NATALINO RONZITTI IL CONFLITTO DEL NAGORNO-KARABAKH: ANALISI E PROSPETTIVE DI SOLUZIONE SECONDO DIRITTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NATALINO RONZITTI IL CONFLITTO DEL NAGORNO-KARABAKH: ANALISI E PROSPETTIVE DI SOLUZIONE SECONDO DIRITTO"

Transcript

1 INDICE-SOMMARIO Prefazione XI NATALINO RONZITTI IL CONFLITTO DEL NAGORNO-KARABAKH: ANALISI E PROSPETTIVE DI SOLUZIONE SECONDO DIRITTO 1. L origine del conflitto 1 2. La proclamazione dell indipendenza azerbaigiana e la successione all Unione Sovietica 3 3. Successione tra Stati e sovranità territoriale 4 4. Lo status del Nagorno-Karabakh dall Impero russo all Unione Sovietica 6 5. Principi di diritto internazionale applicabili alle controversie territoriali 7 6. Minoranze, autodeterminazione dei popoli e rispetto del principio dell integrità territoriale degli Stati La Convenzione quadro del Consiglio d Europa sulle minoranze nazionali Il cessate il fuoco Armenia-Azerbaigian, 12 maggio La proclamazione dell indipendenza del Nagorno-Karabakh e l assenza di riconoscimento Le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite La risoluzione 62/243 (2008) dell Assemblea Generale delle Nazioni Unite Il Comitato dei diritti dell uomo Il Consiglio dei diritti umani La sicurezza collettiva, le organizzazioni regionali e la mutua difesa Il diritto internazionale umanitario (segue): Territori sotto occupatio bellica, trasferimento di popolazioni, sfruttamento delle risorse economiche e protezione dei beni culturali La repressione dei crimini internazionali Le organizzazioni regionali 46

2 VI IL CONFLITTO DEL NAGORNO-KARABAKH E IL DIRITTO INTERNAZIONALE 19. L OSCE: il Gruppo di Minsk, i Principi di Madrid La soluzione delle controversie internazionali Conclusioni 58 DOCUMENTAZIONE (a cura di CHIARA ALTAFIN) I. La Repubblica di Azerbaigian 1. Dichiarazione d indipendenza della Repubblica democratica di Azerbaigian (28 maggio 1918) Costituzione della Repubblica democratica di Azerbaigian (18 ottobre 1991) Dichiarazione di Alma Ata (21 dicembre 1991) 76 II. La secessione del Nagorno-Karabakh 1. Proclamazione dell indipendenza della Repubblica del Nagorno-Karabakh (2 settembre 1991) Convenzione di Montevideo sui diritti e doveri degli Stati (26 dicembre 1933) 82 III. Documenti relativi al conflitto 1. Il Protocollo di Bishkek (5 maggio 1994) Accordo sul Cessate-Il-Fuoco (9, 10, 11 maggio 1994) 87 IV. Crisis management e sicurezza regionale 1. Preallarme, Prevenzione dei Conflitti e Gestione delle Crisi (inclusi le missioni d inchiesta e di rapporteur e il CSCE peace-keeping) (estratto da CSCE, Documento di Helsinki 1992, Le Sfide del Cambiamento, 9-10 luglio 1992) Accordo costitutivo della Comunità degli Stati indipendenti (8 dicembre 1991) Carta del Trattato per l organizzazione della sicurezza collettiva (22 gennaio 1993) 104

3 INDICE-SOMMARIO VII V. Diritti dell uomo e diritto internazionale umanitario 1. Convenzione sulla prevenzione e repressione del crimine di genocidio (9 dicembre 1948, artt. 1, 2, 3) Convenzione (IV) dell Aja del 1907 concernente le leggi e gli usi della guerra terrestre Le infrazioni gravi e le Convenzioni di Ginevra del 1949 (Prigionieri di Guerra, Occupazione) 131 VI. Il Consiglio d Europa 1. Convenzione quadro sulla Protezione delle Minoranze Nazionali (1 febbraio 1995) Risoluzione 1416 (2005) dell Assemblea Parlamentare Chiragov and Others against Armenia, Grand Chamber 13216/05, Corte europea dei diritti dell uomo, decisione del 14 dicembre VII. Unione Europea 1. Declaration by the Presidency on behalf of the European Union on forthcoming Presidential elections in Nagorno-Karabakh Risoluzione del PE a sostegno del processo di pace nel Caucaso (21 giugno 1999) Risoluzione del PE sul patrimonio culturale in Azerbaigian (16 febbraio 2006) Risoluzione del PE sull esigenza di una strategia UE per il Caucaso meridionale (20 maggio 2010) Estratti da Commission Staff Working Paper (2005) e da Country Strategy Paper VIII. CSCE/OSCE 1. Atto Finale della CSCE (1975): Dichiarazione sui Principi che reggono le relazioni tra gli Stati partecipanti (estratto) Documento della riunione di Copenaghen della Conferenza sulla dimensione umana della CSCE (1990) Mandato dei Co-Chairmen della Conferenza sul Nagorno-Karabakh (Gruppo di Minsk, 23 marzo 1995) Vertice di Budapest, 5 e 6 dicembre Decisioni di Budapest: II. Questioni regionali. Intensificazione dell azione CSCE relativa al conflitto del Nagorno-Karabakh (estratti) 255

4 VIII IL CONFLITTO DEL NAGORNO-KARABAKH E IL DIRITTO INTERNAZIONALE 5. Documento di Lisbona 1996, Allegato 1: Dichiarazione del Presidente in esercizio dell OSCE (estratto) Dichiarazione del Vertice di Istanbul, 17 e 18 novembre 1999: Dichiarazione, paragrafo 20 (estratto) Nona Riunione del Consiglio dei Ministri. Bucarest, 3 e 4 dicembre 2001: Decisione n. 2. Dichiarazioni del Consiglio dei Ministri (5) (estratti) Decima Riunione del Consiglio dei Ministri. Porto, 6 e 7 dicembre 2002: Dichiarazioni del Consiglio dei Ministri (4); Allegato 3. Dichiarazione interpretativa dell Azerbaigian (estratti) Undicesima Riunione del Consiglio dei Ministri. Maastricht, 1 e 2 dicembre 2003: Conclusioni della Presidenza in esercizio. Dichiarazione della Delegazione dell Azerbaigian (estratto) Dodicesima Riunione del Consiglio dei Ministri. Sofia, 6 e 7 dicembre 2004: Dichiarazione sul conflitto nel Nagorno-Karabakh (estratto) Comunicato dell Aquila dei Co-Chair del Gruppo di Minsk (2009) Comunicato dei Capi-delegazione del Gruppo di Minsk e dei Ministri degli Esteri di Armenia e Azerbaigian (Vilnius, 2011) Comunicato dei Presidenti degli Stati Uniti, della Federazione Russa e della Francia sul Nagorno-Karabakh (Los Cabos, 2012) Comunicato sul conflitto del Nagorno-Karabakh del Gruppo di Minsk (Ennskillen, 2013) Report of the OSCE Fact-Finding Mission (FFM) to the Occupied Territories of Azerbaijan Surrounding Nagorno-Karabakh (NK) (Praga, 28 febbraio 2005) Sintesi del Report of the OSCE Minsk Group Co-Chairs Field Assessment Mission to the Occupied Territories of Azerbaijan Surrounding Nagorno-Karabakh (24 marzo 2011) 302 IX. NATO 1. Dichiarazione del Summit di Lisbona (20 novembre 2010) Dichiarazione del Summit di Chicago (20 maggio 2012) 318 X. Nazioni Unite Risoluzioni del Consiglio di Sicurezza (a) 822 (1993), S/RES/822 (1993), 30 aprile (b) 853 (1993), S/RES/853 (1993), 29 luglio (c) 874 (1993), S/RES/874 (1993), 14 ottobre (d) 884 (1993), S/RES/884 (1993), 12 novembre

5 INDICE-SOMMARIO IX Risoluzioni dell Assemblea Generale (a) 53/71. Mantenimento della sicurezza internazionale prevenzione della disintegrazione violenta degli Stati, 4 gennaio (b) 62/243. La situazione nei territori occupati dell Azerbaigian, 25 aprile (c) 2625 (XXV). Dichiarazione relativa ai principi di diritto internazionale concernenti le relazioni amichevoli e la cooperazione tra gli Stati conformemente alla Carta delle Nazioni Unite, 24 ottobre (d) 3314 (XXIX). Definizione dell aggressione, 14 dicembre Comitato dei diritti dell uomo, Consiglio dei diritti umani, Comitato dei diritti economici sociali e culturali, Comitato sulla protezione dei diritti di tutti i lavoratori migranti e dei membri delle loro famiglie (estratti) Armenia (a) Report of the Working Group on the Universal Periodic Review, Armenia, A/HRC/15/9, 6 July (b) Joint second and third periodic reports of States parties, Armenia, CCPR/C/ARM/2/3, 22 November (c) Concluding observations of the Human Rights Committee, Concluding observations adopted by the Human Rights Committee, Armenia, CCPR/C/ARM/CO/2, 31 August (d) Working Group on the Universal Periodic Review, National report submitted in accordance with paragraph 15 (a) of the annex to Human Rights Council resolution 5/1: Armenia, A/HRC/WG. 6/8/ARM/1, 17 February (e) Consideration of reports submitted by States parties under articles 16 and 17 of the International Covenant on Economic, Social and Cultural Rights, Second and third periodic reports of States parties due in 2000: Armenia, E/C.12/ARM/2-3, 26 February Azerbaigian (a) Second periodic report on the implementation by the Republic of Azerbaijan of the obligations under the International Convention on the Protection of the Rights of All Migrant Workers and Members of Their Families, CMW/C/AZE/2, 13 January (b) Working Group on the Universal Periodic Review, National report submitted in accordance with paragraph 15 (a) of the annex to Human Rights Council resolution 16/21: Azerbaijan, A/HRC/ WG.6/16/AZE/1, 7 February (c) Report of the Working Group on the Universal Periodic Review: Azerbaijan, A/HRC/24/13, 5 July

6 X IL CONFLITTO DEL NAGORNO-KARABAKH E IL DIRITTO INTERNAZIONALE (d) Addendum to the Report of the Working Group on the Universal Periodic Review: Azerbaijan, Views on conclusions and/or recommendations, voluntary commitments and replies presented by the State under review, A/HRC/24/13/Add.1, 19 September Cartina della Regione 367 Bibliografia 369

Indice-Sommario. Introduzione. Ius ad bellum, ius in bello, disarmo 19. Parte I La disciplina dell uso della forza nelle relazioni internazionali

Indice-Sommario. Introduzione. Ius ad bellum, ius in bello, disarmo 19. Parte I La disciplina dell uso della forza nelle relazioni internazionali Indice-Sommario Premessa alla quarta edizione XIII Premessa alla terza edizione XV Premessa alla seconda edizione XVII Premessa alla prima edizione XIX Abbreviazioni 1 Elenco delle opere citate (con il

Dettagli

Parte Prima Le fonti del diritto internazionale

Parte Prima Le fonti del diritto internazionale Parte Prima Le fonti del diritto internazionale 1. Statuto della Corte Internazionale di Giustizia (Articolo estratto)... Pag. 9 2. Convenzione sul diritto dei trattati...» 9 3. Convenzione sulla successione

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Premessa... INTRODUZIONE

INDICE-SOMMARIO. Premessa... INTRODUZIONE INDICE-SOMMARIO Premessa... V INTRODUZIONE 1. Sistema inter-statale, diritto internazionale e valori comuni dell umanità... 1 2. Piano del lavoro e linee direttrici... 2 PARTE I SISTEMA DEGLI STATI E GOVERNO

Dettagli

NATALINO RONZITTI INTRODUZIONE AL INTERNAZIONALE. Quarta edizione

NATALINO RONZITTI INTRODUZIONE AL INTERNAZIONALE. Quarta edizione NATALINO RONZITTI INTRODUZIONE AL DIRITTO INTERNAZIONALE Quarta edizione G. Giappichelli Editore Torino Indice-Sommario Premessa alla quarta edizione Premessa alla terza edizione Premessa alla seconda

Dettagli

Principali Carte, Convenzioni e Dichiarazioni in materia di diritti umani adottate a livello internazionale

Principali Carte, Convenzioni e Dichiarazioni in materia di diritti umani adottate a livello internazionale Principali Carte, Convenzioni e Dichiarazioni in materia di diritti umani adottate a livello internazionale 1 Principali Carte, Convenzioni e Dichiarazioni in materia di diritti umani adottate a livello

Dettagli

2.6. Organizzazioni non governative

2.6. Organizzazioni non governative 2.6. Organizzazioni non governative L espressione ONG è stata introdotta per la prima volta in un trattato internazionale dall articolo 71 della Carta delle Nazioni Unite, che prevede la possibilità del

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I I MODELLI DI CODIFICAZIONE DEL PRINCIPIO AUT DEDERE AUT JUDICARE

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I I MODELLI DI CODIFICAZIONE DEL PRINCIPIO AUT DEDERE AUT JUDICARE CAPITOLO I I MODELLI DI CODIFICAZIONE DEL PRINCIPIO AUT DEDERE AUT JUDICARE INTRODUZIONE 1. Oggetto e scopo dell indagine.......................... 1 2. Cenni sulle origini del principio aut dedere aut

Dettagli

La nascita dell Organizzazione delle Nazioni Unite

La nascita dell Organizzazione delle Nazioni Unite La nascita dell Organizzazione delle Nazioni Unite Conferenza di San Francisco (1945) Carta delle Nazioni Unite (San Francisco, USA 1945) : http://www.un.org/en/documents/charter/ 19 capitoli, 111 articoli

Dettagli

INDICE. INTRODUZIONE. PIANO DELL INDAGINE pag. 1 PARTE PRIMA CAPITOLO I L INGERENZA UMANITARIA UNILATERALE TRA LA DOTTRINA E LA PRASSI

INDICE. INTRODUZIONE. PIANO DELL INDAGINE pag. 1 PARTE PRIMA CAPITOLO I L INGERENZA UMANITARIA UNILATERALE TRA LA DOTTRINA E LA PRASSI INDICE INTRODUZIONE. PIANO DELL INDAGINE pag. 1 PARTE PRIMA CAPITOLO I L INGERENZA UMANITARIA UNILATERALE TRA LA DOTTRINA E LA PRASSI 1. Il significato giuridico di ingerenza umanitaria pag. 9 2. Grozio:

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 9 gennaio 1996

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 9 gennaio 1996 615 INDICE PRESENTAZIONE di Giuliano Amato................................ Pag. 3 PREMESSA: ASPETTI DELLA POLITICA RELIGIOSA DEGLI ULTIMI QUINDICI ANNI di FrancescoMargiotta Broglio....................................»

Dettagli

LA CONDIZIONEINTERNAZIONALE DEL MINORE NEICONFLITTI ARMATI

LA CONDIZIONEINTERNAZIONALE DEL MINORE NEICONFLITTI ARMATI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI LECCE STUDI DI DIRITTO PUBBLICO E DI FILOSOFIA DEL DIRITTO E DELLA POLITICA COIXANA FONDATA DA fg. CODACCI-PISANELLI E CURATA DA A. TARANTINO 23 GIUSEPPE GIOFFREDI LA CONDIZIONEINTERNAZIONALE

Dettagli

CODICE M DJRITTO. G. Giappichelli Editore - Torino. Riccardo Luzzatto. Fausto Pocar

CODICE M DJRITTO. G. Giappichelli Editore - Torino. Riccardo Luzzatto. Fausto Pocar Riccardo Luzzatto Fausto Pocar CODICE M DJRITTO con la collaborazione di Marina Franchi Alessandra Lucchini e Francesca Villata G. Giappichelli Editore - Torino INDICE Presentazione p. IX Carta délie Nazioni

Dettagli

ELENCO DELLE PUBBLICAZIONI DELLA PROF. ELENA SCISO

ELENCO DELLE PUBBLICAZIONI DELLA PROF. ELENA SCISO ELENCO DELLE PUBBLICAZIONI DELLA PROF. ELENA SCISO Monografie e lavori a carattere monografico - Gli accordi internazionali confliggenti CACUCCI, Bari, 1986, pp. XVI-406 Recensito in: The American Journal

Dettagli

Ricerca normativa. Committee on Economic, Social and Cultural Right, Concluding Observations, Italy, 14 dicembre 2004. E/C.12/1/Add.

Ricerca normativa. Committee on Economic, Social and Cultural Right, Concluding Observations, Italy, 14 dicembre 2004. E/C.12/1/Add. Ricerca normativa La presente ricerca normativa raccoglie norme tratte da fonti ufficiali, da banche dati specializzate e dal Catalogo giuridico curato dall Istituto degli Innocenti di Firenze per conto

Dettagli

IL DIRITTO UNIVERSALE ALLA LIBERTÀ DI COSCIENZA

IL DIRITTO UNIVERSALE ALLA LIBERTÀ DI COSCIENZA MARIA GABRIELLA^ELGIORNO de STEFANO A 344581 IL DIRITTO UNIVERSALE ALLA LIBERTÀ DI COSCIENZA EDITRICE IANUA INDICE PREMESSA LIBERTÀ DI COSCIENZA NELLA STORIA UMANA. Pagina 1 CAPITOLO PRIMO DIRITTI UMANI:

Dettagli

Human Rights and Citizenship: The Challenge of Migrations

Human Rights and Citizenship: The Challenge of Migrations Human Rights and Citizenship: The Challenge of Migrations ISPI Milan, November 13, 2006 Intervento di Bruno Nascimbene * 1. Premessa a) Il mio primo rilievo, di carattere assolutamente preliminare, riguarda

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Casa editrice: Cleup. Numero pagine: 752

Casa editrice: Cleup. Numero pagine: 752 Pace Diritti Umani Agenda Politica. Idee e proposte sulla via istituzionale alla pace A cura di, (2011) Casa editrice: Cleup Numero pagine: 752 Contenuto La prima Marcia per la pace Perugia-Assisi, ideata

Dettagli

Smantellata con la II guerra mondiale

Smantellata con la II guerra mondiale Europa dopoguerra I organismo di cooperazione Devastata, sminuito il ruolo centrale del potere economico e politico Nasce a Ginevra, 10/01/1920 Inizialmente scarsi risultati politici Società delle Nazioni

Dettagli

DECISIONE N.7/14 PREVENZIONE E LOTTA ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

DECISIONE N.7/14 PREVENZIONE E LOTTA ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE MC.DEC/7/14/Corr.1 1 Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa Consiglio dei ministri Basilea 2014 ITALIAN Original: ENGLISH Secondo giorno della ventunesima Riunione Giornale MC(21)

Dettagli

Distr.: General 19 June 2008

Distr.: General 19 June 2008 United Nations S/RES/1820 (2008) Security Council Distr.: General 19 June 2008 Risoluzione del Consiglio di Sicurezza 1820 (2008) La risoluzione è stata adottata dal Consiglio di Sicurezza alla sua 5916esima

Dettagli

LE RACCOMANDAZIONI DELL ONU ALL ITALIA PER FAR FRONTE ALLA DISCRIMINAZIONE RAZZIALE SERVONO ISTITUZIONI DI CONTROLLO INDIPENDENTI DAL GOVERNO

LE RACCOMANDAZIONI DELL ONU ALL ITALIA PER FAR FRONTE ALLA DISCRIMINAZIONE RAZZIALE SERVONO ISTITUZIONI DI CONTROLLO INDIPENDENTI DAL GOVERNO LINO RIZZI lino.rizzi@unibocconi.it LE RACCOMANDAZIONI DELL ONU ALL ITALIA PER FAR FRONTE ALLA DISCRIMINAZIONE RAZZIALE SERVONO ISTITUZIONI DI CONTROLLO INDIPENDENTI DAL GOVERNO Presso la sede ONU di Ginevra

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CONSIGLIO DEI DIRITTI UMANI N. 5/2014

OSSERVATORIO SUL CONSIGLIO DEI DIRITTI UMANI N. 5/2014 OSSERVATORIO SUL CONSIGLIO DEI DIRITTI UMANI N. 5/2014 3. L ISTITUZIONE NAZIONALE INDIPENDENTE PER I DIRITTI UMANI IN ITALIA: UNA COMUNE RACCOMANDAZIONE DA PARTE DELLE NAZIONI UNITE E DELLA SOCIETÀ CIVILE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA Il Comune di Vicenza e il Centro di Ateneo per i Diritti Umani dell Università degli Studi di Padova Il Comune di Vicenza (indicato nel prosieguo come Comune) con sede in Corso

Dettagli

annuario italiano dei diritti umani

annuario italiano dei diritti umani annuario italiano dei diritti umani 20115 Marsilio Centro Diritti Umani Università di Padova Annuario italiano dei diritti umani Periodico del Centro di Ateneo per i Diritti Umani dell Università di Padova

Dettagli

GLI STRUMENTI DI TUTELA DEI DIRITTI UMANI:

GLI STRUMENTI DI TUTELA DEI DIRITTI UMANI: GLI STRUMENTI DI TUTELA DEI DIRITTI UMANI: La risoluzione 48/134 dell Assemblea Generale delle Nazioni Unite e la sua attuazione nell ordinamento italiano di Natalino Ronzitti, Professore di diritto internazionale,

Dettagli

Organizzazione del contingente dei Corpi civili di pace, ai sensi dell'articolo 1, comma 253, della legge 27 dicembre 2013, n. 147.

Organizzazione del contingente dei Corpi civili di pace, ai sensi dell'articolo 1, comma 253, della legge 27 dicembre 2013, n. 147. Decreto Ministeriale 7 maggio 2015 Organizzazione del contingente dei Corpi civili di pace, ai sensi dell'articolo 1, comma 253, della legge 27 dicembre 2013, n. 147. (G.U. 20 maggio 2015, n. 115) IL MINISTRO

Dettagli

I N D I C E S O M M A R I O

I N D I C E S O M M A R I O I N D I C E S O M M A R I O Abbreviazioni... pag. XV CAPITOLO PRIMO PROFILI INTRODUTTIVI 1. Un nuovo modello istituzionale di giustizia penale: i tribunali penali misti... pag. 1 2. Le ragioni di ordine

Dettagli

La Costituzione della Bosnia ed Erzegovina

La Costituzione della Bosnia ed Erzegovina La Costituzione della Bosnia ed Erzegovina (traduzione dall inglese a cura di Esterino Adami e Donatella Sasso) Allegato 4 degli Accordi di Pace avviati a Dayton, Ohio, il 21 novembre 1995 e firmati a

Dettagli

PROFILI DI TUTELA DEI DIRITTI UMANI

PROFILI DI TUTELA DEI DIRITTI UMANI ANDREA SACCUCCI A 354945 PROFILI DI TUTELA DEI DIRITTI UMANI tra Nazioni Unite e Consiglio d'europa con prefazione di Giovanni Conso CEDAM CASA EDITRICE DOTT. ANTONIO MILANI 2002 INDICE-SOMMARIO Prefazione

Dettagli

Sintesi attività: secondo semestre 2014

Sintesi attività: secondo semestre 2014 Ufficio del Consigliere Diplomatico Sintesi attività: secondo semestre 2014 R O M A, 1 6 G E N N A I O 2 0 1 5 Indice dei contenuti Il semestre di Presidenza UE Il contesto delle Nazioni Unite Altre attività

Dettagli

Difesa civica e diritti dei cittadini Newsletter n. 2 - Dicembre 2012

Difesa civica e diritti dei cittadini Newsletter n. 2 - Dicembre 2012 Difesa civica e diritti dei cittadini Newsletter n. 2 - Dicembre 2012 Attività dei Difensori civici delle Regioni e delle Province autonome Regione del Veneto Nel corso dei primi mesi del 2012, il Difensore

Dettagli

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)]

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani (Traduzione non ufficiale) L

Dettagli

Lo Sport come strumento per la realizzazione degli obiettivi del Millennio dell onu

Lo Sport come strumento per la realizzazione degli obiettivi del Millennio dell onu Sport e Diritti Umani 249 Capitolo quarto Lo Sport come strumento per la realizzazione degli obiettivi del Millennio dell onu Jacopo Tognon ed Elisabetta Biviano Nel corso del Vertice del Millennio, convocato

Dettagli

Parte Prima QUESTIONI COSTITUTIVE

Parte Prima QUESTIONI COSTITUTIVE v INDICE GLI AUTORI.... PREFAZIONE Ermanno Cappa... xi xvii INTRODUZIONE Giuliana Garzone e Francesca Santulli 1. La lingua del diritto tra conservatorismo ed evoluzione............ 1 2. Ilvolume... 4

Dettagli

CURRICULUM DELL ATTIVITA DIDATTICA E SCIENTIFICA DELLA PROF. MARIA RITA SAULLE

CURRICULUM DELL ATTIVITA DIDATTICA E SCIENTIFICA DELLA PROF. MARIA RITA SAULLE CURRICULUM DELL ATTIVITA DIDATTICA E SCIENTIFICA DELLA PROF. MARIA RITA SAULLE Laureata in giurisprudenza nell Università di Roma il 13 Marzo 1958 con voti 110/110 e lode. Assistente volontaria alla Cattedra

Dettagli

INDICE. Premessa... Pag. 1. Nota informativa...» 5. Trattato che adotta una Costituzione per l Europa...» 11

INDICE. Premessa... Pag. 1. Nota informativa...» 5. Trattato che adotta una Costituzione per l Europa...» 11 Premessa... Pag. 1 Nota informativa...» 5 Trattato che adotta una Costituzione per l Europa...» 11 Preambolo...» 13 Parte I...» 15 Titolo I - Definizione e obiettivi dell Unione...» 15 Titolo II - Diritti

Dettagli

Tutela internazionale dei diritti umani. Dott. Daniele Amoroso

Tutela internazionale dei diritti umani. Dott. Daniele Amoroso Tutela internazionale dei diritti umani Dott. Daniele Amoroso Nozione e fondamento dei diritti umani Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione di

Dettagli

Obblighi giuridici internazionali e impegni politici

Obblighi giuridici internazionali e impegni politici Annesso alla MC(9).DEC/1/Corr.1 PIANO DI AZIONE DI BUCAREST PER LA LOTTA Al TERRORISMO I. Obiettivo del Piano d Azione 1. Il terrorismo è una minaccia alla pace e alla sicurezza internazionali, nell area

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Prefazione alla VII edizione... Abbreviazioni... I COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA PARTE I DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI

INDICE SOMMARIO. Prefazione alla VII edizione... Abbreviazioni... I COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA PARTE I DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI INDICE SOMMARIO Prefazione alla VII edizione... Abbreviazioni... pag. V VII I COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA Principi fondamentali... 3 PARTE I DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI Titolo I Rapporti civili...

Dettagli

CODICE CIVILE E LE ALTRE FONTI DEL DIRITTO PRIVATO

CODICE CIVILE E LE ALTRE FONTI DEL DIRITTO PRIVATO INDICE-SOMMARIO XI PREFAZIONE Capitolo Primo IL CODICE CIVILE E LE ALTRE FONTI DEL DIRITTO PRIVATO 1 Presentazione 2 1.1. Diritto privato e diritto pubblico 5 1.2. Fonti del diritto privato 6 1.3. La Costituzione

Dettagli

Indice. Unità 2. Unità 1. Unità 3. L Unione Europea 39. Gli stati, i popoli, le culture in europa 9

Indice. Unità 2. Unità 1. Unità 3. L Unione Europea 39. Gli stati, i popoli, le culture in europa 9 Unità 1 Gli stati, i popoli, le culture in europa 9 Itinerario 1 Il cammino degli Stati europei 10 Le origini dell Europa 10 Un continente diverso dagli altri 10 L Europa romana e medievale 12 L Impero

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA DIRITTO INTERNAZIONALE

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA DIRITTO INTERNAZIONALE IX Presentazione... Elenco delle principali abbreviazioni... VII XIX PARTE PRIMA DIRITTO INTERNAZIONALE CAPITOLO I L ORDINAMENTO GIURIDICO INTERNAZIONALE 1. Il diritto internazionale come espressione di

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE. Capitolo I IL DIRITTO FINANZIARIO DELLE NAZIONI UNITE

INDICE INTRODUZIONE. Capitolo I IL DIRITTO FINANZIARIO DELLE NAZIONI UNITE INDICE Abbreviazioni... xiii INTRODUZIONE 1. Il ruolo delle Nazioni Unite nel terzo millennio e la questione del finanziamento... 1 2. La rigidità del bilancio ordinario dell ONU: un limite alle risorse

Dettagli

PARTE I QUADRO DI RIFERIMENTO

PARTE I QUADRO DI RIFERIMENTO Ministero degli Affari Esteri Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo Linee guida della Cooperazione Italiana sulla Tematica Minorile Adottate il 26 novembre 1998, aggiornate il 15 maggio

Dettagli

Diritti umani e diritto umanitario nei conflitti armati. Alessandra Annoni Università Magna Graecia Catanzaro alessandra.annoni@unicz.

Diritti umani e diritto umanitario nei conflitti armati. Alessandra Annoni Università Magna Graecia Catanzaro alessandra.annoni@unicz. Diritti umani e diritto umanitario nei conflitti armati Alessandra Annoni Università Magna Graecia Catanzaro alessandra.annoni@unicz.it 1. Conflitti internazionali 2. Conflitti non internazionali 3. Partecipazione

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. CAPITOLO I Terrorismo e cooperazione giudiziaria per la tutela dei diritti umani

INDICE-SOMMARIO. CAPITOLO I Terrorismo e cooperazione giudiziaria per la tutela dei diritti umani INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I Terrorismo e cooperazione giudiziaria per la tutela dei diritti umani 1. Introduzione... pag. 3 2. Da Sarajevo a Sarajevo...10 3. La sfida globale e quella esterna. L Europa

Dettagli

Centro Studi Politici, culturali, Economici, Sociali e Giuridici FUTURA

Centro Studi Politici, culturali, Economici, Sociali e Giuridici FUTURA Centro Studi Politici, culturali, Economici, Sociali e Giuridici FUTURA Lamezia Terme 88046 via Coschi 72/b interno 1 telefono e fax 0968/201908 Codice Fiscale 92003410799 FORMAZIONE GENERALE REGISTRI

Dettagli

ALCUNE TAPPE IMPORTANTI DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE NEL MONDO ED IN EUROPA

ALCUNE TAPPE IMPORTANTI DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE NEL MONDO ED IN EUROPA Una lunga serie di conferenze, pubblicazioni, programmi internazionali ed europei, tra cui i seguenti a carattere più generale (molte altre iniziative riguardano specifici settori) caratterizzano il percorso

Dettagli

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration)

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Conferenza Europea sulle Politiche sanitarie: opportunità per il futuro Copenaghen, Danimarca, 5-9 dicembre 1994. La Conferenza ha concordato di

Dettagli

DIRITTO INTERNAZIONALE

DIRITTO INTERNAZIONALE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI A.A. 2015/2016 DIRITTO INTERNAZIONALE Prof. Cesare Pitea email cesare.pitea@unipr.it ricevimento mercoledì 9:30/11:30 1 PARTE I: LA

Dettagli

807 a SEDUTA PLENARIA DEL CONSIGLIO

807 a SEDUTA PLENARIA DEL CONSIGLIO PC.JOUR/807 Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa Consiglio permanente ITALIANO Originale: INGLESE Presidenza: Kazakistan 807 a SEDUTA PLENARIA DEL CONSIGLIO 1. Data: giovedì Inizio:

Dettagli

CARTA DELLE NAZIONI UNITE (1945)

CARTA DELLE NAZIONI UNITE (1945) CARTA DELLE NAZIONI UNITE (1945) Statuto delle Nazioni Unite, adottato il 26 giugno 1945 a San Francisco, a conclusione della Conferenza delle Nazioni Unite sull Organizzazione Internazionale. Entrata

Dettagli

TRADUZIONE NON UFFICIALE

TRADUZIONE NON UFFICIALE TRADUZIONE NON UFFICIALE PROGETTO DI PROTOCOLLO ADDIZIONALE ALLE CONVENZIONI DI GINEVRA DEL 12 AGOSTO 1949 RELATIVO ALL ADOZIONE DI UN SIMBOLO DISTINTIVO ADDIZIONALE III PROTOCOLLO Testo preparato dal

Dettagli

PARTE II. La produzione normativa nella comunita internazionale

PARTE II. La produzione normativa nella comunita internazionale Dipartimento di Giurisprudenza Corso di Diritto internazionale Prof. Cesare Pitea A.A. 2014/2015 PARTE II La produzione normativa nella comunita internazionale I. CARATTERI D INSIEME DEL SISTEMA DELLE

Dettagli

PRINCIPI REGOLANTI LE CESSIONI DI ARMAMENTI CONVENZIONALI *

PRINCIPI REGOLANTI LE CESSIONI DI ARMAMENTI CONVENZIONALI * Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa PRINCIPI REGOLANTI LE CESSIONI DI ARMAMENTI CONVENZIONALI * 25 novembre 1993 * Inclusa la Decisione N.13/97 del Foro per la Sicurezza e la Cooperazione

Dettagli

Rapporto annuale sulle attività dell OSCE nel 2010

Rapporto annuale sulle attività dell OSCE nel 2010 Rapporto annuale sulle attività dell OSCE nel 2010 Il Segretario generale Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa - 3 - Sommario Messaggio del Segretario generale Sintesi Rapporto

Dettagli

DECISIONE N.756 PROGRAMMA DI LAVORO DELL OSCE PER IL 2007 SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA AL TERRORISMO

DECISIONE N.756 PROGRAMMA DI LAVORO DELL OSCE PER IL 2007 SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA AL TERRORISMO PC.DEC/756 Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa Consiglio permanente ITALIANO Originale: INGLESE 641 a Seduta plenaria Giornale PC N.641, punto 2 dell ordine del giorno DECISIONE

Dettagli

0.120. Statuto delle Nazioni Unite. Traduzione 1. (Stato 24 ottobre 2006)

0.120. Statuto delle Nazioni Unite. Traduzione 1. (Stato 24 ottobre 2006) Traduzione 1 Statuto delle Nazioni Unite 0.120 Fatto a San Francisco il 26 giugno 1945 Approvato dall Assemblea federale il 5 ottobre 2001 2 Dichiarazione d accettazione degli obblighi contenuti nello

Dettagli

CARTA DELLE NAZIONI UNITE

CARTA DELLE NAZIONI UNITE CARTA DELLE NAZIONI UNITE Noi popoli delle Nazioni Unite, decisi a salvare le future generazioni dal flagello della guerra, che per due volte nel corso di questa generazione ha portato indicibili afflizioni

Dettagli

726 a SEDUTA PLENARIA DEL FORO

726 a SEDUTA PLENARIA DEL FORO FSC.JOUR/732 Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa Foro di cooperazione per la sicurezza ITALIAN Original: ENGLISH Presidenza: Lussemburgo 726 a SEDUTA PLENARIA DEL FORO 1. Data:

Dettagli

INDICE-SOMMARIO INTRODUZIONE PARTE PRIMA EVOLUZIONE STORICA CAPITOLO I

INDICE-SOMMARIO INTRODUZIONE PARTE PRIMA EVOLUZIONE STORICA CAPITOLO I INDICE-SOMMARIO ABBREVIAZIONI... pag. XV INTRODUZIONE 1. Premessa... pag. 1 2. Le caratteristiche distintive generali delle organizzazioni non governative...» 5 3. Le ONG nelle ricostruzioni della dottrina

Dettagli

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e educazione 2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e I documenti presentati presentano nella maggior parte dei casi ripetuti riferimenti alla Dichiarazione Universale

Dettagli

BOZZA PRELIMINARE DELLA DICHIARAZIONE SULLE NORME UNIVERSALI DI BIOETICA

BOZZA PRELIMINARE DELLA DICHIARAZIONE SULLE NORME UNIVERSALI DI BIOETICA I La traduzione in italiano del testo originale in lingua inglese non costituisce un testo ufficiale dell Unesco. La traduzione è stata realizzata da Cinzia Caporale e non può essere pubblicata senza autorizzazione.

Dettagli

Risoluzione. L'Assemblea Legislativa dell'emilia-romagna

Risoluzione. L'Assemblea Legislativa dell'emilia-romagna Regione EmiliaRomagna Assemblea legislativa AL/2015/16305 del 16/04/2015 OGGETTO 473 Bologna, 14/04/2015 G Risoluzione Alla Presidente Dell'Assemblea Legislativa Simonetta Saliera Sede L'Assemblea Legislativa

Dettagli

Repertorio Normativa

Repertorio Normativa Repertorio Normativa Circolari Ministeriali, Leggi e Decreti Legislativi 2010 C.M. n. 2 dell 8/01/2010 - Indicazioni e raccomandazioni per l integrazione di alunni con cittadinanza non italiana. 2009 C.M.

Dettagli

La gerarchia delle fonti Il valore della norma e gli effetti giuridici Il valore della sentenza e gli effetti giuridici

La gerarchia delle fonti Il valore della norma e gli effetti giuridici Il valore della sentenza e gli effetti giuridici PRIMO INSEGNAMENTO (9 CFU/72 ORE) STUDI SULLA NASCITA DEI DIRITTI DELL'INFANZIA E DELL'ADOLESCENZA Argomento Ore Data Descrizione I. Apertura A. Saluti di benvenuto 2/0 A. Nozioni giuridiche di base 2/0

Dettagli

- 154 - Partenariati per la sicurezza e la cooperazione

- 154 - Partenariati per la sicurezza e la cooperazione - 154 - Partenariati per la sicurezza e la cooperazione Partenariati per la sicurezza e la cooperazione - 155 - Interazione con le Organizzazioni e le Istituzioni nell area dell OSCE L interazione con

Dettagli

DECISIONE N.1105 CALENDARIO E MODALITÀ ORGANIZZATIVE DELLA VENTESIMA RIUNIONE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DELL OSCE. I. Calendario

DECISIONE N.1105 CALENDARIO E MODALITÀ ORGANIZZATIVE DELLA VENTESIMA RIUNIONE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DELL OSCE. I. Calendario PC.DEC/1105 Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa Consiglio permanente ITALIAN Original: ENGLISH 974 a Seduta plenaria Giornale PC N.974, punto 3 dell ordine del giorno DECISIONE

Dettagli

Paolo Bargiacchi Diritto dell Unione europea. Istituzioni, norme, politiche

Paolo Bargiacchi Diritto dell Unione europea. Istituzioni, norme, politiche Paolo Bargiacchi Diritto dell Unione europea Istituzioni, norme, politiche Copyright MMXV Aracne editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Quarto Negroni, 15 00040 Ariccia

Dettagli

Carta Internazionale del Difensore civico Efficiente. (Testo approvato ad Innsbruck gennaio 2005)

Carta Internazionale del Difensore civico Efficiente. (Testo approvato ad Innsbruck gennaio 2005) Commissario per la Tutela dei Diritti Civili della Repubblica della Polonia Prof. Dr. hab. Andrzej Zoll Carta Internazionale del Difensore civico Efficiente (Testo approvato ad Innsbruck gennaio 2005)

Dettagli

Francesca De Vittor - Diritto internazionale 1 IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

Francesca De Vittor - Diritto internazionale 1 IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE Francesca De Vittor - Diritto internazionale 1 IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE Francesca De Vittor - Diritto internazionale 2 Il concetto di diritto internazionale materiale Il contenuto del diritto

Dettagli

PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL

PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL COINVOLGIMENTO DEI BAMBINI NEI CONFLITTI ARMATI Gli Stati Contraenti il presente Protocollo, Incoraggiati dal travolgente

Dettagli

INDICE. Parte I LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA E LA SUA LOGICA. Capitolo I PROFILI INTRODUTTIVI

INDICE. Parte I LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA E LA SUA LOGICA. Capitolo I PROFILI INTRODUTTIVI INDICE Presentazione... Abbreviazioni... Premessa... vii xv xix Parte I LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA E LA SUA LOGICA Capitolo I PROFILI INTRODUTTIVI 1. Posizione del problema e piano dell indagine........

Dettagli

Indice sistematico PRINCIPI FONDAMENTALI

Indice sistematico PRINCIPI FONDAMENTALI Indice sistematico PRINCIPI FONDAMENTALI I diritti sociali nel Trattato di Lisbona... 3 Convenzione 4 novembre 1950 Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell Uomo e delle libertà fondamentali...

Dettagli

817 a SEDUTA PLENARIA DEL FORO

817 a SEDUTA PLENARIA DEL FORO FSC.JOUR/823 Original: ENGLISH Presidenza: Polonia 817 a SEDUTA PLENARIA DEL FORO 1. Data: mercoledì 27 aprile 2016 Inizio: ore 10.05 Fine: ore 12.40 2. Presidenza: Ambasciatore A. Bugajski 3. Questioni

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 16-02-2015 (punto N 37 ) Delibera N 119 del 16-02-2015 Proponente LUIGI MARRONI DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE

Dettagli

DOCUMENTO DI BUDAPEST 1994 VERSO UNA VERA PARTNERSHIP IN UNA NUOVA ERA

DOCUMENTO DI BUDAPEST 1994 VERSO UNA VERA PARTNERSHIP IN UNA NUOVA ERA CSCE DOCUMENTO DI BUDAPEST 1994 VERSO UNA VERA PARTNERSHIP IN UNA NUOVA ERA Versione corretta il 19 gennaio 1995 DICHIARAZIONE DEL VERTICE DI BUDAPEST DICHIARAZIONE DEL VERTICE DI BUDAPEST Verso una vera

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SPRESIANO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SPRESIANO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SPRESIANO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE FINALITA Acquisizione della consapevolezza dello stretto rapporto che intercorre tra sfera privata

Dettagli

SOMMARIO. Giurisprudenza

SOMMARIO. Giurisprudenza SOMMARIO pag. M. STARITA, prof. ass. Univ. Palermo. L'interpretazione dei trattati che determinano frontiere... 337 O. LOPES PEGNA, ricercatore Univ. Firenze. Collegamenti fittizi o fraudolenti di competenza

Dettagli

La Gendarmeria Europea Quale avvenire per le missioni civili all estero?

La Gendarmeria Europea Quale avvenire per le missioni civili all estero? La Gendarmeria Europea Quale avvenire per le missioni civili all estero? Di Natalino Ronzitti, Professore di diritto internazionale, LUISS- Guido Carli, e consigliere scientifico, Istituto Affari Internazionali

Dettagli

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO 27 SOCIETÀ, STATO E DIRITTO Caratteri dello Stato Dal feudalesimo alla nascita dello Stato moderno Le idee del filosofo Immanuel Kant Le idee del filosofo greco Aristotele Il moderno Stato di diritto La

Dettagli

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010 UNICEF Missione e organizzazione Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza 23 marzo 2010 I momenti principali della storia dell UNICEF (1) 11 Dic. 1946: l Assemblea Generale dell ONU istituisce l UNICEF

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE SUL GENOMA UMANO E I DIRITTI UMANI

DICHIARAZIONE UNIVERSALE SUL GENOMA UMANO E I DIRITTI UMANI DICHIARAZIONE UNIVERSALE SUL GENOMA UMANO E I DIRITTI UMANI La Conferenza Generale, Ricordando che il Preambolo dell Atto Costitutivo dell UNESCO invoca l ideale democratico di dignità, di uguaglianza

Dettagli

LA STORIA DELLA CROCE ROSSA. Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone

LA STORIA DELLA CROCE ROSSA. Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone LA STORIA DELLA CROCE ROSSA Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone Henry Dunant (8 maggio 1828 30 ottobre 1910) 24 giugno1859 BATTAGLIA di SOLFERINO Henry Dunant organizza i soccorsi collaborando con

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) Telefono(i) Fax E-mail Cittadinanza Fabio Strinati Italiana di nascita 4 febbraio 1962 Sesso M Esperienza professionale

Dettagli

INDICE-SOMMARIO INTRODUZIONE

INDICE-SOMMARIO INTRODUZIONE INDICE-SOMMARIO INTRODUZIONE 1. Una dichiarazione di intenti 1 2. Alla riscoperta del carattere dinamico e prospettico dell allargamento 7 3. Struttura ed articolazione dell indagine 10 Parte prima LA

Dettagli

Costituzione della Organizzazione delle Nazioni Unite per l Educazione, le Scienze e la Cultura

Costituzione della Organizzazione delle Nazioni Unite per l Educazione, le Scienze e la Cultura Costituzione della Organizzazione delle Nazioni Unite per l Educazione, le Scienze e la Cultura Firmata a Londra il 16 novembre 1945 1 I Governi degli Stati membri della presente Convenzione, in nome dei

Dettagli

Avv. Cristina Lorenzin Istruttrice di Diritto Internazionale Umanitario

Avv. Cristina Lorenzin Istruttrice di Diritto Internazionale Umanitario Avv. Cristina Lorenzin Istruttrice di Diritto Internazionale Umanitario Origini! Henry Dunant! Ginevra 1828- Heiden 1910! Origini! -1855: Fonda a Parigi la prima sede in territorio europeo di YMCA! - 1858:

Dettagli

Monica Scala ha collaborato all editing del volume. Si ringraziano inoltre Gabriella Donadio e Mario Schettini per il supporto

Monica Scala ha collaborato all editing del volume. Si ringraziano inoltre Gabriella Donadio e Mario Schettini per il supporto A12 298 Il Commentario costituisce un risultato della Ricerca La Convenzione delle Nazioni Unite del 2007 sui diritti delle persone con disabilità: modalità di recepimento, attuazione a livello nazionale

Dettagli

Il 1848. Il II impero in Francia

Il 1848. Il II impero in Francia Il 1848. Il II impero in Francia Le rivoluzioni del 48 in Europa Dimensioni più ampie: eccetto Inghilterra e Russia, tutta l Europa è coinvolta, compresa l Austria di Metternich. Più ampio coinvolgimento

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione Rec(2001)1 del Comitato dei Ministri (degli Esteri) agli Stati membri sul Servizio Sociale (adottato dal Comitato dei Ministri (degli Esteri)0il

Dettagli

ACCORDO TRA IRLANDA, REGNO DEI PAESI BASSI, REGNO DI SPAGNA, REPUBBLICA ITALIANA, REPUBBLICA PORTOGHESE, REPUBBLICA FRANCESE,

ACCORDO TRA IRLANDA, REGNO DEI PAESI BASSI, REGNO DI SPAGNA, REPUBBLICA ITALIANA, REPUBBLICA PORTOGHESE, REPUBBLICA FRANCESE, ACCORDO TRA IRLANDA, REGNO DEI PAESI BASSI, REGNO DI SPAGNA, REPUBBLICA ITALIANA, REPUBBLICA PORTOGHESE, REPUBBLICA FRANCESE, E REGNO UNITO DI GRAN BRETAGNA ED IRLANDA DEL NORD CHE ISTITUISCE UN CENTRO

Dettagli

Roma, 24 settembre 2013. Risoluzione n. 1/D. Alle Direzioni Regionali/Interregionali Provinciali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI

Roma, 24 settembre 2013. Risoluzione n. 1/D. Alle Direzioni Regionali/Interregionali Provinciali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Roma, 24 settembre 2013 Protocollo: 108629 Rif.: Allegati: 1 Risoluzione n. 1/D Alle Direzioni Regionali/Interregionali Provinciali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle dogane LORO SEDI

Dettagli

Curriculum vitae. paolo.reale@sallicanoereale.it E - mail (privata)

Curriculum vitae. paolo.reale@sallicanoereale.it E - mail (privata) s t u d i o l e g a l e S A L LI C A N O & REALE a s s o c i a t o Tel. 0931.60856 0931.60857 F a x 0931.461875 viale Montedo r o, 54 96100 Siracusa www.sallicanoereale.itinfo@sallicanoereale.it Curriculum

Dettagli

CRONOLOGIA ESSENZIALE

CRONOLOGIA ESSENZIALE CRONOLOGIA ESSENZIALE 1992: MISSIONI DI PETERSBERG, ambito UEO; (adottate nel Trattato di Amsterdam - 1997) 1993: NASCITA DI EUROCORPS 1996: NASCITA DI EUROFOR, EUROMARFOR, EUROGENDFOR. 1996: ACCORDI DI

Dettagli

Curriculum vitae della dott.ssa Elisabetta Maria Cesqui, magistrato ordinario di settima valutazione di professionalità

Curriculum vitae della dott.ssa Elisabetta Maria Cesqui, magistrato ordinario di settima valutazione di professionalità Curriculum vitae della dott.ssa Elisabetta Maria Cesqui, magistrato ordinario di settima valutazione di professionalità Dal 15 ottobre 2014 Dal 2010 al 2014 Capo dell Ispettorato Generale del Ministero

Dettagli