CRISIS MANAGEMENT BASE PER NON ADDETTI AI LAVORI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CRISIS MANAGEMENT BASE PER NON ADDETTI AI LAVORI"

Transcript

1 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT Anno Accademico CORSO DI CRISIS MANAGEMENT BASE PER NON ADDETTI AI LAVORI

2 FINALITÀ E DESTINATARI Perché parlare di Crisis Management?Prepararsi al peggio è di grande utilità in ogni momento della vita delle organizzazioni, ma anche delle persone. Equivale a fare un assicurazione contro il rischio d invalidità permanente, se non di morte. Purtroppo ad alcune crisi segue anche l esito peggiore, cioè la distruzione dell organizzazione stessa. Tuttavia capirlo per tempo, anche se non vi si può porre rimedio, può consentire una fine dignitosa, piuttosto che una fine miserevole. Destinatari per Corso sono laureati, studenti universitari e lavoratori desiderosi di avere una prima conoscenza di questa problematica e delle relative tecniche e metodologie di riferimento per approfondimenti. DURATA Il corso si svolge lunedì 17 giugno, dalle ore 9.30 alle e dalle ore alle ore 18.00, presso la sede dell Università degli Studi Internazionali di Roma (UNINT) in via Cristoforo Colombo 200, Roma. Al termine del corso verrà rilasciato un attestato di frequenza. PROGRAMMA Definizione di crisi ed argomenti correlati: o Fornire i concetti che consentano di definire e quindi riconoscere una crisi. Potremmo definire una crisi come una situazione caratterizzata dalla combinazione di eventi complessi, anormali, che generano instabilità, al punto di costituire una forte minaccia per il conseguimento degli obiettivi strategici di un organizzazione, fino al punto di poterne compromettere la reputazione o addirittura l esistenza. Le crisi, che hanno un accezione ben più ampia di quella di incidente, si materializzano spesso a seguito di rischi non identificati per tempo, o comunque non valutati per la loro effettiva portata e non gestiti appropriatamente. La complessità, intesa anche come aspetto sistemico, cioè la combinazione di più eventi interconnessi, è uno degli aspetti peculiari delle crisi che possono colpire un organizzazione. Un importante distinzione fra la genesi delle Crisi va fatta rispetto al loro modo di presentarsi: 2

3 - Repentino a seguito di un evento dirompente. Normalmente non mette in discussione il Top Management, che viceversa deve prontamente prendere il timone della situazione. - Lento, quando la crisi cova sotto la cenere e poi si manifesta. Questa tipologia è per alcuni aspetti più difficile da trattare, perché pone anche problemi di leadership più complessi. Potrebbe infatti comportare proprio dei cambiamenti nel Management, in quanto quello presente potrebbe essere stato incapace di prenderne coscienza, così come potrebbe essere conservativo nell affrontarla. Una crisi può determinare situazioni in grado di minacciare la struttura di un organizzazione, distruggere la sua immagine e arrecare rilevantissimi danni materiali in termini di profittabilità. Anche per questo il ruolo del Top Management, dell esercizio della leadership strategica, è determinante per stabilizzare la situazione, al fine di rassicurare il personale, i clienti e gli stakeholders in genere. L uscita dalla crisi deve partire il più tempestivamente possibile, con obiettivi chiari, compresi quelli di cogliere ogni possibile opportunità. o Argomenti correlati: - Incidenti La caratteristica fondamentale degli incidenti è data dal fatto che sono catalogabili ed è possibile farne una valutazione preventiva abbastanza circostanziata. In larga misura possono essere studiati in modo preventivo. - Business Continuity e BCM. Particolare struttura organizzativa, fatta di persone, procedure e ruoli, tesa a garantire, al verificarsi di una situazione che metta in discussione i normali processi operativi, secondo un piano predefinito, il proseguimento delle attività aziendali, sia pure con livelli di degrado accettati a priori. I vantaggi principali del business continuity management sono: - garantire una capacità di reazione immediata a fronte di situazioni di crisi - reagire in modo corretto e coordinato grazie ad appositi team con ruoli e responsabilità definiti e componenti addestrati - agire secondo procedure operative chiare e condivise - garantire la raggiungibilità di tutti gli interlocutori aziendali chiave 3

4 - dimostrare una reazione manageriale competente e responsabile a tutte le interfacce aziendali ( stakeholders, autorità, clienti, fornitori, dipendenti) (da Associazione Nazionale Business Continuity Manager) E rilevante aver ben presente la distinzione fra BCM e Crisis Management. Dal punto di vista del Top Management esiste una differenza di ruoli fondamentale, mentre nel BCM svolge un ruolo di patrocinio e supervisione, in una crisi è direttamente coinvolto e deve svolgere una leadership strategica, che per certe situazioni non può essere affatto predefinita. Possono essere necessarie anche scelte drastiche, fino alla ridefinizione degli stessi obiettivi strategici. Questo significa che le scelte che vengono fatte possono portare a risultati eccellenti o disastrosi. Spesso è richiesto di scegliere fra il meno peggio, se non addirittura di saper prendere atto dell irrimediabile. Quindi il Crisis Management è prerogativa esclusiva del Top Management. Tipologie di Crisi analizzate: o Disastri naturali (es. Terremoto Emilia crollo capannoni), disastri tecnologi (guasto ad una piattaforma petrolifera), boicottaggio, violenze e crimini verso l organizzazione, responsabilità del management (incapacità, dimensioni eccessive, controlli non adeguati, costi troppo alti, inerzia), cambiamenti radicali di mercato (Novartis estensione della produzione verso medicinali generici), strategie vincenti di concorrenti (Harley Devidson - HONDA mercato USA delle moto), recessione (approccio aggressivo/approccio difensivo), cambiamenti nella tecnologia(avvento della fotografia digitale crisi Kodak), peggioramento prolungato dei risultati d impresa (turnaround), ecc. Strategie e piani per fronteggiare una crisi o Sensibilizzazione del management per possibili crisi. Formazione e prevenzione. Sviluppare la capacità di gestire una crisi, attraverso un piano che sia mantenuto costantemente vivo e coerente con le mutazioni interne all organizzazione e con il contesto in cui essa opera, pur sapendo che non può essere mai esaustivo. Fondamentale è istituire una serie di rilevazioni finalizzate a porre l attenzione sul deterioramento di qualche filone di attività, di relazioni esterne, di rapporti istituzionali, sulla sostenibilità dei risultati economici, anche se nel presente sono buoni. Siccome il primo passo per fronteggiare una crisi è farne una corretta diagnosi, essa, almeno nelle crisi che maturano nel tempo, deve essere supportata da analisi su serie storiche di dati gestionali. Il PAS 200:2011 raccomanda un preciso framework per sviluppare la capacità di prepararsi ad una crisi e per gestirla qualora si presenti. In sintesi sono previste due macro fasi. Una prima 4

5 che deve sviluppare la capacità 1 di gestire una crisi e ruota fra: Verifica dei prerequisiti (intellettuali, organizzativi, culturali e logistici) Definizione delle prassi organizzative e relative direttive - Definizione ruoli e responsabilità Creazione di supporti e strutture - Favorire la consapevolezza della situazione attraverso un sistema definito di circolazione delle informazioni. Una seconda che si occupa di sviluppare il piano 2 per rispondere ad una crisi e uscirne (Il piano per la gestione della crisi - Elementi qualificanti del piano, aspetti logistici - Il team per la gestione della crisi e le sue attività Leadership - Elementi chiave nella formazione delle decisioni nelle crisi - Interazione con le persone - Uscita dalla crisi). Entrambe si devono mantenere aggiornate nel tempo, per far fronte alle mutazioni interne ed esterne all organizzazione. Gestione della crisi in atto Questa parte verrà sviluppata richiamando quanto previsto nella predisposizione della capacità di reazione e nel piano d azione. Verranno inoltre introdotte considerazioni di ordine pratico, per meglio ancorare i concetti in precedenza espressi. o Leadership Durante una crisi, i leaders devono fronteggiare rischi di ogni ordine e possono al tempo stesso intravedere delle opportunità. Possono anche commettere errori più o meno gravi. Devono comunque avere il polso fermo, saper rassicurare i collaboratori, dare le giuste comunicazioni, senza eccedere in ottimismo, ma facendo percepire che la situazione è gestita al meglio. o Valutazione della dimensione della crisi e degli impatti conseguenti. Al verificarsi di una crisi di tipo dirompente è fondamentale riuscire ad acquisire una chiara percezione della sua portata e delle minacce a cui è esposta l organizzazione. Viceversa per affrontare una crisi che si sta manifestando lentamente può essere approntato uno specifico progetto, quindi con tempi di reazione del tutto diversi, ma con iniziative molto più ponderate. o Definizione delle priorità d intervento. Una crisi, come già detto, è caratterizzata da un aspetto sistemico di complessità. Pertanto spesso sono imposte delle scelte, sia in termini di azioni di recovery, che di scelte strategiche sul futuro dell organizzazione, della produzione e dei clienti. 1 Vedi sviluppo in maggior dettaglio 2 Vedi sviluppo in maggior dettaglio 5

6 o Comunicazione, interna e esterna. La comunicazione verso l interno, ma ancor di più verso l esterno, è spesso la chiave di volta per la gestione degli effetti futuri di una crisi, anche quando questa viene superata. Se non è stata gestita correttamente la comunicazione, potrebbe ad esempio verificarsi che siamo in grado di riprendere la produzione, ma abbiamo perso i clienti. o Governo degli eventi e delle iniziative intraprese. Una crisi può essere di grande impatto, ma di breve durata, come può durare un periodo molto lungo (anche anni). Mentre nel primo caso è fondamentale tenere ben sotto controllo l evolversi delle varie situazioni, nel secondo occorre dominare i processi e i loro risultati, disposti anche a cambiare strategia, se non addirittura la leadership. o Gestione dell uscita dalla crisi e del ritorno alla normalità. Una volta che si considera superato il rischio di caduta definitiva dell organizzazione, cioè quando si è fatto fronte all emergenza, occorre dispiegare tutte le energie, ricercandone anche delle nuove, per riproporre una situazione più forte della precedente. Più vitale e rinforzata dall aver saputo superare la crisi da cui l organizzazione è stata colpita. Questo è il momento della rinascita, dell incremento del giro di affari, della ritrovata fiducia. Spesso si possono avviare politiche d investimento e di crescita del giro d affari. Docenti Giancarlo Vannuccini, già Dirigente Consorzio Operativo Monte dei Paschi di Siena Vincenzo Giardina, già Responsabile Business Continuity Consorzio Operativo Monte dei Paschi di Siena. QUOTA DI PARTECIPAZIONE La quota di partecipazione è di 100,00 (da versare all atto dell iscrizione esclusivamente tramite bonifico sulla Banca Popolare di Sondrio sede centrale di Roma c/c IBAN: IT55J X91 a favore della Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT - Via Cristoforo Colombo Roma). Il Corso verrà attivato previo raggiungimento di un numero minimo di 15 iscritti. La quota di preiscrizione non è rimborsabile, tranne nel caso in cui il Corso non venga attivato. 6

7 MODALITÀ DI ISCRIZIONE Sarà possibile presentare domanda di iscrizione a partire dalla data di pubblicazione del bando fino al 13 giugno Per l iscrizione, il discente dovrà compilare il modulo d iscrizione allegato, da inviare a unitamente alla copia di un documento di identità e alla copia del versamento del contributo di iscrizione. INFORMAZIONI Ufficio Formazione Via Cristoforo Colombo Roma Tel /273 Fax

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE PER IL PROFESSIONISTA DELLA SECURITY AZIENDALE

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE PER IL PROFESSIONISTA DELLA SECURITY AZIENDALE Corso di formazione anno accademico 2014 2015 CORSO DI FORMAZIONE PER IL PROFESSIONISTA DELLA SECURITY AZIENDALE Corso in fase di qualificazione per la Certificazione Professionista della security aziendale

Dettagli

- Investimenti nell innovazione di prodotto - Immagine: prodotto di rottura, avventuroso, stile americano

- Investimenti nell innovazione di prodotto - Immagine: prodotto di rottura, avventuroso, stile americano 1918: primo costruttore di motociclette del mondo - Investimenti nell innovazione di prodotto - Immagine: prodotto di rottura, avventuroso, stile americano Anni 50: quota di mercato del 60% Ingresso dei

Dettagli

Via Alberto Nota, 5-10122 Torino - Piazzale Biancamano, 8-20121 Milano - Via Roma, 4-33100 Udine

Via Alberto Nota, 5-10122 Torino - Piazzale Biancamano, 8-20121 Milano - Via Roma, 4-33100 Udine Via Alberto Nota, 5-10122 Torino - Piazzale Biancamano, 8-20121 Milano - Via Roma, 4-33100 Udine Tel. 011/5690291 - Fax 011/5690247 - N verde gratuito 800.300.368 info@knetproject.com - www.knetproject.com

Dettagli

Preaudit Sicurezza / Ambiente. General Risk Assessment

Preaudit Sicurezza / Ambiente. General Risk Assessment General Risk Assessment Conduzione di un General Risk Assessment in coerenza con i requisiti ISO 9001:2015. nel 2015 verrà pubblicata la nuova UNI EN ISO 9001 che avrà sempre più un orientamento alla gestione

Dettagli

Corso in Store Management

Corso in Store Management in collaborazione con presenta Corso in Store Management EDIZIONE SICILIA INDICE 1) Premessa 2) Obiettivo 3) Il profilo professionale in uscita: lo Store Manager 4) Organizzazione delle attività 5) Programma

Dettagli

LA GESTIONE DELLA CONFLITTUALITA PER UNA ORGANIZZAZIONE AZIENDALE EFFICACE. (Prof. Luca Possieri www.creativemanagement-network.

LA GESTIONE DELLA CONFLITTUALITA PER UNA ORGANIZZAZIONE AZIENDALE EFFICACE. (Prof. Luca Possieri www.creativemanagement-network. Studio dei conflitti organizzativi e della loro gestione attraverso modelli innovativi (A.D.R., D.S.D) Riprogettazione delle strutture organizzative e dei sistemi Creazione e operatività di nuovi attori

Dettagli

CORSO BUSINESS CONTINUITY AND DISASTER RECOVERY MANAGEMENT LE 10 PROFESSIONAL PRACTICES

CORSO BUSINESS CONTINUITY AND DISASTER RECOVERY MANAGEMENT LE 10 PROFESSIONAL PRACTICES 1 CORSO BUSINESS CONTINUITY AND DISASTER RECOVERY MANAGEMENT Il corso è finalizzato a illustrare in dettaglio le competenze richieste al Business Continuity Manager per guidare un progetto BCM e/o gestire

Dettagli

Per offrire soluzioni di Risk Management

Per offrire soluzioni di Risk Management REAL LOGISTICA ESTATE per consulting è la società di consulenza del gruppo per che opera nell ambito del Risk Management. I servizi offerti, che vanno dall Analisi del rischio al Disaster Recovery Plan,

Dettagli

Insight. Gestire e comunicare la crisi: un caso di successo. N. 24 Maggio 2009

Insight. Gestire e comunicare la crisi: un caso di successo. N. 24 Maggio 2009 Insight N. 24 Maggio 2009 Gestire e comunicare la crisi: un caso di successo Il termine crisi suggerisce istintivamente un momento, nella vita di una persona o di un azienda, dalle conseguenze non prevedibili

Dettagli

Business continuity management per le strutture che erogano servizi socio sanitari. Con il patrocinio di

Business continuity management per le strutture che erogano servizi socio sanitari. Con il patrocinio di Business continuity management per le strutture che erogano servizi socio sanitari Con il patrocinio di La Business Continuity o Continuità Operativa, è la capacità di un organizzazione di mantenere operative

Dettagli

EVENT LEZIONE 11. IL RISK MANAGEMENT La gestione del rischio Il crisis management. Economia e organizzazione degli eventi.

EVENT LEZIONE 11. IL RISK MANAGEMENT La gestione del rischio Il crisis management. Economia e organizzazione degli eventi. LEZIONE 11 IL RISK MANAGEMENT La gestione del rischio Il crisis management Cristiano Habetswallner EVENT RISK MANAGEMENT IL RISCHIO E LA POSSIBILITÀ CHE ACCADA QUALCOSA CHE IMPATTI SUGLI OBIETTIVI DELL

Dettagli

Programma di Recupero Rilancio Riposizionamento commerciale delle Piccole Imprese del Commercio Turismo e Servizi della Provincia di Ravenna

Programma di Recupero Rilancio Riposizionamento commerciale delle Piccole Imprese del Commercio Turismo e Servizi della Provincia di Ravenna Programma di Recupero Rilancio Riposizionamento commerciale delle Piccole Imprese del Commercio Turismo e Servizi della Provincia di Ravenna Da un idea e progettazione del CAT (Centro di Assistenza Tecnica)

Dettagli

Guida alla redazione del Business Continuity Plan per gli intermediari finanziari

Guida alla redazione del Business Continuity Plan per gli intermediari finanziari www.compliancenet.it www.prometeomc.it Guida alla redazione del Business Continuity Plan per gli intermediari finanziari 22 luglio 2010 - versione 1.0 http://www.compliancenet.it/content/guida-business-continuity

Dettagli

Lezione 22: La Comunicazione Istituzionale Stella Romagnoli

Lezione 22: La Comunicazione Istituzionale Stella Romagnoli Lezione 22: La Comunicazione Istituzionale Stella Romagnoli Comunicazione Istituzionale e reputazione d impresa Strumenti principali: Public Affairs Crisis Management Codice Etico, Bilancio Sociale e Sostenibilità

Dettagli

Turnaround e Crisi Aziendali

Turnaround e Crisi Aziendali Turnaround e Crisi Aziendali Agenda > Chi è EOD > Modalità di intervento > Valori Condivisi > Team > Contatti 2 Chi è Executive On Demand Temporary Manager specializzati nella gestione di Crisi Aziendali

Dettagli

Master in ERP. Direttore Scientifico del Master Prof. Luigino Filice Facoltà di Ingegneria Università della Calabria

Master in ERP. Direttore Scientifico del Master Prof. Luigino Filice Facoltà di Ingegneria Università della Calabria Master in ERP 2 Direttore Scientifico del Master Prof. Luigino Filice Facoltà di Ingegneria Università della Calabria Motivazioni La globalizzazione dei mercati e la crescente spinta competitiva delle

Dettagli

CERTIQUALITY. La Gestione della Business Continuity : gli standard ISO 31000 ed ISO 22301. P e r u n a m i g l i o r e q u a l i t à d e l l a v i t a

CERTIQUALITY. La Gestione della Business Continuity : gli standard ISO 31000 ed ISO 22301. P e r u n a m i g l i o r e q u a l i t à d e l l a v i t a P e r u n a m i g l i o r e q u a l i t à d e l l a v i t a CERTIQUALITY La Gestione della Business Continuity : gli standard ISO 31000 ed ISO 22301 Dott. Nicola Gatta Direzione Marketing & Industry Management

Dettagli

2 Congresso Nazionale Banche Club TI

2 Congresso Nazionale Banche Club TI 2 Congresso Nazionale Banche Club TI Verona 24 giugno 2005 Paolo Cavazzuti Business Continuity Manager di Gruppo Auditorium del Banco Popolare di Verona e Novara Centro Servizi - Via Meucci, 5 - Verona

Dettagli

RISK & CRISIS MANAGEMENT come fronteggiare eventi imprevedibili con prontezza ed efficacia

RISK & CRISIS MANAGEMENT come fronteggiare eventi imprevedibili con prontezza ed efficacia con il sostegno di propongono il percorso formativo RISK & CRISIS MANAGEMENT come fronteggiare eventi imprevedibili con prontezza ed efficacia sede del corso: ISFOR 2000, via Pietro Nenni 30, Brescia periodo

Dettagli

comunicare la crisi >>>>

comunicare la crisi >>>> comunicare la crisi tutto può precipitare in una crisi Catastrofi naturali attentati incidenti scalate ostili trans-fotografie copertine black-out cadute di sistemi paralisi dei collegamenti mucca pazza

Dettagli

CAPOGRUPPO BANCARIA Direttive e Manuali di Gruppo Direttive di Gruppo

CAPOGRUPPO BANCARIA Direttive e Manuali di Gruppo Direttive di Gruppo AZIENDA: BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA SPA STRUTTURA EMANANTE: (6974) SERV.ORG. OPERATIVA CODICE TESTO: D 00992 002 DATA PUBBLICAZIONE: 12/10/2006 OGGETTO: Direttiva di Gruppo in materia di Business

Dettagli

M A S T E R MANAGER ASSISTANT

M A S T E R MANAGER ASSISTANT FACOLTA DI INTERPRETARIATO E TRADUZIONE Anno Accademico 2011/2012 M A S T E R di I livello in MANAGER ASSISTANT Attivato ai sensi del D.M. 509/99 e D.M. 270/2004 I EDIZIONE FINALITÁ Il Master si propone

Dettagli

Il Temporary Management per affrontare situazioni di discontinuità gestionale

Il Temporary Management per affrontare situazioni di discontinuità gestionale per affrontare situazioni di discontinuità gestionale Angelo Vergani Caratteristiche distintive del Temporary/Contract Management 1 2 3 Attività svolta da società specializzate Per il contract manager

Dettagli

CERTIQUALITY. Gli standard ISO 31000 per il RiskManagement ed ISO 22301 per la certificazione dei Sistemi di Gestione della Business Continuity

CERTIQUALITY. Gli standard ISO 31000 per il RiskManagement ed ISO 22301 per la certificazione dei Sistemi di Gestione della Business Continuity Per una migliore qualità della vita CERTIQUALITY Gli standard ISO 31000 per il RiskManagement ed ISO 22301 per la certificazione dei Sistemi di Gestione della Business Continuity Dott. Nicola Gatta Direzione

Dettagli

LA COMUNICAZIONE IN STATO DI CRISI

LA COMUNICAZIONE IN STATO DI CRISI LA COMUNICAZIONE IN STATO DI CRISI Come prevenire e gestire la comunicazione in situazioni emergenziali. Quello che non vorremmo mai accadesse ma è bene tener presente AREA PUBBLICHE RELAZIONI E REPUTAZIONE

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 XI Edizione GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 XI Edizione GESTIONE DELLE RISORSE UMANE MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 XI Edizione GESTIONE DELLE RISORSE UMANE DIRETTORE: Prof.ssa Paula Benevene VICE DIRETTORE: Dott. Emiliano Maria Cappuccitti COORDINAMENTO DIDATTICO:

Dettagli

Proteggere il proprio business. ISO 22301: continuità operativa.

Proteggere il proprio business. ISO 22301: continuità operativa. Proteggere il proprio business. ISO 22301: continuità operativa. Perché BSI? Grazie allo standard ISO 22301 l azienda può restare sempre operativa. La competenza di BSI in quest ambito può trasformare

Dettagli

ACCELERATED LEADERSHIP PROGRAM Learning, Leadership & Change

ACCELERATED LEADERSHIP PROGRAM Learning, Leadership & Change Corso di Alta Formazione ACCELERATED LEADERSHIP PROGRAM Learning, Leadership & Change corso interaziendale di General Management La LIUC Università Cattaneo nasce nel 1991 per iniziativa dell Unione degli

Dettagli

CORSO SECURITY MANAGER

CORSO SECURITY MANAGER CORSO SECURITY MANAGER 1 Format - Corso Garibaldi, 19-71036 LUCERA (FG) IT - Tel. +39 0881 530664 - Fax +39 0881 530664 INFO@FORMAT-GROUP.IT INTRODUZIONE Cosa serve il corso? UNI 10459:2015 - D.M. 1 dicembre

Dettagli

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane Codice Etico del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione Indice 1. PREMESSA E OBIETTIVI............................. 2 2.

Dettagli

Scheda dettagliata. Seminario aggiornamento professionale BUSINESS CONTINUITY MANAGEMENT. Con il patrocinio di. BCManager

Scheda dettagliata. Seminario aggiornamento professionale BUSINESS CONTINUITY MANAGEMENT. Con il patrocinio di. BCManager Scheda dettagliata Seminario aggiornamento professionale BUSINESS CONTINUITY MANAGEMENT Con il patrocinio di BCManager Milano, 24-26 giugno 2014 PRESENTAZIONE DETTAGLIATA SEMINARIO AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

Dettagli

BUSINESS CONTINUITY CAPABILITY: LE PERSONE AL CENTRO DEL PROCESSO DECISIONALE, OVVERO CULTURA, CONSAPEVOLEZZA E RESPONSABILITÀ

BUSINESS CONTINUITY CAPABILITY: LE PERSONE AL CENTRO DEL PROCESSO DECISIONALE, OVVERO CULTURA, CONSAPEVOLEZZA E RESPONSABILITÀ BUSINESS CONTINUITY CAPABILITY: LE PERSONE AL CENTRO DEL PROCESSO DECISIONALE, OVVERO CULTURA, CONSAPEVOLEZZA E RESPONSABILITÀ Angela Pietrantoni Managing Director cienze per la sicurezza consulting Garantire

Dettagli

ECONOMIA E MANAGEMENT DELLE ORGANIZZAZIONI IN UN CONTESTO INTERNAZIONALE

ECONOMIA E MANAGEMENT DELLE ORGANIZZAZIONI IN UN CONTESTO INTERNAZIONALE Anno Accademico 2010 2011 M A S T E R di I livello in ECONOMIA E MANAGEMENT DELLE ORGANIZZAZIONI IN UN CONTESTO INTERNAZIONALE Attivato ai sensi del D.M. 509/99 e D.M. 270/2004 Classe LM-77 OBIETTIVI E

Dettagli

Le strategie di turnaround

Le strategie di turnaround Strategie d impresa Le strategie di turnaround Capitolo 18 G.Pellicelli PROF.TONINO PENCARELLI PRESENTAZIONE DI GIOACCHINO BUONO Indice Introduzione-Tourneraund Diagnosi Recessione Gestione strategica

Dettagli

Perchè un Master in Homeland Security

Perchè un Master in Homeland Security IV edizione a.a. 2011 12 Perchè un Master in Homeland Security La società moderna richiede maggiore sicurezza Consapevolezza Catastrofi naturali Sicurezza Criminalità Terrorismo 25/10/2011 Roberto Setola

Dettagli

La nuova sicurezza nello scenario economico e sociale

La nuova sicurezza nello scenario economico e sociale La nuova sicurezza nello scenario economico e sociale DOTT.SSA PAOLA GUERRA ANFOSSI VERONA, 12 MARZO 2010 ARENA 2010 VALORE DELLA SICUREZZA INTEGRATA, RIPRESA ECONOMICA E SVILUPPO SOSTENIBILE Scenari di

Dettagli

PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA

PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA PEOPLE STRATEGY FARE LA DIFFERENZA 3 4 Marco Polo sta parlando della sua Venezia con il Kan Imperatore della Cina Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra.

Dettagli

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015 LE NOVITA INDICE 1.Perché fare Qualità 2. Qualità e non-qualità 3. Le potenzialità del Sistema di gestione 4. La ISO 9001:2015 1. PERCHE FARE QUALITA Obiettivo di ogni azienda è aumentare la produttività,

Dettagli

Linee guida alla Programmazione Formativa del personale (Delibera G.P. n. 358/66667 del 5.11.2012)

Linee guida alla Programmazione Formativa del personale (Delibera G.P. n. 358/66667 del 5.11.2012) Codice Fiscale - 80000030181 Settore Affari Generali Gestione e Organizzazione Risorse Umane Linee guida alla Programmazione Formativa del personale (Delibera G.P. n. 358/66667 del 5.11.2012) Pagina 1

Dettagli

Certificazione Sistemi di Gestione per la Continuità Operativa. (BCM - Business Continuity Management) - Norma BS 25999-2

Certificazione Sistemi di Gestione per la Continuità Operativa. (BCM - Business Continuity Management) - Norma BS 25999-2 Garantire la continuità operativa in caso di interruzioni, siano esse dovute a incidenti gravi o inconvenienti minori, rappresenta oggi un requisito fondamentale per qualsiasi organizzazione che opera

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE. Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza

I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE. Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza Confindustria - Bari, 30 settembre 2008 Questa presentazione Il contesto di riferimento

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO SECURITY MANAGEMENT

REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO SECURITY MANAGEMENT REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO SECURITY MANAGEMENT Direttore del corso: Chiara Casadio Commissione del Corso di Master: Gianfranco Bonfante Chiara Casadio Cristiana

Dettagli

SECURITY MANAGER" (aggiornato alla UNI 10459:2015)

SECURITY MANAGER (aggiornato alla UNI 10459:2015) Art. 1 ATTIVAZIONE Corso di perfezionamento e Aggiornamento Professionale in SECURITY MANAGER" (aggiornato alla UNI 10459:2015) (1000 ore 40 cfu) Anno Accademico 2014/2015 III edizione II sessione L Università

Dettagli

INFRASTRUTTURE CRITICHE: L ORGANIZZAZIONE TELECOM ITALIA

INFRASTRUTTURE CRITICHE: L ORGANIZZAZIONE TELECOM ITALIA INFRASTRUTTURE CRITICHE: L ORGANIZZAZIONE TELECOM ITALIA Damiano TOSELLI Direttore Security Il Gruppo Telecom Italia ATTIVITA NUMERI RISULTATI Tlc fisse e mobili, internet e media, office and system solutions,

Dettagli

XII Edizione GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

XII Edizione GESTIONE DELLE RISORSE UMANE MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Anno Accademico 2015 2016 XII Edizione GESTIONE DELLE RISORSE UMANE DIRETTORE: Prof.ssa Paula Benevene VICE DIRETTORE: Dott. Emiliano Maria Cappuccitti COORDINAMENTO

Dettagli

implementazione dl del piano con i governance e organizzativi tradizionali Piano di ristrutturazione aziendale 7. Sottostimare i fabbisogni finanziari

implementazione dl del piano con i governance e organizzativi tradizionali Piano di ristrutturazione aziendale 7. Sottostimare i fabbisogni finanziari Restructuring di imprese Oltre i risultati di breve termine: le imprese costruite per durare 1 1 IL MODELLO RICORRENTE Struttura, errori, difetti 2 Per assicurare il successo del piano di ristrutturazione

Dettagli

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI comunicazionetrasparenteprogettoinf ormareinformarsivalorizzazioneco struireteamworkeleaderschipproporrecolla boraredeisostenereprofessionisti stimolareintegrazionerelazionialleanzesoluzi

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2014-2015. Master universitario di I livello in Management e Gestione della Comunicazione di Crisi e di Emergenza

ANNO ACCADEMICO 2014-2015. Master universitario di I livello in Management e Gestione della Comunicazione di Crisi e di Emergenza FORMULARIO per istituzione e attivazione master di I e II livello ANNO ACCADEMICO 2014-2015 Master universitario di I livello in Management e Gestione della Comunicazione di Crisi e di Emergenza Annuale

Dettagli

Divisione di ADR Center S.p.A. Il vantaggio di negoziare

Divisione di ADR Center S.p.A. Il vantaggio di negoziare Divisione di ADR Center S.p.A. Il vantaggio di negoziare Il vantaggio di negoziare Indice Introduzione: Saper negoziare: indispensabile per avere successo nel dinamico mondo degli affari Perchè Negotiate.it?

Dettagli

INDAGINE SICURSERVIZI SUI FABBISOGNI FORMATIVI DEL SETTORE SICUREZZA

INDAGINE SICURSERVIZI SUI FABBISOGNI FORMATIVI DEL SETTORE SICUREZZA INDAGINE SICURSERVIZI SUI FABBISOGNI FORMATIVI DEL SETTORE SICUREZZA Per Il settore in cifre presentiamo il rapporto sulle esigenze formative del settore sicurezza, realizzato da Sicurservizi per conto

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO Adottato dal Consiglio di Amministrazione il 27 marzo 2012 Aggiornato in data 14 marzo 2013 Ultimo aggiornamento approvato

Dettagli

BANCA D ITALIA AIEA 2007. Relatore: Tullio Prà Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Banca d Italia

BANCA D ITALIA AIEA 2007. Relatore: Tullio Prà Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Banca d Italia XXI Convegno Nazionale Information Systems Auditing Accademia Navale di Livorno, 24-25 Maggio 2007 La Continuità operativa nel sistema bancario italiano Relatore: Tullio Prà Servizio Vigilanza sugli Enti

Dettagli

III.A.1. CODICE ETICO

III.A.1. CODICE ETICO III.A.1. CODICE ETICO 1. FINALITA' La Casa di Cura Villa Aurora S.p.a., al fine di definire con chiarezza e trasparenza l insieme dei valori ai quali l'ente si ispira per raggiungere i propri obiettivi,

Dettagli

Perché il Corso di Alta Formazione in Etica e Sicurezza all Aquila?

Perché il Corso di Alta Formazione in Etica e Sicurezza all Aquila? Perché il Corso di Alta Formazione in Etica e Sicurezza all Aquila? Il terremoto economico e finanziario che ha colpito il Pianeta ha preceduto di poco quello de L Aquila. I due fenomeni hanno fatto palesare

Dettagli

BANDO PER IL MASTER IN

BANDO PER IL MASTER IN BANDO PER IL MASTER IN HOMELAND SECURITY SISTEMI, METODI E STRUMENTI PER LA SECURITY E IL CRISIS MANAGEMENT II EDIZIONE A.A. 2009/2010 PROMOSSO DA UNIVERSITA CAMPUS BIO-MEDICO DI ROMA (LABORATORIO SISTEMI

Dettagli

Talent Management Survey. Risultati

Talent Management Survey. Risultati Risultati Luglio 2012 Nell attuale scenario, per HR si pone la sfida di garantire un collegamento costante tra le strategie di business e le iniziative di gestione del Talento. I cambiamenti legati a globalizzazione

Dettagli

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE : L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE Definizioni Per lo sviluppo di un impresa sono necessarie sia le abilità dell imprenditore che quelle dei manager * Le abilità imprenditoriali sono

Dettagli

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 7 5. COMPETENZE... 8 Quali competenze sono necessarie... 8 Conoscenze... 12

Dettagli

Export manager per il settore della nautica da diporto

Export manager per il settore della nautica da diporto PROGETTO COFINANZIATO DALL UNIONE EUROPEA Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica da diporto FORMAZIONE SUPERIORE Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO

MASTER UNIVERSITARIO FACOLTÀ DI ECONOMIA Anno Accademico 2011/2012 MASTER UNIVERSITARIO di II livello in ASSISTENTE ALLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA Attivato ai sensi del D.M. 509/99 e D.M. 270/2004 Iª EDIZIONE OBIETTIVI E FINALITÁ

Dettagli

Il Manager Coach. Percorso Executive per sviluppare le performances manageriali utilizzando gli strumenti del coaching professionistico

Il Manager Coach. Percorso Executive per sviluppare le performances manageriali utilizzando gli strumenti del coaching professionistico Il Manager Coach Percorso Executive per sviluppare le performances manageriali utilizzando gli strumenti del coaching professionistico Se la Leadershipè una qualità essenziale per dare una direzione e

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

MASTER di I Livello SCIENZE E TECNOLOGIE PER LA SICUREZZA. 1ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA301

MASTER di I Livello SCIENZE E TECNOLOGIE PER LA SICUREZZA. 1ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA301 MASTER di I Livello 1ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA301 Pagina 1/5 Titolo Edizione 1ª EDIZIONE Area SICUREZZA Categoria MASTER Livello I Livello Anno accademico 2014/2015 Durata

Dettagli

MICROSOFT DYNAMICS NAV: MISURAZIONE DEI BENEFICI

MICROSOFT DYNAMICS NAV: MISURAZIONE DEI BENEFICI MICROSOFT DYNAMICS NAV: MISURAZIONE DEI BENEFICI Indagine su un campione di PMI che utilizzano Microsoft Dynamics NAV A cura di: consulting Quali sono i principali vantaggi di Microsoft Dynamics NAV? CARATTERISTICHE

Dettagli

Recall and crisis management negli standard volontari di certificazione del settore alimentare

Recall and crisis management negli standard volontari di certificazione del settore alimentare Recall and crisis management negli standard volontari di certificazione del settore alimentare Maria Chiara Ferrarese Responsabile Divisione agro, food & packaging e Responsabile Progettazione e Innovazione,

Dettagli

CODICE ETICO KODAK S.P.A.

CODICE ETICO KODAK S.P.A. MARZO 2014 SOMMARIO 1. INTRODUZIONE... 4 1.1 La missione di Kodak e il rapporto di fiducia con i Portatori d Interesse... 4 1.2 Reciprocità... 4 1.3 Destinatari e ambito di applicazione del Codice Etico...

Dettagli

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE EXECUTIVE EDUCATION Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE fondazione cuoa business school dal 1957 Il punto di riferimento qualificato

Dettagli

L ICT e l innovazione

L ICT e l innovazione Il valore del Project Management nei Progetti di Innovazione nelle Piccole e Medie Imprese L ICT e l innovazione Milano, 15 dicembre 2006 Enrico Masciadra, PMP emasciadra@libero.it Le cinque forze competitive

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL A

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL A Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL A Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT Strumento per processi di cambiamento e innovazione

PROJECT MANAGEMENT Strumento per processi di cambiamento e innovazione Q110 Srl 67100 L AQUILA - S.S. 17 OVEST COMPLESSO PANORAMA - PAL. B TEL. 0862.318379-0862.323890 FAX 0862.1965031 www.q110.it - info@q110.it Ente Formativo accreditato Regione Abruzzo Intensive short MASTER

Dettagli

LA GESTIONE EFFICACE DEI COLLABORATORI

LA GESTIONE EFFICACE DEI COLLABORATORI LA GESTIONE EFFICACE DEI COLLABORATORI La qualità organizzativa passa attraverso la qualità delle persone 1. Le ragioni del corso Nella situazione attuale, assume una rilevanza sempre maggiore la capacità

Dettagli

Corso di PErFEZioNAMENTo IMPRESA SOCIALE: IMPRENDITORIALITÀ, GESTIONE E STRUMENTI DI FINANZIAMENTO

Corso di PErFEZioNAMENTo IMPRESA SOCIALE: IMPRENDITORIALITÀ, GESTIONE E STRUMENTI DI FINANZIAMENTO Corso di PErFEZioNAMENTo Anno Accademico 2015 2016 IMPRESA SOCIALE: IMPRENDITORIALITÀ, GESTIONE E STRUMENTI DI FINANZIAMENTO DIREZIONE: Paula Benevene; Laura Michelini COMITATO SCIENTIFICO: Gennaro iasevoli,

Dettagli

CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6084 - Project management con specializzazione in project financing

CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6084 - Project management con specializzazione in project financing CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6084 - Project management con specializzazione in project financing Regione di Presentazione: ID Corso: Organismo di formazione: Tipo organismo: Data invio telematico:

Dettagli

PROGETTO SECURITY ROOM

PROGETTO SECURITY ROOM 1 PROGETTO SECURITY ROOM 13 marzo 2009 La Security Room nel modello di sicurezza aziendale 2 IL MODELLO DI RIFERIMENTO BUSINESS CONTINUITY BUSINESS RESILIENCY SICUREZZA Da approccio reattivo ad approccio

Dettagli

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane L esperienza di ATM Il Sistema di Sicurezza nell ambito del Trasporto Pubblico Locale Claudio Pantaleo Direttore Sistemi e Tecnologie Protezione

Dettagli

Politica per la Qualità della Formazione

Politica per la Qualità della Formazione Politica per la Qualità della Formazione Valutazione e accreditamento lasciano un segno se intercettano la didattica nel suo farsi, se inducono il docente a rendere il suo rapporto con i discenti aperto,

Dettagli

LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE. Giancarlo Forestieri (Università Bocconi)

LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE. Giancarlo Forestieri (Università Bocconi) LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE Giancarlo Forestieri (Università Bocconi) AGENDA Un quadro d insieme I fattori di contesto I modelli di business tradizionali sono

Dettagli

SCUOLA DI FORMAZIONE FORMAZIONE DIRIGENTI AVIS 2013-2014

SCUOLA DI FORMAZIONE FORMAZIONE DIRIGENTI AVIS 2013-2014 SCUOLA DI FORMAZIONE FORMAZIONE DIRIGENTI AVIS 2013-2014 Premessa Gentili Sigg. Presidenti, Sigg. Consiglieri, Vi presentiamo il programma della SCUOLA DI FORMAZIONE AVIS con le date dei corsi proposti.

Dettagli

Corsi E-Learning a catalogo

Corsi E-Learning a catalogo E-Learning a catalogo Indice documento gratuiti (12 titoli)... "compliance" (7 titoli)... software & IT (16 titoli)... di lingua (36 titoli)... (136 titoli)... Caratteristiche e modalità di acquisto...

Dettagli

CATALOGAZIONE DEI BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI

CATALOGAZIONE DEI BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI CATALOGAZIONE DEI BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI Corso Post Lauream per Catalogazione dei beni Archivistici e Librari IL CORSO POST LAUREAM Il corso ha lo scopo di far maturare una figura di bibliotecario

Dettagli

LUISS GUIDO CARLI IL FORUM DELLA SANITA DIGITALE ROMA, 10/12.9.2015

LUISS GUIDO CARLI IL FORUM DELLA SANITA DIGITALE ROMA, 10/12.9.2015 Tre giorni di incontri e appuntamenti sulla trasformazione del sistema della salute in chiave digitale UN PROGETTO DI CON IL PATROCINIO DI IN COLLABORAZIONE CON CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCIE

Dettagli

Catalogo formativo 2013. INGENIA Group. Manuale commerciale. Manuale commerciale 1C - AM/CA 10/2013. Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup.

