Intervento di Gustavo Piga

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Intervento di Gustavo Piga"

Transcript

1 Premessa Indagine conoscitiva sugli strumenti di vigilanza europea dei mercati finanziari Commissione Finanze e Tesoro del Senato della Repubblica Mercoledì 20 gennaio 2010, ore 14,30 Buon pomeriggio. Intervento di Gustavo Piga * Sono onorato di potermi rivolgere a questa Commissione su un tema alquanto delicato e strategico per le sorti della stabilità finanziaria e le prospettive di crescita in Europa ed in Italia. Sono infatti dell idea che il tema della riforma del sistema di vigilanza finanziaria all interno dell Unione Europea, fino ad ora affrontato con strumenti tecnici e sostanzialmente da tecnici, abbia un risvolto politico di dimensioni notevoli che, qualora non raccolto, potrebbe non solo mettere in difficoltà il fine ultimo di questa riforma, ossia la stabilità finanziaria europea e, di conseguenza, quella mondiale, ma anche pregiudicare i nostri interessi strategici nazionali. Il dibattito sulla riforma del sistema di vigilanza ha subito un accelerazione costante in questi ultimi mesi. Ovviamente la crisi economica mondiale è alla base di ciò. E dell ottobre 2008 la decisione del Presidente Barroso di affidare ad un gruppo di esperti finanziari di fornire consigli sul futuro della regolazione e supervisione finanziaria 1. Il rapporto esce nel febbraio del 2009, e ci si riferisce ad esso come il Rapporto de Larosière (da ora in poi il Rapporto ), dal nome del Presidente del Gruppo incaricato. Jacques de Larosière, oltre a vantare un ampia esperienza di civil servant nelle più alte cariche nazionali e sovranazionali sui temi finanziari, è consulente dell Amministratore Delegato di BNP-Paribas e, dal 2007, è anche Garante del NYSE Group Trust. Questi meri consigli sono rapidamente diventati disegno di legge. La raccomandazione 22 del Rapporto menziona la necessità di un sistema europeo integrato di supervisione finanziaria, da completare tra il 2011 ed il I regolamenti ora in discussione presso il Parlamento Europeo 2 per mettere in atto tale strategia sono già stati sottoposti alle Commissioni parlamentari competenti a Strasburgo e sembrano delineare un ulteriore accorciamento nei tempi di realizzazione di questo progetto. I testi a disposizione indicano come il Rapporto sia in larga parte alla base della nuova proposta di architettura finanziaria internazionale. Questa brusca accelerazione non trova che una limitata attenzione nei media e nel dibattito politico nazionale. Essa necessita di una ben più approfondita disamina ed è per questo che mi complimento con la Commissione per questa importante iniziativa di indagine conoscitiva. Le cause della crisi * 1 Rapporto del De La Rosière Group, febbraio 2009, pagina 3. 2 Proposals for a REGULATION OF THE EUROPEAN PARLIAMENT AND OF THE COUNCIL establishing a: 1) European Securities and Markets Authority, 2) European Insurance and Occupational Pensions Authority, 3) European Banking Authority, 4) European Systemic Risk Board.

2 Ho citato non a caso, in apertura, il legame con la crisi economica della materia oggetto di indagine da parte di questa Commissione. Nei limiti in cui, infatti, questa crisi è figlia di una struttura imperfetta nella architettura della vigilanza europea, l avvio di una riforma è giustificabile ed anzi auspicabile e la sua velocità di attuazione comprensibile. Questo è dunque un primo punto da stabilire. Quale è stata la causa principale della crisi? Se potremo ragionevolmente dimostrare che tale crisi è da attribuire in larga misura ad un fallimento nella vigilanza, si badi bene che il nostro compito di analisi della riforma in atto non sarà che cominciato. Sarà infatti fondamentale, nel costruire la nuova architettura finanziaria, non ripetere gli errori logici e politici del passato che andranno dunque identificati con chiarezza ed evitati. Quali le cause della crisi? Alcuni anni orsono, ben prima che all orizzonte si stagliassero i primi segnali di tensione sui mercati, ebbi modo di convenire con il Presidente di questa Commissione, in un dialogo stimolante, come dovessimo guardare con grande attenzione allo sviluppo ed al divenire degli squilibri finanziari ed economici mondiali. Coniammo insieme una parabola a mio avviso istruttiva della cicala (gli Stati Uniti), la formica (la Cina) e la bella addormentata nel bosco (l Europa). Tali squilibri (vedi Figura 1) sono ben anteriori alla crisi e legati all apertura della Cina al resto del mondo e ad un suo nuovo modello di sviluppo economico. Allora come oggi il mio timore al riguardo non era tanto economico, quanto geo-politico: temevo il cappio che la Cina andava imponendo ai nostri alleati Americani e la crescente distanza di relazioni che si generava tra Vecchio e Nuovo Continente, che non poteva non rischiare di vederci esclusi sempre più come continente - dallo scenario strategico globale e mettere a repentaglio la forza e l unità delle potenze democratiche. Dico questo per sottolineare che non concordo invece con l interpretazione di chi ascrive questa crisi odierna alle dinamiche globali di tali saldi. In particolare credo che la crisi che fronteggiamo non abbia nulla a che vedere con una fuga dai mercati e dalle attività finanziarie statunitensi dovuta al panico. Sono felice che il Capo del Dipartimento di Economia del prestigioso Massachusetts Institute of Technology, Ricardo Caballero, abbia di recente argomentato (Lezione Baffi alla Banca d Italia di quest ultimo dicembre) come questa interpretazione fosse incompatibile sia con l andamento durante la crisi del dollaro che con l andamento dei flussi di capitale.

3 Come si può vedere dalla Figura 1 il deficit di parte corrente negli Stati Uniti si comincia a ridurre prima della crisi (dal 2006) e, come si vede dalla Figura 2, il dollaro non ha subito deprezzamenti. Il che significa che la crisi americana è stata causata da una contrazione nella domanda aggregata dovuta a problemi interni legati alla crisi finanziaria, e non dalla mancanza di fiducia internazionale nel dollaro, che avrebbe causato fughe di capitali sostanziose assieme al deprezzamento del dollaro. Lo stesso Caballero ritiene a mio avviso correttamente che la crisi sia legata in origine ad una crescita notevolissima di domanda di strumenti finanziari sicuri (tripla A) a cui non ha fatto fronte una offerta sufficiente da parte del settore pubblico. A tale fame di strumenti sicuri hanno sopperito, grazie all ingegneria finanziaria, il settore privato americano ed anche europeo. 3 Tale ingegneria finanziaria permette effettivamente di ridurre i rischi tramite strategie sofisticate di pooling e segregazione dei portafogli crediti delle banche in veicoli finanziari autonomi. Sono strumenti AAA se singolarmente presi perché basati su tecniche di diversificazione del rischio, ma sono strumenti comunque esposti al rischio non diversificabile e sistemico: se le banche mantengono comunque in pancia (ancorché in veicoli non considerati dalle pratiche contabili) questi strumenti perché non riescono a collocarli a sufficienza presso il pubblico tramite i mercati, in caso di crisi sistemica le conseguenze di questo attivo non performante delle banche si propagano in maniera fulminante in tutto il sistema. 3 E vero che il Governo degli Stati Uniti ha visto il suo debito pubblico (crescente a causa della guerra) finanziato dai paesi emergenti ed in particolare dalla Cina, tuttavia non a sufficienza per venire incontro alla crescente domanda di queste attività sicure. E un eccesso di domanda di attività finanziarie non rischiose che è cresciuto dopo gli eventi del settembre 2001, anche a fronte di 1) un incapacità degli emittenti dei mercati emergenti di fornire strumenti sicuri agli investitori e 2) alle varie regole e statuti dei fondi pensione, ampiamente in crescita, che abbisognavano di tali strumenti AAA.

4 La domanda chiave dunque da porsi è: perché le banche li hanno tenuti in pancia, questi frutti della loro stessa ingegneria finanziaria? La risposta è: perché questi offrivano rendimenti attraenti e liberavano capitale dai bilanci, bloccato altrimenti nelle sue forme tradizionali di credito dai vari accordi di Basilea. Bastava vendere il proprio credito e finanziare con esso l acquisto di cartolarizzazioni attraenti che non avevano vincoli analoghi per vedere aumentare notevolmente i propri profitti complessivi con una riduzione apparente del rischio dell attivo, ma con un aumento dell esposizione al rischio sistemico. Certo le norme di contabilità non hanno reso possibile l emergere pubblico di questi rischi nei bilanci bancari, trasferiti solo apparentemente altrove presso i veicoli d investimento strutturati (SIV). Ci si può chiedere dunque se il sistema è fallito per una mancanza di contabilità appropriata, nel senso che, se le banche avessero mostrato la struttura del loro attivo in maniera trasparente ai mercati, i campanelli di allarme da parte degli azionisti di queste banche sarebbero suonati prima. La mia opinione è che comunque questi operatori di mercato o azionisti delle stesse banche, attratti dagli alti rendimenti dell attivo, non avrebbero comunque protestato troppo. Contabilità appropriata o meno, il sistema è crollato perché, scientemente o per negligenza, le autorità di vigilanza non hanno controllato. Solo al momento della crisi i regolatori scoprono l esistenza dei SIV. Scoprono che avevano regolamentato in maniera severa le attività tradizionali lasciando del tutto non regolamentati altri settori del mercato finanziario. Incompetenza delle autorità di vigilanza o cattura da parte dei sorvegliati, conta poco. Quello che conta è che questo fallimento pubblico è la ragione ultima della crisi. Ma perché è avvenuto questo fallimento? Che sia stato per incompetenza o perché i sorveglianti erano in mano ai sorvegliati è evidente che ciò era a sua volta dovuto al fatto che le banche erano cresciute a dismisura negli ultimi anni, scavalcando i confini nazionali, incoraggiate da politiche miopi di aggregazioni e fusioni, diventando così grandi da non avere più paura dei regolatori nazionali ( too big to fear ); o perché questi ultimi erano ora più facili da catturare visti i rapporti di forza e le connivenze, o perché questi semplicemente erano incapaci ad inseguire l informazione su flussi internazionali e strutture finanziarie ormai sempre più complesse e globalizzate.

5 La risposta al fallimento della vigilanza: un altro fallimento? * Ecco dunque che a mio avviso dobbiamo essere assolutamente felici che si sia messa in moto la macchina di un sistema di più Autorità di Vigilanza europea, che possa avere contezza dei flussi che legano i diversi attori finanziari del Continente e abbia la forza contrattuale per fronteggiarli e punirli in caso di comportamenti scorretti; anche perché è utopistico e forse controproducente mettere vincoli alla dimensione delle banche, interferendo in tal modo nella iniziativa privata lecita. E evidente da tutto quanto sopra come, affinché queste Autorità abbiano successo esse dovranno essere puntellate da una governance che ne assicuri 1) l indipendenza dalle pressioni delle banche e imprese finanziarie (i sorvegliati) e dei governi male intenzionati e 2) la competenza nello svolgere la propria missione. Siccome la competenza istituzionale in questo campo è merce rara, come le cause della crisi stessa dimostrano, condizione spesso inevitabile per trovarla è che si vada a cercarla proprio negli stessi ambienti che si devono regolare. Se così è, dunque, ci troveremo di fronte ad un complesso di nuovi vigilanti europei che dovranno essere: grandi e forti, indipendenti e con competenze assicurate da persone esperte del settore regolato. E tuttavia solo naturale temere e cercare di scongiurare, anche alla luce degli eventi che abbiamo dimostrato avere scatenato la crisi, l unico rischio verosimile su cui potranno inciampare le Autorità: rispondere, nuovamente, all interesse privato dei controllati e non a quello della società largamente intesa, che richiede a gran voce che finalmente vengano tutelate stabilità e trasparenza finanziaria. 4 A questo problema l unica soluzione (non necessariamente vincente) a disposizione dei cittadini è di richiedere che tali istituzioni indipendenti diano conto dei loro comportamenti a chi a questi compiti li ha delegati: è il tema della c.d. accountability delle istituzioni di fronte alla società ed alla politica. E questa una questione che abbiamo già affrontato in maniera decisa e inequivocabile in una situazione analoga nel passato: la creazione della Banca Centrale Europea. Chiunque voglia può leggersi il trattato che istituisce la nostra Comunità europea. Alla fine di esso sono in bella mostra le firme dei rappresentanti di allora, democraticamente eletti, dei Paesi che hanno scelto di aderire al Trattato. Allegato di tale trattato è il Protocollo sullo Statuto del Sistema Europeo di Banche Centrali e della Banca Centrale Europea. Con esso tali Governi decisero di affidare l importante compito della stabilità monetaria ad una banca centrale indipendente dalle pressioni politiche. Pensarono bene tuttavia che tale delega non solo dovesse venire democraticamente concessa dai Governi ma che la nomina del Presidente della Banca Centrale Europea (BCE), il vicepresidente e gli altri membri del comitato esecutivo (esperti finanziari, come sarebbe stato facile immaginare) fosse effettuata di comune accordo dai governi degli Stati membri, a livello di capi di Stato o di governo, su raccomandazione del Consiglio previa consultazione del Parlamento europeo e del Consiglio direttivo. Un utilissimo modo per temperare tale indipendenza con la più alta forma di responsabilizzazione verso i cittadini dell Unione Europea. La riforma ora in discussione presso il Parlamento Europeo - la nascita di tre Autorità che compongono il c.d. Sistema Europeo dei Supervisori Finanziari, per banche, assicurazioni e mercati finanziari, ed un Board del Rischio Sistemico Europeo, presieduto dal Presidente della BCE, con il 4 Mervyn King, Governatore della Banca d Inghilterra, sostiene come The Bank (of England) finds itself in a position rather like that of a church whose congregation attends weddings and burials but ignores the sermons in between... Like the church, we cannot promise that bad things won t happen to our flock. Ci verrebbe naturale, piuttosto, dire che la chiesa appare piuttosto come quella del film Fratello Sole Sorella Luna di Franco Zeffirelli, in cui negli scranni frontali appaiono i nobili e uomini della chiesa riccamente addobbati mentre al muro freddo si appoggiano i vecchi poveri e denudati. Di lì a poco San Francesco si sarebbe spogliato delle sue ricche vesti per sempre per aiutare il suo gregge.

6 quale interagiscono le tre Autorità è tutt altra musica rispetto a quella di allora: le nuove disposizioni non devono infatti essere approvate dai Governi (come lo fu il Trattato), visto che sono regolamenti che hanno efficacia normativa immediata, non venendo dunque rispettati i principi minimi di democraticità del processo di delega delle competenze che furono adottati per la BCE. E a poco vale sostenere come la BCE fosse ben più potente di queste Autorità, perché così non è. Si delega infatti alle Autorità europee l obbligo di verificare il rispetto dell adeguamento alle normative europee delle autorità nazionali, mentre sempre a tali Autorità si darebbe delega, su determinazione di uno stato di emergenza da parte della Commissione Europea, a emanare decisioni a cui le autorità di vigilanza nazionale si dovrebbero attenere. Addirittura, nel caso in cui tali decisioni delle Autorità Europee abbiano un impatto fiscale per i singoli stati membri (salvataggio bancario a costo dei contribuenti?) questi ultimi si possono opporre ad effettuare quanto richiesto, ma se l Autorità insiste la decisione finale è demandata al Consiglio Europeo dei Primi Ministri. Nel caso questo non dovesse riunirsi rapidamente, l opposizione del Governo nazionale sarebbe considerata irrilevante a fronte della decisione dell Autorità e questa diverrebbe applicabile. L indipendenza garantita a tali nuovi istituzioni è ampia. Contrariamente al Presidente della BCE, eletto appunto dai Governi, i Presidenti delle tre Autorità saranno prescelti dal Consiglio delle Autorità rispettive e sono soggetti solo a conferma da parte del solo Parlamento Europeo. Egli, dice il testo del disegno di regolamento, non chiederà né prenderà istruzioni da istituzioni comunitarie o governi membri dell Unione Europea. Il Consiglio delle Autorità, dice sempre il regolamento, dovrà agire con indipendenza e oggettivamente in favore degli interessi comunitari senza chiedere né ricevere istruzioni, così come il Presidente, dalle istituzioni comunitarie o dai Governi. Insomma gli interessi comunitari per quanto riguarda la finanza saranno lasciati alla libera interpretazione per lo più di un ristretto gruppo di banchieri e esperti di materie finanziarie. Tali Autorità avranno infine il diritto di ricevere qualsiasi informazione riterranno necessaria dai Governi nazionali, mentre dovranno fornire informazioni ai Governi ed al Parlamento Europeo sugli sviluppi di mercato solo quando lo riterranno necessario. Addirittura, ma certamente deve esserci un errore di scrittura nel testo in inglese del regolamento, in caso di richiesta da parte del Consiglio o del Parlamento di fornire opinioni sui suoi obiettivi, potrà e non dovrà adeguarsi a tale richiesta. Ovviamente i membri di tali Autorità saranno soggetti all obbligo di segretezza professionale e come tali protetti da intrusioni eccessive di chi volesse giudicare il loro operato. Vorrei ricordare per mettere in prospettiva le cose - a questo proposito cosa citava l Economic Report 5 del Comitato Economico e Finanziario nel 2001, sottoscritto dal nostro rappresentante di allora del Ministero del Tesoro, oggi componente della Banca Centrale Europea, in caso di crisi fnanzaria: Other authorities, such as the ministry of finance and the deposit insurance fund, if any, may also become involved, and thus should be informed in a timely manner. Finance ministries need to be informed about any developments that might put public money at risk or have serious stability or macro-economic implications. I poteri di queste Autorità europee sembrano dunque delegittimare il ruolo delle autorità di vigilanza nazionale. Forse ciò sarebbe comprensibile vista l inefficacia delle autorità nazionali nella recente crisi, ma si rimane stupefatti quando si scopre dai regolamenti in discussione che il 5 Number 156 July 2001, Economic Report on financial crisis management by the Economic and Financial Committee. Lo stesso de Larosière ebbe modo a suo tempo modo di riprendere il passaggio citato in suo discorso: EUROPEAN SAFETY NETS - Texte prononcé par Jacques de Larosière lors d un colloque organisé à Paris par l American University le mardi 15 juin 2004.

7 Consiglio di tali Autorità è composto esclusivamente da membri votanti delle stesse autorità di vigilanza nazionali! Val la pena ricordare inoltre come la stessa BCE, al centro della riforma in questione, non sembra esente da colpe se nel , sulla gestione delle crisi finanziarie, assicurava con un Memorandum of Understanding che avrebbe lavorato per l obiettivo di: enhance the practical arrangements for handling crises at the EU level, since smooth interaction between supervisory and central banking functions will facilitate an early assessment of the systemic scope of a crisis and contribute to effective crisis management. Evidentemente con successo minimo, come è davanti agli occhi di tutti. E quindi perché mai dovremmo delegare a chi ha fallito già una volta il potere di decidere nuovamente? La risposta a me pare chiara: tali regolamenti sono fatti per aggirare il potere non tanto delle autorità di vigilanza nazionali quanto dei singoli governi, che di fatto con tali norme a livello europeo rinunciano ad una qualsiasi forma di politica industriale bancaria nazionale o europea,lasciandola nelle mani di alcuni membri, quelli del Board, prescelti per le loro competenze finanziarie, ovvero appartenenti a quello stesso mondo che dovrebbero sorvegliare. Insomma, nel mondo della finanza è stato creato in pochi mesi - un mostro che concentrerà un potere immenso nelle mani di pochi con pochissimi doveri e che rischia di rispondere in larga parte agli interessi di coloro che invece da tali Autorità dovrebbero essere sorvegliati. Come pensare che tali Autorità siano minimamente capaci di arrestare comportamenti speculativi che hanno causato negli ultimi anni quanto sappiamo, tanto più se dovranno poi essere i Governi nazionali, cioè i contribuenti, a soccorrere le banche quando in difficoltà? Mi pare chiaro che a livello nazionale ci si debba battere affinché i poteri del parlamento europeo quanto a nomine dei vertici, rappresentanza interna al Consiglio e rendicontazione al Parlamento delle Autorità siano ampiamente modificate prima dell approvazione di questi regolamenti. Un ultima considerazione. Il parlamento europeo non crescerà mai se lo si lascia senza competenze reali e poteri di incidere. Sarebbe l ennesimo errore: lasciare al palo assieme al parlamento democraticamente eletto l Europa degli europei a tutto vantaggio dell Europa delle lobby. Grazie per la vostra attenzione. 6 ECB PRESS RELEASE - Memorandum of Understanding on high-level principles of co-operation between the banking supervisors and central banks of the European Union in crisis management situations. March 10, 2003.

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte 1 Lezione 16 La riforma della regolamentazione finanziaria (cap.5) La riforma finanziaria in Europa La riforma finanziaria negli Stati Uniti 2 La riforma

Dettagli

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX Relazione introduttiva Gregorio De Felice, Presidente AIAF Napoli, 13 febbraio 2010 1 Signor Governatore, Autorità, Signori Delegati, sono ormai trascorsi quasi mille giorni

Dettagli

I NUOVI ORGANISMI DI CONTROLLO BANCARIO INTERNAZIONALE (USA, UE)

I NUOVI ORGANISMI DI CONTROLLO BANCARIO INTERNAZIONALE (USA, UE) I NUOVI ORGANISMI DI CONTROLLO BANCARIO INTERNAZIONALE (USA, UE) Sintesi del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Facoltà di Scienze Internazionali e Diplomatiche - per l'insegnamento di Geografia

Dettagli

Sabino Cassese. Stato ed economia: le linee di una evoluzione 1. la seconda al breve periodo (gli ultimi due anni). L evoluzione non si

Sabino Cassese. Stato ed economia: le linee di una evoluzione 1. la seconda al breve periodo (gli ultimi due anni). L evoluzione non si Sabino Cassese Stato ed economia: le linee di una evoluzione 1 Introduzione Due parti, la prima dedicata al lungo periodo (gli ultimi due secoli), la seconda al breve periodo (gli ultimi due anni). L evoluzione

Dettagli

6^ Commissione Finanze e tesoro - Senato della Repubblica

6^ Commissione Finanze e tesoro - Senato della Repubblica 6^ Commissione Finanze e tesoro - Senato della Repubblica Indagine conoscitiva sulle condizioni del sistema bancario e finanziario italiano e la tutela del risparmio Audizione del Presidente di Ascosim

Dettagli

Nota tecnica. Basilea 3. L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale

Nota tecnica. Basilea 3. L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale Nota tecnica Basilea 3 L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale Basilea 3 OBIETTIVO DELLA RIFORMA La riforma intende ovviare alle lacune e alle debolezze strutturali dell Accordo

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

Va ricordato a questo proposito che le grandi banche americane, cartolarizzando i propri portafogli crediti, hanno trasferito, attraverso l'emissione

Va ricordato a questo proposito che le grandi banche americane, cartolarizzando i propri portafogli crediti, hanno trasferito, attraverso l'emissione Michele Bagella: Cercherò di fare alcuni commenti riferendomi a ciò che ho ascoltato partecipando a questa tavola rotonda. Sono tra coloro che sono convinti che il microcredito e la microfinanza possano

Dettagli

1. acquisire piena consapevolezza dei propri bisogni finanziari prioritari e delle risorse (presenti e future) disponibili per raggiungerle;

1. acquisire piena consapevolezza dei propri bisogni finanziari prioritari e delle risorse (presenti e future) disponibili per raggiungerle; Adotta un metodo Come già detto precedentemente ancor prima di valutare la validità di un investimento si rende necessaria maturare la chiarezza degli intenti che ci prefiggiamo e la modalità da adottare

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

17 maggio 2013 Roberto Russo

17 maggio 2013 Roberto Russo Comprare Italia! 17 maggio 2013 Roberto Russo www.assitecasim.it Una delle massime di Warren Buffett, riferita agli investitori, recita: Guarda avanti e non attraverso lo specchietto retrovisore. Tale

Dettagli

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento Alberto Balestreri 1. Il tema dovrebbe essere declinato sia in funzione dei settori di attività delle PMI che, più in generale, in funzione di

Dettagli

Hedge fund e banche. Chi è il malato?

Hedge fund e banche. Chi è il malato? Hedge fund e banche. Chi è il malato? Gli hedge fund e le banche Peter J. Wallison è membro della American Enterprise Institute for Public Policy Research. Da ormai parecchi mesi ci troviamo in un periodo

Dettagli

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX 15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX Milano, 21 febbraio 2009 Alessandro Profumo CEO UniCredit Group Relazione Introduttiva In questi ultimi anni il sistema finanziario internazionale è stato caratterizzato

Dettagli

SOLUZIONE O IMBROGLIO?

SOLUZIONE O IMBROGLIO? 818 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com BAD BANK. SOLUZIONE O IMBROGLIO? 13 febbraio 2014 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 In questi giorni si sta parlando molto della proposta

Dettagli

R E L A Z I O N E. Premessa

R E L A Z I O N E. Premessa DECRETO LEGISLATIVO RECANTE RECEPIMENTO DELLE RACCOMANDAZIONI DELLA COMMISSIONE EUROPEA 2004/913/CE E 2009/385/CE IN MATERIA DI REMUNERAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DELLE SOCIETA QUOTATE. R E L A Z I O N

Dettagli

LA BAD BANK DI PADOAN È «ILLUSIONISMO FINANZIARIO» E INONDA IL MERCATO DI TITOLI TOSSICI

LA BAD BANK DI PADOAN È «ILLUSIONISMO FINANZIARIO» E INONDA IL MERCATO DI TITOLI TOSSICI 1085 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA BAD BANK DI PADOAN È «ILLUSIONISMO FINANZIARIO» E INONDA IL MERCATO DI TITOLI TOSSICI 27 gennaio 2016 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Domande

Dettagli

Fabio Fortuna L INFORMATIVA SUI RISCHI NELLE BANCHE. FrancoAngeli. Facoltà di Economia dell Università Telematica delle Scienze Umane Niccolò Cusano

Fabio Fortuna L INFORMATIVA SUI RISCHI NELLE BANCHE. FrancoAngeli. Facoltà di Economia dell Università Telematica delle Scienze Umane Niccolò Cusano Fabio Fortuna L INFORMATIVA SUI RISCHI NELLE BANCHE FrancoAngeli Facoltà di Economia dell Università Telematica delle Scienze Umane Niccolò Cusano COLLANA DELLA FACOLTÀ DI ECONOMIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA

Dettagli

CONVEGNO ABI BASILEA 3. Recovery and Resolution Plan: l esperienza UniCredito in fieri. Andrea Cremonino. UniCredit Banking Supervisory Relations

CONVEGNO ABI BASILEA 3. Recovery and Resolution Plan: l esperienza UniCredito in fieri. Andrea Cremonino. UniCredit Banking Supervisory Relations CONVEGNO ABI BASILEA 3 Recovery and Resolution Plan: l esperienza UniCredito in fieri Andrea Cremonino UniCredit Banking Supervisory Relations Roma, 21 giugno 2011 RRPs SOTTOLINEANO COME IL CAPITALE NON

Dettagli

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii Presentazione, di Roberto Ruozi 1 L attività bancaria 1.1 Una definizione di banca 1.2 Le origini del sistema bancario moderno 1.3 L evoluzione del sistema creditizio nel quadro europeo: concorrenza e

Dettagli

L'EFFETTO DOMINO DELLA CRISI FINANZIARIA INTERNAZIONALE: DAGLI USA ALL'EUROPA, DALLE BANCHE AGLI STATI, DAL DEBITO ALL'EURO. DOVE SI FERMERA?

L'EFFETTO DOMINO DELLA CRISI FINANZIARIA INTERNAZIONALE: DAGLI USA ALL'EUROPA, DALLE BANCHE AGLI STATI, DAL DEBITO ALL'EURO. DOVE SI FERMERA? L'EFFETTO DOMINO DELLA CRISI FINANZIARIA INTERNAZIONALE: DAGLI USA ALL'EUROPA, DALLE BANCHE AGLI STATI, DAL DEBITO ALL'EURO. DOVE SI FERMERA? 13 Gennaio 2011 Spazio Civico Associazione Civica 19 Premessa:

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte 1 Lezione 14 I processi di cartolarizzazione (cap 3) Lo shadow banking system (cap 3) Le agenzie di rating (cap 3) 2 I processi di cartolarizzazione - 1

Dettagli

Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione

Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione A: Dipartimento del Tesoro dt.direzione4.ufficio2@tesoro.it Da: PROMETEIA Data: 31 gennaio 2008 Oggetto: Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 06 La crisi dello SME-Sistema Monetario Europeo (capitolo 2) La crisi messicana (capitolo 2) La crisi dello SME - 1 La caduta degli accordi di Bretton

Dettagli

Barometro bancario, too big to fail e vigilanza macroprudenziale

Barometro bancario, too big to fail e vigilanza macroprudenziale Fa fede il discorso orale Conferenza stampa del 5 settembre 2011 Barometro bancario, too big to fail e vigilanza macroprudenziale Claude-Alain Margelisch, CEO, Associazione svizzera dei banchieri Gentili

Dettagli

Le politiche di Remunerazione delle Banche e delle Altre Istituzioni Finanziarie nel Panorama Internazionale

Le politiche di Remunerazione delle Banche e delle Altre Istituzioni Finanziarie nel Panorama Internazionale Le politiche di Remunerazione delle Banche e delle Altre Istituzioni Finanziarie nel Panorama Internazionale Guido Ferrarini Maria Cristina Ungureanu Università di Genova La normativa è indirizzata a:

Dettagli

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei.

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei. Rome Investment Forum 2015: Financing Long-Term Europe Roma - Centro Congressi Palazzo Rospigliosi, Via XXIV Maggio 43 Antonio Tajani Primo Vicepresidente del Parlamento Europeo ***** (Saluti) Investire

Dettagli

PER UN NUOVO UMANESIMO DELLA SCIENZA

PER UN NUOVO UMANESIMO DELLA SCIENZA Intervento di: FRANCO PASQUALI Coordinatore Retinopera PER UN NUOVO UMANESIMO DELLA SCIENZA Accolgo volentieri la sollecitazione di Mario Capanna a riflettere sul rapporto tra scienza, scientismo e democrazia,

Dettagli

Il terzo pilastro: l informativa al pubblico

Il terzo pilastro: l informativa al pubblico : l informativa al pubblico Ø Il c.d. terzo pilastro dell accordo di Basilea (Basilea II) ha introdotto obblighi di informativa al pubblico riguardanti l adeguatezza patrimoniale, l esposizione ai rischi

Dettagli

Studio Europeo Zurich Come state affrontando la crisi economica?

Studio Europeo Zurich Come state affrontando la crisi economica? Studio Europeo Zurich Come state affrontando la crisi economica? Media Relations Lo studio Obiettivo del presente studio è ottenere informazioni sulla gestione dell attuale crisi economica da parte dei

Dettagli

Relazioni fra gli organi di controllo in ambito finanziario

Relazioni fra gli organi di controllo in ambito finanziario UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA BIENNALE PERCORSO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO CORSO CORPORATE GOVERNANCE E CONTROLLO INTERNO PERIODO: II SEMESTRE DOCENTI: LUIGI MIGLIAVACCA,

Dettagli

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Policy Sulla classificazione della clientela Data ultima modifica 29/03/2016 Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Approvato da : Consiglio di Amministrazione Massimo

Dettagli

116] Basilicata Regione Notizie

116] Basilicata Regione Notizie 112 116] Basilicata Regione Notizie Basilicata Regione Notizie[116 LA CARTA DI MATERA UN IMPEGNO COMUNE PER CONSOLIDARE LE ATTIVITÀ DI CONTROLLO E VALUTAZIONE NELLE ASSEMBLEE LEGISLATIVE DOCUMENTO APPROVATO

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 5 La crisi delle Savings & Loans (cap. 2 libro) La crisi dei Paesi scandinavi (cap. 2 libro) La crisi delle Savings & Loans - 1 Enti specializzati

Dettagli

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Obiettivi delle politiche macroeconomiche Gold standard Gli anni tra le due guerre Il sistema di Bretton Woods Il crollo del sistema di Bretton Woods Effetti

Dettagli

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari EURO 6 L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari Giovanni Berneschi Dopo anni di attesa e di preparazione, a partire dal 1 gennaio 2002 l Euro ha preso il posto di dodici monete nazionali

Dettagli

BANCA D ITALIA AIEA 2007. Relatore: Tullio Prà Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Banca d Italia

BANCA D ITALIA AIEA 2007. Relatore: Tullio Prà Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Banca d Italia XXI Convegno Nazionale Information Systems Auditing Accademia Navale di Livorno, 24-25 Maggio 2007 La Continuità operativa nel sistema bancario italiano Relatore: Tullio Prà Servizio Vigilanza sugli Enti

Dettagli

Convegno ABI Unione bancaria e Basilea 3

Convegno ABI Unione bancaria e Basilea 3 Convegno ABI Unione bancaria e Basilea 3 Roma, 23/24 Giugno 2015 QUALI PROSPETTIVE? Concetta Brescia Morra Professore di Diritto dei mercati finanziari La nuova architettura della vigilanza e la pdi funzioni

Dettagli

Oltre la crisi finanziaria: il contributo dell assicurazione italiana a uno sviluppo economico sostenibile

Oltre la crisi finanziaria: il contributo dell assicurazione italiana a uno sviluppo economico sostenibile Association of Mutual Insurers and Insurance Cooperatives in Europe e Venture Capital (AMICE) Congresso Mutuality today: sustainable values Genova 25 maggio 2010 * * * Oltre la crisi finanziaria: il contributo

Dettagli

GLI INTERMEDIARI FINANZIARI IN ALBANIA

GLI INTERMEDIARI FINANZIARI IN ALBANIA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI IN ALBANIA PREFAZIONE 1 Mi sono sforzato di fare un quadro generale della situazione attuale delle strutture d intermediazione finanziaria in Albania. Il materiale consultato

Dettagli

Presentazione di Moody s alle Commissioni Riunite Finanza ed Industria. del Senato della Repubblica Italiana e della Camera dei Deputati

Presentazione di Moody s alle Commissioni Riunite Finanza ed Industria. del Senato della Repubblica Italiana e della Camera dei Deputati Largo Richini 6 20122, Milan, Italy Fax: 39 02 58 215 350 Tel: 39 02 58 215 719 Presentazione di Moody s alle Commissioni Riunite Finanza ed Industria del Senato della Repubblica Italiana e della Camera

Dettagli

COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE

COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE Roma, 1 febbraio 2008 COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE Con riferimento al Documento in oggetto, posto in

Dettagli

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO AIMC PIEMONTE S. DAMIANO ( convegno UCIIM) 2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO Sentiamo ormai da qualche anno parlare di emergenza educativa ma io amo di più l espressione Sfida educativa

Dettagli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli Già si erano visti alcuni segnali preoccupanti prima di Pasqua, con la Borsa di Milano tornata

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SCHULLIAN

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SCHULLIAN Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2601 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato SCHULLIAN Introduzione del principio della separazione tra le banche commerciali e le banche

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 08 La crisi argentina (cap. 2) La crisi giapponese (cap. 2) La crisi argentina - 1 L Argentina negli ultimi decenni ha attraversato diversi periodi

Dettagli

5. La seconda tipologia di disposizioni contenute nello schema di disegno di legge allegato riguarda l autorizzazione per l aumento della quota di

5. La seconda tipologia di disposizioni contenute nello schema di disegno di legge allegato riguarda l autorizzazione per l aumento della quota di DISEGNO DI LEGGE RECANTE MODIFICHE ALLO STATUTO DEL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE E QUATTORDICESIMO AUMENTO GENERALE DELLE QUOTE DERIVANTI DALLA RISOLUZIONE DEL CONSIGLIO DEI GOVERNATORI DEL FONDO N.

Dettagli

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati LS FIME a.a. 2008-2009 2009 Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati Giorgio Consigli giorgio.consigli@unibg.it Uff 258 ricevimento merc: 11.00-13.00 1 Programma 1. Mercato delle opzioni e contratti

Dettagli

5. VERSO IL MERCATO FINANZIARIO UNICO IN EUROPA *

5. VERSO IL MERCATO FINANZIARIO UNICO IN EUROPA * 71 5. VERSO IL MERCATO FINANZIARIO UNICO IN EUROPA * Il processo di integrazione finanziaria in Europa è attualmente in pieno svolgimento. La realizzazione del mercato unico degli strumenti e dei servizi

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 30.4.2009 C(2009) 3177 RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE che integra le raccomandazioni 2004/913/E e 2005/162/CE per quanto riguarda il regime concernente

Dettagli

INDICE. Toccheremo questi punti: quadro generale pre e post crisi. le cause che hanno portato alla crisi. lo scoppio della crisi

INDICE. Toccheremo questi punti: quadro generale pre e post crisi. le cause che hanno portato alla crisi. lo scoppio della crisi INDICE Toccheremo questi punti: quadro generale pre e post crisi le cause che hanno portato alla crisi lo scoppio della crisi le soluzioni di politica monetaria e fiscale conclusioni LIBERALIZZAZIONE

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione.

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione. Intervento del Ministro Padoan alla Commissione Affari Economici e Monetari (ECON) del Parlamento Europeo al termine del semestre di presidenza italiana della Ue Presidente, Onorevoli Membri, Strasburgo,

Dettagli

CREDIT DERIVATIVES: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI

CREDIT DERIVATIVES: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI Prefazione I contratti derivati di credito (Credit Derivatives) hanno rivoluzionato con la loro introduzione il sistema finanziario, mutando sensibilmente e sostanzialmente il modo in cui le banche assumono,

Dettagli

D1. In cosa si sostanzia il principio della persona prudente?

D1. In cosa si sostanzia il principio della persona prudente? Questo mi pare l ultimo giorno per dare una risposta. Innanzitutto complimenti per l approccio. Rende la comunicazione molto più facile e la lettura più efficace. Non sono un esperto dei temi che vengono

Dettagli

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA 593 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 18 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nell ultima riunione Ecofin del

Dettagli

Carta delle attività della COVIP

Carta delle attività della COVIP Carta delle attività della COVIP www.covip.it Premessa La Commissione di vigilanza sui fondi pensione (COVIP), nel perseguire i propri obiettivi istituzionali, attribuisce grande rilievo alla realizzazione

Dettagli

Unione bancaria: a che punto siamo?

Unione bancaria: a che punto siamo? Unione bancaria: a che punto siamo? Angelo Baglioni Intervento alla tavola rotonda: Crisi in Europa: la risposta dell Unione Europea e degli Stati membri SSEF - Milano, 9 dicembre 2013 UBE: building blocks

Dettagli

Presentazione della Comunicazione sulle linee guida relative alla flessibilità

Presentazione della Comunicazione sulle linee guida relative alla flessibilità Presentazione della Comunicazione sulle linee guida relative alla flessibilità Il presente documento ha l obiettivo di fornire alcune indicazioni generali riguardo al nuovo approccio della Commissione

Dettagli

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili.

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili. Testimonianza presentata al Convegno Amministrazione di sostegno e Volontariato svoltosi a Bologna il 14 ottobre 2011 Avvocato Carla Baiesi, Amministratore di Sostegno Mi è stato chiesto di dare al mio

Dettagli

ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI

ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI 60 Victoria Embankment London EC4Y 0JP ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI Economie divergenti

Dettagli

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL REGIONE TOSCANA Consiglio Regionale Gruppo Consiliare Gruppo Misto Firenze, 7 maggio 2013 Al Presidente del Consiglio della Regione Toscana On. Alberto Monaci MOZIONE (ai sensi dell art. 167 Reg. Interno)

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 7 luglio A cura dell

Dettagli

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Signor Presidente della Repubblica italiana Giorgio Napolitano, Signor Presidente

Dettagli

confronto continuo con gli amministratori dei Comuni.

confronto continuo con gli amministratori dei Comuni. Claudio Dossi, segretario Spi Lombardia Pavia, 22 gennaio 2016 Mi sembra che anche oggi con l introduzione di Anna, la presentazione della ricerca, il contributo dei rappresentanti delle amministrazioni

Dettagli

LA POLITICHE FISCALI IN UN UNIONE MONETARIA

LA POLITICHE FISCALI IN UN UNIONE MONETARIA LA POLITICHE FISCALI IN UN UNIONE MONETARIA In un unione monetaria la politica fiscale è il principale strumento a disposizione per affrontare shock asimmetrici ❶ con bilancio pubblico centralizzato: stabilizzatori

Dettagli

Premetto che pescherò a piene mani nel pensiero e nell opera di. due maestri ed amici. Mi scuso con loro perché non potranno

Premetto che pescherò a piene mani nel pensiero e nell opera di. due maestri ed amici. Mi scuso con loro perché non potranno Premetto che pescherò a piene mani nel pensiero e nell opera di due maestri ed amici. Mi scuso con loro perché non potranno reagire a ciò che dirò e non potranno dire se le mie riflessioni sono aderenti

Dettagli

ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE?

ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE? 476 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE? 21 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 I temi in agenda La ricapitalizzazione

Dettagli

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana 79 a Giornata Mondiale del Risparmio Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 31 ottobre 2003 Signor Ministro dell Economia, Signor Governatore della Banca d Italia,

Dettagli

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana 6 Giugno 2012, Scuderie di Palazzo Altieri - Roma Siglata in occasione della Settimana Italiana dell Investimento Sostenibile

Dettagli

In ricordo del professor Veniero Del Punta

In ricordo del professor Veniero Del Punta I In ricordo del professor Veniero Del Punta Il professor Veniero Del Punta, da vari decenni autorevole e prestigioso membro del nostro Comitato Scientifico, è improvvisamente mancato il 3 aprile scorso.

Dettagli

La Manipolazione Mentale

La Manipolazione Mentale La Manipolazione Mentale Argomento vasto e complesso per le tante sfaccettature che può presentare. Innanzitutto poniamoci una domanda: cosa si intende per manipolazione mentale? Vuol dire semplicemente

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

CONSULTAZIONE SU UN POSSIBILE STATUTO PER UNA FONDAZIONE EUROPEA. Contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Loreto

CONSULTAZIONE SU UN POSSIBILE STATUTO PER UNA FONDAZIONE EUROPEA. Contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Loreto CONSULTAZIONE SU UN POSSIBILE STATUTO PER UNA FONDAZIONE EUROPEA Contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Loreto Introduzione La Fondazione Cassa di Risparmio di Loreto condivide l iniziativa

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA. Introduzione del principio di separazione bancaria

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA. Introduzione del principio di separazione bancaria Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2597 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA Introduzione del principio di separazione bancaria Presentata il

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

Schema per il mapping delle Business Lines (Versione del 14 giugno 2005)

Schema per il mapping delle Business Lines (Versione del 14 giugno 2005) Schema per il mapping delle Business Lines (Versione del 14 giugno 2005) Premessa Il presente documento, approvato dal Comitato Guida, è una rielaborazione della tabella mapping business lines già comunicata

Dettagli

Gli spread sui titoli di stato dei paesi periferici (ad eccezione della Grecia) sono aumentati in ragione dello 0.50% 1% dal mese di marzo.

Gli spread sui titoli di stato dei paesi periferici (ad eccezione della Grecia) sono aumentati in ragione dello 0.50% 1% dal mese di marzo. Il mercato obbligazionario greco ed europeo I negoziati tra la Grecia e la Troika (Fondo Monetario Internazionale, Commissione Europea e Banca Centrale Europea) sono giunti ad un punto cruciale. Per come

Dettagli

GIUSEPPE VEGAS - PRESIDENTE CONSOB AUDIZIONE COMMISSIONE FINANZE E TESORO SENATO

GIUSEPPE VEGAS - PRESIDENTE CONSOB AUDIZIONE COMMISSIONE FINANZE E TESORO SENATO I GARANTI aggiornamento del 7/10/2012 di Michele Buono GIUSEPPE VEGAS - PRESIDENTE CONSOB AUDIZIONE COMMISSIONE FINANZE E TESORO SENATO Il compito dell autorità è quello di controllare il mercato, ma il

Dettagli

Le reti internazionali dei regolatori finanziari

Le reti internazionali dei regolatori finanziari Le reti internazionali dei regolatori finanziari Oggetto della ricerca La progressiva integrazione dei mercati spinge verso la creazione di un sistema di regole tendenzialmente stabili, in grado di rendere

Dettagli

Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi?

Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi? Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi? Andrea Enria Banca d Italia Milano, 26 novembre 2009 Schema della presentazione Lezioni della crisi e riforma della regolamentazione Perimetro ampio

Dettagli

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo undici Il sistema monetario internazionale Introduzione 11-3 Col termine sistema monetario internazionale ci si riferisce agli accordi istituzionali che governano

Dettagli

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire di Olivier Blanchard 10 luglio 2015 Gli occhi del mondo sono tutti puntati sulla situazione economica della Grecia e le parti coinvolte continuano

Dettagli

Il rinnovato impegno della comunità internazionale

Il rinnovato impegno della comunità internazionale Il rinnovato impegno della comunità internazionale La situazione dei Paesi poveri Sei anni fa le Nazioni Unite hanno lanciato il programma Millennium Development Goals (MDGs, ossia «Obiettivi per lo sviluppo

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione?

Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione? Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione? Prima di provare a rispondere a questa domanda mi pare indispensabile una premessa che contestualizzi l attuale situazione. Perché a

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli

FORUM INTERNAZIONALIZZAZIONE

FORUM INTERNAZIONALIZZAZIONE FORUM INTERNAZIONALIZZAZIONE IL NUOVO DRIVER DI SVILUPPO PER BANCHE E IMPRESE STRUMENTI E POLITICHE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE EMMA BONINO MINISTRO DEL COMMERCIO INTERNAZIONALE Roma, lunedì 26 giugno

Dettagli

Governare in periodi di instabilità: Sempre più pressioni sul Comitato controllo e rischi

Governare in periodi di instabilità: Sempre più pressioni sul Comitato controllo e rischi Governare in periodi di instabilità: Sempre più pressioni sul Comitato controllo e rischi Di Don Wilkinson, Vice-Presidente Deloitte Amministratori, fate un respiro profondo: gli impegni previsti in agenda

Dettagli

Audizioni periodiche e speciali dell Autorità per l energia elettrica e il gas ai sensi della deliberazione n. 33/03

Audizioni periodiche e speciali dell Autorità per l energia elettrica e il gas ai sensi della deliberazione n. 33/03 Audizioni periodiche e speciali dell Autorità per l energia elettrica e il gas ai sensi della deliberazione n. 33/03 Intervento del Direttore Energy Management di Tirreno Power Ugo Mattoni Roma, 17 luglio

Dettagli

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO?

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 478 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 24 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Una bolla pronta a scoppiare? Le parole di un esperto

Dettagli

della Regione Toscana Si allega la proposta di legge al Parlamento in oggetto d iniziativa del consigliere Gabriele Chiurli Relazione illustrativa

della Regione Toscana Si allega la proposta di legge al Parlamento in oggetto d iniziativa del consigliere Gabriele Chiurli Relazione illustrativa REGIONE TOSCANA Consiglio Regionale Gruppo Consiliare Gruppo Misto Firenze, 22 maggio 2014 Al Presidente del Consiglio della Regione Toscana On. Alberto Monaci OGGETTO: Proposta di legge al Parlamento

Dettagli

Globalizzazione economica. Docente: Antonio Forte

Globalizzazione economica. Docente: Antonio Forte Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 1 Introduzione al corso Nozioni di base Struttura del corso Lezioni frontali: 36 ore Lavoro di gruppo: 4 ore Strumenti Testi: G. Ferri, V. D Apice,

Dettagli

Il Debito pubblico Italiano ammonta ad oggi a 2248 Mld di Euro

Il Debito pubblico Italiano ammonta ad oggi a 2248 Mld di Euro Il Debito pubblico Italiano ammonta ad oggi a 2248 Mld di Euro Il Debito pubblico Italiano ammonta ad oggi a 2248 Mld di Euro di Loretta Napoleoni Tratto dal: Fatto Quotidiano Fonte e link: http://movimentobaseitalia.altervista.org/debito-pubblico-chilo-ha-fatto-se-lo-pagasse/

Dettagli

Gli eccessi di regolamentazione: la lezione americana. Banca Ifigest - Milano, ottobre 2010 Enrico Colombatto, Università di Torino

Gli eccessi di regolamentazione: la lezione americana. Banca Ifigest - Milano, ottobre 2010 Enrico Colombatto, Università di Torino Gli eccessi di regolamentazione: la lezione americana Banca Ifigest - Milano, ottobre 2010 Enrico Colombatto, Università di Torino La crisi (origini) Le cause americane: Anni di politica monetaria espansiva

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica VI Commissione Finanze Schemi di decreto legislativo relativi all attuazione della Direttiva 2014/59/UE che istituisce un quadro di risanamento e risoluzione degli enti creditizi

Dettagli

ASPETTI FINANZIARI DELLA CRISI E PROSPETTIVE

ASPETTI FINANZIARI DELLA CRISI E PROSPETTIVE Crisis in a Global Economy. Re-planning the Journey Pontifical Academy of Social Sciences, Acta 16, 2011 www.pass.va/content/dam/scienzesociali/pdf/acta16/acta16-gottitedeschi.pdf ASPETTI FINANZIARI DELLA

Dettagli

Studio Ceresani. Studio Ceresani. Certified Public Accountant Tax and Business Consultant. Dott. Maurizio Ceresani

Studio Ceresani. Studio Ceresani. Certified Public Accountant Tax and Business Consultant. Dott. Maurizio Ceresani Certified Public Accountant Tax and Business Consultant Dott. Maurizio Revisore contabile e tributarista Spett.le ISVAP - Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo

Dettagli

Mercati e Valute, 25 settembre 2014 Un feudalesimo dei rendimenti Outlook Bond e Valute

Mercati e Valute, 25 settembre 2014 Un feudalesimo dei rendimenti Outlook Bond e Valute Mercati e Valute, 25 settembre 2014 Un feudalesimo dei rendimenti Outlook Bond e Valute L investitore privato italiano che, deluso dalla politica e in cerca di sicurezza, decidesse in un impeto rivoluzionario

Dettagli

COSTI E BENEFICI DI GESTIRE UNA VALUTA INTERNAZIONALE

COSTI E BENEFICI DI GESTIRE UNA VALUTA INTERNAZIONALE COSTI E BENEFICI DI GESTIRE UNA VALUTA INTERNAZIONALE Pellini Stefania - Pupo Rosina -Tarantini Thomas Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Corso di Politica Economica Avanzato

Dettagli