PANDORA: IQUADERNIDI. l ICT per il Crisis Management

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PANDORA: IQUADERNIDI. l ICT per il Crisis Management"

Transcript

1 IQUADERNIDI PANDORA: l ICT per il Crisis Management A cra di Michele Cornacchia, Chiara Rossetti Il Crisis Management è n approccio sistematico adottato nelle sitazioni di emergenza, essenzialmente per l elaborazione di solide strategie di prevenzione, di rapidi ed efficaci interventi, atti ad inibire na possibile evolzione catastrofica degli eventi. Il Progetto eropeo PANDORA (Advanced Training Environment for Crisis Scenarios) tilizza i prodotti ICT più innovativi per allestire n ambiente di addestramento efficace per i manager di gestione delle crisi. il Progetto ha già realizzato na versione dimostrativa dove le sessioni di addestramento vengono animate entro scenari realistici e stimolanti allo scopo di fornire condizioni creative per l esercizio delle decisioni. Centrale in PANDORA è l so originale di strategie di pianificazione degli eventi basate s na linea di flsso temporale a intervalli discreti. Qeste vengono sate per diversificare lo scenario di crisi e creare percorsi di addestramento alternativi, in tempo reale, nel corso della stessa sessione. Anche gli schemi di comportamento degli allievi, acqisiti in na fase preliminare, vengono dinamicamente rivisti per l addestramento personalizzato. Il progetto PANDORA mira qindi a creare n ambiente di addestramento avanzato per i manager delle crisi che operano in sitazioni caotiche, con alto livello di stress e coinvolgimento emotivo. L ambiente di addestramento ripropone in chiave ICT i parametri fisici ambientali e simla in tempo reale ttti gli elementi dinamici che caratterizzano l intero scenario di n disastro. I manager delle crisi si esercitano a reagire e a coordinare il proprio intervento con le altre Atorità coinvolte nella gestione, allo scopo ltimo di limitare per qanto possibile gli effetti dannosi slle persone, slle infrastrttre e sl territorio, e consentirne n veloce recpero della condizione iniziale di sicrezza.

2 INDICE Al contrario di qasi ttti gli altri sistemi di addestramento innovativi, fnzionanti a livello operativo o tat t Introdzione 37 La sfida di Pandora 39 PANDORA BOX: n ambiente di training innovativo 39 Le componenti del sistema 41 Conclsioni 42 Tv digitale terrestre in Sardegna: ecco i primi bilanci Dicembre 2008 / Gennaio 2009 E-Inclsion: accessibilità nella società dell informazione Tecnologia e disabilità: de mondi non ancora globali Il ftro di Internet: Ipv6 n indirizzo per ttti e ttto Il ftro di Internet: Ipv6 n indirizzo per ttti e ttto Intelligenza artificiale: mito o realtà? Ttti pazzi per la ghigliottina, anche i compter Il qaderno di Telèma è stato realizzato dalla Fondazione Ugo Bordoni Presidente: Alessandro Lciano Direttore delle Ricerche: Mario Frllone Cratori del Qaderno: Michele Cornacchia, Chiara Rossetti Febbraio Marzo Aprile Maggio Gigno La sostenibilità energetica come nova sfida tecnologica Dicembre 2009 / Gennaio 2010 Reti sociali s Internet e Sentiment Analysis 1 Reti sociali s Internet e Sentiment Analysis 2 Le frontiere dell intrattenimento domestico (Re)visioni: alcne tracce per interpretare le mtazioni televisive Aprile / Maggio Gigno Lglio / Agosto / Settembre Ottobre Qanto è larga la banda? Oggi l tente pò misrarla Dicembre / Gennaio 2011 Come misrarsi la banda, contestare gli Operatori e vivere felici Qalità e Internet mobile. Le verità nascoste? 1 Qalità e Internet mobile. Le verità nascoste? 2 La sostenibilità energetica non pò fare a meno dell ICT Febbraio Marzo Aprile / Maggio Gigno Registro Pbblico delle Opposizioni: n opportnità per i cittadini e le imprese Lglio / Agosto / Settembre L opt-ot nel telemarketing è sempre più realtà: dal telefono alla posta, con no sgardo verso Internet SONO USCITI NEL 2009/2010/2011: Ottobre PANDORA: n ambiente di training innovativo rivolto ai manager delle crisi La sfida di PANDORA È n dato di fatto che n management delle sitazioni di emergenza, se condotto limitando l errore strategico, riesce ad eldere significative e maggiori perdite, impedendo che l insorgere di na crisi all inizio moderata si possa trasformare gradalmente in n disastro fori controllo. Il sccesso di qesto approccio al management, inoltre, dipende fortemente sia dall efficienza delle scelte strategiche d alto livello sia dalle capacità di ragionamento messe in campo dagli stessi decisori. In tema generale di management delle crisi, difatti, si possono individare tre livelli decisionali differenti (Fig. 1): n livello operativo o di bronzo (bronze commander), che opera direttamente sgli scenari di crisi, le ci azioni e risltati sono monitorati e comnicati ai livelli più alti; n livello tattico o d argento (silver commander), responsabile della tradzione di decisioni strategiche di alto livello in azioni e relative allocazioni di risorse; n livello strategico o d oro (gold commander), che identifica i pnti chiave e decide le strategie per la risolzione della crisi. Figra 1. I livelli decisionali nel Crisis Management. pandora tico, PANDORA si colloca s n livello decisionale strategico, con ciò rispondendo a na singolare sfida tecnologica e organizzativa tttora rimasta insolta. In via semplificata, si pò dire come vi siano de maggiori approcci al training per la gestione delle crisi: a) le esercitazioni a tavolino, ovvero i grppi di discssione gidata in ala s n disastro simlato; b) le esercitazioni simlate nel mondo reale, cioè i test condotti in campo che replicano in condizioni di sicrezza sitazioni di emergenza infrastrttrale. I primi sono a basso costo e facili da organizzare, ma per ovvi motivi non possono ricreare n atmosfera realistica in termini di stress e pressione alle decisioni. I secondi propongono na simlazione nel mondo reale e possono essere molto efficaci, tttavia sono estremamente costosi e difficili da organizzare. Tenendo conto di qeste possibilità, PANDORA ha acqisito i benefici di entrambi gli approcci all addestramento, svilppando n sistema misto, capace di garantire, da na parte, il realismo di na simlazione nel mondo reale e, dall altra, la praticità di n esercitazione a tavolino. In qesto senso, è stato adottato nella progettazione dei vari modli n approccio altamente orientato all tente. PANDORA BOX: n ambiente di training innovativo Si immagini n grppo di allievi, manager di infrastrttre critiche recltati da enti e organizzazioni differenti (per esempio, la Protezione Civile, i Trasporti, le Telecomnicazioni, la Polizia, gli Ospedali, ecc.), che partecipa ad na sessione di addestramento nell ambiente innovativo dato da PANDORA (Fig. 2) 38 39

3 e che, qalora alcni enti o roli non fossero presenti ma necessari, qesti possono essere rappresentati o di informazione da rilasciare, sl livello di stress, in base alla propria esperienza personale. Le componenti del sistema n Il Trainer Spport Framework fornisce n dinamico Rn Time Interaction Environment per l ad- nella sessione da Non Players Characters (NPC), PANDORA adotta na tecnologia di pianificazione di Il progetto PANDORA ha concentrato le proprie at- destratore, che pò allestire la sessione di cioè da entità simlate dal sistema. Ogni allievo del tipo timeline, schema a seqenza ordinata e finita tività nello svilppo di n prototipo di sistema di ad- formazione, configrandola e gestendola in modo PANDORA Box, prima di prender parte attivamente di valori, che per domini di elevata complessità, come destramento alle crisi per i gold commander, dinamico anche drante lo svolgimento. all addestramento, si sottopone a na sedta preli- gli scenari di crisi, permette alla propria base di dati riferendosi a reqisiti tente configrati in no stato n Il Crisis Modle Framework fornisce na rete minare di rilevazione delle caratteristiche personali, di cogliere con più precisione e sintesi la natra va- dell arte realizzato ad hoc. evento per configrare no scenario di crisi a fronte allo scopo di aggiornare n modlo di sistema (PAN- riante di attribti in relazione temporale, che codifi- Il lavoro iniziale si è basato slla ricerca conoscitiva di n timeline. Sostiene la gestione del processo DORA Kernel) con il proprio profilo di competenze, cano informazioni sgli oggetti che essi descrivono. dei sistemi esistenti e meccanismi di addestramento di addestramento attraverso l inclsione di mo- attitdini e stile di comportamento (Behavioral Mo- Ad esempio, certe qalità psicofisiche di n allievo tilizzati nel mondo per il management delle crisi. Lo menti decisionali per gli allievi opportnamente in- del). Slla base di qeste acqisizioni il sistema è sc- che, si sppone, possano inflenzare il comporta- stato dell arte prodotto ha peraltro fornito n serie di capslati negli eventi dello scenario in evolzione. cessivamente in grado di orientare l addestramento mento in condizioni di stress, possono essere ricon- otpt di considerevole valore anche per altri lavori Il trainer, attraverso il Trainer Spport Framework, s percorsi personalizzati (Behavioral Planner). dotte a n modello descrittivo e aggiornate nel corso nel settore. In particolare, grazie alla composizione ha la possibilità di espandere e comprimere il ti- Il processo di addestramento vero e proprio ha ori- del training di PANDORA secondo lo schema del ti- del partenariato, che peraltro inclde n organizza- meline, o anche di inserire a so parere eventi sp- gine in n secondo modlo (Crisis Planner) che ti- meline. Slla base di qesto aggiornamento, il Be- zione tente-finale, è stato possibile raccogliere in- plementari necessari a personalizzare, a favore di lizza sia le informazioni individali reperite dal profilo havioral Planner pò mettere a pnto no o più formazioni specifiche si reqisiti tente da soggetti n singolo allievo, la sessione in corso. La pianifi- degli allievi sia la base di conoscenza con la qale si obiettivi e consegnarli al Crisis Planner che a sa nazionali e internazionali attraverso na serie di con- cazione evento e la proiezione si timeline viene rappresenta lo scenario di crisi operativo (Crisis Kno- volta crea na trama di training con novi eventi e tatti diretti. Con centro si reqisiti tente sono stati attata attraverso n approccio basato slla co- wledge). In tal modo PANDORA pò pianificare l ad- stimoli da somministrare agli allievi (es. n filmato che sccessivamente generati gli insiemi di reqisiti tecnici noscenza, che tilizza regole memorizzate nella destramento, scegliendo dinamicamente, in fnzione aggiorna lo scenario di crisi, na telefonata di n ope- fnzionali e le specifiche architettrali per lo svilppo. base di conoscenza delle crisi. del momento evoltivo della crisi e delle reazioni dei ratore o n dal responsabile tattico). Inoltre, lo Segendo la traccia delle specifiche architettrali pro- n L Emotion Engine è na componente middleware singoli allievi, la seqenza più appropriata di obiettivi e richieste da sottoporre al grppo o di informazioni generali da condividere. Alla pianificazione dell addestramento partecipa in parallelo n altro importantissimo modlo (Emotion and Environment Synthesizer) al qale viene affidata stesso Planner risponde alle decisioni strategiche inoltrate dagli allievi, predisponendo novi eventi logici che continano la sessione di training. dotte, i partner di progetto hanno qindi svilppato le varie sezioni componenti il sistema complessivo di PANDORA. Ttte le componenti di sistema generate, integrate in n nico prototipo dimostratore, sono descritte di segito. n Il Behavioral Framework è n modlo che con- del sistema PANDORA che ha lo scopo di fornire semplificazioni per lo svilppo, na configrazione e n introdzione per i Non Players Characters (NPC) nello scenario di crisi che interagisce con gli allievi, e infine risorse informative mltimediali, etichettate per il coinvolgimento emotivo. La strttra la delicata fnzione di modlazione degli stimoli e di indzione del livello di stress. Un ltimo modlo (Trainer Spport Framework) permette all addestratore di monitorare l evolzione temporale della sessione con vari sistemi (es. behavioral analysis) e di disciplinare in tempo reale le attività didattiche del grppo e dei singoli, per esempio, intervenendo sl percorso decisionale, sl tipo di stimolo Figra 2. La strttra concettale principale dell ambiente di training. sidera il comportamento degli allievi; viene basato s n modello tente ricavato da no stdio preparatorio del profilo, dai feedback di vari sensori e dal gidizio dello stesso trainer creatosi nel corso della sessione. Qesta componente mostra in che modo si chide e si completa il cerchio crisi-stimolo allievo-reazione analisi comportamentale di PANDORA per l ambiente di addestramento. NPC permette peraltro al trainer di gestirne il controllo e far in modo che possano intervenire nello scenario, per esempio inviando inpt diretti agli allievi in specifici momenti. Una sottocomponente dell Emotion Engine, cioè la Affective Framework, controlla n database di risorse mltimediali etichettate per emozioni e fornisce agli allievi informazioni di natra emotiva e comportamentale, 40 41

4 t Figra 3. Single site training Deployed training Distribted training Casi d so o modalità di Pandora. tilizzando dati dal Behavioral Framework e regole n Una misrazione qalitativa dell esperienza tente SCHEDA tecnica combinatorie locali. Il prodotto finale dell Emotion e delle variabili di accettazione da parte dell tente Acronimo: PANDORA Engine, generato attraverso l Environment Frame- finale. Si prevede la raccolta di dati di natra qa- Titolo: work Bilder, è na sorta di specifica di riprod- litativa alla fine di ogni sessione. Potrà inoltre essere Advanced Training Environment for Crisis Scenarios zione che descrive le condizioni ambientali, le disposta na breve intervista strttrata alla classe Nmero di Contratto: risorse informative mltimediali e gli eventali NPC generati nell ambiente di addestramento. Figra 4. (allievi e docente), preferibilmente in contemporanea o immediatamente dopo la fase di de-briefing. FP7-ICT PANDORA Area/Obiettivo Strategico: Secrity systems integra- n La Emlated Crisis Room è in sintesi l ambiente fisico dove prendono posto gli allievi, dal mo- Emergency Planning College a York (Inghilterra). n Una misrazione qalitativa per verificare la sicrezza del sistema e la privacy percepita slla cico- tion, interconnectivity and interoperability: Modelling and simlation for training (ICT-SEC ) mento che ttte le componenti di sistema gene- lazione e il contenimento di dati sensibili. Costo totale: 4 milioni di ero rano e indirizzano le proprie informazioni per fficiale per l addestramento alla gestione delle crisi, Infine, accanto allo svilppo dell architettra di PAN- Contribto UE: 2.93 milioni di ero qesta componente. La Crisis Room è modellata a York, in Inghilterra. DORA, del prototipo dimostratore, e all analisi delle Tempi previsti: Gennaio s n ambiente fisico derivato dai reqisiti di Lo scenario da rappresentare nella simlazione sarà prestazioni degli tenti finali, il consorzio dei partner Marzo 2012 (27 mesi) tente finale e dallo stato dell arte dei sistemi di il severe weather, ovvero n emergenza sl territorio ha attivato il processo di disseminazione delle idee Coordinatore: University of Greenwich, Regno Unito management delle crisi. Pò essere rilasciato e provocata dall insorgenza di condizioni meteorolo- e dei risltati del progetto allo scopo di rendere con- Partners: configrato in na modalità fisica, virtale o di- giche estreme. Inoltre è stato disposto che tre classi sapevole e informata na vasta adience composta n CEFRIEL, Centro di ricerca e formazione nei settori stribita (Fig. 3). L integrazione di ttte le precedenti componenti, come già evidenziato, viene gestita attraverso n modello di middleware svilppato ad hoc per il progetto, per il qale e per soddisfare alcne importanti necessità del sistema, sono stati appositamente di tenti-finali (grppi di 6-8 manager reali, rappresentanti di varie atorità e gestori di servizi, con livello di capacità ed esperienza in materia basso/medio/alto) parteciperanno come allievi di PANDORA, ogni grppo in na sessione indipendente. Data la presenza di manager tenti-finali e trainer, da istitzioni, enti, organismi di natra e di rilevanza pbblica e privata. Il Progetto è stato presentato infatti con sccesso in molteplici e prestigiosi consessi scientifici a livello internazionale. Qesta attività ha portato alla raccolta di manifestazioni di grande interesse nel progetto, il ci svilppo ICT, Milano, Italia n CNR-ISTC, Istitto di Scienze e Tecnologie della Cognizione del Consiglio Nazionale delle Ricerche, Roma, Italia n EPC, Emergency Planning College, York, Regno Unito 42 allestiti vari test di prova e di valtazione. Conclsioni La dimostrazione finale di PANDORA con gli tenti reali è prevista per la fine del 2011 in modalità single site presso il Cabinet Office Emergency Planning College (Fig. 4), na strttra governativa rivestiranno particolare importanza i test riferiti alle prestazioni degli attori del sistema, cioè alle potenzialità di apprendimento, allo svilppo di capacità/strategie decisionali singole e di grppo, e infine di soddisfazione complessiva rispetto all addestramento tradizionale. In qesto senso, sono state predisposte le segenti valtazioni per le sessioni dimostrative: indstriale peraltro potrà essere indirizzato dal bsiness plan già elaborato. I risltati finali del progetto, così come i possibili svilppi e gli scenari ftri saranno delineati in n evento che si terrà a marzo 2012 a Londra con il coinvolgimento dei principali attori in tema di Crisis Management. Per maggiori informazioni potete consltare il sito web: n UEL, University of East London, Londra, Regno Unito n FBC, Bsiness Flow Conslting, Sceax, Francia n FUB, Fondazione Ugo Bordoni, Roma, Italia ndora n ORT, Edcation Formation, Parigi, Francia n Xlab Research, Lbiana, Slovenia. 43

5 pandora PAnDORA: il MiGLiOR SiStEMA DiMOStRAtiVO A icaps 2011 Il Progetto PANDORA ha partecipato alla XXI Conferenza Internazionale slla Pianificazione e Programmazione Atomatica (Conference on Atomated Planning and Schedling - ICAPS ) che si è tenta a Fribrgo, in Germania gli scorsi gigno La tecnologia di programmazione sata come motore di backend in PANDORA è stata presentata drante la sessione di lavoro SPARK (Schedling and Planning Applications workshop) dedicata alla pianificazione e programmazione delle applicazioni. La demo del sistema di PANDORA ha partecipato alla System Demonstration e si è aggidicata il primo premio come miglior sistema dimostrativo (per maggiori informazioni: MiSURE Di PREStAZiOnE PER L individuo E il GRUPPO: il MODELLO ipo La misra delle prestazioni al livello dell individo e del grppo viene gidata dai modelli che analizzano le prestazione a seconda del contesto. All interno dell ambiente PANDORA vi sono molte importanti implicazioni slle tecniche di simlazione applicate al progetto e ciò porta a considerare più adatti qei costrtti che si concentrano maggiormente sll apprendimento, si processi di grppo e i risltati. La letteratra in materia da qesto pnto di vista si presenta molto vasta ma tttavia la teoria slle prestazioni più appropriata per PANDORA sembra essere individata nel modello IPO (Inpt, Process, Otpt). Il modello IPO cerca di caratterizzare le variabili di inpt (p.e., le caratteristiche di base dell individo o di grppo), le variabili di processo (p.e., la comnicazione,), e le variabili di otpt (p.e., prestazione, e la soddisfazione), prima, drante e dopo la simlazione. Stdiando le relazioni tra le variabili IPO è possibile evidenziare come il lavoro di grppo come dinamico e mltidimensionale nel corso di attività pratiche persino in modalità STB (Simlation Based Training). Inoltre dal pnto di vista di PANDORA, è importante che si tenga conto anche di n reqisito metodologico di notevole importanza per ottenere na misra corretta dell efficacia e della prestazione dell ambiente: il livello d analisi. Infatti, va considerato che i processi di training simlato coinvolgono sia la prestazione individale che qella di grppo, livelli che agiscono parallelamente. I de livelli sono peraltro necessari a fornire n feedback sensato ad ogni allievo e al grppo partecipanti, cercando di individare in tempo reale qali percorsi aggintivi di training siano al momento proponibili sia per l individo contestalizzandolo al grppo nel qale la simlazione ha avto logo. Vanno infine considerati altri de aspetti critici per la valtazione della prestazione individale e di grppo in PANDORA: Il primo rigarda la sorgente dell osservazione (p.e. l allievo, il trainer o gli osservatori esterni) Tali fonti consentono di ottenere misrazioni convergenti di valtazione. Il secondo aspetto rigarda i metodi tilizzabili:, dal qalitativo al qantitativo, dal soggettivo (p.e., l ato-valtazione) all oggettivo (p.e., i risltati delle sessioni). Infine, non va sottostimata la distinzione tra roli diversi, sottolineando in particolare qanto sia importante contestalizzare le performance individali in relazione ai roli specifici (rolo particolare nella simlazione) o generale (ad esempio leader o follower del grppo). 44

Campi elettromagnetici

Campi elettromagnetici IQUADERNIDI Campi elettromagnetici in ambiente di lavoro A cra di Marina Barbiroli Doriana Gidcci e Simona Valbonesi Il contesto normativo in materia di protezione dei lavoratori dall esposizione ai campi

Dettagli

Una nuova generazione di sportelli automatici

Una nuova generazione di sportelli automatici IQUADERNIDI Una nova generazione di sportelli atomatici accessibili e sabili da ttti A cra di Raffaele Nicolssi Il problema delle barriere tecnologiche è stato affrontato spesso anche slle pagine di Telèma

Dettagli

Qualità e Internet mobile

Qualità e Internet mobile IQUADERNIDI Qalità e Internet Le verità nascoste? 2 A cra di Gido Riva L accesso ad Internet in mobilità ha sbìto negli ltimi mesi n esplosione raggardevole; se escldiamo i primi tempi della loro diffsione,

Dettagli

Teoria normativa della politica economica

Teoria normativa della politica economica Teoria normativa della politica economica La teoria normativa si occpa di indicare il metodo e, di consegenza, le scelte che n atorità pbblica (policy maker) razionale dovrebbe assmere per persegire il

Dettagli

Qualità e Internet mobile

Qualità e Internet mobile IQUADERNIDI Qalità e Internet mobile Le verità nascoste? A cra di Gido Riva La Qalità di Servizio (Qality of Service - QoS) è diventa negli ltimi anni n tema di primaria importanza, e non solo nel settore

Dettagli

L attenzione verso le cose del passato è sempre più

L attenzione verso le cose del passato è sempre più La gestione della geometria tridimensionale di n oggetto È fondamentale per ogni simlazione nmerica Antonio Giogoli Agiotech Le capacità odierne dell ingegneria inversa aprono novi confini all analista

Dettagli

A VVISI E DICHIARAZIONI DI LEGGE

A VVISI E DICHIARAZIONI DI LEGGE A VVISI E DICHIARAZIONI DI LEGGE Copyright 2002 by ScanSoft, Inc. Ttti i diritti riservati. Nessna parte di qesta pbblicazione pò essere trasmessa, trascritta, riprodotta, memorizzata in alcn sistema compterizzato

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ECONOMICO-GESTIONALE Dottorato di Ricerca in Ingegneria Economico-Gestionale XVIII Ciclo TESI DI DOTTORATO

Dettagli

Newsletter n. 02-30 giugno 2015. On line il nuovo sito web di I-TOWN

Newsletter n. 02-30 giugno 2015. On line il nuovo sito web di I-TOWN On line il novo sito web di I-TOWN É on line il sito web del progetto Bild Up Skills I-TOWN http://www.bs-itown.e/ Un sito interattivo e dinamico, ricco di notizie, informazioni tecniche e di settore.

Dettagli

INTRODUZIONE: IL CONTESTO DEI SISTEMI

INTRODUZIONE: IL CONTESTO DEI SISTEMI INTRODUZIONE: IL CONTESTO DEI SISTEMI Il mondo reale è per sa natra complesso e le organizzazioni mane lo sono in modo particolare. Per potere comprendere e gestire la realtà è indispensabile svilppare

Dettagli

bintec RV Robusti router LTE per applicazioni a banda larga sui veicoli

bintec RV Robusti router LTE per applicazioni a banda larga sui veicoli bintec RV Robsti roter LTE per applicazioni a banda larga si veicoli Networking mobile per veicoli di ttti i tipi La connessione permanente ad Internet è diventata oggi na ovvietà. Sia nel privato, che

Dettagli

NUMERO in SECONDA, addizioni e sottrazioni

NUMERO in SECONDA, addizioni e sottrazioni NUMERO in SECONDA, addizioni e sottrazioni Anna Dallai, Monica Falleri, Antonio Moro, 2013 Decina e abaco a scatole Se nel precedente anno non è stato introdotta la decina lavoriamo si raggrppamenti, diamo

Dettagli

Dialog 4106 Basic/Dialog 4147 Medium. Manuale d'uso. Telefoni analogici per il sistema di comunicazione MD110

Dialog 4106 Basic/Dialog 4147 Medium. Manuale d'uso. Telefoni analogici per il sistema di comunicazione MD110 Dialog 4106 Basic/Dialog 4147 Medim Telefoni analogici per il sistema di comnicazione MD110 Manale d'so Cover Page Graphic (Grafica di copertina) Place the graphic directly on the page, do not care abot

Dettagli

VRM Video Recording Manager

VRM Video Recording Manager Video VRM Video Recording Manager VRM Video Recording Manager www.boschsecrity.it Memorizzazione distribita e bilanciamento del carico configrabile Failover del disk array iscsi per n'affidabilità estrema

Dettagli

I. Generalità, definizioni, classificazioni. MACCHINA A FLUIDO

I. Generalità, definizioni, classificazioni. MACCHINA A FLUIDO I. eneralità, definizioni, classificazioni. I.1 Definizioni rigardanti: macchine motrici ed operatrici e loro classificazione. Una macchina è n insieme di organi fissi e mobili, vincolati tra loro cinematicamente,

Dettagli

Partnership di canale

Partnership di canale white paper gennaio.2015 Partnership di canale Il trst mediator e n novo concetto di filiera corta iteam:lorena Cottone e x c e l l e n c e i n e x e c t i o n white paper 2 exective smmary introdzione

Dettagli

DSA disk array iscsi serie E

DSA disk array iscsi serie E Video DSA disk array serie E DSA disk array serie E www.boschsecrity.it Solzione di archiviazione in rete a scalabilità orizzontale: nità dotata di rigidi interni, con n massimo di 96 dischi rigidi implementabili

Dettagli

Progetto DSA Matematica

Progetto DSA Matematica Classe a Progetto DSA Matematica Come le insegnanti ben sanno, all interno della classe ogni bambino ha le se caratteristiche pecliari, i soi tempi e le se molità di apprendimento. Appare qindi necessario

Dettagli

Obiettivi zoom motorizzati auto iris

Obiettivi zoom motorizzati auto iris Video Obiettivi motorizzati ato iris Obiettivi motorizzati ato iris www.boschsecrity.it Ottica di alta qalità Strttra affidabile e solida Formato da 1/3" DC iris Formato da 1/2" Video iris Zoom 6x, 10x,

Dettagli

EMC BACKUP AND RECOVERY OPTIONS FOR VSPEX VIRTUALIZED ORACLE 11GR2

EMC BACKUP AND RECOVERY OPTIONS FOR VSPEX VIRTUALIZED ORACLE 11GR2 EMC BACKUP AND RECOVERY OPTIONS FOR VSPEX VIRTUALIZED ORACLE 11GR2 Versione 1.3 Gida alla progettazione e H12347.3 Copyright 2013-2014 EMC Corporation. Ttti i diritti riservati. Pbblicato Maggio, 2014

Dettagli

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it Informazioni legali L istitto Speriore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e le persone che agiscono per conto dell Istitto non sono responsabili per l so che pò essere fatto delle informazioni

Dettagli

EMC BACKUP AND RECOVERY OPTIONS FOR VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT SQL SERVER 2012

EMC BACKUP AND RECOVERY OPTIONS FOR VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT SQL SERVER 2012 EMC BACKUP AND RECOVERY OPTIONS FOR VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT SQL SERVER 2012 Versione 1.3 Gida alla progettazione e all'implementazione H12307.3 Copyright 2013-2014 EMC Corporation. Ttti i diritti

Dettagli

EMC BACKUP AND RECOVERY FOR VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT SHAREPOINT 2013

EMC BACKUP AND RECOVERY FOR VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT SHAREPOINT 2013 EMC BACKUP AND RECOVERY FOR VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT SHAREPOINT 2013 Versione 1.3 Gida alla progettazione e all'implementazione H12308.3 Copyright 2013-2014 EMC Corporation. Ttti i diritti riservati.

Dettagli

Optima CG / Optivent CG. Soluzioni innovative a flusso laminare per sale operatorie

Optima CG / Optivent CG. Soluzioni innovative a flusso laminare per sale operatorie Optima CG / Optivent CG Solzioni innovative a flsso laminare per sale operatorie Optima CG / Optivent CG Solzioni innovative a flsso laminare per sale operatorie Applicazioni Clean Air Power Generation

Dettagli

Disk array iscsi DSA E-Series

Disk array iscsi DSA E-Series Video Disk array iscsi DSA E-Series Disk array iscsi DSA E-Series www.boschsecrity.it Solzione di archiviazione in rete a scalabilità orizzontale: nità dotata di 12 dischi rigidi interni, con n massimo

Dettagli

Impaginato_2_2_Layout 1 01/10/12 08:45 Pagina 1 IL MITO E LA SUA IMMAGINE DI META TURISTICA NEL MONDO

Impaginato_2_2_Layout 1 01/10/12 08:45 Pagina 1 IL MITO E LA SUA IMMAGINE DI META TURISTICA NEL MONDO Impaginato_2_2_Layot 1 01//12 08:45 Pagina 1 IL MITO E LA SUA IMMAGINE DI META TURISTICA NEL MONDO Il fatto che la Sicilia sia na regione che gode di n forte appeal tristico è n fatto ben conoscito tra

Dettagli

43 18 agosto 2007. IBL Briefing Paper. La riforma del trasporto aereo Un balzo all indietro di dieci anni di Andrea Giuricin

43 18 agosto 2007. IBL Briefing Paper. La riforma del trasporto aereo Un balzo all indietro di dieci anni di Andrea Giuricin 43 IBL Briefing Paper La riforma del trasporto aereo Un balzo all indietro di dieci anni di Andrea Giricin I. Lo svilppo aeroportale in segito alla liberalizzazione I.1. Premessa. Il trasporto aereo, grazie

Dettagli

Impaginato_2_2_Layout 1 01/10/12 08:45 Pagina 1 IL MITO E LA SUA IMMAGINE DI META TURISTICA NEL MONDO

Impaginato_2_2_Layout 1 01/10/12 08:45 Pagina 1 IL MITO E LA SUA IMMAGINE DI META TURISTICA NEL MONDO Impaginato_2_2_Layot 1 01//12 08:45 Pagina 1 IL MITO E LA SUA IMMAGINE DI META TURISTICA NEL MONDO Impaginato_2_2_Layot 1 01//12 08:45 Pagina 2 Nell ambito della programmazione PO FESR 07-13, qesto Dipartimento

Dettagli

I.T.C.G. E. Fermi - Tivoli PROGRAMMA SVOLTO DI TECNOLOGIE INFORMATICHE. Anno Scolastico 2014 / 2015. Classe IF TECNOLOGICO

I.T.C.G. E. Fermi - Tivoli PROGRAMMA SVOLTO DI TECNOLOGIE INFORMATICHE. Anno Scolastico 2014 / 2015. Classe IF TECNOLOGICO I.T.C.G. E. Fermi - Tivoli PROGRAMMA SVOLTO DI TECNOLOGIE INFORMATICHE Anno Scolastico 2014 / 2015 Classe IF TECNOLOGICO COSTRUZIONE AMBIENTE E TERRITORIO 1/5 MODULO 1: FONDAMENTI DI INFORMATICA U.A. 1

Dettagli

Bosch Video Management System v.4.5

Bosch Video Management System v.4.5 Video Bosch Video Management System v.4.5 Bosch Video Management System v.4.5 www.boschsecrity.it Sistema di gestione video basato s client/server di classe Enterprise Gestione avanzata degli allarmi con

Dettagli

MC170 HD / MC190 HD 12 730 465 / 12 730 520. u Software Leica 11 541 544 0.55. Microscopio ottico. Telecomando

MC170 HD / MC190 HD 12 730 465 / 12 730 520. u Software Leica 11 541 544 0.55. Microscopio ottico. Telecomando LEICA MC170 HD & MC190 HD SEMPLICE. RAPIDA. BRILLANTE. Schema di configrazione MC170 HD / MC190 HD 12 730 465 / 12 730 520 Schermo HD Cavo HDMI, 2.5 m Modalità PC (con compter) Windows PC/Mac Cavo USB

Dettagli

EMC BACKUP AND RECOVERY FOR VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT EXCHANGE 2013

EMC BACKUP AND RECOVERY FOR VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT EXCHANGE 2013 EMC BACKUP AND RECOVERY FOR VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT EXCHANGE 2013 Versione 1.3 Gida alla progettazione e all'implementazione H12306.3 Copyright 2013-2014 EMC Corporation. Ttti i diritti riservati.

Dettagli

DSA E-Series 2TB. Video DSA E-Series 2TB. www.boschsecurity.it

DSA E-Series 2TB. Video DSA E-Series 2TB. www.boschsecurity.it Video DSA E-Series 2TB DSA E-Series 2TB www.boschsecrity.it Solzione di archiviazione in rete a scalabilità orizzontale: nità di controllo dotata di 12 dischi rigidi interni, con n massimo di 192 dischi

Dettagli

Modulo di potenza DALI. Modulo di potenza DALI LQSE-2DAL-D Dispositivo di controllo per corpi illuminanti DALI

Modulo di potenza DALI. Modulo di potenza DALI LQSE-2DAL-D Dispositivo di controllo per corpi illuminanti DALI Modlo di potenza DAI QSE-2DA-D Dispositivo di controllo per corpi illminanti DAI Modlo di potenza DAI 369650b 1 10.22.13 Il Modlo di potenza DAI è n controllore montato s barra DI per carichi digitali

Dettagli

La garanzia del miglior prezzo

La garanzia del miglior prezzo white paper settembre.2015 La garanzia del miglior prezzo Come arginare la crescita della pressione promozionale nel grocery e contrastare lo show rooming nell elettronica di consmo - Gianpiero Lgli -

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. La Misura dell attività ospedaliera. Prof. Giovanni CAPELLI Dott. Bruno FEDERICO Cattedra di Igiene

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. La Misura dell attività ospedaliera. Prof. Giovanni CAPELLI Dott. Bruno FEDERICO Cattedra di Igiene Corso di Larea ORGANIZZAZIONE SANITARIA La Misra dell attività ospedaliera Prof. Giovanni CAPELLI Dott. Brno FEDERICO Cattedra di Igiene 1 Corso di Larea La classificazione internazionale delle malattie

Dettagli

Supporti fotografici KODAK PROFESSIONAL ENDURA

Supporti fotografici KODAK PROFESSIONAL ENDURA J.D. Wacker Spporti fotografici KODAK PROFESSIONAL ENDURA Gida alle applicazioni VOI CHIEDETE STAMPE DI QUALITÀ. NOI ABBIAMO SUPPORTI FOTOGRAFICI PROFESSIONALI PROGETTATI PER DARVI PRESTAZIONI ECCEZIONALI.

