MINISTERO DELLA DIFESA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MINISTERO DELLA DIFESA"

Transcript

1 MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI III REPARTO POLITICA DEGLI ARMAMENTI SGD G 021 DIRETTIVA APPLICATIVA SULLE PROCEDURE INERENTI I PROGRAMMI DI ARMAMENTO AI SENSI DELLA LEGGE 185/90 Roma Edizione 2009

2 I N D I C E SGD G 021 Versione 00 ATTO DI APPROVAZIONE.pag. III ELENCO DI DISTRIBUZIONE pag. IV REGISTRZAZIONI AGGIUNTE E VARIANTI..pag. V 1. PREMESSA SCOPO RIFERIMENTI Provvedimenti legislativi Atti e Circolari DEFINIZIONE DELLA PROCEDURA 4.1 GENERALITÀ OPERAZIONI PER CONTO DELLO STATO Obblighi delle Imprese Istanza complessiva per importazione (temporanea e/o definitiva ) nel quadro di programmi di armamento (art.1 comma 8 lettera a) legge 185/90) Istanza complessiva per esportazione temporanea nel quadro di programmi di armamento (art.1 comma 9 lettera a) legge 185/90) Istanza complessiva per importazione (temporanea e/o definitiva ) e di esportazione temporanea nel quadro dei programmi intergovernativi (art.11 comma 1 lettera a) DPCM 93/05) Dichiarazioni in dogana Operazioni con Paesi UE Operazioni con Paesi extracomunitari Obblighi dell Amministrazione della Difesa SGD/DNA Direzione Generale competente Ufficio Centrale del Bilancio e degli Affari Finanziari (BILANDIFE) Organi periferici competenti del Ministero della Difesa (Uffici Tecnici Territoriali) ABROGAZIONE ELENCO ALLEGATI A : Quadro Sinottico della successione delle operazioni B : Modello di Dichiarazione di Trasporto e Transito Intracomunitario (DTTI) C : Modello di Documento Amministrativo Unico per le dichiarazioni di importazione e di esportazione (DAU) II

3

4 ELENCO DI DISTRIBUZIONE SGD G 021 Versione 00 PER COMPETENZA E N T E MINISTERO DELLA DIFESA Direzione Generale degli Armamenti Terresti Ufficio GCT MINISTERO DELLA DIFESA Direzione Generale degli Armamenti Navali Ufficio GCT MINISTERO DELLA DIFESA Direzione Generale degli Armamenti Aeronautici Ufficio GCT MINISTERO DELLA DIFESA Direzione Generale delle Telecomunicazioni,dell Informatica e delle Tecnologie Avanzate - Ufficio GCT PER CONOSCENZA E N T E PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI U.C.P.M.A. Via del Corso, 184 PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Autorità Nazionale Sicurezza U.C.Se Via della Pineta Sacchetti, 216 MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DGAE UAMA Piazzale della Farnesina, 1 STATO MAGGIORE DELLA DIFESA II Reparto Informazioni e Sicurezza Uff. M.A.T. Viale delle Milizie 5/A MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Agenzia delle Dogane Servizio Strategico Militare A.V.C.T. Via Mario Crucci, 71 MINISTERO DEGLI INTERNI Dipartimento P.S. Uff. Amm.ne Gen.le Uff.Aff. Pol. Amm.va e Sociale Via A. De Petris MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Dipartimento del Tesoro Direzione V Ufficio I Via XX Settembre, 97 MINISTERO DELLA DIFESA Direzione Generale del Bilancio e degli Affari Finanziari Uff. Aff. Fiscali e Doganali DISTRIBUZIONE INTERNA E N T E II REPARTO IV REPARTO N DI COPIE N DI COPIE N DI COPIE IV

5 REGISTRAZIONE DELLE AGGIUNTE E VARIANTI SGD G 021 Versione V

6 SGD G 021 Versione PREMESSA La legge 17 giugno 2003 n.148 ha modificato tra l altro l art.5 della legge 9 luglio 1990 n.185, in particolare richiedendo indicazioni analitiche - per tipi, quantità e valori monetari anche delle operazioni svolte nel quadro di programmi intergovernativi o a seguito di concessione di licenza globale di progetto da includere nella relazione annuale da presentare al Parlamento. Da ciò è derivata l esigenza di aggiornare le procedure che l'amministrazione Difesa, gli Uffici doganali e le imprese del settore debbono porre in essere per il controllo della movimentazione dei materiali di armamento, sia nelle transazioni con i Paesi Terzi, sia in quelle comunitarie Ai fini della presente direttiva, si precisa che il termine programmi citato nell art.1 comma 8 lettera a) e comma 9 lettera a) della legge 185/90, è attribuito sia alle attività di approvvigionamento, mantenimento in efficienza e ammodernamento dei materiali appartenenti o destinati alle Forze Armate o di Polizia, che nella presente Direttiva verranno sempre indicati come programmi di armamento, sia alle attività riguardanti sistemi d arma destinati alle Forze Armate, che derivano da intese intergovernative stipulate dal Governo italiano con altri Governi, individuati ai sensi dell articolo 11 comma 1 lettera a) del DPCM 14 gennaio 2005, n.93, che nella presente Direttiva verranno sempre indicati come programmi intergovernativi 1. Dalla presente Direttiva sono, pertanto, esclusi: i programmi congiunti intergovernativi o industriali di cui all art.11 comma 1 lettera b) del DPCM 14 gennaio 2005, n.93; le operazioni di esportazione relative a disegni, schemi ed ogni tipo ulteriore di documentazione e di informazione necessario allo sviluppo e produzione di materiali di armamento. È, invece, consentita la movimentazione, contestualmente al materiale, della documentazione relativa al suo utilizzo e manutenzione. 2. SCOPO Definire una procedura che consenta: di identificare le operazioni di importazione definitiva/temporanea e di esportazione temporanea che possono essere effettuate da parte di un Impresa autorizzata, come operazioni per conto dello Stato in uno specifico programma di armamento ed equipaggiamento delle Forze Armate e di Polizia ai fini di quanto previsto dalla Legge 185/90; di assicurare uniformità procedurale da parte degli Organi del Ministero della Difesa competenti nel processo di conferma di appartenenza dei materiali al programma di armamento e/o programma intergovernativo interessato. 1 L elenco dei programmi intergovernativi viene costantemente aggiornato al Segretariato Generale della Difesa

7 3. RIFERIMENTI Sono rilevanti, ai fini della Direttiva, i seguenti riferimenti normativi: SGD G 021 Versione Provvedimenti legislativi Legge 9 luglio 1990 n.185 Nuove norme sul controllo dell esportazione, importazione e transito dei materiali d armamento ; Legge 17 giugno 2003 n.148 Ratifica ed esecuzione dell'accordo quadro tra la Repubblica francese, la Repubblica federale di Germania, la Repubblica italiana, il Regno di Spagna, il Regno di Svezia e il Regno Unito della Gran Bretagna e dell'irlanda del Nord relativo alle misure per facilitare la ristrutturazione e le attività dell'industria europea per la difesa, con allegato, fatto a Farnborough il 27 luglio 2000, nonché modifiche alla legge 9 luglio 1990, n.185 ; DPR 23 gennaio 1973 n.43 Approvazione del testo unico delle disposizioni legislative in materia doganale ; DPCM 14 gennaio 2005 n.93 Nuovo Regolamento di Esecuzione della Legge 9 luglio 1990 n.185, recante nuove norme per il controllo dell esportazione, importazione e transito dei materiali d armamento ; Reg. CEE del Consiglio n. 2913/92 del 12 ottobre 1992 che istituisce un codice doganale comunitario; Reg. CEE n. 2454/93 della Commissione del 2 luglio 1993 che fissa talune disposizioni di applicazione del regolamento CEE 2913/92 del Consiglio che istituisce il codice doganale comunitario. 3.2 Atti e Circolari Lettera del 5 giugno 1996 n.uma/9/398/d.2 della Presidenza Consiglio dei Ministri/UCPMA; Lettera del 28 aprile 1999 n.ucm/uma/i/194/0/d.2.3 della Presidenza del Consiglio dei Ministri/UCPMA ; Circolare 3 ottobre /D dell Agenzia delle Dogane; Lettera del 7 giugno 2006 n.635/ucm/h della Presidenza del Consiglio dei Ministri/UCPMA 2 ; Circolare 29 marzo /D dell Agenzia delle Dogane; Circolare 31 gennaio 2007 n.2721 del Ministero Affari Esteri - UAMA 4. DEFINIZIONE DELLA PROCEDURA (sinottico della successione delle operazioni in Allegato A ) 4.1 GENERALITÀ Le operazioni per le quali la Legge 185/90 non prevede il rilascio di apposita autorizzazione del Ministero degli Affari Esteri sono: importazioni (temporanee e/o definitive) effettuate direttamente dall Amministrazione dello Stato o per conto di questa per la realizzazione dei programmi di armamento ed equipaggiamento delle Forze Armate e di Polizia (art.1 comma 8 lett.a) legge 185/90); esportazioni temporanee effettuate direttamente o per conto dell Amministrazione dello Stato per la realizzazione di propri programmi di armamento ed equipaggiamento delle Forze Armate e di Polizia (art.1 comma 9 lett.a) legge 185/90). 2 Per uso interno all Amministrazione

8 SGD G 021 Versione 00 Tali operazioni possono svolgersi nel quadro di programmi di armamento o di programmi intergovernativi". 4.2 OPERAZIONI EFFETTUATE PER CONTO DELLO STATO Obblighi delle Imprese Istanza complessiva per importazione (temporanea e/o definitiva) nel quadro di programmi di armamento (art.1 comma 8 lettera a) legge 185/90) L Impresa, fornitrice diretta o sub-fornitrice, a fronte dell esigenza contrattuale relativa al programma per conto dell Amministrazione dello Stato presenterà istanza alla Direzione Generale competente fornendo le seguenti informazioni: estremi dell iscrizione al Registro Nazionale delle Imprese (SRNI); programma; estremi del contratto/ordine dell Amministrazione o dell Agenzia di programma; lista di materiali da importare corredata da: a) Dichiarazione sostitutiva dall atto di notorietà ai sensi dell articolo 47 del DPR 445/00 (DSAN) attestante: il tipo di materiale, identificato in accordo all'articolo 2 della legge 185/90, che il materiale non è classificato o, in caso contrario, sua classifica di segretezza, che il materiale è riconducibile al programma/contratto di riferimento, che il materiale è movimentato in adempimento alle obbligazioni contrattuali assunte verso l Amministrazione dello Stato o dall Amministrazione dello Stato; b) quantità globale presunta; c) valore monetario globale presunto; d) Ufficio Tecnico Territoriale competente; e) Ufficio Doganale competente. f) ogni altra informazione ritenuta necessaria anche ai fini della riesportazione

9 SGD G 021 Versione Istanza complessiva per esportazione temporanea nel quadro di programmi di armamento (art.1 comma 9 lettera a) legge 185/90) L Impresa, fornitrice diretta o sub-fornitrice, a fronte dell esigenza contrattuale relativa al programma per conto dell Amministrazione dello Stato presenterà istanza alla Direzione Generale competente fornendo le seguenti informazioni: estremi dell iscrizione al Registro Nazionale delle Imprese (SRNI); programma; estremi del contratto/ordine dell Amministrazione o dell Agenzia di programma; lista di materiali da esportare corredata da: a) DSAN attestante: il tipo di materiale, identificato in accordo all'articolo 2 della legge 185/90, che il materiale non è classificato o, in caso contrario, sua classifica di segretezza, che il materiale è riconducibile al programma/contratto di riferimento, che il materiale è movimentato in adempimento delle obbligazioni contrattuali assunte verso l Amministrazione dello Stato o dall Amministrazione dello Stato; b) quantità globale presunta; c) valore monetario globale presunto; d) destinatario ((paese/impresa) e, per i materiali classificati, eventuale tramite; e) natura del processo di lavorazione o scopo della temporanea esportazione; f) Ufficio Tecnico Territoriale competente; g) Ufficio Doganale competente. h) ogni altra informazione ritenuta necessaria anche ai fini della reimportazione; Istanza complessiva per importazione (temporanea e/o definitiva) e di esportazione temporanea nel quadro dei programmi intergovernativi (art.11 comma 1 lettera a) DPCM 93/05) L Impresa, fornitrice diretta o sub-fornitrice, a fronte dell esigenza contrattuale relativa al programma per conto dell Amministrazione dello Stato presenterà istanza alla Direzione Generale competente fornendo le seguenti informazioni: estremi dell iscrizione al Registro Nazionale delle Imprese (SRNI); programma; attestazione di Impresa appartenente al Programma;

10 SGD G 021 Versione 00 lista di materiali da esportare corredata da: a) DSAN attestante: il tipo di materiale, identificato in accordo all'articolo 2 della legge 185/90, che il materiale non è classificato o, in caso contrario, sua classifica di segretezza, che il materiale è riconducibile al programma/contratto di riferimento, che il materiale è movimentato in adempimento delle obbligazioni contrattuali assunte verso l Amministrazione dello Stato o dall Amministrazione dello Stato; b) destinatario ((paese/impresa) e, per i materiali classificati, eventuale tramite, per le sole operazioni di esportazione temporanee c) Ufficio Tecnico Territoriale competente; d) Ufficio Doganale competente. e) ogni altra informazione ritenuta necessaria anche ai fini della riesportazione o della reimportazione; Per l'eventuale trasformazione in movimentazione definitiva dei materiali già temporaneamente movimentati deve essere applicato quanto previsto dalla Circolare MAE n.2721 del 31 gennaio Dichiarazioni in dogana Operazioni con Paesi UE L'Impresa indicherà sulla Dichiarazione di Trasporto e Transito Intracomunitario (DTTI - Allegato B ) il riferimento del provvedimento dell Amministrazione competente, la tipologia di operazione che intende effettuare, l indicazione dei riferimenti di legge, nonché il valore, ai soli fini doganali, dell operazione Operazioni con Paesi extracomunitari L'Impresa dichiarerà i materiali d'armamento in dogana secondo quanto previsto dalla normativa in vigore (DPR 43/73; Regolamento CEE n.2913/92 e Regolamento CEE n.2454/93), indicando nella dichiarazione doganale (Documento Amministrativo Unico DAU Allegato C ) a il riferimento del provvedimento dell Amministrazione competente Obblighi dell Amministrazione della Difesa SGD/DNA Per ogni programma intergovernativo" il SGD/DNA comunica alle imprese, alla Direzione Generale competente, al Ministero degli Affari Esteri (UAMA) ed all Agenzia delle Dogane (Area Centrale Verifiche e Controlli Tributi Doganali e Accise) le seguenti informazioni, assicurandone l eventuale aggiornamento:

11 SGD G 021 Versione 00 l'elenco delle imprese iscritte al SRNI partecipanti ad ogni programma intergovernativo le quali possono effettuare operazioni per conto dell Amministrazione dello Stato ; l applicabilità dell articolo 19 comma 4 e dell articolo 20 comma 1 della legge 185/90 a tutte le operazioni di movimentazione di materiale d armamento nel singolo programma intergovernativo; l applicabilità a livello periferico, presso gli Uffici Tecnici Territoriali del Ministero della Difesa, delle disposizioni nazionali di attuazione del Regolamento UE n.150/03; Direzione Generale competente La Direzione Generale competente entro 30 gg calendariali dalla presentazione dell istanza complessiva: verifica, consultando, per gli aspetti di competenza, il Segretariato Generale della Difesa e Direzione Nazionale degli Armamenti III Reparto Politica degli Armamenti, che le operazioni di cui alle istanze ai para 4.2.1, 2. e 3. possano essere considerate come svolte per conto dell Amministrazione dello Stato per la realizzazione di "programmi di armamento" e programmi intergovernativi 3 e, quindi, rientranti fra i casi previsti dalla Legge 185/90 e successive modificazioni. Qualora si tratti di esportazione temporanea di materiale classificato la Direzione Generale competente predispone il provvedimento autorizzativo, informando il Segretariato Generale della Difesa - III Reparto e previo nulla osta dello Stato Maggiore della Difesa II Reparto Informazioni e Sicurezza ; accertata la completezza della stessa autorizza con proprio provvedimento l Impresa a poter effettuare tali operazioni per conto dello Stato; trasmette tale provvedimento autorizzativo all impresa richiedente e, unito alla copia dell istanza dell Impresa, all Ufficio Centrale del Bilancio (BILANDIFE) - Ufficio Affari Fiscali e Doganali ed all'ufficio Tecnico Territoriale competente evidenziando che il provvedimento sarà reso esecutivo dall Ufficio doganale territorialmente competente allo svolgimento dell operazione a seguito della comunicazione di BILANDIFE. 3 La certificazione dei programmi intergovernativi è costituita da un provvedimento amministrativo emesso da SGD/DNA III Reparto che individua gli operatori nell ambito di detti programmi.

12 SGD G 021 Versione Ufficio Centrale del Bilancio e degli Affari Finanziari (BILANDIFE) - Ufficio Affari Fiscali e Doganali in ambito Nazionale ed Intracomunitario verifica la completezza della pratica ricevuta dalla Direzione Generale competente (istanza complessiva dell Impresa e provvedimento di autorizzazione della Direzione Generale); trasmette, a meno di ulteriori approfondimenti, entro 15 giorni calendariali dalla ricezione degli atti da parte della Direzione Generale competente, il provvedimento autorizzativo della Direzione Generale competente e l istanza complessiva dell impresa all Ufficio doganale territorialmente competente, informando, contestualmente: la Direzione Generale interessata; il Ministero dell Economia e delle Finanze - Dipartimento del Tesoro per quanto attiene le eventuali correlate transazioni bancarie; l'agenzia delle Dogane - Area Centrale Verifiche e controlli tributi doganali e accise - Laboratori chimici; l impresa interessata Organi periferici competenti del Ministero della Difesa (Uffici Tecnici Territoriali) 4 L Organo periferico ricevuto il provvedimento autorizzativo dalla D.G. e la Dichiarazione di Trasporto e Transito Intracomunitario (DTTI- Allegato B ) o il Documento Amministrativo Unico (DAU - Allegato C ) debitamente compilati dall impresa: verifica a livello documentale che sui medesimi: sia riportato il riferimento del provvedimento autorizzativo della Direzione Generale competente; il materiale soggetto alla movimentazione sia: o quello indicato nella richiesta alla Direzione Generale competente, per la quale ha ottenuto il provvedimento autorizzativo, ovvero ne autodichiara la corrispondenza; o pertinente al programma nel caso di programmi complessi comprensivi anche delle fasi di progettazione sviluppo e/o assistenza; appone, nella casella B del DTTI/DAU emesso dall impresa all atto della spedizione/esportazione o di arrivo/importazione, il visto 5 che costituisce conferma di appartenenza, dei materiali al programma di armamento o al programma intergovernativo; 4 Il Ministero Difesa, per il tramite delle Direzioni Generali ha costituito quali organi periferici gli Uffici Tecnici Territoriali e loro Distaccamenti/Nuclei, operanti per il tramite del personale dipendente accreditato presso l Agenzia delle Dogane per mezzo dei quali le Direzioni Generali assicurano l apposizione del Visto sui documenti doganali prodotti dall impresa. 5 I documenti doganali vengono approntati dall Impresa richiedente.

13 SGD G 021 Versione 00 restituisce all Impresa il DTTI/DAU per la successiva presentazione presso l Ufficio doganale territorialmente competente; riceve successivamente a cura dell Impresa copia del DTTI/DAU riportante gli estremi della registrazione apposti dall Ufficio doganale territorialmente competente; tiene presente che, per gli arrivi da Paesi membri dell UE di materiali di armamento ai sensi dell'articolo 2 comma 4 della legge 185/90, l impresa nazionale che riceve la spedizione, se non in possesso della DTTI emessa da altro Stato membro, dovrà compilare e presentare all Ufficio doganale territorialmente competente sulla sede dell impresa, previo visto per conferma di appartenenza del materiale sul documento doganale dell Organo del Ministero della Difesa, una dichiarazione (DTTI) di arrivo della merce con l indicazione del programma di armamento o programma intergovernativo cui fa capo l operazione. L impresa, dopo aver presentato la DTTI all'ufficio doganale, consegnerà all Organo del Ministero della Difesa copia del DTTI riportante gli estremi della registrazione apposti dall Ufficio doganale territorialmente competente. 5. ABROGAZIONE La presente Direttiva, a decorrere dalla data di entrata in vigore, abroga e sostituisce la versione precedente emanata il 2 maggio 2007 con prot.gsgdna e ogni altra disposizione emanata dal SGD/DNA e dagli Enti dipendenti in contrasto con la presente, fatto salve le autorizzazioni già rilasciate secondo quanto disposto dalla Direttiva 2 maggio 2007.

14 Allegato A IMPRESA 7 Istanza 5 1 complessiva Autorizzazione 4 (info) U.T.T. 6 DIREZIONE GENERALE istruttoria S.M.D. R.I.S. classificato Nulla Osta Parere SEGREDIFESA III Reparto BILANDIFE Verifica autorizzazioni 4 (info) 8 (info) 4 (info) MINISTERO ECONOMIA e FINANZE 4 4 (info) AGENZIA DOGANE UFFICIO delle DOGANE 8

15 Allegato B

16

17

18

19

20

21 Allegato C

22

23

24

25

26

27

28

29

30

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 15 dicembre 2010 Criteri per l iscrizione all Albo nella categoria 8: intermediazione e commercio dei rifiuti. IL COMITATO NAZIONALE Visto il decreto legislativo

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica,

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica, L 04/01/1968 Num. 15 Legge 4 gennaio 1968, n. 15 (in Gazz. Uff., 27 gennaio 1968, n. 23). -- Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme 12 3 Preambolo (Omissis).

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri Ufficio del Consigliere Militare Servizio di Coordinamento della Produzione di Materiali di Armamento RAPPORTO del PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI sui lineamenti

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

Immatricolazione dei veicoli provenienti dall estero

Immatricolazione dei veicoli provenienti dall estero Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento Per I Trasporti Terrestri E Per I Sistemi Informativi E Statistici Ufficio di Coordinamento per la Lombardia Circolare interna n. 1 Milano 18/04/2004

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme.

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. LEGGE 4 gennaio 1968, n. 15 (1). Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. ART. 1. (Produzione e formazione, rilascio, conservazione di atti e documenti).

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Prot. 2009/ Roma, 24 marzo 2015 OGGETTO: Descrizione OGGETTO: Depositi IVA Indice 1. Premessa... 3 2. Depositi IVA - definizione... 4 Agenzia delle Entrate

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Prot. n. DGPM/VI/19.000/A/45-109.000/I/15 Roma, 5 marzo 2002 OGGETTO:Erogazione del trattamento privilegiato provvisorio nella misura

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE

e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE Direzione Regionale delle Marche Ufficio Gestione Tributi Ancona, 22 marzo 2013 Ai Comuni della Regione Marche LORO SEDI e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE Reg. Uff. n. 7446 - All. n. 1 OGGETTO: Codice

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 22 luglio 2011 N.4 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 1 settembre 2011, n. 203.

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 22 luglio 2011 N.4 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 1 settembre 2011, n. 203. DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 22 luglio 2011 N.4 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 1 settembre 2011, n. 203. Disposizioni per la tutela amministrativa del segreto di Stato e delle

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO ------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO Gli Stati firmatari della presente convenzione, coscienti della

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Bergamo, 6 maggio 2013 GLI ADEMPIMENTI DOGANALI NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE Dott.ssa

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell economia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Dott.ssa Luigia Scimonelli ISS - Min. del lavoro, della salute e delle politiche sociali Roma, 26 novembre 2008 Indice Convenzione di

Dettagli

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL D.V.1 Di cosa si tratta Il modello D.V.1 è un particolare stampato da allegare alla dichiarazione doganale, nel quale vanno dichiarati gli elementi relativi al valore in dogana

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica Prot. n. 18978/RU IL DIRETTORE DELL AGENZIA di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica VISTA la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese;

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

PROTOCOLLO RELATIVO ALLA CONVENZIONE PER LA PROTEZIONE DELLE ALPI (CONVENZIONE DELLE ALPI) SULLA COMPOSIZIONE DELLE CONTROVERSIE

PROTOCOLLO RELATIVO ALLA CONVENZIONE PER LA PROTEZIONE DELLE ALPI (CONVENZIONE DELLE ALPI) SULLA COMPOSIZIONE DELLE CONTROVERSIE PROTOCOLLO RELATIVO ALLA CONVENZIONE PER LA PROTEZIONE DELLE ALPI (CONVENZIONE DELLE ALPI) SULLA COMPOSIZIONE DELLE CONTROVERSIE La Repubblica d Austria, la Repubblica Francese, la Repubblica Federale

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO)

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO) Servizi Demografici Prot. Uscita del 2410412015 Numero: 0001307 Classifica: 15100.area 3 2 lo11 411 1101 112 1,11,11 11 ji DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Roma, 24 aprile 2015 - AI SIGG.

Dettagli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Prot. R.U. 20990 IL DIRETTORE DELL AGENZIA Visto il Regolamento generale delle lotterie nazionali approvato con Decreto del Presidente della Repubblica 20 novembre 1948, n.1677 e successive modificazioni;

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Gestione Servizi Doganali

Gestione Servizi Doganali Gestione Servizi Doganali GESTIONE SERVIZI DOGANALI Background La gestione delle attività dogali di import/export o transito richiede da sempre figure specializzate all interno delle aziende in grado di

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE IL DIRETTORE CENTRALE Visto l articolo 47 comma 1, del decreto legge 24 aprile 2014, n.

Dettagli

Ultimo aggiornamento: luglio 2008. TAXUD/1619/08 rev. 2.1 ORIENTAMENTI DAU. Pagina 1

Ultimo aggiornamento: luglio 2008. TAXUD/1619/08 rev. 2.1 ORIENTAMENTI DAU. Pagina 1 TAXUD/1619/08 rev. 2.1 ORIENTAMENTI DAU Pagina 1 ELENCO DELLE ABBREVIAZIONI E DEGLI ACRONIMI UTILIZZATI NEGLI ORIENTAMENTI DAU ACP CDC CCIP NC DG TAXUD CE UE EUR.1 Gruppo di Stati dell Africa, dei Caraibi

Dettagli

Roma, 25 marzo 2003 QUESITO

Roma, 25 marzo 2003 QUESITO RISOLUZIONE N. 71/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 marzo 2003 Oggetto: Istanza di interpello D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 642 imposta di bollo su atti e documenti connessi con i contratti

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189 Regolamento concernente il riconoscimento dei titoli di studio accademici, a norma dell'articolo 5 della legge 11 luglio 2002, n. 148. (09G0197)

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5 L. 25 gennaio 1994, n. 82 (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1994): Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. Art. 1 (Iscrizione delle imprese

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

D.P.R. del 30 settembre 1999, n. 361 (s.o. n. 183L alla G.U. del 19-10-1999, n. 246)

D.P.R. del 30 settembre 1999, n. 361 (s.o. n. 183L alla G.U. del 19-10-1999, n. 246) D.P.R. del 30 settembre 1999, n. 361 (s.o. n. 183L alla G.U. del 19-10-1999, n. 246) Regolamento recante norme per la riduzione del costo del gasolio da riscaldamento e del gas di petrolio liquefatto,

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI PER IL COMMERCIO CON L ESTERO Certificati di origine Visti su fatture - Numero meccanografico Carnet ATA Carnet TIR

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI PER IL COMMERCIO CON L ESTERO Certificati di origine Visti su fatture - Numero meccanografico Carnet ATA Carnet TIR GUIDA AGLI ADEMPIMENTI PER IL COMMERCIO CON L ESTERO Certificati di origine Visti su fatture - Numero meccanografico Carnet ATA Carnet TIR A Cura di Claudio Venturi Sommario: - 1- Il certificato d origine.

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6 Guida ai NOVITÀ CIRCOLAZIONE del CONTANTE: LIMITAZIONI NAZIONALI e COMUNITARIE Analisi della circolazione del contante alla luce degli interventi chiarificatori offerti dal Mef, dall Agenzia delle Entrate,

Dettagli

Ai Signori Segretari Regionali

Ai Signori Segretari Regionali Venezia, 14 GEN. 1993, prot. n. 313/SGP Oggetto: L. 7 agosto 1990, n. 241 Ai Signori Segretari Regionali Ai Signori Assistenti Alla Segreteria Generale Ai Signori Assistenti Alla Segreteria per il Territorio

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra-

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra- . ROMA CAPITALE BANDO DI GARA D'APPALTO SEZIONE I) AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale - Dipartimento Risorse Economiche - Direzione per la

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export La documentazione contabile delle operazioni di import/export Importazioni - Esportazioni Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export Importazioni GRUPPO DI LAVORO OPERAZIONI DOGANALI

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli