NATALINO RONZITTI IL CONFLITTO DEL NAGORNO-KARABAKH: ANALISI E PROSPETTIVE DI SOLUZIONE SECONDO DIRITTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NATALINO RONZITTI IL CONFLITTO DEL NAGORNO-KARABAKH: ANALISI E PROSPETTIVE DI SOLUZIONE SECONDO DIRITTO"

Transcript

1 INDICE-SOMMARIO Prefazione XI NATALINO RONZITTI IL CONFLITTO DEL NAGORNO-KARABAKH: ANALISI E PROSPETTIVE DI SOLUZIONE SECONDO DIRITTO 1. L origine del conflitto 1 2. La proclamazione dell indipendenza azerbaigiana e la successione all Unione Sovietica 3 3. Successione tra Stati e sovranità territoriale 4 4. Lo status del Nagorno-Karabakh dall Impero russo all Unione Sovietica 6 5. Principi di diritto internazionale applicabili alle controversie territoriali 7 6. Minoranze, autodeterminazione dei popoli e rispetto del principio dell integrità territoriale degli Stati La Convenzione quadro del Consiglio d Europa sulle minoranze nazionali Il cessate il fuoco Armenia-Azerbaigian, 12 maggio La proclamazione dell indipendenza del Nagorno-Karabakh e l assenza di riconoscimento Le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite La risoluzione 62/243 (2008) dell Assemblea Generale delle Nazioni Unite Il Comitato dei diritti dell uomo Il Consiglio dei diritti umani La sicurezza collettiva, le organizzazioni regionali e la mutua difesa Il diritto internazionale umanitario (segue): Territori sotto occupatio bellica, trasferimento di popolazioni, sfruttamento delle risorse economiche e protezione dei beni culturali La repressione dei crimini internazionali Le organizzazioni regionali 46

2 VI IL CONFLITTO DEL NAGORNO-KARABAKH E IL DIRITTO INTERNAZIONALE 19. L OSCE: il Gruppo di Minsk, i Principi di Madrid La soluzione delle controversie internazionali Conclusioni 58 DOCUMENTAZIONE (a cura di CHIARA ALTAFIN) I. La Repubblica di Azerbaigian 1. Dichiarazione d indipendenza della Repubblica democratica di Azerbaigian (28 maggio 1918) Costituzione della Repubblica democratica di Azerbaigian (18 ottobre 1991) Dichiarazione di Alma Ata (21 dicembre 1991) 76 II. La secessione del Nagorno-Karabakh 1. Proclamazione dell indipendenza della Repubblica del Nagorno-Karabakh (2 settembre 1991) Convenzione di Montevideo sui diritti e doveri degli Stati (26 dicembre 1933) 82 III. Documenti relativi al conflitto 1. Il Protocollo di Bishkek (5 maggio 1994) Accordo sul Cessate-Il-Fuoco (9, 10, 11 maggio 1994) 87 IV. Crisis management e sicurezza regionale 1. Preallarme, Prevenzione dei Conflitti e Gestione delle Crisi (inclusi le missioni d inchiesta e di rapporteur e il CSCE peace-keeping) (estratto da CSCE, Documento di Helsinki 1992, Le Sfide del Cambiamento, 9-10 luglio 1992) Accordo costitutivo della Comunità degli Stati indipendenti (8 dicembre 1991) Carta del Trattato per l organizzazione della sicurezza collettiva (22 gennaio 1993) 104

3 INDICE-SOMMARIO VII V. Diritti dell uomo e diritto internazionale umanitario 1. Convenzione sulla prevenzione e repressione del crimine di genocidio (9 dicembre 1948, artt. 1, 2, 3) Convenzione (IV) dell Aja del 1907 concernente le leggi e gli usi della guerra terrestre Le infrazioni gravi e le Convenzioni di Ginevra del 1949 (Prigionieri di Guerra, Occupazione) 131 VI. Il Consiglio d Europa 1. Convenzione quadro sulla Protezione delle Minoranze Nazionali (1 febbraio 1995) Risoluzione 1416 (2005) dell Assemblea Parlamentare Chiragov and Others against Armenia, Grand Chamber 13216/05, Corte europea dei diritti dell uomo, decisione del 14 dicembre VII. Unione Europea 1. Declaration by the Presidency on behalf of the European Union on forthcoming Presidential elections in Nagorno-Karabakh Risoluzione del PE a sostegno del processo di pace nel Caucaso (21 giugno 1999) Risoluzione del PE sul patrimonio culturale in Azerbaigian (16 febbraio 2006) Risoluzione del PE sull esigenza di una strategia UE per il Caucaso meridionale (20 maggio 2010) Estratti da Commission Staff Working Paper (2005) e da Country Strategy Paper VIII. CSCE/OSCE 1. Atto Finale della CSCE (1975): Dichiarazione sui Principi che reggono le relazioni tra gli Stati partecipanti (estratto) Documento della riunione di Copenaghen della Conferenza sulla dimensione umana della CSCE (1990) Mandato dei Co-Chairmen della Conferenza sul Nagorno-Karabakh (Gruppo di Minsk, 23 marzo 1995) Vertice di Budapest, 5 e 6 dicembre Decisioni di Budapest: II. Questioni regionali. Intensificazione dell azione CSCE relativa al conflitto del Nagorno-Karabakh (estratti) 255

4 VIII IL CONFLITTO DEL NAGORNO-KARABAKH E IL DIRITTO INTERNAZIONALE 5. Documento di Lisbona 1996, Allegato 1: Dichiarazione del Presidente in esercizio dell OSCE (estratto) Dichiarazione del Vertice di Istanbul, 17 e 18 novembre 1999: Dichiarazione, paragrafo 20 (estratto) Nona Riunione del Consiglio dei Ministri. Bucarest, 3 e 4 dicembre 2001: Decisione n. 2. Dichiarazioni del Consiglio dei Ministri (5) (estratti) Decima Riunione del Consiglio dei Ministri. Porto, 6 e 7 dicembre 2002: Dichiarazioni del Consiglio dei Ministri (4); Allegato 3. Dichiarazione interpretativa dell Azerbaigian (estratti) Undicesima Riunione del Consiglio dei Ministri. Maastricht, 1 e 2 dicembre 2003: Conclusioni della Presidenza in esercizio. Dichiarazione della Delegazione dell Azerbaigian (estratto) Dodicesima Riunione del Consiglio dei Ministri. Sofia, 6 e 7 dicembre 2004: Dichiarazione sul conflitto nel Nagorno-Karabakh (estratto) Comunicato dell Aquila dei Co-Chair del Gruppo di Minsk (2009) Comunicato dei Capi-delegazione del Gruppo di Minsk e dei Ministri degli Esteri di Armenia e Azerbaigian (Vilnius, 2011) Comunicato dei Presidenti degli Stati Uniti, della Federazione Russa e della Francia sul Nagorno-Karabakh (Los Cabos, 2012) Comunicato sul conflitto del Nagorno-Karabakh del Gruppo di Minsk (Ennskillen, 2013) Report of the OSCE Fact-Finding Mission (FFM) to the Occupied Territories of Azerbaijan Surrounding Nagorno-Karabakh (NK) (Praga, 28 febbraio 2005) Sintesi del Report of the OSCE Minsk Group Co-Chairs Field Assessment Mission to the Occupied Territories of Azerbaijan Surrounding Nagorno-Karabakh (24 marzo 2011) 302 IX. NATO 1. Dichiarazione del Summit di Lisbona (20 novembre 2010) Dichiarazione del Summit di Chicago (20 maggio 2012) 318 X. Nazioni Unite Risoluzioni del Consiglio di Sicurezza (a) 822 (1993), S/RES/822 (1993), 30 aprile (b) 853 (1993), S/RES/853 (1993), 29 luglio (c) 874 (1993), S/RES/874 (1993), 14 ottobre (d) 884 (1993), S/RES/884 (1993), 12 novembre

5 INDICE-SOMMARIO IX Risoluzioni dell Assemblea Generale (a) 53/71. Mantenimento della sicurezza internazionale prevenzione della disintegrazione violenta degli Stati, 4 gennaio (b) 62/243. La situazione nei territori occupati dell Azerbaigian, 25 aprile (c) 2625 (XXV). Dichiarazione relativa ai principi di diritto internazionale concernenti le relazioni amichevoli e la cooperazione tra gli Stati conformemente alla Carta delle Nazioni Unite, 24 ottobre (d) 3314 (XXIX). Definizione dell aggressione, 14 dicembre Comitato dei diritti dell uomo, Consiglio dei diritti umani, Comitato dei diritti economici sociali e culturali, Comitato sulla protezione dei diritti di tutti i lavoratori migranti e dei membri delle loro famiglie (estratti) Armenia (a) Report of the Working Group on the Universal Periodic Review, Armenia, A/HRC/15/9, 6 July (b) Joint second and third periodic reports of States parties, Armenia, CCPR/C/ARM/2/3, 22 November (c) Concluding observations of the Human Rights Committee, Concluding observations adopted by the Human Rights Committee, Armenia, CCPR/C/ARM/CO/2, 31 August (d) Working Group on the Universal Periodic Review, National report submitted in accordance with paragraph 15 (a) of the annex to Human Rights Council resolution 5/1: Armenia, A/HRC/WG. 6/8/ARM/1, 17 February (e) Consideration of reports submitted by States parties under articles 16 and 17 of the International Covenant on Economic, Social and Cultural Rights, Second and third periodic reports of States parties due in 2000: Armenia, E/C.12/ARM/2-3, 26 February Azerbaigian (a) Second periodic report on the implementation by the Republic of Azerbaijan of the obligations under the International Convention on the Protection of the Rights of All Migrant Workers and Members of Their Families, CMW/C/AZE/2, 13 January (b) Working Group on the Universal Periodic Review, National report submitted in accordance with paragraph 15 (a) of the annex to Human Rights Council resolution 16/21: Azerbaijan, A/HRC/ WG.6/16/AZE/1, 7 February (c) Report of the Working Group on the Universal Periodic Review: Azerbaijan, A/HRC/24/13, 5 July

6 X IL CONFLITTO DEL NAGORNO-KARABAKH E IL DIRITTO INTERNAZIONALE (d) Addendum to the Report of the Working Group on the Universal Periodic Review: Azerbaijan, Views on conclusions and/or recommendations, voluntary commitments and replies presented by the State under review, A/HRC/24/13/Add.1, 19 September Cartina della Regione 367 Bibliografia 369

Indice-Sommario. Introduzione. Ius ad bellum, ius in bello, disarmo 19. Parte I La disciplina dell uso della forza nelle relazioni internazionali

Indice-Sommario. Introduzione. Ius ad bellum, ius in bello, disarmo 19. Parte I La disciplina dell uso della forza nelle relazioni internazionali Indice-Sommario Premessa alla quarta edizione XIII Premessa alla terza edizione XV Premessa alla seconda edizione XVII Premessa alla prima edizione XIX Abbreviazioni 1 Elenco delle opere citate (con il

Dettagli

NATALINO RONZITTI INTRODUZIONE AL INTERNAZIONALE. Quarta edizione

NATALINO RONZITTI INTRODUZIONE AL INTERNAZIONALE. Quarta edizione NATALINO RONZITTI INTRODUZIONE AL DIRITTO INTERNAZIONALE Quarta edizione G. Giappichelli Editore Torino Indice-Sommario Premessa alla quarta edizione Premessa alla terza edizione Premessa alla seconda

Dettagli

CODICE M DJRITTO. G. Giappichelli Editore - Torino. Riccardo Luzzatto. Fausto Pocar

CODICE M DJRITTO. G. Giappichelli Editore - Torino. Riccardo Luzzatto. Fausto Pocar Riccardo Luzzatto Fausto Pocar CODICE M DJRITTO con la collaborazione di Marina Franchi Alessandra Lucchini e Francesca Villata G. Giappichelli Editore - Torino INDICE Presentazione p. IX Carta délie Nazioni

Dettagli

GLI STRUMENTI DI TUTELA DEI DIRITTI UMANI:

GLI STRUMENTI DI TUTELA DEI DIRITTI UMANI: GLI STRUMENTI DI TUTELA DEI DIRITTI UMANI: La risoluzione 48/134 dell Assemblea Generale delle Nazioni Unite e la sua attuazione nell ordinamento italiano di Natalino Ronzitti, Professore di diritto internazionale,

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

annuario italiano dei diritti umani

annuario italiano dei diritti umani annuario italiano dei diritti umani 20115 Marsilio Centro Diritti Umani Università di Padova Annuario italiano dei diritti umani Periodico del Centro di Ateneo per i Diritti Umani dell Università di Padova

Dettagli

Parte Prima QUESTIONI COSTITUTIVE

Parte Prima QUESTIONI COSTITUTIVE v INDICE GLI AUTORI.... PREFAZIONE Ermanno Cappa... xi xvii INTRODUZIONE Giuliana Garzone e Francesca Santulli 1. La lingua del diritto tra conservatorismo ed evoluzione............ 1 2. Ilvolume... 4

Dettagli

Difesa civica e diritti dei cittadini Newsletter n. 2 - Dicembre 2012

Difesa civica e diritti dei cittadini Newsletter n. 2 - Dicembre 2012 Difesa civica e diritti dei cittadini Newsletter n. 2 - Dicembre 2012 Attività dei Difensori civici delle Regioni e delle Province autonome Regione del Veneto Nel corso dei primi mesi del 2012, il Difensore

Dettagli

Lo Sport come strumento per la realizzazione degli obiettivi del Millennio dell onu

Lo Sport come strumento per la realizzazione degli obiettivi del Millennio dell onu Sport e Diritti Umani 249 Capitolo quarto Lo Sport come strumento per la realizzazione degli obiettivi del Millennio dell onu Jacopo Tognon ed Elisabetta Biviano Nel corso del Vertice del Millennio, convocato

Dettagli

Organizzazione del contingente dei Corpi civili di pace, ai sensi dell'articolo 1, comma 253, della legge 27 dicembre 2013, n. 147.

Organizzazione del contingente dei Corpi civili di pace, ai sensi dell'articolo 1, comma 253, della legge 27 dicembre 2013, n. 147. Decreto Ministeriale 7 maggio 2015 Organizzazione del contingente dei Corpi civili di pace, ai sensi dell'articolo 1, comma 253, della legge 27 dicembre 2013, n. 147. (G.U. 20 maggio 2015, n. 115) IL MINISTRO

Dettagli

Indice. Unità 2. Unità 1. Unità 3. L Unione Europea 39. Gli stati, i popoli, le culture in europa 9

Indice. Unità 2. Unità 1. Unità 3. L Unione Europea 39. Gli stati, i popoli, le culture in europa 9 Unità 1 Gli stati, i popoli, le culture in europa 9 Itinerario 1 Il cammino degli Stati europei 10 Le origini dell Europa 10 Un continente diverso dagli altri 10 L Europa romana e medievale 12 L Impero

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

SOMMARIO. Giurisprudenza

SOMMARIO. Giurisprudenza SOMMARIO pag. M. STARITA, prof. ass. Univ. Palermo. L'interpretazione dei trattati che determinano frontiere... 337 O. LOPES PEGNA, ricercatore Univ. Firenze. Collegamenti fittizi o fraudolenti di competenza

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Prefazione alla VII edizione... Abbreviazioni... I COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA PARTE I DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI

INDICE SOMMARIO. Prefazione alla VII edizione... Abbreviazioni... I COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA PARTE I DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI INDICE SOMMARIO Prefazione alla VII edizione... Abbreviazioni... pag. V VII I COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA Principi fondamentali... 3 PARTE I DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI Titolo I Rapporti civili...

Dettagli

ALCUNE TAPPE IMPORTANTI DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE NEL MONDO ED IN EUROPA

ALCUNE TAPPE IMPORTANTI DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE NEL MONDO ED IN EUROPA Una lunga serie di conferenze, pubblicazioni, programmi internazionali ed europei, tra cui i seguenti a carattere più generale (molte altre iniziative riguardano specifici settori) caratterizzano il percorso

Dettagli

TRADUZIONE NON UFFICIALE

TRADUZIONE NON UFFICIALE TRADUZIONE NON UFFICIALE PROGETTO DI PROTOCOLLO ADDIZIONALE ALLE CONVENZIONI DI GINEVRA DEL 12 AGOSTO 1949 RELATIVO ALL ADOZIONE DI UN SIMBOLO DISTINTIVO ADDIZIONALE III PROTOCOLLO Testo preparato dal

Dettagli

DICHIARAZIONE DI ISTANBUL

DICHIARAZIONE DI ISTANBUL AS (13) D I DICHIARAZIONE DI ISTANBUL E RISOLUZIONI APPROVATE DALL ASSEMBLEA PARLAMENTARE DELL OSCE ALLA VENTIDUESIMA SESSIONE ANNUALE ISTANBUL, 29 giugno 3 luglio 2013 Indice Preambolo 1 Risoluzione della

Dettagli

Master in Diritto Internazionale e Conflitti Armati Edizione 2008

Master in Diritto Internazionale e Conflitti Armati Edizione 2008 Master in Diritto Internazionale e Conflitti Armati Edizione 2008 PRESENTAZIONE L Istituto Italiano Alta Formazione, in collaborazione con la Diplomatic Academy for Social Studies di Londra, propone il

Dettagli

CARTA DELLE NAZIONI UNITE (1945)

CARTA DELLE NAZIONI UNITE (1945) CARTA DELLE NAZIONI UNITE (1945) Statuto delle Nazioni Unite, adottato il 26 giugno 1945 a San Francisco, a conclusione della Conferenza delle Nazioni Unite sull Organizzazione Internazionale. Entrata

Dettagli

INDICE. Parte I LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA E LA SUA LOGICA. Capitolo I PROFILI INTRODUTTIVI

INDICE. Parte I LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA E LA SUA LOGICA. Capitolo I PROFILI INTRODUTTIVI INDICE Presentazione... Abbreviazioni... Premessa... vii xv xix Parte I LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA E LA SUA LOGICA Capitolo I PROFILI INTRODUTTIVI 1. Posizione del problema e piano dell indagine........

Dettagli

Sesso Femminile Data di nascita 01/05/1977

Sesso Femminile Data di nascita 01/05/1977 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI ROGNONI Alessandra Sesso Femminile Data di nascita 01/05/1977 POSIZIONE PER LA QUALE SI CONCORRE ESPERIENZA PROFESSIONALE 08/2014 alla data attuale Reporting Officer

Dettagli

0.120. Statuto delle Nazioni Unite. Traduzione 1. (Stato 24 ottobre 2006)

0.120. Statuto delle Nazioni Unite. Traduzione 1. (Stato 24 ottobre 2006) Traduzione 1 Statuto delle Nazioni Unite 0.120 Fatto a San Francisco il 26 giugno 1945 Approvato dall Assemblea federale il 5 ottobre 2001 2 Dichiarazione d accettazione degli obblighi contenuti nello

Dettagli

Curriculum vitae. paolo.reale@sallicanoereale.it E - mail (privata)

Curriculum vitae. paolo.reale@sallicanoereale.it E - mail (privata) s t u d i o l e g a l e S A L LI C A N O & REALE a s s o c i a t o Tel. 0931.60856 0931.60857 F a x 0931.461875 viale Montedo r o, 54 96100 Siracusa www.sallicanoereale.itinfo@sallicanoereale.it Curriculum

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE. Capitolo I IL DIRITTO FINANZIARIO DELLE NAZIONI UNITE

INDICE INTRODUZIONE. Capitolo I IL DIRITTO FINANZIARIO DELLE NAZIONI UNITE INDICE Abbreviazioni... xiii INTRODUZIONE 1. Il ruolo delle Nazioni Unite nel terzo millennio e la questione del finanziamento... 1 2. La rigidità del bilancio ordinario dell ONU: un limite alle risorse

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 16-02-2015 (punto N 37 ) Delibera N 119 del 16-02-2015 Proponente LUIGI MARRONI DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE

Dettagli

Francesca De Vittor - Diritto internazionale 1 IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

Francesca De Vittor - Diritto internazionale 1 IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE Francesca De Vittor - Diritto internazionale 1 IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE Francesca De Vittor - Diritto internazionale 2 Il concetto di diritto internazionale materiale Il contenuto del diritto

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) Telefono(i) Fax E-mail Cittadinanza Fabio Strinati Italiana di nascita 4 febbraio 1962 Sesso M Esperienza professionale

Dettagli

Avv. Cristina Lorenzin Istruttrice di Diritto Internazionale Umanitario

Avv. Cristina Lorenzin Istruttrice di Diritto Internazionale Umanitario Avv. Cristina Lorenzin Istruttrice di Diritto Internazionale Umanitario Origini! Henry Dunant! Ginevra 1828- Heiden 1910! Origini! -1855: Fonda a Parigi la prima sede in territorio europeo di YMCA! - 1858:

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA LA COOPERAZIONE TRA L UNIONE EUROPEA E LE NAZIONI UNITE PER LA PREVENZIONE DEI CONFLITTI

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA LA COOPERAZIONE TRA L UNIONE EUROPEA E LE NAZIONI UNITE PER LA PREVENZIONE DEI CONFLITTI ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN RELAZIONI INTERNAZIONALI LA COOPERAZIONE TRA L UNIONE EUROPEA E LE NAZIONI UNITE PER LA PREVENZIONE

Dettagli

L ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE PER L ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

L ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE PER L ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI L ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE PER L ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI 7 PARERI DELLA COMMISSIONE GIURISPRUDENZA - anni 1992/2001 - NORMATIVA, ATTI E BIBLIOGRAFIA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTA DI GIURISPRUDENZA. Istituzioni di Diritto pubblico LO STATUS COSTITUZIONALE DELL IMMIGRATO.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTA DI GIURISPRUDENZA. Istituzioni di Diritto pubblico LO STATUS COSTITUZIONALE DELL IMMIGRATO. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTA DI GIURISPRUDENZA Istituzioni di Diritto pubblico LO STATUS COSTITUZIONALE DELL IMMIGRATO. Dissertazione per il conseguimento della Laurea in Giurisprudenza

Dettagli

PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL

PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL COINVOLGIMENTO DEI BAMBINI NEI CONFLITTI ARMATI Gli Stati Contraenti il presente Protocollo, Incoraggiati dal travolgente

Dettagli

STATI MEMBRI DELL UNIONE EUROPEA (http://europa.eu/about-eu/member-countries/index_it.htm)

STATI MEMBRI DELL UNIONE EUROPEA (http://europa.eu/about-eu/member-countries/index_it.htm) STATI MEMBRI DELL UNIONE EUROPEA (http://europa.eu/about-eu/member-countries/index_it.htm) Austria Anno di adesione all UE: 1995 federale Capitale: Vienna Superficie: 83 870 km² Popolazione: 8,3 milioni

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome Data di nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome Data di nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Fax dell ufficio Email istituzionale D'Amico Mauro 15/01/1960 Generale di Brigata Dirigente

Dettagli

DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE relativo all anno 2007

DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE relativo all anno 2007 documento di informazione 2007 SOCIETÀ PER AZIONI CAPITALE VERSATO EURO 409.549.082,50 SEDE SOCIALE IN MILANO - PIAZZETTA ENRICO CUCCIA, 1 ISCRITTA NEL REGISTRO DELLE IMPRESE DI MILANO CODICE FISCALE E

Dettagli

Panorama Internazionale

Panorama Internazionale Panorama Internazionale 22 INFORMAZIONI DELLA DIFESA 2/2012 TAIWANRODOLFO BASTIANELLI LO STATUS INTERNAZIONALE DI PANORAMA INTERNAZIONALE 23 Uno dei temi politici più delicati che la Cina si è trovata

Dettagli

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY Il presente documento viene diffuso attraverso il sito del

Dettagli

Repertorio Normativa

Repertorio Normativa Repertorio Normativa Circolari Ministeriali, Leggi e Decreti Legislativi 2010 C.M. n. 2 dell 8/01/2010 - Indicazioni e raccomandazioni per l integrazione di alunni con cittadinanza non italiana. 2009 C.M.

Dettagli

I Tribunali internazionali tra globalizzazione e localismi

I Tribunali internazionali tra globalizzazione e localismi Ang e l a De l Ve c c h i o I Tribunali internazionali tra globalizzazione e localismi CACUCCI EDITORE Angela Del Vecchio I Tribunali internazionali tra globalizzazione e localismi CACUCCI EDITORE BARI

Dettagli

Mare Nostrum o di tutti? Italia e Unione europea alla prova dell emergenza migranti

Mare Nostrum o di tutti? Italia e Unione europea alla prova dell emergenza migranti Mare Nostrum o di tutti? Italia e Unione europea alla prova dell emergenza migranti Seminario organizzato dalla Friedrich-Ebert-Stiftung e dalla Fondazione Italianieuropei Roma, venerdì 14 novembre ore

Dettagli

Relazione per paese sull'italia. per lo Studio sulle. politiche degli Stati membri concernenti i minori con disabilità

Relazione per paese sull'italia. per lo Studio sulle. politiche degli Stati membri concernenti i minori con disabilità DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE INTERNE DIPARTIMENTO TEMATICO C: DIRITTI DEI CITTADINI E AFFARI COSTITUZIONALI LIBERTÀ CIVILI, GIUSTIZIA E AFFARI INTERNI Relazione per paese sull'italia per lo Studio

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Premessa... PARTE I NOZIONE E FONDAMENTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE CAPITOLO I

INDICE-SOMMARIO. Premessa... PARTE I NOZIONE E FONDAMENTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE CAPITOLO I INDICE-SOMMARIO Premessa... V PARTE I NOZIONE E FONDAMENTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE CAPITOLO I NOZIONE PRELIMINARE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE E DELLE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI 1. Nozione preliminare

Dettagli

18 GIUGNO 2015 Danni a terzi sulla superficie, tipologie di volo e orientamenti dell U.E. Anna Masutti

18 GIUGNO 2015 Danni a terzi sulla superficie, tipologie di volo e orientamenti dell U.E. Anna Masutti LA NAVIGAZIONE AEREA FRAATTIVITÀ COMMERCIALE, MILITARE E LUSORIA: NUOVI PROFILI GIURIDICI E OPERATIVI 18 GIUGNO 2015 Danni a terzi sulla superficie, tipologie di volo e orientamenti dell U.E. Anna Masutti

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Prefazione... Presentazioni di Riccardo Nencini e di Michele Corradino... Introduzione di Alessandro Pajno...

INDICE-SOMMARIO. Prefazione... Presentazioni di Riccardo Nencini e di Michele Corradino... Introduzione di Alessandro Pajno... INDICE-SOMMARIO Prefazione... Presentazioni di Riccardo Nencini e di Michele Corradino... Introduzione di Alessandro Pajno... XI XIII XVII CAPITOLO PRIMO LE OPERE INFINITE COME LE INCHIESTE 1. Premessa...

Dettagli

Corso di Laurea in Infermieristica "S" A.A. 2015/2016 Orario Lezioni III Anno - I Semestre Nuovo Ordinamento (D.M. 270/04)

Corso di Laurea in Infermieristica S A.A. 2015/2016 Orario Lezioni III Anno - I Semestre Nuovo Ordinamento (D.M. 270/04) I^ Settimana 12 ottobre 16 ottobre II^ Settimana 19 ottobre 23 ottobre III^ Settimana 26 ottobre 30 ottobre IV^ Settimana 2 novembre 6 novembre V^ Settimana 9 novembre 13 novembre VI^ Settimana 16 novembre

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

INDICE-SOMMARIO INTRODUZIONE

INDICE-SOMMARIO INTRODUZIONE INDICE-SOMMARIO INTRODUZIONE 1. Una dichiarazione di intenti 1 2. Alla riscoperta del carattere dinamico e prospettico dell allargamento 7 3. Struttura ed articolazione dell indagine 10 Parte prima LA

Dettagli

Company Profile GESAC. S.p.A.

Company Profile GESAC. S.p.A. Company Profile GESAC S.p.A. GE.SA.C. S.p.A. Gestione Servizi Aeroporti Campani è stata costituita nel 1980, a maggioranza pubblica, su iniziativa del Comune di Napoli, della Provincia di Napoli e dell

Dettagli

Lo scoppio della guerra fredda

Lo scoppio della guerra fredda Lo scoppio della guerra fredda 1) 1945: muta la percezione americana dell URSS da alleato ad avversario e nemico 2) 1946: ambio dibattito interno all amministrazione Truman sulla svolta in politica estera

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione Rec(2001)1 del Comitato dei Ministri (degli Esteri) agli Stati membri sul Servizio Sociale (adottato dal Comitato dei Ministri (degli Esteri)0il

Dettagli

2014 Istr. s.lla Mirella Giambartolomei

2014 Istr. s.lla Mirella Giambartolomei 2014 Istr. s.lla Mirella Giambartolomei NOZIONE PRINCIPI FONDAMENTALI EVOLUZIONE DEL DIU DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO Perché questo Corso? E dovere di ogni volontario di Croce Rossa COMPRENDERE e

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Semestre europeo e coordinamento delle politiche economiche nell UE: tra indicatori economici e indicatori sociali

Semestre europeo e coordinamento delle politiche economiche nell UE: tra indicatori economici e indicatori sociali Semestre europeo e coordinamento delle politiche economiche nell UE: tra indicatori economici e indicatori sociali Roma, 9 Dicembre 2013 Nicolo Brignoli Contenuti L AEIP in breve Il Social Protection Performance

Dettagli

Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere

Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere P7_TA-PROV(2010)0037 Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere Risoluzione del Parlamento europeo del 25 febbaio 2010 su Pechino +15: Piattaforma d'azione delle Nazioni

Dettagli

Storia dell integrazione europea Prof. Marco Baldassari Collegio Europeo di Parma Le prime spinte europeistiche Movimento paneuropeo (Coudenhove- Kalergi), Aristide Briand, Gustav Stresemann Federalisti

Dettagli

Il Consiglio d'europa: attività e opportunità per i giovani. Lezioni d'europa Siena 24 Marzo 2014. Silvia Volpi

Il Consiglio d'europa: attività e opportunità per i giovani. Lezioni d'europa Siena 24 Marzo 2014. Silvia Volpi Il Consiglio d'europa: attività e opportunità per i giovani Lezioni d'europa Siena 24 Marzo 2014 Silvia Volpi Argomenti Cenni sul Consiglio d'europa e suoi organi La Corte Europea dei diritti umani Cenni

Dettagli

Diritto Internazionale Umanitario: Le categorie protette

Diritto Internazionale Umanitario: Le categorie protette CROCE ROSSA ITALIANA Comitato regionale Friuli Venezia Giulia Ispettorato Regionale VV.d.S. Diritto Internazionale Umanitario: Le categorie protette Dott. Milena-Maria CISILINO LO SCOPO LIMITARE IL DIRITTO

Dettagli

STORIA DELLA CROCE ROSSA

STORIA DELLA CROCE ROSSA STORIA DELLA CROCE ROSSA Corso Base Volontari Trento 28 gennaio 2013 Istruttore DIU Michele Beretta Perché?!?! Battaglia di Solferino/San Martino 24.06.1859 JEAN HENRY DUNANT (08.05.1828 30.10.1910) Creazione

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO SECONDO IL DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO E LE SUE FONTI Sommario: 1. Nozione e origine del diritto internazionale umanitario. - 2. Evoluzione del diritto internazionale umanitario. - 3. Le

Dettagli

Allegato II L ONU e le persone con disabilità

Allegato II L ONU e le persone con disabilità Allegato II L ONU e le persone con disabilità L impegno delle Nazioni Unite sul miglioramento dello Stato delle persone con disabilità Oltre mezzo miliardo di persone sono disabili come risultato di una

Dettagli

Cybersecurity Summit 2015 The Westin Palace - Milano 16 aprile 2015

Cybersecurity Summit 2015 The Westin Palace - Milano 16 aprile 2015 Quadro normativo europeo sulla protezione dei dati personali: il ruolo del Data Protection Officer in Europa e lo stato attuale della proposta di regolamento comunitario Cybersecurity Summit 2015 The Westin

Dettagli

Linee guida dell Unione Europea sui bambini e i conflitti armati *

Linee guida dell Unione Europea sui bambini e i conflitti armati * Linee guida dell Unione Europea sui bambini e i conflitti armati * * Adottate dal Consiglio dell Unione Europea «Affari generali e relazioni esterne» dell 8 dicembre 2003 (doc. 15309/05 + COR 1). Sottoposte

Dettagli

Emendamenti allo Statuto di Roma della Corte penale internazionale relativi al crimine di aggressione

Emendamenti allo Statuto di Roma della Corte penale internazionale relativi al crimine di aggressione Traduzione 1 Emendamenti allo Statuto di Roma della Corte penale internazionale relativi al crimine di aggressione Adottati a Kampala il 11 giugno 2010 2 Approvati dall'assemblea federale il... 3 Strumenti

Dettagli

CODICE DI RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI FINANZIAMENTO AL SETTORE DEGLI ARMAMENTI

CODICE DI RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI FINANZIAMENTO AL SETTORE DEGLI ARMAMENTI CODICE DI RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI FINANZIAMENTO AL SETTORE DEGLI ARMAMENTI Un progetto di CODICE DI RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI FINANZIAMENTO AL SETTORE DEGLI ARMAMENTI INTRODUZIONE Science for

Dettagli

Le politiche di genere nella strategia Europa 2020 alla prova della crisi economica e dell'ue. Possibili strategie alternative Mariagrazia Rossilli

Le politiche di genere nella strategia Europa 2020 alla prova della crisi economica e dell'ue. Possibili strategie alternative Mariagrazia Rossilli 1 Le politiche di genere nella strategia Europa 2020 alla prova della crisi economica e dell'ue. Possibili strategie alternative Mariagrazia Rossilli Approvata nel 2010, in piena crisi economica, la strategia

Dettagli

Il Diritto Internazionale Umanitario. Istruttore DIU Martina Negri

Il Diritto Internazionale Umanitario. Istruttore DIU Martina Negri Il Diritto Internazionale Umanitario Istruttore DIU Martina Negri Blulandia e Rossolandia sono due stati in guerra. Le truppe di Rossolandia hanno occupato parte del territorio di Blulandia. Quali delle

Dettagli

Business e Diritti Umani: trend e prospettive

Business e Diritti Umani: trend e prospettive Business e Diritti Umani: trend e prospettive Scenario internazionale e sviluppo di una strategia sui diritti umani Milano, 13 Dicembre 2011 Agenda 1. Scenario internazionale 2. Diritti umani e investimenti

Dettagli

Slovenia. Disaster Management. System in

Slovenia. Disaster Management. System in Cristiana Vittorini E S T E R O Disaster Management 1 System in Slovenia Ce ne parlano Milena Dobnik Jeraj, Amministrazione della Repubblica di Slovenia per la Protezione Civile e il Soccorso nei Disastri,

Dettagli

ITALIA LA REGOLARIZZAZIONE DEVE PROTEGGERE I DIRITTI DEI LAVORATORI MIGRANTI

ITALIA LA REGOLARIZZAZIONE DEVE PROTEGGERE I DIRITTI DEI LAVORATORI MIGRANTI ITALIA LA REGOLARIZZAZIONE DEVE PROTEGGERE I DIRITTI DEI LAVORATORI MIGRANTI Amnesty International Publications Pubblicato nel 2012 da Amnesty International Publications International Secretariat Peter

Dettagli

Indice. Le Organizzazioni finanziarie del Gruppo della Banca mondiale. Capitolo I. pag. Abbreviazioni. Introduzione 1

Indice. Le Organizzazioni finanziarie del Gruppo della Banca mondiale. Capitolo I. pag. Abbreviazioni. Introduzione 1 Indice Abbreviazioni XIII Introduzione 1 Capitolo I Le Organizzazioni finanziarie del Gruppo della Banca mondiale 1. Il Gruppo della Banca mondiale 7 1.1. La Banca internazionale per la ricostruzione e

Dettagli

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I LE FONTI NORMATIVE DEL TRASPORTO MARITTIMO

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I LE FONTI NORMATIVE DEL TRASPORTO MARITTIMO CAPITOLO I LE FONTI NORMATIVE DEL TRASPORTO MARITTIMO 1. Individuazione del sistema delle fonti normative del trasporto marittimo di persone.... 2 2. La disciplina di diritto uniforme. Profili sistematici

Dettagli

SPESA CAMERA - CONTI DEFINITIVI 2012

SPESA CAMERA - CONTI DEFINITIVI 2012 SPESA CAMERA - CONTI DEFINITIVI 2012 Quota avanzo di amministrazione da assegnare agli esercizi successivi titolo 1 spese correnti Categoria I. Deputati. RENZI = CHITI 176 289 430.49 176289430.49 Cap.

Dettagli

SOMMARIO. Note e commenti

SOMMARIO. Note e commenti SOMMARIO A. TANCREDI, prof.ord.univ.palermo. Di pirati e Stati «falliti»: il Consiglio di sicurezza autorizza il ricorso alla forza nelle acque territorialidellasomalia... 937 E. MILANO, ricercatore Univ.

Dettagli

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 31.8.2011 COM(2011) 543 definitivo 2011/0235 (NLE) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO che sospende in parte l'applicazione dell'accordo di cooperazione tra la Comunità economica

Dettagli

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica 2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica L educazione alla cittadinanza democratica (EDC) è il risultato di un dibattito che nasce da diverse problematiche: il basso livello di partecipazione alle

Dettagli

LINEE GUIDA SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE

LINEE GUIDA SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE LINEE GUIDA SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE Applicazione delle clausole di esclusione: articolo 1F della Convenzione del 1951 relativa allo status dei rifugiati L UNHCR emette il presente documento di

Dettagli

Centro Interuniversitario di Ricerca sui Diritti Umani e sul Diritto dell Immigrazione e degli Stranieri (CIRDUIS) Convegno:

Centro Interuniversitario di Ricerca sui Diritti Umani e sul Diritto dell Immigrazione e degli Stranieri (CIRDUIS) Convegno: Centro Interuniversitario di Ricerca sui Diritti Umani e sul Diritto dell Immigrazione e degli Stranieri (CIRDUIS) Convegno: DIRITTI FONDAMENTALI DEGLI IMMIGRATI: UNITÁ DELLA FAMIGLIA E TUTELA DEI MINORI

Dettagli

CREARE UN ONU ADATTA AL 21 SECOLO

CREARE UN ONU ADATTA AL 21 SECOLO CREARE UN ONU ADATTA AL 21 SECOLO Il Vertice Mondiale 2005 dibatterà le proposte che potrebbero dar vita alla ristrutturazione di maggiore portata che le Nazioni Unite abbiano mai conosciuto nei sessanta

Dettagli

Ciò che crea problemi, non è tanto la natura tecnica di Internet (una rete ecc ) bensì il fatto che Internet è un potente canale di comunicazione.

Ciò che crea problemi, non è tanto la natura tecnica di Internet (una rete ecc ) bensì il fatto che Internet è un potente canale di comunicazione. 1 2 Ciò che crea problemi, non è tanto la natura tecnica di Internet (una rete ecc ) bensì il fatto che Internet è un potente canale di comunicazione. Anomalo. Democratico Acefalo 3 4 Per un analisi della

Dettagli

Presentazione. Ringraziamenti

Presentazione. Ringraziamenti Indice Presentazione Prefazione Ringraziamenti xi xiii xvii 1 Introduzione 1 1.1 Perché studiare l economia internazionale 1 1.2 Perché adottare una prospettiva europea 3 1.3 Uno sguardo d insieme 3 Parte

Dettagli

B O Z Z A. Disegno di legge.

B O Z Z A. Disegno di legge. ALLEGATO B O Z Z A Disegno di legge. Attuazione dell art. 19 della legge 4 novembre 2010, n.183, in materia di lavori usuranti, di riorganizzazione di enti, di congedi, aspettative e permessi, di ammortizzatori

Dettagli

PRESS RELEASE. GENEVE, 22 June 2015

PRESS RELEASE. GENEVE, 22 June 2015 PRESS RELEASE GENEVE, 22 June 2015 On 16th of June, some members of the delegation organized by IADL 1, in cosponsorship with AED-EDL 2 and ELDH 3, met RashidaManjoo, United Nations Special Rapporteur

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SPRESIANO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SPRESIANO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SPRESIANO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE FINALITA Acquisizione della consapevolezza dello stretto rapporto che intercorre tra sfera privata

Dettagli

Evoluzione e sviluppi della tutela giuridica del bambino soldato nel diritto internazionale. di dott. Francesco Di Virgilio

Evoluzione e sviluppi della tutela giuridica del bambino soldato nel diritto internazionale. di dott. Francesco Di Virgilio 1 Evoluzione e sviluppi della tutela giuridica del bambino soldato nel diritto internazionale di dott. Francesco Di Virgilio 2 Sommario: -1. Introduzione; -2. Il minore da suddito a cittadino : il progressivo

Dettagli

COSTITUZIONE DEL 4 OTTOBRE 1958

COSTITUZIONE DEL 4 OTTOBRE 1958 COSTITUZIONE DEL 4 OTTOBRE 1958 (Testo che risulta, in ultima analisi, dalle leggi costituzionali del 4 febbraio 2008) La presente traduzione in lingua italiana è stata eseguita sotto la responsabilità

Dettagli

C O M M E N T I E D I B A T T I T I. VAQIF sadiqov. Repubblica di Azerbaijan, Ambasciatore in Italia

C O M M E N T I E D I B A T T I T I. VAQIF sadiqov. Repubblica di Azerbaijan, Ambasciatore in Italia L Azerbaigian: un quadro generale VAQIF sadiqov Repubblica di Azerbaijan, Ambasciatore in Italia Title: Azerbaijan: a general overview. Abstract: The article written by His Excellency Vaqif Sadiqov, Ambassador

Dettagli

1. Consiglio europeo straordinario - Bruxelles, 21 settembre 2001

1. Consiglio europeo straordinario - Bruxelles, 21 settembre 2001 1. Consiglio europeo straordinario - Bruxelles, 21 settembre 2001 B5-0666, 0668 e 0674/2001 Risoluzione del Parlamento europeo sulla riunione straordinaria del Consiglio europeo del 21 settembre 2001 a

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale Riccardo COPPO 6 febbraio 1948 Vercelli Dirigente

Dettagli

Il diritto applicabile alle Forze Armate italiane all estero: problemi e prospettive

Il diritto applicabile alle Forze Armate italiane all estero: problemi e prospettive XV legislatura Il diritto applicabile alle Forze Armate italiane all estero: problemi e prospettive Contributi di Istituti di ricerca specializzati n. 90 Aprile 2008 XV legislatura Il diritto applicabile

Dettagli

ETICA E TRASPARENZA nella PA

ETICA E TRASPARENZA nella PA ETICA E TRASPARENZA nella PA Avv. Prof. Ernesto Belisario http://blog.ernestobelisario.eu Palermo, 18 maggio 2011 Associazione Italiana per l Open Government www.datagov.it PREMESSA "L idea della partecipazione

Dettagli

MILANO È UNA CITTÀ INTERNAZIONALE, MA DEVE MIGLIORARE I PARAMETRI DI PERCEZIONE

MILANO È UNA CITTÀ INTERNAZIONALE, MA DEVE MIGLIORARE I PARAMETRI DI PERCEZIONE MILANO È UNA CITTÀ INTERNAZIONALE, MA DEVE MIGLIORARE I PARAMETRI DI PERCEZIONE Secondo i manager di società europee, non fa molto per promuovere se stessa e Parigi le migliori città d affari in Europa

Dettagli

I programmi comunitari di assistenza esterna 2014-2020

I programmi comunitari di assistenza esterna 2014-2020 I programmi comunitari di assistenza esterna 2014-2020 2007-2013 2014-2020 IPA - strumento di assistenza preadesione IPA - strumento di assistenza preadesione ENPI -Strumento europeo di vicinato e partenariato

Dettagli

GLI STATI COME ENTI A SOGGETTIVITÀ PIENA

GLI STATI COME ENTI A SOGGETTIVITÀ PIENA GLI STATI COME ENTI A SOGGETTIVITÀ PIENA Definizione di Stato secondo il diritto internazionale Lo Stato è il complesso di organi di governo statali che in un dato momento esercita effettivamente e a titolo

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO FIFA SUGLI INTERMEDIARI

NUOVO REGOLAMENTO FIFA SUGLI INTERMEDIARI NUOVO REGOLAMENTO FIFA SUGLI INTERMEDIARI Sistema attuale Dopo un analisi sul funzionamento del sistema attuale, la FIFA ha rilevato alcuni gravi problemi ed ha adottato una (drastica) soluzione: Cause

Dettagli

Capitolo I - Lineamenti di storia costituzionale francese. Dalla fine dell Ancien Régime alla costruzione europea

Capitolo I - Lineamenti di storia costituzionale francese. Dalla fine dell Ancien Régime alla costruzione europea Premessa Capitolo I - Lineamenti di storia costituzionale francese. Dalla fine dell Ancien Régime alla costruzione europea Sezione Prima: L instabilità istituzionale 1. Cinque secoli in cinque anni 2.

Dettagli

La sostenibilità è possibile Responsabilità Sociale UNI ISO 26000:2010

La sostenibilità è possibile Responsabilità Sociale UNI ISO 26000:2010 AMBIENTE LAVORO Bologna, 3 Maggio 2011 UNI ISO 26000:2011 Un processo socialmente responsabile per una norma sulla responsabilità sociale Ruggero Lensi - UNI Direttore Relazioni esterne, sviluppo e innovazione

Dettagli

DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO

DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO Il Diu non ha lo scopo di compromettere l efficienza militare Ma...il suo scopo è quello di rendere più umano possibile un conflitto Istr. DIU Morena Bort Volontario Cri

Dettagli

Università degli Studi di Roma La Sapienza

Università degli Studi di Roma La Sapienza Università degli Studi di Roma La Sapienza Master in Tutela internazionale dei diritti umani SOVRANITA, DIRITTI UMANI E USO DELLA FORZA : L INTERVENTO ARMATO UMANITARIO Dr. Silvio Favari Anno 2002 INDICE

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO

CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO Perché questa lezione? E compito di ogni volontario di Croce Rossa comprendere e diffondere i principi e gli scopi del Diritto Internazionale Umanitario,

Dettagli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2015 di Roberto Garofoli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2015 di Roberto Garofoli SCRITTI ESAME AVVOCATO 2015 di Roberto Garofoli SOMMARIO SEZIONE I Persone Scheda n. 1 Diritti civili dello straniero e condizione di reciprocità ex art. 16 preleggi (Cass. civ., sez. II, 30 giugno 2014,

Dettagli