Catalogo formativo 2013. INGENIA Group. Manuale commerciale. Manuale commerciale 1C - AM/CA 10/2013. Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup. Catalogo formativo 2013 INGENIA Group Manuale commerciale Manuale commerciale 1C - AM/CA 10/2013 Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup.it MARKETING & INNOVAZIONE Percorso formativo e-mail MARKETING

Dettagli

Assessment degli Operational Risk. Assessment. Progetto Basilea 2. Agenda. Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS

Assessment degli Operational Risk. Assessment. Progetto Basilea 2. Agenda. Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS Progetto Basilea 2 Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS degli Operational Risk 2003 Firm Name/Legal Entity Agenda Il nuovo contesto di vigilanza: novità ed impatti Analisi Qualitativa 1

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO

REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO SECURITY MANAGEMENT Emanato con dr. rep. n. 126 /2012 prot. n.4059 /I/3 del 29.2.2012 Direttore del corso: Chiara Casadio Commissione

Dettagli

Corso di Alta Formazione

Corso di Alta Formazione Corso di Alta Formazione Valori in Movimento: Economia e Gestione di Etica & Security Aziendale. La professionalità del Security Manager ai sensi della Norma UNI10459:1995 MILANO, dicembre 2011 - maggio

Dettagli

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento LEADERSHIP E TEAM BUILDING La soddisfazione del lavoratore A livello individuale, la gestione

Dettagli

Il project management, competenza trasversale da insegnare ai lavoratori di domani

Il project management, competenza trasversale da insegnare ai lavoratori di domani di Fabrizio Trainito esperto di marketing Il project management, competenza trasversale da insegnare ai lavoratori di domani La gestione dei progetti, uno strumento per raggiungere i propri obiettivi Ciascuno

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

MASTER DI PRIMO LIVELLO SPORT & MANAGEMENT NUMERO POSTI DISPONIBILI: 45

MASTER DI PRIMO LIVELLO SPORT & MANAGEMENT NUMERO POSTI DISPONIBILI: 45 MASTER DI PRIMO LIVELLO SPORT & MANAGEMENT NUMERO POSTI DISPONIBILI: 45 ANNO ACCADEMICO 2003-2004 PROFILO E MOTIVAZIONI Il Master in Sport & Management nasce dall esigenza di adeguare la formazione dell

Dettagli

FORMAZIONE PROFESSIONALE

FORMAZIONE PROFESSIONALE PRO.GE.A. PROGETTO GESTIONE AZIENDA Sede Legale: Via XXV Aprile, 206 21042 Caronno Pertusella (Va) Sede Operativa: Via IV Novembre, 455 21042 Caronno Pertusella (Va) Tel. 02.96515611 Fax 02.96515655 Uffici

Dettagli

FONDI COMUNITARI: OPPORTUNITÀ, STRATEGIE, GESTIONE E RENDICONTAZIONE PER I DIPENDENTI PUBBLICI

FONDI COMUNITARI: OPPORTUNITÀ, STRATEGIE, GESTIONE E RENDICONTAZIONE PER I DIPENDENTI PUBBLICI FONDI COMUNITARI: OPPORTUNITÀ, STRATEGIE, GESTIONE E RENDICONTAZIONE PER I DIPENDENTI PUBBLICI I fondi comunitari non sono solo una fonte finanziaria supplementare ma anche e soprattutto uno stimolo all

Dettagli

8 Corso di Alta Formazione in Gestione della Libreria

8 Corso di Alta Formazione in Gestione della Libreria 8 Corso di Alta Formazione in Gestione della Libreria REGOLAMENTO DEL CORSO E BANDO DI AMMISSIONE 1 Art. 1 Istituzione del Corso La Scuola Librai Italiani e l Università Ca Foscari di Venezia - Dipartimento

Dettagli

BANDO DEL MASTER DI 2 LIVELLO

BANDO DEL MASTER DI 2 LIVELLO I^ Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Medicina Legale Cattedra di medicina sociale Anno Accademico 2007-2008 BANDO DEL MASTER DI 2 LIVELLO IN MEDICINA E SANITA PENITENZIARIA Codice del Corso

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER DIRETTORE SANITARIO ED AMMINISTRATIVO DI AZIENDA SANITARIA ai sensi del D.D.G. n. 3245/09 e s.m.i.

CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER DIRETTORE SANITARIO ED AMMINISTRATIVO DI AZIENDA SANITARIA ai sensi del D.D.G. n. 3245/09 e s.m.i. Via Padre Rosario da Partanna, 22 90146 PALERMO Tel. 0916710220 Fax. 0916710401 www.cfssicilia.it email: segreteria@cfssicilia.it CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER DIRETTORE SANITARIO ED AMMINISTRATIVO

Dettagli

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F.

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. FORMAZIONE MANAGERIALE S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. Baracca, 235/E 50127 Firenze Tel. 055.3436516

Dettagli

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMA UNI EN ISO 9001:2008 IN ORGANIZZAZIONI CHE EROGANO SERVIZI E OPERANO PER PROGETTI, PRATICHE O COMMESSE

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMA UNI EN ISO 9001:2008 IN ORGANIZZAZIONI CHE EROGANO SERVIZI E OPERANO PER PROGETTI, PRATICHE O COMMESSE LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMA UNI EN ISO 9001:2008 IN ORGANIZZAZIONI CHE EROGANO SERVIZI E OPERANO PER PROGETTI, PRATICHE O COMMESSE ottobre 2010 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo delle

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

LEADER E MANAGER Destinatari: Obiettivi: Contenuti

LEADER E MANAGER Destinatari: Obiettivi: Contenuti RIEPILOGO CORSI Leader e manager Costruire le abilità manageriali Introduzione alla teoria del vincolo La costruzione di una direzione strategica: identità, visione, business model Tangram Leadership:

Dettagli