Dettagli

la nuova cooperazione italiana Un mondo in comune: solidarietà, sviluppo documento di programmazione triennale (2015 2017)

la nuova cooperazione italiana Un mondo in comune: solidarietà, sviluppo documento di programmazione triennale (2015 2017) La nova cooperazione italiana Un mondo in comune: solidarietà, partnership, sviluppo la nuova cooperazione italiana documento di programmazione triennale (2015 2017) Un mondo in comune: solidarietà, partnership,

Dettagli

I.T.A. EMILIO SERENI ROMA Programma svolto Anno Scolastico 2014/2015

I.T.A. EMILIO SERENI ROMA Programma svolto Anno Scolastico 2014/2015 I.T.A. EMILIO SERENI ROMA Programma svolto Anno Scolastico 2014/2015 Disciplina: TECNOLOGIE INFORMATICHE Classe:1 D Docenti: Prof. Silvio Mastrantoni Prof. Pietro Mndo MODULO I :FONDAMENTI DIINFORMATICA

Dettagli

LH1 UC30E altoparlante a tromba per applicazioni musicali

LH1 UC30E altoparlante a tromba per applicazioni musicali Sistemi di comnicazione LH1 UC3E altoparlante a tromba per applicazioni msicali LH1 UC3E altoparlante a tromba per applicazioni msicali www.boschsecrity.it Eccellente riprodzione vocale e msicale Sistema

Dettagli

Pompe peristaltiche industriali

Pompe peristaltiche industriali Pompe peristaltiche indstriali Manale operativo Dra 5, 7, 10, 15, 25, 35 Versione 5.1v-02/2015 Stampa n. 01 Versione 5.1v-02/2015 Stampa n. 01 Dra 5, 7, 10, 15, 25, 35 Le informazioni contente in qesto

Dettagli

DSA E-Series 4TB (E2700)

DSA E-Series 4TB (E2700) Video DSA E-Series 4TB (E2700) DSA E-Series 4TB (E2700) www.boschsecrity.it Solzione di archiviazione in rete a scalabilità verticale: nità di controllo dotata di 12 dischi rigidi interni, con n massimo

Dettagli

Prevenzione e. comunicazione

Prevenzione e. comunicazione Prevenzione e Michaela Liccio comnicazione MICHAELA LIUCCIO Diffsione di stili di vita sani e corretti Stili di vita, scelte di vita (soggetto) e chance o possibilità di vita (disponibilità oggettive,

Dettagli

FAS 420 rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS 420 rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di rivelazione incendio FAS 420 rivelatori di fmo ad aspirazione FAS 420 rivelatori di fmo ad aspirazione www.boschsecrity.it Collegabili alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200

Dettagli

Esercizi di Matematica Finanziaria

Esercizi di Matematica Finanziaria Università degli Stdi di Siena Facoltà di Economia Esercizi di Matematica Finanziaria relativi ai capitoli XI-XIII del testo Cladio Pacati a.a. 998 99 c Cladio Pacati ttti i diritti riservati. Il presente

Dettagli

P. Apostoli 1, G. Bazzini 2, E. Sala 1, M. Imbriani 3. 1. Premessa

P. Apostoli 1, G. Bazzini 2, E. Sala 1, M. Imbriani 3. 1. Premessa G Ital Med Lav Erg 2002; 24:1, 3-25 PI-ME, Pavia 2002 P. Apostoli 1, G. Bazzini 2, E. Sala 1, M. Imbriani 3 La versione italiana OREGE (Otil de Repérage et d Evalation des Gestes) dell INRS (Institt national

Dettagli

AMPLIFICATORI PER GRANDI SEGNALI (o DI POTENZA)

AMPLIFICATORI PER GRANDI SEGNALI (o DI POTENZA) OLO 6 MLFO E GND SEGNL (o D OENZ) 6. ntrodzione Finora si è parlato di amplificatori lineari che, se pr progettati a diverse freqenze, erano comnqe amplificatori a piccoli segnali. Lo stdio dell'elaborazione

Dettagli

STRUTTURATO APP BTICINO CATALOGHI

STRUTTURATO APP BTICINO CATALOGHI APP BTICINO CATALOGHI SISTEMA di cablaggio STRUTTURATO Indice Il cablaggio strttrato Introdzione e logiche del cablaggio strttrato 14 Strttra del cablaggio 14 Prestazioni del cablaggio: classi e categorie

Dettagli

DIVAR IP 7000 2U. Video DIVAR IP 7000 2U. www.boschsecurity.it

DIVAR IP 7000 2U. Video DIVAR IP 7000 2U. www.boschsecurity.it Video DIVAR IP 7000 2U DIVAR IP 7000 2U www.boschsecrity.it Solzione di gestione video completa, all-in-one, con protezione RAID-5, per n massimo di 128 canali Solzione di gestione video IP pronta all'so,

Dettagli

L INK L INK NEW NEW listino 2011/ 2012

L INK L INK NEW NEW listino 2011/ 2012 NEWL INK NEWL INK scheda tecnica Com'è? formato mm 240 x 335 (rivista) pagine 24 + 4 carta gr. 80 somano (cover in cartoncino da 150 g/mq) stampa in qadricromia tiratra 10.000 copie distribzione gratita.

Dettagli

DIVAR IP 7000 1U. Video DIVAR IP 7000 1U. www.boschsecurity.it. Soluzione completa di gestione video in grado di supportare fino a 64 canali

DIVAR IP 7000 1U. Video DIVAR IP 7000 1U. www.boschsecurity.it. Soluzione completa di gestione video in grado di supportare fino a 64 canali Video DIVAR IP 7000 1U DIVAR IP 7000 1U www.boschsecrity.it Solzione completa di gestione video in grado di spportare fino a 64 canali Solzione di gestione video IP pronta all'so, con capacità di archiviazione

Dettagli

Formare i formatori al tempo della crisi

Formare i formatori al tempo della crisi Settembre 2013, anno VII N. 8 Formare i formatori al tempo della crisi di Giusi Miccoli 1 La situazione della formazione e confronto con l Europa La crisi economica e finanziaria che da alcuni anni colpisce

Dettagli

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management L organizzazione del lavoro per progetti è stata per lungo tempo una caratteristica prevalente delle aziende che operano

Dettagli

PLE 2MAxx0 EU amplificatore mixer Plena

PLE 2MAxx0 EU amplificatore mixer Plena Sistemi di comnicazione PLE 2MAxx0 EU amplificatore mixer Plena PLE 2MAxx0 EU amplificatore mixer Plena www.boschsecrity.it 6 ingressi linea/microfono e 3 ingressi sorgente msicale Ingresso stazione di

Dettagli

I NUMERI NATURALI. Per cominciare impariamo a leggere alcuni numeri naturali e dopo prova a scriverli nella tua lingua:

I NUMERI NATURALI. Per cominciare impariamo a leggere alcuni numeri naturali e dopo prova a scriverli nella tua lingua: I NUMERI NATURALI Per cominciare impariamo a leggere alcni nmeri natrali e dopo prova a scriverli nella ta linga: NUMERI ITALIANO LA TUA LINGUA 1 UNO 2 DUE 3 TRE 4 QUATTRO 5 CINQUE 6 SEI 7 SETTE 8 OTTO

Dettagli

ASSESSMENT CENTER COSA PENSANO LE AZIENDE?

ASSESSMENT CENTER COSA PENSANO LE AZIENDE? ASSESSMENT CENTER COSA PENSANO LE AZIENDE? INDICE GI GROUP 3 OD&M CONSULTING & ASSET MANAGEMENT 3 1. ASSESSMENT CENTER & COMPETENCE CENTER 4 2. LA SURVEY 9 2.1 ASSESSMENT CENTER: COSA PENSANO LE AZIENDE?

Dettagli

Il category management di filiera corta

Il category management di filiera corta position paper gennaio.2015 Il category management di filiera corta Un novo bsiness model proposto per le categorie degli accessori ICT Position paper by Gianpiero Lgli e x c e l l e n c e i n e x e c

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

MultiMath. Matematica finanziaria CONTENUTI INTEGRATIVI ZONA MATEMATICA

MultiMath. Matematica finanziaria CONTENUTI INTEGRATIVI ZONA MATEMATICA Paolo Baroncini Roberto Manfredi MltiMath Matematica finanziaria LIBRO MISTO E-BOOK CONTENUTI INTEGRATIVI ZONA MATEMATICA MltiMath Matematica finanziaria Ambiente edcativo Digitale Libro digitale sfogliabile

Dettagli

Versione LIVE di Risk Italia Magazine!

Versione LIVE di Risk Italia Magazine! Riservare adesso per sconto di abbonnato Milano, 27 Novembre, 2008 Normativa Gestione del rischio Prodotti derivati Gestione qantitativa Rischio assicrativo e rischio nei fondi pensione Derivati e risk

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7 AREA human resources La selezione del personale 3 L assessment e la valutazione del potenziale 4 Gli strumenti 5 L analisi di clima 7 AREA management & behavioral training La formazione del personale 9

Dettagli

LS1 OC100E 1 altoparlante semidirezionale

LS1 OC100E 1 altoparlante semidirezionale Sistemi di comnicazione LS1 OC1E 1 altoparlante semidirezionale LS1 OC1E 1 altoparlante semidirezionale www.boschsecrity.it Per zone di sonorizzazione ampie ed applicazioni caratterizzate da soffitti alti

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Appunti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche. Cap.9. Principi di funzionamento delle macchine a fluido

Appunti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche. Cap.9. Principi di funzionamento delle macchine a fluido Appnti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche Cap.9. Principi di fnzionamento delle macchine a flido Paolo Di Marco Versione 006.0 8.05.07. La presente dispensa è redatta ad esclsivo so didattico

Dettagli

EMC BACKUP AND RECOVERY OPTIONS FOR VSPEX PRIVATE CLOUDS

EMC BACKUP AND RECOVERY OPTIONS FOR VSPEX PRIVATE CLOUDS EMC BACKUP AND RECOVERY OPTIONS FOR VSPEX PRIVATE CLOUDS Versione 1.3 Gida alla progettazione e H12387.3 Copyright 2013-2014 EMC Corporation. Ttti i diritti riservati. Pbblicato Maggio, 2014 EMC ritiene

Dettagli

Capitolo 2 ELEMENTI BASE DI INGEGNERIA SISMICA

Capitolo 2 ELEMENTI BASE DI INGEGNERIA SISMICA Capitolo ELEMENTI BASE DI INGEGNERIA SISMICA 1. Premessa La crescita di importanza della dinamica delle strttre rislta evidente a chinqe abbia segito l evolzione delle problematiche connesse alla progettazione

Dettagli

LBC 3011/x1 altoparlanti a pannello

LBC 3011/x1 altoparlanti a pannello Sistemi di comnicazione LBC 11/x1 altoparlanti a pannello LBC 11/x1 altoparlanti a pannello www.boschsecrity.it Intelligibilità del parlato e diffsione adio di alta qalità Sistema a de vie Facile impostazione

Dettagli

PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA

PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA L accesso all informazione è un diritto fondamentale di ogni studente, con o senza disabilità e/o specifiche

Dettagli

Sistemi Interconnessi

Sistemi Interconnessi Corso di Fondamenti di Atomatica Università di Roma La Sapienza Sistemi Interconnessi L. Lanari Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Roma, Ital Ultima modifica Ma 29,

Dettagli

Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA

Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA www.isemoa.eu Il progetto ISEMOA è iniziato nel Maggio 2010 e durerà fino al Maggio 2013. ISEMOA è cofinanziato dall Unione Europea con il

Dettagli

FCS-320-TP rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320-TP rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di rivelazione incendio FCS-320-TP rivelatori di fmo ad aspirazione convenzionali FCS-320-TP rivelatori di fmo ad aspirazione convenzionali www.boschsecrity.it Collegabili a centrali di rivelazione

Dettagli

Pompe peristaltiche industriali

Pompe peristaltiche industriali Pompe peristaltiche indstriali Manale operativo VF 5, 10, 15, 25, 32, 40, 50, 65, 80 Versione 9.0v-02/2015 Stampa n. 01 Versione 9.0v-02/2015 Stampa n. 01 VF 5, 10, 15, 25, 32, 40, 50, 65, 80 Le informazioni

Dettagli

Bosch Recording Station Appliance

Bosch Recording Station Appliance Video Bosch Recording Station Appliance Bosch Recording Station Appliance www.boschsecrity.it Sistema di gestione e registrazione per video IP pronto per l'so Collegamento di n massimo di 64 sorgenti video

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 2 1 L organo amministrativo o controller L are amministrativa è l area in cui si colloca l organo o ente oggi denominato

Dettagli

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore Il progetto in breve Questo percorso formativo si propone di formare 25 persone in modo da aumentarne la capacità

Dettagli

Controlli automatici

Controlli automatici Controlli atomatici Sistemi a tempo discreto Prof. Paolo Rocco (paolo.rocco@polimi.it) Politecnico di Milano Dipartimento di Elettronica, Informaione e Bioingegneria Introdione Un sistema dinamico a tempo

Dettagli

Anatomia del neutrone

Anatomia del neutrone Timothy Pal Smith è assistant research professor di fisica al Dartmoth College di Hanover, negli Stati Uniti. Ha diretto lo svilppo dei programmi informatici per BLAST, esperimento in ci è ancora coinvolto

Dettagli

FCP 320/FCH 320 rivelatori d'incendio automatici convenzionali

FCP 320/FCH 320 rivelatori d'incendio automatici convenzionali Sistemi di rivelazione incendio FCP 32/FCH 32 rivelatori d'incendio atomatici convenzionali FCP 32/FCH 32 rivelatori d'incendio atomatici convenzionali www.boschsecrity.it Elevata affidabilità di rivelazione

Dettagli

&2013. Tutti i giorni al tuo fianco! GUIDA AI SERVIZI CONVENZIONI

&2013. Tutti i giorni al tuo fianco! GUIDA AI SERVIZI CONVENZIONI Spplemento al nmero odierno de L Insegna Poste Italiane s.p.a. Spedizione in Abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 1, DCB Firenze 1 GUIDA AI SERVIZI CONVENZIONI

Dettagli

Per essere utili, ovunque

Per essere utili, ovunque MASTER IN ECONOMIA DELLO SVILUPPO E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ANNO ACCADEMICO 2013-2014 In collaborazione con Per essere utili, ovunque LINK CAMPUS UNIVERSITY VIA NOMENTANA, 335 00162 Roma Tel: + 39

Dettagli

Hepatex CR. Il punto di riferimento nella filtrazione ULPA

Hepatex CR. Il punto di riferimento nella filtrazione ULPA Hepatex CR Il pnto di riferimento nella filtrazione ULPA Hepatex CR Il pnto di riferimento nella filtrazione ULPA Applicazioni Clean Air Power Generation Clean Room Indstrial Fatti Principali Gli Ultrafiltri

Dettagli

Videoregistratore digitale Divar serie MR

Videoregistratore digitale Divar serie MR Video Videoregistratore digitale Divar serie MR Videoregistratore digitale Divar serie MR www.boschsecrity.it Economicamente vantaggioso, design sicro incorporato Efficiente compressione file MPEG-4 Visalizzazione

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER SEGRETARIE

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER SEGRETARIE CORSO DI AGGIORNAMENTO PER SEGRETARIE DI DIREZIONE: ASSISTANT MANAGER 2ªedizione Al termine del percorso di sviluppo delle competenze, ogni partecipante sarà in grado di allenare le qualità manageriali

Dettagli

FORMARE I FORMATORI II a edizione

FORMARE I FORMATORI II a edizione FORMARE I FORMATORI II a edizione Corso avanzato sulla costruzione dei processi formativi Percorso degli strumenti e dei metodi STRUTTURA Il percorso proposto, della durata complessiva di 24 giornate,

Dettagli

Liberare soluzioni per il call center

Liberare soluzioni per il call center Liberare soluzioni per il call center Consulenza Formazione Coaching Chi siamo Kairòs Solutions è una società di consulenza, formazione e coaching, protagonista in Italia nell applicazione del Coaching

Dettagli

METODOLOGIA DELL ASSESSMENT

METODOLOGIA DELL ASSESSMENT METODOLOGIA DELL ASSESSMENT Chi siamo HR RiPsi nasce come divisione specializzata di Studio RiPsi grazie alla collaborazione di Psicologi e Direttori del Personale che hanno maturato consolidata esperienza

Dettagli

LB1 UMx0E altoparlanti a cassa Premium Sound

LB1 UMx0E altoparlanti a cassa Premium Sound Sistemi di comnicazione LB1 UMxE altoparlanti a cassa Premim Sond LB1 UMxE altoparlanti a cassa Premim Sond www.boschsecrity.it Riprodzione msicale e del parlato di alta qalità Staffa di montaggio a parete

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

FORMAZIONE COME VENDERE E COMUNICARE UN SERVIZIO TECNOLOGICAMENTE INNOVATIVO TORINO IVREA. Corso di alta formazione CORSO GRATUITO

FORMAZIONE COME VENDERE E COMUNICARE UN SERVIZIO TECNOLOGICAMENTE INNOVATIVO TORINO IVREA. Corso di alta formazione CORSO GRATUITO COME VENDERE E COMUNICARE UN SERVIZIO TECNOLOGICAMENTE INNOVATIVO Corso di alta formazione FORMULA INTENSIVA 7 venerdì non consecutivi di lezione in aula DOPPIA EDIZIONE: TORINO 1 EDIZIONE DAL 31 GENNAIO

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - IMPIEGATO SERVIZI COMMERCIALI

Dettagli

CORSO DI EUROPROGETTAZIONE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

CORSO DI EUROPROGETTAZIONE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE PROGRAMMA INTENSIVO IN 2 GIORNI CORSO DI EUROPROGETTAZIONE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE I FONDI EUROPEI 2014-2020 PER LE IMPRESE E GLI STRUMENTI OPERATIVI PER PRESENTARE LE DOMANDE DI FINANZIAMENTO Il

Dettagli

COACHING CREATIVO. la metodologia per liberare soluzioni

COACHING CREATIVO. la metodologia per liberare soluzioni COACHING CREATIVO la metodologia per liberare soluzioni La metodologia per liberare soluzioni Il Coaching Creativo è la metodologia che abbiamo elaborato in anni di ricerca e sviluppo per progettare e

Dettagli

Figura 6.2.1: Andamento della solubilità in funzione della temperatura

Figura 6.2.1: Andamento della solubilità in funzione della temperatura 6.2 CRISTALLIZZAZIONE DA SOLUZIONE La cristallizzazione è l'operazione attraverso ci si ottiene na fase solida cristallina a partire da na fase liqida, costitita da na solzione o da n fso. Qesta operazione

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Unità di controllo CCS 1000 D

Unità di controllo CCS 1000 D Sistemi di comnicazione Unità di controllo CCS 1000 D Unità di controllo CCS 1000 D www.boschsecrity.it Fnzionalità plg-and-play per la connessione semplice e rapida di n massimo di 80 Dispositivi per

Dettagli

Project Cycle Management

Project Cycle Management Project Cycle Management I principali concetti del PCM Che cos è il Project Cycle Management Programmazione Linee guida Valutazione Identificazione Progettazione di massima Realizzazione Formulazione Progettazione

Dettagli

Il Caso Generali-Newcom Consulting è tratto, per gentile concessione della casa editrice Apogeo, dal libro Oltre l aula edito da Apogeo (ed. 2011).

Il Caso Generali-Newcom Consulting è tratto, per gentile concessione della casa editrice Apogeo, dal libro Oltre l aula edito da Apogeo (ed. 2011). Il Caso Generali-Newcom Consulting è tratto, per gentile concessione della casa editrice Apogeo, dal libro Oltre l aula edito da Apogeo (ed. 2011). http://www.apogeonline.com/libri/9788850329847/scheda

Dettagli

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento.

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Una volta realizzata l analisi del contesto di riferimento e dei fabbisogni formativi che esso esprime (vedi UF 2.1), il progettista dispone

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli