MINISTERO DELLA DIFESA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MINISTERO DELLA DIFESA"

Transcript

1 MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI III REPARTO POLITICA DEGLI ARMAMENTI SGD G 021 DIRETTIVA APPLICATIVA SULLE PROCEDURE INERENTI I PROGRAMMI DI ARMAMENTO AI SENSI DELLA LEGGE 185/90 Roma Edizione 2009

2 I N D I C E SGD G 021 Versione 00 ATTO DI APPROVAZIONE.pag. III ELENCO DI DISTRIBUZIONE pag. IV REGISTRZAZIONI AGGIUNTE E VARIANTI..pag. V 1. PREMESSA SCOPO RIFERIMENTI Provvedimenti legislativi Atti e Circolari DEFINIZIONE DELLA PROCEDURA 4.1 GENERALITÀ OPERAZIONI PER CONTO DELLO STATO Obblighi delle Imprese Istanza complessiva per importazione (temporanea e/o definitiva ) nel quadro di programmi di armamento (art.1 comma 8 lettera a) legge 185/90) Istanza complessiva per esportazione temporanea nel quadro di programmi di armamento (art.1 comma 9 lettera a) legge 185/90) Istanza complessiva per importazione (temporanea e/o definitiva ) e di esportazione temporanea nel quadro dei programmi intergovernativi (art.11 comma 1 lettera a) DPCM 93/05) Dichiarazioni in dogana Operazioni con Paesi UE Operazioni con Paesi extracomunitari Obblighi dell Amministrazione della Difesa SGD/DNA Direzione Generale competente Ufficio Centrale del Bilancio e degli Affari Finanziari (BILANDIFE) Organi periferici competenti del Ministero della Difesa (Uffici Tecnici Territoriali) ABROGAZIONE ELENCO ALLEGATI A : Quadro Sinottico della successione delle operazioni B : Modello di Dichiarazione di Trasporto e Transito Intracomunitario (DTTI) C : Modello di Documento Amministrativo Unico per le dichiarazioni di importazione e di esportazione (DAU) II

3

4 ELENCO DI DISTRIBUZIONE SGD G 021 Versione 00 PER COMPETENZA E N T E MINISTERO DELLA DIFESA Direzione Generale degli Armamenti Terresti Ufficio GCT MINISTERO DELLA DIFESA Direzione Generale degli Armamenti Navali Ufficio GCT MINISTERO DELLA DIFESA Direzione Generale degli Armamenti Aeronautici Ufficio GCT MINISTERO DELLA DIFESA Direzione Generale delle Telecomunicazioni,dell Informatica e delle Tecnologie Avanzate - Ufficio GCT PER CONOSCENZA E N T E PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI U.C.P.M.A. Via del Corso, 184 PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Autorità Nazionale Sicurezza U.C.Se Via della Pineta Sacchetti, 216 MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DGAE UAMA Piazzale della Farnesina, 1 STATO MAGGIORE DELLA DIFESA II Reparto Informazioni e Sicurezza Uff. M.A.T. Viale delle Milizie 5/A MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Agenzia delle Dogane Servizio Strategico Militare A.V.C.T. Via Mario Crucci, 71 MINISTERO DEGLI INTERNI Dipartimento P.S. Uff. Amm.ne Gen.le Uff.Aff. Pol. Amm.va e Sociale Via A. De Petris MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Dipartimento del Tesoro Direzione V Ufficio I Via XX Settembre, 97 MINISTERO DELLA DIFESA Direzione Generale del Bilancio e degli Affari Finanziari Uff. Aff. Fiscali e Doganali DISTRIBUZIONE INTERNA E N T E II REPARTO IV REPARTO N DI COPIE N DI COPIE N DI COPIE IV

5 REGISTRAZIONE DELLE AGGIUNTE E VARIANTI SGD G 021 Versione V

6 SGD G 021 Versione PREMESSA La legge 17 giugno 2003 n.148 ha modificato tra l altro l art.5 della legge 9 luglio 1990 n.185, in particolare richiedendo indicazioni analitiche - per tipi, quantità e valori monetari anche delle operazioni svolte nel quadro di programmi intergovernativi o a seguito di concessione di licenza globale di progetto da includere nella relazione annuale da presentare al Parlamento. Da ciò è derivata l esigenza di aggiornare le procedure che l'amministrazione Difesa, gli Uffici doganali e le imprese del settore debbono porre in essere per il controllo della movimentazione dei materiali di armamento, sia nelle transazioni con i Paesi Terzi, sia in quelle comunitarie Ai fini della presente direttiva, si precisa che il termine programmi citato nell art.1 comma 8 lettera a) e comma 9 lettera a) della legge 185/90, è attribuito sia alle attività di approvvigionamento, mantenimento in efficienza e ammodernamento dei materiali appartenenti o destinati alle Forze Armate o di Polizia, che nella presente Direttiva verranno sempre indicati come programmi di armamento, sia alle attività riguardanti sistemi d arma destinati alle Forze Armate, che derivano da intese intergovernative stipulate dal Governo italiano con altri Governi, individuati ai sensi dell articolo 11 comma 1 lettera a) del DPCM 14 gennaio 2005, n.93, che nella presente Direttiva verranno sempre indicati come programmi intergovernativi 1. Dalla presente Direttiva sono, pertanto, esclusi: i programmi congiunti intergovernativi o industriali di cui all art.11 comma 1 lettera b) del DPCM 14 gennaio 2005, n.93; le operazioni di esportazione relative a disegni, schemi ed ogni tipo ulteriore di documentazione e di informazione necessario allo sviluppo e produzione di materiali di armamento. È, invece, consentita la movimentazione, contestualmente al materiale, della documentazione relativa al suo utilizzo e manutenzione. 2. SCOPO Definire una procedura che consenta: di identificare le operazioni di importazione definitiva/temporanea e di esportazione temporanea che possono essere effettuate da parte di un Impresa autorizzata, come operazioni per conto dello Stato in uno specifico programma di armamento ed equipaggiamento delle Forze Armate e di Polizia ai fini di quanto previsto dalla Legge 185/90; di assicurare uniformità procedurale da parte degli Organi del Ministero della Difesa competenti nel processo di conferma di appartenenza dei materiali al programma di armamento e/o programma intergovernativo interessato. 1 L elenco dei programmi intergovernativi viene costantemente aggiornato al Segretariato Generale della Difesa

7 3. RIFERIMENTI Sono rilevanti, ai fini della Direttiva, i seguenti riferimenti normativi: SGD G 021 Versione Provvedimenti legislativi Legge 9 luglio 1990 n.185 Nuove norme sul controllo dell esportazione, importazione e transito dei materiali d armamento ; Legge 17 giugno 2003 n.148 Ratifica ed esecuzione dell'accordo quadro tra la Repubblica francese, la Repubblica federale di Germania, la Repubblica italiana, il Regno di Spagna, il Regno di Svezia e il Regno Unito della Gran Bretagna e dell'irlanda del Nord relativo alle misure per facilitare la ristrutturazione e le attività dell'industria europea per la difesa, con allegato, fatto a Farnborough il 27 luglio 2000, nonché modifiche alla legge 9 luglio 1990, n.185 ; DPR 23 gennaio 1973 n.43 Approvazione del testo unico delle disposizioni legislative in materia doganale ; DPCM 14 gennaio 2005 n.93 Nuovo Regolamento di Esecuzione della Legge 9 luglio 1990 n.185, recante nuove norme per il controllo dell esportazione, importazione e transito dei materiali d armamento ; Reg. CEE del Consiglio n. 2913/92 del 12 ottobre 1992 che istituisce un codice doganale comunitario; Reg. CEE n. 2454/93 della Commissione del 2 luglio 1993 che fissa talune disposizioni di applicazione del regolamento CEE 2913/92 del Consiglio che istituisce il codice doganale comunitario. 3.2 Atti e Circolari Lettera del 5 giugno 1996 n.uma/9/398/d.2 della Presidenza Consiglio dei Ministri/UCPMA; Lettera del 28 aprile 1999 n.ucm/uma/i/194/0/d.2.3 della Presidenza del Consiglio dei Ministri/UCPMA ; Circolare 3 ottobre /D dell Agenzia delle Dogane; Lettera del 7 giugno 2006 n.635/ucm/h della Presidenza del Consiglio dei Ministri/UCPMA 2 ; Circolare 29 marzo /D dell Agenzia delle Dogane; Circolare 31 gennaio 2007 n.2721 del Ministero Affari Esteri - UAMA 4. DEFINIZIONE DELLA PROCEDURA (sinottico della successione delle operazioni in Allegato A ) 4.1 GENERALITÀ Le operazioni per le quali la Legge 185/90 non prevede il rilascio di apposita autorizzazione del Ministero degli Affari Esteri sono: importazioni (temporanee e/o definitive) effettuate direttamente dall Amministrazione dello Stato o per conto di questa per la realizzazione dei programmi di armamento ed equipaggiamento delle Forze Armate e di Polizia (art.1 comma 8 lett.a) legge 185/90); esportazioni temporanee effettuate direttamente o per conto dell Amministrazione dello Stato per la realizzazione di propri programmi di armamento ed equipaggiamento delle Forze Armate e di Polizia (art.1 comma 9 lett.a) legge 185/90). 2 Per uso interno all Amministrazione

8 SGD G 021 Versione 00 Tali operazioni possono svolgersi nel quadro di programmi di armamento o di programmi intergovernativi". 4.2 OPERAZIONI EFFETTUATE PER CONTO DELLO STATO Obblighi delle Imprese Istanza complessiva per importazione (temporanea e/o definitiva) nel quadro di programmi di armamento (art.1 comma 8 lettera a) legge 185/90) L Impresa, fornitrice diretta o sub-fornitrice, a fronte dell esigenza contrattuale relativa al programma per conto dell Amministrazione dello Stato presenterà istanza alla Direzione Generale competente fornendo le seguenti informazioni: estremi dell iscrizione al Registro Nazionale delle Imprese (SRNI); programma; estremi del contratto/ordine dell Amministrazione o dell Agenzia di programma; lista di materiali da importare corredata da: a) Dichiarazione sostitutiva dall atto di notorietà ai sensi dell articolo 47 del DPR 445/00 (DSAN) attestante: il tipo di materiale, identificato in accordo all'articolo 2 della legge 185/90, che il materiale non è classificato o, in caso contrario, sua classifica di segretezza, che il materiale è riconducibile al programma/contratto di riferimento, che il materiale è movimentato in adempimento alle obbligazioni contrattuali assunte verso l Amministrazione dello Stato o dall Amministrazione dello Stato; b) quantità globale presunta; c) valore monetario globale presunto; d) Ufficio Tecnico Territoriale competente; e) Ufficio Doganale competente. f) ogni altra informazione ritenuta necessaria anche ai fini della riesportazione

9 SGD G 021 Versione Istanza complessiva per esportazione temporanea nel quadro di programmi di armamento (art.1 comma 9 lettera a) legge 185/90) L Impresa, fornitrice diretta o sub-fornitrice, a fronte dell esigenza contrattuale relativa al programma per conto dell Amministrazione dello Stato presenterà istanza alla Direzione Generale competente fornendo le seguenti informazioni: estremi dell iscrizione al Registro Nazionale delle Imprese (SRNI); programma; estremi del contratto/ordine dell Amministrazione o dell Agenzia di programma; lista di materiali da esportare corredata da: a) DSAN attestante: il tipo di materiale, identificato in accordo all'articolo 2 della legge 185/90, che il materiale non è classificato o, in caso contrario, sua classifica di segretezza, che il materiale è riconducibile al programma/contratto di riferimento, che il materiale è movimentato in adempimento delle obbligazioni contrattuali assunte verso l Amministrazione dello Stato o dall Amministrazione dello Stato; b) quantità globale presunta; c) valore monetario globale presunto; d) destinatario ((paese/impresa) e, per i materiali classificati, eventuale tramite; e) natura del processo di lavorazione o scopo della temporanea esportazione; f) Ufficio Tecnico Territoriale competente; g) Ufficio Doganale competente. h) ogni altra informazione ritenuta necessaria anche ai fini della reimportazione; Istanza complessiva per importazione (temporanea e/o definitiva) e di esportazione temporanea nel quadro dei programmi intergovernativi (art.11 comma 1 lettera a) DPCM 93/05) L Impresa, fornitrice diretta o sub-fornitrice, a fronte dell esigenza contrattuale relativa al programma per conto dell Amministrazione dello Stato presenterà istanza alla Direzione Generale competente fornendo le seguenti informazioni: estremi dell iscrizione al Registro Nazionale delle Imprese (SRNI); programma; attestazione di Impresa appartenente al Programma;

10 SGD G 021 Versione 00 lista di materiali da esportare corredata da: a) DSAN attestante: il tipo di materiale, identificato in accordo all'articolo 2 della legge 185/90, che il materiale non è classificato o, in caso contrario, sua classifica di segretezza, che il materiale è riconducibile al programma/contratto di riferimento, che il materiale è movimentato in adempimento delle obbligazioni contrattuali assunte verso l Amministrazione dello Stato o dall Amministrazione dello Stato; b) destinatario ((paese/impresa) e, per i materiali classificati, eventuale tramite, per le sole operazioni di esportazione temporanee c) Ufficio Tecnico Territoriale competente; d) Ufficio Doganale competente. e) ogni altra informazione ritenuta necessaria anche ai fini della riesportazione o della reimportazione; Per l'eventuale trasformazione in movimentazione definitiva dei materiali già temporaneamente movimentati deve essere applicato quanto previsto dalla Circolare MAE n.2721 del 31 gennaio Dichiarazioni in dogana Operazioni con Paesi UE L'Impresa indicherà sulla Dichiarazione di Trasporto e Transito Intracomunitario (DTTI - Allegato B ) il riferimento del provvedimento dell Amministrazione competente, la tipologia di operazione che intende effettuare, l indicazione dei riferimenti di legge, nonché il valore, ai soli fini doganali, dell operazione Operazioni con Paesi extracomunitari L'Impresa dichiarerà i materiali d'armamento in dogana secondo quanto previsto dalla normativa in vigore (DPR 43/73; Regolamento CEE n.2913/92 e Regolamento CEE n.2454/93), indicando nella dichiarazione doganale (Documento Amministrativo Unico DAU Allegato C ) a il riferimento del provvedimento dell Amministrazione competente Obblighi dell Amministrazione della Difesa SGD/DNA Per ogni programma intergovernativo" il SGD/DNA comunica alle imprese, alla Direzione Generale competente, al Ministero degli Affari Esteri (UAMA) ed all Agenzia delle Dogane (Area Centrale Verifiche e Controlli Tributi Doganali e Accise) le seguenti informazioni, assicurandone l eventuale aggiornamento:

11 SGD G 021 Versione 00 l'elenco delle imprese iscritte al SRNI partecipanti ad ogni programma intergovernativo le quali possono effettuare operazioni per conto dell Amministrazione dello Stato ; l applicabilità dell articolo 19 comma 4 e dell articolo 20 comma 1 della legge 185/90 a tutte le operazioni di movimentazione di materiale d armamento nel singolo programma intergovernativo; l applicabilità a livello periferico, presso gli Uffici Tecnici Territoriali del Ministero della Difesa, delle disposizioni nazionali di attuazione del Regolamento UE n.150/03; Direzione Generale competente La Direzione Generale competente entro 30 gg calendariali dalla presentazione dell istanza complessiva: verifica, consultando, per gli aspetti di competenza, il Segretariato Generale della Difesa e Direzione Nazionale degli Armamenti III Reparto Politica degli Armamenti, che le operazioni di cui alle istanze ai para 4.2.1, 2. e 3. possano essere considerate come svolte per conto dell Amministrazione dello Stato per la realizzazione di "programmi di armamento" e programmi intergovernativi 3 e, quindi, rientranti fra i casi previsti dalla Legge 185/90 e successive modificazioni. Qualora si tratti di esportazione temporanea di materiale classificato la Direzione Generale competente predispone il provvedimento autorizzativo, informando il Segretariato Generale della Difesa - III Reparto e previo nulla osta dello Stato Maggiore della Difesa II Reparto Informazioni e Sicurezza ; accertata la completezza della stessa autorizza con proprio provvedimento l Impresa a poter effettuare tali operazioni per conto dello Stato; trasmette tale provvedimento autorizzativo all impresa richiedente e, unito alla copia dell istanza dell Impresa, all Ufficio Centrale del Bilancio (BILANDIFE) - Ufficio Affari Fiscali e Doganali ed all'ufficio Tecnico Territoriale competente evidenziando che il provvedimento sarà reso esecutivo dall Ufficio doganale territorialmente competente allo svolgimento dell operazione a seguito della comunicazione di BILANDIFE. 3 La certificazione dei programmi intergovernativi è costituita da un provvedimento amministrativo emesso da SGD/DNA III Reparto che individua gli operatori nell ambito di detti programmi.

12 SGD G 021 Versione Ufficio Centrale del Bilancio e degli Affari Finanziari (BILANDIFE) - Ufficio Affari Fiscali e Doganali in ambito Nazionale ed Intracomunitario verifica la completezza della pratica ricevuta dalla Direzione Generale competente (istanza complessiva dell Impresa e provvedimento di autorizzazione della Direzione Generale); trasmette, a meno di ulteriori approfondimenti, entro 15 giorni calendariali dalla ricezione degli atti da parte della Direzione Generale competente, il provvedimento autorizzativo della Direzione Generale competente e l istanza complessiva dell impresa all Ufficio doganale territorialmente competente, informando, contestualmente: la Direzione Generale interessata; il Ministero dell Economia e delle Finanze - Dipartimento del Tesoro per quanto attiene le eventuali correlate transazioni bancarie; l'agenzia delle Dogane - Area Centrale Verifiche e controlli tributi doganali e accise - Laboratori chimici; l impresa interessata Organi periferici competenti del Ministero della Difesa (Uffici Tecnici Territoriali) 4 L Organo periferico ricevuto il provvedimento autorizzativo dalla D.G. e la Dichiarazione di Trasporto e Transito Intracomunitario (DTTI- Allegato B ) o il Documento Amministrativo Unico (DAU - Allegato C ) debitamente compilati dall impresa: verifica a livello documentale che sui medesimi: sia riportato il riferimento del provvedimento autorizzativo della Direzione Generale competente; il materiale soggetto alla movimentazione sia: o quello indicato nella richiesta alla Direzione Generale competente, per la quale ha ottenuto il provvedimento autorizzativo, ovvero ne autodichiara la corrispondenza; o pertinente al programma nel caso di programmi complessi comprensivi anche delle fasi di progettazione sviluppo e/o assistenza; appone, nella casella B del DTTI/DAU emesso dall impresa all atto della spedizione/esportazione o di arrivo/importazione, il visto 5 che costituisce conferma di appartenenza, dei materiali al programma di armamento o al programma intergovernativo; 4 Il Ministero Difesa, per il tramite delle Direzioni Generali ha costituito quali organi periferici gli Uffici Tecnici Territoriali e loro Distaccamenti/Nuclei, operanti per il tramite del personale dipendente accreditato presso l Agenzia delle Dogane per mezzo dei quali le Direzioni Generali assicurano l apposizione del Visto sui documenti doganali prodotti dall impresa. 5 I documenti doganali vengono approntati dall Impresa richiedente.

13 SGD G 021 Versione 00 restituisce all Impresa il DTTI/DAU per la successiva presentazione presso l Ufficio doganale territorialmente competente; riceve successivamente a cura dell Impresa copia del DTTI/DAU riportante gli estremi della registrazione apposti dall Ufficio doganale territorialmente competente; tiene presente che, per gli arrivi da Paesi membri dell UE di materiali di armamento ai sensi dell'articolo 2 comma 4 della legge 185/90, l impresa nazionale che riceve la spedizione, se non in possesso della DTTI emessa da altro Stato membro, dovrà compilare e presentare all Ufficio doganale territorialmente competente sulla sede dell impresa, previo visto per conferma di appartenenza del materiale sul documento doganale dell Organo del Ministero della Difesa, una dichiarazione (DTTI) di arrivo della merce con l indicazione del programma di armamento o programma intergovernativo cui fa capo l operazione. L impresa, dopo aver presentato la DTTI all'ufficio doganale, consegnerà all Organo del Ministero della Difesa copia del DTTI riportante gli estremi della registrazione apposti dall Ufficio doganale territorialmente competente. 5. ABROGAZIONE La presente Direttiva, a decorrere dalla data di entrata in vigore, abroga e sostituisce la versione precedente emanata il 2 maggio 2007 con prot.gsgdna e ogni altra disposizione emanata dal SGD/DNA e dagli Enti dipendenti in contrasto con la presente, fatto salve le autorizzazioni già rilasciate secondo quanto disposto dalla Direttiva 2 maggio 2007.

14 Allegato A IMPRESA 7 Istanza 5 1 complessiva Autorizzazione 4 (info) U.T.T. 6 DIREZIONE GENERALE istruttoria S.M.D. R.I.S. classificato Nulla Osta Parere SEGREDIFESA III Reparto BILANDIFE Verifica autorizzazioni 4 (info) 8 (info) 4 (info) MINISTERO ECONOMIA e FINANZE 4 4 (info) AGENZIA DOGANE UFFICIO delle DOGANE 8

15 Allegato B

16

17

18

19

20

21 Allegato C

22

23

24

25

26

27

28

29

30

Roma, 18 febbraio 2009. Alle Direzioni regionali LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI OGGETTO:

Roma, 18 febbraio 2009. Alle Direzioni regionali LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI OGGETTO: Roma, 18 febbraio 2009 Protocollo: 17619/RU Rif.: Allegati: Alle Direzioni regionali LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI OGGETTO: Chiarimenti in merito all applicazione della deroga di cui all

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/D. Roma, 11 aprile 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI

CIRCOLARE N. 13/D. Roma, 11 aprile 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI CIRCOLARE N. 13/D Roma, 11 aprile 2005 Protocollo: Rif.: Allegati: 1337/V/AGT Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici Tecnici di Finanza Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Agenzia delle Dogane AREA GESTIONE TRIBUTI E RAPPORTO CON GLI UTENTI Circolare del 11/12/2002 n. 75 Oggetto: Regime dell'esportazione definitiva. Prova dell'uscita delle merci dal territorio doganale della

Dettagli

Disposizioni in materia di importazione di prodotti biologici.

Disposizioni in materia di importazione di prodotti biologici. CIRCOLARE N. 13/D Protocollo: 90565/RU Rif.: Allegati: 5 Roma, 2 agosto 2013 Alle Direzioni Interregionali, Regionali e Provinciali Agli Uffici delle Dogane Loro sedi e, p.c. Alla Direzione Centrale Gestione

Dettagli

La funzione delle dogane sul territorio

La funzione delle dogane sul territorio La funzione delle dogane sul territorio Teramo, 12/11/2014 dr. Luigi Di Giacomo 1 Normativa doganale: Esportazioni Definitive Reg. Cee 2913/92: Codice Doganale Comunitario; Reg. Cee 2454/93: Disposizioni

Dettagli

Esportazione. Tecniche degli scambi internazionali ESPORTAZIONE. Le esportazioni si possono distinguere tra:

Esportazione. Tecniche degli scambi internazionali ESPORTAZIONE. Le esportazioni si possono distinguere tra: Tecniche degli scambi internazionali Esportazione ESPORTAZIONE Le esportazioni si possono distinguere tra: 1. esportazioni dirette (art. 8 Comma 1 lettera a - DPR 633/72) 2. cessioni ad esportatori non

Dettagli

All Area Affari Giuridici e Contenzioso S E D E

All Area Affari Giuridici e Contenzioso S E D E Circolare n. 42/D Protocollo: 2355 Rif.: Allegati: Vs. Roma, 17 giugno 2002 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE VISTO l'articolo 3 del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, convertito, con modificazioni, dalla

Dettagli

7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE

7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE 7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE Triangolazioni con intervento di soggetti nazionali UE ed extra UE 7. 7.1. INTRODUZIONE La globalizzazione dei mercati favorisce le

Dettagli

CIRCOLARE N. 10/D. Roma, 14 luglio 2014. Alle Direzioni interregionali e regionali delle dogane

CIRCOLARE N. 10/D. Roma, 14 luglio 2014. Alle Direzioni interregionali e regionali delle dogane CIRCOLARE N. 10/D Roma, 14 luglio 2014 Protocollo: RU 67167 Rif.: Allegati: Alle Direzioni interregionali e regionali delle dogane Alla Direzione interprovinciale delle dogane di Bolzano e Trento Agli

Dettagli

Allegato -1 SPEDIZIONI TRANSFRONTALIERE DEI RIFIUTI

Allegato -1 SPEDIZIONI TRANSFRONTALIERE DEI RIFIUTI Allegato -1 SPEDIZIONI TRANSFRONTALIERE DEI RIFIUTI L Unione europea ha istituito un sistema di sorveglianza e controllo per organizzare e disciplinare le spedizioni di rifiuti secondo modalità che tengano

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI SEGRETERIA NAZIONALE 00198 ROMA VIA TEVERE, 46 TEL. 06.84.15.751/2/3/4 FAX 06.85.59.220 06.85.52.275 SITO INTERNET: www.fabi.it E-MAIL: federazione@fabi.it FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI Ai Sindacati

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Prot: DT 58988-22/07/2015 Ogni riproduzione su supporto cartaceo costituisce una copia del documento elettronico originale firmato digitalmente e conservato presso MEF ai sensi della normativa vigente.

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica del 25 gennaio 1962, n. 71 (1).

Decreto del Presidente della Repubblica del 25 gennaio 1962, n. 71 (1). Decreto del Presidente della Repubblica del 25 gennaio 1962, n. 71 (1). Nuove agevolazioni per la riscossione dei titoli di spesa dello Stato (2) (3). (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 10 marzo 1962, n.

Dettagli

Alle Direzioni Regionali ed Interregionali dell Agenzia delle Dogane. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI. Alle Direzioni Centrali

Alle Direzioni Regionali ed Interregionali dell Agenzia delle Dogane. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI. Alle Direzioni Centrali Protocollo: Rif.: Allegati: n. 169792/RU Roma, 23.12.2009 Alle Direzioni Regionali ed Interregionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici delle Dogane Alle Direzioni Centrali LORO SEDI Agli Uffici di

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L ENERGIA DIREZIONE GENERALE PER LA SICUREZZA DELL'APPROVVIGIONAMENTO E LE INFRASTRUTTURE ENERGETICHE Divisione IV - Mercato e logistica dei prodotti

Dettagli

e, pc. Determinazione direttoriale prot. 158235/RU del 7/12/2010 - prime istruzioni operative

e, pc. Determinazione direttoriale prot. 158235/RU del 7/12/2010 - prime istruzioni operative CIRCOLARE N. 16/D Protocollo: 159505 Rif.: Allegati: Roma, 21 dicembre 2010 Alle Direzioni regionali, interregionali e provinciali Agli Uffici delle dogane e, pc. All Ufficio centrale audit interno All

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE CESSIONI ACQUISTI NON IMPONIBILI IMPONIBILI CESSIONI INTRACOMUNITARIE Costituiscono cessioni intracomunitarie: le cessioni a titolo oneroso di beni,

Dettagli

Depositi IVA: procedure di introduzione ed estrazione dei beni di Massimo Gabelli e Davide Rossetti (*)

Depositi IVA: procedure di introduzione ed estrazione dei beni di Massimo Gabelli e Davide Rossetti (*) Depositi IVA: procedure di introduzione ed estrazione dei beni di Massimo Gabelli e Davide Rossetti (*) Procedure Premessa La disciplina del deposito IVA (di cui all art. 50-bis del D.L. n. 331/1993) è

Dettagli

Circolare n. 6/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma, 21 marzo 2013

Circolare n. 6/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma, 21 marzo 2013 Circolare n. 6/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 21 marzo 2013 OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2013 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI PER GLI ENTI DEL VOLONTARIATO

Dettagli

Indice generale sistematico

Indice generale sistematico Indice generale sistematico Prefazione del Vice Ministro delle Attività Produttive con delega al Commercio estero, on. A. Urso Prefazione del prof. V. Uckmar Prefazione del Rettore dell Istituto Universitario

Dettagli

Domanda di autorizzazione ad usare procedure semplificate. 1.a. Numero di identificazione dell'operatore 1.b. Numero di riferimento

Domanda di autorizzazione ad usare procedure semplificate. 1.a. Numero di identificazione dell'operatore 1.b. Numero di riferimento ALLEGATO B 1. Richiedente Riservato all'ufficio doganale 1.a. Numero di identificazione dell'operatore 1.b. Numero di riferimento 1.c. Contatto 1.d. Dichiarazioni presentate 2. Procedura semplificata in

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

Processi digitali: le novità dalla Dogana

Processi digitali: le novità dalla Dogana Processi digitali: le novità dalla Dogana ICT & PMI: senza carta con le nuove norme Torino, 25 Novembre 2011 Teresa Alvaro Alessandro Di Sipio Agenda: Aida e la strategia dell Agenzia delle Dogane Il fascicolo

Dettagli

Art. 7 Dpr n. 633/72 Territorialità dell'imposta (1)

Art. 7 Dpr n. 633/72 Territorialità dell'imposta (1) Art. 7 Dpr n. 633/72 Territorialità dell'imposta (1) Agli effetti del presente decreto: a) per "Stato" o "territorio dello Stato" si intende il territorio della Repubblica italiana, con esclusione dei

Dettagli

Bur n. 65 del 10/08/2010

Bur n. 65 del 10/08/2010 Bur n. 65 del 10/08/2010 Agricoltura Deliberazioni della Giunta Regionale N. 1867 del 20 luglio 2010 DGR 6 luglio 2010, n. 1782. Interventi agevolativi su finanziamenti accesi dalle imprese agricole per

Dettagli

CARNET ATA - VADEMECUM PER L OPERATORE

CARNET ATA - VADEMECUM PER L OPERATORE CARNET ATA - VADEMECUM PER L OPERATORE Il Carnet A.T.A. è un documento doganale internazionale che consente di importare temporaneamente le merci destinate a fiere, mostre, ecc. (contemplate dai tre allegati

Dettagli

Il commento. Modello INTRASTAT - Il punto della situazione

Il commento. Modello INTRASTAT - Il punto della situazione Modello INTRASTAT - Il punto della situazione Il commento Negli scambi intracomunitari di beni riveste una particolare importanza la compilazione dei modelli Intrastat. Le regole di compilazione e di presentazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico FESR 2007-2013

Dettagli

Norme di applicazione per i brevetti europei e per i brevetti comunitari (2) (3).

Norme di applicazione per i brevetti europei e per i brevetti comunitari (2) (3). D.P.R. 8 gennaio 1979, n. 32 (1). Norme di applicazione per i brevetti europei e per i brevetti comunitari (2) (3). ------------------------ (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 10 febbraio 1979, n. 41. (2)

Dettagli

D.P.R. 20-10-1998 n. 428. Regolamento recante norme per la gestione del protocollo informatico da parte delle amministrazioni pubbliche.

D.P.R. 20-10-1998 n. 428. Regolamento recante norme per la gestione del protocollo informatico da parte delle amministrazioni pubbliche. D.P.R. 20-10-1998 n. 428 Regolamento recante norme per la gestione del protocollo informatico da parte delle amministrazioni pubbliche. 1. Definizioni. 2. Gestione dei documenti con sistemi informativi

Dettagli

Roma, 12 maggio 2008. Alle Direzioni Regionali. Agli Uffici delle Dogane. All Area Centrale Gestione tributi e rapporto con gli utenti

Roma, 12 maggio 2008. Alle Direzioni Regionali. Agli Uffici delle Dogane. All Area Centrale Gestione tributi e rapporto con gli utenti Roma, 12 maggio 2008 Protocollo: 3215 Rif.: Allegati: 1 Alle Direzioni Regionali Agli Uffici delle Dogane All Area Centrale Gestione tributi e rapporto con gli utenti All Area Centrale Verifiche e controlli

Dettagli

Gestione associata SUAP

Gestione associata SUAP Gestione associata SUAP Comuni aderenti CAPRALBA CREMOSANO DOVERA MONTE CREMASCO PANDINO SPINO D'ADDA VAIANO CREMASCO Manuale delle procedure Parte 1 SCIA telematica Versione da consegnare (gennaio 2012)

Dettagli

Agli Uffici delle Dogane di

Agli Uffici delle Dogane di CIRCOLARE N. 4/D Roma, 11 febbraio 2004 Protocollo: 4837 Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Alle Direzioni delle Circoscrizioni Doganali LORO SEDI Agli Uffici

Dettagli

Saluti a tutti. Silvio Marelli.

Saluti a tutti. Silvio Marelli. Le seguenti normative che vedrete in allegato regolano la movimentazione di alcune specie animali compresi i cani all'interno della comunità europea, specificando i casi in cui il numero è superiore o

Dettagli

Comitato Ecolabel Ecoaudit Sezione Ecolabel Italia PROCEDURE OPERATIVE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEL MARCHIO ECOLABEL. Revisione 1.

Comitato Ecolabel Ecoaudit Sezione Ecolabel Italia PROCEDURE OPERATIVE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEL MARCHIO ECOLABEL. Revisione 1. Comitato Ecolabel Ecoaudit Sezione Ecolabel Italia PROCEDURE OPERATIVE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEL MARCHIO ECOLABEL Revisione 1. PROCEDURE ecolabel rev1 Premesso che : regolamento CE n. 1980/2000

Dettagli

Al Dipartimento per le Politiche fiscali Via Pastrengo n. 22 00187 ROMA (fax 06/47603910)

Al Dipartimento per le Politiche fiscali Via Pastrengo n. 22 00187 ROMA (fax 06/47603910) Roma, 25.02.2008 Protocollo: 535/V Rif.: Allegati: 1 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI e per conoscenza: Agli Uffici di diretta collaborazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 5/D. Roma, 19 febbraio 2003. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle. Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane

CIRCOLARE N. 5/D. Roma, 19 febbraio 2003. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle. Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane CIRCOLARE N. 5/D Roma, 19 febbraio 2003 Protocollo: 696/V Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI

Dettagli

IL VICEDIRETTORE dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

IL VICEDIRETTORE dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ADM.MNUC Reg. Uff. n.104077 del 22/12/2014 IL VICEDIRETTORE dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli VISTO il Testo Unico di cui al Regio Decreto 18 giugno 1931, n. 773, (T.U.L.P.S.), e successive modificazioni

Dettagli

( P R O V I N C I A D I N A P O L I ) REGOLAMENTO. PER L'UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE e-mail E DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC)

( P R O V I N C I A D I N A P O L I ) REGOLAMENTO. PER L'UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE e-mail E DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC) C I T T À D I B A C O L I C I T T A D I B A C O L I ( P R O V I N C I A D I N A P O L I ) REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE e-mail E DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC) (adottato con

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATICI E ARCHIVI DIGITALI

DOCUMENTI INFORMATICI E ARCHIVI DIGITALI Prof. Stefano Pigliapoco DOCUMENTI INFORMATICI E ARCHIVI DIGITALI s.pigliapoco@unimc.it Il nuovo codice dell amministrazione digitale (CAD) Il decreto legislativo 30 dicembre 2010, n. 235, adottato a norma

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole DIPARTIMENTO DELLE FILIERE AGRICOLE E AGROALIMENTARI DIREZIONE GENERALE DELLA PESCA MARITTIMA E DELL ACQUACOLTURA VISTO il decreto legislativo 26 maggio 2004, n. 154,

Dettagli

Ricordiamo che la nuova newsletter è pubblicata sul sito del Consiglio Nazionale degli spedizionieri doganali (www.cnsd.it.)

Ricordiamo che la nuova newsletter è pubblicata sul sito del Consiglio Nazionale degli spedizionieri doganali (www.cnsd.it.) 2 31/01/2015 Roma, 31 Gennaio 2015 Gentile Spedizioniere Doganale, alleghiamo la Newsletter N 2 del 31 gennaio 2015. Tra gli argomenti trattati: - Riunione del tavolo tecnico e-customs del 27 gennaio 2015,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Regolamento (CE) N. 765/2008 del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI E DEI BENEFICI ECONOMICI A ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI E DEI BENEFICI ECONOMICI A ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI COMUNE DI TORRI DEL BENACO PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI E DEI BENEFICI ECONOMICI A ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI Delibera di Consiglio Comunale n. 6

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/D. Roma, 19 Gennaio 2015. Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Interprovinciale LORO SEDI. Agli Uffici delle dogane LORO SEDI

CIRCOLARE N. 1/D. Roma, 19 Gennaio 2015. Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Interprovinciale LORO SEDI. Agli Uffici delle dogane LORO SEDI CIRCOLARE N. 1/D Protocollo: Rif.: Allegati: 145541/R.U. Roma, 19 Gennaio 2015 Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Interprovinciale LORO SEDI Agli Uffici delle dogane LORO SEDI e, p.c.: Agli Uffici

Dettagli

Il servizio E.D.I. L Intra telematico

Il servizio E.D.I. L Intra telematico Il servizio E.D.I. L Intra telematico Bolzano, 15 dicembre2009 1 1) Principali novità Intra 2) Servizio E.D.I PROGRAMMA 3) L istanza di adesione 4) La firma elettronica 5) Le modifiche 6) Il Flusso di

Dettagli

REGOLAMENTI. 29.5.2009 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 134/1

REGOLAMENTI. 29.5.2009 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 134/1 29.5.2009 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 134/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 428/2009 del Consiglio

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

Dalla trasparenza all accessibilità totale delle informazioni nella PA. E nella scuola? Modalità e limiti applicativi. Anna Armone

Dalla trasparenza all accessibilità totale delle informazioni nella PA. E nella scuola? Modalità e limiti applicativi. Anna Armone Dalla trasparenza all accessibilità totale delle informazioni nella PA. E nella scuola? Modalità e limiti applicativi Anna Armone Le case della trasparenza Art. 1 l. 241/1990 L attività amministrativa

Dettagli

Legge 18 marzo 1968, n. 337 Disposizioni sui circhi equestri e sullo spettacolo viaggiante

Legge 18 marzo 1968, n. 337 Disposizioni sui circhi equestri e sullo spettacolo viaggiante Legge 18 marzo 1968, n. 337 Disposizioni sui circhi equestri e sullo spettacolo viaggiante TITOLO I Art. 1. Lo Stato riconosce la funzione sociale dei circhi equestri e dello spettacolo viaggiante. Pertanto

Dettagli

IN VIGORE DAL 1 GIUGNO 2011

IN VIGORE DAL 1 GIUGNO 2011 IN VIGORE DAL 1 GIUGNO 2011 INDICE 1.0 SCOPO 2.0 CAMPO DI APPLICAZIONE 3.0 DEFINIZIONI 4.0 RIFERIMENTI 5.0 DESCRIZIONE DEL PROCESSO 5.1 Modalità 5.2 Ruoli e Responsabilità 6.0 MODULISTICA ALLEGATA E ARCHIVIAZIONE

Dettagli

IL DIRETTORE CENTRALE. Visto il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 e successive modifiche e integrazioni;

IL DIRETTORE CENTRALE. Visto il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 e successive modifiche e integrazioni; Prot. 29349 R. I. IL DIRETTORE CENTRALE Visto il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 e successive modifiche e integrazioni; Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e successive modifiche

Dettagli

PARTE I - LE IMPORTAZIONI

PARTE I - LE IMPORTAZIONI PARTE I - LE IMPORTAZIONI Regolamento (CEE) n. 2913 13 D.P.R. 26/10/1972, n. 633 - Artt. 67-72 Istituzione e disciplina dell'imposta sul valore aggiunto 35 Decreto Ministero delle Finanze 24/12/1993 -

Dettagli

3. È istituito presso il Ministero di grazia e giustizia, Ufficio centrale degli archivi notarili, il registro generale dei testamenti.

3. È istituito presso il Ministero di grazia e giustizia, Ufficio centrale degli archivi notarili, il registro generale dei testamenti. L. 25 maggio 1981, n. 307 (1). Ratifica ed esecuzione della convenzione relativa alla istituzione di un sistema di registrazione dei testamenti, firmata a Basilea il 16 maggio 1972 (2). 1. Il Presidente

Dettagli

REGOLAMENTO. Premessa

REGOLAMENTO. Premessa REGOLAMENTO RECANTE LE MODALITÀ PER L ACCREDITAMENTO E LA VIGILANZA SUI SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI CHE SVOLGONO ATTIVITÀ DI GESTIONE DEI SERVIZI DI REGISTRAZIONE E DI MESSA A DISPOSIZIONE DELLE CREDENZIALI

Dettagli

La fattura elettronica

La fattura elettronica La fattura elettronica L. 69 del 2009 art. 32 Eliminazione degli sprechi relativi al mantenimento di documenti in forma cartacea Dal 1 gennaio 2010 Pubblicazione sui siti web con effetti legali..salvo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE, ECONOMICA E FINANZIARIA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE, ECONOMICA E FINANZIARIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE, ECONOMICA E FINANZIARIA REGOLAMENTO APPROVATO DALLA GIUNTA DI UNIONCAMERE LAZIO CON DELIBERAZIONE N. 64 DEL 30 SETTEMBRE 2013 Articolo 1 Definizione 1. L Unioncamere

Dettagli

UFFICIO LEGISLATIVO. Prot. n. 5071 Roma, lì 09/03/2009

UFFICIO LEGISLATIVO. Prot. n. 5071 Roma, lì 09/03/2009 UFFICIO LEGISLATIVO Prot. n. 5071 Roma, lì 09/03/2009 Al Direttore generale per i beni architettonici, storicoartistici ed etnoantropologici Via di S. Michele, 22 R O M A e,p.c. Al Segretario Generale

Dettagli

Rilevazione a fini fiscali di taluni trasferimenti da e per l'estero di denaro, titoli e valori 2. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Rilevazione a fini fiscali di taluni trasferimenti da e per l'estero di denaro, titoli e valori 2. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA D.L. 28 giugno 1990, n. 167 1. Rilevazione a fini fiscali di taluni trasferimenti da e per l'estero di denaro, titoli e valori 2. Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto.

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto. LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013 La legge 24/12/2012 n. 228, pubblicata nella G.U. 29/12/2012 N. 312, supplemento ordinario n. 212 (legge di stabilità), ha recepito nell ordinamento nazionale le misure

Dettagli

Principali nozioni sulla conoscenza e potenzialità del servizio Telematico delle Dogane

Principali nozioni sulla conoscenza e potenzialità del servizio Telematico delle Dogane Principali nozioni sulla conoscenza e potenzialità del servizio Telematico delle Dogane Il Servizio Telematico Doganale E.D.I. (Electronic Data Interchange) Che cos è Perché è nato E.D.I. (Electronic Data

Dettagli

Deliberazione n.15/2001/g REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei Conti. Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo

Deliberazione n.15/2001/g REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei Conti. Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo Deliberazione n.15/2001/g REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei Conti in Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato I e II Collegio nell adunanza congiunta

Dettagli

La conservazione della fattura elettronica e della pec

La conservazione della fattura elettronica e della pec Confindustria Firenze 17 luglio 2014 La conservazione della fattura elettronica e della pec Relatore Avv. Chiara Fantini Of Counsel Studio Legale Frediani - Partner DI & P Srl Indice Quadro normativo in

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale

Regione Autonoma della Sardegna Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale Servizio Programmazione, Gestione, Monitoraggio e Controllo della Formazione BANDO PUBBLICO PER IL FINANZIAMENTO DI CORSI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per il Mercato, la Concorrenza, il Consumatore, la Vigilanza e la Normativa Tecnica Il Direttore Generale VISTO il Regolamento (UE) n. 305/2011 del

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza e Fondo di Assistenza per il Personale della Pubblica Sicurezza

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza e Fondo di Assistenza per il Personale della Pubblica Sicurezza Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza e Fondo di Assistenza per il Personale della Pubblica Sicurezza Avviso Pubblico di Invito a manifestare interesse Il Fondo di assistenza Personale

Dettagli

REDAZIONALE SPORTELLO UNICO DOGANALE DPCM 4.11.2010, N.242, SU G.U. N.10 DEL 14.1.2011.

REDAZIONALE SPORTELLO UNICO DOGANALE DPCM 4.11.2010, N.242, SU G.U. N.10 DEL 14.1.2011. REDAZIONALE SPORTELLO UNICO DOGANALE DPCM 4.11.2010, N.242, SU G.U. N.10 DEL 14.1.2011. Dopo un iter legislativo durato sette anni è stato emanato il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri che

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNÀ EUROPEE Bruxelles, 20.10.2004 COM(2004) 682 definitivo Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO recante modifica dell articolo 3 della decisione 98/198/CE che autorizza il Regno Unito

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE TECNOLOGICA Alle amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs.

Dettagli

IL MINISTRO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA di concerto con IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE

IL MINISTRO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA di concerto con IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE DECRETO 17 dicembre 1999, n. 539 (pubblicato nella G.U.R.I. dell 8 febbraio 2000 serie generale n. 31) Regolamento recante condizioni e modalità dell intervento del Fondo centrale di garanzia per il credito

Dettagli

DEMATERIALIZZAZIONE E OPERAZIONI INTRA ED EXTRA UE

DEMATERIALIZZAZIONE E OPERAZIONI INTRA ED EXTRA UE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE Dematerializzazione documentale DEMATERIALIZZAZIONE E OPERAZIONI INTRA ED EXTRA UE Alberto Baj Macario Data - Luogo (es. Sala Convegni) S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Dettagli

Circolare n. 37/D. Roma, 29 settembre 2005. Alle Direzioni Regionali Loro Sedi. Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane Loro Sedi

Circolare n. 37/D. Roma, 29 settembre 2005. Alle Direzioni Regionali Loro Sedi. Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane Loro Sedi Roma, 29 settembre 2005 Protocollo: 2074/5201 Rif.: Allegati: 1 Circolare n. 37/D Alle Direzioni Regionali Loro Sedi Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane Loro Sedi Agli Uffici delle

Dettagli

2. Requisiti dei soggetti beneficiari, documentazione richiesta e modalità di presentazione delle domande dei soggetti richiedenti.

2. Requisiti dei soggetti beneficiari, documentazione richiesta e modalità di presentazione delle domande dei soggetti richiedenti. ALLEGATO A Linee guida ai Comuni per l erogazione dei contributi per la fornitura gratuita, totale o parziale, dei libri di testo, per l anno scolastico 2013-2014, a favore degli alunni residenti nel Lazio,

Dettagli

BANDO PER LE IMPRESE

BANDO PER LE IMPRESE BANDO PER LE IMPRESE - Interventi a sostegno dell occupazione erogazione di bonus assunzionali - lavoratori/lavoratrici in Cigs della A. Merloni in A.S. 1. FINALITA Con il presente bando, in attuazione

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Controllo a posteriori dei certificati di circolazione delle merci EUR 1/EUR-MED e A.TR. e relativa procedura di rilascio. Istruzioni.

Controllo a posteriori dei certificati di circolazione delle merci EUR 1/EUR-MED e A.TR. e relativa procedura di rilascio. Istruzioni. CIRCOLARE N. 11/D Roma, 28 aprile 2010 Protocollo: 39851 RU Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali e Interregionali Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI e, p.c. All Ufficio Antifrode Centrale Alla Direzione

Dettagli

Sul sito dell Agenzia delle Dogane è stata pubblicata l' ISTANZA DI INTERPELLO PRODOTTA DAL SIG. XX IN TEMA DI COMPILAZIONE DEL DAU

Sul sito dell Agenzia delle Dogane è stata pubblicata l' ISTANZA DI INTERPELLO PRODOTTA DAL SIG. XX IN TEMA DI COMPILAZIONE DEL DAU Sul sito dell Agenzia delle Dogane è stata pubblicata l' ISTANZA DI INTERPELLO PRODOTTA DAL SIG. XX IN TEMA DI COMPILAZIONE DEL DAU La questione riguarda l operazione disciplinata all articolo 8, lettera

Dettagli

Prova della cessione intracomunitaria: prassi nazionale e giurisprudenza comunitaria Casi pratici

Prova della cessione intracomunitaria: prassi nazionale e giurisprudenza comunitaria Casi pratici Studio Tributario e Societario Co-brand logo Prova della cessione intracomunitaria: prassi nazionale e giurisprudenza comunitaria Casi pratici Dott.ssa Barbara Rossi Cessioni intracomunitarie Effettiva

Dettagli

COMITATO ECOLABEL ED ECOAUDIT SEZIONE EMAS ITALIA

COMITATO ECOLABEL ED ECOAUDIT SEZIONE EMAS ITALIA COMITATO ECOLABEL ED ECOAUDIT SEZIONE EMAS ITALIA PROCEDURA PER LA REGISTRAZIONE CUMULATIVA UE PER LE ORGANIZZAZIONI CHE FACCIANO RICHIESTA DI REGISTRAZIONE IN ITALIA AI SENSI DEL REGOLAMENTO CE 1221/2009

Dettagli

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 15 dicembre 2010 Criteri per l iscrizione all Albo nella categoria 8: intermediazione e commercio dei rifiuti. IL COMITATO NAZIONALE Visto il decreto legislativo

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE A seguito dell ingresso di Romania e Bulgaria nell Unione europea a decorrere dall 1.1.2007, le operazioni poste in essere con operatori residenti in tali Stati sono qualificate

Dettagli

CONFETRA. Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto. Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA

CONFETRA. Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto. Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA CONFETRA Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA 1 Roma, 15 marzo 2010 1 Norme e prassi: evoluzione Direttiva

Dettagli

Dr.ssa Anna Maria Scuderi

Dr.ssa Anna Maria Scuderi D.M. MAP 593/2000 E SS.MM.II.: MODALITÀ PROCEDURALI PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI PREVISTE DAL DECRETO LEGISLATIVO DEL 27 LUGLIO 1999, N. 297 (ARTT. DA 5 A 16) Tale decreto riunisce in un unico

Dettagli

CIRCOLARE N. 51/D. Roma, 23 dicembre 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Loro Sedi.

CIRCOLARE N. 51/D. Roma, 23 dicembre 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Loro Sedi. CIRCOLARE N. 51/D Protocollo: 17014 Roma, 23 dicembre 2005 Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici delle

Dettagli

Azienda Ospedaliera Brotzu. Servizio Provveditorato Ospedale di rilievo nazionale e alta. Piazzale Ricchi 1, 09134 Cagliari

Azienda Ospedaliera Brotzu. Servizio Provveditorato Ospedale di rilievo nazionale e alta. Piazzale Ricchi 1, 09134 Cagliari Dipartimento Amministrativo Capitolato Speciale d appalto Procedura Aperta per la fornitura di G.P.L. da riscaldamento con comodato d uso gratuito del serbatoio, per i corpi separati dell Azienda Ospedaliera

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

ASL 2 SAVONESE. FORMA DEI CONTRATTI Tutti i contratti della Pubblica amministrazione richiedono, a pena di nullità, la forma scritta.

ASL 2 SAVONESE. FORMA DEI CONTRATTI Tutti i contratti della Pubblica amministrazione richiedono, a pena di nullità, la forma scritta. ASL 2 SAVONESE REGOLAMENTO PER LA STIPULA DEI CONTRATTI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE (Approvato con Deliberazione del Direttore Generale n 1152 del 30/12/2014) OGGETTO Il presente Regolamento, nell osservanza

Dettagli

Emana il seguente decreto:

Emana il seguente decreto: D.P.R. 27 gennaio 2012, n. 43. Regolamento recante attuazione del regolamento (CE) n. 842/2006 su taluni gas fluorurati ad effetto serra. (G.U. 20 aprile 2012, n. 93) IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto

Dettagli

COMUNE DI ANAGNI Provincia di Frosinone

COMUNE DI ANAGNI Provincia di Frosinone COMUNE DI ANAGNI Provincia di Frosinone BANDO DI GARA CON PROCEDURA RISTRETTA PER L AFFIDAMENTO A TITOLO GRATUITO DEL SERVIZIO DI TESORERIA INDETTA CON DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO FINANZIARIO

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 23 febbraio 2015 Modalita' di utilizzo delle risorse non utilizzate del Fondo rotativo per il sostegno alle imprese e gli investimenti di ricerca e riparto

Dettagli

DELIBERA n. 66 del 30.5.14. VISTA la legge 26 febbraio 1987, n. 49, ed in particolare l articolo 7;

DELIBERA n. 66 del 30.5.14. VISTA la legge 26 febbraio 1987, n. 49, ed in particolare l articolo 7; COMITATO DIREZIONALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO DELIBERA n. 66 del 30.5.14 Il Comitato Direzionale per la Cooperazione allo Sviluppo VISTA la legge 26 febbraio 1987, n. 49, ed in particolare l articolo

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per lo Sviluppo Sostenibile, il Clima e l energia DECRETO PER LA PROMOZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE NELLE

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

Settore d imposta del vino. Disciplina della circolazione. Documento di trasporto denominato modello MVV. Linee direttrici.

Settore d imposta del vino. Disciplina della circolazione. Documento di trasporto denominato modello MVV. Linee direttrici. CIRCOLARE N. 3 Roma, 07 aprile 2014 Protocollo: Rif.: Allegati: 36726/RU Alle Direzioni Interregionali e Regionali delle dogane Alla Direzione interprovinciale di Bolzano e Trento Agli Uffici delle Dogane

Dettagli

INDIRIZZI IN ALLEGATO

INDIRIZZI IN ALLEGATO MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DELLA PREVIDENZA MILITARE, DELLA LEVA E DEL COLLOCAMENTO AL LAVORO DEI VOLONTARI CONGEDATI Viale dell'esercito 186-00143 - Roma Prot. n M_D/GPREV/I/! A /1000/335/95

Dettagli

Legge 6 febbraio 1985, n. 15

Legge 6 febbraio 1985, n. 15 Legge 6 febbraio 1985, n. 15 (in Gazz. Uff., 14 febbraio, n. 39). Disciplina delle spese da effettuarsi all'estero dal Ministero degli affari esteri (1) (2) (3). (1) In base all'art. 21, d.p.r. 20 aprile

Dettagli