazione e tariffe I voli sono classificabili in voli di linea, previsti dagli orari delle compagnie aeree, e voli "charter", ossia voli a carattere occasionale noleggiati da organizzazioni

Dettagli