LA TRASMISSIONE DELLE CRISI DI MERCATO NEL SETTORE ORTOFRUTTICOLO EUROPEO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA TRASMISSIONE DELLE CRISI DI MERCATO NEL SETTORE ORTOFRUTTICOLO EUROPEO"

Transcript

1 SOCIETA ITALIANA DI ECONOMIA AGRARIA XLVII Convegno di Studi L agricoltura oltre le crisi Campobasso, settembre 2010 LA TRASMISSIONE DELLE CRISI DI MERCATO NEL SETTORE ORTOFRUTTICOLO EUROPEO Santeramo F. G. 1, Cioffi A. 1 1 Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Università di Napoli Federico II, Portici, Italia Abstract: Il lavoro analizza la problematica della trasmissione delle crisi di mercato nel settore ortofrutticolo europeo. L'analisi è effettuata sui prezzi di pomodori e cavolfiori rilevati su alcuni importanti mercati dell Unione Europea prossimi ad aree di produzione o di consumo. L approccio metodologico consiste nella stima di un modello auto regressivo a correzione di errore a due regime capace di cogliere gli aspetti salienti della trasmissione dei prezzi in assenza o presenza di crisi di mercato. L analisi mostra come la trasmissione delle crisi di mercato differisca sia in base alle caratteristiche dei mercati analizzati, ovvero dalla loro prossimità a luoghi di produzione o di consumo, sia in base al tipo di prodotto considerato. Il lavoro ha permesso di evidenziare rilevanti spunti di riflessione per la pianificazione di politiche di gestione delle crisi di mercato nel settore degli ortaggi freschi. Parole chiave: Crisi di mercato, ortofrutta, trasmissione di prezzo, TVECM 1

2 La trasmissione delle crisi di mercato nel settore ortofrutticolo europeo Santeramo F. G. *, Cioffi A. *1 * Dipartimento di Economia e politica agraria, Università degli Studi di Napoli Federico II Abstract: Il lavoro analizza la problematica della trasmissione delle crisi di mercato nel settore ortofrutticolo europeo. L'analisi è effettuata sui prezzi di pomodori e cavolfiori rilevati su alcuni importanti mercati dell Unione Europea prossimi ad aree di produzione o di consumo. L approccio metodologico consiste nella stima di un modello auto-regressivo a correzione di errore a due regimi capace di cogliere gli aspetti salienti della trasmissione dei prezzi in assenza o presenza di crisi di mercato. L analisi mostra come la trasmissione delle crisi di mercato differisca sia in base alle caratteristiche dei mercati analizzati, ovvero dalla loro prossimità a luoghi di produzione o di consumo, sia in base al tipo di prodotto considerato. Il lavoro ha permesso di evidenziare rilevanti spunti di riflessione per la pianificazione di politiche di gestione delle crisi di mercato nel settore degli ortaggi freschi. The paper analyzes the problem of transmission of crises in European fruit and vegetable markets. The analysis is performed on the prices of tomatoes and cauliflower detected on some important markets of the European Union close to production or consumption areas. The methodological approach consists in estimating an auto-regressive error correction model with two regimes capable to capture the salient aspects of price transmission in absence or presence of market crises. The analysis shows how the transmission of market crisis differs is based on the characteristics of the markets analyzed, their proximity to production or consumption areas, as well as by the product considered. The work has allowed the identification of relevant insights for planning policy for crisis management in market fresh vegetables. Introduzione Secondo la Commissione Europea (EC, 2005), una crisi si manifesta quando si verifica una situazione imprevista che minaccia la sopravvivenza delle aziende agricole, sia a livello locale, sia attraverso l intero settore di produzione o a un livello geografico più ampio. Questa definizione è molto vicina al concetto di calamità naturale. Il bisogno di definirla con un altro termine deriva, probabilmente, dal fatto che essa può colpire come un disastro ma, diversamente da questo, una volta cessata, l impresa normalmente può riprendere l attività. In questo quadro, una crisi di mercato dovrebbe essere distinta da altre crisi, che si rivelano anch esse per i bassi prezzi ma che sono causate da una repentina diminuzione della domanda dei consumatori dovuta alle preoccupazioni derivanti da 1 F. G. Santeramo ed A. Cioffi sono, rispettivamente, assegnista di ricerca e professore ordinario presso il Dipartimento di Economia e Politica Agraria dell Università di Napoli Federico II di Napoli. 2

3 epidemie, come la BSE o l influenza aviaria, o da disastri ambientali (Chernobyl). I danni economici di queste crisi possono essere amplificati da divieti di importazione emanati dai partner commerciali che riducono ulteriormente la domanda di mercato dei prodotti. La Commissione Europea (EC, 2007) ha ulteriormente distinto le crisi di mercato in strutturali e congiunturali. Le prime richiedono un adattamento delle imprese alle mutate condizioni di mercato, mentre le seconde sono di breve termine. Sebbene imprevedibili, le crisi di mercato possono essere considerate come uno dei rischi che le imprese devono sostenere nella loro attività. Rispetto a questi le imprese possono attuare differenti strategie di gestione. Tra queste assumono rilievo le strategie preventive, basate sul trasferimento del rischio a terzi, oppure quelle di assorbimento degli effetti attraverso il risparmio o il ricorso al credito. Il settore dell ortofrutta fresca è spesso coinvolto in crisi di mercato sia a causa della sensibilità dell offerta alle variabili climatiche, sia per la scarsa conservabilità che caratterizza molte produzioni. Il mercato della frutta fresca è particolarmente sensibile alle crisi strutturali, a causa dell elevata incidenza dei costi fissi sul costo totale di produzione, che riducono la capacità delle imprese di adattarsi prontamente a tali crisi. Dall altra parte, gli ortaggi sono più sensibili alle crisi congiunturali, a causa della ridotta conservabilità e della maggiore incidenza dei costi di trasporto sui prezzi al dettaglio. La riforma delle OCM degli ortofrutticoli (2007), ha ridimensionato il ruolo delle pre-esistenti misure di stabilizzazione dei mercati, introducendo la possibilità di adottare nuovi strumenti per affrontare le situazioni di crisi di mercato. In particolare, sono stati introdotti i cosiddetti fondi di sicurezza che hanno lo scopo di aiutare nella gestione delle crisi di mercato con strumenti finanziari e/o assicurativi (Cafiero et. alii, 2007). Tuttavia, la scelta del tipo di strumenti da impiegare nella gestione delle crisi non può prescindere dalla dimensione spaziale delle stesse: il grado e la velocità di trasmissione delle crisi è un aspetto rilevante per una corretta pianificazione della gestione di crisi nell intero settore. Con il termine contagion si indica il fenomeno di trasmissione e propagazione delle crisi economiche fra Paesi o Regioni spazialmente separate. E importante evidenziare che se da un lato la letteratura economica riguardante la trasmissione di crisi finanziarie (ed il concetto di contagion) è vasta ed in recente sviluppo (ad es. Rigobon, 2003; Bekaert et alii, 2005; Dungey et alii, 2005; Dungey et alii, 2007; Ahlgren and 3

4 Antell, 2010), d altra parte la letteratura internazionale economico-agraria ha dedicato ampio spazio allo studio dei meccanismi ed al grado di trasmissione dei prezzi mediante diversi approcci econometrici: threshold auto regressive (TAR) (Ejrnaes and Persson, 2000; Goodwin and Piggott, 2001; Abdulai, 2000; Serra et alii, 2006; Balcombe, Bailey, Brooks, 2007; Ben-Kaabia1, Gil, 2007), switching regime (SR) (Ihle, Von Cramon-Taubadel, Zorya, 2009; Hassouneh, Serra, Gil, 2010) e threshold vector error correction (TVEC) models (Meyer, 2004; Brümmera, von Cramon-Taubadel, Zorya, 2009). Tuttavia, la letteratura economico-agraria sembra quasi del tutto carente 2 di lavori volti allo studio di trasmissione dei prezzi in situazioni di crisi di mercato. Il presente lavoro si propone di dare un contributo su questa tematica, analizzando se ed in che misura il grado ed il meccanismo di trasmissione dei prezzi degli ortaggi freschi sono influenzati dal sopraggiungere di crisi di mercato. A tal fine, nel presente studio sono stati considerati i prezzi di pomodoro e cavolfiore rilevati su diversi mercati europei prossimi a luoghi di produzione o di consumo. Il presente lavoro evidenzia aspetti rilevanti del fenomeno della trasmissione delle crisi di mercato che risultano di notevole interesse per la corretta pianificazione di politiche di prevenzione e gestione delle crisi. Il lavoro è diviso in sei paragrafi: la sezione 2 presenta sinteticamente le principali caratteristiche del settore ortofrutticolo europeo con riferimento ai prodotti su cui verrà sviluppata l analisi, mentre la problematica delle crisi di mercato nel settore è approfondita nella sezione successiva; il quarto paragrafo descrive la metodologia del lavoro i cui risultati sono raccolti nella sezione 5; conclusioni ed indicazioni per ulteriori ricerche sono sviluppate nell ultimo paragrafo. Il settore ortofrutticolo europeo L Unione Europea è uno dei più grandi produttori mondiali di ortofrutta: il peso della sua produzione sul totale mondiale supera l 8 per cento della produzione mondiale (in particolare produce il 12% ed il 7% di frutta e verdura del mondo). 2 A conoscenza degli autori, il più recente lavoro economico-agrario afferente alla letteratura della trasmissione di crisi di mercato è apparso su The Journal of Economic History (Madsen, 2001). 4

5 Tabella 1 Principali produttori ortofrutticoli europei (1000 tonnellate) Produzione media annua Quota Italia % Spagna % Francia % Polonia % Grecia % Fonte: nostre elaborazioni su dati EUROSTAT. L uva rappresenta il principale prodotto ortofrutticolo per volume di produzione, tuttavia la maggior parte di essa è destinata all industria vinicola. Il pomodoro è il secondo prodotto per importanza (rappresenta il 30% della produzione totale di ortaggi nell Unione Europea). L'Italia (38%) e la Spagna (20%) sono i principali produttori dell Unione Europea di pomodori freschi, seguiti da Grecia, Portogallo e Francia. I pomodori freschi spagnoli sono diretti soprattutto al Nord Europa, in particolate verso la Francia, il Regno Unito, la Germania ed i Paesi Bassi e rappresentano uno sbocco importante, anche per l Italia ed il Belgio. In altri termini, la Spagna ha un ruolo molto rilevante in qualità di grande produttore ed esportare intra-ue di pomodoro fresco. Almeria e Murcia sono, rispettivamente, la prima e la seconda provincia spagnola per volume di esportazione: la prima concentra le sue esportazioni nel periodo invernale, mentre la seconda ha una campagna di esportazione più stabile e più ampia (Valenciano de Pablo e Perez Mesa, 2004). Tabella 2 Principali ortaggi per volume di produzione in UE (1000 tonnellate) Produzione annuale Pomodoro Carote Cavolo Cipolla Lattuga Cavolfiore Fonte: nostre elaborazioni su dati EUROSTAT. 5

6 Italia, Spagna e Francia forniscono quasi il 70% dell intera produzione di cavolfiori dell Unione Europea. In Italia, la coltura del cavolfiore è diffusa in quasi tutte le regioni ed assume particolare importanza in Campania, Toscana, Sicilia, Marche mentre in Spagna le principali zone di produzione sono Murcia, Navarra, Valencia e La Roja, dove ha luogo l'85% della produzione totale spagnola. La Germania è il principale partner italiano di importazione, mentre le esportazioni spagnole sono vendute principalmente in Regno Unito (40%), Germania (15%), Francia (13%) e Paesi Bassi (13%). Le crisi di mercato nel settore ortofrutticolo europeo Secondo la definizione della Commissione Europea «[ ] a crisis is understood to be an unforeseen situation that endangers the viability of agricultural holdings, either at a localized level, across a whole sector of production or at a wider geographical level» (CE, 2005)». Eventi congiunturali possono causare crisi di breve periodo ma intense che possono far insorgere problematiche strutturali di lungo periodo. Sebbene la gestione del rischio, ovvero dell incertezza presente al momento della scelte economiche, sia in genere di carattere individuale, l insorgere di crisi di mercato, per definizione imprevedibile, ha due principali effetti negativi: si traduce per gli agenti economici affetti dalle stesse in una minore profittabilità delle attività; interessa simultaneamente molteplici agenti ecomomici (Cafiero et al., 2007). In genere le crisi di mercato non sono gestibili a livello individuale e possono ingenerare notevoli danni sull intero settore. Per tale motivo da un lato la prevenzione delle crisi, dall altro una corretta gestione delle stesse a diversi livelli (regionale, nazionale o europeo) è non solo auspicabile, ma indispensabile. Il livello di intervento dovrebbe essere scelto in funzione dalla dimensione delle crisi e del livello di contagion 3 : maggiore è il grado e la velocità di trasmissione delle crisi, più alto dovrà essere il livello di intervento 3 In particolare, la Banca Mondiale utilizza tre definizioni di contagion: la prima, molto generica, indica con tale termine il grado di trasmissione dei prezzi fra Paesi; la seconda lega il concetto di contagion alla trasmissione di shock che non è spiegata dai fondamentali economici; la terza definizione, più spesso adottata, definisce contagion il cambiamento nel meccanismo di trasmissione dei prezzi in periodo di crisi (Ahlgren and Antell, 2010). 6

7 necessario (ad es. se le crisi sono diffuse a livello internazionale è auspicabile un livello di intervento di scala europea). Le crisi di mercato possono essere generate da diversi fattori: catastrofi, problemi sanitari, dinamiche economiche. In quest ultimo caso le crisi sono dovute a disequilibri del mercato: sovraproduzioni, cambiamenti repentini della domanda, eccessi di importazione, ecc. La Commissione Europea interviene con politiche agricole specifiche volte alla prevenzione e gestione delle crisi di mercato (ad es. distillazione del vino; stoccaggio con fondi pubblici; ritiri dal mercato, ecc. ). Il settore ortofrutticolo europeo è particolarmente esposto alle crisi di mercato sia per la deperibilità dei prodotti, sia per la sensibilità di produzione e consumo alle variazioni climatiche (CE, 2007a). In particolare, la deperibilità dei prodotti impedisce lo stoccaggio come forma di arbitraggio temporale e forza i produttori a vendere la produzione realizzata anche in presenza di un prezzo inferiore a quello atteso. Un secondo effetto indesiderato della deperibilità consiste nella forte stagionalità dei consumi. La sensibilità alle condizioni climatiche influenza sia i consumi, sia le produzioni, specie quelle di pieno campo (CE, 2007a). L ultima riforma dell OCM ortofrutticola ha introdotto un nuovo strumento volto a contribuire alla stabilizzazione dei mercati, che consiste nella possibilità di impiegare i Fondi Operativi, per implementare misure volte a trasferire il rischio ad altri agenti economici (CE, 2007b). Tuttavia è importante sottolineare come l efficacia di tali strumenti sia fortemente legata alla dimensione spaziale delle crisi di mercato, a loro volta determinate dalla velocità e grado di trasmissione delle stesse. L Unione Europea persegue la stabilizzazione dei mercati ortofrutticoli anche mediante misure di politica commerciale come il prezzo di entrata. Quest ultimo è stato introdotto al fine di stabilizzare il prezzo domestico e prevenire crisi di mercato, ma la sua efficacia è ancora poco chiara (Swimbank e Rsitson, 1995; Cioffi e dell Aquila, 2004; Goetz e Grethe, 2009). Le analisi sugli effetti di stabilizzazione del prezzo di entrata sembrano indicare un efficacia della misura piuttosto modesta (Cioffi, Santeramo e Vitale, C., 2010). Anche per le politiche di stabilizzazione il grado di trasmissione dei prezzi e delle crisi di mercato assume un ruolo rilevante: per prodotti i cui mercati sono piuttosto isolati la rilevanza della politica di prezzo di entrata potrebbe risultare alquanto limitata, al contrario per prodotti i cui 7

8 mercati sono integrati e la trasmissione di prezzo è veloce le restrizioni all importazione potrebbero risultare di maggiore efficacia. In sintesi, le crisi di mercato, dovute a squilibri dello stesso, sono piuttosto frequenti nel settore ortofrutticolo europeo. La loro dimensione dipende crucialmente dal grado di integrazione dei mercati su cui la crisi si manifesta: le crisi risultano locali nei mercati isolati, ovvero se i mercati per i quali si riscontra un basso grado di integrazione spaziale; al contrario crisi globali si verificano in mercati fortemente integrati. In questo ultimo caso la possibilità di arbitraggio presente fra mercati sufficientemente integrati induce la trasmissione di shocks di prezzi e, quindi, di crisi di mercato ampliandone la dimensione geografica ma stemperandone gli effetti. Nel presente lavoro si è scelto di considerare due prodotti fortemente interessati a livello europeo da crisi di mercato: cavolfiori e pomodori (Cafiero et al., 2009). Inoltre, tali prodotti hanno altre caratteristiche che rendono la loro scelta di notevole interesse: sono due dei principali ortaggi in Europa per volume di produzione; hanno un limitato grado di conservabilità; hanno differente grado di deperibilità e costo unitario di trasporto. Queste ultime caratteristiche risulteranno un importante chiave interpretativa dei risultati empirici. In un precedente lavoro sull integrazione del settore ortofrutticolo, condotto sui prezzi di pomodori, cavolfiori e mele, Santeramo (2010) fornisce prime evidenze sul grado di trasmissione delle crisi di mercato, concludendo che esse siano rapidamente trasmesse all interno di Regioni europee 4 ma che rimangano per lo più confinate ad esse. In particolare, tale risultato è chiaramente riscontrato nel caso dei cavolfiori: il basso grado di integrazione e trasmissione dei prezzi sui mercati considerati suggerisce una bassa tendenza alla trasmissione trans-regionale delle crisi di mercato. Metodologia e dati Al fine di studiare come la trasmissione di prezzo è influenzata dalla presenza di crisi di mercato, nel presente studio è stato definito crisi il seguente evento: il prezzo osservato in un determinato periodo di tempo e su un mercato di riferimento risulta di 4 In particolare, Santeramo (2010) suddivide i mercati considerati nel lavoro in tre diverse zone che per i due ortaggi (pomodoro e cavolfiori) corrispondono all incirca alla Spagna, al Regno Unito ed Centro-nord Europa. 8

9 oltre il 25% inferiore al prezzo medio registrato su tale mercato per lo stesso periodo di tempo nei 5 anni precedenti. In termini analitici, definiamo crisi l evento corrispondente al verificarsi della seguente condizione: 0.25, ove è il prezzo registrato al tempo t sul mercato di riferimento, MM 5t indica la media del prezzi registrati per lo stesso periodo nei 5 anni precedenti. Nel presente lavoro il dataset si riferisce al periodo e le crisi di mercato sono state individuate su diversi mercati spagnoli (Almeria, Malaga e Murcia per i pomodori; Barcellona, La Roja, Navarra, Valencia nel caso dei cavolfiori). I dati originali, estratti dal database Agriview della Commissione Europea, sono stati aggregati temporalmente così da ottenere dalla originaria frequenza giornaliera una frequenza settimanale. In particolare, il dataset utilizzato include, per il mercato dei pomodori i seguenti mercati 5 : Almeria (Spagna), Chateau-Renard (Francia), Dublino (Irlanda), Londra (Regno Unito), Den Bosch (Olanda). Per l analisi sui prezzi dei cavolfiori sono stati selezionati i seguenti mercati: La-Roja (Spagna), Londra (Regno Unito), Den Bosch (Olanda), Sint Katelijne Waver (Belgio). Per entrambi i gruppi, è stata analizzata la trasmissione dei prezzi tra quello rilevato sul mercato spagnolo (Almeria o La Roja), prossimo alla zona di produzione, e quelli di altre piazze europee. L analisi è stata condotta in due fasi. Nella prima è stata effettuata una valutazione del grado di integrazione fra i mercati dei due prodotti considerati. Nella seconda, invece, è stato stimato un modello econometrico a soglia che consente di individuare differenti dinamiche di trasmissione spaziale dei prezzi sia in regime normale che in regime di crisi di mercato. In particolare, il modello adottato è un vettore autoregressivo a correzione di errore a due regimi (TVECM, threshold vector error correction model) in cui il primo regime è denominato normale mentre il secondo è determinato dalla presenza di crisi di mercato sui mercati spagnoli. Il modello utilizzato, in forma non parametrica, prevede quale variabile dipendente, mentre quali regressori le variabili ritardate (i = 1,, n, ove n indica il numero massimo di ritardi), il termine a correzione di errore (ECT, error correction term), e la dicotomica quale variabile soglia. La variabile è la costruita come differenza fra il prezzo rilevato sul mercato di consumo ( ) ed il 5 Nel presente lavoro non sono stati riportati i risultati riguardanti i mercati per i quali non sono state riscontrate relazioni fra i prezzi. 9

10 mercato di produzione ( ) mentre è la differenza prima della variabile X (ovvero X X ). In forma compatta il modello può essere scritto come segue: 1),, in cui f( ) è una generica funzione che dipende sia dai regressori ed sia dall indicatore. Assumendo una specificazione lineare additiva della generica funzione f( ) e considerando una struttura auto-regressiva del primo ordine, il modello sarà il seguente: 2), α X X ove è evidente che i coefficienti e siano regime-dipendenti. La specificazione finale, in forma estesa, risulta come segue: 3) 1,, in cui la variabile soglia (I ) assume i seguenti valori: I 0 regime normale, I I 1 regime di crisi, II mentre ε ~ N 0, ed ε ~ N 0, sono i termini di errore rispettivamente del primo e secondo regime. Secondo la specificazione 3 i coefficienti e rappresentano il grado di trasmissione dei prezzi rispettivamente nel primo e nel secondo regime. Il modello è stimato mediante il metodo dei minimi quadrati, che oltre alla semplicità computazionale ha il vantaggio, in condizioni di regolarità, di consentire stime consistenti (Tsay, 1989). Risultati Il presente paragrafo è dedicato alla presentazione dei risultati delle stime della specificazione econometria presentate nel precedente paragrafo. Il modello a correzione di errore (ECM, error correction model) è stato stimato con il metodo dei minimi quadrati. La scelta del numero di ritardi della variabile autoregressiva è stata guidata dalla comparazione dei criteri di informazione (AIC, BIC, SIC): la specificazione finale è quella che minimizza i valori dei criteri di informazione. 10

11 La prima fase dell analisi è consistita nella stima della trasmissione di prezzo nei mercati oggetto di studio senza considerare la separazione in due regimi. I risultati (Tab. 3 e 4) mostrano come il coefficiente ρ sia statisticamente diverso da zero in tutti i casi, ovvero che la trasmissione di prezzi è presente. Nel caso dei cavolfiori, il coefficiente ρ assume valori rispettivamente pari a , e per i mercati di Den Bosch, Londra e St. Kateljine Waiver. Tale risultato mostra come la trasmissione di prezzo è presente nei tre casi ed è più marcata nel caso di Londra. In altri termini, i prezzi di Londra e La Roja tendono al comovimento. Tabella 3 Trasmissione dei prezzi del cavolfiore tra il mercato di La Roja e le altre piazze europee. Den Bosch (Olanda) Londra (Regno Unito) St. Kateljine Waiver (Belgio) No regimi No regimi No regimi α 6.06 * (2.62) β (0.07) β (0.07) β *** (0.07) -0.2 ρ *** 5.15 *** (0.89) 0.11 * *** *, **, *** indicano il livello di significatività: rispettivamente 10%, 5% e 1% *** (3.76) * *** (0.04) Tabella 4 Trasmissione dei prezzi del pomodoro tra i mercati di Almeria e le altre piazze europee. Chateau Renard Den Bosch Dublino Londra No regimi No regimi No regimi No regimi α 6.89 * (4.02) *** (7.75) *** (4.19) β (0.11) (0.13) (0.11) β *** 0.11 (0.10) (0.11) ρ *** *** *** (0.13) (0.15) (0.09) *, **, *** indicano il livello di significatività: rispettivamente 10%, 5% e 1% *** (5.81) 0.02 (0.09) 0.28 *** (0.09) *** (0.09) La trasmissione di prezzi è più marcata nel caso del pomodoro rispetto a quanto riscontrato per il cavolfiore: i valori stimati di ρ sono pari a -0.43, -0.64, e rispettivamente per i mercati di Chateau Renard, Den Bosch, Dublino e Londra (Tab. 4). Occorre sottolineare che, sia nel caso dei prezzi dei cavolfiori che per i prezzi dei pomodori, le stime di ρ potrebbero essere interessate da upward bias poiché il modello 11

12 adottato non include il regime della banda di inattività. In altri termini la stima del coefficiente ρ risente delle osservazioni che in un modello a tre regimi ricadrebbero nel regime in cui l aggiustamento di prezzo è nullo (ovvero X ~ ) 6. Il secondo step dell analisi consiste nella stima della trasmissione di prezzo distinguendo due differenti regimi: il regime normale (I) ed il regime di crisi (II). In tabella 5 sono riportati i risultati relativi ai prezzi dei cavolfiori. La trasmissione dei prezzi è evidente nel primo regime, per il quale il valore del coefficiente ρ è statisticamente diverso da zero. Di diversa natura è il comportamento delle serie nel secondo regime: ρ è statisticamente non significativo nel caso di Den Bosch e di Saint Kateljine Waiver, ovvero la trasmissione di prezzo per fra questi due mercati e quello di La Roja in periodi di crisi è nulla; il valore stimato per il coefficiente ρ per i prezzi di Londra e La Roja è statisticamente diverso da zero e pari a 0.55, suggerendo che la trasmissione dei prezzi è presente in entrambi i regimi 7. In questo ultimo caso la trasmissione di crisi di mercato può essere spiegata dal notevole flusso di esportazione di cavolfiori dalla Spagna verso il Regno Unito (circa 40% sul totale di esportazioni verso Paesi dell area UE-25). Tabella 5 Trasmissione dei prezzi del cavolfiore dal mercato di La Roja e le altre piazze europee in regime normale e di crisi. α 6.92 ** (3.07) β (0.07) β (0.07) β (0.07) ρ *** Den Bosch Londra St. Kateljine Waiver Regime I Regime II Regime I Regime II Regime I Regime II 3.78 (6.22) (0.31) (0.42) 0.7 (0.22) (0.23) 4.98 *** (0.95) 0.12 ** *** 7.03 ** (3.29) (0.24) ** (0.24) *, **, *** indicano il livello di significatività: rispettivamente 10%, 5% e 1% *** (4.09) 0.04 (0.06) (0.06) 0.12 * (0.06) *** (0.04) (9.89) 0.23 (0.15) (0.17) 0.07 (0.14) (0.12) 6 Ad esempio, utilizzando un modello simmetrico a tre regimi le stime di ρ fra i prezzi dei cavolfiori rilevati a Den Bosch e Liverpool rispetto ai prezzi osservati a La Roja sono pari rispettivamente a e Nel caso dei prezzi pomodori, invece, i coefficienti stimati considerando i prezzi rilevati sul mercato di Almeria rispetto a quelli di Chateau Renard e Londra sono pari, rispettivamente, a e (cfr. Santeramo, 2010). 7. In particolare, considerando le half-lives ( ) come proxies della velocità di trasmissione delle crisi, passando dal primo al secondo regime il tempo medio di trasmissione degli shocks passa da 3.5 a 2.9 settimane. 12

13 La tabella 6 raccoglie i risultati relativi al pomodoro. In tutti i casi la trasmissione dei prezzi è presente nel primo regime: il valore del coefficiente ρ è statisticamente diverso da zero e pari a -0.46, -0.44, e rispettivamente per i mercati di Chatea Renard, Den Bosch, Dublino e Londra. Una situazione più eterogenea è riscontrata nel secondo regime: ρ è statisticamente non significativo nel caso di Chateau Renard e Dublino, ovvero in periodi di crisi la trasmissione di prezzo per fra tali mercati e quello di Almeria è nulla; il valore stimato di ρ per i prezzi di Den Bosch e Londra è statisticamente diverso da zero e pari, rispettivamente a 1.07 e 0.57, indicando che in regime di crisi la trasmissione dei prezzi fra tali mercati permane ed è più rapida 8. Una possibile interpretazione dei risultati è che le crisi spagnole sono trasmesse sui mercati di consumo netto dei Paesi verso i quali vi è un flusso di commercio consistente (ad es. Paesi Bassi e Regno Unito). Al contrario, la trasmissione di crisi è assente verso i mercati di produzione (ad es. Chateau Renard in Francia) o sui mercati dei Paesi i cui volumi di importazione dalla Spagna sono molto ridotti (ad es. Irlanda). Tabella 6 Trasmissione dei prezzi del pomodoro dal mercato di Almeria e le altre piazze europee in regime normale e di crisi. Chateau Renard Den Bosch Dublino Londra Regime I Regime II Regime I Regime II Regime I Regime II Regime I Regime II α 7.57 (4.65) 5.15 (9.46) (9.04) ** (14.66) *** (4.71) β (0.13) (0.28) (0.19) (0.23) (0.11) β *** (0.12) (0.21) (0.18) (0.17) ρ *** ** *** *** (0.15) (0.29) (0.17) (0.31) (0.10) *, **, *** indicano il livello di significatività: rispettivamente 10%, 5% e 1% (9.91) 0.13 (0.26) (0.21) *** (6.37) (0.11) *** (0.10) *** (0.10) * (15.57) 0.16 (0.22) (0.21) ** (0.24) In sintesi, per i tre casi riguardanti il cavolfiore, le analisi mostrano una tendenza dei prezzi a trasmettersi in scarsa misura in situazioni di crisi di mercato, ovvero le crisi che interessano la zona di produzione (nella nostra analisi la Spagna) tendono ad essere isolate o solo parzialmente trasmesse sui mercati internazionali europei di consumo. Una possibile spiegazione è che la deperibilità del prodotto e l elevato costo unitario di trasporto riducono le possibilità di arbitraggio sui mercati internazionali. Le stime 8 In particolare, considerando le half-lives calcolate per il primo e secondo regime sono 3.5 e 1.5 settimane per Den Bosch, mentre pari a 4.8 e 2.8 per Londra. Ciò evidenzia come in periodi di crisi sia molto più rapida. 13

14 effettuate sulle serie di prezzi del pomodoro suggeriscono, invece, una tendenza delle crisi di mercato ad essere maggiormente trasferite dal mercato di produzione ai mercati dei Paesi importatori netti. Probabilmente, nel caso del pomodoro, la limitata deperibilità del prodotto non impedisce l arbitraggio sui mercati internazionali, consentendo, in tal modo, una aggiustamento continuo dei prezzi. Conclusioni L analisi sull integrazione dei mercati ortofrutticoli dell UE ha messo in evidenza l esistenza di relazioni nella struttura dei prezzi che in essi si formano. Tali relazioni si stabiliscono essenzialmente nella direzione fra mercati alla produzione e mercati di consumo, mentre sembrano meno evidenti relazioni di integrazione fra mercati alla produzione 9. La principale implicazione derivante dalla struttura delle relazioni individuate dallo studio è che quando si verifica una crisi in un mercato alla produzione, ovvero una forte diminuzione dei prezzi rispetto al livello atteso o osservato negli anni precedenti, non si riscontrano effetti significativi sui prezzi degli altri mercati alla produzione. Questo fa sì che le crisi determinate da surplus temporanei di offerta, che frequentemente si osservano sui mercati ortofrutticoli, tendano a rimanere circoscritte in ambito locale senza influenzare il livello dei prezzi che si forma in aree di produzione di altri Paesi. Un secondo aspetto interessante che emerge dallo studio è che in presenza di situazioni di crisi di mercato il meccanismo di trasmissione dei prezzi si modifica. In particolare, le crisi interrompono i meccanismi di trasmissione dei prezzi fra i mercati più lontani o con relazioni meno intense, o come già detto sopra, fra mercati alla produzione. L isolamento dei mercati alla produzione in situazioni di crisi ha la conseguenza di accentuare l intensità della crisi facendo rimanere più a lungo i prezzi ad un basso livello, in quanto i surplus non riescono a trovare sbocchi fuori dai mercati locali. 9 Simile risultato è stato riscontrato per le relazioni di prezzi relativi a mercati di consumo localizzati in Paesi differenti (cfr. Santeramo, 2010). 14

15 Nonostante le implicazioni della nostra analisi siano molto rilevanti, alcuni limiti del lavoro sono da ricercarsi nel fatto che i dati a disposizione sui prezzi coprono solo pochi mercati e prodotti, mentre sarebbe necessario avere una copertura maggiore per compiere un analisi più sistematica in modo da poter generalizzare maggiormente i risultati ottenuti. In particolare, sarebbe interessante replicare l analisi con un set di dati più ampio che includa sia altri prodotti rilevanti nel settore ortofrutticolo europeo ed interessati da crisi di mercato (ad es. mele e pesche), sia i prezzi rilevati su mercati di altri Paesi che giocano un ruolo rilevante (ad es. l Italia, grande produttore, e la Germania, importatore netto). Un altro aspetto che merita ulteriore approfondimento riguarda la scelta della frequenza temporale dei dati: l utilizzo di dati settimanali (piuttosto che giornalieri) potrebbe aver mascherato relazioni esistenti tra i prezzi; d altra parte, tuttavia, in letteratura economico-agraria i lavori condotti con l ausilio di dati giornalieri sono in numero ridotto, mentre la maggior parte di essi adopera prezzi mensili. Da quanto esposto si evincono i pregi del presente lavoro che fornisce spunti di riflessione per la pianificazione di politiche di gestione delle crisi di mercato nel settore degli ortaggi freschi. Infine è opportuno riflettere sulle recenti dinamiche del settore che fanno sì che la quota di produzione scambiata sui mercati ortofrutticoli all ingrosso dell UE sia tendenzialmente declinante, in quanto sempre più frequentemente le transazioni avvengono al di fuori di tali canali e piuttosto attraverso relazioni di tipo contrattuale fra venditore e acquirente, nell ambito di filiere sempre più corte. Tali cambiamenti hanno due importanti implicazioni: da un lato i prezzi che si formano sui tradizionali mercati ortofrutticoli riflettono sempre meno le relazioni fra domanda e offerta aggregata, perdendo il contenuto informativo delle condizioni che le governano, dall altro assume maggiore importanza la trasmissione dei prezzi lungo la filiera. In tale scenario è interessante approfondire lo studio sul grado e sull asimmetria della trasmissione verticale dei prezzi, ovvero lungo la filiera, in modo da evidenziare ulteriori peculiarità del settore utili ad una corretta pianificazione politica. 15

16 Referenze Abdulai A. (2000): Spatial price transmission and asymmetry in the Ghanian Maize Market. Journal of Development Economics. LXIII: Ahlgren N. - Antell J. (2010): Stock market linkages and financial contagion: A cobreaking analysis. The Quarterly Review of Economics and Finance. L: Bailey D. - Brosen B. W. (1997): Price asymmetry in spatial fed cattle markets. Western Journal of Agricultural Economics. XIV: Balcombe K. - Bailey A. - Brooks J. (2007): Threshold effects in price transmission: the case of Brazilian wheat, maize and soya prices. American Journal of Agricultural Economics. XXCII: Bekaert G. - Harvey C. R. Ng A. (2005): Market integration and contagion. Journal of Business. LXXVIII: Ben-Kaabia M. - Gil J. M. (2007): Asymmetric price transmission in the Spanish lamb sector. European Review of Agricultural Economics. XXXIV: Brümmer B. - von Cramon-Taubadel S. - Zorya S. (2009): The Impact of Market and Policy Instability on Price Transmission between Wheat and Flour in Ukraine. European Review of Agricultural Economics XXXVI: Cafiero C. - Capitanio F. - Cioffi A. - Coppola A. (2007): Risk and Crisis Management in the Reformed European Agricultural Policy. Canadian Journal of Agricultural Economics. LV: Cioffi A. - Dell Aquila, C. (2004): The effects of trade policies for fresh fruit and vegetables of the European Union. Food Policy. XXIX: Cioffi A. - Santeramo F. G. - Vitale C. (2010). The price stabilization effects of the EU entry price scheme for fruits and vegetables. Working Paper. Commissione Europea (1996): EC Council Regulations n 2200/96 of 28 October L Official Journal of the European Union. Commissione Europea (2005): Commission Staff Working Document on Risk and Crisis Management in Agriculture. Commissione Europea (2007a): Document accompagnant la Proposition de Règlement du Conseil établissant des règles spécifiques pour le secteur des fruits et légumes et modifiant certains règlements - Synthèse des travaux d'analyse d'impact [COM(2007) 17 final; SEC(2007) 75]. Commissione Europea (2007b): Council Regulation No. 1182/2007. Official Journal of the European Union. L 273/1-30. De Pablo Valenciano J. - Mesa J. C. P. (2004): The competitiveness of Spanish tomato exports in the European Union. Spanish Journal of Agricultural Research II: Dungey M. - Fry R. - Gonzalez Hermosillo B. - Martin V. L. (2005): Empirical modelling of contagion: A review of methodologies. Quantitative Finance, V:9-24. Dungey M. - Fry R. - Gonzalez Hermosillo B. - Martin V. L. (2007): Contagion in global equity markets in 1998: The effects of the Russian and LTCM crises. North American Journal of Economics and Finance. XVIII: Ejrnæs M. - Persson K.G. (2000): Market integration and transport costs in France : a threshold error correction approach to the Law of One Price. Explorations in Economic History. XXXVII: Goetz L. - Grethe H. (2009): The EU entry price system for fresh fruits and vegetables Paper tiger or powerful market barrier?. Food Policy. XXXIV:

17 Goodwin B.K. - Piggott N. (2001): Spatial market integration in the presence of threshold effects. American Journal of Agricultural economics. LXXXIII: Hassouneh I. - Serra T. - Gil J.M. (2010): Price transmission in the Spanish bovine sector: the BSE effect Price transmission in the Spanish bovine sector: the BSE effect. Agricultural Economics. XLIV: Ihle R. - von Cramon-Taubadel S. Zorya S. (2009): Markov-switching Estimation of Spatial Maize Price Transmission Processes Between Tanzania and Kenya. American Journal of Agricultural Economics, XCI: Madsen J. (2001): Agricultural Crises and the International Transmission of the Great Depression. The Journal of Economic History. LXI. McNew K. - Fackler P.L. (1997): Testing market equilibrium: Is cointegration informative? The Journal of Agricultural and Resource Economics. XXII: Meyer J. (2004): Measuring market integration in the presence of transaction costs a threshold vector error correction approach. Agricultural Economics. XXXIII: Rigobon R. (2003): On the measurement of the international propagation of shocks: Is the transmission stable? Journal of International Economics. LXI: Santeramo F. G. (2010): Market Integration in European Union s Fruits and Vegetables Sector. Unpublished doctorate dissertation. University of Naples Federico II. Serra T. - Goodwin B.K. - Mancuso A. - Gil J.M. (2006): Non-Parametric Modelling of Spatial Price Relationships. Journal of Agricultural Economics. LVII: Swinbank A. - Ritson C. (1995): The impact of GATT agreement on fruit and vegetable policy. Food Policy XX: Tsay, R.S. (1989) Testing and modelling multivariate threshold models. Journal of American Statistical Association LXXXIV: Corresponding author: Fabio Gaetano Santeramo Indirizzo emali: 17

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei.

Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei. Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei. Alessia Amighini (Università del Piemonte Orientale) Versione preliminare Intervento al convegno Innovare per

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

La nuova OCM ortofrutta e la sua applicazione in Italia

La nuova OCM ortofrutta e la sua applicazione in Italia FORUM INTERNAZIONALE DELL AGRICOLTURA E DELL ALIMENTAZIONE POLITICHE EUROPEE SVILUPPO TERRITORIALE MERCATI La nuova OCM ortofrutta e la sua applicazione in Italia Gabriele Canali Working paper n. 4 Luglio

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI Testo di riferimento: Analisi finanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill 2001 cap. 11 (dottor Alberto Lanzavecchia) Indice

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi Innovazioni di metodo Risultati attesi Risultati Azioni attesi Tempi

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade 15 it Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa Valida dal: 16/01/2015 Distribuzione: pubblica Indice 1 Scopo... 4 2 Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Determinanti dell avversione al rischio degli investitori: riscontri giornalieri dal mercato azionario tedesco 1

Determinanti dell avversione al rischio degli investitori: riscontri giornalieri dal mercato azionario tedesco 1 Martin Scheicher +43 1 40420 7418 martin.scheicher@oenb.at Determinanti dell avversione al rischio degli investitori: riscontri giornalieri dal mercato azionario tedesco 1 I prezzi azionari oscillano al

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020 Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Simona De Luca, Anna Ceci UVAL DPS Roma 11 luglio 2013 Indice 1. Indicatori: un modo

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Un economia sana e con buone prospettive di crescita deve saper cogliere i frutti del progresso tecnico, che solo adeguati investimenti in ricerca

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Organizzazioni di produttori di ortofrutticoli nell UE: situazione e prospettive

Organizzazioni di produttori di ortofrutticoli nell UE: situazione e prospettive Organizzazioni di produttori di ortofrutticoli nell UE: situazione e prospettive Organizzazioni di produttori di ortofrutticoli nell UE: situazione e prospettive Il settore ortofrutticolo riveste un importanza

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

General Linear Model. Esercizio

General Linear Model. Esercizio Esercizio General Linear Model Una delle molteplici applicazioni del General Linear Model è la Trend Surface Analysis. Questa tecnica cerca di individuare, in un modello di superficie, quale tendenza segue

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

I DIRITTI FONDAMENTALI E LA DIRETTIVA SULL ORARIO DI LAVORO

I DIRITTI FONDAMENTALI E LA DIRETTIVA SULL ORARIO DI LAVORO SCHEDA INFORMATIVA I DIRITTI FONDAMENTALI E LA DIRETTIVA SULL ORARIO DI LAVORO EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA I DIRITTI FONDAMENTALI E LA DIRETTIVA SULL ORARIO DI LAVORO 01

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.3.2014 COM(2014) 150 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO Risultati degli esami approfonditi ai sensi del regolamento

Dettagli

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti una valutazione comparata della gestione dei rifiuti Parte una valutazione comparata della gestione dei rifiuti La Commissione europea nell Aprile del 01 ha presentato gli esiti di una ricerca eseguita

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Interreg IIIB CADSES. Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment

Interreg IIIB CADSES. Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment Interreg IIIB CADSES Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment POLY.DEV. Seminario Progetti INTERREG III Sala Verde, Palazzo Leopardi - 8 novembre

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta insieme fino all essenza Dexia Asset Management, un leader europeo nell ambito della Gestione Alternativa n Una presenza storica fin

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

rischi del cloud computing

rischi del cloud computing rischi del cloud computing maurizio pizzonia dipartimento di informatica e automazione università degli studi roma tre 1 due tipologie di rischi rischi legati alla sicurezza informatica vulnerabilità affidabilità

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 28.11.214 COM(214) 94 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO Relazione

Dettagli

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo Aggreko Process Services Soluzioni rapide per il miglioramento dei processi Aggreko può consentire rapidi miglioramenti dei processi

Dettagli

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge ( www.economia.unimi.it/lda/adamss ) Facoltàdi Scienze, Università degli Studi di Milano 10 febbraio 2006 Coordinatore: Davide La Torre (Professore

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli